main() { int i; int a[10]={1,2,3,4,5,6,7,8,9,10}; /* inizializzazione in fase di definizione */ int b[10];

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "main() { int i; int a[10]={1,2,3,4,5,6,7,8,9,10}; /* inizializzazione in fase di definizione */ int b[10];"

Transcript

1 ESERCIZI ARRAY 1. Scrivere un programma che inizializza un vettore monodimensionale di interi e poi copia il vettore in un altro vettore della stessa dimensione. 2. In una gara il punteggio di ciascun atleta è dato dal pubblico. I voti possono andare da 1 a 10. Scrivere un programma che per ogni atleta rilevi il numero di occorrenze dei vari voti. a. con switch case; b. con i vettori 3. Scrivere un programma che stampa i numeri primi minori di 100 (Crivello di Eratostene) 4. Scrivere un programma che calcola il MCD di due numeri positivi (Euclide) 5. Scrivere un programma che ordina n numeri casuali con il metodo bubblesort

2 Esercizio 1 /* array2.c definisce 2 array, ne inizializza uno e compia un array nell'altro */ #include <stdio.h> main() int i; int a[10]=1,2,3,4,5,6,7,8,9,10; /* inizializzazione in fase di definizione */ int b[10]; /* stampa a[] */ printf("a[]= "); for(i=0;i<10;i++) printf(" %d", a[i]); /* copio a[] in b[] */ printf("\ncopio a[] in b[]\n"); for(i=0;i<10;i++) b[i]=a[i]; /* stampa b[] */ printf("b[]= "); for(i=0;i<10;i++) printf(" %d,", b[i]); Esercizio 2a /*voti della gara con switch case...*/ #include<stdio.h> main()

3 int voto1=0, voto2=0, voto3=0, voto4=0, voto5=0; int voto=0; /* printf("inserisci un voto (da 1 a 4)"); scanf(); */ while(voto!=-1) printf("inserisci un voto (da 1 a 4)"); scanf("%d",&voto); switch(voto) case 1: voto1++; case 2: voto2++; case 3: voto3++; case 4: voto4++; case 5: voto5++; default: printf("inserimento errato!!!!"); printf("%d %d %d %d %d", voto1,voto2, voto3, voto4, voto5); return 0; Esercizio 2b /*voti della gara con vettore...*/ #include<stdio.h> main()

4 int voto[11]=0, i=0,j=0; for(j=1;j<=4;j++) printf("inserisci un voto per la mensa (tra 1 e 10):"); scanf("%d",&i); voto[i]++; for(i=1;i<=10;i++) printf("%d", voto[i]); return 0; Esercizio 3 /*stampa i numeri primi tra i primi 100 numeri con il metodo di Eratostene*/ #include<stdio.h> main() int i,j; int array[100]; for (i=0;i<100;i++) array[i]=1; for (i=2;i<=100;i++) if(array[i]==1) for (j=2;j<(100/i);j++) array[i*j]=0; printf("\nnumeri primi <100"); for (i=1;i<100;i++) if(array[i]==1) printf("\t%d", i);

5 Esercizio 5 (prima versione) /* lehmer1.c -- Genera una sequenza casuale usando il metodo di lehmer */ #include <stdio.h> /* direttive al preprocessore */ #include <stdio.h> #include <math.h> #include <time.h> #define NMAX 1000 #define m #define b #define m long mult(long p, long q); long lehmer(long a); int main(void) /* definizione della funzione principale MAIN */ int max, r; long f[nmax]=0, i, n, a; double s; time_t t; printf("\n \ngenerazione di una sequenza di numeri interi pseudocasuale."); printf("\ni numeri della sequenza sono compresi fra 0 e N-1."); printf("\n \ninserisci N:"); if (scanf("%d", &max)!= 1) else if (max <=0) printf("errore! Il numero deve essere >0! \a\n"); printf("\ninserisci il numero di elementi della sequenza:"); if (scanf("%ld", &n)!= 1)

6 else if (n <=0) printf("errore! Il numero deve essere >0! \a\n"); printf("generazione casuale di %ld numeri compresi fra 0 e %d\n\n",n,max); srand((unsigned) time(&t)); a=t % m; for(i=0; i<n; i++) a = lehmer(a); r = a % max; /* <- sbagliato! */ f[r]++; for (i=0; i < max; ++i) printf("il numero di %ld Š %ld e la freq. rel. %f\n",i,f[i],(float) f[i]/n); /* statistica del chi quadro */ for (i=0, s=0; i < max; ++i) s += f[i]*f[i]; s = s*max/n-n; printf("chi-quadro=%lf \n", s); if ( fabs(s-max)< 2*sqrt(max) ) printf("\n Test del chi-quadro superato!\a\n"); else printf("\n Test del chi-quadro NON superato!\a\n"); system("pause"); return 0; long lehmer(long a) a = (mult(a,b) +1) % m; return a;

7 long mult(long p, long q) long p1, p0, q1, q0, ab; p1 = p/m1; p0 = p%m1; q1 = q/m1; q0 = q%m1; ab = (((p1*q0+p0*q1) % m1) * m1 + p0*q0) % m; return ab; Esercizio 5 (seconda versione) /* lehmer2.c -- Genera una sequenza di n numeri casuali tra 0 e N(=max)-1 usando il metodo di lehmer e calcola la statistica del Chi-quadro (per verificare la casualita': se prossima a N, allora ok)*/ /*1.generare un numero casuale tra 0 e 1. 2.moltiplicare ciasun numero per N*/ #include <stdio.h> /* direttive al preprocessore */ #include<stdlib.h> #include <math.h> #include <time.h> #define NMAX 1000 #define m #define b #define m long mult(long p, long q); long lehmer(long a); main() /* definizione della funzione principale MAIN */ int max, r; float c; long f[nmax]=0, i, n, a; double s; time_t t;

8 printf("\n \ngenerazione di una sequenza di numeri interi pesudo casuale."); printf("\ni numeri della sequenza sono compresi fra 0 e N-1."); printf("\n \ninserisci N:"); if (scanf("%d", &max)!= 1) else if (max <=0) printf("errore! Il numero deve essere >0! \a\n"); printf("\ninserisci il numero di elementi della sequenza:"); if (scanf("%ld", &n)!= 1) else if (n <=0) printf("errore! Il numero deve essere >0! \a\n"); printf("generazione casuale di %ld numeri compresi fra 0 e %d\n\n",n,max); srand((unsigned) time(&t)); a=t % m; /*generazione di una sequenza di numeri casuali tra 0 e 1: //1. generare un numero casuale tra 0 e m-1 //2. dividere ciascun numero per m */ for(i=0; i<n; i++) a = lehmer(a); /*a e' un numero casuale tale che 0< a < m */ c = (float) a/m; /* c e' un numero casuale tale che 0 < c < 1 */ r = (int) (c * max); /* r e' un numero casuale tale che 0 < r < max */ f[r]++; for (i=0; i < max; ++i)

9 printf("il numero di %ld e' %ld e la freq. rel. %f\n",i,f[i],(float) f[i]/n); /* statistica del chi quadro: implementa (\sum_0<=i<max(f[i]-n/max)^2 ) / (n/max) nota che \sum f[i]= n ; n/max e' il valore atteso*/ for (i=0, s=0; i < max; ++i) s += f[i]*f[i]; s = s*max/n-n; printf("chi-quadro=%lf \n", s); if ( fabs(s-max)< 2*sqrt(max) ) printf("\n Test del chi-quadro superato!\a\n"); else printf("\n Test del chi-quadro NON superato!\a\n"); system("pause"); long lehmer(long a) a = (mult(a,b) +1) % m; return a; long mult(long p, long q) long p1, p0, q1, q0, ab; p1 = p/m1; p0 = p%m1; q1 = q/m1; q0 = q%m1; ab = (((p1*q0+p0*q1) % m1) * m1 + p0*q0) % m; return ab; /* lehmer.c -- Genera una sequenza casuale usando il metodo di lehmer */ #include <stdio.h> /* direttive al preprocessore */ #include <math.h> #include <time.h>

10 #define NMAX 1000 #define m 381 #define b 19 long lehmer(long a); int main(void) /* definizione della funzione principale MAIN */ int max, r; long f[nmax]=0, i, n, a; double s; time_t t; printf("\n \ngenerazione di una sequenza di numeri interi pesudo casuale."); printf("\ni numeri della sequenza sono compresi fra 0 e N-1 con N<=1000."); printf("\n \ninserisci N:"); if (scanf("%d", &max)!= 1) else if (max <=0 max >1000) printf("errore! Il numero deve essere >0 e <=1000! \a\n"); printf("\ninserisci il numero di elementi della sequenza:"); if (scanf("%ld", &n)!= 1) else if (n <=0) printf("errore! Il numero deve essere >0! \a\n"); printf("generazione casuale di %ld numeri compresi fra 0 e %d\n\n",n,max); srand((unsigned) time(&t)); a=t % m;

11 for(i=0; i<n; i++) a = lehmer(a); r = a % max; /* 0 <= rand() < max */ f[r]++; for (i=0; i < max; ++i) printf("il numero di %ld Š %ld e la freq. rel. %f\n",i,f[i],(float) f[i]/n); /* statistica del chi quadro */ printf("\nstatistica del chi-quadro \n"); for (i=0, s=0; i < max; ++i) s += f[i]*f[i]; s = s*max/n-n; printf("chi-quadro=%lf \n", s); if ( fabs(s-max)< 2*sqrt(max) ) printf("\n Test del chi-quadro superato!\a\n"); else printf("\n Test del chi-quadro NON superato!\a\n"); system("pause"); return 0; long lehmer(long a) a = (a * b +1) % m; return a;

Alcuni esercizi. 1. Valutazione in cortocircuito 2. If e if innestati 3. Switch 4. Cicli

Alcuni esercizi. 1. Valutazione in cortocircuito 2. If e if innestati 3. Switch 4. Cicli Alcuni esercizi 1. Valutazione in cortocircuito 2. If e if innestati 3. Switch 4. Cicli Stampa di voti Esempio 1 (switch) Realizzare un programma che legge da input un voto (carattere tra A ed E ) e ne

Dettagli

Esercitazione 6. Array

Esercitazione 6. Array Esercitazione 6 Array Arrays Array (o tabella o vettore): è una variabile strutturata in cui è possibile memorizzare un numero fissato di valori tutti dello stesso tipo. Esempio int a[6]; /* dichiarazione

Dettagli

Esercitazione 3. Oggi sono stati effettuati semplici esercizi in C utilizzando le seguenti istruzioni: if...else, while, printf, scanf

Esercitazione 3. Oggi sono stati effettuati semplici esercizi in C utilizzando le seguenti istruzioni: if...else, while, printf, scanf Riassunto Esercitazione 3 Oggi sono stati effettuati semplici esercizi in C utilizzando le seguenti istruzioni: if...else, while, printf, scanf Sono state introdotte anche le seguenti relazioni: uguaglianza:

Dettagli

Università degli Studi di Brescia. Vettori di variabili. ! Sono variabili aggregate in grado di memorizzare una collezione (organizzata) di oggetti

Università degli Studi di Brescia. Vettori di variabili. ! Sono variabili aggregate in grado di memorizzare una collezione (organizzata) di oggetti Linguaggio C 1! Sono variabili aggregate in grado di memorizzare una collezione (organizzata) di oggetti Oggetti dello stesso tipo Identificazione univoca degli oggetti! Il tipo più semplice ha una sola

Dettagli

# include<stdio.h> int main() { // Dichiarazioni int n; int i;

# include<stdio.h> int main() { // Dichiarazioni int n; int i; /* CALCOLIAMO I DIVISORI DI UN NUMERO. INSERIAMO UN CONTROLLO CHE IL NUMERO SIA EFFETTIVAMENTE POSITIVO UTILIZZIAMO IL DO...WHILE PER SEMPLIFICARE IL CODICE # include int main() // Dichiarazioni

Dettagli

Esercizio 1: calcolo del massimo di una sequenza (versione 1)

Esercizio 1: calcolo del massimo di una sequenza (versione 1) Esercitazione Fondamenti di Informatica B Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica 2 Esercitazione: 12 ottobre 2005 Primi esercizi in C Esercizio 1: calcolo del massimo di una sequenza (versione 1) Si legga

Dettagli

Istruzioni Condizionali in C

Istruzioni Condizionali in C Concetti chiave Istruzioni Condizionali in C Tipi di Istruzioni Condizionali Espressioni Blocchi d istruzioni Istruzioni Condizionali: if-else Istruzioni Condizionali: switch-case Istruzione break Istruzioni

Dettagli

Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com

Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com 1 2 Esercizio 1 Scrivere un programma che legga due array di interi da tastiera dica

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

il precedente programma dichiara un vettore di interi di dimensione 10 e successivamente inserisce il valore 4 nel secondo elemento del vettore.

il precedente programma dichiara un vettore di interi di dimensione 10 e successivamente inserisce il valore 4 nel secondo elemento del vettore. Questa dispensa propone esercizi sulla scrittura di algoritmi, in linguaggio C, utili alla comprensione dei vettori (ingl., array). La dichiarazione di un vettore di elementi omogenei in C avviene grazie

Dettagli

Esercitazione 7. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008

Esercitazione 7. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008 Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Esercitazione 7 Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

Esercizio 1 - cicli. Esercizio 1 cicli - Soluzione

Esercizio 1 - cicli. Esercizio 1 cicli - Soluzione Sequenze di cifre Esercizio 1 - cicli Realizzare un programma che prende in input una sequenza di cifre (tra 1 e 9) e calcola la somma massima fra le sotto- sequenze di cifre non decrescente Il programma

Dettagli

Programmazione I - Laboratorio

Programmazione I - Laboratorio Programmazione I - Laboratorio Esercitazione 3 - Array Gianluca Mezzetti 1 Paolo Milazzo 2 1. Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ mezzetti mezzetti di.unipi.it 2. Dipartimento

Dettagli

1 (4) 2 (4) 3 (12) 4 (6) 5 (6)

1 (4) 2 (4) 3 (12) 4 (6) 5 (6) CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA, CHIMICA e MATERIALI Informatica B, C Anno Accademico 2016-2017 Proff. Danilo ARDAGNA Prima Prova in Itinere 4.5.2017 Cognome Nome Matricola Firma Durata: 2h Valutazioni

Dettagli

Funzioni di libreria. KP pp , , , 589, DD pp , , ,

Funzioni di libreria. KP pp , , , 589, DD pp , , , Funzioni di libreria KP pp.112-115, 471-474, 573-575, 589, 598-601 DD pp.144-153, 307-313, 563-565, 588-591 Funzioni matematiche (1) KP p. 112,573 Il linguaggio C non contiene funzioni matematiche predefinite.

Dettagli

3 Costrutti while, for e switch

3 Costrutti while, for e switch Questa dispensa propone esercizi sulla scrittura di algoritmi, in linguaggio C, utili alla comprensione dei costrutti while, for e switch. I costrutti per costruire cicli in C sono il while, la variante

Dettagli

Esercitazione 2. Corso di Fondamenti di Informatica

Esercitazione 2. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Esercitazione 2 Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

- Dispensa III - PROGRAMMAZIONE C (Parte I)

- Dispensa III - PROGRAMMAZIONE C (Parte I) Elementi di Informatica e Programmazione - Dispensa III - PROGRAMMAZIONE C (Parte I) Alessandro Saetti (email: alessandro.saetti@unibs.it) Università degli Studi di Brescia 1 Linguaggi di Programmazione

Dettagli

Corso di Informatica 1 Esercitazione n. 4

Corso di Informatica 1 Esercitazione n. 4 Corso di Informatica 1 Esercitazione n. 4 Marco Liverani Esercizio n. 1 Letti in input due numeri interi n > 0 e k > 1 costruire un array A di n numeri interi casuali minori di 100 che non siano multipli

Dettagli

Fondamenti di Programmazione

Fondamenti di Programmazione Fondamenti di Programmazione Ingegneria dell Automazione Industriale Ingegneria Elettronica e delle Comunicazioni Alessandro Saetti Marco Sechi e Andrea Bonisoli (email: {alessandro.saetti,marco.sechi,andrea.bonisoli@unibs.it)

Dettagli

Esercizio 1: calcolo insieme intersezione

Esercizio 1: calcolo insieme intersezione Esercitazione Fondamenti di Informatica B Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica 3 Esercitazione: 19 ottobre 2005 Esercizi su array e matrici Esercizio 1: calcolo insieme intersezione Problema: *******************************************************************

Dettagli

Gli array. impone al programma, in fase di esecuzione, di riservare dello spazio in memoria per 10 variabili di tipo int

Gli array. impone al programma, in fase di esecuzione, di riservare dello spazio in memoria per 10 variabili di tipo int Gli array Gli array rappresentano una modalità molto compatta per accedere ad un gruppo di variabili; tale gruppo è identificato dal nome dell'array; i tipi delle variabili appartenenti al gruppo devono

Dettagli

Generazione di numeri pseudo-casuali

Generazione di numeri pseudo-casuali Generazione di numeri pseudo-casuali Perchè è difficile? Il computer esegue deterministacamente le istruzioni fornite dal programma Questo comporta che è molto difficile ottenere vera casualità (ossia

Dettagli

FUNZIONI. La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni:

FUNZIONI. La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni: FUNZIONI La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni: double sqrt(double) double pow (double, double) della libreria matematica, che abbiamo già usato anche senza

Dettagli

acquisizione numero elementi del primo insieme e del secondo insieme, finché elprimoinsieme oppure elsecondoinsieme > EL_INS

acquisizione numero elementi del primo insieme e del secondo insieme, finché elprimoinsieme oppure elsecondoinsieme > EL_INS Esercitazione Fondamenti di Informatica B Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica 3 Esercitazione: 20 ottobre 2004 Esercizi su array e applicazione delle regole di conversione di tipo Esercizi presenti:

Dettagli

Informatica 2 modulo C Massimo Callisto De Donato

Informatica 2 modulo C Massimo Callisto De Donato Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Informatica 2 modulo C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

$QDOLVLGHOSURJUDPPDTXDGUDWR

$QDOLVLGHOSURJUDPPDTXDGUDWR $QDOLVLGHOSURJUDPPDTXDGUDWR /* */ calcolare l area del quadrato #include main(){ int lato, area; printf("lato "); scanf("%d", &lato); if(lato < 0) printf("errore nei dati \n"); else { area =

Dettagli

Linguaggio C - Array. Array: tipo nome_array[num_elementi]

Linguaggio C - Array. Array: tipo nome_array[num_elementi] Linguaggio C - Array Array: Gli array o vettori sono delle strutture dati in grado di contenere un insieme di valori tutti dello stesso tipo. Un array lo possiamo immaginare come un contenitore suddiviso

Dettagli

Istruzioni iterative (o cicliche)

Istruzioni iterative (o cicliche) Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Istruzioni iterative (o cicliche) Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria

Dettagli

Introduzione al C. Esercitazione 8. Domenico Daniele Bloisi Raffaele Nicolussi. Corso di Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica

Introduzione al C. Esercitazione 8. Domenico Daniele Bloisi Raffaele Nicolussi. Corso di Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Introduzione al C Corso di Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Esercitazione 8 Domenico Daniele Bloisi Raffaele Nicolussi Menu di oggi Matrici Funzioni Stringhe Introduzione al C Esercitazione

Dettagli

18/01/16. Soluzione degli esercizi svolti in aula alla lavagna. Seconda lezione. Cast

18/01/16. Soluzione degli esercizi svolti in aula alla lavagna. Seconda lezione. Cast Soluzione degli esercizi svolti in aula alla lavagna Seconda lezione Cast 1 Esempio Scriviamo un programma che converte temperature Fahrenheit in temperature Celsius La formula è cels = (fahr 32) * 5 *

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 Modulo 2

Fondamenti di Informatica T-1 Modulo 2 Fondamenti di Informatica T-1 Modulo 2 Obiettivi di questa lezione 1. Valutazione in cortocircuito 2. If e if innestati 3. Switch 4. Cicli Valutazione in cortocircuito In C, le espressioni booleane sono

Dettagli

Esercitazione 5. Procedure e Funzioni Il comando condizionale: switch

Esercitazione 5. Procedure e Funzioni Il comando condizionale: switch Esercitazione 5 Procedure e Funzioni Il comando condizionale: switch Comando: switch-case switch (espressione) { /* espressione deve essere case costante1: istruzione1 di tipo int o char */ [break]; case

Dettagli

Linguaggio C - Funzioni

Linguaggio C - Funzioni Linguaggio C - Funzioni Funzioni: Il linguaggio C è di tipo procedurale; ogni programma viene suddiviso in sottoprogrammi, ognuno dei quali svolge un determinato compito. I sottoprogrammi si usano anche

Dettagli

Istruzioni decisionali

Istruzioni decisionali Istruzioni decionali 1. if 2. if-else 3. switch 91 if-else Sintas if (espresone) istruzione_1 else istruzione_2 92 1 if-else else: : semantica Viene valutata espresone Se l espresone è vera (cioè assume

Dettagli

Scelte ed alternative. Esercizi risolti

Scelte ed alternative. Esercizi risolti 1 Esercizio Indovina cosa... Esercizi risolti Determinare che cosa fa il seguente frammento di programma in linguaggio C: int a, b, c; scanf("%d", &a); scanf("%d", &b); if(a>b) { c = a ; a = b ; b = c

Dettagli

ERRATA CORRIGE. void SvuotaBuffer(void); void SvuotaBuffer(void) { if(getchar()!=10) {svuotabuffer();} }

ERRATA CORRIGE. void SvuotaBuffer(void); void SvuotaBuffer(void) { if(getchar()!=10) {svuotabuffer();} } ERRATA CORRIGE Pulizia del buffer di input: come fare? (1) Dopo aver richiamato getchar() per prelevare un carattere dal buffer di input, inseriamo una seconda chiamata a getchar(), senza assegnare il

Dettagli

C espressioni condizionali

C espressioni condizionali C espressioni condizionali Esiste un particolare operatore, detto operatore condizionale, che rappresenta un istruzione if else. estremamente compattata?: Supponiamo di voler inserire nella variabile intera

Dettagli

Esercitazione 3. Corso di Fondamenti di Informatica

Esercitazione 3. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Esercitazione 3 Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

int, char, float.. int, char, float.. - char, int, float, double char: int float: double: float int char signed unsigned short int long int double int Pippo; unsigned int Pippo; long int Pippo; long int

Dettagli

Realizzare un programma che legga da input tre numeri interi e stampi a video la loro somma e la media.

Realizzare un programma che legga da input tre numeri interi e stampi a video la loro somma e la media. Esercizio 1 Realizzare un programma che legga da input tre numeri interi e stampi a video la loro somma e la media. #include Esercizio 1 - Soluzione int main() int num1, num2, num3, somma; float

Dettagli

Le strutture /2. Iniziamo ora a progettare il codice per la gestione del database. Quali sono le funzionalità da implementare?

Le strutture /2. Iniziamo ora a progettare il codice per la gestione del database. Quali sono le funzionalità da implementare? Le strutture /2 Iniziamo ora a progettare il codice per la gestione del database. Quali sono le funzionalità da implementare? Per ora è possibile gestire l'elenco dei libri (e quindi delle strutture) mediante

Dettagli

soldi soldi, int, char, float.. int, char, float.. - char, int, float, double char: int float: double: float int char signed unsigned short int long int double int Pippo; unsigned int Pippo; long int

Dettagli

Esercitazione 11. Liste semplici

Esercitazione 11. Liste semplici Esercitazione 11 Liste semplici Liste semplici (o lineari) Una lista semplice (o lineare) è una successione di elementi omogenei che occupano in memoria una posizione qualsiasi. Ciascun elemento contiene

Dettagli

Corso di Informatica B - Sezione D. Esercitazioni Linguaggio C

Corso di Informatica B - Sezione D. Esercitazioni Linguaggio C Facoltà di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica, Meccanica e dei Trasporti Corso di Informatica B - Sezione D Esercitazioni Linguaggio C Esercitazione del 2012-10-11 Davide Chicco davide.chicco@elet.polimi.it

Dettagli

Istruzioni decisionali

Istruzioni decisionali Istruzioni decionali 1. if 2. if-else 3. switch 115 switch Struttura di scelta plurima che controlla se una espresone assume un valore all interno di un certo ineme di costanti e comporta di conseguenza

Dettagli

Introduzione al C. Esercitazione 6. Raffaele Nicolussi. Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica

Introduzione al C. Esercitazione 6. Raffaele Nicolussi. Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Esercitazione 6 Raffaele Nicolussi Esercizio 1 Si scriva una funzione in linguaggio C che riceve in ingresso un numero intero A letto da tastiera,

Dettagli

Cicli annidati e matrici di variabili

Cicli annidati e matrici di variabili Linguaggio C Cicli annidati e matrici di variabili 1 Cicli annidati! 2 cicli FOR annidati richiedono 2 differenti variabili contatori! Il contatore del ciclo interno può dipendere dal contatore del ciclo

Dettagli

Tipo carattere. Campo di variabilità. Intervallo finito. Tipo. Dimensione (byte) char

Tipo carattere. Campo di variabilità. Intervallo finito. Tipo. Dimensione (byte) char Tipo carattere Finora abbiamo lavorato con valori numerici. I numeri costituiscono molta parte del lavoro dei computer, ma non tutta. I computer sono macchine per il trattamento dell informazione e l informazione

Dettagli

Informatica I Facoltà di Ingegneria

Informatica I Facoltà di Ingegneria Informatica I Facoltà di Ingegneria Prova scritta del 13/02/2014 Si chiede di realizzare un programma per la gestione del palinsesto settimanale di una emittente radiofonica. I dati del palinsesto settimanale

Dettagli

Esercizi. La funzione swapint() primo tentativo

Esercizi. La funzione swapint() primo tentativo Politecnico di Milano Esercizi Puntatori, struct con campi puntatore, puntatori a struct, rapporto tra array e puntatori. FUNZIONI Passaggio di parametri per indirizzo, passaggio di array. #include

Dettagli

Alcuni esercizi. 1. Valutazione in cortocircuito 2. If e if innestati 3. Switch 4. Cicli

Alcuni esercizi. 1. Valutazione in cortocircuito 2. If e if innestati 3. Switch 4. Cicli Alcuni esercizi 1. Valutazione in cortocircuito 2. If e if innestati 3. Switch 4. Cicli Esercizio 1 (valutazione in cortocircuito) int main() int a=5, b=5, c=5; if (a>0 (a=a+1) ) printf( %d, a); if (b>0

Dettagli

ARRAY E STRINGHE. ESERCIZIO 2 Scrivere un programma che calcola il numero di doppie e di dittonghi (2 vocali vicine) presenti in una stringa.

ARRAY E STRINGHE. ESERCIZIO 2 Scrivere un programma che calcola il numero di doppie e di dittonghi (2 vocali vicine) presenti in una stringa. 3 ITI - a.s. 2007-2008 Compiti di Informatica ESTATE 2008 ARRAY E STRINGHE Scrivere una funzione che carica da tastiera un array di n elementi e lo stampa invertendo il primo elemento con l'ultimo, il

Dettagli

ESAME DI FONDAMENTI DI INFORMATICA I ESAME DI ELEMENTI DI INFORMATICA. 28 Gennaio 1999 PROVA SCRITTA

ESAME DI FONDAMENTI DI INFORMATICA I ESAME DI ELEMENTI DI INFORMATICA. 28 Gennaio 1999 PROVA SCRITTA 28 Gennaio 1999 PROVA SCRITTA Esercizio 1 Un elaboratore rappresenta numeri interi in complemento a due su 8 bit e numeri reali in utilizzando un byte per la mantissa normalizzata e un byte per l esponente

Dettagli

I costrutti del C. Le Strutture del C. Il costrutto if else (I) Il costrutto if else (II) Condizionali. if-else (else if) switch Iterative

I costrutti del C. Le Strutture del C. Il costrutto if else (I) Il costrutto if else (II) Condizionali. if-else (else if) switch Iterative 1 Le Strutture del C I costrutti del C Strutture condizionali Strutture iterative Introduzione alle funzioni Condizionali if- ( if) switch Iterative while for do while break and continue 1 2 Il costrutto

Dettagli

Il linguaggio C Puntatori

Il linguaggio C Puntatori Il linguaggio C Puntatori Moreno Marzolla Dipartimento di Informatica Scienza e Ingegneria (DISI) Università di Bologna http://www.moreno.marzolla.name/ Linguaggio C - puntatori 2 Ringraziamenti Questi

Dettagli

Linguaggio C. tipi di dati definiti dall utente. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin

Linguaggio C. tipi di dati definiti dall utente. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin Linguaggio C tipi di dati definiti dall utente Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Tipi di dati in C Predefiniti

Dettagli

giapresente( ) leggi( ) char * strstr(char * cs, char * ct) NULL

giapresente( ) leggi( ) char * strstr(char * cs, char * ct) NULL Materiale di ausilio utilizzabile durante l appello: tutto il materiale è a disposizione, inclusi libri, lucidi, appunti, esercizi svolti e siti Web ad accesso consentito in Lab06. L utilizzo di meorie

Dettagli

Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 5/10/2011. Prof. Raffaele Nicolussi

Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 5/10/2011. Prof. Raffaele Nicolussi Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 5/10/2011 Prof. Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via del Policlinico, 147-00161 Roma Docente Raffaele Nicolussi rnicolussi@fub.it Lezioni

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

ESAME DI FONDAMENTI DI INFORMATICA I ESAME DI ELEMENTI DI INFORMATICA 17/1/1997 PROVA SCRITTA

ESAME DI FONDAMENTI DI INFORMATICA I ESAME DI ELEMENTI DI INFORMATICA 17/1/1997 PROVA SCRITTA ESAME DI FONDAMENTI DI INFORMATICA I ESAME DI ELEMENTI DI INFORMATICA 17/1/1997 PROVA SCRITTA 1. Mostrare come viene svolto il calcolo: 9.8-2.6 + (10 * 2 2 ) qualora l' elaboratore adotti per i numeri

Dettagli

IEIM Esercitazione XI Ricorsione e Ripasso. Alessandro A. Nacci -

IEIM Esercitazione XI Ricorsione e Ripasso. Alessandro A. Nacci - IEIM 2017-2018 Esercitazione XI Ricorsione e Ripasso Alessandro A. Nacci alessandro.nacci@polimi.it - www.alessandronacci.it 1 Mappa del Tesoro Matrici e Ricorsione 2 LA MAPPA DEL TESORO 3 Una mappa particolare!

Dettagli

Array Tipi di dato semplici e strutturati strutturati array elementi omogenei numero d ordine indice lunghezza dimensione

Array Tipi di dato semplici e strutturati strutturati array elementi omogenei numero d ordine indice lunghezza dimensione Array Tipi di dato semplici e strutturati i tipi di dato visti finora erano tutti semplici: int, char, float,... i dati manipolati sono spesso complessi (o strutturati) con componenti elementari o strutturate

Dettagli

I VETTORI MULTIDIMENSIONALI. Manuale linguaggio C

I VETTORI MULTIDIMENSIONALI. Manuale linguaggio C I VETTORI MULTIDIMENSIONALI Manuale linguaggio C Vettori multidimensionali Il vettore può avere un qualsisasi numero di dimensioni. È quindi possibile creare matrici e, più in generale, array a più dimensioni

Dettagli

#include<stdlib.h> #include<stdio.h> #include<string.h> typedef char mese[20]; typedef struct { int giorno; mese month; int anno; } data;

#include<stdlib.h> #include<stdio.h> #include<string.h> typedef char mese[20]; typedef struct { int giorno; mese month; int anno; } data; /* Inserire una data in formato dd/mm/yyyy e stampare la date da quella inserita all ultima del mese, sostituendo al mese numerico il nome. In: 11/05/1982 Out: 11 Maggio 1982 12 Maggio 1982... 31 Maggio

Dettagli

Approfondimento : numeri pseudocasuali

Approfondimento : numeri pseudocasuali Approfondimento : numeri pseudocasuali Il funzionamento di un computer è un processo deterministico Regolato da leggi rigide Completamente determinato dalle condizioni iniziali Questo comporta che è molto

Dettagli

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE DA TEMI D ESAME - vettori -

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE DA TEMI D ESAME - vettori - ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE DA TEMI D ESAME - vettori - Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Esercizio 1 Sviluppare un programma che acquisisce dall utente al massimo 50 numeri

Dettagli

INFORMATICA DI BASE Linguaggio C Prof. Andrea Borghesan

INFORMATICA DI BASE Linguaggio C Prof. Andrea Borghesan INFORMATICA DI BASE Linguaggio C Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento lunedì, prima o dopo lezione 1 Le funzioni in C Le funzioni vengono utilizzate per 3 motivi: Riusabilità

Dettagli

Fondamenti di Informatica L-A

Fondamenti di Informatica L-A Fondamenti di Informatica L-A Esercitazione del 30/10/07 Ing. Giorgio Villani Ripasso Teoria Ciclo do while do {istruzioni while(espressione); int i; do { printf( Scegli un numero tra 1 e 3 ); scanf( %d,

Dettagli

I puntatori. Il C ci permette di conoscere tale indirizzo, ovvero di determinare dove la variabile sia stata effettivamente memorizzata.

I puntatori. Il C ci permette di conoscere tale indirizzo, ovvero di determinare dove la variabile sia stata effettivamente memorizzata. I puntatori La memoria RAM del calcolatore è formata da un insieme di celle di memoria; per poter localizzare ciascuna cella, ad ognuna di esse è associato un numero, ovvero il suo indirizzo, che viene

Dettagli

Istruzioni iterative. Istruzioni iterative

Istruzioni iterative. Istruzioni iterative Istruzioni iterative Esempio: Leggere 5 interi, calcolarne la somma e stamparli. Variante non accettabile: 5 variabili, 5 istruzioni di lettura, 5... int i1, i2, i3, i4, i5; scanf("%d", &i1):... scanf("%d",

Dettagli

Tutorato Programmazione 1 Modulo 2

Tutorato Programmazione 1 Modulo 2 Tutorato Programmazione 1 Modulo 2 Lezione 1 Do#. Michele Ciampi Esercizio 1 pagina 122 Esercizio 1 pagina 122 (Loops) Scrivere un programma che trova il più grande valore inserito dall utente. L utente

Dettagli

Programmi su più moduli - Esempio

Programmi su più moduli - Esempio Programmi su più moduli - Esempio Calcolo del logaritmo in base qualunque Incapsulare la logica di calcolo in una funzione PASSO 1: definisco la dichiarazione della funzione (nome, parametri di input e

Dettagli

sum = 0; positivenumbers = 0; /* Passo 1 */ printf("introduci i numeri (0 per finire): "); scanf("%d", &number);

sum = 0; positivenumbers = 0; /* Passo 1 */ printf(introduci i numeri (0 per finire): ); scanf(%d, &number); / Questo programma legge numeri interi, positivi e negativi, finche' l'utente non digita il valore 0 (valore di terminazione). Quando l'utente ha finito di immettere gli interi, il programma stampa la

Dettagli

int, char, float.. int, char, float.. enum - enum{nome1, nome2,, nomen}; 0 N-1 enum{falso, vero}; falso=0 falso vero=1 vero enum{quardi,cuori,fiori,spade}; enum{biondi,neri,castani,rossi,bianchi}; enum

Dettagli

SOLUZIONE ESERCIZIO 1

SOLUZIONE ESERCIZIO 1 SOLUZIONE ESERCIZIO 1 Progettare un algoritmo che dati tre numeri (voti) a, b, c che possono assumere i valori interi da 18 a 30, calcoli la loro media. #include void main() { int a, b, c; float

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Puntatori

Introduzione al linguaggio C Puntatori Introduzione al linguaggio C Puntatori Violetta Lonati Università degli studi di Milano Dipartimento di Informatica Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica 19 ottobre 2016

Dettagli

Laboratorio di Programmazione: Linguaggio C Lezione 9 del 27 novembre 2013

Laboratorio di Programmazione: Linguaggio C Lezione 9 del 27 novembre 2013 Laboratorio di Programmazione: Linguaggio C Lezione 9 del 27 novembre 2013 Damiano Macedonio Giochi d Azzardo Note Iniziali Per generare un numero casuale basta includere la libreria stdlib.h e utilizzare

Dettagli

Switch. Unità 3. Corso di Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica BCLR. Domenico Daniele Bloisi

Switch. Unità 3. Corso di Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica BCLR. Domenico Daniele Bloisi Corso di Ingegneria Clinica BCLR Domenico Daniele Bloisi Docente Ing. Domenico Daniele Bloisi, PhD Ricercatore Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale Antonio Ruberti Via Ariosto

Dettagli

Unità 3 Istruzioni condizionali

Unità 3 Istruzioni condizionali Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Introduzione al C Unità 3 Istruzioni condizionali D. Bloisi, S. Peluso, A. Pennisi, S. Salza Sommario

Dettagli

NUMERI CASUALI E SIMULAZIONE

NUMERI CASUALI E SIMULAZIONE NUMERI CASUALI E SIMULAZIONE NUMERI CASUALI Usati in: statistica programmi di simulazione... Strumenti: - tabelle di numeri casuali - generatori hardware - generatori software DESCRIZIONE DEL PROBLEMA

Dettagli

Esercizio 1 - Soluzione

Esercizio 1 - Soluzione ESERCIZIO 1 Scrivere una funzione che data una stringa A calcoli la sua lunghezza. int lunghezza(char A[]); Scrivere una funzione che date due stringhe A e B copi il contenuto di A in B e restituisca il

Dettagli

Tipo Struct, Union, Enum

Tipo Struct, Union, Enum Concetti chiave Tipo Struct, Union, Enum Variabili strutturate: il tipo struct Elementi di una struttura typedef & struct Strutture annidate Array di strutture Union Enum Struct Per aggregare elementi

Dettagli

Esercizio 1. Esercizio 1 Soluzione

Esercizio 1. Esercizio 1 Soluzione Esercizio 1 I numeri complessi Data la notazione cartesiana di un numero complesso (in parte reale ed immaginaria), Realizzare una procedura che ne restituisca la notazione polare (tramite parametri passati

Dettagli

Programmazione I - Laboratorio

Programmazione I - Laboratorio Programmazione I - Laboratorio Esercitazione 5 Struct, Union e allocazione dinamica della memoria Gianluca Mezzetti 1 Paolo Milazzo 2 1. Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia)

ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia) ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia) Scrivere una funzione per definire se un numero è primo e un programma principale minimale che ne testa la funzionalità. #include

Dettagli

C: panoramica. Violetta Lonati

C: panoramica. Violetta Lonati C: panoramica Violetta Lonati Università degli studi di Milano Dipartimento di Scienze dell Informazione Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica AA 2009/2010 Violetta Lonati

Dettagli

Introduzione a. Funzioni di Ingresso e Uscita. Compilazione

Introduzione a. Funzioni di Ingresso e Uscita. Compilazione Introduzione a Funzioni di Ingresso e Uscita Compilazione 2 Come si termina...... un programma in esecuzione (processo)? Ctrl + C In UNIX ci si basa sul concetto di terminale Anche da GUI, quello che si

Dettagli

Puntatori e Heap in C. Prof.Ing.S.Cavalieri

Puntatori e Heap in C. Prof.Ing.S.Cavalieri Puntatori e Heap in C Prof.Ing.S.Cavalieri Tipi Puntatori #include int n; int * p; int main(void) { n = 15; p = &n; NULL int n, *p; printf("\nil Numero n e' uguale a : %d ",n); *p = 25; printf("\nil

Dettagli

Esercizi su liste e grafi

Esercizi su liste e grafi Esercizi su liste e grafi Marco Liverani Gennaio 2011 E-mail: liverani@mat.uniroma3.it Web: http://www.mat.uniroma3.it/users/liverani 1 1 Esercizi sulle liste Esercizio 1 Letta in input una sequenza di

Dettagli

Complementi. - Ridefinizione di tipo - - Costrutto switch - - Programmazione su più file - - Parametri della funzione main - Funzione system -

Complementi. - Ridefinizione di tipo - - Costrutto switch - - Programmazione su più file - - Parametri della funzione main - Funzione system - Complementi - Ridefinizione di tipo - - Costrutto switch - - Programmazione su più file - - Parametri della funzione main - Funzione system - Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin

Dettagli

Linguaggio C. Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore.

Linguaggio C. Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore. Linguaggio C Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore. 1 Funzioni Generalizzazione del concetto di funzione algebrica: legge che associa a valori delle variabili

Dettagli

switch Istruzione switch Scelte ed alternative Scelte multiple Sintassi istruzione switch Precisazioni (1/2)

switch Istruzione switch Scelte ed alternative Scelte multiple Sintassi istruzione switch Precisazioni (1/2) Sintassi dell istruzione Particolarità dell istruzione Esercizio proposto Verifica della soluzione Scelte ed alternative 2 Scelte multiple Quando occorre compiere una sequenza di scelte, in funzione del

Dettagli

Esercizi di programmazione in C

Esercizi di programmazione in C Esercizi di programmazione in C Esercizio 1 Scrivere un programma in linguaggio C che legga da tastiera una sequenza di lunghezza ignota a priori di numeri interi positivi. Il programma, a partire dal

Dettagli

Fondamenti di Informatica 2

Fondamenti di Informatica 2 Fondamenti di Informatica 2 della prova scritta del 28 Febbraio 2006 Esercizio 1 (4 punti) Date le seguenti variabili int A[] = 2,3,7,-2,5,8,-4; int N = 7; int min = 3; int i; Scrivere la porzione di codice

Dettagli

Soluzioni. /* LEGGI IL NUMERO TERMINI DELLA SEQUENZA */ printf("inserisci il numero di termini della serie di Fibonacci: ") ; scanf("%d", &N);

Soluzioni. /* LEGGI IL NUMERO TERMINI DELLA SEQUENZA */ printf(inserisci il numero di termini della serie di Fibonacci: ) ; scanf(%d, &N); Soluzioni Esercizio 4: Scrivere un programma che calcoli e stampi i primi N numeri della serie di Fibonacci, con N inserito da tastiera. La serie di Fibonacci inizia con 1, 1 ed ogni numero successivo

Dettagli

Scelte ed alternative

Scelte ed alternative Scelte ed alternative Sintassi dell istruzione Particolarità dell istruzione Esercizio proposto Verifica della soluzione 2 2006 Politecnico di Torino 1 Scelte multiple Quando occorre compiere una sequenza

Dettagli

ISTRUZIONI DI ITERAZIONE

ISTRUZIONI DI ITERAZIONE CHAPTER 6 CICLI 1 ISTRUZIONI DI ITERAZIONE Le istruzioni di iterazione sono usate per realizzare I cicli. Un ciclo è una istruzione il cui compito è di eseguire ripetutamente qualche altra istruzione (il

Dettagli

Laboratorio di informatica Ingegneria meccanica

Laboratorio di informatica Ingegneria meccanica Interi in complemento a 2 () Laboratorio di informatica Ingegneria meccanica Lezione 5 29 ottobre 2007 Con N bit sono rappresentabili tutti gli interi nell'intervallo [-2^(N-), 2^(N-)-] Esempio: 6 bit,

Dettagli

Informatica B

Informatica B Informatica B 2016-2017 Esercitazione 8 Array e Stringhe Alessandro A. Nacci alessandro.nacci@polimi.it - www.alessandronacci.it 1 Esercizio 1: stringhe - vocali consecutive Scrivere un programma che data

Dettagli