La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi"

Transcript

1 La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati

2

3 INDICE Pagina 1 Prefazione Premessa Informazioni generali Organizzazione della funzione di compliance Informazioni generali sul campione Tipologia di prodotti gestiti Dimensioni in termini di Asset Under Management (AUM) Numero totale del personale Struttura della funzione di compliance Mission e principali obiettivi della funzione di compliance Riporto gerarchico Principali indicatori di performance Costi della compliance Eventuali sistemi informativi a supporto e relativi costi Costi delle risorse coinvolte Costi di costituzione della funzione Costi ricorrenti ed eventuale ripartizione costi infrastrutturali Misure di efficacia e efficienza della funzione di compliance La funzione di compliance in Europa: un raffronto Conclusioni

4 1 Prefazione L industria che assicura la gestione dei risparmi delle famiglie è un industria strategica in ogni Paese, a maggior ragione in un Paese come il nostro caratterizzato da un elevata propensione al risparmio. La responsabilità di questa industria non è solamente nei confronti degli investitori e non si limita alla qualità dell offerta in risposta alle diverse esigenze d investimento, ma gioca un ruolo positivo anche nei confronti dell intero mercato finanziario. Si pensi, ad esempio alla forte attenzione che tipicamente un asset manager riserva per le società emittenti del proprio mercato domestico. Affinché le società di gestione del risparmio siano in grado di servire al meglio gli interessi della propria clientela e dei diversi stakeholders, la funzione di Compliance costituisce la funzione aziendale che: assicura comportamenti corretti e trasparenti, assume valenza strategica nel mantenimento di corrette relazioni con la clientela, controlla e valuta l adeguatezza e l efficacia delle procedure interne dell intermediario, costituisce una componente importante del processo di creazione del valore aziendale. Al fine di assolvere pienamente all obiettivo di rendere sostenibile lo sviluppo delle attività di gestione in un contesto di complessità crescente, la funzione di Compliance ha successivamente acquisito competenze in materia di presidio ai controlli aziendali, introducendo così un livello ulteriore a quelli già esistenti e affiancando le funzioni di Risk Management e Internal Audit nei compiti di verifica delle attività operative poste in essere dalle SGR. Tuttavia, in un contesto di crescente complessità in cui si trovano a competere gli operatori dell asset management, diviene sempre più opportuno inquadrare la funzione di Compliance all interno di un modello integrato e innovativo, nel quale gli obiettivi di tale funzione non si esauriscano nelle attività di prevenzione e gestione del rischio regolamentare e di conformità, ma si estendano al supporto proattivo nelle scelte di business in modo autonomo e integrato con gli altri processi e strutture aziendali. Dalle indicazioni della normativa vigente emerge di fatto l esigenza per la f unzione di Compliance di interagire con le strutture di Governance, di Risk Management e Internal Audit in modo tale da acquisire una visione complessiva della tematica di conformità al fine di mitigare adeguatamente i rischi inerenti ai processi aziendali. Coerentemente a questi dettami, è auspicabile che la f unzione di Compliance assuma anche un ruolo di consulente della direzione nell indirizzo e nella valutazione di iniziative di business e sia coinvolta nei processi decisionali e gestionali aziendali, individuandone le possibili criticità. A questo fine, un corretto grado di autonomia e indipendenza della funzione di Compliance diviene un requisito indispensabile per poter assicurare l efficacia dell operato all interno della SGR. A livello organizzativo si rende quindi necessario, in primis, evitare la subordinazione della funzione di Compliance rispetto a funzioni sottoposte a controllo, e, nel caso di società facenti parte di un gruppo, prevedere che la funzione possa relazionarsi efficacemente anche con la funzione di Compliance della capogruppo. 4

5 Per contribuire all analisi di questi profili, che hanno rilevanza sia sotto il profilo della regolamentazione che da quello puramente aziendale, Assogestioni e PricewaterhouseCoopers Advisory hanno realizzato la presente survey, ricevendo il contributo di un numero molto significativo di SGR che gestiscono una porzione pienamente rappresentativa degli attivi in gestione in Italia. Dalla survey si evince che l evoluzione della funzione di Compliance verso modelli più articolati ad autonomi, non è stata ancora completamente recepita dagli operatori di asset management appartenenti a un gruppo bancario. Questi tendono infatti a delegare le attività di compliance accentrandole presso la capogruppo in ottica di contenimento dei costi. E importante viceversa approfondire i profili di criticità dell esercizio del potere di direzione e coordinamento della capogruppo sulle SGR, al fine di valorizzare l azione delle società di gestione e le specificità dell attività di gestione, un attività centrata sul rapporto fiduciario col cliente. In tale contesto, la corretta articolazione e l adeguata autonomia della funzione di Compliance diventa fondamentale per l industria e il nostro auspicio è che le SGR possano percepirne la valenza strategica ai fini della massimizzazione della creazione di valore per l azienda e per il cliente. Fabio Galli Direttore Generale Assogestioni Giacomo Carlo Neri Partner in charge Financial Services Practice PricewaterhouseCoopers Advisory Fabiano Quadrelli Partner in charge Asset Management & Compliance PricewaterhouseCoopers Advisory 5

6 2 Premessa Le informazioni contenute nella presente pubblicazione rappresentano la sintesi dell elaborazione delle risposte a un questionario inoltrato alle società operanti nel settore del Risparmio Gestito in Italia e, in particolare, alle Società di Gestione del Risparmio (di seguito Sgr ). La presente pubblicazione rappresenta un analisi delle caratteristiche organizzative della funzione di Compliance con particolare riferimento alla struttura, alla mission e ai principali obiettivi delle attività svolte dalla funzione, oltre che ai relativi indicatori di performance. L analisi vuole inoltre approfondire tematiche relative ai costi delle attività di Compliance e alle misure di efficacia ed efficienza della funzione stessa. A dimostrazione dell interesse suscitato dalla presente indagine, i questionari pervenuti sono 18 e l adesione rappresenta più del 75% del mercato in termini di masse in gestione. 6

7 3 Informazioni generali La presente sezione è dedicata all analisi delle informazioni generali di ciascuna società partecipante all indagine. Scopo di questa sezione è quello di evidenziare le dimensioni delle società partecipanti all indagine e la tipologia dei prodotti gestiti, mediante alcuni parametri quali-quantitativi, al fine di caratterizzare il campione di riferimento. 3.1 Informazioni generali sul campione I partecipanti all indagine costituiscono un campione del mercato italiano composto per l 11% da strutture indipendenti e per l 89% da Sgr appartenenti a Gruppi bancari/finanziari. Il 31% del campione (5 partecipanti) appartiene a gruppi integrati all interno dei quali si svolgono le attività sia di Fornitore di servizi (Banca d Investimento e Custodian), sia di Fabbrica prodotto (Gestore di Fondi Chiusi e di Fondi Aperti) che di Distributore (Banca Retail e Compagnia di Assicurazioni). Figura 1: Strutturazione del campione Gestore Fondo Aperto Fondo Chiuso Compagnia di Assicurazioni Banca d'investimento Banca Retail Custodian 31% 13% 13% 13% 6% 6% 6% 6% 6% 16 Rispondenti 7

8 3.2 Tipologia di prodotti gestiti Dall indagine effettuata è emerso che le società partecipanti gestiscono: Per il 100% OICR; Per il 78% Gestioni patrimoniali; Per l 83% Gestioni di patrimoni previdenziali; Per il 56% Gestioni di prodotti assicurativi. Figura 2: Principali prodotti gestiti 100% 83% 78% 56% OICR Gestioni Patrimoniali Gestioni di patrimoni previdenziali Gestioni di prodotti assicurativi 18 Rispondenti Un analisi più approfondita delle singole tipologie di prodotti OICR ha evidenziato che: Il 94% è rappresentato da OICR aperti mobiliari; Il 33% da OICR chiusi immobiliari; Il 28% da OICR aperti hedge; Il 17% da OICR aperti riservati L 11% da OICR chiusi mobiliari. Figura 3: Principali prodotti gestiti (OICR) Mobiliari 100% 94% 80% 60% 40% Immobiliari 33% Riservati OICR APERTI 20% 17% 0% 11% OICR CHIUSI 28% Mobiliari Hedge 18 Rispondenti 8

9 Per quanto riguarda le Gestioni Patrimoniali risulta che: Il 67% è rappresentato da GPM retail e istituzionali; Il 56% da GPM private e GPF retail; Il 50% da GPF istituzionali; Il 39% da GPF private. Figura 4: Principali prodotti gestiti (Gestioni Patrimoniali) GPM istituzionali 100% 80%67% 60% GPF private GPM retail 67% 40% 39% 20% 0% 56% 56% GPF retail GPM private 50% GPF istituzionali 14 Rispondenti Per le Gestioni di patrimoni previdenziali risulta che: L 83% è rappresentato da Fondi Pensione aperti; Il 50% da Fondi Pensione negoziali; Il 17% da Forme di previdenza complementare di tipo individuale e da altre forme previdenziali. Figura 5: Principali prodotti gestiti (Gestioni di patrimoni previdenziali) Fondi Pensione aperti 100% 83% 80% 60% 40% 20% Altre forme previdenziali 17% 50% 0% 17% Forme di previdenza complementare di tipo individuale 15 Rispondenti 9 Fondi Pensione negoziali

10 Infine per le Gestioni di prodotti assicurativi risulta che: Il 50% è rappresentato da Unit Linked; Il 39% da Gestioni separate; Il 22% da Index Linked; L 11% da altri prodotti assicurativi. Figura 6: Principali prodotti gestiti (Gestioni di prodotti assicurativi) Unit Linked 100% 80% 60%50% 40% 20% Altri prodotti assicurativi 11% 0% 22% 39% Gestioni separate 10 Rispondenti 10 Index Linked

11 3.3 Dimensioni in termini di Asset Under Management (AUM) La dimensione, in termini di Asset under Management, delle società appartenenti al campione è così suddivisa: 11% fino a 1 miliardo di Euro; 22% tra 1 e 5 miliardi di Euro; 27% tra 5 e 15 miliardi di Euro; 17% tra 15 e 30 miliardi di Euro; 6% tra 30 e 50 miliardi di Euro; 11% da 75 a 100 miliardi di Euro; 6% oltre 100 miliardi di Euro. Figura 7: Indicate in quale delle seguenti fasce rientra il patrimonio gestito dalla Vostra struttura al 31/12/2008 6% 11% 11% 0-1 mld 1-5 mld 6% 22% 17% 5-15 mld mld mld mld oltre 100 mld 27% 18 Rispondenti 11

12 3.4 Numero totale del personale L indagine ha voluto analizzare la ripartizione del personale dedicato alle funzioni di controllo all interno delle strutture aziendali, evidenziando eventuale personale in outsourcing o decentrato presso altre funzioni. Dai risultati emerge l utilizzo, per la funzione di Compliance, di 5 risorse in media, di cui 3 dipendenti e 2 in outsourcing. Le risorse dedicate invece alle attività di Risk Management e Back Office sono prevalentemente dipendenti, mentre quelle relative al Controllo di Gestione e all Amministrazione sono decentrate presso altre funzioni. Figura 8: Indicate il numero di persone complessivamente dedicate alle funzioni di controllo all interno della Vostra struttura al 31/12/2008, esplicitando se possibile, il numero di risorse dipendenti, in outsourcing, e/o decentrate in altre funzioni Compliance Internal Audit Risk Management Controllo di Gestione Amministrazione Back Office n. medio persone dipendenti n. medio persone in outsourcing n. medio persone decentrate in altre funzioni 18 Rispondenti 12 2

13 Come illustrato nella figura seguente, il 43% del totale delle risorse presenti in azienda, è dedicato ad attività di controllo; le risorse che incidono maggiormente sul totale del personale, per circa il 26%, sono quelle dedicate alle funzioni aziendali che eseguono controlli di primo livello (Amministrazione e Back Office*), mentre con il 15% si attestano le funzioni aziendali addette ai controlli di secondo livello (Compliance, Risk Management e Controllo di Gestione). Per quanto riguarda la sola funzione di Compliance, l incidenza è del 3%, superiore di poco a quella della funzione di Internal Audit (2%). Da ulteriori elaborazioni relative al costo per il personale, risulta che il costo medio aziendale sostenuto dalle Sgr per una risorsa dedicata alla funzione di Compliance è pari a Euro. Figura 9: Assorbimento delle risorse per tipologie di controllo di 1, 2 e 3 livello (percentuali sul totale del personale) 2% Internal Audit Controlli di 3 livello 5% 3% 7% Risk Compliance Controllo di Management Gestione Controlli di 2 livello 12% Amministrazione 14% Back Office Controlli di 1 livello * nota: nell analisi non sono state considerate le attività di controllo di primo livello eseguite dal Front Office Figura 10: Costi medi del personale per la funzione di Compliance migliaia di Euro Sgr 1 Sgr 2 Sgr 3 Sgr 4 Sgr 5 Sgr 6 Sgr 7 14 Rispondenti 13 Sgr 8 Sgr 9 Sgr 10 Sgr 11 Sgr 12 Sgr 13 Media

14 4 Organizzazione della funzione di Compliance La presente sezione è dedicata all analisi degli aspetti organizzativi della funzione di Compliance, con particolare riferimento a: Outsourcing; Mission e obiettivi della funzione di Compliance; Riporto gerarchico; Indicatori di performance. La funzione di Compliance delle Sgr è disciplinata dal Regolamento del 29 ottobre 2007 in materia di organizzazione e procedure degli intermediari che prestano servizi di investimento o di gestione collettiva del risparmio, adottato congiuntamente da Banca d Italia e CONSOB (c.d. Regolamento Congiunto); questo recepisce, nella Parte 2, le disposizioni MiFID in materia di funzioni aziendali di controllo e, mediante il richiamo operato dall art. 30, ne estende l ambito di applicazione anche alle Sgr. Il Regolamento Congiunto delinea così per dette società un unico quadro normativo che disciplina ciascuna funzione aziendale di controllo ivi inclusa la funzione di Compliance a prescindere dalla circostanza che queste siano abilitate a prestare, oltre al servizio di gestione collettiva, anche i servizi di gestione di portafogli o di consulenza in materia di investimenti. Il Regolamento Congiunto definisce per la funzione di Compliance così come per le altre funzioni aziendali di controllo una normativa principle based che individua in modo chiaro i principi in materia di organizzazione e competenze della funzione, senza dettare disposizioni di dettaglio; si è inteso così valorizzare, in conformità al principio di proporzionalità, l esigenza delle società di godere di sufficiente autonomia nella definizione del proprio modello organizzativo, attribuendo al contempo alle stesse la responsabilità di individuare soluzioni che rispettino pienamente i principi e gli obiettivi che la disciplina impone. Al riguardo, tuttavia, l ampia flessibilità garantita dall attuale quadro normativo, pur consentendo di adottare modelli organizzativi anche molto differenti, può determinare altresì talune incertezze in merito alle concrete forme di implementazione del Regolamento Congiunto; vi è quindi il rischio che, in assenza di un interpretazione univoca delle singole disposizioni, le società adottino modelli organizzativi non totalmente compatibili con esse. Tale criticità potrebbe essere superata mediante la definizione, al termine di una consultazione con il mercato, di Linee Guida di livello 3 in cui siano forniti chiarimenti e indicazioni applicative da parte delle Autorità di vigilanza in merito all implementazione delle disposizioni del Regolamento Congiunto, tenendo conto, ove opportuno, anche delle best practices adottate fino ad oggi dalle stesse società. 14

15 4.1 Struttura della funzione di Compliance Il primo tema affrontato in questo paragrafo riguarda l esternalizzazione delle attività di Compliance. Dall indagine effettuata emerge che solo l 11% del campione ricorre a un fornitore di servizi esterno per tutte le attività, mentre le restanti società rispondenti svolgono tale attività al proprio interno, ricorrendo in alcuni casi all outsourcing per la Compliance su tematiche di sicurezza. Nello specifico, in caso di esternalizzazione, il 58% delle attività di verifica sono affidate alla funzione Compliance di Capogruppo. Nel caso in cui la società abbia deciso di esternalizzare le attività della funzione di Compliance, è possibile individuare al proprio interno un referente per la verifica dell operato dell outsourcer. Tale referente, nel campione analizzato, risulta essere: Il Direttore Generale per il 22%; Il Vice Direttore Generale per il 17%; L Amministratore Delegato per l 8%; Il Presidente per l 8%; Un Consigliere per l 8%; Un Consigliere Indipendente per l 8%; Il Compliance Officer per l 8%; Il Direttore dei Servizi Interni per l 8%; Altro per il 13%. In conformità all art. 21 del Regolamento Congiunto le Società si devono dotare di metodi per la valutazione del livello della prestazione del fornitore; tuttavia si rileva che nessuna delle società rispondenti utilizza metodi quantitativi (comunemente definiti Key Performance Indicators - KPI), quali strumenti di misurazione del servizio erogato da fornitori. L esternalizzazione dell attività di Compliance è disciplinata dal Titolo III del Regolamento Congiunto relativo all esternalizzazione delle funzioni operative essenziali o importanti o di servizi o attività di investimento applicabile alle Sgr in virtù del rinvio operato dall art. 30 del medesimo provvedimento. In linea generale, il Regolamento Congiunto consente di esternalizzare le attività di Compliance, pur nel rispetto di un quadro normativo che impone di adottare misure ragionevoli per mitigare i rischi legati a tale esternalizzazione; in particolare, la disciplina intende assicurare che l esternalizzazione di una funzione operativa essenziale, come quella di Compliance, non comprometta l operatività delle Sgr e l efficacia dei controlli interni ovvero non determini un esonero (o comunque una riduzione) di responsabilità da parte delle società. A tal fine, il Regolamento Congiunto impone, tra l altro, il rispetto di specifiche condizioni che contemplano l obbligo per le Società di conservare la capacità di controllare efficacemente le funzioni esternalizzate e di gestire i rischi connessi all esternalizzazione. La scelta di nominare un referente per la verifica dell operato 15

16 dell outsourcer costituisce, pertanto, una delle soluzioni organizzative che le Sgr possono adottare per soddisfare la suddetta condizione. Figura 11: Modalità di esecuzione delle attività Attività svolte all'esterno 11% Attività svolte sia all'interno che all'esterno 89% 18 Rispondenti Figura 12: Indicate le attività della funzione di Compliance che sono svolte all interno o all esterno (in outsourcing) della Vostra struttura MiFID Limiti agli investimenti Disciplina sul market abuse Altre materie disciplinate dal Tuf e dalla normativa di attuazione sopra non menzionate Legge sulla privacy Anti money Laundering 94% 6% 6% 13% 81% 19% 88% 56% 6% 38% 6% 6% 19% 88% Sicurezza aziendale All'interno 13% 6% 94% D.Lgs. 231/2001 Altro (Consulenza varia) 94% 94% 6% 13% 19% 13% Outsourcing interno al Gruppo Outsourcing esterno al Gruppo Nota: il totale non coincide con il 100% poiché è stata concessa la possibilità di fornire risposte multiple 16 Rispondenti 16

17 Figura 13: Indicate qual è il ruolo del responsabile che monitora l adempimento degli impegni assunti da parte dell outsourcer nel caso in cui le attività della funzione di Compliance siano svolte in outsourcing Altro 13% Presidente 8% Amministratore Delegato 8% Direttore dei Servizi Interni 8% Compliance Officer 8% Direttore Generale 22% Vice Direttore Generale 17% Consigliere 8% Consigliere indipendente 8% 12 Rispondenti Per quanto riguarda le attività di controllo sugli investimenti il 60% del mercato ha già attivato controlli sui limiti di investimento in modalità ex ante. Figura 14: Indicate la modalità di esecuzione dell attività di verifica sui limiti di investimenti effettuata dalla funzione di Compliance Controllo ex ante 6% Entrambi 53% Controllo ex post 41% 17 Rispondenti 17

18 Il 94% dei partecipanti presenta una modalità di governo accentrata; nel resto dei casi il 6% con modalità parzialmente decentrata. Al riguardo, l art. 12 del Regolamento Congiunto che disciplina l istituzione e l organizzazione delle funzioni aziendali di controllo non delinea uno specifico modello organizzativo, ma si limita a disporre l obbligo di istituire una funzione di Compliance che sia permanente, efficace e indipendente; al fine di garantire la correttezza e l indipendenza della funzione, inoltre, la norma impone il rispetto di alcune disposizioni che grazie alla loro natura generale assicurano comunque alle società ampia flessibilità nella loro concreta implementazione. Figura 15: Indicate le modalità di governo della funzione Compliance all interno della Vostra struttura Parzialmente decentrata 6% Accentrata 94% 17 Rispondenti La funzione di Compliance intrattiene rapporti di diversa natura con altre funzioni aziendali quali il Risk Management, l Internal Audit, il Back Office, l Amministrazione e il Controllo di Gestione. In relazione alle risposte pervenute, sono state individuate le seguenti fattispecie di interrelazione tra le funzioni: La funzione di Compliance trasmette e discute con il Risk Management gli esiti delle proprie attività e le eventuali implicazioni sulla gestione dei rischi operativi, e fornisce supporto per l aggiornamento della mappa e della valutazione sui rischi aziendali. Pur essendo funzioni separate, la Compliance e il Risk Management partecipano a riunioni in cui sono discussi i temi di risk e compliance relativi alla gestione dei portafogli. Le funzioni di Compliance e Internal Audit si coordinano e si consultano periodicamente sugli esiti delle rispettive attività di verifica; i rapporti sono disciplinati da un protocollo di collaborazione che determina i flussi informativi che intercorrono tra le due funzioni. 18

19 La funzione di Compliance supporta il Back Office svolgendo attività di controllo ex ante, sia nella fase di definizione e interpretazione delle regole, che nella gestione dei casi di superamento dei limiti. Si occupa quindi della verifica della conformità delle procedure sia del Back Office che del Controllo di Gestione ed effettua controlli al fine di individuare e risolvere eventuali anomalie riscontrate. La funzione di Compliance intrattiene rapporti anche con funzioni aziendali diverse da quelle sopraccitate; in generale verifica tutte le procedure relative ai processi svolti dalle unità organizzative delle Sgr in un ottica di prevenzione del c.d. rischio di non conformità. Oltre ai rapporti con le altre funzioni di controllo, essa collabora con l Ufficio Legale, la Direzione Investimenti e Prodotti e con la funzione Commerciale. Relativamente alle tipologie di misurazione del livello di servizio della funzione di Compliance, la modalità prevalente risulta essere quella che prevede un controllo periodico formale sulle attività realizzate (65%), seguita da un controllo in base alla qualità/quantità degli interventi (59%). Tra le alternative, il controllo periodico sui costi/benefici delle attività di Compliance, non è invece ritenuto uno strumento di misurazione efficiente. Nella voce residuale Altro sono comprese ulteriori modalità di misurazione indicate dai rispondenti, come la misurazione effettuata sulla base delle relazioni periodiche presentate all organo amministrativo o secondo i livelli di servizio previsti dal contratto di outsourcing. Figura 16: Indicate le modalità di misurazione del livello di servizio della funzione di Compliance effettuate dall organo amministrativo 59% 65% 6% In base alla qualità/quantità degli interventi Viene effettuato un controllo periodico formale sulle attività realizzate In base alla quantità di Full Time Equivalent (FTE) dedicati all attività 12% 12% In base ai tempi di evasione delle richieste effettuate alla funzione di Compliance Altro Nota: il totale non coincide con il 100% poiché è stata concessa la possibilità di fornire risposte multiple 17 Rispondenti 19

20 4.2 Mission e principali obiettivi della funzione di Compliance I risultati indicano che le società ritengono prioritaria l osservanza e il rispetto delle normative e dei codici di condotta interni ed esterni nello sviluppo di nuovi prodotti e mercati, in modo da evitare di incorrere in sanzioni o perdite finanziare. Si pone inoltre attenzione anche alla gestione delle nuove aree di rischio, quali la consulenza sui nuovi prodotti e l analisi ex ante delle normative. Un elevata importanza è attribuita anche alla verifica dell efficienza dei processi e il monitoraggio del rischio di non Compliance sopportato dall azienda. Tra gli aspetti ritenuti mediamente importanti dalle società del campione segnaliamo la creazione di una cultura gestionale consapevole dei rischi e delle responsabilità, che garantisca un efficace gestione del rischio reputazionale attraverso codici di condotta e programmi di formazione mirati. Infine una priorità bassa è attribuita all addestramento e alla formazione del personale (realizzato attraverso servizi di consulenza all alta dirigenza e alle unità di business che rendano il personale consapevole dei rischi e capace di prendere misure idonee a contrastarli) e lo sviluppo di canali di comunicazione in materia di rischi. 20

21 Figura 17: Indicate quale mission è più coerente rispetto agli obiettivi definiti dalla Vostra struttura di Compliance. Classificatele in ordine di importanza, da 1 a 5, dove 1 è la più importante A B 78% 17% 22% C D 6% 39% 17% 56% 22% E 39% 11% 22% 39% Priorità 1 17% Priorità 2 Priorità 3 6% 17% 17% 17% Priorità 4 6% 28% 17% 11% Priorità 5 18 Rispondenti A Identificare, analizzare e monitorare i rischi di sanzioni, di perdite finanziarie o di minaccia all esistenza che potrebbero risultare dal mancato rispetto della conformità con le leggi e le regole in vigore, o con i codici di condotta e gli standard di corretto comportamento B Contribuire a creare una cultura gestionale consapevole dei rischi e delle responsabilità C Verificare l efficienza dei processi e monitorare il rischio di non compliance sopportato dall azienda D Rafforzare i canali di comunicazione in materia di rischi E Concentrare risorse e sforzi per gestire le nuove aree di rischio In aggiunta alle opzioni sopraccitate, sono stati individuati dai rispondenti ulteriori obiettivi per la funzione di Compliance, tra cui il supporto nelle attività correlate all identificazione, al monitoraggio e alla gestione dei conflitti di interesse. 21

22 4.3 Riporto gerarchico Relativamente al tema del riporto gerarchico, emerge dall indagine che il responsabile dell unità organizzativa che svolge attività di Compliance risponde prevalentemente o all Amministratore Delegato (33%) o al Consiglio di Amministrazione (32%). Figura 18: Indicate la figura a cui risponde il responsabile capo dell unità organizzativa che svolge attività di Compliance Consigliere di Amministrazione 6% Responsabile dei controlli interni 6% Direttore Generale 17% Consiglio di Amministrazione 32% Presidente 6% Amministratore Delegato 33% 18 Rispondenti I risultati relativi alla struttura organizzativa delle società indicano che la maggioranza dei rispondenti ha adottato un modello in cui la funzione di Compliance riporta o direttamente al Consiglio di Amministrazione o gerarchicamente e funzionalmente all Amministratore Delegato o al Direttore Generale. Risulta inoltre che numerose società, a livello organizzativo e diversamente per quanto concerne le attività svolte, si stanno muovendo verso un ottica di Compliance integrata, in cui la funzione riporta all Amministratore Delegato unitamente all Internal Audit o al Risk Management. Tali rapporti gerarchici, nel rispetto del principio di indipendenza, sono garantiti da adeguate deleghe di poteri da parte del Consiglio di Amministrazione. Le soluzioni organizzative individuate dalle società traggono origine, sotto il profilo normativo, dall art. 12 del Regolamento Congiunto ai sensi del quale, al fine di assicurare la correttezza e l indipendenza delle funzioni aziendali di controllo compresa naturalmente la funzione di Compliance i responsabili di dette funzioni non devono essere gerarchicamente subordinati ai responsabili delle funzioni sottoposte a controllo e devono riferire direttamente agli organi aziendali; con riferimento al riporto gerarchico, pertanto, la normativa si limita a delineare alcuni principi fondamentali e lascia ampi margini alle Sgr nell individuazione di un modello organizzativo funzionale alla concreta operatività e alle dimensioni delle società. 22

23 4.4 Principali indicatori di performance I Key Performance Indicators (KPI) sono misure quantitative, identificate e definite a priori, che riflettono i fattori critici di successo per un organizzazione; generalmente sono indicatori piuttosto stabili, in quanto strettamente legati agli obiettivi della società. I KPI sono uno dei principali strumenti per il controllo delle performance, poiché forniscono una chiara rappresentazione di ciò che è ritenuto più importante per l organizzazione e di ciò che è necessario per raggiungere gli obiettivi prefissati. Dai risultati ottenuti emerge che, nonostante l importanza di tale strumento di misurazione delle performance, la maggioranza dei rispondenti (56%) non ha identificato o non ha intenzione di identificare i principali KPI per il controllo delle attività della funzione di Compliance. Anche tra le società che hanno identificato i KPI, tuttavia, meno della metà ha già provveduto alla loro implementazione all interno della propria struttura. Figura 19: Indicate se all interno della Vostra struttura avete identificato, o avete intenzione di identificare, i principali KPI (Key Performance Indicators) per la funzione di Compliance Si 44% No 56% 18 Rispondenti 23

24 Tra gli indicatori già utilizzati, quello maggiormente implementato riguarda la misurazione del numero di reclami e di interventi di verifica; tra quelli in fase di attivazione si segnala il controllo del numero di test effettuati rispetto a quelli pianificati. L indagine riporta comunque segnali di uno scenario in evoluzione: le società rispondenti hanno infatti indicato l intenzione di sviluppare in futuro nuovi indicatori, quali ad esempio la velocità nel correggere le violazioni normative (in modo da evitare di incorrere in rischi di sanzioni o perdite), la valutazione dell ampiezza del processo di monitoraggio della Compliance, l esito dei sondaggi intra-aziendali e il numero di nuove richieste di pareri normativi. Figura 20: In caso abbiate identificato o abbiate intenzione di identificare i principali KPI per la funzione di Compliance, indicate quali rientrano tra quelli implementati o tra quelli che intendete implementare all interno della Vostra struttura A 40% B 20% 29% 20% C 60% D 60% E 43% 20% 60% 80% F 40% 20% 40% 20% H 40% 40% O 20% 60% 20% 14% 29% 43% M N 14% 80% I 14% 20% G L 14% 0% 20% P 20% 40% Q 20% 14% R 20% 14% S % implementati 43% 20% 60% % in fase di implementazione 14% 20% 43% % intenzione di implementarli in futuro Nota: il totale non coincide con il 100% poiché è stata concessa la possibilità di fornire risposte multiple 8 Rispondenti A B C D E F G H I L M N O P Q R S Rapporto con le autorità di vigilanza Velocità nel correggere le violazioni normative Formazione effettuata rispetto a quella pianificata Test svolti rispetto a quelli pianificati Numero di reclami Eccezioni rilevate Numero di messaggi promozionali esaminati Numero di violazioni Numero di interventi di verifica Andamento dei controlli normativi Esito dei sondaggi intra-aziendali Successo nell assunzione/tirocinio di nuove risorse all interno della funzione di Compliance Valutazione dell ampiezza del processo di monitoraggio della Compliance Valutazione delle variazioni delle policy e delle procedure di Compliance Qualità della cultura della Compliance Retention dei dipendenti Numero di nuove richieste di pareri normativi 24

25 5 Costi della Compliance L ultima sezione è interamente dedicata all analisi dei costi legati alla funzione di Compliance. In particolare, l analisi è stata incentrata sui seguenti temi: Sistemi informativi a supporto della funzione di Compliance e relativi costi; Analisi delle motivazioni che spingono le società a utilizzare i sistemi informativi; Incidenza dei costi del personale (diretti e indiretti) sui costi complessivi delle Sgr; Costi di costituzione della funzione di Compliance; Tipologia di costi diretti; Rapporto costi/benefici in seguito alla strutturazione delle funzione di Compliance. Sotto il profilo normativo, l impiego di risorse per la funzione di Compliance è soggetto al rispetto di alcune condizioni previste dal Regolamento Congiunto; ai sensi dell art. 12, infatti, per garantire la correttezza e l indipendenza delle funzioni aziendali di controllo, è necessario che queste ultime dispongano dell autorità, delle risorse e delle competenze necessarie per lo svolgimento dei loro compiti. Tali funzioni, dunque, dovrebbero disporre di mezzi adeguati alle competenze che l ordinamento assegna loro, nonché di personale sufficientemente qualificato per l esercizio delle stesse. 5.1 Eventuali sistemi informativi a supporto e relativi costi I risultati ottenuti indicano che il 61% dei rispondenti ha previsto all interno della propria struttura una rete di sistemi informativi a supporto della funzione di Compliance; in questo caso risulta che tali sistemi sono stati sviluppati per: Il 17% in house; Il 16% all esterno; Il 28% sia all interno che all esterno. Relativamente ai costi sostenuti risulta che i maggiori costi sono stati sostenuti per lo sviluppo all esterno (sulla base dei 7 partecipanti che hanno risposto alla domanda). 25

26 Figura 21: Indicate se all interno della Vostra struttura sono presenti sistemi informativi a supporto della funzione di Compliance No 39% Si 61% 18 Rispondenti Rispetto alle motivazioni che spingono le società a utilizzare i sistemi informativi a supporto della funzione, dall indagine emerge come prima esigenza quella di tracciare le attività poste in essere dalla funzione di Compliance (82% dei casi). Un altro fattore rilevante risulta essere la possibilità di presidiare i rischi di conformità prevenendo l insorgere di anomalie sul processo di investimento (71%). Figura 22: Indicate quali sono i principali motivi per cui utilizzate (o utilizzereste) i sistemi informativi a supporto della funzione di Compliance all interno della Vostra struttura 82% 71% 59% 41% 35% 59% 41% 18% A B C D E F G H Nota: il totale non coincide con il 100% poiché è stata concessa la possibilità di fornire risposte multiple 17 Rispondenti A B C D Consentire la comunicazione fra soggetti che fanno parte della funzione di compliance in modo da identificare e gestire gli eventi in modo coerente, uniforme e tempestivo Tracciare le attività poste in essere dalla funzione di compliance Presidiare i rischi di conformità prevenendo l insorgere di anomalie sul processo di investimento Migliorare la qualità delle informazioni 26

27 E F G H Effettuare un reporting delle attività poste in essere dalla funzione di compliance al fine di migliorare la qualità delle informazioni Monitorare e segnalare le operazioni sospette o sforamento dei limiti di investimento Predisporre un repository (Database/Software) unico per tutti i rischi Garantire che il campionamento avvenga sull intera popolazione delle transazioni effettuate dalla società 5.2 Costi delle risorse coinvolte I risultati ottenuti indicano che l incidenza dei costi diretti sui costi complessivi delle Sgr rispondenti è maggiore rispetto a quella dei costi indiretti (7,2% contro 5,9%). Confrontando poi il triennio appena trascorso ( ) con quello prospettico ( ) si osserva che le attività che assorbono il maggior numero di personale rimangono invariate: la principale risulta quella relativa alla Compliance alla direttiva MiFID, seguita da quelle riguardanti la definizione dei limiti sugli investimenti. Assorbono invece il minor numero di risorse le attività relative alla normativa sulla sicurezza del lavoro e alla legge sulla privacy. Figura 23: Rispetto agli ambiti sotto elencati, evidenziate il maggior assorbimento di personale (secondo un livello di importanza da 1 a 5, dove 1 è il più importante), tra il 2005 e il 2008 A 82% B C 36% 8% D E H 36% 33% 11% 38% 22% 30% 30% 9% 0% 7% 8% 8% 38% 33% 33% 10% 45% 18% 25% Priorità 1 21% 42% 23% F G 18% 20% 18% 10% 9% 75% Priorità 2 Priorità 3 Priorità 4 Priorità 5 17 Rispondenti A B C F E F G H MiFID Limiti agli investimenti Disciplina sul market abuse Altre materie disciplinate dal Tuf e dalla normativa di attuazione sopra non menzionate Legge sulla privacy Anti money Laundering D.Lgs. 231/2001 Sicurezza Aziendale 27

28 Figura 24: Rispetto agli ambiti sotto elencati, evidenziate il maggior assorbimento di personale (secondo un livello di importanza da 1 a 5, dove 1 è il più importante), tra il 2009 e il 2011 A 85% 38% B C E 23% 33% 8% F 8% H 8% 8% Priorità 1 8% 23% 27% 33% Priorità 2 8% 43% 31% 15% 8% 15% 17% 43% 27% G 15% 42% 14% D 8% 31% 20% 25% 8% 13% 8% 13% 25% 69% Priorità 3 Priorità 4 Priorità 5 17 Rispondenti A B C F E F G H MiFID Limiti agli investimenti Disciplina sul market abuse Altre materie disciplinate dal Tuf e dalla normativa di attuazione sopra non menzionate Legge sulla privacy Anti money Laundering D.Lgs. 231/2001 Sicurezza Aziendale 28

29 5.3 Costi di costituzione della funzione Nella sezione dell indagine dedicata ai costi di costituzione della funzione di Compliance nell ultimo triennio, emerge che nel 2005 sono stati sostenuti esclusivamente i costi per la costituzione della funzione di Compliance (definizione dei compiti e delle responsabilità della Direzione e declinazione degli ambiti normativi coperti). Nel triennio successivo invece l incidenza dei suddetti costi diminuisce, mentre crescono i costi relativi alla predisposizione dell impianto documentale e ai progetti di aggiornamento della normativa interna, che nel 2008 raggiungono rispettivamente il 69% e il 77% dei costi di costituzione della funzione. In quest ultimo anno si sono poi aggiunti i costi legati alla formazione interna e quelli derivanti dall implementazione dei sistemi informativi, della direttiva MiFID e del D.Lgs. 231/2001. Figura 25: Indicate in quale/i periodo/i temporale/i sono stati sostenuti i costi di costituzione della funzione 100% % 64% % 36% 38% A 36% 69% B 45% 18% 77% C D 38% 15% E Nota: il totale non coincide con il 100% poiché è stata concessa la possibilità di fornire risposte multiple 14 Rispondenti A B C D E Progetti per la costituzione della funzione di Compliance (definizione di compiti e responsabilità della Direzione e declinazione degli ambiti normativi coperti) Progetti di predisposizione dell impianto documentale (definizione dei macro processi con l individuazione di ruoli e responsabilità) Progetti di aggiornamento della normativa interna (logiche di indirizzo e coordinamento di Gruppo) Costi derivanti dall implementazione dei sistemi informativi Altro: MiFID, D.Lgs. 231/2001, formazione interna 29

30 5.4 Costi ricorrenti ed eventuale ripartizione costi infrastrutturali I costi diretti della funzione di Compliance sono stati ripartiti in due categorie: costi di Compliance e costi di Non Compliance. Nella definizione di quest ultimi ricadono i costi che l azienda sostiene come conseguenza della mancata osservanza delle disposizioni vigenti, mentre con costi di Compliance si intendono quei costi direttamente ascrivibili alla funzione aziendale di controllo. La figura 26 indica la ripartizione dei Costi di Compliance e Non Compliance. Un analisi più approfondita sulle singole tipologie dei costi di Compliance evidenzia che i costi relativi allo staff, comprendenti gli stipendi e gli eventuali benefit, hanno una rilevanza maggiore (54%) rispetto alle altre categorie, seguiti dai costi di manutenzione dei sistemi informativi con il 34%. I costi sostenuti per la formazione continua incidono solo per il 4%. Tra i costi di Non Compliance prevalgono invece i Remediation Costs, ovvero i costi sostenuti dall azienda per l implementazione di attività volte alla risoluzione di anomalie riscontrate. Tali risultati sono stati ottenuti ponderando i valori forniti per gli asset gestiti di ciascuna società. Figura 26: Ripartizione dei Costi di Compliance e Non Compliance Costi di Non Compliance 43% Costi di Compliance 57% 15 Rispondenti 30

31 Figura 27: Ripartizione delle singole tipologie di Costi di Compliance Adeguamento alla normativa 8% Manutenzione Sistemi Informativi 34% Staff 54% Formazione continua 4% Rispondenti con avvaloramento del valore Figura 28: Ripartizione delle singole tipologie di Costi di Non Compliance Costo dell errore del calcolo della quota 24% Sanzioni e onorari 7% Remediation costs 69% Rispondenti con avvaloramento del valore 31

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Luglio 2012

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Luglio 2012 Modifiche al regolamento congiunto Banca d Italia Consob (di seguito regolamento ) per il recepimento della direttiva 2010/76 (CRD 3) in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione

Dettagli

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola 1 AGENDA: 1. Premessa 2. La funzione compliance 3. La funzione antiriciclaggio 4. Integrazione

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

La vigilanza sull attività di gestione collettiva del risparmio

La vigilanza sull attività di gestione collettiva del risparmio La vigilanza sull attività di gestione collettiva del risparmio Roma 24 maggio 2013 Avv. Agostino Papa 1 Gestione collettiva del risparmio: cenni La gestione collettiva del risparmio è il servizio che

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 marzo 2015. Recepimento della direttiva 2011/61/UE (AIFMD). Modifiche alla disciplina in materia di risparmio gestito. Adempimenti per le SGR che intendono essere iscritte all'albo

Dettagli

Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Edizione giugno 2015 PREMESSA Mediolanum Gestione Fondi (di seguito anche MGF o la Società ), appartenente al Gruppo Bancario Mediolanum 1

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

Osservazioni generali

Osservazioni generali Documento di consultazione n. 1/2014 Schema di Regolamento 20/2008 recante nuove disposizioni in materia di controlli interni, gestione dei rischi ed esternalizzazione Legenda Nella riga Commentatore i

Dettagli

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 Tel: 0287186784 Fax: 0287161185 info@conformisinfinance.it pec@pec.conformisinfinance.it www.conformisinfinance.it Obiettivi

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI Approvato dal Revisionato dal Consiglio di Amministrazione del 27 aprile 2012 Le presenti linee guida rappresentano

Dettagli

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione La Funzione di Compliancein Banca Nino Balistreri Consulente ABI Formazione Sommario L inquadramento normativo della funzione di compliance L ambito normativo di competenza Il processo di operativo 2 Banca

Dettagli

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria V

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria V Resoconto degli interventi Sessione Plenaria V 1 Sessione plenaria V La Funzione di Compliance: stato dell arte e prospettive in termini di attività, metodologie, strumenti 11 nov. 2011 ore 11.20 13.30

Dettagli

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità FLASH REPORT Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità Luglio 2013 Il 2 luglio 2013 la Banca d Italia, all esito dell attività di consultazione avviata nel mese di settembre

Dettagli

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 SOMMARIO ART. 1 - DISPOSIZIONI PRELIMINARI... 4 ART. 2 - DEFINIZIONI... 5 ART. 3 PREMESSA...

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Come noto, la Direttiva 2004/39/CE (c.d. MiFID) stabilisce che all agente collegato si applicano:

Come noto, la Direttiva 2004/39/CE (c.d. MiFID) stabilisce che all agente collegato si applicano: Comunicazione n. 0012130 dell 11-2-2016 Oggetto: Controlli sulle reti di promotori finanziari La Consob ha recentemente condotto, attraverso appositi questionari, un indagine avente ad oggetto le procedure

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

Recepimento in Italia della Direttiva 2011/61/UE (AIFMD - Alternative Investment Fund Managers Directive)

Recepimento in Italia della Direttiva 2011/61/UE (AIFMD - Alternative Investment Fund Managers Directive) FLASH REPORT Recepimento in Italia della Direttiva 2011/61/UE (AIFMD - Alternative Investment Fund Managers Directive) Overview e Focus sul Sistema di Gestione del Rischio Marzo 2015 Introduzione all AIFMD

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE Partner di: Private Equity LAB Associato a: Shadow Banking e AIFMD G20 Pittsburgh 2009 Rivedere l intero

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi 2007 SDA Bocconi School of Management Copyright SDA Bocconi Premessa La Normativa di

Dettagli

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI ISTRUZIONI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA RELAZIONE RECANTE LE ALTRE INFORMAZIONI DI CUI ALL ART. 2, COMMA 1, LETT. A), D), E), F),

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 -

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 - La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento - Roma, 12 novembre 2010 - 2 Agenda Attività di Bancoposta Compliance in Bancoposta L applicazione ai servizi di investimento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018, BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D AMPEZZO E DELLE DOLOMITI CREDITO COOPERATIVO POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 2. CONTESTO NORMATIVO... 5 2.1 DEFINIZIONE DI OPERAZIONE PERSONALE... 5 2.2 DEFINIZIONE DI SOGGETTO

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA Come ogni grande istituzione finanziaria, BNP Paribas Investment Partners SGR (di seguito anche la SGR

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 26 dicembre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 26 aprile 2012 v.0.4 INDICE I. PREMESSA...

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 01/08/2008 ai sensi dell art. 18 del Regolamento Congiunto Banca d Italia Consob

Dettagli

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti POLICY Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti [ Pagina Bianca ] Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti 1 INDICE Indice... 2 PREMESSA...

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi LINEE GUIDA CONCERNENTI IL CONTENUTO DEI REQUISITI ORGANIZZATIVI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI

Dettagli

Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni

Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO Approvata dal CdA nella seduta

Dettagli

La Funzione di Compliance tra Basilea II e MiFID

La Funzione di Compliance tra Basilea II e MiFID III Incontro Compliance AICOM-Dexia Crediop Strategies, governance, compliance: le sfide della direttiva MiFID e l integrazione del mercato finanziario europeo La Funzione di Compliance tra Basilea II

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

L evoluzione della Funzione Compliance e il Compliance Risk nei servizi di investimento

L evoluzione della Funzione Compliance e il Compliance Risk nei servizi di investimento L evoluzione della Funzione Compliance e il Compliance Risk nei servizi di investimento SDA Bocconi School of Management 2009 In collaborazione con AICOM e SIA SSB Group Copyright SDA Bocconi Premessa

Dettagli

POSITION PAPER. 23 novembre 2007

POSITION PAPER. 23 novembre 2007 Risposta ABI alla consultazione della CONSOB sulla Comunicazione contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Mercati adottato in attuazione della MiFID 23 novembre 2007 POSITION

Dettagli

BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing e Controlli di Gruppo

BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing e Controlli di Gruppo Business International La Compliance nelle Banche Italiane: compiti e responsabilità della funzione compliance alla luce delle Istruzioni della Banca d Italia BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO PERIODO: II SEMESTRE DOCENTI: LUIGI MIGLIAVACCA,

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM (Circolare Banca d Italia n.285 del 17 dicembre 2013, Titolo

Dettagli

Gestori di investimenti collettivi di capitale

Gestori di investimenti collettivi di capitale Comunicazione FINMA 34 (2012), 23 gennaio 2012 Gestori di investimenti collettivi di capitale Mercati Einsteinstrasse 2, 3003 Berna tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch A205545/GB-M/M-AM1

Dettagli

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 1 RISCHI DEL GRUPPO BANCARIO Il Gruppo Intesa Sanpaolo attribuisce una forte rilevanza alla gestione e al controllo dei rischi,

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Oggetto: Premessa Istruzioni metodologiche per la determinazione dell informativa sul profilo di rischio e sull orizzonte temporale d investimento consigliato

Dettagli

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche

Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche a cura di Francesco Manganaro 11 Gennaio 2014 1 Obiettivo del seminario Il Sistema dei Controlli Interni,

Dettagli

BANCA D'ITALIA COMUNICATO DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI CONFORMITA' COMPLIANCE

BANCA D'ITALIA COMUNICATO DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI CONFORMITA' COMPLIANCE PER SAPERNE DI PIU Informazioni utili per i Dirigenti Sindacali FABI BANCA D'ITALIA COMUNICATO DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI CONFORMITA' COMPLIANCE 1. Premessa. Il rispetto delle norme e la correttezza

Dettagli

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Focus on LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Aprile 2016 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

Il procedimento di autorizzazione

Il procedimento di autorizzazione Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DEI

POLICY DI GESTIONE DEI Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE SUI SERVIZI D INVESTIMENTO GRUPPO CARISMI - approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 10/02/2015 1 INDICE

Dettagli

PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL N B.5 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 16/07/2015 Data di efficacia: 16/07/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL NOSTRO LAVORO SI BASA SULLA FIDUCIA DEI CLIENTI. PER QUESTO FONDAMENTALE È IL RISPETTO DELLE NORME E LA TOTALE TRASPARENZA NELLO SVOLGIMENTO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ. CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV

Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV Consultazione sullo schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 14, comma 3, del decreto legge

Dettagli

Difesa del risparmio e rapporto con le banche

Difesa del risparmio e rapporto con le banche EDUCAZIONE FINANZIARIA Difesa del risparmio e rapporto con le banche CUCE Dr. Vincenzo Difesa del risparmio e rapporto con le banche Legenda: Il Risparmio, Manifesto per la tutela del risparmio Oltre la

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

La valutazione degli attivi nei Fondi Immobiliari

La valutazione degli attivi nei Fondi Immobiliari La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione degli attivi nei Fondi Immobiliari Stefano Deleo Investire Immobiliare SGR S.p.A. 12 luglio 2012 - Milano S.A.F.

Dettagli

Giugno 2013. La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi

Giugno 2013. La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi Giugno 2013 La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi Avv. Simona Sapienza, Caiazzo Donnini Pappalardo & Associati

Dettagli

La consulenza finanziaria nel private banking

La consulenza finanziaria nel private banking La consulenza finanziaria nel private banking Paolo Magnani Vice Direttore Generale Milano, 10.2.2011 Premessa 2 Il mondo è cambiato ma ancora noi non vogliamo accorgercene... Perchè il private banker

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti Alessandro Pagani Head of Compliance & Operational Risks Milano,

Dettagli

Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse

Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse CASSA RURALE DI TRENTO 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 3. RIFERIMENTI NORMATIVI... 5 4. RICHIAMO

Dettagli

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1 company profile vision chi siamo mission back office rete distributiva struttura e modello organizzativo processi di certificazione collaboratori e accreditamento presso partner prestitosi governance e

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

Policy aziendale in tema di incentivi nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento

Policy aziendale in tema di incentivi nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda

Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda Pietro Galbiati Buongiorno a tutti. 1 Il mio compito è quello di presentare in sintesi come stiamo affrontando il tema della esternalizzazione

Dettagli

I fondi di minibond. Andrea Perrone Università Cattolica del Sacro Cuore

I fondi di minibond. Andrea Perrone Università Cattolica del Sacro Cuore I fondi di minibond Andrea Perrone Università Cattolica del Sacro Cuore Il finanziamento delle PMI alternativo al credito bancario Macerata, 14 novembre 2014 Il problema del finanziamento mediante minibond

Dettagli

Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi

Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi L importanza della comunicazione Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi FAbio ACCARDi se nella ricerca

Dettagli

REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione. Modello operativo di verifica

REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione. Modello operativo di verifica 14 ottobre 2013 REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione Modello operativo di verifica MARCO CHIESA 1 GLI OBIETTIVI DEL MODELLO PREMESSA Negli ultimi anni i più eclatanti

Dettagli

Solvency II The implementation phase:

Solvency II The implementation phase: Analisi L informativa dei risultati verso della l esterno survey Rapporto di Ricerca Solvency II The implementation phase: Analisi dei risultati della survey AUTORI: Chiara Frigerio Federico Rajola Francesca

Dettagli

POLITICHE DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE DI COMOI SIM

POLITICHE DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE DI COMOI SIM POLITICHE DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE DI COMOI SIM 1. PREMESSA Con il provvedimento congiunto di CONSOB e Banca d Italia adottato il 25 luglio 2012 è stato introdotto nel Regolamento congiunto del

Dettagli

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare:

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare: GESTIONE, DISCLOSURE E MONITORAGGIO DEGLI INCENTIVI ( INDUCEMENTS ) VERSATI E/O PERCEPITI DALLA BANCA NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO ED ACCESSORI 1. PREMESSA La disciplina MiFID sugli incentivi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO Testo licenziato dalla Commissione Amministrativa nella riunione del 26 settembre 2013 ed approvato dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 4 ottobre

Dettagli

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Il sistema dei controlli interni delle banche: il ruolo degli organi aziendali e delle funzioni aziendali di controllo Foggia, 20 Novembre 2012

Dettagli