Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale"

Transcript

1 Prot. n. 2012/ Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE 1. Modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici 1.1 Al modello F24 enti pubblici approvato con provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 3 giugno 2010 sono apportate le modificazioni di seguito riportate. Nella sezione CONTRIBUENTE del modello di cui al punto 1.1 sono inseriti: a) la dizione Dati dell ente pubblico che effettua il versamento ; b) la dizione Dati da indicare in caso di pagamenti effettuati per conto di altri soggetti ed i relativi campi: versamento effettuato in qualità di in cui è indicato il codice identificativo del titolo in base al quale l'ente pubblico effettua il pagamento; per conto di in cui è indicato il codice fiscale del soggetto per conto del quale si effettua il pagamento. 1.2 I codici identificativi da indicare nel campo versamento effettuato in qualità di del modello F24 enti pubblici sono istituiti con successive risoluzioni dell Agenzia delle entrate e pubblicati sul sito internet

2 2 2. Approvazione del modello F24 enti pubblici e delle relative specifiche tecniche di trasmissione 2.1 Per effetto delle modifiche di cui al punto 1.1 con il presente provvedimento si approvano la nuova versione del modello di versamento F24 enti pubblici e le relative specifiche tecniche da utilizzare per la trasmissione telematica dei versamenti all Agenzia delle entrate. 2.2 La nuova versione del modello F24 enti pubblici e le relative specifiche tecniche sono riportate rispettivamente negli allegati A e B che costituiscono parte integrante del presente provvedimento. 3. Decorrenza 3.1 Le disposizioni contenute nel presente provvedimento decorrono dal 22 ottobre Per quanto non diversamente disciplinato dal presente provvedimento si applicano le disposizioni contenute nei provvedimenti del Direttore dell Agenzia delle entrate dell 8 novembre 2007 e del 23 marzo Motivazioni Il modello di versamento F24 enti pubblici (F24 EP) è utilizzato dal 1 gennaio 2008 dalle amministrazioni dello Stato e dagli enti pubblici titolari di contabilità speciali e conti di tesoreria unica per il versamento delle ritenute alla fonte dell IRAP dei tributi erariali dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi. Per consentire agli enti pubblici di effettuare i pagamenti per conto di altri soggetti nei casi di responsabilità solidale per il pagamento di imposte e contributi con il presente provvedimento sono approvate le modifiche al modello di versamento F24 EP che prevedono nella sezione Contribuente le dizioni Dati dell ente pubblico che effettua il versamento e Dati da indicare in caso di pagamenti effettuati per conto di altri soggetti nonché i campi versamento effettuato in qualità di e per conto di nei quali sono indicati rispettivamente il codice che identifica a quale titolo l'ente pubblico effettua il pagamento e il codice fiscale del soggetto per conto del quale si effettua il pagamento. Il

3 3 provvedimento inoltre approva le specifiche tecniche da utilizzare per la trasmissione telematica dei versamenti all Agenzia delle entrate. La versione aggiornata del software di compilazione e controllo è disponibile gratuitamente sul sito internet dell Agenzia delle entrate Riferimenti normativi Attribuzioni del Direttore dell Agenzia delle entrate - Decreto legislativo 30 luglio 1999 n. 300 (art. 8 comma 1; art. 57; art. 62; art. 66; art. 67 comma 1; art. 68 comma 1; art. 71 comma 3 lettera a); art. 73 comma 4); - Statuto dell Agenzia delle entrate pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20 febbraio 2001 (art. 5 comma 1; art. 6 comma 1); - Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle entrate pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 36 del 13 febbraio 2001 (art. 2 comma 1); - Decreto del Ministro delle Finanze 28 dicembre 2000 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 9 del 12 febbraio Disciplina normativa di riferimento - Legge 29 ottobre 1984 n. 720 (tabelle A e B): istituzione del sistema di tesoreria unica per enti ed organismi pubblici. (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 298 del 29 ottobre 1984); - Decreto del Ministro dell economia e delle finanze del 18 luglio 2005 emanato di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 179 del 3 agosto 2005); - Decreto legge 29 novembre 2008 n. 185 articolo 32-ter così come modificato dalla legge di conversione 28 gennaio 2009 n. 2 recante misure urgenti per il sostegno a famiglie lavoro occupazione e impresa e per ridisegnare in funzione anti-crisi il quadro strategico nazionale (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 22 del 28 gennaio supplemento ordinario n. 14);

4 4 - Decreto del Ministro dell economia e delle finanze del 12 marzo 2010 emanato di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale; - Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate dell 8 novembre Approvazione del modello F24 enti pubblici ; - Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 23 marzo 2009 Estensione dell utilizzo ad altre amministrazioni pubbliche nonché ad altre tipologie di tributi erariali - Approvazione nuove specifiche tecniche; - Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 3 giugno 2010 Modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici (F24 EP) e alle relative specifiche tecniche di trasmissione telematica per consentire i versamenti di contributi e premi dovuti agli enti previdenziali e assicurativi e i versamenti di altre tipologie relative a tributi erariali; - Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 5 luglio Estensione dell utilizzo del modello di versamento F24 enti pubblici (F24 EP) ai versamenti dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti all Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani (I.N.P.G.I.). La pubblicazione del presente provvedimento sul sito internet dell Agenzia delle entrate tiene luogo della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale ai sensi dell articolo 1 comma 361 della legge 24 dicembre 2007 n Roma 9 ottobre 2012 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Attilio Befera* *Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi dell art. 3 comma 2 D.L.gs n. 39/1993

5 genzia ntrate ALLEGATO A (modello F24 enti pubblici - F24 EP)

6 genzia ntrate MODELLO DI PAGAMENTO F24 ENTI PUBBLICI Mod. F24 Enti pubblici DELEGA IRREVOCABILE CONTRIBUENTE DATI DELL ENTE PUBBLICO CHE EFFETTUA IL VERSAMENTO CODICE FISCALE DENOMINAZIONE o RAGIONE SOCIALE DATI DA INDICARE IN CASO DI PAGAMENTI EFFETTUATI PER CONTO DI ALTRI SOGGETTI VERSAMENTO EFFETTUATO IN QUALITÀ DI PER CONTO DI - indicare il codice fiscale del soggetto per conto del quale si effettua il pagamento DETTAGLIO VERSAMENTO codice ufficio codice atto codice tributo/ sezione causale codice estremi identificativi riferimento A riferimento B importi a debito versati MOD. F24 ENTI PUBBLICI 2012 EURO ESTREMI DEL VERSAMENTO DATA giorno mese anno SI AUTORIZZA ADDEBITO SU CONTO DI TESORERIA SALDO FINALE EURO +

7 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici ALLEGATO B SPECIFICHE TECNICHE PER LA TRASMISSIONE TELEMATICA DEI MODELLI F24 EP DA PARTE DEGLI ENTI PUBBLICI

8 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici 1. AVVERTENZE GENERALI L esecuzione dei versamenti tramite il modello F24 enti pubblici (F24 EP) prevede la compilazione di un flusso informativo tramite il software fornito gratuitamente dall Agenzia delle Entrate sul sito internet ovvero con strumenti informatici diversi. Tale flusso informativo dovrà essere trasmesso telematicamente all Agenzia delle Entrate e qualora sia stato compilato con strumenti diversi dal software fornito dall Agenzia dovrà essere preventivamente controllato con l apposito programma messo a disposizione dall Agenzia stessa sul citato sito internet Per ciascun flusso informativo viene visualizzata subito dopo l invio un attestazione di avvenuta trasmissione del flusso medesimo con il relativo numero di protocollo. Successivamente attraverso la sezione ricevute del sito internet dei servizi telematici dell Agenzia vengono fornite nell ordine: a) una ricevuta che attesta l esito dei controlli formali eseguiti sul flusso trasmesso rispetto alle specifiche tecniche contenute nel presente documento. In caso di esito negativi dei controlli i pagamenti sono scartati e considerati come non eseguiti; b) una ulteriore ricevuta solo per i flussi formalmente corretti che fornisce l esito della richiesta di addebito dei relativi pagamenti sul conto intrattenuto dall ente presso la Banca d Italia. I pagamenti sono da considerarsi eseguiti solo se le fasi precedentemente descritte si concludono con il rilascio con esito positivo della ricevuta di cui al precedente punto b). In tal caso nella sezione cassetto fiscale del sito internet dei servizi telematici dell Agenzia sarà possibile scaricare la quietanza che attesta l esecuzione dei singoli versamenti. Il contenuto e le caratteristiche della fornitura dei dati da trasmettere sono riportati nelle specifiche tecniche di seguito esposte. Si precisa che la non rispondenza dei dati contenuti nel flusso alle specifiche tecniche di seguito descritte determina lo scarto del flusso stesso ed i relativi versamenti saranno da considerarsi come non eseguiti.

9 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici 2. CONTENUTO DELLA FORNITURA 2.1. Generalità Ciascuna fornitura dei dati in via telematica si compone di una sequenza di record aventi la lunghezza fissa di caratteri. Ciascun record presente nella fornitura è contraddistinto da uno specifico tipo-record che ne individua il contenuto e che determina l ordinamento dei record all interno della fornitura stessa. I record previsti per la fornitura dei versamenti F24 EP sono: record di tipo A : è il record di testa della fornitura e contiene i dati identificativi della fornitura e del soggetto responsabile dell invio telematico. L invio può essere effettuato direttamente dall ente pubblico oppure dal suo Tesoriere autorizzato; record di tipo M : è il record che contiene i dati identificativi dell Ente Pubblico che effettua il versamento e dell eventuale soggetto terzo per conto del quale il versamento viene eseguito. Il codice fiscale dell eventuale soggetto terzo deve essere formalmente corretto e presente nell Anagrafe Tributaria (in caso contrario il versamento sarà scartato e considerato come non eseguito); record di tipo V : è il record che contiene tutti i dati contabili presenti sul modello di versamento F24 EP; record di tipo Z : è il record di coda della fornitura e contiene alcuni dati riepilogativi della fornitura stessa La sequenza dei record La sequenza dei record all interno della fornitura deve rispettare le seguenti regole: presenza di un solo record di tipo A posizionato come primo record della fornitura; presenza di un record di tipo M contenente i dati identificativi dell Ente Pubblico che effettua il versamento; presenza di ameno un record di tipo V per ciascun record M che lo precede; presenza di un solo record di tipo Z posizionato come ultimo record della fornitura La struttura dei record I record di tipo A M V e Z contengono unicamente campi posizionali ovvero campi la cui posizione all interno del record è fissa. La posizione la lunghezza ed il formato di tali campi sono esposti in dettaglio nelle specifiche di seguito riportate.

10 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici In coda ai record di ciascun tipo sono riportati 3 caratteri di controllo così come descritto in dettaglio nelle specifiche che seguono La struttura dei dati I campi dei record di tipo A M V Z possono assumere struttura numerica o alfanumerica e per ciascuno di essi è indicato nelle specifiche che seguono rispettivamente il simbolo NU o AN. L allineamento dei dati è a destra per i campi a struttura numerica (con riempimento a zeri dei caratteri non significativi) ed a sinistra per quelli a struttura alfanumerica (con riempimento a spazi dei caratteri non significativi). I campi devono essere inizializzati con impostazione di zeri se a struttura numerica e di spazi se a struttura alfanumerica. Gli importi devono essere espressi in centesimi di euro. 3. AVVERTENZE PARTICOLARI Il versamento può essere effettuato attraverso il canale di trasmissione ENTRATEL ovvero FISCONLINE dagli Enti Pubblici per proprio conto ovvero da soggetti abilitati a trasmettere per conto degli stessi (Tesorieri autorizzati) in base alle seguenti modalità: a) Versamento trasmesso direttamente dall Ente Pubblico I dati identificativi riportati sul record A (record di testa) dovranno coincidere con quelli indicati sul record M (Dati anagrafici dell Ente). Nel caso in cui l ente pubblico debba effettuare pagamenti per conto di un altro soggetto il codice fiscale di tale soggetto terzo dovrà essere indicato nell apposito campo n. 14 del record M denominato Codice Fiscale dell'eventuale soggetto per conto del quale si esegue il versamento in abbinamento al Codice identificativo (campo 13 del record M ) che indica a quale titolo ( obbligato solidale oppure per intervento sostitutivo ) l'ente pubblico effettua il pagamento per conto del soggetto indicato nel campo 14. Nel caso in cui venga scelta questa opzione tutti i pagamenti contenuti nel modello F24 EP saranno considerati eseguiti a nome del soggetto identificato dal codice fiscale indicato nel campo 14 del record M ; quindi in uno stesso modello F24 EP non possono coesistere pagamenti effettuati in proprio e pagamenti per conto di un terzo soggetto. Il codice fiscale dell eventuale soggetto terzo deve essere formalmente corretto e presente nell Anagrafe Tributaria (in caso contrario il versamento sarà scartato e considerato come non eseguito). b) Versamento trasmesso tramite il Tesoriere autorizzato I dati riportati sul record A (record di testa) dovranno identificare il fornitore del flusso ed suo codice fiscale dovrà coincidere con quello del titolare dell abilitazione al servizio ENTRATEL. I dati

11 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici dell ente pubblico che effettua il versamento saranno invece riportati nel record M (dati anagrafici dell ente). I tesorieri incaricati di trasmettere i modelli F24 EP dagli enti pubblici di cui all articolo 1 comma 3 lettera a) del provvedimento del Direttore dell 8 novembre 2007 prot. 2007/ devono formulare al momento della predisposizione di ciascun flusso telematico espressa opzione impostando ad 1 il campo 15 del record A (record di testa). L esercizio della suddetta opzione implica la formale adesione e la piena osservanza delle disposizioni contenute nel provvedimento di approvazione del modello F24 EP. La mancata impostazione ad 1 del suddetto campo determina lo scarto del flusso telematico ed i relativi versamenti saranno da considerarsi come non eseguiti. Nel caso in cui l ente pubblico debba effettuare pagamenti per conto di un altro soggetto il codice fiscale di tale soggetto terzo dovrà essere indicato nell apposito campo n. 14 del record M denominato Codice Fiscale dell'eventuale soggetto per conto del quale si esegue il versamento in abbinamento al Codice identificativo (campo 13 del record M ) che indica a quale titolo ( obbligato solidale oppure per intervento sostitutivo ) l'ente pubblico effettua il pagamento per conto del soggetto indicato nel campo 14. Nel caso in cui venga scelta questa opzione tutti i pagamenti contenuti nel modello F24 EP saranno considerati eseguiti a nome del soggetto identificato dal codice fiscale indicato nel campo 14 del record M ; quindi in uno stesso modello F24 EP non possono coesistere pagamenti effettuati in proprio e pagamenti per conto di un terzo soggetto. Il codice fiscale dell eventuale soggetto terzo deve essere formalmente corretto e presente nell Anagrafe Tributaria (in caso contrario il versamento sarà scartato e considerato come non eseguito). c) Data di esecuzione del versamento Il pagamento avrà luogo alla data indicata sul record M per i soli pagamenti conformi alle specifiche tecniche pervenuti all Agenzia delle Entrate entro le ore 20:00 del secondo giorno lavorativo precedente alla data stessa. Tutti i pagamenti pervenuti successivamente a tale data saranno eseguiti e addebitati sul conto dell ente il secondo giorno lavorativo successivo alla data di ricezione del flusso. d) Documenti e tabelle di decodifica Per tutti i documenti e le tabelle referenziati nelle specifiche tecniche si rimanda al sito Internet dell Agenzia delle Entrate e) Importo totale dei versamenti da addebitare sul conto dell ente Si precisa che l importo da indicare nel campo 23 del record M denominato Saldo totale a debito nel caso in cui superi la lunghezza massima di 15 caratteri potrà essere valorizzato senza i separatori delle migliaia mantenendo esclusivamente la virgola che separa le cifre decimali.

12 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici f) Modalità di compilazione del record V (Dati contabili) Si precisa che alcuni campi del record V assumono significati diversi a seconda del tipo di versamento a cui si riferiscono. Pertanto tali campi dovranno essere valorizzati secondo le regole riportate nell apposita tabella Specifiche di Compilazione del Record V pubblicata anche sul sito nonché in base ai formalismi richiesti dalla tipologia di versamento e riportati sull apposita tabella pubblicata sul citato sito internet nella sezione Modulistica - Modelli di versamento (F23-F24) - F24 EP (Enti Pubblici). Di seguito viene descritto il contenuto informativo dei record inseriti nella fornitura dei dati da inviare all Agenzia delle Entrate.

13 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici RECORD DI TIPO "A": Record di testa CAMPO DESCRIZIONE POSIZIONE CONFIGURAZIONE CONTROLLI BLOCCANTI 1 Tipo record 1 1 AN Vale sempre "A" 2 Filler 2 14 AN Impostare a spazi 3 Codice fornitura 16 5 AN Vale "F24EP" 4 Tipo fornitore 21 2 AN Assume sempre il valore 14 (Persona non fisica) 5 Codice fiscale del fornitore AN Obbligatorio e formalmente corretto. Nel caso in cui il fornitore sia diverso dal soggetto che esegue il versamento (campo 2 del record M) esso dovrà essere stato autorizzato dall'ente pubblico ed abilitato a trasmettere. Spazio non utilizzato 6 Filler AN Impostare a spazi Dati riservati al fornitore persona non fisica 7 Denominazione AN Obbligatoria Spazio non utilizzato 8 Filler AN Impostare a spazi Altre informazioni modelli F24 EP 9 Flag origine AN Vale sempre ' ' (pacchetti esterni) 10 Spazio riservato al Servizio Telematico AN Impostare a spazi 11 Filler AN Impostare a spazi Dati dell'invio modelli F24 EP 12 Progressivo dell'invio NU Vale sempre '001' telematico 13 Numero totale degli invii telematici NU Deve essere coincidere con il numero dei record di tipo M presenti nel Flusso. Spazio a disposizione dell'utente 14 Campo utente AN Facoltativo può contenere informazioni registrate dall'utente Spazio non utilizzato 15 Flag di Accettazione NU Impostare ad 1 per totale accettazione delle disposizioni contenute nel provvedimento di approvazione delle specifiche tecniche 16 Spazio riservato al Servizio Telematico AN Impostare a spazi Ultimi tre caratteri di controllo 17 Filler AN Vale sempre "A" 18 Filler AN Impostare i valori esadecimali '0D' e '0A' (caratteri ASCII 'CR' e 'LF').

14 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici RECORD DI TIPO "M": Dati anagrafici dell'ente CAMPO DESCRIZIONE POSIZIONE CONFIGURAZIONE CONTROLLI BLOCCANTI 1 Tipo record 1 1 AN Vale sempre "M" 2 Codice fiscale del soggetto che esegue il versamento 2 11 AN Obbligatorio formalmente corretto ed esistente in Anagrafe Tributaria. E' il codice dell'ente pubblico che effettua il pagamento per debiti propri o per conto terzi. In tale ultimo caso devono essere compilati i campi 13 e 14 del presente record per indicare a quale titolo l'ente effettua il versamento (campo 13) e per conto di quale soggetto esegue il versamento (campo 14) 3 Filler 13 5 AN impostare a spazi 4 Progressivo modulo 18 8 NU Progressivo invio all'interno del flusso non superiore a Spazio a disposizione 26 3 AN dell'utente 6 Filler AN impostare a spazi 7 Spazio a disposizione AN dell'utente per l'identificazione del modello F24 EP 8 Filler AN impostare a spazi CAMPI POSIZIONALI (da carattere 90) Spazio non utilizzato 9 Filler 90 1 AN impostare a spazi Altri dati della delega 10 Valuta delega 91 1 AN Vale sempre 'E' (delega compilata in Euro) 11 Filler AN impostare a spazi Dati anagrafici del contribuente persona non fisica 12 Denominazione AN obbligatorio Identificazione del coobbligato 13 Codice Identificativo AN Può assumere i valori indicati dall'agenzia delle Entrate attraverso apposite istruzioni. Da compilare esclusivamente nel caso in cui l'ente pubblico (campo 2 del presente record) effettui pagamenti per conto di un altro soggetto (identificato dal campo 14). Indica a quale titolo l'ente pubblico effettua il pagamento per conto del soggetto indicato nel campo 14.

15 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici RECORD DI TIPO "M": Dati anagrafici dell'ente CAMPO DESCRIZIONE POSIZIONE CONFIGURAZIONE CONTROLLI BLOCCANTI 14 Codice Fiscale dell'eventuale soggetto per conto del quale si esegue il versamento AN Valorizzabile obbligatoriamente formalmente corretto ed esistente in Anagrafe Tributaria solo se viene indicato un "Codice Identificativo" (campo 13). Da compilare solo nel caso in cui l'ente pubblico (campo 2 del presente record) effettua il pagamento per conto di un altro soggetto; il codice fiscale indicato in questo campo (14) identifica proprio tale soggetto. Spazio non utilizzato 15 Spazio riservato al Servizio Telematico AN Impostare a spazi 16 Filler AN Impostare a spazi INFORMAZIONI CONTO DI ADDEBITO (IBAN) 17 Tipo titolare del conto AN Assume sempre il valore 14 (Persona non fisica). 18 Codice fiscale del titolare del conto NU Deve coincidere con il Codice fiscale del soggetto che esegue il versamento (Campo 2 del presente record). 19 Codice Paese AN Assume sempre il valore IT 20 Codice di Controllo NU Obbligatorio e coerente con le specifiche IBAN. 21 CIN AN Obbligatorio deve essere una lettera maiuscola. 22 ABI NU Assume sempre il valore (Banca d'italia) 23 CAB NU Assume sempre il valore Numero di conto AN Obbligatorio. Numero di conto definito in modo da individuare anche la tesoreria destinataria. Si veda la circolare n. 20 del 8/5/2007 della R.G.S. 25 Filler AN impostare a spazi 26 del soggetto che esegue il versamento AN Obbligatorio deve riportare l'indirizzo di posta elettronica del soggetto che esegue il versamento. Dati di riepilogo della delega 27 Valuta AN Vale sempre 'EURO' 28 Saldo totale a debito AN Saldo totale con i separatori di migliaia e due decimali dopo la virgola congruente con la somma dei campi "Saldo finale modello F24 EP" di tutti i Record V appartenenti al presente pagamento. Nel caso in cui il valore da indicare superi la lunghezza massima di 15 caratteri potranno essere omessi i separatori di migliaia mantenendo esclusivamente la virgola decimale.

16 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici RECORD DI TIPO "M": Dati anagrafici dell'ente CAMPO DESCRIZIONE POSIZIONE CONFIGURAZIONE CONTROLLI BLOCCANTI 29 Data di versamento AN Obbligatoria e valida nel formato GG-MM- AAAA Ultimi tre caratteri di controllo 30 Filler AN Vale sempre "A" 31 Filler AN Impostare i valori esadecimali '0D' e '0A' (caratteri ASCII 'CR' e 'LF').

17 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici RECORD DI TIPO "V": Dati contabili CAMPO DESCRIZIONE POSIZIONE CONFIGURAZIONE CONTROLLI BLOCCANTI 1 Tipo record 1 1 AN Vale sempre "V" 2 Codice fiscale del soggetto che esegue il versamento 2 11 AN Obbligatorio formalmente corretto e congruente con il valore indicato sul record M che lo precede 3 Filler 13 5 AN impostare a spazi 4 Progressivo modulo 18 8 NU Progressivo invio all'interno del flusso congruente con il valore indicato sul record M che lo precede 5 Spazio a disposizione 26 3 AN dell'utente 6 Filler AN impostare a spazi 7 Spazio a disposizione AN dell'utente per l'identificazione del modello F24 EP 8 Filler AN impostare a spazi Identificazione modello 9 TIPO MODELLO 90 1 AN Vale sempre '7' (modello Enti Pubblici) Sezione Versamenti 10 Codice ufficio finanziario 91 3 AN Se valorizzato deve coincidere con uno dei codici presenti nella tabella Codici Uffici Finanziari 11 Codice atto NU Se valorizzato deve essere formalmente corretto Riga 1 12 Tipo riga AN Può assumere uno dei valori previsti dal documento "Specifiche di Compilazione" 13 Codice tributo/causale AN Il contenuto del presente campo può assumere significati diversi in funzione del contenuto del campo "Tipo riga". Per informazioni specifiche consultare il documento "Specifiche di Compilazione" 14 Codice AN Il contenuto del presente campo può assumere significati diversi in funzione del contenuto del campo "Tipo riga". Per informazioni specifiche consultare il documento "Specifiche di Compilazione" 15 Estremi identificativi AN Il contenuto del presente campo può assumere significati diversi in funzione del contenuto del campo "Tipo riga". Per informazioni specifiche consultare il documento "Specifiche di Compilazione"

18 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici RECORD DI TIPO "V": Dati contabili CAMPO DESCRIZIONE POSIZIONE CONFIGURAZIONE CONTROLLI BLOCCANTI 16 Riferimento A AN Il contenuto del presente campo può assumere significati diversi in funzione del contenuto del campo "Tipo riga". Per informazioni specifiche consultare il documento "Specifiche di Compilazione" 17 Riferimento B AN Il contenuto del presente campo può assumere significati diversi in funzione del contenuto del campo "Tipo riga". Per informazioni specifiche consultare il documento "Specifiche di Compilazione" 18 Importi a debito versati NU Obbligatorio se il "Tipo riga" è diverso da spazio. Riga 2 19 Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga 3 26 Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga 4 33 Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga 5 40 Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1.

19 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici RECORD DI TIPO "V": Dati contabili CAMPO DESCRIZIONE POSIZIONE CONFIGURAZIONE CONTROLLI BLOCCANTI Riga 6 47 Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga 7 54 Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga 8 61 Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga 9 68 Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga 1.

20 Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 EP da parte degli enti pubblici RECORD DI TIPO "V": Dati contabili CAMPO DESCRIZIONE POSIZIONE CONFIGURAZIONE CONTROLLI BLOCCANTI 83 Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga Estremi identificativi AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento A AN vedi omonimo campo della Riga Riferimento B AN vedi omonimo campo della Riga Importi a debito versati NU vedi omonimo campo della Riga 1. Riga Tipo riga AN vedi omonimo campo della Riga Codice tributo/causale AN vedi omonimo campo della Riga Codice AN vedi omonimo campo della Riga 1.

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 12 febbraio 2015

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 12 febbraio 2015 Direzione b Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 15/E Roma, 12 febbraio 2015 OGGETTO: Istituzione dei codici tributo per il versamento, mediante i modelli F24 ed F24 Enti pubblici, dell IVA

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. Premessa 1 1. Soggetti obbligati all invio 1 2. Modalità e termini di presentazione del flusso 1 3. Frontespizio

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

Visualizzatore Pagamenti F24 per RC AUTO - istruzioni

Visualizzatore Pagamenti F24 per RC AUTO - istruzioni Visualizzatore Pagamenti F24 per RC AUTO - istruzioni Il programma consente di visualizzare il contenuto dei files scaricabili da SIATEL 2.0 (PUNTOFISCO), relativi ai versamenti, eseguiti tramite modello

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Ministero Numero assegnato dal ORDINE DI ACCREDITAMENTO DI CONTABILITA SPECIALE SU IMPEGNO ESTREMI CLAUSOLA DI APERTURA IMPEGNO

Ministero Numero assegnato dal ORDINE DI ACCREDITAMENTO DI CONTABILITA SPECIALE SU IMPEGNO ESTREMI CLAUSOLA DI APERTURA IMPEGNO Ministero Numero assegnato dal Direzione Generale Ufficio Sistema ORDINE DI ACCREDITAMENTO DI CONTABILITA SPECIALE SU IMPEGNO ESTREMI CLAUSOLA DI APERTURA IMPEGNO Esercizio Ufficio N decreto N progressivo

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria ISTRUZIONI E NOTE PERMESSO DI COSTRUIRE, CERTIFICATO DI AGIBILITA' O ALTRO ATTO DI ASSENSO DENCIA DI INIZIO ATTIVITA' (DIA) La comunicazione relativa alle DIA ed ai Permessi di costruire rilasciati dai

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM F24

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM F24 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps Newsletter Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa 3 aprile 2014 INDICE Premessa

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI

MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 2 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI Indice MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 3 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 3 1 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI L'elenco prevede 5 sezioni

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE 1.1 CARATTERISTICHE DEL SUPPORTO IMMODIFICABILE E SUO FILE-SYSTEM... 2 1.2 SICUREZZA

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA FISCALE ALLA LOCAZIONE DELLA CASA Ufficio Relazioni Esterne

l agenzia in f orma GUIDA FISCALE ALLA LOCAZIONE DELLA CASA Ufficio Relazioni Esterne 3 l agenzia in f orma 2005 GUIDA FISCALE ALLA LOCAZIONE DELLA CASA Ufficio Relazioni Esterne l agenzia in f orma GUIDA FISCALE ALLA LOCAZIONE DELLA CASA Ufficio Relazioni Esterne INDICE 1. I CONTRATTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Fattura elettronica Vs Pa

Fattura elettronica Vs Pa Fattura elettronica Vs Pa Manuale Utente A cura di : VERS. 528 DEL 30/05/2014 11:10:00 (T. MICELI) Assist. Clienti Ft. El. Vs Pa SOMMARIO pag. I Sommario NORMATIVA... 1 Il formato della FatturaPA... 1

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI ex articolo 5, comma 4 del decreto legislativo 7 marzo 2005. n. 82 e

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Il programma è articolato in due parti.

Il programma è articolato in due parti. 1 Il programma è articolato in due parti. La prima parte: illustra il sistema per la gestione dell anagrafica delle persone fisiche, con particolare riferimento all inserimento a sistema di una persona

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli