Libretti di impianto e Registri dell apparecchiatura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Libretti di impianto e Registri dell apparecchiatura"

Transcript

1 Libretti di impianto e Registri dell apparecchiatura L Utente dovrà conservare: Libretto d impianto come da DECRETO 10 febbraio 2014 Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013. (14A01710) (GU Serie Generale n.55 del ) e Registro dell apparecchiatura come da DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 gennaio 2012, n. 43 Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. (12G0063) Art. 15 Registro dell'impianto 1. Gli operatori delle applicazioni fisse di refrigerazione, condizionamento d'aria e pompe di calore, contenenti 3 kg o piu' di gas fluorurati ad effetto serra tengono il 'Registro dell'apparecchiatura' di cui all'articolo 2 del regolamento (CE) n. 1516/ Gli operatori dei sistemi fissi di protezione antincendio contenenti 3 kg o piu' di gas fluorurati ad effetto serra tengono il 'Registro del Sistema' di cui all'articolo 2 del regolamento (CE) n. 1497/ Nei registri di cui ai commi 1 e 2, gli operatori riportano le informazioni previste dall'articolo 3, paragrafo 6, del regolamento (CE) n. 842/2006. Il formato del registro e le modalita' della loro messa a disposizione ai sensi del comma 4, vengono pubblicati sul sito web del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, previo avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. 4. Su richiesta, i registri di cui ai commi 1 e 2 sono messi a disposizione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare che si avvale dell'istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA). Operatore = proprietario o gestore dell impianto

2 Art. 16: COMPILAZIONE ANNUALE ON-LINE e trasmissione (entro ogni 31 maggio, a cura dell utente) dichiarazione emissioni secondo art. 16 comma 1 del DPR 43/2013: quantità aggiunta/recuperata/eliminata (anche se in quantità 0 ). - SANZIONI: vedi D.Lgs. n 26 del * * * Il nuovo libretto d impianto (allegato I) sostituisce il libretto di centrale e/o d impianto (termico). I vecchi rapporti di controllo tecnico, gli allegati F e/o G (validi per i generatori di calore a fiamma) vengono sostituiti dal nuovo modulo allegato II rapporto di tipo 1, e vengono aggiunti per gli altri tipi di impianto: allegato III rapporto di tipo 2 per frigo/pompe di calore, allegato IV rapporto di tipo 3 per scambiatori di calore (es., impianti di teleriscaldamento), allegato V rapporto di tipo 4 per i cogeneratori. Il libretto d impianto, e i rapporti di controllo, sono estesi quindi a tutti gli impianti di climatizzazione, sia invernali che estivi. Il Libretto d impianto e il Registro dell apparecchiatura sono due cose ben distinte, e l uno non sostituisce l altro. - Il Registro dell apparecchiatura è stato pubblicato on-line dal Ministero Ambiente lo scorso anno, in conformità al (vecchio ormai) Regolamento 842/2006 sugli F-gas (dal verrà sostituito dal nuovo REGOLAMENTO (UE) N. 517/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 aprile 2014 sui gas fluorurati a effetto serra e che abroga il regolamento (CE) n. 842/2006 pubblicato su GUCE il I Decreti e Leggi italiane rimangono validi fino a loro modifica). Lo scopo del Regolamento è il contenimento delle emissioni in atmosfera di taluni gas fluorurati ad effetto serra e si applica alle apparecchiature che hanno una carica di HFC uguale o superiore a 3 kg (sono esclusi i CFC e gli H-CFC, e i gas naturali). Tale Regolamento prescrive che l operatore tenga un Registro dell apparecchiatura e faccia eseguire dei controlli periodici per il contenimento delle perdite di carica. Oltre a tenere aggiornato questo Registro, l utente di queste apparecchiature dovrà informare telematicamente, ogni anno, il Ministero Ambiente sulle quantità di HFC caricati/scaricati dall apparecchiatura (anche per quantità nulle! ). Il libretto dell impianto è stato pubblicato quest anno, a cura del Ministero Sviluppo Economico, per il recepimento della EPBD, al fine di controllare un eventuale diminuzione dell efficienza energetica. Si applica agli impianti di

3 potenza termica > 12 kw in raffrescamento / 10 kw k in riscaldamento (la Direttiva chiedeva alle apparecchiature > 12 kw), pertanto anche a singole apparecchiature di potenza inferiore se installate inn un'unica unità abitativa/ufficio con potenza complessiva > 12 kw (quindi, add esempio, anche a più sistemi split ognuno di potenza termica <12 kw se la somma delle potenze di quelli installati in una singolaa unità immobiliare è > 12 kw) ). Poiché anche eventuali perditee di refrigerante provocano un calo di efficienza, è stato prescritto che l ispettore e/o manutentore perr il controlloo dell efficienza senza rifare il controllo previsto dal Regolamento F-gas F - verifichi che sul Registro dell apparecchiatura siano stati riportati i risultati dei controlli F-gas e che non siano state rilevate perdite. Nel caso, però, l impianto (> 12 kw) sia costituito da d più apparecchiature singolarmente esenti da controlli F-gas (es. split ognuno con carica < 3 kg, oppure apparecchiature funzionanti con i vecchi H-CFC o con refrigeranti naturali), l ispettore/ manutentore dovrà eseguire detto controllo sulle perdite di refrigerante (avendo la certificazione F-gas) o farloo eseguire da un addetto certificato F-gas. Come compilare e utilizzare i modelli del librettoo d'impianto Tutti gli allegati del decreto sono disponibili in formato PDF sul s sito del MiSE e sono pubblicati anche nella documentazione inerente il catasto territoriale degli impianti termici che ogni Regione predispone (ai sensi dell art. 10, comma 4, lettera a del decreto del Presidente della Repubblica 74/2013). * * * Sito Ministero Sviluppo Economico: Home» Energia» Efficienza energetica» Modelli per libretto impianto e rapporto efficienza energetica EFFICIENZA ENERGETICA [+] Certificatori energetici Modelli per libretto impiantoo e rapporto efficienza energetica Cogenerazionee Piano nazionale efficienza energetica MODELLI DI LIBRETTO DI IMPIANTO PER LA CLIMATIZZAZIONE E DI RAPPORTO DI EFFICIENZA ENERGETICA In attuazione di quanto previsto dal Decreto del Presidente della Repubblica 74/2013, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 7 marzo 2014 il Decreto ministeriale 10 febbraio 2014 che definisce i nuovi modelli per il libretto di impianto per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per il rapporto di

4 efficienza energetica. A partire dal 1 giugno 2014 gli impianti termici devono essere muniti del nuovo libretto e per i controlli di efficienza energetica devono essere utilizzati i nuovi modelli. MODELLI Libretto di impianto Allegato I - Libretto impianto e istruzioni per la compilazione (pdf, 151 kb) Rapporto di controllo di efficienza energetica Allegato II - Rapportoo di controllo di efficienza energetica tipo 1 - Gruppi termici (pdf, 853 kb) Allegato III - Rapportoo di controllo di efficienza energetica tipo 2 - Gruppi frigo (pdf, 611 kb) k Allegato IV - Rapporto di controllo di efficienza energetica tipoo 3 - Scambiatori (pdf, 655 kb) k Allegato V - Rapportoo di controllo di efficienza energetica tipo 4 - Cogeneratori (pdf, 600 kb) Note per la compilazione dei rapporti di controllo di efficienzaa energetica (pdf, 9 kb) Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nuclearee > Divisione VII - Efficienza energetica e risparmio energetico Ministero dello Sviluppo Economico Via Vittorio Veneto, Roma Partita IVA * * * Il Libretto è funzionale ai controlli periodici di efficienza energetica, come da a DPR 74/2013 IL NUOVOO REGOLAMENTO n. 74/20133 Il nuovo Regolamento stabilito dal Dpr 74/2013 definisce i criteri per la a manutenzione e l ispezionee degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell acquaa calda, definendo anche i requisiti professionali ed i criteri per l accreditamento degli esperti e degli organismi abilitati all ispezionea e degli impianti di climatizzazione REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO, CONDUZIONE, CONTROLLO, MANUTENZIONE E ISPEZIONEE DEGLI IMPIANTI TERMICI PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE ED ESTIVA Controllo e manutenzione degli impianti termici 1. Le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione dell impianto devono d essere eseguite da ditte abilitate ai sensi del decreto ministeriale 22 gennaio 2008, n. 37, 3 conformemente alle prescrizioni e con la periodicità contenute nelle istruzioni tecniche per l uso e la manutenzione rese disponibili dall impresa installatrice dell impianto ai sensi della normativa vigente. 2. Gli impianti termici per la climatizzazione o produzione di acqua calda sanitaria devono essere muniti di un Libretto di impianto perr la climatizzazione. In caso di trasferimento a qualsiasi titolo dell'immobile o dell'unità immobiliare i libretti di impianto devono essere consegnati all'avente causa, debitamente aggiornati, con gli eventuali allegati.

5 Il Dpr 75/2013 inoltre specifica che nel caso di impianti termici con potenza nominale superiore a 350 kw, il responsabile deve essere in possesso di certificazione UNI EN ISO 9001 relativa all attività di gestione e manutenzione degli impianti termici. Controllo dell efficienza energetica degli impianti termici In occasione degli interventi di controllo ed eventuale manutenzione su impianti termici di climatizzazione invernale di potenza termica utile nominale maggiore di 10 kw e sugli impianti di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale maggiore di 12 kw, si effettua un controllo di efficienza energetica. Al termine delle operazioni di controllo, l'operatore che effettua il controllo provvede a redigere e sottoscrivere uno specifico Rapporto di controllo di efficienza energetica. Una copia del Rapporto è rilasciata al responsabile dell'impianto, che lo conserva e lo allega ai libretti; una copia è trasmessa a cura del manutentore o terzo responsabile all'indirizzo indicato dalla Regione o Provincia autonoma competente per territorio. Ispezioni sugli impianti termici Le autorità competenti effettuano gli accertamenti e le ispezioni necessari all osservanza delle norme relative al contenimento dei consumi di energia nell esercizio e manutenzione degli impianti termici, in un quadro di azioni che promuova la tutela degli interessi degli utenti e dei consumatori, ivi comprese informazione, sensibilizzazione ed assistenza all'utenza. Le ispezioni si effettuano su impianti di climatizzazione invernale di potenza termica utile nominale non minore di 10 kw e di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale non minore di 12 kw. L'ispezione comprende una valutazione di efficienza energetica del generatore, una stima del suo corretto dimensionamento rispetto al fabbisogno energetico per la climatizzazione invernale ed estiva dell'edificio, in riferimento al progetto dell'impianto, se disponibile, e una consulenza sui possibili interventi atti a migliorare il rendimento energetico dell'impianto in modo economicamente conveniente. (Ndr: Durante gli interventi di manutenzione su impianti termici di climatizzazione invernale di potenza termica utile nominale maggiore di 10 kw e sugli impianti di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale maggiore di 12 kw, eseguiti con la periodicità contenuta nelle istruzioni tecniche per l uso e la manutenzione, ed anche durante interventi di riparazione/manutenzione straordinaria, va effettuato anche un controllo di efficienza energetica; il controllo va sempre trascritto sul libretto, mentre il relativo Rapporto va trasmesso al Catasto degli impianti termici secondo la cadenza prevista dall all. A N.B. L allegato A al DPR 74/2013 precisa che per Impianti con macchine frigorifere/pompe di calore - Macchine frigorifere e/o pompe di calore a compressione di vapore ad azionamento elettrico e macchine frigorifere e/o pompe di calore ad assorbimento a fiamma diretta: Rapporto tipo 2, ogni 4 anni per 12 < P<100, ogni 2 anni per P Pompe di calore a compressione di vapore azionate da motore endotermico, P 12 Rapporto tipo 2, ogni 4 anni - Pompe di calore ad assorbimento alimentate con energia termica, P 12 Rapporto tipo 2, ogni 2 anni ).

6 Per impianti di potenza inferiore a 100 kw le ispezioni sono normalmente sostituite dai controlli di efficienza energetica eseguite dai manutentori abilitati: << Per gli impianti di climatizzazione invernale tra i 10 kw ed i 100 kw alimentati a gas, metano o gpl e per gli impianti di climatizzazione estiva tra 12 e 100 kw l accertamento del rapporto di controllo di efficienza energetica inviato dal manutentore o terzo responsabile è ritenuto sostitutivo dell ispezione.>> Sono esonerati dai controlli di efficienza energetica gli impianti termici alimentati esclusivamente con fonti rinnovabili di cui al decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28, ferma restando la compilazione del libretto. NUOVI VALORI MASSIMI PER LA TEMPERATURA INTERNA Il periodo di accensione annuale e la durata giornaliera di accensione degli impianti termici per il riscaldamento invernale varia a seconda della Zona Climatica di appartenenza, mentre le temperature limite sono definite dal Dpr: Riscaldamento invernale: 18 C + 2 C di tolleranza per gli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali e assimilabili; 20 C + 2 C di tolleranza per tutti gli altri edifici. Climatizzazione estiva: la temperatura non deve essere minore di 26 C 2 C di tolleranza per tutti gli edifici. Libretto d impianto: istruzioni per l uso (Decreto 10 febbraio 2014) Il libretto di impianto è obbligatorio per qualsiasi impianto di climatizzazione invernale e/o estiva, esistente o di nuova installazione, indipendentemente dalla potenza termica. Per gli impianti esistenti al momento della pubblicazione del libretto, quest ultimo va a sostituire tutti i documenti precedenti, che vanno comunque conservati a cura del responsabile dell impianto. Il libretto di impianto viene fornito in formato cartaceo ed elettronico: il cartaceo viene conservato dal responsabile dell'impianto (o eventuale terzo responsabile) che si occuperà dei relativi aggiornamenti e lo fornirà ai diretti interessati che di volta in volta lo richiedono. Il formato elettronico va al catasto informatico dell'autorità competente (o presso altro catasto accessibile all'autorità competente): l aggiornamento da parte degli operatori interessati potrà avvenire elettronicamente tramite accesso sicuro con password. - sito sperimentale - Sito CTI Il libretto si compone di schede inerenti il tipo di impianto installato e viene creato dall installatore: tutte le successive sostituzioni o modifiche vanno registrate nelle schede in modo da creare, nel tempo, una descrizione completa della vita dell impianto.

7 Nel caso di trasferimento dell immobile, il libretto d impianto cartaceo va consegnato dal responsabile uscente a quello subentrante. In caso di nomina del terzo responsabile, a fine contratto il terzo responsabile ha l obbligo di riconsegnare al responsabile il libretto di impianto, debitamente aggiornato, con relativi allegati. La prima compilazione del libretto Questa prima fase contiene tutti i risultati della prima verifica e va effettuata a cura dell impresa installatrice nel momento della prima messa in servizio. Nel caso l impianto sia già esistente, la prima compilazione va effettuata dal responsabile dell'impianto (o eventuale terzo responsabile). La compilazione e i successivi aggiornamenti del libretto devono essere curati da diversi professionisti: dal responsabile che firma la Scheda 1, dall installatore (Schede 2, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10), dal responsabile (con firma 3 Responsabile di Scheda 3), dal relativo manutentore (Schede 11, 12), dall ispettore (Scheda 13) ed infine ancora dal responsabile, o eventuale 3 responsabile, (Scheda 14). Se l impianto di climatizzazione invernale e quello di climatizzazione estiva sono distinti, allora sarà necessario compilare due diversi libretti d impianto. Se stanno nella stessa singola unità immobiliare è consentito ma non obbligatorio - tenere un solo libretto (ma in Lombardia, se gli impianti non hanno in comune il sistema di distribuzione, allora necessitano di due libretti). «L. 90/2013_ l-tricies) "impianto termico": impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolarizzazione e controllo. Sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento. Non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unita' immobiliare e' maggiore o uguale a 5 kw. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unita' immobiliari ad uso residenziale ed assimilate»; Le apparecchiature fisse di condizionamento aria o a pompa di calore, compreso gli split, non avendo un focolare e non essendo apparecchi ad energia radiante, non rientrano fra le esclusioni sotto i 5 kw. Quindi costituiscono sempre un impianto, qualsiasi sia la loro potenza seppur minima, e perciò necessitano sempre di un libretto (eccetto nelle Regioni es. Lombardia - dove è stato deliberato diversamente). Se in un unità immobiliare la somma delle potenze di questa apparecchiature (non sommate con le caldaie!) supera i 12 kw, allora necessitano anche di controllo periodico di efficienza energetica.

8 QUESITI Impianto di climatizzazione invernale con caldaia a gas e impianto di climatizzazione estiva realizzato mediante 2 split per il raffrescamento, rispettivamente, della zona giorno e della zona notte. Quanti libretti occorre compilare? Uno per la climatizzazione invernale ed uno per la climatizzazione estiva? Oppure un libretto per la climatizzazione invernale e due per la climatizzazione estiva, avendo 2 split distinti? Occorre innanzitutto chiarire che la nota inserita nelle istruzione per la compilazione del libretto che recita: "Se un edificio è servito da due impianti distinti, uno per la climatizzazione invernale e uno per la climatizzazione estiva, che in comune hanno soltanto il sistema di rilevazione delle temperature nei locali riscaldati e raffreddati, sono necessari due libretti di impianto distinti; in tutti gli altri casi è sufficiente un solo libretto di impianto" è da intendersi riferita esclusivamente agli edifici con pluralità di utenza e non alle singole unità immobiliari, per le quali è sempre possibile compilare un unico libretto di impianto (Eccetto Lombardia). Per singole unità immobiliari sono da intendersi: unità immobiliare residenziale e assimilata: unità immobiliare, a se stante o inserita in un edificio, prevista per l'utilizzo come civile abitazione, effettivamente usata come tale o sede di attività professionale (es. studio medico o legale) o commerciale (es. agenzia di assicurazioni) o associativa (es. sindacato, patronato). Pertanto nel caso in esame (inteso che anche l impianto di riscaldamento sia della sola unità immobiliare) è sufficiente redigere un unico libretto di impianto (in Lombardia, se l impianto di raffrescamento non supera i 12 kw, va compilato un solo libretto per la sola parte riscaldamento, anche se gli split sono di tipo reversibile a Pompa di Calore). Lo split (anche se di piccola potenza) è sempre considerato impianto termico la climatizzazione estiva? Se sì, devo compilare il libretto per la climatizzazione? Premesso che il decreto 10 febbraio 2014, all'art.1 prevede che: "A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione" Per quanto detto sopra, gli split sono sempre un impianto. Pertanto è sempre necessario compilare un libretto d impianto (eccetto in Lombardia, vedi sopra). Si consideri il caso in cui in un'unità immobiliare è presente un impianto termico a radiatori con caldaia a gas gestita da un cronotermostato ambiente e un impianto a pompa di calore multisplit con i suoi telecomandi per la gestione della temperatura ambiente. Trattasi di due impianti distinti ma non hanno in comune il sistema di rilevazione della temperatura. In tal caso deve essere compilato un unico libretto di impianto? Posso compilare un solo libretto (eccetto che in Lombardia), se l impianto di riscaldamento non è condominiale.

9 Nel caso di impianto di riscaldamento centralizzato, il libretto di quest ultimo andrà tenuto a cura del condominio, mentre quello del multisplit è a cura dell utente dell unità immobiliare (e in Lombardia quest ultimo non è richiesto se il multisplit è < 12 kw). Con una pompa di calore idronica (acqua-acqua) funzionante con energia elettrica da 10 kw utilizzata solo per il riscaldamento invernale occorre fare il controllo di efficienza e compilare il Rapporto Tipo 2? Oppure il Rapporto tipo 2 deve essere compilato sempre e solo con potenze superiori a 12 kw? L'allegato A del DPR 16 aprile 2013 N. 74, prevede per la macchine frigorifere e le pompe di calore un limite minimo di potenza pari a 12 kw al di sopra del quale è necessario redigere il Rapporto Tipo 2. Pertanto, una pompa di calore da 10 kw non è soggetta alla compilazione del Rapporto Tipo 2, indipendentemente dal tipo di servizio a cui è adibita Con una pompa di calore idronica (aria-acqua) funzionante con energia elettrica da 16 kw solo per il riscaldamento si deve compilare il Rapporto tipo 2 in quanto trattasi di un gruppo frigo? Per tutte le macchine pompe di calore / refrigeratoricon potenza superiore a 12 kw, idroniche o aerauliche che siano, occorre compilare il Rapporto tipo 2, indipendentemente dal tipo di servizio a cui è adibita. Se utilizzo una pompa di calore per il riscaldamento e il raffrescamento, devo compilare il rapporto tipo 2 per entrambi i funzionamenti? Deve essere compilato un unico rapporto tipo 2. Il rapporto deve essere compilato in tutte le sue parti, indicando nell'apposita casella se la prova è stata eseguita in modalità raffrescamento o in modalità riscaldamento. La modalità di funzionamento della prova dipende dal tipo di funzionamento al momento del collaudo dell impianto (prima registrazione dei dati sul libretto) in modo da avere nel tempo sempre gli stessi parametri da controllare. Le note inserite nel libretto e relative alla scheda 11.2 dello stesso, infatti precisano: "se la prima verifica effettuata a cura dell'installatore è avvenuta con funzionamento in modalità riscaldamento, tutte le verifiche periodiche dovranno essere effettuate in modalità riscaldamento; se è avvenuta in modalità raffrescamento, tutte le successive verifiche periodiche dovranno essere effettuate in modalità raffrescamento" Non occorre fare un test in riscaldamento ed uno in raffrescamento. Quali prove di efficienza occorre eseguire sui gruppi frigo per la climatizzazione estiva? Occorre misurare in opera COP/EER? Con quali tolleranze di prova? Per i gruppi frigo e le pompe di calore non è prevista la misura in opera di COP e/o EER. Infatti, a parte casi particolari, per misurare valori attendibili di COP ed EER occorre condurre i test in laboratori attrezzati.

10 Il Rapporto Tecnico tipo 2 richiede che vengano misurati in opera i seguenti parametri: o Surriscaldamento o Sottoraffreddamento o Temperatura condensazione o Temperatura evaporazione o Temperatura sorgente ingresso lato esterno o Temperatura sorgente uscita lato esterno o Temperatura ingresso fluido utenze o Temperatura uscita fluido utenze Il comma 9, art. 8 del DPR 16 aprile 2013 N. 74 prevede che: "Le macchine frigorifere e le pompe di calore per le quali nel corso delle operazioni di controllo sia stato rilevato che i valori dei parametri che caratterizzano l'efficienza energetica siano inferiori del 15 per cento rispetto a quelli misurati in fase di collaudo o primo avviamento riportati sul libretto di impianto, devono essere riportate alla situazione iniziale, con una tolleranza del 5 per cento. Qualora i valori misurati in fase di collaudo o primo avviamento non siano disponibili, si fa riferimento ai valori di targa". Cioè i salti di temperatura non devono scostarsi oltre il 15%. Con quali apparecchiature devono essere eseguite le prove di cui al punto precedente? I frigoristi conoscono bene come si fanno dette misure. o Surriscaldamento o Sottoraffreddamento o Temperatura condensazione o Temperatura evaporazione: Gruppi manometrici e termometri a contatto o o o o Temperatura sorgente ingresso lato esterno Temperatura sorgente uscita lato esterno Temperatura ingresso fluido utenze Temperatura uscita fluido utenze Termometri per liquido o se del caso termometri per aria a bulbo secco e a bulbo umido Nel caso in cui in una unità immobiliare è presente un impianto a radiatori con caldaia a gas da 24 kw dovrà essere compilato il rapporto tipo 1 secondo il DPR 74/2013. Se nella stessa unità immobiliare è presente anche l'impianto a pompa di calore (aria-aria) costituito da un dual split, un trial split e un monosplit, si sommano le potenze frigorifere? Qualora si superano i 12 kw frigoriferi dovranno essere redatti n. 6 rapporti tipo 2? In tal caso è richiesto il pagamento del bollino per l'impianto di climatizzazione estiva? Nel caso in esame dovrà essere compilato un rapporto tipo 1 per la caldaia a gas e un rapporto tipo 2 per ciascun circuito dei vari apparecchi per la climatizzazione estiva presenti. In proposito si veda quanto riportato nella nota 1 per la compilazione del Rapporto tipo 2: (1) Nel caso di impianto composto da più generatori, con uguale o diversa tipologia, dovranno essere redatte tante pagine quanti i generatori. Per i gruppi termici modulari vanno redatte tante pagine quante le analisi fumi previste al paragrafo 4.1 del Libretto di impianto. Per i gruppi frigo

11 vanno redatte tante pagine quanti i circuiti annotati al paragrafo 4.4 del Libretto di impianto. In tutti i casi, la prima pagina dovrà essere compilata completamente mentre le successive non dovranno essere compilate nelle sezioni che ripetono integralmente quanto riportato nella pagina precedente. Tutte le pagine dovranno essere firmate dal tecnico e dal responsabile dell impianto Può essere omessa la compilazione del numero pagina solo nel caso che il Rapporto sia composto da una singola pagina. Nel caso di multisplit, si ha un solo circuito se è installato un solo compressore, due circuiti se due compressori (che non abbiano tratti di circuito in comune), etc. Nel caso di chillers/pdc idroniche, invece, è corretto parlare di circuiti, che potrebbero avere più compressori Per il bollino: Attenersi alle disposizioni dell'ente preposto ai controlli. In Lombardia non è richiesto contributo per pompe di Calore e condizionatori. Nel caso in cui una regione dopo il non abbia istituito il catasto informatico degli impianti, la scheda identificativa dell'impianto deve essere inviata all'ente preposto ai controlli? Attenersi alle disposizioni dell'ente preposto ai controlli

nuovi libretti di impianto in vigore dal 15 Ottobre 2014

nuovi libretti di impianto in vigore dal 15 Ottobre 2014 I nuovi libretti di impianto in vigore dal 15 Ottobre 2014 nutenzione di cui necessita l'impianto da loro installato o in manutenzione, per garantire la sicurezza delle persone e delle cose; b. con quale

Dettagli

DPR 74/2013. pubblicato su Gazzetta Ufficiale n.149 del 27-6-2013. Entrato in vigore il 12 luglio 2013

DPR 74/2013. pubblicato su Gazzetta Ufficiale n.149 del 27-6-2013. Entrato in vigore il 12 luglio 2013 DPR 74/2013 «Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva

Dettagli

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari o edifici (per approfondimenti, vedere la definizione della legge 90/2013).

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015

IMPIANTI TERMICI. Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015 IMPIANTI TERMICI 1 Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015 2 Esercizio dell impianto termico ai sensi del D.Lgs 192/2005 L esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

Dettagli

Vademecum per i cittadini

Vademecum per i cittadini Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni nella Regione Marche. (Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19) Vademecum per i cittadini IMPIANTO TERMICO L

Dettagli

Art. 1 "A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione"

Art. 1 A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione Art. 1 "A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione" QUESITO N. 2 Quali impianti devono essere muniti del libretto? Ad esempio se ho

Dettagli

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2014

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2014 Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2014 A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2014 del decreto 10 febbraio 2014, riportante in allegato i modelli del Libretto di impianto

Dettagli

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015)

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19 Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Impianti

Dettagli

D.M. 10 febbraio 2014

D.M. 10 febbraio 2014 D.M. 10 febbraio 2014 Il libretto di impianto Rossano Basili ENEA - Unità Tecnica Efficienza Energetica CCEI Marche Padova, 2 luglio 2014 Art. 11 9. Gli impianti termici con potenza nominale superiore

Dettagli

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2015 A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2014 del

Dettagli

Art.9 Ispezioni sugli impianti termici

Art.9 Ispezioni sugli impianti termici Art.8 Controllo dell'efficienza energetica degli impianti termici Art.8 Controllo dell'efficienza energetica degli impianti termici 7. I generatori di calore per i quali, durante le operazioni di controllo,

Dettagli

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA?

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? 1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? Tab. 1 - Impianti soggetti a controllo di efficienza energetica In base a quanto stabilito dal D.P.R. del 16 aprile 2013 n.74 ss.mm.ii,

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

D.P.R. n. 74/2013. Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni

D.P.R. n. 74/2013. Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni D.P.R. n. 74/2013 Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni Domenico Prisinzano ENEA CCEI Sicilia Milano, 03 giugno 2014 Ing. Domenico Prisinzano

Dettagli

D.M. 10 febbraio 2014

D.M. 10 febbraio 2014 D.M. 10 febbraio 2014 Il libretto di impianto I rapporti di controllo dell efficienza energetica Rossano Basili ENEA - Unità Tecnica Efficienza Energetica CCEI Marche UDINE, 20 maggio 2104 Corso di aggiornamento

Dettagli

Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica

Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica Dott. Ing. Michele Baleani M. +39 349 2807769 0F. +39 071 7231280 We Plan Ingegneria è costituito da un gruppo di giovani

Dettagli

E un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria,

E un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, E un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato

Dettagli

Impianti termici: Ispezioni

Impianti termici: Ispezioni Impianti termici: Ispezioni Linee guida per il regolamento delle ispezioni degli impianti termici degli edifici ai sensi del D.P.R. n. 74/2013. Domenico Prisinzano Torino, 14 ottobre 2014 Esercizio e manutenzione

Dettagli

Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica

Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Venerdì 23

Dettagli

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la climatizzazione estiva e invernale Obblighi e prescrizioni di legge

Dettagli

I nuovi libretti di impianto in Emilia Romagna. G. Galeotti APAVE ITALIA CPM Divisione Fgas

I nuovi libretti di impianto in Emilia Romagna. G. Galeotti APAVE ITALIA CPM Divisione Fgas I nuovi libretti di impianto in Emilia Romagna G. Galeotti APAVE ITALIA CPM Divisione Fgas Il nuovo libretto di impianto Da quando 15 ottobre 2014 scatta l obbligo? Il libretto va conservato per almeno

Dettagli

Oggetto: Aggiornamento delle disposizioni relative all esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici.

Oggetto: Aggiornamento delle disposizioni relative all esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici. CIRCOLARE N. 028 Bergamo, 24 gennaio 2014 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Aggiornamento delle disposizioni relative all esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici.

Dettagli

D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74

D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 Il NUOVO libretto di centrale. Quali sono gli adempimenti a carico dell amministratore condominiale e quali a carico del manutentore della centrale termica. D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 D.M. 10 febbraio

Dettagli

QUADERNO TECNICO- INFORMATIVO 9/16/2014. Il libretto di impianto degli impianti termici: aggiornamento normativo

QUADERNO TECNICO- INFORMATIVO 9/16/2014. Il libretto di impianto degli impianti termici: aggiornamento normativo QUADERNO TECNICO- INFORMATIVO 9/16/2014 Il libretto di impianto degli impianti termici: aggiornamento normativo Climacheck nel contesto tecnico-normativo italiano Climacheck è una sistema di misura delle

Dettagli

BOZZA DEL DECRETO RELATIVO A ESERCIZIO, CONDUZIONE, CONTROLLO, MANUTENZIONE E ISPEZIONE

BOZZA DEL DECRETO RELATIVO A ESERCIZIO, CONDUZIONE, CONTROLLO, MANUTENZIONE E ISPEZIONE Ex TITOLO III BOZZA DEL DECRETO RELATIVO A ESERCIZIO, CONDUZIONE, CONTROLLO, MANUTENZIONE E ISPEZIONE Schema di dpr di attuazione dell articolo 4, comma 1, lettere a) e b), in materia di esercizio, conduzione,

Dettagli

Libretto di impianto: la scheda 12. Libretto di impianto: la scheda 13 Libretto di impianto: la scheda 14.1. Compilazione a cura del MANUTENTORE

Libretto di impianto: la scheda 12. Libretto di impianto: la scheda 13 Libretto di impianto: la scheda 14.1. Compilazione a cura del MANUTENTORE Libretto di impianto: la scheda 11.2 Libretto di impianto: la scheda 12 NOTA BENE Se la prima verifica effettuata a cura dell'installatore è avvenuta con funzionamento in modalità "RISCALDAMENTO", tutte

Dettagli

LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI

LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI Guida per l esercizio, controllo e manutenzione degli impianti termici Realizzato da ENEA nell ambito delle attività di informazione e formazione del Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Ing. SOCAL - Legge 10/91 1

Ing. SOCAL - Legge 10/91 1 Manutenzione degli impianto di riscaldamento 19/06/2007 Ing. SOCAL - Legge 10/91 1 Legge 10/91 Oggetto: uso razionale dell energia Finalità: ridurre i consumi energetici e migliorare la compatibilità ambientale

Dettagli

DIVISIONE ENERGIA. Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

DIVISIONE ENERGIA. Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici DIVISIONE ENERGIA Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione

Dettagli

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 Regolamento sul controllo e la manutenzione degli Assessorato ai Lavori Pubblici ed all Energia Segreteria

Dettagli

DA OGGI I NUOVI LIBRETTI PER LA CLIMATIZZAZIONE

DA OGGI I NUOVI LIBRETTI PER LA CLIMATIZZAZIONE DA OGGI I NUOVI LIBRETTI PER LA CLIMATIZZAZIONE 01 Giugno 2014 Con il nuovo Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico (DECRETO 10 febbraio 2014 Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione

Dettagli

Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna

Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna Moreno Barbani, Responsabile Emilia Romagna DPR 74/2013 1 Ampliamento degli impianti assoggettati a procedure

Dettagli

Domande e risposte sulla legge 10/91

Domande e risposte sulla legge 10/91 Domande e risposte sulla legge 10/91 Di cosa si occupa la legge 10/91? La legge 10/91 contiene le norme per l attuazione del piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio

Dettagli

Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna

Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna Bologna, 19 novembre 2014 Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna Risparmio energetico? Benvenuto nel Club! DPR 74/2013 (1) Regolamento recante definizione dei

Dettagli

Per gli impianti in servizio alla data di pubblicazione del presente libretto di impianto, questo

Per gli impianti in servizio alla data di pubblicazione del presente libretto di impianto, questo In collaborazione con : TRATTAMENTO DELL ACQUA Filtrazione, addolcimento, dosaggio prodotti chimici Problematiche e metodi risolutivi per acqua sanitaria e circuiti chiusi Con riferimento al :NUOVO LIBRETTO

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

La legislazione nazionale in materia di impianti termici FAQ e casi applicativi

La legislazione nazionale in materia di impianti termici FAQ e casi applicativi La legislazione nazionale in materia di impianti termici FAQ e casi applicativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Martedì, 14 ottobre 2014 Regione Piemonte

Dettagli

LECCE CATEGORIA IMPIANTISTI IDRO-TERMO-SANITARI

LECCE CATEGORIA IMPIANTISTI IDRO-TERMO-SANITARI Lecce, 18 Dicembre 2013 Ai Sigg. Soci della Categoria Impiantisti Idro-termo-sanitari LORO SEDI Oggetto: Manutenzione verifiche impianti termici - Chiarimenti A seguito dell entrata in vigore, dal 12/7/2013,

Dettagli

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile * LR n. 13 del 28 maggio 2007 * DGR n. 35-9702 del 30 settembre 2008 (Disposizioni attuative della LR 13/2007) approvazione delle

Dettagli

INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE

INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE Stagione termica 2014-2015 Il D.P.R. n 74 del 2013 ha definito

Dettagli

Nuovi Decreti Impianti Termici. Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti

Nuovi Decreti Impianti Termici. Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti Nuovi Decreti Impianti Termici Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti 1.1 Ambiti di intervento e finalità Definizioni: Esercizio: attività che dispone e coordina, nel

Dettagli

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile * LR n. 13 del 28 maggio 2007 * DGR n. 35-9702 del 30 settembre 2008 (Disposizioni attuative della LR 13/2007) approvazione delle

Dettagli

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici Comune di Lodi La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira Indice CAMPAGNA OBBLIGATORIA PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI A CHI E RIVOLTO QUESTO OPUSCOLO? 4 GLI IMPIANTI TERMICI,

Dettagli

Ispezione, controllo e manutenzione degli impianti termici alla luce del

Ispezione, controllo e manutenzione degli impianti termici alla luce del Ispezione, controllo e manutenzione degli alla luce del DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 74 (Gazzetta Ufficiale N. 149 del 27 Giugno 2013) Ing. Camillo Calvaresi ACEER TOSCANA

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE In Lombardia le seguenti tipologie di apparecchi rientrano nell ambito di applicazione della normativa

Dettagli

Argomenti trattati. 1. Nuovo Libretto di Impianto (D.P.R. 74/2013 e DM 10/2/2014)

Argomenti trattati. 1. Nuovo Libretto di Impianto (D.P.R. 74/2013 e DM 10/2/2014) Argomenti trattati 1. Nuovo Libretto di Impianto (D.P.R. 74/2013 e DM 10/2/2014) 2. DGR X/1118 del 20 Dicembre 2013 1. Responsabilità dell impianto 2. Targatura Impianto Termico 3. Libretto di Impianto

Dettagli

Ispezione, controllo e manutenzione degli impianti termici dalla legge 10/91 al

Ispezione, controllo e manutenzione degli impianti termici dalla legge 10/91 al Ispezione, controllo e manutenzione degli dalla legge 10/91 al DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 74 (Gazzetta Ufficiale N. 149 del 27 Giugno 2013) Ing. Camillo Calvaresi ACEER

Dettagli

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile * il Catasto degli Impianti Termici (CIT) sostituisce il l Sistema Informativo di Gestione degli Impianti Termici (SIGIT); * 15

Dettagli

Corso Tecnico Normativo

Corso Tecnico Normativo Obiettivi del corso Corso Tecnico Normativo Gli adempimenti relativi alla compilazione dei nuovi libretti di impianto di climatizzazione Acquisire le competenze necessarie per assolvere ai dettami in materia

Dettagli

OLTRE LA L.R. 13/2007 NUOVE PROCEDURE, NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO, NUOVO SISTEMA INFORMATICO

OLTRE LA L.R. 13/2007 NUOVE PROCEDURE, NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO, NUOVO SISTEMA INFORMATICO OLTRE LA L.R. 13/2007 NUOVE PROCEDURE, NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO, NUOVO SISTEMA INFORMATICO CUNEO 3 novembre 2014 Sommario Le principali novità introdotte dalla normativa statale e regionale Il nuovo

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7. INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.2015 1. Obbligo di dotazione e allegazione dell Attestato di Prestazione

Dettagli

Impianti termici. Relatore: ing. Daniele Cadel. Mercoledì 07 ottobre 2015. Dott. ssa Buttignol Barbara

Impianti termici. Relatore: ing. Daniele Cadel. Mercoledì 07 ottobre 2015. Dott. ssa Buttignol Barbara Impianti termici La recente evoluzione normativa Relatore: ing. Daniele Cadel Dott. ssa Buttignol Barbara Mercoledì 07 ottobre 2015 IMPIANTI TERMICI: DEFINIZIONI Si tratta di un contesto applicativo complesso

Dettagli

INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFORMAZIONI PER I CITTADINI 1 INDICE Pagina Informazioni per i cittadini: Campagna di controllo degli impianti termici... 3 Cosa si intende per impianto termico... 4 Responsabile dell impianto termico... 4 Il Libretto di Impianto

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

Riscaldiamoci risparmiando...

Riscaldiamoci risparmiando... REGOLAMENTO/ MANUALE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI Città di Scafati Città di Scafati GUIDA ALLA SICUREZZA E ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI CAMPAGNA PER IL CONTROLLO OBBLIGATORIO

Dettagli

Cosa fare per mettere in regola il proprio impianto

Cosa fare per mettere in regola il proprio impianto INFORMATIVA PER; L ESERCIZIO,CONDUZIONE, CONTROLLO, MANUTENZIONE E ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE. Stagione termica 2014-2015 La Provincia Regionale di Palermo oggi libero

Dettagli

Il nuovo libretto di impianto DECRETO 10 febbraio 2014

Il nuovo libretto di impianto DECRETO 10 febbraio 2014 DECRETO 10 febbraio 2014 Modelli di libretto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013 Perché il nuovo libretto? Per valutare

Dettagli

Delibera di Giunta Regionale 20 dicembre 2013, n. X/1118

Delibera di Giunta Regionale 20 dicembre 2013, n. X/1118 Delibera di Giunta Regionale 20 dicembre 2013, n. X/1118 Aggiornamento delle disposizioni per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici. Recepimento D.P.R. 16 aprile

Dettagli

LE NUOVE REGOLE SUGLI IMPIANTI TERMICI: IL DPR 74/2013 E IL RECEPIMENTO IN REGIONE FVG

LE NUOVE REGOLE SUGLI IMPIANTI TERMICI: IL DPR 74/2013 E IL RECEPIMENTO IN REGIONE FVG LE NUOVE REGOLE SUGLI IMPIANTI TERMICI: IL DPR 74/2013 E IL RECEPIMENTO IN REGIONE FVG Servizio Energia Servizio Energia PREMESSE Il D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74, «Regolamento in materia di esercizio,

Dettagli

info@innorm.aristonthermo.it 199.155.144*

info@innorm.aristonthermo.it 199.155.144* FAQ GENERALI CTI al 11/02/2015 1:2015 - Quando deve essere compilato il libretto di impianto? Il libretto di impianto si compila e si aggiorna in presenza di impianti e/o apparecchi di riscaldamento e/o

Dettagli

Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto

Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto Recepimento D.P.R. 16 aprile 2013 n. 74 e del D.M. 10 febbraio 2014 Confartigianato Sondrio 6 novembre 2014 Regione Lombardia

Dettagli

Impianti termici: Ispezioni

Impianti termici: Ispezioni Impianti termici: Ispezioni LEGGE REGIONALE 20 APRILE 2015 n. 19 NORME IN MATERIA DI ESERCIZIO E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI Rossano Basili Esercizio e manutenzione degli impianti termici:

Dettagli

Regione Liguria Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

Regione Liguria Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici 1. Con che periodicità si devono effettuare i controlli di manutenzione sugli impianti termici? L art. 7 del DPR 16/04/2013 n. 74 ha disposto che le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione su

Dettagli

Istruzioni di compilazione del rapporto di ispezione per impianti con macchine frigorifere e pompe di calore

Istruzioni di compilazione del rapporto di ispezione per impianti con macchine frigorifere e pompe di calore Istruzioni di compilazione del rapporto di ispezione per impianti con macchine frigorifere e pompe di calore NOTE GENERALI Il presente manuale costituisce una guida rapida per la compilazione dei rapporti

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

Facsimile. Libretto di impianto di CLIMATIZZAZIONE. OBBLIGATORIO per tutti gli impianti di climatizzazione INVERNALE ed ESTIVA

Facsimile. Libretto di impianto di CLIMATIZZAZIONE. OBBLIGATORIO per tutti gli impianti di climatizzazione INVERNALE ed ESTIVA Libretto di impianto di CLIMATIZZAZIONE OBBLIGATORIO per tutti gli impianti di climatizzazione INVERNALE ed ESTIVA Conforme all Allegato I (Art. 1) del DECRETO 10 febbraio 2014 "Modello di libretto di

Dettagli

SERVIZIO QUALITA DELL ARIA E RISORSE ENERGETICHE. www.provincia.torino.it F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici

SERVIZIO QUALITA DELL ARIA E RISORSE ENERGETICHE. www.provincia.torino.it F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici INDICE Che cosa s intende per impianto termico...4 Che cosa si intende genericamente per caldaietta...4 Impianto termico non utilizzato...4 ALCUNE

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA ISPEZIONE IMPIANTI TERMICI CON MACCHINE FRIGORIFERE (ai sensi del D.Lgs. 192/05 e del D.P.R. 16 aprile 2013 n.

RAPPORTO DI PROVA ISPEZIONE IMPIANTI TERMICI CON MACCHINE FRIGORIFERE (ai sensi del D.Lgs. 192/05 e del D.P.R. 16 aprile 2013 n. j) T. Resp./Manutentore k) Amministratore Cond. h) Occupante i) Proprietario 251659264 REGIONE MARCHE 43 Foglio n a) Catasto impianti/codice di RAPPORTO DI PROVA ISPEZIONE IMPIANTI TERMICI CON MACCHINE

Dettagli

7. CASI IN CUI FARE IL LIBRETTO D IMPIANTO, IL CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA E IL BOLLINO

7. CASI IN CUI FARE IL LIBRETTO D IMPIANTO, IL CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA E IL BOLLINO 7. CASI IN CUI FARE IL LIBRETTO D IMPIANTO, IL CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA E IL BOLLINO 7.1 Tre generatori di calore a gas al servizio dello stesso impianto termico, ovvero sullo stesso circuito

Dettagli

Incontri informativi con gli operatori tecnici. DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 74

Incontri informativi con gli operatori tecnici. DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 74 PROVINCIA DI GENOVA DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA Ufficio Impianti Termici Incontri informativi con gli operatori tecnici DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA 16 aprile 2013,

Dettagli

Impianti termici: esercizio e manutenzione

Impianti termici: esercizio e manutenzione Impianti termici: esercizio e manutenzione Quadro normativo: Esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici degli edifici. Legge 10/91 D.lgs 192/05 e s.m.i.; D.P.R. n.

Dettagli

DECRETO N. 224 Del 18/01/2016

DECRETO N. 224 Del 18/01/2016 DECRETO N. 224 Del 18/01/2016 Identificativo Atto n. 15 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Oggetto INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore:

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore: Normativa di riferimento L. 10/91 D.P.R. 412/93 D.P.R. 551/99 D.Lgs. 192/05 D.Lgs. 311/06 L.R. 24/06 D.G.R. n. 6033/07 Cos è un impianto termico Qualsiasi impianto di riscaldamento dotato di: Generatore

Dettagli

Riscaldamento, ecco le nuove regole su controlli e ispezioni Sole 24 ore.it

Riscaldamento, ecco le nuove regole su controlli e ispezioni Sole 24 ore.it Riscaldamento, ecco le nuove regole su controlli e ispezioni Sole 24 ore.it di Marco Mobili Ispezioni ridotte su caldaie per il riscaldamento e condizionatori estivi e meno costi per i cittadini. Rivisti

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 10 febbraio 2014 Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 3

LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 3 LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 3 Conforme agli Allegati del D.M. 10 febbraio 2014 IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 3 Il terzo ESEMPIO APPLICATIVO del nuovo libretto di

Dettagli

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici MULTISS multiservizisassari Codice 723A00A Rev. #5 del 10/09/2012 S.p.A. Servizio di esercizio e manutenzione impianti termici Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici Con I'

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA APPROVATO DAL CONSIGLIO PROVINCIALE IN DATA 1 DICEMBRE 2009 1 Art. 1 - Oggetto -

Dettagli

Definizioni (articolo 1, comma 3):

Definizioni (articolo 1, comma 3): Allegato 1 Definizioni (articolo 1, comma 3): a) accertamento: è l insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che il progetto delle opere e gli

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO E RISCALDAMENTO

RISPARMIO ENERGETICO E RISCALDAMENTO RISPARMIO ENERGETICO E RISCALDAMENTO ing. arch. Luca Rollino, Ph. D. Esperto Gestione Energia UNI 11339 info@studiorollino.com www.studiorollino.com Alessandria, venerdì 18 marzo 2016 Argomenti trattati

Dettagli

SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA

SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA Attività Rifiuti ed Inquinamento Atmosferico Autorizzazioni Integrate Ambientali ed impianti termici Affidamento del servizio di ispezione dello stato di esercizio e manutenzione,

Dettagli

CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI BIENNIO 2014-2015 INFORMATIVA AGLI UTENTI

CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI BIENNIO 2014-2015 INFORMATIVA AGLI UTENTI PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 6 AMBIENTE ED ECOLOGIA UFFICIO IMPIANTI TERMICI Santa Teresa S.p.A. Società Multiservizi della Provincia di Brindisi SETTORE IMPIANTI TERMICI CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE

Dettagli

DPR 74/2013 Manutenzione impianti Termici: Quali Modifiche? Qual è lo stato di avanzamento?

DPR 74/2013 Manutenzione impianti Termici: Quali Modifiche? Qual è lo stato di avanzamento? DPR 74/2013 Manutenzione impianti Termici: Quali Modifiche? Qual è lo stato di avanzamento? Software Bollino Virtuale Cosa è? Come iniziare ad utilizzarlo? SEVAS s.r.l. nell ambito del corso Aggiornamento

Dettagli

ALLEGATO 2 - REQUISITI TECNICI MINIMI DEGLI IMPIANTI

ALLEGATO 2 - REQUISITI TECNICI MINIMI DEGLI IMPIANTI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI NUCLEI FAMILIARI PER L INSTALLAZIONE NELLA PRIMA CASA DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA DA FONTI RINNOVABILI E DI SISTEMI AD ALTA EFFICIENZA

Dettagli

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Disposizioni regionali Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Regione Lombardia Relazione predisposta da Teresa Mauri Responsabile del Servizio Energia IMPIANTI NUOVI IMPIANTI

Dettagli

GUIDA PER MANUTENTORI INSTALLATORI E RESPONSABILI DI IMPIANTO

GUIDA PER MANUTENTORI INSTALLATORI E RESPONSABILI DI IMPIANTO Agenzia Energetica Provincia di Pisa S.r.l. GUIDA PER MANUTENTORI INSTALLATORI E RESPONSABILI DI IMPIANTO PROVINCIA DI PISA COMUNE DI PISA COMUNE DI CASCINA GENNAIO 2016 INTRODUZIONE... 1 QUADRO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Le ispezioni degli impianti termici in Provincia di Varese Ing. Susanna Capogna Dirigente Settore Ecologia ed Energia Obiettivo dell incontro illustrare i Compiti stabilire le Responsabilità chiarire le

Dettagli

ALLEGATO A. Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

ALLEGATO A. Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici ALLEGATO A Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici 1. Principali riferimenti legislativi e normativi LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 Norme

Dettagli

PER INSERTI, STUFE, MONOBLOCCHI E FOCOLARI ALIMENTATI A LEGNA E PELLET

PER INSERTI, STUFE, MONOBLOCCHI E FOCOLARI ALIMENTATI A LEGNA E PELLET NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO 2014 PER INSERTI, STUFE, MONOBLOCCHI E FOCOLARI ALIMENTATI A LEGNA E PELLET SECONDO IL D.M. DEL 10/02/2014 1 www.zetalinea.it 1. Cos è il libretto di impianto? E la carta di

Dettagli

DETERMINAZIONE IL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE IL DIRIGENTE Determina Dirigenziale N. 2397 del 31/03/2014 Protocollo N. 50236/2014 Firmato digitalmente da FANELLI VITO SERGIO SERVIZIO Impianti Termici e Sicurezza sul Lavoro DETERMINAZIONE Oggetto: Verifica dello

Dettagli

COMUNE DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE E L ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

COMUNE DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE E L ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI COMUNE DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE E L ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI INDICE TITOLO I...3 NORME GENERALI...3 Articolo 1 Ambito di applicazione...3 Articolo

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

Oggetto: DECRETO 10 febbraio 2014. Descrizione:

Oggetto: DECRETO 10 febbraio 2014. Descrizione: Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente Federato all UNI Iscritto c/o la Prefettura di Milano nel Registro delle Persone Giuridiche al n. 604 Via Scarlatti 29-20124 Milano - P.IVA 11494010157

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 4

LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 4 LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 4 Conforme agli Allegati del D.M. 10 febbraio 2014 IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 4 Il quarto ESEMPIO APPLICATIVO del nuovo libretto di

Dettagli

Impianti di climatizzazione invernale. WEBINAR FIRE Roma, 17 marzo 2015, 15.00/16.00. Novità per utilizzatori ed operatori

Impianti di climatizzazione invernale. WEBINAR FIRE Roma, 17 marzo 2015, 15.00/16.00. Novità per utilizzatori ed operatori Impianti di climatizzazione invernale Novità per utilizzatori ed operatori Ing. Alfredo Marrocchelli - Ricercatore ENEA UTEE - REDI WEBINAR FIRE Roma, 17 marzo 2015, 15.00/16.00. 1 Introduzione Punto della

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) 1 di 22 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia...

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia... LIBRETTO IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) 2 Libretto impianto

Dettagli

Revisione DPR 59. altissima prestazione energetica in cui i valori

Revisione DPR 59. altissima prestazione energetica in cui i valori Revisione DPR 59 ART. 1 (Finalità e campo di intervento) 1. Per le finalità di cui all articolo 1 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, per una applicazione omogenea, coordinata ed immediatamente

Dettagli