LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL"

Transcript

1 LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL PREMESSA Le profonde trasformazioni di natura demografica, sociale ed economica che hanno interessato i paesi europei a partire dagli anni Settanta, hanno visto emergere istanze e bisogni nuovi e posto l esigenza di promuovere una crescita sostenibile e inclusiva. Nello stesso tempo, le emergenze legate alla disoccupazione e alla povertà e i vincoli economicofinanziari dettati dalle politiche europee hanno messo in crisi i welfare nazionali, aprendo ampi spazi all evoluzione dei modelli sociali e culturali. Il settore della conciliazione vita-lavoro ha iniziato ad assumere rilevanza politica negli anni Ottanta, quando le istituzioni europee ne hanno messo in evidenza il ruolo strategico per lo sviluppo socio-economico dell area, ponendo alle legislazioni nazionali l obiettivo prioritario della parità di genere, del quale le politiche conciliative sono parte essenziale. Le iniziative idonee a favorire l ingresso e la permanenza delle donne nel mondo del lavoro sono state difatti considerate capaci di conseguire, almeno potenzialmente, la duplice finalità di rilanciare la produttività delle aziende e di ampliare la sfera di libertà degli individui, promuovendo il miglioramento della qualità di vita e il benessere materiale. La conciliazione è stata inizialmente considerata in una prospettiva prevalentemente femminile e solo recentemente la tematica ha assunto un significato diverso, orientato alla ridefinizione dei ruoli di genere e alla condivisione dei compiti di cura in ambito familiare. Il nuovo approccio rappresenta un forte stimolo al cambiamento perché coinvolge l intera società, in tutti gli ambiti della vita, personale e pubblica; investe l equilibrio dei carichi di cura all interno della famiglia; modifica l organizzazione del lavoro e ne migliora la produttività; influenza i tempi della città e l erogazione di servizi pubblici e privati. Gli specifici interventi normativi e l attenzione manifestata dalle imprese e dalle pubbliche amministrazioni alle tematiche della conciliazione, hanno stimolato la produzione di misure concrete per venire incontro alle esigenze del personale, relative alle modalità di organizzazione dell attività lavorativa, alla formazione della cultura aziendale, agli strumenti di supporto economico e ai servizi di cura in ambito familiare. Nel quadro dei recenti interventi di razionalizzazione dell amministrazione pubblica in tema di pari opportunità, si inserisce la Legge 4 novembre 2010, n. 183, che all articolo 21 prevede la costituzione dei Comitati Unici di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni presso le pubbliche amministrazioni (CUG), con l obiettivo di assicurare pari opportunità, salute e sicurezza nell ambiente di lavoro e favorire l'ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, migliorando l'efficienza delle prestazioni e il benessere lavorativo.

2 Il Comitato Unico di Garanzia dell INAIL ha operato, dalla sua costituzione, in posizione di staff con il Direttore Generale e in stretta collaborazione con le Direzioni Centrali competenti, nell ambito dei poteri propositivi, consultivi e di verifica che l ordinamento gli conferisce. Con l obiettivo di favorire concretamente la partecipazione equilibrata del proprio personale alla vita familiare e lavorativa, l Istituto, su proposta del Comitato Unico di Garanzia, adotta il presente documento inerente alla conciliazione Vita-Lavoro, allo scopo di facilitare la divulgazione degli strumenti finora adottati, promuoverne l utilizzo e contribuire al miglioramento del benessere delle persone e della produttività delle strutture. MISURE DI CONCILIAZIONE OPERANTI NELL ISTITUTO 1. ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Ripensare l organizzazione del lavoro al proprio interno è stato il primo intervento realizzato dall Istituto per favorire la conciliazione tra vita privata e lavoro, ridefinendo sia i tempi che i luoghi di lavoro. A. tempi di lavoro Ai dipendenti è offerta un ampia possibilità di pianificare il proprio orario lavorativo, rendendolo flessibile e capace di adattarsi alle esigenze della famiglia. Flessibilità dell orario lavorativo Consiste nella possibilità di variare il proprio orario di entrata e di uscita dal luogo di lavoro, mantenendo la presenza in alcune ore centrali della giornata, mediante il ricorso ai seguenti istituti: a) flessibilità oraria ai dipendenti è consentito di effettuare l orario di lavoro all interno di una fascia oraria che lascia la libera determinazione, entro parametri predeterminati, dell orario di ingresso (flessibilità in entrata, consentita sino alle ore 10,00) e di uscita (flessibilità in uscita, prevista a partire dalla fine della fascia oraria di presenza garantita, di norma fissata alle 12,30); b) articolazione dell orario di lavoro nella fascia pomeridiana ai dipendenti che ne facciano richiesta è consentito di effettuare la prestazione lavorativa nella fascia oraria pomeridiana, con ingresso entro le ore 11,48; c) flessibilità della fruizione della pausa pranzo i dipendenti possono effettuare la pausa pranzo in un tempo che varia da un minino di 30 minuti ad un massimo di 2 ore, comprese nella fascia oraria 12,30-14,30; d) recupero agevolato delle ore lavorative ai dipendenti che hanno accumulato un debito orario (per flessibilità in entrata e in uscita, permessi, ritardi) è consentito di recuperare le ore non lavorate svolgendo ore extra all interno dell orario di struttura delle sedi di appartenenza, entro il mese successivo a quello di riferimento, ovvero, previo accordo con il dirigente responsabile, entro i tre mesi successivi a quello di riferimento attraverso l articolazione di piani di recupero specificamente previsti; e) accumulo di maggior orario ai dipendenti è data la possibilità di effettuare ore eccedenti il proprio orario ordinario di lavoro, accumulando sino a 40 ore extra nel c.d. pozzetto ore eccedenti; tali ore possono

3 essere utilizzate dal dipendente sia per compensare eventuali debiti orari maturati, sia per fruirne in un momento successivo, con modalità ad ore o per l intera giornata. Lavoro a tempo parziale (part-time) Il part-time è un riduzione dell orario lavorativo ordinario, in termini di giorni lavorativi (part-time verticale), ore lavorative giornaliere (part-time orizzontale) o in entrambe le forme (part-time misto). L Istituto prevede a livello nazionale un contingente di posizioni concedibili in part-time, disciplinando le diverse modalità di fruizione in ragione delle differenti necessità di conciliazione avanzate dai dipendenti. Sono consentite le due tipologie di part-time verticale ed orizzontale, con articolazione sino al 90 % dell orario ordinario, flessibilità oraria in entrata in uscita e possibilità di accumulare ore eccedenti da fruire successivamente. A questa tipologia di prestazione oraria si aggiunge, al di fuori del contingente di part-time già previsto, il cd. part-time breve, la cui durata è limitata da un periodo minimo di 2/3 mesi sino ad un massimo di 6, per il reinserimento dei dipendenti che abbiano maturato lunghe assenze dal lavoro, quali l astensione obbligatoria per maternità o per malattia di durata superiore ai due mesi. B. luoghi di lavoro In relazione al luogo di svolgimento dell attività lavorativa, l Istituto prevede la possibilità di delocalizzare, almeno in parte, il lavoro. Telelavoro domiciliare Il telelavoro è una prestazione lavorativa a distanza che consente ai dipendenti che presentino particolari esigenze di cura e assistenza familiare e la cui attività professionale sia stata definita telelavorabile, di fornire la prestazione lavorativa presso la propria abitazione. Con riferimento ai requisiti, sono autorizzati a lavorare da casa per un periodo di 6 mesi, prorogabile nel tempo ad un massimo di 30 mesi nel quinquennio, i dipendenti che si trovino in particolari condizioni, quali la necessità di sostegno e cura dei figli sino al compimento degli 8 anni, ovvero al verificarsi di situazioni temporanee tali da rendere disagevole il raggiungimento del luogo di lavoro o ancora per la necessità di provvedere alla cura di altri familiari o conviventi. Il requisito del periodo massimo di 30 mesi non viene considerato in caso di situazioni di disabilità permanente e irreversibile, di intensità tale da rendere disagevole il raggiungimento del luogo di lavoro. L Istituto non ha fissato a livello nazionale un contingente di postazioni per l accesso all attività lavorativa da remoto da assegnare ai dipendenti che ne facciano richiesta, preferendo indicare un numero consigliato per tipologia di articolazione organizzativa e dare la possibilità ai responsabili delle diverse strutture di individuare nelle singole fattispecie la possibilità di autorizzare il numero di progetti di telelavoro ritenuto compatibile con le esigenze delle strutture stesse. Al fine di favorire l impegno lavorativo in momenti del ciclo di vita individuale e/o familiare caratterizzati da richieste di maggior presenza e cura, per i dipendenti che lo richiedano per imprevisti ed eccezionali motivi di carattere familiare o personale, è prevista la possibilità di accesso al telelavoro dal domicilio con un progetto, di durata definibile da un minimo di 15 giorni fino ad un massimo di 3 mesi, da attuare con modalità informatiche flessibili. Infine, per consentire alla lavoratrice neo mamma, ovvero al neo papà, di conciliare l impegno richiesto per la dedizione al bambino con le esigenze di lavoro, è prevista la possibilità di accedere al telelavoro parentale con un progetto unico, sviluppato per un periodo che può protrarsi sino ai tre anni di età del bambino. Nel caso di adozione o di affidamento, il telelavoro può essere fruito durante i primi trentasei mesi successivi all ingresso del bambino nella famiglia affidataria o adottiva.

4 I costi di fornitura, installazione, manutenzione e riparazione degli strumenti informatici e dei supporti tecnici necessari sono a carico dell Istituto. Nel periodo autorizzato alla prestazione in telelavoro il dipendente rimane incardinato nella struttura di appartenenza. Assegnazione temporanea In presenza di gravi motivi, come la grave malattia di un familiare, il dipendente che ne faccia richiesta può essere assegnato temporaneamente presso altra struttura in ambito nazionale per un periodo di sei mesi, rinnovabile fino ad un massimo di 15 mesi. Nel caso in cui l assegnazione sia motivata dalla presenza di figli minori di tre anni, il dipendente può essere assegnato ad altra struttura, nella città dove risieda l altro genitore, per un periodo di 36 mesi. 2. STRUMENTI DI SUPPORTO ECONOMICO L Istituto ha previsto l utilizzo del sistema di retribuzioni come strumento di sostegno alle famiglie e ai singoli dipendenti che si trovino ad affrontare determinate necessità o situazioni particolari. Benefici assistenziali e sociali L Istituto eroga contributi economici, una volta all anno e per ciascun figlio, ai dipendenti che ne facciano richiesta, a sostegno delle spese sostenute e documentate. I budget di spesa rimborsabili e le varie tipologie di contributo sono stati fissati con differenti accordi stipulati dalla delegazione di parte pubblica dell Istituto e dalle sigle sindacali EPNE, ovvero del Comparto Ricerca. Tali contributi sono erogati in favore del personale EPNE per i seguenti ambiti: a) benefici estivi è erogato un contributo alle spese sostenute per l accesso dei figli, di età compresa fra i 3 mesi e i 14 anni, alla frequenza di centri estivi, limitatamente al periodo giugno-settembre di ciascun anno; b) contributi per le spese connesse allo studio è previsto un contributo per le spese sostenute nell educazione scolastica dei figli che frequentano la scuola elementare, la scuola secondaria di primo e secondo grado, l Università; c) contributo per lo studio della lingua straniera previsto per le spese sostenute per la frequenza di un corso di lingua straniera da parte dei figli; d) festività di fine anno: contributo erogato per i figli in età prescolare. Per il personale della Ricerca: a) contributo economico previsto per fronteggiare situazioni di necessità e gravi eventi quali decesso del dipendente, del coniuge, del convivente more uxorio o del figlio, per incendio della casa, per trasloco; b) borse di studio riservate ai figli di dipendenti che frequentano le università o le scuole secondarie di primo e secondo grado; c) acquisto di libri per i libri universitari e per le scuole secondarie di primo e secondo grado; d) asili nido e scuole dell infanzia

5 per la frequenza presso strutture pubbliche o private; e) contributi per bambini che frequentino le scuole primarie e l università; f) assistenza sanitaria per i casi non coperti da polizza sanitaria dell Istituto. Polizza sanitaria L Istituto stipula una polizza assicurativa per l assistenza sanitaria integrativa al SSN, per il rischio di premorienza e per la perdita dell autosufficienza a favore dei dipendenti in servizio, dei loro familiari a carico, con possibilità di estensione anche ai familiari conviventi non a carico e dei dipendenti in quiescenza. Sono previste forme di rimborso di spese mediche per ricovero, dayhospital, intervento chirurgico e altre prestazioni diagnostiche. Prestiti personali L Istituto eroga prestiti ai dipendenti che debbano sostenere spese personali, il cui ammontare è commisurato all importo dello stipendio percepito e all anzianità di servizio prestata, con ammortamento sino a 120 rate mensili e con applicazione del tasso di interesse dell 1,00 %. Mutui ipotecari L Istituto concede ai dipendenti, e in taluni casi anche ai dipendenti in quiescenza, mutui ipotecari per l acquisto dell alloggio di prima abitazione o per lavori di ristrutturazione dell alloggio di prima abitazione, per un importo massimo concedibile di ,00 nella misura del 100% della spesa sostenuta per l acquisto, con una durata massima dell ammortamento di 35 anni e l applicazione di un tasso di interesse del 2,50% per i primi 20 anni e del 3,00 % per la residua durata. Convenzione telefonia mobile L Istituto ha attivato una convenzione con il gestore telefonico TIM per la fornitura di SIM card ricaricabili ai dipendenti. Sia l acquisto della scheda che il costo del traffico telefonico e della connessione ad internet sono particolarmente agevolate. 3. SERVIZI DI CURA L Istituto, ricorrendo a una società esterna, offre uno specifico servizio (asilo nido aziendale) volto a supportare i dipendenti nell adempimento delle incombenze legate alla gestione dei figli. Dal 2006 l asilo nido aziendale Il naso all insù è operante presso la sede di Piazzale Pastore in Roma. L asilo nido è un servizio educativo e sociale messo a disposizione dei bambini di età compresa fra 3 mesi e 3 anni, i cui genitori o nonni siano dipendenti ovvero facciano parte del personale in servizio con contratto di collaborazione coordinata e continuativa o ancora siano componenti degli organi d Istituto. L asilo ha una recettività complessiva di 31 posti, dei quali 22 destinati ai figli o nipoti dei dipendenti e del personale sopra indicato e 9 ai bambini provenienti dalle liste d attesa comunali. E aperto dal 1 settembre di ogni anno al 31 luglio dell anno successivo, dal lunedì al venerdì, dalle ore 7,30 alle ore 18,00. L Istituto partecipa al pagamento della retta mensile per i dipendenti e il personale sopra indicato.

6 4. CULTURA AZIENDALE L Istituto rivolge particolare attenzione al tema del rapporto tra famiglia e lavoro, non solo come ad uno degli elementi costitutivi della cultura aziendale, ma anche con riferimento alla realizzazione dei propri compiti istituzionali in materia di prevenzione, anche in ottica di genere e di rischio da stress lavoro-correlato. A. formazione L Istituto incarica il Comitato Unico di Garanzia di realizzare specifiche attività di formazione rivolte ai propri dirigenti per l approfondimento del tema del benessere organizzativo sotto il profilo dell attuazione dei principi di parità, di pari opportunità e di contrasto alle discriminazioni, dirette e indirette. B. comunicazione e divulgazione Sui temi della conciliazione, della parità, delle pari opportunità, del contrasto alle discriminazioni e della sicurezza in ottica di genere, l Istituto promuove una serie di iniziative. Divulgazione della cultura di genere anche attraverso la Rete: INAIL Donne presente su Facebook e Twitter L Istituto è impegnato nelle politiche di contrasto a fenomeni di violenza o di discriminazione, non solo nei riguardi delle proprie dipendenti, ma di tutte le donne. L attuazione di tali politiche è assicurata anche per il tramite di strumenti divulgativi che tengano in debito conto l attuale evoluzione della comunicazione informatica e il ruolo assunto dai siti di reti sociali. A tale scopo l Istituto ha aperto un proprio profilo sui social network Facebook e Twitter, specificamente dedicato alle donne. Progetto Salute e sicurezza sul lavoro, una questione anche di genere L Istituto sperimenta in aziende pilota taluni strumenti operativi volti a valutare correttamente l esposizione ai fattori di rischio anche in ottica di genere. La ricerca ha consentito il rilascio di metodologie e strumenti d indagine che, nell ambito dei processi lavorativi e delle situazioni organizzative dell azienda, consentono ai datori di lavoro dell Istituto di valutare correttamente e prevenire il rischio in relazione al genere. 5. CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI INAIL L Istituto ha adottato il Codice di comportamento dei dipendenti INAIL. Il Capo II di tale Codice è dedicato alla tutela delle pari opportunità, alla valorizzazione del benessere organizzativo e alla lotta contro le discriminazioni.

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Che cos è Il Comitato Unico di Garanzia, istituito ai sensi dell art.

Dettagli

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere Piano triennale delle azioni positive 2011/2013 Il Piano triennale di azioni positive nasce dal lavoro svolto dal Comitato per le pari opportunità e è stato in seguito ratificato dal Comitato unico di

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIONCAMERE. Art. 1 Oggetto del regolamento

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIONCAMERE. Art. 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIONCAMERE Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Ai sensi dell art.65 del Contratto collettivo per il personale non dirigente dell

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

Coordinamento Donne Fisac Piemonte

Coordinamento Donne Fisac Piemonte PIEMONTE : un analisi che parte dal Piemonte Partiamo dal presupposto che ad oggi la suddivisione dei ruoli tra donne ed uomini continua ad essere un utopia. Ce lo confermano le recenti statistiche ISTAT

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE 2014 2016

PIANO AZIONI POSITIVE 2014 2016 pag. 1/9 PIANO AZIONI POSITIVE 2014 2016 Data applicazione: 04/12/2014 Elaborazione: Dott. Stefania Bertoldo - Presidente CUG Copia: CONTROLLATA Condivisione con i componenti del CUG, tramite e-mail il

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE 42 CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 220/I0093427 P.G. NELLA SEDUTA DEL 20/12/2004 A RIFERIMENTI NORMATIVI L. 285/1997, art. 4 La L. 285/1997

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale. Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011

Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale. Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011 Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011 1 Sostenibilità: centralità delle persone WA 2 Welfare aziendale: perché adesso? Valori

Dettagli

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE Nel campo delle pari opportunità, della solidarietà e della conciliazione tempi di lavoro e di vita (Allegato e parte integrante al Contratto di 2 livello

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOGGETTI PRIVATI (approvato con delibera C.C. n 49 del 24/06/2000)

Dettagli

Welfare Unicredit Group

Welfare Unicredit Group Welfare Unicredit Group Informativa Quadri Sindacali Fisac CGIL Ottobre 2007 A cura della Fisac/CGIL Unicredit Group VALIDITÀ: SOLO PER I DIPENDENTI UNICREDIT GROUP PERIMETRO ITALIA Unicredit Group 2 CONTRIBUTO

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E LAVORO, PARI OPPORTUNITÀ E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA il 19 aprile 2013, in Roma tra l Associazione Bancaria Italiana e (omissis) Premesso

Dettagli

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha:

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B Premessa Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Sull o.d.l. Sulla qualità della vita Sulla competitività

Dettagli

a) le finalità, gli obiettivi, gli ambiti di applicazione, i beneficiari dell intervento e i requisiti richiesti per l accesso al microcredito;

a) le finalità, gli obiettivi, gli ambiti di applicazione, i beneficiari dell intervento e i requisiti richiesti per l accesso al microcredito; Allegato alla Delib.G.R. n. 56/7 del 29.12.2009 Criteri e modalità di gestione del fondo di garanzia etica. Art. 3, comma 2, lett. e), della L.R. n. 1/2009. PREMESSA. Questa direttiva definisce i criteri

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

ALL. B LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL VOUCHER ALLA PERSONA PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI

ALL. B LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL VOUCHER ALLA PERSONA PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALL. B LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL VOUCHER ALLA PERSONA PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI Le presenti disposizioni hanno lo scopo di definire le modalità e le procedure per la gestione del voucher alla

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Torino, 11 novembre 2013 Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Prestazioni Assistenziali a favore dei Dottori Commercialisti In caso di Gravidanza: -Indennità di maternità -Interruzione

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Proposta di legge n. 290 Cittadinanza di genere SOMMARIO PREAMBOLO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO, PRINCIPI E OBBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obbiettivi TITOLO II AZIONI PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

Comune di Avigliana. Provincia di Torino

Comune di Avigliana. Provincia di Torino Comune di Avigliana Provincia di Torino REGOLAMENTO Per le prestazioni sociali e per l applicazione dell I.S.E.E. (Indicatore Situazione Economica Equivalente) Approvato dal Consiglio Comunale in data

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DEL TELELAVORO PER IL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DEL TELELAVORO PER IL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DEL TELELAVORO PER IL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO Emanato con D.R. n. 38 del 29 gennaio 2015 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione... 2 Art. 2 - Definizione...

Dettagli

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007)

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) CONTO CORRENTE PERSONALE BANCA Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) Tasso creditore BCE 0,50 Norme generali: - è intestato al dipendente o al pensionato; - può essere cointestato

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

Divisione Risorse Finanziarie, Tecniche e Logistiche

Divisione Risorse Finanziarie, Tecniche e Logistiche Divisione Risorse Finanziarie, Tecniche e Logistiche Via Duomo, 6-13100 Vercelli Tel. 0161261510 Fax 0161211358 IL DIRIGENTE DELLA DIVISIONE RISORSE FINANZIARIE TECNICHE E LOGISTICHE Oggetto: IPOTESI DI

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

IV.3 Politiche per l equità

IV.3 Politiche per l equità IV.3 Politiche per l equità L indice di povertà relativa, misurato con la metodologia comunitaria, è nel nostro paese del 19 per cento (quota della popolazione che vive sotto la linea di povertà relativa),

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015)

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015) BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO UNA TANTUM RIVOLTO AD AZIENDE PUBBLICHE E PRIVATE, ASSOCIAZIONI, e PROFESSIONISTI ISCRITTI AGLI ALBI CHE ADOTTANO PROCEDURE DI BUONE PRASSI PER

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER COMUNE DI CARANO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER Approvato con deliberazione C.C. nr. 28 dd. 29.11.2007. In vigore

Dettagli

Delibera n. 3519 del 15 novembre 2006

Delibera n. 3519 del 15 novembre 2006 Delibera n. 3519 del 15 novembre 2006 Alla Famiglia e Solidarietà Sociale e alla Sanità Gian Carlo Abelli ESTENSIONE SPERIMENTALE DELL EROGAZIONE DEL PRESTITO SULL ONORE ALL EVENTO COSTI PER L EDUCAZIONE

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 Comune di Cinisello Balsamo Allegato A) alla Deliberazione di Giunta comunale n. 112 del 28/05/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piano di Azioni Positive

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

AGE.AGEDP1RM.REGISTRO DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE.0000119.21-11-2013-R

AGE.AGEDP1RM.REGISTRO DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE.0000119.21-11-2013-R AGE.AGEDP1RM.REGISTRO DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE.0000119.21-11-2013-R Direzione Provinciale I di Roma Staff del Direttore Roma 21/11/2013 DISPOSIZIONE DI SERVIZIO N. 98/2013 ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI

Dettagli

Il nuovo welfare dei Dottori Commercialisti. Napoli 01/04/2016

Il nuovo welfare dei Dottori Commercialisti. Napoli 01/04/2016 Il nuovo welfare dei Dottori Commercialisti a sostegno dell EQUILIBRIO PSICO FISICO Napoli 01/04/2016 Giuseppe Puttini Consigliere CNPADC Polizza base > per i momenti difficili della vita La Cassa, ad

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere.

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere. LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA Cittadinanza di genere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 11 del 6 aprile 2009 Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

Piattaforma per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale ALTRAN Italia

Piattaforma per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale ALTRAN Italia Piattaforma per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale ALTRAN Italia Art. 1 SFERA DI APPLICAZIONE Il Contratto Integrativo deve essere applicato a tutti i Dipendenti di tutte le sedi di ALTRAN

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

RELAZIONE DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ANNO 2012

RELAZIONE DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ANNO 2012 RELAZIONE DEL COMITATO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ANNO 2012 1. Premessa. La presente Relazione è redatta ai sensi dell art. 3.3 della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del

Dettagli

Roma, 8.3.2012 Agli Iscritti ex Enam c/o loro Scuole Primarie e dell Infanzia

Roma, 8.3.2012 Agli Iscritti ex Enam c/o loro Scuole Primarie e dell Infanzia DIREZIONE CENTRALE CREDITO E WELFARE Roma, 8.3.2012 Agli Iscritti ex Enam c/o loro Scuole Primarie e dell Infanzia Oggetto: Attività di assistenza magistrale (ex Enam) Situazione attuale delle prestazioni

Dettagli

Pratiche di conciliazione in Accor Services Italia/Edenred

Pratiche di conciliazione in Accor Services Italia/Edenred Pratiche di conciliazione in Accor Services Italia/Edenred Moms@Work: la mamma come risorsa per le aziende 24 giugno 2010 Direzione Risorse Umane La nostra missione Azienda solidale e responsabile, partner

Dettagli

IL NUOVO CIA DI REALE MUTUA E REALE IMMOBILI

IL NUOVO CIA DI REALE MUTUA E REALE IMMOBILI IL NUOVO CIA DI REALE MUTUA E REALE IMMOBILI Nelle assemblee svoltesi ieri a Torino, i numerosi colleghi presenti hanno calorosamente ed all unanimità approvato l ipotesi di rinnovo dei CIA di Reale Mutua

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio vembre 2013 QUESTIONARIO di rilevazione dei bisogni di conciliazione lavoro/famiglia a cura del Comitato Unico di Garanzia e del Servizio Pari Opportunità del Comune di Chioggia. Il Comitato Unico di Garanzia

Dettagli

Come cambia la tutela della maternità e paternità. Barbara Maiani

Come cambia la tutela della maternità e paternità. Barbara Maiani Come cambia la tutela della maternità e paternità Barbara Maiani I principi della legge delega Allo scopo di garantire adeguato sostegno alle alla genitorialità cure parentali, attraverso misure volte

Dettagli

Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato

Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato Franca Maino Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche, Università di Milano Laboratorio Percorsi di secondo welfare, Centro Einaudi Giornata

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO 2013-2015

PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO 2013-2015 Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bergamo PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO 2013-2015 (art. 9, comma 7, del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179 convertito con legge n. 221 del 17 dicembre

Dettagli

Gli aspetti fiscali del welfare aziendale. Studio Associato Specchio

Gli aspetti fiscali del welfare aziendale. Studio Associato Specchio Gli aspetti fiscali del welfare aziendale Studio Associato Specchio Scopo: esistono soluzioni per aumentare il reddito netto percepito dal dipendente riducendo il costo aziendale derivante da un tale aumento?

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE PROVINCIA DI BARI C.F. e Partita IVA 00878940725 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALL INFANZIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

AVVISO Home Care Premium 2012

AVVISO Home Care Premium 2012 INPS Gestione Ex Inpdap Direzione Centrale Credito e Welfare AVVISO Home Care Premium 2012 Per l adesione e la gestione di Progetti Innovativi e Sperimentali di Assistenza Domiciliare per l intervento

Dettagli

6.4.2.1. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie) (del 15 settembre 2003)

6.4.2.1. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie) (del 15 settembre 2003) 6.4.2.1 Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie) (del 15 settembre 2003) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio

Dettagli

Programma Ore Preziose

Programma Ore Preziose Programma Ore Preziose Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale Servizio della Programmazione Sociale e dei Supporti alla Direzione Generale Cagliari, 9 marzo 2009 LA CONCILIAZIONE Conciliare

Dettagli

COMUNE DI VERTEMATE CON MINOPRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D ONORE

COMUNE DI VERTEMATE CON MINOPRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D ONORE COMUNE DI VERTEMATE CON MINOPRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D ONORE Approvato dal Consiglio Comunale con la deliberazione n. 9 del 31/03/2015 REGOLAMENTO SUL PRESTITO D ONORE Art. 1 Oggetto

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "ARCANGELO GHISLERI"

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ARCANGELO GHISLERI Al Dirigente Scolastico I.I.S. A. GHISLERI CREMONA Il/la sottoscritto/a nato/a il a (Prov. ) residente a (Prov. ) in Via n, in servizio presso questa Istituzione scolastica in qualità di, C H I E D E di

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

Gestione credito e attività sociali Inpdap

Gestione credito e attività sociali Inpdap Istituto Nazionale di Previdenza Per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Gestione credito e attività sociali Inpdap 11 buone ragioni per aderire Gestione credito e attività sociali Inpdap 11 buone

Dettagli

FONDO SOLIDARIETA ENTE BILATERALE DEL TERZIARIO 2013 REGOLAMENTO

FONDO SOLIDARIETA ENTE BILATERALE DEL TERZIARIO 2013 REGOLAMENTO FONDO SOLIDARIETA ENTE BILATERALE DEL TERZIARIO 2013 REGOLAMENTO ART. 1 Ai sensi della Delibera del 3 giugno 2013 del Consiglio dell Ente Bilaterale del Terziario: distribuzione e commercio della provincia

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA TRIENNIO 2015/2017 (Art. 48 del D.Lgs. 198/2006) Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

PIATTAFORMA CONTRATTO INTEGRATIVO BANCA DELL'ARTIGIANATO E DELL'INDUSTRIA

PIATTAFORMA CONTRATTO INTEGRATIVO BANCA DELL'ARTIGIANATO E DELL'INDUSTRIA Maggio 2009 PIATTAFORMA CONTRATTO INTEGRATIVO BANCA DELL'ARTIGIANATO E DELL'INDUSTRIA PREMIO AZIENDALE (EX V.A.P.) Viene richiesto con decorrenza 1/1/2008 erogazione 2009 un premio aziendale secondo i

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Norme di attuazione delle disposizioni di cui al titolo IV del regolamento del Fondo di Previdenza Generale (Approvate dal Consiglio

Dettagli

Il marchio di genere

Il marchio di genere Il marchio di genere Iniziative intraprese ai fini della RSI Assessorato al Welfare I Piano di azione Famiglie al futuro II Piano di azione Famiglie al futuro Marchio Famiglie al futuro Bozza Linee guida

Dettagli