ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI"

Transcript

1 ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte seconda) 1 MISURE ULTERIORI: LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE FORMAZIONE 2

2 Il divieto (art. 49, co. 1, d.lgs. 231/2007) È vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore dell operazione, anche frazionata, è complessivamente pari o superiore a euro. Il trasferimento può tuttavia essere eseguito per il tramite di banche, istituti di moneta elettronica e Poste Italiane spa. 3 LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE L operazione frazionata (art. 1, co. 2, lett. m) È un operazione, seppur unitaria sotto il profilo economico,di valore pari o superiore a euro, posta in essere attraverso più operazioni singolarmente inferiori ai predetti limiti, effettuate in momenti diversi ma in un circoscritto periodo di tempo, fissato in sette giorni, ferma restando la sussistenza dell operazione frazionata quando ricorrano elementi per ritenerla tale. Attenzione! Alcuni ritengono che il periodo di sette giorni non valga per i professionisti, ma solo per gli enti finanziari. Infatti, mentre il professionista detiene elementi tali da poter riunificare le frazioni di pagamento all interno di una medesima prestazione contrattuale, per un ente finanziario l intervallo di pagamento (cioè i sette giorni previsti dalla legge) diviene elemento indispensabile ai fini del cumulo in termini causali dei pagamenti effettuati tra medesimi soggetti in tempi diversi. 4

3 Il problema del frazionamento Con riferimento alla formulazione dell art. 1 l. 197/1991, nel parere n. 1504/1995, il Consiglio di Stato evidenziava che l avverbio complessivamente doveva essere riferito al cumulo dei mezzi di pagamento elencati nella disposizione: contanti, libretti di deposito bancari o postali al portatore e titoli al portatore, la cui somma non poteva superare i euro nelle operazioni contestuali. Con l emanazione del d.lgs. n. 231/2007, tale posizione è stata criticata osservando innanzitutto che l art. 49, co. 1, riferisce l avverbio complessivamente al valore dell operazione, anche frazionata, e non più al valore da trasferire: di conseguenza, il pagamento dovrebbe essere collocato all interno di una prestazione sorretta da precisi profili causali, anche se frazionata nel tempo. 5 LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE Il problema del frazionamento Pertanto, ai fini della cumulabilità, il professionista dovrà verificare di volta in volta l oggetto della prestazione dedotta in contratto, potendo riunificare le frazioni di pagamento all interno di una medesima prestazione contrattuale alla luce degli elementi in suo possesso. In tal modo sarà possibile verificare se la pluralità dei pagamenti in contanti, effettuati in un arco di tempo anche superiore ai sette giorni, costituisca frazione di un unica prestazione o se, al contrario, ad essa corrispondano distinte prestazioni, ciascuna avente una propria giustificazione causale. 6

4 Il problema del frazionamento Vi è invece chi ritiene correttamente che, nonostante le innovazioni recate dall art. 49, debba ritenersi ancora valido quanto asserito in passato dal Consiglio di Stato e che, di conseguenza, i pagamenti in più fasi non configurerebbero infrazione, anche se complessivamente pari o superiori ai euro, sempre che i singoli versamenti risultino inferiori a tale soglia. Anche nel vigore della nuova disciplina sarebbe perciò ammissibile il pagamento in contanti di una fattura di importo pari, ad esempio, a euro, effettuato in tre rate (a 10, 20 e 30 giorni) singolarmente inferiori a euro, in quanto modalità di pagamento espressamente prevista nel documento ed usuale nella prassi commerciale. In tal senso si era espresso anche l UIC (risposta del ). 7 LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE Le operazioni a rischio frazionamento PAGAMENTI FATTURE; FINANZIAMENTI FRA SOCI E SOCIETA ; TRASFERIMENTI INFRAGRUPPO FRA DIVERSE SOCIETÁ; DISTRIBUZIONE UTILI DA SOCIETÁ A SOCI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI Secondo il Consiglio di Stato (parere n. 1504/1995), é potere discrezionale dell'amministrazione valutare, caso per caso, se il frazionamento sia stato invece realizzato con lo specifico scopo di eludere il divieto imposto dalla disposizione 8

5 Assegni bancari e postali (art. 49) Gli assegni bancari e postali: - devono essere emessi da banche e da Poste Italiane S.p.A. con apposta la clausola di non trasferibilità, anche se il cliente può richiederne per iscritto il rilascio in forma libera; - se emessi per importi pari o superiori a euro, devono contenere l indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità; - se emessi all ordine del traente (c.d. assegni a me medesimo ), possono essere girati unicamente per l incasso a una banca o a Poste Italiane S.p.A. 9 LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE Assegni circolari vaglia postali e cambiari (art. 49) Tali assegni: - devono essere emessi con l indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità; - il loro rilascio per importi inferiori a euro può essere richiesto per iscritto dal cliente senza la clausola di non trasferibilità; - ove intestati a terzi ed emessi con la clausola di non trasferibilità, il loro richiedente può chiedere il ritiro della provvista previa restituzione del titolo all emittente. Il cliente potrà in ogni caso richiedere, per iscritto, il rilascio di carnet di assegni in forma libera, pagando un imposta di bollo pari a 1,50 euro per ciascun assegno libero rilasciato. In tal caso ciascuna girata dovrà recare, a pena di nullità, il codice fiscale del girante. 10

6 Assegni circolari vaglia postali e cambiari (art. 49) Gli uffici dell amministrazione finanziaria potranno chiedere alla Banca o a Poste Italiane Spa i dati identificativi e il codice fiscale dei soggetti ai quali siano stati rilasciati moduli di assegni bancari o postali in forma libera, ovvero che abbiano richiesto assegni circolari o vaglia postali in forma libera nonché di tutti i giratari e di coloro che li abbiano presentati all incasso. 11 LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE Libretti di deposito bancari o postali al portatore L art. 49 stabilisce che tali libretti non possono recare un saldo pari o superiore a euro; se alla data di entrata in vigore del d.lgs. n. 231/2007 recavano un saldo pari o superiore a detta soglia, devono essere estinti dal portatore, oppure il loro saldo deve essere ridotto ad una somma non eccedente tale importo entro il 30 giugno In caso di loro trasferimento, il cedente deve comunicare entro trenta giorni alla banca o a Poste Italiane S.p.A. i dati identificativi del cessionario e la data del trasferimento. Infine, l art. 50 pone il divieto: - di aprire in qualsiasi forma conti o libretti di risparmio in forma anonima o con intestazione fittizia; - di utilizzare in qualsiasi forma conti o libretti di risparmio in forma anonima o con intestazione fittizia aperti presso Stati esteri. 12

7 Money transfer (art. 49) É vietato il trasferimento di denaro contante per importi pari o superiori a euro, effettuato per il tramite degli esercenti attività di prestazione di servizi di pagamento nella forma dell incasso e trasferimento dei fondi, limitatamente alle operazioni per le quali si avvalgono di agenti in attività finanziaria. Detto trasferimento é consentito (ricorrendo i medesimi presupposti) anche per importi pari o superiori a euro, purché inferiori a 5.000, se il soggetto che ordina l operazione consegna all intermediario copia di documentazione idonea ad attestare la congruità dell operazione rispetto al profilo economico dello stesso ordinante. 13 LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE Obbligo di comunicazione al MEF (art. 51) I professionisti hanno l obbligo di comunicare al MEF le infrazioni alle disposizioni di cui agli artt. 49 e 50 entro trenta giorni, per la contestazione e gli altri adempimenti di cui all art. 14 della l. n. 689/1981. Se le infrazioni riguardano assegni bancari, assegni circolari, libretti al portatore o titoli similari, la comunicazione deve essere effettuata dalla banca o da Poste Italiane S.p.A. che li accetta in versamento e dalla banca o da Poste Italiane S.p.A. che ne effettua l estinzione, a meno che il soggetto tenuto alla comunicazione non sia certo del fatto che la stessa è già stata effettuata dall altro soggetto obbligato. Attenzione! Qualora oggetto dell infrazione sia un operazione di trasferimento segnalata ai fini delle operazioni sospette, il soggetto che ha effettuato detta segnalazione non è tenuto alla comunicazione al MEF. 14

8 I chiarimenti del MEF (circolare ) ASSEGNI ULTRASOGLIA Gli assegni liberi pari o superiori a euro emessi prima del 30 aprile ed incassati successivamente sono regolari Gli assegni liberi pari o superiori a euro emessi dal 30 aprile saranno pagati ma assoggettati a sanzioni 15 LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE I chiarimenti del MEF (circolare ) MODULI IN USO PRIMA DEL Possono continuare ad essere utilizzati anche dopo il 29 aprile per emettere assegni trasferibili in esenzione all imposta di bollo, ma nei limiti delle nuove norme. I moduli per l emissione di assegni trasferibili consegnati a partire dal 30 aprile sconteranno l imposta di bollo pari ad Euro 1,5 Euro per modulo. 16

9 I chiarimenti del MEF (circolare ) OBBLIGATORIETÁ DEL CODICE FISCALE Per ciascuna girata successiva al 29 aprile é indispensabile inserire il codice fiscale del girante, anche qualora venissero utilizzati i vecchi moduli. La carenza di C.F. o il codice errato rende il titolo non incassabile. Nel caso di persona fisica che agisca per conto di una persona giuridica, sulla girata dovrà essere inserito il codice fiscale di quest ultima. Il controllo sulla regolarità del codice fiscale spetta alla banca chiamata a pagare l assegno. 17 FORMAZIONE Formazione del personale (art. 54) I professionisti e gli ordini professionali adottano adeguate misure di formazione del personale e dei collaboratori al fine della corretta applicazione delle disposizioni del d.lgs. 231/2007. Dette misure comprendono programmi di formazione finalizzati a riconoscere le attività potenzialmente connesse al riciclaggio o al finanziamento del terrorismo. Le autorità competenti (UIF, Guardia di finanza e DIA) forniscono indicazioni aggiornate circa le prassi seguite dai riciclatori e dai finanziatori del terrorismo. 18

10 MISURE ULTERIORI Privacy Gli obblighi di identificazione, registrazione e conservazione dei dati, nonché di segnalazione delle operazioni sospette, costituiscono trattamento dei dati protetti ex art. 4 d.lgs. 196/2003 (c.d. codice della privacy). Nel rilasciare ai clienti l informativa idonea ad assolvere agli obblighi previsti da quest ultimo, il professionista dovrà specificare che il trattamento dei dati avverrà anche per le finalità previste dalla normativa antiriciclaggio. 19 MISURE ULTERIORI Privacy Le operazioni di trattamento all interno degli studi devono essere effettuate dagli incaricati del trattamento, che operano sotto la diretta autorità del titolare o del responsabile, attenendosi alle istruzioni impartite da quest ultimo. Gli incaricati del trattamento dovranno essere individuati con le modalità previste dall art. 30 del codice della privacy. Anche nella tenuta dell archivio unico, sia informatico sia in forma cartacea, i professionisti devono rispettare gli obblighi e le misure di sicurezza di cui agli artt del codice della privacy. 20

11 LE SANZIONI 21 LE SANZIONI Il regime sanzionatorio (artt d.lgs. 231/2007) Il legislatore ha confermato il dualismo" del regime sanzionatorio: la violazione della normativa antiriciclaggio può determinare la commissione di illeciti di natura sia penale sia amministrativa. Sia in relazione agli obblighi la cui violazione configura un illecito amministrativo, sia laddove essa individui un illecito penale, occorre distinguere tra gli obblighi rivolti indistintamente a tutti i soggetti e quelli destinati specificamente ai professionisti. Con riferimento agli illeciti di natura penale, poi, sono previste specifiche sanzioni anche a carico del cliente. Nelle tabelle che seguono sono riepilogate le principali sanzioni amministrative e penali, con riferimento ai destinatari delle stesse. 22

12 LE SANZIONI NORMA art. 57, c. 1 art. 57, c. 3 art. 57, c. 4 art. 57, c. 5 art. 58, c. 7 SOGGETTI DESTINATARI Soggetti destinatari della normativa antiriciclaggio Soggetti di cui all art, 12 e 13, c. 1, lett b) Soggetti tenuti alla segnalazione di operazioni sospette Soggetti tenuti alla segnalazione di operazioni sospette Soggetti destinatari della normativa antiriciclaggio SANZIONI AMMINISTRATIVE APPLICABILI AL PROFESSIONISTA TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE Mancato rispetto del provvedimento di sospensione di operazioni sospette Omessa istituzione dell archivio informatico o del registro della clientela Omessa segnalazione di operazioni sospette Violazione degli obblighi informativi nei confronti della UIF Omessa comunicazione al MEF delle infrazioni delle limitazioni all uso del contante e di altri strumenti di pagamento o di deposito SANZIONE Sanzione pecuniaria da a euro Sanzione pecuniaria da a euro Sanzione pecuniaria dall 1 per cento al 40 per cento dell importo dell operazione non segnalata Sanzione pecuniaria da a euro Sanzione pecuniaria dal 3 per cento al 30 per cento dell importo dell operazione NORME DI RIFERIMENTO art. 6, c. 7, lett. d) art. 38 art. 41, 42, 43 e 44 artt. 6, c. 6, lett. c) e 45, c. 3 Art LE SANZIONI SANZIONI AMMINISTRATIVE APPLICABILI A TUTTI I SOGGETTI NORMA TIPOLOGIA DELLA SOGGETTI DESTINARI SANZIONE VIOLAZIONE Trasferimento di denaro contante, libretti di deposito o Sanzione pecuniaria dall 1 titoli al portatore per un valore per cento al 40 per cento 1 pari o superiore dell'importo trasferito a euro Emissione di assegni bancari e postali emessi per importi pari o superiori a euro senza l indicazione del beneficiario o della clausola di non trasferibilità Violazione dell obbligo di girare per l incasso a una banca o a Poste Italiane S.p.a. gli assegni bancari e postali emessi all ordine del traente Emissione di assegni circolari, vaglia postali e cambiari senza indicazione del beneficiario o della clausola di non trasferibilità Utilizzo di libretti di depositi bancari o postali al portatore con saldo pari o superiore a euro Sanzione pecuniaria dall 1 per cento al 40 per cento dell'importo trasferito Sanzione pecuniaria dall 1 per cento al 40 per cento dell'importo trasferito Sanzione pecuniaria dall 1 per cento al 40 per cento dell'importo trasferito Sanzione pecuniaria dal 20 per cento al 40 per cento del saldo NORME DI RIFERIMENTO art. 49, c. 1 art. 49, c. 5 art. 49, c. 6 art. 49, c. 7 art. 49, c

13 LE SANZIONI NORMA SANZIONI AMMINISTRATIVE APPLICABILI A TUTTI I SOGGETTI (segue) TIPOLOGIA DELLA SOGGETTI DESTINARI SANZIONE VIOLAZIONE Mancata tempestiva estinzione o riduzione del saldo di libretti di deposito bancari o postali al portatore eccedente il valore di euro Sanzione pecuniaria dal 10 per cento al 20 per cento del saldo del libretto al portatore Mancata tempestiva comunicazione alla banca o a Poste Italiane S.p.a. dei dati Sanzione pecuniaria dal 10 per identificativi del cessionario e la cento al 20 per cento del saldo data del trasferimento di libretti di del libretto al portatore deposito bancari o postali al portatore Trasferimento mediante money transfer di denaro contante per importi pari o superiori a euro Trasferimento mediante money transfer di denaro contante per importi superiori a einferiori a senza l avvenuta consegna dell idonea documentazione Apertura di conti o libretti di risparmio in forma anonima o con intestazione fittizia Utilizzo di conti o libretti di risparmio in forma anonima o con intestazione fittizia aperti presso Stati esteri Sanzione pecuniaria dal 20 per cento al 40 per cento dell importo trasferito Sanzione pecuniaria dal 20 per cento al 40 per cento dell importo trasferito Sanzione pecuniaria dal 20 per cento al 40 per cento del saldo Sanzione pecuniaria dal 10 per cento al 40 per cento del saldo NORME DI RIFERIMENTO art. 49, c. 13 art. 49, c. 14 art. 49, c. 18 art. 49, c. 19 art. 50, c. 1 art. 50, c LE SANZIONI SANZIONI PENALI APPLICABILI AL PROFESSIONISTA NORMA SOGGETTI DESTINARI TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE SANZIONE NORME DI RIFERIMENTO art. 55, c. 1 Inosservanza dell obbligo di adeguata verifica della clientela Multa da a euro Titolo II, Capo I, artt. da 15 a 35 art. 55, c. 4 Soggetti di cui agli artt. 11, 12, 13 e 14 Omessa, tardiva o incompleta registrazione delle informazioni relative al cliente e delle operazione effettuate Multa da a euro art. 36 art. 55, c. 5 Organi d controllo Omessa comunicazione alle autorità competenti delle infrazioni di cui hanno notizia Reclusione fino a un anno e multa da 100 a euro art. 52 art. 55, c. 8 Soggetti di cui all art. 10, c. 2, 11, 12, 13 e 14 sia a conoscenza della segnalazione Violazione degli obblighi di riservatezza Arresto da sei mesi a un anno o ammenda da a euro. art. 46, c. 1 art. 48, c. 4 26

14 LE SANZIONI SANZIONI PENALI APPLICABILI AL CLIENTE NORM A SOGGETTI DESTINARI TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE SANZIONE NORME DI RIFERIMENTO art. 55, c. 2 Esecutore dell operazione Omessa o falsa indicazione delle generalità del soggetto per conto del quale è eseguita l operazione Reclusione da sei mesi a un anno e multa da 500 a euro Titolo II, Capo I, artt. da 15 a 35 art. 55, c. 3 Esecutore dell operazione Omesse o false informazioni sullo scopo e sulla natura del rapporto continuativo o della prestazione professionale Arresto da sei mesi a tre anni e ammenda da a euro Titolo II, Capo I, artt. da 15 a LE SANZIONI SANZIONI PENALI APPLICABILI A TUTTI I SOGGETTI NOR MA SOGGETTI DESTINARI TIPOLOGIA DELLA VIOLAZIONE SANZIONE art. 55, c. 9 Indebito utilizzo, falsificazione o alterazione di carte di pagamento Reclusione da uno a cinque anni e la multa da 310 a euro art. 55, c. 9 Possesso, cessione o acquisto di carte o strumenti analoghi di provenienza illecita, falsificati o alterati Reclusione da uno a cinque anni e la multa da 310 a euro 28

15 LE SANZIONI Sanzioni applicabili agli enti (art. 63) L art. 63 introduce, all interno del d.lgs. 231/2001 (disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di personalità giuridica ), l art. 25-octies. La nuova norma stabilisce che in relazione alla commissione dei delitti di ricettazione (art. 648 c.p.), riciclaggio (art. 648-bis c.p.), impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (art. 648-ter c.p.) si applica all ente la sanzione pecuniaria da 200 a 800 quote. Nel caso in cui il denaro, i beni e le altre utilità provengano da delitto per il quale è stabilita la pena della reclusione superiore nel massimo a cinque anni, la sanzione è compresa fra le 400 e le 1000 quote. In aggiunta alla sanzione pecuniaria possono essere applicate all ente anche le sanzioni interdittive per una durata non superiore a due anni. 29

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE Informativa n. 11 del 2 aprile 2008 Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE 1 Novità in materia di utilizzo del

Dettagli

- 1 - Trasferimento di denaro contante

- 1 - Trasferimento di denaro contante A DECORRERE DAL 31.5.2010 sono state introdotte ad opera dell art. 20, DL n. 78/2010, c.d. Manovra correttiva, una serie di novità circa: l uso del denaro contante; l utilizzo degli assegni bancari o postali

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Servizio circolari per la clientela Circolari specialistiche sui temi giuridici. tributari e finanziari. Circolare Gennaio 2008 n 3 Milano, 25 gennaio 2008 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Dal 30/04/2008 cambiano

Dettagli

ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI

ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI Riepilogo delle sanzioni penali e amministrative nella nuova normativa

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 03301 Roma, 14 dicembre 2007 Com. n. 22 OGGETTO: Disposizioni di attuazione della III Direttiva comunitaria in materia di prevenzione dell utilizzo del

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO Dott. Raffaele D Arienzo Centro Congressi Torino Incontra Torino. 23 novembre 2015

ANTIRICICLAGGIO Dott. Raffaele D Arienzo Centro Congressi Torino Incontra Torino. 23 novembre 2015 ANTIRICICLAGGIO Dott. Raffaele D Arienzo Centro Congressi Torino Incontra Torino 23 novembre 2015 Aspetto Sanzionatorio Il legislatore ha confermato il dualismo" del regime sanzionatorio: la violazione

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e GIOVANNI L. D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e CIRCOLARE N. 4 DELL 8 APRILE 2008 INTRODUZIONE PAG. 2 TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE (ART. 49) PAG. 2 NUOVA DISCIPLINA

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) NUOVA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante Il D.L. 13 agosto 2011 n.138, noto come Manovra di Ferragosto al fine di ridurre il rischio connesso all utilizzo del contante a scopo di riciclaggio

Dettagli

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO: Attività di vigilanza e controllo Sanzioni penali e amministrative (D.Lgs. 231/2007 come modificato (evidenziazione gialla) dal D.Lgs. 151/2009) Dispensa di aggiornamento professionale

Dettagli

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231)

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) Con il D. Lgs. 21/11/2007 n 231, pubblicato sulla G.U. n.290 SO n.267 del 14 dicembre 2007, è stata

Dettagli

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Impa_assegni_4 31-03-2008 14:46 Page 2 C ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Composite M Y CM MY CY CMY K A S S E G N I : C A M B I A T U T T O INDICE Assegni

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

OGGETTO: IL NUOVO LIMITE DI UTILIZZO DEL CONTANTE

OGGETTO: IL NUOVO LIMITE DI UTILIZZO DEL CONTANTE Legnano, 13/01/2016 Alle imprese assistite OGGETTO: IL NUOVO LIMITE DI UTILIZZO DEL CONTANTE Uno degli interventi sicuramente più inaspettati della manovra per il 2016 riguarda l innalzamento della soglia

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO NUOVI OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO: INNALZAMENTO DELLA SOGLIA PER L USO DEL CONTANTE CLASSIFICAZIONE CC - ANTIRICICLAGGIO RIFERIMENTI RMATIVI D. Lgs. 21.11.2007 n. 231 ART. 12 D.L.

Dettagli

Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma

Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma Sul forum Odontoiatria fiscale nel portale dedicato agli Odontoiatri italiani Odontoline.it, del quale sono moderatore, è stato a più riprese discusso il tema della limitazione all uso dei contanti, in

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA novembre 2007, n.231 circa il TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE O DI LIBRETTI DI DEPOSITO BANCARI O POSTALI AL PORTATORE O DI TITOLI AL PORTATORE A decorrere dal 6 dicembre 2011 è vietato il trasferimento

Dettagli

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n. 8 del 25/10/2013

Dettagli

LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI

LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI LUCIA STAROLA LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI D.lgs. 231/07, art. 49, comma 1, È vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli

Dettagli

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE INDICE 1 Premessa 2 Novità in materia di contanti 2.1 Valore oggetto di trasferimento ed operazioni

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Si informa la spettabile clientela che, a seguito dell emanazione del Decreto Legge del 6 dicembre 2011, n. 201 (cd. decreto Monti ) cambiano alcune disposizioni circa l utilizzo

Dettagli

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio 1 La normativa Il D. lgs. 231/07 ha dato attuazione

Dettagli

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Premesse La normativa mira a prevenire l'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

Rassegna stampa. 28 marzo 2008. Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it)

Rassegna stampa. 28 marzo 2008. Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it) Ufficio stampa Rassegna stampa 28 marzo 2008 Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it) 1 SOMMARIO Pag. 3 ELEZIONI: Professioni, Balducci, politica se ne occupi in vista voto

Dettagli

PARTE I - ASPETTI GENERALI E DEFINIZIONI. D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-14 13 Allegato tecnico D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt.

PARTE I - ASPETTI GENERALI E DEFINIZIONI. D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-14 13 Allegato tecnico D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 4 PARTE I - ASPETTI GENERALI E DEFINIZIONI D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-14 13 Allegato tecnico D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-2 25 Provvedimento Banca d Italia 21/12/2007 27 Circolare Ministero

Dettagli

Oggetto: A rischio i trasferimenti di denaro contante sopra i 5.000 euro.

Oggetto: A rischio i trasferimenti di denaro contante sopra i 5.000 euro. Busto Arsizio, 16/09/2010 Ai gentili clienti Loro sedi Oggetto: A rischio i trasferimenti di denaro contante sopra i 5.000. La violazione L art. 20 del Dl. 78/2010 ha modificato la soglia massima per effettuare

Dettagli

A rischio i trasferimenti di denaro contante sopra i 5.000 euro.

A rischio i trasferimenti di denaro contante sopra i 5.000 euro. A rischio i trasferimenti di denaro contante sopra i 5.000. La violazione L art. 20 del Dl. 78/2010 ha modificato la soglia massima per effettuare i pagamenti in denaro contante in precedenza pari a 12.500,

Dettagli

IL LIMITE ALL UTILIZZO DEL CONTANTE

IL LIMITE ALL UTILIZZO DEL CONTANTE IL LIMITE ALL UTILIZZO DEL CONTANTE Il D.L. 138/2011 (c.d. Manovra di Ferragosto) interviene riducendo alla metà la soglia per la movimentazione del denaro contante, degli assegni e dei libretti al portatore,

Dettagli

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati 24.01.2012 Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati Categoria Sottocategoria Antiriciclaggio Varie Il comma 1 dell'articolo 12 del Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 ha previsto

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali

Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali d Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali I principi fondamentali della norma Il primo punto di riferimento in relazione alle

Dettagli

LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 285 16 DICEMBRE 2011 ANTIRICICLAGGIO LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 12, commi 1 e 11, DL n. 201/2011 Artt.

Dettagli

TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO

TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO Circolare n. 15/2011 TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO In questa Circolare 1. Limitazioni all'uso del contante 2. Assegni e libretti al portatore 3. Segnalazione

Dettagli

LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO dott. Francesco Loppini LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOMMARIO Adempimenti del Professionista dott. Francesco Loppini Sommario 1. Introduzione 2. Limitazioni circolazione contanti

Dettagli

Il decreto Antiriciclaggio

Il decreto Antiriciclaggio Il decreto Antiriciclaggio Gli aspetti principali per le banche della normativa antiriciclaggio 1 Sommario Struttura fondamentale della normativa antiriciclaggio Limite al trasferimento di contanti e titoli

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 57 del 20 dicembre 2011 La manovra Monti (DL

Dettagli

ALTRE FAQ SU ANTIRICICLAGGIO

ALTRE FAQ SU ANTIRICICLAGGIO ALTRE FAQ SU ANTIRICICLAGGIO Che cosa deve fare un soggetto che intende trasferire ad altro soggetto denaro contante, libretti di risparmio al portatore, certificati di deposito al portatore o altri titoli

Dettagli

Oltre alla forma LA SOSTANZA

Oltre alla forma LA SOSTANZA L ANTIRICICLAGGIO Oltre alla forma LA SOSTANZA AREZZO 30 MAGGIO 2012 1 1 Non e tollerabile che l obiettivo del profitto possa essere disgiunto dalla correttezza dei comportamenti È sempre in agguato il

Dettagli

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 Normativa, adempimenti, sanzioni, verifiche, flusso operativo procedura Antonello Valentini TeamUfficio S.r.l. 1 Cos è l Antiriciclaggio? Con Antiriciclaggio si intende l azione

Dettagli

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE Le banconote da 500 euro costituiscono circa il 18% del PIL, il 34,57% del valore in circolazione. Secondo un rapporto della Fondazione ICSA e della Guardia di Finanza, i

Dettagli

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 6/2014 Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici INTRODUZIONE Per arginare il fenomeno dell antiriciclaggio è stato emesso il decreto legislativo del

Dettagli

Periodico informativo n. 100/2012. Le novità antiriciclaggio

Periodico informativo n. 100/2012. Le novità antiriciclaggio Periodico informativo n. 100/2012 Le novità antiriciclaggio Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che è entrato in vigore lo scorso

Dettagli

LIMITAZIONI ALL UTILIZZO DI DENARO CONTANTE: CHIARIMENTI

LIMITAZIONI ALL UTILIZZO DI DENARO CONTANTE: CHIARIMENTI Ravenna, 14 Dicembre 2012 Circolare n. 25/12 OGGETTO: Limitazioni all utilizzo di denaro contante ulteriori chiarimenti L art. 49 del D.Lgs. 21/11/2007, n.231, reca la disciplina delle limitazioni all

Dettagli

Antiriciclaggio: Gli obblighi per i legali. Normativa. Il decreto legislativo 231 per i Professionisti. Finalità del decreto legislativo 231

Antiriciclaggio: Gli obblighi per i legali. Normativa. Il decreto legislativo 231 per i Professionisti. Finalità del decreto legislativo 231 Antiriciclaggio: Gli obblighi per i legali A cura di Michele D Agnolo Direttiva CEE 10 giugno 1991 n. 308 Direttiva CE 4 dicembre 2001 n. 97 Direttiva CE 26 ottobre 2005 n. 60 Normativa Decreto legge 3

Dettagli

Guida pratica antiriciclaggio

Guida pratica antiriciclaggio Guida pratica antiriciclaggio UFFICIO STUDI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO per le Agenzie Immobiliari e i Mediatori Creditizi Ufficio Studi FIAIP a cura di Armando Barsotti Dal 22 Aprile 2006 sono in vigore

Dettagli

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria Stampa Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria admin in A circa sei anni dalla introduzione della nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari e postali (d.lgs n. 507 del 30

Dettagli

Scheda pratica Aduc. E' bene quindi fare chiarezza sulla portata del provvedimento e sui suoi programmati sviluppi futuri.

Scheda pratica Aduc. E' bene quindi fare chiarezza sulla portata del provvedimento e sui suoi programmati sviluppi futuri. http://www.aduc.it 9 marzo 2012 Denaro contante e nuove norme. Scheda pratica Aduc Tra le varie riforme del Governo Monti c'è la cosiddetta "stretta sui contanti", una normativa che ha modificato il tetto

Dettagli

L utilizzo del denaro contante 6.12.2011 tra soggetti diversi pari o superiore a 1.000 eseguiti tramite intermediari abilitati complessivamente

L utilizzo del denaro contante 6.12.2011 tra soggetti diversi pari o superiore a 1.000 eseguiti tramite intermediari abilitati complessivamente Padova 16 dicembre 2011 BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Circolare n. 22/2011 Ai Clienti dello Studio LORO SEDI Dott. Dario Fabris

Dettagli

Anche quest anno questo Studio predisporrà mensilmente la rubrica Normative Aziende.

Anche quest anno questo Studio predisporrà mensilmente la rubrica Normative Aziende. DI MASTROMATTEI LUIGI C.F. MSTLGU48M08F631R - P. 041834209699 REA 1731503 E-MAIL: GECOSRL@GECO.191.IT SITO WEB: WWW.STUDIOGECO.BIZ ELABORAZIONE DATI CONTABILI SEDE: VIALE MATTEOTTI, 8 20095 CUSANO MILANINO

Dettagli

1 - ULTIME NOVITÀ FISCALI

1 - ULTIME NOVITÀ FISCALI 3 C:\Users\Administrator\Desk... CIRCOLARE n. 11/2010 Spett.li Clienti Loro SEDI Pesaro, 07 settembre 2010 1. Ultime novità fiscali; 2. Ripristinato il limite di Euro 5.000 per i trasferimenti in contante

Dettagli

I PAGAMENTI IN CONTANTI

I PAGAMENTI IN CONTANTI I PAGAMENTI IN CONTANTI Sanzioni e nuovi obblighi dal1 o Febbraio 2012.t Abbassamento della soglia da 2.500 a 1.000 euro.t Assegni con e senza clausola di non trasferibilità.t Regole per contante, assegni

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO Numero circolare 8 Data 14/10/2011 Abstract: Rif.to normativo: LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO La legge di conversione della c.d. manovra di ferragosto ha in buona parte confermato le

Dettagli

Dott.ssa Maria Cristina Bruno. Alessandria, 16 maggio 2012 Associazione Cultura e Sviluppo, piazza Fabrizio De Andrè 76

Dott.ssa Maria Cristina Bruno. Alessandria, 16 maggio 2012 Associazione Cultura e Sviluppo, piazza Fabrizio De Andrè 76 ANTIRICICLAGGIO: NUOVI OBBLIGHI PER GLI STUDI PROFESSIONALI, RESPONSABILITA, SEGNALAZIONI, OPERAZIONI OLTRE SOGLIA, ISPEZIONI E CONTROLLI ALLA LUCE DELLA RECENTE CIRCOLARE G.d.F.. n. 83607/2012 Dott.ssa

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 1 del 23.01.2012 TRACCIABILITA' E RAPPORTI DI LAVORO

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 1 del 23.01.2012 TRACCIABILITA' E RAPPORTI DI LAVORO Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 1 del 23.01.2012 TRACCIABILITA' E RAPPORTI DI LAVORO Normativa e modifiche apportate nel tempo L art. 12 del D.L. del 4 dicembre 2011 n. 201

Dettagli

Oggetto: PAGAMENTO DEI CANONI DELLE LOCAZIONI ABITATIVE CON MEZZI TRACCIABILI.

Oggetto: PAGAMENTO DEI CANONI DELLE LOCAZIONI ABITATIVE CON MEZZI TRACCIABILI. Circ. 03/A/140107 Rev. 1-140214 San Fior, 07/01/2014 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PAGAMENTO DEI CANONI DELLE LOCAZIONI ABITATIVE CON MEZZI TRACCIABILI. 1. LIMITAZIONI ALL UTILIZZO DEL DENARO CONTANTE:

Dettagli

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE Le banconote da 500 euro costituiscono circa il 18% del PIL, il 34,57% del valore in circolazione. Secondo un rapporto della Fondazione ICSA e della Guardia di Finanza, i

Dettagli

Uso del contante: limitazioni e deroghe

Uso del contante: limitazioni e deroghe Lawt è lieta di offrirvi, nell ambito del progetto di collaborazione con Federalberghi VCO - finalizzato ad offrire ai propri associati nuovi servizi di consulenza fiscale tematici - un tema di approfondimento

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO

DEPOSITO A RISPARMIO 1 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel. 0883/683620

Dettagli

1. RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E DEGLI ASSEGNI

1. RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E DEGLI ASSEGNI Circolare n. 9 - pagina 1 di 10 Achille Delmonte Alberto Bertani Mario Montepietra Anna Fantini Andrea Sassi Giacobbe Silvi Dottore Commercialista Revisore Contabile Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 1/2012. OGGETTO: Limitazioni all uso del contante casi operativi

NOTA OPERATIVA N. 1/2012. OGGETTO: Limitazioni all uso del contante casi operativi NOTA OPERATIVA N. 1/2012 OGGETTO: Limitazioni all uso del contante casi operativi Dopo l approvazione della Manovra Monti, ed in particolare dell art. 12 che ha ridotto da 2.500 a 1.000 euro il limite

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

Circolare N.74 del 18 Maggio 2012

Circolare N.74 del 18 Maggio 2012 Circolare N.74 del 18 Maggio 2012 Movimenti transfrontalieri: le modifiche dell apparato sanzionatorio apportate dal DL semplificazioni fiscali Movimenti transfrontalieri: le modifiche all apparato sanzionatorio

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007

D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007 D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007 ODV e ADEMPIMENTI ANTIRICICLAGGIO Gruppo di lavoro «il modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001» ODCEC Torino Torino, 14 aprile 2014 SOMMARIO 1.

Dettagli

MODULO ANTIRICICLAGGIO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

MODULO ANTIRICICLAGGIO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA MODULO ANTIRICICLAGGIO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO D. LGS. 21.11.2007, N. 231 e succ. modificazioni) Obblighi di adeguata verifica della clientela.

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la

Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la CIRCOLARE N. 7/T Olbia, 30 Agosto 2010 Alla Spett.le Clientela Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni. LA

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011)

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) a cura del GRUPPO DI STUDIO ANTIRICICLAGGIO di OPEN Dot Com Spa www.opendotcom.it antiriciclaggio@opendotcom.it

Dettagli

N. 62 FISCAL NEWS. Circolazione del contante: il rimborso delle trasferte 08.02.2012. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 62 FISCAL NEWS. Circolazione del contante: il rimborso delle trasferte 08.02.2012. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 62 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 08.02.2012 Circolazione del contante: il rimborso delle trasferte Categoria

Dettagli

NORMATINA ANTIRICICLAGGIO GLI OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI

NORMATINA ANTIRICICLAGGIO GLI OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI NORMATINA ANTIRICICLAGGIO GLI OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI di Laura Macci QUALI PROFESSIONISTI? Ai sensi dell art. 12 del D.Lgs. 231/2007 per professionisti si intendono: a) i soggetti iscritti nell albo

Dettagli

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena La normativa antiriciclaggio per gli avvocati di Maurizio Arena Parte Prima Con la pubblicazione del Decreto n. 141 del 3 febbraio 2006 del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Provvedimento 24

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 02 15.01.2014 Circolazione contante: le scritture contabili pericolose nalisi dei principali casi di violazione delle norme in tema di circolazione del

Dettagli

Commissione Antiriciclaggio

Commissione Antiriciclaggio ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CASERTA ENTE PUBBLICO NON ECONOMICO CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE Commissione Antiriciclaggio Presidente Componenti

Dettagli

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Pagina 1 di 7 Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL CENTROVENETO Credito Cooperativo S.C. - Longare Via Ponte di Costozza, 12 36023 Longare (VI) Tel.:

Dettagli

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Quadro Antiriciclaggio Perché scegliere Quadro Gestione Antiriciclaggio? Quadro Antiriciclaggio aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nella organizzazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA IL DIRETTORE DELL AGENZIA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA VISTA la Legge 17 giugno 2008, n. 92, Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo, e in particolare

Dettagli

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011)

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) a cura del GRUPPO DI STUDIO ANTIRICICLAGGIO di OPEN Dot Com Spa www.opendotcom.it antiriciclaggio@opendotcom.it

Dettagli

PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NELLA SEDUTA DEL 22 GIUGNO 2009 INDICE PARTE

Dettagli

PARTE SPECIALE F REATI DI RICICLAGGIO

PARTE SPECIALE F REATI DI RICICLAGGIO PARTE SPECIALE F REATI DI RICICLAGGIO INDICE PARTE SPECIALE F Pag. F.1 LE TIPOLOGIE DEI REATI DI RICICLAGGIO (art. 25-octies del Decreto) 3 F.2 AREE A RISCHIO 7 F.3 DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE - PRINCIPI

Dettagli

CONVEGNO 8 marzo 2012. La segnalazione di operazioni sospette e i nuovi limiti alla circolazione del contante.

CONVEGNO 8 marzo 2012. La segnalazione di operazioni sospette e i nuovi limiti alla circolazione del contante. CONVEGNO 8 marzo 2012 La segnalazione di operazioni sospette e i nuovi limiti alla circolazione del contante. D. Lgs. 231/2007 Sulla base del principio «CONOSCI IL TUO CLIENTE», la legge antiriciclaggio

Dettagli

Fiscal News N. 324. Normativa antiriciclaggio per il collegio sindacale. La circolare di aggiornamento professionale 26.11.2013

Fiscal News N. 324. Normativa antiriciclaggio per il collegio sindacale. La circolare di aggiornamento professionale 26.11.2013 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 324 26.11.2013 Normativa antiriciclaggio per il collegio sindacale Gli adempimenti previsti per gli organi di controllo Categoria: Antiriciclaggio

Dettagli

Federazione Autonoma Bancari Italiani

Federazione Autonoma Bancari Italiani Federazione Autonoma Bancari Italiani Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Loc. Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287 Operatori

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N 1 DEPOSITO AL RISPARMIO

FOGLIO INFORMATIVO N 1 DEPOSITO AL RISPARMIO FOGLIO INFORMATIVO N 1 relativo al DEPOSITO AL RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Buonabitacolo Soc. Coop. Sede legale in Buonabitacolo, via S.Francesco Tel.: 0975 91541/2

Dettagli

Fiscal News N. 161. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 161. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 05.04.2012 Incassi superiori a 1000 euro: gli adempimenti per gli operatori Oltre alla comunicazione all AE, sono previsti altri adempimenti

Dettagli

1. Ai fini del presente decreto per professionisti si intendono:

1. Ai fini del presente decreto per professionisti si intendono: I NUOVI OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO Il D.Lgs. n. 231 del 21 novembre 2007, nel recepire la III direttiva del Parlamento e del Consiglio n. 2005/60/Ce del 26 ottobre 2005, relativa alla prevenzione dell uso

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n.59/09 AGGIORNAMENTO

CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n.59/09 AGGIORNAMENTO 1/10 OGGETTO OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO DEI PROFESSIONISTI CLASSIFICAZIONE CC - ANTIRICICLAGGIO RIFERIMENTI NORMATIVI D. Lgs. 21.11.2007 n. 231 D. Lgs. 25.9.2009 n. 151 - Direttiva CEE 26.10.2005,

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI Operazioni di Raccolta Foglio Informativo N.: 010202 BCCRESCO (Depositi a Risparmio per minori) TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

Dettagli

Roma, 06/02/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi

Roma, 06/02/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Roma, 06/02/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La limitazione alla circolazione del contante Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

LO STOP ALL USO DEL CONTANTE

LO STOP ALL USO DEL CONTANTE 2012 Studio Pavan Daniela dottore commercialista e revisore contabile via G. Garibaldi 104/A 35043 Monselice (PD) e-mail: daniela.pavan@studiopavan.eu sito web: http:// www.studiopavan.eu tel. 0429/73659

Dettagli

Antiriciclaggio. A cura del dott. Alfonso Gargano

Antiriciclaggio. A cura del dott. Alfonso Gargano Antiriciclaggio A cura del dott. Alfonso Gargano 1 ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA L AUTORE DEL REATO NON

Dettagli

Oggetto: LE NUOVE REGOLE (RESTRITTIVE) PER L USO DEGLI ASSEGNI E DEI LIBRETTI AL PORTATORE

Oggetto: LE NUOVE REGOLE (RESTRITTIVE) PER L USO DEGLI ASSEGNI E DEI LIBRETTI AL PORTATORE Oggetto: LE NUOVE REGOLE (RESTRITTIVE) PER L USO DEGLI ASSEGNI E DEI LIBRETTI AL PORTATORE Recentemente il Ministero dell Economia e delle Finanze con la Circolare 20.3.2008, n. 33124, ha fornito una serie

Dettagli

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 18 DEL 18 MARZO 2008 Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 (art.

Dettagli