Il piano di evacuazione, linee guida

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il piano di evacuazione, linee guida"

Transcript

1 Il piano di evacuazione, linee guida di Cosimo Trullo Premessa In tutti gli edifici con alta concentrazione di persone si possono avere situazioni di emergenza che modificano le condizioni di agibilità degli spazi ed alterano i comportamenti degli utenti. Il panico è una reazione pericolosa che non consente il controllo della situazione rendendo difficili eventuali operazioni di soccorso. Le reazioni dovute al panico portano senso di timore e paura, oppressione, ansia, emozioni convulse nonché reazioni dell'organismo vertigini, giramenti di testa, tremore, difficoltà di respirazione, accelerazioni del battito cardiaco ed altre forme di alterazioni fisiologiche. Queste alterazioni portano le persone a reagire in modo non controllato e irrazionale. Nel caso di pericolo, in presenza di molte persone, il panico può manifestarsi nelle seguenti forme collettive: autodifesa con tentativo di fuga; l'esclusione degli altri con forme; violente (spinte, corse, verso la salvezza). grida, atti di disperazione, ansia generale, invocazioni di aiuto; decadimento delle funzioni comportamentali quali attenzione, controllo dei movimenti, facoltà di ragionamento; Tutto ciò costituisce grave turbativa e pericolo per l incolumità di tutti, e l obiettivo del piano di emergenza è di mettere tutti nelle migliori condizioni per operare in situazioni di emergenza. Informare e preparare personale e alunni I comportamenti possono essere modificati e ricondotti alla normalità se personale ed alunni è preparato e organizzato di fronte ai pericoli. Una preparazione e informazione può avvenire in modo semplice ed incisivo attraverso uno strumento, ampiamente riconosciuto, che è il Piano di Evacuazione. Fase operativa Punti fondamentali in esame al fine di ridurre il pericolo : Stimolare la fiducia nelle proprie risorse umane; 1

2 Contribuire ed indurre nell individuo comportamenti razionali attivando forme di autocontrollo dell emozionabilità e dell eccitazione collettiva; Tale preparazione riduce i rischi nelle operazioni di allontanamento dai luoghi pericolosi. Possibili cause di pericolo in Ambiente Scolastico Le cause di pericolo possono essere : Interne alla struttura : zone a rischio (Laboratori, Impianti, Centrale elettrica, Centrale termica, Magazzino, Biblioteca); Esterne alla struttura (Terremoti, Cedimenti strutturali della scuola o degli edifici adiacenti, incendi nelle vicinanze che coinvolgono la struttura); Avvisi di presenza ordigni esplosivi; Inquinamento dovuto a cause esterne accertate dalle autorità competenti; Ambiente Scolastico La conoscenza dell ambiente interno (piani, aule, laboratori, palestre, biblioteche, magazzino, impianti, centrale termica, strutture di sicurezza, scale, uscite di sicurezza, impianti di sicurezza, corridoi, cortili interni e esterni, estintori, idranti) è fondamentale al fine di poter individuare le zone fonte di rischio. Identificazione e riferimenti della Scuola: Caratteristiche della Struttura Lo strumento per evidenziare le zone a rischio sono le planimetrie. Occorre predisporle per piani integrandole ed aggiornandole continuamente. Planimetrie Le planimetrie devono riportare le diverse aree, le strutture che ospitano i vari laboratori, gli impianti ed in generale i luoghi coperti o all aperto. Si consiglia di dividere, al fine di una valutazione dei rischi, gli spazi in aree di competenze: Area didattica aule; Area tecnica (laboratori scientifici, luoghi attrezzati, macchine, apparecchiature, laboratori linguistici, informatici, fotocopie, stampanti); Area attività collettive (aule per attività particolari con presenza di più classi contemporaneamente (aula magna, mensa, biblioteca); Area attività sportive (palestre e spazi esterni attrezzati); Aree Uffici; Le planimetrie devono essere appese nelle classi e nei corridoi è devono riportare evidenziate le uscite di emergenza, l ubicazione dei luoghi sicuri, l individuazione dei percorsi di fuga diversamente colorati, l ubicazione delle attrezzature antincendio idranti estintori, le aree di raccolta esterne, l indicazione segnaletica, l individuazione per piano, i locali pericolosi, l individuazione dell interruttore elettrico generale di piano, l individuazione della chiusura del gas e dell acqua. 2

3 Ogni pianta deve riportare: il numero di persone coinvolte ( alunni, personale, docenti); fascia oraria di massima presenza; breve relazione sintetica descrittiva comportamentale; Tabella localizzazione popolazione scolastica Piano Alunni Disabili Docenti Non docenti Colloboratori Scolastici Assistenti Amministrativi Totale Classificazione delle aree con presenza contemporanea di più classi Tipologia Presenze Contemporanee Docenti Collaboratori Oltre 1200 Aree ad alta vulnerabilità Luoghi a rischio Magazzini Ubicazione Numero Laboratori 3

4 Centrale termica Biblioteca Cucine Mensa Impianti sportivi Parcheggio Aule particolari Ubicazione Numero Aula magna per attività collettive Aule con studenti disabili Aule con difficoltà evacuazione Altri rischi Ubicazione Numero Attrezzature particolari Sostanze tossiche Le informazioni raccolte e le raccomandazioni fanno parte integrale del piano. (Allegati : a- Cartografie ;b- documentazione di accompagnamento). Obiettivi specifici del piano Il piano tende a perseguire i seguenti obiettivi specifici: affrontare l emergenza al primo insorgere; pianificare le azioni per proteggere le persone; coordinare i servizi di emergenza (staff, direzione); fornire formazione al personale docente e non docente agli alunni ed ai genitori; Per la formazione degli alunni prevedere incontri mirati utilizzando ove possibile documentari sintetici. Convegni e dibattiti possono dare un notevole contributo. Sintetizzare il piano in un foglio informativo da distribuire ad alunni e personale. Classificazione delle emergenze interne ed esterne. 4

5 Emergenze Interne Ordigno esplosivo Incendio Fuga gas Incendio Emergenze Esterne Attacco terroristico Incendio Evento sismico Emergenza tossico- nociva Emergenza elettrica Allagamento Individuazione del Centro di Coordinamento Aula Piano Telefono L aula ove si svolgono le funzioni coordinative l emergenza è il punto di riferimento per le aree di raccolta. Predisposizioni Generali Informare e preparare personale e alunni sulle fasi cronologiche dell emergenza. Informare e garantire la presenza delle seguenti figure: Chi dovrà dare l allarme; Chi dovrà suonare la campanella ( tre suoni prolungati); Chi dovrà garantire che le porte di uscita siano aperte; Chi dovrà garantire che le vie di esodo siano sgombre da qualsiasi ostacolo; Chi dovrà avvisare i vari enti (vigili del fuoco, Ambulanza, Polizia); Chi dovrà interrompere l erogazione dell energia elettrica e del gas; Chi sono gli addetti al servizio antincendio (uso estintori); Chi controlla che la segnaletica e i mezzi di sicurezza siano efficienti; Criteri e metodi della fase operativa 1. Banchi e tavoli devono essere sistemati in modo da non ostacolare l esodo veloce; 5

6 2. al suono prolungato della campanella (tre volte) l alunno più vicino alla porta corre ad aprirla ed esce per primo facendo da apri-fila; 3. poi tutti gli altri a seguire in fila indiana, senza spingere, senza schiamazzare, seguendo le frecce che indicano l uscita; per ultimo uscirà l alunno serra-fila poi il docente; 4. usciranno per primi gli alunni dell aula più vicina alla porta di uscita poi quelli delle classi adiacenti questo al fine di evitare la calca in prossimità delle uscite; 5. nelle classi con presenza di disabili deve essere designato un alunno che si prenderà cura del disabile; 6. gli zaini vanno lasciati in classe; 7. la meta da raggiungere è il centro di raccolta più vicino tra quelli indicati sulla piantina allegata; 8. non sostare per nessun motivo nei pressi delle porte di uscita; 9. terminata la situazione di emergenza si rientra con ordine nelle rispettive aule; 10. ogni insegnante impegnato dovrà compilare il verbale di evacuazione predisposto allegato; 11. il personale ausiliario, il responsabile dei servizi amministrativi, il personale tecnico impegnato dovranno compilare il modulo predisposto allegato; 12. evitare in ogni caso di prendere iniziative di ogni genere onde evitare di compromettere la propria e altrui incolumità; 13. vietato fumare e fare uso di fiamme libere nelle zone prescritte; 14. vietato gettare nei cestini mozziconi di sigarette, materiale infiammabile ecc ; 15. vietato utilizzare apparecchi elettrici personali; La fase operativa consiste nell individuare i gruppi per costituire le relative squadre che renderanno il piano fattibile. Sono previste le seguenti squadre: Squadre di emergenza; Squadra prevenzione Incendi; Squadra Evacuazione; Squadre pronto soccorso; Coordinatore emergenze; Responsabile area raccolta; Responsabile chiamata di Soccorso; Responsabile evacuazione classe; Responsabile piano; 6

7 Studenti apri - fila / serra fila; Squadra prevenzione Incendi Individuare almeno due unità per piano con compiti di circoscrivere l incendio. Le unità devono essere abilitate dal comando dei vigili del fuoco Nominativo Tel Piano N.. Patentino Squadra Evacuazione Consiste nel numero di persone coinvolte. Incarico Figura Nome Tel Sostituto Tel Emanazione ordine evacuazione Diffusione ordine evacuazione Chiamata soccorso Responsabile evacuazione classe Studente apri-fila(1 per classe) Studente chiudi-fila(1 per classe) Responsabile centro raccolta Coordinatore emergenza Addetto Segreteria Addetto segreteria Docente studente studente Segreteria o docente 7

8 Interruttore energia elettrica per piano Interruttore energia gas Controllo operazioni evacuazione per piano Verifica giornaliera estintori idranti uscite luci per piano Controllo chiusura apertura cancello Non docente Non docente Non docente Non docente Non docente Squadre pronto soccorso Predisporre due unità per piano con competenze per l uso delle attrezzature minime di pronto soccorso. Nominativo Tel Piano Note Cassetta pronto soccorso Controllo Data Nominativo Piano 8

9 Coordinatore emergenze Ricevuta la segnalazione attiva gli altri componenti; Attiva il segnale di evacuazione e ordina di chiamare i mezzi di soccorso; Sovrintende le operazioni di emergenza; Responsabile area raccolta Non docenti Docenti Si dirigono verso il piano di raccolta, acquisiscono le presenze degli alunni dai docenti registrando il tutto sul modulo. Effettuano l evacuazione della classe, arrivati all area di raccolta verificano la presenza degli studenti e la trascrivono sul modulo. Se manca qualche persona prendono le dovute informazioni e le trasmettono al Capo di Istituto. Responsabile chiamata di Soccorso Attende l avviso del coordinatore dell emergenza per effettuare la chiamata dei mezzi di soccorso ed attivare le procedure. Responsabile evacuazione classe Contribuisce a mantenere la calma in attesa che venga comunicato il motivo dell emergenza. Confermata l emergenza si attiva a far uscire gli studenti iniziando dalla fila più vicina alla porta uno studente assume la funzione di capo-fila e un altro di chiudifila. Prende il registro delle presenze e si reca con gli alunni nell area di raccolta verificandone le presenze. Responsabile piano Individua la fonte di pericolo valutando l entità e suona la campanella, avverte il coordinatore dell emergenza ed attende disposizioni. Toglie la corrente elettrica chiude la valvola del gas se è addetto alla portineria apre i cancelli. Si attiva a favorire il deflusso, vieta l uso delle scale, degli ascensori e dei percorsi non in sicurezza. Studenti apri-fila / chiudi fila Mantengono la calma e seguono le procedure. Per gli istituti secondari si attivano per aiutare i disabili. 9

10 Compiti squadra prevenzione incendi di piccole o grosse dimensioni Per incendi di piccole dimensioni è necessario prevedere, nella squadra, un operatore per piano abilitato dal comando VVF all uso dell estintore in grado di intervenire allontanando le persone e circoscrivendo la combustione. Gli estintori vanno usati come da addestramento, intervenire con una prima erogazione a ventaglio per circoscrivere la zona per poi aggredire il fuoco più da vicino. Si consiglia gli operatori di applicare quanto appreso nei corsi di formazione. Nel caso fosse necessario intervenire con due estintori, operare alla giusta distanza, dirigere il getto alla base della fiamma, non attraversare con il getto le fiamme, proteggere le vie respiratorie con fazzoletti e gli occhi con occhiali. Se l operatore o gli operatori non riescono ad estinguere le fiamme si devono avvisare i Vigili del Fuoco e il coordinatore dell emergenza per il segnale di evacuazione, interrompere l energia elettrica, l acqua, il gas, circoscrivere la zona, utilizzare i naspi per provare a spegnere l incendio e a mantenere bassa la temperatura. Comunicazione Emergenza L efficienza e l efficacia dell intervento è in funzione della tempestività degli operatori e dipende principalmente dal sistema di comunicazione. Il primo segnale è quello sonoro ripetuto altri sistemi possono essere l uso di telefonini il telefono via cavo i trasmettitori gli altoparlanti, ecc Per l attivazione della campanella devono essere previsti una serie di pulsanti dislocati per piano e contrassegnati. Codificazione del segnale sonoro: Inizio emergenza Fine emergenza campanella responsabile Responsabile disatt. Chiunque si Coord. emergenza Intermittente 2 sec. accorga Intervento esterno Coord. emergenza Intermittente 13 sec. Coord. emergenza Coord. emergenza Una comunicazione tramite altoparlante spetta al Coordinatore Emergenza che ne valuta la necessità in caso di pericolo. Le comunicazioni telefoniche, effettuate con priorità al coordinatore per l emergenza, devono essere brevi, concise ed incisive. Una possibile comunicazione verbale deve indicare il luogo, il piano, il tipo di emergenza (incendio-ordigno, allagamento). Attendere poi istruzioni dal coordinatore emergenze che attiverà le chiamate esterne e le relative squadre di intervento. Numeri di pronto intervento Modalità di chiamata 10

11 Vigili del Fuoco 115 Polizia 113 Carabinieri 112 AGAC Enel Centro antiveleni Al fine di rendere l intervento celere e tempestivo è richiesto un coordinamento tra la scuola e l Ente. Protocolli di chiamata Tel. 115 Vigili del Fuoco Dare nominativo, telefono della scuola, indirizzo. Ripetere i dati una seconda volta. Richiesto vostro intervento per causa incendio Tel. 118 Pronto soccorso Dare nominativo, telefono della scuola, indirizzo. Ripetere i dati una seconda volta. Richiesto vostro intervento causa incidente, specificare sintomi (svenuta, sanguina, non respira). Se vi sono interventi di soccorso specificarne il tipo (respirazione bocca a bocca, massaggio cardiaco ecc ). Aree di raccolta Le aree di raccolta possono essere: Interne - Sono aree interne alla struttura ed adatte a raccogliere le classi in caso l emergenza che non prevede l evacuazione; Esterne - Aree esterne alla struttura in zone di pertinenza assegnate alle classi. Hanno la funzione di controllo della presenza di tutti e permettono il coordinamento delle operazioni d evacuazione; Scheda controllo zona di raccolta Piano Classe Descrizione e Ubicazione area Lettera e Colore 11

12 Norme Generali seguire le istruzioni del piano di evacuazione; in caso di incendio o presenza fumo avvertire immediatamente il personale; vietato servirsi degli ascensori nel caso di pericolo; i portatori di handicap aspettino con calma i soccorsi; seguire le indicazioni del personale e le indicazioni dei cartelli; vietato correre e gridare; tutte le persone che si trovano nei corridoi, nei servizi, nei laboratori ecc, si portano immediatamente verso le uscite più vicine; vietato in ogni caso prendere iniziative di ogni genere onde evitare di compromettere la propria e altrui incolumità; divieto assoluto di sosta in prossimità delle vie di esodo; Norma Incendio L operatore che si accorge dell incendio avverte il coordinatore che dispone lo stato di preallarme con assegnazione dei compiti per interruzione luce gas. Se non si riesce a circoscrivere le fiamme avverte i VVF ed attiva il segnale di evacuazione, avverte i responsabili di piano che organizzano l evacuazione. Se si riesce a circoscrivere le fiamme ed il fuoco è domato in 5-10 minuti il coordinatore dispone lo stato di cessato allarme. Gli operatori dovranno: effettuare i dovuti controlli che non permangano focolai nascosti ; arieggiare i locali per eliminare gas e vapori; verificare che non ci siano lesioni alle strutture agli impianti gas, luce; Per tali controlli è necessaria la richiesta degli enti competenti Tecnici e VVF Compagnie Gas, Enel. Norme Evacuazione Una volta attivata la procedura per l evacuazione tutte le attività devono essere interrotte, tutti gli oggetti personali devono rimanere al loro posto, non spingersi, non correre, mantenere la calma, uscire ordinatamente incolonnandosi dietro gli apri-fila tenendo la mano sulla spalla di chi lo precede, seguire le vie di fuga, non usare 12

13 ascensori, raggiungere la zona di raccolta. Se i corridoi e le vie di fuga sono ostruite non uscire dalla classe, sigillare le fessure della porta, segnalare la propria presenza. Norme per emergenza sismica Nel caso di terremoto il coordinatore valuta la necessità di attivare l evacuazione attivando se necessario lo stato d allarme con interruzione, luce, gas. Proteggersi dalla caduta di oggetti riparandosi sotto i banchi o in corrispondenza delle architravi. Presidio Antincendio Ubicazione Mezzi di estinzione Tipo Controllo Varie ; Legenda: (M = manichetta, I = Idrante, E = estintore, N = Naspo); Tipo: ( Ac = Acqua, CO2 = anidride carbonica, S = schiuma, P = polvere, H = Halon); Note: Verifiche (condizioni estintori, peso,pressione, integrità sigillo); Segnaletica Emergenza La segnaletica ha funzioni: Avvertimento (triangolo con pittogramma nero su fondo giallo e bordo nero); Divieto ( Cerchio con pittogramma nero su fondo bianco e barra trasversale rossa); Attrezzature antincendio (rettangolo o quadrato pittogramma bianco su fondo rosso); Salvataggio vie di fuga, telefono, cassetta pronto soccorso, ecc (rettangolo o quadrato con pittogramma bianco su fondo verde); Registro delle esercitazioni Sono obbligatorie almeno due esercitazioni nell arco dell anno scolastico. Data Ente N persone presenti N persone evacuate Tempo previsto Tempo effettivo 13

14 Registro Formazione Preparare esercitazioni con il personale della scuola fornire materiale scritto agli studenti. data argomento N ore Formatore N docenti N non docenti classe N studenti Registro controlli e manutenzioni Il Coordinatore Emergenza cura i controlli periodici, riporta nel registro anomalie e carenze anche delle esercitazioni. Argomento Data Problema rilevato Segnalato Misura da attuare Data attuazione Modulo n 1 - evacuazione Scuola.. Data 14

15 Classe.. piano.. Allievi presenti allievi evacuati.. Dispersi. Feriti (segnalazione nominativa).. Area raccolta. (colore o lettera) Firma del docente.. Modulo n 2 - Scheda Riepilogativa Data./ / Scuola.. Zona raccolta dati.(colore o lettera) Classe Piano Allievi Presenti Feriti Evacuati Dispersi 15

16 Firma Responsabile Zona Raccolta. Modulo n 3 - Foglio informativo Emergenza Noto il pericolo chi lo ha rilevato deve adoperarsi per eliminarlo (non docente, docente, studente). Se non si è in grado di affrontarlo darne comunicazione al Coordinatore dell Emergenza o al Capo d Istituto che deciderà di emanare l ordine di evacuazione. Il coordinatore dell Emergenza Sig. L Inizio emergenza è contraddistinto dal suono intermittente della campanella intervalli di due secondi; ad 16

17 La diffusione del segnale di evacuazione è dato da campanella continua; Al segnale di evacuazione tutto il personale dovrà comportarti come segue: Il Sig.. è incaricato di richiedere telefonicamente il soccorso degli Enti che le verranno segnalati dal Coordinatore Emergenza o dal Dirigente Scolastico; Il responsabile di piano, per il piano, provvede a: disattivare l interruttore elettrico di piano; disattivare l erogazione del gas; aprire tutte le uscite con senso contrario all esodo; impedire l accesso nei vari ascensori o nei percorsi non previsti; Il docente in aula raccoglie e registra le presenze e si avvia verso la porta coordinando le fasi dell evacuazione; Lo studente apri-fila inizia ad uscire fino all uscita dello studente chiudi-fila che provvede a chiudere la porta; Se qualcuno ha bisogno di cure nell ambito della classe gli studenti e i soccorritori provvederanno e restare insieme all infortunato fino all arrivo delle squadre esterne. Gli studenti che rimarranno in aula dovranno posizionare abiti bagnati per chiudere ogni fessura della porta della classe ed aprire la finestre solo per il tempo necessario alla segnalazione della presenza; Le classi dovranno dirigersi verso il punto raccolta esterno prestabilito seguendo le indicazioni nelle planimetrie di piano. Raggiunto il centro di raccolta ogni docente provvederà a fare l appello dei propri studenti compilando il Modulo N 1 che consegnerà al responsabile dell area di raccolta; Il responsabile dell area raccolta avrà cura di ritirare il modulo n 1 complilerà il modulo n 2 che consegnerà al Dirigente Scolastico per la verifica finale dell evacuazione. Se mancano all appello studenti il Dirigente Scolastico informerà le squadre esterne per la ricerca. 17

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE C 1 - Compiti della Squadra di Evacuazione per funzione SCHEDA 1 - COMPITI DEL COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di "inizio emergenza" il Coordinatore

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE *****

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PROCEDURE NORME DI COMPORTAMENTO A.S. 2008/2009 Allegato E NORME DI COMPORTAMENTO PER I RESPONSABILI DI CLASSE (DOCENTI) IN CASO DI EMERGENZA 1. In caso di

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via P. TOGLIATTI N 1-01033 IVITA ASTELLANA (0761 513390 fax 0761

Dettagli

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e S.M.I. ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N.123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE Premessa

PIANO DI EVACUAZIONE Premessa PIANO DI EVACUAZIONE Premessa In caso di emergenza la struttura organizzativa deve essere in grado di reagire rapidamente e nel modo più uniforme possibile per fronteggiare il pericolo. Il Piano di Emergenza

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO E S T R A T T O D A L P I A N O D I E M E R G E N Z A I N T E R N O S e z i o n e i n e r e n t e D O C E N T I A. T. A. - ALLI E V I Estensori

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza MODULO 1a Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza (da inserire all interno del registro di classe) Da consegnare immediatamente al Responsabile Emergenza una volta raggiunto il Punto

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE ISTITUTO COMPRENSIVO G.Mariti - Fauglia PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE Pagina 1 di 12 Revisione: 1.7 Data: 30.09.2014 Obiettivi Il presente piano tende a perseguire i seguenti obiettivi:

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE Allo scopo di ottenere una più adeguata conoscenza dell ambiente di lavoro/studio, soprattutto per i nuovi allievi, e di attivare i necessari automatismi nelle operazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Cena Latina

Istituto Comprensivo Cena Latina MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Istituto Comprensivo Cena Latina Centro Risorse Territoriale Via Lepanto 2 04100 Latina ( 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu * ltic847002@istruzione.it

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S.

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 7/a Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 1. Il Dirigente Scolastico (o in sua vece il collaboratore del Dirigente Scolastico), una volta valutata la necessità di abbandonare rapidamente l edificio:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

IL PIANO DI EVACUAZIONE DELLA NOSTRA SCUOLA

IL PIANO DI EVACUAZIONE DELLA NOSTRA SCUOLA I S T I T U T O T E C N I C O S T A T A L E C O M M E R C I A L E E P E R G E O M E T R I ANNO Giovanni SCOLASTICO Maria Angioj 2014/2015 Via Costituente Tel 0781 660406 Fax 0781 62538 SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento 2015

INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE PAOLO BOSELLI ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI E SOCIO-SANITARI INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO

PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO OBIETTIVI 1) Affrontare l'emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti sulla popolazione scolastica. 2) Pianificare le azioni necessarie per proteggere

Dettagli

I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA

I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345 D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA Versione 3.2 Novembre 2011 PIANO DI EMERGENZA PREMESSA

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno Documento aggiornato al 27/10/2014 IL DATORE DI LAVORO Prof.ssa Lucia Castellana Mod Sic 01/0

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO PROT. N. 00001341/A.5.0. NAPOLI, 26 MARZO 2015 Docenti SEDE Personale

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

I.I.S. Marconi-Guarasci Tel. 0984.481317 Fax 0984 38804 98104070788 - UFPA4M - CSIS073004 e - mail csis073004@istruzione.it

I.I.S. Marconi-Guarasci Tel. 0984.481317 Fax 0984 38804 98104070788 - UFPA4M - CSIS073004 e - mail csis073004@istruzione.it I.I.S. Marconi-Guarasci Via degli Stadi, snc 87100 COSENZA Tel. 0984.481317 Fax 0984 38804 Codice Fiscale 98104070788 - Cod. Ufficio Univoco:UFPA4M - Codice Meccanografico CSIS073004 e-mail csis073004@istruzione.it

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania Il piano di emergenza e di evacuazione Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania L emergenza Cos è l emergenza? Una condizione insolita e pericolosa che può presentarsi in modi e tempi non

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria "Lambruschini " Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15. Piano di Evacuazione

Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria Lambruschini  Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15. Piano di Evacuazione Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria "Lambruschini " Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15 Piano di Evacuazione Impariamo a difenderci dai rischi *** *** Linee guida per

Dettagli

ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO

ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI NEL LICEO Si riportano, quale esempio e non esaustivi,

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI PARTE PRIMA Premessa In accordo con gli obblighi normativi ed in sintonia con una nuova sensibilità nei confronti del problema del lavoro in condizioni di sicurezza, si è proceduto alla stesura di un piano

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE a.s. 2014/2015 PREMESSA Nel rispetto del DMI del D.Lgs 81/2008 è stato predisposto per l'anno

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Sauro Via N. Sauro,30 tel. 0362.903319 fax 0362.975329 20843 VERANO BRIANZA (MB)

Istituto Comprensivo Via Sauro Via N. Sauro,30 tel. 0362.903319 fax 0362.975329 20843 VERANO BRIANZA (MB) Istituto Comprensivo Via Sauro Via N. Sauro,30 tel. 0362.903319 fax 0362.975329 20843 VERANO BRIANZA (MB) PIANO DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA IL MELOGRANO STRALCIO DEL COMPORTAMENTO DEI COLLABORATORI

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2)

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08 1 Corso di FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Contenuti Formazione Specifica 2 2 Segnaletica Emergenze Procedure esodo ed incendi Procedure organizzative

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI PROGETTO SCUOLA SICURA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Modalità d attuazione del piano di evacuazione In molte situazioni di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECCHIO E. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO J. ZANNONI

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECCHIO E. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO J. ZANNONI ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECCHIO E. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO J. ZANNONI PREMESSA Nel piano di emergenza interno della Scuola J. Zannoni di Montecchio E. vengono formulate le disposizioni per attuare

Dettagli

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Redatto il 05. 10. 2011 dal Servizio di Prevenzione e Protezione della Scuola Definizione

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

LE PROVE DI EVACUAZIONE

LE PROVE DI EVACUAZIONE SIMULAZIONE TERREMOTO Il D.M. 26 AGOSTO 1992 dispone la realizzazione di due prove di evacuazione. La prima prova di evacuazione dell anno verrà condotta simulando un terremoto. L esercitazione si svilupperà

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA Via Balilla, n.34 65100 P E S C A R A - Tel. 085/4210301 - Fax 085/4212906 Lsgalipe @ tin.it Oggetto: piano di emergenza.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA Via Balilla, n.34 65100 P E S C A R A - Tel. 085/4210301 - Fax 085/4212906 Lsgalipe @ tin.it Oggetto: piano di emergenza.

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

ORGANIZZAZIONE EMERGENZA. (Sicurezza Legge 81/08)

ORGANIZZAZIONE EMERGENZA. (Sicurezza Legge 81/08) DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO DI PIACENZA ORGANIZZAZIONE EMERGENZA (Sicurezza Legge 81/08) Riepilogo Generale sulle disposizione della Sicurezza nelle Scuole per tutto il personale - Classificazione

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE I.P.A. Ingegneria per l Ambiente AULA 1 ½ dalle 9.00 13.00 o dalle 14.00 18.00 INTERA dalle 9.00 13.00 e dalle 14.00 18.00 SERALE dalle 18.00 alle 22.00 AULA 2 ½ dalle

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008)

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI OSTELLATO (FE) Scuola dell infanzia di Migliarino Via del Parco 1 Località Migliarino comune di Fiscaglia tel./fax 0533.52686 e-mail viadelparco@libero.it PIANO DI GESTIONE

Dettagli

ESTRATTO DEL CORSO DI FORMAZIONE Art. 37 D.Lgs. 81/2008 e s.mi. PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

ESTRATTO DEL CORSO DI FORMAZIONE Art. 37 D.Lgs. 81/2008 e s.mi. PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO DE AMICIS 74016 MASSAFRA (TA) Piazza Corsica, 1 Codice Fiscale: 90214550734 Tel./Fax 099/8801184 099/8801643 E-mail:

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore "J. M. Keynes" Castel Maggiore (Bo)

Istituto di Istruzione Superiore J. M. Keynes Castel Maggiore (Bo) Istituto di Istruzione Superiore "J. M. Keynes" Castel Maggiore (Bo) INFORMAZIONE AGLI STUDENTI E ALLE FAMIGLIE SULLA PREVENZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA (Art. 21 D. Lgs. 626/94) Presentazione Il Decreto

Dettagli

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di:

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di: Circ. n. 310 Milano, 28 maggio 2015 AL PERSONALE DOCENTE AL PERSONALE ATA LORO SEDI Oggetto: D.L.vo 81/08 s.m.i. Procedura evacuazione degli edifici scolastici in caso di emergenza o di prova di evacuazione.

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole

Guida all Emergenza. ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Guida all Emergenza ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole (Agg. Novembre 2012) A cura dello Studio Tecnico Si.En.A.

Dettagli

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F.

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F. M.I.U.R. - Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola Istituto di Istruzione Superiore Cavour Marconi Pascal Sede centrale: loc. Piscille, Via Assisana 40/d 06154 - PERUGIA Tel. 0755838322 Fax 07532371 Sede coordinata loc. Olmo, Via Trasimeno Ovest PG Tel.

Dettagli

Arch. Cristina Maiolati Salute e Sicurezza sul Lavoro. Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08

Arch. Cristina Maiolati Salute e Sicurezza sul Lavoro. Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08 Arch. Cristina Maiolati Salute e I.I.S Via delle Sette Chiese Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08 LA PREVENZIONE DEI RISCHI È volta a fornire alcune brevi indicazioni

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli