Stefan Zweig. Gli occhi dell'eterno fratello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stefan Zweig. Gli occhi dell'eterno fratello"

Transcript

1

2 Stefan Zweig Gli occhi dell'eterno fratello

3 IL NUOVO MELANGOLO

4 Titolo originale Die Augen des ewigen Bruders Traduzione di Anita Rho

5 1989, Atrium Press Ltd, London 2003, Il nuovo melangolo s.r.l. Genova - Via di Porta Soprana, 3-1 Collana Lecturae ISBN Fotocomposizione e impaginazione: Type, Genova Scansione di Serenella

6 Note di copertina La vicenda di Virata, ispirata alla figura del Budda, che venne glorificato con i quattro nomi delle virtù dal suo popolo, ma di cui non è scritto nelle cronache e nei libri, è una delle più suggestive versioni della spiritualità orientale.

7 Non con l'attenersi ottiene l'uomo liberazione dall'attività. Né alcuno, nemmeno per un istante, può rimanere inattivo. Bhagavad Gita, canto terzo. Che cos'è l'azione, che cos'è l'inazione? - Su questo punto anche i saggi sono perplessi. Poiché è necessario aver conoscenza dell'azione,

8 conoscenza altresì dell'azione illecita. Ed è necessario aver conoscenza dell'inazione -difficile ad intendere è la natura dell'azione. Bhagavad Gita, canto quarto.

9 CAPITOLO I Questa è la storia di Virata che il suo popolo glorificò con i quattro nomi della virtù ma di cui non è scritto nelle cronache dei dominatori né nei libri dei saggi e la cui memoria gli uomini hanno dimenticato. Prima che il sublime Budda soggiornasse sulla terra e versasse

10 sui suoi fedeli il lume della conoscenza, viveva nel paese dei Birwagh, presso un re Rajputas, un nobile, Virata, che era chiamato "il lampo della spada", perché era un guerriero audace fra tutti, e un cacciatore le cui frecce non fallivano mai, la cui lancia non era mai brandita invano, e il cui braccio calava come il tuono dietro la folgore della sua spada. La sua fronte era chiara, dritti i suoi occhi sopportavano le domande degli uomini; mai s'era vista la sua mano contrarsi in un pugno rabbioso, mai si era udita la sua voce alzarsi nell'ira. Egli serviva fedelmente il

11 re e i suoi schiavi servivano lui con devozione, perché nessuno aveva così grande fama di giusto alle cinque foci del fiume; gli uomini si inchinavano passando davanti alla sua casa e i bambini lo guardavano sorridendo nelle stelle degli occhi. Accadde però che la sventura si abbattesse sul re che egli serviva. Il fratello della regina, innalzato alla carica di reggente su metà del paese, s'invogliò dell'intero regno, e allettò in segreto con regali e promesse i migliori guerrieri del re, affinché passassero al suo servizio. E indusse altresì i sacerdoti a portargli i sacri aironi del lago, che

12 da mille e mille anni, nella schiatta dei Birwagh, erano considerati un simbolo del potere. Il ribelle raccolse elefanti ed aironi nel suo accampamento, radunò in un esercito i malcontenti abitanti delle montagne e avanzò minaccioso verso la città. Allora il re diede ordine che da mattina a sera si percuotessero i cuprei dischi e si soffiasse nei bianchi corni d'avorio; la notte furono accesi fuochi sulle torri, e squame sminuzzate di pesci vennero gettate sulle fiamme, perché divampassero gialle sotto le stelle, in segno di pericolo. Ma pochi

13 accorsero in aiuto; la notizia del ratto dei sacri aironi pesava sul cuore dei condottieri e li rendeva sgomenti. Il capo dei guerrieri e il guardiano degli elefanti, i generali più sperimentati, si trovavano già nel campo nemico; inutilmente il sovrano abbandonato si guardava intorno in cerca di amici (poiché era stato un padrone duro, severo nel giudicare e spietato nel riscuotere i tributi). E davanti al suo palazzo non vide nessuno dei suoi esperti capitani, nessuno dei comandanti del campo; solo una schiera perplessa di servi e di schiavi.

14 In tali frangenti il re si ricordò di Virata che al primo richiamo dei corni gli aveva inviato un messaggio di fedeltà. Fece allestire la lettiga d'ebano e si fece condurre alla casa di lui. Virata s'inchinò fino a terra mentre il re scendeva dalla lettiga, ma quegli lo abbracciò supplichevole e lo pregò di guidare l'esercito contro il nemico. Virata tornò ad inchinarsi e disse: "Sarà fatto, o signore; non ritornerò alla mia casa finché la fiamma della rivolta non sia stata soffocata sotto i piedi dei tuoi servi."

15 E riunì i suoi figli, le sue genti e i suoi schiavi, raggiunse con loro la schiera dei fedeli e li dispose in ordine di guerra. Tutto il giorno marciarono tra fitti boschi fino al fiume, sulla cui riva opposta erano radunati i nemici in numero incalcolabile, ostentando la loro massa, intenti ad abbattere alberi per costruire un ponte onde traversare il fiume, e, fiume essi stessi, inondare il paese di sangue. Ma Virata, nelle sue cacce, aveva scoperto un guado più a monte e quando scese l'oscurità condusse i suoi fedeli ad uno ad uno sull'altra sponda e nel cuore della notte essi

16 assalirono d'improvviso il nemico addormentato. Agitando le torce a vento fecero adombrare gli elefanti e i bufali, che nella fuga schiacciarono i dormienti e bianca la vampa s'appiccò all'accampamento. Virata intanto s'era lanciato nella tenda dell'usurpatore e prima che i dormienti balzassero su ne aveva già trafitti due con la spada e ucciso il terzo mentre scattava dal giaciglio in cerca di un'arma. Il quarto e il quinto li abbatté corpo a corpo nel buio, colpendone uno alla fronte, e l'altro in mezzo al petto.

17 Quando giacquero tutti immoti, ombre fra le ombre, egli s'appostò all'ingresso della tenda per impedire il passo a chiunque volesse mettere in salvo i candidi aironi, divino segno del potere. Ma nessuno comparve, tutti fuggivano in preda a un folle terrore, inseguiti con grida di giubilo dai vittoriosi servi del re. Il rumore della fuga s'allontanò, dileguò a poco a poco. Allora Virata sedette placido a gambe incrociate davanti alla tenda, la spada insanguinata fra le mani, e aspettò che i compagni tornassero dalla caccia furiosa.

18 Poco tempo trascorse, e il giorno di Dio si destò dietro la foresta, le palme arsero nella porpora dorata dell'aurora e rifulsero nell'acqua come faci, il sole si levò sanguinoso, infuocata ferita dell'oriente. Allora Virata si alzò, depose la veste, andò verso il fiume levando in alto le braccia, e s'inchinò in preghiera allo sfolgorante occhio divino; poi scese nel fiume a compiere le sacre abluzioni, e le sue mani furono mondate dal sangue. Quando un candido fiotto di luce gli sfiorò il capo ritornò a riva, s' avvolse nelle vesti e con

19 viso sereno andò a contemplare le imprese della notte alla luce del mattino. Con gli occhi spalancati, in attitudini scomposte, conservando nei tratti irrigiditi l'espressione del terrore giacevano i morti: con la fronte spaccata l'usurpatore e col petto squarciato l'infedele che era stato capo dell'esercito nel paese di Birwagh. Virata chiuse loro gli occhi e si volse per vedere gli altri, quelli che aveva colpiti nel sonno. Erano stesi a terra, a metà celati dalle stuoie; due di essi gli erano sconosciuti: erano schiavi del sobillatore, venuti dal sud, coi capelli lanosi e la faccia nera. Ma

20 quando girò verso di sé il viso dell'ultimo, la vista gli si annebbiò perché aveva riconosciuto Belangur, suo fratello maggiore, il principe delle montagne, che s'era schierato al fianco dell'usurpatore e che egli, la notte, ignaro, aveva trucidato di propria mano. Si piegò sussultante sul corpo rattrappito. Ma il cuore non batteva più, gli occhi dell'ucciso erano aperti e fissi, e le pupille nere lo frugavano fino in fondo al cuore. Allora il respiro di Virata si fece sommesso ed egli stette come un morto fra i morti, distogliendo lo sguardo, affinché l'occhio sbarrato di colui

21 che sua madre aveva prima di lui partorito non lo accusasse. Presto si udirono grida che si avvicinavano: i servi di ritorno dall'inseguimento schiamazzavano come uccelli selvatici, carichi di bottino e pieni di allegrezza. Quando videro l'usurpatore morto in mezzo ai suoi e i sacri aironi sani e salvi, si abbandonarono a danze scomposte, baciando la veste di Virata, seduto indifferente in mezzo a loro, e lo acclamarono col nome di "lampo della spada". Poi caricarono il bottino sui carri, ma sotto il peso le ruote affondavano

22 nel terreno e si dovettero frustare i bufali con rami spinosi, e le barche minacciavano di capovolgersi. Un messaggero si gettò nel fiume e corse avanti per recare al re la buona novella, mentre gli altri indugiavano nel saccheggio e nel tripudio della vittoria. Virata se ne stava sempre immobile, trasognato e in silenzio. Una volta sola fece udire la sua voce, quando i soldati vollero spogliare i morti delle loro vesti. Allora si alzò, ingiunse loro di raccogliere dei travi per bruciare i cadaveri su di un rogo, affinché le loro anime, mondate dal fuoco,

23 fossero pure e pronte alla trasmigrazione. I servi si meravigliarono assai che egli agisse in tal modo verso dei congiurati i cui corpi avrebbero dovuto venir dilaniati dagli sciacalli della foresta, e le ossa imbiancare al sole rovente; pure eseguirono i suoi ordini. Quando il rogo fu elevato, Virata vi appiccò il fuoco di sua mano e gettò balsami e sandalo sulla catasta ardente, poi volse altrove lo sguardo e rimase muto, finché i travi arroventati precipitarono e le braci caddero in cenere. Intanto gli schiavi avevano terminato il ponte cominciato il

24 giorno avanti con tanta tracotanza dai servi dell'usurpatore. Lo attraversarono per i primi i guerrieri, inghirlandati dal fiore del pisang, poi venivano i servi e infine i principi a cavallo. Virata aspettò che passassero tutti, e quindi li seguì da lontano, perché i canti e le grida gli laceravano l'anima. A metà del ponte s'arrestò e guardò a lungo le acque scorrenti a destra e a sinistra; sull'altra sponda i guerrieri stupefatti sostarono per conservare la distanza. E lo videro levare in alto la spada come per vibrarla contro il cielo; ma nell'abbassare il braccio egli lasciò stancamente

25 scivolare l'elsa dalle sue dita, e la spada precipitò nei flutti. Da entrambe le sponde fanciulli nudi si gettarono per ripescarla, credendo gli fosse sfuggita di mano; ma Virata li trattenne con gesto severo, e proseguì il suo cammino, col viso impenetrabile e la fronte oscurata, fra lo stupore dei servi. Non una parola mosse più le sue labbra, mentre l'esercito ora per ora lungo la gialla strada avanzava verso la sua città. Erano ancora lontani dalle porte di diaspro e dalle torri merlate di Birwagh, quand'ecco alzarsi una

26 nuvola bianca che si avvicinava. Erano cavalieri e staffette e alla vista dell'esercito in marcia si arrestarono e coprirono la strada di tappeti: il re veniva incontro a loro, il re il cui piede non tocca mai la polvere, dall'istante della sua nascita fino alla morte, quando le fiamme accolgono il suo corpo purificato. E già si avvicinava sul decrepito elefante il sovrano circondato dai suoi giovani schiavi.

27 CAPITOLO II L'elefante, ubbidendo all'arpione, s'inginocchiò e il re posò i piedi sui tappeti distesi. Virata fece per inchinarsi dinanzi al suo signore, ma il re gli andò incontro e lo strinse tra le braccia; onore da parte di un sovrano verso il suddito di cui mai s'era udito nei tempi, o letto nei libri l'uguale.

28 Virata fece portare gli aironi, e quando essi allargarono le ali bianche fu un tale prorompere di giubilo, che i cavalli si impennarono e i guardiani degli elefanti durarono fatica a trattenerli con gli arpioni. Davanti ai trofei della vittoria, il re abbracciò Virata una seconda volta e chiamò a sé con un cenno uno dei servi. Questi gli presentò la spada dell'eroico capostipite dei Rajputas, custodita da sette volte settecento anni nel tesoro regale; l'impugnatura era bianca di gemme, e sulla lama erano incise magiche parole di vittoria a lettere d'oro, nell'antica

29 scrittura dei padri che né i saggi né i sacerdoti del gran tempio sapevano più decifrare. E il re porse a Virata la spada delle spade, come dono della sua gratitudine e come insegna della dignità che gli conferiva di primo guerriero del regno e condottiero dei suoi popoli. Ma Virata chinò la fronte fino a terra e non la sollevò mentre diceva: "Posso chiedere una grazia al più benigno e magnanimo dei re?" Il re abbassò lo sguardo su di lui, e rispose: "La grazia è concessa prima

30 ancora che tu levi gli occhi sino a me. E se anche tu pretendessi la metà del mio regno, essa è tua, solo che tu muova le labbra." Allora Virata parlò: "Permetti dunque, o re, che questa spada rimanga nel tesoro regale, perché io ho fatto il voto in cuor mio di non toccare mai più un'arma, dacché oggi ho ucciso mio fratello, l'unico che nacque dallo stesso grembo e giocò assieme a me fra le braccia di mia madre." Il re lo guardò con stupore, poi disse: "Rimanga dunque senza spada il primo fra i miei guerrieri, purché io

31 sappia il regno al sicuro da ogni nemico; perché mai un eroe ha condotto con maggiore perizia un esercito contro forze preponderanti; prendi la mia cintura in segno del potere, e il mio cavallo affinché tutti riconoscano in te il sommo guerriero del mio regno." Ma Virata curvò di nuovo la fronte fino a terra e replicò: "L'Invisibile mi ha inviato un segno e il mio cuore l'ha compreso. Io ho dovuto trucidare mio fratello, per capire che chiunque uccide un uomo uccide il proprio fratello. Non posso esser condottiero in guerra, perché nella spada è la

32 violenza, e la violenza è nemica del diritto. Chi partecipa al peccato di omicidio è egli stesso omicida. Io invece non voglio incutere il terrore, e preferisco mangiare il pane del mendicante che agire contrariamente al segno che mi è stato rivelato. Poca cosa è la vita nell'eterna vicenda; lascia che io ne viva la mia parte da giusto." Il volto del re si oscurò un istante; un silenzio pieno di terrore si fece intorno a lui, perché mai si era udito fin dal tempo dei padri e degli avi che un uomo libero si

33 fosse schermito dai favori del re, e che un principe avesse rifiutato un dono regale. Ma il sovrano guardò i sacri aironi, simbolo della vittoria; il suo viso tornò sereno, ed egli disse: "Ti ho sempre conosciuto come un valoroso, Virata, e giusto fra tutti i miei fidi. Se non mi è più dato contarti fra i miei guerrieri, non voglio però privarmi dei tuoi servigi. Poiché sai distinguere e valutare la colpa con equanimità, sarai tu il sommo fra i miei giudici e pronuncerai le tue sentenze sullo scalone del mio palazzo, affinché la verità sia tutelata fra le mie mura e

34 il diritto salvaguardato nel mio regno." Virata s'inchinò dinanzi al re e gli abbracciò le ginocchia in segno di gratitudine. Il re lo fece salire sull'elefante al suo fianco, e così entrarono nella città dalle sessanta torri, il cui giubilo li investì come un'ondata tempestosa. Dall'alto dello scalone di marmo roseo, all'ombra del palazzo, Virata teneva ora corte di giustizia in nome del re, dall'aurora al crepuscolo. Ma la sua parola era simile ad una bilancia, che oscilla a lungo

35 prima di misurare un peso: il suo sguardo limpido entrava nell'anima del colpevole e le sue domande penetravano il crimine fino in fondo, tenacemente, come il tasso penetra nella terra buia. Le sue sentenze erano severe, però egli non pronunziava mai la condanna il giorno stesso, e sempre interponeva lo spazio della fresca notte fra l'udienza e il verdetto: nelle lunghe ore che precedevano l'alba i famigliari lo udivano sovente camminare irrequieto su e giù sul tetto della casa, meditando sulla giustizia e sull'ingiustizia. Prima di pronunziare la sentenza immergeva

36 le mani e la fronte nell'acqua, affinché il suo giudizio fosse immune dal calore della passione. E sempre, dopo essersi pronunciato, chiedeva al reo se la sua parola gli fosse parsa ingiusta: ma solo raramente accadeva che qualcuno protestasse; muti baciavano l'orlo del suo seggio e accettavano il castigo a capo chino, come dalla bocca di Dio. Non mai però Virata emanava sentenza di morte, nemmeno contro i più colpevoli, e resisteva a coloro che lo disapprovavano. Perché egli aveva orrore del sangue. Il pozzo

37 rotondo degli avi dei Rajputas, sul cui margine il carnefice piegava al colpo le teste dei condannati, e le cui pietre erano nere di sangue coagulato, nel volgere degli anni fu nuovamente deterso dalla pioggia. Né il numero dei delitti aumentò nel paese. Egli faceva rinchiudere i malfattori nel carcere scavato nel sasso o li inviava nelle montagne a spaccar pietre per i muri dei giardini, o nei mulini di riso sul fiume, dove facevano girare le ruote con gli elefanti. Ma egli rispettava la vita, e gli uomini rispettavano lui, perché non mai v'era errore nelle sue sentenze, non

38 mai negligenza nelle sue interrogazioni, non mai ira nelle sue parole. Da tutto il paese venivano i contadini sui carri trainati da bufali ad esporgli le loro liti, affinché egli le appianasse; i sacerdoti ascoltavano i suoi ragionamenti, e il re seguiva i suoi consigli. La sua gloria cresceva come cresce il giovane bambù, dritto e chiaro, in una sola notte, e gli uomini dimenticarono il suo antico nome "lampo della spada" e lo chiamarono in tutto il vasto paese dei Rajputas "la fonte della giustizia".

39 Nel sesto anno dacché Virata teneva giudizio sui gradini dell'atrio, accadde che gli accusatori gli conducessero davanti un giovane della tribù dei Kazari, selvaggi che abitano fra le rocce e servono ad altri dei. I suoi piedi erano feriti perché l'avevano trascinato per giorni e giorni di viaggio, e quadruplici catene avvincevano le sue braccia possenti, affinché egli non potesse nuocere ad alcuno, come minacciavano gli occhi che roteavano furenti sotto le ciglia aggrottate. Lo spinsero su per la scala e lo gettarono in ginocchio

40 davanti al giudice, poi s'inchinarono e alzarono le braccia in atto d'accusa. Virata guardò gli stranieri con meraviglia: "Chi siete, fratelli, che venite di lontano, e chi è costui che conducete in ceppi davanti a me?" Il più vecchio dei querelanti tornò a inchinarsi, e disse: "Noi siamo pastori, pacifici abitanti dell'oriente, costui invece è il peggior uomo della peggiore tribù, un mostro che ha massacrato più uomini di quante dita hanno le sue mani. Un pastore del nostro villaggio gli ha ricusato sua figlia,

41 perché codesta è gente di empi costumi, mangiatori di cani e uccisori di vacche; ed egli l'ha data in moglie a un mercante della vallata. Allora costui nella sua ira è piombato sui nostri armenti, ha ucciso nottetempo quel padre e i suoi tre figliuoli, e ogni volta poi che uno dei suoi servi conduceva il bestiame a pascolare verso i monti, egli lo uccideva. Undici del nostro paese egli ne ha trucidati così, finché ci siamo uniti e abbiamo dato la caccia allo scellerato come a una belva feroce e l'abbiamo condotto qui, dinanzi al più giusto di tutti i giudici, affinché tu liberi il

42 paese da questo violento". Virata si volse al prigioniero: "E' vero ciò che essi dicono?" "Chi sei tu? Sei forse il re?" "Io sono Virata, suo servo e servo della giustizia, poiché io impongo espiazione alla colpa e scevro il vero dal falso." Il prigioniero tacque a lungo, poi disse con uno sguardo duro: "Come puoi sapere da lontano ciò che è vero e ciò che è falso, se attingi la tua scienza soltanto dalle parole degli uomini?" "Alle loro parole opponi dunque le tue, affinché io riconosca la verità."

43 Quegli sollevò le ciglia, sprezzante: "Non voglio contendere con loro. Come puoi sapere tu quello che io ho fatto, se io stesso non so quello che fanno le mie mani quando l'ira si abbatte su di me? Io ho agito giustamente contro chi ha venduto una donna per denaro, contro i suoi figli e i suoi servi. Mi accusino pure. Io li disprezzo e disprezzo il tuo giudizio." Un fremito d'ira percorse i presenti all'udire che quel caparbio disdegnava il giudice equanime, e il servo del tribunale già levava

44 sull'accusato il nodoso bastone. Ma Virata li placò con un cenno e proseguì nelle sue domande. Ad ogni risposta dei querelanti interrogava anche l'accusato. Ma quegli stringeva i denti con un sorriso cattivo e ripeté una volta soltanto: "Come vuoi conoscere la verità dalle parole degli altri?" Il sole del mezzodì era alto sulle loro teste quando Virata pose fine all'interrogatorio; ed egli si alzò volendo, come di consueto, ritirarsi in casa e non pronunziare il suo giudizio fino al mattino seguente. Ma gli accusatori lo

45 implorarono: "Signore, sette giorni abbiamo camminato fin qui e sette giorni durerà il viaggio di ritorno. Non possiamo aspettare fino a domani, perché il bestiame morirebbe di sete, e il campo attende l'aratro. Signore, te ne scongiuriamo, pronuncia subito la sentenza!" Allora Virata tornò a sedersi sui gradini e meditò. I muscoli del suo viso erano tesi come quelli di chi porta un grave peso, perché mai gli era avvenuto di emanare un verdetto contro un accusato che non implorava pietà e rifiutava di difendersi. Rifletté a lungo e le

46 ombre si allungavano di ora in ora. Finalmente si avvicinò al pozzo, si lavò il viso e le mani nell'acqua fresca, affinché la sua parola fosse libera dal fuoco della passione, e parlò: "Possa essere giusta la sentenza ch'io pronuncio. Costui si è reso colpevole di assassinio; ha strappato undici anime al loro corpo pulsante per ricacciarle nel ciclo delle trasmigrazioni. La vita dell'uomo matura per un anno rinchiusa nel grembo materno; così costui, per ogni vita distrutta, sia rinchiuso per un anno nel grembo della terra. E poiché egli ha fatto

47 scorrere undici volte il sangue umano, sia flagellato a sangue undici volte ogni anno, affinché paghi con analogo sacrificio. Però egli non dovrà espiare con la vita, perché la vita appartiene agli dei, e l'uomo non deve toccare ciò che è divino. Possa esser giusta la sentenza che ho pronunciato, solo in nome della suprema legge dell'espiazione." Detto ciò Virata sedette, e i querelanti baciarono i gradini in segno di devozione. Ma il prigioniero fissò torvo il giudice che lo interrogava con lo sguardo. Virata disse:

48 "Ti ho invitato più volte a parlare perché tu mi eccitassi a clemenza e mi aiutassi contro i tuoi accusatori, ma le tue labbra sono rimaste suggellate. Se vi è errore nel mio giudizio non accusare me davanti all'eterno, ma il tuo silenzio. Io intendevo esserti clemente." L'uomo incatenato proruppe: "Non voglio la tua clemenza. Che è mai la clemenza che vuoi darmi, di fronte alla vita che mi togli?" "Io non ti tolgo la vita." "Tu mi togli la vita, e sei più spietato dei capi della mia tribù che

49 hanno fama di crudeli. Perché non mi uccidi? Io ho ucciso, uomo contro uomo, ma tu mi fai sotterrare come una carogna nella terra buia, a marcire a poco a poco, perché il tuo cuore è vile davanti al sangue e le tue viscere sono prive di forza. Arbitrio è la tua legge e martirio la tua sentenza. Uccidimi poiché ho ucciso. "Io ho misurato equamente la tua punizione." "Misurato equamente? E dov'è, giudice, la misura con la quale misuri? Chi ti ha fustigato da conoscere lo staffile? Come ardisci contare gli

50 anni sulle dita, baloccandoti, come se fossero la stessa cosa le ore della luce e quelle delle tenebre sotterranee? Sei stato in carcere, tu, per sapere quante primavere togli ai miei giorni? Tu non sei che un incosciente; non sei un giusto, perché soltanto chi lo subisce, e non chi lo vibra, sa valutare il colpo; solo chi ha sofferto può misurare la sofferenza. Nel tuo orgoglio tu osi erigerti a giudice dei colpevoli, ma tu stesso sei più colpevole di ogni altro; perché io ho distrutto delle vite mentre ero in balia dell'ira, sotto la violenza della passione, mentre tu, a sangue

51 freddo, mi privi della vita ed usi verso di me una misura che la tua mano non ha vagliato e il cui peso non hai controllato. Vattene dalla scala della giustizia, giudice, che tu non ne precipiti giù! Guai a chi misura con la misura dell'arbitrio, guai all'insipiente che crede di sapere cosa sia la giustizia. Via di li, giudice ignorante, e non giudicare gli uomini vivi con la morte della tua parola!" L'odio schiumava dalla bocca del condannato, e di nuovo gli astanti si gettarono sdegnati su di lui. Ma Virata li fermò, distolse gli occhi da quella belva e disse a

52 voce sommessa: "Non posso annullare la sentenza pronunciata da queste soglie. Faccia Dio ch'essa sia giusta." Mentre si impadronivano del prigioniero che si dibatteva, Virata lasciò il palazzo. Ma ancora una volta ristette e si volse: ed ecco, gli occhi dell'uomo che trascinavano via lo fissavano pieni di rimprovero e di rancore. E con un tonfo al cuore Virata vide che erano simili agli occhi di suo fratello quando giaceva morto nella tenda dell'usurpatore, trucidato dalle sue mani.

53 Quella sera Virata non rivolse parola ad anima viva. Lo sguardo dello straniero era fitto nel suo cuore come un dardo infuocato. E i suoi familiari lo udirono andare e venire tutta la notte sulla terrazza, senza requie, finché il rosso mattino non spuntò fra le palme. Virata si bagnò di buon ora nel sacro stagno, fece le sue preghiere rivolto a Oriente, poi rientrò nella sua casa, indossò la veste gialla dei giorni di festa, salutò gravemente i suoi che stupiti ma senza domandare osservavano i suoi atti solenni, e si recò solo al palazzo

54 reale che gli era aperto ad ogni ora del giorno e della notte. Virata si curvò davanti al re e sfiorò il lembo della sua veste in segno di preghiera. Il re lo guardò benevolmente e disse: "Il tuo desiderio ha toccato la mia veste. Esso è esaudito prima ancora che tu lo esprima". Virata rimase prosternato. "Tu mi hai nominato giudice supremo del tuo regno. Da sette anni io giudico in nome tuo e non so se ho giudicato rettamente. Concedimi riposo per una luna affinché io possa andare in cerca

55 della verità, e permetti ch'io tenga celato il cammino a te e agli altri. Voglio compiere un azione monda da ingiustizia e vivere senza colpa." Il re rimase attonito: "Da questa alla prossima luna il mio regno sarà dunque povero di giustizia. Ma io non chiedo qual'è il tuo cammino. Che esso possa condurti alla verità." Virata baciò l'orlo del trono in segno di riconoscenza, si inchinò ancora una volta e uscì. Dalla vivida luce esterna entrò nella sua casa, chiamò la sua donna e i suoi figli:

56 "Per un'intera luna non mi vedrete. Congedatevi da me e non domandate." Timida lo guardò la consorte, i figli reverenti. Egli si chinò su ognuno di loro e li baciò tra gli occhi. "Ora andate nelle vostre stanze e chiudetevi dentro, che nessuno guardi dove vado. E non chiedete di me prima che si rinnovi la luna." E tutti si ritirarono in silenzio. Virata si tolse l'abito festivo e ne indossò uno scuro; pregò dinanzi al simulacri del dio dalle mille incarnazioni, coprì di scrittura

57 molte foglie di palma e le arrotolò in una lettera. All'annottare usci dalla sua casa silenziosa, dirigendosi verso le rupi fuori della città, dove erano profonde cave di bronzo e le prigioni. Picchiò alla porta del guardiano, finché il dormiente si sollevò dalla sua stuoia e chiese chi lo cercasse. "Sono Virata, il sommo giudice. Sono venuto a vedere colui che è stato condotto qui ieri." "E' rinchiuso nei più cupi recessi, Signore, nelle tenebre del carcere più profondo. Devo condurti da lui?" "Conosco la strada. Dammi le

58 chiavi e torna al riposo. E non dire a nessuno che mi hai visto stanotte." Il custode s'inchinò, portò le chiavi e una lanterna, indi si ritirò muto e tornò a gettarsi sul suo giaciglio. Virata aprì la porta di bronzo che sbarrava l'accesso alla grotta, e scese nelle profondità della prigione. Già da cent'anni i re Rajputas chiudevano in quelle grotte i loro prigionieri e ognuno dei condannati scavava ogni giorno la montagna, costruendo nuove celle nella fredda pietra per i suoi successori. Prima di richiudere la porta

59 Virata gettò ancora uno sguardo al lembo di cielo con le bianche tremule stelle, poi fu accolto da un buio umidiccio che il chiarore della sua lanterna rompeva qua e là, esitante come un animale che cerca. Udì ancora il molle stormire del vento tra gli alberi, e l'urlo lacerante delle scimmie: al primo ripiano non era più che un leggero, lontano fruscio; al secondo ripiano tutto era silenzio come sotto lo specchio del mare, gelo ed immobilità. Le pietre trasudavano grosse gocce d'acqua e non si sentiva più il profumo della terra; a misura che Virata discendeva tanto

60 più duro echeggiava il suo passo nella rigidità del silenzio. Al quinto ripiano, più sprofondato nella terra di quanto i più eccelsi palmizi si innalzino nel cielo, era la cella del prigioniero. Virata entrò e rivolse la lanterna verso la massa scura che si muoveva appena, finché la luce la colpì. Una catena tintinnò. Virata si curvò su di lui: "Mi riconosci?". "Ti riconosco. Tu sei colui che era signore della mia sorte e che l'ha calpestata sotto i suoi piedi." "Non sono signore di nessuno.

61 Sono un servo del re e della giustizia. Sono venuto per servire ad essa." Il prigioniero sollevò cupo lo sguardo, e fissò il giudice in viso: "Che vuoi da me?" Virata stette a lungo in silenzio, poi disse: "Ti ho fatto del male con la mia parola, ma anche tu con le tue parole mi hai fatto male. Io non so se la mia sentenza sia stata giusta, ma nelle tue accuse c'era una verità: a nessuno è lecito misurare con una misura che non conosce. Io ero un incosciente, ma voglio diventare

62 cosciente. Ho dannato a queste tenebre centinaia di persone, a molti ho inflitto duri castighi, ma non so quel che ho fatto. Ora voglio sperimentare su me stesso, voglio imparare, per essere veramente un giusto e accedere senza macchia alla metamorfosi futura." Il prigioniero continuava a fissarlo; la catena tintinnò sommessa. "Voglio conoscere quel che ti ho imposto, voglio sapere come lo staffile morda il corpo, e il tempo della prigionia logori l'anima. Per una luna voglio occupare il tuo posto, così da sapere se ho

63 misurato giustamente la tua espiazione. Allora rinnoverò la sentenza dall'alto dello scalone regale conscio del suo peso e della sua portata. Tu intanto ne andrai libero. Ti darò la chiave che ti riporti alla luce e ti lascerò libero per una luna, purché tu mi prometta solennemente il ritorno, intanto l'oscurità di questo abisso farà la luce nella mia coscienza." Il prigioniero era immobile come una pietra. La catena non tintinnava più. "Giurami per l'inesorabile dea della vendetta, alla quale nessuno può fuggire, che conserverai il

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole 0) Auguri alla Francy I) Annuncio dell incontro del Primo Marzo, ore 15, con possibilità di cenare, sul Bene Comune, giornata mondiale del Bene

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

Ho vivamente apprezzato la tua recente

Ho vivamente apprezzato la tua recente 35 Le illusioni e i desideri sono illuminazione Ho vivamente apprezzato la tua recente visita e la tua costante preoccupazione per le numerose persecuzioni che mi sono capitate. Poiché ho subìto queste

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo 1 EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo degli Assassini, avvicinarsi a lui e stringergli il braccio.

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

...IN QUELL ISTANTE IL GALLO CANTÒ

...IN QUELL ISTANTE IL GALLO CANTÒ ...IN QUELL ISTANTE IL GALLO CANTÒ Una riflessione attenta sul comportamento di Pietro dopo la cattura di Gesù e sulla facilità con cui passò da una conclamata fedeltà al rinnegamento del suo Maestro ci

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli