Zoonosi tradizionali e. malattie. trasmesse da zecche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Zoonosi tradizionali e. malattie. trasmesse da zecche"

Transcript

1 Zoonosi tradizionali e malattie trasmesse da zecche Prevenzione delle zoonosi e delle malattie trasmesse da vettori Dott Vito Perremuto

2 Definizioni Sorgente d infezione Serbatoio d infezione portatore ammalato Rettili:salmonella sano portatore sano portatore Acque:legionella Acque:yersinia enteroc convalescente Cronico incubazione uomo:salmonella

3 Definizioni antropozoonosi zooantroponosi Malattie infettive dell uomo causate da microrganismi primariamente patogeni per gli animali Malattie infettive dell animale causate da microrganismi primariamente patogeni per gli uomini Brucellosi Tbc da micobatteri umani in animali d affezione

4 Vie di penetrazione La diversa biologia dei microrganismi condiziona le diverse vie di penetrazione nell ospite:la stragrande maggioranza penetra attraverso le vie respiratoria,digestiva, genito-urinaria e congiuntivale. Le modalità di trasmissione possono essere:contatto diretto, graffi, morsi,inalazione,contatto con urine o feci,ingestione di cibo contaminato o contatto con artropodi vettori. La cute è un ottima barriera a meno che non sia interessata da soluzioni di continuità (puntura d insetti o morsi di animali) Ancylostoma duodenalis e Necator Americanus(elminti)

5 modalità di trasmissione In linea generale per i microrganismi fragili il contagio è diretto. Per i microrganismi capaci di resistere a lungo all azione inattivante dei fattori ambientali il contagio può essere indiretto. Trasmissione diretta Trasmissione indiretta Malattie veneree Virus della rabbia Malattia da graffio di gatto Brucellosi( in caso di aborto al veterinario) Infezioni respiratorie ed esantematiche(gocce di flugge) meningite Veicoli Acqua Alimenti Aria Oggetti Vettori Sono tutti gli esseri biologici che dotati di moto proprio possono trasportare agenti patogeni e non

6 VETTORE Entità biologica che dotata di moto proprio può trasportare agenti patogeni e non zanzare Encefaliti:equina di st. louis Di West Nile ecc. Acari, zecche Pulci Pidocchi Febbre ricorrente Tularemia Babesiosi- Ehrlichiosi- Malattia di Lyme Febbre delle montagne rocciose Febbre Q Encefalite di Powassan Tifo endemico di pulci Peste da Yersinia Pestis Rickettsiosi vescicolare Tifo epidemico da pidocchi(r. Prowazekii) : la malattia è usualmente trasmessa da persona a persona ma anche da animale(scoiattolo ed ectoparassiti) a persona

7 Consente il trasferimento dei microrganismi da un substrato ad un altro (es. mosca) Vettore passivo (o meccanico) ad un altro (es. mosca) Shigelle-salmonelle Vettore obbligato Necessario per il completamento del ciclo vitale del parassita (es. zanzara) Anopheles:malaria Aedes:febbre gialla Phlebotomus:leishmaniosi Pidocchi:tifo petecchiale Zecche:rickettisiosi

8 ANTROPOZOONOSI Malattie umane di origine animale la sorgente d infezione ANIMALI MALATI ANIMALI PORTATORI sani convalescenti cronici in incubazione

9 Malattie trasmesse da animali XXV Rapporto del Comitato sulle Malattie infettive RED BOOK 2000 Malattia o germe Animale coinvolto Vettore o modalità di trasmissione Aeromonas Animali acquatici Infezione delle ferite,ingestione di cibo contaminato Bartonella henselae(graffio di gatto) Brucellosi*** Gatti Bestiame da allevamenti,raramente cani Graffi morsi Contatto diretto con materiale fetale,ingestione di latte contaminato,inalazione di aerosol Campilobatteriosi Pollame,cani gatti,furetti Contatto diretto (in particolare con animali diarroici),ingestione di cibo contaminato Febbre da morso di ratto (streptobacillus moniliformis) Ratti Morsi Febbre ricorrente da zecche Roditori selvatici Puntura di zecca Leptospirosi Cani,ratti,bestiame Contatto con urine in acque contaminate Malattia di Lyme (Borrelia Burgdorferi)*** Roditori selvatici Puntura di zecca Micobatteriosi (marinum e altri) Pesci(pulizia degli acquari) Ferite infette Peste (Yersinia pestis)*** Roditori selvatici,conigli selvatici,gatti Puntura di pulce del roditore,contatto con animali infetti

10 Malattie trasmesse da animali XXV Rapporto del Comitato sulle Malattie infettive RED BOOK 2000 Malattia o germe Animale coinvolto Vettore o modalità di trasmissione Salmonellosi Pollame,rettili,cani,gatti,roditori,furet ti,tartarughe,e altri animali domestici e selvatici Contato diretto e ingestione di cibo contaminato Sindrome emolitico- uremica*** (E.Coli enteroemorragica) Tetano Bestiame Qualsiasi animale, di solito idirettamente attraverso il terreno Ingestione di cibo o acqua contaminati Infezione della ferita, morsi infetti Tularemia(Francisella Tularensis) Conigli selvatici,roditori,gatti Punture di insetti vettore(zecca o mosca dei cervi),contatto diretto con animali infetti,ingestione di acqua contaminata,trasmissione da artigli o denti(gatti) Vibrio Molluschi Ferita infetta,ingestione di cibo contaminato Yersiniosi(Yersinia enterocolitica) Maiali,raramente cani,gatti e roditori Ingestione di acqua o cibo contaminato,raramente contatto diretto Criptococcosi(Cryptococcus neoformans) *** Istoplasmosi(Histoplasma capsulatum) Uccelli,in particolare piccione Pipistrelli, uccelli Leishmaniosi cutanea e viscerale Cani, roditori flebotomo Inalazione di particelle aerosolizzate di feci di piccione accumulate Inalazione di particelle aerosolizzate di feci di pipistrello o uccello accumulate

11 Malattie trasmesse da animali XXV Rapporto del Comitato sulle Malattie infettive RED BOOK 2000 Malattia o germe Animale coinvolto Vettore o modalità di trasmissione Anisakiasi Pesci di acqua salata e pesci che dal mare risalgono i fiumi Consumo di pesce crudo o poco cotto ( es. sushi) Babesiosi Roditori selvatici,cervi Zecca Balantidiasi(B. Coli) Suini Ingestione di acqua o cibo contaminato Hymenolepiasi Roditori Consumo di uova contaminate da feci(cibo e acqua) Teniasi(Tenia solium) Tenia Saginata Suini Bestiame Carni poco cotte Echinococcosi Cani,volpi e altri carnivori Ingestione di uova disperse con le feci Giardiasi Animali selvatici e domestici Ingestione di cisti(contatto diretto o inquinamento di cibi e bevande) Toxoplasmosi Gatti,bestiame Ingestione di oocisti dalle feci infette di gatto,carni poco cotte,contatto con materiale fetale di pecora,capra Trichinosi(T. spiralis)*** Suini Carne poco cotta o cruda Diphyllobotriumu latum Pesci di acqua salata e dolce Pesce crudo o poco cotto

12 Malattie trasmesse da animali XXV Rapporto del Comitato sulle Malattie infettive RED BOOK 2000 Malattia o germe Animale coinvolto Vettore o modalità di trasmissione Ehrlichiosi*** Cervi,cani e ruminanti Zecca Febbre maculosa delle montagne rocciose(r. Ricketssi)*** Febbre Q (Cpxiella Burneti) Cani,roditori selvatici e conigli Pecore,altro bestiame roditori selvatici e conigli Zecca Contatto diretto e con prodotti aerosolizzati degli animali, latte contaminato puntura di zecca Psittacosi(Chlamydia psittaci)*** uccelli domestici e animali da fattoria Inalazione di aerosol da feci Rickettsiosi vescicolare(r. akari) Topo di casa Pidocchio con puntura Tifo enedemico da pulci(r. typhi) Ratti,opossum Feci da pulci penetrate tramite abrasioni da grattamento Tifo epidemico da pidocchi(r. Prowazekii) Encefaliti(arbovirus:bunyaviridaetogaviridae-flaviridae- reoviridaerhabdoviridae)*** la malattia è usualmente trasmessa da persona a persona ma anche da animale Vari animali Rabbia*** Cani,gatti,furetti,pipistrelli,volpi ecc. Morsi Contatto con scoiattoli,loro nidi Puntura di zanzara

13 TOXOPLASMOSI Ivo De Carneri

14 Echinococcosi Ivo De Carneri

15 Ivo De Carneri BOTRIOCEFALOSI

16 TENIASI Ivo De Carneri

17 Soggetti a rischio I soggetti a maggior rischio di esposizione sono coloro che, per motivi di lavoro, hanno contatti frequenti con gli animali: 1. Allevatori 2. Veterinari 3. Addetti all addestramento o alla vendita di animali 4. Macellai 5. Guardie forestali, ecc...

18 Prevenzione Primaria ha lo scopo di evitare il contagio e se ciò non è possibile l infezione Secondaria mira da evitare che l infezione evolva in malattia conclamata Acari, zecche Terziaria: priva di importanza nelle zoonosi e nelle infezioni in generale,eccezion fatta per la tbc e poliomielite(riabilitazione)

19 Prevenzione Primaria A. Scoprire ed inattivare le sorgenti dei microrganismi patogeni Isolamento- contumacia-sorveglianza sanitariadisinfezione-sterilizzazione-disinfestazione-scoperta ed inattivazione dei portatori- eradicazione dei serbatoi naturali B. Interrompere le catene di trasmissione modificando i fattori ambientali(bonifica ambientale:ddt e zanzare) ed i comportamenti a rischio C. Aumentare le resistenze alle infezioni con l immunoprofilassi attiva(vaccino per la Malattia di Lyme:efficace; per la tularemia per i tecnici di laboratorio) e/o passiva e la chemioprofilassi primaria( es. doxiciclina nei gruppi ad alto rischio occupazionale con esposizione a breve termine alla leptospira)

20 Prevenzione Secondaria La prevenzione secondaria ha lo scopo di impedire che l infezione evolva a malattia conclamata o se già si è avviato il processo infettivo ha lo scopo di impedire che questo evolva fino a produrre danni clinicamente evidenti Praticamente nelle zoonosi e in tutte le malattie a breve incubazione i metodi della prevenzione secondaria consistenti essenzialmente nella diagnosi precoce mediante screeneng basati sulla dimostrazione della risposta immunitaria all infezione sono poco efficaci In alcuni casi la chemioprofilassi secondaria:penicillina febbre da morso di ratto,isionazide in soggetto in cui è stata constatata di recente la comparsa di positività al saggio tubercolinico ecc.

21 Esempi di zoonosi eradicabili ed eliminabili Malattia Intervento di prevenzione Risultato possibile Febbre gialla Salmonellosi Brucellosi Inattivazione dei vettori Immunizzazione attiva Idoneo smaltimento degli escrementi,allevamenti indenni,mangimi esenti da salmonelle,catena del freddo per gli alimenti,cottura a fondo delle carni e delle uova Individuazione ed abbattimanto di tutti gli animali d allevamento infetti eliminabile Eliminazione Eradicazione Tbc bovina Come sopra Eradicazione Tetano Immunizzazione dell intera popolazione umana Eliminazione

22 un buon reciproco lavoro ci fa ben sperare in un futuro in cui le foto che vedremo saranno un ricordo nella storia della medicina

23 Rickettsiosi Prof.Gerbasi Prof. La Placa

24 Riso sardonico in soggetto affetto da tetano (stadio terminale) Da Patologia Medica Prof. Rasario

25 Questa è, per esempio, una zooantroponosi non infettiva.. in incubazione! Grazie per l attenzione

da protozoi criptosporidiosi, leishmaniosi, sarcosporidiosi, toxoplasmosi, tripanosomosi.

da protozoi criptosporidiosi, leishmaniosi, sarcosporidiosi, toxoplasmosi, tripanosomosi. in base all agente eziologico Batteriche: borreliosi di Lyme, brucellosi, carbonchio, clamidiosi, febbre bottonosa, febbre Q, leptospirosi, listeriosi, salmonellosi, tbc, tularemia... Virali: coriomeningite

Dettagli

Modalità di trasmissione delle malattie infettive

Modalità di trasmissione delle malattie infettive Università degli Studi di Perugia FACOLTÀ DI FARMACIA - CORSO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA- Modalità di trasmissione delle malattie infettive Prof. Silvano Monarca Vie di trasmissione delle infezioni Catena

Dettagli

Zoonosi emergenti e riemergenti. Aldo Grasselli Presidente Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva

Zoonosi emergenti e riemergenti. Aldo Grasselli Presidente Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva Zoonosi emergenti e riemergenti Aldo Grasselli Presidente Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva West Nile Disease West Nile virus/disease (WNV) is a potentially serious illness. Experts believe

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»:

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Sanità Pubblica Definizione: Dal punto di vista etimologico, Epidemiologia è una parola composita (epi-demio-logia) di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Lo

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Epidemiologia delle malattie infettive Dott.ssa Pamela Di Giovanni Malattie infettive Con il termine di malattia infettiva si intendono tutte quelle affezioni patologiche provocate da organismi viventi

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

Zoonosi occupazionali storia

Zoonosi occupazionali storia Zoonosi come malattie occupazionali DSPVPA storia Fin dall antichità malattie associate ad attività lavorative a contatto con animali: 425 a.c. Tito Livio scabbia in contadini e schiavi IV sec. Renato

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

COS E UN AGENTE BIOLOGICO?

COS E UN AGENTE BIOLOGICO? RICHIO BIOLOGICO Rischio connesso con l esposizione a organismi e microrganismi patogeni e non, colture cellulari, endoparassiti umani presenti nell ambiente di lavoro a seguito di emissione e/o trattamento

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti Bambini e cuccioli Il gatto di casa e la futura mamma Dott.ssa Nadia Gussetti Azienda Ospedaliera Padova ZOONOSI MALATTIE TRASMISSIBILI DALL ANIMALE ALL UOMO PER CONTATTO DIRETTO O PER VIA INDIRETTA Padova,

Dettagli

Corso per Operatori Fattorie didattiche. CeFAP

Corso per Operatori Fattorie didattiche. CeFAP Corso per Operatori Fattorie didattiche CeFAP IGIENE DELLE MALATTIE DEGLI ANIMALI DOMESTICI a cura della dott.ssa Serena Fontanot 2 Trattazione della profilassi delle malattie infettive degli animali domestici,

Dettagli

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Roberta Galuppi DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA E PATOLOGIA ANIMALE UNIVERSITA

Dettagli

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario?

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? NO Aracnidi e insetti = ARTROPODI ARACNIDI INSETTI DITTERI ZANZARE

Dettagli

Il rischio biologico da contatto con gli animali

Il rischio biologico da contatto con gli animali WORKSHOP FATTORIE DIDATTICHE 28 NOVEMBRE 2011 Il rischio biologico da contatto con gli animali Laura Chiavacci Osservatorio Epidemiologico Fattorie didattiche La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo

Dettagli

IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI

IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI Contro pulci, zecche, zanzare e pappataci IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI I più comuni parassiti TRASMETTERE Le malattie trasmesse da vettore Pulci, zecche, zanzare e anche pappataci sono un problema per

Dettagli

zoonosi.doc Scabbia, Tigna Scabbia, Tigna Rabbia, Tetano Rabbia, Malattia da graffio di gatto Leptospirosi Leptospirosi

zoonosi.doc Scabbia, Tigna Scabbia, Tigna Rabbia, Tetano Rabbia, Malattia da graffio di gatto Leptospirosi Leptospirosi 1 Malattie trasmissibili dagli animali all uomo Tutti sanno che esiste la possibilità che l uomo e gli animali si trasmettano reciprocamente malattie, che sono definite zoonosi. Le zoonosi conosciute sono

Dettagli

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Famiglia Campylobacteraceae tre generi: Campylobacter, Arcobacter,

Dettagli

ZOONOSI: LE MALATTIE CHE GLI ANIMALI CI POSSONO TRASMETTERE. Convivere con un animale

ZOONOSI: LE MALATTIE CHE GLI ANIMALI CI POSSONO TRASMETTERE. Convivere con un animale ZOONOSI: LE MALATTIE CHE GLI ANIMALI CI POSSONO TRASMETTERE Convivere con un animale Nel nostro Paese la popolazione degli animali familiari si sta ormai numericamente equiparando a quella umana, tanto

Dettagli

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO:RISCHI MICROBIOLOGICI E MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE PROF. G. Sansebastiano Dr.ssa R. Zoni Dr.ssa L. Bigliardi UNIVERSITA DI PARMA microrganismi

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Sorveglianza epidemiologica: definizione La

Dettagli

Corso Formazione Sanitaria fauna selvatica RISCHI SANITARI, FAUNA SELVATICA E LORO PREVENZIONE

Corso Formazione Sanitaria fauna selvatica RISCHI SANITARI, FAUNA SELVATICA E LORO PREVENZIONE Corso Formazione Sanitaria fauna selvatica 2005 RISCHI SANITARI, FAUNA SELVATICA E LORO PREVENZIONE MALATTIE TRASMISSIBILI DALLA FAUNA SELVATICA ALL UOMO CARATTERISTICHE GENERALI BRUCELLOSI malattia infettiva

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE Docente Titolare del corso: Dr. Antonio Romaniello Corso di Laurea : _FARMACIA Obiettivi formativi generali (risultati di apprendimento previsti

Dettagli

Le zoonosi. Esempi di zoonosi:

Le zoonosi. Esempi di zoonosi: Le zoonosi Le zoonosi sono malattie che si trasmettono dagli animali all uomo. Solo raramente gli animali sono direttamente fonte di infezione: solitamente i germi sono trasmessi all uomo da acqua e cibi

Dettagli

Tossinfezioni alimentari e HACCP

Tossinfezioni alimentari e HACCP Tossinfezioni alimentari e HACCP INTOSSICAZIONI ALIMENTARI Cosa sono? Le intossicazioni alimentari sono manifestazioni patologiche che si determinano in seguito al consumo di alimenti contenenti tossine

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO DIRETTORE GENERALE Ing. Sergio Florio Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

Denuncia di Malattia Infettiva

Denuncia di Malattia Infettiva Denuncia di Malattia Infettiva Strumento determinante per la sorveglianza sulle malattie infettive insorgenti sul territorio con applicazione delle misure di profilassi e controllo al fine di impedire

Dettagli

La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto

La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto Alfonso Zecconi Università degli Studi di Milano Dipartimento Patologia Animale Le tossinfezioni alimentari Problema comune a tutti gli alimenti

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Malattia da virus Zika

Malattia da virus Zika Malattia da virus Zika La zanzara Aedes che trasmette Zika virus trasmette anche Febbre Gialla Dengue e Chikungunia. AAS5 Friuli Occidentale Dipartimento di Prevenzione dr.ssa Oriana Feltrin Malattia

Dettagli

Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C

Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C (Sede: Policlinico Umberto I Roma) C.I. Promozione della Salute e Sicurezza Docente Igiene: Prof.ssa C. Marzuillo Docente Malattie Infettive: Prof. M Ciardi

Dettagli

*Gruppo di Lavoro Dott. Sandro Capocecera

*Gruppo di Lavoro Dott. Sandro Capocecera REVI - SIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 27.09.2010 *Gruppo di Lavoro Dott. Sandro Capocecera _ TPALL Claudio Celestini GRAP Alessandro Selbmann Raffaela Napoli Roberto Riccardi Nicoletta Salvatori

Dettagli

Cani/gatti e sanità pubblica. cenni sulle malattie trasmissibili. all uomo

Cani/gatti e sanità pubblica. cenni sulle malattie trasmissibili. all uomo Cani/gatti e sanità pubblica cenni sulle malattie trasmissibili all uomo Piacenza, 18 gen 2012 dr. Carlo Riccio ZOONOSI MALATTIE TRASMISSIBILI DAGLI ANIMALI ALL UOMO SONO PIU DI 200 A LIVELLO PRATICO DA

Dettagli

Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali

Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali 1 Elementi dell infezione La comparsa della malattia mette in gioco le caratteristiche di tre diversi elementi Agente Ospite Ambiente numerosi organismi

Dettagli

11 settembre 2001. Niente sarà più come prima

11 settembre 2001. Niente sarà più come prima 11 settembre 2001 Niente sarà più come prima Alle 8,45 un Boeing 767 dell American Airlines si schianta contro la torre Nord del World Trade Center, nel cuore del quartiere finanziario di New York. Alle

Dettagli

Zoonosi e sanità pubblica

Zoonosi e sanità pubblica Zoonosi e sanità pubblica Elvira Matassa Zoonosi e sanità pubblica Un approccio interdisciplinare per un problema emergente con la collaborazione di Federico Canavesi ABC ELVIRA MATASSA Medico veterinario.

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Definizione Il rischio biologico è legato alla possibilità che ha l agente biologico di penetrare nell organismo e di provocare

Dettagli

Scheda B12: Allontanamento o cattura di roditore con indicazioni di movimentazione in situazione di emergenza. Fattori di rischio principali

Scheda B12: Allontanamento o cattura di roditore con indicazioni di movimentazione in situazione di emergenza. Fattori di rischio principali A S V A S pt V Libe Movi Scheda B12: Allontanamento o cattura di roditore con indicazioni di movimentazione in situazione di emergenza Descrizione Roditori (Rattus norvegicus, Rattus rattus, Mus musculus

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

APPLICAZIONI DEGLI STUDI DI ECOPATOLOGIA NELLA GESTIONE DELL'ORSO BRUNO

APPLICAZIONI DEGLI STUDI DI ECOPATOLOGIA NELLA GESTIONE DELL'ORSO BRUNO APPLICAZIONI DEGLI STUDI DI ECOPATOLOGIA NELLA GESTIONE DELL'ORSO BRUNO Ernesto Pascotto, Elisa Peressin, Paola Beraldo Sezione di Biologia e Patologia Animale Dipartimento di Scienze Animali FACOLTÀ DI

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Trasmissione orizzontale: da un segmento all altro della popolazione, nell ambito della stessa generazione. Raffaella Baldelli DSPVPA

Trasmissione orizzontale: da un segmento all altro della popolazione, nell ambito della stessa generazione. Raffaella Baldelli DSPVPA Trasmissione verticale: da una generazione ad un altra Trasmissione orizzontale: da un segmento all altro della popolazione, nell ambito della stessa generazione Trasmissione verticale genetica/ereditaria

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Aggiornamento alla GU 06/09/98 209. MALATTIE INFETTIVE E SOCIALI A) Malattie infettive e diffusive - Norme generali D.M. 15 dicembre 1990 (1). Sistema

Dettagli

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI ECOLOGICI ambiente INDIRETTA (mediata) Educazione sanitaria DELLA PERSONA Informazione sanitaria Formazione sanitaria DIRETTA (immediata) disinfezione sterilizzazione GENERICA INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE

Dettagli

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti a cura di M. Gilardi, M. Accorinti La Bartonella henselae è un bacillo aerobio gram negativo e costituisce l agente patogeno della malattia da graffio di gatto. L infezione è ubiquitaria e può interessare

Dettagli

TATUAGGI E PIERCING Aspetti di Sicurezza

TATUAGGI E PIERCING Aspetti di Sicurezza Corso di Formazione TATUAGGI E PIERCING Aspetti di Sicurezza - Principali agenti infettivi - Modalità di trasmissione degli agenti infettivi, con particolare riguardo alla trasmissione per contatto e parenterale

Dettagli

INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE CHIMICO AMBIENTE MATERIALE ILTRIANGOLO DELLA SALUTE (Modolo, 2005) INDIVIDUO AMBIENTE IMMATERIALE Igiene e Sanità Pubblica L

Dettagli

La valutazione dei rischi da agenti biologi

La valutazione dei rischi da agenti biologi DEFINIZIONI La valutazione dei rischi da agenti biologi Paola Tomao ISPESL- Paola Tomao 1 PERICOLO : Proprietà o qualità intrinseca di una determinata entità (es. materiali o attrezzature di lavoro, metodi

Dettagli

Prevenzione delle infezioni opportunistiche

Prevenzione delle infezioni opportunistiche Prevenzione delle infezioni opportunistiche Andamento viremico e risposta immunitaria 10 6 cellule CD4 1000 HIV RNA Copie/ml HIV-RNA plasmatico 800 600 400 200 CD4 Cellule/mm 3 10 2 mesi anni 0 >9/99 3/99-9/99

Dettagli

DEFINIZIONI. lavoro. ISPESL- Paola Tomao 2

DEFINIZIONI. lavoro. ISPESL- Paola Tomao 2 La valutazione dei rischi da agenti biologi Paola Tomao ISPESL- Paola Tomao 1 DEFINIZIONI PERICOLO : Proprietà o qualità intrinseca di una determinata entità (es. materiali o attrezzature di lavoro, metodi

Dettagli

Prevenzione e controllo delle malattie. Dr.Ludovico DIPINETO Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Napoli Federico II

Prevenzione e controllo delle malattie. Dr.Ludovico DIPINETO Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Napoli Federico II Prevenzione e controllo delle malattie Dr.Ludovico DIPINETO Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Napoli Federico II In ambito umano (OMS) Stato di completo benessere fisico, mentale

Dettagli

LA PARASSITOLOGIA NEL POLICLINICO UMBERTO 1, DAL

LA PARASSITOLOGIA NEL POLICLINICO UMBERTO 1, DAL PARASSITI d ITALIA Una rete al servizio del SSN Animali + Esseri umani = una sola salute ROMA 20-21 ottobre 2011 LA PARASSITOLOGIA NEL POLICLINICO UMBERTO 1, DAL 1974 AD OGGI Prof. Gabriella Cancrini P.A.

Dettagli

MALATTIE A TRASMISSIONE MISTA E COMPLESSA

MALATTIE A TRASMISSIONE MISTA E COMPLESSA MALATTIE A TRASMISSIONE MISTA E COMPLESSA Malattie a trasmissione mista e complessa AIDS Epatiti B e C Rosolia Toxoplasmosi Legionellosi AIDS DEFINIZIONE/ EZIOLOGIA DIFFUSIONE malattia virale a lunga incubazione,

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 04 ATTIVITÀ DI RICERCA CHE UTILIZZA ANIMALI DA LABORATORIO

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 04 ATTIVITÀ DI RICERCA CHE UTILIZZA ANIMALI DA LABORATORIO ATTIVITÀ DI RICERCA CHE UTILIZZA ANIMALI DA LABORATORIO Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 ATTIVITÀ DI RICERCA CHE UTILIZZA ANIMALI DA LABORATORIO

Dettagli

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA 1/7 Premessa Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Bologna ha la finalità di prevenire le malattie, promuovere, proteggere

Dettagli

Rischi da esposizione ad agenti biologici

Rischi da esposizione ad agenti biologici Rischi da esposizione ad agenti biologici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Titolo X Esposizione ad agenti biologici Campo di applicazione Tutte le attività lavorative nelle quali

Dettagli

IL BAMBINO CON TUMORE O LEUCEMIA QUANDO C È UN ANIMALE IN CASA

IL BAMBINO CON TUMORE O LEUCEMIA QUANDO C È UN ANIMALE IN CASA IL BAMBINO CON TUMORE O LEUCEMIA QUANDO C È UN ANIMALE IN CASA PER GENITORI E OPERATORI Pubblicato dalla CCLG Childrens Cancer and Leukaemia Group www.cclg.org.uk Si ringrazia di cuore il CCLG che ha prodotto

Dettagli

Sicurezza nei macelli e nei laboratori di sezionamento

Sicurezza nei macelli e nei laboratori di sezionamento UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro per Studenti della Facoltà di Medicina Veterinaria Sicurezza nei macelli e nei laboratori di sezionamento Dr. Luca

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2000D0096 IT 05.09.2012 006.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 dicembre 1999 relativa

Dettagli

Rickettsie. 4 generi: Rickettsia, Coxiella, Orientia, Erlichia.

Rickettsie. 4 generi: Rickettsia, Coxiella, Orientia, Erlichia. Rickettsie 4 generi: Rickettsia, Coxiella, Orientia, Erlichia. Rickettsie Aerobi, Gram-. Parassiti intracellulari obbligati (tranne la Rochalimea). Dimensioni di 0,3-1-2 micron. Crescono nel citoplasma

Dettagli

1) l introduzione del concetto stesso di

1) l introduzione del concetto stesso di Con l introduzione del D.Lgv. 626/94 (oggi D.Lgs.81/08 e s.m.i.) gli elementi innovativi sono molteplici. Quelli che interessano il rischio biologico sono: 1) l introduzione del concetto stesso di rischio,

Dettagli

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena WEST NILE, segnalato un decesso a Modena Dopo Reggio Emilia anche a Modena si sarebbe registrato il 5 settembre un decesso per West Nile, la malattia neuroinvasiva che nelle province di Modena, Reggio

Dettagli

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 15 dicembre 2003 Il Dipartimento federale dell interno ordina: I L ordinanza del 13 gennaio 1999 1 concernente le dichiarazioni

Dettagli

FAQ DOMANDE SULLA WND

FAQ DOMANDE SULLA WND FAQ DOMANDE SULLA WND MALATTIA 1. Che cos è la West Nile Disease (WND)? La WND è una zoonosi ad eziologia virale, trasmessa da zanzare, che causa forme di meningo-encefalite negli uccelli, sia selvatici

Dettagli

TITOLO X D.LGS. 81/08 Esposizione ad agenti biologici

TITOLO X D.LGS. 81/08 Esposizione ad agenti biologici TITOLO X D.LGS. 81/08 Esposizione ad agenti biologici CAMPO DI APPLICAZIONE si applica a tutte le attività lavorative nelle quali vi è il rischio di esposizione ad agenti biologici. ALLEGATO XLIV D. Lgs

Dettagli

Zoonosi e sanità pubblica

Zoonosi e sanità pubblica Zoonosi e sanità pubblica Elvira Matassa Zoonosi e sanità pubblica Un approccio interdisciplinare per un problema emergente con la collaborazione di Federico Canavesi ABC ELVIRA MATASSA Medico veterinario.

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO IN AGRICOLTURA. Cattedra di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Roma La Sapienza

RISCHIO BIOLOGICO IN AGRICOLTURA. Cattedra di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Roma La Sapienza RISCHIO BIOLOGICO IN AGRICOLTURA Cattedra di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Roma La Sapienza Rischio biologico in agricoltura: Il Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 e s.m.i. norma la Protezione

Dettagli

Malattia da Virus Ebola Informazioni Generali

Malattia da Virus Ebola Informazioni Generali Malattia da Virus Ebola Informazioni Generali Malattia da Virus Ebola (Ebola Virus Disease = EVD) Origini Il virus Ebola prende il nome dal fiume Ebola, nello stato dello Zaire (ora Repubblica Democratica

Dettagli

04/04/2011 USO IMPROPRIO DEI MICRORGANISMI: LA GUERRA BIOLOGICA. Non è una idea nuova... caratteristiche ideali di un arma biologica:

04/04/2011 USO IMPROPRIO DEI MICRORGANISMI: LA GUERRA BIOLOGICA. Non è una idea nuova... caratteristiche ideali di un arma biologica: USO IMPROPRIO DEI MICRORGANISMI: LA GUERRA BIOLOGICA Non è una idea nuova... caratteristiche ideali di un arma biologica: 1) facile da produrre Bio weapon Quando si parla di guerra biologica ci si riferisce

Dettagli

MORSI DI ANIMALI MORSI DI ANIMALI

MORSI DI ANIMALI MORSI DI ANIMALI MORSI DI ANIMALI Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI MORSI DI ANIMALI OBIETTIVI SAPERE: - i pericoli legati ai morsi di animali - principali animali con cui abbiamo a che fare SAPER FARE: - riconoscere

Dettagli

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1 TOXOPLASMOSI 1 La toxoplasmosi è una malattia data da un protozoo (essere unicellulare) parassita obbligato: il Toxoplasma gondii. Questa malattia è una zoonosi perché può essere trasmessa anche all'uomo.

Dettagli

Zoonosi trasmesse per via alimentare

Zoonosi trasmesse per via alimentare Zoonosi trasmesse per via alimentare Con il termine zoonosi si incano secondo la definizione ufficiale dell Organizzazione Monale della Sanità (OMS) e della Federal Agricultural Organization (FAO) le malattie

Dettagli

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Intervento a cura di: Dario Signorelli -Dipartimento di Prevenzione Medica SC Alimenti e Nutrizione ASL Milano Milano, 3 maggio 2012 1 servizio

Dettagli

INCONTRO CON LA CITTADINANZA

INCONTRO CON LA CITTADINANZA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439-883832 INCONTRO CON LA CITTADINANZA Diffusione delle ZECCHE nel nostro territorio.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio VETERINARIO DIRIGENTE ASL DI TERAMO Incarico di studio

Dettagli

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-)

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Abitudini di vita Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Alterazioni preneoplasiche acquisite Iperplasia

Dettagli

Il quadrilatero di Teobald Smith

Il quadrilatero di Teobald Smith L EPIDEMIOLOGIA E LA SOCIOSOCIO-ECONOMIA VETERINARIA NEL PENSIERO E NELLE AZIONI DI ADRIANO MANTOVANI Giorgio Battelli GIORNATA DI STUDIO SULLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA Adriano Mantovani e la Sanità

Dettagli

La filariosi e altre malattie causate da parassiti

La filariosi e altre malattie causate da parassiti Centro veterinario alla Ressiga La filariosi e altre malattie causate da parassiti Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Filariosi cardiopolmonare (Dirofilaria immitis) La filariosi cardiopolmonare è

Dettagli

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007 Il mantenimento della catena del freddo - Requisiti di legge riguardanti la temperatura durante la produzione, la conservazione, il trasporto e la vendita di derrate alimentari D estate, con l aumento

Dettagli

ARRIVANO PULCI E ZECCHE: COME PROTEGGERE I NOSTRI AMICI ANIMALI?

ARRIVANO PULCI E ZECCHE: COME PROTEGGERE I NOSTRI AMICI ANIMALI? ARRIVANO PULCI E ZECCHE: COME PROTEGGERE I NOSTRI AMICI ANIMALI? Come ogni anno, insieme al caldo arrivano anche pulci e zecche ad infestare i nostri amici animali. Spesso la battaglia contro questi ectoparassiti

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia ZOONOSI EMERGENTI E RIEMERGENTI: tra vecchie conoscenze e nuove realtà Torino, 26 febbraio 2013 L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia Fabio Ostanello Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie

Dettagli

Rabbia. Conoscere per prevenire

Rabbia. Conoscere per prevenire Rabbia Conoscere per prevenire Campagna informativa sulla rabbia promossa dal Ministero della Salute Dipartimento per la sanità pubblica veterinaria, la nutrizione e la sicurezza degli alimenti Direzione

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

L influenza. stagionale

L influenza. stagionale Questo opuscolo vuole fornire alcune informazioni pratiche per avere una visione corretta ed equilibrata di un fenomeno, quello dell influenza aviaria, che al momento attuale sta determinando un inutile

Dettagli

NOI & LORO Le principali zoonosi di cane e gatto

NOI & LORO Le principali zoonosi di cane e gatto NOI & LORO Le principali zoonosi di cane e gatto Relatrice: dottoressa Leila Dallafior Le ZOONOSI Sono malattie trasmissibili dall' animale all' uomo: il pericolo della loro diffusione è dovuto all'intensificarsi

Dettagli

PRINCIPALI TOSSINFEZIONI ALIMENTARI CAUSATE DA MICRORGANISMI

PRINCIPALI TOSSINFEZIONI ALIMENTARI CAUSATE DA MICRORGANISMI PRINCIPALI TOSSINFEZIONI ALIMENTARI CAUSATE DA MICRORGANISMI Tab. 1 Principali tossinfezioni alimentari classificate in base al periodo di incubazione Periodo di incubazione generalmente da 12 a 72 ore

Dettagli

del RISCHIO BIOLOGICO

del RISCHIO BIOLOGICO L. Frusteri D. De Grandis G. Pontuale del RISCHIO BIOLOGICO Manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 81/2008 e s.m. A B C del RISCHIO BIOLOGICO PREMESSA...5

Dettagli

Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi

Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi Prof. Paolo Cadrobbi; Dott. Giovanni Carretta Salmonellosi tifoidee e non tifoidee E fondamentale distinguere tra: febbre tifoide, grave infezione che interessa

Dettagli

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova Questo opuscolo informativo nasce da un iniziativa organizzata dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Padova e dall Ordine dei Medici Veterinari di Padova con il patrocinio del Comune

Dettagli

LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE

LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE Ogni anno, con l avvento della bella stagione, arrivano anche i problemi legati alle infestazioni da parte di pulci e zecche. Per qualunque possessore di cani o gatti,

Dettagli

Aspetti di igiene. Inf. Roberta Baldessari. gruppo CRI Pergine Valsugana

Aspetti di igiene. Inf. Roberta Baldessari. gruppo CRI Pergine Valsugana Aspetti di igiene Inf. Roberta Baldessari gruppo CRI Pergine Valsugana Igiene complesso di regole e di pratiche che prevengono la comparsa delle malattie, migliorando le condizioni di vita Infezione ingresso

Dettagli

SCALIBOR collare previene le infestazioni da zecche per 6 mesi, da pulci per 4 mesi; previene la puntura dei flebotomi per 5 mesi e repelle le

SCALIBOR collare previene le infestazioni da zecche per 6 mesi, da pulci per 4 mesi; previene la puntura dei flebotomi per 5 mesi e repelle le SCALIBOR collare previene le infestazioni da zecche per 6 mesi, da pulci per 4 mesi; previene la puntura dei flebotomi per 5 mesi e repelle le zanzare per 6 mesi. L effetto repellente (antifeeding) di

Dettagli

Dr. Vincenzo Nicosia QHSE/SAIPEM MED. Verona, 8 Giugno 2007. Saipem Group page 1

Dr. Vincenzo Nicosia QHSE/SAIPEM MED. Verona, 8 Giugno 2007. Saipem Group page 1 LA TUTELA DELLA SALUTE DEI LAVORATORI ALL ESTERO Dr. Vincenzo Nicosia QHSE/SAIPEM MED Verona, 8 Giugno 2007 Saipem Group page 1 QHSE/H Survey Sanitaria Valutazione dei rischi Rapporto Documento di valutazione

Dettagli

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso PESCE CRUDO Istruzioni per l uso I RISCHI MICROBIOLOGICI nei prodotti della pesca Gestione del PRODOTTO FRESCO e PUNTI CRITICI Dr.ssa Priscilla D Amico Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

Dettagli