VALUTAZIONE DEIDIRIGENTI. con integrazionie m odifiche deiccnl e del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALUTAZIONE DEIDIRIGENTI. con integrazionie m odifiche deiccnl 3-11-2005 e del5-7-2006."

Transcript

1 Regolamento in materia di VALUTAZIONE DEIDIRIGENTI con integrazionie m odifiche deiccnl e del Esito della concertazione sindacale conclusasiin data 10 aprile 2007 D elibera n 766 del26/04/07 con correzioni. 1

2 INDICE : VALUTAZIONE DEIDIRIGENTIE RELATIVIEFFETTI Art.1 VALUTAZIONE DEIRISULTATIE DELLE ATTIVITÀ DEIDIRIGENTI..PAG.3 Art.2 LA M ETO DO LO G IA PER L ESPRESSIONE DELLE VALUTAZIONI..PAG.5 Art.3 EFFETTIDELLA VALUTAZIONE DEL NAV..PAG.7 Art.4 EFFETTIDELLA VALUTAZIONE DEL CO LLEG IO TECN ICO..PAG.9 Art.5 TUTELA DELLA PRIVACY....PAG.10 Art.6 N ORME FINALI..PAG.11 ALLEGATI ALL.1 SCHEDA DIVALUTAZIONE PRO FESSIONALE/COMPORTAMENTALE DI1 A ISTANZA ALL.2 SCHEDA DIVALUTAZIONE GESTIONALE/MANAGERIALE DI1 A ISTANZA ALL.3 SCHEDA DIVALUTAZIONE GESTIONALE DELL APPO RTO ALLA PRO DUTTIVITÀ DI1 A ISTANZA ALL.4 SCHEDA DIVALUTAZIONE PRO FESSIONALE/COMPORTAMENTALE DI2 A ISTANZA ALL.5 SCHEDA DIVALUTAZIONE GESTIONALE/MANAGERIALE DI2 A ISTANZA ALL.6 SCHEDA DIVALUTAZIONE GESTIONALE DELL APPO RTO ALLA PRO DUTTIVITÀ DI2 A ISTANZA ALL.7 VERBALE ILLUSTRAZIONE SCHEDE DIVALUTAZIONE E CO NDIVISIONE DEIRELATIVICRITERI 2

3 VALUTAZIONE DEIDIRIGENTIE RELATIVIEFFETTI. ART.1 VALUTAZIONE DEIRISULTA TIE DELLE ATTIVITÀ DEIDIRIGENTI. 1 - Con riferimento a l art.25 delccnl ,vistiiprincipide la normativa dicuia l art.15 e ss.del D.Lgs.502/1992 e s.m.i.,nonché ald.lgs.286/1999,la valutazione deidirigentiè diretta a la verifica dei com portamenti e de la professionalità espressa ne l espletamento del servizio ed è caratteristica essenziale ed ordinaria delrapporto dilavoro deidirigentimedesimi. 2 - Con ilpresente Regolamento l Azienda adotta una m etodologia divalutazione nelpieno rispetto dei principiditrasparenza,oggettività e partecipazione delvalutato dispostida l art.25 com m a 6 delccnl Aifinide la correttezza de lo svolgimento deiprocessivalutativi,quindi,sarà fondamentale che ogni direttore/responsabile di struttura proceda ad informare ogni co laboratore dirigente in m erito a l attivazione/sussistenza de l istituto in oggetto,ilustrando in maniera opportuna qualisono iprincipi,i criteri, le regole e glistrum entidivalutazione (schede)riportatinelprosieguo delpresente Regolamento aziendale. 3 -Irisultatifinalidelprocesso divalutazione sono riportatinelfascicolo personale e costituiscono elemento di valutazione da parte de la Direzione Generale perla conferma o la modifica diqualsiasitipo diincarico dirigenziale. 4 -Ilsistema divalutazione siarticola in funzione deltipo d incarico conferito alpersonale da valutare: 1. Direttori/ResponsabilidiCentro diresponsabilità (struttura complessa/semplice con responsabilità di risorse); 2. Dirigentiprofessional,cioè che svolgono funzioniprofessionalidialta specializzazione o dibase. In funzione de la suddetta distinzione,la valutazione sisvilupperà neiconfrontiditutto ilpersonale dirigente neiseguentiambiti: a) risultatiraggiunti(valutazione ditipo gestionale/manageriale e de l apporto a la produttività ); b) attività professionalisvolte (valutazione ditipo professionale/comportamentale). 5 - Ilprocesso divalutazione relativo a ciascuno degliambitidicuialprecedente comma sisvolge su due istanze distinte e separate (prima e seconda istanza). 3

4 6 - Le proposte di valutazione di prima istanza (sia que la ditipo professionale che que la a carattere gestionale) vengono effettuate con cadenza annuale daldirigente posto in posizione immediatamente superiore aldirigente da valutare. Ilprincipio che guida l Azienda ne la scelta dicoloro che devono effettuare le valutazionidiprima istanza è que lo de la diretta conoscenza del attività delvalutato, cosìcom e indicato da l art.25 delccnl Quindi, nel caso in cui il dirigente superiore non sia di fatto in grado di conoscere adeguatamente ilvalutato sulluogo dilavoro,questi,pur rimanendo responsabile de la valutazione di prima istanza,perla concreta stesura de la scheda valutativa siavvarrà de la proposta dialtridirigenti, superiori del valutato o in ruoli anche funzionali idonei a soddisfare il principio de la più diretta conoscenza. 7 - Per le due diverse proposte divalutazione,(art.1,comma 4,lett.a)e b)delpresente Regolamento)si utilizzano le schede dicuiaglia legati1,2,3;talischede tengono necessariamente conto de le aree di analisi indicate dagliartt.27 e 28 delccnl A l inizio delperiodo annuale oggetto divalutazione (e ogniqualvolta se ne presentila necessità )ogni dirigente valutatore diprima istanza ilustra aidirigentiche sarà chiamato annualmente a valutare la metodologia valutativa e le schede di valutazione di prima istanza, procedendo a contestualizzare i contenuti de le stesse in relazione a la rispettiva realtà operativa ed agli standard qualitativi e/o quantitatividiriferimento.delsuddetto incontro viene richiesto diredigere ilverbale previsto dalpresente Regolamento (A l.7). Ilvalutato può prendere visione ed estrarre copia de la documentazione che lo riguarda. 9 - La valutazione definitiva di seconda istanza riguardante gli aspetti professionali/comportamentali - (attività professionali) comma 4 lett.b) - è affidata alcolegio Tecnico de l Area dicom petenza del dirigente; la valutazione di seconda istanza de la capacità gestionale/manageriale dei direttori/responsabilidistruttura (comma 4.1)e que la gestionale de l apporto a la produttività da parte deidirigentiprofessional-com m a 4 lett.a)-è affidata alnucleo Aziendale divalutazione. 10 Perquanto riguarda itempie le cadenze de la valutazione diseconda istanza,essa ha luogo : a) pergliambitidicompetenza delnav,ognianno; b) pergliambitidicompetenza delrelativo Colegio tecnico : neiriguardidituttiidirigentimedici,veterinarie sanitarinon medici a la scadenza de l incarico conferito; al termine del primo quinquennio di servizio per i dirigenti di nuova assunzione, ai fini del conferimento diun incarico professionale anche dialta specializzazione,diconsulenza,distudio e ricerca,ispettividiverifica e dicontro lo o diresponsabilità distruttura semplice; l esito ditale momento valutativo è inoltre condizione sia peraccedere a la fascia immediatamente superiore relativa a la indennità di esclusività del rapporto di lavoro, che per avere diritto a la equiparazione de la retribuzione diposizione minima contrattuale; alcom pimento deiquindiciannidiservizio,prestato senza soluzione dicontinuità (sia a tempo determinato che a tempo indeterminato),anche in aziende od entidiverse dalcomparto sanità, 4

5 per tuttiidirigenti- esclusiidirettoridistruttura complessa - aifinidelpassaggio a la fascia superiore de l indennità economica perl esclusività delrapporto dilavoro; neiriguardidituttiidirigentitecnici,amministrativie professionali a la scadenza de l incarico conferito; al termine del primo quinquennio di servizio per i dirigenti di nuova assunzione, ai fini del conferimento diun incarico professionale anche dialta specializzazione,diconsulenza,distudio e ricerca, ispettividiverifica e dicontro lo o diresponsabilità distruttura semplice o complessa; l esito ditale momento valutativo è inoltre condizione peravere diritto a la equiparazione de la retribuzione diposizione minima contrattuale In linea con quanto disposto da l art.5,comma 4 deld.lgs.286/99,oltre che a le scadenze sopra indicate,in via eccezionale l attività deidirigentipuò essere sottoposta a valutazione definitiva,anche prima dela scadenza de l incarico a questiconferito,fatta salva comunque ogniazione prevista da le norme dilegge o altre norme.quindi a seguito didue valutazioninegative consecutive da parte del Nucleo divalutazione,ovvero nelcaso vengano riscontrate a carico deidirigentiviolazionigraviin tema diosservanza deidoveriche,anche in considerazione de la natura fiduciaria de l incarico,impediscano la regolare prosecuzione de lo stesso, l Azienda può disporre la revoca anticipata de l incarico previa valutazione delrelativo Colegio Tecnico. 12 -In seconda istanza ilnav e ilcolegio Tecnico - a seconda de le rispettive com petenze -procedono in piena autonomia prioritariamente a la validazione del processo seguito e, contestualmente, a la valutazione definitiva (positiva o negativa) de le proposte divalutazione diprima istanza espresse dal dirigente responsabile nel periodo esaminato. A tal fine, oltre a la scheda com pilata dal dirigente immediatamente superiore (valutatore di prima istanza), gli organismico legiali di seconda istanza utilizzano tutta la documentazione ritenuta necessaria fornita in via ufficiale dagli appositi uffici de l Azienda. 13 -L esito de le valutazioniannualida parte delnav,secondo quanto previsto dalcomma 3 de l art.27 del CCNL 3\11\2005, concorre a la formazione de le valutazioni di com petenza del relativo Co legio tecnico. 14 Aifinide le valutazionidefinitive,gliorganismico legialidiseconda istanza utilizzano,in via diprincipio e previa adozione preventiva,le schede dicuiaglia legati4,5,6. ART.2 LA METODOLOGIA PER L ESPRESSIONE DELLE VALUTAZIONI. 1 - La metodologia applicata da l Azienda in via generale peresprimere igiudizisu tuttiipossibilielementi da valutare prevede la definizione diun certo numero diaree diesame (da Contratto)e,a l interno di queste,l indicazione deglielementianalitici(item)suiqualiilvalutatore diprima istanza è chiamato ad esprimere ilproprio giudizio sintetico. 2 -Perl espressione delgiudizio relativo a ciascun item ilvalutatore diprima istanza potrà orientarsisu la base diuna scala a cinque gradini,cuicorrispondono altrettantigiudizidivalore differenziale rispetto ad 5

6 un giudizio medio-atteso considerato adeguato,cui,perconvenzione,siattribuisce un punteggio paria 3. La correlazione fra giudizisinteticie punteggio è definita secondo lo schema seguente: ESITO DELLA VALUTAZIO NE ESPRESSIO NE SINTETICA LARG AM EN TE SUPERIORE ALL ATTESA 5 SUPERIORE ALL ATTESA 4 A DEG UA TO _ IN LINEA CO N L A TTESA 3 IN FERIORE ALL ATTESA 2 LARG AM EN TE IN FERIORE ALL ATTESA A garanzia del diritto a la trasparenza ed a la partecipazione del valutato, fin dal momento de l affidamento de l incarico, ogni responsabile superiore, chiamato a svolgere la proposta di valutazione dipropria competenza, deve specificare a tuttiidirigentiaffidatia la sua responsabilità qualisiano glielementiproceduraliprevistiin ognitipologia divalutazione,com presa la scala deigiudizi possibili;eglideve,altresì,svolgere uno o più incontridurante iqualidovrà avercura d ilustrare,anche attraverso esempi,icom portamentiritenuticongruiperconseguire ilgiudizio adeguato (3) in relazione a ciascun item riportato su la scheda.alfine didocumentare l avvenuta informativa su le modalità e le regole attraverso cuisisvolgerà ilprocesso divalutazione che lo riguarda,siprevede che ildirigente valutatore richieda aldirigente da valutare diapporre la propria firma in un apposito verbale (A legato 7). 4 - Nelcorso de l anno,qualora ildirigente sidiscostiin senso negativo dai live lidiadeguatezza concordati perivariitems, questideve esserne informato immediatamente da parte deldirigente superiore,ilquale è tenuto a chiarire anche eventualidiscordanze diinterpretazione. 5 -Perla corretta com pilazione de la scheda perla proposta divalutazione,ilvalutatore diprima istanza è tenuto a motivare per iscritto - negli appositi spazi sotto ogni area di valutazione - o attraverso documentazione a legata,ognigiudizio che sidiscostidalvalore medio diriferimento (ADEG UATO = 3). 6 - Nelcaso in cui,in considerazione diparticolaricontestiorganizzativi,alcuni ambitidigiudizio risultino effettivam ente inadattiaifinide la valutazione dicerte figure professionali,ilvalutatore diprima istanza ha la possibilità di non procedere a l espressione di alcun giudizio in relazione a tali specifici item, avendo cura disegnalarne ilmotivo su lo spazio dicommento previsto ne la relativa scheda.ciò non andrà a scapito de la valutazione deldirigente interessato,essendo le procedure dianalisideigiudizi basate su valorinon assoluti,bensìrelativiad una base centesimale che prende in considerazione solo i giudizieffettivam ente espressidaldiretto superiore. 6

7 7 - Ildirigente sottoposto a valutazione deve venire informato de l esito de la stessa a cura delrispettivo valutatore (diretto superiore)e le schede divalutazione diprima istanza,riempite in tutte le partiche le com pongono,devono essere firmate dalvalutato per presa visione.in caso dirifiuto siprovvederà a la spedizione al relativo domicilio de la scheda com pilata e firmata dal dirigente valutatore tramite raccomandata e ricevuta diritorno a cura de l Ufficio valutazione. 8- La corretta e puntuale compilazione de le schede di valutazione annuale di prima istanza, sia professionale che gestionale,e delverbale diilustrazione e contestualizzazione deirelativicriteri,nonché l invio de la suddetta documentazione nei tempi debiti a l ufficio incaricato di gestire il sistema, rappresentano responsabilità dirette del dirigente valutatore, quindi elemento di valutazione de le capacità gestionalide lo stesso ne l adempimento deipropridoveri. 9 - In caso dimancata condivisione suicontenutide la proposta divalutazione diprima istanza,ildirigente sottoposto a valutazione ha diritto diformulare periscritto le proprie osservazionie rilievi Applicando la presente metodologia aidiversiambitivalutativi,ilgiudizio finale potrà assum ere esito positivo o negativo;perstabilirlo gliorganismideputatiin seconda istanza (icolegitecniciperla parte professionale/comportamentale ed il Nucleo di Valutazione per la parte gestionale/manageriale) si orientano individuando,su la base delcontesto diriferimento osservato,un valore soglia oltre ilquale le valutazionisiriterranno positive. 11 -Alfine dicuisopra,ogniorganismo è tenuto a com pilare una propria scheda divalutazione diseconda istanza,ne la quale,oltre a la sintesideigiudizidiprima istanza,potranno essere inseritituttiglielementi ritenutiutilia documentare igiudizie le capacità espresse nelperiodo esaminato.le considerazioniin merito a talielementipotranno essere espresse attraverso un eventuale punteggio integrativo (disegno positivo o negativo) che,sommato alpunteggio derivato da la prima istanza,andrà a rappresentare il punteggio definitivo del dirigente. Quest ultim o punteggio, rapportato al valore soglia, consentirà l espressione delgiudizio finale positivo o negativo. 12 -L'accertamento de la responsabilità dirigenziale a seguito deidistintie specificiprocessidivalutazione (NAV e Colegitecnici),prima dela formulazione delgiudizio negativo,deve essere necessariamente preceduta da un contraddittorio nel quale verranno acquisite le controdeduzioni deldirigente, anche assistito da persona disua fiducia L'accertamento che rileviscostamentirispetto agliobiettivie compitiprofessionaliproprideidirigenti, come definitia live lo aziendale ed imputabilia responsabilità dirigenziale,comporterà l'assunzione di provvedimentinecessariamente commisurati: a) a la posizione rivestita daldirigente ne l'ambito aziendale; b) a l'entità degliscostamentirilevati Indipendentemente da l esito definitivo dela proposta di valutazione di prima istanza espresso sinteticam ente in centesimi,qualora fra isingolicriterivalutatisievidenziassero elementidiparticolare gravità,gliorganismichiamatiad esprimere la valutazione di seconda istanza,sentito ilvalutato in 7

8 contraddittorio secondo le modalità previste daivigenticontratti,possono esprimere autonomamente il proprio giudizio definitivo. ART.3 EFFETTIDELLA VALUTAZIONE ANNUALE DEL NAV. VALUTAZIONE PO SITIVA delnav 1 -L'esito positivo dela valutazione annuale delnav è condizione necessaria perl'attribuzione aidirigenti de la retribuzione di risultato, così com e determinata da l applicazione de la metodologia contenuta ne l apposito Protoco lo applicativo per l attuazione del Sistema Premiante aziendale, in linea con le procedure dicui a l'art.65,commi4 e 6 delccnl 5 dicem bre 1996 e s.m.i.,oltre che a concorrere ne l espressione de la valutazione dicompetenza deirelativico legitecnicia le scadenze previste. VALUTAZIONE NEGATIVA delnav 2 Relativam ente aidirigenticon incarico didirezione distruttura com plessa o diresponsabilità distruttura semplice, l accertamento di risultati negativi de la gestione finanziaria, tecnica ed amministrativa, determinatida l inosservanza de le direttive e da l operato non conforme aicanonipropri(gestione del budgetaffidato,efficacia deimodeligestionaliadottati,ognialtra funzione gestionale delegata)può determinare: la revoca de l incarico prima de la sua scadenza e l affidamento dialtro anche de la stessa natura o dilive lo inferiore,comunque divalore economico più basso.nelcaso in cuialdirettore distruttura com plessa venga revocato l incarico,a questispetterà la fascia immediatamente inferiore perquanto riguarda l indennità di esclusività del rapporto di lavoro e verrà tolta l indennità di struttura complessa ove percepita. La perdita de la retribuzione di risultato in tutto o in parte con riguardo a l anno dela verifica. L ammontare di tale eventuale decurtazione sarà individuato dal NAV, anche secondo quanto previsto da l apposito protoco lo operativo sulsistema Premiante aziendale. In caso divalutazione negativa perdue anniconsecutivi,l attivazione de la valutazione definitiva del relativo Co legio Tecnico anche prima dela scadenza de l incarico,cui,in caso digiudizio negativo, seguirà la revoca de l incarico di cui sopra e l attribuzione di altro incarico di valore economico inferiore. 3 Relativamente aidirigenticon incarico dinatura professionale dicuia l art.27,comma 1,lettera c)del CCNL 8/6/2000,l accertamento de le responsabilità dirigenzialidovuto a l inosservanza dele direttive ed a l operato non conforme aicanoniprevisti(osservanza de le direttive nelraggiungimento deirisultati in relazione a l incarico attribuito, il raggiungimento degli obiettivi espressamente affidati, nonché 8

9 l impegno e la disponibilità correlatia l articolazione de l orario dilavoro rispetto alconseguimento degli obiettivi,com e previstia l art.27,comma 1,punto 2 delccnl attuale),può com portare: la revoca anticipata de l incarico in atto e l affidamento diun altro de la stessa natura,ma divalore economico inferiore; la perdita in tutto o in parte de la retribuzione dirisultato secondo le stesse modalità previste peri dirigentiresponsabilidistruttura; in caso diaccertamento negativo per due anniconsecutivi,l attivazione de la valutazione definitiva del relativo Co legio Tecnico anche prima dela scadenza de l incarico, cui, in caso di giudizio negativo,seguirà la revoca de l incarico dicuisopra e l attribuzione dialtro incarico sempre dinatura professionale,comunque divalore economico inferiore. 4 Relativam ente a quanto previsto dai due precedenti commi, ne l attribuzione d incarichi di valore economico inferiore questo non potrà essere aldisotto del60% de la retribuzione diposizione minima contrattualmente prevista; l ammontare esatto de la decurtazione sarà individuato da la Direzione aziendale e dove necessario sidovrà procedere ad effettuare inecessariconguaglisu quanto percepito. 5 Peridirigentineo assunti,l accertamento de le responsabilità dirigenzialicom porta solo la perdita in tutto o in parte de la retribuzione dirisultato,con le stesse modalità adottate perglialtridirigenti. 6 Per tuttiidirigenti,la responsabilità dirigenziale per reiteratirisultatinegativifondata su elementidi particolare gravità,costituisce giusta causa direcesso da parte de l Azienda.Questa in ognicaso deve prima contestare per iscritto aldirigente l eventuale addebito convocandolo,non prima di5 giornidal ricevimento de la contestazione,per sentirlo a propria difesa.in tale occasione ildipendente può farsi assistere da un rappresentante de l Associazione sindacale cui aderisce o conferire mandato ad un procuratore disua fiducia.espletata tale procedura,l Azienda invia la proposta direcesso alcomitato dei Garanti, il quale deve esprimere il proprio parere, vincolante nei confronti de l Azienda, improrogabilmente ed obbligatoriamente entro 60 giorni. ART.4 EFFETTIDELLA VALUTAZIONE DEL RELATIVO CO LLEG IO TECN ICO. VALUTAZIONE PO SITIVA da parte delrelativo Collegio Tecnico. 1 -L'esito positivo de la valutazione affidata alrelativo Co legio tecnico produce iseguentieffetti: a) altermine de l incarico: per i dirigentidistruttura complessa realizza la condizione per la conferma nel'incarico già assegnato o perilconferimento dialtro dipario maggiorrilievo gestionale e/o economico; per i dirigenti di struttura semplice realizza la condizione per la conferma nel'incarico già assegnato o per ilconferimento di altro di pario maggior rilievo gestionale e/o economico appartenente a la stessa categoria; per glialtridirigenticon incarico di natura professionale dicui a la lettera c)art.27 coma 1 CCNL 8/6/2000 realizza la condizione sia perla conferma nel'incarico già assegnato o per il 9

10 conferimento di altro di pari o maggior rilievo economico, sia per l affidamento de la responsabilità gestionale distruttura semplice; b) altermine delquinquennio perineo assunti: l attribuzione di un incarico di natura professionale anche di alta specializzazione o la responsabilità gestionale distruttura semplice; l attribuzione de l indennità di esclusività del rapporto di lavoro relativa a la fascia immediatamente superiore dicuia l art.5 delccnl 8/6/2000,secondo biennio peridirigenti Medici,Veterinarie sanitarinon Medici; l equiparazione de la retribuzione diposizione minima tabe lare aldirigente equiparato,dicui a l art.3 delccnl 8/6/2000,secondo biennio,con ivaloriaggiornatidalccnl 3/11/2005 e del 5/7/2006,relativam ente alprimo e secondo biennio; al maturare del quindicesimo anno di esperienza professionale, per tutti i dirigenti Medici, Veterinarie sanitarinon M edici non titolaridi struttura complessa, l attribuzione del valore economico relativo a la fascia superiore de l'indennità diesclusività delrapporto dilavoro; c) con decorrenza 5 luglio 2006 (data dientrata in vigore delsecondo biennio)la valutazione positiva ottenuta altermine dei quindici anni diesperienza professionale comporta ilriconoscimento de la retribuzione diposizione minima prevista percoloro che sono definiti Dirigentiincarico lettera c)art. 27 CCNL 8\6\2000 ; d) la norma dicuialpunto precedente siapplica anche a queidirigentiche,riportando una valutazione positiva a la scadenza de l incarico,hanno già acquisito l esperienza quindicinale. VALUTAZIONE NEGATIVA da parte delrelativo Collegio Tecnico. 2 L'esito negativo dela valutazione affidata al Colegio tecnico a la scadenza del incarico produce i seguentieffetti: ildirettore distruttura complessa non viene confermato ne l incarico, ma mantenuto in servizio con l attribuzione di un incarico di responsabilità di struttura semplice o di natura professionale, congelando contestualmente un posto vacante di dirigente. Conseguentemente gli viene tolta l'indennità distruttura complessa ove spettante e attribuita l'indennità diesclusività delrapporto di lavoro de la fascia immediatamente inferiore, indipendentemente da l esperienza professionale maturata. IlResponsabile di struttura semplice e glialtridirigenticon incarico di natura professionale non vengono confermatine l incarico,ma viene loro attribuito un incarico professionale dicuia la lettera c) de l art.27 delccnl 8/6/2000,comunque di valore economico inferiore,nonché ilritardo diun anno ne l attribuzione de la fascia superiore de l indennità diesclusività delrapporto dilavoro peri Dirigentimedici,veterinarie sanitarinon medici. ne l attribuzione diincarichicon valore economico inferiore,questo non potrà essere disotto del60% de la retribuzione di posizione minima contrattualmente prevista; l ammontare esatto de la decurtazione sarà individuato da la Direzione aziendale e dove necessario sidovrà procedere ad effettuare inecessariconguaglisu quanto percepito. 10

11 3 - Per idirigentineo assunti,l esito negativo de la valutazione a la scadenza deicinque annicomporta il ritardo diun anno: ne l eventuale conferimento diun incarico dinatura professionale dicuia l art.27 lettera c)ccnl 8/6/2000 o un incarico diresponsabilità distruttura semplice; ne l attribuzione de la fascia superiore de l indennità di esclusività del rapporto di lavoro per i dirigentiaventidiritto; ne l attribuzione de la retribuzione diposizione minima equiparata. 4 - Tuttiidirigenti-ad eccezione deidirettoridistruttura com plessa -che siano stativalutatinegativam ente dalrelativo Colegio tecnico,l anno successivo saranno oggetto diuna nuova valutazione da parte de lo stesso Colegio perpoteraccedere aibeneficicontrattualmente previsti. 5 -In tuttiicasiin cuiviene riportata una valutazione negativa da parte diqualsiasidirigente,l Azienda,se lo ritiene opportuno,può ricorrere a la proposta direcesso aisenside l art.36 delccnl 5/12/1996,con le integrazioni apportate da l'art. 23 del CCNL del'8 giugno 2000 e da l'art. 20 del CCNL 03/11/2005. ART.5 TUTELA DELLA PRIVACY. 1 -In base a la normativa suidatisensibili,nonché a quanto disposto daldlgs286/1999 (art.1 c.5 e 6 ed art.art.6 c.2 )in materia dicomunicazione deirisultatideiprocessivalutativi,sule notizie e valutazioni riguardantiidipendentideve essere garantita la privacy.quindi,alfine diproteggere le schede e le eventualidocumentazioniintegrative ad esse a legate da l indebita curiosità dipersone non autorizzate,è necessario che idirigentiinvestitide la responsabilità diproporre le valutazionidiprima istanza adottino tutte le cautele necessarie. ART.6 NORME FINALI. 1 -Perquanto non espressamente riportato nelpresente regolamento sifa riferimento a le disposizionidicui alc.c.n.l. de l Area de la Dirigenza M edica e Veterinaria del3/11/2005 e del5/7/2006 secondo biennio economico. 2 - Ilpresente regolamento disciplina l istituto de la valutazione perm anente fino ad emanazione dinuova regolamentazione aziendale in recepimento de la futura normativa. 11

12 ALLEG A TO 1 SCHEDA DIVALUTAZIONE PRO FESSIONALE / CO M PO RTAM ENTALE 1 A ISTANZA. DIRIGENTE VALUTATO: TUTTIIDIRIGENTI DIRIGENTE VALUTATO : RESPO NSABILE VALUTATO RE : STRUTTURA AZIENDALE : PERIODO VALUTATO : DAL AL A AREA DELLA CO LLABO RAZIO NE E DELL INTEGRAZIO NE GIUDIZIO (1-5) 1. Grado dico laborazione con ilpersonale del equipe (dirigenza e com parto) Grado dico laborazione a live lo diarea / dipartim ento Capacità relazionali M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): B AREA DELLA Q UALITÀ ERO GATA:Q UALITÀ DELL APPO RTO SPECIFICO GIUDIZIO (1-5) 1. Grado diaccuratezza ne lo svolgim ento deipropricom piti Contributo almiglioramento dela qualità Capacità digestione dele urgenze M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): C AREA DELLA Q UALITÀ PERCEPITA:GRADO DIO RIENTAM ENTO ALL UTENZA GIUDIZIO (1-5) 1. Grado d appropriatezza degliinterventie dele prestazioni Live lo diqualità professionale riconosciuta da l utenza Apporto almiglioramento del accoglienza M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): 12

13 D AREA DELLA TECNO LO GIA E DEIPRO CESSI:CAPACITÀ DIGESTIO NE DELLE TECNO LO GIE E DEI PRO CESSIDIPRO GRAM M AZIO NE. GIUDIZIO (1-5) 1. Grado d innovatività Capacità digestione ed utilizzo dele tecnologie in dotazione Grado diinterscam biabilità operativa M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): E AREA DELLE LINEE GUIDA E PRO TO CO LLI. GIUDIZIO (1-5) 1. Implem entazione dilinee guida,protoco lie raccom andazionidiagnostico-terapeutiche Impegno ne la promozione e diffusione deicontenuti Capacità digestione deicontenuti M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): F AREA DELLA DO CENZA:PARTECIPAZIO NE ALLA RICERCA ED ALLA DIDATTICA GIUDIZIO (1-5) 1. Grado diricerca clinica applicata e finalizzata Grado dicoinvolgim ento ne la didattica intra ed extra-aziendale (es.università ) Grado diaggiornamento tecnico/scientifico M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): CREDITI FO RM ATIVI(ECM )* * Ilpresente ambito valutativo riguarda esclusivamente idirigenti afferentia le aree M edica, Veterinaria e Sanitaria non medica. NECESSARINEL PERIODO DIRIFERIMENTO ** : CONSEGUITINEL PERIODO DIRIFERIMENTO ** : ANNOTAZIONI(EVEN TUALI): ** Indipendentem ente dalciclo annuale divalutazione,il periodo diriferimento ECM corrisponde a l ultimo anno solare conclusosi. RISPETTO DEL CO DICE DICO M PO RTAM ENTO SI NO ANNOTAZIONI(EVEN TUALI): (ALL.1 AL CCNL ) 13

14 EVENTUALIRILIEVIED O SSERVAZIO NIDA PARTE DEL VALUTATO. Data IlResponsabile valutatore diprima istanza Data IlDirigente valutato (perpresa visione) 14

15 ALLEG A TO 2 SCHEDA DIVALUTAZIONE GESTIONALE / MANAGERIALE 1 A ISTANZA DIRIGENTE VALUTATO : DIRIGENTE VALUTATO : DIRETTO RE/R ESPONSABILE DISTRUTTURA. RESPO NSABILE VALUTATO RE : STRUTTURA AZIENDALE : PERIODO VALUTATO : DAL AL A AREA DELLA PARTECIPAZIO NE AISISTEM IO PERATIVIAZIENDALI GIUDIZIO (1-5) 1. Grado dicoinvolgim ento del equipe (dirigentie com parto)ale attività diprogrammazione Processo divalorizzazione delcontributo individuale a la produttività del equipe Processo divalutazione perm anente delpersonale co laboratore Formazione M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): B AREA DELLA CO NGRUENZA CO N L INCARICO RICEVUTO GIUDIZIO (1-5) Obiettividelcontratto individuale: M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): C AREA DELLA CAPACITÀ ORGANIZZATIVE. GIUDIZIO (1-5) 1. Capacità ne l organizzazione dele risorse a l interno del equipe Percorsifinalizzatia generare procedure organizzative Percorsifinalizzatia generare protoco liclinicie diagnostici M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): D AREA DELL EFFICIEN ZA GESTIONALE E DELLA CO M UNICAZIONE. GIUDIZIO (1-5) 1. Tem piditrasmissione dele informazionirelative a l attività a l esterno del U.O Mantenimento degliimpegnisottoscrittiin negoziazione

16 3. Relazione finale annuale Live lo ditrasferim ento dele informazioniatto alcoinvolgimento del equipe M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): E AREA DELLA Q UALITÀ E DELLA INTEGRAZIONE GIUDIZIO (1-5) 1. Live lo diqualità percepita neiconfrontidela struttura Progettazione e sviluppo attività diauditing interno ed esterno Grado dipartecipazione aiprocessitrasversalididipartim ento / diarea funzionale M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): EVENTUALIRILIEVIED O SSERVAZIO NIDA PARTE DEL VALUTATO. Data IlResponsabile valutatore diprima istanza. Data IlDirigente valutato (perpresa visione) 16

17 ALLEG A TO 3 SCHEDA DIVALUTAZIONE GESTIONALE DELL APPO RTO ALLA PRO DUTTIVITÀ 1 A ISTANZA DIRIGENTE VALUTATO : PRO FESSIONAL DIRIGENTE VALUTATO : RESPO NSABILE VALUTATO RE : STRUTTURA AZIEN DALE : PERIODO VALUTATO : DAL AL A AREA DELLA PARTECIPAZIO NE AIPRO CESSIPRO DUTTIVID EQ UIPE. GIUDIZIO (1-5) 1. Grado dipartecipazione a le attività diprogrammazione interna a l equipe Contributo a la resa produttiva del equipe rispetto a la disponibilità concordata Compliance aziendale (atteggiamento neiconfrontidel organizzazione) M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): B AREA DELLA PRO DUTTIVITÀ INDIVIDUALE. GIUDIZIO (1-5) 1. Grado diautonomia Grado dipuntualità Capacità organizzative ne l espletamento delproprio incarico Grado diadattabilità alverificarsidicam biam entiambientalied organizzativi M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): C AREA DELLA CO NGRUENZA CO N L INCARICO RICEVUTO GIUDIZIO (1-5) Obiettividelcontratto individuale M OTIVAZIONE DEGLISCO STA M EN TIDAL GIUDIZIO MEDIO DIRIFERIMENTO (3): EVENTUALIRILIEVI ED O SSERVAZIO NI DA PARTE DEL VALUTATO. Data IlResponsabile valutatore diprima istanza. Data IlDirigente valutato (perpresa visione) 17

18 ALLEG A TO 4 SCHEDA DIVALUTAZIONE PRO FESSIONALE / CO M PO RTAM ENTALE 2 A ISTANZA DIRIGENTE VALUTATO: TUTTII DIRIGENTI DIRIGENTE VALUTATO : PRO FILO PRO FESSIONALE : STRUTTURA AZIENDALE : TITO LARE D INCARICO DISTRUTTURA : SI NO TIPOLOGIA DELL INCARICO : DECO RRENZA DELL INCARICO : DINAMICA DELLE VALUTAZIONIPRO FESSIONALIDIPRIMA ISTANZA [RIF.A]: ANNO VALUTAZIONE SIN TETICA DI 1 ISTA N ZA IN FO RTE ASCESA IN MIGLIO RAM EN TO STABILE IN FLESSIONE IN N ETTO PEG G IORAMENTO RISULTANZE VALUTAZIONIDEL NAV NEL PERIODO DIRIFERIMENTO [RIF.B]: ANNO DI RIFERIMENTO ESITIDELLA VALUTAZIONE O SSERVA ZIONI,INDICAZIONI,RILIEVIDEL VALUTATORE DIPRIMA ISTANZA [RIF.C]: CONTRODEDUZIONI,O SSERVA ZIONI,INDICAZIONI,RILIEVIDEL VALUTATO [RIF.C]: 18

19 ANALISI DEL CO LLEG IO TECN ICO [RIF.C]: SINTESIVALUTAZIO NE CAPACITÀ GESTIO NALI/ M ANAGERIALI. TIPO LO GIA DELLE VALUTAZIONI PUNTEGGIO 1 A Istanza (giudizio medio delperiodo diriferimento) /100 [A] Andam ento neltem po (punteggio integrativo a carattere facoltativo a cura delct) /100 [B] Analisidelle valutazioniannualida parte delnav (punteggio integrativo a carattere facoltativo a cura delct) /100 [C] AnalisidelCollegio Tecnico (punteggio integrativo a carattere facoltativo a cura delct) /100 TOTALE /100 Valutazione finale,giudizio sintetico. Ilpresente Collegio Tecnico,sulla base dell analisidelcontesto om ogeneo deidirigentida valutare, pone ilvalore soglia delpunteggio da conseguire dalsingolo dirigente paria: /100. Considerato l andam ento neltem po della valutazione stessa,insiem e alla docum entazione agliatti,si esprime ilseguente giudizio sintetico: PO SITIVO NEGATIVO Data IlColegio Tecnico 19

20 ALLEG A TO 5 SCHEDA DIVALUTAZIONE GESTIONALE / MANAGERIALE 2 A ISTANZA. DIRIGENTE VALUTATO : DIRETTO RE/R ESPONSABILE DISTRUTTURA. DIRIGENTE VALUTATO : PRO FILO PRO FESSIONALE : STRUTTURA AZIENDALE : TIPOLOGIA DELL INCARICO : DECO RRENZA DELL INCARICO : PERIODO VALUTATO : DAL AL O SSERVA ZIONI,INDICAZIONI,RILIEVIDEL VALUTATORE DIPRIMA ISTANZA: CONTRODEDUZIONI,O SSERVA ZIONI,INDICAZIONI,RILIEVIDEL VALUTATO: ANALISIDEL NAV : 20

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-2001 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2000-2001

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-2001 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2000-2001 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-21 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2-21 A seguito del parere favorevole espresso in data 5 maggio 2 dal Comitato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA Regolamento di Organizzazione e Contabilità (ai sensi della L.R. n. 1/2003 e del regolamento regionale n. 11/2003) I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA. ( Approvato con deliberazione della Giunta municipale n.446 del 30/5/2002 e successive

COMUNE DI RAGUSA. ( Approvato con deliberazione della Giunta municipale n.446 del 30/5/2002 e successive COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO SUI CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E RELATIVA GRADUAZIONE DELLE FUNZIONI E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

Provincia di Venezia

Provincia di Venezia Provincia di Venezia POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Determinazione N. 1145 / 2014 Responsabile del procedimento: GRANDESSO NICOLETTA Oggetto: DEFINIZIONE DEL CRONO PROGRAMMA PER IL 2014/2016 RELATIVO AI

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI 1 Il giorno 12 settembre 2008, tra l AVIS Nazionale - Associazione

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI LONGI Provincia di Messina Via Roma, 2 98070 LONGI (ME) Tel. 0941 / 48.50.40 - Fax 0941 / 48.54.01 0941 / 48.53.42 Partita IVA: 02 810 650 834 C.F.: 84 004 070 839 c.c.p. 13 92 59 87 E mail:

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO CATANZARO CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2013 PERSONALE DEL COMPARTO

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO CATANZARO CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2013 PERSONALE DEL COMPARTO AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO CATANZARO CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2013 PERSONALE DEL COMPARTO 1 CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2013 PERSONALE del COMPARTO Articolo

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N.

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N. Versione 2015 Corso Re Umberto 77 10128 Torino Tel: 011 4546634 - Fax 011.19621008 segreteria@aequitasadr.it ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N. Alla sede AEQUITAS ADR di (Indirizzi e contatti delle sedi sono

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori...

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori... INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7 CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto.... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori.... 7 TITOLO II - STRUTTURA ORGANIZZATIVA E FUNZIONI DI

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI ALLEGATO A STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI SEGRETARIO GENERALE Individuazione aree/p.o. e ripartizione dei servizi AREA - POSIZIONE ORGANIZZATIVA N.1 1) Servizio affari generali, servizio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli