PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI"

Transcript

1 MAURIZIO BETTINI PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI Per sviluppare il tema che mi è stato assegnato dal comitato scientifico di questo convegno, ho scelto una via che a prima vista potrà sembrare indiretta. Parlerò infatti di un dio, Vertumno, e quindi di una celebre elegia di Properzio, la seconda del quarto libro. Ma che cosa c entrano i mores pubblici con il dio trasformista? A mio giudizio c entrano, e molto, perché questa divinità ha tutta l aria di rappresentarli sia pure in un modo decisamente originale, e che certo non sarebbe piaciuto a Catone censore. Parlare dei mores in connessione con Vertumno, ci permetterà inoltre di svolgere qualche osservazione su un tema più generale, ma comunque di grande rilevanza per gli studi sul mondo antico, che è quello della comparazione. Ma vediamo di che si tratta. Vertumno è un dio bizzarro. Heavenly Harlequin, Arlecchino celeste, lo definiva James George Frazer 1. Né ci pare un caso che questo singolare dio abbia fornito il soggetto per uno dei dipinti più celebri di Arcimboldo, a sua volta uno dei più bizzarri fra i pittori italiani del XVI secolo. Ma chi è propriamente Vertumno? In una sede così properziana, basteranno certo poche notizie. Si tratta di una divinità metamorfica, la cui statua si ergeva nel Vicus Tuscus e, a quanto pare, era essa stessa dotata di capacità metamorfiche. Di Vertumno ci parlano soprattutto Properzio, come ben sappiamo, e Ovidio, i quali concordemente ce lo descrivono come capace di qualsiasi trasformazione: la mia natura si adatta a qualunque sembiante (figuris) dice la statua parlante di Properzio mutami (verte) come vuoi, farò bella figura (decorus ero). Mentre in Ovidio il dio, stavolta interprete di un racconto mitologico che lo vede innamorato della bella Pomona, viene descritto così: può assumere qualsiasi aspetto (formas), e ciò che tu gli chiederai di diventare, 1 Frazer 1929, 258.

2 100 MAURIZIO BETTINI qualsiasi cosa sia, lo diventerà 2. Per conoscere i poteri metamorfici di Vertumno, comunque, la cosa migliore è leggere la descrizione che ce ne dà Properzio 3 : La mia natura si adatta a qualunque sembiante (figuris): mutami (verte) come vuoi, farò bella figura (decorus ero). Mettimi vesti di Cos, sarò una fanciulla che si lascia amare; e se indosso la toga, chi potrà negare che io sia un uomo (vir)? Dammi una falce e cingimi la fronte di fieno intrecciato: giurerai che la biada è stata tagliata per mano nostra. Un tempo indossai le armi, e ricordo che venivo ammirato anche in questo arnese ma con addosso un corbello pesante ero mietitore. Sono sobrio se attendo a liti giudiziarie, ma se ho sul capo una corona griderai che il vino mi ha dato alla testa. Mettimi in testa una mitra, ruberò le sembianze a Bacco ruberò perfino quelle di Febo, se mi darai in mano un plettro. Quando ho in spalla le reti (cassibus impositis), sono un cacciatore, ma se prendo la pania, nel catturare i pennuti sono un dio come Fauno. Vertumno può assumere anche l apparenza di un auriga (est etiam aurigae species Vertumno), o quello di un acrobata che libra il suo peso leggero da un cavallo all altro. Datemi una canna e farò strage di pesci, ma subito dopo incederò (ibo) con la tunica discinta, alla maniera di un bel mercante. Posso anche curvarmi sul bastone del pastore, oppure, sempre io, portare canestri di rose fra mezzo alla polvere. E che motivo avrei di aggiungere ciò per cui ho fama maggiore, ossia i doni degli orti apprezzati dalle mie mani? Mi contrassegna (me notat) il verde cetriolo e la zucca dal ventre rigonfio, e il cavolo legato con giunco sottile. Né fiore sboccia nei prati senza che, prima, languisca con eleganza sulla mia fronte. Ecco dunque Vertumno assumere a suo piacimento l aspetto di chiunque perfino quello di un altro dio, come Bacco o Apollo, ovvero di una vecchia donna e subito dopo di un giovane uomo, come nel racconto di Ovidio. Da buona divinità romana, in cui nomen, numen o officium si corrispondono 4, Vertumno reca inscritta la metamorfosi nel suo stesso nome: il verbo vertere, al quale i Romani riconnettevano il nome Vertumno, significa infatti mutare trasformare. In aggiunta alla pro- 2 Properzio, Elegiae, 4; Ovidio, Metamorphoses, 14, 685 sg. Ampia discussione in Boldrer Properzio, Elegiae, 4, 2, 21. Per l interpretazione dei vv. 35 sg. cfr. la nota di Boldrer 1999, ad locum. La traduzione che abbiamo dato differisce in qualche punto da quella della Boldrer che tende a non accettare le emendazioni proposte per il testo (in più punti incerto). 4 Servio, ad Vergilii Georgica, 1, 21: nomina numinibus ex officiis constat imposita, le potenze divine (numina) ricevono i loro nomi (nomina) a partire dai propri compiti (officia).

3 PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI 101 vincia della metamorfosi personale, sembra poi che a Vertumno, conformemente al nome che porta, fossero attribuite anche ulteriori relazioni con la sfera del vertere, del mutare: sovraintendeva infatti ai frutti e gli orti (che mutano colore e sapore maturando), all innesto (che trasforma la natura originaria di una pianta), al mutare delle stagioni, allo scambio commerciale e agli affari (in cui merce e danaro si mutano l una nell altro), al mutare degli eventi e, almeno una volta, alla mutazione subita dal corso del Tevere. Non abbiamo tempo di discutere questi ulteriori segmenti in cui si articola l officium metamorfico del dio. Limitiamoci a sottolineare che, anche alla base di queste provincie collaterali, sta comunque il processo della mutazione e della trasformazione. Vertumno resta sempre un dio del vertere. A questo punto però, come anticipavamo, sorge una domanda di tipo comparativo: la religione greca possiede qualcosa di simile? Inutile dire che tutte le divinità antiche hanno capacità metamorfica o meglio che, non disponendo di una propria identità personale, possono assumere quella che più desiderano. A parte ciò, però, parlando di uno specialista della metamorfosi come Vertumno è difficile non pensare subito, sul versante greco, all altro grande specialista di quest arte: Proteo, il gran vecchio del mare che, come racconta Omero, aveva il potere di mutarsi in tutto ciò che si muove sulla terra, e acqua, e fuoco che fiammeggia meraviglioso. Tant è vero che, una volta afferrato da Menelao e dai suoi compagni, i quali volevano conoscere da lui la via del ritorno, per prima cosa si fece leone dalla folta criniera, poi serpente, pantera ed enorme cinghiale; diventò liquida acqua, albero dall alta chioma 5. Se le analogie fra Proteo e Vertumno divinità entrambe caratterizzate da un eccezionale capacità metamorfica sono evidenti, altrettanto evidenti sono però le differenze che le separano. In primo luogo Proteo è una divinità dotata di poteri profetici, che si serve delle proprie capacità 5 Omero, Odyssea, 4, 41 sgg., 456 sg. Quando l Aristeo di Virgilio dovrà compiere la medesima impresa, per interrogare Proteo a proposito della morte delle sue api, si troverà ad affrontare un dio che possiede l arte di mutarsi nei modi più mirabili: fuoco, orribile belva e fiume che scorre via : Virgilio, Georgica, 4, 405 sgg., 441 sg. Luciano, De saltatione, 19, interpretava evemeristicamente il mito di Proteo come originato da un pantomimo, capace di assumere la forma di qualsiasi cosa e di trasformarsi, di imitare la fluidità dell acqua e la veemenza del fuoco... Lo stesso discorso vale per il Periclymenus di Ovidio, Metamorphoses 12, 556 sgg., a cui il padre Nettuno aveva donato la capacità di assumere omnes formae particolarmente animali: leone formica serpente, sciame di api, aquila e usando queste arti metamorfiche si scontra con Eracle.

4 102 MAURIZIO BETTINI metamorfiche per sfuggire alle pretese degli interroganti; al contrario Vertumno non si occupa di profezia e le sue metamorfosi non sono di carattere difensivo. In secondo luogo Proteo è una divinità marina, un pastore di foche che divide la sua vita fra gli abissi e le grotte della costa di Pharos; al contrario di Proteo però e di altre divinità greche al tempo stesso acquatiche e metamorfiche come Métis e Thétis Vertumno non ha nulla a che fare con le acque. È vero che una volta ha deviato il corso del Tevere, ma lo ha fatto, per citare John Scheid Jesper Svenbro, comme le principe divin de l action de Tiberinus, incapable de se détourner par lui-même 6. Infine, le metamorfosi di una divinità come Proteo sembrano avere qualcosa di curiosamente programmato, se così possiamo dire. Sono organizzate secondo un ordine preciso leone, serpente, pantera, cinghiale... esaurito il quale la divinità torna ad essere se stessa. Al contrario, le metamorfosi di cui è capace Vertumno sembrano procedere sia in modo disordinato sia, soprattutto, in modo aperto: il dio dà l impressione di potersi trasformare ad infinitum. Proteo e Vertumno, divinità certamente comparabili per il loro comune riferimento al mondo della metamorfosi, sono dunque separate da almeno tre macroscopiche differenze talmente visibili da rischiare però di metterne in ombra una quarta: molto più interessante, almeno dal mio punto di vista. Contrastando i due modi di far metamorfosi, quello di Proteo e quello di Vertumno, possiamo infatti accorgerci che il primo ricopre la sfera della natura, il secondo quella della società. Il dio romano non si muta in leone, albero o fuoco, le sembianze che assume rientrano tutte non solo all interno della dimensione umana ma, meglio ancora, all interno del cerchio che racchiude la civitas. Rivediamo rapidamente le varie formae che Vertumno ha la capacità di assumere: fanciulla dalle vesti di Cos, cittadino togato, mietitore, bovaro, potatore, soldato, pescatore, cacciatore, auriga, cavallerizzo acrobatico, Bacco, Apollo, vecchia, giovane uomo e così di seguito ad infinitum. Il vertere di Vertumno si realizza attraversando una pluralità di ruoli interni alla comunità, egli è decisamente un funambolo delle identità civiche. Guidati dal dio romano della metamorfosi, dunque, siamo penetrati nel territorio che più ci riguarda: quello della società, e dunque dei mores. Ma proseguiamo. Che per Vertumno il raggio della metamorfosi non superi quello costituito dalle identità umane e sociali, è dimostrato anche da un interessante testimonianza di Orazio. In alcuni versi delle Satire, Davo 6 Scheid-Svenbro 2004, 176 sgg.

5 PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI 103 descrive il carattere di Prisco, un personaggio che visse da incostante (vixit inaequalis). Vediamo in che forma e per quale motivo 7 : A volte lo si vedeva contrassegnato (notatus) al dito da tre anelli, altre con la sinistra nuda. Visse da incostante. Da un ora all altra mutava la banda (clavus) della tunica, lasciava un grande palazzo (aedibus ex magnis) per andarsi a nascondere in posti da cui un liberto appena decente sarebbe uscito disonorato. Oggi donnaiolo (moechus) a Roma, domani filosofo (doctus) ad Atene. Era nato con i Vertumni sfavorevoli, tutti quanti sono (Vertumnis quotquot sunt natus iniquis). Davo ci parla qui non di Vertumno personaggio mitologico, alla maniera di Ovidio, o della sua statua, alla maniera di Properzio. In gioco adesso c è esplicitamente la vis numenque del dio, la sua capacità di influire sulla vita degli uomini. Dunque ci viene detto che, se al momento della nascita i Vertumni si presentano sfavorevoli, il carattere del nuovo nato ne risentirà e sarà dominato dalla inaequalitas: l incostanza 8. La caratteristica plurale inaspettatamente assunta da Vertumno si parla di Vertumni... iniqui, non di un Vertumno iniquus potrebbe forse creare qualche sconcerto. In realtà ci troviamo di fronte a un fenomeno piuttosto normale all interno della religione romana, in cui molte divinità possono presentarsi indifferentemente in forma singolare o plurale: al Lar fanno infatti riscontro i Lares, a Semo i Semones, a Silvanus i Silvani, a Faunus i Fauni, a Carmentis (o Carmenta) le Carmentes, alla Camena le Camenae, a Ceres le Cereres, a Venus le Veneres, a Iuno le Iunones, e così via. Dunque non ci soffermeremo su questo tema. In ogni caso, è un altro l aspetto che ci preme sottolineare. Non c è dubbio infatti che il carattere vertumnico di Prisco si esplichi specificamente sul piano della sua identità sociale, decisamente mutevole. Nascere con tutti i Vertumni sfavorevoli, vuol dire essere condannati a mutarsi, a trasformarsi, ad essere continuamente qualcun altro all interno della civitas: in una parola, ad essere privi di un identità sociale stabile. Nella fattispecie, sembra anzi che Prisco fosse spinto ad assumere ruoli decisamente contrastanti fra loro, addirittura polari. Cominciamo dagli anelli. 7 Orazio, Saturae, 2, 7, 14; cfr. Fedeli L espressione Vertumnis... natus iniquis sembra corrispondere a quella, di carattere proverbiale, dis nasci iratis, adversis, inimicis, bonis etc. (cfr. Otto 1962, 110, 9: Kiessling- Heinze 1921, ad locum, 321; Fedeli 1994, ad locum, 593); cfr. lo stesso Orazio, Carmina, 4, 5, 1 divis orte bonis, optume Romule (Fraenkel 1993, 598 sgg.).

6 104 MAURIZIO BETTINI A Roma l uso di questo ornamento era oggetto di una complessa codificazione simbolica. Il metallo di cui gli anelli erano composti, il loro numero, il loro disegno erano espressione tanto di ricchezza, quanto di rango o posizione sociale. L uso romano tradizionale era, sembra, il seguente: i comuni cittadini portavano un semplice anello di ferro, mentre a senatori e cavalieri ne era concesso uno d oro. Plinio però ci dice che, al tempo suo, i Romani ricchi tendevano ormai a caricarsi le dita di pingui fortune, e sono molte le voci che ci parlano di uomini le cui dita rigurgitano di anelli. Marziale, chiedendosi come mai Carino non si toglie mai neppure di notte, neppure al bagno i sei anelli che porta a ciascun dito, risponderà così: semplice, perché non possiede una dactyliotheca 9. Per altro verso Ateio Capitone, esperto di diritto pontificale, sosteneva che gli schiavi non avevano diritto (ius) di portare anelli, cosa che spiega forse perché Plinio trovasse così disdicevole il fatto che ormai anche gli schiavi adornano d oro i loro anelli di ferro 10. Con questo suo oscillare nell uso degli anelli, dunque, Prisco lanciava ambigui segnali di appartenenza sociale a volte ricco signore, a volte addirittura servo, o giù di lì. La stessa cosa accade con un altra tipica marca di status, la casa. Prisco, lasciando un grande palazzo per cacciarsi in una dimora indegna perfino di un umile liberto, altera bruscamente la propria collocazione all interno della civitas; ancora più esplicitamente, cambiando la banda (clavus) che orna la tunica, egli oscilla fra il rango senatorio (latus clavus) e quello equestre (angustus clavus): e lo fa addirittura da un ora all altra 11! Come se non bastasse, Prisco 9 Plinio, Naturalis historia, 33, 22 (tutti i paragrafi sono interamente dedicati all uso e ai valori simbolici connessi agli anelli, e sono ricchissimi di informazioni al riguardo); Marziale, Epigrammaton, 11, 59: cfr. anche 37; Ovidio, Ars amatoria, 3, 445 sg.; Seneca, Naturales quaestiones, 7, 31, 2; Quintiliano, Institutio oratoria, 11, 3, 142; Isidoro, Etymologiae, 19, 22; etc. 10 Quanto all uso di indossare l anello, o gli anelli, alla mano sinistra e non alla destra, secondo Macrobio, Saturnalia, 7, 12, 11 sgg., si tratterebbe di un evoluzione del costume ugualmente dovuta agli eccessi del lusso: i frequenti movimenti (creber motus) della destra, infatti, avrebbero infatti rischiato di rovinare le pietre preziose che ornavano gli anuli, mentre il carattere più ozioso (otiosior) della sinistra li avrebbe salvaguardati. Si tratta di un abitudine connotata probabilmente anche da effeminatezza: Mevio, che indossa anelli alla sinistra, viene accusato da Sempronio Gracco di essersi ornatus ut mulier (C. Sempronius Gracchus, In Maevium, fr. 20 Malcovati: Malcovati 1967, 195); cfr. Plinio, Naturalis historia, 33, Per l interpretazione di questo continuo mutar banda cfr. la nota di Kiessling - Heinze 1921, ad locum.

7 PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI 105 poteva perfino alternare il ruolo di libertino nella capitale del piacere, Roma, con quello, decisamente opposto, di intellettuale nella capitale della cultura, Atene. Allo stesso modo del dio che gli ha voluto male alla nascita, dunque, anche Prisco possiede la capacità di assumere le identità sociali più disparate. In questa singolare inclinazione del personaggio oraziano, possiamo immediatamente cogliere la cifra del vertere di Vertumno. In un certo senso, Prisco rassomiglia a un simulacro vivente di Vertumno. Torniamo per un momento al tema della comparazione, e vediamo un ulteriore differenza che intercorre fra le metamorfosi di Proteo e quelle di Vertumno. Quando il vecchio del mare si trasforma, nessuno si preoccupa di dirci come o per mezzo di che cosa : il vecchio del mare diventa direttamente acqua, fuoco, albero, leone, cinghiale e così via, semplicemente egli assume queste forme. Al contrario, per passare da un identità all altra, da un ruolo sociale all altro, Vertumno sembra aver bisogno di ricevere uno specifico attributo: che potrà essere costituito, di volta in volta, da una veste leggera (fanciulla), da una toga (cittadino), da una falce (mietitore), dalle armi (soldato), dalla mitra (Bacco) e così via. Le metamorfosi di Vertumno sembrano insomma essere legate alla presenza di una marca specifica, capace di contrassegnare ciascuno dei ruoli che vengono assunti. Scheid e Svenbro parlano giustamente, a questo proposito, di transformation par métonymie, nel senso che le metamorfosi di Vertumno si realizzano attraverso l attribuzione alla statua del dio, ovvero al suo personaggio mitologico nel racconto ovidiano, di qualcosa che ha un rapport existentiel con i vari personaggi dei quali viene assunta l identità. Noi però preferiremmo parlare, a questo proposito, di un processo metamorfico a carattere semiotico, e per questo motivo. Al momento in cui il Vertumno di Properzio designa se stesso nel ruolo di ortolano, si esprime in questo modo: mi contrassegna (me notat) il verde cetriolo e la zucca dal ventre rigonfio, e il cavolo legato con giunco sottile. Ora notare è un verbo assai specifico, un derivato da nota segno : parola che nella terminologia semiotica dei Romani indica un tipo particolare di segno, quello non ambiguo, facilmente interpretabile perché convenuto o comunque ben codificato. Se sottolineo l aspetto specificamente semiotico delle metamorfosi di Vertumno di volta in volta il dio è notatus dalla presenza di un certo attributo è soprattutto perché anche Prisco, l incostante e vertumnico personaggio di Orazio, per manifestare le proprie metamorfosi sociali fa ricorso allo stesso procedimento. Come dice Orazio, a volte lo si vedeva contrassegnato (notatus) al dito da tre anelli, altre con la sinistra nuda. Anche Prisco

8 106 MAURIZIO BETTINI dunque muta identità sociale attraverso un meccanismo di notae. A questo proposito vale anzi la pena di aggiungere che per indicare il clavus della tunica quello che Prisco mutava da un ora all altra, passando così dal rango di senatore a quello di cavaliere e viceversa i Greci si servivano proprio del termine seméion segno. Anche il clavus, come l anello, costituisce dunque esplicitamente un segno che indica identità, rango, appartenenza e così via. Lo stesso discorso vale ovviamente anche per tutti gli altri ornatus attraverso i quali Vertumno muta la propria identità. Se la toga è notoriamente segno di appartenenza alla città di Roma, la mitra di Bacco o il plettro di Apollo fanno parte di quegli attributi divini che i Romani, non a caso, definivano insignia (termine derivato da signum) della divinità: ossia quelle marche che, come le stelle auree per Castore e Polluce o la corona murale per la Magna Mater, permettevano di identificare un immagine divina. Perché insistiamo tanto su queste notae, insignia o come altro vogliamo chiamarle, che caratterizzano il processo metamorfico di Vertumno, mentre sono del tutto assenti nelle trasformazioni di Proteo? Perché la maggior parte di questi segni sono tratti da un campo particolare, l abbigliamento. Ora, per i Romani l abbigliamento rientra esplicitamente nella sfera che ci interessa: quella dei mores, i costumi condivisi da un gruppo o da una comunità. Pochi esempi basteranno. Il fatto che le donne, nella famiglia dei Quinti, non usassero portare oro, è definito mos da Plinio, così come nella famiglia dei Serrani era costume gentilizio (gentilicium erat) che le donne non portassero vesti di lino. Allo stesso modo viene definito mos il fatto che i Cethegi non indossassero mai la tunica, così come, secondo Cicerone, gli attori di teatro hanno tanto rispetto per il pudore che, secondo una loro antica usanza (mos), nessuno di essi andrebbe in scena senza indossare la fascia che copre l inguine. Forse però l esempio migliore di questo stretto rapporto che i Romani stabilivano fra l abbigliamento da un lato, i mores dall altro, ce lo fornisce Virgilio. Siamo quasi alla fine del poema, al momento in cui Giove e Giunone negoziano la futura identità del popolo che sorgerà dalla fusione fra Latini e Troiani. Giunone non vuole che questa nuova stirpe rinunzi all identità latina, come oggi diremmo, a vantaggio di quella troiana, per cui detta a Giove una serie di condizioni: in particolare chiede che i discendenti di questi matrimoni misti non mutino né lingua né modo di vestire rispetto ai Latini (uocem... aut... uestem). Di fronte a questa richiesta della sorella, Giove la rassicura in questo modo: essi conserveranno sia la patria lingua sia i costumi dei Latini (sermonem... patrium moresque). Ciò che Giunone definiva vestis, Giove lo sostituisce direttamente con

9 PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI 107 mores: e ciò avviene in un contesto decisamente caldo dal punto di vista culturale, la definizione dell identità collettiva di un popolo. Il fatto è che la vestis è direttamente mos, oggi diremmo che la vestis, in quanto mos, fa identità 12. Questa valenza identitaria dell abbigliamento a Roma, il suo rinviare esplicitamente alla sfera dei mores, rende ancora più evidente la caratterizzazione sociale delle metamorfosi di Vertumno: mutando le notae di abbigliamento che lo identificano, questa divinità muta di volta in volta altrettanti mores di riferimento. Ciò detto, torniamo a contrastare ancora una volta Vertumno sulla silhouette di Proteo. Il tipo di metamorfosi praticato dal vecchio del mare, come abbiamo visto, rimanda essenzialmente al mondo della natura: è come se le sue trasformazioni costituissero una spia della nascosta circolarità che lega fra loro tutti gli esseri che nel mondo si muovono, come dice Omero, anzi una prova della inesistenza di barriere capaci di tener separato ciò che all occhio umano appare irriducibilmente diverso il fuoco dall acqua, il leone dal cinghiale o dal serpente. In altre parole, Proteo ci appare una divinità che sovverte le identità naturali, negando le separazioni fra i generi e le specie in cui la natura si articola. Vertumno al contrario è una divinità che sovverte le identità sociali. Allorché questo dio trasformista entra in scena, vengono meno le opposizioni fra la fanciulla e il cittadino togato, fra il senatore e il cavaliere, fra la vecchia e il giovane, e così di seguito. Le barriere che separano i sessi, le età, i differenti ranghi sociali, i mestieri, le condizioni umane in genere, vengono cancellati tramite un disinvolto e acrobatico passaggio da un mos all altro. Esibendo le proprie metamorfosi Vertumno sembra insomma testimoniare la possibilità che i differenti ruoli sociali, così rigidamente codificati nella cultura e nella società romana, siano in realtà fra loro equivalenti e possano essere tranquillamente sostituiti l uno dall altro. Vertumno sarebbe forse una divinità ironica, che nel mondo degli dei si diverte a realizzare liberamente ciò che in città non sarebbe mai permesso? Oppure questo dio manifesta un bi- 12 Plinio, Naturalis historia 33, 21: in Quintiorum vero familia aurum ne feminas quidem habere mos fuerit; 19, 8: qua admonitione succurrit quod M. Varro tradit, in Serranorum familia gentilicium esse feminas lintea veste non uti. Porfirione, ad Horatii Artem poeticam 50: Non servaverunt eius, qui inter omnes hi Cethegi unum morem servaverunt; cinctuti non exaudita kái tá exés: omnes hi Cethegi... numquam enim tunica usi sunt; Cicerone, De officiis, 1, 129: scaenicorum quidem mos tantam habet vetere disciplina verecundiam, ut in scenam sine subligaculo prodeat nemo. Virgilio, Aeneis, 12, 825 sgg.

10 108 MAURIZIO BETTINI sogno profondo, e altrimenti inespresso, dei Romani? Un desiderio di libertà? La tentazione di trasgredire? Il moralismo di Davo, da buon servo oraziano, condannava l inaequalitas di Prisco. Solo che ci farebbe piacere poter ascoltare anche il parere dell interessato. Chi ci dice infatti che questo incostante non fosse soddisfatto dei propri vagabondaggi identitari?

11 PROPERZIO, VERTUMNO E I MORES PUBBLICI 109 BIBLIOGRAFIA Boldrer 1999 = F. Boldrer, L elegia di Vertumnus (Properzio 4, 2), Amsterdam Hakkert Fedeli 1994 = Q. Orazio Flacco. Le Opere, vol. II, tomo I: Le Satire, testo critico di P. Fedeli, trad. di C. Carena, Roma - Poligrafico dello Stato Frazer 1929 = J. G. Frazer, Publius Ovidius Naso. Fastorum libri sex, Edited with a commentary and a translation by J. G. Frazer, IV, London Macmillan, 1929 = Hildesheim Olms Fraenkel 1993 = E. Fraenkel, Orazio, tr. it. Roma Salerno Editrice Kiessling-Heinze 1921 = Q. Horatius Flaccus erklärt von Adolf Kiessling, II, Satiren, erneuert von R. Heinze, Berlin Weidemann, Malcovati 1967 = E. Malcovati, Oratorum Romanorum Fragmenta liberae reipublicae, I, Torino Paravia Otto 1962 = A. Otto, Die Sprichworter und Sprichwortlichen Redensarten der Romer, Hildesheim Georg Olms, Scheid-Svenbro 2004 = J. Scheid e J. Svenbro, Le mythe de Vertumne, Europe 82, 2004.

12 110 MAURIZIO BETTINI

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Appello per il salvataggio dei cuccioli di capriolo durante la fienagione CCC

Appello per il salvataggio dei cuccioli di capriolo durante la fienagione CCC Appello per il salvataggio dei cuccioli di capriolo durante la fienagione CCC Dare una possibilità ai cuccioli di capriolo I versi di un cucciolo di capriolo vittima di una falciatrice sono molto penetranti

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI UD 1.1 - LE NORME SOCIALI Vivere in un mare di norme La nostra vita si svolge in un mondo di norme affermava in un suo famoso libro il grande filosofo protagonista del ventesimo secolo Norberto Bobbio.

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

L'utensile é diventato bianco

L'utensile é diventato bianco L'utensile é diventato bianco In questi giorni mi sono allenato a fare delle vele sia di carta che di tessuto. Sono soddisfatissimo, mai avuto vele cosi belle, pero, pero' non riesco ad ottenere un bel

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli