PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI"

Transcript

1 MAURIZIO BETTINI PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI Per sviluppare il tema che mi è stato assegnato dal comitato scientifico di questo convegno, ho scelto una via che a prima vista potrà sembrare indiretta. Parlerò infatti di un dio, Vertumno, e quindi di una celebre elegia di Properzio, la seconda del quarto libro. Ma che cosa c entrano i mores pubblici con il dio trasformista? A mio giudizio c entrano, e molto, perché questa divinità ha tutta l aria di rappresentarli sia pure in un modo decisamente originale, e che certo non sarebbe piaciuto a Catone censore. Parlare dei mores in connessione con Vertumno, ci permetterà inoltre di svolgere qualche osservazione su un tema più generale, ma comunque di grande rilevanza per gli studi sul mondo antico, che è quello della comparazione. Ma vediamo di che si tratta. Vertumno è un dio bizzarro. Heavenly Harlequin, Arlecchino celeste, lo definiva James George Frazer 1. Né ci pare un caso che questo singolare dio abbia fornito il soggetto per uno dei dipinti più celebri di Arcimboldo, a sua volta uno dei più bizzarri fra i pittori italiani del XVI secolo. Ma chi è propriamente Vertumno? In una sede così properziana, basteranno certo poche notizie. Si tratta di una divinità metamorfica, la cui statua si ergeva nel Vicus Tuscus e, a quanto pare, era essa stessa dotata di capacità metamorfiche. Di Vertumno ci parlano soprattutto Properzio, come ben sappiamo, e Ovidio, i quali concordemente ce lo descrivono come capace di qualsiasi trasformazione: la mia natura si adatta a qualunque sembiante (figuris) dice la statua parlante di Properzio mutami (verte) come vuoi, farò bella figura (decorus ero). Mentre in Ovidio il dio, stavolta interprete di un racconto mitologico che lo vede innamorato della bella Pomona, viene descritto così: può assumere qualsiasi aspetto (formas), e ciò che tu gli chiederai di diventare, 1 Frazer 1929, 258.

2 100 MAURIZIO BETTINI qualsiasi cosa sia, lo diventerà 2. Per conoscere i poteri metamorfici di Vertumno, comunque, la cosa migliore è leggere la descrizione che ce ne dà Properzio 3 : La mia natura si adatta a qualunque sembiante (figuris): mutami (verte) come vuoi, farò bella figura (decorus ero). Mettimi vesti di Cos, sarò una fanciulla che si lascia amare; e se indosso la toga, chi potrà negare che io sia un uomo (vir)? Dammi una falce e cingimi la fronte di fieno intrecciato: giurerai che la biada è stata tagliata per mano nostra. Un tempo indossai le armi, e ricordo che venivo ammirato anche in questo arnese ma con addosso un corbello pesante ero mietitore. Sono sobrio se attendo a liti giudiziarie, ma se ho sul capo una corona griderai che il vino mi ha dato alla testa. Mettimi in testa una mitra, ruberò le sembianze a Bacco ruberò perfino quelle di Febo, se mi darai in mano un plettro. Quando ho in spalla le reti (cassibus impositis), sono un cacciatore, ma se prendo la pania, nel catturare i pennuti sono un dio come Fauno. Vertumno può assumere anche l apparenza di un auriga (est etiam aurigae species Vertumno), o quello di un acrobata che libra il suo peso leggero da un cavallo all altro. Datemi una canna e farò strage di pesci, ma subito dopo incederò (ibo) con la tunica discinta, alla maniera di un bel mercante. Posso anche curvarmi sul bastone del pastore, oppure, sempre io, portare canestri di rose fra mezzo alla polvere. E che motivo avrei di aggiungere ciò per cui ho fama maggiore, ossia i doni degli orti apprezzati dalle mie mani? Mi contrassegna (me notat) il verde cetriolo e la zucca dal ventre rigonfio, e il cavolo legato con giunco sottile. Né fiore sboccia nei prati senza che, prima, languisca con eleganza sulla mia fronte. Ecco dunque Vertumno assumere a suo piacimento l aspetto di chiunque perfino quello di un altro dio, come Bacco o Apollo, ovvero di una vecchia donna e subito dopo di un giovane uomo, come nel racconto di Ovidio. Da buona divinità romana, in cui nomen, numen o officium si corrispondono 4, Vertumno reca inscritta la metamorfosi nel suo stesso nome: il verbo vertere, al quale i Romani riconnettevano il nome Vertumno, significa infatti mutare trasformare. In aggiunta alla pro- 2 Properzio, Elegiae, 4; Ovidio, Metamorphoses, 14, 685 sg. Ampia discussione in Boldrer Properzio, Elegiae, 4, 2, 21. Per l interpretazione dei vv. 35 sg. cfr. la nota di Boldrer 1999, ad locum. La traduzione che abbiamo dato differisce in qualche punto da quella della Boldrer che tende a non accettare le emendazioni proposte per il testo (in più punti incerto). 4 Servio, ad Vergilii Georgica, 1, 21: nomina numinibus ex officiis constat imposita, le potenze divine (numina) ricevono i loro nomi (nomina) a partire dai propri compiti (officia).

3 PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI 101 vincia della metamorfosi personale, sembra poi che a Vertumno, conformemente al nome che porta, fossero attribuite anche ulteriori relazioni con la sfera del vertere, del mutare: sovraintendeva infatti ai frutti e gli orti (che mutano colore e sapore maturando), all innesto (che trasforma la natura originaria di una pianta), al mutare delle stagioni, allo scambio commerciale e agli affari (in cui merce e danaro si mutano l una nell altro), al mutare degli eventi e, almeno una volta, alla mutazione subita dal corso del Tevere. Non abbiamo tempo di discutere questi ulteriori segmenti in cui si articola l officium metamorfico del dio. Limitiamoci a sottolineare che, anche alla base di queste provincie collaterali, sta comunque il processo della mutazione e della trasformazione. Vertumno resta sempre un dio del vertere. A questo punto però, come anticipavamo, sorge una domanda di tipo comparativo: la religione greca possiede qualcosa di simile? Inutile dire che tutte le divinità antiche hanno capacità metamorfica o meglio che, non disponendo di una propria identità personale, possono assumere quella che più desiderano. A parte ciò, però, parlando di uno specialista della metamorfosi come Vertumno è difficile non pensare subito, sul versante greco, all altro grande specialista di quest arte: Proteo, il gran vecchio del mare che, come racconta Omero, aveva il potere di mutarsi in tutto ciò che si muove sulla terra, e acqua, e fuoco che fiammeggia meraviglioso. Tant è vero che, una volta afferrato da Menelao e dai suoi compagni, i quali volevano conoscere da lui la via del ritorno, per prima cosa si fece leone dalla folta criniera, poi serpente, pantera ed enorme cinghiale; diventò liquida acqua, albero dall alta chioma 5. Se le analogie fra Proteo e Vertumno divinità entrambe caratterizzate da un eccezionale capacità metamorfica sono evidenti, altrettanto evidenti sono però le differenze che le separano. In primo luogo Proteo è una divinità dotata di poteri profetici, che si serve delle proprie capacità 5 Omero, Odyssea, 4, 41 sgg., 456 sg. Quando l Aristeo di Virgilio dovrà compiere la medesima impresa, per interrogare Proteo a proposito della morte delle sue api, si troverà ad affrontare un dio che possiede l arte di mutarsi nei modi più mirabili: fuoco, orribile belva e fiume che scorre via : Virgilio, Georgica, 4, 405 sgg., 441 sg. Luciano, De saltatione, 19, interpretava evemeristicamente il mito di Proteo come originato da un pantomimo, capace di assumere la forma di qualsiasi cosa e di trasformarsi, di imitare la fluidità dell acqua e la veemenza del fuoco... Lo stesso discorso vale per il Periclymenus di Ovidio, Metamorphoses 12, 556 sgg., a cui il padre Nettuno aveva donato la capacità di assumere omnes formae particolarmente animali: leone formica serpente, sciame di api, aquila e usando queste arti metamorfiche si scontra con Eracle.

4 102 MAURIZIO BETTINI metamorfiche per sfuggire alle pretese degli interroganti; al contrario Vertumno non si occupa di profezia e le sue metamorfosi non sono di carattere difensivo. In secondo luogo Proteo è una divinità marina, un pastore di foche che divide la sua vita fra gli abissi e le grotte della costa di Pharos; al contrario di Proteo però e di altre divinità greche al tempo stesso acquatiche e metamorfiche come Métis e Thétis Vertumno non ha nulla a che fare con le acque. È vero che una volta ha deviato il corso del Tevere, ma lo ha fatto, per citare John Scheid Jesper Svenbro, comme le principe divin de l action de Tiberinus, incapable de se détourner par lui-même 6. Infine, le metamorfosi di una divinità come Proteo sembrano avere qualcosa di curiosamente programmato, se così possiamo dire. Sono organizzate secondo un ordine preciso leone, serpente, pantera, cinghiale... esaurito il quale la divinità torna ad essere se stessa. Al contrario, le metamorfosi di cui è capace Vertumno sembrano procedere sia in modo disordinato sia, soprattutto, in modo aperto: il dio dà l impressione di potersi trasformare ad infinitum. Proteo e Vertumno, divinità certamente comparabili per il loro comune riferimento al mondo della metamorfosi, sono dunque separate da almeno tre macroscopiche differenze talmente visibili da rischiare però di metterne in ombra una quarta: molto più interessante, almeno dal mio punto di vista. Contrastando i due modi di far metamorfosi, quello di Proteo e quello di Vertumno, possiamo infatti accorgerci che il primo ricopre la sfera della natura, il secondo quella della società. Il dio romano non si muta in leone, albero o fuoco, le sembianze che assume rientrano tutte non solo all interno della dimensione umana ma, meglio ancora, all interno del cerchio che racchiude la civitas. Rivediamo rapidamente le varie formae che Vertumno ha la capacità di assumere: fanciulla dalle vesti di Cos, cittadino togato, mietitore, bovaro, potatore, soldato, pescatore, cacciatore, auriga, cavallerizzo acrobatico, Bacco, Apollo, vecchia, giovane uomo e così di seguito ad infinitum. Il vertere di Vertumno si realizza attraversando una pluralità di ruoli interni alla comunità, egli è decisamente un funambolo delle identità civiche. Guidati dal dio romano della metamorfosi, dunque, siamo penetrati nel territorio che più ci riguarda: quello della società, e dunque dei mores. Ma proseguiamo. Che per Vertumno il raggio della metamorfosi non superi quello costituito dalle identità umane e sociali, è dimostrato anche da un interessante testimonianza di Orazio. In alcuni versi delle Satire, Davo 6 Scheid-Svenbro 2004, 176 sgg.

5 PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI 103 descrive il carattere di Prisco, un personaggio che visse da incostante (vixit inaequalis). Vediamo in che forma e per quale motivo 7 : A volte lo si vedeva contrassegnato (notatus) al dito da tre anelli, altre con la sinistra nuda. Visse da incostante. Da un ora all altra mutava la banda (clavus) della tunica, lasciava un grande palazzo (aedibus ex magnis) per andarsi a nascondere in posti da cui un liberto appena decente sarebbe uscito disonorato. Oggi donnaiolo (moechus) a Roma, domani filosofo (doctus) ad Atene. Era nato con i Vertumni sfavorevoli, tutti quanti sono (Vertumnis quotquot sunt natus iniquis). Davo ci parla qui non di Vertumno personaggio mitologico, alla maniera di Ovidio, o della sua statua, alla maniera di Properzio. In gioco adesso c è esplicitamente la vis numenque del dio, la sua capacità di influire sulla vita degli uomini. Dunque ci viene detto che, se al momento della nascita i Vertumni si presentano sfavorevoli, il carattere del nuovo nato ne risentirà e sarà dominato dalla inaequalitas: l incostanza 8. La caratteristica plurale inaspettatamente assunta da Vertumno si parla di Vertumni... iniqui, non di un Vertumno iniquus potrebbe forse creare qualche sconcerto. In realtà ci troviamo di fronte a un fenomeno piuttosto normale all interno della religione romana, in cui molte divinità possono presentarsi indifferentemente in forma singolare o plurale: al Lar fanno infatti riscontro i Lares, a Semo i Semones, a Silvanus i Silvani, a Faunus i Fauni, a Carmentis (o Carmenta) le Carmentes, alla Camena le Camenae, a Ceres le Cereres, a Venus le Veneres, a Iuno le Iunones, e così via. Dunque non ci soffermeremo su questo tema. In ogni caso, è un altro l aspetto che ci preme sottolineare. Non c è dubbio infatti che il carattere vertumnico di Prisco si esplichi specificamente sul piano della sua identità sociale, decisamente mutevole. Nascere con tutti i Vertumni sfavorevoli, vuol dire essere condannati a mutarsi, a trasformarsi, ad essere continuamente qualcun altro all interno della civitas: in una parola, ad essere privi di un identità sociale stabile. Nella fattispecie, sembra anzi che Prisco fosse spinto ad assumere ruoli decisamente contrastanti fra loro, addirittura polari. Cominciamo dagli anelli. 7 Orazio, Saturae, 2, 7, 14; cfr. Fedeli L espressione Vertumnis... natus iniquis sembra corrispondere a quella, di carattere proverbiale, dis nasci iratis, adversis, inimicis, bonis etc. (cfr. Otto 1962, 110, 9: Kiessling- Heinze 1921, ad locum, 321; Fedeli 1994, ad locum, 593); cfr. lo stesso Orazio, Carmina, 4, 5, 1 divis orte bonis, optume Romule (Fraenkel 1993, 598 sgg.).

6 104 MAURIZIO BETTINI A Roma l uso di questo ornamento era oggetto di una complessa codificazione simbolica. Il metallo di cui gli anelli erano composti, il loro numero, il loro disegno erano espressione tanto di ricchezza, quanto di rango o posizione sociale. L uso romano tradizionale era, sembra, il seguente: i comuni cittadini portavano un semplice anello di ferro, mentre a senatori e cavalieri ne era concesso uno d oro. Plinio però ci dice che, al tempo suo, i Romani ricchi tendevano ormai a caricarsi le dita di pingui fortune, e sono molte le voci che ci parlano di uomini le cui dita rigurgitano di anelli. Marziale, chiedendosi come mai Carino non si toglie mai neppure di notte, neppure al bagno i sei anelli che porta a ciascun dito, risponderà così: semplice, perché non possiede una dactyliotheca 9. Per altro verso Ateio Capitone, esperto di diritto pontificale, sosteneva che gli schiavi non avevano diritto (ius) di portare anelli, cosa che spiega forse perché Plinio trovasse così disdicevole il fatto che ormai anche gli schiavi adornano d oro i loro anelli di ferro 10. Con questo suo oscillare nell uso degli anelli, dunque, Prisco lanciava ambigui segnali di appartenenza sociale a volte ricco signore, a volte addirittura servo, o giù di lì. La stessa cosa accade con un altra tipica marca di status, la casa. Prisco, lasciando un grande palazzo per cacciarsi in una dimora indegna perfino di un umile liberto, altera bruscamente la propria collocazione all interno della civitas; ancora più esplicitamente, cambiando la banda (clavus) che orna la tunica, egli oscilla fra il rango senatorio (latus clavus) e quello equestre (angustus clavus): e lo fa addirittura da un ora all altra 11! Come se non bastasse, Prisco 9 Plinio, Naturalis historia, 33, 22 (tutti i paragrafi sono interamente dedicati all uso e ai valori simbolici connessi agli anelli, e sono ricchissimi di informazioni al riguardo); Marziale, Epigrammaton, 11, 59: cfr. anche 37; Ovidio, Ars amatoria, 3, 445 sg.; Seneca, Naturales quaestiones, 7, 31, 2; Quintiliano, Institutio oratoria, 11, 3, 142; Isidoro, Etymologiae, 19, 22; etc. 10 Quanto all uso di indossare l anello, o gli anelli, alla mano sinistra e non alla destra, secondo Macrobio, Saturnalia, 7, 12, 11 sgg., si tratterebbe di un evoluzione del costume ugualmente dovuta agli eccessi del lusso: i frequenti movimenti (creber motus) della destra, infatti, avrebbero infatti rischiato di rovinare le pietre preziose che ornavano gli anuli, mentre il carattere più ozioso (otiosior) della sinistra li avrebbe salvaguardati. Si tratta di un abitudine connotata probabilmente anche da effeminatezza: Mevio, che indossa anelli alla sinistra, viene accusato da Sempronio Gracco di essersi ornatus ut mulier (C. Sempronius Gracchus, In Maevium, fr. 20 Malcovati: Malcovati 1967, 195); cfr. Plinio, Naturalis historia, 33, Per l interpretazione di questo continuo mutar banda cfr. la nota di Kiessling - Heinze 1921, ad locum.

7 PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI 105 poteva perfino alternare il ruolo di libertino nella capitale del piacere, Roma, con quello, decisamente opposto, di intellettuale nella capitale della cultura, Atene. Allo stesso modo del dio che gli ha voluto male alla nascita, dunque, anche Prisco possiede la capacità di assumere le identità sociali più disparate. In questa singolare inclinazione del personaggio oraziano, possiamo immediatamente cogliere la cifra del vertere di Vertumno. In un certo senso, Prisco rassomiglia a un simulacro vivente di Vertumno. Torniamo per un momento al tema della comparazione, e vediamo un ulteriore differenza che intercorre fra le metamorfosi di Proteo e quelle di Vertumno. Quando il vecchio del mare si trasforma, nessuno si preoccupa di dirci come o per mezzo di che cosa : il vecchio del mare diventa direttamente acqua, fuoco, albero, leone, cinghiale e così via, semplicemente egli assume queste forme. Al contrario, per passare da un identità all altra, da un ruolo sociale all altro, Vertumno sembra aver bisogno di ricevere uno specifico attributo: che potrà essere costituito, di volta in volta, da una veste leggera (fanciulla), da una toga (cittadino), da una falce (mietitore), dalle armi (soldato), dalla mitra (Bacco) e così via. Le metamorfosi di Vertumno sembrano insomma essere legate alla presenza di una marca specifica, capace di contrassegnare ciascuno dei ruoli che vengono assunti. Scheid e Svenbro parlano giustamente, a questo proposito, di transformation par métonymie, nel senso che le metamorfosi di Vertumno si realizzano attraverso l attribuzione alla statua del dio, ovvero al suo personaggio mitologico nel racconto ovidiano, di qualcosa che ha un rapport existentiel con i vari personaggi dei quali viene assunta l identità. Noi però preferiremmo parlare, a questo proposito, di un processo metamorfico a carattere semiotico, e per questo motivo. Al momento in cui il Vertumno di Properzio designa se stesso nel ruolo di ortolano, si esprime in questo modo: mi contrassegna (me notat) il verde cetriolo e la zucca dal ventre rigonfio, e il cavolo legato con giunco sottile. Ora notare è un verbo assai specifico, un derivato da nota segno : parola che nella terminologia semiotica dei Romani indica un tipo particolare di segno, quello non ambiguo, facilmente interpretabile perché convenuto o comunque ben codificato. Se sottolineo l aspetto specificamente semiotico delle metamorfosi di Vertumno di volta in volta il dio è notatus dalla presenza di un certo attributo è soprattutto perché anche Prisco, l incostante e vertumnico personaggio di Orazio, per manifestare le proprie metamorfosi sociali fa ricorso allo stesso procedimento. Come dice Orazio, a volte lo si vedeva contrassegnato (notatus) al dito da tre anelli, altre con la sinistra nuda. Anche Prisco

8 106 MAURIZIO BETTINI dunque muta identità sociale attraverso un meccanismo di notae. A questo proposito vale anzi la pena di aggiungere che per indicare il clavus della tunica quello che Prisco mutava da un ora all altra, passando così dal rango di senatore a quello di cavaliere e viceversa i Greci si servivano proprio del termine seméion segno. Anche il clavus, come l anello, costituisce dunque esplicitamente un segno che indica identità, rango, appartenenza e così via. Lo stesso discorso vale ovviamente anche per tutti gli altri ornatus attraverso i quali Vertumno muta la propria identità. Se la toga è notoriamente segno di appartenenza alla città di Roma, la mitra di Bacco o il plettro di Apollo fanno parte di quegli attributi divini che i Romani, non a caso, definivano insignia (termine derivato da signum) della divinità: ossia quelle marche che, come le stelle auree per Castore e Polluce o la corona murale per la Magna Mater, permettevano di identificare un immagine divina. Perché insistiamo tanto su queste notae, insignia o come altro vogliamo chiamarle, che caratterizzano il processo metamorfico di Vertumno, mentre sono del tutto assenti nelle trasformazioni di Proteo? Perché la maggior parte di questi segni sono tratti da un campo particolare, l abbigliamento. Ora, per i Romani l abbigliamento rientra esplicitamente nella sfera che ci interessa: quella dei mores, i costumi condivisi da un gruppo o da una comunità. Pochi esempi basteranno. Il fatto che le donne, nella famiglia dei Quinti, non usassero portare oro, è definito mos da Plinio, così come nella famiglia dei Serrani era costume gentilizio (gentilicium erat) che le donne non portassero vesti di lino. Allo stesso modo viene definito mos il fatto che i Cethegi non indossassero mai la tunica, così come, secondo Cicerone, gli attori di teatro hanno tanto rispetto per il pudore che, secondo una loro antica usanza (mos), nessuno di essi andrebbe in scena senza indossare la fascia che copre l inguine. Forse però l esempio migliore di questo stretto rapporto che i Romani stabilivano fra l abbigliamento da un lato, i mores dall altro, ce lo fornisce Virgilio. Siamo quasi alla fine del poema, al momento in cui Giove e Giunone negoziano la futura identità del popolo che sorgerà dalla fusione fra Latini e Troiani. Giunone non vuole che questa nuova stirpe rinunzi all identità latina, come oggi diremmo, a vantaggio di quella troiana, per cui detta a Giove una serie di condizioni: in particolare chiede che i discendenti di questi matrimoni misti non mutino né lingua né modo di vestire rispetto ai Latini (uocem... aut... uestem). Di fronte a questa richiesta della sorella, Giove la rassicura in questo modo: essi conserveranno sia la patria lingua sia i costumi dei Latini (sermonem... patrium moresque). Ciò che Giunone definiva vestis, Giove lo sostituisce direttamente con

9 PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI 107 mores: e ciò avviene in un contesto decisamente caldo dal punto di vista culturale, la definizione dell identità collettiva di un popolo. Il fatto è che la vestis è direttamente mos, oggi diremmo che la vestis, in quanto mos, fa identità 12. Questa valenza identitaria dell abbigliamento a Roma, il suo rinviare esplicitamente alla sfera dei mores, rende ancora più evidente la caratterizzazione sociale delle metamorfosi di Vertumno: mutando le notae di abbigliamento che lo identificano, questa divinità muta di volta in volta altrettanti mores di riferimento. Ciò detto, torniamo a contrastare ancora una volta Vertumno sulla silhouette di Proteo. Il tipo di metamorfosi praticato dal vecchio del mare, come abbiamo visto, rimanda essenzialmente al mondo della natura: è come se le sue trasformazioni costituissero una spia della nascosta circolarità che lega fra loro tutti gli esseri che nel mondo si muovono, come dice Omero, anzi una prova della inesistenza di barriere capaci di tener separato ciò che all occhio umano appare irriducibilmente diverso il fuoco dall acqua, il leone dal cinghiale o dal serpente. In altre parole, Proteo ci appare una divinità che sovverte le identità naturali, negando le separazioni fra i generi e le specie in cui la natura si articola. Vertumno al contrario è una divinità che sovverte le identità sociali. Allorché questo dio trasformista entra in scena, vengono meno le opposizioni fra la fanciulla e il cittadino togato, fra il senatore e il cavaliere, fra la vecchia e il giovane, e così di seguito. Le barriere che separano i sessi, le età, i differenti ranghi sociali, i mestieri, le condizioni umane in genere, vengono cancellati tramite un disinvolto e acrobatico passaggio da un mos all altro. Esibendo le proprie metamorfosi Vertumno sembra insomma testimoniare la possibilità che i differenti ruoli sociali, così rigidamente codificati nella cultura e nella società romana, siano in realtà fra loro equivalenti e possano essere tranquillamente sostituiti l uno dall altro. Vertumno sarebbe forse una divinità ironica, che nel mondo degli dei si diverte a realizzare liberamente ciò che in città non sarebbe mai permesso? Oppure questo dio manifesta un bi- 12 Plinio, Naturalis historia 33, 21: in Quintiorum vero familia aurum ne feminas quidem habere mos fuerit; 19, 8: qua admonitione succurrit quod M. Varro tradit, in Serranorum familia gentilicium esse feminas lintea veste non uti. Porfirione, ad Horatii Artem poeticam 50: Non servaverunt eius, qui inter omnes hi Cethegi unum morem servaverunt; cinctuti non exaudita kái tá exés: omnes hi Cethegi... numquam enim tunica usi sunt; Cicerone, De officiis, 1, 129: scaenicorum quidem mos tantam habet vetere disciplina verecundiam, ut in scenam sine subligaculo prodeat nemo. Virgilio, Aeneis, 12, 825 sgg.

10 108 MAURIZIO BETTINI sogno profondo, e altrimenti inespresso, dei Romani? Un desiderio di libertà? La tentazione di trasgredire? Il moralismo di Davo, da buon servo oraziano, condannava l inaequalitas di Prisco. Solo che ci farebbe piacere poter ascoltare anche il parere dell interessato. Chi ci dice infatti che questo incostante non fosse soddisfatto dei propri vagabondaggi identitari?

11 PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI 109 BIBLIOGRAFIA Boldrer 1999 = F. Boldrer, L elegia di Vertumnus (Properzio 4, 2), Amsterdam Hakkert Fedeli 1994 = Q. Orazio Flacco. Le Opere, vol. II, tomo I: Le Satire, testo critico di P. Fedeli, trad. di C. Carena, Roma - Poligrafico dello Stato Frazer 1929 = J. G. Frazer, Publius Ovidius Naso. Fastorum libri sex, Edited with a commentary and a translation by J. G. Frazer, IV, London Macmillan, 1929 = Hildesheim Olms Fraenkel 1993 = E. Fraenkel, Orazio, tr. it. Roma Salerno Editrice Kiessling-Heinze 1921 = Q. Horatius Flaccus erklärt von Adolf Kiessling, II, Satiren, erneuert von R. Heinze, Berlin Weidemann, Malcovati 1967 = E. Malcovati, Oratorum Romanorum Fragmenta liberae reipublicae, I, Torino Paravia Otto 1962 = A. Otto, Die Sprichworter und Sprichwortlichen Redensarten der Romer, Hildesheim Georg Olms, Scheid-Svenbro 2004 = J. Scheid e J. Svenbro, Le mythe de Vertumne, Europe 82, 2004.

12 110 MAURIZIO BETTINI

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Giuliano Scabia GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Nel 67 ho avuto con Barba un lungo incontro a Venezia dove eravamo entrambi presenti alla Biennale. Camminammo

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Il Gatto con gli stivali Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Ogni suo bene aveva disfatto Tranne un mulino, un asino e un gatto Le divisioni furon presto fatte Senza bisticci

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

STUDIO CAMPESE AVVOCATI aderente a LEGALI.IT GUIDA NAZIONALE AVVOCATI ITALIANI

STUDIO CAMPESE AVVOCATI aderente a LEGALI.IT GUIDA NAZIONALE AVVOCATI ITALIANI Articolo pubblicato su La Voce del Foro. Rivista dell Ordine degli Avvocati di Benevento, numero 3/2006, pagine 184-187 (www.ordineavvocati.bn.it) ed in Spigolature della stampa forense. A cura di Guido

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

12. Un cane troppo fedele

12. Un cane troppo fedele 42 La commissaria 12. Un cane troppo fedele Personaggi Sara Corelli & Pippo Caraffa Anita Ruffini - una signora Tino Saffi - un amico di Anita Ruffini Carmine Rossi - un amico di Anita Ruffini Fido - il

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO DIVISI IN TRE PICCOLI GRUPPI I BAMBINI OSSERVANO E COMMENTANO L IMMAGINE A.Ajello -A.S.

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione 3) ANALISI DI UN TESTO BIBLICO Scegli uno tra i due testi biblici qui sotto proposti e completa la tabella 1. Lc 2,1-20 La nascita di Gesù Chi è l evangelista? In quale lingua ha redatto il vangelo? Per

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

1 MODULO STEREOTIPO E PREGIUDIZIO

1 MODULO STEREOTIPO E PREGIUDIZIO 1 MODULO STEREOTIPO E PREGIUDIZIO Tempo di realizzazione delle attività Incontro di un ora Obiettivi Far scoprire ai ragazzi la diversità e l unicità di ogni essere umano Favorire la conoscenza e la maggior

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO Il primo uomo di Barbara Wilmerton Haas Evangelici.net Kids Corner Nel Principio Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO In quattro giorni Dio creò tantissime cose.

Dettagli

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI...

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... Collega ogni nome all aggettivo corretto. NOMI spettacolo leone lana musica arrosto gioiello cavaliere minestra sostanza fiore ragno scolaro bambina torta AGGETTIVI bollente

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A.

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A. Il Figlio dell uomo Possiamo affermare legittimamente, realmente, che ogni uomo è signore della terra? Possiamo affermarlo pienamente di qualcuno? Dov è l uomo nel suo candore di bambino, nel suo stupore

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

2. SECONDO IL DISEGNO D AMORE DI DIO

2. SECONDO IL DISEGNO D AMORE DI DIO SCHEDA 3 (per operatori) Nota introduttiva 2. SECONDO IL DISEGNO D AMORE DI DIO Le schede 3....Secondo il disegno d amore di Dio..., e 4....Rivelato in Gesù Cristo..., sono direttamente collegate una all

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Sei in campagna, seduto su un bel prato e guardi il cielo, che cosa vedi?.le STELLE!! Guarda bene: non ti sembra che il cielo assomigli ad

Dettagli

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad affascinare tutti, soprattutto noi ragazzi. Il cielo è stato pressoché dimenticato per

Dettagli

Pregate il Padrone della messe

Pregate il Padrone della messe PASTORALE VOCAZIONALE Pregate il Padrone della messe Dalla Trinità all Eucaristia: chiamati alla comunione Suor Carmela Pedrini L icona della Trinità di Andrei Rublev (1360-1430) si ispira all apparizione

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Per una lettura piacevole abbiamo imparato che

Per una lettura piacevole abbiamo imparato che Per una lettura piacevole abbiamo imparato che Condivisione di alcune riflessioni nate leggendo gli IN-book, insieme Il verbo leggere non sopporta l imperativo, avversione che condivide con alcuni altri

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo S.p.E.S. Servizi per l educazione e la scuola - Onlus Sede legale: Corso Fanti, 89-41012 CARPI (Mo) Recapito postale: Corso Fanti, 44-41012 Carpi (Mo) Codice Fiscale: 90020120367 Tel/Fax 059.686889 Percorso

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo!

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo! Lo scorso aprile la nostra scuola ha ospitato Maria Luisa Mesiano, un egittologa che ha partecipato agli scavi. Ci ha parlato di questa sua esperienza in Egitto e dei ritrovamenti effettuati. L egittologa

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce!

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce! I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce *** Una delle controversie più forti di questi tempi sul sesso, forse anche di tutti i tempi, riguarda la ricerca di relazioni sessuali al di fuori del matrimonio.

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015

DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015 LEZIONE 6 DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015 SABATO 7 NOVEMBRE 2015 «Ho parlato ai profeti, ho moltiplicato le visioni, e per mezzo dei profeti ho proposto parabole.» (Osea 12:11)

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

E IL PIU PICCOLO DI TUTTI I SEMI, MA DIVENTA PIU GRANDE DI TUTTE LE PIANTE

E IL PIU PICCOLO DI TUTTI I SEMI, MA DIVENTA PIU GRANDE DI TUTTE LE PIANTE XI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 17 giugno 2012 E IL PIU PICCOLO DI TUTTI I SEMI, MA DIVENTA PIU GRANDE DI TUTTE LE PIANTE DELL ORTO Commento al Vangelo di P. Ricardo Perez Marquez (durante la degenza di

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo e curarlo fino alla sua completa scomparsa. Prima di parlare del panico vorrei dire due parole sulla

Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo e curarlo fino alla sua completa scomparsa. Prima di parlare del panico vorrei dire due parole sulla La Paura questa ben nota sconosciuta ovvero l attacco di panico. Un segnale spaventoso e terrificante Ma, a ben vedere, altrettanto vitale e tonificante!! Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli