Storia di Rischio emorragico Chirurgia o procedura a rischio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storia di Rischio emorragico Chirurgia o procedura a rischio"

Transcript

1

2

3 Rischio tromboembolico alto basso Storia di Rischio emorragico alto basso Chirurgia o procedura a rischio alto basso URGENZA ELEZIONE

4 Problemi di coagulazione in pazienti ricoverati SCELTA SCELTA TRA TRA RISCHIO RISCHIO EMORRAGICO EMORRAGICO ee RISCHIO RISCHIO ISCHEMICO ISCHEMICO oo TROMBOTICO TROMBOTICO VALUTAZIONE VALUTAZIONE DI DI RISCHIO RISCHIO EMORRAGICO EMORRAGICO CHIRURGICO CHIRURGICO oo in in corso corso di di MANOVRE MANOVRE INVASIVE INVASIVE ee gestione gestione di di terapia terapia anticoagulante anticoagulante oo antiaggregante antiaggregante in in atto. atto. PIASTRINOPENIE/PIASTRINOPATIE PIASTRINOPENIE/PIASTRINOPATIE ALTERAZIONE ALTERAZIONE DEI DEI TEST TEST DELLA DELLA COAGULAZIONE COAGULAZIONE QUANDO QUANDO TRASFONDERE TRASFONDERE PIASTRINE PIASTRINE QUANDO QUANDO TRASFONDERE TRASFONDERE PLASMA PLASMA

5 Conclusioni su indicazioni a trasfusione di Plasma e Piastrine. Dott. Simonetta Nucci, U.O Immunoematologia e Centro Trasfusionale

6 La gestione delle Coagulopatie acquisite

7 Paziente ospedalizzato senza problemi emorragici ma in terapia anticoagulante o antiaggregante o con deficit coagulativo acquisito Paziente ospedalizzato con problemi emorragici secondari ad un ampio spettro di situazioni cliniche Sovradosaggio di anticoagulanti Epatopatie gravi acute e croniche scompensate (fattori coag. quasi tutti di sintesi epatica, Kdipendenti: FII,FVII,FIX,FX) Coagulazione intravasale disseminata Piastrinopenie acute secondarie (farmaci, stati tossico-infettivi) Sindrome da trasfusione massiva

8 CID ACUTA CID CRONICA FIBRINOLISI PRIMARIA PTT EPATOPATIE CRONICHE COMUNE COMUNE MOLTO RARA RARA COMUNE No / N No No / N No No N N o o FVIII / No No N N ATIII / No N D-DIMERO ± ± ± PIASTRINE N SCHISTOCITI +/++ SCHISTOCITI ±/+ NORMALI SCHISTOCITI ++++ MACROCITI PARAMETRI INCIDENZA INR/PT aptt FIBRINOGENO ERITROCITI

9 COAGULOPATIE ACQUISITE DIFETTOSA SINTESI FATTORI COAGULATIVI CARENZA DI VITAMINA K CONSUMO INTRAVASCOLARE AUMENTATA CLEARANCE FATTORI COAGULATIVI INSORGENZA DI ANTICOAGULANTI ACQUISITI EPATOPATIE CRONICHE = COAGULOPATIA COMPLESSA RIDOTTA SINTESI DEI FATTORI COAULATIVI (VIA INTRINSECA,ESTRINSECA,COMUNE E FXIII) SINTESI DI FATTORI COAGULATIVI ANOMALI (es. PIVKA, da disutilizzo della vit.k) RIDOTTA SINTESI DEGLI INIBITORI NATURALI DELLA COAGULAZIONE (ATIII,PrC,PrS) RIDOTTA SINTESI DEI FATTORI DEL SISTEMA FIBRINOLITICO (PLASMINOGENO) RIDOTTA CLEARANCE FATTORI COAGULAZIONE ATTIVATI, DEI PRODOTTI DI DEGRADAZIONE DELLA COAGULAZIONE E DELLA FIBRINOLISI GENERAZIONE DI TROMBINA CON CONSEGUENTE COAGULAZIONE INTRAVASCOLARE ALTERAZIONI PIASTRINICHE, SEQUESTRO PIASTRINICO ALTERAZIONI DEL MICROCIRCOLO DEFICIT DI VITAMINA K (protrombina,fvii,fix,fx, PrC, PrS) DEFICIT APPORTO ALIMENTARE (DIETE ALIPIDICHE, ANZIANI, INANIZIONE) MALASSORBIMENTO (SPRUE, GASTRO-ENTERECTOMIE, PANCREATITI, ITTERO OCCLUSIVO, IPERTENSIONE PORTALE, ALCOLISMO CRONICO) OSTRUZIONE TOTALE O PARZIALE VIE BILIARI INTRA O EXTRAEPATICHE STASI BILIARE INTRAEPATICA DA CIRROSI DISMICROBISMO INTESTINALE (ANTIBIOTICI, FANS, DIARREE CRONICHE, ENTERITI ACUTE) DEFICIT TRASPORTO PLASMATICO (IPOTRIGLICERIDEMIA, IPERTIROIDISMO TRATTATO) AUMENTATA RICHIESTA (GRAVIDANZA, PUERPERIO, EMORRAGIE IMPORTANTI) ANTAGONISTI: DICUMAROLICI, CUMADINICI

10 COAGULAZIONE INTRAVASALE DISSEMINATA COAGULOPATIA SECONDARIA AD ALTRA PATOLOGIA DOVUTA AD ABNORME ATTIVAZIONE DEL PROCESSO EMOCOAGULATIVO, CON DIFFUSI FENOMENI TROMBOTICI, COAGULOPATIA DA CONSUMO E PIASTRINOPENIA, SOVENTE CON COMPONENTE FIBRINOLITICA FORME CLINICHE ACUTA SUBACUTA CRONICA COMPENSATA CRONICA IPERCOMPENSATA

11 Interventi su organi ricchi di trombochinasi Polmone Prostata Pancreas Placenta Sepsi da gram negativi Sepsi da gram positivi capsulati Virus (varicella) Infezioni Abruptio placentae Embolismo da liquido amniotico CID ACUTA-SUBACUTA Aborto settico CHIRURGIA Rottura dell utero INFEZIONI COMPLICANZE OSTETRICHE Mola idatiforme ONCOEMATOLOGIA Leucemie acute (M3) DANNO TESSUTALE ESTESO Linfomi avanzati leucemizzati Ustioni Emolisi acuta (incomp. AB0) Ipertermia, Traumi cerebrali, crash syndrome rabdomiolisi CID CRONICA Ritenzione di feto morto Tossiemia gravidica TUMORI SOLIDI METASTATIZZATI Aneurisma aortico COMPLICANZE OSTETRICHE Emangiomi (s. di Kasabach-Merritt) FORME LOCALIZZATE EPATOPATIE Shunt di Le Veen Atrofia giallo-acuta, epatite fulminante

12 COAGULOPATIE DA AUMENTATA CLEARANCE FATTORI PLASMATICI CARENZA PATOLOGIA PT PTT FX AMILOIDOSI FIX S.NEFROSICA N COAGULOPATIE DA INIBITORI ACQUISITI DI FATTORI PLASMATICI PRESENZA DI ANTICOAGULANTI A EFFETTO INIBITORIO VERSO 1 O PIU FATTORI SINTOMI PIU FREQUENTEMENTE EMORRAGICI MA TALORA TROMBOTICI NELL AMBITO DI QUADRI PARANEOPLASTICI O AUTOIMMUNI SOSPETTO CLINICO APTT ALLUNGATO ISOLATAMENTE IL LABORATORIO FORNISCE INDAGINI CIRCA LA CORREZIONE CON PLASMA NORMALE E PROCEDE ALLA DETERMINAZIONE E AL DOSAGGIO DEGLI INIBITORI PLASMATICI (SPESSO IgG) SONO PIU FREQUENTI GLI INIBITORI DEI FVIII, FVIII-VWF, FIX. RARI GLI INIBITORI DEI FV, FX, FXI. INIBITORI DEL FIBRINOGENO E DELLA SUA POLIMERIZZAZIONE SI RISCONTRANO NELLE GAMMAPATIE MONOCLONALI. INIBITORI DEL FXIII SONO INDOTTI DA FARMACI (ISONIAZIDE, FENITOINA, PENICILLINE).

13 ANTICOAGULANTE DI TIPO LUPICO (LAC) PRESENZA DI Ig ACQUISITE VS. COMPONENTI FOSFOLIPIDICI ATTIVANTI FX E PROTOMBINA MALATTIE AUTOIMMUNI (LES) MALATTIE LINFOPROLIFERATIVE IDIOPATICO PARANEOPLASTICO DA FARMACI MALATTIE INFETTIVE SPESSO ASINTOMATICO FREQUENZA DI TROMBOSI ARTERIOSE O VENOSE DISORDINI NEUROLOGICI PIASTRINOPENIA INTERMITTENTE CON SCARSA SINTOMATOLOGIA EMORRAGICA ABORTI RICORRENTI I TRIMESTRE ALTERAZIONI CUTANEE APTT ALLUNGATO ISOLATAMENTE NON CORRETTO DALL AGGIUNTA DI PLASMA NORMALE RICERCA LAC POSITIVA SIGNIFICATIVO TITOLO ANTICORPI ANTI-CARDIOLIPINA PAZIENTI ASINTOMATICI: PREVENZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO TROMBOTICO LAC SECONDARIO: TERAPIA MALATTIA DI BASE TROMBOSI IN ATTO: EPARINA, POI TAO PER ALMENO 6 MESI PROFILASSI RECIDIVE TROMBOTICHE: TAO DOPO ABORTI RIPETUTI, IN GRAVIDANZA EPARINA A BASSO PM PROFILATTICA

14 PIASTRINOPENIE V.N /µ L TURNOVER /µ L/die pool circolante:pool splenico 3:1 EMIVITA 8-10 gg VPM 7-11 fl cateresi splenica:epatica 3:1 QUOTA DI PIASTRINE < /µL necessaria conferma su un secondo emocromo in citrato normalmente asitomatiche fino a /µl rischio emorragico dovuto a fattori soggettivi e circostanziali (cause della pp) il tempo di stillicidio/emorragia fornisce informazioni sul rischio emorragico: NON ROUTINE 1. DIFETTO PRODUTTIVO 2. AUMENTATO CONSUMO O AUMENTATA DISTRUZIONE 3. ALTERATA DISTRIBUZIONE

15 Piastrinopenie Infezioni Farmaci citotossici Radiazioni Sostituzione midollare Deficit piastrinopoiesi IPO-APLASIA MEGACARIOCITICA PIASTRINOPOIESI INEFFICACE ALTERATA STIMOLAZIONE PIASTRINOPOESI Aumentata distruzione/consumo IMMUNOLOGICHE HIV-CORRELATE NON IMMUNOLOGICHE D icroangiopatie (SUE, PTT) rcolazione extracorporea fezioni batteriche,virali,protozoarie) Deficit folati o B12 Mielodisplasie Forme ereditarie Autoanticorpi idiopatica (Werlhof) in malattie autoimmuni s. da a. antifosfolipidi Alloanticorpi Da farmaci/eparina-indotte Deficit trombopoietina (dialisi, HIV) o altri fattori correlati Meccanismo immunologico+ Lesione infettiva megacariociti+ Cause farmacologiche Alterata distribuzione SEQUESTRO DILUIZIONE DA TRASFUSIONI PLASMATICHE ANESTESIA IPOTERMICA Ipersplenismo Emangiomatosi diffusa

16 PIASTRINOPATIE: PIASTRINOPATIE difetto funzionale piastrinico congenito o acquisito, valutabile attraverso il T. di Stillicidio, poi con esami specialistici. Comune condizione indotta dagli antiaggreganti, per tempi variabili a seconda del principio attivo ASA 72 h, Ibuprofene 12h, Ticlopidina 24-36h Da considerarsi come autentiche piastrinopenie, al punto da considerare la trasfusione di piastrine in caso di manovre ad alto rischio.

17 La valutazione del rischio emorragico nel paziente con malattia epatica avanzata Che affidabilità hanno i test coagulativi nelle epatopatie? I test coagulativi vanno di pari passo con il rischio emorragico? Il deficit coagulativo è la causa principale di sanguinamento nel malato di fegato? Quale sanguinamento? In quale situazione? Con quale manovra?

18 Il paradigma: I test coagulativi esplorano il rischio emorragico del cirrotico. Oltre certi livelli è necessaria (e utile) la loro correzione, che è attesa ridurre il rischio emorragico.

19 Bravo AA et al. NEJM 2001; 344:

20 Fattori della coagulazione sintetizzati a livello epatico Proteine procoagulanti Fattori Vitamina Kdipendenti (II, VII, IX, X, V, VIII, XI e fibrinogeno) Proteine anticoagulanti AT, Proteina C ed S Proteine fibrinolitiche Plasminogeno, PAI-1, α 2-antiplasmina Altri fattori Trombopoietina, Proteina Z

21 TEMPO DI PROTROMBINA Plasma citratato -PT + tromboplastina + calcio fattore tissutale + fosfolipidi FVII PT: secondi Tempo Quick: % di norm INR: normalizzato per diverse tromboplastine per TAO fibrina Anticoagulanti orali FVIIa FX FXa+V+Ca II IIa fibrinogeno Tempo in secondi

22 Deficit coagulativo epatopatico: complesso e potenzialmente diverso da paziente e paziente e in diverse fasi nello stesso paziente. tromboplastine secondarie e terziarie: misurare PT con tromboplastine da calibrare e tromboplastina di riferimento in plasmi di soggetti normali soggetti in Tao stabilizzata epatopazienti ISI vit K (terapia anticoagulante orale) ISI Fegato (preoperatorio?funzione epatica, MELD?) Ottimale?: una tromboplastina con ISI simile per tutte situazioni, improbabile

23 Problematiche coagulative nella cirrosi La tendenza emorragica nella cirrosi epatica è multifattoriale: - Trombocitopenia - Trombocitopatia - Riduzione dei fattori della coagulazione - Fibrinolisi accellerata - Meccanismi emodinamici

24 La maggior parte delle emorragie spontanee riguarda il tratto gastroenterico (varici esofagee) Importante è il sanguinamento dopo biopsia epatica Sono presenti altre manifestazioni non gravi (petecchie, ecchimosi, gengivorragia, epistassi e menorragia)

25 Alterazioni dell emostasi: le piastrine Trombocitopenia La causa non è chiara; potrebbe dipendere da: 1. Ridotta sintesi midollare 2. Maggiore consumo a livello splenico/epatico 3. Ridotta sintesi di trombopoietina 4. Ipertensione portale

26 Alterazioni dell emostasi: le piastrine Trombocitopatia La causa non è chiara; potrebbe dipendere da: 1. Difetto funzionale intrapiastrinico (alterata sintesi?) 2. Aumentata produzione degli inibitori piastrinici (NO e prostaciclina) 3. Bassa resistenza vascolare con fenomeni di share-stress.

27 Piastrinopenia/patia + alterazioni vascolari Allungamento del tempo di stillicidio/emorragia

28 Correlazione tra piastrinopenia/patia, cirrosi epatica e test di laboratorio Correlazione altamente controversa tra l allungamento del tempo di emorragia, la gravità della cirrosi ed il rischio di sanguinamento. Un solo lavoro ha mostrato un aumento del rischio emorragico dopo biopsia epatica di 5 volte superiore nei pazienti con TE allungato (Boberg KM et al. Thromb Haemost 1999;81;378-81). La Desmopressina può migliorare o normalizzare il Tempo di Emorragia nei pazienti con cirrosi.

29 Correlazione tra piastrinopenia/patia, cirrosi epatica e test di laboratorio (I) La Desmopressina è indicata e può migliorare o normalizzare utilmente il TE in pazienti con: von Willembrand, piastrinopatia uremica. (off label) ma non riduce il sanguinamento nei cirrotici con TE corretto. Emorragia digestiva (Terlipressina +/- Desmopressina) Uso di sangue in resezione e trapianto

30 Intranasal desmopressin versus blood transfusion in cirrhotic patients with coagulopathy undergoing dental extraction: a randomized controlled trial. Stanca CM, Montazem AH, Lawal A, Zhang JX, Schiano TD. J Oral Maxillofac Surg Jan;68(1): Mount Sinai Medical Center, Department of Medicine, New York, NY 10029, USA Estrazione dentaria in pazienti con cirrosi con piastrine e o INR 2-3. plasma 10 ml/kg e/o 1 unita di piastrine vs desmopressin intranasale (300 microg) somministrati prima di estrazione dentaria. Sanguinamento post estrazione nelle successive24-48 ore: Nessuna differenza come eventi tra i 2 gruppi

31 In definitiva In linea di massima non problemi sopra le piastrine (chirurgia e biopsie). Poche certezze sotto le La piastrinopenia suggerisce ipertensione portale, probabilmente il maggiore fattore di sanguinamento in chirurgia toraco addominale.

32 Alterazioni dell emostasi: i fattori della coagulazione Riduzione dei fattori procoagulanti: - Fattore V - Fattore VII - Fattore IX, X, XI - Fattore XII - Precallicreina - Chininogeno alto p.m. - Trombina Fase precoce della cirrosi Fase tardiva della cirrosi

33 Limiti dei test standard della coagulazione Il PT ed il aptt misurano solo i fattori procoagulanti e non sono in grado di monitorare la riduzione degli anticoagulanti fisiologici (Proteina C o S) che anch essi sono ridotti specialmente nella fase avanzata della cirrosi Inoltre tali test hanno una scarsa sensibilità per la determinazione di basse concentrazioni dei fattori procoagulanti

34 Uso clinico dei test della coagulazione Esiste una correlazione significativa tra allungamento del PT e INR e gravità della cirrosi: - Non è necessariamente correlato al grado di coagulopatia - Risente anche del grado di ipertensione portale - E un eccellente marker di insufficienza epatica - E un fattore prognostico negativo di sopravvivenza

35 Meccanismi compensatori Riduzione concomitante degli anticoagulanti fisiologici: - Proteina C - Proteina S - Antitrombina -Aumento del von Willembrand circolante

36 Alterazioni dell emostasi: la fibrinolisi Meccanismi di iperfibrinolisi: - Elevati livelli di attivatore tissutale del Plasminogeno (t-pa) - Bassi livelli di α2 anti-plasmina Meccanismi di ipofibrinolisi: Deficit del Plasminogeno - Aumento del PAI-1 (inibitore dell attivatore del Plasminogeno - Riduzione del TAFI (inibitore della trombina attivante la fibrinolisi)

37 Alterazioni globali dell emostasi nelle malattie epatiche Deficit multiplo dei fattori della coagulazione Trombocitopenia/patia Iperfibrinolisi Disfibrinogenemia ma Deficit degli anticoagulanti naturali Deficit dei fattori profibrinolitici ed aumento degli inibitori degli attivatori del plasminogeno Aumento delle proteine adesive (fattore vonwillebrand)

38 Problematiche coagulative nella cirrosi Complicanze trombotiche: Una complicanza frequente (~20%) è rappresentato dalla Trombosi Venosa Portale, con possibile estensione alla vena mesenterica e seguente infarto intestinale Però il rischio di tromboembolismo periferico non è diverso rispetto alla popolazione ricoverata senza malattie di fegato.

39 Al momento, il ruolo della trombofilia (congenita o acquisita) nel determinare la Trombosi Portale è suggestivo ma non definitivo Un importante ruolo sembra essere determinato dalla endotossiemia (che incrementa la produzione di Fattore Tissutale). Violi. JTH 2006;4: Ruolo della situazione emodinamica locale: flusso portale rallentato, stasi -sclerosi varici?- betabloccanti? TIPS come maniera per ricostituire flusso veloce?

40 Problema: È possibile che un trattamento emostasiologico troppo aggressivo (specie se in assenza di emorragie gravi in atto) oltre a essere inutile possa aumentare il rischio di complicanze trombotiche e favorire, tramite espansione plasmatica, emorragie digestive?.

41 Riassumendo Allo stato attuale la coagulopatia associata alla cirrosi epatica non sembra essere la causa principale del sanguinamento, specie di quello del tratto digestivo (legato all ipertensione portale) I test di routine hanno una scarsa accuratezza diagnostica anche se correlano alla gravità della malattia Gli interventi a correzione della coagulopatia non sono convincenti e hanno scarsi effetti se usati come profilassi. Esiste un rischio trombotico non indifferente

42 Il nuovo paradigma? Il cirrotico in fase stabile ha un equilibrio fra fattori procoagulanti e anticoagulanti in cui il rischio emorragico derivante dal versante coagulativo non è necessariamente aumentato. A INR e aptt aumentato non corrisponde necessariamente deficit coagulativo almeno in assenza di trombocitopenia severa o trombocitopatia. SERVE UN NUOVO TEST: Tromboelastogramma? Generazione di Trombina?

43 Haemostasis issues for Clinicians Identify Haemostatic Imbalance Before Surgery Prothrombotic Platelet Function Excess Fibrinolysis During Surgery Platelet Function Excess Fibrinolysis Factor deficiency vs residual circulating anticoagulant After Surgery (If the patient is bleeding how it should be treated) Coagulopathy Excess anti-coagulant Surgical

44 Suggested treatment Treatment protocol TEG value Clinical cause Suggested Treatment R between 7-10 min clotting factors x 1 FFP or 4 ml/kg R between min clotting factors x 2 FFP or 8 ml/kg R greater than 14 min clotting factors x 4 FFP or 16 ml/kg MA between mm platelet function 0.3mcg/kg DDAVP MA between mm platelet function x5 platelet units MA at 40 mm or less platelet function x10 platelet units α less than 45 fibrinogen level.06 u/kg cryo LY30 at 7.5% or greater, C.I. < 3.0 Primary fibrinolysis antifibrinolytic of choice LY30 at 7.5% or greater, C.I. > 3.0 Secondary fibrinolysis anticoagulant of choice LY30 < 7.5%, C.I. > 3.0 Prothrombotic state anticoagulant of choice 44

45 Il nuovo paradigma? Il cirrotico stabile è in equilibrio fragile (diversamente dal normale). Qualunque cosa turbi questo equilibrio: peggioramento acuto emorragia/consumo, sepsi, insufficienza renale, farmaci interferenti, uso di fattori procoagulanti o anticoagulanti, potrebbe spostare l equilibrio, in senso emorragico o trombotico. In termini di valutazione del rischio emorragico tuttora è prevalente il giudizio clinico sulla situazione complessiva e l anamnesi (sanguinamenti spontanei, ematomi cutanei,

46 E quindi? Non è certo che sia utile correggere il deficit (PT o piastrine) al di fuori di sanguinamento in atto e forse anche prima di manovre invasive. Il rischio trombotico sistemico va prevenuto applicando i concetti generali. La trombosi venosa portale va trattata con terapia anticoagulante. Nel caso di sanguinamento da varici considerare anche i rischi da espansione di volume e protrombotici del plasma.

47 I farmaci procoagulanti nel cirrotico? Vit K: se colestasi o ipertensione portale qualche effetto è atteso (EV). Anti-fibrinolitici, es tranexamico, nei sanguinamenti in atto, post chirurgico o post manovra. Desmopressina? Nelle manovre e deficit intermedi? Odontoiatriche, CVC, paracentesi, Toracentesi, biopsie? Agonisti recettore trombopoietina (Eltrombopag) in piastrinopenie da interferone o in prevenzione?

48 Il nuovo paradigma? Si sostituiscono certezze non basate su evidenze con incertezze basate su evidenze

49

50

51

52 Cirrhosis and Surgery Total Charges Lenght of Stay Mortality Rate % Normal Cirrhosis Cirrhosi + PH

53 Definizione del rischio operatorio nel cirrotico Tipo di chirurgia Quantificazione della funzione Comorbidità Stato Nutrizionale

54 Tipo di chirurgia ALTO RISCHIO URGENTE Abdominal Surgery Cholecistectomy, Gastrectomy, Colectomy CardioThoracic Hepatic Resection BASSO RISCHIO Extra ToracicAbdominal

55 Cirrhosis and Surgery : ELECTIVE vs URGENT day day Mortality Mortality

56 La gravità clinica: score prognostici Child-Turcotte: Child-Turcotte: Developed Developed in in (Modified (Modifiedby bypugh Pughinin1973) 1973): : Death Death risk risk after after surgical surgical porto-caval porto-caval procedure procedure in in cirrhotics cirrhotics MELD MELD:: Developed Developed in in for for TIPS TIPS procedure procedure in in cirrhotics cirrhotics

57 CHILD-TURCOTTE-PUGH punti no assente <2 modesta o controllata da diuretici 2-3 almeno moderata nonostante diuretici >3 Albumina (g/ l) > <2.8 I NR < >2.3 (I NR Child-Pugh) < >1.5 < >10 Encefalopatia Ascite Bilirubina (mg/ dl) Bilirubina (mg/ dl) in malattie colestatiche

58 Creatinina e Bilirubina, MELD UNOS: valore minimo: 1 10 x x LN(creatinina) + 10 x x LN(bilirubina) + 10 x 1.12 x LN(INR) + 10 x Validato in numerose casistiche Rappresenta correttamente il rischio di morte legato a: Eziologie diverse Malattie colestatiche Ascite refrattaria se e stato dializzato almeno 2 volte la settimana precedente creatinina = 4 Peritonite Batterica Spontanea Encefalopatia Emorragie digestive

59 Child-Pugh Score MELD Score

60 Chirurgia coronarica nella cirrosi AUC MELD: 85,1 CTP: 75,7 EUROScore: 65,9 MELD better than CTP and EUROScore MELD > 13.5 Predictive of Post-Operative In-Hospital Mortality

61 Cirrhosis and Liver Resection ALL ALL Patients Patients p < 0,008 MELD-Matched MELD-Matched Study Study Population Population p = 0,453

62 The MELD Model, UNOS Modification What is the INR? What is the bilirubin? (mg/dl) What is the creatinine? (mg/dl) Has the patient had dialysis at least twice in the past week? No Yes Compute MELD score: Reimposta MELD Score <10 3-month Mortality 100% 83% 76% 27% 4%

63 Operatory Risk in Cirrhosis Perioperative Complications Risk Factors Child-Pugh Ascites Creatinine Cirrhosis # da CBP BPCO Infections Previous G.I. Bleeding ASA physical status Intraoperative Hypotension Surgery Severity Score Ziser, anesthesiology, 1999

64 Mayo Model 9 To determine the risk of post-operative mortality for all types of major surgery, especially gastro-intestinal, orthopedic and cardiac surgery (includes open-heart procedures), please enter the following variables: What is the age? What is the ASA score? What is the bilirubin? What is the creatinine? What is the INR? (use 1-5) (mg/dl) (mg/dl) Reset Compute What is the etiology of cirrhosis? Form PROBABILITY OF MORTALITY POST-OPERATIVE INTERVAL 7 days 30 days 90 days 1 year Alcoholic or Cholestatic Viral/Other 5 years

65 Cirrhosis and Surgery

66

67

68

69

70

71

72 Trasfusione piastrinica I CONSIDERAZIONI GENERALI CIRCA LE INDICAZIONI Vi è certamente indicazione nelle piastrinopenie da alterata funzione midollare con rischio emorragico elevato (la soglia varia a seconda della diagnosi, del quadro clinico e la modalità di trattamento). Non vi è indicazione alla trasfusione profilattica nei pazienti terminali o prognosi infausta a breve scadenza. Raramente vi è indicazione profilattica nella ipersplenismo, da trasfusione massiva, da CID. piastrinopenie autoimmuni, da Controindicata la trasfusione di piastrine nei quadri microangiopatici tipo porpora trombotico-trombocitopenica e sindrome uremico-emolitica, così come quasi sempre nelle piastrinopenie indotte da eparina (specialmente Tipo II). L efficacia della trasfusione di piastrine andrebbe monitorizzata effettuando un conteggio piastrinico dopo dal suo termine; in caso di mancato raggiungimento del valore soglia preso in considerazione inizialmente si dovrebbe procedere ad nuova trasfusione. La trasfusione terapeutica è indicata nelle piastrinopenia con sanguinamenti minori (petecchie, porpora cutaneo-mucosa) o maggiori (ematemesi, melena, emorragia retinica o cerebrale, ematuria, emoftoe, e tutte le perdite che giungono a richiedere provvedimenti trasfusionali con globuli rossi).

73 Trasfusione piastrinica II PREPARAZIONI E IMPIEGO Sono routinariamente disponibili pool di piastrine da più donatori e sacche da aferesi da monodonatore, queste ultime, se ottenute da donatore selezionato, sono preferibili ove necessita trasfondere piastrine istocompatibili. Contenuto medio per sacca ca. 3.2 x Le sacche di piastrine vanno trasfuse subito all arrivo in reparto e non oltre 3 ore dall uscita dal centro trasfusionale (orario riportato sull unità). La durata dell infusione nell adulto deve essere di e non deve superare le 2,5 h. E difficile stabilire l incremento atteso post-trasfusionale in quanto relativo alla presenza di sanguinamenti occulti e inversamente proporzionale al peso del paziente. Ad es. un pool piastrinico che contiene in media 3.2 x 1011 piastrine dovrebbe incrementare la conta di plts/µl in un soggetto di 50 kg, di plts/µl in uno di 70 kg e circa plts/µl in uno di 90 kg. La refrattarietà immunologia viene definita se si osserva un basso aumento posttrasfusionale (<5000/µL) dopo la trasfusione di 3U piastriniche AB0 compatibili conservate da meno di 3 giorni.

74 Trasfusione piastrinica III AUMENTO DEL RISCHIO EMORRAGICO NELLA PIASTRINOPENIA 1. febbre 38.5 C 2. leucocitosi > /µL 3. piastrinopenia insorta rapidamente (48-72h) 4. associazione con piastrinopatie primitive, secondarie, iatrogene (FANS,ASA) 5. associazione con alterazioni emocoagulative plasmatiche primitive, secondarie o iatrogene (terapia eparinica, TAO) 6. neoplasie primitive o mts cerebrali e meningee 7. neoplasie vescicali sottoposte a chemioterapia intensiva 8. chemioterapia/radioterapia in melanomi, tumori ginecologici, colorettali, bronchiali 9. in caso di mancata disponibilità rapida di piastrine in caso di emergenza 10. pazienti in regime ambulatoriale (difficoltà di accesso per lontananza dal centro, giorni prefestivi e festivi)

75 Trasfusione piastrinica IV CLINICA SOGLIA PROFILATTICA S.P. RISCHIO AUMENTATO pazienti oncologici e oncoematologici in terapia /µL /µL piastrinopenia cronica stabile e grave (mielodisplasie, aplasie) solo se episodi emorragici solo in fase di terapia manovre invasive (estrazioni dentarie, cvc, biopsie bronchiali e in egdscopia, ecc.) /µL IDEM biopsie osteomidollari e mieloaspirati /µL >20.000/µL CVC temporaneo d emergenza /µL /µL rachicentesi /µL /µL interventi chirurgici maggiori /µL Fra 50 e /µL se rischi particolari (ad es. ASA) sanguinamento intraoperatorio microvascolare /µL /µL anestesia spinale o epidurale /µL /µL sanguinamento in caso di emorragie del microcircolo dopo trasfusioni massive /µL Se INR > 1.5 aggiungere plasma (+precauz /µL)

76 INDICAZIONI PLASMA FRESCO CONGELATO 1 In presenza di sanguinamento o in preparazione di procedure invasive in soggetti con deficit di vitamina K (TAO) in presenza di INR 2.2 oppure di PT o aptt 1.5 volte il valore normale. Fattori K dipendenti sono FII, FVII, FXI, FX, proteina C e proteina S. L antagonismo dato dalla vitamina K si manifesta in 6-8 ore, quindi fuori dalla possibile utilità in caso di emorragia o di urgenza chirurgica. antagonismo rapido: Konakion 5 mg ev + complesso protrombinico (Protromplex Tim3 500UI/fiala + 20 ml solvente, Uman Complex D.I UI/fiala + 20 ml solvente) calcolato su una dose di FIX = 50 UI/kg antagonismo rapido in caso di indisponibilità di complesso protrombinico: PFC 1000 ml emorragie minori in corso di TAO: sospensione farmaco, Konakion mg ev intervento chirurgico differibile di 8-12 ore: sospendere TAO, Konakion 1-2 mg ev lenta fino a INR < 1.5 interventi programmabili: se INR < 2 sospendere TAO 72 ore prima dell intervento, se INR >2 <3 attendere 4 gg, se INR > 3 attendere 5 gg. Se il giorno dell intervento INR > 1.8 somministrare Konakion 1mg s.c. Presenza di sanguinamento in atto in insufficienza epatica con aumento PT/INR, aptt; non indicato in profilassi per manovre invasive se INR < 2.

77 INDICAZIONI PLASMA FRESCO CONGELATO 2 Sanguinamento o profilassi manovre invasive in deficit noto (congenito, acquisito) dei singoli fattori della coagulazione quando i rispettivi concentrati non sono disponibili. Nell emofilia ricorrere al FVIII ricombinante; nella M. di von Willebrand è elettiva la somministrazione di desmopressina (Minirin-DDAVP) in infusione di 0.3 mg/kg prime dell intervento (aumento di 3-4 volte valore basale FVIII vw; se insufficiente: crioprecipitato); FIX disponibile come concentrato specifico (se indisponibile indicato PFC); deficit FII e FX utilizzare complesso protrombinico (cfr. sopra); deficit di fibrinogeno utilizzare Fibrinogeno TIM3 (flaconi 1g/50 ml) o crioprecipitato. Correzione dei sanguinamenti microvascolari (CID) in presenza di PT/INR e aptt > 1.5 volte la norma, in contemporanea al trattamento della patologia scatenante. Non indicato in profilassi. Trattamento della microangiopatia tipo porpora trombotica-trombocitopenica in associazione a plasmaferesi. Correzione del sanguinamento microvascolare secondario a deficit di coagulazione nelle trasfusioni massive, quando non sono disponibili immediatamente PT e aptt o se questi sono alterati (PT/INR e aptt > 1.5 volte la norma e fibrinogeno < 100 mg/dl) e le piastrine > /µL ; se piastrine < /µL trasfonderle.

78 TERAPIA DELLE EMORRAGIE DA INIBITORI ACQUISITI TERAPIA DELLA MALATTIA DI BASE TRATTAMENTO DEL QUADRO EMORRAGICO FATTORE VIIa (NOVOSEVEN ) Fiale da 1,2 mg 1) Bolo 6-8 fiale subito 2) A seguire boli di 4-6 fiale/4h STOP a fine sanguinamento (NB: non sono corretti i test di emocoagulazione alterati) TRATTAMENTO IMMUNOSOPPRESSIVO PDN 1-1,5 mg/kg/die Rituximab 375 mg/mq/settimana Gammalobuline 1 g/kg ev/die x2/sett. Dosaggio settimanale inibitore Si deve osservare un progressivo calo del dosaggio inibitore STOP a rientro n.n. dell APTT

79

80

81 Rischio tromboembolico alto basso Storia di Rischio emorragico alto basso Chirurgia o procedura a rischio alto basso URGENZA ELEZIONE

82 Problemi di coagulazione in pazienti ricoverati SCELTA SCELTATRA TRA RISCHIO RISCHIO EMORRAGICO EMORRAGICO ee RISCHIO RISCHIO ISCHEMICO ISCHEMICO oo TROMBOTICO TROMBOTICO VALUTAZIONE VALUTAZIONE DI DI RISCHIO RISCHIO EMORRAGICO EMORRAGICO CHIRURGICO CHIRURGICO oo in in corso corsodi di MANOVRE MANOVRE INVASIVE INVASIVE ee gestione gestione di di terapia terapia anticoagulante anticoagulante oo antiaggregante antiaggregante in in atto. atto. PIASTRINOPENIE/PIASTRINOPATIE PIASTRINOPENIE/PIASTRINOPATIE ALTERAZIONE ALTERAZIONE DEI DEI TEST TEST DELLA DELLACOAGULAZIONE COAGULAZIONE QUANDO QUANDO TRASFONDERE TRASFONDERE PIASTRINE PIASTRINE QUANDO QUANDO TRASFONDERE TRASFONDERE PLASMA PLASMA

83 Conclusioni su indicazioni a trasfusione di Plasma e Piastrine. Dott. Simonetta Nucci, U.O Immunoematologia e Centro Trasfusionale

84 La gestione delle Coagulopatie acquisite

85 Paziente ospedalizzato senza problemi emorragici ma in terapia anticoagulante o antiaggregante o con deficit coagulativo acquisito Paziente ospedalizzato con problemi emorragici secondari ad un ampio spettro di situazioni cliniche Sovradosaggio di anticoagulanti Epatopatie gravi acute e croniche scompensate (fattori coag. quasi tutti di sintesi epatica, Kdipendenti: FII,FVII,FIX,FX) Coagulazione intravasale disseminata Piastrinopenie acute secondarie (farmaci, stati tossico-infettivi) Sindrome da trasfusione massiva

86 PARAMETRI INCIDENZA INR/PT aptt CID ACUTA CID CRONICA FIBRINOLISI PRIMARIA PTT EPATOPATIE CRONICHE COMUNE COMUNE MOLTO RARA RARA COMUNE N No No / No / N No N N o o No FVIII / No No N N ATIII / No N FIBRINOGENO D-DIMERO ± ± ± PIASTRINE N SCHISTOCITI +/++ SCHISTOCITI ± /+ NORMALI SCHISTOCITI ++++ MACROCITI ERITROCITI

87 COAGULOPATIE ACQUISITE DIFETTOSA SINTESI FATTORI COAGULATIVI CARENZA DI VITAMINA K CONSUMO INTRAVASCOLARE AUMENTATA CLEARANCE FATTORI COAGULATIVI INSORGENZA DI ANTICOAGULANTI ACQUISITI EPATOPATIE CRONICHE = COAGULOPATIA COMPLESSA RIDOTTA SINTESI DEI FATTORI COAULATIVI (VIA INTRINSECA,ESTRINSECA,COMUNE E FXIII) SINTESI DI FATTORI COAGULATIVI ANOMALI (es. PIVKA, da disutilizzo della vit.k) RIDOTTA SINTESI DEGLI INIBITORI NATURALI DELLA COAGULAZIONE (ATIII,PrC,PrS) RIDOTTA SINTESI DEI FATTORI DEL SISTEMA FIBRINOLITICO (PLASMINOGENO) RIDOTTA CLEARANCE FATTORI COAGULAZIONE ATTIVATI, DEI PRODOTTI DI DEGRADAZIONE DELLA COAGULAZIONE E DELLA FIBRINOLISI GENERAZIONE DI TROMBINA CON CONSEGUENTE COAGULAZIONE INTRAVASCOLARE ALTERAZIONI PIASTRINICHE, SEQUESTRO PIASTRINICO ALTERAZIONI DEL MICROCIRCOLO DEFICIT DI VITAMINA K (protrombina,fvii,fix,fx, PrC, PrS) DEFICIT APPORTO ALIMENTARE (DIETE ALIPIDICHE, ANZIANI, INANIZIONE) MALASSORBIMENTO (SPRUE, GASTRO-ENTERECTOMIE, PANCREATITI, ITTERO OCCLUSIVO, IPERTENSIONE PORTALE, ALCOLISMO CRONICO) OSTRUZIONE TOTALE O PARZIALE VIE BILIARI INTRA O EXTRAEPATICHE STASI BILIARE INTRAEPATICA DA CIRROSI DISMICROBISMO INTESTINALE (ANTIBIOTICI, FANS, DIARREE CRONICHE, ENTERITI ACUTE) DEFICIT TRASPORTO PLASMATICO (IPOTRIGLICERIDEMIA, IPERTIROIDISMO TRATTATO) AUMENTATA RICHIESTA (GRAVIDANZA, PUERPERIO, EMORRAGIE IMPORTANTI) ANTAGONISTI: DICUMAROLICI, CUMADINICI

88 COAGULAZIONE INTRAVASALE DISSEMINATA COAGULOPATIA SECONDARIA AD ALTRA PATOLOGIA DOVUTA AD ABNORME ATTIVAZIONE DEL PROCESSO EMOCOAGULATIVO, CON DIFFUSI FENOMENI TROMBOTICI, COAGULOPATIA DA CONSUMO E PIASTRINOPENIA, SOVENTE CON COMPONENTE FIBRINOLITICA FORME CLINICHE ACUTA SUBACUTA CRONICA COMPENSATA CRONICA IPERCOMPENSATA

89 Interventi su organi ricchi di trombochinasi Polmone Prostata Pancreas Placenta Sepsi da gram negativi Sepsi da gram positivi capsulati Virus (varicella) Infezioni Abruptio placentae Embolismo da liquido amniotico CID ACUTA-SUBACUTA Aborto settico CHIRURGIA Rottura dell utero INFEZIONI COMPLICANZE OSTETRICHE Mola idatiforme ONCOEMATOLOGIA Leucemie acute (M3) DANNO TESSUTALE ESTESO Linfomi avanzati leucemizzati Ustioni Emolisi acuta (incomp. AB0) Ipertermia, Traumi cerebrali, crash syndrome rabdomiolisi CID CRONICA Ritenzione di feto morto Tossiemia gravidica TUMORI SOLIDI METASTATIZZATI Aneurisma aortico COMPLICANZE OSTETRICHE Emangiomi (s. di Kasabach-Merritt) FORME LOCALIZZATE EPATOPATIE Shunt di Le Veen Atrofia giallo-acuta, epatite fulminante

90 COAGULOPATIE DA AUMENTATA CLEARANCE FATTORI PLASMATICI CARENZA PATOLOGIA PT PTT FX AMILOIDOSI FIX S.NEFROSICA N COAGULOPATIE DA INIBITORI ACQUISITI DI FATTORI PLASMATICI PRESENZA DI ANTICOAGULANTI A EFFETTO INIBITORIO VERSO 1 O PIU FATTORI SINTOMI PIU FREQUENTEMENTE EMORRAGICI MA TALORA TROMBOTICI NELL AMBITO DI QUADRI PARANEOPLASTICI O AUTOIMMUNI SOSPETTO CLINICO APTT ALLUNGATO ISOLATAMENTE IL LABORATORIO FORNISCE INDAGINI CIRCA LA CORREZIONE CON PLASMA NORMALE E PROCEDE ALLA DETERMINAZIONE E AL DOSAGGIO DEGLI INIBITORI PLASMATICI (SPESSO IgG) SONO PIU FREQUENTI GLI INIBITORI DEI FVIII, FVIII-VWF, FIX. RARI GLI INIBITORI DEI FV, FX, FXI. INIBITORI DEL FIBRINOGENO E DELLA SUA POLIMERIZZAZIONE SI RISCONTRANO NELLE GAMMAPATIE MONOCLONALI. INIBITORI DEL FXIII SONO INDOTTI DA FARMACI (ISONIAZIDE, FENITOINA, PENICILLINE).

91 ANTICOAGULANTE DI TIPO LUPICO (LAC) PRESENZA DI Ig ACQUISITE VS. COMPONENTI FOSFOLIPIDICI ATTIVANTI FX E PROTOMBINA MALATTIE AUTOIMMUNI (LES) MALATTIE LINFOPROLIFERATIVE IDIOPATICO PARANEOPLASTICO DA FARMACI MALATTIE INFETTIVE SPESSO ASINTOMATICO FREQUENZA DI TROMBOSI ARTERIOSE O VENOSE DISORDINI NEUROLOGICI PIASTRINOPENIA INTERMITTENTE CON SCARSA SINTOMATOLOGIA EMORRAGICA ABORTI RICORRENTI I TRIMESTRE ALTERAZIONI CUTANEE APTT ALLUNGATO ISOLATAMENTE NON CORRETTO DALL AGGIUNTA DI PLASMA NORMALE RICERCA LAC POSITIVA SIGNIFICATIVO TITOLO ANTICORPI ANTI-CARDIOLIPINA PAZIENTI ASINTOMATICI: PREVENZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO TROMBOTICO LAC SECONDARIO: TERAPIA MALATTIA DI BASE TROMBOSI IN ATTO: EPARINA, POI TAO PER ALMENO 6 MESI PROFILASSI RECIDIVE TROMBOTICHE: TAO DOPO ABORTI RIPETUTI, IN GRAVIDANZA EPARINA A BASSO PM PROFILATTICA

92 PIASTRINOPENIE V.N /µ L TURNOVER /µ L/die pool circolante:pool splenico 3:1 EMIVITA 8-10 gg VPM 7-11 fl cateresi splenica:epatica 3:1 QUOTA DI PIASTRINE < /µL necessaria conferma su un secondo emocromo in citrato normalmente asitomatiche fino a /µl rischio emorragico dovuto a fattori soggettivi e circostanziali (cause della pp) il tempo di stillicidio/emorragia fornisce informazioni sul rischio emorragico: NON ROUTINE 1. DIFETTO PRODUTTIVO 2. AUMENTATO CONSUMO O AUMENTATA DISTRUZIONE 3. ALTERATA DISTRIBUZIONE

93 Piastrinopenie Infezioni Farmaci citotossici Radiazioni Sostituzione midollare Deficit piastrinopoiesi IPO-APLASIA MEGACARIOCITICA PIASTRINOPOIESI INEFFICACE ALTERATA STIMOLAZIONE PIASTRINOPOESI Aumentata distruzione/consumo IMMUNOLOGICHE HIV-CORRELATE NON IMMUNOLOGICHE CID Microangiopatie (SUE, PTT) Circolazione extracorporea Infezioni batteriche,virali,protozoarie) Deficit folati o B12 Mielodisplasie Forme ereditarie Autoanticorpi idiopatica (Werlhof) in malattie autoimmuni s. da a. antifosfolipidi Alloanticorpi Da farmaci/eparina-indotte Deficit trombopoietina (dialisi, HIV) o altri fattori correlati Meccanismo immunologico+ Lesione infettiva megacariociti+ Cause farmacologiche Alterata distribuzione SEQUESTRO DILUIZIONE DA TRASFUSIONI PLASMATICHE ANESTESIA IPOTERMICA Ipersplenismo Emangiomatosi diffusa

94 PIASTRINOPATIE: PIASTRINOPATIE difetto funzionale piastrinico congenito o acquisito, valutabile attraverso il T. di Stillicidio, poi con esami specialistici. Comune condizione indotta dagli antiaggreganti, per tempi variabili a seconda del principio attivo ASA 72 h, Ibuprofene 12h, Ticlopidina 24-36h Da considerarsi come autentiche piastrinopenie, al punto da considerare la trasfusione di piastrine in caso di manovre ad alto rischio.

95 La valutazione del rischio emorragico nel paziente con malattia epatica avanzata Che affidabilità hanno i test coagulativi nelle epatopatie? I test coagulativi vanno di pari passo con il rischio emorragico? Il deficit coagulativo è la causa principale di sanguinamento nel malato di fegato? Quale sanguinamento? In quale situazione? Con quale manovra?

96 Il paradigma: I test coagulativi esplorano il rischio emorragico del cirrotico. Oltre certi livelli è necessaria (e utile) la loro correzione, che è attesa ridurre il rischio emorragico.

97 Bravo AA et al. NEJM 2001; 344:

98 Fattori della coagulazione sintetizzati a livello epatico Proteine procoagulanti Fattori Vitamina Kdipendenti (II, VII, IX, X, V, VIII, XI e fibrinogeno) Proteine anticoagulanti AT, Proteina C ed S Proteine fibrinolitiche Plasminogeno, PAI-1, α 2-antiplasmina Altri fattori Trombopoietina, Proteina Z

99 TEMPO DI PROTROMBINA Plasma citratato -PT + tromboplastina + calcio fattore tissutale + fosfolipidi FVII PT: secondi Tempo Quick: % di norm INR: normalizzato per diverse tromboplastine per TAO fibrina Anticoagulanti orali FVIIa FX FXa+V+Ca II IIa fibrinogeno Tempo in secondi

100 Deficit coagulativo epatopatico: complesso e potenzialmente diverso da paziente e paziente e in diverse fasi nello stesso paziente. tromboplastine secondarie e terziarie: misurare PT con tromboplastine da calibrare e tromboplastina di riferimento in plasmi di soggetti normali soggetti in Tao stabilizzata epatopazienti ISI vit K (terapia anticoagulante orale) ISI Fegato (preoperatorio?funzione epatica, MELD?) Ottimale?: una tromboplastina con ISI simile per tutte situazioni, improbabile

101 Problematiche coagulative nella cirrosi La tendenza emorragica nella cirrosi epatica è multifattoriale: - Trombocitopenia - Trombocitopatia - Riduzione dei fattori della coagulazione - Fibrinolisi accellerata - Meccanismi emodinamici Normal hemostasis has been defined as the controlled activation of clot formation and clot lysis in an effort to prevent hemorrhage without the inappropriate formation of thrombosis or clots. Normal hemostasis requires the maintenance of a balance between clot formation processes and clot breakdown processes, permitting blood to flow through blood vessels unimpeded. An imbalance due to vascular injury, disease, or drugs can result in either hemorrhage or inappropriate clot formation.

102 La maggior parte delle emorragie spontanee riguarda il tratto gastroenterico (varici esofagee) Importante è il sanguinamento dopo biopsia epatica Sono presenti altre manifestazioni non gravi (petecchie, ecchimosi, gengivorragia, epistassi e menorragia)

103 Alterazioni dell emostasi: le piastrine Trombocitopenia La causa non è chiara; potrebbe dipendere da: 1. Ridotta sintesi midollare 2. Maggiore consumo a livello splenico/epatico 3. Ridotta sintesi di trombopoietina 4. Ipertensione portale The classical twin pathway mechanism of coagulation was derived from in vitro investigations into the factors necessary for the process to occur. However, it fails to explain several important clinical observations, such as why a patient lacking FVIII should be capable of bleeding so profusely, when they have an intact extrinsic pathway

104 Alterazioni dell emostasi: le piastrine Trombocitopatia La causa non è chiara; potrebbe dipendere da: 1. Difetto funzionale intrapiastrinico (alterata sintesi?) 2. Aumentata produzione degli inibitori piastrinici (NO e prostaciclina) 3. Bassa resistenza vascolare con fenomeni di share-stress. The classical twin pathway mechanism of coagulation was derived from in vitro investigations into the factors necessary for the process to occur. However, it fails to explain several important clinical observations, such as why a patient lacking FVIII should be capable of bleeding so profusely, when they have an intact extrinsic pathway

105 Piastrinopenia/patia + alterazioni vascolari Allungamento del tempo di stillicidio/emorragia

106 Correlazione tra piastrinopenia/patia, cirrosi epatica e test di laboratorio Correlazione altamente controversa tra l allungamento del tempo di emorragia, la gravità della cirrosi ed il rischio di sanguinamento. Un solo lavoro ha mostrato un aumento del rischio emorragico dopo biopsia epatica di 5 volte superiore nei pazienti con TE allungato (Boberg KM et al. Thromb Haemost 1999;81;378-81). La Desmopressina può migliorare o normalizzare il Tempo di Emorragia nei pazienti con cirrosi.

107 Correlazione tra piastrinopenia/patia, cirrosi epatica e test di laboratorio (I) La Desmopressina è indicata e può migliorare o normalizzare utilmente il TE in pazienti con: von Willembrand, piastrinopatia uremica. (off label) ma non riduce il sanguinamento nei cirrotici con TE corretto. Emorragia digestiva (Terlipressina +/- Desmopressina) Uso di sangue in resezione e trapianto

108 Intranasal desmopressin versus blood transfusion in cirrhotic patients with coagulopathy undergoing dental extraction: a randomized controlled trial. Stanca CM, Montazem AH, Lawal A, Zhang JX, Schiano TD. J Oral Maxillofac Surg Jan;68(1): Mount Sinai Medical Center, Department of Medicine, New York, NY 10029, USA Estrazione dentaria in pazienti con cirrosi con piastrine e o INR 2-3. plasma 10 ml/kg e/o 1 unita di piastrine vs desmopressin intranasale (300 microg) somministrati prima di estrazione dentaria. Sanguinamento post estrazione nelle successive24-48 ore: Nessuna differenza come eventi tra i 2 gruppi

109 In definitiva In linea di massima non problemi sopra le piastrine (chirurgia e biopsie). Poche certezze sotto le La piastrinopenia suggerisce ipertensione portale, probabilmente il maggiore fattore di sanguinamento in chirurgia toraco addominale.

110 Alterazioni dell emostasi: i fattori della coagulazione Riduzione dei fattori procoagulanti: - Fattore V - Fattore VII - Fattore IX, X, XI - Fattore XII - Precallicreina - Chininogeno alto p.m. - Trombina Fase precoce della cirrosi Fase tardiva della cirrosi The classical twin pathway mechanism of coagulation was derived from in vitro investigations into the factors necessary for the process to occur. However, it fails to explain several important clinical observations, such as why a patient lacking FVIII should be capable of bleeding so profusely, when they have an intact extrinsic pathway

111 Limiti dei test standard della coagulazione Il PT ed il aptt misurano solo i fattori procoagulanti e non sono in grado di monitorare la riduzione degli anticoagulanti fisiologici (Proteina C o S) che anch essi sono ridotti specialmente nella fase avanzata della cirrosi Inoltre tali test hanno una scarsa sensibilità per la determinazione di basse concentrazioni dei fattori procoagulanti

112 Uso clinico dei test della coagulazione Esiste una correlazione significativa tra allungamento del PT e INR e gravità della cirrosi: - Non è necessariamente correlato al grado di coagulopatia - Risente anche del grado di ipertensione portale - E un eccellente marker di insufficienza epatica - E un fattore prognostico negativo di sopravvivenza

113 Meccanismi compensatori Riduzione concomitante degli anticoagulanti fisiologici: - Proteina C - Proteina S - Antitrombina -Aumento del von Willembrand circolante

114 Alterazioni dell emostasi: la fibrinolisi Meccanismi di iperfibrinolisi: - Elevati livelli di attivatore tissutale del Plasminogeno (t-pa) - Bassi livelli di α2 anti-plasmina Meccanismi di ipofibrinolisi: Deficit del Plasminogeno - Aumento del PAI-1 (inibitore dell attivatore del Plasminogeno - Riduzione del TAFI (inibitore della trombina attivante la fibrinolisi)

115 Alterazioni globali dell emostasi nelle malattie epatiche Deficit multiplo dei fattori della coagulazione Trombocitopenia/patia Iperfibrinolisi Disfibrinogenemia ma Deficit degli anticoagulanti naturali Deficit dei fattori profibrinolitici ed aumento degli inibitori degli attivatori del plasminogeno Aumento delle proteine adesive (fattore vonwillebrand)

116 Problematiche coagulative nella cirrosi Complicanze trombotiche: Una complicanza frequente (~20%) è rappresentato dalla Trombosi Venosa Portale, con possibile estensione alla vena mesenterica e seguente infarto intestinale Però il rischio di tromboembolismo periferico non è diverso rispetto alla popolazione ricoverata senza malattie di fegato. Saleh et al

117 Al momento, il ruolo della trombofilia (congenita o acquisita) nel determinare la Trombosi Portale è suggestivo ma non definitivo Un importante ruolo sembra essere determinato dalla endotossiemia (che incrementa la produzione di Fattore Tissutale). Violi. JTH 2006;4: Ruolo della situazione emodinamica locale: flusso portale rallentato, stasi -sclerosi varici?- betabloccanti? TIPS come maniera per ricostituire flusso veloce?

118 Problema: È possibile che un trattamento emostasiologico troppo aggressivo (specie se in assenza di emorragie gravi in atto) oltre a essere inutile possa aumentare il rischio di complicanze trombotiche e favorire, tramite espansione plasmatica, emorragie digestive?.

119 Riassumendo Allo stato attuale la coagulopatia associata alla cirrosi epatica non sembra essere la causa principale del sanguinamento, specie di quello del tratto digestivo (legato all ipertensione portale) I test di routine hanno una scarsa accuratezza diagnostica anche se correlano alla gravità della malattia Gli interventi a correzione della coagulopatia non sono convincenti e hanno scarsi effetti se usati come profilassi. Esiste un rischio trombotico non indifferente

120 Il nuovo paradigma? Il cirrotico in fase stabile ha un equilibrio fra fattori procoagulanti e anticoagulanti in cui il rischio emorragico derivante dal versante coagulativo non è necessariamente aumentato. A INR e aptt aumentato non corrisponde necessariamente deficit coagulativo almeno in assenza di trombocitopenia severa o trombocitopatia. SERVE UN NUOVO TEST: Tromboelastogramma? Generazione di Trombina?

121 Haemostasis issues for Clinicians Identify Haemostatic Imbalance Before Surgery Prothrombotic Platelet Function Excess Fibrinolysis During Surgery Platelet Function Excess Fibrinolysis Factor deficiency vs residual circulating anticoagulant After Surgery (If the patient is bleeding how it should be treated) Coagulopathy Excess anti-coagulant Surgical The purpose of this slide is to present the hemostasis issues confronting the clinician during surgery, and later to show how the TEG instrument addresses these issues. 1. Should every patient be treated prophylactically with antifibrinolytic drugs before surgery. 2. Only approximately 5% of patients undergoing CPB exhibit fibrinolysis; should the 95% be treated prophylactically because of the 5%. 3. Should platelet phoresis be performed without first checking whether or not the patients' platelets are fully functional. If the patient is bleeding is it and how should they be treated Surgical Excess anticoagulant - Coagulopathy What we hope to show you tonight is how the TEG instrument can address these issues. 43

122 Suggested treatment Treatment protocol TEG value Clinical cause Suggested Treatment R between 7-10 min clotting factors x 1 FFP or 4 ml/kg R between min clotting factors x 2 FFP or 8 ml/kg R greater than 14 min clotting factors x 4 FFP or 16 ml/kg MA between mm platelet function 0.3mcg/kg DDAVP MA between mm platelet function x5 platelet units MA at 40 mm or less platelet function x10 platelet units α less than 45 fibrinogen level.06 u/kg cryo LY30 at 7.5% or greater, C.I. < 3.0 Primary fibrinolysis antifibrinolytic of choice LY30 at 7.5% or greater, C.I. > 3.0 Secondary fibrinolysis anticoagulant of choice LY30 < 7.5%, C.I. > 3.0 Prothrombotic state anticoagulant of choice 44 44

123 Il nuovo paradigma? Il cirrotico stabile è in equilibrio fragile (diversamente dal normale). Qualunque cosa turbi questo equilibrio: peggioramento acuto emorragia/consumo, sepsi, insufficienza renale, farmaci interferenti, uso di fattori procoagulanti o anticoagulanti, potrebbe spostare l equilibrio, in senso emorragico o trombotico. In termini di valutazione del rischio emorragico tuttora è prevalente il giudizio clinico sulla situazione complessiva e l anamnesi (sanguinamenti spontanei, ematomi cutanei, storia emorragica, ipertensione portale) rispetto a test coagulativi.

124 E quindi? Non è certo che sia utile correggere il deficit (PT o piastrine) al di fuori di sanguinamento in atto e forse anche prima di manovre invasive. Il rischio trombotico sistemico va prevenuto applicando i concetti generali. La trombosi venosa portale va trattata con terapia anticoagulante. Nel caso di sanguinamento da varici considerare anche i rischi da espansione di volume e protrombotici del plasma.

125 I farmaci procoagulanti nel cirrotico? Vit K: se colestasi o ipertensione portale qualche effetto è atteso (EV). Anti-fibrinolitici, es tranexamico, nei sanguinamenti in atto, post chirurgico o post manovra. Desmopressina? Nelle manovre e deficit intermedi? Odontoiatriche, CVC, paracentesi, Toracentesi, biopsie? Agonisti recettore trombopoietina (Eltrombopag) in piastrinopenie da interferone o in prevenzione?

126 Il nuovo paradigma? Si sostituiscono certezze non basate su evidenze con incertezze basate su evidenze

127

128

129

130 Cirrhosis and Surgery Total Charges Lenght of Stay Mortality Rate % Normal Cirrhosis Cirrhosi + PH

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI COINVOLGONO ENDOTELIO PIASTRINE FATTORI DELLACOAGULAZIONE Piccin Nuova

Dettagli

TEST COAGULATIVI anno 2012

TEST COAGULATIVI anno 2012 17 novembre 2012 1 TEST COAGULATIVI anno 2012 200000 150000 100000 50000 0 savona pietra albenga cairo Presidio esami per DH esami per esterni esami urgenti per interni esami routine per interni INTERNI

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

PIASTRINOPATIE. Prof AM Vannucchi-AA2009-10

PIASTRINOPATIE. Prof AM Vannucchi-AA2009-10 PIASTRINOPENIE e PIASTRINOPATIE 1 2 Regulation of thrombopoiesis thrombocytopenia Kaushansky K, NEJM 2007,mod TPO MPL 3 DISORDINI PIASTRINICI PORPORE non-emostatiche PIASTRINE ENDOTELIO FATTORI PLASMATICI

Dettagli

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania ASP-CT Corso di Formazione Aziendale Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della scheda di valutazione: integrazione Ospedale-Territorio INDAGINI DI LABORATORIO NEL RISCHIO TROMBOEMBOLICO Carmelita

Dettagli

Inibitori acquisiti della coagulazione

Inibitori acquisiti della coagulazione Inibitori acquisiti della coagulazione Cristina Legnani UO Angiologia e Malattie della Coagulazione Marino Golinelli Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna Bologna, 19 Giugno 2010 Inibitori acquisiti

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza DATI ANAGRAFICI Cognome: VEZZA Nome: EDWARD Localita e data di nascita: R.I. (U.S.A.), il 07/10/1962 Residenza e domicilio: Via Pigna Stufa Castello,

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Microangiopatia Trombotica Definizione Condizione patologica caratterizzata da: anemia emolitica, microangiopatia trombotica, trombocitopenia, manifestazioni polidistrettuali 1) Sindrome emolitico-uremica

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Prof. Valerio De Stefano Dott. Antonio Oliverio Roma 12 aprile 2014 Dott. Antonio Oliverio MMG Roma 12 aprile 2014 screening indagine sanitaria

Dettagli

L emostasi in scena. Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1. N. Ciavarella M. Petronelli Bari

L emostasi in scena. Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1. N. Ciavarella M. Petronelli Bari L emostasi in scena Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1 N. Ciavarella M. Petronelli Bari 1 La disfida di Barletta 13 febbraio 1503 2 La coagulazione come la disfida di Barletta Fattore XI Fattore

Dettagli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA ARCISPEDALE S.ANNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA SEZIONE DI EMATOLOGIA Centro per lo Studio dell Emostasi e della Trombosi Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara Valutazione iniziale del paziente con emorragia digestiva

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

La dose complessiva può essere infusa in 15-20 minuti. E' richiesto il Consenso informato come per tutti gli emoderivati.

La dose complessiva può essere infusa in 15-20 minuti. E' richiesto il Consenso informato come per tutti gli emoderivati. PAZIENTI IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE CHE COSA FARE IN CASO DI: emorragia intracranica emorragie maggiori emorragie minori (con o senza eccessiva anticoagulazione) correzione di eccessiva anticoagulazione

Dettagli

scaricato da sunhope.it

scaricato da sunhope.it Test di secondo livello per la valutazione della coagulazione I test di cui vi parlo oggi sono test di secondo livello, che si fanno quando i test di primo livello sono risultati negativi ma il paziente

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie.

Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie. 1 Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie. la trasfusione di sangue è stata identificata come una delle 8 funzioni chiave

Dettagli

Livelli di interventi del laboratorio

Livelli di interventi del laboratorio Livelli di interventi del laboratorio Anamnesi Esame fisico Esami diagnostici di base Esame obiettivo di laboratorio Esami d urgenza Esami diagnostici di approfondimento DECISIONE CLINICA Esami di monitorggio

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Dott.ssa Lara Rebella S.C. Medicina 1 e Ematologia S.S. Ematologia Ospedale S.Paolo - Savona

Dott.ssa Lara Rebella S.C. Medicina 1 e Ematologia S.S. Ematologia Ospedale S.Paolo - Savona Dott.ssa Lara Rebella S.C. Medicina 1 e Ematologia S.S. Ematologia Ospedale S.Paolo - Savona Morfologia e Funzione delle Piastrine I TROMBOCITI o PIASTRINE, così chiamate per il loro aspetto di piccoli

Dettagli

Terapia Trasfusionale

Terapia Trasfusionale Percorso Didattico S.I.M.U.T.I.V Ordine dei medici veterinari della provincia di Ravenna Ravenna, 15 settembre 2014 Pronto Soccorso Terapia Trasfusionale Dott. Paolo Gaglio Ospedale Veterinario Gregorio

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

Indicazioni e controindicazioni cliniche a PEI, termo-ablazione e TACE. Adolfo Francesco Attili

Indicazioni e controindicazioni cliniche a PEI, termo-ablazione e TACE. Adolfo Francesco Attili Indicazioni e controindicazioni cliniche a PEI, termo-ablazione e TACE Adolfo Francesco Attili Indicazioni e controindicazioni alla PEI / Termoablazione Valutazione del rapporto rischi/benefici (PEI-RTF)

Dettagli

Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it. Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico

Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it. Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico INTEGRITA DEL SISTEMA VASCOLARE PIASTRINE VASI SANGUIGNI FATTORI DELLA COAGULAZIONE Eziologia chiara Trauma,

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

DEFINIZIONE. La CID è caratterizzata da un ATTIVAZIONE della SEQUENZA COAGULATIVA, che provoca la formazione di TROMBI DIFFUSI

DEFINIZIONE. La CID è caratterizzata da un ATTIVAZIONE della SEQUENZA COAGULATIVA, che provoca la formazione di TROMBI DIFFUSI Università degli studi G. D Annunzio Cattedra di Ematologia Direttore Prof. Giovanni Davì Coagulazione Intravascolare Disseminata Corso di Laurea in Dietistica AA 2008-20092009 Dr.ssa Francesca Santilli

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

TROMBOFILIA definizione

TROMBOFILIA definizione 17 novembre 2012 1 TROMBOFILIA definizione 2 i difetti trombofilici non sono malattie 3 TROMBOFILIA 4 TROMBOFILIA EREDITARIA 5 TROMBOFILIA ACQUISITA 6 Negli ultimi anni si è osservata una maggior sensibilità

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

Allegato U.O. Macerata: Informativa Centro Emofilia, altri difetti ereditari della coagulazione, trombofilia per i pazienti

Allegato U.O. Macerata: Informativa Centro Emofilia, altri difetti ereditari della coagulazione, trombofilia per i pazienti Ed.II Rev.1del 25/11/2012 Pag. 1 di 10 Centro Emofilia, altri difetti ereditari della coagulazione, trombofilia I SERVIZI OFFERTI L U.O. di Medicina Trasfusionale di Macerata ha anche la funzione di Centro

Dettagli

Sospetto di endocardite infettiva

Sospetto di endocardite infettiva 213 Capitolo 24 Sospetto di endocardite infettiva Nonostante l introduzione di nuovi e sempre più specifici test diagnostici e l avvento di antibiotici di nuova generazione e tecniche chirurgiche migliori,

Dettagli

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA La formazione specialistica nell ambito delle malattie emorragiche e tromboemboliche

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

I problemi dell oncologo nel lattante

I problemi dell oncologo nel lattante I problemi dell oncologo nel lattante Paolo D Angelo Riunione GdS GICOP Palermo 27 Maggio 2011 Aspetti peculiari delle neoplasie del lattante Epidemiologia. Sintomatologia all esordio. Gli esami di laboratorio.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTO CASTELLI AZIENDA OSPEDALIERA L SACCO POLO UNIVERSITARIO Telefono 02/39041 Fax E-mail Castelli.roberto@hsacco.it

Dettagli

RAZIONALE DEL PROTOCOLLO

RAZIONALE DEL PROTOCOLLO Protocollo di studio multicentrico prospettico per valutare l efficacia del plasma virus-inattivato con solvente-detergente o con blu di metilene rispetto al PFC o al plasma decriato come liquido sostituente

Dettagli

I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO

I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO Descrizione, definizione e richiami anatomici e fisiopatologici www.fisiokinesiterapia.biz Emoftoe o emottisi Si tratta dell emissione

Dettagli

U.O. Complessa di laboratorio analisi chimico cliniche e microbiologiche Direttore : Dott. Ernesto Marco Scafidi

U.O. Complessa di laboratorio analisi chimico cliniche e microbiologiche Direttore : Dott. Ernesto Marco Scafidi 1 ANNO I I n 2 MARZO - APRILE 2006 Periodico di informazione ed aggiornamento su tematiche di diagnostica di laboratorio redatto a cura della: U.O. Complessa di laboratorio analisi chimico cliniche e microbiologiche

Dettagli

INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9 4 INDICATORI...9

INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9 4 INDICATORI...9 Prima Stesura Data: 15-02-2014 Redattori: Dott. M. Trenta SIMT POS 030 GESTIONE PAZIENTE ANEMICO PRESSO IL DH TRASFUSIONALE INDICE INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9

Dettagli

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69 -ALLEGATO 1 Eparine a Basso Peso Molecolare: prodotti in distribuzione e prodotti sostituiti. PROFILASSI TVP IN CHIRURGIA: dosi equipotenti da scheda tecnica Dalteparina PRODOTTO FORNITO SOLO QUANDO NON

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

COMPETENZA INFERMIERISTICA ED EDUCAZIONE TERAPEUTICA NELLA TERAPIA ANTICOAGULANTE. DISCUSSIONE INFERMIERISTICA DI CASI CLINICI

COMPETENZA INFERMIERISTICA ED EDUCAZIONE TERAPEUTICA NELLA TERAPIA ANTICOAGULANTE. DISCUSSIONE INFERMIERISTICA DI CASI CLINICI COMPETENZA INFERMIERISTICA ED EDUCAZIONE TERAPEUTICA NELLA TERAPIA ANTICOAGULANTE. DISCUSSIONE INFERMIERISTICA DI CASI CLINICI Colombo Mainini Cecilia Calabrese Caterina U.O. 2 Medicina A.O.U. Maggiore

Dettagli

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde Fiumicino, 19 dicembre 2015 Parte terza Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde www.cos.it/mediter Trombosi venosa profonda Ricerca Dynamed: Deep vein Thrombosis (DVT) Tipi

Dettagli

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi Le varici in gravidanza: gestione della paziente Le varici in gravidanza sono un evenienza tutt altro che rara. Possiamo ritenerle quasi la regola. Poiché oltre il 70% delle donne durante la gravidanza

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici. Walter Bertolino

Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici. Walter Bertolino Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici Walter Bertolino Patologie ostetriche che si associano alle 3 mutazioni più frequenti Tipo di deficit Patologia gravidica associata Iperomocisteinemia In omozigosi

Dettagli

1.6 Le operazioni di offerta o di scambio di organi vengono attuate dai Centri Interregionali di Riferimento secondo il presente protocollo.

1.6 Le operazioni di offerta o di scambio di organi vengono attuate dai Centri Interregionali di Riferimento secondo il presente protocollo. 2 Volume - Linee Guida e Protocolli TESTO UNICO DEL DOCUMENTO "PROGRAMMA NAZIONALE DI TRAPIANTO PEDIATRICO" (PER IL RENE). (Centro Nazionale Trapianti - 20 gennaio 2007) 1. Criteri generali: 1.1 Si intende

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA Pagina 1 di 12 INDICE 1. PREMESSA 2. DIAGNOSI DIFFERENZIALE DELLE PIASTRINOPENIE 3. FORME DI PIASTRINOPENIE 4. APPROCCIO AL PAZIENTE PIASTRINOPENICO 5. ALGORITMO DELLE PIASTRINOPENIE 6. ARCHIVIAZIONE FASI

Dettagli

Come interpretare le alterazioni più frequenti del laboratorio: La Coagulazione

Come interpretare le alterazioni più frequenti del laboratorio: La Coagulazione Come interpretare le alterazioni più frequenti del laboratorio: La Coagulazione Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Metodologie utilizzate

Dettagli

810.212.41 Ordinanza del DFI concernente l attribuzione di organi per il trapianto

810.212.41 Ordinanza del DFI concernente l attribuzione di organi per il trapianto Ordinanza del DFI concernente l attribuzione di organi per il trapianto (Ordinanza del DFI sull attribuzione di organi) del 2 maggio 2007 (Stato 1 luglio 2007) Il Dipartimento federale dell interno, vista

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE

SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE Aula Magna I.I.S.S. O. Notarangelo-G. Rosati Foggia AIL Pazienti Mielodisplasie La trasfusione di sangue: Quando è necessaria e quali rischi comporta 22

Dettagli

Lupus Anticoagulant:

Lupus Anticoagulant: Lupus Anticoagulant: Diagnostica di laboratorio Agatina Alessandrello Liotta AOU Careggi- Firenze SOD Malattie Aterotrombotiche CRR per lo Studio della Trombosi Lupus anticoagulant Famiglia eterogenea

Dettagli

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro Emicrania e trombofilie C. Cavestro Perché porsi il problema L emicrania comporta un aumentato rischio di malattie vascolari, in particolare l emicrania con aura 2/3 degli emicranici sono donne, categoria

Dettagli

Approvate dalla Commissione Linee Guida della Federazione delle Malattie Digestive il 9.04.2000 LINEE GUIDA PER IL CORRETTO USO DELL ECOGRAFIA ADDOMINALE IN GASTROENTEROLOGIA ED EPATOLOGIA PREMESSA Un

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA Divisione di Ostetricia e Ginecologia Ospedale V. Cervello Palermo Direttore Dott. Desiderio Gueli Alletti TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA I Corso di Aggiornamento su Trombofilia e Complicanze

Dettagli

I NUOVI ANTICOAGULANTI (NAO)

I NUOVI ANTICOAGULANTI (NAO) I NUOVI ANTICOAGULANTI (NAO) Dabigatran (Pradaxa, Apixaban (Eliquis e Rivaroxaban (Xaralta ) sono stati approvati dall'ema (Agenzia Europea dei Medicinali) per la prevenzione dell'ictus e del tromboembolismo

Dettagli

Fegato e Vie biliari. Anatomia. Funzioni del fegato. Rigenerazione. Anatomia chirurgia. Struttura microscopica

Fegato e Vie biliari. Anatomia. Funzioni del fegato. Rigenerazione. Anatomia chirurgia. Struttura microscopica Anatomia Fegato e Vie biliari Il fegato è un organo parenchimatoso sito nell ipocondrio di destra. Anatomia chirurgia Struttura microscopica Funzioni del fegato Il fegato estrae dal sangue nutrienti, sostanze

Dettagli

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA Antonella Corona Sala Cardiologia Interventista, Presidio ospedaliero Santa Corona Pietra Ligure (SV), ASL2 STROKE

Dettagli

Valutazione clinica del rischio tromboembolico

Valutazione clinica del rischio tromboembolico Valutazione clinica del rischio tromboembolico Caterina Trischitta Direttore UOC di Medicina Interna P.O. Gravina di Caltagirone ASP Catania Il tromboembolismo venoso (TEV) Definizione La malattia tromboembolica

Dettagli

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi immunologici ELISA classici ELISA modificati Agglutinazione su vetrino Turbidimetrici/nefelometri Su sangue in toto Fonti di variabilità tra metodi per il dosaggio

Dettagli

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca TVP: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Valter Camesasca SOSPETTO di TVP EDEMA A RAPIDA INSORGENZA DOLORE IMPOTENZA FUNZIONALE Incidenza annua: 1-2 ogni 1000 abitanti DIAGNOSI TVP Score di Wells EcoColordoppler

Dettagli

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag.

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag. CAPITOLO 1 indice le neoplasie nell anziano pag. 5 Valutazione del paziente anziano pag. 7 Aspetti generali del trattamento pag. 10 Tumori del colon-retto pag. 11 Tumori della mammella pag. 13 Tumori del

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Principi generali La carenza di donatori

Dettagli

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza CENNI DI ANATOMIA Il sistema venoso Superficiale Profondo Perforanti DEFINIZIONE

Dettagli

PTT NORMALE PT ALLUNGATO PT NORMALE ALLUNGATO NORMALE ALLUNGATO Situazione normale Deficit F VII Deficit F VIII Deficit F X, V, II Non si può escludere AutoAnticorpi F IX, XI, XII Fibrinogeno Deficit di

Dettagli

I NETs: : A CHE PUNTO SIAMO?

I NETs: : A CHE PUNTO SIAMO? I NETs: : A CHE PUNTO SIAMO? La terapia: approccio multidisciplinare di una patologia complessa. CASO CLINICO Milano 20/06/2008 Laura Catena S.C. Oncologia Medica 2 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Principi generali Razionale La carenza di donatori d organo rappresenta

Dettagli

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode.

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode. DATI PERSONALI Generalità complete Mario Carmellini Nascita: 7 Giugno 1951, Pisa Stato civile: Coniugato ( 2 figlie ed 1 figlio) Cittadinanza: Italiana Indirizzo Via del Fosso, 10 53100 Siena Lingue straniere:

Dettagli

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica 5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica EMOCOMPONENTI: PRODUZIONE E LAVORAZIONI Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale A.O.U. San Luigi Gonzaga-Orbassano EMOCOMPONENTI Emazie concentrate

Dettagli

ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE

ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE COSA è L AORTA ADDOMINALE ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE L aorta è l arteria principale del corpo e porta il sangue dal cuore a tutto l organismo. L aorta addominale è situata sotto il diaframma:

Dettagli

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Varese 19 Dicembre Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Francesco Dentali, Dipartimento di Medicina Clinica Università dell Insubria Varese Manovre Invasive/Interventi Chirurgici Manovre

Dettagli

IDONEITÀ ALLA DONAZIONE: I DONATORI NON OTTIMALI

IDONEITÀ ALLA DONAZIONE: I DONATORI NON OTTIMALI Azienda Ospedaliera Universitaria di Messina IDONEITÀ ALLA DONAZIONE: I DONATORI NON OTTIMALI Dott. R. Messina Corso di Aggiornamento per Medici e Infermieri Donazione di organi e tessuti: attualità e

Dettagli

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!!

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! PROVETTE CON ANTICOAGULANTE SODIO CITRATO DA 0,4 E 0,5 ML. Emostasi Serie

Dettagli

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE SOPHIE TESTA Centro Emostasi E Trombosi Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche E

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO MALATTIE DELL APPARATO URINARIO Diuresi = quantità di urina emessa nelle 24ore (1500 ml) Sintomi e segni legati all apparato urinario: - Ematuria = sangue nelle urine - piuria = pus nelle urine - oliguria

Dettagli

Assumo la TAO: cosa devo sapere?

Assumo la TAO: cosa devo sapere? Assumo la TAO: cosa devo sapere? Milano, 15 novembre 2014 Maddalena Loredana Zighetti Servizio Trasfusionale Azienda Ospedaliera San Paolo Polo Universitario Trombosi Problema importante, complesso e diffusissimo

Dettagli

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca Università degli studi G. D Annunzio Cattedra di Ematologia Direttore Prof. Giovanni Davì Medicina trasfusionale Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-20092009 Dr.ssa Francesca Santilli Fonti di sangue

Dettagli

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO Laura Gardenghi Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene Pubblica area Profilassi Malattie Infettive Modena, 17 novembre 2014 VACCINAZIONI

Dettagli

Aspetti pratici della gestione perioperatoria degli anticoagulanti

Aspetti pratici della gestione perioperatoria degli anticoagulanti Aspetti pratici della gestione perioperatoria degli anticoagulanti Marco Donadini Degenza Breve Internistica e Centro Trombosi Ospedale di Circolo - Varese Perchè è importante nella pratica clinica? La

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 4 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE BeneFIX 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA BeneFIX, Fattore IX della coagulazione, ricombinante, è preparato

Dettagli

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1)

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1) TRATTAMENTO DELLA NEUTROPENIA CON G-CSF Introduzione La neutropenia e le complicanze ad essa correlate rappresentano la principale tossicità dose limitante della chemioterapia, per il rischio di infezioni

Dettagli

ALLEGATO 1 - II parte

ALLEGATO 1 - II parte CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE - ICD-9-CM MALATTIE E CONDIZIONI CHE DANNO DIRITTO ALL'ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE AL Codice Definizione di malattia Codice esenzione 394 MALATTIE DELLA

Dettagli

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese.

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese. L urgenza medica tra pronto soccorso e reparto Varese 25 ottobre 2014 Quando e come trattare l ipertensione arteriosa nell urgenza? Ictus Sindrome coronarica acuta/edema polmonare acuto A.M. Maresca Dipartimento

Dettagli

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale Fino al 50% dei casi riscontri incidentali Costante aumento dell incidenza di nuove diagnosi Aumento dell eta

Dettagli