Aspetti metodologici e statistici degli studi clinici in oncologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aspetti metodologici e statistici degli studi clinici in oncologia"

Transcript

1 Roma, SSFA, November 11, 2013 Aspetti metodologici e statistici degli studi clinici in oncologia Paolo Bruzzi Epidemiologia Clinica IRCCS AUO San Martino-IST Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro Genova - Italy Biostatistica Formule matematiche Equazioni complesse Concetti astrusi Metodologia Strumenti critici 1

2 Biostatistica Formule matematiche Equazioni Complesse Concetti astrusi Metodologia Strumenti critici Nota Bene Lettura di articoli scientifici Scrittura di articoli scientifici Referaggio di articoli scientifici Disegno di studi clinici Referaggio di grant applications STESSI STRUMENTI CRITICI 2

3 Coordinate per valutare/interpretare i risultati di uno studio Validita interna: Validita esterna: Coordinate per valutare/interpretare i risultati di uno studio Validita interna: Validita statistica, assenza di bias/errore sistematico SONO VERI? Validita esterna: Possibilita di estrapolare/generalizzare i risultati Applicabilita COSA ME NE FACCIO? 3

4 Coordinate per valutare/interpretare i risultati di uno studio Validita interna: Validita statistica, assenza di bias/errore sistematico Risultati = Verita +/- caso Lettura di articolo: Ricerca di bias, errori (checklist) Validita Interna Identificazione dello/gli scopo/i dello studio Criteri di selezione espliciti Assegnazione casuale e imprevedibile dei trattamenti Rilevazione coerente/unbiased dell endpoint Piano statistico (appropriato) 4

5 Validita interna Nota Bene: L onere della prova e carico di chi presenta lo studio (bias fino a prova contraria) - Dettagliata presentazione di tutta la metodologia, l organizzazione e la realizzazione dello studio - Discussione esplicita di tutti i possibili bias e degli accorgimenti per evitarli/ridurne le conseguenze INFORMAZIONE MANCANTE = BIAS PRESUNTO Validita Esterna = Generalizzabilita? (termine ambiguo) 5

6 Validita Esterna come utilizzare i risultati dello studio? - Per confermare ipotesi biologiche (studi osservazionali es. prognostici) - Per fare altri studi (es. studi di fase II) - Per dimostrare un principio (proof of principle) - Per sviluppare linee guida - Per decidere il trattamento al letto del paziente Chi legge un articolo deve capire la chiave di lettura dello studio = validita esterna Validita Esterna VALIDITA INTERNA! Disegno di studio (Contrasto) Criteri di selezione/caratteristiche dei pazienti Tipologia dei centri partecipanti Protocollo terapeutico- follow-up Endpoint Compliance Contaminazione Precisione delle stime Analisi intention to treat 6

7 Validita interna Protocollo di ricerca Identificazione dello scopo(i) primario(i) Procedure di randomizzazione Scelta endpoint/ mascheramento Piano statistico Persi al follow-up/non valutati Analisi intention to treat Validita esterna VALIDITA INTERNA! Disegno di studio Criteri selezione /Caratteristiche dei pazienti Tipologia dei centri part.ti Protocolli clinici Endpoint Compliance Precisione delle stime Analisi intention to treat Contenuti: Piano Statistico - Endpoint primario e secondari - Indici riassuntivi - Piano di analisi statistica (contrasti, test, analisi per sottogruppi) - Livelli di significativita - Potenza- Sample Size - Interim analyses 7

8 Piano Statistico - Endpoint primario e secondari - Indici riassuntivi - Piano di analisi statistica (contrasti, test, analisi per sottogruppi) - Livelli di significativita - Potenza- Sample Size - Interim analyses Piano Statistico - Endpoint primario e secondari - Indici riassuntivi - Piano di analisi statistica (contrasti, test, analisi per sottogruppi) - Livelli di significativita - Potenza- Sample Size - Interim analyses 8

9 Analisi per sottogruppi Test appropriato Test di interazione Modelli Multivariati Molteplicita Analisi Intermedie Per superiorita Analisi sequenziali (group sequential analyses) Alfa-spending functions Per futility Conditional power Bayesian monitoring 9

10 Contenuti: Piano Statistico - Endpoint primario e secondari - Indici riassuntivi - Piano di analisi statistica (contrasti, test, analisi per sottogruppi) - Livelli di significativita - Potenza- Sample Size - Interim analyses Standard process of development of an anticancer drug ( 60s) Preclinical studies Phase I studies Phase II trial(s) Phase III trial(s) = Randomised Clinical Trial(s) of adequate size 10

11 Conventional Phase I Trials AIM -> Maximum Tolerated Dose Patients -> Refractory to standard treatments (often in different tumors) Design -> Adaptive - Dose increases based on observed toxicity Conventional Phase II Trials AIM -> Response rate worth phase III trials Patients -> Evaluable (i.e. metastatic) Pretrated/Untreated Design -> Uncontrolled Objective response: very specific 11

12 Development of a new cytotoxic drug Phase I Pre-treated pts MTD Phase II Tumour A Metastatic Pts High response rate Tumour B Metastatic pts Low response rate Phase III Metastatic Pts Survival (PFS) Phase III Radically Resected Pts Survival (RFS) Conventional Phase III Trials AIM -> Efficacy/Effectiveness - OS Patients -> Stage Specific Efficacy -> Ideal pts Effectiveness -> Future targets Design -> Classical RCT s (ITT, Double Blind, etc.) 12

13 Conventional Phase III Trials Statistics -> Predefined (Stopping rules for toxicity or efficacy based on predetermined interim analyses) Inclusion Criteria -> Fixed Size -> Huge Similar stiffness in other research areas? NO! (Guided) Trial and Error! Biology Engineering Chemistry Early results and new external knowledge are continuously used to modify the experiments 13

14 Contenuti: Piano Statistico - Endpoint primario e secondari - Indici riassuntivi - Piano di analisi statistica (contrasti, test, analisi per sottogruppi) - Livelli di significativita - Potenza- Sample Size - Interim analyses Per salvaguardare il tasso di errore! Protezione da risultati falsamente positivi: Metodologica: Randomizzazione, Intention to treat, (doppio cieco) Statistica: Piano statistico predeterminato Protezione da risultati falsamente negativi Dimensioni P value! 14

15 Why little (or no) flexibility was allowed in the design of Phase III trials? Frequentist statistical philosophy (see below) - Control of false positive rate (alfa error) No chance of replicating trials If positive, another RCT unethical If negative, replication too expensive Inadequate knowlege of cancer biology Inadequate knowledge of cancer biology Consequences Aspecific drugs (cytotoxic) Unselected patients (Non-small cell lung cancer, Colo-rectal cancer, Soft-tissue sarcoma, etc.) Large trials aimed at small/moderate effects Little chance to learn from early results 15

16 Last 2 decades Dramatic breakthroughs in Genetics Molecular biology Cancer biology (Pathways, Angiogenesis, etc) Molecular techniques and engineering Pharmacology Last 2 decades Cancer molecular prognostic and predictive factors Cancer Targets Drugs with molecular targets (e.g. HER2) Drugs with biological targets (angiogenesis) (Pharmacogenomics) 16

17 Consequences New drugs -> New methods (Phase I-II) New Patients-> New methods (Phase II-III) Prognostic subgroups { Personalized Patients with the target Medicine Evaluable patients New Statistical Methods Perspectives a) Progress in biology/technology b) Personalised Medicine c) Statistical Innovations Radical changes in the way cancer trials are designed and analysed 17

18 Major Changes Sequence/Separation of phases Design of phase I-II-III trials Statistics Rigid separation of Phases Phase I -> MTD -> Dose increases in different groups of patients Phase II -> Activity -> Uncontrolled trial Phase III -> Efficacy -> RCT 18

19 Phase I Trials with modern drugs AIM : MTD? Dose-Response? Dose/Toxicity? Minimal effective dose? Association with chemotherapy Phase I-II trials Phase I-II trials of targeted therapies Study design (for dose-activity)? Randomization? (e.g. different doses) Patients? Duration of treatment? Single agent or + CTX? Endpoint? 19

20 Modern Phase II-III Trials? New Methodology? Modern Phase II-III Trials Challenges: - (Activity Endpoints) - Efficacy Endpoints (RFS-PFS?) - Interim Analyses - Selection of Patients -> Rarity 20

21 Rarity: New problem in cancer research Rare Tumors Rare Cancer Conditions Rare Tumors Rare histologies in frequent sites (e.g. squamous gastric cancer) Rare sites (e.g. uveal melanoma) Both (e.g. astrocytomas, most sarcomas) 21

22 Rare Cancer Conditions Rare tumors Rare presentations (e.g. skin metastases) Prognostic Subgroups Molecular Variants (of common tumors) Molecular Variants All cancers are going to become rare Early Breast cancer Her2+, Postmenopausal, ER+ In BRCA+ women Triple negative with low proliferation and N-. 22

23 Lung ADK: <40% senza driver mutation Best Available Evidence in rare cancers/cancer conditions Often no information/evidence from RCTs focused on the question of interest Studies of questionable validity Indirect(ly pertinent) evidence Subgroup analyses of low power 23

24 Causes of the problem SMALL NUMBERS = LIMITED EVIDENCE Misunderstanding of statistics Conventional statistical reasoning Conventional Statistical Rules A study must have an adequate size Unjustified Implication If an adequate size cannot be attained, no methodological ties Small size Poor quality 24

25 Study protocol Poor Quality? (Classified as Phase II trials) No Randomised controls Lack of planned comparisons with historical controls Primary endpoint: Objective response No statistical plan First take-home message The organization of a trial of small size (according to conventional statistical rules) requires more care in Protocol preparation Study design/methodology Statistical design Addressing Clinical & Organizational issues than a standard size trial 25

26 Causes of the problem Misunderstanding of methodology Conventional statistical reasoning Conventional Statistical Reasoning To reject H0, only evidence collected within one or more trials aimed at falsifying it can be used -> LARGE SAMPLE SIZE No use of External evidence Evidence in favor of 26

27 Example Question: Efficacy of radiochemotherapy in a tumor type very rare in a site (e.g. squamous histology in stomach c.) External evidence: RX+CTX is effective in squamous cancers in more common sites Evidence in favor of..: The response rate in a phase II trial is very high (e.g. 6/10) Does this information affect. - the sample size of the phase III trial aimed to assess RT+CTX in squamous gastric c.? - the analysis of its results (p value)? 27

28 Squamous gastric cancer Planning a trial of RT+CTX Analysing its results (p value) Squamous gastric cancer Planning a trial of RT+CTX Herbal therapy Analysing its results (p value) 28

29 Squamous gastric cancer Planning a trial of RT+CTX Herbal therapy Analysing its results (p value) Conventional (frequentist) statistical reasoning Exclusive reliance on experimental evidence Large Trials (Regardless of the available knowledge) 29

30 Large Trials Implication in rare tumors: Generic Selection criteria (All STS s + Stage + treatment line) - Appropriate for chemotherapy trials - Possibly inappropriate for trials of Targeted Therapies What can be done? 30

31 Methodological recommendations for clinical studies in rare cancers: a European consensus position paper P. G. Casali1,*, P. Bruzzi2, J. Bogaerts3, J.-Y. Blay4, on behalf of the Rare Cancers Europe (RCE) Consensus Panel - Annals of Oncology Adv. Acc. Publ. October 1, 2014 alternative ways to conceive study design, analysis of data and combination of results would be exceedingly important. It is possible that some innovative solutions may imply a price to pay in terms of a higher uncertainty. Recent statistical developments (<10 yrs) in rare cancers Bayesian Statistics Adaptive trials New types of evidence summaries Surrogate endpoints 31

32 Differences between Conventional (Frequentist) and Bayesian Statistics Meaning of probability Use of prior evidence Conventional P Probability of the observed difference (if the experimental therapy does not work) Bayesian Probability Probability that the experimental therapy works/doesn t work 32

33 Differences between Conventional and Bayesian Approaches Meaning of probability Use of prior evidence Conventional P Probability of the observed difference (if the experimental therapy does not work) Bayesian Probability Probability that the experimental therapy works/doesn t work (given observed difference and prior knowledge) 33

34 Conventional (frequentist) statistical reasoning Experimental evidence Bayesian statistical reasoning Experimental evidence + Previous Knowledge Proposed (Bayesian) methodology Prior information probability distribution of the likely effect of the experimental treatment + Trial results (if necessary and possible) = Posterior Probability distribution of the likely effect of the experimental treatment (range of plausible effects) 34

35 Example Mortality Tumor X Nil vs A 15% vs 10% N=2000 P = H0 Rejected: A is effective in X Example Mortality Tumor X Nil vs A 15% vs 10% N=2000 P = Tumor Y Nil vs A 15% vs 7.5% N= 240 P=0.066 H0 not rejected: A not shown effective in y 35

36 Prior Information: X and Y are BRAF+ Mortality Tumor X Nil vs A 15% vs 10% N=2000 P = Tumor Y Nil vs A 15% vs 7.5% N= 240 P=0.066 Prior Information: X and Y are BRAF+ A = Anti BRAF Mortality Tumor X Nil vs A 15% vs 10% N=2000 P = Tumor Y Nil vs A 15% vs 7.5% N= 240 P=0.066 INTERPRETATION? 36

37 Interpretation of the two trials CONVENTIONAL Tumor X: P = Tumor Y : P= Efficacy of treatment A Proven in X NOT PROVEN in Y Interpretation of the two trials BAYESIAN (Posterior) Probability that treatment A significantly (HR<0.8) lowers mortality in tumor X: >90% in tumor Y: >90% 37

38 Prior Evidence and Scientific Evidence Prior evidence is a crucial component in the interpretation of any finding (e.g. X-ray) Less direct evidence is required for decision when prior evidence is taken into account Bayesian statistics allows to conjugate prior evidence with trial results Disadvantages of Bayesian Statistics It is (felt as) Subjective Arbitrary Amenable to manipulations (pharma companies?) 38

39 Advantages of Bayesian Statistics Reflects human reasoning ( common sense ) It is focused on estimates of effect Provides a conceptual framework for medical decision making IT IS TRANSPARENT Recent developments (<10 yrs) in rare cancers Bayesian Statistics Adaptive trials New types of evidence summaries Surrogate endpoints 39

40 Systematic Reviews in rare cancers Need to use information from studies less than 100% VALID less than 100% PERTINENT TO THE QUESTION OF INTEREST, Weighted on the basis of their quality and pertinence Sources of evidence - (Randomised Trials) - Biological & Preclinical Studies - Case-reports - Uncontrolled studies - Studies with surrogate endpoints - Studies on the same cancer in different stages - Studies on cancers in different sites with similar features (molecular changes)? 40

41 If a new drug Note - with a well identified molecular target - which is present in subgroups of different tumors - shows strong clinical effects in one of these (usually the most frequent) it may become no longer ETHICALLY acceptable to start a Randomised trial in the other tumors CML -> Large RCT GLEEVEC GIST -> Large uncontrolled trial Other rare indications -> Case Series (dermatofibrosarcoma protuberans, plexiform neurofibromas, chordomas) 41

42 New paths to drug use Large RCT in a frequent cancer with the target - Proof of principle Toxicity Uncontrolled (but formal) trial(s) in other (rare) cancers with the target Off label use in individual cases with the target New paths to drug use Large RCT in a frequent cancer with the target - Proof of principle Toxicity Uncontrolled (but formal) trial(s) in other cancers with the target Off label use in individual cases with the target 42

43 Proposal Tan SB, Dear KB, Bruzzi P, Machin D. Strategy for randomised clinical trials in rare cancers. BMJ Jul 5;327(7405):47-9. Each piece of information (study) has to be used, weighted according to its: Precision Quality Pertinence (relevance to the study question) Differences between the present and the proposed approach Present : Rational but informal integration of the available knowledge (NCCN 2A) Proposed Formal, explicit and quantitative integration of the available knowledge Verifiable quantitative methods Sensitivity analyses Focus on summary effect estimates 43

44 Example: new approach New drugs in Pediatric melanoma Available Evidence: 1. RCT s in adults (completed, positive, indirect) + 2. Uncontrolled trials in children (ongoing) Pertinent but invalid Assembling evidence in rare cancers Need to develop and validate new (metaanalytic) approaches to summarize prior information in rare tumors Requirements Explicit Quantitative Reproducible 44

45 Recent developments (<10 yrs) in rare cancers Bayesian Statistics Adaptive trials New types of evidence summaries Surrogate endpoints Conventional Trials Methodology Rigid separation of PHASES of development Phase I -> MTD -> Dose increases in different groups of patients Phase II -> Activity -> Uncontrolled trials Phase III -> Efficacy -> RCT s 45

46 Conventional Trials Methodology Within each phase/trial One fixed primary aim/endpoint Fixed eligibility criteria Fixed treatment protocol Prespecified type/number/timing of analyses Prespecified sample size Within each phase/trial Adaptive trials One primary aim/endpoint Fixed eligibility criteria Fixed treatment protocol Prespecified type/number/timing of analyses Prespecified sample size 46

47 FDA s Guidance applies to A&WC studies A&WC Adequate and well-controlled effectiveness studies intended to provide substantial evidence of effectiveness required by law to support a conclusion that a drug is effective = Pivotal trials: BOTH PHASE II & III (Exploratory Studies)? 47

48 Adaptive design clinical trial FDA s Definition: a study that includes a prospectively planned opportunity for modification of one or more specified aspects of the study design and hypotheses based on analysis of data (usually interim data) from subjects in the study Why adaptative designs are so attractive? Early endpoints Molecular Endpoints Response rate It is possible to obtain, during the trial, crucial information to improve some of its design features 48

49 Most conventional trials have an adaptative component Stopping rules based on interim analyses: Toxicity Rejection of null-hypothesis Futility Examples of well-understood adaptive designs Adaptation of eligibility criteria. (per facilitare il reclutamento) Adaptations to maintain study power. (es. Se bassa incidenza, aumenti n. pz o durata f.-up) Adaptations for stopping early. (Interim analyses x Futility, Efficacy) 49

50 Less well-understood types of adaptations Adaptations for Dose Selection Studies. Adaptive Randomization Based on Relative Treatment Group Responses Adaptation of Sample Size Based on Interim-Effect Size Estimates Adaptation of Patient Population Based on Treatment- Effect Estimates Adaptation for Endpoint Selection Based on Interim Estimate of Treatment Effect Adaptation of Multiple-Study Design Features in a Single Study Adaptations in Non-Inferiority Studies Less well-understood types of adaptations Adaptations for Dose Selection Studies In studi di fase II-III, puo essere scelto - il dosaggio con il miglior rapporto tossicita / attivita - il regime piu tollerato - l associazione + attiva o - tossica 50

51 Less well-understood types of adaptations Adaptations for Dose Selection Studies. Adaptation of Patient Population Based on Treatment-Effect Estimates Viene selezionato il/i sottogruppo/i dove si osserva l effetto piu marcato del trattamento sperimentale Seamless Phase II-III Trials 51

52 Less well-understood types of adaptations Adaptations for Dose Selection Studies. Adaptation of Patient Population Based on Treatment-Effect Estimates Adaptation for Endpoint Selection Based on Interim Estimate of Treatment Effect Sulla base dei risultati di attivita si sceglie lo specifico target del trattamento (es. funzionalita vs sintomi, difficilmente utilizzabile in Oncologia) Less well-understood types of adaptations Adaptations for Dose Selection Studies. Adaptation of Patient Population Based on Treatment- Effect Estimates Adaptation for Endpoint Selection Based on Interim Estimate of Treatment Effect Adaptation of Multiple-Study Design Features in a Single Study Adaptations of Superiority/non-Inferiority margin Sulla base della tossicita osservata, si ridetermina il margine di non inferiorita o di superiorita 52

53 I-SPY2 Phase II trial in neoadjuv. setting (>3cm BC) Primary Endpoint: pcr Adaptive design Primary Aim: Compare the efficacy of new drugs in addition to standard CTX vs CTX Seconday Aim: Test, validate and qualify biomarkers of activity of new drugs GOAL: Identify subgroup-specific treatments I-SPY2 Main features Bayesian design Pre-trial-> predictive (posterior) probability of efficacy High predictive P: Regimens graduated with their corresponding biomarker Low predictive P: Regimens dropped Biomarkers: Standard (Eligibility) Qualifying Exploratory 53

54 I-SPY2 Main features Adaptations: Bayesian Adaptative randomization based on accumulating data in biomarkers subgroups Futility analyses to drop regimens uneffective in all subgroups Sequential monitoring to graduate a drug+biomarker pair when adequate predictive P is achieved -> phase III trial Informatics Portal to integrate and interpret huge amounts of complex and disparate data Concerns associated with adaptative design 1. Bias Associated with the Multiplicity of Options (False Positive results) 2. Difficulty in Interpreting Results When a Treatment Effect is Shown (Overestimate of effect size) 3. Operational Bias 54

55 Concerns associated with adaptative design - Blinded interim analyses - Unblinded interim analyses Blinded interim analyses Adaptations of eligibility criteria. Adaptations to maintain study power. based on blinded interim analyses of aggregate data. No bias No need to be (but better if) planned in advance 55

56 Adaptations based on unblinded analyses for stopping early for dose selection studies of patient subgroups based on treatment-effect estimates for end-point selection based on interim estimates of treatment effect Bias if not addressed in study design Requirements of adaptative trials Adaptations based on unblinded analyses - Planned in advance (study design-protocolstatistical plan-sops) - Statistical adjustments (larger sample size stricter p values Bayesian approach) - Specialised statistical support 56

57 Unplanned adaptations based on unblinded analyses Undermine the statistical validity of the study Compromise the possibility to interpret its results ALSO IN EXPLORATORY STUDIES Adaptive studies Bayesian Statistics 1. To monitor study results for early stop 2. To use validated surrogate endpoints 3. To extrapolate results across cancers of different sites bearing the same target 57

58 Adaptive trials Strong preclinical evidence of activity Adaptive trials Strong preclinical evidence of activity Phase IA: Safety 58

59 Adaptive trials Strong preclinical evidence of activity Phase IA: Safety Phase I-II Dose-response Randomised Comparison Biological endopint Stop if no activity Unselected pts Adaptive trials Strong preclinical evidence of activity Phase IA: Safety Phase I-II Dose-response Phase IIB Randomised Comparison Biological endopint Stop if no activity Unselected pts Surrogate endpoint (to select patients) 59

60 Adaptive trials Strong preclinical evidence of activity Phase IA: Safety Phase I-II Dose-response Phase IIB Randomised Comparison Biological endopint Stop if no activity Unselected pts Surrogate endpoint (sel. Pts) Efficacy (OS, PFS, RFS) Adaptive trials Strong preclinical evidence of activity Phase IA: Safety Phase I-II Dose-response Phase IIB Randomised Comparison Biological endopint Stop if no activity Unselected pts Surrogate endpoint (sel. Pts) Stop if no difference with control arm (futility) or toxicity Efficacy (OS, PFS, RFS) 60

61 Adaptive trials Strong preclinical evidence of activity Phase IA: Safety Phase I-II Dose-response Phase IIB Randomised Comparison Biological endopint Stop if no activity Unselected pts Surrogate endpoint (sel. Pts) Stop random if suff. evid. of efficacy Stop if no difference with control arm (futility) or toxicity Efficacy (OS, PFS, RFS) RCT -> EBM in Oncology Golden Age Rigid protocols Drugs Doses Cycles Modifications for toxicity or progression/relapse Generic Selection Criteria Site (e.g. Stomach) Histology (ADK vs Lymphoma) Stage (early vs late) 61

62 RCT -> EBM in Oncology Golden Age Large and Simple Clinical Trials - Systematic Reviews Meta-analyses Clinical Guidelines/Recommendations Generic Flexibility in pt management not considered Ideologia Sottostante: Equita Prospettiva di sanita pubblica (es. vaccinazioni) Piccoli effetti x grosse popolazioni = grandi benefici Terapie semplici, eguali x tutti (trombolisi, Tamoxifen) Pazienti non selezionati 62

63 Evidence Based Medicine Cookbook Medicine? New generation of efficacy trials in rare cancers Uncontrolled efficacy (phase II-III) trials of high quality Randomized activity (Phase II) trials followed by uncontrolled efficacy trials (with historical controls) RCT s with surrogate endpoints Adaptive, Bayesian, activity/efficacy RCT s 63

64 Previous Conclusion Planning of new trials with innovative design requires more care in.. Study Design Statistical Plan Protocol preparation Organization than a conventional trials New Conclusion Planning of new trials with innovative design requires more care in.. Study Design Statistical Plan Protocol preparation Organization than a conventional trials 64

65 Phase I-II trials of new therapies Critical issues 1. Endpoint 2. Design 3. Selection of patients 65

66 Endpoint= Most critical choice in the design of a phase II trial preclinical studies studies in other cancers studies with similar treatments feasibility Wrong endpoint effective treatment discarded Endpoints of Phase I-II trials Activity endpoints vs Surrogate (clinical) endpoints 66

67 Endpoints in phase II trials Phase II trials, if possible, should use Activity endpoints Stronger rationale for phase III trials Smaller size Negative Phase III trials can be interpreted Activity Endpoints = Biological Endpoints Activity of Targeted Agents = Biological Activity - Markers on tumor tissue or circ. tum. cells, - Markers in Plasma/serum, - Metabolic imaging, - etc. NEOADJUVANT PHASE II TRIALS 67

68 Designs Biopsy Window of opportunity study Experimental treatment (short term) Surgery / evaluation of activity Window of opportunity studies = Phase I-II studies Poorly Understood biologic effects: Exploratory Biologic-Molecular studies Expected mechanism of action against the proposed target= hypothesis driven studies Preliminary markers of tumor resistance or sensitivity: (-omics, tumor markers, host factors) To define a dose that effectively inhibits the drug target (MED) = dose-response studies. 68

69 Endpoints in Phase II (I-II) trials 2. Clinical Endpoints Objective response Time to progression/relapse Clinical Benefit (QoL, improvement in symtoms, combined endpoints) 2) Designs in Phase II (I-II) trials 1. Single-arm designs 2. Non-comparative randomised trials 3. Randomised comparative Phase II trials Necessary for non specific endpoints Sample Size < than in Phase III trials Various designs (e.g. random discontinuation) 69

70 Randomised Phase II (I-II) trials Reduced Sample Size Large Effect (esp. for biological endpoints) Relaxed significance level 0.10 (-23%) 0.20 (- 47%) Stopping rules for evidence of futility (clearly inactive treatment) 3) Selection of patients for Phase II trials Bearing the (presumed) target Increased power Only if strong biologic rationale Risk if wrong target 70

71 Phase II (I-II) trials Selection of patients Bearing the (presumed) target All patients Identification a posteriori of markers of susceptibility (targets) Much larger sample size (than needed if true target) Phase II (I-II) trials Selection of patients With the (presumed) target All patients Enriched populations (unbalanced sampling of pts with the target) 71

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383 Come pianificare uno studio clinico MD il giornale di Rivista Rivista dell Associazione Medici Diabetologi PERIODICO DI APPROFONDIMENTO SCIENTIFICO, FORMAZIONE, MODELLI ASSISTENZIALI S. De Riu 1, M.L.

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche. Come scrivere un articolo scientifico

Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche. Come scrivere un articolo scientifico Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche Come scrivere un articolo scientifico Giancarlo Cicolini g.cicolini@unich.it Elisabetta Palma e.palma@unich.it La ricerca della verità

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

[CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica

[CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica [CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica Stesura: Luglio 2006 A cura di: Alessandro Battaggia, Area Cardiovascolare SIMG Titolo: Critical

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER Price ExWorks Gallarate 60.000,00euro 95 needles, width of quilting 240cm, 64 rotative hooks, Pegasus software, year of production 1999

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

Medicina Narrativa: cos'è?

Medicina Narrativa: cos'è? Medicina Narrativa N.1 2011 Narrative Medicine: what is it? A. Virzì, O. Bianchini, S. Dipasquale, M. Genovese, G. Previti, M. S. Signorelli. Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico Vittorio emanuele

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Diss. ETH No. 20918. Information Theoretic Modeling of Dynamical Systems: Estimation and Experimental Design. for the degree of Doctor of Sciences

Diss. ETH No. 20918. Information Theoretic Modeling of Dynamical Systems: Estimation and Experimental Design. for the degree of Doctor of Sciences Diss. ETH No. 20918 Information Theoretic Modeling of Dynamical Systems: Estimation and Experimental Design A dissertation submitted to ETH Zurich for the degree of Doctor of Sciences presented by Alberto

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli