La somma di 12 e 30 è 42

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La somma di 12 e 30 è 42"

Transcript

1 Nuovo Esercizio Supponendo che: all operazione somma corrisponda il numero 1 all operazione differenza corrisponda il numero 2 all operazione modulo corrisponda il numero 3 all operazione divisione intera corrisponda il numero 4 Scrivere un programma che: Legga due numeri Legga l operazione da svolgere descritta dal numero corrispondente Svolga l operazione richiesta Stampi l operazione scelta, i due argomenti ed il risultato N.B. Si faccia attenzione che la divisione per zero provoca un errore fatale. Esempio (traccia di esecuzione supponendo che il programma eseguibile si chiami mioprg): $ mioprg Dammi due interi: 2 30 Scegli una delle seguenti operazioni: 1. Somma 2. Differenza 3. Modulo 4. Divisione intera 1 La somma di 12 e 30 è 42 Esercizio 2.15 Indicare l'ordine di valutazione degli operatori in ognuna delle seguenti istruzioni C e mostrare il valore di x dopo che ognuna delle istruzioni sarà stata eseguita A. x = *6 / 2-1; B. x = 2 % / 2; C. x = (3 * 9 * (3 + (9 * 3 /(3)))); A. x = *6 / 2-1 x = B. x = 2 % / 2; x = C. x = (3 * 9 * (3 + (9 * 3 /(3)))); x = Esercizio 2.16 Scrivere un programma che chiede all'utente di immettere due numeri, ottenga i numeri dall'utente e visualizzi la loro somma, prodotto, differenza, quoziente e modulo. /* somma, prodotto, differenza, quoziente e modulo di due interi (CON ERRORE SU QUOZIENTE)*/ 1

2 int integer1, integer2; printf("inserisci due interi:"); scanf("%d%d", &integer1, &integer2); printf("la somma è: %d\n ", integer1 + integer2); printf("ilprodotto è: %d\n ", integer1 * integer2); printf("la differenza è: %d\n ", integer1 - integer2); printf("il quozinte è: %d\n ", integer1 / integer2); printf("il modulo è: %d\n ", integer1 % integer2); Esercizio 2.17 Scrivere un programma che visualizzi i numeri da 1 a 4 sulla stessa riga. Scrivere il programma utilizzando i seguenti metodi: a) Usando una istruzione printf senza specifiche di conversione b) Usando una istruzione printf con quattro specifiche di conversione c) Usando quattro istruzioni printf. a) /* Visualizzazione dei numeri da 1 a 4 sulla stessa riga senza specifiche di conversione */ printf(" \n "); b) /* Visualizzazione dei numeri da 1 a 4 sulla stessa riga con quattro specifiche di conversione */ int x = 1; printf("%d %d % %d\n ", x, x+1, x+2, x+3); // printf("%d %d % %d\n ", 1, 2, 3, 4); seconda soluzione c) /* Visualizzazione dei numeri da 1 a 4 sulla stessa riga con quattro istruzioni printf */ 2

3 printf("1 "); printf("2 "); printf("3 "); printf("4 \n"); Esercizio 2.20 Scrivere un programma che legga il raggio di un cerchio e visualizzi il diametro, la circonferenza e l'area dello stesso. Usate il valore costante 3,14159 per π. Eseguite ognuno di questi calcoli all'interno della/e istruzione/i printf e usate la specifica di conversione %f (numeri in virgola mobile, numeri che possono contenere dei decimali). /* calcolo del diametro, della circonferenza e dell'area di un cerchio di raggio r */ ray); int ray; printf("inserisci il raggio:\t"); scanf("%d ", &ray); printf("il diametro e : %d\n", 2 * ray); printf("la circonferenza e : %f\n", 2 * * printf("l'area e : %f\n", * ray * ray); Esercizio 2.23 Scrivere un programma che legga cinque interi e quindi determini e visualizzi quelli che, all'interno del gruppo, sono il maggiore e il minore. Usate soltanto le tecniche di programmazione apprese finora. /* minimo e massimo tra cinque interi */ int n1, n2, n3, n4, n5, min, max; printf("inserisci cinque numeri interi:\t"); scanf("%d%d%d%d%d", &n1, &n2, &n3, &n4, &n5); if(n1 <= n2) min = n1; max = n2; if(n2 < n1) 3

4 min = n2; max = n1; if(n3 < min) min = n3; if(n3 > max) max = n3; if(n4 < min) min = n4; if(n4 > max) max = n4; if(n5 < min) min = n5; if(n5 > max) max = n5; printf("il minimo e : %d\n", min); printf("il massimo e : %d\n", max); Esercizio 2.24 Scrivere un programma che legga un intero e determini e visualizzi se sia pari o dispari (Usate l'operatore modulo). /* pari o dispari */ int x; printf("inserisci un numero intero:\t"); if (x % 2 == 0) printf("%d e un numero pari", x); if (x % 2 == 1) printf("%d e un numero dispari", x); 4

5 Esercizio 2.26 Scrivere un programma che legga due interi e determini e visualizzi se il primo sia un multiplo del secondo (Usate l'operatore modulo). /* verifica se un numero è multiplo dell'altro */ int integer1, integer2; printf("inserisci due interi:\t"); scanf("%d%d", &integer1, &integer2); if (integer1 % integer2 == 0) printf("%d e multiplo di %d ", integer1, integer2); if (integer1 % integer2!= 0) printf("%d non e multiplo di %d ", integer1, integer2); Esercizio 2.30 Scrivere un programma che prenda in input un numero di cinque cifre, lo spezzetti nelle sue singole cifre e le visualizzi ognuna separata dall'altra da tre spazi. /* spezzetta un numero di cinque cifre */ int x, n1, n2, n3, n4, n5; printf("inserisci un numero di cinque cifre:\t"); if (x < 10000) printf("hai digitato meno di cinque cifre\n"); printf("riprova:"); if (x > 99999) printf("hai digitato più di cinque cifre\n"); printf("riprova:"); n1 = x / 10000; x = x % 10000; n2 = x /1000; x = x % 1000; 5

6 n3 = x /100; x = x % 100; n4 = x /10; n5 = x %10; printf("%d %d %d %d %d ", n1, n2, n3, n4, n5); Esercizio 2.30 Usando soltanto le tecniche che avete appreso finora, scrivete un programma che calcoli i quadrati e i cubi dei numeri da 0 a 10 e utilizzi le tabulazioni per visualizzare la seguente tabella di valori: numero quadrato cubo /* tabella con quadrati e cubi */ printf("numero \t quadrato \t cubo \n"); printf ("0 \t %d \t\t %d \n", 0*0, 0*0*0); printf ("1 \t %d \t\t %d \n", 1*1, 1*1*1); printf ("2 \t %d \t\t %d \n", 2*2, 2*2*2); printf ("3 \t %d \t\t %d \n", 3*3, 3*3*3); printf ("4 \t %d \t\t %d \n", 4*4, 4*4*4); printf ("5 \t %d \t\t %d \n", 5*5, 5*5*5); printf ("6 \t %d \t\t %d \n", 6*6, 6*6*6); printf ("7 \t %d \t\t %d \n", 7*7, 7*7*7); printf ("8 \t %d \t\t %d \n", 8*8, 8*8*8); printf ("9 \t %d \t\t %d \n", 9*9, 9*9*9); printf ("10 \t %d \t\t %d \n", 10*10, 10*10*10); 6

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 http://einmatman1c.blog.excite.it/permalink/54003 Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 Trovare un numero e' la prima frase e significa che

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1. Floating Point Notazione in virgola mobile N = M BE mantissa base esponente esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.6273 102 forma normalizzata: la mantissa ha una sola cifra

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE

CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE Problema: "calcolare il Massimo Comun Divisore (M.C.D.) di due numeri naturali, A e B, secondo l'algoritmo cosiddetto delle sottrazioni successive". L'algoritmo "delle

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo stituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di nformatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dal Problema all'algoritmo Pr.: 001 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso Luigi De Giovanni, Laura Brentegani 1 1) Risolvere il seguente problema di programmazione lineare. ma + + 3 s.t. 2 + + 2 + 2 + 3 5 2 + 2 + 6,, 0 Soluzione.

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli

Laboratorio di Statistica con Excel

Laboratorio di Statistica con Excel Università di Torino QUADERNI DIDATTICI del Dipartimento di Matematica G. Peano MARIA GARETTO Laboratorio di Statistica con Excel Soluzioni Corso di Laurea in Biotecnologie A.A. 2009/2010 Quaderno # 46

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli