COMUNE DI RIMINI NIDO D INFANZIA DO RE MI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI RIMINI NIDO D INFANZIA DO RE MI"

Transcript

1 COMUNE DI RIMINI NIDO D INFANZIA DO RE MI Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Anno educativo

2 2

3 Una buona scuola è quella dove il bambino entra pulito e torna a casa sporco: vuol dire che ha giocato, si è divertito, si è dipinto addosso, ha usato i propri sensi, è entrato in contatto fisico emotivo con gli altri. (P. Crepet) Contenuti del Progetto In questa fase di crescita così delicata, che va dai 0 ai 3 anni, l apprendimento avviene soprattutto attraverso i sensi: è l'età del gusto, del tatto, dell'udito, della vista e dell'olfatto. Dall'osservazione dei bambini e da un confronto tra le educatrici è emersa la necessità di proporre, per l'anno educativo , un percorso di esperienze sensoriali che privilegi il tatto. Sempre più spesso al nido incontriamo bambini molto competenti rispetto all'uso degli strumenti tecnologici in età sempre più precoce (libero accesso al computer, al cellulare, ai giochi interattivi) ma limitati nell'espressione corporea, e quindi in difficoltà nello sperimentare nuove posture (rotolare, arrampicarsi) e nell'approcciarsi al materiale da manipolare. La finalità del Progetto è stata quella di mettersi in gioco stimolando fantasia e creatività attraverso il corpo-gioco, sviluppando sempre più il senso di identità, autostima, fiducia di sé e delle proprie capacità di essere e fare. Nel progetto sono state previste esperienze in intersezione tra le sezioni Piccolissimi-Piccoli e Medi-Grandi, per favorire la socializzazione e lo scambio tra bambini di età diverse. Per accrescere la condivisione tra genitori, le relazioni tra genitori/bambini e creare un legame sempre più forte tra il nido e le famiglie sono stati proposti laboratori genitori/bambini nei quali dare la possibilità ai genitori di condividere esperienze vissute dal bambino durante il percorso. 3

4 Sezione Piccolissimi dai 9 ai 14 mesi La sezione è composta da 16 bambini, la maggior parte si muove autonomamente nello spazio camminando, mentre gli altri si spostano a gattoni; tutti sembrano esplorare l'ambiente e sperimentare varie posture (strisciano, rotolano, entrano ed escono dalle strutture, si arrampicano sulle sedie...) con una certa sicurezza. Alcuni bambini vocalizzano e sono incuriositi dai suoni che emettono, modulando le produzioni anche secondo il principio dell'alternanza dei turni con l'adulto; qualcuno pronuncia qualche parola, tutti comunicano con lo sguardo, l'indicazione, la gestualità e la mimica. Abbiamo visto accennarsi relazioni positive fra pari: i bambini si osservano, si toccano, si stringono, qualcuno si cerca con particolare insistenza, si sottraggono i giocattoli, giocano in prossimità l'uno dell'altro per lo più attivando forme di gioco parallelo ma anche qualche piccolo scambio intenzionale. Dall osservazione effettuata durante il primo periodo di frequenza emerge un forte interesse dei bambini nei confronti degli spazi e dei materiali presenti nella sezione, in particolare una viva curiosità nei confronti dei materiali naturali e non strutturati presentati attraverso l esperienza del cestino dei tesori (fusi, oggetti in legno, tegami, stoffe ) che sono stati sperimentati attraverso tutti e cinque i sensi: assaggiare, mordere, leccare, afferrare, stringere, scuotere, battere, lanciare, annusare, sentire il rumore, osservare L attenzione mostrata dai bambini verso questa proposta, si è manifestata sostenuta e prolungata nel tempo, laddove nei riguardi dei giocattoli strutturati si è esaurita più rapidamente. La situazione di piccolo gruppo in cui è stato presentato il cestino ha favorito gli scambi spontanei fra i bambini e l autonoma esplorazione degli oggetti a disposizione. La disposizione positiva dei bambini nei confronti della sperimentazione multisensoriale ci ha sostenute nella scelta di un progetto che privilegiasse il tatto e il contatto. La percezione attraverso il corpo diventa strumento di conoscenza e canale di comunicazione: la varietà di stimoli presentata è stata finalizzata a soddisfare il bisogno di conoscere attraverso la corporeità in dimensione ludica immergendosi in un ambiente da guardare, toccare, annusare e all interno del quale giocare con-tatto: condividere spazi, oggetti, affetti e costruire le prime relazioni. Le educatrici hanno predisposto gli spazi e i materiali, tenendo la regia delle esperienze in maniera non direttiva, essendo cioè presenti dentro il gioco con discrezione, rimanendo a portata di sguardo per sostenere il fare del bambino e fungendo allo stesso tempo da ancora emotiva. Obiettivi/competenze Esplorare vari tipi di materiali e sperimentarne le caratteristiche attraverso i sensi. Coordinare i movimenti occhio mano Compiere azioni con tutto il corpo Accettare di sporcarsi Condividere oggetti e spazi all'interno di dinamiche di gioco 4

5 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto - La nostra spiaggia Le educatrici hanno predisposto a terra, nello spazio della sezione, delle vasche vuote ed invitato i bambini a prepararsi all esperienza, aiutandoli a togliersi le scarpe, le calze e i pantaloni e proponendo loro di avvicinarsi alle vasche che, a questo punto, venivano riempite di farina gialla, lasciando liberi i bambini di sperimentare questo nuovo materiale. Osservazioni e riflessioni delle educatrici Il contatto con la farina è stato per tutti positivo: alcuni hanno mostrato da subito molto entusiasmo, ridendo, emettendo suoni, cercando il contatto visivo con le educatrici; altri hanno avuto bisogno di essere invitati a prendere contatto col materiale, per poi esplorarlo autonomamente. Il materiale scelto si è prestato a molteplici azioni: scivolare fra le dita, essere scavato, spalmato sul corpo e fra i capelli, essere assaggiato, calpestato con i piedi, sperimentato sul proprio corpo e su quello degli altri, usato per nascondere parti del corpo... ha favorito il coordinamento oculo-manuale e l'esercizio della motricità fine. 5

6 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto - Giocare con-tatto Le educatrici hanno invitato i bambini a prepararsi all esperienza, aiutandoli a togliersi le scarpe, le calze, i pantaloni e la maglia e a recarsi nello spazio predisposto. Aperto il barattolo della crema, ai bambini è stato proposto di sentirne l odore e toccarne la consistenza. L educatrice ne ha spalmato un po sulle proprie mani ed invitato i bambini ad imitarla cospargendosi di crema o spalmandola ai propri amici. Osservazioni e riflessioni delle educatrici Per preparare i bambini all'esperienza e familiarizzare con il materiale, le educatrici hanno proposto la crema durante I momenti di cura e nel corso della giornata, in maniera non strutturata. Durante l'esperienza il contatto con le creme è stato per tutti fonte di piacevolezza: i bambini ne hanno sentito il profumo, si sono spalmati i prodotti sul corpo e sui capelli, ciascuno a suo modo, chi a piene mani, chi con un dito, chi con foga e chi con cura... La maggioranza del gruppo ha concentrato l'attenzione sul proprio corpo, ma qualcuno ha anche trovato interessante e piacevole spalmare la crema sulle gambe dei pari o dell'educatrice. 6

7 Sezione Piccoli dai 15 ai 20 mesi Dall'osservazione emerge che tutti i bambini sono riusciti ad instaurare un ottimo rapporto con le figure adulte che ruotano attorno a loro, mentre la relazione tra pari è ancora molto fisica per cui si verificano episodi di piccoli conflitti per la contesa dei giochi. Hanno tutti raggiunto una buona autonomia motoria. Alcuni bambini sono in grado di comunicare verbalmente, altri ancora attraverso la gestualità. Con le prime esperienze a piccolo gruppo con materiali vari (pastella, farina gialla, maccheroni, colore) ai bambini è stata data l'opportunità di manipolare senza l'intervento dell'adulto: hanno dimostrato di essere coinvolti, di giocare insieme, ridendo e condividendo lo spazio senza conflitti. Nella sezione piccoli il progetto si è concretizzato nella realizzazione del gioco euristico che si basa su un approccio libero agli oggetti e all'ambiente e sulla loro comprensione soprattutto attraverso il tatto, che dei 5 sensi è quello più attivo ed utilizzato per la scoperta e l'esplorazione nei bambini tra 1 e 2 anni. Dall osservazione delle prime esperienze a piccolo gruppo emergeva che dando l'opportunità di manipolare senza l'intervento dell'adulto materiali vari (pastella, farina gialla, maccheroni, colore) i bambini erano molto coinvolti, giocavano insieme, ridendo e condividendo lo spazio senza conflitti. Si è deciso, pertanto, di proporre la manipolazione dell'elemento acqua in quanto l'acqua costituisce sempre un'esperienza potenzialmente meravigliosa, suscita grandi emozioni e altrettanto scoperte. Le sensazioni prodotte da questo elemento sono state la condizione per esplorare non solo il comportamento delle proprie mani ma anche quello di alcuni oggetti. Altro materiale proposto è stato il colore attraverso il coinvolgimento di tutto il corpo, affinché grazie a questa immersione nel colore il bambino avesse la possibilità di esprimersi liberamente. L'educatrice sostiene le azioni dei bambini con parole e sguardi. Obiettivi/competenze Esplorare e scoprire liberamente i materiali a disposizione Sviluppare la concentrazione e l'attenzione del bambino Condividere oggetti e spazi all'interno di dinamiche di gioco Entrare in contatto con il colore coinvolgendo tutto il corpo 7

8 Giochiamo con il colore I bambini con indosso solo il pannolino sono stati invitati ad entrare nello spazio dormitorio e ad avvicinarsi alle ciotole contenenti il colore. L'educatrice propone di toccare e giocare con il colore lasciando i bambini liberi di giocare con tutto il corpo. Dal diario di bordo A. è completamente ricoperto di colore; Al. ride e dice Ahi Ahi! e Ambra Ahio Ahio! e ridendo calpesta il colore sul foglio. I. cammina sul colore poi si abbassa e lo tocca con il dito: M. dice Tocca! e ride. N. si siede sul foglio e si sparge il colore su gambe e mani. Sorride e rimane seduta per lungo tempo. 8

9 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto - Giochiamo con l acqua Ai bambini è stato proposto il gioco con l acqua, al lavandino e utilizzando delle vasche, offrendo bambole, spugne, schiuma per potere liberamente esplorare e giocare. Dal diario di bordo M. schizza l'acqua e ride. C. lava i capelli alla bambola e osserva l'acqua che scende dalla spugna. C. prende la bambola in mano e le striscia la spugna sulle braccia. C. prende nelle mani la schiuma e la mette sul viso della bambola. A. e M. ridono e battono le mani nell'acqua. R. e A. continuano a strizzare le spugne e a guardare l'acqua scendere giù. 9

10 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto Gioco euristico L'educatrice sistema le sacche al centro della stanza (dormitorio). Lo spazio in cui si è svolta l'esperienza è stato privato di tutti gli arredi e i materiali presenti abitualmente, per favorire l'attenzione e la concentrazione sul gioco proposto. Il gruppo dei bambini viene invitato ad entrare e lasciato libero di aprire le sacche e giocare con i vari materiali (cilindri di cartone, catenelle di metallo di varie lunghezze, anelli per tende, contenitori e tappi di metallo, fettucce e nastri di velluto, seta e pizzo, pon pon di lana, teli di stoffa). Per dare ai bambini la possibilità di continuare a sperimentare, le sacche sono state proposte periodicamente in sezione. Osservazioni e riflessioni delle educatrici Alcuni bambini sono stati interessati attivamente, altri hanno osservato le azioni dei coetanei e questo ha favorito il loro progressivo coinvolgimento. I materiali che hanno maggiormente incuriosito i bambini sono stati quelli di metallo, legno e cartone, per la sonorità e perchè si sono prestati a molteplici azioni: attuare il dentro-fuori (per es, barattoli riempiti con i tappi degli omogeneizzati), essere trasportati, indossati, infilati, usati per guardarci dentro o come megafono... L'esperienza ha favorito l'esplorazione di materiali di uso comune non ancora sperimentati e la scoperta dei loro molteplici utilizzi, sia funzionali che creativi (per es, un cucchiaio di legno usato per far finta di mangiare ma anche per suonare un tamburo), la concentrazione e l'attenzione e l'instaurazione di momenti di scambio. 10 -

11 Sezione Medi dai 21 ai 26 mesi Il gruppo della sezione medi è composto da 20 bambini, dei quali 16 già frequentanti e 4 nuovi inseriti. Un piccolo gruppo di 7/8 bambini si esprime a livello linguistico quasi correttamente; il resto del gruppo si esprime utilizzando prevalentemente il linguaggio gestuale utilizzando poche parole e una bambina comunica con qualche vocalizzo e lo sguardo. La maggior parte dei bambini interagiscono fra di loro, relazionano anche con le educatrici esprimendo le proprie emozioni, si riconoscono e conoscono i nomi dei coetanei e si accorgono quando qualcuno di loro è assente. I bambini mostrano delle preferenze nella scelta dei compagni con cui giocare e condividere esperienze. La maggior parte dei bambini sono particolarmente fisici nel relazionarsi con i coetanei e partecipano attivamente alla vita del nido. Molti bambini ancora necessitano di esplorare e conoscere gli oggetti attraverso la bocca. I bambini prestano maggiore attenzione, condividono ed esprimono tutta la loro emotività nel clima sereno che si crea durante la proposta di esperienze sensoriali e manipolative. Le educatrici delle sezioni medi e grandi hanno offerto ai bambini esperienze adatte per soddisfare il desiderio di conoscere e sperimentare attraverso il corpo stimolando la curiosità che è insita in ogni bambino. La sezione è stato lo spazio dove sviluppare la capacità di osservare con gli occhi e con le mani per imparare a guardare la realtà con tutti i sensi lasciando un'impronta di sé. Obiettivi/competenze Affinare capacità percettive: tattili, uditive, olfattive, gustative e visive Condividere momenti di socializzazione e cooperazione Conoscere le diverse consistenze dei materiali Accettare di sporcarsi Esercitare ed affinare la motricità globale e fine Esprimere emozioni e sentimenti attraverso il corpo, la gestualità, la mimica e le parole 11

12 Pasticcio con il colore Le educatrici hanno messo a disposizione di ogni bambino vari colori a dito ed invitato i bambini, coinvolti a piccolo gruppo nello spazio dormitorio, a manipolare e toccare il colore lasciando un traccia di sé sul foglio. Dal diario di bordo Tutti i bambini si dirigono verso il tavolo e iniziano a mettere le mani nel colore spalmandolo sul foglio. D. dice: Che bello giocare con il verde! G.L. esclama: I colori sono belli! P. dice: Ancora colore! A. dice che vuole continuare a colorare e chiede altri fogli. L. prende con le mani tantissimo colore, continua a saltare e dice: Guarda Denise! Io ho colorato! G. ride e tocca il colore con le punta delle dita. F.C. osserva, aspetta, e dopo qualche minuto mette una mano nel piatto con il colore ed esclama: Nooo Nooo!, mette anche l'altra mano, le guarda, si tocca la faccia ed esclama ancora: Nooo Nooo! 12

13 Sezione Grandi dai 27 ai 32 mesi La sezione è composta da bambini che cercano in tutti i modi di affermare la loro crescente autonomia (FACCIO IO!) e di dare un senso al mondo che li circonda cercando molte informazioni e facendo richieste agli adulti Perché?, Chi è? Cosa ho fatto? Dov'è? Presentano un vivo interesse per la narrazione e per i momenti sociali (canti,giochi di coppia e di turnazione) e per le esperienze che coinvolgono tutti i sensi. Alcuni bambini particolarmente fisici nella relazione con i coetanei e con gli adulti hanno bisogno di contenimento ma partecipano comunque attivamente alla vita del nido. Altri si soffermano solo su certi tipi di gioco, escludendo il gruppo e arrivando al conflitto per ottenere il gioco desiderato. Ogni bambino ha la consapevolezza di far parte del gruppo-sezione, conosce i nomi dei compagni e si accorge quando qualcuno di loro è assente. I bambini esprimono le proprie emozioni attraverso il linguaggio (possiedono quasi tutti un ricco vocabolario ) e i gesti ; comunicano una propria volontà dicendo anche no! all'educatrice e ai compagni; chiedono e offrono aiuto all'adulto e ai compagni partecipando e facendosi coinvolgere dalle emozioni degli altri. Hanno formato piccoli gruppi privilegiando alcuni compagni rispetto ad altri, Proponendo esperienze sensoriali e manipolative si osserva che i bambini prestano maggiore attenzione, condividono ed esprimono tutta la loro creatività in un clima più sereno. Obiettivi/competenze sperimentare sensazioni tattili, uditive, olfattive, visive e gustative condividere momenti di socializzazione e cooperazione esercitare la motricità globale e fine esprimere emozioni e sentimenti attraverso il corpo,la gestualità, la mimica e il linguaggio lasciare traccia di se' formulare ipotesi e tentare soluzioni 13

14 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto - Con le mani trovo... Le educatrici hanno riempito di farina una vaschetta e vi hanno nascosto oggetti vari (palline morbide, e dure, animali di plastica, pigne, spugne ruvide, campanelli) I bambini potevano immergere le mani nella vasca, schiacciare, scavare la sabbia e scoprire gli oggetti nascosti. Dal diario di bordo Appena entrati i bambini si avvicinano alla vaschetta. L.: inizia subito a muovere con le mani la farina gialla, trova un tappo, lo alza in alto e grida: ECCO! S.: gira continuamente attorno alla vaschetta poi si ferma accanto a L. e inizia a giocare con la farina. G.: trova una tartaruga, la alza, cerca l'educatrice con lo sguardo dicendo : Guarda la tartaruga L'educatrice le sorride e le dice : Brava! L.: sta muovendo la farina con le mani inizia a ridere: Ho trovato i campanelli. Li pulisce dalla farina e li fa suonare, alzandoli in alto. T.: gioca in silenzio, ha trovato alcuni materiali nascosti (TAPPO-SPUGNETTA) e li usa per muovere la farina o li riempie. 14

15 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto - Il percorso multi-sensoriale Le educatrici hanno disposto dei grandi fogli di carta bianca sul pavimento creando un percorso. Su ogni foglio è stato messo un diverso tipo di materiale (cacao, caffè a chicchi, farina bianca, crusca, orzo perlato, pomodori pelati, lenticchie) I bambini, a piedi nudi, sono stati invitati ad esplorare liberamente quanto predisposto con tutto il corpo e con tutti i sensi. Dal diario di bordo Tutti i bambini si avvicinano ai fogli posti a terra, guardano cosa c'è sopra di essi ed iniziano a camminare sul materiale, a toccarlo, a lasciarlo cadere, ad assaggiarlo. P. mette in bocca la crusca e dice: Buona! L. mette in bocca il cacao e dice: E' dolce! E. corre sul percorso, vede il pomodoro e ci sale sopra esclamando: Bello! poi lo assaggia e dice: Hmmm...Buono, buono! A.V. cammina su tutto il percorso, poi si siede ed inizia ad assaggiare, guarda l'educatrice e dice: Mi piace! D. prende in mano il pomodoro, lo stringe, lo schiaccia e dice: Guarda è rosso! G.B. e A.T. toccano insieme il caffè, la crusca, il cacao facendo dei mucchietti, poi ci salgono sopra con i piedi, saltano, si guardano i piedi e G.B. Esclama ad A.T.: Sono sporchi! 15

16 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto - Il colore sotto... i piedi I bambini insieme all'educatrice hanno versano sul grande telo bianco colori a tempera assortite. L'educatrice ha ricoperto il tutto con un grande telo di plastica trasparente e invitato i bambini a camminare, saltare, scivolare, calpestare, rotolare. (L intersezione ha coinvolto anche i piccoli) Dal diario di bordo L: si rivolge all'educatrice dicendo Ci sporchiamo i piedi? L'educatrice invita tutti i bambini a camminare sul telo per vedere cosa succede. I bambini si buttano sopra al telo di plastica e cercano di schiacciare il colore con i piedi. S: si alza i pantaloni perchè ha paura si sporcarsi e cammina sul colore piano, piano. N.: si guarda un po' intorno e imita i compagni. L.: si sdraia completamente sul telo,si rotola, fa capriole, ride divertita, con le mani tocca il telo schiacciando il colore con le mani e dice Non mi sporco!. 16

17 Valutazioni conclusive Il progetto è stato pienamente partecipato e condiviso dal tutto il collettivo, sia in fase di pianificazione che di verifica in itinere. Tutte le sezioni hanno dato al progetto un taglio sensoriale ed esplorativo, ponendo una particolare attenzione sulle dinamiche relazionali tra bambini. In fase di progettazione particolare attenzione è stata posta nel rendere coerenti le esperienze rispetto ai bisogni e alle diverse età dei bambini. Nella sezione Piccolissimi si è evinta una crescente capacità di esplorare, sperimentare ed entrare in relazione tra pari; la varietà dei materiali proposti, l'ambiente noto ma destrutturato dall'abituale significato, la composizione dei gruppi (numero ridotto dei bb ed equilibrio tra bb più o meno esuberanti) hanno inciso positivamente sulla fruizione libera dell'esperienza e sulla piacevolezza della stessa, emersa attraverso espressioni e gesti, curiosità nel contatto con i materiali, impegno nel fare. Anche l'esperienza in intersezione con la sez. Piccoli è stata positiva: i bb non sono stati disturbati dall'ambiente poco familiare, né dalla presenza dei bb più grandi e con cui non avevano ancora avuto modo di condividere tempi e spazi. Nella sezione Piccoli particolarmente significative sono state l'esperienza Giochiamo con l'acqua e quella di intersezione con la sez. PP, che si sono svolte in un clima sereno e divertito, favorendo la naturale predisposizione dei bb ad esplorare. Per alcuni bambini si è evidenziata la difficoltà di affrontare un ambiente diverso da quello di sezione (nelle esperienze di intersezione con le sez Medi e Grandi) ed una certa difficoltà ad entrare in relazione con i bb più grandi. Le esperienze vissute nel contesto abituale hanno favorito invece la libera espressione e lo scambio con i pari. Nella sezione Medi tutte le esperienze hanno coinvolto la quasi totalità dei bb. Alcune di esse si sono prolungate oltre il tempo previsto, come il Percorso multisensoriale e Pasticciamo con il colore : per altre è stato sufficiente un tempo più ridotto (Un tuffo nella piscina-il colore sotto i piedi). L'esperienza di intersezione con la sez Grandi è stata molto positiva, in quanto facilitata da una continua interazione fra i bambini durante l'anno. Nella sezione Grandi le esperienze sono state accolte con molto entusiasmo e hanno stimolato la curiosità nell'esplorare i differenti materiali favorendo la cooperazione e la comunicazione verbale. I tempi di azione e di attenzione da parte dei bb sono stati superiori rispetto agli obiettivi previsti, soprattutto nelle esperienze multisensoriali ( Esploriamo, Il colore sotto i piedi ). L'esperienza Un tuffo nella piscina, invece, si è esaurita in breve tempo. Complessivamente i laboratori genitore-bambino hanno avuto una numerosa partecipazione; i genitori hanno giocato insieme ai loro figli sperimentando i diversi materiali in un clima rilassato e 17

18 divertito. Inoltre sono stati occasione di scambio fra adulti, creando opportunità di socializzazione e conoscenza. Il percorso si è concluso con la festa di fine anno, dove sono stati allestiti dei centri di interesse inerenti alle esperienze vissute dai bb durante lo svolgimento del progetto. 18

19 COLLETTIVO NIDO D INFANZIA DOREMI - Anno scolastico Sezione Piccolissimi Educatrici Operatrice scolastica Laura Addei Anna Maria Pisani Viviana Vitale Lea Baraghini Grazia Lazzari Sezione Piccoli Educatrici Maria Grazia Casali Laura Mugione Silvia Semprini Operatrice scolastica Antonella Zavatta Sezione Medi Educatrici Operatrice scolastica Denise Polverelli Giuseppina Grassi Monica Protti Francesca DeLillo Serenella Belli Sezione Grandi Educatrici: Operatrice scolastica Oriana Giorgini Anna Maria Ugolini Francesca Rocchi Cinzia Conti Personale di cucina Cuochi Onorio Cupioli e Luigi Luisè Coordinatrice pedagogica Monica Campana 19

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI)

NIDO D'INFANZIA CARLO MARIA SPADA PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE EDUCATRICI: SANGIORGI LINDA VENTURA MARIA ANGELA PASINI

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Progetto Psicomotricità

Progetto Psicomotricità Progetto di Psicomotricità Corpo in movimento, emozioni in gioco Attività psicomotoria per bambini della scuola d infanzia (3-6 anni) Dott. Franceschi Fabio PREMESSA IL SEGUENTE PROGETTO SI SVILUPPA IN

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO CIRIBIRICOCCOLE s.n.c Via Don Paviolo 3, tel 011-8005349 10036 settimo torinese P.IVA. :10565620019 Asilo.ciribiricoccole@gmail.com ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO ANNO EDUCATIVO 2012-2013

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero INTRODUZIONE E PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO La scelta di redigere una Carta del Servizio significa far conoscere il servizio, garantire trasparenza

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Il progetto educativo-didattico triennale delle scuole dell'infanzia del 2 circolo di Venaria: AMICO AMBIENTE

Il progetto educativo-didattico triennale delle scuole dell'infanzia del 2 circolo di Venaria: AMICO AMBIENTE 1 Premessa Il progetto educativo-didattico triennale delle scuole dell'infanzia del 2 circolo di Venaria: AMICO AMBIENTE nasce con la motivazione di guidare il bambino alla scoperta dell'ambiente che lo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Breve descrizione dell alunno

Breve descrizione dell alunno Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria)

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) SPORTIVISSIMO chi è? L Associazione Sportiva Dilettantistica SPORTIVISSIMO, è un team di insegnanti di educazione

Dettagli

Giocare é comunicare.

Giocare é comunicare. Giocare é comunicare. Presentazione del progetto ADIO, AdioScan (realizzazione e copyright CID, Centro Informatica Disabilità cp 61 CH 6903 Lugano (Svizzera)). Gabriele Scascighini, direttore del Centro

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI. Scuola dell infanzia

PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI. Scuola dell infanzia ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO DI MUGELLO MATERIALE PER L INSEGNANTE PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI Scuola dell infanzia DOCENTE REFERENTE: ANNA MARIA BRUNETTO

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit.

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. DIDATTICA ALLA PIOPPA Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. La nostra proposta dida,ca nasce dalla voglia di infondere passione e rispe3o verso la natura e gli animali,

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli