Stefan Zweig. Gli occhi dell'eterno fratello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stefan Zweig. Gli occhi dell'eterno fratello"

Transcript

1

2 Stefan Zweig Gli occhi dell'eterno fratello

3 IL NUOVO MELANGOLO

4 Titolo originale Die Augen des ewigen Bruders Traduzione di Anita Rho

5 1989, Atrium Press Ltd, London 2003, Il nuovo melangolo s.r.l. Genova - Via di Porta Soprana, 3-1 Collana Lecturae ISBN Fotocomposizione e impaginazione: Type, Genova Scansione di Serenella

6 Note di copertina La vicenda di Virata, ispirata alla figura del Budda, che venne glorificato con i quattro nomi delle virtù dal suo popolo, ma di cui non è scritto nelle cronache e nei libri, è una delle più suggestive versioni della spiritualità orientale.

7 Non con l'attenersi ottiene l'uomo liberazione dall'attività. Né alcuno, nemmeno per un istante, può rimanere inattivo. Bhagavad Gita, canto terzo. Che cos'è l'azione, che cos'è l'inazione? - Su questo punto anche i saggi sono perplessi. Poiché è necessario aver conoscenza dell'azione,

8 conoscenza altresì dell'azione illecita. Ed è necessario aver conoscenza dell'inazione -difficile ad intendere è la natura dell'azione. Bhagavad Gita, canto quarto.

9 CAPITOLO I Questa è la storia di Virata che il suo popolo glorificò con i quattro nomi della virtù ma di cui non è scritto nelle cronache dei dominatori né nei libri dei saggi e la cui memoria gli uomini hanno dimenticato. Prima che il sublime Budda soggiornasse sulla terra e versasse

10 sui suoi fedeli il lume della conoscenza, viveva nel paese dei Birwagh, presso un re Rajputas, un nobile, Virata, che era chiamato "il lampo della spada", perché era un guerriero audace fra tutti, e un cacciatore le cui frecce non fallivano mai, la cui lancia non era mai brandita invano, e il cui braccio calava come il tuono dietro la folgore della sua spada. La sua fronte era chiara, dritti i suoi occhi sopportavano le domande degli uomini; mai s'era vista la sua mano contrarsi in un pugno rabbioso, mai si era udita la sua voce alzarsi nell'ira. Egli serviva fedelmente il

11 re e i suoi schiavi servivano lui con devozione, perché nessuno aveva così grande fama di giusto alle cinque foci del fiume; gli uomini si inchinavano passando davanti alla sua casa e i bambini lo guardavano sorridendo nelle stelle degli occhi. Accadde però che la sventura si abbattesse sul re che egli serviva. Il fratello della regina, innalzato alla carica di reggente su metà del paese, s'invogliò dell'intero regno, e allettò in segreto con regali e promesse i migliori guerrieri del re, affinché passassero al suo servizio. E indusse altresì i sacerdoti a portargli i sacri aironi del lago, che

12 da mille e mille anni, nella schiatta dei Birwagh, erano considerati un simbolo del potere. Il ribelle raccolse elefanti ed aironi nel suo accampamento, radunò in un esercito i malcontenti abitanti delle montagne e avanzò minaccioso verso la città. Allora il re diede ordine che da mattina a sera si percuotessero i cuprei dischi e si soffiasse nei bianchi corni d'avorio; la notte furono accesi fuochi sulle torri, e squame sminuzzate di pesci vennero gettate sulle fiamme, perché divampassero gialle sotto le stelle, in segno di pericolo. Ma pochi

13 accorsero in aiuto; la notizia del ratto dei sacri aironi pesava sul cuore dei condottieri e li rendeva sgomenti. Il capo dei guerrieri e il guardiano degli elefanti, i generali più sperimentati, si trovavano già nel campo nemico; inutilmente il sovrano abbandonato si guardava intorno in cerca di amici (poiché era stato un padrone duro, severo nel giudicare e spietato nel riscuotere i tributi). E davanti al suo palazzo non vide nessuno dei suoi esperti capitani, nessuno dei comandanti del campo; solo una schiera perplessa di servi e di schiavi.

14 In tali frangenti il re si ricordò di Virata che al primo richiamo dei corni gli aveva inviato un messaggio di fedeltà. Fece allestire la lettiga d'ebano e si fece condurre alla casa di lui. Virata s'inchinò fino a terra mentre il re scendeva dalla lettiga, ma quegli lo abbracciò supplichevole e lo pregò di guidare l'esercito contro il nemico. Virata tornò ad inchinarsi e disse: "Sarà fatto, o signore; non ritornerò alla mia casa finché la fiamma della rivolta non sia stata soffocata sotto i piedi dei tuoi servi."

15 E riunì i suoi figli, le sue genti e i suoi schiavi, raggiunse con loro la schiera dei fedeli e li dispose in ordine di guerra. Tutto il giorno marciarono tra fitti boschi fino al fiume, sulla cui riva opposta erano radunati i nemici in numero incalcolabile, ostentando la loro massa, intenti ad abbattere alberi per costruire un ponte onde traversare il fiume, e, fiume essi stessi, inondare il paese di sangue. Ma Virata, nelle sue cacce, aveva scoperto un guado più a monte e quando scese l'oscurità condusse i suoi fedeli ad uno ad uno sull'altra sponda e nel cuore della notte essi

16 assalirono d'improvviso il nemico addormentato. Agitando le torce a vento fecero adombrare gli elefanti e i bufali, che nella fuga schiacciarono i dormienti e bianca la vampa s'appiccò all'accampamento. Virata intanto s'era lanciato nella tenda dell'usurpatore e prima che i dormienti balzassero su ne aveva già trafitti due con la spada e ucciso il terzo mentre scattava dal giaciglio in cerca di un'arma. Il quarto e il quinto li abbatté corpo a corpo nel buio, colpendone uno alla fronte, e l'altro in mezzo al petto.

17 Quando giacquero tutti immoti, ombre fra le ombre, egli s'appostò all'ingresso della tenda per impedire il passo a chiunque volesse mettere in salvo i candidi aironi, divino segno del potere. Ma nessuno comparve, tutti fuggivano in preda a un folle terrore, inseguiti con grida di giubilo dai vittoriosi servi del re. Il rumore della fuga s'allontanò, dileguò a poco a poco. Allora Virata sedette placido a gambe incrociate davanti alla tenda, la spada insanguinata fra le mani, e aspettò che i compagni tornassero dalla caccia furiosa.

18 Poco tempo trascorse, e il giorno di Dio si destò dietro la foresta, le palme arsero nella porpora dorata dell'aurora e rifulsero nell'acqua come faci, il sole si levò sanguinoso, infuocata ferita dell'oriente. Allora Virata si alzò, depose la veste, andò verso il fiume levando in alto le braccia, e s'inchinò in preghiera allo sfolgorante occhio divino; poi scese nel fiume a compiere le sacre abluzioni, e le sue mani furono mondate dal sangue. Quando un candido fiotto di luce gli sfiorò il capo ritornò a riva, s' avvolse nelle vesti e con

19 viso sereno andò a contemplare le imprese della notte alla luce del mattino. Con gli occhi spalancati, in attitudini scomposte, conservando nei tratti irrigiditi l'espressione del terrore giacevano i morti: con la fronte spaccata l'usurpatore e col petto squarciato l'infedele che era stato capo dell'esercito nel paese di Birwagh. Virata chiuse loro gli occhi e si volse per vedere gli altri, quelli che aveva colpiti nel sonno. Erano stesi a terra, a metà celati dalle stuoie; due di essi gli erano sconosciuti: erano schiavi del sobillatore, venuti dal sud, coi capelli lanosi e la faccia nera. Ma

20 quando girò verso di sé il viso dell'ultimo, la vista gli si annebbiò perché aveva riconosciuto Belangur, suo fratello maggiore, il principe delle montagne, che s'era schierato al fianco dell'usurpatore e che egli, la notte, ignaro, aveva trucidato di propria mano. Si piegò sussultante sul corpo rattrappito. Ma il cuore non batteva più, gli occhi dell'ucciso erano aperti e fissi, e le pupille nere lo frugavano fino in fondo al cuore. Allora il respiro di Virata si fece sommesso ed egli stette come un morto fra i morti, distogliendo lo sguardo, affinché l'occhio sbarrato di colui

21 che sua madre aveva prima di lui partorito non lo accusasse. Presto si udirono grida che si avvicinavano: i servi di ritorno dall'inseguimento schiamazzavano come uccelli selvatici, carichi di bottino e pieni di allegrezza. Quando videro l'usurpatore morto in mezzo ai suoi e i sacri aironi sani e salvi, si abbandonarono a danze scomposte, baciando la veste di Virata, seduto indifferente in mezzo a loro, e lo acclamarono col nome di "lampo della spada". Poi caricarono il bottino sui carri, ma sotto il peso le ruote affondavano

22 nel terreno e si dovettero frustare i bufali con rami spinosi, e le barche minacciavano di capovolgersi. Un messaggero si gettò nel fiume e corse avanti per recare al re la buona novella, mentre gli altri indugiavano nel saccheggio e nel tripudio della vittoria. Virata se ne stava sempre immobile, trasognato e in silenzio. Una volta sola fece udire la sua voce, quando i soldati vollero spogliare i morti delle loro vesti. Allora si alzò, ingiunse loro di raccogliere dei travi per bruciare i cadaveri su di un rogo, affinché le loro anime, mondate dal fuoco,

23 fossero pure e pronte alla trasmigrazione. I servi si meravigliarono assai che egli agisse in tal modo verso dei congiurati i cui corpi avrebbero dovuto venir dilaniati dagli sciacalli della foresta, e le ossa imbiancare al sole rovente; pure eseguirono i suoi ordini. Quando il rogo fu elevato, Virata vi appiccò il fuoco di sua mano e gettò balsami e sandalo sulla catasta ardente, poi volse altrove lo sguardo e rimase muto, finché i travi arroventati precipitarono e le braci caddero in cenere. Intanto gli schiavi avevano terminato il ponte cominciato il

24 giorno avanti con tanta tracotanza dai servi dell'usurpatore. Lo attraversarono per i primi i guerrieri, inghirlandati dal fiore del pisang, poi venivano i servi e infine i principi a cavallo. Virata aspettò che passassero tutti, e quindi li seguì da lontano, perché i canti e le grida gli laceravano l'anima. A metà del ponte s'arrestò e guardò a lungo le acque scorrenti a destra e a sinistra; sull'altra sponda i guerrieri stupefatti sostarono per conservare la distanza. E lo videro levare in alto la spada come per vibrarla contro il cielo; ma nell'abbassare il braccio egli lasciò stancamente

25 scivolare l'elsa dalle sue dita, e la spada precipitò nei flutti. Da entrambe le sponde fanciulli nudi si gettarono per ripescarla, credendo gli fosse sfuggita di mano; ma Virata li trattenne con gesto severo, e proseguì il suo cammino, col viso impenetrabile e la fronte oscurata, fra lo stupore dei servi. Non una parola mosse più le sue labbra, mentre l'esercito ora per ora lungo la gialla strada avanzava verso la sua città. Erano ancora lontani dalle porte di diaspro e dalle torri merlate di Birwagh, quand'ecco alzarsi una

26 nuvola bianca che si avvicinava. Erano cavalieri e staffette e alla vista dell'esercito in marcia si arrestarono e coprirono la strada di tappeti: il re veniva incontro a loro, il re il cui piede non tocca mai la polvere, dall'istante della sua nascita fino alla morte, quando le fiamme accolgono il suo corpo purificato. E già si avvicinava sul decrepito elefante il sovrano circondato dai suoi giovani schiavi.

27 CAPITOLO II L'elefante, ubbidendo all'arpione, s'inginocchiò e il re posò i piedi sui tappeti distesi. Virata fece per inchinarsi dinanzi al suo signore, ma il re gli andò incontro e lo strinse tra le braccia; onore da parte di un sovrano verso il suddito di cui mai s'era udito nei tempi, o letto nei libri l'uguale.

28 Virata fece portare gli aironi, e quando essi allargarono le ali bianche fu un tale prorompere di giubilo, che i cavalli si impennarono e i guardiani degli elefanti durarono fatica a trattenerli con gli arpioni. Davanti ai trofei della vittoria, il re abbracciò Virata una seconda volta e chiamò a sé con un cenno uno dei servi. Questi gli presentò la spada dell'eroico capostipite dei Rajputas, custodita da sette volte settecento anni nel tesoro regale; l'impugnatura era bianca di gemme, e sulla lama erano incise magiche parole di vittoria a lettere d'oro, nell'antica

29 scrittura dei padri che né i saggi né i sacerdoti del gran tempio sapevano più decifrare. E il re porse a Virata la spada delle spade, come dono della sua gratitudine e come insegna della dignità che gli conferiva di primo guerriero del regno e condottiero dei suoi popoli. Ma Virata chinò la fronte fino a terra e non la sollevò mentre diceva: "Posso chiedere una grazia al più benigno e magnanimo dei re?" Il re abbassò lo sguardo su di lui, e rispose: "La grazia è concessa prima

30 ancora che tu levi gli occhi sino a me. E se anche tu pretendessi la metà del mio regno, essa è tua, solo che tu muova le labbra." Allora Virata parlò: "Permetti dunque, o re, che questa spada rimanga nel tesoro regale, perché io ho fatto il voto in cuor mio di non toccare mai più un'arma, dacché oggi ho ucciso mio fratello, l'unico che nacque dallo stesso grembo e giocò assieme a me fra le braccia di mia madre." Il re lo guardò con stupore, poi disse: "Rimanga dunque senza spada il primo fra i miei guerrieri, purché io

31 sappia il regno al sicuro da ogni nemico; perché mai un eroe ha condotto con maggiore perizia un esercito contro forze preponderanti; prendi la mia cintura in segno del potere, e il mio cavallo affinché tutti riconoscano in te il sommo guerriero del mio regno." Ma Virata curvò di nuovo la fronte fino a terra e replicò: "L'Invisibile mi ha inviato un segno e il mio cuore l'ha compreso. Io ho dovuto trucidare mio fratello, per capire che chiunque uccide un uomo uccide il proprio fratello. Non posso esser condottiero in guerra, perché nella spada è la

32 violenza, e la violenza è nemica del diritto. Chi partecipa al peccato di omicidio è egli stesso omicida. Io invece non voglio incutere il terrore, e preferisco mangiare il pane del mendicante che agire contrariamente al segno che mi è stato rivelato. Poca cosa è la vita nell'eterna vicenda; lascia che io ne viva la mia parte da giusto." Il volto del re si oscurò un istante; un silenzio pieno di terrore si fece intorno a lui, perché mai si era udito fin dal tempo dei padri e degli avi che un uomo libero si

33 fosse schermito dai favori del re, e che un principe avesse rifiutato un dono regale. Ma il sovrano guardò i sacri aironi, simbolo della vittoria; il suo viso tornò sereno, ed egli disse: "Ti ho sempre conosciuto come un valoroso, Virata, e giusto fra tutti i miei fidi. Se non mi è più dato contarti fra i miei guerrieri, non voglio però privarmi dei tuoi servigi. Poiché sai distinguere e valutare la colpa con equanimità, sarai tu il sommo fra i miei giudici e pronuncerai le tue sentenze sullo scalone del mio palazzo, affinché la verità sia tutelata fra le mie mura e

34 il diritto salvaguardato nel mio regno." Virata s'inchinò dinanzi al re e gli abbracciò le ginocchia in segno di gratitudine. Il re lo fece salire sull'elefante al suo fianco, e così entrarono nella città dalle sessanta torri, il cui giubilo li investì come un'ondata tempestosa. Dall'alto dello scalone di marmo roseo, all'ombra del palazzo, Virata teneva ora corte di giustizia in nome del re, dall'aurora al crepuscolo. Ma la sua parola era simile ad una bilancia, che oscilla a lungo

35 prima di misurare un peso: il suo sguardo limpido entrava nell'anima del colpevole e le sue domande penetravano il crimine fino in fondo, tenacemente, come il tasso penetra nella terra buia. Le sue sentenze erano severe, però egli non pronunziava mai la condanna il giorno stesso, e sempre interponeva lo spazio della fresca notte fra l'udienza e il verdetto: nelle lunghe ore che precedevano l'alba i famigliari lo udivano sovente camminare irrequieto su e giù sul tetto della casa, meditando sulla giustizia e sull'ingiustizia. Prima di pronunziare la sentenza immergeva

36 le mani e la fronte nell'acqua, affinché il suo giudizio fosse immune dal calore della passione. E sempre, dopo essersi pronunciato, chiedeva al reo se la sua parola gli fosse parsa ingiusta: ma solo raramente accadeva che qualcuno protestasse; muti baciavano l'orlo del suo seggio e accettavano il castigo a capo chino, come dalla bocca di Dio. Non mai però Virata emanava sentenza di morte, nemmeno contro i più colpevoli, e resisteva a coloro che lo disapprovavano. Perché egli aveva orrore del sangue. Il pozzo

37 rotondo degli avi dei Rajputas, sul cui margine il carnefice piegava al colpo le teste dei condannati, e le cui pietre erano nere di sangue coagulato, nel volgere degli anni fu nuovamente deterso dalla pioggia. Né il numero dei delitti aumentò nel paese. Egli faceva rinchiudere i malfattori nel carcere scavato nel sasso o li inviava nelle montagne a spaccar pietre per i muri dei giardini, o nei mulini di riso sul fiume, dove facevano girare le ruote con gli elefanti. Ma egli rispettava la vita, e gli uomini rispettavano lui, perché non mai v'era errore nelle sue sentenze, non

38 mai negligenza nelle sue interrogazioni, non mai ira nelle sue parole. Da tutto il paese venivano i contadini sui carri trainati da bufali ad esporgli le loro liti, affinché egli le appianasse; i sacerdoti ascoltavano i suoi ragionamenti, e il re seguiva i suoi consigli. La sua gloria cresceva come cresce il giovane bambù, dritto e chiaro, in una sola notte, e gli uomini dimenticarono il suo antico nome "lampo della spada" e lo chiamarono in tutto il vasto paese dei Rajputas "la fonte della giustizia".

39 Nel sesto anno dacché Virata teneva giudizio sui gradini dell'atrio, accadde che gli accusatori gli conducessero davanti un giovane della tribù dei Kazari, selvaggi che abitano fra le rocce e servono ad altri dei. I suoi piedi erano feriti perché l'avevano trascinato per giorni e giorni di viaggio, e quadruplici catene avvincevano le sue braccia possenti, affinché egli non potesse nuocere ad alcuno, come minacciavano gli occhi che roteavano furenti sotto le ciglia aggrottate. Lo spinsero su per la scala e lo gettarono in ginocchio

40 davanti al giudice, poi s'inchinarono e alzarono le braccia in atto d'accusa. Virata guardò gli stranieri con meraviglia: "Chi siete, fratelli, che venite di lontano, e chi è costui che conducete in ceppi davanti a me?" Il più vecchio dei querelanti tornò a inchinarsi, e disse: "Noi siamo pastori, pacifici abitanti dell'oriente, costui invece è il peggior uomo della peggiore tribù, un mostro che ha massacrato più uomini di quante dita hanno le sue mani. Un pastore del nostro villaggio gli ha ricusato sua figlia,

41 perché codesta è gente di empi costumi, mangiatori di cani e uccisori di vacche; ed egli l'ha data in moglie a un mercante della vallata. Allora costui nella sua ira è piombato sui nostri armenti, ha ucciso nottetempo quel padre e i suoi tre figliuoli, e ogni volta poi che uno dei suoi servi conduceva il bestiame a pascolare verso i monti, egli lo uccideva. Undici del nostro paese egli ne ha trucidati così, finché ci siamo uniti e abbiamo dato la caccia allo scellerato come a una belva feroce e l'abbiamo condotto qui, dinanzi al più giusto di tutti i giudici, affinché tu liberi il

42 paese da questo violento". Virata si volse al prigioniero: "E' vero ciò che essi dicono?" "Chi sei tu? Sei forse il re?" "Io sono Virata, suo servo e servo della giustizia, poiché io impongo espiazione alla colpa e scevro il vero dal falso." Il prigioniero tacque a lungo, poi disse con uno sguardo duro: "Come puoi sapere da lontano ciò che è vero e ciò che è falso, se attingi la tua scienza soltanto dalle parole degli uomini?" "Alle loro parole opponi dunque le tue, affinché io riconosca la verità."

43 Quegli sollevò le ciglia, sprezzante: "Non voglio contendere con loro. Come puoi sapere tu quello che io ho fatto, se io stesso non so quello che fanno le mie mani quando l'ira si abbatte su di me? Io ho agito giustamente contro chi ha venduto una donna per denaro, contro i suoi figli e i suoi servi. Mi accusino pure. Io li disprezzo e disprezzo il tuo giudizio." Un fremito d'ira percorse i presenti all'udire che quel caparbio disdegnava il giudice equanime, e il servo del tribunale già levava

44 sull'accusato il nodoso bastone. Ma Virata li placò con un cenno e proseguì nelle sue domande. Ad ogni risposta dei querelanti interrogava anche l'accusato. Ma quegli stringeva i denti con un sorriso cattivo e ripeté una volta soltanto: "Come vuoi conoscere la verità dalle parole degli altri?" Il sole del mezzodì era alto sulle loro teste quando Virata pose fine all'interrogatorio; ed egli si alzò volendo, come di consueto, ritirarsi in casa e non pronunziare il suo giudizio fino al mattino seguente. Ma gli accusatori lo

45 implorarono: "Signore, sette giorni abbiamo camminato fin qui e sette giorni durerà il viaggio di ritorno. Non possiamo aspettare fino a domani, perché il bestiame morirebbe di sete, e il campo attende l'aratro. Signore, te ne scongiuriamo, pronuncia subito la sentenza!" Allora Virata tornò a sedersi sui gradini e meditò. I muscoli del suo viso erano tesi come quelli di chi porta un grave peso, perché mai gli era avvenuto di emanare un verdetto contro un accusato che non implorava pietà e rifiutava di difendersi. Rifletté a lungo e le

46 ombre si allungavano di ora in ora. Finalmente si avvicinò al pozzo, si lavò il viso e le mani nell'acqua fresca, affinché la sua parola fosse libera dal fuoco della passione, e parlò: "Possa essere giusta la sentenza ch'io pronuncio. Costui si è reso colpevole di assassinio; ha strappato undici anime al loro corpo pulsante per ricacciarle nel ciclo delle trasmigrazioni. La vita dell'uomo matura per un anno rinchiusa nel grembo materno; così costui, per ogni vita distrutta, sia rinchiuso per un anno nel grembo della terra. E poiché egli ha fatto

47 scorrere undici volte il sangue umano, sia flagellato a sangue undici volte ogni anno, affinché paghi con analogo sacrificio. Però egli non dovrà espiare con la vita, perché la vita appartiene agli dei, e l'uomo non deve toccare ciò che è divino. Possa esser giusta la sentenza che ho pronunciato, solo in nome della suprema legge dell'espiazione." Detto ciò Virata sedette, e i querelanti baciarono i gradini in segno di devozione. Ma il prigioniero fissò torvo il giudice che lo interrogava con lo sguardo. Virata disse:

48 "Ti ho invitato più volte a parlare perché tu mi eccitassi a clemenza e mi aiutassi contro i tuoi accusatori, ma le tue labbra sono rimaste suggellate. Se vi è errore nel mio giudizio non accusare me davanti all'eterno, ma il tuo silenzio. Io intendevo esserti clemente." L'uomo incatenato proruppe: "Non voglio la tua clemenza. Che è mai la clemenza che vuoi darmi, di fronte alla vita che mi togli?" "Io non ti tolgo la vita." "Tu mi togli la vita, e sei più spietato dei capi della mia tribù che

49 hanno fama di crudeli. Perché non mi uccidi? Io ho ucciso, uomo contro uomo, ma tu mi fai sotterrare come una carogna nella terra buia, a marcire a poco a poco, perché il tuo cuore è vile davanti al sangue e le tue viscere sono prive di forza. Arbitrio è la tua legge e martirio la tua sentenza. Uccidimi poiché ho ucciso. "Io ho misurato equamente la tua punizione." "Misurato equamente? E dov'è, giudice, la misura con la quale misuri? Chi ti ha fustigato da conoscere lo staffile? Come ardisci contare gli

50 anni sulle dita, baloccandoti, come se fossero la stessa cosa le ore della luce e quelle delle tenebre sotterranee? Sei stato in carcere, tu, per sapere quante primavere togli ai miei giorni? Tu non sei che un incosciente; non sei un giusto, perché soltanto chi lo subisce, e non chi lo vibra, sa valutare il colpo; solo chi ha sofferto può misurare la sofferenza. Nel tuo orgoglio tu osi erigerti a giudice dei colpevoli, ma tu stesso sei più colpevole di ogni altro; perché io ho distrutto delle vite mentre ero in balia dell'ira, sotto la violenza della passione, mentre tu, a sangue

51 freddo, mi privi della vita ed usi verso di me una misura che la tua mano non ha vagliato e il cui peso non hai controllato. Vattene dalla scala della giustizia, giudice, che tu non ne precipiti giù! Guai a chi misura con la misura dell'arbitrio, guai all'insipiente che crede di sapere cosa sia la giustizia. Via di li, giudice ignorante, e non giudicare gli uomini vivi con la morte della tua parola!" L'odio schiumava dalla bocca del condannato, e di nuovo gli astanti si gettarono sdegnati su di lui. Ma Virata li fermò, distolse gli occhi da quella belva e disse a

52 voce sommessa: "Non posso annullare la sentenza pronunciata da queste soglie. Faccia Dio ch'essa sia giusta." Mentre si impadronivano del prigioniero che si dibatteva, Virata lasciò il palazzo. Ma ancora una volta ristette e si volse: ed ecco, gli occhi dell'uomo che trascinavano via lo fissavano pieni di rimprovero e di rancore. E con un tonfo al cuore Virata vide che erano simili agli occhi di suo fratello quando giaceva morto nella tenda dell'usurpatore, trucidato dalle sue mani.

53 Quella sera Virata non rivolse parola ad anima viva. Lo sguardo dello straniero era fitto nel suo cuore come un dardo infuocato. E i suoi familiari lo udirono andare e venire tutta la notte sulla terrazza, senza requie, finché il rosso mattino non spuntò fra le palme. Virata si bagnò di buon ora nel sacro stagno, fece le sue preghiere rivolto a Oriente, poi rientrò nella sua casa, indossò la veste gialla dei giorni di festa, salutò gravemente i suoi che stupiti ma senza domandare osservavano i suoi atti solenni, e si recò solo al palazzo

54 reale che gli era aperto ad ogni ora del giorno e della notte. Virata si curvò davanti al re e sfiorò il lembo della sua veste in segno di preghiera. Il re lo guardò benevolmente e disse: "Il tuo desiderio ha toccato la mia veste. Esso è esaudito prima ancora che tu lo esprima". Virata rimase prosternato. "Tu mi hai nominato giudice supremo del tuo regno. Da sette anni io giudico in nome tuo e non so se ho giudicato rettamente. Concedimi riposo per una luna affinché io possa andare in cerca

55 della verità, e permetti ch'io tenga celato il cammino a te e agli altri. Voglio compiere un azione monda da ingiustizia e vivere senza colpa." Il re rimase attonito: "Da questa alla prossima luna il mio regno sarà dunque povero di giustizia. Ma io non chiedo qual'è il tuo cammino. Che esso possa condurti alla verità." Virata baciò l'orlo del trono in segno di riconoscenza, si inchinò ancora una volta e uscì. Dalla vivida luce esterna entrò nella sua casa, chiamò la sua donna e i suoi figli:

56 "Per un'intera luna non mi vedrete. Congedatevi da me e non domandate." Timida lo guardò la consorte, i figli reverenti. Egli si chinò su ognuno di loro e li baciò tra gli occhi. "Ora andate nelle vostre stanze e chiudetevi dentro, che nessuno guardi dove vado. E non chiedete di me prima che si rinnovi la luna." E tutti si ritirarono in silenzio. Virata si tolse l'abito festivo e ne indossò uno scuro; pregò dinanzi al simulacri del dio dalle mille incarnazioni, coprì di scrittura

57 molte foglie di palma e le arrotolò in una lettera. All'annottare usci dalla sua casa silenziosa, dirigendosi verso le rupi fuori della città, dove erano profonde cave di bronzo e le prigioni. Picchiò alla porta del guardiano, finché il dormiente si sollevò dalla sua stuoia e chiese chi lo cercasse. "Sono Virata, il sommo giudice. Sono venuto a vedere colui che è stato condotto qui ieri." "E' rinchiuso nei più cupi recessi, Signore, nelle tenebre del carcere più profondo. Devo condurti da lui?" "Conosco la strada. Dammi le

58 chiavi e torna al riposo. E non dire a nessuno che mi hai visto stanotte." Il custode s'inchinò, portò le chiavi e una lanterna, indi si ritirò muto e tornò a gettarsi sul suo giaciglio. Virata aprì la porta di bronzo che sbarrava l'accesso alla grotta, e scese nelle profondità della prigione. Già da cent'anni i re Rajputas chiudevano in quelle grotte i loro prigionieri e ognuno dei condannati scavava ogni giorno la montagna, costruendo nuove celle nella fredda pietra per i suoi successori. Prima di richiudere la porta

59 Virata gettò ancora uno sguardo al lembo di cielo con le bianche tremule stelle, poi fu accolto da un buio umidiccio che il chiarore della sua lanterna rompeva qua e là, esitante come un animale che cerca. Udì ancora il molle stormire del vento tra gli alberi, e l'urlo lacerante delle scimmie: al primo ripiano non era più che un leggero, lontano fruscio; al secondo ripiano tutto era silenzio come sotto lo specchio del mare, gelo ed immobilità. Le pietre trasudavano grosse gocce d'acqua e non si sentiva più il profumo della terra; a misura che Virata discendeva tanto

60 più duro echeggiava il suo passo nella rigidità del silenzio. Al quinto ripiano, più sprofondato nella terra di quanto i più eccelsi palmizi si innalzino nel cielo, era la cella del prigioniero. Virata entrò e rivolse la lanterna verso la massa scura che si muoveva appena, finché la luce la colpì. Una catena tintinnò. Virata si curvò su di lui: "Mi riconosci?". "Ti riconosco. Tu sei colui che era signore della mia sorte e che l'ha calpestata sotto i suoi piedi." "Non sono signore di nessuno.

61 Sono un servo del re e della giustizia. Sono venuto per servire ad essa." Il prigioniero sollevò cupo lo sguardo, e fissò il giudice in viso: "Che vuoi da me?" Virata stette a lungo in silenzio, poi disse: "Ti ho fatto del male con la mia parola, ma anche tu con le tue parole mi hai fatto male. Io non so se la mia sentenza sia stata giusta, ma nelle tue accuse c'era una verità: a nessuno è lecito misurare con una misura che non conosce. Io ero un incosciente, ma voglio diventare

62 cosciente. Ho dannato a queste tenebre centinaia di persone, a molti ho inflitto duri castighi, ma non so quel che ho fatto. Ora voglio sperimentare su me stesso, voglio imparare, per essere veramente un giusto e accedere senza macchia alla metamorfosi futura." Il prigioniero continuava a fissarlo; la catena tintinnò sommessa. "Voglio conoscere quel che ti ho imposto, voglio sapere come lo staffile morda il corpo, e il tempo della prigionia logori l'anima. Per una luna voglio occupare il tuo posto, così da sapere se ho

63 misurato giustamente la tua espiazione. Allora rinnoverò la sentenza dall'alto dello scalone regale conscio del suo peso e della sua portata. Tu intanto ne andrai libero. Ti darò la chiave che ti riporti alla luce e ti lascerò libero per una luna, purché tu mi prometta solennemente il ritorno, intanto l'oscurità di questo abisso farà la luce nella mia coscienza." Il prigioniero era immobile come una pietra. La catena non tintinnava più. "Giurami per l'inesorabile dea della vendetta, alla quale nessuno può fuggire, che conserverai il

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO Il primo uomo di Barbara Wilmerton Haas Evangelici.net Kids Corner Nel Principio Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO In quattro giorni Dio creò tantissime cose.

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero.

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero. Prigionieri di ombre Quando il ragionare dei bambini diventa scrittura teatrale. Si tratta di rifare un cammino già fatto. Riprendere quanto già detto, e non soltanto nella forma scritta, bensì nelle espressioni,

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE Che strano sorriso vive per esserci e non per avere ragione in questa piazza chi confida e chi consola di colpo tacciono è giugno, in pieno sole, l abbraccio

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Favole. Di Lev Tolstoj

Favole. Di Lev Tolstoj Favole Di Lev Tolstoj Gli sciacalli e l'elefante Il corvo e i suoi piccoli La testa e la coda del serpente Il corvo e il piccione Il falco e il gallo I due cavalli Il re e gli elefanti La formica e la

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Rudi e Gabriella. 21 giugno 2008. Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca. Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci

Rudi e Gabriella. 21 giugno 2008. Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca. Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci Rudi e Gabriella Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca 21 giugno 2008 Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci Rudi e Gabriella Belotti Via Ginnasio 2 6710 Biasca PRIMA LETTURA Cantico dei Cantici 2, 8 10.14.16a;

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli

Rischiamo il Coraggio

Rischiamo il Coraggio Rischiamo il Coraggio Fraternità di Romena Veglia 2013-2014 Coraggio è il venire dell alba, l ora delle stelle e della notte che sogna, canna incrinata che suona ancora, fiamma che resiste scossa dal vento.

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

ELISABETTA VENDRAMINI

ELISABETTA VENDRAMINI ORA MEDIA In onore della beata ELISABETTA VENDRAMINI vergine e fondatrice festa liturgica 27 aprile 2 INNO Nel canto celebriamo la vergine fedele che ha dato alla Chiesa una famiglia nuova. Di nobili natali,

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO 18 settembre INTRODUZIONE VESPRI V. O Dio, vieni a salvarmi. R. Signore, vieni presto in mio aiuto.. Alleluia INNO San Giuseppe onoriamo: la sua virtù sublime l'ordine

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC)

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC) Un colpo di frusta produce lividure, ma un colpo di lingua rompe le ossa. Tutto si può dire del libro del Siracide, tranne che non sia chiaro ed efficace nelle sue immagini: questa è forte. E non solo

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC

WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC ctüüévv{ t w fa TÇwÜxt Parrocchia di S. Andrea Sommacampagna féååtvtåñtzçt Domenica 21 marzo 2010 WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC 12 BRUCIAMO I BIGLIETTINI Bruciamo i nostri peccati, con il perdono non ci sono

Dettagli

TEMA 9: L'IMMORTALITÀ. Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità. Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119.

TEMA 9: L'IMMORTALITÀ. Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità. Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119. TEMA 9: L'IMMORTALITÀ Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119. , PLATONE FEDONE Prefazione, saggio introduttivo, traduzione, note,

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me.

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me. BEATO L UOMO Beato l'uomo che retto procede e non entra a consiglio con gli empi e non va per la via dei peccatori, nel convegno dei tristi non siede. Nella legge del Signore ha risposto la sua gioia;

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO 18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI Vergine Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo La spiritualità della Santa, centrata in Gesù presente nell Eucaristia, e la sua santità di vita, sono forte

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Come si fa la Prova di comprensione della lettura.

Come si fa la Prova di comprensione della lettura. Come si fa la Prova di comprensione della lettura. Paola Lovesio Istituto Comprensivo di Rocchetta Tanaro Scuola secondaria di I grado Maggiora Vergano Refrancore Media.vergano@libero.it Class IA 1 IL

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE MEDITAZIONE IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE Nel cuore mi porto anche un altro desiderio: in questa terza tappa del Percorso pastorale ogni famiglia cristiana sia pronta a stare nel mondo per raccontare e

Dettagli

sanguinare. In seguito, i due si sono fermati in una grotta e il cane si è sdraiato sul bambino per scaldarlo col calore del suo corpo.

sanguinare. In seguito, i due si sono fermati in una grotta e il cane si è sdraiato sul bambino per scaldarlo col calore del suo corpo. Ci sono tre cose che Dio non può fare a meno di portare a compimento: quello che c è di più vantaggioso, quello che c è di più necessario, quello che c è di più bello per ciascuna cosa. LE MYSTÈRE DES

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli