LA RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO NEGLI STATI UNITI D AMERICA:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO NEGLI STATI UNITI D AMERICA:"

Transcript

1 LA RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO NEGLI STATI UNITI D AMERICA: BUONE NOTIZIE PER LE IMPRESE! RECENTI TENDENZE E SVILUPPI UNA GUIDA PER LE SOCIETÀ ITALIANE DI AARON N. WISE Attorney at Law, Member of the New York Bar PIERANTONIO PAULON Avvocato in Treviso, LL.M. AARON N. WISE, ESQ., PARTNER PIERANTONIO PAULON Gallet Dreyer & Berkey, LLP Avvocato, LL.M. (Padova) Attorneys at Law Studio Legale Paulon 845 Third Avenue, 8 th Floor Via Francesco Baracca, 25 New York, New York , USA Paese (TREVISO), ITALIA Telephone: Telefono: Telefax: Telefono: Aaron N. Wise and Pierantonio Paulon 2007 All rights reserved Sull Autore americano {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}I

2 Aaron N. Wise è partner dello studio legale di New York Gallet Dreyer & Berkey, LLP. Le aree di competenza di Mr. Wise includono diritto societario, commerciale e contrattuale, diritto tributario, proprietà intellettuale ed altre aree trattate in questa guida. Mr. Wise ha ottenuto attestati dalla Boston College School, dalla New York University Law School e dall Universitè de Paris. È spesso chiamato come relatore sia negli USA che all estero e compare nella lista di Who s Who in the World, Who s Who in America e Who s Who in American Law. L avvocato Wise ha padronanza linguistica di italiano, tedesco, francese, spagnolo, portoghese, russo e giapponese, ed ha inoltre una discreta conoscenza di altre lingue, come l olandese. Tratta anche gli aspetti legali nel campo dello sport, sia a livello nazionale che internazionale. È inoltre autore di un opera in più volumi, intitolata International Sports Law and Business (Kluwer Law International, The Hague and Cambridge, Mass., 1997). Ha tenuto conferenze in vari paesi europei, tra cui l Italia, su come condurre gli affari negli Stati Uniti e sugli aspetti legali in materia sportiva e del relativo mercato. Mr. Wise ha notevole esperienza nel rappresentare soggetti europei in relazione alle loro attività sia all interno degli USA che a livello internazionale. L attività di GALLET DREYER & BERKEY, LLP Gallet Dreyer & Berkey, LLP ( GDB ) è uno studio legale con sede in New York City con un offerta completa di consulenza in materia legale e tributaria. GDB è in grado di trattare le pratiche dei propri assistiti in ogni parte degli Stati Uniti così come di fornire assistenza legale e tributarie in ambito internazionale. L attività di GDB si estende, tra le altre, alle seguenti aree: Investimenti diretti negli Stati Uniti, tra cui acquisti di azienda e fusioni (M&A), Joint Ventures, fondazione di società ed insediamento di unità produttive Diritto commerciale in generale Preparazione di contratti Proprietà intellettuale Trasferimento di tecnologia ed accordi di licenza; Franchising Diritto immobiliare Diritto dell informatica e contratti informatici; diritto di Internet e contratti via Internet Visti d affari Diritto tributario e consulenza tributaria (per gli Stati Uniti ed internazionale) Attività processuale, procedimenti arbitrali, mediazione Diritto dello sport (Stati Uniti ed internazionale) {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}II

3 Sull Autore italiano L Avv. Pierantonio Paulon è titolare dell omonimo studio legale di Paese (Treviso). L Avv. Paulon, laureato a Padova, ha ottenuto presso la stessa università un Master of Laws di II liv. in International Litigation. L Avv. Paulon ha padronanza della lingua inglese e tedesca ed ha una buona conoscenza linguistica di francese e spagnolo. Ha collaborato a due pubblicazioni edite nel 2006 da CEDAM: Formulario dei contratti di S. Merz (Cap. III, La contrattualistica nel sistema germanico e Cap. IV, La contrattualistica nel sistema inglese) e Manuale pratico e formulario delle procedure concorsuali di S. Merz (Parte XVI, Le procedure d insolvenza nell ordinamento tedesco). L attività dello STUDIO LEGALE PAULON Lo Studio Paulon si occupa di contrattualistica nazionale ed internazionale e di contenzioso civile e commerciale. E membro di Eurojuris Italia, corrispondente italiana di Eurojuris International G.E.I.E., che raggruppa più di 720 studi legali operanti nell'intera comunità europea e in numerosi paesi extra CE, selezionati per competenze e qualità. È inoltre membro della Deutsch-Italienische Juristenvereinigung (Associazione per gli Scambi Culturali tra Giuristi Tedeschi ed Italiani). Lo studio collabora attivamente con vari studi legali europei ed extraeuropei, offrendo ai propri clienti, italiani e stranieri, consulenza legale ed assistenza giudiziaria in caso di contenzioso nelle materie di competenza. In particolare, lo studio tratta: contratti di vendita ed appalto nazionali ed internazionali contratti di agenzia e distribuzione nazionali ed internazionali assistenza in procedure concorsuali in Italia ed all estero diritto successorio in Italia ed all estero recupero crediti in Italia ed all estero contenzioso civile e commerciale internazionale {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}III

4 SOMMARIO I. INTRODUZIONE...6 Lo Scopo di questa guida...6 II. ALCUNI TERMINI LEGALI AMERICANI...7 Alcune definizioni informali e relative spiegazioni...7 Ancora sui danni punitivi...8 III. RIFORMA LEGISLATIVA SULLA RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO NEGLI USA A LIVELLO STATALE...10 Quadro generale...10 Sintesi dettagliata sulle riforme legislative a livello statale sulla responsabilità da prodotto...11 IV. RIFORMA DELLA LEGISLAZIONE FEDERALE SULL ILLECITO...11 Agenda del Presidente Bush...11 La riforma federale approvata sulle class action...11 Legislazione del 2005: Limiti alle azioni contro produttori di determinati farmaci, vaccini e apparecchiature mediche...12 Futura riforma della legislazione federale...12 V. POSSIBILI CONSEGUENZE DELLA RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO...13 VI. ALTRI SVILUPPI E TENDENZE PRO-BUSINESS SULLA RESPONSABILITA...13 DA PRODOTTO...13 Difesa basata sul fatto che il tribunale statunitense non ha giurisdizione personale...13 sul convenuto non residente...13 Citare il manager personalmente per la responsabilità per danni da prodotto...14 Superare lo schermo della personalità giuridica (Piercing the Corporate Veil) per rendere personalmente responsabile il proprietario della società...15 Come vengono trattati gli stranieri davanti ai tribunali del USA: vincono più di quanto non perdano...17 VII LA SENTENZA AMERICANA SULLA RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO NON SEMPRE POTRÀ ESSERE RICONOSCIUTA ED ESEGUITA IN ITALIA...17 Premessa...17 Giurisdizione...18 Conoscenza del giudizio da parte del convenuto. La Convenzione dell Aja del Ordine pubblico. I c.d. punitive damages ed il principio di proporzionalità...21 Altre ipotesi di danni punitivi. Violazione della normativa antitrust e concorrenza sleale...23 Il jury trial e la mancanza di motivazione...23 Rispetto dei diritti essenziali della difesa e class action...24 Conclusioni...25 VIII. MISURE CHE LE AZIENDE POSSONO ADOTTARE PER RIDURRE IL RISCHIO DI RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO...26 APPENDICE A...28 SINTESI DELLE RIFORME DELLE LEGISLAZIONI STATALI APPLICABILI ALLE CONTROVERSIE PER RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO...28 Alabama...28 Alaska...28 Arizona...29 Arkansas...30 California...30 Colorado...31 Connecticut...32 Florida...32 Georgia...33 Hawaii...34 Idaho...35 Illinois...35 {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}IV

5 Indiana...36 Iowa...36 Maryland...37 Michigan...37 Minnesota...38 Mississippi...38 Missouri...40 Montana...41 New Hampshire...41 New Jersey...42 North Carolina...42 North Dakota...43 Ohio...44 Oklahoma...46 Oregon...46 Pennsylvania...47 South Carolina...47 Texas...49 Utah...50 Virginia...51 Wisconsin...51 APPENDICE B: SPIEGAZIONE PRATICA DEGLI ARGOMENTI DI DIFESA SULLA MANCANZA DI GIURISIDIZIONE PERSONALE CONTRO I COVENUTI NON RESIDENTI:...53 APPENDICE C: ELENCO DI ALTRE PUBBLICAZIONI DELL AUTORE DISPONIBILI GRATUITAMENTE...58 {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}V

6 I. INTRODUZIONE Lo Scopo di questa guida Domanda: Qual è la più grande preoccupazione per le imprese straniere (ad es. italiane) che hanno delle relazioni commerciali con gli Stati Uniti o pensano di instaurale in futuro. Risposta: la responsabilità da prodotto prevista negli Stati Uniti. In particolare, esse sono preoccupate per la possibilità di dover pagare un risarcimento esorbitante per i danni alla persona che i loro prodotti, componenti oppure parti, potrebbero causare. Queste inquietudini sono in gran parte alimentate dai reportage dei mezzi di comunicazione su tali casi, compresi alcuni bizzarri. Secondo l opinione e l esperienza dello scrivente avvocato americano, queste preoccupazioni sono esagerate, gonfiate in modo sproporzionato e non riflettono la realtà dei fatti. Le sentenze americane sulla responsabilità da prodotto che condannano ad un risarcimento danni esorbitante sono molto rare. Questi casi particolari sono, tuttavia, manna per i media. Altrettanto e forse ancor più importante è l esistenza di una recente tendenza a riformare il regime legale della responsabilità da prodotto negli Stati Uniti. È probabile che questa tendenza continui ed estenda la sua portata. Questi sviluppi sono assolutamente a favore delle imprese e sono piuttosto significative per i produttori, venditori ed altri soggetti coinvolti nella catena di immissione dei prodotti sul mercato. Ciò riguarda anche le imprese straniere, le loro filiali negli U.S.A. e le loro joint ventures. È possibile che questa tendenza raggiunga in breve tempo la proporzione di una rivoluzione legale sulla responsabilità da prodotto. Secondo alcuni, questo momento è già arrivato. Questa guida spiega e riassume cosa è già accaduto, cosa probabilmente accadrà e le implicazioni per le imprese, soprattutto per i fabbricanti e i venditori e per gli altri soggetti della catena distributiva. Vengono inoltre descritti numerosi altri fattori e sviluppi in favore delle imprese. Si conclude rilevando che esistono delle misure che le aziende possono adottare per ridurre ulteriormente il rischio. Adottate queste, il rischio per responsabilità da prodotto negli U.S.A. non è per le maggior parte delle aziende così terribile come i mezzi di comunicazione hanno rappresentato. Nella maggior parte dei casi si tratta, al contrario, di un rischio abbastanza gestibile Attenzione: La presente guida non intende sostituire la consulenza di un legale competente o di altro consulente riguardo alle materie o questioni che possono sorgere, e non deve neanche essere usata con tale fine. Gli autori hanno cercato di essere accurati nelle affermazioni sulle quali si basa la guida, ma le opinioni e previsioni fatte sono proprie del singolo autore. {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}6

7 II. ALCUNI TERMINI LEGALI AMERICANI Alcune definizioni informali e relative spiegazioni Ci sono dei termini legali americani utilizzati in questa guida che il lettore, soprattutto il lettore straniero senza conoscenza del diritto americano, può non capire. Qui di seguito offriamo delle definizioni per il profano e la spiegazione di alcune di esse, in ordine non alfabetico. Tort = un illecito civile. In particolare, è un fatto illecito che causa dei danni ed in virtù del quale si può esercitare un azione civile, come l azione per il risarcimento dei danni. Plaintiff = la parte che inizia l azione legale con una o più richieste, di solito, nel contesto della responsabilità da prodotto, per danni. L attore. Defendant = la parte citata in giudizio dal plaintiff. Il convenuto. Class action = nel contesto della responsabilità da prodotto, una causa civile nella quale gli attori (plaintiffs) che reclamano d aver sofferto dei danni dallo stesso prodotto o articolo, si riuniscono per avviare assieme un unica causa contro lo/gli stesso/i convenuto/i. Gli attori saranno spesso di diversi Stati degli Stati Uniti. La dimensione del gruppo di attori può variare considerevolmente da un caso all altro. Economic damages = ad esempio, spese mediche, perdita di salario o di guadagno, danni alla proprietà, perdita di profitti che il presunto attore danneggiato potrà cercare di recuperare. Noneconomic damages = ad esempio, indennizzo per il dolore e la sofferenza, disturbi emozionali e pregiudizio alla vita di relazione che il presunto attore danneggiato potrà cercare di recuperare. Compensatory damages = entrambi i risarcimenti, economici e non economici. Punitive damages = danni che l attore può chiedere che siano risarciti da uno o più convenuti la cui condotta, causa di tali danni, è stata e/o è reprensibile. Reprensibile significa in maniera intenzionale e dolosa, oppure, in maniera avventata e/o temeraria senza tenere in considerazione i diritti altrui. Le leggi dei vari stati possono variare parecchio nella descrizione del tipo di condotta che può giustificare il risarcimento dei danni punitivi. Tale tipo di condotta va ben oltre la negligenza e, nella maggior parte dei casi, supera anche una grave negligenza. Una grande maggioranza dei casi di responsabilità da prodotto negli U.S.A., viene decisa, in primo grado, da una giuria (non da un magistrato). La giuria decide se il risarcimento debba essere accordato ed il suo ammontare, compresi i danni punitivi se l attore li chiede. I giudici esercitano una funzione di revisione e di controllo sul risarcimento danni stabilito dalla giuria. Il risarcimento dei danni punitivi va a favore dell attore, tranne nel caso in cui determinate leggi prevedano che una percentuale sia pagata allo stato o a qualche fondazione statale. {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}7

8 Ancora sui danni punitivi 1. I requisiti che l attore deve soddisfare per ottenere un risarcimento dei danni punitivi sono piuttosto restrittivi. 2. Le sentenze di condanna per danni punitivi sono molto rare. Uno studio realizzato dal Rand Institute for Civil Justice, afferma che, tra il 1984 ed il 1995, nelle giurisdizioni di 15 Stati degli Stati Uniti, i danni punitivi sono stati riconosciuti in meno del quattro percento (4%) delle sentenze civili. Un recente studio del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti rileva che i danni punitivi sono riconosciuti solo nel tre percento (3%) delle cause civili, mentre un altro rapporto parla di un 2% delle cause civili. Questi studi si riferiscono alle cause civili di ogni tipo, soltanto una minoranza delle quali sono cause per responsabilità da prodotto, quindi, le percentuali sarebbero ancora minori se considerassimo solo le cause per responsabilità da prodotto 1. Secondo un articolo pubblicato recentemente da un avvocato e professore di procedura civile della Harvard Law School: le giurie condannano al risarcimento dei danni punitivi solo nell 1% circa delle cause per responsabilità da prodotto; delle cause per responsabilità da prodotto vinte dagli attori in giudizio nelle quali sono stati chiesti i danni punitivi, essi sono stati concessi sono nel 2,2% circa dei casi; in rare occasioni i risarcimenti hanno superato 3 volte i danni riparatori (compensatory damages); La probabilità che i danni punitivi vengano riconosciuti nelle cause di responsabilità da prodotto è bassa. E questo è dovuto o al fatto che le aziende hanno agito in modo adeguato oppure che i loro comportamenti non raggiungono il grado reprensibilità legalmente richiesto per i danni punitivi 2. Solo perché l attore presenta una domanda per danni punitivi, non vuol dire che vengano concessi! 3. Inoltre, abbastanza di frequente, le condanne per danni punitivi stabilite in modo eccessivo dalle giurie, sono significativamente ridotte ovvero revocate dal Giudice o dalle corti superiori nel caso di impugnazione, ad esempio, in appello. Molte volte, la minaccia dell appello porta ad una transare per una somma anche di molto inferiore all importo complessivo riconosciuto dalla giuria. 4. Come vedremo, un certo numero di Stati americani hanno riformato la legislazione per limitare la misura dei danni punitivi che possono essere concessi. E probabile che altri Stati seguano questa linea. In più, la Corte Suprema degli Stati Uniti (la massima Corte del Paese), 1 I danni punitivi vengono infatti riconosciuti anche in un limitato numero di altre ipotesi, come ad esempio nel caso di concorrenza sleale o di violazioni antitrust. 2 L.S. Crawford, Product Liability Threat to the Responsible or the Reprehensible? Hype of Large Punitive Damage Awards in Product Liability Cases Does Not Match Reality, New Jersey Law Journal, Sept. 10, {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}8

9 ha proprio recentemente cassato le sentenze che concedevano danni punitivi eccessivi, considerandoli arbitrari, irrazionali e addirittura incostituzionali; ed ha stabilito alcune linee guida sui danni punitivi per le corti inferiori. Tutti i tribunali federali e statali degli U.S.A. sono soggetti agli effetti di questi decisioni. I danni punitivi, nel caso raro in cui vengano concessi, possono rappresentare una questione grave. Tuttavia, se un impresa che fabbrica un prodotto, un componente od una parte, non agisce in maniera dolosa, fraudolenta, e temeraria con simile reprensibilità: in relazione alla progettazione, alla fabbricazione, al controllo di qualità, agli avvertimenti circa pericoli noti o sospetti, alle istruzioni per l uso, alla distribuzione ed al controllo post-vendita degli articoli, il suo rischio di essere condannata al risarcimento dei danni punitivi è basso. Lo stesso vale per un venditore non-produttore di questi articoli o per un altro soggetto della catena distributiva sempre che non abbia agito in modo reprensibile. Nascondere un rischio noto o sospetto oppure non richiamare dal mercato articoli che si sanno o si sospettano essere difettosi sono esempi di condotta potenzialmente reprensibile. Come abbiamo detto prima, queste riforme legislative sono importanti ed a favore delle imprese. Esse riducono sensibilmente il rischio di responsabilità da prodotto per i fabbricanti e per i venditori di beni. E servono anche, negli Stati che hanno adottato queste riforme, a rendere il territorio più attraente per fare investimenti ed affari. Prima dell adozione della riforma legislativa di gennaio 2005, i tribunali del Mississippi erano ritenuti un vero porto sicuro per ottenere dei risarcimenti esorbitanti in materia civile. Nel 2004, lo Stato fallì nel suo tentativo di ospitare un nuovo impianto di montaggio della Toyota del valore di 800 milioni di dollari, in gran parte a causa di questa situazione. Si dice che il vice presidente della Toyota Motor del Nord America scrisse al governatore Barbour del Mississippi in aprile del 2004 che il clima giudiziario in Mississippi non è favorevole. Una riforma del sistema di risarcimento del danno in Mississippi sarebbe in grado, secondo me, di migliorare sostanzialmente le prospettive dello stato di attrarre un nuovo sviluppo economico. La legislazione radicalmente nuova dell Ohio rimuove grandi ostacoli per i titolari di piccole imprese che vogliono operare con successo, è stata la reazione del Presidente di una piccola azienda dell Ohio. Il Governatore Taft, dopo aver sottoscritto la nuova legge, disse: per due anni sono stato a sentire le preoccupazioni di dirigenti d impresa e delle associazioni per lo sviluppo economico in tutto lo Stato e quindi conosco bene gli effetti negativi dell abuso di mezzi giudiziari. Sono orgoglioso che siamo riusciti a trovare una soluzione significativa a ciò. Le riforme del Texas hanno avuto un impatto positivo per imprese e consumatori. Un rapporto del National Center for Policy Analysis sottolinea che il sistema di giustizia civile del Texas è imprevedibile e rischioso---i costi crescenti per difendersi contro le cause civili per danni presunti e le condanne eccessive per danni punitivi incrementano il costo sia della vita che degli affari nel territorio. La riforma del 1995, continua il rapporto, ha portato benefici economici significativi, ha avuto un impatto positivo su tutta l economia ed ha promosso la creazione di posti di lavoro permanenti nello Stato. {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}9

10 La più importante promessa elettorale fatta dal governatore del Missouri Matt Blunt mentre correva per le elezioni a governatore del 2004 fu quella dell adozione di una riforma dell illecito a favore delle imprese, ivi compresa la legislazione sulla responsabilità da prodotto. Alla fine di marzo del 2005, il Missouri approvò una legge in questo senso. Le riforme legislative del South Carolina adottate in Marzo 2005 riguardano la responsabilità da prodotto. Secondo il Governatore di quello Stato: Il clima economico del nostro Stato è divenuto ora molto più accogliente. Alla fine della giornata questo significa che posti di impiego e investimenti che altrimenti sarebbero finiti altrove resteranno qui o vi arriveranno. III. RIFORMA LEGISLATIVA SULLA RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO NEGLI USA A LIVELLO STATALE Quadro generale Alcuni Stati americani, nel periodo hanno approvato una nuova legislazione, riformando i loro sistemi di illecito civile, in particolare, riguarda alle cause per responsabilità da prodotto. Altri stati avevano ancor prima attuato riforme di questo tipo. Queste leggi restringono sensibilmente, limitano e controllano il contenzioso per responsabilità da prodotto, i risarcimenti che possono essere accordati, e contengono varie altre importanti misure favorevoli ai produttori, venditori ed agli altri oggetti della catena di distribuzione. Tra le più recenti di queste riforme sono quelle avvenute in Florida nel 2006; in Georgia, Ohio, Missouri, e South Carolina nel 2005; in Oklahoma e Mississippi nel 2004; in Idaho nel ; ed in Texas nel Appare probabile che questa tendenza continuerà. Alcuni Stati che non hanno approvato di recente una riforma della legislazione applicabile alla responsabilità da prodotto, sono in procinto di farlo e quelli che l hanno già fatto, potrebbero attuare riforme ulteriori. Il controllo dei Repubblicani a livello legislativo e governativo in un gran numero di Stati è alla base di questa tendenza, sebbene anche alcuni legislatori e governatori degli stati controllati dai Democratici appoggino, almeno in certa misura, tale tendenza. Dopo aver fatto approvare delle restrizioni alla controversie nel 2004, il governatore di Mississippi, Haley Barbour, il primo presidente della Commissione Repubblicana Nazionale, in un tour attraverso gli Stati sul tema dell illecito ( tort reform ) raccomandava ad altri governatori di far lo stesso. Un altro dei grandi sostenitori è il Presidente Bush che il quale ha messo la riforma federale del sistema dell illecito tra le priorità del suo secondo mandato. Ciò che ha provocato che siano adottate misure di riforma sul tort a livello federale e in molti stati è stata la responsabilità medica, a causa degli alti costi di assicurazione ed una pletora di azioni legali per un negligente esercizio della professione contro dottori, dentisti, ospedali ed altri soggetti del settore. Alcuni Stati hanno affiancato la riforma sulla responsabilità medica ad altre riforme in materia di contenzioso civile, come quella sulla responsabilità da prodotto. Altri Stato potrebbero seguire questo esempio. Pur con variazioni da uno Stato all altro, alcune delle principali caratteristiche della riforma legislativa sulla responsabilità da prodotto già approvate sono; {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}10

11 stabilire un tetto (un limite massimo) ai danni non economici; stabilire un tetto ed imporre criteri e controlli più rigidi per il risarcimento dei danni punitivi; rendere più rigidi i principi legali sulla responsabilità da prodotto, ad esempio ciò che l attore deve provare, ed predisporre determinate difese a favore di fabbricanti ed altri; limitare oppure escludere la responsabilità solidale tra i convenuti; stabilire ovvero ridurre i termini di prescrizione dell azione; restringere le azioni legali che i non residenti di un determinato Stato possono far valere nel territorio di quello Stato; limitare i tribunali nello Stato davanti ai quali la causa può essere iniziata per impedire ai legali degli attori il c.d. forum shopping del tribunale più favorevole all attore; imporre sanzioni alle parti e ai loro consulenti legali per l inizio di azioni frivole o temerarie. Il fatto che vengano posti per legge dei limiti massimi ai danni non economici e punitivi non significa che il risarcimento verrà accordato nella misura massima. Al contrario, la presenza di limiti massimi può indurre nelle giurie una tendenza a diminuire i risarcimenti. Sintesi dettagliata sulle riforme legislative a livello statale sulla responsabilità da prodotto L Appendice A contiene un riassunto dettagliato delle riforme legislative approvate da 33 Stati americani ed applicabile alle cause per responsabilità da prodotto. Tranne poche eccezioni, la disciplina sulla responsabilità da prodotto è, in questo momento, legge statale. Anche se una causa per responsabilità da prodotto viene portata davanti ad un tribunale federale, verrà applicata la relativa legge statale sulla responsabilità da prodotto. IV RIFORMA DELLA LEGISLAZIONE FEDERALE SULL ILLECITO ( FEDERAL TORT REFORM ) Agenda del Presidente Bush Come abbiamo detto in precedenza, il Presidente Bush sta spingendo per una legislazione federale sull illecito civile per rimediare ad alcuni degli abusi lamentati. L obiettivo che ha richiamato l attenzione dei media è stato costituito dagli abusi nei casi riguardanti la responsabilità medica. Tuttavia, la sua amministrazione sta mirando anche alle riforme sulla responsabilità da prodotto ed altre controversie per responsabilità civile. Vi è già riuscita in parte. La riforma federale approvata sulle class action Questo era un obiettivo nella lista di riforme del Presidente Bush ed egli è riuscito a farlo arrivare al Congresso. Nel febbraio del 2005 è stata approvata una nuova legge federale {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}11

12 riguardante le c.d. class actions. Essa potrebbe avere un effetto particolarmente significativo nelle cause che riguardano prodotti difettosi: prodotti farmaceutici e veicoli a motore costituiscono due esempi. Come abbiamo spiegato in precedenza, la class action nel caso di responsabilità da prodotto consiste in una causa nella quale gli attori molto spesso da molti e differenti Stati degli USA reclamano, associati in una sola azione civile per danni e contro lo stesso convenuto, d aver sofferto dei danni dallo stesso prodotto o articolo. La nuova legge vieta ai tribunali statali di trattare molti tipi di class actions che fino ad ora avevano accettato, richiedendosi il loro trasferimento ai tribunali federali. Più specificatamente, essa vieta ai tribunali statali di trattare class actions che riguardano richieste di risarcimento superiori a cinque milioni di dollari e hanno almeno un attore proveniente da uno stato diverso da quello del convenuto. Gli esperti dicono che la nuova legislazione impedirà che molte class action vengano affatto avviate, perché i giudici federali sono tenuti in forza di alcune decisioni delle corti superiori a non trattare oltre un certo numero di class action che riguardino la legge di Stati USA diversi. I gruppi di imprese che appoggiano la legge ritengono necessario ridurre le cause frivole (le cause senza un fondamento reale) e fermare la pratica sleale degli avvocati degli attori di fare forum shopping tra i tribunali statali storicamente più favorevoli agli attori. Alcuni tribunali statali favorevoli agli attori sono divenuti famosi per aver provocare grandi transazioni con poco guadagno per i membri della categoria (class) e grandi onorari per gli avvocati che hanno promosso le cause. A parte questa nuova legge, un numero di tribunali statali in tutti gli USA stanno adottando una linea più dura contro le class actions frivole e contro il così detto forum shopping tra i vari Stati. Questa tendenza si è manifestata attraverso una serie di sentenze di rigetto. Legislazione del 2005: Limiti alle azioni contro produttori di determinati farmaci, vaccini e apparecchiature mediche Anche nel 2005 il Congresso statunitense ha varato una legislazione in questo ambito. Essa impedisce tutte le azioni contro i produttori di un farmaco, vaccino o un apparecchiatura medica prescritta per una malattia o disturbo funzionale, i quali siano stati dichiarati come pubblica emergenza sanitaria da parte del Segretario degli Stati Uniti per la Salute (US-Secretary of Health and Human Services). Il Segretario dispone di un ampia discrezionalità, in quanto la legge non contiene alcuna definizione su quando una tale emergenza sanitaria sussista. Questa barriera processuale appare applicabile anche nei casi in cui tali medicinali, vaccini od apparecchiature sono state classificati come difettosi o ingannevoli. Futura riforma della legislazione federale Il Presidente Bush e i suoi sostenitori hanno previsto nella loro agenda una riforma ancora più ampia sull illecito civile. Ma stanno affrontando notevoli ostacoli politici per far approvare questo tipo di riforma federale dal Congresso durante l ultima parte del suo secondo mandato. Resta da vedere se la sua amministrazione od il suo successore vi riusciranno a livello federale. {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}12

13 V POSSIBILI CONSEGUENZE DELLA RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO Le riforme legislative attuali e quelle previste sulla responsabilità da prodotto a livello dei singoli Stati USA, insieme ad altri fattori sopra menzionati, anche senza una ulteriore legislazione federale in tale ambito, è probabile che, nel tempo, porti a una sensibile riduzione del numero delle cause avviate negli USA per responsabilità da prodotto; condanne al risarcimento dei danni significativamente inferiori e composizioni stragiudiziali delle controversie; meno decisioni frivole, inaccettabili o apparentemente ingiustificate da parte dei tribunali; una riduzione dei costi dei premi per le assicurazioni sulla responsabilità da prodotto; un aumento delle compagnie assicurative dentro e fuori dagli Stati Uniti che offrono questo servizio; incremento del commercio ed investimenti in USA, anche dalle aziende straniere. Questo potrebbe produrre un effetto ricaduta anche negli Stati USA che non hanno adottato la nuova riforma legislativa. VI ALTRI SVILUPPI E TENDENZE PRO-BUSINESS SULLA RESPONSABILITA DA PRODOTTO Difesa basata sul fatto che il tribunale statunitense non ha giurisdizione personale sul convenuto non residente Un soggetto che non risiede in un determinato Stato americano nel quale è stato citato (sia davanti ad un tribunale statale che federale) probabilmente avrà o una difesa vincente o almeno un argomento legale solido, ovvero che il tribunale non può decidere la causa poiché non ha giurisdizione personale (personal jurisdiction) sul non residente. Il non residente può essere una società oppure un individuo che si trova in un altro Paese o in un altro Stato degli Stati Uniti. Negli ultimi anni, grazie ad alcune decisioni chiave della Corte Suprema degli Stati Uniti, i criteri in base ai quali i tribunali americani possono avere giurisdizione personale sul convenuto non residente sono stati ristretti. Questo vale anche per le cause per responsabilità da prodotto. Abbastanza spesso, la prima linea di difesa per un convenuto non residente in una causa per responsabilità da prodotto è quella di contestare la giurisdizione del tribunale americano. Poiché di solito, gli avvocati del convenuto non vogliono invischiarsi in una lunga e noiosa battaglia sulla giurisdizione, con possibilità di appello, il risultato può essere non iniziare affatto {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}13

14 la causa contro il non residente oppure arrivare ad un accordo stragiudiziale relativamente favorevole al convenuto. Questo però, non significa che questa difesa sia valida per tutti i non residenti o che abbia sempre successo. Tuttavia essa può essere disponibile, e spesso lo sarà, sia per essere sollevata, anche con successo, in giudizio, sia per provocare una transazione stragiudiziale migliore, che per fare in modo che l attore non inizi affatto l azione nei confronti del non residente. Si tratta, dunque, di un potenziale fattore di riduzione del rischio di responsabilità da prodotto. Spiegare questo argomento/difesa di difetto di giurisdizione personale sul convenuto non residente non è un compito facile neanche per gli avvocati. Il concetto: la principale questione, di solito, verte sul fatto se il non residente abbia sufficienti contatti con lo Stato degli USA nel quale viene iniziata la causa, in modo tale da giustificare l esercizio di giurisdizione personale sul non residente da parte di tribunale (statale o federale) di quello Stato. La giurisdizione personale sta a significare il potere di quel tribunale di sottoporre il non residente alle sue regole e decisioni secondo le norme applicabili---e se, giuridicamente, abbia, oppure no, questo potere. Dunque, per un ente od un individuo non residente, la questione sarà se esiste, a tal proposito, un sufficiente contatto con lo Stato USA in questione. Generalmente, se il solo contatto che il non residente ha con quello stato è che alcuni dei suoi prodotti o componenti hanno entrato nello Stato attraverso il produttore o un terzo che non sia suo distributore ubicato laggiù ed il suo volume di vendite e promozioni per/in quello stato in particolare è minimo o zero, vi saranno solide ragioni per opporsi alla giurisdizione personale. Questo non sarà l unica situazione in cui sarà possibile utilizzare un argomento/difesa di questo tipo. Per chi desidera una spiegazione più dettagliata, in un linguaggio non tecnico, sui criteri della giurisdizione personale sui convenuti non residenti e sugli argomenti/difese che un onvenuto non residente può far valere, vedere Appendice B. Questa Appendice B contiene anche uno studio su un caso reale. Citare il manager personalmente per la responsabilità per danni da prodotto Il lettore può chiedersi se, secondo la legge americana, un attore che si presume danneggiato può citare personalmente il manager come responsabile dei danni causati dai prodotti. Per manager intendo dire, il funzionario, il direttore, l amministratore o il dipendente della compagnia. La regola generale è sì, se il manager ha partecipato attivamente, ha autorizzato o diretto l azione illecita o conosceva (o avrebbe potuto conoscere) una situazione o condizione pericolosa o rischiosa suscettibile di danneggiare qualcuno e non ha adottato l azione adeguata per evitare il danno. Comunque, la buona notizia è: 1. I manager vengono raramente citati nelle cause di responsabilità da prodotto. Lo scrivente avvocato americano ha fatto una ricerca sulla casistica in quest area e ha trovato {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}14

15 davvero pochi casi di responsabilità da prodotto o simili, nei quali siano stati citati i manager personalmente. 2. La responsabilità personale del manager non è facile da provare. Tranne i casi di alcune condotte dolose, intenzionali, o temerarie da parte del manager, è probabile che l attore nella maggior parte dei casi, abbia parecchie difficoltà nel provare la negligenza del manager. 3. Se il manager non risiede negli USA oppure nello Stato americano nel quale è iniziata la causa, il manager può non essere soggetto alla giurisdizione personale del tribunale o può avere, almeno, un buon argomento al riguardo. Vedere i paragrafi precedenti. Superare lo schermo della personalità giuridica (Piercing the Corporate Veil) per rendere personalmente responsabile il proprietario della società Certi tipi di enti giuridici, sia americani che stranieri, hanno la caratteristica della responsabilità limitata per i loro proprietari (azionisti; titolari di quote proprietarie). Nell ordinamento degli Stati Uniti queste entità sono le corporation (simili alle nostre società per azioni) e le limited liability company (società a responsabilità limitata). In generale questa responsabilità è limitata all apporto di capitale col quale il proprietario ha contribuito all ente (contributo in capitale). Il titolare di un ente di questo tipo normalmente non è responsabile personalmente dei debiti dell ente. I tribunali di tutti gli USA, in alcune occasioni, superano lo schermo della responsabilità limitata per rendere responsabile personalmente il proprietario dell ente. Ci sono diverse teorie nel diritto americano che vengono adottate dai tribunali per decidere se ignorare questo status di persona giuridica con responsabilità limitata di un ente. Tra i tanti fattori che un tribunale terrà in considerazione vi è il fatto se l ente è stato usato illecitamente per perpetrare una frode o una grave ingiustizia, se è manifestamente sottocapitalizzato, e se non è stata mantenuta ed ha operato come una persona giuridica separata e distinta dai suoi proprietario/i. I fattori specifici e il peso dato ad ognuno può variare da uno Stato all altro. La buona notizia è che i tribunali americani sono molti restii a superare lo schermo della personalità giuridica; questo capita nella minoranza dei casi. difficilmente si può rinvenire una decisione di un tribunale americano in cui il titolare di un ente giuridico straniero (ad es. italiano) a responsabilità limitata sia stato giudicato responsabile personalmente per mezzo di tale superamento dello schermo della personalità giuridica. Ciò non significa che un tribunale americano non lo possa fare. Ma probabilmente esiterà a farlo, in particolare ci sono differenze significative tra ciò che viene richiesto agli enti stranieri soggetti alle proprie leggi ed una corporation o LLC americana. l argomento della mancanza di giurisdizione personale è utilizzabile in particolari casi. Ė importante sottolineare che con una consulenza legale e delle indicazioni adeguate, le aziende straniere e le loro filiali od associate americane possono {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}15

16 adottare determinate misure per ridurre il rischio del superamento dello schermo della personalità giuridica. Meno processi per responsabilità da prodotto; gli attori perdono molto di più di quanto non vincano Secondo un nuovo rapporto del Dipartimento di Giustizia statunitense: Il numero di processi decisi con sentenza in materia di illecito ( tort ) davanti alle corti federali distrettuali statunitensi (federal district courts) è sceso da circa 3600 nell anno 1985 a meno di 800 nell anno una diminuzione di quasi l 80%. Nove su dieci (90%) di questi processi avevano ad oggetto responsabilità da prodotto, incidenti d auto o nautici e responsabilità medica. Le cause per questa significativa diminuzione sono, tra l altro, il crescente impiego di Tribunali arbitrali e la composizione delle liti tramite mediazione, oltre alla crescente complessità ed ai costi dei procedimenti giudiziali. gli attori vittoriosi nel periodo nei processi decisi con sentenza davanti alle corti federali sono stati solo il 34%. Gli attori vincevano più spesso se era un giudice e non una giuria a dover decidere il caso (nel 71% dei casi esaminati era competente una giuria, e nel 29% un giudice). nel periodo il risarcimento concesso mediamente nelle cause per responsabilità da prodotto davanti alle corti federali statunitensi si aggirava sui US $ Thomas H. Cohen (Statistico BJS ), Federal Tort Trials and Verdicts, , NCJ (2005), riassunto in NAMIC Online, Legal News, Industry News and Information, Number of Federal Tort Trials Fell by Almost 80% From 1985 Through 2003, pubblicato il 17 Augosto Una indagine rivolta a 422 consulenti interni senior di società, di cui 311 dagli Stati Uniti, 111 dal resto del mondo, i quali rappresentavano società appartenenti a molti settori diversi, rivela che la responsabilità da prodotto e le controversie per lesioni personali non erano più tra le cinque cause legali che davano maggiori preoccupazioni alle società nell anno Le materie che occupavano i primi cinque posti per quell anno erano: controversie di lavoro: 48%; controversie contrattuali: 40% questioni e controversie amministrative: 26% controversie sulla proprietà intellettuale: 24% class actions (azioni collettive): 24%. Le cause per responsabilità da prodotto/lesioni personali nel 2006, quale motivo di preoccupazione per le imprese, sono scese al 21%. Ciò sembrerebbe indicare da parte di esse che le riforme ed altri fattori affrontati in questa guida stanno avendo un loro effetto. Fulbright & Jaworski LLP s Third Annual Litigation Trend Survey Findings (2006). {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}16

17 Come vengono trattati gli stranieri davanti ai tribunali del USA: vincono più di quanto non perdano Una opinione comune tra gli stranieri è quella di pensare che saranno trattati male davanti ai giudici e giurie americane a causa della discriminazione contro gli stranieri, del favoritismo per l avversario americano, della xenofobia, eccetera. Un recente e dettagliato studio apparso sulla prestigiosa rivista Harvard Law Review 3 non sostiene questa conclusione. Infatti, viene rilevato che nelle cause civili davanti ai tribunali federali degli USA, anche nelle cause per responsabilità da prodotto, i convenuti stranieri (e gli attori stranieri) vincono le cause più spesso che le loro controparti americane. Anche se lo studio non considera i tribunali statali degli USA a causa della mancanza di dati comparabili, gli autori dello studio ritengono che i dati dei tribunali statali rivelerebbero risultati simili. Si evidenzia, inoltre, che le cause contro gli stranieri sono caratterizzate da pretese elevate ma non da elevati risarcimenti. Gli attori americani, di frequente gonfiano le loro pretese con l obiettivo di intimidire il convenuto straniero; ma in realtà cadono essi stessi nell errore di pensare che la xenofobia influenzerà la giuria od il giudice. VII LA SENTENZA AMERICANA SULLA RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO NON SEMPRE POTRÀ ESSERE RICONOSCIUTA ED ESEGUITA IN ITALIA Premessa L esecuzione di una sentenza di condanna per product liability in Italia pone una serie di questioni che costituiscono un filtro, talvolta impenetrabile, alla sua concreta applicazione nel nostro paese. Una prima questione è data dal fatto che si è di fronte ad una sentenza straniera. Il nostro ordinamento prevede il riconoscimento automatico delle sentenze straniere, purché esse rispettino determinati requisiti 4. Quando si vuol far eseguire la sentenza nel territorio italiano, la sussistenza di tali requisiti deve essere accertata con sentenza dalla Corte d Appello del luogo di esecuzione. Affinché, ad esempio, il vincitore della causa di risarcimento avviata negli Stati Uniti, possa pignorare i beni del convenuto che si trovano in Italia ed essere soddisfatto attraverso la loro vendita, dovrà prima ottenere una sentenza della Corte d Appello che dichiari l efficacia esecutiva in Italia della sentenza del giudice statunitense, e poi sulla base di tale titolo, iniziare un procedimento esecutivo. 3 Clermont and Eisenberg, Commentary: Xenophilia in American Courts, 109 Harvard Law Review 1120 (March, 1996). 4 L Italia è parte di numerose Convenzioni ed accordi bilaterali sul riconoscimento e l esecuzione di sentenze straniere. Tra queste ricordiamo le Convenzioni di Bruxelles del 1968 stipulata tra i Paesi della Comunità Europea e quella di Lugano del 1988 in vigore con i paesi dell EFTA. Per quanto riguarda i paesi dell Unione Europea (esclusa la Danimarca), la Convenzione di Bruxelles è stata ora sostituita dal Reg. CE/44/2001. Con gli Stati Uniti, in mancanza di Convenzioni o accordi bilaterali sul riconoscimento e l esecuzione delle sentenze si applicano le disposizioni previste, in via generale, dagli art. 64 ss. L. 218/1995. {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}17

18 Una breve analisi dei requisiti più significativi richiesti per il riconoscimento (e per la conseguente dichiarazione di esecutività in Italia) ci permetterà di comprendere se, quando ed in che misura, una sentenza di condanna per product liability emessa da un giudice statunitense possa essere eseguita in Italia. Giurisdizione Una prima condizione per il riconoscimento (e per la eseguibilità in Italia della sentenza) è data dal fatto che il giudice straniero, in questo caso di uno Stato degli Stati Uniti, possa essere considerato competente a decidere la causa secondo i principi previsti dall ordinamento italiano 5. Si vuole con ciò evitare che un giudice straniero si occupi della causa in base a criteri c.d. esorbitanti, cioè in casi in cui essa non presenti un legame abbastanza significativo (dal punto di vista italiano) con quell ordinamento. Nel caso della responsabilità da prodotto, riconducibile ad una responsabilità di tipo extracontrattuale, sussisterà la competenza del giudice americano: - quando l impresa od il soggetto convenuto abbia la sede principale negli Stati Uniti, più precisamente, nello Stato americano dove è stata iniziata l azione 6, oppure vi abbia una sede secondaria a cui sia preposto un rappresentante autorizzato a stare in giudizio 7 ; oppure - quando l evento dannoso sia avvenuto nel territorio degli Stati Uniti, più precisamente, dello Stato americano in cui è stata iniziata l azione 8. Come luogo in cui è avvenuto l evento dannoso si intende sia il luogo in cui è insorto il danno (ad es. dove è avvenuto l incidente provocato dal difetto del prodotto), sia quello in cui si è verificato il fatto generatore dello stesso (ad es. dove il prodotto è stato fabbricato o distribuito). Queste due condizioni sono alternative. Il fatto che il soggetto italiano non abbia sede negli Stati Uniti, più in particolare, nello Stato del foro, non è da solo sufficiente ad escludere la giurisdizione del giudice americano, in presenza di altri criteri 9. 5 Nel caso in cui, applicando i criteri di giurisdizione italiani, risulti competente il giudice di uno Stato U.S.A. diverso da quello che ha deciso la causa, riteniamo che il giudice italiano debba comunque negare il riconoscimento per difetto di giurisdizione, poiché la ripartizione della competenza giurisdizionale tra i singoli Stati americani attiene alla giurisdizione e non alla competenza territoriale. Se, ad esempio, dal punto di vista italiano, sarebbe stato competente il giudice dello stato della Florida anziché quello dello Stato del Montana, il giudice italiano dovrebbe ritenere il giudice del Montana carente di giurisdizione. 6 In base al criterio generale del foro del convenuto previsto dall art. 3 L. 218/ Vedi art.3, 1 comma L. 218/ L art. 3, 2 comma della L.218/1995 rinvia alla Convenzione di Bruxelles e questa, all art. 5 n. 3 (che si applica agli illeciti extracontrattuali, detti quasi-delitti ), prevede la competenza del giudice del luogo in cui l evento dannoso è avvenuto. 9 Si veda ad esempio. Cass. 9247/2002 in cui la Suprema Corte, sulla base dell Art. 5.1 della Convenzione di Bruxelles del 1968, ha affermato la giurisdizione del giudice americano, poiché il contratto controverso doveva essere eseguito negli Stati Uniti. {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}18

19 Nella maggior parte dei casi si tratterà di cause per fatti avvenuti negli Stati Uniti e pertanto, sotto il profilo della giurisdizione, dal punto di vista dell ordinamento italiano, non sussisteranno particolari ostacoli. Ricorrerà, infatti, quasi sempre, almeno uno dei due criteri di giurisdizione sopra indicati (sede dell impresa oppure luogo dell evento dannoso). Il fatto che il giudice americano abbia affermato la propria giurisdizione sulla base di diversi criteri non rileva. Oltre che nelle ipotesi indicate, la giurisdizione sussiste quando il convenuto sia comparso nel processo senza eccepire il difetto di giurisdizione nel primo atto difensivo. Ad esempio perché, pur partecipando al giudizio, si sia difeso solo nel merito, senza contestare al giurisdizione del giudice americano 10. Se invece il convenuto non compare in giudizio, ciò non comporterà, dal punto di vista dell ordinamento italiano, una sua accettazione della giurisdizione del giudice straniero. Il convenuto non comparso (contumace) potrà quindi contestare la giurisdizione nella fase del riconoscimento. Questo è vero, tuttavia, come vedremo, solo con riferimento ai fatti che emergano dalla sentenza e non ad ulteriori circostanze che il convenuto avrebbe potuto far valere nel giudizio di merito. Occorre infatti tener presente che il giudizio per il riconoscimento iniziato davanti alla Corte d Appello è un giudizio di legittimità. Per accertare la sussistenza dei requisiti per il riconoscimento la Corte deve attenersi a quanto emerge dalla sentenza, e non può riesaminare i fatti di causa, ivi compresi i presupposti di fatto della giurisdizione. 11. Questo significa che il convenuto dovrà, avanti al giudice statunitense, non solo contestare la giurisdizione sulla base dei criteri di giurisdizione previsti dallo Stato americano in questione, ma anche far emergere quei dati di fatto che potrebbero essere tenuti in considerazione dal giudice italiano per escludere la giurisdizione nel momento del riconoscimento della sentenza. Poniamo il caso che, contrariamente a quanto affermato dall attore, il convenuto abbia elementi per dimostrare che il fatto dannoso non è avvenuto negli Stati Uniti o nel particolare Stato in cui è stata intentata l azione e che pertanto, in assenza di altri criteri di giurisdizione, si possa per tale motivo contestare la competenza del giudice americano. Se il convenuto non fa valere questi fatti nel processo americano perché, ad esempio, preferisce rimanere contumace, oppure perché tralascia di farli emergere nelle sue difese, si vedrà preclusa la possibilità di farli valere per contestare la giurisdizione anche davanti al giudice italiano del riconoscimento. Vi potrebbero essere dubbi sulla sussistenza della giurisdizione del giudice statunitense, quando questo ritenesse esistente un sufficient minimum contact con il proprio ordinamento, tale da giustificare la personal jurisdiction su una data impresa o individuo, anche se questa/questo non abbia la sua sede principale negli Stati Uniti o nel particolare Stato in cui è instaurata la causa, né una sede secondaria a cui sia preposto un rappresentante autorizzato a stare in giudizio. 10 Questo in virtù dell art. 4 L. 218/1995 che si applica, ai sensi dell art. 64 a), anche nei confronti della giurisdizione del giudice straniero. 11 Vedi ancora Cass. 9247/2002. In questa sentenza la suprema corte ha ritenuto che la presenza di una clausola arbitrale, che non era stata valere nel processo americano, in cui il convenuto si era costituito, non poteva essere eccepita per contestare la giurisdizione in sede di riconoscimento della sentenza in Italia. {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}19

20 In questo caso, se l evento dannoso non è avvenuto negli Stati Uniti o nello Stato dove è stata iniziata la causa 12 perché, ad esempio, si è verificato mentre la vittima si trovava in vacanza all estero opure in un altro Stato americano, il giudice italiano potrebbe considerare esorbitante la giurisdizione affermata dal giudice americano sulla base della teoria del traffico commerciale (stream of commerce theory) od anche della più restrittiva teoria del collegamento finalizzato con lo stato (purposeful connection with the state theory) spiegate nell Appendice B. Una analisi caso per caso di tutti i presupposti che possono fondare o escludere la giurisdizione del giudice statunitense, sia secondo l ordinamento americano che secondo quello italiano, permetterà di individuare la difesa più adeguata sul punto. Conoscenza del giudizio da parte del convenuto. La Convenzione dell Aja del 1965 Un altro requisito necessario per il riconoscimento di una sentenza straniera è che il convenuto abbia avuto modo di conoscere l instaurazione di un giudizio contro di lui secondo le norme del luogo dove si è svolto il processo 13. Il giudice italiano ha perciò il dovere di informarsi sulle modalità con cui l atto introduttivo del giudizio doveva essere portato a conoscenza del convenuto ed accertarsi che siano state rispettate 14. Nei rapporti tra Stati Uniti ed Italia, tali modalità saranno quelle stabilite dalla Convenzione relativa alla notifica all'estero di atti giudiziari ed extragiudiziari in materia civile o commerciale, adottata a l'aja il 15 novembre 1965, ratificata in Italia con Legge 6 febbraio 1981 n. 42. Tale convenzione istituisce delle Autorità Centrali 15 incaricate in ciascuno Stato di ricevere le richieste di notifica di atti giudiziari provenienti da un altro Stato membro e di darvi seguito. L art. 3 prevede che la richiesta debba essere accompagnata dall atto giudiziario o dalla copia, il tutto in duplice esemplare. L autorità, ai sensi dell art. 5, procede o fa procedere alla notificazione o alla comunicazione dell atto: a) o secondo le forme prescritte dalla legislazione dello Stato richiesto per la notifica o la comunicazione degli atti redatti in questo Paese e che sono destinati alle persone che si trovano sul suo territorio; b) o secondo la forma particolare chiesta dal richiedente, purché tale forma non sia incompatibile con la legge dello Stato richiesto. L autorità centrale può chiedere che l atto sia redatto o tradotto nella lingua o in una delle lingue ufficiali del suo Paese. Accanto a queste forme di notifica è prevista altresì la possibilità di notifica: 12 e quindi non ricorra l ulteriore criterio di collegamento del luogo di accadimento dell evento dannoso. 13 Art. 64 b) della L. 218/ Vedi Cass /2004 la quale ha cassato la sentenza della Corte d Appello di Bari che aveva dichiarato esecutiva una sentenza emessa nello Stato di New York, poiché aveva omesso di verificare la conformità all'ordinamento degli Stati Uniti delle modalità di notificazione in concreto. 15 Per l Italia l Ufficio unico degli ufficiali giudiziari presso la Corte d appello di Roma. Per gli Stati Uniti, a partire dal 2003, è stata designata la società privata Processing Forwarding International con sede a Seattle. {Italprliabgde(italo)fl (W:\09999\017\itprlgfl\ DOC;1)}20

RESPONSIBILITÀ DA PRODOTTO ( PRODUCT LIABILITY )

RESPONSIBILITÀ DA PRODOTTO ( PRODUCT LIABILITY ) RESPONSIBILITÀ DA PRODOTTO ( PRODUCT LIABILITY ) Introduzione Prevenzione: Valutare il rischio e Ridurlo Il diritto sulla responsabilità da prodotto Negligenza Garanzia Responsabilità Oggettiva o Strict

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1994 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore SCALERA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 7 FEBBRAIO 2003 Disciplina dell assicurazione obbligatoria delle strutture

Dettagli

Risoluzione delle controversie in materia di impresa

Risoluzione delle controversie in materia di impresa Osservatorio Giustizia Risoluzione delle controversie in materia di impresa Primi risultati dell indagine campionaria ABI-Confindustria Maggio 2015 1 2 Indice Premessa... 4 Composizione del campione...

Dettagli

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

Scheda n. 10 L'azione di classe in antitrust a cura della redazione dell Osservatorio ARC di Giorgio Afferni (Università degli Studi di Genova)

Scheda n. 10 L'azione di classe in antitrust a cura della redazione dell Osservatorio ARC di Giorgio Afferni (Università degli Studi di Genova) Scheda n. 10 L'azione di classe in antitrust a cura della redazione dell Osservatorio ARC di Giorgio Afferni (Università degli Studi di Genova) 1. A cosa servono le azioni di classe? 2. Quali soggetti

Dettagli

Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere

Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere Nell ambito di un giudizio svoltosi in Belgio, Tizio ottiene l annullamento di un titolo di credito emesso in favore di Caio, suo

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA. DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*)

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA. DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*) ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*) «Articolo 34, paragrafi 1 e 2, del regolamento di procedura Pregiudizio alla corretta amministrazione

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Presentazione dell avvocato Fabio Petracci, avvocato giuslavorista del Foro di Trieste 1. Fattispecie e definizioni Quali sono gli elementi di

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

LITIGATION BRIEFING n. 4 del 23 aprile 2015. La nuova disciplina dell esecuzione internazionale. di Francesco Alongi e Serena Guglielmo

LITIGATION BRIEFING n. 4 del 23 aprile 2015. La nuova disciplina dell esecuzione internazionale. di Francesco Alongi e Serena Guglielmo La nuova disciplina dell esecuzione internazionale di Francesco Alongi e Serena Guglielmo (I) Le principali novità del Regolamento Bruxelles I-bis... 1 (II) Profili applicativi dell esecuzione internazionale...

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LA SOSPENSIONE GIURISDIZIONALE DELL ESECUZIONE DELL ATTO IMPUGNATO Documento n. 7 del 1 marzo 2005 Nel processo tributario è previsto l istituto della sospensione giurisdizionale

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo.

Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo. Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo.it NOTA INFORMATIVA N. 1/2009 IL RECUPERO CREDITI DI SOCIETA

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Distribuzione. parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio. MarketPlace 76

Distribuzione. parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio. MarketPlace 76 parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio distribuzione selettiva e negozi on-line Sarà capitato di sentire parlare di rivenditori selezionati, distributori esclusivi e dettaglianti ufficiali

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 864/2007 Articolo

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 122 OGGETTO: Illecito amministrativo n. 42/05/RD del 14 febbraio 2005 (obiettivo % di raccolta differenziata rifiuti

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE. No. 3 Marzo, 2013

NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE. No. 3 Marzo, 2013 NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE No. 3 Marzo, 2013 Siamo lieti di trasmettervi l ultima edizione della nostra newsletter di informativa legale. La newsletter fornisce un primo esame del nuovo Regolamento

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

Tutela preventiva del credito Scheda Paese. Federazione Russa. Scheda Paese Federazione Russa 0

Tutela preventiva del credito Scheda Paese. Federazione Russa. Scheda Paese Federazione Russa 0 Tutela preventiva del credito Scheda Paese Federazione Russa Scheda Paese Federazione Russa 0 Introduzione Nell era del mercato globale, si sono intensificati gli scambi transfrontalieri e internazionali

Dettagli

I sistemi di informazioni creditizie SIC -: il codice deontologico e la tutela dei soggetti censiti

I sistemi di informazioni creditizie SIC -: il codice deontologico e la tutela dei soggetti censiti I sistemi di informazioni creditizie SIC -: il codice deontologico e la tutela dei soggetti censiti I SIC - sistemi di informazioni creditizie sono delle banche dati che raccolgono e gestiscono informazioni

Dettagli

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario j TRIBUNALE CIVILE DI (luogo di domicilio/residenza del disabile) Ricorso ex articoli 3 e 4, comma 1, legge n. 67/2006 i PER Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, con sede legale

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI MANDATO PER AVVOCATI

CONDIZIONI GENERALI DI MANDATO PER AVVOCATI CONDIZIONI GENERALI DI MANDATO PER AVVOCATI 1. Campo di applicazione 1.1. Le condizioni generali di mandato si applicano a tutte le attività e gli atti di rappresentanza dinanzi alle autorità giudiziarie

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Per poter competere con successo nei mercati stranieri è fondamentale la consapevolezza delle regole del gioco, dei rischi da evitare e delle

Dettagli

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del danno da sinistro stradale: criticità e dubbi interpretativi. Tra le materie per le quali è previsto il tentativo obbligatorio

Dettagli

Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995.

Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995. Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com In data 19 luglio 2010, alle ore 14.40 decedeva presso l ospedale di Weill Cornell Medical Center di Manhattan,

Dettagli

CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA. I. Diritto antitrust in generale

CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA. I. Diritto antitrust in generale CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA Sommario: I. Diritto antitrust in generale - II. Intese (Kartelle) - 1. Intese vietate in Austria - 2. Alcune differenze con l Italia - 3. Alcune differenze

Dettagli

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali avv. prof. Rolandino Guidotti : aspetti sostanziali e processuali Modena 10 ottobre 2013 10 ottobre 2013 1 Società in nome collettivo (non modificata riforma 2003) Art. 2311 c.c. (Bilancio finale di liquidazione

Dettagli

La tutela dei crediti commerciali nell'unione Europea. Avv. Luca Davini

La tutela dei crediti commerciali nell'unione Europea. Avv. Luca Davini La tutela dei crediti commerciali nell'unione Europea Avv. Luca Davini Causa in Italia o causa all'estero: criteri di scelta Area "giurisdizionale" europea Regolamento CE 44/2001 concernente la competenza

Dettagli

CASA CASA BUSINESS REGOLAMENTAZIONE EUROPEA PER LA CREAZIONE DI SITI DA PARTE DEGLI INCARICATI CASA BENESSERE (EUROPEAN ABO WEB SITE POLICY)

CASA CASA BUSINESS REGOLAMENTAZIONE EUROPEA PER LA CREAZIONE DI SITI DA PARTE DEGLI INCARICATI CASA BENESSERE (EUROPEAN ABO WEB SITE POLICY) BENESSERE BENESSERE REGOLAMENTAZIONE EUROPEA PER LA CREAZIONE DI SITI DA BENESSERE PARTE DEGLI INCARICATI (EUROPEAN ABO WEB SITE POLICY) Regolamentazione Europea per la creazione di siti da parte degli

Dettagli

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing)

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un nuovo

Dettagli

LA DIRETTIVA EUROPEA PER L ISTITUZIONE DEI CAE

LA DIRETTIVA EUROPEA PER L ISTITUZIONE DEI CAE LA DIRETTIVA EUROPEA PER L ISTITUZIONE DEI CAE TESTO INTEGRALE DELLA DIRETTIVA ARGOMENTI PER LA FORMAZIONE SINDACALE DIRETTIVA 94/45/CE DEL CONSIGLIO del 22 settembre 1994 riguardante l istituzione di

Dettagli

Translation by courtesy of. Linee Guida per il rispetto del Diritto della Concorrenza

Translation by courtesy of. Linee Guida per il rispetto del Diritto della Concorrenza Translation by courtesy of Linee Guida per il rispetto del Diritto della Concorrenza La nostra associazione commerciale riunisce i fornitori e gli altri soggetti che operano nel settore medico a livello

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . POLONIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN POLONIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le fonti della normativa di tutela dei consumatori sono: - Legge del 16 aprile 1993 contro la concorrenza

Dettagli

La Federal Reserve. L analisi settimanale del 4.04.2011 è fornita da etoro. Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.

La Federal Reserve. L analisi settimanale del 4.04.2011 è fornita da etoro. Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro. La Federal Reserve Sta per cambiare politica? 4 aprile 2011 Il doppio Mandato della Federal Reserve- Dal 1978, la Federal Reserve è stata incaricata dal Congresso statunitense del doppio mandato di promuovere

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers La distribuzione del prodotto assicurativo 105 Subagente, coagenzia e procacciatore d affari Il subagente è un soggetto il quale viene incaricato da un agente, verso corrispettivo, di promuovere la conclusione

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI SCHEMA CONVENZIONE ALLEGATO 1 SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI L anno 2014, il giorno. del mese di, in Paternò (CT), nei

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO GIUDIZIALE E STRAGIUDIZIALE E MODALITA DI CONFERIMENTO INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione del

Dettagli

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Roma, 3 giugno 2004 Prot. N. 22457 Consiglio nazionale forense Via del Governo

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Newsletter, Marzo 2013

Newsletter, Marzo 2013 Newsletter, Marzo 2013 Contenuti: 1. Diritto della previdenza sociale 2. Diritto commerciale 3. Diritto amministrativo 4. Diritto bancario 5. Diritto civile 1. Diritto della previdenza sociale Ordinanza

Dettagli

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI Sezioni Accertamento Danni Erariali Dette articolazioni, svolgono l attività operativa a favore della Procura Regionale della Corte dei

Dettagli

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo.

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. (ex articolo 9 del DL 90/2014, convertito in L. 114/2014 approvato con Deliberazione

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP DETERMINAZIONE Determinazione n. 05 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l. 249/1997, "Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 2 luglio 2015

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 2 luglio 2015 SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 2 luglio 2015 «Rinvio pregiudiziale Articoli 49 TFUE, 102 TFUE e 106 TFUE Libertà di stabilimento Principio di non discriminazione Abuso di posizione dominante Articolo

Dettagli

Comune di Baranzate Provincia di Milano

Comune di Baranzate Provincia di Milano Comune di Baranzate Provincia di Milano Area Segreteria Generale Personale - CED REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AGLI AVVOCATI ESTERNI ALL ENTE Approvato con delibera di Giunta Comunale

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 5 dell 11.1.2012 DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ART. 1 PREMESSA 1. Il presente documento disciplina il conferimento degli incarichi per

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 77 e 87, quinto comma, della Costituzione;

Dettagli

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione)

Dettagli

Parte III. Titolo I Disposizioni generali Titolo IV Disposizioni particolari Titolo V Estensioni particolari a particolari materie.

Parte III. Titolo I Disposizioni generali Titolo IV Disposizioni particolari Titolo V Estensioni particolari a particolari materie. Le questioni indicate nel tema assegnato sono trattate nelle seguenti parti delle disposizioni particolari sul patrocinio dello Stato nel processo civile, amministrativo, contabile e tributario della Legge

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI

CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI Avv. Debora Brambilla Dottore di ricerca brambilla@iplawgalli.com Contributoryinfringement o contraffazione

Dettagli

Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014

Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014 Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014 L anno duemilaquattordici, il giorno 8 del mese di settembre, alle ore 11.00, in Torino presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO Approvato con Delibera della Giunta Provinciale n.122 dell 11.12.2012 In vigore dal 1 gennaio 2013 Pag. 1 di 6 Art. 1 - Avvocatura Provinciale 1. L Avvocatura

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Direttiva 2006/112/CE Insolvenza Procedura di concordato

Dettagli

Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente

Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXX XXX /Optima Italia XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042 Avv. Ivan Tosco, PhD Studio Legale Secci & Medda 1 XXIII CONGRESSO NAZIONALE GIQAR Ospedaletto di Pescantina

Dettagli

DELIBERA DL/035/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ABL SRL/GREEN ICN S.P.A.

DELIBERA DL/035/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ABL SRL/GREEN ICN S.P.A. DELIBERA DL/035/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ABL SRL/GREEN ICN S.P.A. IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per

Dettagli

Commercio internazionale e norme applicabili ai contratti internazionali

Commercio internazionale e norme applicabili ai contratti internazionali STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

CONVEGNO INDICAM. On. Mario Valducci, Sottosegretario alle Attività Produttive

CONVEGNO INDICAM. On. Mario Valducci, Sottosegretario alle Attività Produttive CONVEGNO INDICAM Un'occasione da non sprecare: l'istituzione delle nuove sezioni specializzate in materia di Proprietà Industriale e Intellettuale Milano, 27 Marzo 2003 On. Mario Valducci, Sottosegretario

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI Art. 1 Disposizioni generali Il presente regolamento disciplina in via generale i rapporti, anche

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA PUBBLICA

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA PUBBLICA EMITTENTE SARAS S.p.A. AZIONISTI VENDITORI Gian Marco Moratti Massimo Moratti SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE E ALL AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI

Dettagli

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)?

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? Secondo il testo recentemente aggiornato dell art.207 Legge Fall. richiamato dall

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE REGOLE PER IL RECUPERO DEI CREDITI A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Azioni civili a Singapore Ai fini della proposizione dell atto di citazione devono sussistere i seguenti requisiti: a)

Dettagli

Avv. Rossella D Onofrio

Avv. Rossella D Onofrio Avv. www.weblegale.com L attività dell Avv. si svolge dinanzi ai Tribunali di Lecce, Brindisi e Taranto. Si caratterizza per una struttura organizzativa idonea ad assicurare la consulenza ed assistenza,

Dettagli

NewYork-Presbyterian Hospital Sede: Tutti i centri Manuale delle politiche e delle procedure dell Ospedale Numero: Pagina 1 di 7

NewYork-Presbyterian Hospital Sede: Tutti i centri Manuale delle politiche e delle procedure dell Ospedale Numero: Pagina 1 di 7 Pagina 1 di 7 TITOLO: POLITICA DI RISCOSSIONE POLITICA E FINALITÀ: Scopo della Politica di riscossione (Politica) è promuovere l accesso dei pazienti alle cure sanitarie di qualità riducendo al minimo

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

DIRITTO COMMERCIALE INTERNAZIONALE

DIRITTO COMMERCIALE INTERNAZIONALE DIRITTO COMMERCIALE INTERNAZIONALE PARTE GENERALE A/A 2014-2015 PROF. AVV. ROBERTO CECCON UNIVERSITÀ DI TRENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA 1 ES: AZIONE AVANTI IL GIUDICE STRANIERO Un produttore francese

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 : I DIRITTI DEI PASSEGGERI NELL ESPERIENZA ITALIANA SOMMARIO (I) Premessa... 1 (II) Il giudice competente per territorio...

Dettagli