COMUNE DI RIMINI NIDO D INFANZIA DO RE MI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI RIMINI NIDO D INFANZIA DO RE MI"

Transcript

1 COMUNE DI RIMINI NIDO D INFANZIA DO RE MI Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Anno educativo

2 2

3 Una buona scuola è quella dove il bambino entra pulito e torna a casa sporco: vuol dire che ha giocato, si è divertito, si è dipinto addosso, ha usato i propri sensi, è entrato in contatto fisico emotivo con gli altri. (P. Crepet) Contenuti del Progetto In questa fase di crescita così delicata, che va dai 0 ai 3 anni, l apprendimento avviene soprattutto attraverso i sensi: è l'età del gusto, del tatto, dell'udito, della vista e dell'olfatto. Dall'osservazione dei bambini e da un confronto tra le educatrici è emersa la necessità di proporre, per l'anno educativo , un percorso di esperienze sensoriali che privilegi il tatto. Sempre più spesso al nido incontriamo bambini molto competenti rispetto all'uso degli strumenti tecnologici in età sempre più precoce (libero accesso al computer, al cellulare, ai giochi interattivi) ma limitati nell'espressione corporea, e quindi in difficoltà nello sperimentare nuove posture (rotolare, arrampicarsi) e nell'approcciarsi al materiale da manipolare. La finalità del Progetto è stata quella di mettersi in gioco stimolando fantasia e creatività attraverso il corpo-gioco, sviluppando sempre più il senso di identità, autostima, fiducia di sé e delle proprie capacità di essere e fare. Nel progetto sono state previste esperienze in intersezione tra le sezioni Piccolissimi-Piccoli e Medi-Grandi, per favorire la socializzazione e lo scambio tra bambini di età diverse. Per accrescere la condivisione tra genitori, le relazioni tra genitori/bambini e creare un legame sempre più forte tra il nido e le famiglie sono stati proposti laboratori genitori/bambini nei quali dare la possibilità ai genitori di condividere esperienze vissute dal bambino durante il percorso. 3

4 Sezione Piccolissimi dai 9 ai 14 mesi La sezione è composta da 16 bambini, la maggior parte si muove autonomamente nello spazio camminando, mentre gli altri si spostano a gattoni; tutti sembrano esplorare l'ambiente e sperimentare varie posture (strisciano, rotolano, entrano ed escono dalle strutture, si arrampicano sulle sedie...) con una certa sicurezza. Alcuni bambini vocalizzano e sono incuriositi dai suoni che emettono, modulando le produzioni anche secondo il principio dell'alternanza dei turni con l'adulto; qualcuno pronuncia qualche parola, tutti comunicano con lo sguardo, l'indicazione, la gestualità e la mimica. Abbiamo visto accennarsi relazioni positive fra pari: i bambini si osservano, si toccano, si stringono, qualcuno si cerca con particolare insistenza, si sottraggono i giocattoli, giocano in prossimità l'uno dell'altro per lo più attivando forme di gioco parallelo ma anche qualche piccolo scambio intenzionale. Dall osservazione effettuata durante il primo periodo di frequenza emerge un forte interesse dei bambini nei confronti degli spazi e dei materiali presenti nella sezione, in particolare una viva curiosità nei confronti dei materiali naturali e non strutturati presentati attraverso l esperienza del cestino dei tesori (fusi, oggetti in legno, tegami, stoffe ) che sono stati sperimentati attraverso tutti e cinque i sensi: assaggiare, mordere, leccare, afferrare, stringere, scuotere, battere, lanciare, annusare, sentire il rumore, osservare L attenzione mostrata dai bambini verso questa proposta, si è manifestata sostenuta e prolungata nel tempo, laddove nei riguardi dei giocattoli strutturati si è esaurita più rapidamente. La situazione di piccolo gruppo in cui è stato presentato il cestino ha favorito gli scambi spontanei fra i bambini e l autonoma esplorazione degli oggetti a disposizione. La disposizione positiva dei bambini nei confronti della sperimentazione multisensoriale ci ha sostenute nella scelta di un progetto che privilegiasse il tatto e il contatto. La percezione attraverso il corpo diventa strumento di conoscenza e canale di comunicazione: la varietà di stimoli presentata è stata finalizzata a soddisfare il bisogno di conoscere attraverso la corporeità in dimensione ludica immergendosi in un ambiente da guardare, toccare, annusare e all interno del quale giocare con-tatto: condividere spazi, oggetti, affetti e costruire le prime relazioni. Le educatrici hanno predisposto gli spazi e i materiali, tenendo la regia delle esperienze in maniera non direttiva, essendo cioè presenti dentro il gioco con discrezione, rimanendo a portata di sguardo per sostenere il fare del bambino e fungendo allo stesso tempo da ancora emotiva. Obiettivi/competenze Esplorare vari tipi di materiali e sperimentarne le caratteristiche attraverso i sensi. Coordinare i movimenti occhio mano Compiere azioni con tutto il corpo Accettare di sporcarsi Condividere oggetti e spazi all'interno di dinamiche di gioco 4

5 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto - La nostra spiaggia Le educatrici hanno predisposto a terra, nello spazio della sezione, delle vasche vuote ed invitato i bambini a prepararsi all esperienza, aiutandoli a togliersi le scarpe, le calze e i pantaloni e proponendo loro di avvicinarsi alle vasche che, a questo punto, venivano riempite di farina gialla, lasciando liberi i bambini di sperimentare questo nuovo materiale. Osservazioni e riflessioni delle educatrici Il contatto con la farina è stato per tutti positivo: alcuni hanno mostrato da subito molto entusiasmo, ridendo, emettendo suoni, cercando il contatto visivo con le educatrici; altri hanno avuto bisogno di essere invitati a prendere contatto col materiale, per poi esplorarlo autonomamente. Il materiale scelto si è prestato a molteplici azioni: scivolare fra le dita, essere scavato, spalmato sul corpo e fra i capelli, essere assaggiato, calpestato con i piedi, sperimentato sul proprio corpo e su quello degli altri, usato per nascondere parti del corpo... ha favorito il coordinamento oculo-manuale e l'esercizio della motricità fine. 5

6 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto - Giocare con-tatto Le educatrici hanno invitato i bambini a prepararsi all esperienza, aiutandoli a togliersi le scarpe, le calze, i pantaloni e la maglia e a recarsi nello spazio predisposto. Aperto il barattolo della crema, ai bambini è stato proposto di sentirne l odore e toccarne la consistenza. L educatrice ne ha spalmato un po sulle proprie mani ed invitato i bambini ad imitarla cospargendosi di crema o spalmandola ai propri amici. Osservazioni e riflessioni delle educatrici Per preparare i bambini all'esperienza e familiarizzare con il materiale, le educatrici hanno proposto la crema durante I momenti di cura e nel corso della giornata, in maniera non strutturata. Durante l'esperienza il contatto con le creme è stato per tutti fonte di piacevolezza: i bambini ne hanno sentito il profumo, si sono spalmati i prodotti sul corpo e sui capelli, ciascuno a suo modo, chi a piene mani, chi con un dito, chi con foga e chi con cura... La maggioranza del gruppo ha concentrato l'attenzione sul proprio corpo, ma qualcuno ha anche trovato interessante e piacevole spalmare la crema sulle gambe dei pari o dell'educatrice. 6

7 Sezione Piccoli dai 15 ai 20 mesi Dall'osservazione emerge che tutti i bambini sono riusciti ad instaurare un ottimo rapporto con le figure adulte che ruotano attorno a loro, mentre la relazione tra pari è ancora molto fisica per cui si verificano episodi di piccoli conflitti per la contesa dei giochi. Hanno tutti raggiunto una buona autonomia motoria. Alcuni bambini sono in grado di comunicare verbalmente, altri ancora attraverso la gestualità. Con le prime esperienze a piccolo gruppo con materiali vari (pastella, farina gialla, maccheroni, colore) ai bambini è stata data l'opportunità di manipolare senza l'intervento dell'adulto: hanno dimostrato di essere coinvolti, di giocare insieme, ridendo e condividendo lo spazio senza conflitti. Nella sezione piccoli il progetto si è concretizzato nella realizzazione del gioco euristico che si basa su un approccio libero agli oggetti e all'ambiente e sulla loro comprensione soprattutto attraverso il tatto, che dei 5 sensi è quello più attivo ed utilizzato per la scoperta e l'esplorazione nei bambini tra 1 e 2 anni. Dall osservazione delle prime esperienze a piccolo gruppo emergeva che dando l'opportunità di manipolare senza l'intervento dell'adulto materiali vari (pastella, farina gialla, maccheroni, colore) i bambini erano molto coinvolti, giocavano insieme, ridendo e condividendo lo spazio senza conflitti. Si è deciso, pertanto, di proporre la manipolazione dell'elemento acqua in quanto l'acqua costituisce sempre un'esperienza potenzialmente meravigliosa, suscita grandi emozioni e altrettanto scoperte. Le sensazioni prodotte da questo elemento sono state la condizione per esplorare non solo il comportamento delle proprie mani ma anche quello di alcuni oggetti. Altro materiale proposto è stato il colore attraverso il coinvolgimento di tutto il corpo, affinché grazie a questa immersione nel colore il bambino avesse la possibilità di esprimersi liberamente. L'educatrice sostiene le azioni dei bambini con parole e sguardi. Obiettivi/competenze Esplorare e scoprire liberamente i materiali a disposizione Sviluppare la concentrazione e l'attenzione del bambino Condividere oggetti e spazi all'interno di dinamiche di gioco Entrare in contatto con il colore coinvolgendo tutto il corpo 7

8 Giochiamo con il colore I bambini con indosso solo il pannolino sono stati invitati ad entrare nello spazio dormitorio e ad avvicinarsi alle ciotole contenenti il colore. L'educatrice propone di toccare e giocare con il colore lasciando i bambini liberi di giocare con tutto il corpo. Dal diario di bordo A. è completamente ricoperto di colore; Al. ride e dice Ahi Ahi! e Ambra Ahio Ahio! e ridendo calpesta il colore sul foglio. I. cammina sul colore poi si abbassa e lo tocca con il dito: M. dice Tocca! e ride. N. si siede sul foglio e si sparge il colore su gambe e mani. Sorride e rimane seduta per lungo tempo. 8

9 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto - Giochiamo con l acqua Ai bambini è stato proposto il gioco con l acqua, al lavandino e utilizzando delle vasche, offrendo bambole, spugne, schiuma per potere liberamente esplorare e giocare. Dal diario di bordo M. schizza l'acqua e ride. C. lava i capelli alla bambola e osserva l'acqua che scende dalla spugna. C. prende la bambola in mano e le striscia la spugna sulle braccia. C. prende nelle mani la schiuma e la mette sul viso della bambola. A. e M. ridono e battono le mani nell'acqua. R. e A. continuano a strizzare le spugne e a guardare l'acqua scendere giù. 9

10 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto Gioco euristico L'educatrice sistema le sacche al centro della stanza (dormitorio). Lo spazio in cui si è svolta l'esperienza è stato privato di tutti gli arredi e i materiali presenti abitualmente, per favorire l'attenzione e la concentrazione sul gioco proposto. Il gruppo dei bambini viene invitato ad entrare e lasciato libero di aprire le sacche e giocare con i vari materiali (cilindri di cartone, catenelle di metallo di varie lunghezze, anelli per tende, contenitori e tappi di metallo, fettucce e nastri di velluto, seta e pizzo, pon pon di lana, teli di stoffa). Per dare ai bambini la possibilità di continuare a sperimentare, le sacche sono state proposte periodicamente in sezione. Osservazioni e riflessioni delle educatrici Alcuni bambini sono stati interessati attivamente, altri hanno osservato le azioni dei coetanei e questo ha favorito il loro progressivo coinvolgimento. I materiali che hanno maggiormente incuriosito i bambini sono stati quelli di metallo, legno e cartone, per la sonorità e perchè si sono prestati a molteplici azioni: attuare il dentro-fuori (per es, barattoli riempiti con i tappi degli omogeneizzati), essere trasportati, indossati, infilati, usati per guardarci dentro o come megafono... L'esperienza ha favorito l'esplorazione di materiali di uso comune non ancora sperimentati e la scoperta dei loro molteplici utilizzi, sia funzionali che creativi (per es, un cucchiaio di legno usato per far finta di mangiare ma anche per suonare un tamburo), la concentrazione e l'attenzione e l'instaurazione di momenti di scambio. 10 -

11 Sezione Medi dai 21 ai 26 mesi Il gruppo della sezione medi è composto da 20 bambini, dei quali 16 già frequentanti e 4 nuovi inseriti. Un piccolo gruppo di 7/8 bambini si esprime a livello linguistico quasi correttamente; il resto del gruppo si esprime utilizzando prevalentemente il linguaggio gestuale utilizzando poche parole e una bambina comunica con qualche vocalizzo e lo sguardo. La maggior parte dei bambini interagiscono fra di loro, relazionano anche con le educatrici esprimendo le proprie emozioni, si riconoscono e conoscono i nomi dei coetanei e si accorgono quando qualcuno di loro è assente. I bambini mostrano delle preferenze nella scelta dei compagni con cui giocare e condividere esperienze. La maggior parte dei bambini sono particolarmente fisici nel relazionarsi con i coetanei e partecipano attivamente alla vita del nido. Molti bambini ancora necessitano di esplorare e conoscere gli oggetti attraverso la bocca. I bambini prestano maggiore attenzione, condividono ed esprimono tutta la loro emotività nel clima sereno che si crea durante la proposta di esperienze sensoriali e manipolative. Le educatrici delle sezioni medi e grandi hanno offerto ai bambini esperienze adatte per soddisfare il desiderio di conoscere e sperimentare attraverso il corpo stimolando la curiosità che è insita in ogni bambino. La sezione è stato lo spazio dove sviluppare la capacità di osservare con gli occhi e con le mani per imparare a guardare la realtà con tutti i sensi lasciando un'impronta di sé. Obiettivi/competenze Affinare capacità percettive: tattili, uditive, olfattive, gustative e visive Condividere momenti di socializzazione e cooperazione Conoscere le diverse consistenze dei materiali Accettare di sporcarsi Esercitare ed affinare la motricità globale e fine Esprimere emozioni e sentimenti attraverso il corpo, la gestualità, la mimica e le parole 11

12 Pasticcio con il colore Le educatrici hanno messo a disposizione di ogni bambino vari colori a dito ed invitato i bambini, coinvolti a piccolo gruppo nello spazio dormitorio, a manipolare e toccare il colore lasciando un traccia di sé sul foglio. Dal diario di bordo Tutti i bambini si dirigono verso il tavolo e iniziano a mettere le mani nel colore spalmandolo sul foglio. D. dice: Che bello giocare con il verde! G.L. esclama: I colori sono belli! P. dice: Ancora colore! A. dice che vuole continuare a colorare e chiede altri fogli. L. prende con le mani tantissimo colore, continua a saltare e dice: Guarda Denise! Io ho colorato! G. ride e tocca il colore con le punta delle dita. F.C. osserva, aspetta, e dopo qualche minuto mette una mano nel piatto con il colore ed esclama: Nooo Nooo!, mette anche l'altra mano, le guarda, si tocca la faccia ed esclama ancora: Nooo Nooo! 12

13 Sezione Grandi dai 27 ai 32 mesi La sezione è composta da bambini che cercano in tutti i modi di affermare la loro crescente autonomia (FACCIO IO!) e di dare un senso al mondo che li circonda cercando molte informazioni e facendo richieste agli adulti Perché?, Chi è? Cosa ho fatto? Dov'è? Presentano un vivo interesse per la narrazione e per i momenti sociali (canti,giochi di coppia e di turnazione) e per le esperienze che coinvolgono tutti i sensi. Alcuni bambini particolarmente fisici nella relazione con i coetanei e con gli adulti hanno bisogno di contenimento ma partecipano comunque attivamente alla vita del nido. Altri si soffermano solo su certi tipi di gioco, escludendo il gruppo e arrivando al conflitto per ottenere il gioco desiderato. Ogni bambino ha la consapevolezza di far parte del gruppo-sezione, conosce i nomi dei compagni e si accorge quando qualcuno di loro è assente. I bambini esprimono le proprie emozioni attraverso il linguaggio (possiedono quasi tutti un ricco vocabolario ) e i gesti ; comunicano una propria volontà dicendo anche no! all'educatrice e ai compagni; chiedono e offrono aiuto all'adulto e ai compagni partecipando e facendosi coinvolgere dalle emozioni degli altri. Hanno formato piccoli gruppi privilegiando alcuni compagni rispetto ad altri, Proponendo esperienze sensoriali e manipolative si osserva che i bambini prestano maggiore attenzione, condividono ed esprimono tutta la loro creatività in un clima più sereno. Obiettivi/competenze sperimentare sensazioni tattili, uditive, olfattive, visive e gustative condividere momenti di socializzazione e cooperazione esercitare la motricità globale e fine esprimere emozioni e sentimenti attraverso il corpo,la gestualità, la mimica e il linguaggio lasciare traccia di se' formulare ipotesi e tentare soluzioni 13

14 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto - Con le mani trovo... Le educatrici hanno riempito di farina una vaschetta e vi hanno nascosto oggetti vari (palline morbide, e dure, animali di plastica, pigne, spugne ruvide, campanelli) I bambini potevano immergere le mani nella vasca, schiacciare, scavare la sabbia e scoprire gli oggetti nascosti. Dal diario di bordo Appena entrati i bambini si avvicinano alla vaschetta. L.: inizia subito a muovere con le mani la farina gialla, trova un tappo, lo alza in alto e grida: ECCO! S.: gira continuamente attorno alla vaschetta poi si ferma accanto a L. e inizia a giocare con la farina. G.: trova una tartaruga, la alza, cerca l'educatrice con lo sguardo dicendo : Guarda la tartaruga L'educatrice le sorride e le dice : Brava! L.: sta muovendo la farina con le mani inizia a ridere: Ho trovato i campanelli. Li pulisce dalla farina e li fa suonare, alzandoli in alto. T.: gioca in silenzio, ha trovato alcuni materiali nascosti (TAPPO-SPUGNETTA) e li usa per muovere la farina o li riempie. 14

15 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto - Il percorso multi-sensoriale Le educatrici hanno disposto dei grandi fogli di carta bianca sul pavimento creando un percorso. Su ogni foglio è stato messo un diverso tipo di materiale (cacao, caffè a chicchi, farina bianca, crusca, orzo perlato, pomodori pelati, lenticchie) I bambini, a piedi nudi, sono stati invitati ad esplorare liberamente quanto predisposto con tutto il corpo e con tutti i sensi. Dal diario di bordo Tutti i bambini si avvicinano ai fogli posti a terra, guardano cosa c'è sopra di essi ed iniziano a camminare sul materiale, a toccarlo, a lasciarlo cadere, ad assaggiarlo. P. mette in bocca la crusca e dice: Buona! L. mette in bocca il cacao e dice: E' dolce! E. corre sul percorso, vede il pomodoro e ci sale sopra esclamando: Bello! poi lo assaggia e dice: Hmmm...Buono, buono! A.V. cammina su tutto il percorso, poi si siede ed inizia ad assaggiare, guarda l'educatrice e dice: Mi piace! D. prende in mano il pomodoro, lo stringe, lo schiaccia e dice: Guarda è rosso! G.B. e A.T. toccano insieme il caffè, la crusca, il cacao facendo dei mucchietti, poi ci salgono sopra con i piedi, saltano, si guardano i piedi e G.B. Esclama ad A.T.: Sono sporchi! 15

16 Progetto educativo per lo sviluppo e l apprendimento Giocare con - tatto - Il colore sotto... i piedi I bambini insieme all'educatrice hanno versano sul grande telo bianco colori a tempera assortite. L'educatrice ha ricoperto il tutto con un grande telo di plastica trasparente e invitato i bambini a camminare, saltare, scivolare, calpestare, rotolare. (L intersezione ha coinvolto anche i piccoli) Dal diario di bordo L: si rivolge all'educatrice dicendo Ci sporchiamo i piedi? L'educatrice invita tutti i bambini a camminare sul telo per vedere cosa succede. I bambini si buttano sopra al telo di plastica e cercano di schiacciare il colore con i piedi. S: si alza i pantaloni perchè ha paura si sporcarsi e cammina sul colore piano, piano. N.: si guarda un po' intorno e imita i compagni. L.: si sdraia completamente sul telo,si rotola, fa capriole, ride divertita, con le mani tocca il telo schiacciando il colore con le mani e dice Non mi sporco!. 16

17 Valutazioni conclusive Il progetto è stato pienamente partecipato e condiviso dal tutto il collettivo, sia in fase di pianificazione che di verifica in itinere. Tutte le sezioni hanno dato al progetto un taglio sensoriale ed esplorativo, ponendo una particolare attenzione sulle dinamiche relazionali tra bambini. In fase di progettazione particolare attenzione è stata posta nel rendere coerenti le esperienze rispetto ai bisogni e alle diverse età dei bambini. Nella sezione Piccolissimi si è evinta una crescente capacità di esplorare, sperimentare ed entrare in relazione tra pari; la varietà dei materiali proposti, l'ambiente noto ma destrutturato dall'abituale significato, la composizione dei gruppi (numero ridotto dei bb ed equilibrio tra bb più o meno esuberanti) hanno inciso positivamente sulla fruizione libera dell'esperienza e sulla piacevolezza della stessa, emersa attraverso espressioni e gesti, curiosità nel contatto con i materiali, impegno nel fare. Anche l'esperienza in intersezione con la sez. Piccoli è stata positiva: i bb non sono stati disturbati dall'ambiente poco familiare, né dalla presenza dei bb più grandi e con cui non avevano ancora avuto modo di condividere tempi e spazi. Nella sezione Piccoli particolarmente significative sono state l'esperienza Giochiamo con l'acqua e quella di intersezione con la sez. PP, che si sono svolte in un clima sereno e divertito, favorendo la naturale predisposizione dei bb ad esplorare. Per alcuni bambini si è evidenziata la difficoltà di affrontare un ambiente diverso da quello di sezione (nelle esperienze di intersezione con le sez Medi e Grandi) ed una certa difficoltà ad entrare in relazione con i bb più grandi. Le esperienze vissute nel contesto abituale hanno favorito invece la libera espressione e lo scambio con i pari. Nella sezione Medi tutte le esperienze hanno coinvolto la quasi totalità dei bb. Alcune di esse si sono prolungate oltre il tempo previsto, come il Percorso multisensoriale e Pasticciamo con il colore : per altre è stato sufficiente un tempo più ridotto (Un tuffo nella piscina-il colore sotto i piedi). L'esperienza di intersezione con la sez Grandi è stata molto positiva, in quanto facilitata da una continua interazione fra i bambini durante l'anno. Nella sezione Grandi le esperienze sono state accolte con molto entusiasmo e hanno stimolato la curiosità nell'esplorare i differenti materiali favorendo la cooperazione e la comunicazione verbale. I tempi di azione e di attenzione da parte dei bb sono stati superiori rispetto agli obiettivi previsti, soprattutto nelle esperienze multisensoriali ( Esploriamo, Il colore sotto i piedi ). L'esperienza Un tuffo nella piscina, invece, si è esaurita in breve tempo. Complessivamente i laboratori genitore-bambino hanno avuto una numerosa partecipazione; i genitori hanno giocato insieme ai loro figli sperimentando i diversi materiali in un clima rilassato e 17

18 divertito. Inoltre sono stati occasione di scambio fra adulti, creando opportunità di socializzazione e conoscenza. Il percorso si è concluso con la festa di fine anno, dove sono stati allestiti dei centri di interesse inerenti alle esperienze vissute dai bb durante lo svolgimento del progetto. 18

19 COLLETTIVO NIDO D INFANZIA DOREMI - Anno scolastico Sezione Piccolissimi Educatrici Operatrice scolastica Laura Addei Anna Maria Pisani Viviana Vitale Lea Baraghini Grazia Lazzari Sezione Piccoli Educatrici Maria Grazia Casali Laura Mugione Silvia Semprini Operatrice scolastica Antonella Zavatta Sezione Medi Educatrici Operatrice scolastica Denise Polverelli Giuseppina Grassi Monica Protti Francesca DeLillo Serenella Belli Sezione Grandi Educatrici: Operatrice scolastica Oriana Giorgini Anna Maria Ugolini Francesca Rocchi Cinzia Conti Personale di cucina Cuochi Onorio Cupioli e Luigi Luisè Coordinatrice pedagogica Monica Campana 19

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Asilo Nido Integrato Melo Fiorito Piazza della Repubblica 3, 37050 Belfiore (VR) Tel. 3315858966 PROGETTO SENSO- MOTORIO MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Anno educativo 2014/ 2015 Ciò che muove il bambino all

Dettagli

PROPOSTE LUDICO/EDUCATIVE 2010/2011

PROPOSTE LUDICO/EDUCATIVE 2010/2011 CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia.

Dettagli

PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Per educare al Nido ci si avvale del gioco e ciò comporta attenzione e osservazione. Infatti i bambini/e parlano attraverso il corpo, la

Dettagli

L ASILO NIDO DI TORBIATO

L ASILO NIDO DI TORBIATO L ASILO NIDO DI TORBIATO a.s. 2012-2013 La struttura accoglie 14 bambini di un età compresa tra i 17 mesi e i 3 anni, seguiti da due insegnanti. PREMESSA: Il nido è luogo di socializzazione, poiché attraverso

Dettagli

LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI

LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI ETÀ 3 ANNI tot. Bambini 25 M 14 F 11 TEMPO: gennaio-maggio 2013 SPAZIO: aula delfini INSEGNANTI: Chiara-Maria Teresa La consapevolezza che il bambino di tre anni percepisce

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

La realizzazione di questi laboratori richiedeva la realizzazione di materiali, la riorganizzazione degli spazi.

La realizzazione di questi laboratori richiedeva la realizzazione di materiali, la riorganizzazione degli spazi. Diapositiva 1 PRESENTAZIONE DEL NIDO Dove si trova: IN PERIFERIA, VIA FIORNETINA ZONA SUD Quanti bambini: 44 suddivisi in tre gruppi: 30 grandi, 8 medi, 6 piccoli Quanti educatori: 11 educatori (due sono

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CORSO SULLA PSICOMOTRICITA' LA PSICOMOTRICITA E IL LUOGO DEL SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CONOSCENZA DI SE' ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE PERCEZIONE E REGOLAZIONE DEL MOVIMENTO

Dettagli

Attività Motoria Evolutiva e Anziani

Attività Motoria Evolutiva e Anziani Attività Motoria Evolutiva e Anziani Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@uniroma4.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Il gioco Giocando s impara e si

Dettagli

Asilo Nido Coccinella PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA-DIDATTICA SEZIONE PICCOLI ANNO EDUCATIVO 2015-2016

Asilo Nido Coccinella PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA-DIDATTICA SEZIONE PICCOLI ANNO EDUCATIVO 2015-2016 Municipalità di Mestre Carpenedo Servizio Educativo Coordinamento Psicopedagogico 2 Asilo Nido Coccinella PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA-DIDATTICA SEZIONE PICCOLI ANNO EDUCATIVO 2015-2016 Educatrici di riferimento

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA

PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA 1 Circolo Didattico - Sondrio Scuola dell infanzia G. Segantini L attività psicomotoria consente ai bambini di mettere in moto contemporaneamente

Dettagli

Nido d infanzia Biribimbo 2011 2012

Nido d infanzia Biribimbo 2011 2012 Nido d infanzia Biribimbo 2011 2012 Ogni anno dopo aver conosciuto i bambini che frequenteranno il nido studiamo un progetto educativo che non vuole essere un programma prescrittivo, ma che non lascia

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

UN ANIMALE PER AMICO

UN ANIMALE PER AMICO UN ANIMALE PER AMICO Con Emilia ci divertiamo e impariamo!!! NIDO AZIENDALE ARCOBALENO Educatrici: Bessega Simona Rossi Irene Pinzoni Irene Referente Pedagogica: d.ssa Maria Chiara Brunello PREMESSA Per

Dettagli

SEZIONE FARFALLE : mesi (24-36) SEZIONE COCCINELLE: mesi (12 24 ) PREMESSA

SEZIONE FARFALLE : mesi (24-36) SEZIONE COCCINELLE: mesi (12 24 ) PREMESSA SEZIONE FARFALLE : mesi (24-36) SEZIONE COCCINELLE: mesi (12 24 ) PREMESSA I primi anni di vita sono caratterizzati dal periodo definito senso-motorio :termine che indica un periodo in cui l intelligenza

Dettagli

Emozioni e corpo in movimento

Emozioni e corpo in movimento Emozioni e corpo in movimento Nido d infanzia comunale R. Vighi del Comune di Casalecchio di Reno Documentazione a cura di: Mariachiara Marchi, Maria Valeria Vassallo, con il contributo di Cavassa Federica

Dettagli

EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA

EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA Presentazione della sezione: Diego 02/2009 Luca 01/2009 Jacopo 03/2009 Maria Beatrice 12/2009 Raul 12/2009 Virginia 06/2009

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA titolo documento SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente modulo costituisce la scheda da utilizzare per la valutazione del processo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

Asilo Nido Comunale R. VIGHI Comune di Casalecchio di Reno

Asilo Nido Comunale R. VIGHI Comune di Casalecchio di Reno Asilo Nido Comunale R. VIGHI Comune di Casalecchio di Reno La famiglia al nido per condividere un esperienza: uno spazio per conoscersi giocando Anno educativo A cura del Collettivo 2008/2009 del Nido

Dettagli

Asili Nido. PROGETTO DIDATTICO/EDUCATIVO Anno di attivita 2011/2012: NuvolA. Società Cooperativa Sociale - Impresa Sociale Onlus IL MONDO DEI SENSI

Asili Nido. PROGETTO DIDATTICO/EDUCATIVO Anno di attivita 2011/2012: NuvolA. Società Cooperativa Sociale - Impresa Sociale Onlus IL MONDO DEI SENSI La NuvolA Società Cooperativa Sociale - Impresa Sociale Onlus PROGETTO DIDATTICO/EDUCATIVO La scansione della giornata Ore 7,30-9,30: accoglienza Ogni bambino viene accolto personalmente dalle educatrici

Dettagli

Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA

Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA Aspetto COGNITIVO Aspetto AFFETTIVO EMOTIVO Aspetto RELAZIONALE Capacità motorie Abilità

Dettagli

PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE PICCOLI

PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE PICCOLI ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE PICCOLI La sezione è composta da 22 bambini

Dettagli

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 Alla scoperta dei cinque sensi: gustare con gli occhi, vedere con le mani,ascoltare gli odori. Un viaggio nel mondo della percezione Vedo il mondo, se tu mi parli

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA SAN BIAGIO PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO E CARTA DEI SERVIZI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO

SEZIONE PRIMAVERA SAN BIAGIO PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO E CARTA DEI SERVIZI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO SEZIONE PRIMAVERA SAN BIAGIO PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO E CARTA DEI SERVIZI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/15 Autorizzazione N. 10538 del 28/03/2011 FINALITA ACCOGLIENZA FUNZIONAMENTO

Dettagli

"PONTI E ALI" Progetto di continuità dal nido alla scuola dell'infanzia NATURILANDIA.

PONTI E ALI Progetto di continuità dal nido alla scuola dell'infanzia NATURILANDIA. "PONTI E ALI" Progetto di continuità dal nido alla scuola dell'infanzia NATURILANDIA. Una valigia, una cartella o una scatola per portare con sé i ricordi più cari, messaggi, storie, visite, laboratori,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Anno scolastico 2014/2015

PROGETTO EDUCATIVO. Anno scolastico 2014/2015 NIDO D'INFANZIA ILARIA ALPI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014/2015 FINALITÀ DEL SERVIZIO Il servizio di Nido ha come finalità prioritaria l accoglienza e la cura dei bambini in uno spazio riccamente

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

CENTRO DIURNO ESTIVO 2012. A cura di

CENTRO DIURNO ESTIVO 2012. A cura di Comune di Gudo Visconti (Provincia di Milano) CENTRO DIURNO ESTIVO 2012 Scuola dell Infanzia, Primaria e Primo anno della Scuola Secondaria di Primo Grado IL SESTO SENSO A cura di Associazione culturale

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

Progetto Educativo: Alla scoperta dei cinque sensi PREMESSA:

Progetto Educativo: Alla scoperta dei cinque sensi PREMESSA: Asilo nido di Torbiato - Adro- A.S. 2010-2011 Progetto Educativo: Alla scoperta dei cinque sensi La struttura accoglie 14 bambini di un età compresa tra i 17 mesi e i 3 anni. PREMESSA: Il nido è luogo

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GRAZIA DELEDDA CATANIA PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2015-2016 La Progettazione annuale delle Attività Didattiche elaborata per l anno scolastico

Dettagli

LE NOSTRE SEZIONI. SEZIONE PICCOLI (Che verrà attivata al più presto)

LE NOSTRE SEZIONI. SEZIONE PICCOLI (Che verrà attivata al più presto) LE NOSTRE SEZIONI Gli spazi sono strutturati in base all età dei bambini e prevedono zone dedicate ai laboratori ludico-educativi, al riposo, ai bagni, alla somministrazione del cibo e al gioco all aperto.

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

LA SALA DELLE FARFALLE

LA SALA DELLE FARFALLE GIOCHI D INTIMITA CON LA CREMA Obiettivi: Favorire il rilassamento. Promuovere e consolidare la percezione dello schema corporeo. Incentivare la relazione di fiducia tra adulto e bambino. Stimolare la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 Sezione lattanti Curiosando Titolo: Benvenuti al nido Descrizione: Il periodo dell'inserimento servirà a far conoscere ai bambini L'universo nido con tutto

Dettagli

Asilo Nido Batuffolo Orbassano

Asilo Nido Batuffolo Orbassano Asilo Nido Batuffolo Orbassano PROGETTO EDUCATIVO 2010 2011 Introduzione Il progetto educativo dell Asilo Nido si fonda su criteri condivisi da tutto il personale. La sua realizzazione è basata su obiettivi

Dettagli

Progetto di esperienze Sulle tracce di Mirò

Progetto di esperienze Sulle tracce di Mirò Progetto di esperienze Sulle tracce di Mirò Gli bastava un emozione anche piccola e la sua immaginazione si metteva in moto. Una macchia sul muro. Un filo che usciva dalla tela, un granello di polvere.

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 Esplorare..dire, fare, abbracciare.. Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2014-2015 proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato Esplorare dire, fare,

Dettagli

Centro d Infanzia Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Centro d Infanzia Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE COCCINELLE Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato A cura dell Educatrice: Moranduzzo Monica 1 PROGETTO

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO SPECIFICA PER

UNITA DI APPRENDIMENTO SPECIFICA PER SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO SPECIFICA PER bambini di 2 anni e mezzo PASTICCIO DIPINGO E MI DIVERTO ANNO SCOLASTICO 2011-12 Scuola dell infanzia ad onore degli Eroi A.S.

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere

La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere i bambini Essere nella mente, nello sguardo e nel cuore dell'educatore è la condizione attraverso la quale il bambino può sentirsi accolto e dalla

Dettagli

asilo nido Milanofiori progetto educativo

asilo nido Milanofiori progetto educativo asilo nido Milanofiori progetto educativo W&L Solutions Srl Sede Legale: Viale Milanofiori 1 Palazzo F6 I-20090 Assago MI Cap. Soc. int.vers. 15.000 Registro Imprese di Milano, C.F.e P.I. 04606140962 2

Dettagli

GIOCHIAMO CON LA CARTA

GIOCHIAMO CON LA CARTA GIOCHIAMO CON LA CARTA Alla fine dello scorso anno, abbiamo allestito la stanza delle stelle con tante carte dalle diverse consistenze e forme e abbiamo invitato i bambini di tutti e tre i gruppi a giocare

Dettagli

(BA) 8 70043 080-9301975/9379338-080-9379125/9379339 CF-PI

(BA) 8 70043 080-9301975/9379338-080-9379125/9379339 CF-PI Congregazione Suore «Pie Operaie di San Giuseppe» Istituto Religioso di diritto pontificio approvato il 31/01/1962 Riconosciuto come persona giuridica agli effetti civili dello stato italiano con D.P.R.

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Nido Pulcino ballerino Via Matteo Bartoli, 72 Roma-Municipio XII Da cosa nasce cosa

Nido Pulcino ballerino Via Matteo Bartoli, 72 Roma-Municipio XII Da cosa nasce cosa Nido Pulcino ballerino Via Matteo Bartoli, 72 Roma-Municipio XII Da cosa nasce cosa Il Nido Pulcino Ballerino, aperto dal 1977, è ubicato in Via Matteo Bartoli, 72 nel quartiere Giuliano-Dalmata, XII Municipio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Comune di Venezia. Municipalità Venezia Murano Burano Servizio Educativo Coordinamento Psicopedagogico Venezia 4. Nido SAN PROVOLO

Comune di Venezia. Municipalità Venezia Murano Burano Servizio Educativo Coordinamento Psicopedagogico Venezia 4. Nido SAN PROVOLO Comune di Venezia Municipalità Venezia Murano Burano Servizio Educativo Coordinamento Psicopedagogico Venezia 4 Nido SAN PROVOLO Castello, 4968, Venezia, tel. 0415244488 Programmazione educativo-didattica

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Programmazione sezione medi

Programmazione sezione medi Comune di Pavia Asilo nido G. Rodari Programmazione sezione medi Anno scolastico 2014-2015 Educatrici: Antonietta, Chiara, Piera e Rosy. Ciao a tutti! Siamo Antonietta, Chiara, Piera e Rosy, educatrici

Dettagli

Il progetto educativo di quest anno costituisce uno stimolante viaggio esplorativo nel mondo dei colori che i bambini impareranno a riconoscere ad

Il progetto educativo di quest anno costituisce uno stimolante viaggio esplorativo nel mondo dei colori che i bambini impareranno a riconoscere ad Il progetto educativo di quest anno costituisce uno stimolante viaggio esplorativo nel mondo dei colori che i bambini impareranno a riconoscere ad usare, a realizzare per. pasticciare liberamente. In questo

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009

ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009 ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009 Nei primi due anni di vita l intelligenza del bambino si manifesta attraverso l azione, ossia le attività ludiche,

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

SFUMATURE E CAREZZE CORPOREE CON USO DI MATERIALE NON STRUTTURATO:

SFUMATURE E CAREZZE CORPOREE CON USO DI MATERIALE NON STRUTTURATO: ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI ROVATO ESPERIENZE D INTEGRAZIONE Progetto di Musicoterapia Il progetto è condotto da due esperti, la dott.ssa Paola Olivari, che utilizza come strumento prioritario un pianoforte

Dettagli

LETTURA ED EMOZIONI. Ogni emozione è un messaggio, il vostro compito è ascoltare. Scuola dell infanzia San Giovanni Bosco con nido aggregato.

LETTURA ED EMOZIONI. Ogni emozione è un messaggio, il vostro compito è ascoltare. Scuola dell infanzia San Giovanni Bosco con nido aggregato. Scuola dell infanzia San Giovanni Bosco con nido aggregato. Ogni emozione è un messaggio, il vostro compito è ascoltare Gary Zukav LETTURA ED EMOZIONI Quest anno, come progetto educativo, abbiamo scelto

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono .Leggere fiabe, ascoltare, assaporare il suono delle parole che scorrono Il progetto Andar per fiabe nasce dal desiderio di noi insegnanti di avvicinare i bambini alle realtà che vivono quotidianamente

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia

Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia 1 Società Cooperativa Sociale OLINDA o.n.l.u.s. 1 Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia 1. Premessa 2. Linee di

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni I bambini si sviluppano con un ritmo individuale, per questo è impossibile dire esattamente quando acquisiranno una data capacità. Le tappe dello

Dettagli

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO PROGETTO DI SEDE Destinatari : Bambini tra i due e i tre anni Tempi : da settembre 2015 a giugno 2016 RESPONSABILE DEL PROGETTO : Cairoli Renata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO TRAGUARDI FORMATIVI SCUOLA DELL INFANZIA Competenza chiave europea CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE

Dettagli

PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO : ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI

PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO : ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO : ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI PERCORRE TUTTO L ANNO SCOLASTICO. LE ATTIVITA E LE ESPERIENZE, ACCOMPAGNANO I BAMBINI ALLA SCOPERTA DEI 5 SENSI,

Dettagli

Con l ARTE uno sguardo nuovo

Con l ARTE uno sguardo nuovo Con l ARTE uno sguardo nuovo Progetto attivato all interno del nido d infanzia EUREKA AFFA LA GIRAFFA sezione unica (12-36 mesi) Anno educativo 2013/2014 Diverse proposte Campi d esperienza differenti

Dettagli

Il bosco delle sensazioni

Il bosco delle sensazioni Programmazione sezione prima SCUOLA DELL'INFANZIA "VILLA FLAMINIA" A.S. 2015 /2016 Il bosco delle sensazioni INSEGNANTI Maela Avvisati Oriana Riina Tina Iavarone Dimmi e io dimentico Mostrami e io ricordo

Dettagli

Sistema gestione qualità PeP 308a rev 3 del 31/10/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO

Sistema gestione qualità PeP 308a rev 3 del 31/10/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO Sistema gestione qualità PeP 308a rev 3 del 31/10/2013 www.cddogliotti.it UNITA OBIETTIVI FORMATIVI COSA FA IL BAMBINO I. CHI BEN COMINCIA II. IL MONDO INTORNO A ME 1. Conoscere nuove figure adulte di

Dettagli

PROGETTO PER LO SVILUPPO E L APPRENDIMENTO Tutti a bagno.

PROGETTO PER LO SVILUPPO E L APPRENDIMENTO Tutti a bagno. COMUNE DI RIMINI Nido di Infanzia Peter Pan PROGETTO PER LO SVILUPPO E L APPRENDIMENTO Tutti a bagno. Anno scolastico 2005/06 INTRODUZIONE Da una analisi sugli spazi effettuata in precedenza, in relazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014 L educazione è un diritto di tutti i bambini e ragazzi, che devono poterne fruire senza limitazioni Ma è anche un bene degli adulti, di tutti gli adulti che la difendono e la arricchiscono e con la partecipazione

Dettagli

Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-2014

Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-2014 Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-2014 ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA AL NIDO, CON EVIDENZIATI I TRAGUARDI DI SVILUPPO RELATIVI AD OGNI ATTIVITA REALIZZATA ALL INTERNO DEL NIDO TEMPI ATTIVITA SPAZI

Dettagli

Esaminare due fattori:

Esaminare due fattori: 1 Esaminare due fattori: 1. Chi è il bambino con deficit visivo? 2. Quali sono i fattori che incidono nel percorso di sviluppo? 2 Fattori che influenzano il percorso di sviluppo 1. La tipologia del deficit

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 (G.MAZZINI E. FERMI) AVEZZANO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI CIRCOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DEI BAMBINI DI 3 ANNI

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 (G.MAZZINI E. FERMI) AVEZZANO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI CIRCOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DEI BAMBINI DI 3 ANNI ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 (G.MAZZINI E. FERMI) AVEZZANO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI CIRCOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DEI BAMBINI DI 3 ANNI ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FINALITA La scuola dell Infanzia concorre

Dettagli

Progettazione anno scolastico 2014-2015. Nido Il grillo parlante

Progettazione anno scolastico 2014-2015. Nido Il grillo parlante Progettazione anno scolastico 2014-2015 Nido Il grillo parlante Il tema dell alimentazione è molto vasto, coinvolgente, affascinante e per qualcuno un po faticoso. La progettazione Il mondo dei sapori

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

Emili Borgato, Suor Giuseppina Kallivalappil, Elisa Mattioli

Emili Borgato, Suor Giuseppina Kallivalappil, Elisa Mattioli INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Emili Borgato, Suor Giuseppina Kallivalappil, Elisa Mattioli PREMESSA Il progetto nasce dal desiderio di esplorare insieme ai bambini il mondo circostante, così come esso si

Dettagli

SPERIMENTANDO CON OGGETTI E MATERIALI

SPERIMENTANDO CON OGGETTI E MATERIALI Dipartimento di scienze umane per la Formazione Corso di Laurea in Scienze dell Educazione SPERIMENTANDO CON OGGETTI E MATERIALI Il corpo in azione in relazione agli oggetti: attività e materiali da 0

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 ANNO SCOLASTICO 2013 2014 Scuola dell infanzia Presentazione

Dettagli

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO 1) FINALITA Il nostro Asilo Nido è una scuola di ispirazione cristiana, è gestito dalla Cooperativa Sociale Casa Famiglia Agostino Chieppi ed è parte integrante del Plesso

Dettagli

UN OFFERTA EDUCATIVA INNOVATIVA, UNO STRUMENTO DI EDUCAZIONE E DI COMUNICAZIONE.

UN OFFERTA EDUCATIVA INNOVATIVA, UNO STRUMENTO DI EDUCAZIONE E DI COMUNICAZIONE. LA - UN OFFERTA EDUCATIVA INNOVATIVA, UNO STRUMENTO DI EDUCAZIONE E DI COMUNICAZIONE. CHE COS È LA PET-THERAPY e COME NASCE? La PET-THERAPY nasce negli anni 50 negli Stati Uniti attraverso un famoso Neuropsichiatra

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i colori che vuoi tu

PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i colori che vuoi tu PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2012-2013, proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato giallo, blu e i tu!. Il progetto nasce dalla volontà

Dettagli