Riassegnazione del dominio sfide.it: marchio, nome comune e preuso ( Crdd, decisione )

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riassegnazione del dominio sfide.it: marchio, nome comune e preuso ( Crdd, decisione 07.04.2004 )"

Transcript

1 Riassegnazione del dominio sfide.it: marchio, nome comune e preuso ( Crdd, decisione ) Con la decisione 7 aprile 2004 il Centro risoluzione dispute domini ha rigettato il ricorso promosso dalla RAI per la riassegnazione del nome a dominio In particolare il saggio ha rilevato che la parola "sfide" rappresenta un nome comune, per cui la circostanza che sia stato utilizzato come titolo per una trasmissione televisiva non appare elemento tale da conferire alla RAI un diritto di esclusiva, nè sotto il profilo del diritto d'autore, nè sotto il profilo della tutela del marchio. Nella specie inoltre è risultato che il dominio era stato registrato tre anni prima della registrazione del relativo marchio da parte della RAI, per cui la resistente poteva comunque vantare un diritto di preuso nel settore Internet. (Altalex, 17 aprile 2004) Centro risoluzione dispute domini C.r.d.d. Procedura di riassegnazione del nome a dominio sfide.it Ricorrente: RAI - Radiotelevisione Italiana S.p.A. (Avv. Alessandro Masetti Tannini de Concina) Resistente: Tips S.r.l. (Avv. Carla Fazzini) Collegio (unipersonale): Avv. Emanuela Quici Svolgimento della procedura Con ricorso pervenuto via posta alla Crdd in data 11 febbraio 2004, la RAI - Radiotelevisione Italiana S.p.A con sede in Roma, Via Mazzini, 14 rappresentata e difesa dall Avv. Alessandro Masetti Tannini de Concina, domiciliato presso lo Studio Legale Associato Nunziante Magrone in Piazza di Pietra, 26, Roma, introduceva una procedura di riassegnazione ai sensi dell'art. 16 delle vigenti regole di naming, per ottenere il trasferimento del nome a dominio sfide.it, registrato dalla TIPS s.r.l. di Ancona. Lo stesso giorno la segreteria della Crdd verificava l'intestatario dei nomi a dominio sul data base whois della Registration Authority, nonché la pagina web risultante all'indirizzo

2 Le verifiche confermavano i dati contenuti nel ricorso, ed in particolare: - che il dominio risultava assegnato alla TIPS s.r.l. dal 10 marzo che tale dominio è stato sottoposto a contestazione registrata sul database della R.A. il 21 gennaio Lo stesso giorno copia del ricorso in formato elettronico veniva inviato via all'indirizzo risultante dal data base whois. Risultando dalla documentazione inviata che il dominio era stato contestato presso la Registration Authority già in data 14 gennaio 2004, la segreteria della Crdd il 12 febbraio 2004 provvedeva ad inviare per raccomandata alla TIPS s.r.l. di Ancona copia del ricorso e della documentazione ad esso allegata. Dalla ricevuta di ritorno della raccomandata il ricorso risultava ricevuto dalla resistente il giorno 20 febbraio Il giorno 5 marzo 2004, quindi nel termine dei 25 giorni previsti dall art. 5, I comma delle procedure per il deposito di repliche, la TIPS s.r.l. provvedeva a trasmettere alla segreteria della Crdd le proprie repliche. L'8 marzo 2004, la Crdd nominava in qualità di saggio l'avv. Emanuela Quici, il quale in data 10 marzo 2004 accettava l'incarico. Successivamente, a seguito dell istanza pervenuta via della ricorrente, in data 19 marzo 2004 veniva concesso, ai sensi dell art. 12 delle procedure di rassegnazione, una proroga dei termini per la presentazione delle controdeduzioni e repliche, da trasmettersi via all indirizzo ed alla controparte. In data 25 marzo 2004 la ricorrente provvedeva quindi alla trasmissione delle controdeduzioni all indirizzo internet sopra indicato ed il successivo 29 marzo 2004 pervenivano le repliche della Tips s.r.l. Queste ultime, peraltro, contrariamente a quanto indicato nell'ordinanza, non venivano inviate alla ricorrente. Allegazioni della ricorrente. La ricorrente evidenzia, innanzitutto, che la locuzione assunta a cuore del nome a dominio contestato risulti identico al segno distintivo SFIDE, corrispondente al titolo dell omonima trasmissione televisiva di appartenenza della RAI. A sostegno del proprio diritto al nome a dominio sfide.it, la ricorrente documenta di aver messo in onda il programma SFIDE a partire dal 23 dicembre 1998, quindi anteriormente alla registrazione del domain name effettuata dalla TIPS S.r.l, avvenuta in data 10 marzo 2000.

3 La RAI documenta altresì di aver provveduto a presentare domanda di registrazione nel febbraio 2002 con riferimento al titolo della corrispondente trasmissione televisiva come marchio nazionale di impresa, di aver presentato domanda di registrazione del nominativo "sfide" come marchio comunitario nel marzo 2003, e di aver successivamente provveduto alla registrazione dello stesso come marchio figurativo nell'agosto Sostiene la ricorrente che il caso di specie debba essere analizzato alla luce dell'art. 21 comma 3 Legge Marchi, che proibisce la registrazione o l'utilizzo da parte di terzi di segni notori usati in campo artistico. Difatti, anche se i nomi a dominio non vengono previsti espressamente dall'art. 21 l.m, secondo i principi generali applicati in materia di marchi, è proibito comunque utilizzare un segno identico ad un marchio o segno notorio, come invece avrebbe fatto la società resistente. Difatti, la ricorrente argomenta che benchè abbia depositato domanda di registrazione per il marchio SFIDE solo dopo la registrazione del nome a dominio in questione, il programma televisivo SFIDE ha conseguito una notorietà presso il pubblico dei telespettatori già dal 1998, tale da renderlo opponibile alla società resistente. A parere della ricorrente, quindi, evocare il nome di tale programma, conferirebbe alla resistente un indebito vantaggio, potendo essa sfruttare l attenzione ed il favore di cui gode presso il pubblico dei telespettatori tale nome. Qualora poi non si volesse applicare al caso di specie la tutela prevista dall'art. 21 l.m., sostiene la ricorrente che il segno SFIDE, per la diffusione del programma televisivo e l apprezzamento che ne è conseguito da parte del pubblico, avrebbe ottenuto lo status di marchio di fatto, ed in quanto tale dovrebbe accedere in ogni caso alla tutela accordata ai marchi di fatto, ossia di quei marchi che possono godere dei medesimi strumenti di tutela accordati ad un segno distintivo validamente registrato, seppure solo nei limiti della loro diffusione e notorietà. Quanto alla mala fede la società resistente avrebbe sfruttato in modo indebito la notorietà del programma televisivo in questione, dirottando i navigatori di internet sul sito web contestato, causando danni all immagine RAI per via del rischio di confusione e/o associazione ingenerato tra le attività della ricorrente e le attività del sito web contestato, dedicate a sfide e competizioni con videogiochi. Ad aggravare la posizione della resistente si evidenzierebbe non solo l indifferenza mostrata rispetto alle richieste contenute nella raccomandata a/r del 24 aprile 2003, nella quale veniva diffidata dal persistere dalla violazione dei diritti di esclusiva della resistente, ma anche la circostanza che nel momento dell invio della

4 predetta lettera, nonostante fossero trascorsi più di tre anni dalla registrazione del nome a dominio contestato, non era stato ancora attivato il sito web in parola. Nelle proprie controdeduzioni la RAI precisava altresì, in contrasto con quanto affermato dalla resistente, che il nome a dominio non potrebbe mai essere considerato alla stregua di un marchio di fatto con la conseguente inclinazione ad essere utilizzato entro i limiti di impiego anteriori alle domande di registrazione presentate per lo stesso fonema da parte della resistente. Se un marchio di fatto sussiste, questo deve essere riconosciuto esclusivamente nel nome utilizzato dalla Rai per il proprio programma televisivo. Per le ragioni sopra esposte, la RAI chiede pertanto che sia disposta la riassegnazione a suo favore del nome a dominio in contestazione. Allegazioni della resistente. La resistente, da parte sua, nella propria replica sosteneva di aver ottenuto regolarmente l assegnazione del nome a dominio SFIDE, in ottemperanza alla regole di naming, in base alle quali non è necessario alcun requisito per la registrazione dei nomi comuni, quali appunto la denominazione sfide, utilizzando tale nome in rete per identificare un gruppo di giochi multiplayer senza scopo di lucro. Contro le argomentazioni presentate dalla ricorrente, in virtù delle quali si vorrebbe paragonare il nome a dominio alla figura del marchio e quindi applicare poi ad esso la medesima disciplina, la resistente sostiene che un marchio, per ottenere tutela deve essere comunque originale e non confondibile, cosi che possa conferire a chi lo abbia registrato o a chi ne abbia fatto uso semplicemente come marchio di fatto, il diritto di valersene in modo esclusivo per i prodotti e servizi per i quali è stato impiegato. Alla luce di questa premessa, appurato che il termine sfide sia invece parola di uso comune e generica, rileva come, in base alla legge italiana (art. 47 e 18 l.m.), esista un divieto generale riguardo alla registrazione dei marchi con espressioni generiche. Inoltre, in applicazione delle regole di naming, che prevedono la riassegnazione del nome contestato qualora si riscontri la malafede della resistente nella registrazione e nell uso del nome a dominio, la Tips rileva come la ricorrente non abbia dato prova alcuna della mala fede, poiché non vi è mai stato, né risulta provato, che la RAI abbia avuto conseguenze negative o danni all immagine a seguito del fatto. Con riferimento all art delle regole di naming, la resistente infatti non risulta avere avuto intenzione di vendere o comunque trasferire il dominio contestato alla

5 ricorrente o a terzi al fine di lucrare sulla vicenda in questione; non sembra inoltre possa ravvisarsi nemmeno la sussistenza di un rapporto di concorrenza tra le parti in causa, dal quale si potrebbe desumere la volontà della resistente di danneggiare gli affari della concorrente o usurpare nome e cognome della concorrente. Nemmeno può provarsi la malafede in base al punto d) art. 16.7, come viceversa vorrebbe prospettare la RAI, la quale fonderebbe infatti la prova dell illecito comportamento della resistente per il tentativo di agganciamento ad un marchio rinomato allo scopo di attirare ingannevolmente dei navigatori sul proprio sito e trarne quindi vantaggio. Sostiene la resistente che anche quest ulteriore accusa dovrebbe escludersi in virtù dell oggettiva diversità del campo di utenza, che evita la possibilità da parte della Tips di trarre in alcun modo profitto o creare confusione con le attività RAI. Anche l ultimo tentativo della ricorrente di fondare la prova della malafede nell atteggiamento asseritamene assunto dalla Tips volto a speculare sulla vendita del domain name in questione dovrebbe essere respinto, in quanto nella missiva di risposta alla raccomandata del 23 aprile 2004, la resistente si limitava solo ad invitare a prendere contatto con lo studio al fine di addivenire ad un componimento bonario della questione. Motivi della decisione. Il ricorso non è fondato e quindi non merita accoglimento, in quanto la ricorrente non ha dimostrato e documentato la malafede della resistente ed il proprio diritto al nome a dominio in contestazione. A) Sulla identità del nome a dominio con un nome su cui la ricorrente vanta diritti. La ricorrente si è limitata a documentare come il nome a dominio in contestazione sia del tutto identico al titolo della trasmissione da essa trasmessa dal 1998 sulla rete nazionale, indicando l avvenuta registrazione del marchio in data comunque successiva all assegnazione del nome a dominio alla resistente. Peraltro, anche se il nome a dominio è identico al nome prescelto dalla ricorrente per la sua trasmissione, non sembra potersi affermare che la RAI possa vantare su di esso un diritto di esclusiva. La parola "sfide" è infatti un nome comune, e la circostanza che sia stato utilizzato come titolo per una trasmissione televisiva non appare elemento tale da conferire alla RAI un diritto di esclusiva, nè sotto il profilo del diritto d'autore, nè sotto il profilo della tutela del marchio.

6 Sotto il primo profilo, si osserva che il titolo della trasmissione coincide con un termine generico che si limita a richiamarne l'oggetto, sotto il più circoscritto profilo delle sfide sportive. Dimostrato - come è stato dimostrato - che il dominio in contestazione non fa riferimento ad una trasmissione televisiva, ma ad altri tipi di sfide (trattandosi di giochi in rete, ossia di sfide e competizioni con videogiochi), non si vede che tipo di diritto possa vantare la RAI su tale nome comune, che legittimamente la resistente ha registrato. Peraltro si può constatare agevolmente che i navigatori di internet digitando la parola "sfide" nei portali di ricerca individuano per la maggior parte siti web dedicati ad attività di videogiochi, piuttosto che ad attività sportive competitive alle quali è dedicato il sito web della RAI (che si trova all'indirizzo Nè un diritto di esclusiva può derivare dalla registrazione del marchio, effettuata peraltro dalla RAI tre anni dopo la registrazione del nome a dominio da parte della TIPS. Invero, non risulta che sul sito corrispondente al dominio in questione la TIPS stia svolgendo attività commerciale, sicchè non pare possa applicarsi la disciplina sul marchio (si richiama in proposito la recente sentenza del Tribunale civile di Bergamo 3 marzo 2003 n Giorgio Armani s.p.a. contro Luca Armani, che ha ben evidenziato come, in considerazione della estrema varietà delle situazioni che possono venire in considerazione attraverso lo strumento di internet è da escludersi che al dominio possa attribuirsi una qualificazione unica, dovendosi analizzare la concreta situazione, pertanto soltanto quando in ragione del contenuto e della configurazione del sito "potrà a ragione, allorché il sito abbia carattere commerciale, equipararsi il nome a dominio ad un segno distintivo del tipo marchio d'impresa").ma anche volendo andare di contrario avviso, è più che dubbio che il dominio in contestazione possa ritenersi illegittimo. Da un lato, infatti, dubbi sorgono sulla legittimità della registrazione di un marchio costituito da un nome comune, che per di piu' non è perfettamente coincidente con il contenuto della trasmissione; dall'altro, anche se non è ben chiaro cosa la RAI commercializzi sotto tale marchio e addirittura se mai vi abbia commercializzato qualcosa, è evidente che attraverso il dominio registrato tre anni prima della registrazione del relativo marchio da parte della RAI la resistente può comunque vantare un diritto di preuso nel settore Internet. Nè può ritenersi che il marchio "sfide", anche se si considerasse quale marchio di fatto, possa essere reputato marchio notorio e/o celebre. La relativa trasmissione è infatti stata sempre mandata in onda in seconda serata, e non risulta aver conseguito la notorietà che lascerebbe intendere la ricorrente. B) Sul diritto delle resistente al nome a dominio in contestazione. Se da un lato la RAI non ha dimostrato di avere un diritto di esclusiva sul nome a dominio sfide, dall'altro sono emerse dalla documentazione in atti circostanze che

7 inducono a ritenere in capo alla TIPS l'esistenza di un titolo al nome a dominio in contestazione. Sono state infatti provate dalla resistente due fra le tre circostanze, dimostrata anche una sola delle quali l'assegnatario si ritiene abbia titolo al nome a dominio in contestazione. Risulta infatti sia che "prima di avere avuto notizia della contestazione in buona fede ha usato o si è preparato oggettivamente ad usare il nome a dominio o un nome ad esso corrispondente" (art delle regole di naming), sia che "del nome a dominio sta facendo un legittimo uso non commerciale, oppure commerciale senza l'intento di sviare la clientela del ricorrente o di violarne il marchio registrato" (art delle regole di naming). C) Sulla malafede del resistente. Anche se quanto precede è di per sè sufficiente alla reiezione del ricorso, val la pena di osservare che neppure la malafede è stata minimamente dimostrata dalla RAI, che si è limitata a riportare il fatto che la TIPS sarebbe rimasta inerte alle richieste inviategli per ottenere la restituzione del nome a dominio nell'aprile A prescindere dal fatto che un comportamento inerte di per sè non dimostra malafede nel mantenimento del nome a dominio, ma, per essere indicativo di tale stato soggettivo, deve essere accompagnato da altri indizi o comportamenti significativi in tal senso, basterà osservare che le regole di naming prevedono che la malafede debba sussistere anche al momento della registrazione del dominio; sicchè anche se il comportamento dedotto dalla RAI fosse idoneo a dimostrare la malafede nel mantenimento del nome a dominio (trattandosi di mancata reazione ad un lettera di contestazione inviata oltre tre anni dopo la registrazione del dominio), non avrebbe alcun rilievo in ordine alla dimostrazione della malafede della TIPS al momento della registrazione. Nè d'altra parte nel sito in contestazione è dato rinvenire alcun indizio 'confusorio' con la trasmissione RAI in questione data la sostanziale diversità di oggetto dell'attività non commerciale ivi svolta. Di conseguenza, non risulta dimostrata neppure la malafede nella registrazione e nel mantenimento del nome a dominio. P.Q.M. Visto l art delle vigenti Regole di Naming italiane, non ravvisandosi nel caso di specie i presupposti per procedere al trasferimento trasferimento del nomi a dominio sfide.it alla RAI - Radiotelevisione Italiana S.p.A., il ricorso viene respinto. Il nome a dominio sfide.it resta pertanto assegnato alla TIPS s.r.l.

8 La presente decisione verrà comunicata alla Registration Authority italiana per i provvedimenti di cui all'art delle regole di naming. Roma, 7 aprile 2004 Avv. Emanuela Quici ( da )

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 21 agosto 2009. Procedura di riassegnazione del nome a dominio MISSITALIAWEB.IT. Svolgimento della procedura

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 21 agosto 2009. Procedura di riassegnazione del nome a dominio MISSITALIAWEB.IT. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio MISSITALIAWEB.IT Ricorrente: Missitalia s.r.l. (Avv. Vincenzo Annibale Larocca) Resistente: Sim Trader s.r.l. Collegio (unipersonale): avv. Giuseppe Loffreda

Dettagli

Registrare domini noti con il prefisso www costituisce attività di ''typosquatting'' ( CRDD, decisione 31.03.2004 )

Registrare domini noti con il prefisso www costituisce attività di ''typosquatting'' ( CRDD, decisione 31.03.2004 ) Registrare domini noti con il prefisso www costituisce attività di ''typosquatting'' ( CRDD, decisione 31.03.2004 ) L'attività definita ''typosquatting'' consiste nella pratica di chi effettua una registrazione

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini. Cesena, 6 novembre 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio ERMES-CERAMICHE.IT

Centro Risoluzione Dispute Domini. Cesena, 6 novembre 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio ERMES-CERAMICHE.IT Procedura di riassegnazione del nome a dominio ERMES-CERAMICHE.IT Ricorrente: Ermes Ceramiche s.p.a. (avv. Mario Preite) Resistente: Benson and Partner ltd Collegio (unipersonale): avv. prof. Andrea Sirotti

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 6 luglio 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio GAMESBOND.IT. Svolgimento della procedura

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 6 luglio 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio GAMESBOND.IT. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio GAMESBOND.IT Ricorrente: Games Bond s.r.l. (avv. Marco Cucciatti) Resistente: Big One s.r.l. Collegio (unipersonale): avv. Francesca D Orsi Svolgimento della

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT MEDIONET S.R.L. Dr. Luca Barbero. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT MEDIONET S.R.L. Dr. Luca Barbero. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Euronics Italia S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) MEDIONET

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini, Trieste, 4 aprile 2011. Procedura di riassegnazione del nome a dominio TOTAL.IT

Centro Risoluzione Dispute Domini, Trieste, 4 aprile 2011. Procedura di riassegnazione del nome a dominio TOTAL.IT Procedura di riassegnazione del nome a dominio TOTAL.IT Ricorrente: Total S.A. (avv. Fabrizio Jacobacci, dott. Massimo Introvigne) Resistente: sig. Luigi Marruso Collegio (unipersonale): prof. avv. Alfredo

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio VITTORIAIMMOBILIARESRL.IT. Avv. Alessandra Ferreri. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio VITTORIAIMMOBILIARESRL.IT. Avv. Alessandra Ferreri. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio VITTORIAIMMOBILIARESRL.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): VITTORIA ASSICURAZIONI S.P.A. Rappresentata dall Avv. Marco Francetti VITTORIA

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini. Milano, 7 febbraio 2011. Procedura di riassegnazione del nome a dominio CHICCHIRICCHI.IT

Centro Risoluzione Dispute Domini. Milano, 7 febbraio 2011. Procedura di riassegnazione del nome a dominio CHICCHIRICCHI.IT Procedura di riassegnazione del nome a dominio CHICCHIRICCHI.IT Ricorrente: Riso Gallo s.p.a. (Avv. Fabrizio Jacobacci, dott. Massimo Introvigne) Resistente: ing. Nadir Milani (Avv. Stefano Pugno) Collegio

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio KITKAT.IT. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio KITKAT.IT. Svolgimento della procedura Camera Arbitrale di Milano www.camera-arbitrale.it Procedura di riassegnazione del nome a dominio KITKAT.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Nestlé Italiana S.p.A. (dott. Luca Barbero)

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini, Tarvisio, 22 agosto 2012. Procedura di riassegnazione del nome a dominio ILEGO.IT. Svolgimento della procedura

Centro Risoluzione Dispute Domini, Tarvisio, 22 agosto 2012. Procedura di riassegnazione del nome a dominio ILEGO.IT. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio ILEGO.IT Ricorrente: LEGO Juris A/S (Avv. Alessandro del Ninno) Resistente: Carlotta Ganzetti (Avv. Nicoletta Riva) Collegio (unipersonale): Avv. Prof. Enzo

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 1 luglio 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio SONNENKRAFT.IT

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 1 luglio 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio SONNENKRAFT.IT Procedura di riassegnazione del nome a dominio SONNENKRAFT.IT Ricorrente: VKR Holding A/S (Prof. Avv. Stefania Bariatti, Avv. Ida Palombella) Resistente: Ditta Individuale Pasquale Cerra Collegio (unipersonale):

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 21 maggio 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio IMPREBANCA.IT. Svolgimento della procedura

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 21 maggio 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio IMPREBANCA.IT. Svolgimento della procedura Centro Risoluzione Dispute Domini Procedura di riassegnazione del nome a dominio IMPREBANCA.IT Ricorrente: Imprebanca s.p.a. (avv. Angelica Lodigiani) Resistente: Ars Media Group s.r.l. Collegio (unipersonale):

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 15 dicembre 2006. Procedura di riassegnazione del nome a dominio. sky.it

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 15 dicembre 2006. Procedura di riassegnazione del nome a dominio. sky.it Procedura di riassegnazione del nome a dominio sky.it Ricorrente: British Sky Broadcasting Group plc (Società Italiana Brevetti S.p.A.) Resistente: Sky Electronics di Gualano Giacomo (Dr. Modiano & Associati

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio premioluciodalla.it

Procedura di riassegnazione del nome a dominio premioluciodalla.it Procedura di riassegnazione del nome a dominio premioluciodalla.it Ricorrente: Sig.ra Dea Melotti, in proprio e quale rappresentante della comunione ereditaria del defunto Lucio Dalla e dei suoi comunisti

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini. Napoli, 25 gennaio 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio WINDOWS7.IT

Centro Risoluzione Dispute Domini. Napoli, 25 gennaio 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio WINDOWS7.IT Procedura di riassegnazione del nome a dominio WINDOWS7.IT Ricorrente: Microsoft s.r.l. (avv. Fabrizio Jacobacci, dott. Massimo Introvigne) Resistente: sig. Marco Rossi (avv. Stefano Romanenghi) Collegio

Dettagli

Procedura di riassegnazione dei nomi a dominio liveperson.it

Procedura di riassegnazione dei nomi a dominio liveperson.it Procedura di riassegnazione dei nomi a dominio liveperson.it Ricorrente: LivePerson (UK) LTD e LivePerson Inc. (Dr. Fabrizio Bedarida Modiano & Associati S.p.a.) Resistente: Sig. Alessandro La Ciura Collegio

Dettagli

Facebook UK Ltd. ha dunque fatto ricorso per ottenere la riassegnazione del nome a dominio facebook.it

Facebook UK Ltd. ha dunque fatto ricorso per ottenere la riassegnazione del nome a dominio facebook.it Fino al mese di giugno, digitando l'indirizzo Facebook.it si veniva indirizzati in una pagina contenente informazioni pubblicitarie tipiche del domain parking. Si trattava di un fenomeno di cybersquatting

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio VOGUEMODEL.IT. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio VOGUEMODEL.IT. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio VOGUEMODEL.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Edizioni Condé Nast S.p.A., Advance Magazine Publishers Inc. (Avv.ti Matteo Orsingher e Fabrizio

Dettagli

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 3 maggio 2006 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Cos è un nome a dominio - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio as.roma.it

Procedura di riassegnazione del nome a dominio as.roma.it Procedura di riassegnazione del nome a dominio as.roma.it Ricorrente: A.S. Roma S.p.a. (Avv. Alessandro del Ninno) Resistente: sig. Andrea Tedeschi (Avv. Nicolò Ettore Zito) Collegio (unipersonale): Avv.

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio MIDAS.IT MIDAS ITALIA S.P.A. Dr. Luca BARBERO. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio MIDAS.IT MIDAS ITALIA S.P.A. Dr. Luca BARBERO. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio MIDAS.IT Ricorrente: MIDAS ITALIA S.P.A. Resistente: Collegio (unipersonale): UNIPLAN SOFTWARE S.R.L. Dr. Luca BARBERO Svolgimento della procedura Con ricorso

Dettagli

PSRD. Prestatore del Servizio di Risoluzione delle Dispute DECISIONE

PSRD. Prestatore del Servizio di Risoluzione delle Dispute DECISIONE PSRD Prestatore del Servizio di Risoluzione delle Dispute DECISIONE ai sensi del Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cc TLD.it (di seguito Regolamento ) e del Regolamento

Dettagli

DELIBERA DL/037/15/CRL/UD del 30 marzo 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. C. / WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/125/2014)

DELIBERA DL/037/15/CRL/UD del 30 marzo 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. C. / WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/125/2014) DELIBERA DL/037/15/CRL/UD del 30 marzo 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. C. / WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/125/2014) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO NELLA riunione del 30 marzo 2015; VISTA la

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio ULTIMA.IT

Procedura di riassegnazione del nome a dominio ULTIMA.IT Procedura di riassegnazione del nome a dominio ULTIMA.IT Ricorrente: Affinity Petcare S.A. (avv. Laura Turini) Resistente: Piazza Affari S.r.l. (avv. Roberto Manno) Collegio (unipersonale): avv. Cristina

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Andrea Gemma Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini. Procedura di riassegnazione del nome a dominio FITCISL.IT. Svolgimento della procedura

Centro Risoluzione Dispute Domini. Procedura di riassegnazione del nome a dominio FITCISL.IT. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio FITCISL.IT Ricorrente: Fit Cisl Federazione Italiana Trasporti Resistente: ing. Magdy Reda Collegio (unipersonale): avv. Nicola Adragna Svolgimento della

Dettagli

I nomi a dominio. Cos è un nome a dominio. I ND nel Codice della proprietà industriale

I nomi a dominio. Cos è un nome a dominio. I ND nel Codice della proprietà industriale Cos è un nome a dominio I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 8 maggio 2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

Decisione Arbitrale. Procedura di risoluzione stragiudiziale delle controversie legate ai nomi a dominio.eu (Regole ADR), par. B12

Decisione Arbitrale. Procedura di risoluzione stragiudiziale delle controversie legate ai nomi a dominio.eu (Regole ADR), par. B12 Camera dell'agricoltura della Repubblica Ceca (Corte Arbitrale Ceca) Decisione Arbitrale Procedura di risoluzione stragiudiziale delle controversie legate ai nomi a dominio.eu (Regole ADR), par. B12 Pratica

Dettagli

Non sono dovuti gli interessi previsti nel contratto di finanziamento se il TAEG non considera l'assicurazione vita e infortuni.

Non sono dovuti gli interessi previsti nel contratto di finanziamento se il TAEG non considera l'assicurazione vita e infortuni. Credito al consumo: interessi nulli se il taeg non è chiaro Arbitro bancario finanziario, Collegio di Roma 13/03/2015 di Matteo Sances Pubblicato il 01/07/2015 Non sono dovuti gli interessi previsti nel

Dettagli

Decisione N. 320 del 20 gennaio 2014

Decisione N. 320 del 20 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario composto dai Signori: Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Massimiliano Silvetti Avv. Michele Maccarone IL COLLEGIO DI ROMA Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Dott. Claudia Rossi Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore]

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

Decisione N. 5733 del 20 luglio 2015

Decisione N. 5733 del 20 luglio 2015 COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) MARINARI (NA) PARROTTA (NA) BLANDINI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) RUSSO Membro designato da

Dettagli

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti Corte Cost., sentenza 9 ottobre 2015, n. 195 (Pres. Criscuolo, est. Cartabia) Sanità pubblica Legge della Regione Calabria Norme

Dettagli

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente http://www.dplmodena.it/04-10-11consstatodimisspubb.html Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 5384 del 27 settembre 2011,

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA CAMPANIA - SEZIONE I DI SALERNO -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA CAMPANIA - SEZIONE I DI SALERNO - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. Reg. dec N. Reg. ric. IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA CAMPANIA - SEZIONE I DI SALERNO - composto dai Magistrati: 1) Dr. Giovanni De Leo -

Dettagli

Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione terza, sentenza n. 3312/2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione terza, sentenza n. 3312/2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il diploma rilasciato dalle scuole di specializzazione per le professioni legali equivale ad un anno di pratica presso uno studio legale - TAR LAZIO, Sezione III, Sentenza n. 3312 del 04/05/2005 Il praticante

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 4 agosto 2008 VIS 74/08 Adozione di un provvedimento ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettera c), della legge 14 novembre 1995, n. 481 nei confronti della società Bergamo Energia S.p.A.

Dettagli

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Circolare 5 agosto 2009 (in G.U. n. 187 del 13 agosto 2009) Nuove norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Avv. Massimiliano Silvetti Prof. Avv. Diego Corapi Prof. Avv Marco Marinaro Membro designato dalla Banca

Dettagli

Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Non si ritiene assolto l'obbligo di dimostrazione dei requisiti di partecipazione ex art. 48 del D. Lgs. 163/2006 qualora vengano prodotti documenti aventi ad oggetto servizi difformi da quelli dichiarati

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02106/2013 REG.PROV.COLL. N. 10570/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) ha pronunciato la

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria. (Sezione Seconda) ORDINANZA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria. (Sezione Seconda) ORDINANZA N. 00083/2007 REG.ORD. N. 01027/2004 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria ha pronunciato la presente (Sezione Seconda) ORDINANZA Sul ricorso

Dettagli

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com DAL MARCHIO AL BRAND CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014 Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com PROGRAMMA - Il brand come segno distintivo - Il marchio come cardine del sistema dei segni

Dettagli

Decisione del Collegio ai sensi della procedura di riassegnazione e del Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld it

Decisione del Collegio ai sensi della procedura di riassegnazione e del Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld it Decisione del Collegio ai sensi della procedura di riassegnazione e del Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld it Ricorrente: Unicredito Italiano S.p.a.,denominata anche,

Dettagli

La proprietà industriale e intellettuale nell era dell information technology

La proprietà industriale e intellettuale nell era dell information technology La proprietà industriale e intellettuale nell era dell information technology Il ruolo dei diritti di privativa per le aziende del web 2.0 Avv. Nicolò Ghibellini - www.avvghibellini.com I diritti di proprietà

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha pronunciato la presente (Sezione Seconda Quater) SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 3344

Dettagli

STUDIO LEGALE AVV. SIRIO SOLIDORO PHD DIRITTO DEL LAVORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA LECCE, VIA DI LEUCA N.46, 73100, GALLIPOLI,

STUDIO LEGALE AVV. SIRIO SOLIDORO PHD DIRITTO DEL LAVORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA LECCE, VIA DI LEUCA N.46, 73100, GALLIPOLI, \ AZIONE COLLETTIVA PER L IMMEDIATA SPENDIBILITA DEL DIPLOMA MAGISTRALE, IN QUANTO TITOLO ABILITANTE. Com è noto, di recente, il Consiglio di Stato ha riconosciuto il valore abilitante al diploma conseguito

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CORAPI Membro designato da Associazione

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis..... Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio. Avv. Alessandro Leproux... Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni di Presidente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA OSSERVAZIONI E COMMENTI AL DOCUMENTO SOTTOPOSTO A PUBBLICA CONSULTAZIONE Iscrizione/cancellazione relative

Dettagli

DELIBERA DL/025/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA V. M./ FASTWEB XXX (LAZIO/D/2/2014) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO

DELIBERA DL/025/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA V. M./ FASTWEB XXX (LAZIO/D/2/2014) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO DELIBERA DL/025/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA V. M./ FASTWEB XXX (LAZIO/D/2/2014) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO NELLA riunione del 4 febbraio 2015; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

Decisione N. 1641 del 18 maggio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale...

Decisione N. 1641 del 18 maggio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Alessandro Leproux.. Membro designato dalla Banca d'italia Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Membro designato dalla

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. Avv. Raffaele Lener Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. Avv. Raffaele Lener Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 206/E

RISOLUZIONE N. 206/E RISOLUZIONE N. 206/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 Novembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello il requisito della novità articolo 4 della legge 18 ottobre 2001, n. 383 Con istanza

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 22 MAGGIO 2013 221/2013/S/GAS IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI PRONTO INTERVENTO GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE A DISPOSIZIONI GENERALI SEZIONE 6 REVOCA DI DECISIONI,

Dettagli

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema MARCO BIANCHI Internet è una rete telematica mondiale strutturata in codici di

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [estensore] Finanziario. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. [estensore] Finanziario. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis... Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Prof. Avv. Andrea Gemma... Prof. Avv. Raffaele Lener... Membro designato dalla Banca d Italia, che

Dettagli

Collegio di Milano. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Membro designato dalla Banca d Italia

Collegio di Milano. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Membro designato dalla Banca d Italia Collegio di Milano composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Membro designato dalla Banca d Italia Guastalla (Estensore) - Avv. Maria Elisabetta

Dettagli

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. avv. Gustavo Olivieri Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario. categoria

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. avv. Gustavo Olivieri Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario. categoria composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale IL COLLEGIO DI ROMA Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Vincenzo Meli Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore]

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) SIRENA (RM) SILVETTI (RM) GEMMA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone. Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone. Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis... Membro designato dalla Banca d'italia Prof. avv. Vincenzo Meli Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

contro per l'annullamento

contro per l'annullamento R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Prima) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Prima) SENTENZA N. 01807/2011 REG.PROV.COLL. N. 01970/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello A per ciascuna parte istante )

A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello A per ciascuna parte istante ) ISTANZA DI MEDIAZIONE Ex art. 4 Dlgs 28/10 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL GIUDICE CLAUSOLA DI MEDIAZIONE PARTE CHE ATTIVA IL PROCEDIMENTO: A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello

Dettagli

Tutela giuridica delle banche di dati

Tutela giuridica delle banche di dati Norme di riferimento Tutela giuridica delle banche di dati Corso Nuove tecnologie e diritto 8 maggio 2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Legge 22 aprile 1941 n. 633. Protezione del diritto

Dettagli

Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale

Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale di Fabio Petracci, Piergiuseppe Parisi Da Guida al Lavoro del 21.2.2014 - n. 8 Nel caso vagliato e deciso dal giudice pordenonese,

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro Il giudice dr. Massimo Pagliarini nel procedimento ex art. 28 Stat. lav. n. 16949 del Ruolo affari contenziosi civili dell anno 2015, vertente TRA A.N.M.I.R.S.

Dettagli

Collegio di Milano. Decisione N. 436 del 02 marzo 2011. composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente

Collegio di Milano. Decisione N. 436 del 02 marzo 2011. composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente Collegio di Milano composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Cristiana Maria Schena Membro designato dalla Banca d Italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla Membro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno de Carolis Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Prof. Avv. Vincenzo Meli Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) MACCARONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) MACCARONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) GEMMA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori 1. Premessa L Istituto per il Credito Sportivo (di seguito anche Istituto o ICS ) intende istituire e disciplinare un Elenco di operatori

Dettagli

RISOLUZIONE N. 381/E

RISOLUZIONE N. 381/E RISOLUZIONE N. 381/E Roma, 18 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. 2007/155042 OGGETTO: Istanza di Interpello. Articolo 167, comma 5, del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917. Società

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis..... Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Che svolge le funzioni di Presidente ai sensi dell art. 4 del Regolamento

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 14 gennaio 2015

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 14 gennaio 2015 Consiglio di Stato, Sez. II, parere, 20.02.2015 n. 518 Materia: riconoscimento causa di servizio R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 14 gennaio

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 27 NOVEMBRE 2014 583/2014/S/COM AVVIO DI PROCEDIMENTO SANZIONATORIO PER VIOLAZIONE DI OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI ANAGRAFICA DEGLI OPERATORI E DI RECLAMI PRESENTATI ALLO SPORTELLO

Dettagli

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa;

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa; N. 00247/2013 REG.PROV.COLL. N. 01214/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Sentenza n. 1506 del 27 settembre 2004.

Sentenza n. 1506 del 27 settembre 2004. Sentenza n. 1506 del 27 settembre 2004. Pubblica udienza del 22 settembre 2004. Presidente: dott. Luigi Ranalli. Relatore: dott. Luigi Ranalli. Titoletto: PUBBLICO DIPENDENTE CONTRATTUALIZZATO PERSONALE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Roma - Prima Sezione nelle persone dei Magistrati: Dott. Giorgio Giovannini Dott. Antonino Savo Amodio

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche. (Sezione Prima) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche. (Sezione Prima) SENTENZA N. 00170/2010 00561/2008 REG.SEN. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche ha pronunciato la presente (Sezione Prima)

Dettagli

Decisione N. 1789 del 25 marzo 2014

Decisione N. 1789 del 25 marzo 2014 COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) CARRIERO (NA) CONTE (NA) PATRONI GRIFFI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) RUSSO Membro designato

Dettagli

SOPROV.it. T.A.R. Illegittima l'ordinanza che vieta la distribuzione di materiale pubblicitario

SOPROV.it. T.A.R. Illegittima l'ordinanza che vieta la distribuzione di materiale pubblicitario Autore: Barbara LUZI, della Polizia Municipale di Ariccia (Rm). T.A.R. Illegittima l'ordinanza che vieta la distribuzione di materiale pubblicitario SOPROV.it Il Sindaco del Comune di Lizzano con l ordinanza

Dettagli

Collegio di Roma, 30 settembre 2010, n.1001

Collegio di Roma, 30 settembre 2010, n.1001 Collegio di Roma, 30 settembre 2010, n.1001 Categoria Massima: Cambiali, Indicazioni utili a migliorare le relazioni della banca con la clientela Parole chiave: Cambiale, Indicazioni volte a favorire i

Dettagli