Problemi sui polinomi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Problemi sui polinomi"

Transcript

1 3 Problemi sui polinomi 3.1 Esercizi proposti Esercizio 1 (Italian IMO Team Selection Test 2008). Sia n>1 un intero. Sia p(x) un polinomio a coe cienti interi di grado n. Sia A un insieme di n +1 interi consecutivi. Dimostrare che esiste un elemento a 2 A tale che p(x) 6= a per ogni numero intero x. Soluzione. Dati p(x) =a a n x n e A = {y 0,...,y n } abbiamo y i = y 0 + i per i =0,...,n. Supponiamo che esistano n +1numeriinterix 0,...,x n tali che p(x i )=y i = y 0 + i. Poniamo h ij = x i x j. Notiamo che, per le formule del binomio, si ha x k i =(x j + h ij ) k = apple k = x k j + h ij 1 = x k j + h ij r ijk, x k 1 j + dove r ijk è un intero. Ne consegue che y 0 + i = p(x i )=a a n x n i = k x k 2 j h ij k 1 k x j h k 2 ij + h k 1 ij = = a 0 + a 1 (x j + h ij r ij1 )+a 2 (x 2 j + h ij r ij2 )+ + a n (x n j + h ij r ijn )= =(a a n x n j )+h ij s ij = = p(x j )+h ij s ij = = y 0 + j + h ij s ij, dove s ij è un intero e quindi, per la precedente eguaglianza, si ha che h ij divide i j. Ne deduciamo che x i x j = h ij 6 i j equindichel insieme B = {x 0,...,x n } è formato da n + 1 interi consecutivi (se non lo fossero almeno due di questi numeri avrebbero di erenza in valore assoluto maggiore di n). Abbiamo che x i+1 x i = h i,i+1 = ±1, pertanto, dato x 0,sihax 1 = x

2 oppure x 1 = x 0 1. Supponiamo di essere nel primo caso (il secondo si tratta in modo analogo), avremo x 2 = x 1 + 1, visto che l altra possibilità x 2 = x 1 1 porta alla contraddizione x 2 = x 0. Iterando questo ragionamento si trova che x i = x 0 + i oppure che x i = x 0 i. Dal principio di identità dei polinomi sappiamo che esiste un unico polinomio p(x) di grado al più uguale a n tale che p(x 0 +i) =y 0 +i, ossia p(x) =(x x 0 )+y 0, ed uno solo tale che p(x 0 i)=y 0 +i, ossia p(x) = (x x 0 )+y 0. Da questo si deduce che n = 1, contrariamente a quanto supposto. Esercizio 2. Determinare tutti i polinomi P (x) tali che P (0) = 0 e Soluzione. Si verifica che P x 2 +1 =(P (x)) 2 +1, 8x 2 R P (0) = 0 P (1) = P ( ) = (P (0)) 2 +1=0+1=1 P (2) = P ( ) = (P (1)) 2 +1=1+1=2 P (5) = P ( ) = (P (2)) 2 +1=2 2 +1=5 ed in generale, se P (k) =k, risulta P (k 2 + 1) = (P (k)) 2 +1=k 2 +1 Di conseguenza vi sono infiniti k per cui P (k) =k per cui il polinomio Q(x) = P (x) x possiede infinite radici. principio di identità dei polinomi discende che Q(x) è il polinomio nullo, ossia P (x) =x. Esercizio 3 (Colombia MO). Siano m, n le radici del polinomio P (x) =ax 2 + bx + c. Trovare un polinomio quadratico avente per radici m 2 n ed n 2 m. Soluzione. Si ha m + n = b a e mn = c a. Pertanto otteniamo e (m 2 n)+(n 2 m)=(m + n) 2 2mn (m + n) = b2 + ab 2ac a 2 (m 2 n)(n 2 m)=(mn) 2 + mn (m 3 + n 3 )= Il polinomio cercato è allora =(mn) 2 + mn (m + n) 3 +3mn(m + n) = = c2 a 2 + c a + b3 a 3 3 cb a 2 = = ac2 + a 2 c + b 3 3abc a 3. a 3 x 2 a(b 2 + ab 2ac)x +(ac 2 + a 2 c + b 3 3abc). 22

3 Esercizio 4 (Colombia MO). Se, sono le radici del polinomio P (x) = x 2 + px +1e, sono le radici del polinomio x 2 + qx + 1 dimostrare che Suggerimento. Sviluppare e tenendo conto che = = 1... ( )( )( + )( + )=p 2 q 2 ( + ) 2 ( + ) 2 ( )( )( + )( + ) Esercizio 5 (Brazil MO). Trovare un polinomio di terzo grado P (x) tale che Soluzione. Poniamo P (x + 1) P (x) =x 2, 8x 2 R a(x) =(x + 1) x = 1 b(x) =(x + 1) 2 x 2 = 2x +1 c(x) =(x + 1) 3 x 3 = 3x 2 +3x +1 Poiché 1 3 c(x) 1 2 b(x)+ 1 6 a(x) =x2, è immediato allora vedere che ogni polinomio della forma P (x) = x3 2 x2 + 1 x + (dove 2 R è arbitrario) 6 ha le proprietà richieste. Esercizio 6. Trovare, nel caso in cui esista, un polinomio P (x) tale che P (x)+p (2 x) =x 2 +3, 8x 2 R Suggerimento. Si ponga Q(x) = P (x) + P (2 x), allora Q(1 + x) = P (1 + x) + P (1 x) =Q(1 x), e quindi il grafico di Q(x) è simmetrico rispetto alla retta di equazione x = 1. Si può dire altrettanto di x 2 + 3? Esercizio 7. Trovare un polinomio P (x) tale che P (x)+xp (2 x) =x 2 +3, 8x 2 R Soluzione. Se n è il grado di P (x), il polinomio Q(x) =P (x) +xp (2 x) ha grado n + 1. Dato che Q(x) =x 2 +3sihachen =1equindiP (x) =ax + b per opportuni numeri reali a e b. Imponendo che P (x) soddisfi alla relazione richiesta si ha ax + b + x [a(2 x)+b] =x 2 +2 da cui, con facili calcoli, si trova che a = 1, b = 3. Pertanto il polinomio cercato è P (x) = x

4 Esercizio 8. Trovare la somma dei coe cienti del polinomio P (x) =(x + 1) 2003 (x + 1) (x 1) 3000 Soluzione. Se P (x) =a 0 + a 1 x + + a n x n abbiamo a 0 + a a n = P (1) = = Esercizio 9. Trovare la somma dei coe polinomio P (x) =( 2x + 1) 2000 cienti dei monomi di grado dispari del Soluzione. Se P (x) =a 0 + a 1 x + + a n x n abbiamo da cui segue che a 0 + a a n = P (1) a 0 a 1 + +( 1) n a n = P ( 1) a 1 + a 3 + a 5 + = P (1) + P ( 1) 2 = Esercizio 10. Trovare il resto della divisione del polinomio x x x per Suggerimento. Essendo x x 1= x 2 1 x 98 + x x x il resto ed il quoziente della divisione sono rispettivamente... Esercizio 11. Trovare un polinomio di quinto grado P (x) tale che P (0) = P (1) = P (2) = P (3) = P (4) = 1 e P (5) = 0. Suggerimento. Si noti che il polinomio Q(x) = 1 5! x(x 1)(x 2)(x 3)(x 4) è tale che Q(0) = Q(1) = Q(2) = Q(3) = Q(4) = 0 e Q(5) = 1, pertanto... Esercizio 12. Sia P (x) è un polinomio a coe cienti interi. Dimostrare che, se P (x) ha esattamente 4 radici intere allora l equazione P (x) = 2 non ha soluzioni intere. Suggerimento. Siano x 1, x 2, x 3 e x 4 quattro numeri interi distinti tali che P (x i )=0peri =1,...,4ey un numero intero tale P (y) = 2. Si mostri che y x i è un divisore di P (y) P (x i ) = 2... Esercizio 13. Il polinomio P (x) =x x + 56 ha due radici, il cui prodotto è 1. Trovare e. 24

5 Suggerimento. Si utilizzi l identità x 5 = P (x) x 56 per calcolare 1 = ( ) 5 = 5 5 =. Esercizio 14 (Incontri Olimpici, Firenze 2009). Dimostrare che il polinomio non ha 50 radici reali positive. x 50 50x x Soluzione. Supponiamo per assurdo che P (x) abbia 50 radici positive a 1, a 2,...,a 50. Dalle formule di Viète abbiamo a 1 + a a 50 = 50, a 1 a 2 a 50 =1 per cui la media aritmetica e la media geometrica degli a i sono rispettivamente: AM = a 1 + a a =1, GM = 50p a 1 a 2 a 50 =1 Poiché la media geometrica e la media aritmetica di numeri positive sono uguali solo quando i numeri sono uguali, abbiamo che a 1 = a 2 = = a 50 =1 ma questo è assurdo in quanto 1 non è radice di P (x). Soluzione alternativa. Supponiamo per assurdo che P (x) abbia 50 radici positive a 1, a 2,...,a 50. Dalle formule di Viète abbiamo 2=a 1 a 2 a 49 + a 1 a 2 a 48 a a 2 a 3 a 50 = = X! X 1 a i = X 1 a i i i a i i da cui discende che la media armonica delle 50 radici è HM = P 50 1 = 25 (3.1) a i i ma questo è assurdo in quanto la media aritmetica è uguale ad 1 ed è noto che la media armonica è minore o uguale della media aritmetica. Esercizio 15 (Incontri Olimpici, Firenze 2009). Dimostrare che il polinomio x 2 + x + 1 divide il polinomio x 2n + x n + 1 se e solo se n non è multiplo di 3. Soluzione. Posto P (x) =x 2 + x +1sia! una sua radice. Chiaramente! 6= 0. Avremo! 3 1=(! 1)(! 2 +! + 1) = (! 1)P (!) =0dimodoche! 3 = 1. Poniamo =! 2. Dal momento che! 6= 1 si ha 6=!. Troviamo allora P ( ) = =! 4 +! 2 +1 = (! 3 )! +! 2 +1 =! +! 2 +1 = P (!) = 0. Ne consegue che P (x) divideq(x) =x 2n + x n + 1 se e solo se! e sono entrambe 25

6 radici di Q(x). Sia 0 6 r 6 2 il resto della divisione di n per 3, allora n =3q +r, cosicché! n =! 3 q! r =! r e 8 >< 3 se r = 0, Q(!) =(! r ) 2 +! r +1= P (!) =0 ser = 1, >: P ( ) =0 ser = 2. Analogamente si mostra che 8 >< 3 se r = 0, Q( ) =( r ) 2 + r +1= P ( ) =0 ser = 1, >: P (!) =0 ser = 2. Pertanto P (x) divideq(x) se e solo se r 6= 0. Esercizio 16 (Incontri Olimpici, Cetraro 2010). Sia p(x) un polinomio a coefficienti interi con p(0) e p(5) dispari. Puó p(x) avere radici intere? Se si, quante? Soluzione. Se k è intero troviamo che ( p(0) 1mod2 p(k) p(5) 1mod2 sek è pari sek è dispari In nessun caso p(k) può essere uguale a 0. Soluzione alternativa. Per risolvere l esercizio usiamo il seguente lemma la cui semplice dimostrazione è proposta come esercizio Lemma. Se P (x) è un polinomio a coe allora a b divide P (a) P (b). cienti interi ed a, b sono numeri interi Dimostriamo che P (x) non ha radici intere: se fosse una radice intera di P (x) si avrebbe 0 P ( ) P (0) = P (0) ) è dispari (essendo P (0) è dispari); 5 P ( ) P (5) = P (5) ) 5 è dispari (essendop (5) è dispari) ) pari. il che è assurdo. Esercizio 17 (Incontri Olimpici, Cetraro 2010). (a) Sia p(x) un polinomio di grado al più 2010 tale che p(i) = 0 per ogni i 2{0, 1,...,2009} e p(2010) = 1. Quanto vale p(2011)? (b) Sia p(x) un polinomio di grado al più 2010 tale che p(i) =i per ogni i 2{0, 1,...,2009} e p(2010) = Quanto vale p(2011)? 26

7 Soluzione. (a) Il polinomio p(x) è della forma p(x) = Ax(x 1)(x 2) (x 2009), quindi 1=p(2010) = A 2010! per cui A =1/2010! e p(2011) = 2011!/2010! = (b) Il polinomio q(x) =x + 1 x(x 1)(x 2) (x 2009) 2010! è tale che q(i) =i per ogni i 2{0, 1,...,2009} e q(2010) = Dal principio di identità dei polinomi segue che p(x) = q(x) e quindi p(2011) = ! = = ! Esercizio 18 (Incontri Olimpici, Cetraro 2011). Siano, le radici del polinomio x x Dimostrare che è un numero intero. Soluzione. Posto S n = n + n, dobbiamo dimostrare che S 2011 è intero. Dalle note relazioni tra le radici e i coe cienti di un equazione di secondo grado segue che: + = 2011, = 1102 equindi S n+2 = n+2 + n+2 = = n+1 + n+1 ( + ) ( n + n )= = 2011S n S n Pertanto, essendo: S 0 = =2, S 1 = + = 2011 ne segue (per induzione) che S n è intero per ogni n 2 N. Esercizio 19 (Incontri Olimpici, Cetraro 2011). Siano a, b numeri interi. Dimostrare che il polinomio F (x) =(x a) 2 (x b) 2 +1 non si può scrivere come prodotto di polinomi a coe minore. cienti interi di grado 27

8 Soluzione. F (x) non è divisibile per nessun polinomio di primo grado in quanto non ha radici reali. Pertanto basta dimostrare che F (x) non può essere scritto come prodotto di due polinomi di secondo grado a coe cienti interi. Supponiamo per assurdo che esistano due polinomi di secondo grado p(x), q(x) a coe cienti interi tali che (x a) 2 (x b) 2 +1=p(x)q(x) (1) e, senza perdita di generalità, possiamo supporre che i coe cienti di grado massimo di p(x), q(x) siano uguali ad 1. Distinguiamo due casi: Se a = b abbiamo: (x a) 4 +1=p(x)q(x) (2) Dalla (2) e ettuando il cambio di variabile x a = X e ponendo P (x) = p(x + a), Q(x) =q(x + a) abbiamo: X 4 +1=P (X)Q(X) = X 2 + ax + b X 2 + cx + d X 4 +1=X 4 +(a + c)x 3 +(b + d)x 2 +(ad + bc)x + bd (3) Dalla (3) segue che bd = 1, b + d = 0 e ciò è impossibile per b, d 2 Z. Se a 6= b abbiamo p(a)q(a) = 1, p(b)q(b) = 1. Pertanto p(a),p(b),q(a),q(b) 2 { 1, 1} Se p(a) =p(b) =1sihacheq(a) =q(b) =1equindi: per cui p(x) 1=(x a)(x b) ) p(x) =(x a)(x b)+1 q(x) 1=(x a)(x b) ) q(x) =(x a)(x b)+1 p(x)q(x) =x 4 2(a+b)x 3 + a 2 + b 2 +4ab +2 x 2 2(a+b)(ab+1)x+a 2 b 2 +2ab+1 ed è facile verificare che la (1) non può essere verificata con a, b 2 Z. Negli altri casi: (p(a) =1,p(b) = 1) _ (p(a) = 1,p(b) = 1) _ (p(a) = 1,p(b) = 1) si dimostra nello stesso modo che la (1) non può essere verificata con a, b 2 Z. Esercizio 20 (Gara di Febbraio 2007). Sia P (x) =x 3 + ax 2 + bx + c. Sapendo che la somma di due delle radici del polinomio vale zero, quale delle seguenti relazioni tra i coe cienti di P (x) è sempre vera? (A) abc =0 (B)c = ab (C) c = a + b (D) b 2 = ac (E) nessuna 28

9 Soluzione. La risposta è (B). Dette, e le radici del polinomio, deve aversi, per ogni x, che (x )(x )(x + )=x 3 + ax 2 + bx + c Svolgendo i prodotti e uguagliando i coe (principio di identità dei polinomi), si ha = a, cienti dei termini dello stesso grado 2 = b, 2 = c ) ab = c Esercizio 21 (Cesenatico 2002). Determinare per quali valori di n tutte le soluzioni dell equazione x 3 3x + n = 0 sono numeri interi. Soluzione. Se a, b, c sono le tre soluzioni (non necessariamente distinte) dell equazione x 3 3x + n = 0, allora x 3 3x + n =(x a)(x b)(x c) =x 3 (a + b + c)x 2 +(ab + bc + ca)x abc Dal principio di identità dei polinomi ne segue che 8 >< a + b + c =0 ab + bc + ca = 3 >: abc = n Essendo (a+b+c) 2 = a 2 +b 2 +c 2 +2(ab+bc+ca), si ottiene a 2 +b 2 +c 2 = 6. Se a, b, c sono interi, questo è possibile solo se due dei quadrati sono uguali ad 1 ed il terzo è uguale a 4. Pertanto possiamo assumere, per simmetria, che a = ±1, b = ±1, c = ±2. Poichè inoltre si deve avere a + b + c = 0, le sole possibilità sono a = b = 1, c = 2ea = b = 1, c = 2, da cui si ricava che n = 2 oppure n = 2. Per quanto abbiamo appena osservato, x 3 3x +2=(x 1) 2 (x + 2), x 3 3x 2=(x + 1) 2 (x 2) e quindi n = 2 ed n = 2 sono e ettivamente soluzioni del problema. Esercizio 22 (Incontri Olimpici, Cetraro 2012). Il polinomio P (x) soddisfa la relazione P ( x) = P (x), per ogni numero reale x. Se dividendo P (x) per x 2 si ottiene resto 5, qual è il resto della divisione di P (x) perx 2 4? Soluzione. Detti Q(x) edr(x) = ax + b il quoziente ed il resto della divisione di P (x) perx 2 4 abbiamo P (x) = x 2 4 Q(x)+ax + b Dal teorema del resto segue che P (2) = 5 e inoltre, dato che P (x) è un polinomio dispari, risulta P ( 2) = P (2) = 5. Pertanto 2a + b =5 2a + b = 5 da cui con un semplice calcolo si ottiene a = 5 2, b =0edR(x) = 5 2 x. 29

10 Esercizio 23 (Incontri Olimpici, Cetraro 2012). Trovare tutti i polinomi P (x) tali che 16(x 1)P (x) =(x 16)P (2x), 8x 2 R (*) Soluzione. Ponendo x = 1, 2, 4, 8 nella relazione (*) otteniamo x =1) P (2) = 0; x =2) P (4) = 0; x =4) P (8) = 0; x =8) P (16) = 0; Dato che 2,4,8,16 sono radici di P (x), esiste un polinomio Q(x) tale che P (x) =Q(x)(x 2)(x 4)(x 8)(x 16) Sostituendo nella relazione (*) abbiamo 16(x 1)Q(x)(x 2)(x 4)(x 8)(x 16) = =(x 16)Q(2x)(2x 2)(2x 4)(2x 8)(2x 16) da cui segue che Q(x) =Q(2x) per ogni x 2 R. Pertanto per ogni i 2 Z risulta Q(1) = Q(2) = Q(4) = = Q(2 i ) il che significa che il polinomio R(x) = Q(x) Q(1) ammette infinite radici e, di conseguenza, R(x) è il polinomio nullo. Questo significa che Q(x) èun polinomio costante, cioè esiste k 2 R tale che Q(x) =k per ogni x 2 R. Abbiamo dimostrato che tutti i polinomi P (x) che verificano la ( ) sono della forma P (x) =k(x 2)(x 4)(x 8)(x 16) (**) per un opportuno k 2 R. Viceversa è un facile esercizio verificare che tutti i polinomi della forma (**) verificano la (*). Soluzione alternativa. Posto P (x) = n P i=0 massimo nei due membri dell espressione i=0 a i x i nx nx 16(x 1) a i x i =(x 16) a i 2 i x i uguagliando i termini di grado si ottiene 16 = 2 n. Pertanto n =4eP (x) =a+bx+cx 2 +dx 3 +ex 4 per opportuni numeri reali a, b, c, d, e. Sostituendo P (x) nella relazione (*) con alcuni calcoli (un po noiosi!) si possono trovare i coe cienti a, b, c, d, e. Esercizio 24 (Stage Olimpico, Teramo 2012). Siano,, le radici del polinomio x 3 6x x 15. Si determini un polinomio di terzo grado avente come radici,,. i=0 30

11 Soluzione. Sia x 3 + ax 2 + bx + c il polinomio richiesto. coe cienti e le radici di un polinomio abbiamo Dalle relazioni tra i da cui segue che + + =6, + + = 12, = 15 a = ( + + )= 12 b = = ( + + ) = 15 6 = 90 c = = 15 2 = 225 Pertanto il polinomio richiesto è x 3 12x x 225. Esercizio 25 (Stage Olimpico, Teramo 2012). Dire per quante coppie (p, q) di numeri primi (positivi) il polinomio x 2 + px + q ha due radici intere. Soluzione. Indicate con, le radici del polinomio si ha che = q e, dato che q è primo, possono presentarsi due casi: =1, = q ) q +1= p, impossibile; = 1, = q ) q 1= p ) p = q +1) q =2,p= 3. Pertanto x 2 + px + q ha due radici intere solo se q =2ep = 3. Esercizio 26 (Stage Olimpico, Teramo 2012). Dimostrare che non esiste un polinomio a coe cienti interi P (x) tale che P (1) = e P (5) = 3. Soluzione. Per il teorema del resto esiste un polinomio ma coe Q(x) tale che P (x) =(x 1)Q(x) + 2. Pertanto cienti interi 3=P (5) = (5 1)Q(5) + 2 ) Q(5) = 1 5 il che è impossibile in quanto Q(5) è un intero. Esercizio 27 (Stage Olimpico, Teramo 2012). Sia P (x) un polinomio a coe - cienti interi tale che P (1) = P (2) = P (3) = 1. Dimostrare che non esiste nessun intero n tale che P (n) = 4. Soluzione. Il polinomio P (x) 1 ammette le radici 1, 2 e 3, quindi esiste un polinomio Q(x) a coe cienti interi tale che equindi P (x) 1=(x 1)(x 2)(x 3)Q(x) P (x) =(x 1)(x 2)(x 3)Q(x)+1 31

12 Se esistesse un intero n tale che P (n) =4siavrebbe equindi 1+(n 1)(n 2)(n 3)Q(n) =4 3=(n 1)(n 2)(n 3)Q(n), ma questo è impossibile in quanto 3 non è divisibile per tre interi distinti consecutivi. Esercizio 28 (Incontri Olimpici, Cetraro 2012). Siano a 1,a 2,...,a n degli interi distinti. Dimostrare che il polinomio è irriducibile su Z. P (x) =(x a 1 )(x a 2 ) (x a n ) 1 Soluzione. Per assurdo supponiamo che esistano due polinomi s(x), t(x) di grado minore di n tali che P (x) = s(x)t(x). Pertanto Dalla (1) segue che e, poichè s(a i ),t(a i ) 2 Z abbiamo (x a 1 )(x a 2 ) (x a n )=s(x)t(x) + 1 (1) s(a i )t(a i )= 1 8i 2{1, 2,...,n} (2) s(a i )+t(a i )=0 8i 2{1, 2,...,n} e ciò implica che s(x) + t(x) è il polinomio nullo (in quanto ha grado minore di n ed ammette n radici) e quindi s(x) = t(x). Pertanto P (x) = (t(x)) 2 e, di conseguenza, P (x) non assume mai valori positivi. Questo però è assurdo perché se x>max (a 1,a 2,...,a n ) + 1 si verifica facilmente che P (x) > 0. Esercizio 29 (Ontario Annual Examination 1956). Se le radici del polinomio x 3 + ax 2 + bc + c sono in progressione geometrica, dimostrare che a 3 c = b 3. Soluzione. Possiamo supporre, senza perdita di generalità che le radici,, del polinomio P (x) soddisfano la relazione =. Applicando le formule di Viète... Esercizio 30 (Russia MO 2004). Il polinomio a coe cienti interi f(x) =x n + a 1 x n 1 + a 2 x n a n 1 x + a n ha n radici intere distinte. Dimostrare che se le radici sono a due a due coprime allora a n 1 ed a n sono coprimi. 32

13 Suggerimento. Dalle formule di Viète sappiamo che a n =( 1) n x 1 x n,dove x 1,...,x n sono le radici di f(x). Se p è u n n u m e r o p r i m o c h e d i v i d e a n allora deve dividere una delle radici di f(x), senza perdita di generalità possiamo supporre che p divida x 1. Possiamo scrivere: X n a n 1 =( 1) n 1 x 1 x i 1 x i+1 x n i=1 =( 1) n 1 x 2 x n + x 1! nx x 2 x i 1 x i+1 x n Se per assurdo supponiamo che p divida anche a n 1 allora... i=2 33

Incontri di Matematica: Polinomi, Ricorrenza, Numeri Complessi

Incontri di Matematica: Polinomi, Ricorrenza, Numeri Complessi Incontri di Matematica: Polinomi, Ricorrenza, Numeri Complessi Norberto Gavioli Dipartimento di Ingengeria e Scienze dell Informazione ematematica Università dell Aquila Ercole Suppa e Rosanna Tupitti

Dettagli

ALGEBRA I: SOLUZIONI QUINTA ESERCITAZIONE 9 maggio 2011

ALGEBRA I: SOLUZIONI QUINTA ESERCITAZIONE 9 maggio 2011 ALGEBRA I: SOLUZIONI QUINTA ESERCITAZIONE 9 maggio 2011 Esercizio 1. Usando l algoritmo euclideo delle divisioni successive, calcolare massimo comune divisore e identità di Bézout per le seguenti coppie

Dettagli

TEOREMA DEL RESTO E REGOLA DI RUFFINI

TEOREMA DEL RESTO E REGOLA DI RUFFINI TEOREMA DEL RESTO E REGOLA DI RUFFINI ALCUNI TEOREMI IMPORTANTI Prendiamo una divisione intera tra numeri: 6 : 3 = 2. Il resto di questa divisione è 0, e questo significa che moltiplicando il quoziente

Dettagli

Un monomio è in forma normale se è il prodotto di un solo fattore numerico e di fattori letterali con basi diverse. Tutto quanto sarà detto di

Un monomio è in forma normale se è il prodotto di un solo fattore numerico e di fattori letterali con basi diverse. Tutto quanto sarà detto di DEFINIZIONE Espressione algebrica costituita dal prodotto tra una parte numerica (coefficiente) e una o più variabili e/o costanti (parte letterale). Variabili e costanti possono comparire elevate a potenza

Dettagli

Un polinomio è un espressione algebrica data dalla somma di più monomi.

Un polinomio è un espressione algebrica data dalla somma di più monomi. 1 I polinomi 1.1 Terminologia sui polinomi Un polinomio è un espressione algebrica data dalla somma di più monomi. I termini di un polinomio sono i monomi che compaiono come addendi nel polinomio. Il termine

Dettagli

Strutture algebriche. Leggi di composizione. Leggi di composizione. Gruppi Insiemi di numeri Polinomi

Strutture algebriche. Leggi di composizione. Leggi di composizione. Gruppi Insiemi di numeri Polinomi Introduzione S S S S Le strutture algebriche sono date da insiemi con leggi di composizione binarie (operazioni) ed assiomi (proprietà) Una legge di composizione binaria è una funzione : I J K, una legge

Dettagli

3/10/ Divisibilità e massimo comun divisore

3/10/ Divisibilità e massimo comun divisore MCD in N e Polinomi 3/10/2013 1 Divisibilità e massimo comun divisore 1.1 Divisibilità in N In questa sezione introdurremo il concetto di divisibilità e di massimo comun divisore di due numeri naturali

Dettagli

Esempio B2.1: dire il grado del monomio seguente rispetto ad ogni lettera e il suo grado complessivo:

Esempio B2.1: dire il grado del monomio seguente rispetto ad ogni lettera e il suo grado complessivo: B. Polinomi B.1 Cos è un polinomio Un POLINOMIO è la somma di due o più monomi. Se ha due termini, come a+b è detto binomio Se ha tre termini, come a-3b+cx è detto trinomio, eccetera GRADO DI UN POLINOMIO

Dettagli

1 Fattorizzazione di polinomi

1 Fattorizzazione di polinomi 1 Fattorizzazione di polinomi Polinomio: un polinomio di grado n nella variabile x, è dato da p(x) = a n x n + a n 1 x n 1 + + a 1 x + a 0 con a n 0, a 0 è detto termine noto, a k è detto coefficiente

Dettagli

POLINOMI. (p+q)(x) = p(x)+q(x) (p q)(x) = p(x) q(x) x K

POLINOMI. (p+q)(x) = p(x)+q(x) (p q)(x) = p(x) q(x) x K POLINOMI 1. Funzioni polinomiali e polinomi Sono noti campi infiniti (es. il campo dei complessi C, quello dei reali R, quello dei razionali Q) e campi finiti (es. Z p la classe dei resti modp con p numero

Dettagli

LEZIONE 15. (15.1.2) p(x) = a 0 x n + a 1 x n a n 1 x + a n = a h x n h.

LEZIONE 15. (15.1.2) p(x) = a 0 x n + a 1 x n a n 1 x + a n = a h x n h. LEZIONE 15 15.1. Polinomi a coefficienti complessi e loro e loro radici. In questo paragrafo descriveremo alcune proprietà dei polinomi a coefficienti complessi e delle loro radici. Già nel precedente

Dettagli

CONGRUENZE. proprietà delle congruenze: la congruenza è una relazione di equivalenza inoltre: Criteri di divisibilità

CONGRUENZE. proprietà delle congruenze: la congruenza è una relazione di equivalenza inoltre: Criteri di divisibilità CONGRUENZE I) Definizione: due numeri naturali a e b si dicono congrui modulo un numero naturale p se hanno lo stesso resto nella divisione intera per p. Si scrive a b mod p oppure a b (p) proprietà delle

Dettagli

Giovanna Carnovale. October 18, Divisibilità e massimo comun divisore

Giovanna Carnovale. October 18, Divisibilità e massimo comun divisore MCD in N e Polinomi Giovanna Carnovale October 18, 2011 1 Divisibilità e massimo comun divisore 1.1 Divisibilità in N In questa sezione introdurremo il concetto di divisibilità e di massimo comun divisore

Dettagli

Polinomi. Corso di accompagnamento in matematica. Lezione 1

Polinomi. Corso di accompagnamento in matematica. Lezione 1 Polinomi Corso di accompagnamento in matematica Lezione 1 Sommario 1 Insiemi numerici 2 Definizione di polinomio 3 Operazioni tra polinomi 4 Fattorizzazione Corso di accompagnamento Polinomi Lezione 1

Dettagli

Dispense del corso di Algebra 1. Soluzioni di alcuni esercizi

Dispense del corso di Algebra 1. Soluzioni di alcuni esercizi Dispense del corso di Algebra 1 Soluzioni di alcuni esercizi Esercizio 1.1. 1) Vero; ) Falso; 3) V; 4) F; 5) F; 6) F (infatti: {x x Z,x < 1} {0}); 7) V. Esercizio 1.3. Se A B, allora ogni sottoinsieme

Dettagli

Gli insiemi N, Z e Q. I numeri naturali

Gli insiemi N, Z e Q. I numeri naturali Università Roma Tre L. Chierchia 1 Gli insiemi N, Z e Q Il sistema dei numeri reali (R, +,, ) può essere definito tramite sedici assiomi: quindici assiomi algebrici (si veda ad esempio 2.3 in [Giusti,

Dettagli

Precorso CLEF-CLEI, esercizi di preparazione al test finale con soluzioni

Precorso CLEF-CLEI, esercizi di preparazione al test finale con soluzioni Precorso CLEF-CLEI, esercizi di preparazione al test finale con soluzioni ARITMETICA 1. Scomporre in fattori primi 2500 e 5600. Soluzione: Osserviamo che entrambi i numeri sono multipli di 100 = 2 2 5

Dettagli

Lezione 3 - Teoria dei Numeri

Lezione 3 - Teoria dei Numeri Lezione 3 - Teoria dei Numeri Problema 1 Trovare il più piccolo multiplo di 15 formato dalle sole cifre 0 e 8 (in base 10). Il numero cercato dev'essere divisibile per 3 e per 5 quindi l'ultima cifra deve

Dettagli

DIVISIONE TRA POLINOMI IN UNA VARIABILE

DIVISIONE TRA POLINOMI IN UNA VARIABILE DIVISIONE TRA POLINOMI E SCOMPOSIZIONE Prof. Erasmo Modica healthinsurance@tin.it DIVISIONE TRA POLINOMI IN UNA VARIABILE L algoritmo della divisione tra polinomi è analogo a quello della divisione ordinaria

Dettagli

Piccolo teorema di Fermat

Piccolo teorema di Fermat Piccolo teorema di Fermat Proposizione Siano x, y Z, p N, p primo. Allora (x + y) p x p + y p (mod p). Piccolo teorema di Fermat Proposizione Siano x, y Z, p N, p primo. Allora (x + y) p x p + y p (mod

Dettagli

Soluzioni dei quesiti della maturità scientifica A.S. 2009/2010

Soluzioni dei quesiti della maturità scientifica A.S. 2009/2010 Soluzioni dei quesiti della maturità scientifica AS 009/010 Nicola Gigli Sun-Ra Mosconi giugno 010 Quesito 1 Un generico polinomio di grado n si può scrivere nella forma p(x) a 0 + a 1 x + + a n x n dove

Dettagli

Calcolo integrale. Regole di integrazione

Calcolo integrale. Regole di integrazione Calcolo integrale Linearità dell integrale Integrazione per parti Integrazione per sostituzione Integrazione di funzioni razionali 2 2006 Politecnico di Torino Proprietà Siano e funzioni integrabili su

Dettagli

MATEMATICA EQUAZIONI FRATTE, DI SECONDO GRADO O SUPERIORE GSCATULLO

MATEMATICA EQUAZIONI FRATTE, DI SECONDO GRADO O SUPERIORE GSCATULLO MATEMATICA EQUAZIONI FRATTE, DI SECONDO GRADO O SUPERIORE GSCATULLO Equazioni fratte, di secondo grado o superiore Le equazioni di secondo grado Un equazione è di secondo grado se si può scrivere nella

Dettagli

A.A CORSO DI ALGEBRA 1. PROFF. P. PIAZZA, E. SPINELLI. SOLUZIONE ESERCIZI FOGLIO 5.

A.A CORSO DI ALGEBRA 1. PROFF. P. PIAZZA, E. SPINELLI. SOLUZIONE ESERCIZI FOGLIO 5. A.A. 2015-2016. CORSO DI ALGEBRA 1. PROFF. P. PIAZZA, E. SPINELLI. SOLUZIONE ESERCIZI FOGLIO 5. Esercizio 5.1. Determinare le ultime tre cifre di n = 13 1625. (Suggerimento. Sfruttare il Teorema di Eulero-Fermat)

Dettagli

1 Disquazioni di primo grado

1 Disquazioni di primo grado 1 Disquazioni di primo grado 1 1 Disquazioni di primo grado Si assumono assodate le regole per la risoluzione delle equazioni lineari Ricordando che una disuguaglianza è una scrittura tra due espressioni

Dettagli

Introduciamo ora un altro campo, formato da un numero finito di elementi; il campo delle classi resto modulo n, con n numero primo.

Introduciamo ora un altro campo, formato da un numero finito di elementi; il campo delle classi resto modulo n, con n numero primo. Capitolo 3 Il campo Z n 31 Introduzione Introduciamo ora un altro campo, formato da un numero finito di elementi; il campo delle classi resto modulo n, con n numero primo 32 Le classi resto Definizione

Dettagli

0 Insiemi, funzioni, numeri

0 Insiemi, funzioni, numeri Giulio Cesare Barozzi, Giovanni Dore, Enrico Obrecht Elementi di analisi matematica - Volume 1 Zanichelli 0 Insiemi, funzioni, numeri Esercizi 0.1. Il linguaggio degli insiemi 0.1.1. Esercizio Poniamo

Dettagli

Esercizi di Matematica per la prova di ammissione alla Scuola Galileiana /16

Esercizi di Matematica per la prova di ammissione alla Scuola Galileiana /16 Esercizi di Matematica per la prova di ammissione alla Scuola Galileiana - 015/16 Esercizio 1 Per quali valori n Z \ {0} l espressione è un numero intero positivo? (n + 5)(n + 6) 6n Soluzione. Il problema

Dettagli

Parte III. Incontro del 26 gennaio 2012

Parte III. Incontro del 26 gennaio 2012 Parte III Incontro del 6 gennaio 01 17 Alcuni esercizi Esercizio (Giochi di Archimede 011). Un canguro e una rana si trovano inizialmente sullo stesso vertice di un poligono regolare di 41 lati, e cominciano

Dettagli

Calcolo letterale. 1. Quale delle seguenti affermazioni è vera?

Calcolo letterale. 1. Quale delle seguenti affermazioni è vera? Calcolo letterale 1. Quale delle seguenti affermazioni è vera? (a) m.c.m.(49a b 3 c, 4a 3 bc ) = 98a 3 b 3 c (b) m.c.m.(49a b 3 c, 4a 3 bc ) = 98a 3 b 3 c (XX) (c) m.c.m.(49a b 3 c, 4a 3 bc ) = 49a bc

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

C I R C O N F E R E N Z A...

C I R C O N F E R E N Z A... C I R C O N F E R E N Z A... ESERCITAZIONI SVOLTE 3 Equazione della circonferenza di noto centro C e raggio r... 3 Equazione della circonferenza di centro C passante per un punto A... 3 Equazione della

Dettagli

NOTE DI ALGEBRA LINEARE v = a 1 v a n v n, w = b 1 v b n v n

NOTE DI ALGEBRA LINEARE v = a 1 v a n v n, w = b 1 v b n v n NOTE DI ALGEBRA LINEARE 2- MM 9 NOVEMBRE 2 Combinazioni lineari e generatori Sia K un campo e V uno spazio vettoriale su K Siano v,, v n vettori in V Definizione Un vettore v V si dice combinazione lineare

Dettagli

Esercizio. Sia a R non nullo e siano m, n numeri interi non nulli con m n. Allora a m /a n è uguale a. [1] 1/a n m [2] 1/a m n [3] 1/a n m [4] a n m

Esercizio. Sia a R non nullo e siano m, n numeri interi non nulli con m n. Allora a m /a n è uguale a. [1] 1/a n m [2] 1/a m n [3] 1/a n m [4] a n m Sia a R non nullo e siano m, n numeri interi non nulli con m n. Allora a m /a n è uguale a [1] 1/a n m [2] 1/a m n [3] 1/a n m [4] a n m Vale la [1] perché per le proprietà delle potenze risulta a m a

Dettagli

NOTE SULLE FUNZIONI CONVESSE DI UNA VARIABILE REALE

NOTE SULLE FUNZIONI CONVESSE DI UNA VARIABILE REALE NOTE SULLE FUNZIONI CONVESSE DI UNA VARIABILE REALE ROBERTO GIAMBÒ 1. DEFINIZIONI E PRIME PROPRIETÀ In queste note saranno presentate alcune proprietà principali delle funzioni convesse di una variabile

Dettagli

Equazioni e disequazioni algebriche. Soluzione. Si tratta del quadrato di un binomio. Si ha pertanto. (x m y n ) 2 = x 2m 2x m y n + y 2n

Equazioni e disequazioni algebriche. Soluzione. Si tratta del quadrato di un binomio. Si ha pertanto. (x m y n ) 2 = x 2m 2x m y n + y 2n Si tratta del quadrato di un binomio. Si ha pertanto (x m y n ) 2 = x 2m 2x m y n + y 2n 4. La divisione (x 3 3x 2 + 5x 2) : (x 2) ha Q(x) = x 2 x + 3 e R = 4 Dalla divisione tra i polinomi risulta (x

Dettagli

LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO

LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO Definizione: un equazione è di secondo grado se, dopo aver applicato i principi di equivalenza, si può scrivere nella forma, detta normale: ax + bx + c 0!!!!!con!a 0 Le lettere

Dettagli

Il concetto delle equazioni reciproche risale ad A. De Moivre ( ) ed il nome è dovuto a L. Euler ( ).

Il concetto delle equazioni reciproche risale ad A. De Moivre ( ) ed il nome è dovuto a L. Euler ( ). Il concetto delle equazioni reciproche risale ad A. De Moivre (1667-1754) ed il nome è dovuto a L. Euler (1707-1783). Girard nel 1629 enunciò, e Gauss poi dimostrò rigorosamente nel 1799, che un equazione

Dettagli

IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero

IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero Il teorema degli zeri è fondamentale per determinare se una funzione continua in un intervallo chiuso [ a ; b ] si annulla in almeno un punto interno

Dettagli

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 2: soluzioni

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 2: soluzioni Corso di Geometria 2- BIAR, BSIR Esercizi 2: soluzioni Esercizio Calcolare il determinante della matrice 2 3 : 3 2 a) con lo sviluppo lungo la prima riga, b) con lo sviluppo lungo la terza colonna, c)

Dettagli

Esercizio L1 L2 L3. Il numero 1152 scomposto in fattori primi si scrive [1] [2] [3] 7 31 [4] Risposta

Esercizio L1 L2 L3. Il numero 1152 scomposto in fattori primi si scrive [1] [2] [3] 7 31 [4] Risposta Il numero 1152 scomposto in fattori primi si scrive [1] 2 7 3 2 [2] 2 5 11 [3] 7 31 [4] 1152 Il numero 1152 termina con la cifra 2 e, di conseguenza, è divisibile per 2. Questo significa che ha il numero

Dettagli

Allenamenti di matematica: Algebra e Teoria dei Numeri

Allenamenti di matematica: Algebra e Teoria dei Numeri Brescia, 18 novembre 2011 Allenamenti di matematica: Algebra e Teoria dei Numeri 1. (a) Risolvi l equazione x 3 12x 2 + 29x 18 = 0. (b) Risolvi l equazione precedente utilizzando il seguente metodo. Effettua

Dettagli

a + 2b + c 3d = 0, a + c d = 0 c d

a + 2b + c 3d = 0, a + c d = 0 c d SPAZI VETTORIALI 1. Esercizi Esercizio 1. Stabilire quali dei seguenti sottoinsiemi sono sottospazi: V 1 = {(x, y, z) R 3 /x = y = z} V = {(x, y, z) R 3 /x = 4} V 3 = {(x, y, z) R 3 /z = x } V 4 = {(x,

Dettagli

Esercizi di Algebra 2, C.S. in Matematica, a.a

Esercizi di Algebra 2, C.S. in Matematica, a.a 26 Esercizi di Algebra 2, C.S. in Matematica, a.a.2008-09. Parte V. Anelli Nota. Salvo contrario avviso il termine anello sta per anello commutativo con identità. Es. 154. Provare che per ogni intero n

Dettagli

TEORIA DEI NUMERI. 1. Numeri naturali, interi relativi e principi d induzione

TEORIA DEI NUMERI. 1. Numeri naturali, interi relativi e principi d induzione TEORIA DEI NUMERI. Numeri naturali, interi relativi e principi d induzione Le proprietà dell insieme N = {0,, 2, } dei numeri naturali possono essere dedotte dai seguenti assiomi di Peano:. C è un applicazione

Dettagli

NUMERI PRIMI E TEORMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA Definizione 1. Sia p Z, p ±1. Si dice che p è primo se

NUMERI PRIMI E TEORMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA Definizione 1. Sia p Z, p ±1. Si dice che p è primo se NUMERI PRIMI E TEORMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA Definizione 1. Sia p Z, p ±1. Si dice che p è primo se ( a, b Z) (p ab = (p a p b). Teorema 1. Sia p Z, p ±1. Allora p è primo se e solo se ( a, b Z)

Dettagli

Soluzioni. 1. Calcolare la parte reale e immaginaria del numero complesso. z = i i. 3 (2 + i) = i i = i.

Soluzioni. 1. Calcolare la parte reale e immaginaria del numero complesso. z = i i. 3 (2 + i) = i i = i. 20 Roberto Tauraso - Analisi 2 Soluzioni 1. Calcolare la parte reale e immaginaria del numero complesso R. z = i + 3 2 i. z = i + 3 2 i 2 i = 6 5 + ( 1 + 3 5 3 (2 + i) = i + 2 4 + 1 ) i = 6 5 + 8 5 i.

Dettagli

INCONTRI OLIMPICI Gara a Squadre per Insegnanti. Montecatini Terme, 20 ottobre 2014

INCONTRI OLIMPICI Gara a Squadre per Insegnanti. Montecatini Terme, 20 ottobre 2014 INCONTRI OLIMPICI 014 Gara a Squadre per Insegnanti Montecatini Terme, 0 ottobre 014 Soluzioni scritte da Rosanna Tupitti ed Ercole Suppa Durata: 90 minuti 1. Il numero 006, aumentato della somma delle

Dettagli

II Esonero di Matematica Discreta - a.a. 06/07. Versione B

II Esonero di Matematica Discreta - a.a. 06/07. Versione B II Esonero di Matematica Discreta - a.a. 06/07 1. Nell anello dei numeri interi Z: Versione B a. Determinare la scrittura posizionale in base 9 del numero che in base 10 si scrive) 5293 e la scrittura

Dettagli

Monomi e Polinomi. Monomio Si dice monomio un espressione letterale in cui figurano solo operazioni di moltiplicazione.

Monomi e Polinomi. Monomio Si dice monomio un espressione letterale in cui figurano solo operazioni di moltiplicazione. Monomi e Polinomi Monomio Si dice monomio un espressione letterale in cui figurano solo operazioni di moltiplicazione. ) Sono monomi: 5 a 3 b 2 z; 2 3 a2 c 9 ; +7; 8a b 3 a 2. Non sono monomi: a + 2; xyz

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI Esercizi Esercizio Date le seguenti applicazioni lineari f : R 2 R 3 definita da fx y = x 2y x + y x + y; 2 g : R 3 R 2 definita da gx y z = x + y x y; 3 h : Rx] 2 R 2 definita da

Dettagli

0.1 Spazi Euclidei in generale

0.1 Spazi Euclidei in generale 0.1. SPAZI EUCLIDEI IN GENERALE 1 0.1 Spazi Euclidei in generale Sia V uno spazio vettoriale definito su R. Diremo, estendendo una definizione data in precedenza, che V è uno spazio vettoriale euclideo

Dettagli

SISTEMI LINEARI: APPROFONDIMENTI ED ESEMPI

SISTEMI LINEARI: APPROFONDIMENTI ED ESEMPI SISTEMI LINEARI: APPROFONDIMENTI ED ESEMPI Appunti presi dalle lezioni del prof. Nedo Checcaglini Liceo Scientifico di Castiglion Fiorentino (Classe 4B) January 17, 005 1 SISTEMI LINEARI Se a ik, b i R,

Dettagli

Soluzioni 28 a Gara Città di Padova (6 Aprile 2013)

Soluzioni 28 a Gara Città di Padova (6 Aprile 2013) Soluzioni 28 a Gara Città di Padova (6 Aprile 2013) 1.- Sia K il valore comune delle somme degli elementi della prima riga, di quelli della seconda e di quelli della colonna. Sia X il numero messo nella

Dettagli

CAPITOLO 6. Polinomi. (f(0), f(1),..., f(n),... ).

CAPITOLO 6. Polinomi. (f(0), f(1),..., f(n),... ). CAPITOLO 6 Polinomi I polinomi compaiono già nella scuola media; tuttavia il modo in cui sono presentati è spesso lacunoso. Cercheremo in questo capitolo di fondare la teoria dei polinomi su basi più solide.

Dettagli

Equazioni e disequazioni. M.Simonetta Bernabei, Horst Thaler

Equazioni e disequazioni. M.Simonetta Bernabei, Horst Thaler Equazioni e disequazioni M.Simonetta Bernabei, Horst Thaler A(x)=0 x si chiama incognita dell equazione. Se oltre all incognita non compaiono altre lettere l equazione si dice numerica, altrimenti letterale.

Dettagli

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria.

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria. Capitolo 2 Campi 2.1 Introduzione Studiamo ora i campi. Essi sono una generalizzazione dell insieme R dei numeri reali con le operazioni di addizione e di moltiplicazione. Nel secondo paragrafo ricordiamo

Dettagli

04 - Logica delle dimostrazioni

04 - Logica delle dimostrazioni Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 04 - Logica delle dimostrazioni Anno Accademico 013/014 D. Provenzano,

Dettagli

PREPARAZIONE ALLE GARE DI MATEMATICA - CORSO BASE

PREPARAZIONE ALLE GARE DI MATEMATICA - CORSO BASE Liceo Scientifico Gullace PREPARAZIONE ALLE GARE DI MATEMATICA - CORSO BASE Aritmetica 014-15 1 Lezione 1 DIVISIBILITÀ, PRIMI E FATTORIZZAZIONE Definizioni DIVISIBILITÀ': dati due interi a e b, diciamo

Dettagli

Equazioni algebriche di terzo grado: ricerca delle soluzioni

Equazioni algebriche di terzo grado: ricerca delle soluzioni Equazioni algebriche di terzo grado: ricerca delle soluzioni 1 Caso particolare: x 3 + px + q = 0....................... Caso generale: x 3 + bx + cx + d = 0..................... 4 3 Esercizi.....................................

Dettagli

Scomposizione in fattori

Scomposizione in fattori Scomposizione in fattori 13 Scomporre un polinomio in fattori significa scrivere il polinomio come il prodotto di polinomi e monomi che moltiplicati tra loro danno come risultato il polinomio stesso. Si

Dettagli

z =[a 4 a 3 a 2 a 1 a 0 ] 10

z =[a 4 a 3 a 2 a 1 a 0 ] 10 Esercizio 1. Sia z =[a 4 a 3 a 2 a 1 a 0 ] 10 un numero intero (la notazione significa che le cifre con cui rappresento z in base 10 sono a 4,..., a 0 {0, 1,..., 9}, ecioè z = a 4 10 4 + a 3 10 3 + a 2

Dettagli

Anno 1. Divisione fra polinomi

Anno 1. Divisione fra polinomi Anno 1 Divisione fra polinomi 1 Introduzione In questa lezione impareremo a eseguire la divisione fra polinomi. In questo modo completiamo il quadro delle 4 operazioni con i polinomi. Al termine di questa

Dettagli

Sviluppi e derivate delle funzioni elementari

Sviluppi e derivate delle funzioni elementari Sviluppi e derivate delle funzioni elementari In queste pagine dimostriamo gli sviluppi del prim ordine e le formule di derivazioni delle principali funzioni elementari. Utilizzeremo le uguaglianze lim

Dettagli

Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica

Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica Ercole Suppa Liceo Scientifico A. Einstein, Teramo e-mail: ercolesuppa@gmail.com Teramo, 3 dicembre 2014 USR Abruzzo - PLS 2014-2015,

Dettagli

Le eguaglianze algebriche: Identità ed Equazioni

Le eguaglianze algebriche: Identità ed Equazioni Le eguaglianze algebriche: Identità ed Equazioni Le eguaglianze algebriche possono essere di due tipi 1 - Identità - Equazioni L eguaglianza è verificata da qualsiasi valore attribuito alle lettere L eguaglianza

Dettagli

Calcolo algebrico e polinomi 1 / 48

Calcolo algebrico e polinomi 1 / 48 Calcolo algebrico e polinomi 1 / 48 2 / 48 Introduzione In questa lezione esporremo i principali concetti relativi al calcolo algebrico elementare e ai polinomi. In particolare, illustreremo: Prodotti

Dettagli

( ) ( ) 2 + 3( a + b) = ( ) + b( x 1) = ( ) ( ) b( x + y) = ( ) x 2 ( a + b) y 2 + ( a + b) = ( ) + ( a b) = ( ) a( 4x + 7) = ( ) + 3a( 2 5y) =

( ) ( ) 2 + 3( a + b) = ( ) + b( x 1) = ( ) ( ) b( x + y) = ( ) x 2 ( a + b) y 2 + ( a + b) = ( ) + ( a b) = ( ) a( 4x + 7) = ( ) + 3a( 2 5y) = 1 Scomposizione in fattori di un polinomio Scomporre in fattori un polinomio significa trasformare il polinomio, che è una somma algebrica di monomi, nel prodotto di fattori con il grado più basso possibile.

Dettagli

L1 L2 L3 L4. Esercizio. Infatti, osserviamo che p non può essere un multiplo di 3 perché è primo. Pertanto, abbiamo solo due casi

L1 L2 L3 L4. Esercizio. Infatti, osserviamo che p non può essere un multiplo di 3 perché è primo. Pertanto, abbiamo solo due casi Sia p 5 un numero primo. Allora, p è sempre divisibile per 4. Scriviamo p (p ) (p + ). Ora, p 5 è primo e, quindi, dispari. Dunque, p e p + sono entrambi pari. Facciamo vedere anche che uno tra p e p +

Dettagli

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0.

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0. Elementi di Algebra e Logica 2008. Esercizi 4. Gruppi, anelli e campi. 1. Determinare la tabella additiva e la tabella moltiplicativa di Z 6. (a) Verificare dalla tabella moltiplicativa di Z 6 che esistono

Dettagli

Riepilogo scomposizione polinomi

Riepilogo scomposizione polinomi Riepilogo scomposizione polinomi. Ci sono fattori comuni? Se sì, fai un raccoglimento totale. Esempio: ax ay a=a x y 2. Quanti sono i termini del polinomio? Due Somma di quadrati: non si scompone. Esempio:

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA per Ing. Chimica e Ing. delle Telecomunicazioni MONOMI E POLINOMI Prof. Erasmo Modica

CORSO ZERO DI MATEMATICA per Ing. Chimica e Ing. delle Telecomunicazioni MONOMI E POLINOMI Prof. Erasmo Modica CORSO ZERO DI MATEMATICA per Ing. Chimica e Ing. delle Telecomunicazioni MONOMI E POLINOMI Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it MONOMI In una formula si dicono variabili le lettere alle quali può essere

Dettagli

Dipendenza e indipendenza lineare (senza il concetto di rango)

Dipendenza e indipendenza lineare (senza il concetto di rango) CAPITOLO 5 Dipendenza e indipendenza lineare (senza il concetto di rango) Esercizio 5.1. Scrivere un vettore w R 3 linearmente dipendente dal vettore v ( 1, 9, 0). Esercizio 5.2. Stabilire se i vettori

Dettagli

Esercizi sul Principio d Induzione

Esercizi sul Principio d Induzione AM110 - ESERCITAZIONI I - II - 4 OTTOBRE 01 Esercizi sul Principio d Induzione Esercizio svolto 1. Dimostrare che per ogni n 1, il numero α(n) := n 3 + 5n è divisibile per 6. Soluzione. Dimostriamolo usando

Dettagli

1 Relazione di congruenza in Z

1 Relazione di congruenza in Z 1 Relazione di congruenza in Z Diamo ora un esempio importante di relazione di equivalenza: la relazione di congruenza modn in Z. Definizione 1 Sia X = Z, a,b Z ed n un intero n > 1. Si dice a congruo

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI SUL CALCOLO INTEGRALE

ESERCIZI SVOLTI SUL CALCOLO INTEGRALE ESERCIZI SVOLTI SUL CALCOLO INTEGRALE * Tratti dagli appunti delle lezioni del corso di Matematica Generale Dipartimento di Economia - Università degli Studi di Foggia Prof. Luca Grilli Dott. Michele Bisceglia

Dettagli

1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: c) x + 1 d)x sin x.

1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: c) x + 1 d)x sin x. Funzioni derivabili Esercizi svolti 1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: a)2x 5 b) x 3 x 4 c) x + 1 d)x sin x. 2) Scrivere l equazione della retta tangente

Dettagli

ANALISI MATEMATICA PER IL CdL IN INFORMATICA ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI

ANALISI MATEMATICA PER IL CdL IN INFORMATICA ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI ANALISI MATEMATICA PER IL CdL IN INFORMATICA ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI Risolvere le seguenti disequazioni: ( 1 ) x < x + 1 1) 4x + 4 x ) x + 1 > x 4x x 10 ) x 4 x 5 4x + > ; 4) ; 5) 0; ) x 1 x + 1 x

Dettagli

Equazioni di 2 grado

Equazioni di 2 grado Equazioni di grado Antonino Leonardis Introduzione Solitamente per trovare la formula risolutiva delle equazioni di secondo grado si utilizza il completamento del quadrato Adesso vedremo un modo leggermente

Dettagli

L algoritmo AKS. L algoritmo AKS. Seminario per il corso di Elementi di Algebra Computazionale. Oscar Papini. 22 luglio 2013

L algoritmo AKS. L algoritmo AKS. Seminario per il corso di Elementi di Algebra Computazionale. Oscar Papini. 22 luglio 2013 L algoritmo AKS Seminario per il corso di Elementi di Algebra Computazionale Oscar Papini 22 luglio 2013 Test di primalità Come facciamo a sapere se un numero n è primo? Definizione (Test di primalità)

Dettagli

Prontuario degli argomenti di Algebra

Prontuario degli argomenti di Algebra Prontuario degli argomenti di Algebra NUMERI RELATIVI Un numero relativo è un numero preceduto da un segno + o - indicante la posizione rispetto ad un punto di riferimento a cui si associa il valore 0.

Dettagli

NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti. d) (1 i) 3. b) (1 + i)(1 i)(1 + 3 i) c) 1 i 1

NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti. d) (1 i) 3. b) (1 + i)(1 i)(1 + 3 i) c) 1 i 1 Calcolare le seguenti potenze di i: NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti a) i b) i 7 c) i d) i e) i f) i 9 Semplificare le seguenti espressioni: a) i) i i) b) + i) i) + ) 0 i c) i) i) i) d) i) Verificare che

Dettagli

Esercizi svolti di aritmetica

Esercizi svolti di aritmetica 1 Liceo Carducci Volterra - Classi 1A, 1B Scientifico - Francesco Daddi - 15 gennaio 29 Esercizi svolti di aritmetica Esercizio 1. Dimostrare che il quadrato di un numero intero che finisce per 25 finisce

Dettagli

Potenze - Monomi - Polinomi - Operazioni tra Polinomi - Quadrato e Cubo del Binomio - Quadrato del Trinomio

Potenze - Monomi - Polinomi - Operazioni tra Polinomi - Quadrato e Cubo del Binomio - Quadrato del Trinomio Potenze - Monomi - Polinomi - Operazioni tra Polinomi - Quadrato e Cubo del Binomio - Quadrato del Trinomio Francesco Zumbo www.francescozumbo.it http://it.geocities.com/zumbof/ Questi appunti vogliono

Dettagli

m = a k n k + + a 1 n + a 0 Tale scrittura si chiama rappresentazione del numero m in base n e si indica

m = a k n k + + a 1 n + a 0 Tale scrittura si chiama rappresentazione del numero m in base n e si indica G. Pareschi COMPLEMENTI ED ESEMPI SUI NUMERI INTERI. 1. Divisione con resto di numeri interi 1.1. Divisione con resto. Per evitare fraintendimenti nel caso in cui il numero a del Teorema 0.4 sia negativo,

Dettagli

3x + x 5x = x = = 4 + 3x ; che equivale, moltiplicando entrambi i membri per 2, a risolvere. 4x + 6 x = 4 + 3x.

3x + x 5x = x = = 4 + 3x ; che equivale, moltiplicando entrambi i membri per 2, a risolvere. 4x + 6 x = 4 + 3x. 1 Soluzioni esercizi 1.1 Equazioni di 1 e grado Risolvere le seguenti equazioni di 1 grado: 1) 3x 5x = 1 x. Abbiamo: 3x + x 5x = 1 + x = 1 + 4 x = 5. ) x + 3 x = + 3x. Facciamo il m.c.m. : 4x + 6 x = 4

Dettagli

DERIVATE E LORO APPLICAZIONE

DERIVATE E LORO APPLICAZIONE DERIVATE E LORO APPLICAZIONE SIMONE ALGHISI 1. Applicazione del calcolo differenziale 1 Abbiamo visto a lezione che esiste un importante legame tra la continuità di una funzione y = f(x) in un punto x

Dettagli

04 - Numeri Complessi

04 - Numeri Complessi Università degli Studi di Palermo Scuola Politecnica Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche Appunti del corso di Matematica 04 - Numeri Complessi Anno Accademico 2015/2016 M. Tumminello,

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Università Cattolica del Sacro Cuore. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università Cattolica del Sacro Cuore Sede di Brescia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali CORSO DI ISTITUZIONI DI ALGEBRA SUPERIORE I prof. Clara Franchi Esercizi svolti raccolti da Elena

Dettagli

Test A Teoria dei numeri e Combinatoria

Test A Teoria dei numeri e Combinatoria Test A Teoria dei numeri e Combinatoria Problemi a risposta secca 1. Determinare con quanti zeri termina la scrittura in base 12 del fattoriale di 2002. 2. Determinare quante sono le coppie (x, y) di interi

Dettagli

Introduzione alla TEORIA DEI NUMERI

Introduzione alla TEORIA DEI NUMERI Renato Migliorato Introduzione alla teoria dei numeri Introduzione alla TEORIA DEI NUMERI Avvertenza: questo è l inizio di un testo pensato come supporto al corso di Matematiche Complementari I ed ancora

Dettagli

Equazioni di secondo grado

Equazioni di secondo grado Equazioni di secondo grado Un equazione di secondo grado può sempre essere ridotta nella forma: a + bx + c 0 forma normale con a 0. Le lettere a, b, c sono rappresentano i coefficienti. Solo b e c possono

Dettagli

Geometria analitica del piano pag 12 Adolfo Scimone

Geometria analitica del piano pag 12 Adolfo Scimone Geometria analitica del piano pag 12 Adolfo Scimone Fasci di rette Siano r e r' due rette distinte di equazioni r: ax + by + c r': a' x + b' y + c' Consideriamo la retta combinazione lineare delle due

Dettagli

www.matematicamente.it Verifica classe II liceo scientifico: equazioni, disequazioni, problemi di 2 grado 1

www.matematicamente.it Verifica classe II liceo scientifico: equazioni, disequazioni, problemi di 2 grado 1 www.matematicamente.it Verifica classe II liceo scientifico: equazioni, disequazioni, problemi di grado 1 Verifica di matematica, classe II liceo scientifico Equazioni di secondo grado, equazioni frazionarie,

Dettagli

ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI I

ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI I ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI I Risolvere le seguenti disequazioni: 1 1) { x < x + 1 4x + 4 x ) { x + 1 > x 4x x 10 ) x 4 x 5 4x + > ; 4) ; 5) x 1 x + 1 x + 1 0 ) x > x 0 7) x > 4x + 1; 8) 4 5 x 1 < 1 x

Dettagli

LEZIONE 12. v = α 1 v α n v n =

LEZIONE 12. v = α 1 v α n v n = LEZIONE 12 12.1. Combinazioni lineari. Definizione 12.1.1. Sia V uno spazio vettoriale su k = R, C e v 1,..., v n V vettori fissati. Un vettore v V si dice combinazione lineare di v 1,..., v n se esistono

Dettagli

Limiti e continuità. Teoremi sui limiti. Teorema di unicità del limite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei limiti

Limiti e continuità. Teoremi sui limiti. Teorema di unicità del limite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei limiti Limiti e continuità Teorema di unicità del ite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei iti 2 2006 Politecnico di Torino 1 Se f(x) =` ` è unico Per assurdo, siano ` 6= `0 con f(x)

Dettagli

STUDIO DELLE RADICI DI UNA EQUAZIONE ALGEBRICA DI TERZO GRADO A COEFFICIENTI REALI

STUDIO DELLE RADICI DI UNA EQUAZIONE ALGEBRICA DI TERZO GRADO A COEFFICIENTI REALI M. G. BUSATO STUDIO DELLE RADICI DI UNA EQUAZIONE ALGEBRICA DI TERZO GRADO A COEFFICIENTI REALI mgbstudio.net PAGINA INTENZIONALMENTE VUOTA SOMMARIO In questo scritto viene compiuto lo studio dettagliato

Dettagli

TEN Radici quadrate modulo p e modulo p k. Radici quadrate modulo p, con p > 2.

TEN Radici quadrate modulo p e modulo p k. Radici quadrate modulo p, con p > 2. TEN 2008. Radici quadrate modulo p e modulo p k. Radici quadrate modulo p, con p > 2. Lemma 1. Sia n Z. Sia p > 2 un numero primo. (a) n è un quadrato modulo p se e solo se n p 1 2 1 mod p; (b) Sia n 0

Dettagli

Precorso di Matematica

Precorso di Matematica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA Precorso di Matematica Anna Scaramuzza Anno Accademico 2005-2006 4-10 Ottobre 2005 INDICE 1. ALGEBRA................................. 3 1.1 Equazioni

Dettagli