ERMANNO GALLI LE ZEOLITI. Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ERMANNO GALLI LE ZEOLITI. Introduzione"

Transcript

1 Soc. italiana di Mineralogia. Petrologia _ IC.NDICONTI. Vol. XXXI (2), 15 ; JIJI. 54~ 5~4 ERMANNO GALLI LE ZEOLITI Introduzione Le zeoliti sono dei teuosilicati caratterizzati da una impalcatura tridimensionale di tetraedri (Si, AI)O. molto apena per la presenza di larghe cavità intercomunicanti tra di loro, i canali. Le dimensioni di questi sono strettamente legate al numero di tetraedri presenti negli anelli che ne costituiscono le (pareti:.: maggiore è il numero dei tetraedri degli anelli, e più grande sarà il diametro libero interno dei canali. Queste dimensioni, essendo fisse e specifiche per ogni specie, permettono un assorbimento preferenziale, da cui il termine di (setacci molecolari :. spesso usato per questi minerali. Nei canali trovano posto sia molecole d'acqua sia grossi cationi che bilanciano le cariche positive mancanti per la sostituzione di pane del silicio al centro dei tetraedri con alluminio. Tanto le molecole d'acqua quanto i cationi sono dotati di una notevole libertà di movimento, cosa che permette, almeno in parte, lo scambio ionico e la reversibilità della disidratazione. La scoperta delle zeoliti cristalline risale al 1756 ad opera del barone A.F. CRONSTEOT il quale osservando la singolare proprietà di questi minerali di rigonfiare e di ribollire al momento della fusione, diede loro il nome di zeoliti, dal greco Zein = ribollire, e Lithos = pietra. Le prime vere ricerche di carattere scientifico sulle zeoliti iniziarono solo un secolo più tardi, quando D... MOUR (1857) studiò la reversibilità della loro disidratazione ed EICHHOIlN (1858) ne scopri la capacità di scambiare ioni in presenza di soluzioni saline; proprietà quest'ultima applicata su scala industriale solo nel 1905 per addolcire le acque. Secondo BRECK (1974) la notizia della prima sintesi risale al 1862, quando St. Claire Deville riferì di avere sintetizzato la levyna scaldando soluzioni acquose di silicato di potassio ed alluminato di sodio in tubi di vetro a 170 C., Notizie di questa ed altre si ntesi però sono di significato incerto in quanto mancano dati essenziali per una sicura identificazione dei prodotti ottenuti. Il grande interesse per le zroliti, sia dal punto di vista scientifico sia da quello applicativo, è incominciato intorno al 1948, quando cioè Milton e collaboratori alla Union Carbide Corporation effettuarono i primi sforzi per la produzione e la sintesi su scala j, Istituto di Miner.logia e Petrologia dell'università di Modena.

2 550 E. CALLI Quadro riouuntillo dt:llt: uoliti natura/i (: di a/cunl: loro caratlerùtichl:. ç... TI... I ~ppor... Cauo>n.!. u~r.iap.lu~ Il _. D;.aio,,... (1)... ~hlo t..,..lu... o pl~._.. tl I cld <... 1 ul ~I~r.J+ '-ouh fa....,.li,.,«. ~ ~ ~C'.x T... I.I. Ii~,, »c.., S<olo<H. ',, _0. 61 c.» M.,,-..,,,to.,,,o,_..,,,HA., Co >. h -..,.-.Ih.,-,, h >c. E<l L.t.. ot... n,',' l...-t... O. 60-o.t! k!l!~~q ~... IP t....,... 1 Il J,.. I r. _n... z. 6 s1.9[1] oh... felci.,,- (). 5 ~ -O.60 <o, h > ~ K..6. ). 9[1) 6 0 ). 9[IJ (1) Mo...L.!,,1'<1_1<. IlO_i -,., DuM... '... <>,,,lo ' w.tc.jx O. IO...Q. h.c.>x lh ~l~c.,,-,~a.a 03.1(1] 6.,.,.0(11) (10) ) [.0]..) I s. $[.oj ' ' Ipht.. u/_!p U l b... O.7Z-o. 71 Co.h f lulto ' ' H.It co, [ 1),!<tl!RR!! ddll ~Io,;ojUI,,o It. _,-..tu. 0.1)-0.11 t io.l~... 5 ',o,,- th... Uoli.. 0.1I-O. 8S,.-, -.. h~lilc. 5tll_U. ' Itllb '-0. 7$ e.,...»l I t.llorl... ', Con...,.- orl..,,... c.,.- o.n.. ne l. - '... n... r... P'l H-O. 16 $... 1ì!:ll!I!2!/; d.1i1 ~h!blu 4.1.,[.oJ, ~ 6. 1(.01 '.J I S.o[t) ' Cb.b... ~. Ch.b.. tt hic.llis. ~, c..uri t_c o..lirl 0. 61~0. 6t C., Moll ', 1. 0[ I1J ', OH U OH.aU, I O l ~CO, 6.9[ '1] ' n,... Ionl ta '~/_e IrIO ht ~C..., [1], L..,... ~. Ln, S-O. 69 C.,.Ma 1.h S ~'1,,','/- '... ai a',.C 7 [ 11 l<ciii!ii!!!,ali. 'hiihi U,,.h... P1, _,,,\lup '... ioc8 ' h...,.',.. 6oII..Q.7>..... nl~h n, 1:1_', PJ e 1:1_ C.,... il.,.- 0 ' c.,... ' ' l~,.' '.u... ~.rol <o I:.. ronl.. u't_,.-,, l.1 1['J ',UJ U] '.1 H.9UJ ',.- ). 6 1[ 1)!iC!2e o ddll ~Io,,~, ' L... ~ L._ $ C.»h. l [,0) ' Iì'eeo d.n, Fo~llol~! 7.A[,1J,,' '_j. It.,~. ~J.. lt &..Q. l1 w.~t.~.. ~ ' ' ~Un.lt. W. '... U.,It l~e.,... ' ).'U]!i'~e:! doll'anlld '.- alci,~..l~ )-o.7l ~.~.. J.e. '. 6[6J li ) IId kiu u/. u_..~ tu. ~,.) I ai.b~11 I. Il a III IndlCOnQ ~hp~.. h_~nt. ~n.ul... d i c.n. ll oono bi., Q b I I v.i.. 1 non '~ '1~.Il. d. Oro.k(l'h po. I 'orl.gr <:.. v... Il.Q... o... ~nt... ' _n'.. b.bll.... tlc '.... ) hn,,,~... p... n.h. ~n...,... di cam.a d.h.1- ti d'! h odel 0fI ~n _'r. d i I.).1.1 li,. pr... d' ~ o U... 1 pio_ dali. t l... t perll dl t... Il... l.10'.3 l (lorr..t liilu._,,969). Odli,. d7\ dj\l ' I),.... (610),... ~... u...a.!.. i,,6f) II... '196S.11,... '1961.) 'o... r(,,6s. ) J),i,,)1) 6) ' ) 11 h k i '970);,alutoS~) ' I).lO.I1'H).::0... 1( 6011 A » '0) lI dt(i,/i) Il ) Ali.tU ~, ( '967h VI.. ~. Il,.,), VO... _ { I'606) I.) U<aan.'.'. ('974) 1)) AU.td(19nl; , '... (I91l) Il) 4.'''11'11); &O'.. i l'11) 15)..... t ai. iu), U.. 1i.,.'. ('940) (6) C:Olli.... '... '.10 (1971) 111 P... II... d 'on.l1~ppt(19r-i3) u.o.,0kov.t.1. <0,7'0)1 Por '(,,60&) ltl....( Soolth{l96l1.0) LIv... ld ( U),... r 1. ('9~S) 11) tlnold l l1'7j); C:O... hlt ih)' U) Sh_PP... G~'(196,) '3) H.,(... p. r I;-;;;;;.,u. ~. (141 _ U ) Un.,.I.t!...!.!. ('915); 0.111(091.\.)' IS) 0.' LO'ehl Oh~onI(1971) 16) h. tov{196.}j (ami... rg. ondr' ('9U) '7) Il.~~or{196 ) ~ I)... I.... U961b), )... od. u...t.l, \'969);... d.ln ~. (19111; h... V (.,.,) lo) 0'!3:...!..l.iI965); H'II....,b t{ I'll), I<hr_... 'loc~ 11911)' li) 1lI... ld'~. i ' 915) H) G... oo!..lt.!. {!9(06) lj) Soh.(1959) l i ) l,ainer {19S5)

3 LE ZEOLITI 551 industriale di questi minerali. In queste ultime decine di anni infatti sono stati pubblicati migliaia di lavori scientifici e rilasciati moltissimi brevetti, tutti aventi come oggetto la scienza e la tecnologia delle zeoliti. Nelle zeoliti naturali le posizioni all'interno dei tetraedri, genericamente indicate con la lettera T, sono occupate quasi esclusivamente da Si IV ed Al m, mentre nelle zeoliti sintetiche questi ioni possono essere sostituiti da Ga m, Ge lv e PIV. I grossi cationi che trovano posto nelle cavità delle uoliti naturali sono monovalenti e bivalenti (Na l, K 1, Li I, Ca n, Mgu, Ba n, Sr n ), e sono strettamente legati all'ambiente di formazione. In laboratorio una larga varietà di altri ioni può essere acambiata nelle zeoliti, od esservi incorporata durante la sintesi. La formula ideale di una uolite può essere scritta nel modo seguente: MKB 1 [AI:l+2,1'Si... (:I+b)02.] n H 20 da cui si deduce immediatamente che il numero di ossigeni deve essere doppio di quello degli atomi T, e che il bilancio delle cariche richiede un numero di AI pari alla somma degl i x atomi monovalenti M, più due volte gli y atomi bivalenti B. Le uoliti naturali note sono oltre una trentina, e sono state elencate in Ta bella 1 assieme ad alcune loro caratteristiche essenziali. Per l'incertezza insita nella definizione di ulite, non vi è concordanza generale di opinioni sul numero di mi nerali da inserire in una tabella di questo tipo; anche questa tabella pertanto non ha pretese di completezza in quanto alcune specie possono essere aggiunte o tolte a seconda della rigidità della definizione adottata. In questa tabella le uoliti sono state raggruppate secondo lo schema proposto da MEIER (1968). Vi sono riportati inoltre alcuni dati relativi al tipo di canali, ed alle dimensioni del canale maggiore, ricalcolando quei valori della letteratura in cui il diametro libero era stato calcolato attribuendo all'ossigeno un raggio diverso da 1,35 À. Vengono distinti sistemi di canali mono-, bi e tridirezionali, che vengono indicati rispettivamente con i numeri romani l, Il e 111. Da notare che nelle zeoliti sino ad ora studiate i sistemi di canali di tipo II e III si intersecano sempre, anche se in teoria è possibile la presenza di sistemi pluridirezionali di canali non intersecantisi. Per i canali che non hanno un'apertura ci rcolare sono stati riportati il valore del diametro minore e quello del maggiore. Occorre tener presente infine che questi dati da soli non rappresentano i valori che guidano ia capacità di scambio ionico o molecolare, anche se sono molto indicativi. Chimilmo delle zeoliu Le possibilità di variazioni del chimismo ammesso!xr le zeoliti in generale ed in particolare per ciascun tipo di impalcatura, son!> state discusse ampiamente da GO'ITARDI (1972, e comunicazione personale), la cui analìsi può essere riassunta come segue: le composizioni delle uoliti possono essere rappresentate in modo appropriato in un diagramma triangolare [Si.08] -B[AbSi20, 1 -M2[AbSi20s], dove B = Mg, 'Ca, Sr, Ba e M = Na, K (vedi fig. 1). Il diagramma è C0!Xrto quasi

4 E, CALLt rrn ' noli!] lilj,n generale r::::i gruppo. dello ~ mo«m'''' f'7.il gruppo del. tl.d zeoiiti fibrose Fig. J. - Diagramma ulangolare [Si.o.l-[ (Ca, Mg, Sr, B~)A~i.O.1-( (Na, K).AI,siAl normalmente uuto per rappresentare la composi:tione ehimica delle :teoiiti, Si QU«Ya che l'arra. p:opc:rta dal Uat~ggio delle uoliti in generale, luei:o libere 5010 Ula piceola luperficie in alto, COI'rilpondtnte a rompos;;r;ioni molto ricche in lilice, ed una ~onda luperficie in bauo, delua, corri,ponden~ ~ composi:l:ioni cbe a prescindere dal contenuto in H.o sono prnllimc ~ Quelle della ndelin~ e della kahilite. Gli dui tipi di uatteggio danno un'idea di Quamo posu essere ampia la variazione di composi;r;ione all'interno di un gruppo mutturak. I::l F... ;',it. m Momnite (ZI OIxhio,dit. fsj E pillilbite!iii... ~M.IOI;t. I Thomsonil. ImGonnordite fi]notrolit. Mg.Sr.80IAl,Si,, Fig Diagramma ui:ongolarc analogo a quello della fig. I. Le aree diverumente tratteggiate danno un idc~ della va.inione di composi:l:ione chimica delle lingole uoliti che COltituiscono i due gruppi di cui all~ fig. l. Nei Ci5i Qui illustrati le aree che rompclooo alle singole lpecie uolitichc IOno piuttosto riluttte c Don danno quasi luoio a IOvrapposizioni.

5 LE ZEOLITI 553 completamente dai punti rappresentanti le formule delle zeoliti con esclusione delle aree prossime ai venici [ Si~08] e M2[AI2Si20a]; sono rarissime le zeoliti nelle quali Al supera Si, e se ciò avviene, la differenza è minima. Nel triangolo l'area che compete a ciascun tipo strutturale a volte è molto ci rcoscritta, e ciò accade ad esempio per le zeoliti fib rose, per la laumontite, per la mordenite, per l'epistilbite (vedi fig, 2), mentre a volte è molto ampia, ad esempio per la phillipsite, la chabasite, la heulandite<linoptilolite (vedi fig. 3); in questi ultimi casi le variazioni sono ampie non solo per quanto riguarda il rapporto Si : (Si + AI), ma anche per quello M : (M + B), A volte, ad esempio per la heulandite-c1inoptilolite, vi è una correlazione positiva tra i due rapporti, ma ciò non è vero sempre, ad esempio non è vero per la phillipsite. ~ CHAlUITE t;s1 PHILUPSIH Fig. 3, - Diagramma Iriangobre analogo a quello delle figure precedenti. Le artt diveuamente lrauci'giate: danno un'idea della variabiliù di COOlpoxizionc chimica della chahasit( ( dc1b phillipsile. Questi campi IOfIO entrambi molto Jmpi ed in buona parte ~vrappos t i, Ordine-di80rdine nella dielribuzione (Si, AI) al cenlro dei tetraedri Le posizioni centro tetraedriche T possono essere assegnate ad Si od AI statisticamente o con regole precise, e di conseguenza si paria di distribuzioni (Si, Al) disordinate od ordinate. Tale distribuzione viene determinata nella maggior pane dei casi analizzando le distanze T -O che variano con continuità secondo JONES (1968) da 1,603 A (per Si-O) a 1,761 A (per AI-O). Ci si avvale anche del differente potere di diffusione atomicq. del Si e dell'al (FISCHEJt, 19(5) e dell'adattabilità dei vari tipi di ordine aue dimensioni reticolati (MEIER and VILLINGER, 1969). Ven-

6 55' E. GALLI geno sca rtat ~ ipot~si di ordi ne che violino la regola di LoEWE1\'STEIN (1954), secondo la quale quando due tetraedri hanno un vertice in comune, il centro di uno solo può essere occupato da alluminio. Recentemente è stata proposta anche una applicaz.ione della teoria dei grafi. per la soluzione di questo problema (KLI;'E. 1974). Sono sin'ora noti i seguenti casi di ordine pressocchè perfetto nella distribuz.ione (Si, Al) (vedi T abella 2): natrolite (Muu, 19(0); mesolite e scolecite. - d ~, x... u,~,._ TABELLA 2 Distanze T-O ndl~ uoliti ordinau c... _. 1 T... cen. Din... _lo '-0(1)... '~ r.', '... n... _... _.. 0. I. po r,... li _..... ll..., d_u 1.6J[l],.61( '6) '. 15(.6],. 6~. ) I.U[. ) 1.61(. ] 1.15( ' ] t.1j[ ' ],- M,.6'(' ),.U[I],.U(ll 1. 16( ' ],.,,[ 1] 1.,,[1).,_.I.. H. o. ' H_ 14''''0.-;.'. PI,', I,.6'( ' ),.61(. ] 1. 15( ' ) l.6,ul 1,61[ 16 J 1,61(,6) 1,6'(16) 1.61( ' 6) '. 14 (.6] '. 15(. 6],.16[ 1')....',1-,. 61( ' ),.61( 0) '.10(61 '.1'(' )... w ~ L_tlta b..6'[ ' ),. 61[ IJ,.61[ 1),. 6,( I J,. 6O{I J,.61(1) l.1.0j 1.7,[ 1) L_... ' U' 60[. ) 1.61[. ) 6,[. J,. U [. ) '.1,[. J '.16[. J '. 6, [1),.61(1) H [I) OJ.OOINt DII DATI Natrolile: MufJ. (1 960) _ Mesolile e scol«ite: AO IWIOJAJA (1972) Thom.sonite: DAL Na.ao et al. (1 975) Edingtonitc: GALLI ( 1951 h) - Gismondina: F,SCtlfJ. and 5<;;H...' (1971) Yugawaralitc: Kua Ind W'lllAMI (1969) _ Laumontitc: 5<;;HUMM anei FISCHU ( 1911) Lconhardite: Bun. (1910). (AOIW ID1AJA. 1972); thomsonite (DAL NEGRO et al, 1975); edingtonite (GALLI, 1975 b); gismondina (FISCH ER and ScHItAMM. 1971); lau montite (SCHItAMM and F ISCHER ); yugawaralite (KERR and WILllAM, 1969). H ARADA (comunicazione personale) suggerisce che anche la wairakite abbia una distribuzione ordinata, sulla base delle considerazioni seguenti. Per sintesi (AMES, 1966) si può ottenere tanto un'analcime di calcio, cubica o pseudocubica (tetragonale?), quanto una wairakite monoclina pseudocubica; entrambe hanno una impalcatura del tipo dell'analcime. H arada ritiene che anche in questo caso si tratti di un polimorfismo ordine-disordine nel q uale la wairakite rappresenterebbe la fase ordinata e l'analci me di calcio quella disordinata. $(: ciò fosse vero, sarebbe anche molto verosimile che J'analcime pseudocubico, probabilmente tetragonale (MAZZI et al., 1975) avesse una distribuzione disordi nata, come del resto ce l'ha la leucite tetragonale. In due casi sono note anche le fasi disordinate corrispondenti a quelle ordinate sopracitate : la tetranatrolite (K.JtOGH ANDEll.SE~ et al, 1969), corrispondente alla

7 LE ZEOLITI 555 natrolite, e la garronite (GOTTARDI and ALBERTI, 1974) corrispondente alla gismondina. In entrambi i casi le fasi disordinate hanno già iniziato, per domini variamente orientati, la trasform:nione nella fase ordinata. Notiamo che la natrolite Fdd2 ordinata ha una simmelria inferiore a quella della tetranatrolite 142d disordinata, che ha la simmetria massima compatibile con la sua impalcatura (ALBERTI and GOTTAJl.DI, 19i5); anche la gismondina P21 /c ordinata ha una simmeuia inferiore a queua della garronite I41 /amd disordinata, e quest'ultima simmetria è ancora la massima compatibile con questa impalcatura. Per qualche altra zeolite i raffinamenti strutturali indicano un ordino parziale così come si ha ad esempio per i minerali del gruppo heulandite<linoptilolite sui quali sono stati faui cinque raffinamenti (vedi Tabella 3); gli autori concordano quasi tutti nel trovare una prevalenza di Si nel tetraedro dell'ultima colonna di questa tabella (distanza T-O = 1,62 A), ed una concentrazione di AI nd tetraedro della seconda colonna (distanza T Q = 1,66 A); l'esame dei dati raccolti in questa tabella rileva peraltro che, se da un lato la totalità delle misure permette di fare le deduzioni di cui sopra, dall'altro lato le variazioni osservate in ogni singolo raffinamento sono troppo piccole per essere di sicura significatività. Si osservi anche che i tetraedri della seconda colonna, che risultano più ricchi io Al, sono quelli più vicini alla più importante posizione occupata dai cationi scambiabili. Questo tettaedro si trova inoltre con un vertice su un piano (010) che nei gruppi spaziali C2/m e Cm è un piano di simmetria, per cui passando oltre detto vertice si entra in un altro tetraedro simmetricamente equivalente: ora se il primo è centrato da Al dovrebbe esserlo anche il secondo e si avrebbe così un ponte AI Q-AI non permesso dalla regola di LoEWEl'STEil' (1954). Questa contraddizione può essere facilmente spiegata dal fatto che le dimensioni di questo tetraedro indicano che esso è occupato pressapoco nel 40 '70 dei casi da Al, e nel 60 '70 dei casi da Si, per cui in media si avrà che quando da un lato del piano di simmetria c'è Al, dall'altro c'è Si, e viceversa. Situazioni del genere sono abbastanza comuni nella struuura delle zeoliti. l raffina menti faui per altre zeoliti danno distanze T -O corrispondenti a distribuzioni con perfetto disordine o con ordini parziali la cui signiflcatività è incerta. Ciononostante è molto probabile che in realtà molte zeoliti abbiano distribuzioni ordinate mascherate dalla presenza di domini, nei quali vi sono diversi tipi di ordine oppure' vi è lo stesso tipo di ordine sviluppato però con orientazioni diverse; le dimensioni dei domini possono essere superiori od anche inferiori al limite di risoluzione dei microscopi per la luce visibile. Ci si può spiegare meglio con un esempio concreto, quello della chabasite che normalmente viene considerata romboedrica. I raffinamenti sin'ora fatti sulla struttura di questa zeolite indicano un disordine perfetto. La sua st ruttura rientra tra quelle che possono essere descritte come somma di anelli esagonali di tetraedri, ed ha un rapporto Si : (Si + Al) = 2 : 3. t: quindi normale prevedere che in ogni anello due tetraedri opposti siano occupati da Al ed i quattro rimanenti da Si: un dominio ordinato è quindi caranerizzato da vettori Al-Al che hanno la stessa direzione in anelli corrispondenti, e la simmetria del

8 556 E. CALLI cristallo non è più rombo.::drica; nel dominio vicino il corrispondente vettore Al AI è ruotato di 60, mentre l'impalcatura nel suo complesso prosegue quasi senza cambiamenti dal primo al secondo dominio. t chiaro che in totale sono possibili tre tipi di domini e che tali domini non sono altro che i tre individui di un teigeminato per pu:udomec()(:dria. L'esame al microscopio polarizzante di sezioni soltili perpendicolari all'asse ottico di chabasiti rivela birifrazioni incompatibili con la simmetria romboedrica e presenza di geminati, purtroppo in lamelle larghe a sufficienza per essai': viste al microscopio, ma troppo piccole per estrarne dei frammenti adatti alle riprese con i raggi X. In altre parti del cristallo le geminazioni divengono via via più fitte sino a sfumare in zone apparentemente omogenee, ma in realtà geminate su scala submicroscopica. L'esempio ora fatto per la chabasite può essere valido anche per altre zeoliti di media acidità, per zeoliti ancor più povere di AI come le mordeniti o le heulanditi, è probabile invece che si abbiano non solo domini con diversa orientazione, ma anche con diversi schemi di ordine, quindi non assimi labili a geminati. InBuen.z.a del chimi.mo &ulla.immeima Sono noti due (o tre) casi di zeoliti con la stessa impalcatura, ma con una differente simmetria causata dal chimismo. II primo caso è dato da Natrolite Mesolite Na:[AbSi30,o] 2H 20 Na2Ca:[ AbSisOlo] a 8H20 Fdd2 Fdd2 Scolecite Ca[AbSis01o] 3H 20 Cc Il caso è ben noto, ed è stato ampiamente spiegato da MUER (1968). Qui notiamo solo che la simmetria massima, compatibile con l'impalcatura e con il tipo di ordine (A.uERTI and GO'ITAJl.DI, 1975), coincide con quella della natrolite e che natrolite e scolecite hanno suppergiù le stesse dimensioni reticolari, ma la seconda ha una simmetria molto inferiore, causata dal fatto che su ogni coppia di posizioni Na della natrolite, ndla $Colecile una è occupata dal catione Ca e l'altra è occupata da una molecola H 20: ciò abbassa la simmetria. Il secondo caso è dato dalla tema stellerite, stilbite, barrerite. La stellerite ha la simmetria massima Fmmm compatibile con l'impalcatura. La Fig. 4 spiega come tale simmetria si abbassi in due modi diversi dando luogo alle simmetrie della barrerite Amma e della stilbite C2/m. Il t ~ r zo caso, che però secondo i dati più recenti non è più tale, è quello phillipsite-harmotomu. Sin'ora per i due minerali veniva no riportati due gruppi spaziali diversi P21/m e P2 ma RINA1.DI et al. (1974) ritengono che:: entrambi appartengono a quello P2,/m.

9 LE ZEOLITI 557 l 2 fl'ig Simmctr~ massima dell'impalcatura di tetraedri comune ai mineraii stilbite, Inncrite e stellcrite, coincidente con quella di quesi'ultimo minerale (gruppo spnialc:: rombico f,.,,.,m). Nella Itilbite l'impalatura è leggermente fl,ioula intorno agli assi binui indicati con la IctWa S (la rolazione avviene nello.less<) $CnS<) per tulli gli assi), con conseguente scomparsa dci. piani di simmcllia paralleli a (100) ed a (001) c passaggio al gruppo spaziale monoclino Cl/m; scompaiono ovviamente anche tutti gli ani 2 e 2, paralleli a (D IO). Nella barrerite l'impalcatura è leggermente ruouta intofno alle dicos;re indicate con la lettera B (la tolnione avviene a1ternatiumentc nei due scnsi), con conseguente: $Compana dci. piani di simmcllia paralleli a (001) e pl$53ggio al gruppo spazialc rombico A,.,ma; scompaiono inoltre la met~ degli aui 2 c 2,. P08wone e coordinazione dei cationi scambiabili Se il problema della distribuzione (Si, Al) nei tetraedri dell'impalcatura è di difficile risoluzione soprattutto nei casi di cristalli pseudosimmetrici o geminati, una conoscenza approfondita della distribuzione dei cationi e dell'acqua nelle cavità e nei canali delle zwliti, specie in q uelli più grandi, è ancora più problematica in quanto agli inconvenienti sopra descritti normalmente si aggiungono un forte disordine termico e posizionale, e l'occupanza statistica delle posizioni. Prima di passare ad analizzare i vari tipi di coordinazione, vediamo di elencare brevemente le diverse cavità in cui i cationi possono essere alloggiati, le più semplici delle quali sono rappresentate in fig. 5. Possiamo distinguere per forma e dimensioni nove tipi di cavità diverse e precisamente: a) anello esagonale semplice. In prima approssimazione possiamo considerare una c cavità, anche lo spazio delimitato da questo poliedro planare e ritenere fa rne

10 558 E. CALLI pane anche lo spauo immediatamente adiacente alla superficie dell'esagono stesso. Questo poliedro coincide con la SBU (= Secondary Building Unit) S6R di MEIER (1968); b) doppio anello esagonale o prisma esagonale. Coincide con la SBU D6R di M.. (1968); c) gabbia tipo,ancrinite coincide con la gabbia E di BRECK (1970); d) gabbia tipo sodalite, o cuoo-ottaedro. Coincide con la gabbia S di BRECK (1970); e) gabbia tipo gmeli nite; f) gabbia tipo chabasite; g) gabbia tipo levyna; h) gabbia tipo erioniu: ; i) cavità più complesse delle precedenti, come quelle che si formano all'intersezione di sistemi pluridirezionali di canali, o nei punti più larghi dei canali stessi, come ad esempio si ha nella ferritrite (V AUGHAN, 1966). <::> b O c d ~ ~,.J L_l, GJ, ' ~---,. ~ g,., ' h Fig Rappresentazione schematica dci tipi di eayit~ più mplici presenti nelle Rolili:.) anello esagonale semplice (qui considaato corni:' gabbia ~ aval:' una seril:' completa di c:avil~, dalla più Kmplia alla più compkua). Coincick con la SBU (= S«ondary Buildin, Unit) S6R di M~Iu. (1968); h) doppio anello esagonale, o prilma esagonak. CoincidI:' con la SBU D6R di ME1Ell (1968); c) gabbia tipo c:ancriniu:. Coincide con la gabbia [ di DUCK (1970); J ) gabbie tipo sodalilc, o cubo ouaedro. Coineidl:' con la gabbia ~ di BUCK (1970); c) gabbia tipo gmdinitc; f) gabbia tipo chabasiu:;,) gabbia tipo levyna; ) gabbia tipo erionite. E necessario altresì precisare che tra gabbie e canali non c'è una differenza sostanziale, in quanto l'unione delle prime dà luogo ai setondi che normalmente hanno un andamento rettilineo. Una gabbia infatti può essere definita come una porzione di canale delimitata da due strozzature la cui sezione libera è inferiore alla sezione media del canale stesso. Per quanto riguarda la coordinazione dei cationi, nelle zeoliti naturali idrate possiamo distinguerne quattro tipi diversi: I) Il catione coordina unicamente ossigeni dell'impalcatura. E il tipo meno

11 LE ZEOLITI 559 frequente, essendo stato riscontrato fino ad ora solo ndl'of1retite (GARO and TAIT, 1972) e nella levyna (MERLINO et al., 1975). Ncll'oflretite due sono i cationi caratte rizzati da questo tipo di coordinazione : il Ca che si trova all'interno dci prisma esagonale, ma spostato dal centro, ed il K ' che si trova esattamente al centro delle gabbie tipo cancrinite. Entrambi questi cationi sono legati solamente a1la metà degli ossigeni dell'impalcatura che li circondano. Il ea +\ infatti, dista alternativamente 2,51 e 3,17 A dai 6 ossigeni dell'anello esagonale a cui è addossato; il K+ dista 2,96 A da 6 degli ossigeni costituenti le basi della gabbia tipo cancrinite, disposti secondo i vertici di un prisma trigonale, mentre dagli altri 6, disposti in Ailodo analogo, ma ruotati di 60 rispetto ai primi, dista 3,33 A. Evidentemente i caiioni contenuti in queste cavità piuttosto piccole possono attirare verso di loro tre ossigeni di ciascun anello esagonale, abbassando in tal modo la simmetria da esagonale a trigonale ,-,... ~ (...,... T ABELLA 3 _ Distanze T Q nelle heulanditi (I.s.) ,.... ).) -,...,... ~ (... d.',,,-..,,,- ' CI}. - '11'. '... Il... d.ll.... _.... '. 6J[a ),. w [a ),. 6t[a ) '.6t[a l,.61t a l,.u[a ) '. 66h),.6l[a l '. 60['} ' J[a ) '. 61[' ),.<$[a l '. (a l,.h(a ) 61( 0) '.<I[a l,.ulal,.<,l,} ),.WI.),. M (. ) '.';(' 1 I.w(a l ', 1, ),.61(. ),.w[. l,, (.) ','5( ' ) 1.6tCII,. W[I) 1. 60[11,.w[a ) 1.6Itl } 1.11,.W[I) 1.61[11,.H[a ) J) ~_1...,... (l ).,l eu_ui.... '.,. '.hc'),.u(i) 61 (1) 1.(1) I.u[a l (... c.u,...,.) 5) c.._... ' (1),..,tll 1 (1 ) 1.61[ [a ) (..... ~ l OJ.1GINE DEI DATI I) MEltKLE and SUUGKTEI. ( 1968); 2) AUEltTI ( 1972); 3) B,uTL (1973); 4 5) AU.EJlT I (1975/1). Una coordinazione analoga è già stata messa in evidenza da SMlm (1962) per la chabasite disidratata, dove il calcio, che durante la disidratazione va a finire esattamente al centro del prisma esagonale, è legato solamente a 6 dei 12 ossigeni del doppio anello. Nella levyna il catione che presenta q uesto tipo di coordinazione si trova lungo l'asse ternario, esattamente al centro dell'anello esagonale semplice comune a due gabbie di tipo *' g:.. La sua è una coordinazione quasi planare, ed è: legato a tutti e sei gli ossigeni dell'anello esagonale, distanti 2,59 A. Il) Il catione coordina al meno su due lati opposti ossigeni dell'impalcatura e nelle parti rimaste libere, molecole d'acqua..t: il caso tipico delle strutture relativamente compatte, caratterizzate da cavità e canali molto piccoli in cui i cationi

12 560 E. GALLI TABELLA 4 l cationi scambiabili ndie uoliti naturali idrate: loro posizione e coordinaz;ofu _. '. <.,,- «). 0'- ' '-.,~., ~ ~_ ~..,U,M ') _ _-,-,.) '::~,:::-:::~)' '..._ '..,.... I ~ -,.. - :!~':..,_ -'...- ' ',''''.''''.,0->.''.,-....,...'-'. '.'H M....,'....~l_' ,...,...,... --'..,., '..,., ,.-...,...,,.,..., _,.,..,,,.,,...,,... '... I..UI......,.,......, ,. ' H.t7. -,... (CO''''''''''' 'O' ,,,..,U'I '...,,,....,., 0>. (..,..(0, ,...,.,...,.,..,... < -' ' {~:~::~:::::gl'..,..,..,....,.10.,,.,,'''1,,,.u,.,.....,...,......,,,..., ' )..-,.,.,,1 ' ''''''.. ',...,,~... {..,.,,,' >01,.,... '.,, '.'.,,,..,.., >l-'...,..,.,(0,) ,,. <.,.m.,,).'. \ '... h..' '...,...,.,,',,.(01).,.,....,.,,,.., ,,(1<.,,,,.... {,,,),,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,),..' ' ~.,,,,...,..).,...,,,.. '...( l'.,..).,.,...',.,.,..,(.. 1..,......, <0)......,.. {''''''''u,.'.'',''',.,,,.. 1->... 1,,)... '..., l''')'''''..,,.,,,.., t....,..,....,,-' ''' ,..,...'., {,,,,,,.,...,,.,.,.,H..,.. I,..,,,,.,,,..,. _.....,,,,,.,,,,.,.,..,.,... _,...,.....,,.....,.,,,,'.',...,,-'....,... > ,.,.. w.,...,0>...,.,..,..,.,...,..)...,.,,,,.... I '.'>Il.'.,., '.,.,.,,'...,.1)..., ,...,..,,,.,, ' ,,1<0'),.,.,..,.,...,..,.,.,... '.0>,.,..., '...(1'1....,..,..., '.'.'''1...,,,, '.'. '..,..,'...)<.1>1....,.....,...,...,..,,.,.,...(.. 1->.,.,...1..,...,U) '.11'''''''''''''')'''''''''''...,.....,.,.....,..,,,.,,.... {,.li'''',''- l',.(1..,,,,...,...,......,......, ---..,..,.,..,...,...,.'.00,...,-,...,.,...}.....,,..,.... )!., , ,. H. {'.Io>'.'...,...,.., '...'.. I.'. ''', ,.....,...,.,...','...,,.H '--...,...,...,..... m..,..,.,. '''.>l,..,...,.,.,.~ Oo' -_.,..,,'..., , o.l, ,.. --~. _,o.,,_ f.....,.... ', '... b...,.0).,.17,,,1!1a... ''Un,..,....,., Il.,..,.) _lo. _n _ '_'''.,..., _ ~_'.,......,... _..., _... _....,.'...,...,.)......, _...,),..,..., _,, _.. 11 ~ '''.'-, _., i _,,,......, ~.'-.... >o... _, II)..,,... _..... _... _ '<1. ::::;-.!.. ~ 0U1....,,,,,». 00)...,,,,.,.,,'.HO.,,,.,,,..'...'...,.,..). I.., '.,..). I...,..... '''h,.,.., >I,......,...,. '...,,_ 0U1.. ',,,,,,,,.,.,...,,,_... 'IO 'N..._1..'..., ,,,..,. I..._... _.'''''1. '...'.1.:: :':;.'::I.!:. :;:~ :-::;:-.. ::~:;!, ::;~;.:-:r ~~;:':~:I::'~! :!ì.!:,;;::;; ) ':' ;:';: <::::.~:;; '::; ::o.:~.,,,..,.,,

13 LE ZEOLIn 561 si trovano esattamente al centro dello spazio vuoto. Presentano questo tipo di coordinazione oltre alle zeoliti fibrose, lo Sr nella brewsterite (PERROTIA and SMITH, 1964), il K' ndla phillipsite ed il BaH nell'harmotomo (RINALDI et al., 1974). IlI) 11 catione è legato agli ossigeni dell'impalcatura da un lato solamente, mentre in tutta la parte di superficie rimasta lilx:ra questi cationi sono c: aggrappati, alle pareti delle cavità. ~ il tipo di coordinazione più frequente, ed è proprio dei cationi che stanno nelle grosse cavità di tipo c: i,. IV) Il catione è completamente circondato da molecole d'acqua che lo isolano dal contatto diretto con gli ossigeni dell'impalcatura. Coordinazioni di questo tipo sono state descritte per la chabasite (SMITH et alo, 1964), la stilbite (GALLI,!971), la ferrierite (VACCHAN, 1966),!'oRretite (GARD and TAIT, 1972), la stellerite (GALLI and ALBUTI, 1975 a), la barrerite (GALLI and ALBERTI, 1975 b), la levyna (Mu LINO et al, 1975) e la mazzite (GALLI, 1975 a). Si noti che questo tipo di coordinazione è il solo sino ad ora segnalato per il Mg, e ciò in ovvio accordo con le sue particolari caratteristiche chimiche rispetto a quelle degli altri ioni scambiabili. I dati relativi alla posizione ed alla coordinazione dei cationi scambiabili di alcune zeoliti naturali sono stati riassunti in Tabella 4. Da questo elenco mancano i valori della faujasite perchè già ampiamente commentati sia da S~ilTH (1971) sia d, Bue. (1974). Dall'esame di questa tabella si nota come in alcuni casi sia molto difficile stabilire con precisione la coordinazione dei cationi, in quanto la distribuzione quasi continua delle distanze catione-ossigeno e catione-acqua non permette di distinguere chiaramente quali siano gli atomi legati e quali no. Se molte distanze di legame sono considerevolmente più lunghe dei valori prevedibili, altre sono notevolmente più corte; quest'ultima condizione può essere facilmente spiegata tenendo presente l'occupanza statistica o ddle posizioni occupate dai cationi o di quelle occupate dall'acqua. Il Mg H è il solo catione circondato da un poliedro di coordinazione molto regolare. Al termine di questo lavoro desidero ringraziare il Prof. GOTIAIlDI per fomitimi durante la Itelutl. e per la lei tura critica del llw'ioiqilto. sugatrimenli BIBLIOGRAFIA ADIWIDJAJA G. (1972) 5tructurbttithungtn in dtr Natro/ithgruppt und das Entwiisltrungsvha!ttn dts 5kolt%iu_ DoklOr. Diuen., Hamburg Univ., Germania. ALBEl.T1 A. (1972) - On thi! crystal Jtructuri! 01 thi! uoliu ht!lil4ndiu. TMPM TschermaIu Min. Petto Miti., l8, ALBElTI A. (191-' a) Tbt! crystal strllctllrt 01 two clinopti!oliuj. TMPM Tschermalu Min. Petr. Mitt., 22, 2'-)7. ALBERTt A. (197:5 b) - 50dillm-rich dachiarditt lrom Alpt di 5illsi, Italy. Contrib. MineraI. PetroI., 49, 6) 66. AuuTÌ A. and GOTIAIlDI G. ( 197:5 ) - Possiblt struclllrts in fibrolll ztoliul (In corso di 51lmpa).

14 562 E. CAt..LI AllETTI A. ( 1972) Polymorphirm al'ld cryrtakhemillry 01 heu/anditer and dinoptilolitts. Amer. MineraI., 57, ALlETTI A., PASSACLIA E. and $caini G. (1967) - A new oceuentt 01 lerrieritt. Amer. Minern., 52, AMES Jr. L. L. (1966) - Cation ejcehange proptrties 01 wairakite and analeime. Amer. Minerai., 51, BAltn H. (1970) - Strultturverleil'lerung van Leonhardit Ca{ Al.si,O,.] JH,O mitltls Neutronenbeugung. Neues }b. Min. Mh., J970, BAltTL H. (1973 ) - Neutronenbeugungsunttrsucbung tits ZeolitMs Heulandit, CII(Al.si,OIl) 6H.o. Z. Kriu.llogr., H7, BoLES }. R. (1972) - Composition, optieal properties, eeu dimensions, and thermal stability 01 some heulandite group uolitts. Amer. MineraI., 57, Buc!:: D. W. (1971) - Rettnt adl.laneet in uolitt scienee... Molecular Sieves Zeolites.., Advan. Chem. Sa., 1OJ, American Qcmica1 Society, Washington, D.C., Bue D. W. (1974) - Zeo/ile moleeular sieves. John Wiley and Sons, New York. ~oo P. and PoVONDU P. (196') - Homotome Irom desilicated ptgmatitts at Hrublict, Westtrn Moral.lia. Act. Univo Carolinae-Geol., No. l, )1-43. CRONSTEDT A. F. (17,6) - Ren och betltrilning om en obeltant barg art, som /tallas uolitts. Kongl. Vetensluaps Academieus Handlingar, 17, DAL NEGRO A., ROSSI G., TAZZOLI V. and SABELLI C. (197') - The crystal slrueture 01 thomsonitt. (Pronlo per la stllldpa). DAMOUR A. (18'7) - Reeherches sur les propriltls hygroscopiques des mineraujc de III lunille det ~loiitts. Compt. Rend. Acad. Sci., 44, 97:s 980. DEU W.A., HOWIE R.A. and ZUSSMAN). (196') - RDch lorming minerals. Vol. 4. Framewor/t si/icatts. Longmans, London. EBULEtN G. D., ElD R. C., Wan F. and BuTrY L. B. (1971 ) - New ouurunct 01 yugawaralite Irom the Cluna Hot Springs area, AJ.sJul. Amer. Minerai., 56, EICHHOIlN N. (18'8) - Ueber die Einwirftung verdiinnter Salt/osuneen aul Si/i/tat. Poggendodf Annalen der Physik, 105, FrsCHEI K. (196') - Rentgenograpbisebe Unteruhtidung tl()n Silizium- und Aluminium Punt/daeen durcb Verleinen'f des Iltomaren Streuvtnnogens. TMPM Tschc:nnaks Min. Peu. Miti., 10, 2OJ.208. FISCHEl K. and ScHUMM V. (1971) - Crystal struetute 01 gismtjnditt, a detailed refinement. Advan. Chem. Ser., 101, 2'0-2'8. FOSTER M.D. (196'a) - S/udies on the uolitts. Composition 01 tbe uojius 01 the natroliu group. U. $. Geol. Survey Prof. Paper, 504-D. FOSTU M. D. (196' b) - Studies 01 tht uolitts. Compositional relations unong thomlonius eonnatdius and natrolitts. U. S. Geol. Survey Prof. Paper, 504-E. GALLI E. (1971) - Refinement 01 tbe crystll/ structure 01 stilbim. ACla Cryst., B27, GALLI E. (197:s a) - Crys/al structure refinem ~nt 01 mllui/e. (Pronto per la stampa). GALU E. (l97:s b) - Crystal structure refinemen/ 01 eding/onite. (Pronto per la st.mpa). GALLI E. and ALIEITI A. (l97:s a) TIu crystal Itfue/llre 01 s/d/eriu. Bull. Soc. Fr. Minérn. CrislaU. (In corso di stampa). GALLI E. and AUERTI A. (l97:s h) _ The crystall/ructure 01 batteriu. (Pronto per la stampa). GALU E. nd loschi GHlnONI A.G. (1972) The crys/a/ chemistry 01 phillipsius. Amer. MineraI., 57, 112'-114'. GALLI E. and PASSAGUA E. (I97)) - SUlleTiU /rom Villanol.la MonUleone, Sodinitl. Lithos, 6,

15 LE ZEOLITI 563 GALLI E. and RINALDI R. (1974) The cryllal chemistry 01 epistilbites. Amer. Minera1., 59, GARD 1.A. and TAIT 1.M. (1972) Tbe erystal strueture 01 tbe leolite oure/itt, K,.,Ca,.,Mgo., {Si, ] 15,2H.o. Acta Crysl., B28, GoRDON E. K., SAMSON S. and KAMB W. B. (1966). Crys/al s/rucfure of the uo/i/e pllulingitt. Scicnce, 154, GoTTAItDI G. (1960). Sul dimorfismo mordenitt.jaebiardite. Periodico Minera1., 29, GOTTAItDI G. (1972) - Fortscb,iue aul dem Gebiet der Krjs/allograpbie und Kristallcbemie der Zeolithe. Fortschr. Miner., 49, GOTTARDI G. and ALBERTI A. (1974) _ Domain sfruclure in garronitt; a bypofbesis. MineraI. Mag., 39, HARADA K., NAGASHIMA K. and SAKURAl K. (1969) _ Cbemical composi/ion and op/ical properties of yugawaralite from tbe type locality. Amer. MineraI., 54, HEY M. H. (1932) - Studies on tbe leo/ites. Part II. Thomsonitt (ine/uding farodi/ e),md gonnarditt. MineraI. Mag., 23, JONES J. B. (l968). Al Q and Si O tetrabedral dis/anets in alumino si/ieatt Irameworle s/rue/ures. Acta Cryst., B24, KERR I.S. and WILLlAMS D.]. (1969) - Tbe crystal struclure 01 yugawaralitt. Acta Cryst., B25, KHOMY!r.KOV A. P., KATAYE:VA Z. T., KUROVA T. A., RUDNITSKAIA YE[E.]S, and SMOL'YANIND VA N. N. (1970). First find 01 brews/erite in tbe U,S.5.R. Dokl. Akad. Sci. U.s,S.R., Earth $ci. Sect., 190, KLEE W. E. (1974) - AI/Si distribution in ttctosilicaw: A graph tbeoretical approcb. Z. lcrista! logr 140, KOCMAN V., GAIT R. I. and RUCKLIDGE }. (1974). The crystal s/ructure 01 Bileitaite, LilAISi.o. ].H,Q. Amet. Mineral., 59, KOSTOV L (1962) - Tbe zeolites in Bulgaria: ana/cime, chabaz.itt, barmotomo. ~. Univo Sofia, Fac. Bio!' G&!1. Géogr., 55 (2), KROGH ANDERsEN E., DA M. and PETERSEN Q. V. (1969). A utragonal natrolite. Medd. Gwn!and, 181, No. lo, LIVERSIDGE A. (1888) - The mint!ra/s 01 Nt!w Soutb Wab, LoEWENSTEIN W. (1954). The dirtribution 01 aluminum in the Utraht!drll 01 silica/t!s and aluminatt!s. Amer. Minerai., 39, MAzzI F., GALLI E. and GoTTARDI G. (1975). Tht crystal strueturt 01 It!tragonallt!uciu. Amer. MineraI. (In corso di stampa).. MEIER W. M. (1960). The erys/al struclurt 01 natroliu. Z. Kristallogr., 113, MEIER W. M. {l968}. Zt!oli/t strue/urt. «Molecular Sieves lo, Society of Chemical Industry, London, MEIER W. M. and VILLIGER H. (1969). Die Mtthode dtr Abs/andsvt,fdntrung tur Bes/immung dt!r A/omleoordina/tn idealisiertt, Geriistrtruleturtn. Z. Kristallogr., 129, MEIlKLE A. B. and SLAllGHTER M. (1968) - Dettrmination and refinement 01 the struclure 01 heulandiu. Amer. MineraI., 53, MERLINO S., GALLI E. and ALBERTI A. (1975) - Tbe cryrtal UruClure 01 ltvynt. TMPM Tschermaks Min. Petr. Min., 22, MILLER B. E. and GHENT E. D. (1973 ). Laumontitt! and barian strontìan btulandife Irom tbe Blairmore Group (Crt/aCtOul), Alber/a. Canadian MineraL, 12, NOVAK F. (1970). Some new data lor tdingtoniu. Acta Univo Carolinae-Geol., No.4, NIGGLI P., KOENIGSBERGER J., PARKER R.L. et Alli (1940) Die Mintralitn dtr Sehweizeralpen; l1md II. B. Wepf and Co., Verlag, Bll;sel.

16 564 E. ClALLI PASSAGUA E. (l970) Tht crysta/ cht,islry 01 cb.jbazitts. Amc:t. Minc:ral., 55, JQl. PASSAGLIA E. (197') - Tht crysia/ cht,islry 01 mordtnitts. Contr. Minc:ral. Pc:trol., 50, 6' 77. PASSAGUA E., GALLI. E. and RINALOI R. (1974) - uvynts and trionius lorm Sardinia, llaly. Contr. MineraI. Pc:tro!., 4), 2H-2'9. PASSAGUA E. and PONGILOPPI D. (1974) Sodian sulltri/t Iro, Capo Pula, Sardtgna. Lithos, 7, P ERROTTA A.l. (l967) - Tht erystal strue/urt 01 tpistilbiu. Minc:ral. Mag., )6, PUIOTTA A.]. and SMITII ]. V. (1964) Tht eryslal slrueturt 01 brtwsuritt, (Sr, Ba, Ca) (AI.Si.O,,) 5H,o. Acta Cryst., 17, RINALllI R. (1975) - Crystal eht,istry and structurai tpil.vry o/ ollutittioniu al Sasbaeh, Kaiuwhul. (ln prc:parazionc:). RtNALllI R., PLUTH ].]. an<! SMITH ]. V. (1974) - Ztolitts 01 tim phiflipsiu fa,i/y. Rtflnt,tnt o/ tht crystai struclurtl o/ philfipsiu and har,otomt. Acta Cty$t., B)O, RtNALOI R., PLUTH J.J. and SMITH l- V. (19) - Crysta/ slrueturt o/ Mllwu dthydrllud III 600- C. Acta Cryst., BJ1, RINALOI R SMITH]. V. and ]UNG G. (1975) - Chtmistry and paragtntsis 01!auiasitt, phi/lipsitt and offrttiu Irom Sasbaeh, Kaistrstuhl, Gtrmany. Nc:uc:s ]b. Min. Abh. (In corso di stampa). SAHA P. (19'9) - Gtoehtmicill and X-ray invtstiglltion 01 na/urlll and synthttie ana/eius. Arnc:t. Minc:ral., 44, ScHUMM V. an<! FISCHEIl K. F. (1971) - Rtflntmtnt 01 tbt crystlll slrueturt o/ /au,ontitt. Advan. Olc:m. Sec., 101, 2' SHEPPARD R. A. and GODE A.]. (1969) Ght,ical compt'jsition and physical proptrtits 01 11M rtlllttd uoiitts offrttiu and trionitt. Amc::r. Minc:raI., 54, SMITH ]. V. (1962) - Crystal s/ructurt with a eh/lhazitt Irll,twork. I. Dthydrllltd CII-cbllbadu. Acta Cryst., 15, 83'-84'. SMITH ]. V. (1971) - FauillsiU-typt structuru: a[u,inosiliclltt /rllmtworlt: positions 01 eatiom IInd molteults: nomtndaturt. Advan. Chem. Sec., 101, SMITH ]. V., KNOWLES C.R. and RINALDI F. (1964) - Tht crysta/ structurt with ehaha'ziu Iramtworlt. III. Hydralt d Ca-chabazitt al +20 and -HO C. Acta Cryu., 17, STEINEJ. A. (19'.5) - Wairakitt, tht calcium ana}ogut 01 anaici,t, /I ntw uoliu mintrai. Minc:ral. Mag., JO, VAUGHAN P. A. ( 1966) - Tht crystai structurt 01 lht uolitt Itrritritt. Acta Cryst., 21, WALKU G. P. L. (1%2a) - Low-potasb,ismondint from Jrt/and flnd Jet/and. Mineral. Mag., JJ, WALKEJ. G. P. L. (1%2 h) - Ga.rroniu, /I ntw uolitt, Iro, lrdand IInd lcdand. MineraI. Mag., )J, WISE W. S., NOKLEBERG W.l- and KOKINOS M. (1969) - Clinoptilolitt and Itrritritt Irom A,oura, California. Amec. Mineral., 54, '.

GEOMETRIA MOLECOLARE

GEOMETRIA MOLECOLARE GEOMETRIA MOLECOLARE Le molecole hanno geometrie spaziali ben definite caratterizzate da distanze di legame ed angoli di legame. Questi possono essere determinati sperimentalmente (es. raggi X). Si vede

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Strutture cristalline nei materiali

Strutture cristalline nei materiali Antonio Licciulli Scienza e ingegneria dei materiali Strutture cristalline nei materiali Raggio atomico Il raggio atomico può variare in funzione del tipo di legame, della carica parziale e del numero

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali

Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali Difetti locali nei materiali cristallini Adattato dalle lezioni del prof. Cesare Pisani Dalle molecole ai cristalli Bartolomeo Civalleri/Lorenzo Maschio

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Legame ionico nei solidi.

Legame ionico nei solidi. Legame ionico nei solidi. Un puro legame ionico nei solido praticamente non esiste, anche in NaCl o CaO i legami hanno un certo carattere covalente che ovviamente diventa molto più importante man mano

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R - - I amosi specchi ustori usati da rchimede per bruciare le navi nemiche erano specchi serici. Sapendo che la distanza delle alture, dove erano posti gli specchi, dal mare era di 00 m, dite uale doveva

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MICROSCOPIA. in RADIAZIONE POLARIZZATA

INTRODUZIONE ALLA MICROSCOPIA. in RADIAZIONE POLARIZZATA ISTITUTO NAZIONALE di FISICA NUCLEARE Sezione di Bologna DIPARTIMENTO di FISICA Università degli Studi di Bologna Giovanni Pietro SINI INTRODUZIONE ALLA MICROSCOPIA in RADIAZIONE POLARIZZATA Revisione

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi.

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. 1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) 1 Atomi e Legami Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. Il termine atomo significa indivisibile e

Dettagli

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks with an Analysis of Link Formation on Twitter Dario Nardi Seminario Sistemi Complessi 15 Aprile 2014 Dario Nardi (CAS) 15/4/14 1 / 20

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Collettori solari termici

Collettori solari termici Collettori solari termici 1 VELUX Collettori solari. Quello che cerchi. massima durabilità, facile installazione Estetica e integrazione A fferenza degli altri collettori solari termici presenti sul mercato,

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA ARCHTETT JUNOR PROVA PRATCA TEMA 1 Stesura grafica di una planimetria catastale Avete ricevuto via fax, da un vostro cliente, la planimetria catastale allegata, riguardante una unità immobiliare residenziale.

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE di M. VILLA. e L. MURACCHINI (a Bologna) 1. - Nelle nostre ricerche sull'applicabilita proiettiva delle trasformazioni puntuali fra piani, abbiamo

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena (Italy) Email: marcello.romagnoli@unimore.it Tel. 059 2056234

Dettagli