POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA DELL AUTORITÀ DI CERTIFICAZIONE SULLE PREVISIONI DI SPESA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA DELL AUTORITÀ DI CERTIFICAZIONE SULLE PREVISIONI DI SPESA"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA DELL AUTORITÀ DI CERTIFICAZIONE SULLE PREVISIONI DI SPESA Punto 10 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 luglio 2015)

2 INDICE 1. Spese certificate e rimborsi ottenuti Previsioni di spesa per assi prioritari e settori d intervento Il target di spesa al 31 dicembre

3 1. Spese certificate e rimborsi ottenuti Al 31/12/2014, è stata certificata sul POR Calabria FESR la spesa complessiva di ,52, di cui ,55 di quota FESR, importo superiore di ,52 al target di spesa richiesto per non incorrere nel meccanismo sanzionatorio del disimpegno automatico. Al , il suddetto target di spesa era, infatti, pari a ,00. Tabella 1 - Domanda di pagamento al Assi Quota comunitaria Quota nazionale Contributo pubblico totale I , , ,81 II , , ,28 III , , ,71 IV , , ,93 V , , ,02 VI , , ,45 VII , , ,02 VIII , , ,09 IX , , ,21 Totale , , ,52 Con l ultima domanda di pagamento del 16 giugno 2015 (IGRUE 19.1), è stata certificata sul POR Calabria FESR la spesa complessiva pubblica di ,13, di cui ,27 di quota FESR. Tabella 2 - Domanda di pagamento al Assi Quota comunitaria Quota nazionale Contributo pubblico totale I , , ,14 II , , ,79 III , , ,24 IV , , ,36 V , , ,29 VI , , ,45 VII , , ,17 VIII , , ,33 3

4 Assi Quota comunitaria Quota nazionale Contributo pubblico totale IX , , ,36 Totale , , ,13 Le suddette domande di pagamento sono al netto della deduzioni forfetarie effettuate in base alle indicazioni dell Autorità di audit relative alla proiezione sulla popolazione non controllata del tasso di errore sul campione 2009 e sul campione 2010, per un totale di ,87 (spesa proiettata 2009: ,86; spesa proiettata 2010: ,01). La prima deduzione è stata effettuata a partire dalla domanda di pagamento di dicembre 2012, la seconda a partire dalla domanda di pagamento di agosto Relativamente alle domande di pagamento trasmesse alla Commissione, ad oggi è stato trasferito alla Regione Calabria a valere sulla quota comunitaria l importo di euro ,76 a cui si aggiunge la quota di prefinanziamento pari a euro ,95 per un totale di risorse trasferite di euro ,71. Sulla quota di cofinanziamento statale (l.183/87) è stata trasferita alla Regione Calabria la quota di euro ,95 di cui euro ,20 quale quota di prefinanziamento e euro ,75 a titolo di pagamenti intermedi. Il totale di risorse trasferite alla Regione Calabria a valere sulla quota comunitaria e sulla quota statale è pari a euro ,66, comprensivo della quota di prefinanziamento (euro ,15) e delle domande di pagamento presentate fino al 29 dicembre 2014 e regolarmente riconosciute. Tabella 3 - Domande di pagamento riconosciute: importi accreditati alla Regione Calabria DATA FESR L.183/87 FESR +L.183/87 10/12/ , , ,24 24/12/ , , ,18 28/12/ , , ,69 12/04/ , , ,32 02/11/ , , ,89 06/12/ , ,30 22/12/ , ,00 15/06/ , ,33 27/10/ , ,49 21/12/ , ,13 30/05/ , ,22 30/10/ , ,02 4

5 DATA FESR L.183/87 FESR +L.183/87 21/12/ , ,35 20/08/ , ,03 23/12/ , ,71 06/06/ , ,91 03/11/ , ,39 29/12/ , , ,31 Totale , , ,51 A questi si aggiungono i rimborsi richiesti con l ultima domanda di pagamento del 16 giugno 2015 per un totale di pagamenti pari a ,61 di cui euro ,71 a valere sulla quota comunitaria ed euro ,90 sulla quota statale. Per effetto dell interruzione di pagamenti comunicata dalla Commissione Europea con nota del febbraio e della successiva sospensione dei pagamenti disposta con Decisione di gennaio 2012 della Commissione Europea 2 le domande di pagamento a partire da quella del 6 dicembre 2012 non risultavano trattate dai Servizi della Commissione. Con Decisione C(2015) 2299 del la Commissione Europea ha abrogato la Decisione C(2012) 327 ed ha revocato la sospensione dei pagamenti intermedi del Programma. Le domande di pagamento dal 6 dicembre 2010 al 21 dicembre 2011 sono state rimborsate con quietanze emesse il 4 maggio 2015, mentre le successive domande di pagamento fino a quella del 29 dicembre 2014 sono state rimborsate con quietanze emesse il 7 maggio Nota Ares(2011) del Decisione C(2012) 327 della Commissione del 20 gennaio 2012 relativa alla sospensione dei pagamenti intermedi del Programma Operativo per l intervento comunitario del fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) ai fini dell obiettivo Convergenza nella regione Calabria in Italia. 5

6 2. Previsioni di spesa per assi prioritari e settori d intervento Le previsioni di spesa del POR Calabria FESR 2007/2013 per il sono state inserite nel Sistema informativo regionale di monitoraggio e trasferite al sistema IGRUE in ottemperanza a quanto richiesto dal Dipartimento per lo sviluppo e la Coesione Economica con nota 407 del Con nota n del 23/06/2015 l Agenzia per la Coesione Territoriale (ex DPS) ha chiesto un aggiornamento di tali dati. L Autorità di Certificazione del POR Calabria FESR 2007/2013 ha invitato i Dipartimenti regionali ad aggiornare le previsioni di spesa presenti sul sistema informativo regionale (SIURP), relativamente ai seguenti periodi: 1 gennaio 31 ottobre 2015; 1 novembre 31 dicembre 2015; 1 gennaio 31 dicembre 2016 con nota n del 13/07/2015. I dati relativi alle previsioni di spesa sono stati trasmessi all Autorità di Certificazione entro il 22/07/2015. Di seguito vengono riportati i dati previsionali di spesa - al 31 ottobre - e al 31 dicembre ripartiti per Asse Prioritario, illustrati in relazione al nuovo piano finanziario, pari a euro , che ha fatto seguito alla revisione del Programma operativo, approvata con Decisione C(2014) 8746 del 18/11/2014. L analisi delle previsioni di spesa è stata effettuata sulla base delle spese certificate al lordo della deduzione effettuata e da effettuare sulla base della proiezione del tasso di errore dell Autorità di Audit sul campione 2009 sul campione 2010 pari complessivamente ad ,87. Tabella 4 Previsioni di spesa dal al per Asse prioritario Previsioni di spesa dal al ASSI Totale FESR Quota nazionale V.A. V.A. % V.A. % I ,00% ,00% II ,00% ,00% III ,00% ,00% IV ,00% ,00% V ,00% ,00% VI ,00% ,00% VII ,00% ,00% VIII ,00% ,00% IX ,00% ,00% Totale

7 Tabella 5 Previsioni di spesa cumulate al per Asse prioritario Previsioni di spesa al Cumulate ASSI Totale FESR Quota nazionale V.A. V.A. % V.A. % I ,00% ,00% II ,00% ,00% III ,00% ,00% IV ,00% ,00% V ,00% ,00% VI ,00% ,00% VII ,00% ,00% VIII ,00% ,00% IX ,00% ,00% Totale Tabella 6 Previsioni di spesa dal al per Asse prioritario Previsioni di spesa dal al ASSI Totale FESR Quota nazionale V.A. V.A. % V.A. % I ,00% ,00% II ,00% ,00% III ,00% ,00% IV ,00% ,00% V ,00% ,00% VI ,00% ,00% VII ,00% ,00% VIII ,00% ,00% IX ,00% ,00% Totale

8 Tabella 7 Previsioni di spesa cumulate al per Asse prioritario Previsioni di spesa al ASSI Totale FESR Quota nazionale V.A. V.A. % V.A. % I ,00% ,00% II ,00% ,00% III ,00% ,00% IV ,00% ,00% V ,00% ,00% VI ,00% ,00% VII ,00% ,00% VIII ,00% ,00% IX ,00% ,00% Totale Tabella 8 Previsioni di spesa per Asse prioritario da includere nelle DdP dell anno 2016 Previsioni di spesa al da includere in DdP 2016 ASSI Totale FESR Quota nazionale V.A. V.A. % V.A. % I ,00% ,00% II ,00% ,00% III ,00% ,00% IV ,00% ,00% V ,00% ,00% VI ,00% 0 25,00% VII ,00% ,00% VIII ,00% ,00% IX ,00% ,00% Totale

9 Tabella 9 Previsioni di spesa per Asse prioritario da includere nelle DdP dell anno 2016 (importo cumulato) ASSI Previsioni di spesa al da includere in DdP 2016 (importo cumulato) Totale FESR Quota nazionale V.A. V.A. % V.A. % I ,00% ,00% II ,00% ,00% III ,00% ,00% IV ,00% ,00% V ,00% ,00% VI ,00% ,00% VII ,00% ,00% VIII ,00% ,00% IX ,00% ,00% Totale Le previsioni di spesa inserite nelle tabelle 8 e 9 sono riferite alle spese effettivamente sostenute al 31 dicembre 2015, data finale di ammissibilità delle spese ai sensi dell articolo 56, paragrafo 1 del Regolamento generale. 9

10 Asse I Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Società dell Informazione A valere su tale Asse la spesa certificata al 31/12/2014 è di euro ,81 (quota comunitaria: euro ,03), pari al 31,21% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,15 (31,40% del costo La spesa certificata nella domanda di pagamento di giugno 2015 è di euro ,14 pari al 31,69% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,48 (31,88% del costo In particolare, al lordo della deduzione forfetaria: - per il Settore di Intervento Ricerca Scientifica e Innovazione Tecnologica si rileva al una spesa certificata pari a euro ,61. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,44. - per il Settore di Intervento Società dell Informazione si registra al una spesa certificata pari ad euro ,54. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,04. Al per l intero Asse si prevede di certificare la somma di euro con un incremento previsto nell anno 2015 di euro Asse II Energia A valere su tale Asse la spesa certificata al 31/12/2014 è di euro ,28 (quota comunitaria: euro ,09), pari al 53,34% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,91 (53,86% del costo La spesa certificata nella domanda di pagamento di giugno 2015 è di euro ,79, pari al 54,40% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,42 (54,92% del costo Unico settore d intervento dell Asse è il 2.1 Energie rinnovabili e risparmio energetico. Al per l intero Asse si prevede di certificare la somma di euro con un incremento relativo all anno 2015 pari a euro ,72. Asse III Ambiente A valere su tale Asse la spesa certificata al 31/12/2014 è di euro ,71 (quota comunitaria: euro ,04), pari al 98,33% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,63 (99,40% del costo La spesa certificata nella domanda di pagamento di giugno 2015 è di euro ,24 pari al 100,34% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,16 (101,41% del costo In particolare, al lordo della deduzione forfetaria: - per il Settore di Intervento Risorse Idriche, si rileva al una spesa certificata pari ad euro ,19. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,41. - per il Settore di Intervento Difesa del Suolo, Tutela delle Coste, Prevenzione dei Rischi Naturali e Protezione Civile si rileva al una spesa certificata pari ad euro ,67. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,35. 10

11 - per il Settore di Intervento Gestione dei Rifiuti si registra al una spesa certificata pari ad euro ,06. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,46. - per il Settore di Intervento Bonifica dei Siti Inquinati si rileva al una spesa certificata pari ad euro ,62. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,65. - per il Settore di Intervento Sostenibilità Ambientale delle Politiche di Sviluppo e Monitoraggio Ambientale al si registra una spesa certificata pari ad euro ,09. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,29. Al per l intero Asse si prevede di certificare la somma di euro con un incremento nell anno 2015 di euro Asse IV - Qualità della vita e Inclusione sociale A valere su tale Asse la spesa certificata al 31/12/2014 è di euro ,93 (quota comunitaria: euro ,45), pari al 51,62% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,25 (51,63% del costo La spesa certificata nella domanda di pagamento di giugno 2015 è di euro ,36 (quota comunitaria: euro ,02), pari al 63,76% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,68 (63,77% del costo In particolare, al lordo della deduzione forfetaria: - per il Settore di Intervento Istruzione si rileva al una spesa certificata pari a euro ,12. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,11. - per il Settore di Intervento 4.2 Inclusione Sociale si rileva al una spesa certificata pari a euro ,03. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,42. - per il Settore di Intervento 4.3 Sicurezza e legalità al si rileva una spesa certificata pari a euro ,10. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,15. Al per l intero Asse si prevede di certificare la somma di euro con un incremento nell anno di euro Asse V- Risorse Naturali, Culturali e Turismo Sostenibile A valere su tale Asse la spesa certificata al 31/12/2014 è di euro ,02 (quota comunitaria: euro ,35), pari al 33,92% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,93 (34,39% del costo La spesa certificata nella domanda di pagamento di giugno 2015 è di euro ,29 (quota comunitaria: euro ,04) pari al 36,11%% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,20 (36,58% del costo In particolare, al lordo della deduzione forfetaria: 11

12 - per il Settore di Intervento Rete Ecologica al è stata certificata la spesa di euro ,16. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,94. - per il Settore di Intervento Patrimonio Culturale al si rileva una spesa certificata pari ad euro ,06. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,69. - per il Settore di Intervento Turismo Sostenibile si rileva al una spesa certificata pari a euro ,71. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,57. Al per l intero Asse si prevede di certificare la somma di euro con un incremento relativo all anno 2015 pari a euro ,98 Asse VI Reti e Collegamenti per la mobilità A valere su tale Asse la spesa certificata al 31/12/2014 è di euro ,45 (quota comunitaria: euro ,34), pari al 98,12% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,34 (98,68% del costo La spesa certificata nella domanda di pagamento di giugno 2015 è di euro ,45 (quota comunitaria: euro ,84), pari al 98,59%% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,34 (99,15% del costo Unico settore d intervento dell Asse è il Reti e Collegamenti per la Mobilità Regionale. Al per l intero Asse si prevede di certificare la somma di euro , con un incremento relativo all anno 2015 pari a euro ,55 Asse VII - Sistemi Produttivi A valere su tale Asse la spesa certificata al 31/12/2014 è di euro ,02 (quota comunitaria: euro ,33), pari al 73,39% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,21 (74,28%% del costo La spesa certificata nella domanda di pagamento di giugno 2015 è di euro ,17 (quota comunitaria: euro ,94) pari al 74,24% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,36 (75,13% del costo Unico settore d intervento dell Asse è il Settore di Intervento Competitività dei Sistemi Territoriali e delle Imprese. Al per l intero Asse si prevede di certificare la somma di euro , con un decremento relativo all anno 2015 pari a euro Asse VIII - Città, Aree Urbane e Sistemi Territoriali A valere su tale Asse la spesa certificata al 31/12/2014 è di euro ,09 (quota comunitaria: euro ,26), pari al 37,58% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,41 (37,72% del costo La spesa certificata nella domanda di pagamento di giugno 2015 è di euro ,33 (quota comunitaria: euro ,46) pari al 42,52% del costo programmato. Le spese certificate alla 12

13 stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,65 (42,66% del costo In particolare, al lordo della deduzione forfetaria: - per il Settore di Intervento 8.1 Città e Aree Urbane al si rileva una spesa certificata pari ad euro ,86. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,52. - per il Settore di Intervento Sistemi Territoriali al si rileva una spesa certificata pari ad euro ,55. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,13. Al per l intero Asse si prevede di certificare la somma di euro , con un incremento relativo all anno 2015 pari a euro ,91. Asse IX Assistenza Tecnica e Cooperazione Interregionale A valere su tale Asse la spesa certificata al 31/12/2014 è di euro ,21 (quota comunitaria: euro ,66), pari al 49,67% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,56 (49,81% del costo La spesa certificata nella domanda di pagamento di giugno 2015 è di euro ,36 (quota comunitaria: euro ,27) pari al 52,65% del costo programmato. Le spese certificate alla stessa data, al lordo della deduzione forfetaria, sono pari a ,71 (52,79% del costo In particolare, al lordo della deduzione forfetaria: - per il Settore di Intervento 9.1 Assistenza Tecnica al si rileva una spesa certificata pari ad euro ,56. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,94. - per il Settore di Intervento 9.2 Cooperazione interregionale al non è stata certificata alcuna spesa. Le spese certificate nella domanda di pagamento di giugno 2015 sono pari a euro ,77 Al per l intero Asse si prevede di certificare la somma di euro , con un incremento relativo all anno 2015 pari a euro ,79. 13

14 3. Il target di spesa al 31 dicembre 2015 Il target di spesa al 31 dicembre 2015 coincide con la dotazione finanziaria complessiva del Programma, pari a euro sulla base del piano finanziario vigente per Assi Prioritari approvato con Decisione C(2014) 8746 del 18/11/2014). Rispetto alla spesa certificata alla data di giugno 2015, pari a ,770, l importo aggiuntivo da certificare per il raggiungimento del target di spesa ammonta a circa 748 milioni di euro. DdP DdP 2014 e target spesa 2015 (Contributo pubblico totale) DdP Target Differenza A B C D=C-B Il target di spesa da raggiungere al , per la quota comunitaria, è pari a euro Pertanto, la spesa aggiuntiva da certificare rispetto alla spesa certificata a valere sulla quota FESR a giugno 2015 ( ) risulta pari a circa 561 milioni di euro. DdP DdP 2014 e target spesa 2015 (quota comunitaria) DdP Target Differenza A B C D=C-B Il raggiungimento del target delle spese certificate sarà verificato sulla base dei dati registrati dal sistema SFC2007 della Commissione Europea. 14

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.10.2013 C(2013) 6861 final DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 18.10.2013 recante modifica della Decisione C(2007) 6882 che adotta il programma operativo nazionale "Ricerca

Dettagli

Stato di avanzamento del programma al 31 marzo 2005 e Previsioni di spesa al 31 dicembre 2005

Stato di avanzamento del programma al 31 marzo 2005 e Previsioni di spesa al 31 dicembre 2005 REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area programmazione strategica e socio-economica Servizio 2 - Programmazione strategica e comunitaria DOCUP Ob. 2 (2000-2006) Comitato di Sorveglianza del 9-10 giugno

Dettagli

POR FESR Situazione avanzamento Finanziario/procedurale. Evento Annuale Por FESR 2013

POR FESR Situazione avanzamento Finanziario/procedurale. Evento Annuale Por FESR 2013 POR FESR 2007-2013 Situazione avanzamento Finanziario/procedurale Evento Annuale Por FESR 2013 Avanzamento finanziario al 19/11/2013 Obiettivo di spesa N+2 al 31/12/2013: euro 174.428.177,40 Spesa certificata

Dettagli

COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FSE 2014/2020 e 2007/2013. Venezia 27 maggio INFORMATIVA 9.

COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FSE 2014/2020 e 2007/2013. Venezia 27 maggio INFORMATIVA 9. COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FSE 2014/2020 e 2007/2013 Venezia 27 maggio 2016 INFORMATIVA 9. Attività di Audit POR CRO VENETO 2007 2013 PARTE FSE POR VENETO FSE 2014/2020

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 17.8.2015 C(2015) 5903 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 17.8.2015 che approva determinati elementi del programma operativo "POR Veneto FESR 2014-2020"

Dettagli

Informativa Rapporto Annuale di Controllo anno 2014 Autorità di Audit Peter Bieler

Informativa Rapporto Annuale di Controllo anno 2014 Autorità di Audit Peter Bieler Informativa Rapporto Annuale di Controllo anno 2014 Autorità di Audit Peter Bieler Aosta, 9 giugno 2015 Compiti dell AdA Art. 62, par. 1, lett. d), punti i) e ii) del Reg. (CE) 1083/2006 Presentare alla

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 3.8.205 C(205) 5854 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 3.8.205 che approva determinati elementi del programma operativo "POR Puglia FESR-FSE" per il sostegno

Dettagli

Le nuove iniziative della Regione Piemonte a favore dell efficienza energetica

Le nuove iniziative della Regione Piemonte a favore dell efficienza energetica ENERGIA, INNOVAZIONE ed EFFICIENZA ENERGETICA 3 dicembre 2015 Vercelli Le nuove iniziative della Regione Piemonte a favore dell efficienza energetica 1 Ing. Mauro Bertolino Settore Sviluppo Energetico

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.2.2015 C(2015) 922 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.2.2015 che approva determinati elementi del programma operativo "POR Piemonte FESR" per il sostegno

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.7.2015 C(2015) 4814 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 14.7.2015 che approva determinati elementi del programma operativo "POR Friuli Venezia Giulia FESR

Dettagli

Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale. Struttura organizzativa

Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale. Struttura organizzativa REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessoratore regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale Struttura organizzativa Vs.

Dettagli

Informativa sul Rapporto Annuale di Controllo - anno 2010 ai sensi dell art. 65, lett. e) del Reg. (CE) 1083/2006

Informativa sul Rapporto Annuale di Controllo - anno 2010 ai sensi dell art. 65, lett. e) del Reg. (CE) 1083/2006 Comitato di Sorveglianza POR FESR 2007-2013 Informativa sul Rapporto Annuale di Controllo - anno 2010 ai sensi dell art. 65, lett. e) del Reg. (CE) 1083/2006 Autorità di Audit Peter Bieler 24 25 maggio

Dettagli

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO CONVERGENZA

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO CONVERGENZA MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO CONVERGENZA Attuazione finanziaria, situazione al 30 giugno 2015 Sistema Nazionale di Monitoraggio del Quadro Strategico Nazionale

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ; ; Revisione di metà periodo

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ; ; Revisione di metà periodo - UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIIONE CALABRIIA Fondii Sttrrutttturrallii 2000 -- 2006 Programma Operativo Regionale NN 11 99 99 99 I TT 11 66 11 PP OO 00 00 66 DD e c i i s i

Dettagli

Programma Operativo Regionale Campania FESR Carlo Neri

Programma Operativo Regionale Campania FESR Carlo Neri Programma Operativo Regionale Campania FESR 2007-2013 Carlo Neri Il Programma Operativo FESR si articola in: 7 Assi di intervento (di cui 5 settoriali, 1 territoriale e 1 di assistenza tecnica) 17 Obiettivi

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE \ REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE DIPARTIMENTO DECRETO DIRIGENTE DEL (ASSUNTO IL 29.07.2011 PROT. N.485) SETTORE N. SERVIZIO N. CODICE N. " Registro dei decreti dei Dirigenti

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.2.2015 C(2015) 928 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.2.2015 che approva determinati elementi del programma operativo "POR Emilia Romagna FESR" per

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna Repubblica Italiana Unione Europea Regione Autonoma della Sardegna PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE Versione del 10 novembre 2004 N 1999 IT 16 1 PO 010 1 INDICE Indice...1 1 Analisi della situazione di partenza...8

Dettagli

SISPREG. Presentazione del nuovo modulo: Certificazione delle spese

SISPREG. Presentazione del nuovo modulo: Certificazione delle spese SISPREG Presentazione del nuovo modulo: Certificazione delle spese POR FESR COMPETITIVITA REGIONALE 2007/2013 Incrementare la competitività e le attrattive delle regioni e l'occupazione Impulso al progresso

Dettagli

L IMPORTANZA DI ESSERE EUROPA 28 STATI, UNA REALTÀ

L IMPORTANZA DI ESSERE EUROPA 28 STATI, UNA REALTÀ L IMPORTANZA DI ESSERE EUROPA 28 STATI, UNA REALTÀ POLITICA DI COESIONE STORIA L Unione europea (UE) comprende 28 Stati membri che costituiscono una comunità e un mercato unico di 503 milioni di cittadini.

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.12.2015 C(2015) 9108 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 9.12.2015 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "(Interreg V-A) Italia-Svizzera"

Dettagli

Comitato di sorveglianza

Comitato di sorveglianza Comitato di sorveglianza Roma, 26 maggio 2016 Autorità di Audit Illustrazione dei Rapporti Annuali di Controllo 2015 1. Audit della Commissione Europea 2. Audit di sistema 3. Audit delle operazioni 4.

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE

DECRETO DEL DIRIGENTE REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria Settore n. 3 Coordinamento e Verifiche dei Programmi e dei Progetti DECRETO DEL DIRIGENTE (Assunto il 01/10/2015 prot.

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA Obiettivo Convergenza (FESR)

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA Obiettivo Convergenza (FESR) PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013 crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Cos è il PON

Dettagli

DECRETO (ASSUNTO IL 16/09/2015 PROT. N. 1581) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N del 18 settembre 2015

DECRETO (ASSUNTO IL 16/09/2015 PROT. N. 1581)  Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria  N del 18 settembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

REGIONE BASILICATA QUOTE DI STANZIAMENTI E DI IMPEGNI FINANZIATE DA MUTUO SUDDIVISE PER CAPITOLI ANNO 2010

REGIONE BASILICATA QUOTE DI STANZIAMENTI E DI IMPEGNI FINANZIATE DA MUTUO SUDDIVISE PER CAPITOLI ANNO 2010 QUOTE DI STANZIAMENTI E DI IMPEGNI FINANZIATE DA SUDDIVISE PER CAPITOLI ANNO 2010 0134.05 0134.07 0421.10 ACQUISIZIONE DI BENI MOBILI ED IMMOBILI capitale MANUTENZIONE STRAORDINARIA BENI REGIONALI capitale

Dettagli

EVENTO ANNUALE PON RICERCA E COMPETITIVITA

EVENTO ANNUALE PON RICERCA E COMPETITIVITA EVENTO ANNUALE PON RICERCA E COMPETITIVITA 2007-2013 Lo stato di attuazione del PON Ricerca e Competitività 2007-2013, la crisi economica europea e le nuove opportunità di crescita per il Mezzogiorno Lecce,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 17/IX/2007 C (2007) 4233 def. NON DESTINATO ALLA PUBBLICAZIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 17/IX/2007 che adotta il programma operativo "INTERREG

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO E DI COESIONE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DEI FONDI STRUTTURALI COMUNITARI CRITERI DI SELEZIONE DELLE OPERAZIONI DEL

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 17.12.2014 C(2014) 10145 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 17.12.2014 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "Area alpina" ai fini

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.7.2015 C(2015) 4998 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 14.7.2015 che approva determinati elementi del programma operativo "PON Città metropolitane" per

Dettagli

DICHIARAZIONE DI SPESA. Il sottoscritto, nominato Responsabile di Obiettivo Operativo del PO FESR Campania 2007/13 con Atto n. del in data ; Dichiara:

DICHIARAZIONE DI SPESA. Il sottoscritto, nominato Responsabile di Obiettivo Operativo del PO FESR Campania 2007/13 con Atto n. del in data ; Dichiara: Dichiarazione di spesa regimi di aiuto POR Fesr Campania 2007/2013 Obiettivo Operativo.. DICHIARAZIONE DI SPESA Il sottoscritto, nominato Responsabile di Obiettivo Operativo del PO FESR Campania 2007/13

Dettagli

la L.R. N.10 del 15 maggio 2000 concernente Disciplina del personale regionale e dell organizzazione degli uffici della Regione ;

la L.R. N.10 del 15 maggio 2000 concernente Disciplina del personale regionale e dell organizzazione degli uffici della Regione ; D.D. n 528 del 4/05/2011 ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA FAMIGLIA E DELLE POLITICHE SOCIALI ORGANISMO INTERMEDIO DEL POR FSE 2007/2013 IL DIRIGENTE GENERALE

Dettagli

I compiti del Comitato di Sorveglianza sono definiti dall art. 49 del Reg.to CE 1303/2013.

I compiti del Comitato di Sorveglianza sono definiti dall art. 49 del Reg.to CE 1303/2013. 1 Il Presidente Michele Emiliano, sulla base dell istruttoria espletata dalla Sezione Mediterraneo, e confermata dal Direttore della Struttura di Coordinamento delle Politiche Internazionali, riferisce:

Dettagli

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE 17 novembre 2015 Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 La programmazione finanziaria, l avanzamento del bilancio comunitario e della spesa pubblica effettivamente

Dettagli

Le principali novità. Nuovo Regolamento Finanziario. Pacchetto legislativo sulla politica di coesione

Le principali novità. Nuovo Regolamento Finanziario. Pacchetto legislativo sulla politica di coesione Le principali novità Nuovo Regolamento Finanziario REG (UE, EURATOM) N. 966/2012 PARLAMENTO E CONSIGLIO del 25.10.2012 - Art. 59 Gestione concorrente con gli Stati membri Pacchetto legislativo sulla politica

Dettagli

Regione Campania Programma Operativo FESR

Regione Campania Programma Operativo FESR Allegato E Regione Campania Programma Operativo FESR 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa II ATTO AGGIUNTIVO AL PROVVEDIMENTO DI DELEGA ALL AUTORITÀ CITTADINA DI CASERTA DI FUNZIONI

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/13

PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/13 Allegato A PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/13 1. Obiettivi della misura Ai sensi dell art. 66 del Reg CE 1698/2005 gli interventi dell

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 149 del 15/07/2014

Decreto Dirigenziale n. 149 del 15/07/2014 Decreto Dirigenziale n. 149 del 15/07/2014 Dipartimento 53 - Dipartimento delle Politiche Territoriali Direzione Generale 9 - Direzione Generale per il governo del territorio U.O.D. 92 - Direzione di Staff

Dettagli

POR FESR TOSCANA DOCUMENTO DI ATTUAZIONE REGIONALE (DAR) n. 25

POR FESR TOSCANA DOCUMENTO DI ATTUAZIONE REGIONALE (DAR) n. 25 POR FESR TOSCANA 2007-2013 DOCUMENTO DI ATTUAZIONE REGIONALE (DAR) n. 25 Il presente documento descrive sinteticamente le modifiche effettuate del DAR n.24 vigente e riportate nel Documento di Attuazione

Dettagli

MACROPROCESSO: CERTIFICAZIONE PISTE DI CONTROLLO POR FESR REGIONE SICILIANA

MACROPROCESSO: CERTIFICAZIONE PISTE DI CONTROLLO POR FESR REGIONE SICILIANA PISTE DI CONTROLLO POR FESR 2007-2013 REGIONE SICILIANA Gestione Soggetti attuatori Altri soggetti di controllo Approvazione della forma di intervento - versamento prefinanziamento della quota comunitaria

Dettagli

Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione

Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Roma, 19 gennaio 2005 Fondi strutturali 2000-2006 per l Italia: evitato per il terzo anno consecutivo il disimpegno automatico Il Dipartimento per

Dettagli

OBIETTIVO DEL PROGRAMMA

OBIETTIVO DEL PROGRAMMA ALLEGATO 1 Programma Regionale ai sensi dell art. 1, comma 1, dell Avviso pubblico per il cofinanziamento di programmi presentati dalle Regioni e finalizzati a sostenere la realizzazione di diagnosi energetiche

Dettagli

Programma Operativo Nazionale Settore Trasporti Periodo di programmazione 2000-2006

Programma Operativo Nazionale Settore Trasporti Periodo di programmazione 2000-2006 4 PIANO FINANZIARIO 4.1 ORGANIZZAZIONE DELLE FONTI DI FINANZIAMENTO Il Costo Totale del Programma Trasporti per il periodo 2000 2006, sulla base della Decisione C(2001) 2162 del 14.09.01, è pari a 4.280,548

Dettagli

Disaggregazione delle spese di personale per missioni e programmi

Disaggregazione delle spese di personale per missioni e programmi Disaggregazione delle spese di personale per missioni e programmi Stanziamenti finali in euro 01 SERVIZI ISTITUZIONALI E GENERALI, DI 01 ORGANI ISTITUZIONALI 2.080.890 GESTIONE E DI CONTROLLO 03 GESTIONE

Dettagli

Scheda progetto Interregionale/ transnazionale

Scheda progetto Interregionale/ transnazionale Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 52/72 del 23.12.2011 Scheda progetto Interregionale/ transnazionale Modelli di semplificazione dei costi ed analisi delle relative procedure di gestione e controllo in

Dettagli

L approccio unitario alla programmazione dei Fondi Europei in Emilia-Romagna

L approccio unitario alla programmazione dei Fondi Europei in Emilia-Romagna L approccio unitario alla programmazione 2014-2020 dei Fondi Europei in Emilia-Romagna Caterina Brancaleoni Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici Le novità della nuova programmazione

Dettagli

Disposizioni finanziarie per la redazione del bilancio pluriennale della Regione Abruzzo (Legge di Stabilità Regionale 2015)

Disposizioni finanziarie per la redazione del bilancio pluriennale della Regione Abruzzo (Legge di Stabilità Regionale 2015) Legge Regionale 20 gennaio 2015, n. 2 Disposizioni finanziarie per la redazione del bilancio pluriennale 2015 2017 della Regione Abruzzo (Legge di Stabilità Regionale 2015) (Pubblicata sul Bollettino Ufficiale

Dettagli

Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione

Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Roma, 15 febbraio 2006 Fondi strutturali 2000-2006 per l Italia: evitato per il quarto anno consecutivo il disimpegno automatico Il Dipartimento

Dettagli

Il Programma Operativo Regionale (POR) è il documento di programmazione

Il Programma Operativo Regionale (POR) è il documento di programmazione Il Programma Operativo Regionale (POR) è il documento di programmazione della Regione che costituisce il quadro di riferimento per l'utilizzo delle risorse comunitarie del FESR (Fondo Europeo per lo Sviluppo

Dettagli

Interventi a sostegno del comparto turistico: le novità del sistema agevolativo regionale

Interventi a sostegno del comparto turistico: le novità del sistema agevolativo regionale Interventi a sostegno del comparto turistico: le novità del sistema agevolativo regionale Antonello Piras Coordinatore Gruppo di lavoro Politiche per le imprese e la competitività Centro Regionale di Programmazione

Dettagli

AVVISO. Fatture emesse nell anno di riferimento con pagamento effettuato nell anno successivo e pagamento in convenzione diretta

AVVISO. Fatture emesse nell anno di riferimento con pagamento effettuato nell anno successivo e pagamento in convenzione diretta AVVISO Fatture emesse nell anno di riferimento con pagamento effettuato nell anno successivo e pagamento in convenzione diretta Come già evidenziato in un apposita FAQ pubblicata sul Portale del Sistema

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Piano straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Piano straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Piano straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico SCHEDA N. 186 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO

Dettagli

www.sardegnaprogrammazione.it Soddisfacimento delle CExA applicabili al POR FESR 11 Condizionalità tematiche: 4 NON SODDISFATTE 3 SODDISFATTE PARZIALMENTE Come ci eravamo lasciati (il 24 settembre 2015)

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 1 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 1 del 130 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 1 del 3-1-2017 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 novembre 2016, n. 1914 Programmazione Comunitaria Obiettivo Cooperazione territoriale Europea Programma

Dettagli

LINEA INTERREGIONALITA

LINEA INTERREGIONALITA PON Governance e Assistenza tecnica (FESR) 2007-2013 Obiettivo 1 Convergenza - Azioni mirate di rafforzamento della governance multilivello e delle filiere di attuatori dei programmi operativi Linea 2.

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale Il Dirigente Generale Servizio I Programmazione per gli interventi in materia di formazione professionale Oggetto: impegno della somma di euro 3.217.009,61 per l erogazione del saldo, sul capitolo di spesa

Dettagli

Bando per la presentazione di candidature per. Progetti Semplici

Bando per la presentazione di candidature per. Progetti Semplici I. Contenuti Bando per la presentazione di candidature per Progetti Semplici Il Programma europeo di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 approvato con decisione della Commissione,

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale SERVIZIO RETI ED INFRASTRUTTURE PER LA MOBILITA Codice CIFRA : VIC/DEL/2010/ OGGETTO: PON Reti e Mobilità 2007-2013 Linea di intervento

Dettagli

27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95. Regione Lazio

27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 17 novembre 2014, n. G16319 POR FESR Lazio 2007-2013 - Asse I - Ricerca, Innovazione e Rafforzamento

Dettagli

MODULO. Valutazione e fattibilità

MODULO. Valutazione e fattibilità Valutazione Ambientale e Fattibilità dei Piani e dei Progetti (CdL VALGESTA) MODULO Valutazione e fattibilità dei piani i e dei progetti 1 Valutazione e Fattibilità dei Piani e dei Progetti LINK Centro

Dettagli

FEAMP Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca 2014/2020

FEAMP Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca 2014/2020 FEAMP Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca 2014/2020 1. Il quadro normativo di riferimento Il Regolamento (UE) del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 maggio 2014, istituisce il Fondo

Dettagli

N DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio V

N DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio V N. 0044123 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio V VISTO l art.56, comma 2, della legge 23 dicembre 2000, n.388, ove è stabilito che i principali enti pubblici di ricerca

Dettagli

MODIFICHE AL DOCUMENTO DI ATTUAZIONE FINANZIARIA (DAF) DEL PSR approvato con DGR n.314/2014 e s.m.i.

MODIFICHE AL DOCUMENTO DI ATTUAZIONE FINANZIARIA (DAF) DEL PSR approvato con DGR n.314/2014 e s.m.i. ALLEGATO A MODIFICHE AL DOCUMENTO DI ATTUAZIONE FINANZIARIA (DAF) DEL PSR 2007-2013 approvato con DGR n.314/2014 e s.m.i. 1. Paragrafo 2.2 Ripartizione della spesa pubblica per asse e per anno la tabella

Dettagli

DETERMINAZIONE N /2138/F.P. DEL

DETERMINAZIONE N /2138/F.P. DEL ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, Settore Programmazione e Accreditamento DEL 04.06.2010 Oggetto: Avviso Pubblico per il finanziamento di corsi di formazione per Gente di Mare- Asse II

Dettagli

Attività dell Autorità Ambientale

Attività dell Autorità Ambientale POR FESR 2007-2013 Attività dell Autorità Ambientale Giugno 2013 Le Attività dell Autorità Ambientale Autorità Ambientale Assicurare l integrazione ambientale Ex-ante Fase di attuazione Fase di predisposizione

Dettagli

POR FESR Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici

POR FESR Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici POR FESR 2014-2020 Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici Presentazione di iniziative per interventi di sostegno all efficienza

Dettagli

IL DIRIGENTE GENERALE D.D.G. 748

IL DIRIGENTE GENERALE D.D.G. 748 D.D.G. 748 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana IL DIRIGENTE GENERALE VISTO lo Statuto

Dettagli

L Autorità di Audit e la nuova programmazione. Autorità di Certificazione

L Autorità di Audit e la nuova programmazione. Autorità di Certificazione L Autorità di Audit e la nuova programmazione Il capo II del Regolamento (UE) n.1303/2013 è dedicato alle Autorità del Programma Operativo, in particolare, in continuità con le passate programmazioni,

Dettagli

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO DELLA REGIONE CALABRIA PER GLI ANNI

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO DELLA REGIONE CALABRIA PER GLI ANNI REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO DELLA REGIONE CALABRIA PER GLI ANNI 2016-2018 Approvata dal Consiglio regionale nella seduta del 28 dicembre 2015 Si assegna il numero

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 10 ottobre 2003 Criteri e modalità di concessione delle agevolazioni previste dagli interventi a valere sul Fondo per le agevolazioni alla ricerca. (F.A.R).

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013

POR CALABRIA FESR 2007/2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 STATO DI ATTUAZIONE FINANZIARIO E PROCEDURALE CON FOCUS SUI SETTORI RICERCA SCIENTIFICA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA, ISTRUZIONE

Dettagli

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 ACRONIMO PROGETTO TITOLO PROGETTO OBIETTIVO GENERALE RES - MAR RESEAU POUR L ENVIRONNEMENT DANS L ESPACE MARITIME Sviluppare

Dettagli

I Comuni e la programmazione dei Fondi Europei : strumenti, impegni, opportunità

I Comuni e la programmazione dei Fondi Europei : strumenti, impegni, opportunità I Comuni e la programmazione dei Fondi Europei 2014 2020: strumenti, impegni, opportunità Milano, 26 novembre 2014 Simona ELMO IFEL Fondazione per la finanza e l economia locale Area Servizi regionalizzati

Dettagli

Art. 1 (Determinazioni di aliquote di tributi di competenza regionale, finanziamento di leggi regionali e riduzione di autorizzazioni di spesa)

Art. 1 (Determinazioni di aliquote di tributi di competenza regionale, finanziamento di leggi regionali e riduzione di autorizzazioni di spesa) Art. 1 (Determinazioni di aliquote di tributi di competenza regionale, finanziamento di leggi regionali e riduzione di autorizzazioni di spesa) 1. Ai sensi dell articolo 50, comma 3, del decreto legislativo

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 18/33

DELIBERAZIONE N. 18/33 Oggetto: Programma Operativo del Fondo Europeo della Pesca. Revisione delle linee di indirizzo per l'attuazione degli interventi stabilite dalle Delib.G.R. n. 10/35 dell' l'11.2.2009, n. 50/40 del 10.11.2009

Dettagli

DETERMINAZIONE N 8902/379/F.P. DEL

DETERMINAZIONE N 8902/379/F.P. DEL Settore Programmazione ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, DETERMINAZIONE N 8902/379/F.P. DEL 13.02.2012 Oggetto: Avviso di chiamata per la costituzione di un elenco di organismi autorizzati

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1979 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DI LEGGE

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1979 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DI LEGGE REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1979 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DI LEGGE Modifiche e integrazioni alla legge regionale 9 settembre 2003, n.

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 673 del 06/10/2014

Decreto Dirigenziale n. 673 del 06/10/2014 Decreto Dirigenziale n. 673 del 06/10/2014 Dipartimento 53 - Dipartimento delle Politiche Territoriali Direzione Generale 8 - Direzione Generale per i lavori pubblici e la protezione civile Oggetto dell'atto:

Dettagli

AVVISO. Fatture emesse nell anno di riferimento con pagamento effettuato nell anno successivo e pagamento in convenzione diretta

AVVISO. Fatture emesse nell anno di riferimento con pagamento effettuato nell anno successivo e pagamento in convenzione diretta AVVISO Fatture emesse nell anno di riferimento con pagamento effettuato nell anno successivo e pagamento in convenzione diretta Come già evidenziato in un apposita FAQ pubblicata sul Portale del Sistema

Dettagli

MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 26 aprile 2013: Criteri e modalita' semplificati di accesso all'intervento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese di cui all'articolo 2, comma 100, lettera a), della legge 23 dicembre

Dettagli

Lo Sportello Jeremie FESR in Confidi: novità e innovazioni della garanzia mutualistica. 14 maggio 2010 Sala Falck_Assolombarda

Lo Sportello Jeremie FESR in Confidi: novità e innovazioni della garanzia mutualistica. 14 maggio 2010 Sala Falck_Assolombarda Lo Sportello Jeremie FESR in Confidi: novità e innovazioni della garanzia mutualistica 14 maggio 2010 Sala Falck_Assolombarda Indice LO STRUMENTO IL TARGET LO SPORTELLO JEREMIE FESR LA DOMANDA I VANTAGGI

Dettagli

MISURA Miglioramento e creazione delle infrastrutture connesse allo sviluppo e all adeguamento dell agricoltura e della silvicoltura

MISURA Miglioramento e creazione delle infrastrutture connesse allo sviluppo e all adeguamento dell agricoltura e della silvicoltura 5.3.1.2.5 MISURA 125 - Miglioramento e creazione delle infrastrutture connesse allo sviluppo e all adeguamento dell agricoltura e della silvicoltura Riferimenti normativi Articolo 30 Regolamento CE n.

Dettagli

ALLEGATO A ALLA LEGGE DI BILANCIO 2006 D.D.L. NORME IN MATERIA DI TUTELA, SALVAGUARDIA E VALORIZZAZIONE DELL ARCHITETTURA TRADIZIONALE D.D.L.

ALLEGATO A ALLA LEGGE DI BILANCIO 2006 D.D.L. NORME IN MATERIA DI TUTELA, SALVAGUARDIA E VALORIZZAZIONE DELL ARCHITETTURA TRADIZIONALE D.D.L. ALLEGATO A ALLA LEGGE DI BILANCIO 2006 D.D.L. NORME IN MATERIA DI TUTELA, SALVAGUARDIA E VALORIZZAZIONE DELL ARCHITETTURA TRADIZIONALE D.D.L. NORME IN MATERIA DI SPETTACOLO U.P.B. ALLEGATO B ALLA LEGGE

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e PMI AGEVOLAZIONI

Dettagli

FONDI EUROPEI IN POLONIA,

FONDI EUROPEI IN POLONIA, FONDI EUROPEI IN POLONIA, 2007-2013 ICE: attività del Desk Fondi UE Milano, 1 luglio 2008 1 Polonia: indicatori macro PIL pro capite 2007 Zloty ( ) 30.602 (8.090) livello PIL 2007 mld Zloty (mld ) 1.167

Dettagli

Modulo di domanda - Allegato 1 - Bando per la realizzazione di progetti di educazione all ambiente da parte dei CEAS non accreditati.

Modulo di domanda - Allegato 1 - Bando per la realizzazione di progetti di educazione all ambiente da parte dei CEAS non accreditati. Modulo di Domanda Allegato 1 ASSESSORADU DE SA DEFENSA DE S AMBIENTE ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Modulo di domanda - Allegato 1 - Bando per la realizzazione di progetti di educazione all ambiente

Dettagli

Il Quadro Strategico per la nuova programmazione

Il Quadro Strategico per la nuova programmazione Agenzia per la Coesione Territoriale Il Quadro Strategico per la nuova programmazione 2014-2020 Alessandro Porzio Roma, 19 marzo 2015 Cos è la politica di coesione? UE 28 Stati, quasi 500 milioni di abitanti

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 123 del 07/03/2017

Delibera della Giunta Regionale n. 123 del 07/03/2017 Delibera della Giunta Regionale n. 123 del 07/03/2017 Dipartimento 70 - Strutture di Missione Direzione Generale 5 - Struttura di missione per lo smaltimento dei RSB U.O.D. 1 - UOD Area Tecnica Oggetto

Dettagli

Strategia Europa 2020, PON e POR

Strategia Europa 2020, PON e POR Strategia Europa 2020, PON e POR Corso sulla Città metropolitana docente: arch. Andrea Pasetti Gli obiettivi della strategia Europa 2020: una crescita intelligente, sostenibile e solidale (Politica di

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU22 01/06/2016

REGIONE PIEMONTE BU22 01/06/2016 REGIONE PIEMONTE BU22 01/06/2016 Codice A1904A D.D. 30 maggio 2016, n. 310 POR FESR 2014/2020 - Asse IV Azione IV.4b.2.1. Approvazione bando per l'efficienza energetica e fonti rinnovabili nelle imprese.

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 229 del 29/06/2016

Decreto Dirigenziale n. 229 del 29/06/2016 Decreto Dirigenziale n. 229 del 29/06/2016 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e Politiche

Dettagli

Contratto Istituzionale di Sviluppo per la realizzazione della direttrice ferroviaria. Messina-Catania-Palermo 28 febbraio 2013

Contratto Istituzionale di Sviluppo per la realizzazione della direttrice ferroviaria. Messina-Catania-Palermo 28 febbraio 2013 Il Ministro per la Coesione Territoriale Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Contratto Istituzionale di Sviluppo Messina-Catania-Palermo 28 febbraio 2013 Regione Siciliana 2 Il Contratto Istituzionale

Dettagli

Comitato di Sorveglianza, 25 maggio 2016. Servizio di valutazione indipendente del POR FESR 2007 2013 della Regione Lombardia

Comitato di Sorveglianza, 25 maggio 2016. Servizio di valutazione indipendente del POR FESR 2007 2013 della Regione Lombardia Comitato di Sorveglianza, 25 maggio 2016 Servizio di valutazione indipendente del POR FESR 2007 2013 della Regione Lombardia Il processo di valutazione del POR Disegno di valutazione Rapporto di Valutazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODPFSR.REGISTRO DECRETI.0000359.16-02-2017 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca i Regolamenti comunitari vigenti per la programmazione 2007-2013; il Quadro Strategico Nazionale

Dettagli

DETERMINAZIONE N 48453/6307/F.P. DEL

DETERMINAZIONE N 48453/6307/F.P. DEL Settore Programmazione DETERMINAZIONE N 48453/6307/F.P. DEL 09.10.2012 Oggetto: Avviso di chiamata per la costituzione di un elenco di organismi autorizzati all erogazione di interventi di politiche attive

Dettagli

730 precompilato 2017 redditi 2016: contributi al Fondo e rimborsi per spese sanitarie

730 precompilato 2017 redditi 2016: contributi al Fondo e rimborsi per spese sanitarie 730 precompilato 2017 redditi 2016: contributi al Fondo e rimborsi per spese sanitarie Indice Contributi Spese sanitarie Assistenza convenzionata esempi Assistenza a rimborso esempi Revisioni esempi Rettifica

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL AMBIENTE

DIPARTIMENTO DELL AMBIENTE D.D.G. n. 253 DIPARTIMENTO DELL AMBIENTE IL DIRIGENTE GENERALE VISTO lo statuto della Regione Siciliana e relative norme di attuazione; VISTO il Trattato istitutivo della Comunità Europea; VISTA la Legge

Dettagli

Premessa - 0- Pagina 0. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Premessa - 0- Pagina 0. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Premessa Il PON è stato adottato dalla CE con Decisione C(2015)5451 del 29 luglio 2015 La dotazione finanziaria è pari a 1.843.733.334: 1.382.800.000 finanziati FESR e 460.933.334 % dal Fondo di Rotazione

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 99 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 99 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 99 del 30-8-2016 43873 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 2 agosto 2016, n. 1235 PAC Puglia FSE 2007-2013 : applicazione del principio contabile di cui

Dettagli