print((math.floor(1345/10)%10); print (Math.floor(1345/100)%10); Le funzioni in JavaScript

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "print((math.floor(1345/10)%10); print (Math.floor(1345/100)%10); Le funzioni in JavaScript"

Transcript

1 Funzioni Funzioni predefinite della libreria matematica Funzioni disponibili: Math.sqrt(x) radice quadrata Math.log(x) logaritmo naturale in base e di x Math.abs(x) valore assoluto di x Math.ceil(x) arrotonda all intero più piccolo x Math.floor(x) arrotonda all intero più grande x Math.round(x) arrotonda all intero più vicino ad x Math.pow(x,y) x y Math.random() restituisce un numero casuale n tale che 0 < n < 1 Esempio: print((math.floor(1345/10)%10); print (Math.floor(1345/100)%10); E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 1

2 Funzioni Visibilità delle variabili: globali e locali Riconsideriamo la funzione succ definita precedentemente var y=10, z; function succ (x) {x=x+1; return x;} z = succ(y); print(z); Le variabili definite nel programma principale e sono visibili nella funzione e si dicono globali. Le variabili definite nella funzione si dicono locali. Le variabili locali della funzione non sono visibili nel programma principale. E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 2

3 Funzioni Visibilità delle variabili - continua essendo y e z visibili nella funzione, potremmo anche scrivere: var y=10, z; function foo (x) {x=y+1; return x;} z = foo(y); print(z); utilizzando il valore di y per assegnare un nuovo valore a x. ma le variabili globali possono anche essere modificate. In questo caso y è modificata, e x diventa superflua. var y=10, z; function foo (x) {y=y+1; return y;} z = succ(y); print(z); Questo uso delle variabili globali è sconsigliato perchè foriero di errori. Deve essere utilizzato solo quando è strettamente necessario, in un particolare tipo di funzioni (che chiamiamo procedure) che vedremo più avanti. E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 3

4 Funzioni I blocchi in JavaScript I blocchi in JavaScript sono diversi dai blocchi in altri linguaggi di programmazione (Java, C ecc.). In realtà sono solo delle parentesi. var z, y=4; if (y>0) {var x=24; print(x+y);} else {var w=2; z=y;} print(z); print(x); print(w); Ad esempio cosa stampa il programma precedente? E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 4

5 Funzioni I blocchi in JavaScript - segue Il programma precedente è equivalente al seguente programma: var z,x,w,y=4; if (y>0) { x=24; print(x+y);} else { w=2; z=y;} print(z); print(x); print(w); La situazione è ancora più complessa se non si dichiarano le variabili. Per questo motivo si richiede di definire tutte le variabili globali nella porzione iniziale del programma principale, evitando di definire variabili nei blocchi, interni. E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 5

6 Funzioni Visibilità delle variabili - segue Dalle considerazioni precedenti sulla visibilità delle variabili nei blocchi deriva che tutte le variabili definite nel programma principale sono visibili nella funzione, anche quelle definite dopo la definizione della funzione, come y, nel seguente esempio: var z; function foo (x) {y=x+1; return x;} var y=10; z = foo(y); print(z); Si sconsiglia fortemente l uso di queste funzionalità del linguaggio e si richiede: di definire tutte le variabili globali nella porzione iniziale del programma principale e tutte le variabili locali di una funzione nella porzione iniziale del corpo della funzione E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 6

7 Iterazione determinata e indeterminata Le istruzioni iterative permettono di ripetere determinate azioni più volte: un numero di volte fissato = iterazione determinata Esempio: fai un giro del parco di corsa per 10 volte finchè una condizione rimane vera = iterazione indeterminata Esempio: finche non sei sazio prendi una ciliegia dal piatto e mangiala E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 7

8 Istruzione while Permette di realizzare l iterazione in JavaScript. Sintassi: while espressione è la guardia del ciclo (espressione) istruzione istruzione è il corpo del ciclo (può essere un blocco) Semantica: 1. viene valutata l espressione 2. se è vera si esegue istruzione e si torna ad eseguire l intero while 3. se è falsa si termina l esecuzione del while Nota: se espressione è falsa all inizio, il corpo non viene mai eseguito. E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 8

9 Iterazione determinata Esempio: Leggere 10 interi, calcolarne la somma e stamparla. Si utilizza un contatore per contare il numero di interi letti. var conta=0, dato, somma=0; while (conta < 10) { dato=asknum(); somma = somma + dato; conta = conta + 1; } print("la somma e "+ somma); E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 9

10 Esempio: Leggere un intero N seguito da N interi e calcolare la somma di questi ultimi. Simile al precedente: il numero di ripetizioni necessarie non è noto al momento della scrittura del programma ma lo è al momento dell esecuzione del ciclo. var lung=asknum(), conta=0, dato, somma=0; while (conta < lung) { dato=asknum(); somma = somma + dato; conta = conta + 1; } print("la somma e "+ somma); E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 10

11 Esempio: Leggere 10 interi positivi e stamparne il massimo. Si utilizza un massimo corrente con il quale si confronta ciascun numero letto. var conta, dato, massimo; massimo = 0; conta = 0; while (conta < 10) { dato=asknum(); if (dato > massimo) massimo = dato; conta = conta + 1; } print("il massimo e "+massimo); Esercizio Leggere 10 interi arbitrari e stamparne il massimo. E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 11

12 Istruzione for I cicli visti fino ad ora hanno queste caratteristiche comuni: utilizzano una variabile di controllo la guardia verifica se la variabile di controllo ha raggiunto un limite prefissato ad ogni iterazione si esegue un azione al termine di ogni iterazione viene incrementato (decrementato) il valore della variabile di controllo Esempio: Stampare i numeri pari da 0 a N. i = 0; /* Inizializzazione della var. di controllo */ while (i <= N) { /* guardia */ print(i); /* Azione da ripetere */ i=i+2; /* Incremento var. di controllo */ } L istruzione for permette di gestire direttamente questi aspetti: for (i = 0; i <= N; i=i+2) print(i); E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 12

13 Sintassi: for (istr-1; espr-2; istr-3) istruzione istr-1 serve a inizializzare la variabile di controllo espr-2 è la verifica di fine ciclo istr-3 serve a incrementare la variabile di controllo alla fine del corpo del ciclo istruzione è il corpo del ciclo Semantica: l istruzione for precedente è equivalente a istr-1; while (espr-2) { istruzione istr-3 } E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 13

14 Esempio: for (i = 1; i <= 10; i=i+1) = i: 1, 2, 3,..., 10 for (i = 10; i >= 1; i=i-1) = i: 10, 9, 8,..., 2, 1 for (i = -4; i <= 4; i = i+2) = i: -4, -2, 0, 2, 4 for (i = 0; i >= -10; i = i-3) = i: 0, -3, -6, -9 In realtà, la sintassi del for è for (espr-1; espr-2; espr-3) istruzione dove espr-1, espr-2 e espr-3 sono delle espressioni qualsiasi (in JavaScript anche l assegnamento è un espressione... ). È buona prassi: usare ciascuna espr-i in base al significato descritto prima non modificare la variabile di controllo nel corpo del ciclo Ciascuna delle tre espr-i può anche mancare: i ; vanno messi lo stesso se manca espr-2 viene assunto il valore vero Se manca una delle tre espr-i è meglio usare un istruzione while E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 14

15 L esempio del massimo di 10 interi positivi si puo riscrivere anche cosi Esempio: Leggere 10 interi positivi e stamparne il massimo. var conta, dato, massimo=0; for (conta=0; conta<10; conta=conta+1) { dato=asknum(); if (dato > massimo) massimo = dato; } print("il massimo e "+massimo); E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 15

16 Precisazione a proposito delle funzioni e degli esercizi proposti Esempio: Si scriva una funzione in JavaScript che dato un parametro k legge in input kvalori interi e calcola la media dei valori letti. Si scriva un programma che verifica il corretto funzionamento della funzione. Il programma deve leggere in input un valore k, invocare la funzione e stampare il risultato. var x=asknum(); function max(k) { var conta, dato, massimo=asknum(); for (conta=1; conta< k; conta++) { dato=asknum(); if (dato > massimo) massimo = dato; } return massimo;} //fine function max print("il massimo e "+max(x)); E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 16

17 Iterazione indeterminata In alcuni casi il numero di iterazioni da effettuare non è noto prima di iniziare il ciclo, perché dipende dal verificarsi di una condizione. Esempio: Leggere una sequenza di interi che termina con 0 e calcolarne la somma. Input: n 1,..., n k, 0 (con n i 0) k Output: n i i=1 var dato, somma = 0; dato=asknum(); while (dato!= 0) { somma = somma + dato; dato=asknum(); } print(somma); Questo tipo di iterazioni e meglio espressa usando il while piuttosto che il for, anche se i due costrutti sono equivalenti E. Occhiuto Fondamenti Teorici e Programmazione- 437AA pag. 17

Iterazione determinata e indeterminata

Iterazione determinata e indeterminata Iterazione determinata e indeterminata Le istruzioni iterative permettono di ripetere determinate azioni più volte: un numero di volte fissato = iterazione determinata, Esempio: fai un giro del parco di

Dettagli

Istruzioni iterative. Istruzioni iterative

Istruzioni iterative. Istruzioni iterative Istruzioni iterative Esempio: Leggere 5 interi, calcolarne la somma e stamparli. Variante non accettabile: 5 variabili, 5 istruzioni di lettura, 5... int i1, i2, i3, i4, i5; scanf("%d", &i1):... scanf("%d",

Dettagli

Dott. R. Gori, Dott. A. Rama INFORMATICA 242AA a.a. 2011/12 pag. 1. Le istruzioni iterative permettono di ripetere determinate azioni più volte:

Dott. R. Gori, Dott. A. Rama INFORMATICA 242AA a.a. 2011/12 pag. 1. Le istruzioni iterative permettono di ripetere determinate azioni più volte: Leggere 5 interi, calcolarne la somma e stamparli. Variante non accettabile: 5 variabili, 5 istruzioni di lettura, 5... int i1, i2, i3, i4, i5; scanf("%d", &i1):... scanf("%d", &i5); printf("%d", i1 +

Dettagli

Iterazione determinata e indeterminata

Iterazione determinata e indeterminata Iterazione determinata e indeterminata Le istruzioni iterative permettono di ripetere determinate azioni più volte: un numero di volte fissato = iterazione determinata Esempio: fai un giro del parco di

Dettagli

prof. P. Mancarella Dip.to Informatica INFORMATICA 1 a.a. 07/08 pag. 170

prof. P. Mancarella Dip.to Informatica INFORMATICA 1 a.a. 07/08 pag. 170 Istruzioni condizionali Esempio: Dati tre valori che rappresentano le lunghezze dei lati di un triangolo, stabilire se si tratti di un triangolo equilatero, isoscele o scaleno. Algoritmo: determina tipo

Dettagli

6 - Blocchi e cicli. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

6 - Blocchi e cicli. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 6 - Blocchi e cicli Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

del Linguaggio C Istruzioni di iterazione

del Linguaggio C Istruzioni di iterazione Istruzioni i Iterative ti del Linguaggio C Istruzioni di iterazione Le istruzioni di iterazione forniscono strutture di controllo che esprimono la necessità di ripetere una certa istruzione durante il

Dettagli

Diagrammi di flusso: forme

Diagrammi di flusso: forme Il linguaggio C in breve Diagrammi di flusso: forme Inizio/ Fine Istruzione Input/ Output Cond C. Bodei Dip.to Informatica FONDAMENTI DI PROGRAMMAZIONE a.a. 18/19 pag. 57 Il linguaggio C in breve if cond

Dettagli

Fondamenti Teorici e Programmazione

Fondamenti Teorici e Programmazione Fondamenti Teorici e Programmazione Modulo A Elementi di Programmazione Claudio Gallicchio, Ph.D. Lettura di Stringhe e Numeri Interazione con l utente 2 Lettura di Stringhe e Numeri Le funzioni write

Dettagli

osservazione: 1 MCD(m,n) min(m,n) = si provano i numeri compresi tra 1 e min(m,n) conviene iniziare da min(m,n) e scendere verso 1

osservazione: 1 MCD(m,n) min(m,n) = si provano i numeri compresi tra 1 e min(m,n) conviene iniziare da min(m,n) e scendere verso 1 Esempio: Leggere due interi positivi e calcolarne il massimo comun divisore. MCD(12, 8) = 4 MCD(12, 6) = 6 MCD(12, 7) = 1 Sfruttando direttamente la definizione di MCD osservazione: 1 MCD(m,n) min(m,n)

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo)

Programmazione in Java (I modulo) Programmazione in Java (I modulo) Lezione 7 Iterazioni nei programmi:definite e indefinite Tre costrutti: While Do...While For Esempi Istruzioni di iterazione Le istruzioni iterative permettono di ripetere

Dettagli

Paolo Bison. Fondamenti di Informatica Ingegneria Meccanica Università di Padova A.A. 2008/09

Paolo Bison. Fondamenti di Informatica Ingegneria Meccanica Università di Padova A.A. 2008/09 Linguaggi procedurali Paolo Bison Fondamenti di Informatica Ingegneria Meccanica Università di Padova A.A. 2008/09 Linguaggi procedurali, Paolo Bison, FI08, 2008-09-29 p.1 Linguaggi procedurali classe

Dettagli

Iterazione A. Ferrari

Iterazione A. Ferrari Iterazione A. Ferrari Iterazioni (cicli) L iterazione è una struttura che consente di ripetere più volte l esecuzione di un insieme di istruzioni. Due tipi di iterazione: iterazioni enumerative: consentono

Dettagli

Struttura dei programmi C Nel semplice programma che abbiamo appena analizzato possiamo già vedere la struttura generale di un programma C.

Struttura dei programmi C Nel semplice programma che abbiamo appena analizzato possiamo già vedere la struttura generale di un programma C. Struttura programmi C Struttura dei programmi C Nel semplice programma che abbiamo appena analizzato possiamo già vedere la struttura generale di un programma C. /* DIRETTIVE DI COMPILAZIONE */ #include

Dettagli

Si dica quale funzione calcola la funzione Foo : function Foo(x){ var i=1,j=0; while (j<x){i=i*2;j++;} return (i);

Si dica quale funzione calcola la funzione Foo : function Foo(x){ var i=1,j=0; while (j<x){i=i*2;j++;} return (i); Esercizio 1- Testo 1 Si dica quale funzione calcola la funzione Foo : function Foo(x){ var i=1,j=0; while (j

Dettagli

Errori frequenti Cicli iterativi Array. Cicli e array. Laboratorio di Programmazione I. Corso di Laurea in Informatica A.A.

Errori frequenti Cicli iterativi Array. Cicli e array. Laboratorio di Programmazione I. Corso di Laurea in Informatica A.A. Cicli e array Laboratorio di Programmazione I Corso di Laurea in Informatica A.A. 2016/2017 Calendario delle lezioni Lez. 1 Lez. 2 Lez. 3 Lez. 4 Lez. 5 Lez. 6 Lez. 7 Lez. 8 - Introduzione all ambiente

Dettagli

Strutture di Controllo

Strutture di Controllo Strutture di Controllo Istruzioni condizionali e cicli http://www.dia.uniroma3.it/~roselli/ roselli@dia.uniroma3.it Credits Materiale a cura del Prof. Franco Milicchio Introduzione Fino ad ora, il nostro

Dettagli

osservazione: 1 MCD(m,n) min(m,n) = si provano i numeri compresi tra 1 e min(m,n) conviene iniziare da min(m,n) e scendere verso 1

osservazione: 1 MCD(m,n) min(m,n) = si provano i numeri compresi tra 1 e min(m,n) conviene iniziare da min(m,n) e scendere verso 1 Esempio: Leggere due interi positivi e calcolarne il massimo comun divisore. MCD(12, 8) = 4 MCD(12, 6) = 6 MCD(12, 7) = 1 Sfruttando direttamente la definizione di MCD osservazione: 1 MCD(m,n) min(m,n)

Dettagli

La programmazione nel linguaggio JavaScript. Il programma

La programmazione nel linguaggio JavaScript. Il programma Il programma Nei linguaggi di programmazione il programma è una funzione che ha come argomento i dati digitati in input e opportunamente convertiti. la descrizione della funzione (ovvero il programma)

Dettagli

Iterazione indeterminata

Iterazione indeterminata Iterazione indeterminata In alcuni casi il numero di iterazioni da effettuare non è noto prima di iniziare il ciclo, perché dipende dal verificarsi di una condizione. Esempio: Leggere una sequenza di interi

Dettagli

Tipi di dato strutturati: Array

Tipi di dato strutturati: Array Tipi di dato strutturati: Array I dati visti finora sono: numeri (interi o razionali), booleani le stringhe (sequenze di caratteri) ma i dati manipolati nelle applicazioni reali sono spesso complessi (o

Dettagli

Istruzioni di Controllo

Istruzioni di Controllo Istruzioni di Controllo Programmazione strutturata Ricordiamo i concetti chiave: concatenazione o composizione BLOCCO istruzione condizionale SELEZIONE ramifica il flusso di controllo in base al valore

Dettagli

JavaScript Core Language. Prof. Francesco Accarino IIS Atiero Spinelli Sesto San Giovanni via leopardi 132

JavaScript Core Language. Prof. Francesco Accarino IIS Atiero Spinelli Sesto San Giovanni via leopardi 132 JavaScript Core Language Prof. Francesco Accarino IIS Atiero Spinelli Sesto San Giovanni via leopardi 132 Condizioni L utilizzo di operatori relazionali e logici consente di formulare delle condizioni

Dettagli

Istruzioni iterative (o cicliche)

Istruzioni iterative (o cicliche) Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Istruzioni iterative (o cicliche) Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria

Dettagli

Assegnazione di una variabile

Assegnazione di una variabile Assegnazione di una variabile Per scrivere un valore dentro una variabile si usa l operatore di assegnazione, che è rappresentato dal simbolo =. Quindi, se scrivo int a; a = 12; assegno alla variabile

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato

Programmazione C Massimo Callisto De Donato Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Istruzioni. Istruzioni semplici Istruzioni di controllo. Fondamenti di Informatica e laboratorio Istruzioni e Controllo del flusso

Istruzioni. Istruzioni semplici Istruzioni di controllo. Fondamenti di Informatica e laboratorio Istruzioni e Controllo del flusso Istruzioni Istruzioni Le istruzioni esprimono azioni che, una volta eseguite, comportano una modifica permanente dello stato interno del programma o del mondo circostante Le strutture di controllo permettono

Dettagli

Istruzioni di Ciclo. Unità 4. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER

Istruzioni di Ciclo. Unità 4. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Domenico Daniele Bloisi Docenti Metodi Numerici prof. Vittoria Bruni vittoria.bruni@sbai.uniroma1.it Programmazione prof. Domenico

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T1 2-Iterazione 1 Prerequisiti Salto condizionato Salto incondizionato Espressione logica 2 1 Introduzione In alcuni casi si presenta la necessità di eseguire un ciclo, ossia

Dettagli

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Laboratorio di Programmazione I Corso di Laurea in Informatica A.A. 2018/2019 Argomenti del Corso Ogni lezione consta di una spiegazione assistita da slide,

Dettagli

Due osservazioni sulle variabili

Due osservazioni sulle variabili Due osservazioni sulle variabili Dichiarazione: cosa succede se non dichiaro una variabile e la uso? provare... Le costanti: sono utilizzate nei linguaggi di programmazione rendere simbolici dei valori

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Classi di istruzioni 2

Corso di Fondamenti di Informatica Classi di istruzioni 2 Corso di Informatica Classi di istruzioni 2 Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella Strutture di controllo Caratteristica essenziale degli algoritmi è la possibilità di decidere le operazioni da

Dettagli

Pseudo codice. Paolo Bison. Fondamenti di Informatica 1 A.A. 2003/04 Università di Padova. Pseudo codice, Paolo Bison, A.A , p.

Pseudo codice. Paolo Bison. Fondamenti di Informatica 1 A.A. 2003/04 Università di Padova. Pseudo codice, Paolo Bison, A.A , p. Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica 1 A.A. 2003/04 Università di Padova Pseudo codice, Paolo Bison, A.A. 2003-04, 2003-09-30 p.1/38 Pseudo codice linguaggio testuale mix di linguaggio naturale

Dettagli

Lezione 5 e 6. Fabio Scotti ( ) Laboratorio di programmazione per la sicurezza. Valentina Ciriani ( ) Laboratorio di programmazione

Lezione 5 e 6. Fabio Scotti ( ) Laboratorio di programmazione per la sicurezza. Valentina Ciriani ( ) Laboratorio di programmazione Lezione 5 e 6 - Concetto di blocco - Controllo del flusso di un programma - Costrutti per la scelta if e switch - Costrutti while e for - Operatori in C Fabio Scotti (2004-2009) Laboratorio di programmazione

Dettagli

Prof. Pagani Corrado LINGUAGGIO C: SELEZIONE E CICLI

Prof. Pagani Corrado LINGUAGGIO C: SELEZIONE E CICLI Prof. Pagani Corrado LINGUAGGIO C: SELEZIONE E CICLI IF Ogni linguaggio di programmazione presenta almeno una struttura di controllo decisionale. La sintassi del linguaggio C è la seguente. if ()

Dettagli

Un esempio per iniziare. Il controllo del programma in C. Altri cenni su printf() Esercizi (printf) printf( 8!=%d, fatt);

Un esempio per iniziare. Il controllo del programma in C. Altri cenni su printf() Esercizi (printf) printf( 8!=%d, fatt); Un esempio per iniziare Il controllo del programma in C DD Cap.3 pp.91-130 /* calcolo di 8!*/ #include #define C 8 int main() int i=1; int fatt=1; while (i

Dettagli

Qualsiasi programma in C++ segue lo schema:

Qualsiasi programma in C++ segue lo schema: Qualsiasi programma in C++ segue lo schema: #include // libreria che gestisce flusso di input e output using namespace std; // uso di librerie standard del C++ int main() { // dichiarazioni

Dettagli

Le funzioni in JavaScript. Modularizzazione

Le funzioni in JavaScript. Modularizzazione Modularizzazione Quando abbiamo a che fare con un problema complesso spesso lo suddividiamo in problemi più semplici che risolviamo separatamente, per poi combinare insieme le soluzioni dei sottoproblemi

Dettagli

Fondamenti Teorici e Programmazione

Fondamenti Teorici e Programmazione Fondamenti Teorici e Programmazione Modulo A Elementi di Programmazione Claudio Gallicchio, Ph.D. Istruzioni Iterative Istruzioni do-while e break 2 Istruzione While - Repetita Sintassi guardia del ciclo

Dettagli

Il primo programma C++

Il primo programma C++ Il primo programma C++ Un programma in qualsiasi linguaggio evoluto è una sequenza di istruzioni che la CPU dopo opportune conversioni esegue. La sintassi dei linguaggi di programmazione è molto piu rigida

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C Introduzione al Linguaggio C Controllo di Flusso Daniele Pighin March 2009 Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C 1/19 Outline Introduzione Branching: if Il ciclo while Il ciclo for break e continue

Dettagli

Fondamenti di Informatica A. A. 2018/19

Fondamenti di Informatica A. A. 2018/19 Fondamenti di Informatica Prof. Marco Lombardi A. A. 2018/19 AlgoBuild: Strutture Iterative e Selettive OUTLINE Blocco condizionale (Struttura selettiva IF - IF/ELSE) Esempi Cicli a condizione iniziale

Dettagli

CICLO FOR. for contatore:= valore_iniziale to valore_finale do begin istruzione 1; istruzione 2; istruzione n; end;

CICLO FOR. for contatore:= valore_iniziale to valore_finale do begin istruzione 1; istruzione 2; istruzione n; end; CICLO FOR Il ciclo FOR è una particolare struttura iterativa che viene utilizzata per ripetere un blocco di istruzioni per un numero di volte che è noto a priori, a differenza del ciclo REPEAT-UNTIL e

Dettagli

Linguaggio C Strutture di controllo

Linguaggio C Strutture di controllo FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Ing. DAVIDE PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Linguaggio C Strutture di controllo 2001 Pier Luca Montessoro - Davide

Dettagli

Completiamo le istruzioni condizionali: Istruzione switch Può essere usata per realizzare una selezione a più vie. Sintassi:

Completiamo le istruzioni condizionali: Istruzione switch Può essere usata per realizzare una selezione a più vie. Sintassi: Completiamo le istruzioni condizionali: Istruzione switch Può essere usata per realizzare una selezione a più vie. Sintassi: switch (espressione) { case espressione-1: istruzioni-1... case espressione-n:

Dettagli

Linguaggio Testuale. E un formalismo che consente di rappresentare gli algoritmi mediante semplici istruzioni in linguaggio «parlato»

Linguaggio Testuale. E un formalismo che consente di rappresentare gli algoritmi mediante semplici istruzioni in linguaggio «parlato» Linguaggio Testuale E un formalismo che consente di rappresentare gli algoritmi mediante semplici istruzioni in linguaggio «parlato» Delle volte viene chiamato metalinguaggio, e l algoritmo scritto tramite

Dettagli

Analisi strutturata 1

Analisi strutturata 1 Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Paolo Bison. Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova

Paolo Bison. Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova Pseudo codice, Paolo Bison, FI06, 2007-01-10 p.1 Pseudo codice linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi

Dettagli

Linguaggio C - le strutture di controllo: sequenza, selezione, iterazione

Linguaggio C - le strutture di controllo: sequenza, selezione, iterazione Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C - le strutture di controllo: sequenza, selezione, iterazione

Dettagli

Cicli. S i a i = a 1 + a 2 + a a n

Cicli. S i a i = a 1 + a 2 + a a n Cicli Esprimono in modo compatto e generali l'esecuzione di uno stesso blocco di codice per più volte Anche in matematica sono presenti operatori che eseguono di fatto un ciclo (ad es. sommatoria e produttoria)

Dettagli

Istruzioni di Controllo in C. Emilio Di Giacomo

Istruzioni di Controllo in C. Emilio Di Giacomo Istruzioni di Controllo in C Emilio Di Giacomo Limite delle istruzioni viste L insieme delle istruzioni che abbiamo visto fino ad ora consiste per lo più di: dichiarazioni e assegnazioni di variabili espressioni

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 8 anno accademico Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 8 anno accademico Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 8 anno accademico 2016-2017 Mario Verdicchio Il ciclo FOR Molto spesso in un programma bisogna ripetere un operazione per un numero prefissato di volte Si tratta di un iterazione

Dettagli

Laboratorio di Calcolo Numerico

Laboratorio di Calcolo Numerico Laboratorio di Calcolo Numerico Lezione 3 Padova, April 4th 2016 F. Piazzon Department of Mathematics. Doctoral School in Mathematical Sciences, Applied Mathematics Area Outline Lab. 3-2 of 16 1 Costrutti

Dettagli

Linguaggio C. strutture di controllo: strutture iterative. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin

Linguaggio C. strutture di controllo: strutture iterative. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin Linguaggio C strutture di controllo: strutture iterative Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Strutture iterative

Dettagli

I cicli. Iterazioni Calcolo della media Istruzioni break e continue

I cicli. Iterazioni Calcolo della media Istruzioni break e continue I cicli Iterazioni Calcolo della media Istruzioni break e continue Ciclo while p Vero A while() ; Falso Esegue una istruzione mentre una condizione è verificata Programmazione

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale

Laboratorio di Programmazione Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale Dipartimento di Ingegneria dell'informazione Università degli Studi di Parma Laboratorio di Programmazione Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale Algebra di Boole Stefano Cagnoni Algebra di Boole L'algebra

Dettagli

Diagramma a blocchi per la selezione, in un mazzo di chiavi, di quella che apre un lucchetto

Diagramma a blocchi per la selezione, in un mazzo di chiavi, di quella che apre un lucchetto Diagramma a blocchi per la selezione, in un mazzo di chiavi, di quella che apre un lucchetto 14 1. Dato un numero dire se è positivo o negativo 2. e se il numero fosse nullo? 3. Eseguire il prodotto tra

Dettagli

Approfondimenti sul ciclo while

Approfondimenti sul ciclo while Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Introduzione In questa lezione... Mostriamo semplici esempi di uso dei cicli Ciascuno di

Dettagli

Strutture di controllo (v.anche cap. 8 del testo MATLAB per l ingegneria )

Strutture di controllo (v.anche cap. 8 del testo MATLAB per l ingegneria ) (v.anche cap. 8 del testo MATLAB per l ingegneria ) Selezione if 1 2 If, while, for, do until Se la condizione è vera, esegui 1, altrimenti esegui 2 MATLAB - ontrollo 2 Selezione if if ( condizione ) blocco

Dettagli

Dichiarazione di variabili

Dichiarazione di variabili Dichiarazione di variabili ESEMPIO: somma di due numeri

Dettagli

CORSO DI PROGRAMMAZIONE

CORSO DI PROGRAMMAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. M. ANGIOY SASSARI CORSO DI PROGRAMMAZIONE INTRODUZIONE ALLE ISTRUZIONI ITERATIVE DISPENSA 03.01 03-01_Iterazioni_[ver_15] Questa dispensa è rilasciata sotto la licenza Creative

Dettagli

Esempio: somma di due numeri

Esempio: somma di due numeri Esempio: somma di due numeri Scrivere l algoritmo che esegue la somma di due numeri ESEMPIO: somma di due numeri

Dettagli

ISTRUZIONI ISTRUZIONI SEMPLICI

ISTRUZIONI ISTRUZIONI SEMPLICI ISTRUZIONI istruzioni azioni modifica permanente dello stato interno strutture di controllo ::= ::= ::=

Dettagli

PROGRAMMAZIONE: Le strutture di controllo

PROGRAMMAZIONE: Le strutture di controllo PROGRAMMAZIONE: Le strutture di controllo Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Le tre modalità La modalità basilare di esecuzione di un programma è la sequenza: le istruzioni vengono eseguite una dopo l

Dettagli

Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O ... Un esempio per iniziare. printf) Altri cenni su printf() Esercizi 8. (printf(

Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O ... Un esempio per iniziare. printf) Altri cenni su printf() Esercizi 8. (printf( Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O Tiziana Calamoneri Il controllo del programma in C DD Cap. 3, pp.91-130 Un esempio per iniziare /* calcolo di 8!*/ #define C 8 int i=1; int fatt=1; while

Dettagli

Istruzioni di controllo

Istruzioni di controllo Istruzioni di controllo Le istruzioni in C Assegnazione Sequenza I/O Test Cicli Controllo = che cosa è la prossima cosa da fare La prossima cosa da fare è quella che segue La prossima cosa da fare dipende

Dettagli

Prima introduzione al linguaggio C

Prima introduzione al linguaggio C Prima introduzione al linguaggio C I Abbiamo visto come un programma non sia altro che un algoritmo codificato in un linguaggio di programmazione. I Problema: quale linguaggio scegliere per la codifica

Dettagli

Programmazione Procedurale in Linguaggio C++

Programmazione Procedurale in Linguaggio C++ Programmazione Procedurale in Linguaggio C++ Strutture di Controllo Parte 4 Conclusioni versione 2.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Le Strutture di controllo Del Linguaggio C. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Le Strutture di controllo Del Linguaggio C. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Le Strutture di controllo Del Linguaggio C Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni STRUTTURE DI CONTROLLO PRIMITIVE SEQUENZA SELEZIONE (o scelta logica) ITERAZIONE NON PRIMITIVE

Dettagli

STRUTTURE DI CONTROLLO DEL C++

STRUTTURE DI CONTROLLO DEL C++ STRUTTURE DI CONTROLLO DEL C++ Le istruzioni if e else Le istruzioni condizionali ci consentono di far eseguire in modo selettivo una singola riga di codice o una serie di righe di codice (che viene detto

Dettagli

Programmazione a blocchi. Algobuild Prof. Sergio Roselli

Programmazione a blocchi. Algobuild Prof. Sergio Roselli Programmazione a blocchi Algobuild Prof. Sergio Roselli Blocchi base Inizio programma I Fine programma F Input IN A Output Esecuzione OUT A A = 5 + 1 L interprete Algobuild Algobuildpermette di trascrivere

Dettagli

non serve che la seconda condizione sia composta

non serve che la seconda condizione sia composta istruzioni condizionali Osservazioni: si tratta di un unica istruzione if-else if (temperatura > 30) printf("molto caldo\n"); else... non serve che la seconda condizione sia composta if (temperatura >

Dettagli

I costrutti forniti dal linguaggio si dividono in corrispondenti classi di istruzioni

I costrutti forniti dal linguaggio si dividono in corrispondenti classi di istruzioni Classi di istruzioni In maniera simile a quanto fatto per i dati, un linguaggio mette a disposizione dei costrutti per realizzare la parte esecutiva dell algoritmo. Questa consiste di: Leggi i valori di

Dettagli

For e do. Parte 4. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR

For e do. Parte 4. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Domenico Daniele Bloisi Docenti Parte I prof. Silvio Salza salza@dis.uniroma1.it http://www.dis.uniroma1.it/~salza/fondamenti.htm

Dettagli

Fondamenti di Informatica T1 Introduzione al linguaggio Java Input/Output-Variabili-Tipi

Fondamenti di Informatica T1 Introduzione al linguaggio Java Input/Output-Variabili-Tipi Fondamenti di Informatica T1 Introduzione al linguaggio Java Input/Output-Variabili-Tipi Tutor Melissa Licciardello melissa.licciardell2@unibo.it Melissa Licciardello Fondamenti di Informatica T1 1 / 15

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Le Istruzioni. Andrea Marchetti IIT-CNR AA 2014/2015

Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Le Istruzioni. Andrea Marchetti IIT-CNR AA 2014/2015 Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Le Istruzioni Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.it AA 2014/2015 Ambiente di test Cercare PHP online per avere un interprete PHP Assegnamento

Dettagli

Le strutture di controllo

Le strutture di controllo INFORMATICA B Ingegneria Elettrica Le strutture di controllo Selezione un esempio introduttivo Si disegni il diagramma di flusso di un algoritmo che chiede all utente un valore intero e visualizza il suo

Dettagli

Informatica 2 modulo C Massimo Callisto De Donato

Informatica 2 modulo C Massimo Callisto De Donato Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Informatica 2 modulo C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Linguaggio C++ 5. Strutture cicliche

Linguaggio C++ 5. Strutture cicliche 2009-2010 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Linguaggio C++ 5 Strutture cicliche Linguaggio C++ 5 1 Strutture cicliche Utilizzate per ripetere un certo numero di volte

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Le Istruzioni. Andrea Marchetti IIT-CNR AA 2015/2016

Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Le Istruzioni. Andrea Marchetti IIT-CNR AA 2015/2016 Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Le Istruzioni Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.it AA 2015/2016 Ambiente di test PHP online per avere un interprete PHP Php Online PHP Tester

Dettagli

INFORMATICA. Strutture iterative

INFORMATICA. Strutture iterative INFORMATICA Strutture iterative Strutture iterative Si dice ciclo (loop) una sequenza di istruzioni che deve essere ripetuta più volte consecutivamente. Si consideri ad esempio il calcolo del fattoriale

Dettagli

Pseudo codice. Pseudo codice, Paolo Bison, FI07, p.1 / Pseudo codice, Paolo Bison, FI07, p.3

Pseudo codice. Pseudo codice, Paolo Bison, FI07, p.1 / Pseudo codice, Paolo Bison, FI07, p.3 Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2007/08 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica AlgoBuild: Strutture selettive, iterative ed array Prof. Arcangelo Castiglione A.A. 2016/17 AlgoBuild : Strutture iterative e selettive OUTLINE Struttura selettiva Esempi Struttura

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1

Fondamenti di Informatica T-1 Fondamenti di Informatica T-1 Iterazione Tutor: Angelo Feraudo angelo.feraudo2@unibo.it a.a. 2018/2019 Fondamenti di Informatica T-1 Angelo Feraudo 1 / 22 ITERAZIONE Iterazione: Strumento che consente

Dettagli

Istruzioni Condizionali

Istruzioni Condizionali Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 10 Istruzioni Condizionali Carla Limongelli Novembre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ Istruzioni condizionali 1 Contenuti

Dettagli

Istruzioni. Una istruzione semplice è qualsiasi espressione seguita da un punto e virgola. Esempio x = 0; y = 1;/* due istruzioni */

Istruzioni. Una istruzione semplice è qualsiasi espressione seguita da un punto e virgola. Esempio x = 0; y = 1;/* due istruzioni */ Istruzioni Le istruzioni esprimono azioni che, una volta eseguite, comportano una modifica permanente dello stato interno del programma o del mondo circostante Le strutture di controllo permettono di aggregare

Dettagli

Rappresentazione degli algoritmi

Rappresentazione degli algoritmi Rappresentazione degli algoritmi Universitá di Ferrara Ultima Modifica: 21 ottobre 2014 1 1 Diagramma di flusso Utilizzare il diagramma di flusso per rappresentare gli algoritmi che risolvono i seguenti

Dettagli

Costrutti di Programmazione Strutturata. Informatica 1 / 22

Costrutti di Programmazione Strutturata. Informatica 1 / 22 Costrutti di Programmazione Strutturata Informatica 1 / 22 Costrutti di Base Ricordi? Un algoritmo è detto strutturato se usa solo Sequenze di istruzioni Selezioni (se predicato allora fai istruzioni altrimenti

Dettagli

Istruzioni di Ciclo. Unità 4. Domenico Daniele Bloisi

Istruzioni di Ciclo. Unità 4. Domenico Daniele Bloisi Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Domenico Daniele Bloisi Docenti Parte I prof. Silvio Salza salza@dis.uniroma1.it http://www.dis.uniroma1.it/~salza/fondamenti.htm

Dettagli

Ing. Lorenzo Vismara

Ing. Lorenzo Vismara Ing. Lorenzo Vismara ! "# #!$#%&# '(!)&!*)&#*$# +!, +$-.(( #!((%&#, #!& %&) /$#01&&#2! 0#( 3452 $ 6#( 1 2 &## #!7 #89): #;##( 1? )#&)< $9): #@82 #)AA)#&#&$( #7)&#7& @B && ##@A&#C 7 $C#&7 @B A&#)@#7&#

Dettagli

Esempi di programmi. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa E01. A. Miola Settembre 2007

Esempi di programmi. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa E01. A. Miola Settembre 2007 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa E01 Esempi di programmi A. Miola Settembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Esempi di programmi - 1 1 Contenuti

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica AlgoBuild: Strutture iterative e selettive Prof. Christian Esposito Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica e Gestionale (Classe I) A.A. 2016/17 AlgoBuild: Strutture iterative

Dettagli

Introduzione alla programmazione

Introduzione alla programmazione Introduzione alla programmazione Risolvere un problema Per risolvere un problema si procede innanzitutto all individuazione Delle informazioni, dei dati noti Dei risultati desiderati Il secondo passo consiste

Dettagli

Costrutti iterativi. Utilizzo dei costrutti iterativi

Costrutti iterativi. Utilizzo dei costrutti iterativi Costrutti iterativi Utilizzo dei costrutti iterativi Costrutti iterativi (1/3) I costrutti iterativi permettono di eseguire ripetutamente del codice Il linguaggio Java mette a disposizione tre costrutti

Dettagli

Programmazione Procedurale in Linguaggio C++

Programmazione Procedurale in Linguaggio C++ Programmazione Procedurale in Linguaggio C++ Strutture di Controllo Parte 3 Istruzioni Iterative (Cicli) versione 2.0 Questolavoroè concessoin uso secondoi termini di unalicenzacreative Commons (vedi ultima

Dettagli