La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri"

Transcript

1 Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone n vrgola moble e operazon La rappresentazone de numer Rappresentazone de numer: bnara Un numero bnaro è costtuto da un vettore d bt B = b n- b b b = {, } Il valore d B e dato da: V(B) = b n- n- + + b + b Un vettore d n bt consente d rappresentare numer natural nell ntervallo da a n -. Per rappresentare numer postv e negatv s usano dverse codfche - - La rappresentazone de numer La rappresentazone de numer Codfche per numer relatv Modulo e segno Complemento a Complemento a B V(B) b b b Modulo e segno Complemento a Complemento a Modulo e segno: rappresentazone con n bt: l bt d segno è per numer negatv e per postv campo rappresentable - n- - N + n- - (due rappresentazon per lo ) è molto smle alla rappresentazone de numer decmal Complemento a rappresentazone con n bt: numer negatv sono ottenut nvertendo bt a bt l corrspondente numero postvo campo rappresentable - n- - N + n- - (due rappresentazon per lo ) è semplce Complemento a rappresentazone con n bt: numer negatv sono ottenut nvertendo bt a bt l numero postvo corrspondente, qund sommando l valore campo rappresentable - n- N + n- - (una rappresentazon per lo ) consente d realzzare crcut d addzone e sottrazone pù semplc è quella utlzzata ne dspostv dgtal per rappresentare numer relatv

2 Addzone senza segno ADDIZIONE e ARCHITETTURE DI SOMMATORI La somma d numer postv s esegue sommando coppe d bt parallele, partendo da destra. S ha rporto, dverso da, quando s deve esegure la somma + (half hadder). Regole per la somma: Rporto n uscta Addzone e sommatore a propagazone d rporto Addzone e sommatore ad antcpazone d rporto Addzone d pù valor e sommator Carry Save Addzone/sottrazone con segno Utlzzando queste regole n modo dretto è possble Realzzare sommator modular Compost da blocch elementar dentc Crcut artmetc d questo tpo sono dett bt-slce Addzone senza segno a propagazone d rporto Sommatore per l generco stado: Full Adder Un sommatore bt-slce rpple carry è strutturato n modo che l modulo n poszone -esma: Rceve n ngresso bt x e y degl operand Rceve n ngresso l rporto c del modulo precedente s = x y c + x y c + x y c + x x y c y c Full Adder c x y s c + Produce la somma s = x 'y 'c + x 'y c '+ x y 'c '+ x y c = (x xor y ) c + (x xor y )c = x xor y xor c Produce l rporto c + = x y + x c + y c = x y + (x xor y )c Il modulo n poszone ha l bt d rporto c = Il rporto c può essere sfruttato per sommare l valore Necessaro per l calcolo del complemento a La somma d numero ad n bt rchede un tempo par ad n volte crca quello rchesto da un modulo d somma c = x y + x c + y c + x y c s c + c + x y Full Adder s c

3 Addzone senza segno - Rpple-Carry a n bt Struttura e prestazon Il calcolo esatto del rtardo s effettua basandos sulla seguente archtettura Sano T s e T r rtard per l calcolo della somma e del rporto -m rspettvamente Rpple-Carry Adder Rpple Carry: : archtettura a blocch c n x n- y n- x y n-bt Rpple Carry Adder c x n- y n- x y x y s n- s n- c Rpple-Carry Block Archtecture c n c c x kn- y kn- x n- y x n- n y n x n- y n- x y s n- s s Prestazon: l rtardo totale per ottenere tutt bt della somma è dato dall espressone: c kn n-bt Rpple Carry Adder c (k-)n c n n-bt Rpple Carry Adder c n n-bt Rpple Carry Adder c T tot = (n-)t r + T s Il percorso crtco è qund quello del rporto s kn- s (k-)n s n- s n s n- s Addzone veloce (ad antcpazone d rporto) Funzon d generazone e d propagazone del rporto Motvazon: ottenere un sommatore con prestazon mglor S basa sulle seguent consderazon Le espresson d somma e rporto per lo stado sono: s = x 'y 'c + x 'y c '+ x y 'c '+ x y c c + = x y + x c + y c L espressone del rporto n uscta può essere rscrtta come: c + = G + P c con G = x y e P = x + y (o anche P = x y ) Le funzon G e P Sono dette funzon d generazone e propagazone G : se x =y =, allora l rporto n uscta deve essere generato P : se x o y = e c =, allora l rporto n ngresso deve essere propagato n uscta Possono essere calcolate n parallelo, per tutt gl stad, rspetto alle rspettve somme. - - Addzone veloce - calcolo de rport n parallelo L espressone per l rporto c + = G + P c può essere calcolata n modo teratvo. Sosttuendo c = G - + P - c nell'espressone d c - + s ha: c + = G + P (G - +P - c - ) = G + P G - + P P - c - Contnuando con l'espansone fno a c s ottene: c + = G + P G - + P P - G P P -...P G + + P P -...P P c I rport n uscta d ogn sngolo stado possono essere calcolat tutt n parallelo e con rtardo dentco (realzzazone SOP) tramte: le funzon d generazone G e le funzon d propagazone P l rporto n ngresso allo stado, c I sommator che sfruttano l meccansmo della generazone de rport n antcpo sono dett Carry-Look-Ahead Adders o CLA Adders - -

4 Addzone veloce Struttura e prestazon Struttura e prestazon d un CLA a 4 bt Addzone veloce Struttura generale CLA logc P 3 G 3 P G P G P G P G P G P G P G P G P G Carry Look-Ahead Logc: Internal archtecture c c c c CLA logc x n- y n- x y x y c 3 c 4 x 3 y 3 3 c 3 x y 3 c x y 3 c x y 3 c 4 5 s 3 5 s 5 s s c Full Adder G n- P n- Carry Look-Ahead Logc x n- y n- x y G P G P c =G +P c dove c = G +P G +P P c c 3 = G +P G +P P G +P P P c G =x y P =x +y c n CLA Logc c c c c 4 = G 3 + P 3 G + P 3 P G + P 3 P P G + P 3 P P P c c n- c Sommator Carry Look-Ahead Addzone veloce: calcolo delle prestazon Carry Look-Ahead Logc c n x n- y n- x n- y n- Carry Look-Ahead Logc c n- x y x y c x y c Il rtardo totale per ottenere tutte le somme ed l rporto pù a snstra c + è dato dalla somma d: Un rtardo d porta per l calcolo delle funzon d generazone e d propagazone (G = x y e P = x + y ) Due rtard d porta logca per calcolare l rporto -esmo (SOP) Due rtard d porta logca per calcolare la somma -esma (SOP) Totale: 5 rtard d porta logca Il rtardo è costante e ndpendente dalla lunghezza degl operand Full Adder s n- Full Adder s Full Adder s Problema: La realzzazone crcutale de modul che calcolano rport per operand lungh (ad esempo 3 bt) fa uso d porte con un fan-n molto elevato: non pratcable!! Soluzone: addzonatore veloce a blocch

5 Addzone veloce a blocch Addzone veloce - blocco CLA a 4 bt Il sommatore completo a n bt è ottenuto utlzzando un nseme d blocch costtut da CLA a m bt e della logca CLA P 3 G 3 P G P G P G P G P G P G P G P G P G Esempo: blocco è costtuto da un sommatore CLA a 4 bt (ragonevole) Struttura del blocco d un CLA a 4 bt Il rporto fnale d questo sommatore ha la seguente espressone: 3 c 4 c c x 3 y 3 3 c 3 x y 3 c x y 3 c c c x y c c 4 = G 3 + P 3 G + P 3 P G + P 3 P P G + P 3 P P P c che può essere rscrtta come c uscta = G + Pc con l tempo d rtardo per l calcolo d P e G: P = attraversamento d porte logche ( per calcolare P 3, P, P e P, per calcolare l prodotto) G = attraversamento d 3 porte logche (calcolo d P e G, calcolo de prodott, calcolo della somma) P 3 P P P P 5 s 3 P 3 P P G 3 G G G 3 G s 5 5 s s X 3- y 3-4-bt CLA 5 S P 3 G 3- c Esempo - sommatore a 6 bt con CLA a 4 bt Esempo - sommatore a 8 bt con CLA a bt Prestazon: n questo caso crca n/ Che cosa succede se devo sommare due numer da 3 o da 64 bt? Le prestazon d un CLA adder a n bt costtuto da blocch da m bt sono espresse come log m n, a meno del fattore costante dato dal rtardo d un CLA a m bt. x 7 y 7 x 6 y 6 G = G ++P +G P = P + P c + = G+Pc c + x 5 y 5 x 4 y 4 G + P + G P G P c c + G x 3 y 3 x 4 y 4 P S c x y x y x y X 5- y 5- X -8 y -8 X 7-4 y 7-4 X 3- y 3- c 7 c 6 c 5 c 4 c 3 c 3 c c c c 4-bt CLA c 4-bt CLA c 8 4-bt CLA c 4 4-bt CLA c G 7 P 7 S 7 G 6 P 6 S 6 G 5 P 5 S 5 G 4 P 4 S 4 G 3 P 3 S 3 G P S G P S G P S 3 P G 7 S 5-3 P G 7 S -8 3 P G 6 S P G 5 S 3- c 6 c 4 c c c 4 c 4 c c 6 5 ndce 3 ndce ndce ndce c 4 =.. c 3 =.. c = G +P G +P P c c =G +P c CLA logc 3 P G 5 c 8 c

6 Somma d pù valor: sommator carry save Calcolo della somma d 3 (o pù) valor: W = X + Y + Z Somma d tre addend - archtettura con sommator rpple-carry Soluzone con sommator rpple-carry W = (X + Y) + Z = T + Z Soluzone : Calcolare una somma ntermeda: T = X + Y E qund calcolare l rsultato fnale: W = T + Z Le somme possono essere realzzate medante Due sommator rpple-carry (o due sommator carry look-ahead) conness n cascata Rcorda: la somma d N addend da n bt rchede n+ log N bt per l rsultato x n- y n- c n t n- z n- x y c t z x y c t z Soluzone : Modfca dell algortmo d somma e uso d sommator carry save per mglorare le prestazon c n w n+ w n c n w n- c w c w Somma d tre addend - Prestazon con sommator rpple-carry Somma d tre addend con Sommator Carry Save Prestazon con sommator rpple-carry (n blu l rtardo d ogn segnale) Rtardo R = (n + ) T con T rtardo d un Full-Adder Somma d N addend da n bt: N- stad d somma, rsultato su n+ log N bt, rtardo = (n+ log N ) T Il prmo stado calcola le somme S (parzal e senza propagazone d rporto) e rport CS (Carry Save Adder) Il secondo stado somma (con propagazone d rporto) valor provenent dal prmo stado x n- y n- z n- x y z x y z n n n- cs n cs s cs s n- cs n- s n+ n+ n+ n+ n 3 3 c n c n- c w n+ w n w n- w w

7 Somma d tre addend - Prestazon Carry Save Sommatore Carry Save come blocco Prestazon con sommatore rpple-carry per l ultmo stado (n blu l rtardo d ogn segnale) Rtardo R = (n + ) T con T rtardo d un Full-Adder Sommatore Carry Save composto da due untà Blocco Carry Save: Produce due vettor S e CS Rtardo: R CS = Sommatore Rpple-Carry: Produce l rsultato fnale Rtardo: R RC = n + Carry Save Logc x n- y n- z n- x y z X Y Z n n- Carry Save Carry Save n+ n+ n cs n s n- cs n- s cs s cs n S CS s Sommatore Carry Save come blocco Esempo sommatore a 6 addend con blocch Carry Save da 3 addend Istant d generazone de bt d uscta A B C D E F T= cs n X Y Z Carry Save S CS s T= T= cs n CS-n bt CS-n bt CS S s cs n CS S s CS-n bt Genera l bt cs n CS S s T= T= RC Adder CS-n bt Genera l bt w n+ W[n..] w T= T=..(n+) T=n+ w n+ cs n CS S s T= 3 RC Adder Genera rmanent bt del rsultato W [n+..] w w T= 3 + n

8 Esempo sommatore a 9 addend con blocch Carry Save da 3 addend Addzone e sottrazone per valor rappresentat n complemento a Vantagg pù evdent al crescere del numero degl operand T= Carry Save Carry Save Carry Save T= Carry Save Carry Save T= Carry Save T=3 Carry Save T=4 RC Adder T=4+n Regole per la somma e sottrazone d due numer n complemento a su n bt Per calcolare x+y Fornre n ngresso ad un sommatore bnaro naturale le codfche bnare Ignorare l bt d rporto n uscta Il rsultato è n complemento a due Per calcolare x-y Rcavare la rappresentazone dell opposto d y (complemento a due) Sommare valor così ottenut come nella regola precedente Il rsultato è n complemento a due I rsultat sono corrett se e solo se, dsponendo d un sommatore bnaro senza segno ad n bt, l rsultato sta nell ntervallo: - n- x ± y n- - In caso contraro s verfca overflow (o underflow) artmetco Addzone e sottrazone per valor rappresentat n complemento a Sommator Add/Subtract Subtract: : operazon n complemento a Condzon d overflow e d underflow per somme e sottrazon n complemento a su n bt A+B A B Segno somma Ov/Un A-B=A+(-B) A B -B = B CPL Segno somma Ov/Un Add/Subtract Archtecture x n- x x y n- y y Add/Sub > > S-Ov > > < no > < no > < > S-Ov < < > < no S-Un < < > < < > S-Un no c n n-bt Adder c overflow per somma = (segno addend e segno somma) underflow per somma = overflow per sottrazone = underflow per sottrazone = Underflow Overflow s n- s s

9 Moltplcazone nter senza segno MOLTIPLICAZIONE e ARCHITETTURE DI MOLTIPLICATORI Moltplcazone senza segno e moltplcator per rghe e dagonal Moltplcazone con segno con sottomatrc d prodott parzal Moltplcazone con l algortmo d Booth Moltplcazone per colonne e moltplcatore d Wallace Moltplcator sequenzal La moltplcazone d numer senza segno s esegue con lo stesso metodo usato per la moltplcazone decmale Il prodotto d due numer bnar d n e k bt è un numero bnaro d n+k bt Ogn prodotto parzale deve essere esteso a n+k bt tramte Ad esempo: = Moltplcando M = 3 Moltplcatore Q = Matrce de prodott parzal Prodotto P = 43 Moltplcator combnator Archtetture d moltplcator Prodotto d due numer postv d 3 bt (n bt - n bt prodotto) Moltplcazone bt a bt x x x y y y y x y x y x y x y x y x Le archtetture sono defnte a seconda del meccansmo d somma e propagazone de rport delle rghe della matrce d prodott parzal Somma per rghe: rport s propagano per rghe Somma per dagonal: rport s propagano per dagonal Somma per colonne: rport s propagano per colonne y x y x y x PP PP PP PP PP PP PP PP PP Matrce d prodott parzal costtuta da n rghe Le archtetture rsultant sono caratterzzate comunque da strutture regolar p 5 p 4 p 3 p p p

10 Moltplcator combnator: somma per rghe Moltplcator combnator: somma per rghe Somma per rghe Moltplcando Multpler Cell Σ n=,- PP -n,j+n x j Ogn cella del moltplcatore calcola l prodotto parzale corrspondente e una somma parzale PP x x x y y y c j Full Adder c j- Il rporto delle somme parzal s propaga lungo la rga Le somme s propagano n vertcale Per l calcolo del prodotto parzale, X s propaga n dagonale e Y n vertcale PP y Moltplcatore x j Σ n=,- PP -n,j+n Sono necessar n sommator a n bt (con eventuale calcolo del prodotto parzale). Il prmo non genera rport La struttura è regolare Prestazon: dpendono da sommator, con sommator non veloc ordne d n PP p 5 p 4 p 3 p p p Prodotto y Moltplcator combnator: somma per dagonal Moltplcator combnator: somma per dagonal Somma per dagonal Ogn cella del moltplcatore (tranne quelle dell ultma rga) calcola l prodotto parzale corrspondente e una somma parzale Il rporto delle somme parzal s propaga lungo le dagonal Le somme s propagano n vertcale Per l calcolo del prodotto parzale, X s propaga n dagonale e Y n vertcale Sono necessar n sommator a n bt (d cu l prmo non genera rport) La struttura è regolare Prestazon: dpendono da sommator, con sommator non veloc ordne d n

11 Moltplcazone con segno: sottomatrc Moltplcazone con segno (cont( cont.) Altro modo d defnre l complemento a : l valore della cfra assocata al bt pù sgnfcatvo ha segno negatvo. +5 = -5 = -5 = = Consderando ad esempo 4 bt, valor d un moltplcando M negatvo e d un moltplcatore Q negatvo possono essere rappresentat come - Moltplcando M = (-m 3 ) 3 +m +m +m - Moltplcatore Q = (-q 3 ) 3 +q +q +q - Dove m 3,, m e q 3,, q sono bt del moltplcando e del moltplcatore Nota: questa rappresentazone vene usata, ed è corretta, sa per valor postv che negatv Costruzone de prodott parzal (matrce dagonale) Camba per tener conto del segno de due fattor (caso M e Q negatv) -q m 3 q m q m q m -q m q 3 m q m q m -q m q 3 m q m q m +q 3 m 3 -q 3 m -q 3 m -q 3 m Moltplcazone con segno (cont( cont.) Esempo Estensone a n+k bt tramte Scomposzone della matrce nzale n due sottomatrc, una con sol termn negatv, l altra con solo quell postv. Il rsultato è dato dalla dfferenza de due rsultat parzal q m q m q m q m q m q m q m q m q m q 3 m 3 Somma parzale termn postv - q m 3 q m 3 q m 3 q 3 m q 3 m q 3 m Somma parzale termn negatv S calcol l prodotto 3 x = n complemento a

12 Esempo Moltplcazone con segno - Algortmo d Booth S calcol l prodotto -3 x = Se l moltplcatore contene sequenze d, l algortmo d Booth è pù effcente del metodo vsto n precedenza (coè devono essere generat molt meno prodott parzal) S consder ad esempo la moltplcazone per Q=3: M x 3 = M x (3 - ) = M x 3 - M x In rappresentazone bnara: M x = M x - M x = M x + M (-) x I moltplcator così ottenut Sono potenze del due Sono sequenze d bt con un solo uno Algortmo d Booth: : codfca del moltplcatore Algortmo d Booth: : esempo d codfca L algortmo s basa sulla scomposzone appena vsta Tale scomposzone è rappresentata come una codfca del moltplcatore basata sulle seguent regole Ad esempo Q = 3 è codfcato come Q B = +- Q = S consder un moltplcatore Q d lunghezza n S scorre l moltplcatore da snstra verso destra Il moltplcatore codfcato Q B s ottene: Scrvendo l smbolo + quando s passa da ad Scrvendo l smbolo - quando s passa da a Scrvendo l smbolo quando due bt successv sono ugual Se Q termna con aggungo a Q B altrment aggungo - Q B = + - Aggunto Utlzzando tale codfca, prodott parzal saranno: con estensone del segno, quando q B, = M (-) con estensone del segno, quando q B, = - M con estensone del segno, quando q B, =

13 Algortmo d Booth: : codfca del moltplcatore Esempo Le regole esposte per l algortmo d Booth possono essere rassunte nella tabella seguente: Moltplcatore q q - Codfca PP M = + + M = M - - M = M (-) M = E noltre, se: q =, la codfca del bt aggunto è e qund l prodotto parzale è q =, la codfca del bt aggunto è - e qund l prodotto parzale è M (-) Moltplcare 3 x -9, usando l algortmo d Booth su 5 bt I valor bnar da usare sono: 3 = -3 = -9 = -9 B = -+- Il prodotto s esegue qund nel modo seguente: Estensone a n+k bt tramte estensone del segno M (-) M M (-) -+ - = Moltplcando M = 3 Moltplcatore Q = -9 Prodotto P = Moltplcator combnator: somma per colonne Moltplcator combnator: somma per colonne Il metodo è smle a quello utlzzato a mano per effettuare la moltplcazone S utlzza la matrce de prodott parzal (matrce d AND) e un nseme d contator parallel Il generco contatore parallelo rceve n ngresso una colonna d prodott parzal (e gl eventual rport dagl stad precedent) e genera l conteggo degl della colonna Il conteggo generato n ogn stado produce l bt del prodotto per lo stado consderato e eventual rport per gl stad successv Irregolare (contator dvers) Prestazon: paragonabl a quelle per somma per rghe, nfatt s ha propagazone d rport n tutte le colonne Moltplcando e moltplcatore da 6 bt In nero la matrce d AND, n rosso rport generat da contator ogn contatore genera bt del prodotto e rport per le colonne successve l contatore d colonna genera rporto per colonna l contatore d colonna genera rport per colonna 3 e 4 l contatore d colonna 3 genera rport per colonna 4 e 5 e così va

14 Moltplcator combnator: somma per colonne con rduzone della matrce de termn prodotto Moltplcator combnator: somma per colonne con matrc successve Rduzone successva della matrce de prodott parzal La matrce de prodott parzal M vene rdotta, n termn d rghe, tramte contator parallel per colonna che non propagano rport, ma l usano (nseme a bt d somma) per costrure la matrce rdotta Il rsultato generato da contator crea una matrce successva M, costtuta da un numero nferore d rghe. In questo modo non c è propagazone de rport all nterno della stessa matrce Il procedmento vene terato fno a quando non s ottene una matrce d sole due rghe Le due rghe costtuscono l ngresso ad un sommatore La rduzone è rapda La struttura è rregolare Le prestazon aumentano potes: l tempo d un contatore è dentco a quello d un Full-Adder domna l tempo del sommatore fnale Battera d contator Battera d contator Sommatore M M M Moltplcator combnator: moltplcatore d Wallace Moltplcator combnator: moltplcatore d Wallace E basato sulla rduzone successva della matrce M Prevede l utlzzo d sol contator a o 3 ngress, che sono equvalent rspettvamente ad un Half-Adder e a un Full-Adder Il procedmento d rduzone della matrce a sole rghe è pù lento rspetto al caso d contator a ngress qualsas, ma comunque rapdo (log 3/ n pass) M d n rghe M d (/3)n rghe M d (/3) n rghe.. Mh d (/3) h n rghe: se l n d rghe è uguale a la rduzone termna La struttura è regolare Battera d contator Battera d contator Battera d contator M M M Le prestazon sono domnate dal sommatore fnale (veloce) Sommatore M

15 Moltplcator sequenzal [] Moltplcator sequenzal [] Moltplcazone sequenzale tra due numer d n I pass da esegure sono:. Inzalzza a zero un regstro accumulatore A. Inzalzza a zero un bstable C per l rporto 3. Salva ne regstr Q ed M moltplcatore e moltplcando 4. Se l bt meno sgnfcatvo d Q vale Somma A ed M Memorzza l rsultato n A 5. Shft a destra del regstro [C; A; Q] d una poszone 6. Rpet dal punto 4 per n volte 7. Preleva l rsultato della moltplcazone da regstro [A; Q] Archtettura d un moltplcatore sequenzale n - n - C A Q + FSM MUX n - M q Shft dx Numer n vrgola fssa ARITMETICA n VIRGOLA MOBILE Confronto con artmetca n vrgola fssa Rappresentazone de valor Operazon Struttura d un sommatore/sottrattore Fno a questo punto abbamo assunto che Un vettore d bt rappresentasse sempre un numero ntero Eventualmente con segno Tutte le consderazon fatte fno ad ora e tutt metod espost contnuano a valere se s attrbusce a vettor d bt l sgnfcato d numer n vrgola fssa Un sstema d numerazone n vrgola fssa è quello n cu: La poszone della vrgola decmale è mplcta La poszone della vrgola decmale uguale n tutt numer La poszone della vrgola equvale alla nterpretazone del valore ntero moltplcato per un fattore d scala - 6 -

16 Numer n vrgola fssa: fattore d scala Esempo S consder ad esempo l vettore d k+n bt (k bt per rappresentare la parte ntera e n bt per rappresentare la parte frazonara): B = b k-... b,b -... B -n Il suo valore è dato da V(B) = b k- x k b x + b - x b -n x -n Il fattore d scala che consente d passare dalla rappresentazone ntera a quella a vrgola fssa è par a S n = -n = / n Dett V I l valore ntero e V VF l valore n vrgola fssa d B: V VF (B) = V I (B) x S n = V I (B) x -n parte frazonara S consder l vettore bnaro: B =. Il suo valore n vrgola fssa è: V VF (B) = = + / + / 8 + / 6 = 43 / 6 =.6875 Il fattore d scala da utlzzare per la conversone è: S 5 = -5 = / 3 =.35 Il valore d B, consderandolo ntero è: V I (B) = = = 86 Da cu, moltplcando per l fattore d scala, s ha: V VF (B) = V I (B) x S 5 = 86 x.35 = Vrgola fssa vs. vrgola moble Errore d quantzzazone: : vrgola fssa vs. vrgola moble Intervallo d varazone d un numero bnaro d 3 bt Codfca ntera V I (B) x 9 Codfca n vrgola fssa x V VF (B) + Codfca n vrgola moble V VM (B) A par numero d bt dsponbl con la rappresentazone ntera o n vrgola fssa, valor rappresentat sono dstrbut unformemente nel campo d rappresentabltà con la rappresentazone n vrgola moble, valor rappresentat sono dstrbut non unformemente nel campo d rappresentabltà sono pù ftt vcno allo e pù rad per valor assolut grand Nella rappresentazone n vrgola moble (floatng pont) la poszone della vrgola è moble ed è ndcata dal valore d un fattore moltplcatvo (± Mantssa x Base Esponente ) Vrgola fssa (con n bt per la parte frazonara) E Ass = Val Vero -Val Rappr = costante con (-/) -n < E Ass < (+/) -n E Rel = E Ass / Val Vero (e coè E Rel Val Vero = costante) tanto pù pccolo è l valore vero da rappresentare tanto maggore è l errore relatvo che s commette nel rappresentarlo tanto pù grande è l valore vero da rappresentare tanto mnore è l errore relatvo che s commette nel rappresentarlo Vrgola moble E Rel = costante (= -#bt della M ) E Ass = aumenta all aumentare del valore valore vero da rappresentare

17 Errore d quantzzazone: : vrgola fssa vs. vrgola moble Esempo Valore rappresentato R4 R Vrgola fssa Valore rappresentato R4 R Vrgola moble Numer n vrgola fssa Dato. ed l suo successvo. Errore percentuale: (.-.)/.* = % Dato. ed l suo successvo. Errore percentuale: (.-.)/.* =.% E R = E A / V vero E R V vero = E A = cost Valore vero E A = cost=v V -V rap E A = V vero V rap Valore vero E R = cost=e A /V vero Numer n vrgola moble Dato.8e- ed l suo successvo.9e- Errore percentuale: ((.9e--.8e-)/.8e-)* =.785 % Dato.8e+ ed l suo successvo.9e+ Errore percentuale: ((.9e+-.8e-+)/.8e+)* =.785 % Valore vero Valore vero Numer n vrgola moble Numer n vrgola moble Valor rappresentabl Codfca n vrgola moble per numer n base S dce normalzzato un numero n cu M < Segno Mantssa Esponente IEEE standard: Numer floatng-pont n sngola precsone S E M bt Segno 8 bt Esponente 3 bt Mantssa L esponente utlzza la codfca n eccesso 7, e coè l valore effettvo dell esponente è par a (E-7) E = e M = Rappresenta lo zero (pos/neg) E = 55 e M = Rappresenta nfnto (pos/neg) Codfca n vrgola moble per numer n base In un numero bnaro n vrgola moble e normalzzato La prma cfra della mantssa è sempre ( M < ) Tale cfra non vene rappresentata esplctamente E = 55 e M!= NotANumber <E<55 (-) s x (E-7) x (,M) (7 E 54 esp.postv, 6 E esp.negatv) E = e M!= (-) s x -6 x (,M) non normalzzat Standard IEEE 3 bt: ntervallo rappresentato -.M x -38 x +.M x 38 La precsone consentta è d crca 7 cfre decmal

18 Numer n vrgola moble Valor rappresentabl Operazon n vrgola moble Motvazone della rappresentazone non normalzzata E = e M!= (-) s x -6 x (,M) non normalzzat Il valore pù pccolo rappresentable normalzzato è ± -7 x, = ± 6 che espresso n vrgola moble da E= e M = rappresentazone non normalzzata E= e M!= Interpretata nel modo seguente: Valore numerco = ± 6 x, Il pù pccolo valore rappresentable è ± 6 x, = ± 6 x 3 = ± 49? Le operazon che s possono compere su numer n vrgola moble sono: Somma Sottrazone Moltplcazone Dvsone Elevamento a potenza Estrazone d radce Inoltre sono defnte le operazon d: Normalzzazone Troncamento Operazon n vrgola moble Operazon n vrgola moble: normalzzazone L esecuzone d una operazone n vrgola moble può provocare una eccezone Una eccezone è l rsultato d una operazone anomala, quale, ad esempo: Dvsone per zero Estrazone della radce quadrata d un numero negatvo Le eccezon che vengono generate dalle untà artmetche n vrgola moble sono: Operazone non valda Dvsone per zero Overflow Underflow Tutte le operazon descrtte nel seguto operano su numer normalzzat ( mplcto prma della vrgola) Se l mplcto manca, la normalzzazone d un numero con mantssa M ed esponente n, s esegue come segue: S fa scorrere verso snstra la mantssa M fno al prmo uno, compreso; sa k l numero d poszon d tale scorrmento S sottrae k all esponente n Ad esempo: = Scorrmento d 3 poszon Rcorda: Scorrmento a sx equvale a moltplcazone Scorrmento a dx equvale a dvsone

19 Operazon n vrgola moble: somma e sottrazone Operazon n vrgola moble : moltplcazone La somma o sottrazone tra numer n vrgola moble vene eseguta secondo seguent pass: S scegle l numero con esponente mnore S fa scorrere la sua mantssa a destra un numero d bt par alla dfferenza de due esponent S assegna all esponente del rsultato l maggore tra gl esponent degl operand S esegue l operazone d somma (algebrca) tra le mantsse per determnare l valore ed l segno del rsultato S normalzza l rsultato così ottenuto Non sempre quest ultma operazone è necessara Attenzone!!! Il rporto s può propagare anche dopo la poszone della vrgola La moltplcazone tra numer n vrgola moble vene eseguta secondo seguent pass: S sommano gl esponent e s sottrae 7 S calcola l rsultato della moltplcazone delle mantsse S determna l segno del rsultato S normalzza l rsultato così ottenuto Non sempre quest ultma operazone è necessara La sottrazone d 7 dalla somma degl esponent è necessara n quanto sono rappresentat n eccesso 7 E a,7 = E a + 7 E b,7 = E b + 7 E axb,7 = E axb + 7 = (E a + 7) + (E b + 7) Operazon n vrgola moble : dvsone Operazon n vrgola moble: troncamento La dvsone tra numer n vrgola moble vene eseguta secondo seguent pass: S sottraggono gl esponent e s somma 7 S calcola l rsultato della dvsone delle mantsse S determna l segno del rsultato S normalzza l rsultato così ottenuto Non sempre quest ultma operazone è necessara La somma d 7 alla dfferenza degl esponent è necessara n quanto sono rappresentat n eccesso 7 E a,7 = E a + 7 E b,7 = E b + 7 E a/b,7 = E a/b + 7 = (E a + 7) - (E b + 7) + 7 Spesso accade d rappresentare rsultat ntermed d una operazone con una precsone maggore d quella degl operand e del rsultato Al termne dell operazone è necessaro effettuare una operazone d troncamento Il troncamento serve a rmuovere un certo numero d bt per ottenere una rappresentazone approssmata del rsultato S consder l valore numerco rappresentato dal vettore: B =.b -... b -(k-) b -k b -(k+)... b -n S vogla effettuare troncamento al bt k-esmo

20 Operazon n vrgola moble: troncamento Archtetture per artmetca n vrgola moble: sommatore Choppng Consste nell gnorare bt dal k-esmo all n-esmo Questo metodo è polarzzato o based L errore è sempre postvo e vara nell ntervallo: < ε<+( -k+ - -n ) Roundng Se l bt k-esmo vale, lascare nvarato l bt n poszone (k-) e gnorare bt dal k-esmo all n-esmo Se l bt k-esmo vale, sommare n poszone (k-) e gnorare bt dal k-esmo all n-esmo Questo metodo è smmetrco o unbased L errore è centrato sullo zero e vale: -( -k+ - -n ) <ε<+( -k+ - -n ) I crcut per la realzzazone delle operazon n vrgola moble sono molto compless S consder l algortmo per la somma secondo lo standard IEEE Sngle Precson: S scegle l numero con esponente mnore e s fa scorrere la sua mantssa a destra un numero d bt par alla dfferenza de due esponent S assegna all esponente del rsultato l maggore tra gl esponent degl operand S esegue l operazone d somma tra le mantsse per determnare l valore ed l segno del rsultato S normalzza l rsultato cos ottenuto Non sempre quest ultma operazone è necessara Nota: se A o B = ± se A o B = se la dfferenza tra gl esponent è maggore o uguale al numero d bt a dsposzone per le mantsse è nutle fare la somma Sommatore n vrgola moble [] Sommatore n vrgola moble [] Nel seguto vene svluppato un sommatore floatng pont I numer A e B sono rappresentat Su 3 bt Secondo lo standard IEEE Sngle Precson Gl operand A e B sono compost come segue: A = { S A, E A, M A } B = { S B, E B, M B } In cu: S A, S B Segno, bt E A, E B Esponente n eccesso 7, 8 bt M A, M B Mantssa,3 bt Passo S scegle l numero con esponente mnore e s fa scorrere la sua mantssa a destra un numero d bt par alla dfferenza de due esponent Rchede le seguent operazon: Indvduazone dell esponente mnore E mn Calcolo della dfferenza tra gl esponent d = E A -E B Selezone della mantssa dell operando con esponente M Emn Scorrmento della mantssa M Emn d d poszon a dx (tenendo conto dell mplcto) Il calcolo della dfferenza tra gl esponent consente allo stesso tempo (analzzandone l segno S E ) d ndvduare l esponente mnore

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1. Floating Point Notazione in virgola mobile N = M BE mantissa base esponente esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.6273 102 forma normalizzata: la mantissa ha una sola cifra

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Rappresentazione numeri in virgola mobile

Rappresentazione numeri in virgola mobile Rappresentazione numeri in virgola mobile Un numero non intero può essere rappresentato in infiniti modi quando utilizziamo la notazione esponenziale: Es. 34.5 = 0.345 10 2 = 0.0345 10 3 = 345 10-1 Questo

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie Metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 5-31 ottobre 2005 Outline 1 Il problema di Cauchy Il problema

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio.

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio. Guida Rapida Guida Rapida Progetto Telefoni N e x t Collegati ai sistemi Progetto 35 PROMELT Meglio comunicare meglio. Telefoni PROGETTO NEXT Telefono ntercomunicante PROGETTO NEXT l Vs. apparecchio ha

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Esercizio 1 Soluzione Esercizio 2 Soluzione

Esercizio 1 Soluzione Esercizio 2 Soluzione Esercizio 1 Si specifichi, mediante una formula del prim ordine un apparato che funziona nel modo seguente: All istante 0 esso emette un segnale s, che può essere uno 0 o un 1. Se, dopo l emissione di

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Altri cifrari a blocchi

Altri cifrari a blocchi Altri cifrari a blocchi Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci RC2 [1989] IDEA (International

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che:

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che: MATEMATICA 2005 Se log a b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b L espressione y = log b x significa che: A) y é l esponente di una potenza di base b e di valore x B) x è l

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli