Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96"

Transcript

1 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per gli intermediari RTI - Team Assistenza

2 La governance RTI 2

3 3 La dinamica dello strumento

4 Le caratteristiche del Fondo di Garanzia 4 Ammissibilità alla garanzia per qualunque operazione finanziaria Intersettorialità Ponderazione zero Escutibilità a prima richiesta Cumulabilità con altre agevolazioni pubbliche Procedure snelle Qualsiasi tipologia di operazione finanziaria, purché finalizzata all attività di impresa, può accedere all intervento del Fondo, con benefici in termini di diversificazione delle fonti finanziarie e di riequilibrio della struttura finanziaria delle imprese. Con l estensione alle imprese artigiane il Fondo interviene a favore delle imprese appartenenti a tutti i settori economici, ivi compreso l autotrasporto merci su strada. L intervento si è rivelato particolarmente efficace nel sostenere le imprese in fase di start up. L intervento del Fondo è assistito dalla garanzia di ultima istanza dello Stato, che comporta l attenuazione del rischio di credito sulle garanzie dirette e sulle controgaranzie a prima richiesta, azzerando l assorbimento di capitale per i soggetti finanziatori sulla quota di finanziamento garantita. La garanzia, secondo i dettami dell accordo Basilea II, è concessa a prima richiesta a favore delle banche e a favore dei Confidi e degli Altri fondi di garanzia che prestano una garanzia esplicita, incondizionata, irrevocabile. Nel limite dell intensità agevolativa massima fissata dall Unione Europea. Per accedere al Fondo è possibile presentare le domande on line e con procedure semplificate con tempi medi di istruttoria estremamente contenuti.

5 La Ponderazione Zero La garanzia di ultima istanza dello stato Il rischio per le banche sulla quota di finanziamento garantita dal Fondo è pari a zero. La garanzia dello Stato sulla copertura prestata dal Fondo permette ai soggetti finanziatori di ridurre il fabbisogno di capitale ai fini del patrimonio di vigilanza consentendo, a parità di ogni altra condizione, di praticare condizioni di miglior favore alle imprese finanziate. Essa agisce: nel caso di garanzia diretta; nel caso di controgaranzia, su garanzia prestata a prima richiesta sul patrimonio del garante. Essa non opera in caso di controgaranzia su garanzia prestata in forma sussidiaria ovvero a prima richiesta su fondo rischi da Confidi o altro Fondo di Garanzia. 5

6 Le tipologie di intervento 6 Garanzia diretta Controgaranzia Cogaranzia E concessa direttamente alle banche, agli intermediari finanziari (art.107 DL 385/93), SFIS, SGR e Società di gestione armonizzate (queste ultime due solo per le operazioni sul capitale di rischio) Essa è a prima richiesta, esplicita, incondizionata e irrevocabile e copre, nei limiti dell importo massimo garantito, l ammontare dell esposizione dei soggetti finanziatori nei confronti delle PMI. Possono accedere alla garanzia diretta tutte le PMI situate sul territorio nazionale, ad eccezione di quelle con sede legale e/o operativa nel Lazio e in Toscana. E concessa su garanzie prestate da Confidi ovvero altri Fondi di garanzia (gestiti da banche e intermediari artt DL 385/93). Essa può essere a prima richiesta, se il garante di primo livello risponde in solido con il proprio patrimonio, ovvero sussidiaria, nel qual caso il Fondo risponde soltanto al garante di primo livello e nei limiti delle somme da questi versate a titolo definitivo. Possono richiedere la cogaranzia i Confidi e gli altri fondi di garanzia che abbiano stipulato apposita convenzione con il Gestore che regola i criteri le modalità e le procedure di concessione e di attivazione. Per quanto non espressamente stabilito dalle convenzioni si applicano tutti i criteri, le modalità e le procedure di concessione della garanzia diretta. Sono escluse dalla cogaranzia le imprese situate nel Lazio e in Toscana.

7 Le caratteristiche della garanzia diretta I Soggetti richiedenti Possono richiedere la Garanzia Diretta: le Banche, anche in qualità di capofila di pool di banche; gli Intermediari vigilati; le SFIS; le SGR e le Società di gestione armonizzate per le sole operazioni sul capitale di rischio. Per presentare operazioni a valere sul Fondo, i soggetti richiedenti devono essere accreditati mediante richiesta scritta al Gestore ovvero richiesta di credenziali per l utilizzo della procedura telematica, inviando la documentazione prevista dalle vigenti Disposizioni Operative. 7

8 Caratteristiche della garanzia diretta: percentuali di copertura e importo massimo garantito OPERAZIONI IMPRESE Imprese ubicate nel Mezzogiorno e imprese Femminili Riserve PON e Poin Imprese colpite dagli eventi sismici Quota di copertura / Importo massimo garantito Altre imprese Start up innovative e incubatori di impresa Anticipazione crediti Pubblica Amministrazione 70% 2,5 mln non ammissibile 80% 2,5 mln 70% 2,5 mln 80% 2,5 mln Operazioni finanziarie di durata non inferiore a 80% 2,5 mln 80% 2,5 mln 80% 2,5 mln 70% 2,5 mln 80% 2,5 mln 36 mesi Consolidamento passività a breve su stessa 30% 1,5 mln non ammissibile 80% 2,5 mln 30% 1,5 mln 80% 2,5 mln banca/gruppo bancario Operazioni sul capitale di rischio 50% 2,5 mln non ammissibile 80% 2,5 mln 50% 2,5 mln non ammissibile Altra operazione finanziaria 80% 1,5 mln 80% 2,5 mln 80% 2,5 mln 60% 1,5 mln 80% 2,5 mln Operazioni a favore delle piccole imprese dell indotto di imprese in amministrazione straordinaria di durata non inferiore a 5 anni: quota di copertura 80% e importo massimo garantito 1,5 mln. 8

9 Le caratteristiche della controgaranzia Tipologie di intervento e Soggetti richiedenti Controgaranzia a prima richiesta a condizione che la garanzia dei Confidi abbia caratteristiche identiche e sia prestata con le medesime modalità della Garanzia diretta. Le convenzioni confidi stipulate con le banche devono far esplicito riferimento alla normativa del Fondo. La controgaranzia a prima richiesta, in caso di default del confidi, può essere escussa anche dalla banca garantita. Controgaranzia sussidiaria è escutibile, salvo acconto, solo dopo la conclusione delle procedure di recupero Soggetti richiedenti Confidi; Altri Fondi di garanzia gestiti da Banche, o Intermediari ex artt. 106 e 107 del TUB. Per presentare operazioni sul Fondo, i soggetti richiedenti devono essere accreditati presso il Gestore. L utilizzo della piattaforma web per la presentazione online delle domande è consentita dietro rilascio di apposite credenziali, a seguito dell invio della documentazione prevista dalle Disposizioni operative. 9

10 Caratteristiche della controgaranzia: percentuali di copertura e importo massimo garantito OPERAZIONI IMPRESE Imprese ubicate nel Mezzogiorno e imprese Femminili Riserve PON e Poin Imprese colpite dagli eventi sismici Quota di copertura / Importo massimo garantito Altre imprese Start up innovative e incubatori di impresa Anticipazione crediti Pubblica Amministrazione 80% di 80% 2,5 mln non ammissibile 90% di 80% 2,5 mln 80% di 80% 2,5 mln 80% di 80% 2,5 mln Operazioni finanziarie di durata non inferiore a 80% di 80% 2,5 mln 80% di 80% 2,5 mln 90% di 80% 2,5 mln 80% di 80% 2,5 mln 80% di 80% 2,5 mln 36 mesi Consolidamento passività a breve su stessa 60% di 60% 1,5 mln non ammissibile 90% di 80% 2,5 mln 60% di 60% 1,5 mln 80% di 80% 2,5 mln banca/gruppo bancario Operazioni sul capitale di rischio 80% di 60% 2,5 mln non ammissibile 90% di 80% 2,5 mln 80% di 60% 2,5 mln non ammissibile Altra operazione finanziaria 80% di 80% 1,5 mln 80% di 80% 2,5 mln 90% di 80% 2,5 mln 80% di 80% 1,5 mln 80% di 80% 2,5 mln Operazioni a favore delle piccole imprese dell indotto di imprese in amministrazione straordinaria di durata non inferiore a 5 anni: quota di copertura 80% di 80% e importo massimo garantito 1,5 mln 10

11 La Cogaranzia La garanzia prestata dal Fondo direttamente a favore delle banche e congiuntamente alla garanzia Confidi/Altri fondi di garanzia. Possono richiedere la Cogaranzia i Confidi e gli Altri fondi di garanzia che stipulano apposita Convenzione con il Gestore, che regola i criteri, le modalità e le procedure di concessione della Cogaranzia. A oggi, le Convenzioni stipulate tra il Gestore e i Confidi o Altri Fondi di garanzia con le nuove percentuali di copertura sono 8 e altre in fase di perfezionamento. Alle operazioni di Cogaranzia si applicano tutti i criteri, le modalità e le procedure di concessione previste per la Garanzia Diretta. 11

12 Le operazioni finanziarie ammissibili 12 Sulla base delle Disposizioni operative le operazioni ammissibili sono classificate in: a)operazioni di durata non inferiore a 36 mesi; b)operazioni di anticipazione dei crediti verso la P.A. senza cessione degli stessi; c)operazioni sul capitale di rischio; d)operazioni di consolidamento delle passività a breve termine su stessa banca o gruppo bancario di qualsiasi durata; e)operazioni a favore delle piccole imprese dell indotto di imprese in amministrazione straordinaria di durata non inferiore a 5 anni; f) Altre Operazioni finanziarie. Tra le Operazioni di durata non inferiore a 36 mesi e tra le Altre operazioni finanziarie, rientrano anche i finanziamenti a M/L Termine e i Prestiti Partecipativi, a fronte di investimenti, per i quali la Garanzia è concessa secondo il Regolamento CE n. 800/2008. In tutti gli altri casi la Garanzia è concessa secondo il regime de minimis. In caso di rinnovo dell operazione finanziaria, deve essere presentata una nuova richiesta di ammissione alla garanzia del Fondo e adottata una nuova delibera da parte del soggetto richiedente. Sono escluse dalla Garanzia Diretta le operazioni finanziarie che non abbiano una durata e/o una scadenza stabilita e certa. Le operazioni a revoca sono considerate ammissibili solo se hanno una durata e/o una scadenza certa desumibile dalla delibera di concessione.

13 Il pagamento delle commissioni (ove dovute) 13 La commissione non è dovuta per le operazioni finanziarie diverse dalle Operazioni di consolidamento su stessa banca o gruppo bancario di qualsiasi durata e dalle Operazioni sul capitale di rischio, riferite a: soggetti beneficiari finali ubicati nelle regioni del Mezzogiorno; imprese femminili; piccole imprese dell indotto di imprese in amministrazione straordinaria; micro, piccole e medie imprese che hanno sottoscritto un Contratto di rete; imprese sociali; imprese di autotrasporto; imprese colpite dagli eventi sismici; Imprese start-up innovative e incubatori di impresa. La commissione non è altresì dovuta per le Operazioni di anticipazione dei crediti verso la P.A.. Per le altre operazioni, i soggetti richiedenti devono versare al Fondo, a pena di inefficacia, una commissione una tantum calcolata in termini di percentuale dell'importo garantito dal Fondo, come di seguito. Operazioni di consolidamento di passività a breve termine su stessa banca o gruppo bancario Operazioni sul capitale di rischio: - anno di ammissione - anni successivi: fino al 5 successivo al 5 Tutte le restanti Operazioni finanziarie ammissibili Micro impresa Restanti territori Piccola impresa Media impresa Micro impresa Regioni del Mezzogiorno Piccola impresa 0,25% 0,25% 0,5% 0,5% Media impresa 3% Diretta (2% Controgar.) 3% Diretta (2% Controgar.) 1% 1% 0,25% 0,5% 1,0% - - -

14 I criteri di valutazione 14 Per valutare l ammissione alla garanzia del Fondo, le PMI vengono valutate mediante 6 modelli di scoring(3perleimpreseincontabilitàordinariae3perleimpreseincontabilitàsemplificata). Ogni modello presenta 4 indicatori di bilancio, a ciascuno dei quali è assegnato un punteggio in rapporto a un determinato valore di riferimento. A ogni indicatore è assegnato un punteggio da 0-3. In funzione del punteggio dell impresa variabile tra un minimo di 0 e un massimo di 12 punti - è attribuito il livello: LIVELLO A: punteggio impresa 9 LIVELLO B: punteggio impresa = 7 o 8 LIVELLO C: punteggio impresa < 7 La valutazione degli ultimi due bilanci comporta l assegnazione di due livelli che combinati tra loro producono la fascia di valutazione: ANNO 1 ANNO 2 VALUTAZIONE A A FASCIA 1 B A A B B B C B FASCIA 2 C A A C B C FASCIA 3 C C Rientrano, inoltre, nella fascia 3 di valutazione, le imprese in contabilità ordinaria che presentano un rapporto tra Mezzi Propri e Totale Passivo, riferito all ultimo bilancio approvato, inferiore al 5% (4% per l Autotrasporto). Le imprese in fascia 3 non sono ammesse all intervento del Fondo. Le nuove imprese vengono valutate sulla base dei bilanci previsionali e di una dettagliata relazione tecnica.

15 I criteri di valutazione Le operazioni semplificate e di importo ridotto Operazioni semplificate Importo ridotto L impresa rientra nella fascia 1 del corrispondente modello di valutazione; Assenza di garanzie reali, bancarie o assicurative; L importo dell operazione, sommatoaglialtrieventualiaffidamentigiàgarantiti dal Fondo e non ancora rimborsati, non superi il 30% del fatturato dell impresa (20% nel caso di operazioni fino a 36 mesi); L eventuale diminuzione del fatturato dell ultimo esercizio rispetto all esercizio precedente non sia pari o superiore al 40%; L eventuale perdita in uno degli ultimi due bilanci non sia superiore al 5% del fatturato Assenza di garanzie reali, bancarie o assicurative; L impresa presenti un utile in almeno uno degli ultimi due bilanci approvati; L eventuale perdita registrata nell ultimo bilancio non superi il 10% fatturato. L importo base dell operazione (< 20 mila) è elevabile fino a 100milasulla base dei seguenti elementi: anzianità dell impresa; n. addetti dell impresa; nel caso di finanziamento a fronte di investimenti; crescita del fatturato almeno del 5% o del 10% nell ultimo esercizio; immobile aziendale di proprietà ovvero acquisito in leasing o con contratto di locazione di durata residua non inferiore alla durata del finanziamento. 15

16 16 I criteri di valutazione Valutazione delle nuove imprese e delle imprese operanti su commessa o a progetto Procedura per nuove imprese Procedura per imprese operanti su commessa o a progetto Le nuove imprese (ovvero quelle che sono state costituite o hanno iniziato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione alla garanzia del Fondo) non utilmente valutabili sulla base degli ultimi due bilanci approvati : sono ammissibili solo se l operazione è a fronte di un programma di investimento; rientrano tutte nella Fascia 2 di valutazione caso per caso ; L operazione non è ammissibile nei casi in cui i mezzi propri, che devono risultare già versati alla data di erogazione del finanziamento, sono inferiori al 25% dell importo del programma di investimento. Per la valutazione di tali imprese deve essere inviato il business plan, completo di un bilancio previsionale almeno triennale. Le operazioni relative ad imprese caratterizzate da cicli produttivi ultrannuali e/o operanti su commessa o a progetto, non utilmente valutabili sulla base degli ultimi due bilanci approvati: rientrano tutte nella Fascia 2 di valutazione caso per caso ; sono ammissibili solo se l operazione è un finanziamento a copertura dei costi di una specifica iniziativa; sono valutate, oltre che sulla base degli ultimi due bilanci approvati, anche sulla base di un business plan. Le operazioni non sono ammissibili nel caso in cui la durata dell operazione finanziaria eccede la durata del ciclo economico dell iniziativa e/o i mezzi propri sono < al 10% dell importo complessivo dei costi dell iniziativa.

17 17 Le ultime novità normative - Decreto del 26 aprile 2013 in favore di start-up innovative e degli incubatori certificati Il Decreto del 26 aprile 2013 Decreto del 26 aprile 2013 che definisce criteri e modalità semplificati di accesso all'intervento del Fondo in favore di start-up innovative e degli incubatori certificati (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 25 giugno 2013, n. 147) L intervento del Fondo a favore delle imprese start-up innovative e degli incubatori di impresa è concesso: atitologratuito econpriorità sugli altri interventi; senza valutazione dei dati contabili di bilancio dell impresa o dell incubatore, a condizione che il soggetto finanziatore, in relazione all importo dell operazione finanziaria, non acquisisca alcuna garanzia reale, assicurativa o bancaria; per un importo massimo garantito per singola impresa pari a 2,5mln; nel caso di garanzia diretta, nella misura dell 80% dell ammontare del finanziamento; nel caso di controgaranzia, nella misura massima dell 80% dell importo garantito dal confidi o altro fondo di garanzia, a condizione che le garanzie da questi rilasciate non superino la percentuale massima di copertura dell 80%. Ai fini dell applicazione delle predette misure, i soggetti richiedenti devono preventivamente acquisire apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, contenuta nell allegato 4 alle vigenti Disposizioni operative, con la quale il rappresentante legale o procuratore speciale dell impresa o dell incubatore ne attesta l iscrizione nella apposita sezione speciale del registro delle imprese. Nel caso in cui il soggetto finanziatore acquisisca garanzie reali, assicurative o bancarie e/o in mancanza della dichiarazione sostitutivadiattodinotorietà, le richieste di garanzia sono valutate e la relativa garanzia è concessa sulla base delle ordinarie modalità e procedure previste dalle vigenti Disposizioni operative, fermo restando l intervento gratuito del Fondo.

18 18 Le ultime novità normative - Decreto Legge del 21 giugno 2013 n. 69 decreto del Fare (1/2) Decreto legge 21 giugno 2013 Decreto-legge del 21 giugno 2013, n. 69 (DL del Fare ), coordinato con la legge di conversione 9 agosto 2013, n. 98 recante: Disposizione urgenti per il rilancio dell economia (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 20 agosto 2013, n. 194) Definisce l adozione di specifiche disposizioni volte a: assicurare un più ampio accesso al credito da parte delle piccole e medie imprese, attraverso: l aggiornamento, in funzione del ciclo economico e dell andamento del mercato finanziario e creditizio, dei criteri di valutazione delle imprese ai fini dell accesso alla garanzia del Fondo e della misura dell accantonamento a titolo di coefficiente di rischio; l incremento, sull intero territorio nazionale, della misura massima di copertura della garanzia diretta fino all 80% dell importo dell operazione finanziaria, con riferimento alle operazioni di anticipazione crediti PA, alle operazioni finanziarie di durata non inferiore a 36 mesi e alle operazioni a favore delle imprese dell autotrasporto merci conto terzi; la semplificazione delle procedure e delle modalità di presentazione delle richieste attraverso un maggior ricorso a modalità telematiche di accesso e di gestione della garanzia; misure volte a garantire l effettivo trasferimento dei vantaggi della garanzia pubblica alle piccole e medie imprese beneficiarie dell intervento.

19 19 Le ultime novità normative - Decreto Legge del 21 giugno 2013 n. 69 decreto del Fare (2/2) Decreto legge 21 giugno 2013 Decreto-legge del 21 giugno 2013, n. 69 (DL del Fare ), coordinato con la legge di conversione 9 agosto 2013, n. 98 recante: Disposizione urgenti per il rilancio dell economia (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 20 agosto 2013, n. 194) limitare il rilascio della garanzia del Fondo alle operazioni finanziarie di nuova concessione ed erogazione, escludendo la possibilità di garantire operazioni finanziarie già deliberate dai soggetti finanziatori alla data di presentazione della richiesta di garanzia, salvo che le stesse non siano condizionate, nella loro esecutività, all acquisizione della garanzia da parte del Fondo; prevede specifici criteri di valutazione ai fini dell ammissione alla garanzia del Fondo da parte delle imprese sociali nonché delle cooperative sociali. Il decreto ha inoltre disposto: la riduzione al 50% (dal precedente 80%) della quota delle disponibilità finanziarie riservata a operazioni finanziarie non superiori a 500 mila d importo massimo garantito per singola impresa; l estensione dell operatività del Fondo - previa adozione di un apposito decreto del MiSE di concerto con il MEF - ai professionisti iscritti agli ordini professionali e a quelli aderenti alle associazioni professionali, prevedendo un limite massimo di assorbimento non superiore al 5% delle disponibilità; la possibilità di far affluire al Fondo contributi su base volontaria per essere destinati alla microimprenditorialità, a seguito di apposito decreto MEF, che definisca le modalità di contribuzione da parte di enti, associazioni, società o singoli cittadini.

20 Il Decreto Fund raising Decreto pubblicato il 24 aprile 2012 in attuazione del Decreto legge n. 185/2008 convertito Decreto pubblicato il 24 aprile 2012 in attuazione del Decreto legge n. 185/2008 convertito con Legge 28 gennaio 2009, n. art. 11, comma con Legge 28 gennaio 2009, n. 2 art. 11, comma 5 Decreto volto a disciplinare le modalità di contribuzione al Fondo da parte delle Regioni, Province Autonome e di altri enti e organismi pubblici, banche ovvero con l intervento della SACE S.p.A. per incrementare la dotazione del Fondo. I contributi dei soggetti apportanti incrementano la dotazione del Fondo attraverso la costituzione di SEZIONI SPECIALI mediante la stipula di accordi sottoscritti con il Ministero dello sviluppo economico e Ministero dell economia e delle finanze, con l obiettivo di individuare per ciascuna Sezione: le tipologie di operazioni che possono essere assistite da garanzia mediante le risorse della sezione speciale; le modalità di intervento, attraverso la definizione delle percentuali di copertura delle operazioni di finanziamento; l ammontare delle risorse destinate ad integrare il Fondo, con la previsione di una dotazione minima 20

21 Le Sezioni speciali delle Camere di commercio Le operazioni attivabili attraverso la Sezione Speciale delle Camere di Commercio riguardano interventi di cogaranzia e di controgaranzia a prima richiesta, in collaborazione con il sistema dei Confidi, per facilitare l accesso al credito delle PMI a copertura di investimenti e spese correnti destinate a piani di internazionalizzazione. La percentuale di copertura può raggiungere un intensità massima dell 80%, a fronte di una quota garantita dai Confidi, che non può superare l 80%. Sulla base di quanto previsto dal Protocollo tra il MiSE, il MEF e le Camere di Commercio del 19 dicembre 2012, le risorse della Sezione Speciale sono impiegate mediante interventi in compartecipazione con il Fondo. La quota di copertura (fino all 80%) è ripartita nella misura del 50%. Le 19 Camere di commercio che hanno sottoscritto il Protocollo, hanno versato al Fondo un contributo totale pari a 15,6 mln. Con l obiettivo di sostenere i processi di internazionalizzazione delle PMI attraverso le Sezioni speciali delle Camere di commercio, sono stati individuati specifici criteri di valutazione, volti a: sostenere l accesso al credito delle PMI già significativamente attive sui mercati esteri, con l intento di favorire piani di internazionalizzazione e il rafforzamento del tessuto economico del territorio di riferimento, anche in considerazione degli effetti positivi sulle imprese dell indotto; agevolare le PMI con vocazione all export, qualificabili come start up dell internazionalizzazione. Per tali imprese è stata introdotta una valutazione che, laddove rilevante, tenga conto sia di dati di bilancio sia della natura e delle caratteristiche delle iniziative pianificate e oggetto dell operazione di finanziamento. 21

22 La Sezione speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari opportunità Le operazioni attivabili attraverso la Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari opportunità riguardano interventi di garanzia diretta, cogaranzia e controgaranzia del Fondo di garanzia a favore di Imprese femminili. Nel rispetto delle disposizioni operative del Fondo, la percentuale di copertura raggiunge un intensità massima dell 80%. Sulla base di quanto previsto dall Atto di Convenzione tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari opportunità, il MiSE e il MEF, le risorse della Sezione Speciale sono impiegate mediante interventi in compartecipazione con il Fondo. La quota di copertura (fino all 80%) è ripartita nella misura del 50%. In parallelo con le normali modalità di richiesta, è previsto un meccanismo di accesso al Fondo attraverso la prenotazione della garanzia da parte delle Imprese femminili. La Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari opportunità ha versato al Fondo un contributo pari a 10 mln. 22

23 La Sezione sisma Abruzzo Con decreto Mise/MEF del 29 ottobre 2012 è stata istituita una sezione destinata alla concessione di garanzie su finanziamenti bancari a favore delle piccole e medie imprese, comprese quelle commerciali, agricole, turistiche e di servizi, nonché degli studi professionali, con unità locali ubicate nei Comuni colpiti dagli eventi sismici del 9 aprile Alla Sezione Abruzzo è attribuita una dotazione finanziaria, a valere sulle disponibilità del Fondo, di 10mln. La Sezione Abruzzo è destinata alla concessione, a titolo gratuito e per un importo massimo garantito per soggetto beneficiario finale fino a 2,5 mln, di garanzie dirette e controgaranzie, con copertura massima: dell 80% dell ammontare di ciascun finanziamento, nel caso di Garanzia Diretta; del 90% dell importo garantito dal Confidi o da altro fondo di garanzia, nel caso di Controgaranzia, a condizione che gli stessi abbiano prestato garanzie in misura non superiore all 80 percento di ciascun finanziamento. Le richieste di garanzia a valere sulla Sezione Abruzzo sono esaminate con priorità dal Comitato di gestione. La Sezione Abruzzo può rilasciare garanzie per un periodo di 3 anni a decorrere dalla data di pubblicazione del decreto del 29 ottobre Decorso tale periodo, le risorse eventualmente non impegnate rimangono nelle disponibilità del Fondo. 23

24 La Sezione autotrasporto merci conto terzi La Sezione sostiene l accesso al credito delle PMI operanti nel settore nell autotrasporto di merci conto di terzi. con Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 27 luglio 2009 è stata istituita la Sezione Speciale per le PMI di autotrasporto merci conto terzi. la dotazione iniziale della sezione ammonta a 50mln. il Comitato di Gestione del Fondo è integrato con i rappresentanti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e delle organizzazioni associative di autotrasporto. per le operazioni relative a imprese di autotrasporto merci per conto terzi non è prevista alcuna commissione. Le risorse a valere sulla Sezione sono destinate alla concessione di garanzie sui finanziamenti accordati alle piccole e medie imprese di autotrasporto di merci per conto di terzi, per esigenze finanziarie e programmi di investimento connessi all attività di impresa. Non sono ammissibili le operazione a fronte di investimenti per mezzi o attrezzature di trasporto. 24

25 Le Riserve PON Ricerca e Competitività, POIn Energie rinnovabili e risparmio energetico e POIn Attrattori culturali, naturali e turismo Con Decreti del Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze sono state istituite tre Riserve finalizzate agli interventi del Fondo a favore delle imprese ubicate nei territori delle Regioni dell Obiettivo Convergenza (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia). Le Riserve istituite, con contabilità separata, sono state attivate a valere su: risorse del Programma Operativo Nazionale Ricerca e competitività 2007/2013, Asse II, Obiettivo operativo Miglioramento del mercato dei capitali Azione Capitalizzazione delle PMI ed accesso al credito, con una dotazione pari a 150 mln; risorse del Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007/2013, con una dotazione pari a 96 mln; risorse del Programma Operativo Interregionale Attrattori culturali, naturali e turismo 2007/2013", con una dotazione pari a 80 mln. Con riferimento alle operazioni ammissibili alle Riserve, il Fondo interviene con le percentuali massime di copertura dell 80%. L importo massimo garantibile - per ciascun soggetto beneficiario finale - è pari alla misura massima di 2,5 mln. 25

26 26 Il Piano della Trasparenza

27 Il Piano della Trasparenza 27 Per dare attuazione a quanto previsto dall articolo 12 Informazione alle imprese del Decreto «Salva Italia», è stata approvata una integrazione delle Disposizioni operative del Fondo attraverso l introduzione del Piano della Trasparenza con l obiettivo di favorire la massima informazione tra Gestore, soggetti richiedenti e sistema delle imprese. Obblighi dei soggetti richiedenti Comunicare al Gestore le informazioni rese alle imprese e le condizioni economiche applicate ai soggetti beneficiari finali; Dichiarare, nel modulo per la richiesta di ammissione al Fondo, se hanno tenuto conto o meno della natura del garante di ultima istanza nel calcolo dell assorbimento patrimoniale relativa alla quota di esposizione coperta dalla garanzia del Fondo; Comunicare il vantaggio riconosciuto al soggetto beneficiario finale in termini di: tasso di interesse; maggiore volume di credito concesso; minori commissioni (controgaranzia) Predisporre un adeguata modulistica, intesa come fogli informativi o moduli di richiesta della garanzia del Fondo. Obblighi del Gestore Comunicare all impresa, nella fase di richiesta di ammissione, tutti i contatti utili a cui rivolgersi per informazioni; Comunicare all impresa, in seguito alla delibera del Comitato: concessione o rigetto della garanzia del Fondo; l ESL (intensità agevolativa) corrispondente alla garanzia concessa; in caso di ammissione al Fondo, il vantaggio ad esso associato. Pubblicare e aggiornare periodicamente sul sito web del Fondo l elenco dei soggetti richiedenti e le informazioni relative alle operazioni deliberate con esito positivo; Attivare sul sito una casella di posta elettronica dedicata a FAQ e/o eventuali segnalazioni.

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità L assistenza alla Sezione Speciale per le Imprese Femminili Silvia Lorenzini

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Le Disposizioni Operative alla luce delle novità di recente adozione. Workshop in Assolombarda Fondo di Garanzia per le PMI: le nuove caratteristiche di intervento Guglielmo

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI (legge 662/96)

Il Fondo di Garanzia per le PMI (legge 662/96) Il Fondo di Garanzia per le PMI (legge 662/96) Link Campus University Il Riposizionamento del Sistema dei Confidi e del Fondo di Garanzia nel Nuovo Contesto Normativo Guglielmo Belardi Presidente del Comitato

Dettagli

Il Fondo di Garanzia. Novembre 2015 Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia

Il Fondo di Garanzia. Novembre 2015 Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia Il Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese Novembre 2015 Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia Il Fondo di Garanzia per le PMI E un Fondo di diritto pubblico, totalmente detenuto dallo Stato,

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI

Il Fondo di garanzia per le PMI Il Fondo di garanzia per le PMI Incontro Confindustria Pesaro Urbino Roberto Olivieri Mediocredito Italiano RTI Gestore del Fondo di Garanzia Team di Assistenza alla clientela Pesaro, 25 novembre 2014

Dettagli

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE Massimo Generali MPS Capital Services SpA RTI per la Gestione del Fondo di

Dettagli

Modalità operative del Fondo di garanzia per le PMI

Modalità operative del Fondo di garanzia per le PMI Modalità operative del Fondo di garanzia per le PMI Pierpaolo Brunozzi Responsabile del Servizio Fondi di Garanzia e Interventi per il Capitale di Rischio Milano, 8 febbraio 2013 Le caratteristiche (1/3)

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE Massimo Generali MPS Capital Services SpA RTI per la Gestione del Fondo di

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI (Legge 662/96) Focus sulle ultime novità introdotte

Il Fondo di Garanzia per le PMI (Legge 662/96) Focus sulle ultime novità introdotte Il Fondo di Garanzia per le PMI (Legge 662/96) Focus sulle ultime novità introdotte Davide Politano - Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane RTI Gestore del Fondo di Garanzia Team di Assistenza

Dettagli

Le misure contenute nel

Le misure contenute nel 16_21:Programma_Amva.qxd 04/07/2012 12.45 Pagina 16 16 AGEVOLAZIONI NAZIONALI INVESTIMENTI PRODUTTIVI Per il Fondo di garanzia in arrivo le nuove percentuali di copertura Ammesse anche le anticipazioni

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI a supporto del microcredito. Fondo di Garanzia A cura del Team di Assistenza alla Clientela

Il Fondo di Garanzia per le PMI a supporto del microcredito. Fondo di Garanzia A cura del Team di Assistenza alla Clientela Il Fondo di Garanzia per le PMI a supporto del microcredito Fondo di Garanzia A cura del Team di Assistenza alla Clientela Il Fondo di garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia è uno strumento di mitigazione

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Vers 3/2014 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione

Dettagli

Università degli studi G. d Annunzio Pescara Chieti Scuola delle Scienze Economiche, Aziendali, Giuridiche e Sociologiche Dipartimento di Economia

Università degli studi G. d Annunzio Pescara Chieti Scuola delle Scienze Economiche, Aziendali, Giuridiche e Sociologiche Dipartimento di Economia Università degli studi G. d Annunzio Pescara Chieti Scuola delle Scienze Economiche, Aziendali, Giuridiche e Sociologiche Dipartimento di Economia Seminario I finanziamenti agevolati alle imprese: il Fondo

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito

Dettagli

Come funziona il Fondo di garanzia?

Come funziona il Fondo di garanzia? Con il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, l Unione europea e lo Stato Italiano affiancano le imprese che hanno difficoltà ad accedere al credito bancario perché non dispongono di sufficienti

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

Fondo di garanzia per le Pmi: le ultime modifiche

Fondo di garanzia per le Pmi: le ultime modifiche Agevolazioni Finanziarie 21 di Pietro Gioja Gioja e associati Fondi di garanzia Fondo di garanzia per le Pmi: le ultime modifiche Numerose le novità introdotte dal Mise e da Banca del Mezzogiorno Mediocredito

Dettagli

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp DIPARTIMENTO POLITICHE PER LO SVILUPPO Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp La normativa nazionale di supporto agli investimenti delle imprese cooperative ed altre opportunità

Dettagli

L intervento pubblico di garanzia per il credito alle piccole e medie imprese

L intervento pubblico di garanzia per il credito alle piccole e medie imprese L intervento pubblico di garanzia per il credito alle piccole e medie imprese Gruppo di Lavoro Fondi Strutturali Torino, 22 Novembre 2013 FOCUS GARANZIA DIRETTA prestata dal Fondo direttamente a favore

Dettagli

Il mondo del credito raccontato dalle banche. Fondo di Garanzia Medio Credito e riformulazione credito anomalo. 26 novembre 2015

Il mondo del credito raccontato dalle banche. Fondo di Garanzia Medio Credito e riformulazione credito anomalo. 26 novembre 2015 Il mondo del credito raccontato dalle banche Fondo di Garanzia Medio Credito e riformulazione credito anomalo 26 novembre 2015 Sezione Credito-Finanza di Confindustria Cuneo Interventi di: Roberto Olivieri

Dettagli

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti Il sostegno alle P.M.I. - Incentivi, garanzie ed opportunità per il consolidamento e la crescita Taranto, 27 febbraio 2009 Relatore: Dr. Raffaele

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA POI OPERAZIONE DI CONTROGARANZIA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA POI OPERAZIONE DI CONTROGARANZIA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE Allegato 21b Modulo conferma controgaranzia POI - Pagina 1 di 13 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA POI (Barrare una casella) ATTIVITÀ 1.1: INTERVENTI DI ATTIVAZIONE DI FILIERE PRODUTTIVE CHE INTEGRINO

Dettagli

Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale Pagina 1 di 8. Data:

Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale Pagina 1 di 8. Data: Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale Pagina 1 di 8 Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Servizio Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio FONDO DI

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Edizione

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Servizio Assistenza alla Clientela MedioCredito Centrale

Dettagli

Fondo centrale di garanzia

Fondo centrale di garanzia Fondo centrale di garanzia 1 Riferimento Legge FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 ART. 2 COMMA 100 LETT. A); Tre forme di intervento: Garanzia Diretta, garanzia prestata dal

Dettagli

DELLA REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. Disposizioni per il rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese.

DELLA REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. Disposizioni per il rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 56 del 8 marzo 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

Seminario Il Fondo di Garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche. * * * La garanzia dello Stato Un opportunità per le imprese

Seminario Il Fondo di Garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche. * * * La garanzia dello Stato Un opportunità per le imprese Seminario Il Fondo di Garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche * * * La garanzia dello Stato Un opportunità per le imprese Francesca Brunori Confindustria Area Fisco, Finanza e Welfare

Dettagli

Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio

Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale Pagina 1 di 7 Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio FONDO DI GARANZIA

Dettagli

ALLEGATO (articolo 2, comma 1)

ALLEGATO (articolo 2, comma 1) ALLEGATO (articolo 2, comma 1) CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI PREMESSA I modelli di valutazione adottati sono distinti per procedura, per settore

Dettagli

ALLEGATO (articolo 2, comma 1)

ALLEGATO (articolo 2, comma 1) ALLEGATO (articolo 2, comma 1) CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI PREMESSA I modelli di valutazione adottati sono distinti per procedura, per settore

Dettagli

IL FONDO CENTRALE di GARANZIA. Nota tecnica. Consorzio Camerale per il credito e la finanza Ufficio Studi

IL FONDO CENTRALE di GARANZIA. Nota tecnica. Consorzio Camerale per il credito e la finanza Ufficio Studi IL FONDO CENTRALE di GARANZIA Nota tecnica Consorzio Camerale per il credito e la finanza Ufficio Studi CRONOLOGIA 1996: nasce il Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese 2007: la legge finanziaria

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio

Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale Pagina 1 di 9 Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio FONDO DI GARANZIA

Dettagli

GARANZIA DEL FONDO SU PORTAFOGLI DI FINANZIAMENTI MODALITÀ OPERATIVE

GARANZIA DEL FONDO SU PORTAFOGLI DI FINANZIAMENTI MODALITÀ OPERATIVE ALLEGATO GARANZIA DEL FONDO SU PORTAFOGLI DI FINANZIAMENTI MODALITÀ OPERATIVE RIFERIMENTI NORMATIVI E DEFINIZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 23 dicembre 1996 n. 662 (art. 2, comma 100, lettera a): Misure

Dettagli

IL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI A SOSTEGNO DELLE EMISSIONI DI MINIBOND

IL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI A SOSTEGNO DELLE EMISSIONI DI MINIBOND I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI A SOSTEGNO DELLE EMISSIONI DI MINIBOND Dr. Guglielmo Belardi

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO di Roberto De Luca 1. Finalità e ambito di applicazione Al fine di favorire l'accesso alle risorse finanziarie a supporto della microimprenditorialità, il Governo

Dettagli

L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO

L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO Oggetto e finalità Favorire la microimprenditorialità nell'accesso alle fonti finanziarie mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

I NUOVI INCENTIVI PER LE PMI

I NUOVI INCENTIVI PER LE PMI I NUOVI INCENTIVI PER LE PMI 28.02. 2014 - La nuova Legge Sabatini e il Bando Inail La Nuova legge Sabatini (D.L. 21/2013 n. 69 (Decreto del Fare)) - Agevolazioni per l acquisto di macchinari, impianti

Dettagli

"Leasing e Finanziamenti - Fondo di Garanzia MCC: novità e operatività in IBI"

Leasing e Finanziamenti - Fondo di Garanzia MCC: novità e operatività in IBI "Leasing e Finanziamenti - Fondo di Garanzia MCC: novità e operatività in IBI" 2 Indice Principali Caratteristiche della normativa (con evidenza NOVITA Dicembre 2012) Regole istruttorie del Fondo Tipologia

Dettagli

Sezione speciale del fondo di garanzia PMI: aperto anche alle professioniste

Sezione speciale del fondo di garanzia PMI: aperto anche alle professioniste CIRCOLARE A.F. N.132 del 29 Settembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Sezione speciale del fondo di garanzia PMI: aperto anche alle professioniste Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

L INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO

L INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO L INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale SpA a cura della Direzione Fondi di Garanzia e Interventi per il Capitale di Rischio

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013

DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013 DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013 1. OPERAZIONI DI IMPORTO RIDOTTO (MICROCREDITO) Domanda. Una operazione di Microcredito estinta o parzialmente estinta consente di liberare, anche pro quota, il

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.81 del 29 Giugno 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Operativo l accesso al fondo di garanzia sui finanziamenti per il microcredito Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Ai fini delle presenti disposizioni, sono adottate le seguenti definizioni:

Ai fini delle presenti disposizioni, sono adottate le seguenti definizioni: ALLEGATO 1 CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ E DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DI CUI ALL ARTICOLO 2, COMMA 100, LETTERA A), DELLA LEGGE 23 DICEMBRE 1996,

Dettagli

GARANZIA DEL FONDO SU PORTAFOGLI DI MINI BOND MODALITA OPERATIVE

GARANZIA DEL FONDO SU PORTAFOGLI DI MINI BOND MODALITA OPERATIVE GARANZIA DEL FONDO SU PORTAFOGLI DI MINI BOND MODALITA OPERATIVE RIFERIMENTI NORMATIVI E DEFINIZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 23 dicembre 1996 n. 662 (art. 2, comma 100, lettera a): Misure di razionalizzazione

Dettagli

L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO

L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO Operative le misure previste per fondo pmi L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO CONTINUA DALLA NEWSLETTER MICRO-WORK. VAI ALLA SEZIONE NEWSLETTER E SCARICA IL

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON OPERAZIONE DI GARANZIA DIRETTA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON OPERAZIONE DI GARANZIA DIRETTA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE Allegato 20a Modulo conferma garanzia diretta PON - Pagina 1 di 10 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON OPERAZIONE DI GARANZIA DIRETTA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE Data:

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

Disposizioni Operative del Fondo di garanzia ALLEGATI

Disposizioni Operative del Fondo di garanzia ALLEGATI Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Disposizioni Operative del Fondo di garanzia ALLEGATI INDICE ALLEGATI Allegato 1 Modulo garanzia diretta Allegato 1a Modulo garanzia

Dettagli

AIDA DFKA e il Fondo di garanzia MCC per le PMI

AIDA DFKA e il Fondo di garanzia MCC per le PMI AIDA DFKA e il Fondo di garanzia MCC per le PMI Il modulo AIDA DFKA AIDA DFKA è un modulo aggiuntivo della banca dati AIDA implementato in relazione al Fondo di Garanzia gestito da MCC allo scopo di favorire

Dettagli

DISPOSIZIONI OPERATIVE

DISPOSIZIONI OPERATIVE DISPOSIZIONI OPERATIVE 1 INDICE PARTE I - RIFERIMENTI NORMATIVI E DEFINIZIONI... 7 PARTE II - GARANZIA DIRETTA... 17 A. CARATTERISTICHE DELLA GARANZIA E SOGGETTI RICHIEDENTI... 18 B. SOGGETTI BENEFICIARI

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE Guida ragionata delle disposizioni normative Commissione Attività

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

DISPOSIZIONI OPERATIVE

DISPOSIZIONI OPERATIVE DISPOSIZIONI OPERATIVE 1 PARTE I RIFERIMENTI NORMATIVI E DEFINIZIONI 2 RIFERIMENTI NORMATIVI: Legge 23 dicembre 1996 n. 662 (art. 2, comma 100, lettera a): Misure di razionalizzazione della finanza pubblica

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

Atto di Convenzione. tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari opportunità,

Atto di Convenzione. tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari opportunità, ,gr~,;eh"n.za eh,,/yt:,.nj.7/,;e. tk,,; ~n';j.~~'; Dipartimento per le Pari Opportunità Atto di Convenzione tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari opportunità, il Ministero

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO 2 CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore - MCC per la presentazione delle

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

LA FINANZA AGEVOLATA PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA FINANZA AGEVOLATA PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA FINANZA AGEVOLATA PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA La Spezia, 29 aprile 2015 In collaborazione con: 1 LA FINANZA AGEVOLATA PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA AGENDA 16,45 Apertura: DIRETTORE GENERALE DI CONFINDUSTRIA

Dettagli

Roma, 28/4/2008 All. 1

Roma, 28/4/2008 All. 1 Roma, 28/4/2008 All. 1 Legge 23 dicembre 1996, n. 662 (art. 2, comma 100, lett. a) Misure di razionalizzazione della finanza pubblica Fondo di garanzia per le PMI Sezione ORDINARIA Beneficiari Questo strumento

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON OPERAZIONE DI CONTROGARANZIA - RICHIESTA DI AMMISSIONE PROCEDURA DI ACCESSO ALLA GARANZIA

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON OPERAZIONE DI CONTROGARANZIA - RICHIESTA DI AMMISSIONE PROCEDURA DI ACCESSO ALLA GARANZIA Allegato 2a Modulo controgaranzia PON - Pagina 1 di 23 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON OPERAZIONE DI CONTROGARANZIA - RICHIESTA DI AMMISSIONE PROCEDURA DI ACCESSO ALLA GARANZIA (Barrare una

Dettagli

PON R&C 2007-2013 VIP Valutazione Informazione Progetti

PON R&C 2007-2013 VIP Valutazione Informazione Progetti Rapporto di Approfondimento sul Fondo di Garanzia Valutazione del funzionamento del Fondo di Garanzia sul credito alle PMI italiane ed analisi d impatto territoriale PON R&C 2007-2013 VIP Valutazione Informazione

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 194 del 20 agosto 2013 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Martedì, 20 agosto 2013

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 194 del 20 agosto 2013 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Martedì, 20 agosto 2013 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 194 del 20 agosto 2013 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE

FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE Regione Marche Programma Operativo Marche F.E.S.R. 2007/2013 FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE per l utilizzo di fonti da energia alternative e il risparmio energetico Intervento pubblico

Dettagli

INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C. Comitato di Sorveglianza 16 giugno g 2010 Roma

INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C. Comitato di Sorveglianza 16 giugno g 2010 Roma Punto 5 dell ordine del giorno: INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C (C) I nuovi bandi del MISE a valere sulla Legge 46/82 FIT Comitato di Sorveglianza

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 OPERAZIONE DI GARANZIA DIRETTA - RICHIESTA DI AMMISSIONE PROCEDURA DI ACCESSO ALLA GARANZIA

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 OPERAZIONE DI GARANZIA DIRETTA - RICHIESTA DI AMMISSIONE PROCEDURA DI ACCESSO ALLA GARANZIA Allegato 1 Modulo garanzia diretta - Pagina 1 di 35 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 OPERAZIONE DI GARANZIA DIRETTA - RICHIESTA DI AMMISSIONE PROCEDURA DI ACCESSO ALLA GARANZIA (Barrare una casella) OPERAZIONE

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3

Dettagli

Il sostegno di CDP: sviluppi

Il sostegno di CDP: sviluppi Il sostegno di CDP: sviluppi Roma, 28 novembre 2013 Il Contesto Nel biennio 2011 12, CDP ha mobilitato circa il 90% delle risorse previste dal Piano Industriale 2011 13,raggiungendo,difatto,gliobiettiviconunanno

Dettagli

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Smart & Start: finanziamenti veloci per le spese incentivate Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che grazie alla convenzione tra Ministero dello Sviluppo

Dettagli

www.adadvisory.it AD ADVISORY & FdG Servizi per la valorizzazione delle opportunità offerte dal Fondo di Garanzia (FdG) Roma, maggio 15

www.adadvisory.it AD ADVISORY & FdG Servizi per la valorizzazione delle opportunità offerte dal Fondo di Garanzia (FdG) Roma, maggio 15 www.adadvisory.it AD ADVISORY & FdG Servizi per la valorizzazione delle opportunità offerte dal Fondo di Garanzia (FdG) Roma, maggio 15 Indice 1. AD Advisory (AD) La società 2. Situazione del credito alle

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NUMERO 11 Le Circolari della Fondazione Studi n. 11 del 12/05/2015 MICROCREDITO Le istruzioni per l uso Con la pubblicazione in G.U. 107 dell'11 maggio del decreto del MISE del 18 marzo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

...qui CNO... Informazioni e notizie dal Consiglio Nazionale dell'ordine. Carissimi colleghi

...qui CNO... Informazioni e notizie dal Consiglio Nazionale dell'ordine. Carissimi colleghi ...qui CNO... Informazioni e notizie dal Consiglio Nazionale dell'ordine Rubrica a cura del Consigliere nazionale Francesco Duraccio(*) n.23-27. 5. 2015 Carissimi colleghi In questo numero desidero fornirvi

Dettagli

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Interventi In vigore dal Innovazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Finanziamenti per progetti di R&S 26 giugno

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29.7.2009) Documento versione n.5 del

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

DISPOSIZIONI OPERATIVE

DISPOSIZIONI OPERATIVE DISPOSIZIONI OPERATIVE 1 PARTE I RIFERIMENTI NORMATIVI E DEFINIZIONI 2 RIFERIMENTI NORMATIVI: Legge 23 dicembre 1996 n. 662 (art. 2, comma 100, lettera a): Misure di razionalizzazione della finanza pubblica

Dettagli

Roma, 21 Novembre 2013 Via Nazionale 60 Auditorium Antonio Nori

Roma, 21 Novembre 2013 Via Nazionale 60 Auditorium Antonio Nori Documento presentato dal dr. Gianni Triolo Responsabile Nazionale Credito Confesercenti Al Meeting Nazionale Estetica Benessere - Salute Made in Italy Professionalità e legalità Roma, 21 Novembre 2013

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi La legge 598/94 La legge 598/94 è rivolta alle micro, piccole e medie imprese, costituite anche in forma di società cooperativa, comprese le imprese artigiane limitatamente al settore D Manifatturiero,

Dettagli

Serie FI0820. Condizioni praticate dal 01/09/2015

Serie FI0820. Condizioni praticate dal 01/09/2015 Foglio Informativo del Servizio/Prodotto SERVIZIO ANTICIPI SU FATTURE DOCUMENTI COMMERCIALI ITALIA con la garanzia del Fondo Di Garanzia per le PMI (legge 662/96 art. 2, comma 100, lettera a ) INFORMAZIONI

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE:

INCENTIVI ALLE IMPRESE: INCENTIVI ALLE IMPRESE: QUANDO COME E QUANTO Roma, 15-16 Febbraio 2014 Cari amici, questo opuscolo nasce con l auspicio di essere un valido punto di partenza per esplorare le possibilità messe in campo

Dettagli

CENTROMARCA BANCA - CREDITO COOPERATIVO

CENTROMARCA BANCA - CREDITO COOPERATIVO CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI IN FAVORE DELLE FAMIGLIE CON NUOVI NATI O FIGLI ADOTTATI NEGLI ANNI 2009, 2010, 2011 TRA Il Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del

Dettagli