Amsa S.p.A. Amsa S.p.a. Termovalorizzatore di Milano bilancio energia e prestazioni ambientali. Viterbo, 24 settembre 2008

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Amsa S.p.A. Amsa S.p.a. Termovalorizzatore di Milano bilancio energia e prestazioni ambientali. Viterbo, 24 settembre 2008"

Transcript

1 Amsa S.p.a. Termovalorizzatore di Milano bilancio energia e prestazioni ambientali Viterbo, 24 settembre 2008

2 Agenda Agenda Sill2 : Nuovo Impianto DeNox Amsa : Raccolta e Conferimento Rifiuti Silla 2: L impianto in cifre Silla 2: Cenni sul processo e sulla prestazioni Silla2 : Bilancio energetico Politecnico di Milano : Silla 2 vs BAT This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 2

3 Descrizione dei territori serviti Agenda - Raccolta e Conferimento Rifiuti Bresso, Novate M.se, Pero, Segrate, Settimo M.se, Trezzano sul Naviglio, Basiglio Popolazione abitanti Città di Milano popolazione superficie 181 kmq Superficie media per persona 139 m². Pendolari, stimati circa unità/giorno This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 3

4 La raccolta dei rifiuti nel 2007 Agenda - Raccolta e Conferimento Rifiuti Il Termovalorizzatore Silla 2 è un importante tassello nel ciclo integrato dei rifiuti della città di Milano This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 4

5 Impianto Silla 2 Agenda - Raccolta e Conferimento Rifiuti This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 5

6 Dislocazione Agenda - Raccolta e Conferimento Rifiuti Il sito ricade nel perimetro del Parco Agricolo Sud Milano e dista circa 800 m in linea d aria dall abitato di Figino. Le aree confinanti con il sito di Silla2 sono destinate a verde come previsto dagli strumenti urbanistici dei diversi comuni di Pero, Rho e Settimo Milanese. L area ha una superficie complessiva di m2 circa, di cui: m 2 strutture dell impianto m 2 occupati da strade e piazzali; m 2 aree verdi di rispetto. Silla2 This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 6

7 Rifiuti termovalorizzati negli anni Agenda - Raccolta e Conferimento Rifiuti Rifiuti termovalorizzati This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 7

8 Agenda Agenda Sill2 : Nuovo Impianto DeNox Amsa : Raccolta e Conferimento Rifiuti Silla 2: L impianto in cifre Silla 2: Cenni sul processo e sulla prestazioni Silla2 : Bilancio energetico Politecnico di Milano : Silla 2 vs BAT This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 8

9 Dati dimensionali impianto Agenda Sill2 : L impianto in cifre Numero di linee n. 3 Carico rifiuti totale t/h 60,42 PCI nominale MJ/kg 11 Potenza termica massima MW t 203,1 Produzione vapore totale t/h 225 Pressione vapore bar 52 Temperatura vapore C 425 Potenza elettrica lorda MW 59 Con la termovalorizzazione dei rifiuti Silla 2 giornalmente fa fronte al fabbisogno di energia elettrica di oltre famiglie e calore per appartamenti This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 9

10 Agenda Agenda Sill2 : Nuovo Impianto DeNox Amsa : Raccolta e Conferimento Rifiuti Silla 2: L impianto in cifre Silla 2: Cenni sul processo e sulla prestazioni Silla2 : Bilancio energetico Politecnico di Milano : Silla 2 vs BAT This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 10

11 This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 11

12 Amsa S.p.a. Il combustore ed il generatore di vapore Il combustore è alimentato con tonn/h di RSU Il generatore produce 72 tonn/h di vapore surriscaldato alla temperatura di 425 C C e 52 bar di pressione Dati di progetto del generatore Temperatura 440 C Portata 74,9 t/h Pressione 66 bar Potenzialità kw Capacità litri Superficie riscaldata 2640 mq Categoria PED 4 modulo G Griglia tipo 2/ Sistema W+E orizzontale in contromarcia Treni di griglia 2 Raffreddata ad aria 5 zone d aria d primaria Superficie mq Max carico meccanico 307 Kg/mqh Max carico termico 0.89 MW/mq RSU Aria primaria scorie Energia termica Bruciatori Ceneri leggere ausiliari Ricircolo gas Aria secondaria Bruciatori di start up Gas al trattamento This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 12

13 This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 13

14 Amsa S.p.a. Abbattimento ossidi d azoto d (SNCR) Urea RSU Aria primaria Ricircolo gas Aria secondaria In camera di combustione: a) Combustione a stadi b) Iniezione urea (SNCR) This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 14

15 Amsa S.p.a. Distruzione dei precursori ed abbattimento diossine T>850 C In fase gassosa in camera di combustione: ottimizzazione della distribuzione dell aria comburente elevata turbolenza temperatura di combustione sempre superiore (850 C) RSU Bruciatori ausiliari In fase di condensazione: iniezione dei carboni attivi Carboni attivi This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 15

16 Amsa S.p.a. Il trattamento a secco con carboni attivi e bicarbonato Metalli pesanti: carboni attivi Fumi depolverati da P.E. Carboni attivi Kg/h Bicarbonato 13,5 Kg/h T>130 C 2NaHCO 3 Na 2 CO 3 +CO 2 +H 2 0 2HCl+Na 2 CO 3 2NaCl+CO 2 +H 2 0 SO 2 +Na 2 CO 3 +1/2 0 2 Na 2 SO 4 +CO 2 This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 16

17 Amsa S.p.a. Il trattamento a secco con carboni attivi e calce idrata Al ricircolo fumi Abbattimento dei gas acidi (SO2-HCl HCl-HF-HBr ) Eco esterno Calce idrata 15,5 kg/tonn rsu Carboni attivi kg/tonn rsu Refrigerante fumi 135 C Prodotto finito 19,5 Kg/tonn rsu This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 17

18 Amsa S.p.a. Abbattimento ossidi d azoto d (SCR) Dopo le modifiche 2007/2008: combustione a stadi, ricircolazione gas, denitrificazione catalitica (SCR Tail end) con iniezione di ammoniaca ammoniaca urea idrolizzatore NO 2 +NO+NH 3 2N 2 +NH 3 4NO+4NH 3 +O 2 2N 2 +NH H 2 O 2NO+4NH 3 +2O 2 3N 2 + 6H 2 O Eco Est. Scamb. fumi Acqua alimento condensato This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 18

19 Amsa S.p.a. L abbattimento delle polveri Precipitatore elettrostatico Ceneri leggere 2,5% RSU Filtro a maniche Scorie 14,5% PSR 13 kg/tonn RSU This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 19

20 Amsa S.p.a. Il sistema monitoraggio emissioni Campionatori in continuo diossine 180 C FTIR FTIR FTIR Ridondanza SME Rete AMSA 180 C FTIR FTIR FTIR Regolazione additivi HCl. CO.. Nox. SO2 This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 20

21 SILLA2 - VALORI MEDI DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA Agenda Sill2 : Emissioni e Prestazioni EMISSIONI IN ATMOSFERA Unità di Misura Limiti giornal ieri Primo trimest re 2008 Valori al Ossidi di zolfo mg/nm ,20 1,90 2,20 1,09 1, ,41 Ossidi di azoto mg/nm ,00 140,5 138,9 137,5 127,3 47,9 39,71 Polveri mg/nm ,40 0,23 0,14 0,12 0, ,08 Monossido di carbonio mg/nm ,20 7,60 8,10 8,2 6, ,75 Acido cloridrico mg/nm ,00 7,50 5,80 6,4 5,8 2,0 1,69 Ammoniaca mg/nm ,20 4,70 4,50 4,7 4,4 1,1 0,99 Carbonio organico totale mg/nm ,53 0,36 0,47 0,45 0,29 0, This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 21

22 LE EMISSIONI Acido cloridrico Agenda Sill2 : Emissioni e Prestazioni This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 22

23 LE EMISSIONI - Ammoniaca Agenda Sill2 : Emissioni e Prestazioni This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 23

24 LE EMISSIONI Ossidi di azoto Agenda Sill2 : Emissioni e Prestazioni This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 24

25 LE EMISSIONI - Polveri Agenda Sill2 : Emissioni e Prestazioni 1/110 This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 25

26 LE EMISSIONI - Diossine Agenda Sill2 : Emissioni e Prestazioni 1/25 This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 26

27 Agenda Agenda Sill2 : Nuovo Impianto DeNox Amsa : Raccolta e Conferimento Rifiuti Silla 2: L impianto in cifre Silla 2: Cenni sul processo e sulla prestazioni Silla2 : Bilancio energetico Politecnico di Milano : Silla 2 vs BAT This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 27

28 Amsa S.p.a. La generazione dell energia energia elettrica 6 kv 8 MW 51 MW 15 kv 132 kv Turbo AP alternatore 59 MW Turbo BP 0 MW Generatore di Back up This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 28

29 Amsa S.p.a. La Produzione elettrica negli anni RSU inceneriti/anno EE prodotta/anno EE ceduta/anno utilizzata This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 29

30 Amsa S.p.a. Tonnellate di petrolio equivalente risparmiate TEP risparmiate Energia risparmiata (in Tonnellate Equivalenti di Petrolio) nel triennio grazie all impianto Silla2 This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 30

31 Le forniture di calore da Silla seguono lo sviluppo Amsa S.p.a. delle reti del teleriscaldamento MWh This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 31

32 Indisponibilità impianto Agenda Sill2 : Emissioni e Prestazioni 3,50% 3,00% 3,15% 2,50% 2,47% 2,35% 2,00% 2,03% 1,50% 1,00% 0,50% 0,00% 2,47% 2,35% 3,15% 2,03% Effettivo 2,47% 2,35% 3,15% 2,03% This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 32

33 Amsa S.p.a. Potenza e rendimento Configurazione impianto produzione di sola energia elettrica con 3 linee in servizio al 100% del carico (20,1 t/h rsu kj/kg PCI) Carico termico in ingresso Potenza elettrica lorda Potenza elettrica netta Rendimento netto Produzione specifica netta PCI 184,6 MW 59 MW 51 MW 27,6 % 0,844 kwh/kg rsu 11 MJ/kg This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 33

34 Agenda Politecnico di Milano :Silla 2 vs BAT Il Termovalorizzatore Silla 2 è un importante tassello nel ciclo integrato dei rifiuti della città di Milano L energia prodotta è sufficiente per il fabbisogno domestico di oltre famiglie Il calore erogato al teleriscaldamento è sufficiente per appartamenti This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 34

35 Agenda Agenda Sill2 : Nuovo Impianto DeNox Amsa : Raccolta e Conferimento Rifiuti Silla 2: L impianto in cifre Silla 2: Cenni sul processo e sulla prestazioni Silla2 : Bilancio energetico Politecnico di Milano : Silla 2 vs BAT This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 35

36 Emissioni dall impianto Silla2 in confronto con impianti che adottano la migliore tecnologia disponibile (BAT) Agenda Politecnico di Milano :Silla 2 vs BAT *IPPC, Reference Document on the Best Available Techniques for Waste Incineration. This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 36

37 Riduzione delle emissioni indotte dal potenziamento dei sistemi di depurazione Agenda Politecnico di Milano :Silla 2 vs BAT Bicarbonato e ammoniaca This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 37

38 Agenda Conclusioni Le emissioni di SILLA 2 si collocano sistematicamente ai valori più bassi ed in alcuni casi al di sotto di quelli dei migliori impianti europei di taglia simile. Di conseguenza gli impatti delle emissioni dal camino risultano inferiori per tutti e quattro gli indici (gas serra, tossicità umana, acidificazione e produzione di ozono). La produzione di energia elettrica del Silla 2 è confrontabile con quella di migliori impianti europei. Le altissime prestazioni ambientali compensano la minore produzione di energia termica, determinando bilanci degli impatti aggiunti ed evitati in linea con quelli dei migliori impianti d Europa. This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 38

39 Trasparenza e disponibilità delle informazioni Agenda - Raccolta e Conferimento Rifiuti Attraverso: il sito internet con i dati di emissione e quantità RSU inceneriti display operativo dal 2005 all esterno dell impianto migliaia di visitatori che visitano l impianto progetto scuola lavoro numerose delegazioni dall estero La trasparenza nei dati e nelle informazioni è fa parte della mentalità e dei comportamenti del personale AMSA che vi opera This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 39

40 Azienda Certificata Emas Sistemi di gestione ambientale ISO Agenda - Raccolta e Conferimento Rifiuti Nel giugno 2007 Silla 2 ha ottenuto l importante certificazione EMAS con la quale si certifica l impegno nella trasparenza e nel miglioramento continuo nei riguardi dell ambiente. This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 40

41 Medaglia d oro all architettura Italiana Agenda Conclusioni This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 41

42 Grazie per l attenzionel This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. 42

ORIENTAGIOVANI PER L ENERGIA Lunedì 9 Marzo Gruppo Amsa. Amsa S.p.A.

ORIENTAGIOVANI PER L ENERGIA Lunedì 9 Marzo Gruppo Amsa. Amsa S.p.A. ORIENTAGIOVANI PER L ENERGIA Lunedì 9 Marzo 2009 Gruppo Amsa Amsa S.p.A. Servizi di igiene ambientale a Milano Novate Milanese Bresso Città di Milano popolazione 1.300.000 superficie 181 kmq Pendolari,

Dettagli

NUOVO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI DI MODENA ANALISI DELLE SCELTE TECNOLOGICHE ADOTTATE

NUOVO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI DI MODENA ANALISI DELLE SCELTE TECNOLOGICHE ADOTTATE NUOVO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI DI MODENA ANALISI DELLE SCELTE TECNOLOGICHE ADOTTATE Modena, 19 Settembre CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE Descrizione delle migliori tecnologie disponibili (DM

Dettagli

Dati dimensionali impianto Stato attuale e originale

Dati dimensionali impianto Stato attuale e originale 1 Impianto Silla 2 2 Dati dimensionali impianto Stato attuale e originale Numero di linee n. 3 Carico rifiuti totale t/h 60,42 PCI nominale MJ/kg 11 Potenza termica totale MWt 184,6 Produzione vapore totale

Dettagli

IL TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA. 23 Agosto 2012

IL TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA. 23 Agosto 2012 IL TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA 23 Agosto 2012 ARGOMENTI Sistema integrato della gestione rifiuti Il Termoutilizzatore Dati di esercizio Evento del 8 Agosto 2012 Cronologia Azioni messe in atto Analisi

Dettagli

IL NUOVO INCENERITORE TERMOVALORIZZATORE DEL FRULLO

IL NUOVO INCENERITORE TERMOVALORIZZATORE DEL FRULLO IL NUOVO INCENERITORE TERMOVALORIZZATORE DEL FRULLO Piano di monitoraggio 2005 2006 Report intermedio 28.10.2006 Confronto fra il vecchio e il nuovo impianto Entrata in esercizio 1973 Numero di linee 3

Dettagli

Teleriscaldamento: fattore di qualificazione per il paesaggio urbano e l ambiente

Teleriscaldamento: fattore di qualificazione per il paesaggio urbano e l ambiente Teleriscaldamento: fattore di qualificazione per il paesaggio urbano e l ambiente Riccardo Fornaro A2A Calore & Servizi Milano, 18 Marzo 2013 I numeri di A2A A2A, la più grande multiutility italiana, opera

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente Energia Demanio Idrico e Fluviale Protezione Civile L impianto di termovalorizzazione ed il ciclo integrato di gestione dei rifiuti: La procedura di autorizzazione

Dettagli

Esperienze di gestione del termovalorizzatore di Acerra

Esperienze di gestione del termovalorizzatore di Acerra Esperienze di gestione del termovalorizzatore di Acerra Piacenza, 16 Maggio 2013 Lorenzo Zaniboni Simone Malvezzi NAPLES AMERICA S CUP - April 2013 This information was prepared by Partenope Ambiente and

Dettagli

Il teleriscaldamento in A2A

Il teleriscaldamento in A2A Terza conferenza nazionale sull efficienza energetica Sfruttare la miniera del calore Il teleriscaldamento in A2A Riccardo Fornaro A2A Calore & Servizi i Roma, 30 Novembre 2011 I numeri di A2A A2A, la

Dettagli

Criteri di autorizzazione e controlli adottati in Lombardia per il rilascio delle AIA di termovalorizzatori di RSU

Criteri di autorizzazione e controlli adottati in Lombardia per il rilascio delle AIA di termovalorizzatori di RSU Criteri di autorizzazione e controlli adottati in Lombardia per il rilascio delle AIA di termovalorizzatori di RSU A. Bonura, A. Ferrari, M.L. Pastore ARPA Lombardia Torino - 29-30 novembre 2007 1 I 12

Dettagli

LCA a supporto della progettazione: la terza linea del termovalorizzatore di Padova

LCA a supporto della progettazione: la terza linea del termovalorizzatore di Padova Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università degli Studi di Padova LCA a supporto della progettazione: la terza linea del termovalorizzatore di Padova Ecomondo

Dettagli

IL MONITORAGGIO AMBIENTALE NEL PROCESSO AUTORIZZATIVO AGLI IMPIANTI DI INCENERIMENTO

IL MONITORAGGIO AMBIENTALE NEL PROCESSO AUTORIZZATIVO AGLI IMPIANTI DI INCENERIMENTO IL MONITORAGGIO AMBIENTALE NEL PROCESSO AUTORIZZATIVO AGLI IMPIANTI DI INCENERIMENTO Eugenio Lanzi Regione Emilia Romagna Alfredo Pini APAT Gianna Sallese Arpa Emilia Romagna Rimini 30 giugno 2006 Schema

Dettagli

Centrale Termoelettrica di

Centrale Termoelettrica di Centrale Termoelettrica di Monfalcone Il progetto di riammodernamento della centrale: tecnologie d avanguardia e miglioramenti ambientali Roma, 22 Marzo 2013 M. Tiberga - R. Scottoni Indice 0. Contesto

Dettagli

E N E R G I A E L E T T R I C A E T E R M I C A

E N E R G I A E L E T T R I C A E T E R M I C A 1 E N E R G I A E L E T T R I C A E T E R M I C A Nella zona industriale di Porto Marghera sono presenti 6 centrali termoelettriche destinate alla produzione di energia elettrica e vapore: Edison - Centrale

Dettagli

Centrale di Monfalcone: il nostro impegno per ridurre da subito le emissioni.

Centrale di Monfalcone: il nostro impegno per ridurre da subito le emissioni. Centrale di Monfalcone: il nostro impegno per ridurre da subito le emissioni www.a2a.eu Riparte la Centrale con minori emissioni A2A ha ottenuto l autorizzazione, richiesta alcuni mesi fa, per installare,

Dettagli

Le BAT per il trattamento delle emissioni in atmosfera negli impianti di termovalorizzazione dei RSU. L esperienza di Brescia. Torino, 30 Ottobre 2008

Le BAT per il trattamento delle emissioni in atmosfera negli impianti di termovalorizzazione dei RSU. L esperienza di Brescia. Torino, 30 Ottobre 2008 Le BAT per il trattamento delle emissioni in atmosfera negli impianti di termovalorizzazione dei RSU L esperienza di Brescia Torino, 30 Ottobre 2008 IL TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA This information was

Dettagli

L alternativa energetica possibile

L alternativa energetica possibile APPIA ENERGY La nostra missione: Produrre energia nel rispetto dell ambiente Utilizzare risorse rinnovabili per risparmiare sui combustibili fossili Valorizzare le potenzialità del territorio 1 L alternativa

Dettagli

Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14

Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 Le interazioni tra i sistemi energetici e l ambiente Le interazioni

Dettagli

Termovalorizzatore di Acerra

Termovalorizzatore di Acerra Termovalorizzatore di Acerra Il termovalorizzatore di Acerra è uno dei più grandi impianti d Europa, con una capacità di smaltimento pari a 600.000 t/anno di RSU pretrattato; esso produce 600 milioni di

Dettagli

LA PRODUZIONE DI CDR NEL POLO INTEGRATO DI FUSINA

LA PRODUZIONE DI CDR NEL POLO INTEGRATO DI FUSINA LA PRODUZIONE DI CDR NEL POLO INTEGRATO DI FUSINA IL CONTESTO TERRITORIALE 1978 1989 Approvazione definitiva della Regione Veneto del progetto del nuovo termovalorizzatore per RSU 1994 1996 Realizzazione

Dettagli

APPIA ENERGY MARCEGAGLIA. energy

APPIA ENERGY MARCEGAGLIA. energy APPIA ENERGY MARCEGAGLIA energy La nostra missione: Produrre energia nel rispetto dell ambiente Utilizzare risorse rinnovabili per risparmiare sui combustibili fossili Valorizzare le potenzialità del territorio

Dettagli

Il recupero energetico derivante dalla raccolta dei rifiuti urbani: la termovalorizzazione e il compostaggio anaerobico

Il recupero energetico derivante dalla raccolta dei rifiuti urbani: la termovalorizzazione e il compostaggio anaerobico Il recupero energetico derivante dalla raccolta dei rifiuti urbani: la termovalorizzazione e il compostaggio anaerobico Giuseppe Merico Responsabile termovalorizzatore Geofor SpA Viale America 105 56025

Dettagli

Lo sviluppo del teleriscaldamento a Milano. Milano, 24 ottobre 2012

Lo sviluppo del teleriscaldamento a Milano. Milano, 24 ottobre 2012 Lo sviluppo del teleriscaldamento a Milano Milano, 24 ottobre 2012 Teleriscaldamento: energia per le Smart Cities I moderni sistemi di teleriscaldamento urbano si basano sul riutilizzo delle fonti di calore

Dettagli

Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti. Impianto di termovalorizzazione di Padova. Relazione della presentazione e della visita tecnica

Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti. Impianto di termovalorizzazione di Padova. Relazione della presentazione e della visita tecnica Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Impianto di termovalorizzazione di Padova Relazione della presentazione e della visita tecnica Padova 20 aprile 2016 Il termovalorizzatore di Padova In occasione

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Modena

Il termovalorizzatore del territorio di Modena Il termovalorizzatore del territorio di Modena Il termovalorizzatore del territorio di Modena Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2009 secondo le più moderne

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Ferrara

Il termovalorizzatore del territorio di Ferrara Il termovalorizzatore del territorio di Ferrara Il termovalorizzatore del territorio di Ferrara Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2007 secondo le più moderne

Dettagli

con potenza di 200 kwe Sintesi non tecnica

con potenza di 200 kwe Sintesi non tecnica BIOENERGY SRL Sintesi non tecnica Pag. 1 a 6 COMMITTENTE: BIOENERGY SRL 1 OBIETTIVO Realizzazione di un impianto per la tramite la valorizzazione di biomassa di origine biologica da sottoprodotti di cui

Dettagli

A T O R. Provincia di Torino. Tecnologie per la valorizzazione energetica dei rifiuti urbani ed assimilabili. la pirolisi lenta a bassa temperatura

A T O R. Provincia di Torino. Tecnologie per la valorizzazione energetica dei rifiuti urbani ed assimilabili. la pirolisi lenta a bassa temperatura A T O R Provincia di Torino Tecnologie per la valorizzazione energetica dei rifiuti urbani ed assimilabili 30 giugno 2008 la pirolisi lenta a bassa temperatura Dott. Ing. Alberto Mauri Consorzio I.CO.M.

Dettagli

IMPIANTO ALIMENTATO CON BIOMASSA VEGETALE 1 MWe

IMPIANTO ALIMENTATO CON BIOMASSA VEGETALE 1 MWe IMPIANTO ALIMENTATO CON BIOMASSA VEGETALE 1 MWe 03/05/2016 AREA IMPIANTI s.p.a. via Leonino da Zara, 3/A 35020 z.i. Albignasego (PADOVA) Tel +39.049.8626426 Fax +39.049.8626422 Videoconference +39.049.8629238

Dettagli

CENTRALE DI PRESENZANO. Modifica impiantistica installazione sistema di abbattimento catalitico (SCR).

CENTRALE DI PRESENZANO. Modifica impiantistica installazione sistema di abbattimento catalitico (SCR). IMPIANTO/OPERA Foglio N. 1 di Fogli 9 Rev. 0 del 29/07/16 CENTRALE DI PRESENZANO Modifica impiantistica installazione sistema di abbattimento catalitico (SCR). 0 Emesso per processo autorizzativo 29/07/16

Dettagli

IL TERMOVALORIZZATORE DI MODENA RISTRUTTURAZIONE DELLA 3^ LINEA ASPETTI CONOSCITIVI Provincia di Modena

IL TERMOVALORIZZATORE DI MODENA RISTRUTTURAZIONE DELLA 3^ LINEA ASPETTI CONOSCITIVI Provincia di Modena IL TERMOVALORIZZATORE DI MODENA RISTRUTTURAZIONE DELLA 3^ LINEA ASPETTI CONOSCITIVI Provincia di Modena CENNI SULLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO L impianto è soggetto ad IPPC (Integrated Pollution Prevention

Dettagli

ENERGIA DALLE FONTI RINNOVABILI ASPETTATIVE DALLE NUOVE TECNOLOGIE LE BIOMASSE

ENERGIA DALLE FONTI RINNOVABILI ASPETTATIVE DALLE NUOVE TECNOLOGIE LE BIOMASSE ENERGIA DALLE FONTI RINNOVABILI ASPETTATIVE DALLE NUOVE TECNOLOGIE LE BIOMASSE Giovanni Riva Università Politecnica delle Marche 1 Marzo 2012 Auditorium Università Ecampus COSA STA SUCCEDENDO OGGI: GLI

Dettagli

L A C E N T R A L E T U R B I G O

L A C E N T R A L E T U R B I G O LA CENTRALE TURBIGO G E Centrale di Turbigo Castano Primo Buscate A-C Turbigo F B-D A - Valle del Ticino B - Boschi del Ticino C - Valle del Ticino D - Turbigaccio, Boschi di Castelletto e Lanca di Bernate

Dettagli

gli impianti di cogenerazione e il Teleriscaldamento a Torino

gli impianti di cogenerazione e il Teleriscaldamento a Torino gli impianti di cogenerazione e il Teleriscaldamento a Torino Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione

Dettagli

ACSM-AGAM. Efficientamento Energetico, il Teleriscaldamento e l Industria

ACSM-AGAM. Efficientamento Energetico, il Teleriscaldamento e l Industria ACSM-AGAM Efficientamento Energetico, il Teleriscaldamento e l Industria Monza 10 novembre 2016 IL GRUPPO ACSM AGAM Reti gas e idriche Termovalorizzatore e Ambiente Vendita gas ed energia elettrica Teleriscaldamento

Dettagli

A2A per il territorio e l ambiente bresciano. Brescia, 9 febbraio 2009

A2A per il territorio e l ambiente bresciano. Brescia, 9 febbraio 2009 A2A per il territorio e l ambiente bresciano Brescia, 9 febbraio 29 Agenda Ambiente: iniziative in corso e progetti nel territorio bresciano Manutenzione straordinaria del TermoUtilizzatore Sviluppo del

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

LA COGENERAZIONE: UN OPPORTUNITA PER LA NUOVA L INDUSTRIA ITALIANA

LA COGENERAZIONE: UN OPPORTUNITA PER LA NUOVA L INDUSTRIA ITALIANA Milano, 3 marzo 2016 CGT Energia LA COGENERAZIONE: UN OPPORTUNITA PER LA NUOVA L INDUSTRIA ITALIANA Ing. Francesco Lambri COGENERAZIONE. L ENERGIA EFFICIENTE. Milano, 3 marzo 2016 1 DEFINIZIONE Tecnologie

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Rimini

Il termovalorizzatore del territorio di Rimini Il termovalorizzatore del territorio di Rimini Il termovalorizzatore del territorio di Rimini Cos è la termovalorizzazione Realizzato nel 2010 secondo le più moderne tecnologie e ubicato nel Comune di

Dettagli

Utilizzo di pompe di calore geotermiche in sistemi di teleriscaldamento

Utilizzo di pompe di calore geotermiche in sistemi di teleriscaldamento TERZA CONFERENZA NAZIONALE SULLE RINNOVABILI TERMICHE Utilizzo di pompe di calore geotermiche in sistemi di teleriscaldamento - L esperienza di A2A - Roma, 31 maggio 2012 A2A Snapshot A2A nasce dalla fusione,

Dettagli

Fondazione PTV Policlinico Tor Vergata Viale Oxford, Roma

Fondazione PTV Policlinico Tor Vergata Viale Oxford, Roma Fondazione PTV Policlinico Tor Vergata Viale Oxford, 81 00133 Roma ai sensi dell art. 269 del DLgs 152/2006 e smi CPL Concordia Soc. Coop. - Via A. Grandi, 39 41033 Concordia s/secchia (MO) ambiente sc,

Dettagli

Stabilimento di Ferrera Erbognone

Stabilimento di Ferrera Erbognone Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento Lo Stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il primo

Dettagli

Partiamo dalla problematica concreta

Partiamo dalla problematica concreta Gli inceneritori Partiamo dalla problematica concreta ci sono, in generale, diversi cassonetti, per l organico/scarti alimentari, per la carta, per plastica e metalli, per il vetro, per il rifiuto indifferenziato

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione di Bolzano

Impianto di termovalorizzazione di Bolzano Impianto di termovalorizzazione di Bolzano Sopralluogo 02.11.2011 ore 16.00 Introduzione L attuale termovalorizzatore, la cui capacità di smaltimento è di 90.000 ton/anno, è ormai in funzione da più di

Dettagli

sistema di recupero ENERGETICO, che sfrutta solo in parte il grande contenuto dei rifiuti costituiti da materiali plastici

sistema di recupero ENERGETICO, che sfrutta solo in parte il grande contenuto dei rifiuti costituiti da materiali plastici RICICLO QUATERNARIO: sistema di recupero ENERGETICO, che sfrutta solo in parte il grande contenuto dei rifiuti costituiti da materiali plastici In questo caso i rifiuti plastici sostituiscono i combustibili

Dettagli

Ing. Claudio Mazzari Direttore Tecnoborgo Spa

Ing. Claudio Mazzari Direttore Tecnoborgo Spa Esperienze innovative in Italia sugli aspetti depurativi: un focus sui fanghi. La combustione dei fanghi di depurazione di acque reflue urbane nell impianto di Termovalorizzazione di Piacenza Ing. Claudio

Dettagli

Nel anno di entrata in. Rifiuti ospedalieri trattati (t) Fanghi (t)

Nel anno di entrata in. Rifiuti ospedalieri trattati (t) Fanghi (t) 10 anni di attività del termovalorizzatore di Piacenza: efficienza e sostenibilità in miglioramento continuo per la tutela dell ambiente e della sicurezza dei cittadini L impianto di termovalorizzazione

Dettagli

GEOTERMIA E TELERISCALDAMENTO: L ESPERIENZA DI FERRARA

GEOTERMIA E TELERISCALDAMENTO: L ESPERIENZA DI FERRARA GEOTERMIA E TELERISCALDAMENTO: L ESPERIENZA DI FERRARA Ing. Fausto Ferraresi Direttore Settore Teleriscaldamento Piancastagnaio, 11 dicembre 2012 Agenda Il Sistema TLR Geotermico di Ferrara Le nuove sfide

Dettagli

Trattamento e valorizzazione dei rifiuti e del CDR. Produzione di Energia Elettrica nel termovalorizzatore di Venezia

Trattamento e valorizzazione dei rifiuti e del CDR. Produzione di Energia Elettrica nel termovalorizzatore di Venezia Convegno La PRODUZIONE del CDR e il suo UTILIZZO in CO COMBUSTIONE (confronto con le opzioni alternative) 13 e 14 maggio 2011 Isola di San Servolo Venezia, Italia Trattamento e valorizzazione dei rifiuti

Dettagli

Centrale di Moncalieri 2 G T

Centrale di Moncalieri 2 G T Centrale di Moncalieri 2 G T Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione di energia termica per

Dettagli

Milano, 27 giugno 2013!

Milano, 27 giugno 2013! Cogenerazione Termotecnica Industriale Pompe di Calore Milano, 27 giugno 2013! Udt Giugno 2013 www.uniconfort.com Uniconfort produce e fornisce tecnologie per la conversione energetica delle biomasse provenienti

Dettagli

Barcheri Stefano Sales Engineer Uniconfort srl Generazione di calore da biomassa legnosa

Barcheri Stefano Sales Engineer Uniconfort srl Generazione di calore da biomassa legnosa Barcheri Stefano Sales Engineer Uniconfort srl Generazione di calore da biomassa legnosa Proprietà Uniconfort S.r.l. - Italy 1 Uniconfort produce e fornisce tecnologie per la conversione energetica delle

Dettagli

Energia da biomasse legnose: tecnologie per la generazione distribuita sul territorio

Energia da biomasse legnose: tecnologie per la generazione distribuita sul territorio Energia da biomasse legnose: tecnologie per la generazione distribuita sul territorio Marco Baratieri CONVEGNO La gestione della fascia boschiva nel territorio pedemontano vicentino Vicenza: 21.11.2013

Dettagli

L impianto di termovalorizzazione di Torino. Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia

L impianto di termovalorizzazione di Torino. Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia L impianto di termovalorizzazione di Torino Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia Soggetto aggiudicatario Costituenda Associazione Temporanea di Imprese tra TM.E. S.p.A. termomeccanica

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

Per un Alto Adige pulito.

Per un Alto Adige pulito. Per un Alto Adige pulito. 58 Comuni, Consorzio Smaltimento Acque Reflue, Comunità Comprensoriali Oltradige-Bassa Atesina, Burgraviato, Val Pusteria, Val Venosta, Salto Sciliar, Wipptal e Valle Isarco Provincia

Dettagli

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document Page : 1/8 12. GARANZIE Page : 2/8 SOMMARIO 12.1 Basi di definizione delle garanzie... 3 12.2 Garanzie di prestazioni... 3 12.2.1 Potenzialità di trattamento... 3 12.2.2 Caratteristiche e portate vapore

Dettagli

Cicli H2 O2 per la produzione di energia elettrica Modifica dell impianto Icaro per funzionamento con idrogeno

Cicli H2 O2 per la produzione di energia elettrica Modifica dell impianto Icaro per funzionamento con idrogeno Cicli H2 O2 per la produzione di energia elettrica Modifica dell impianto Icaro per funzionamento con idrogeno Ing. Marino Avitabile, Ing. Paolo Fiorini Cicli ad idrogeno e ossigeno La realizzazione di

Dettagli

Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di coincenerimento

Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di coincenerimento ALLEGATO 2 Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di coincenerimento A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Formula di miscelazione La seguente formula di miscelazione deve

Dettagli

Gassificazione di cippato legnoso e motori a gas. Ing. Paolo Magneschi

Gassificazione di cippato legnoso e motori a gas. Ing. Paolo Magneschi Gassificazione di cippato legnoso e motori a gas Ing. Paolo Magneschi Utilizzi delle biomasse in relazione alle loro caratteristiche Potere calorifico legna di castagno Variazione del potere calorifico

Dettagli

Gli impianti di produzione dell energia e la loro efficienza

Gli impianti di produzione dell energia e la loro efficienza Gli impianti di produzione dell energia e la loro efficienza Michele Bianchi DIEM Università di Bologna La generazione di potenza Mini-idro eolico Gruppi a vapore Motori Combustione Interna Turbogas in

Dettagli

Energie rinnovabili. Tecnologia e impiantistica per l'utilizzo delle colture

Energie rinnovabili. Tecnologia e impiantistica per l'utilizzo delle colture Energie rinnovabili Tecnologia e impiantistica per l'utilizzo delle colture Corso di laurea magistrale in Scienze e tecnologie agrarie a.a. 2011-12 3 CFU dott. Daniele Dell Antonia 3! Analisi tecnica!

Dettagli

Inquinamento ARIA. Inquinamento ARIA. Inquinamento ARIA. Inquinamento ARIA

Inquinamento ARIA. Inquinamento ARIA. Inquinamento ARIA. Inquinamento ARIA COMBUSTIONE: principi Processo di ossidazione di sostanze contenenti C ed H condotto per ottenere energia termica (calore) C,H + O 2 calore + gas comb. COMBUSTIBILE + COMBURENTE CALORE + RESIDUI [ARIA]

Dettagli

TRATTAMENTO DI NO X DA GAS DI SCARICO: CONFRONTO TRA LE TECNICHE SCR E SNCR

TRATTAMENTO DI NO X DA GAS DI SCARICO: CONFRONTO TRA LE TECNICHE SCR E SNCR UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e della Scienze di Base Tesi di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale

Dettagli

SISTEMI PER L ENERGIAL

SISTEMI PER L ENERGIAL SISTEMI PER L ENERGIAL Telecommunication & System SpA Cap.Soc.: 500.000,00 i.v. P.iva: 05178741004 REA: RM850471 Via degli Olmetti 12/14 00060 - Formello (Roma) Tel. +39 06-9040691 Fax +39 06-90406999

Dettagli

Caratteristiche tecniche MYDENS 60 T, 70 T, 100 T/TV, 115 T/TV, 140 T/TV 180 T/TV, 210 T/TV e 280 T/TV

Caratteristiche tecniche MYDENS 60 T, 70 T, 100 T/TV, 115 T/TV, 140 T/TV 180 T/TV, 210 T/TV e 280 T/TV MODELLO MYDENS 60 T 70 T Paese di destino ITALIA ITALIA Tipo B23;C53;C63; B23;C53;C63; Categoria II2H3P II2H3P Certificato CE di tipo (PIN) 0694CP2296 0694CP2296 Certificato Range Rated APPROVATO APPROVATO

Dettagli

Controllo Automatico della Combustione ACC

Controllo Automatico della Combustione ACC Controllo Automatico della Combustione ACC Presentazione Risultati Relatori: S.I.L.E.A. T.M.E. S.p.A. Ing. A. Gubitta Ing. S. Calvani VALMADRERA, 14.06.2013 Obiettivi 1) Miglioramento delle prestazioni

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA Settore Sostenibilità Ambientale e Scienze Naturali

COMUNE DI BRESCIA Settore Sostenibilità Ambientale e Scienze Naturali COMUNE DI BRESCIA Settore Sostenibilità Ambientale e Scienze Naturali OSSERVATORIO TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA Un anno di lavoro intenso e approfondito Introduzione del presidente Gianluigi Fondra Marco

Dettagli

Caratteristiche tecniche AGUADENS 60T, 70T, 100T, 100T V, 115T, 115T V, 140T, 140T V, 210T, 210T V, 280T e 280T V

Caratteristiche tecniche AGUADENS 60T, 70T, 100T, 100T V, 115T, 115T V, 140T, 140T V, 210T, 210T V, 280T e 280T V MODELLO AGUADENS 60T 70T Paese di destino ITALIA ITALIA Tipo B23;C43; C53; C63; C83 Categoria II2H3P II2H3P Certificato CE di tipo (PIN) 0694CN6126 0694CN6126 Certificato Range Rated APPROVATO APPROVATO

Dettagli

1. Sintetica descrizione del sistema Calabria Sud in proiezione TV

1. Sintetica descrizione del sistema Calabria Sud in proiezione TV PROGETTO AGIRE Relatore: Ing. Alessandro Giardiello Argomento: Descrizione dell impianto e problematiche di start up 1. Sintetica descrizione del sistema Calabria Sud in proiezione TV Il sistema di smaltimento

Dettagli

Produzione combinata di energia elettrica e calore. Konakovskaya. Nevinnomysskaya. Produzione (milioni di kwh)

Produzione combinata di energia elettrica e calore. Konakovskaya. Nevinnomysskaya. Produzione (milioni di kwh) Russia Produzione combinata di energia elettrica e calore OGK-5 Konakovskaya Reftinskaya Sredneuralskaya Nevinnomysskaya Centrale I Numeri Centrali 4 Potenza netta (MW) 9.052 Produzione (milioni di kwh)

Dettagli

SISTEMI DI DEPURAZIONE FUMI NEUTREC SCR

SISTEMI DI DEPURAZIONE FUMI NEUTREC SCR SISTEMI DI DEPURAZIONE FUMI NEUTREC SCR Processo NEUTREC, messo a punto e brevettato da SOLVAY, consente da una parte una depurazione efficace dei fumi e dall altra il recupero della quasi totalità dei

Dettagli

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011 LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia Il Termovalorizzatore di Padova 13 ENERGIA GAS ACQUA AMBIENTE E SERVIZI Cristiano Piccinin Responsabile Operativo

Dettagli

La nuova centrale a ciclo combinato di Taranto. Comune di Taranto 12/05/2011

La nuova centrale a ciclo combinato di Taranto. Comune di Taranto 12/05/2011 La nuova centrale a ciclo combinato di Taranto Comune di Taranto 12/05/2011 Indice Descrizione del progetto Criteri di dimensionamento della nuova centrale La centrale nell assetto futuro La nuova centrale

Dettagli

Il teleriscaldamento a Brescia e nelle città servite da A2A

Il teleriscaldamento a Brescia e nelle città servite da A2A Il ruolo del teleriscaldamento in un futuro energetico sostenibile Convegno in occasione dei 40 anni di teleriscaldamento a Brescia Il teleriscaldamento a Brescia e nelle città servite da A2A Paolo Rossetti

Dettagli

La "Doxee Bill" di A2A Energia Milano, 25 novembre 2015

La Doxee Bill di A2A Energia Milano, 25 novembre 2015 La "Doxee Bill" di A2A Energia Milano, 25 novembre 2015 This information was prepared by A2A and it is not to be relied on by any 3rd party without A2A s prior written consent. La "Doxee Bill" di A2A Energia

Dettagli

OSPEDALE SANTA MARIA BORGOTARO PARMA

OSPEDALE SANTA MARIA BORGOTARO PARMA OSPEDALE SANTA MARIA BORGOTARO PARMA La centrale a Biomasse nell Ospedale di Borgotaro Relatore : Saviano ing. Renato Maria Comacchio 16/09/2011-1- OSPEDALE DI BORGOTARO - LOCALIZZAZIONE Area: 18.250 mq

Dettagli

Caso studio: L impianto di gassificazione di Malagrotta

Caso studio: L impianto di gassificazione di Malagrotta SEMINARIO RESIDENZIALE: Analisi e ricomposizione dei conflitti ambientali in materia di gestione del ciclo dei rifiuti e impianti per la produzione di energia, aspetti tecnici, normativi, sociali e sanitari

Dettagli

LE EMISSIONI DERIVATE DALLA COMBUSTIONE DEI TRALCI DI VITE

LE EMISSIONI DERIVATE DALLA COMBUSTIONE DEI TRALCI DI VITE LE EMISSIONI DERIVATE DALLA COMBUSTIONE DEI TRALCI DI VITE Sabato 24 settembre 2011 Dalla Venezia Fabiano CENTRO DI RICERCA PER LA VITICOLTURA Conegliano (TV) Progetto: Produzione di energia e sostanza

Dettagli

Da Roma in giù: l emergenza infinita e il miracolo ad Acerra. Ing. Vito Iaboni Amici della Terra

Da Roma in giù: l emergenza infinita e il miracolo ad Acerra. Ing. Vito Iaboni Amici della Terra Da Roma in giù: l emergenza infinita e il miracolo ad Acerra Ing. Vito Iaboni Amici della Terra Sommario Le regioni in emergenza Il caso della Campania L emergenza rifiuti La produzione dei rifiuti La

Dettagli

I M P I A N T I D I I N C E N E R I M E N T O

I M P I A N T I D I I N C E N E R I M E N T O 1 I M P I A N T I D I I N C E N E R I M E N T O Per impianti d incenerimento, si intendono quegli impianti atti a smaltire, mediante processi di combustione, i rifiuti che, diversamente, andrebbero smaltiti

Dettagli

Riscaldamento a zero emissioni H 2

Riscaldamento a zero emissioni H 2 Riscaldamento a zero emissioni con IL COMBUSTORE CATALITICO Ydrogem GIACOMINI All interno dell hotel S. Rocco è in funzione un innovativo combustore catalitico denominato ydrogem, frutto della ricerca

Dettagli

AREA POLIFUNZIONALE DI TRATTAMENTO RIFIUTI DENOMINATA AREA 2 MODENA

AREA POLIFUNZIONALE DI TRATTAMENTO RIFIUTI DENOMINATA AREA 2 MODENA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE AREA POLIFUNZIONALE DI TRATTAMENTO RIFIUTI DENOMINATA AREA 2 MODENA Impianto di incenerimento (Cod.( IPPC 5.2) Impianto di trattamento chimico fisico (Cod.(

Dettagli

RAPPORTO AMBIENTALE 1 semestre 2008

RAPPORTO AMBIENTALE 1 semestre 2008 1 SEMESTRE 2008 PAGINA Pag. 1 di 30 RAPPORTO AMBIENTALE 1 semestre 2008 1 ed. 29/07/08 Studio SMA E. Fasola D. Celsi Prima emissione Rev. Data Rev. Emesso Verificato Approvato Oggetto Revisione 1 SEMESTRE

Dettagli

Centrale termoelettrica di cogenerazione Torino Nord

Centrale termoelettrica di cogenerazione Torino Nord Centrale termoelettrica di cogenerazione Torino Nord Dichiarazione Ambientale Secondo i requisiti del Regolamento (CE) n. 1221/2009 1 sem. Anno 2015 2 Aggiornamento annuale SOMMARIO IREN ENERGIA S.p.A.

Dettagli

Situazione e prospettive

Situazione e prospettive Università degli Studi di Milano Bicocca TECNOLOGIE IMPIANTISTICHE PER L EDILIZIA CERTIFICATA Incontro Tecnico 24 settembre 2008 Impianti termici a biomasse: Situazione e prospettive Mario Chiadò Rana

Dettagli

INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI IN ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA AUTO OIL E AI FINI DEL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA DEL RECUPERO ZOLFO

INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI IN ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA AUTO OIL E AI FINI DEL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA DEL RECUPERO ZOLFO INDICE GENERALE INDICE CAPITOLO 1 1. PREMESSA 1.1 INQUADRAMENTO GENERALE 1.2 MOTIVAZIONI E FINALITÀ DELLO STUDIO 1.3 NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1.3.1 Compatibilità ambientale 1.3.2 Tutela delle acque 1.3.3

Dettagli

Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia. SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali

Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia. SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali Bologna, 18.10.2008 CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE Il gruppo HERA

Dettagli

La filiera della legna per il riscaldamento domestico: dal bosco al caminetto

La filiera della legna per il riscaldamento domestico: dal bosco al caminetto La filiera della legna per il riscaldamento domestico: dal bosco al caminetto Bioenergy Expo Verona, 4/7 Febbraio 21 Problematiche ambientali degli impianti di riscaldamento a biomassa e consigli per un

Dettagli

Certificati Bianchi Prospettive

Certificati Bianchi Prospettive Certificati Bianchi Prospettive Roma, 10 dicembre 2010 Gruppo A2A Mercati Ambientali Business A2A coinvolti nei mercati ambientali Società del Gruppo A2A Business Model Emissions Certificati Certificati

Dettagli

Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore. Cristiano PICCININ WTE Padova

Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore. Cristiano PICCININ WTE Padova Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore Cristiano PICCININ WTE Padova INTRODUZIONE Nel 2007 venne deliberato il rifacimento delle linee

Dettagli

Amsa e la sfida dell EXPO 2015: innovazione e sostenibilità

Amsa e la sfida dell EXPO 2015: innovazione e sostenibilità Dalla raccolta differenziata agli acquisti verdi: l esperienza milanese Tribunale di Milano 6 ottobre 2010 Amsa e la sfida dell EXPO 2015: innovazione e sostenibilità Sergio Galimberti Presidente Amsa

Dettagli

3.4 RENDAMAX R600 - R3600. RENDAMAX 600 kw. RENDAMAX 3600 SB kw

3.4 RENDAMAX R600 - R3600. RENDAMAX 600 kw. RENDAMAX 3600 SB kw 3.4 RENDAMAX R600 - R3600 RENDAMAX 600 kw Dir. Rend. 92/42/CEE 3.4-2 Descrizione del prodotto 3.4-3 Codici prodotto e prezzi 3.4-4 Proposte di sistema RENDAMAX 3.4-10 Accessori 3.4-14 Funzionalità regolazioni

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST 1 Convegno TELERISCALDAMENTO: verso la SMART GRID L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST Torino Lingotto Fiere, 25 maggio 2012 Ing. Carmelo TRIPODI Direttore

Dettagli

Risparmio energetico e tariffa bioraria: il punto di vista del cliente

Risparmio energetico e tariffa bioraria: il punto di vista del cliente Risparmio energetico e tariffa bioraria: il punto di vista del cliente Smart appliance e smart grid per lo sviluppo della domanda attiva Casa dell Energia - Milano 05/04/2013 Ing. Martín Ignacio Isolabella

Dettagli

Produzione termoelettrica. Produzione (milioni di kwh) Potenza efficiente netta Totale: MW 2,25%

Produzione termoelettrica. Produzione (milioni di kwh) Potenza efficiente netta Totale: MW 2,25% Argentina Produzione termoelettrica Endesa SA Dock Sud Buenos Aires Costanera Centrale termoelettrica Olio e gas Ciclo combinato e turbogas I Numeri Consistenza impianti Centrali 5 Potenza netta (MW) 3.075

Dettagli

VALORIZZAZIONE ENERGETICA DEI RIFIUTI: NUOVE SOLUZIONI

VALORIZZAZIONE ENERGETICA DEI RIFIUTI: NUOVE SOLUZIONI VALORIZZAZIONE ENERGETICA DEI RIFIUTI: NUOVE SOLUZIONI GIANCARLO BALDI, MILENA BERNARDI Dip.. Scienza dei materiali e Ingegneria Chimica POLITECNICO di TORINO Incontro AEIT 22 maggio 2008 RIFIUTI Problema

Dettagli

Termossidatori per il trattamento di emissioni odorigene particolarmente gravose Lauro Gatti

Termossidatori per il trattamento di emissioni odorigene particolarmente gravose Lauro Gatti Termossidatori per il trattamento di emissioni odorigene particolarmente gravose Lauro Gatti Convegno Nazionale UNIARIA 2014 Cases history SAIPOL Lavorazione semi di oleaginose LIPITALIA 2000 Rendering,

Dettagli

Le Strategie e Obiettivi della Regione Lombardia nel Controllo Ambientale. Dott. Angelo Giudici Direttore Settore Aria e Agenti Fisici ARPA Lombardia

Le Strategie e Obiettivi della Regione Lombardia nel Controllo Ambientale. Dott. Angelo Giudici Direttore Settore Aria e Agenti Fisici ARPA Lombardia Le Strategie e Obiettivi della Regione Lombardia nel Controllo Ambientale Dott. Angelo Giudici Direttore Settore Aria e Agenti Fisici ARPA Lombardia Emissioni in Lombardia nel 2008 ripartite per macrosettore

Dettagli