Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna"

Transcript

1 Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi

2 dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi

3 La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell Azienda USL di Ravenna - Comunicazione e Relazioni con gli organi di Informazione (mass-media) dell'azienda USL di Ravenna - Direzione Sanitaria dell Azienda USL di Ravenna - Direzione dell Assistenza Ospedaliera dell Azienda USL di Ravenna Si ringraziano per la preziosa collaborazione i dirigenti e i responsabili dell Azienda USL di Ravenna ed i Comitati Consultivi Misti di Ravenna, di Lugo e di Faenza che hanno contribuito alla stesura dei contenuti della Carta dei servizi. U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA - AZIENDA USL DI RAVENNA Composizione ed impaginazione: Claura Campanini Stampa: a cura del Centro Stampa Aziendale Ravenna: stampa luglio

4 INDICE Presentazione pag. 9 Sezione 1 Presentazione dell Azienda Sanitaria e dei suoi principi fondamentali pag. 10 Missione pag. 11 Valori fondanti pag. 11 Organizzazione aziendale pag. 12 Organi dell Azienda pag. 13 Sezione 2 Informazioni sulle strutture ed i servizi forniti pag. 14 Distretti pag. 14 Dipartimenti pag Dipartimenti territoriali Dipartimento di Cure Primarie pag Assistenza dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta pag Servizio di Continuità Assistenziale (guardia medica notturna, pre-festiva e festiva) pag Assistenza sanitaria estiva per turisti pag. 17 5

5 - Assistenza specialistica ambulatoriale (visite, accertamenti ed esami) pag Percorso di garanzia pag Assistenza infermieristica domiciliare pag Assistenza agli anziani e disabili adulti pag Assistenza dei Consultori Familiari e Spazio Giovani pag Assistenza della Pediatria di Comunità pag Assistenza agli stranieri presenti nel territorio regionale pag Assistenza all estero pag Cure odontoiatriche pag Prenotazioni pag Sportelli unici pag Accesso diretto per gli esami di laboratorio pag Prestazioni in libera professione pag. 34 Dipartimento di Sanità Pubblica pag Igiene e salute pubblica pag Sicurezza sul lavoro pag Salute degli animali pag Salute nello sport pag. 39 Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche pag Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza pag Dipendenze patologiche pag Centro Salute Mentale pag Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura pag Riabilitazione Psichiatrica pag. 43 6

6 Assistenza ospedaliera pag. 44 Dipartimenti ospedalieri pag Ricovero pag Consenso informato pag Secondo parere pag Cartella clinica pag Medico e infermiere di riferimento pag Ospedale senza dolore pag Dimissione protetta pag Assistenza psicologica in ospedale pag Assistenza farmaceutica pag Servizi di emergenza territoriale pag. 57 Percorsi di salute pag. 60 Assistenza alle persone con diabete nella Provincia di Ravenna pag. 60 Nascere nella Provincia di Ravenna pag. 63 La senologia pag. 66 Programmi di screening pag Screening mammella pag Screening collo dell utero pag Screening colon retto pag. 69 Sezione 3 Standard di qualità, impegni e programmi pag. 70 7

7 Sezione 4 Meccanismi di tutela e di verifica pag. 72 Tutela dei diritti e partecipazione dei cittadini pag. 72 Uffici Relazioni con il Pubblico (URP) pag. 72 Centralini ospedalieri pag. 73 Punti informativi pag. 74 Portale web pag. 76 Numero verde regionale pag. 76 Comitati Consultivi Misti (CCM) pag. 76 Comitato Etico Area Vasta Romagna e IRST pag. 77 Mediazione culturale pag. 78 Consenso informato pag. 79 Accesso agli atti pag. 79 Privacy pag. 79 Aggiornamenti pag. 80 Allegati 1) Tabella impegni ed indicatori 2) Tabella servizi e funzioni accessibili ai pazienti nei vari Dipartimenti Ospedalieri 8

8 La Carta dei Servizi ha l'obiettivo di fornire tutte le informazioni che possono facilitare il percorso dei cittadini ai servizi sanitari presenti sul nostro territorio. Una informazione adeguata, permette agli utenti di utilizzare in modo più appropriato e in base alle proprie necessità le strutture sanitarie ospedaliere e territoriali. La Carta dei Servizi rappresenta un patto tra l'azienda USL e i cittadini, all'interno del quale sono definiti gli impegni che l'azienda ha assunto nei confronti degli utenti stessi. L'obiettivo primario è quello di tutelare i diritti di coloro che hanno accesso ai servizi, attraverso l'adozione di impegni finalizzati a migliorare l'organizzazione sanitaria e quindi la qualità dei servizi erogati. La divulgazione, tramite la Carta dei Servizi, degli impegni adottati con relativi standar di qualità, permette al cittadino stesso di verificare il raggiungimento di quanto dichiarato. E' on-line la carta dei servizi 2013 dell'azienda USL di Ravenna. Dalla home page del sito, raggiungibile all'indirizzo è possibile accedere a questo nuovo documento che arricchisce l'offerta informativa già presente. La Direzione Generale dell'azienda USL di Ravenna 9

9 Sezione 1 Presentazione dell Azienda Sanitaria e dei suoi principi fondamentali L'Azienda USL di Ravenna, istituita con deliberazione della Giunta Regionale n del 7/6/1994, svolge il suo operato sul territorio della provincia di Ravenna, su una superficie di Kmq 1859,44, suddivisa in 18 comuni: Alfonsine, Bagnacavallo, Bagnara, Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Cervia, Conselice, Cotignola, Faenza, Fusignano, Lugo, Massalombarda, Ravenna, Riolo Terme, Russi, Sant'Agata sul Santerno, Solarolo. Articolata in tre Distretti territoriali: Ravenna, Lugo e Faenza, si pone l'obiettivo di promuovere, mantenere e migliorare lo stato di salute della popolazione residente pari a (dato ISTAT 2012), con una densità demografica di 212,14 ab./kmq. Sede legale Via De Gasperi, Ravenna - tel. 0544/ Codice Fiscale: Partita IVA: L'Azienda USL è articolata in 3 Distretti ed organizzata in Dipartimenti ospedalieri e territoriali. Gli Ospedali aziendali sono: Ospedale di Ravenna, Ospedale di Lugo e Ospedale di Faenza. A Cervia è presente la Struttura Sanitaria S.Giorgio. 10

10 Missione L'Azienda USL di Ravenna concorre alla realizzazione della missione del Servizio Sanitario della Regione Emilia-Romagna contribuendo alla promozione, mantenimento e miglioramento dello stato di salute, come diritto fondamentale della persona ed interesse della collettività, per la propria popolazione di riferimento e per l'insieme dei cittadini presenti nel territorio di competenza in condizioni di bisogno di assistenza, assicurando la disponibilità e l'accesso all'intera gamma di tipologie di assistenza, servizi e prestazioni compresi nei livelli essenziali di assistenza, come definiti dalla programmazione nazionale, regionale e locale, avvalendosi anche delle attività prodotte dall'insieme dei soggetti accreditati, secondo le caratteristiche qualitative e quantitative specificate dagli accordi e dai contratti di fornitura ed informando la propria attività a criteri di efficacia, di efficienza e di economicità. Valori fondanti La visione strategica dell'azienda è rivolta a perseguire la tutela della salute degli individui e della popolazione realizzando un sistema organizzativo capace di assicurare caratteristiche di: appropriatezza efficacia adeguatezza qualità ai servizi offerti ai cittadini rispetto ai loro bisogni e attese orientamento al miglioramento continuo della qualità della propria offerta rivolgendosi alla ricerca della soddisfazione del cittadino e degli operatori, in un contesto di ottimizzazione della gestione delle risorse disponibili 11

11 equità: l'azienda garantisce il rispetto dell'equità nell'erogazione delle proprie prestazioni senza discriminazioni socioeconomiche, di genere, età, razza, religione, etnia. Per la realizzazione della sua prospettiva strategica l'azienda deve ricercare ed offrire il contributo dell'insieme degli attori, istituzionali e non, capaci di migliorare il raggiungimento dei suoi obiettivi. A tal fine individua nella concertazione e nella rendicontazione con le organizzazioni sindacali e le organizzazioni di rappresentanza dei cittadini, gli strumenti di relazione ottimale. Organizzazione aziendale L'Azienda USL è articolata in 3 Distretti ed organizzata in Dipartimenti Ospedalieri e Territoriali. In ogni Distretto è presente un presidio ospedaliero. Alla data del la consistenza organica dell Azienda USL di Ravenna ammonta a n risorse (nel dettaglio: n risorse a tempo indeterminato + n. 95 risorse a tempo determinato + n.86 risorse a tempo determinato a carattere di supplenza). La Direzione Generale è composta dal: Direttore Generale Direttore Amministrativo Direttore Sanitario Direttore delle Attività Socio-Sanitarie La Direzione Sanitaria è composta dalle seguenti Direzioni Tecniche: la Direzione dell'assistenza Ospedaliera la Direzione Infermieristica e Tecnica la Direzione dell'assistenza Farmaceutica. 12

12 Organi dell Azienda Sono organi dell'azienda: il Direttore Generale, cui spetta la responsabilità complessiva della gestione il Collegio di Direzione, con compiti di proposta per l'organizzazione e lo sviluppo di servizi e attività di ricerca e innovazione e la valorizzazione delle risorse umane e professionali il Collegio Sindacale, con compiti di vigilanza sulla regolarità amministrativa e contabile. 13

13 Sezione 2 Informazioni sulle strutture ed i servizi forniti Distretti Il Distretto è l'articolazione territoriale fondamentale del governo aziendale ed il luogo della formulazione dei piani di committenza, che esprimono il fabbisogno di assistenza specialistica e territoriale, in forma residenziale, ambulatoriale e domiciliare. Punto privilegiato delle relazioni fra Azienda ed Enti Locali in particolare per il settore delle cure primarie e dell'integrazione fra servizi sociali e sanitari. Assicura la disponibilità, secondo criteri di equità, accessibilità e appropriatezza, dei servizi sanitari e sociali ad elevata integrazione sanitaria. L'Azienda USL di Ravenna è articolata in tre Distretti territoriali: Distretto di Ravenna Distretto di Lugo Distretto di Faenza Segreteria Via F. Abbandonato, 134 Viale Masi, 7 Largo Portello Ravenna Lugo Faenza Per informazioni tel. 0544/ tel. 0545/ tel. 0546/

14 Dipartimenti Il Dipartimento è la struttura organizzativa fondamentale dell'azienda preposta alla produzione dei servizi e delle prestazioni assistenziali ed all'organizzazione ed alla gestione delle risorse necessarie alla produzione degli stessi. I Dipartimenti sono la principale sede operativa di attuazione e di gestione delle attività relative al Governo Clinico e al Programma aziendale di Gestione del Rischio, che hanno nel Collegio di Direzione l'organo di governo. Dipartimenti territoriali - Dipartimento di Cure Primarie - Dipartimento di Sanità Pubblica - Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Dipartimento di Cure Primarie Segreteria: Via F. Abbandonato, Ravenna tel. 0544/ Le cure primarie rappresentano la prima risposta del Sistema Sanitario al cittadino, rivolta a soddisfare i bisogni di salute per le più frequenti e comuni patologie che non necessitano di diagnostica e trattamenti complessi. 15

15 La Medicina del Territorio assicura a livello territoriale, attraverso l'iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale, i seguenti servizi: assistenza dei Medici di Medicina Generale (Medici di Famiglia) e dei Pediatri di Libera Scelta servizio di Continuità Assistenziale (guardia medica notturna, pre-festiva e festiva) assistenza sanitaria estiva per turisti assistenza specialistica ambulatoriale (visite, accertamenti ed esami) assistenza infermieristica domiciliare assistenza agli anziani e disabili adulti assistenza dei Consultori Familiari e Spazio Giovani assistenza della Pediatria di Comunità assistenza agli stranieri presenti nel territorio regionale assistenza all estero cure odontoiatriche Assistenza dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta Il Medico di Medicina Generale (Medico di Famiglia) e il Pediatra di Libera Scelta (per i minori fino ai 14 anni) costituiscono il primo riferimento per la salute del cittadino e visitano in ambulatorio o a domicilio. Conservano una cartella clinica aggiornata per ogni singolo utente (di norma informatizzata) e prescrivono visite specialistiche, esami, ricoveri, assistenza domiciliare sanitaria o assistenziale. Gli ambulatori dei medici di base garantiscono una apertura per 5 giorni a settimana o 4 se in medicina di gruppo, per un numero congruo di ore rispetto al numero di utenti in carico. Le visite domiciliari sono valutate dal Medico ed eseguite in giornata, se richieste entro le ore 10,00 dello stesso giorno, ed eseguite entro le ore 12,00 del giorno successivo, se richieste dopo le 10,00. 16

16 Servizio di Continuità Assistenziale (guardia medica notturna, pre-festiva e festiva) Il Servizio di Continuità Assistenziale (guardia medica) garantisce l'assistenza sanitaria per le urgenze notturne, festive e prefestive assicurando, negli orari non coperti dal medico di famiglia o dal pediatra di libera scelta, interventi domiciliari e territoriali. In particolari situazioni di necessità, ove le condizioni strutturali lo consentano, il medico può eseguire prestazioni ambulatoriali. Può prescrivere farmaci, ma solo quelli necessari per una terapia d'urgenza e per un fabbisogno di due o tre giorni. Se necessario può rilasciare proposte di ricovero ospedaliero e certificati di malattia per i lavoratori, ma limitatamente ai turni di guardia e per un massimo di tre giorni. Il servizio di guardia medica è attivo: dal lunedì al venerdì dalle ore 20,00 alle ore 8,00 del mattino successivo il sabato dalle ore 8,00 alle ore 8,00 della domenica i prefestivi dalle ore 10,00 alle ore 8,00 del giorno festivo la domenica e i festivi dalle ore 8,00 alle ore 8,00 del giorno feriale successivo. Il servizio è gratuito per gli assistiti del Servizio Sanitario Nazionale e risponde al n Assistenza sanitaria estiva per turisti Il servizio viene organizzato ogni anno per il periodo estivo. Il servizio è riservato in via esclusiva a turisti italiani e stranieri, ai lavoratori stagionali e a tutti i cittadini non residenti nel territorio della Provincia di Ravenna. Per potere usufruire dell'assistenza medico generica turistica è prevista una compartecipazione alla spesa da parte degli utenti con tariffe differenziate per le prestazioni ambulatoriali o domiciliari. 17

17 Assistenza specialistica ambulatoriale (visite, accertamenti ed esami) Le prestazioni specialistiche ambulatoriali garantite dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) sono quelle previste dai Livelli Essenziali di Assistenza (prestazioni individuate sulla base dei principi di efficacia e appropriatezza) ed erogate nelle strutture ospedaliere e territoriali aziendali e private accreditate. Per queste prestazioni il cittadino, qualora non esente, deve pagare il ticket. L'accesso a visite ed esami specialistici è possibile con la prescrizione del medico di famiglia o di altro medico specialista del Servizio Sanitario Regionale, previa prenotazione da eseguirsi secondo le modalità descritte nel paragrafo Prenotazioni a pag. 30. Percorso di garanzia In caso di superamento dei tempi standard di attesa per alcune delle prestazioni specialistiche ambulatoriali, l'azienda USL ha attivato un percorso di garanzia che offre al cittadino la possibilità di ricevere la prestazione, alle stesse condizioni, in una delle strutture private accreditate. 18

18 Assistenza infermieristica domiciliare L'attività infermieristica domiciliare viene erogata nelle tre sedi di Ravenna, Lugo e Faenza dal lunedì al sabato dalle ore 7,00 alle ore 20,00. Dal lunedì alla domenica dalle ore 20,00 alle ore 8,00 del giorno successivo è attivo un servizio di pronta disponibilità infermieristica per i cittadini in carico al servizio (si attiva attraverso i centralini dei tre Ospedali). Nei giorni festivi l'attività infermieristica viene erogata dalle ore 8,00 alle ore 14,00. RAVENNA LUGO FAENZA Via F. Abbandonato, 134 Servizio infermieristico Servizio infermieristico (primo piano) domiciliare è presso la sede domiciliare è presso la sede tel. 0544/ del Dipartimento Cure Primarie del Dipartimento Cure Primarie fax 0544/ Viale Masi, 22 (piano terra) Via Zaccagnini, 22 (piano terra) tel. 0545/ tel. 0546/ fax 0545/ fax 0546/ Centralino Ospedale Centralino Ospedale Centralino Ospedale tel.0544/ tel. 0545/ tel. 0546/

19 Assistenza agli anziani e disabili adulti Servizio Assistenza Anziani (S.A.A.) Il Servizio Assistenza Anziani è il servizio unico per l'integrazione delle funzioni sociali e sanitarie e l'assistente Sociale ed è il punto di riferimento che, attraverso la valutazione del bisogno e la predisposizione di piani assistenziali individualizzati, assicura l'attivazione della rete dei servizi a favore della popolazione anziana strutturando il proprio intervento. Possono quindi essere attivati servizi a sostegno della domiciliarità (assistenza domiciliare di base; assistenza domiciliare integrata; assegno di cura; centro diurno) o, qualora non sia possibile la permanenza a casa dell'anziano non autosufficiente, i servizi residenziali (Casa Protetta e Residenza Sanitaria Assistenziale). Servizi a sostegno della domiciliarità Gli interventi domiciliari sono orientati a favorire la permanenza dell'anziano nel proprio ambiente di vita domestico garantendone le funzioni primarie, sostenendo il lavoro di cura della famiglia che se ne occupa e favorendo la socializzazione dell'anziano che vive in condizioni di solitudine. 20

20 I servizi che hanno tali finalità sono: Assegno di cura: è una delle opportunità della rete dei servizi ed è concessa in alternativa all'inserimento stabile in strutture residenziali, sulla base della valutazione della Unità di Valutazione Geriatrica e delle disponibilità della famiglia ad assicurare all'anziano non autosufficiente direttamente o avvalendosi della collaborazione di un'assistente privata in regola, le attività socio-assistenziali previste e concordate nel Piano Assistenziale Individualizzato. I familiari non presentano domanda per l'assegno di cura, ma è l'unità di Valutazione Geriatrica che ne dispone l'erogazione, successivamente alla proposta della Assistente Sociale che ha valutato le condizioni di bisogno dell'anziano e l'applicabilità del regolamento in vigore. Assistenza domiciliare di base: è un servizio rivolto alle persone che hanno bisogno di aiuto a domicilio per la cura e l igiene della propria persona o per lo svolgimento di normali attività quotidiane. Tali attività sono svolte da personale qualificato (assistenti di base e/o operatori socio-sanitari). L'attivazione del servizio è richiesta dall assistente sociale o dal medico di famiglia. Il servizio di assistenza domiciliare ha lo scopo di permettere alle persone con limitazioni di autosufficienza di rimanere al proprio domicilio, nell'ambito familiare e sociale di appartenenza e di offrire alle persone affette da alcune patologie (per esempio malati oncologici) o da particolari disabilità la continuità di cura. Il servizio fornisce, in particolare, assistenza medica specialistica, infermieristica, e, all occorrenza, ausili e presidi sanitari. Garantisce, inoltre, assistenza per la cura e l'igiene della persona, per la cura dell'alloggio e la gestione dei bisogni quotidiani, per l'integrazione sociale, per le attività di segretariato sociale, con l'obiettivo del mantenimento e del ripristino delle capacità funzionali e della vita di relazione. Si tratta di un servizio presente in tutta la provincia e si basa sull'integrazione 21

21 delle figure professionali sanitarie e sociali (medici di famiglia, infermieri, medici specialisti, fisioterapisti, assistenti sociali, assistenti di base e con l'ausilio di volontari). L'attivazione del servizio è richiesta dall assistente sociale o dal medico di famiglia. L'assistente sociale del Servizio Assistenza Anziani segue il corretto svolgimento del programma assistenziale personalizzato. Assistenza domiciliare integrata: è l insieme di attività assistenziali e sanitarie offerte a domicilio, in base al programma personalizzato indicato dall'unità di Valutazione Geriatrica. Si tratta di un servizio presente in tutta la provincia e si basa sull'integrazione delle figure professionali sanitarie e sociali (medici di famiglia, infermieri, medici specialisti, fisioterapisti, assistenti sociali, assistenti di base e con l'ausilio di volontari). Centro Diurno: è una struttura semi-residenziale che offre assistenza agli anziani con diverso grado di non autosufficienza e realizza programmi di riabilitazione, socializzazione e animazione nelle ore del giorno, con rientro al proprio domicilio la sera. Queste strutture vengono organizzate in modo elastico per favorire tempi e modalità di accoglienza dell'utenza flessibili e adatti alle esigenze dei singoli. 22

22 Interventi Residenziali La risposta residenziale ai bisogni dell'anziano non autosufficiente, laddove non vi sia una famiglia in grado di mantenere, pur con idonei supporti, il congiunto al proprio domicilio, è attivata tramite il ricorso ai seguenti servizi: Casa Protetta: è una struttura residenziale socio-sanitaria per anziani non autosufficienti che non possono più essere assistiti a domicilio e l'obiettivo è il mantenimento delle autonomie residue e il recupero delle capacità fisiche, mentali e relazionali. La domanda deve essere presentata dall'interessato o da un parente all'assistente Sociale referente per territorio. La domanda verrà inserita in una lista d'attesa previa valutazione dell'unità Valutazione Geriatrica. Residenza Sanitaria Assistenziale: è una struttura residenziale a maggiore valenza sanitaria rispetto alla casa protetta, che ospita anziani non autosufficienti con esiti stabilizzati di patologie, fisiche, psichiche, sensoriali o malattie croniche, non assistibili a domicilio che richiedono riabilitazione, terapie e assistenza continuativa. Viene garantita una maggiore intensità assistenziale con una maggiore presenza di personale medico, infermieristico, terapisti e assistenti di base. Si accede previa valutazione dell'unità Valutazione Geriatrica. Assistenza dei Consultori Familiari e Spazio Giovani Il Consultorio Familiare è un servizio teso alla promozione ed alla tutela della salute della donna, dei giovani e della coppia. In quanto tale svolge servizio di sostegno alla genitorialità, di assistenza alla famiglia, alla maternità e paternità consapevole, all'educazione sessuale e alla contraccezione per i giovani. Il Consultorio Familiare garantisce la tutela della salute psico-fisica della popolazione con particolare attenzione alle realtà emergenti ed al contesto in cui opera. 23

23 Distretto di Ravenna Per informazioni: tel. 0544/ dal lun. al ven. 8,30-13,00 - mart. e giov. 14,00-17,00 INDIRIZZO TELEFONO Consultorio familiare Ravenna S.Rocco Via Berlinguer, / Consultorio familiare Ravenna Darsena Via Pola, / Consultorio familiare Cervia Via Ospedale, / Consultorio familiare Mezzano P.za della Repubblica, / Consultorio familiare Russi Piazza Farini, / Consultorio familiare S. Pietro in Vincoli Via Pistocchi, / Consultorio familiare Lido Adriano Viale Ariosto, / Spazio Giovani Cervia Via Ospedale, / Spazio Giovani Ravenna Via Pola, / Distretto di Lugo Per informazioni: tel. 0545/ dal lun. al ven. 8,30-13,00 - lun. 14,00-18,00 INDIRIZZO TELEFONO Consultorio familiare Lugo Viale Masi, / Consultorio familiare Massa Lombarda Viale Resistenza, / Consultorio familiare Alfonsine Via Reale, / Consultorio familiare Cotignola Via Cairoli, /43529 Consultorio familiare Conselice Via Provinciale Selice, / Consultorio familiare Bagnacavallo Via Vittorio Veneto, / Consultorio familiare Fusignano Via Monti, /53639 Spazio Giovani Lugo Viale Masi, / Distretto di Faenza - per informazioni tel. 0546/ Per informazioni: tel. 0546/ dal lun. al ven. 8,30-13,30 - merc. 14,30-18,00 INDIRIZZO TELEFONO Consultorio familiare Faenza Via Zaccagnini, / Consultorio familiare Brisighella Via F.lli Cardinali Cicognani, / Consultorio familiare Casola Valsenio Via Roma, / Consultorio familiare Castel Bolognese Via Roma, / Consultorio familiare Riolo Terme Via Monsignor Tarlombani, / Consultorio familiare Solarolo Via Padrina, / Spazio Giovani Faenza Via Zaccagnini, /

24 Assistenza della Pediatria di Comunità La Pediatria di Comunità è articolata in diverse aree di attività: Profilassi delle malattie infettive Dietetica in comunità Educazione alla salute Assistenza al bambino con patologia cronica e in condizioni di rischio psico-sociale 25

25 Distretto di Ravenna CONSULTORI PEDIATRICI INDIRIZZO TELEFONO Ravenna c/o CMP Via F. Abbandonato, / fascia d'età 0/7 anni 0544/ fascia d'età 8/18 anni Cervia c/o Struttura Sanitaria S.Giorgio Via Ospedale, / Marina di Ravenna Piazzale Marinai D Italia, / Russi c/o ex Ospedale Civile Piazza Farini, / San Pietro in Vincoli Via Pistocchi, / Distretto di Lugo CONSULTORI PEDIATRICI INDIRIZZO TELEFONO Lugo Viale Masi, / Alfonsine Via Reale, / Bagnacavallo Via Vittorio Veneto, / Conselice Via Provinciale Selice, / Cotignola Via Cairoli, /45530 Fusignano Via Monti, /53627 Massa Lombarda Via Resistenza, / Distretto di Faenza CONSULTORI PEDIATRICI INDIRIZZO TELEFONO Faenza Via Zaccagnini, / Brisighella Via F.lli Cardinali Cicognani, / Casola Valsenio Via Roma, / Castel Bolognese Via Roma, / Riolo Terme Via Monsignor Tarlombani, / Solarolo Via Padrina, /

26 Assistenza agli stranieri presenti nel territorio regionale Gli stranieri con un regolare permesso di soggiorno (oppure con la ricevuta della Questura e il contratto di lavoro) hanno diritto alle stesse prestazioni garantite dal Servizio Sanitario di cui usufruiscono i cittadini italiani. Per ottenere le prestazioni sanitarie e regolarizzare la propria posizione devono richiedere la "Tessera sanitaria" allo Sportello unico del distretto sanitario in cui abitano. Se si tratta di cittadini extracomunitari in attesa di rinnovo del permesso di soggiorno, bambini extracomunitari in attesa di ricongiungimento familiare o cittadini extracomunitari in attesa di regolarizzazione la tessera sanitaria va rinnovata ogni sei mesi. Se invece sono stranieri temporaneamente presenti in Italia e non in regola con le norme relative all ingresso e al soggiorno verrà loro rilasciato un apposito tesserino sanitario (STP) che serve per avere assicurate determinate prestazioni sanitarie come le cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti, la tutela della gravidanza e della maternità, la tutela della salute dei minori, le vaccinazioni, la diagnosi e la cura delle malattie infettive. 27

27 Assistenza all estero Quando i cittadini hanno necessità di recarsi all'estero, possono telefonare, o rivolgersi direttamente, allo Sportello unico del proprio distretto sanitario (vedere paragrafo Sportelli unici a pag. 31, 32). Per i paesi dell'unione Europea è sufficiente la tessera sanitaria, mentre per le nazioni che non fanno parte dell'unione Europea occorre una diversa documentazione. È opportuno inoltre informarsi circa le vaccinazioni obbligatorie o raccomandate; in questo caso i cittadini possono rivolgersi agli ambulatori del Dipartimento di Sanità Pubblica (vedere paragrafo Igiene e salute pubblica a pag. 36, 37). Cure odontoiatriche L'assistenza odontoiatrica viene erogata ai cittadini che si trovano in una particolare situazione di reddito (vulnerabilità sociale), o che sono portatori di patologie particolari (vulnerabilità sanitaria) o che si trovano in condizioni di grave disabilità psico-fisica (vulnerabilità sociosanitaria). L'assistenza odontoiatrica ambulatoriale assicura le prestazioni di igiene e profilassi orale, conservativa (otturazioni e terapie canalari), chirurgia orale (escluso implantologia), riabilitazione protesica (protesi fissa, mobile totale e parziale), ortodonzia (correzione di malposizioni dentarie o scheletriche, per minori fino a 14 anni). Le visite urgenti sono garantite a tutti i cittadini, anche non destinatari del programma, compresi i cittadini stranieri temporaneamente presenti in Italia con tesserino sanitario STP, con accesso diretto all'ambulatorio. In questo caso il trattamento è limitato alla risoluzione del dolore (terapia antidolorifica o farmacologica). 28

28 Sarà possibile completare le cure ai soli destinatari del programma regionale odontoiatria, previo appuntamento CUP, con richiesta dello specialista che ha eseguito la visita urgente. La visita ambulatoriale odontoiatrica deve essere prenotata presso le sedi CUP o telefonicamente (CUPTEL) o presso le Farmacie (Farmacup). 29

29 Prenotazioni L'accesso alle prestazioni specialistiche del Servizio Sanitario Nazionale è possibile tramite prenotazione da eseguirsi: recandosi in uno dei CUP (Centri Unici di Prenotazione) dell Azienda USL di Ravenna recandosi in una Farmacia che abbia attivato uno sportello Farmacup telefonando al servizio di prenotazione telefonica denominato CUPTEL, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8,00 alle 18,00 ed il sabato dalle 8,00 alle 13,00. Sono a disposizione due numeri: da telefono fisso da cellulare tramite prenotazione on-line collegandosi al sito (solo per alcuni tipi di prestazioni). Rivolgendosi al CIP, il Centro interno di prenotazione, presente in ognuno dei tre Ospedali, si possono prenotare esami o successivi controlli prescritti dagli ambulatori ospedalieri. Si tratta di un percorso riservato agli utenti che hanno eseguito all'interno dell'ospedale una visita ambulatoriale. Per prenotare esami di approfondimento diagnostico o visite di controllo è sufficiente rivolgersi agli sportelli ospedalieri di seguito indicati, esibendo la prescrizione rilasciata dallo specialista. Nel caso in cui il cittadino non possa presentarsi alla visita prenotata è importante effettuare la disdetta. 30

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

ALLEGATO "C" ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10

ALLEGATO C ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10 ALLEGATO "C" ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10 ARTICOLAZIONE TARIFFARIA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELL'AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 7 RAVENNA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2012 COMUNE DI RAVENNA BACINO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE 2013 0 La Guida ai servizi territoriali del Distretto Socio-sanitario n. 20 : come e

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE

NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE 1 1 LEGGE REGIONALE 23 dicembre 2004, n. 29 #LR-ER-2004-29# NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R.

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Guida ai diritti del malato

Guida ai diritti del malato Guida ai diritti del malato ERRORI MEDICI? DIMISSIONI FORZATE? INVALIDITÀ CIVILI NEGATE? LISTE D ATTESA INTERMINABILI? CARTE DEI SERVIZI INTROVABILI? DANNI DA TRASFUSIONI E DA VACCINAZIONI OBBLIGATORIE?

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli