Malaria: stato dell arte e prospettive future

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Malaria: stato dell arte e prospettive future"

Transcript

1 Malaria: stato dell arte e prospettive future Chemioprofilassi antimalarica nel bambino Vania Giacomet Struttura di Infettivologia Pediatrica Dipartimento di Pediatrica AO L Sacco Direttore Prof Zuccotti Milano, 18 luglio 2011

2

3 Casi di Malaria in Italia Italian Journal of Tropical Medicine 2010

4

5 RISCHIO DI MALARIA TIPO DI PREVENZIONE TIPO I Rischio di trasmissione molto basso Prevenzione della puntura di zanzara TIPO II- Fascia A Rischio di infezione da P. vivax o da P. falciparum clorochino sensibile Prevenzione della puntura di zanzara e chemioprofilassi con CLOROCHINA TIPO III- Fascia B TIPO IV- Fascia C Rischio di trasmissione di malaria e emergenza di ceppi clorochino-resistenti Alto rischio di trasmissione di malaria da falciparum e di resistenza oppure basso/moderato rischio di malaria da falciparum ma elevata resistenza farmacologica Prevenzione della puntura di zanzara e profilassi con l'associazione CLOROCHINA/PROGUANILE Prevenzione della puntura di zanzara e chemioprofilassi con MEFLOCHINA, DOXICICLINA, ATOVAQUONE/PROGUANILE (a seconda delle specifiche resistenze)

6 ABCD A - AWARE: Attenzione al rischio di infezione, al periodo di incubazione, ai sintomi di esordio. B - BITE: Evitare le punture di zanzara, soprattutto tra tramonto e alba. C - CHEMOPROPHYLAXIS: assumere correttamente la chemioprofilassi, quando indicato. D - DIAGNOSIS: immediata diagnosi e trattamento se comparsa di febbre entro 3 mesi dal ritorno

7 Profilassi della malaria Informazione al viaggiatore Misure di protezione personale Chemioprofilassi Trattamento stand by di emergenza

8 Informazione al viaggiatore Paese visitato Specie di plasmodio prevalente Diffusione della chemioresistenza Tipo di soggiorno Durata Altitudine Compliance del viaggiatore

9 Profilassi comportamentale Evitare, se possibile, di uscire tra il tramonto e l alba Indossare abiti di colore chiaro, con maniche lunghe e pantaloni lunghi Applicare sulla cute esposta repellenti per insetti a base di N, N-dietiln-toluamide (DEET) o di dimetil-ftalato, ripetendo se necessario l applicazione ogni 2-3 ore; Alloggiare preferibilmente in edifici con sufficienti garanzie dal punto di vista igienico

10 Profilassi comportamentale Dormire preferibilmente in stanze dotate di condizionatore d aria, in mancanza di questo, di zanzariere alle finestre, curando che queste siano tenute in ordine e ben chiuse; Usare zanzariere sopra il letto, rimboccando i margini sotto il materasso, verificando le condizioni e che nessuna zanzara sia rimasta all interno. È molto utile impregnare le zanzariere con insetticidi a base di permetrina; Spruzzare insetticidi a base di piretro o permetrina nelle stanze di soggiorno e nelle stanze da letto Prodotti repellenti per gli insetti ed insetticidi a base di piretro idi possono essere spruzzati anche direttamente sugli abiti.

11 .In zona endemica Il neonato è parzialmente protetto dalla malaria grazie agli anticorpi materni ed all emoglobina fetale La durata di tale protezione è stimata intorno ai 6 mesi dalla nascita Nel periodo successivo inizia una fase di piena suscettibilità alla malattia, comprese le forme gravi

12 Chemioprofilassi Profilassi causale: previene il rilascio di merozoiti dal fegato per inibizione o uccisione degli sporozoiti o schizonti epatici Profilassi soppressiva: il parassita matura nel fegato ed invade il circolo ematico ma viene impedita la moltiplicazione intraeritrocitaria

13 Clorochina fosfato Utilizzare solo in zone clorochinosensibili Ben tollerata Facile somministrazione Nessuna evidenza di teratogenicità POSOLOGIA: 5 mg base/kg 1 volta /settimana (8.3 mg/kg) (max 300mg) cp 250 (=150 mg/base)

14 Clorochina fosfato Effetti collaterali: cefalea, prurito, vertigini Da iniziare 1 settimana prima del viaggio, per tutta la durata del soggiorno e per 4 settimane dopo il ritorno Assumere a stomaco pieno Scarsa palatabilità POSOLOGIA: 5 mg base/kg 1 volta /settimana (8.3 mg/kg) (max 300mg) cp 250 (=150 mg/base)

15 Meflochina Efficace su tutti i ceppi di plasmodio Di facile somministrazione: 1 volta alla settimana Utilizzabile dopo il 1 trimestre di gravidanza Compatibile con allattamento

16 Meflochina Discretamente tollerato (< incidenza di effetti neuropsichiatrici rispetto all adulto) >75% degli effetti collaterali si manifesta entro la 3 somministrazione Facile da assumere (1 dose/settimana) Non agisce sugli schizonti epatici Inizio profilassi 1-2 settimane prima della partenza, da proseguire per tutta la durata del viaggio e per 4 settimane dopo il ritorno

17 Meflochina Bambini: > 5 kg di peso Interazioni farmacologiche: non controindicazione in associazione ad Antiaritmici, beta-adrenergici, calcio antagonisti, antiistaminici, fenotiazinici POSOLOGIA: 5 mg/kg 1 volta/settimana (cp da 250 mg) <9 Kg: 4,6mg/Kg /sett 9-19 Kg:1/4 cp/sett Kg:1/2 cp/sett Kg:3/4 cp /sett >45Kg: 1 cp/sett

18 Atovaquone/proguanile Altamente efficace Ben tollerato Agisce anche sugli schizonti epatici Assumere 1-2 giorni prima della partenza, per tutto il soggiorno e per 1 settimana dopo il ritorno POSOLOGIA: 1 dose giornaliera. Cp pediatriche:62,5 mg atovaquone + 25 mg proguanile 5-8 Kg:1/2 cp pediatrica 9-11 Kg: 3/4 cp pediatrica Kg:1 cp pediatrica Kg: 2 cp pediatriche Kg:3 cp pediatriche >41 Kg: 1 cp adulti

19 Atovaquone/proguanile Da assumere con cibo o latte Segnalati nausea, vomito, dolore addominale, cefalea

20 Doxiciclina Da assumere 1-2 settimane prima del viaggio, per tutto il soggiorno e per 4 settimane dopo il ritorno Ben tollerata Controindicata per età < 8 anni e donne gravide POSOLOGIA: 2 mg/kg die ( max 100 mg die) cp 100 mg

21 Primachina Unico farmaco in gradi di prevenire le infezioni da P vivax Dopo esposizione prolungata a P vivax e ovale Da assumere per 14 giorni dopo il ritorno Effetti collaterali gastrointestinali Controindicata nei casi di deficit di G6PH POSOLOGIA: 0.5 mg/kg base (0.8 mg/kg) 1 volta/die

22 Profilassi vs Trattamento intermittente Caveats 13 trials 6 trials L incremento dell utilizzo dei farmaci antimalarici comporta un aumento della resistenza? 19 trials (14393 partecipanti) condotti in Africa Sia la profilassi che il trattamento intermittente riducono la malaria clinica, l anemia severa, e i ricoveri ospedalieri. Non evidenza di riduzione del rischio di decesso nei bambini in età prescolare L utilizzo della profilassi o del trattamento intermittente potrebbe limitare l acquisizione della immunità naturale alla malaria? Il trattamento intermittente comporta minori effetti colaterali rispetto alla profilassi? Meremikwn et al, Cochraine Database of Systematic Review 2005

23 Effetti collaterali e compliance Intervista a 177/286 pazienti visitati presso la Travel Clinic al Children Memorial Hospital Chicago a cui era stata prescritta profilassi antimalarica Età media dei pazienti 6,3 anni Profilassi consigliata: meflochina (84%), clorochina (16%) Viaggi: Africa (58%), Sud America (21%, India (12%), Asia (9%) 136/177 (67%) hanno assunto la profilassi antimalarica Motivi di mancata compliance Dimenticanza 52% Modifiche nel piano del viaggio Profilassi ritenuta non necessaria Rifiuto del paziente Scorta del farmaco finita 27% 14% 5% 2% T A Albright et al, J Travel Med 2002

24 Effetti collaterali dei farmaci antimalarici 12% dei pazienti hanno presentato effetti collaterali Effetti collaterali Meflochina 10% incubi 4 diarrea 3 Clorochina 23% Vomito 3 2 cefalea 2 2 anoressia 1 alterazioni del sonno allucinazioni nausea 1 2 rash 1 T A Albright et al, J Travel Med 2002

25 Storia delle resistenze agli antimalarici

26 Safety in Pediatria PRINCIPIO ATTIVO Profilassi/ Terapia GRAVIDANZA ALLATTAMENTO ETA' PEDIATRICA CHININA T Sicuro CLOROCHINA P/T Sicuro PROGUANILE P Sicuro CLINDAMICINA T Apparentemente sicura SULFADOSSINA/ PIRIMETAMINA T Non raccomandata nell ultimo mese Sicura Solo >5 Kg (>2 mesi) MEFLOCHINA P/T Non raccomandata nel 1 trimestre Sicura Solo >5 Kg (CDC= <5 Kg) ATOVAQUONE/ PROGUANILE P/T Non raccomandato, tranne che come 3 linea di salvataggio in infezioni da falciparum multiresistente Assenza di dati P: solo >11 Kg (CDC= 5-11 Kg) T: >5 Kg DOXICICLINA P/T Controindicata Controindicata > 8 anni

27 La malaria di importazione in età pediatrica Dal 1980 si sta assistendo ad un aumento del numero di casi di malaria da importazione Circa il % dei casi di malaria da importazione sono bambini Categoria a maggior rischio sono i bambini che rientrano nel loro paese di nascita (durante le vacanze scolastiche estive) dopo aver soggiornato molto tempo in un paese non endemico Ladhani S et al. Lancet Infect Dis 2007

28 La malaria di importazione in età pediatrica Se assunta correttamente la chemioprofilassi garantisce una protezione superiore al 95% Rispetto all adulto, l adesione alla profilassi è estremamente bassa (3-15%) Malaria Surveillance MMWR 2010, Maltha J et al. Clinical practice : The diagnosis of imported malaria in children. Eur J Ped 2011, Ladhani S et al. Imported malaria in children: a review of clinical studies.lancet Infect Dis 2007

29 La profilassi e i viaggi di ritorno Questionario somministrato a 71 genitori (63% Asia, 35% Africa, 2% Isole Caraibiche) 83% consapevoli del rischio di malaria nel loro paese natio 45% consapevoli della necessità di controllo clinico al ritorno Africa>Asia p= 0,019 Venturini et al, Journal of Travel Medicine 2010

30 Infezioni nei bambini dopo un viaggio internazionale: dati da GeoSentinel Surveillance Network n= 1591 bambini 13% 57% 13% 17% diarrea dermatite febbre infez respiratorie % malaria virale non specificata malaria virale non specificata Pediatrics 2010

31 Ricoveri per malaria presso Pediatria Sacco paziente paese provenienza profilassi terapia tipo di plasmodium 3 aa-f Senegal meflochina Alofantrina falciparum 4 aa-m Costa Avorio meflochina Atovaquone/proguanile falciparum 1 aa-m Madagascar no Coarten? 6 aa-m Congo no Atovaquone/proguanile falciparum 9 aa-f Costa Avorio meflochina* Atovaquone/proguanile falciparum 2 aa-f Nigeria no Meflochina falciparum 5 aa-f Pakistan no Atovaquone/proguanile /primachina 11 aa-m Pakistan no Atovaquone/proguanile /primachina 7 aa-f Congo no Atovaquone/proguanile /primachina vivax vivax ovale 3 aa-m Congo meflochina* Atovaquone/proguanile falciparum *Profilassi sospesa al rientro in Italia

32 Counselling prima dei viaggi in un centro pediatrico infettivologico Interazione con i PLS che lavorano sul territorio Gestione degli effetti collaterali

33 Grazie per l attenzione

7.- MALARIA. Cos'è. Cosa la provoca. Come si trasmette. Periodo di incubazione

7.- MALARIA. Cos'è. Cosa la provoca. Come si trasmette. Periodo di incubazione 7.- MALARIA (Questo materiale è stato elaborato a scopo informativo/didattico e non è sostitutivo delle consulenze mediche. Per necessità specifiche fare riferimento al proprio medico o al sistema sanitario

Dettagli

FARMACI PER PROFILASSI MALARIA: Lariam, Malarone o altro?

FARMACI PER PROFILASSI MALARIA: Lariam, Malarone o altro? FARMACI PER PROFILASSI MALARIA: Lariam, Malarone o altro? Ci sono diversi aspetti da tenere in considerazione quando si sceglie un farmaco come profilassi per la malaria: I farmaci consigliati per la prevenzione

Dettagli

La malaria: profilassi ed epidemiologia dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste

La malaria: profilassi ed epidemiologia dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste La malaria: profilassi ed epidemiologia dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste La malaria è una malattia che è trasmessa da un uomo malato

Dettagli

Distribuzione geografica

Distribuzione geografica Aree di endemia malarica 1 3 milioni di morti all anno Fattori favorenti: clima (piogge-caldo); densità zanzare; mobilità delle popolazioni Distribuzione geografica Aree tropicali e subtropicali: Africa

Dettagli

Profilassi dell infezione malarica

Profilassi dell infezione malarica Focus on Profilassi dell infezione malarica Francesco Castelli, Fabio Buelli Clinica di Malattie Infettive e Tropicali, Università di Brescia Introduzione e note di epidemiologia La malaria (nome internazionale

Dettagli

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali Chiara Liera Centro di Riferimento Regionale per i Viaggiatori Internazionali S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Caratteristiche

Dettagli

MALARIA IN ITALIA FINE

MALARIA IN ITALIA FINE MALARIA NEL MONDO La malaria è una parassitosi trasmessa all uomo da zanzare E una delle principali cause di morte nel mondo Attualmente circa il 46% della popolazione mondiale vive in aree dove la malattia

Dettagli

Profilassi antimalarica in Africa: linee guida vs. stato dell arte

Profilassi antimalarica in Africa: linee guida vs. stato dell arte PREVENZIONE DELLA MALARIA E DELLA FEBBRE GIALLA: L EVOLUZIONE DELLE LINEE GUIDA Profilassi antimalarica in Africa: linee guida vs. stato dell arte Giovanni Ara Centro MVI ASL BIELLA Torino, 23 maggio 2011

Dettagli

Viaggiare sicuri: prevenzione e trattamento della malaria

Viaggiare sicuri: prevenzione e trattamento della malaria Viaggiare sicuri: prevenzione e trattamento della malaria Merqurio 5 Ago 2014 a cura di: Ivan Gentile, Medico Virologo Revisione e adattamento: Maria De Chiaro, Laureata in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche

Dettagli

Profilassi antimalarica in Asia e America Latina: linee guida vs. stato dell arte

Profilassi antimalarica in Asia e America Latina: linee guida vs. stato dell arte Corso Prevenzione della malaria e della febbre gialla: l evoluzione delle linee guida Torino, 23.05.2011 Profilassi antimalarica in Asia e America Latina: linee guida vs. stato dell arte Franco Giovanetti

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALARIA

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALARIA Assessorato politiche per la salute EPIDEMIOLOGIA DELLA MALARIA IN EMILIA-ROMAGNA 1999-2010 Servizio Sanità Pubblica - Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali - Regione Emilia-Romagna Il rapporto

Dettagli

Plasmodium, di cui le 4 specie principali patogene per l uomo sono P. falciparum, P.

Plasmodium, di cui le 4 specie principali patogene per l uomo sono P. falciparum, P. Malaria Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus Eziologia La malaria è una malattia parassitaria causata da protozoi appartenenti al genere Plasmodium, di cui le 4 specie principali patogene per l uomo

Dettagli

Il globe trotter non si esima dalla necessaria cautela anti malaria

Il globe trotter non si esima dalla necessaria cautela anti malaria Malattie infettive Il globe trotter non si esima dalla necessaria cautela anti malaria Renato Rossi Medicina generale Verona LA STORIA Anopheles included? L aumentata propensione delle persone a recarsi

Dettagli

Epidemiologia della malaria di importazione in Italia e nel Veneto negli ultimi anni: un quadro in mutamento

Epidemiologia della malaria di importazione in Italia e nel Veneto negli ultimi anni: un quadro in mutamento AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Aggiornamenti in tema di medicina dei viaggi Epidemiologia della malaria di importazione in Italia e nel Veneto negli ultimi anni: un quadro in mutamento

Dettagli

FARMACI ANTIPROTOZOARI

FARMACI ANTIPROTOZOARI FARMACI ATIPRTZARI I PRTZI sono microrganismi unicellulari animali Si differenziano dai batteri per: ucleo cromosomico Citoplasma differenziato Strutture specializzate per il movimento e per l alimentazione

Dettagli

In entrambe le sezioni vi sono domande a scelta multipla e domande aperte.

In entrambe le sezioni vi sono domande a scelta multipla e domande aperte. Facoltà di Agraria UNIPD Precorso Biologia 2011 Verifica le tue competenze Leggi attentamente il testo e rispondi alle domande che seguono. Le domande sono divise in due sezioni: le domande di competenza

Dettagli

Ministero della Sanità

Ministero della Sanità Ministero della Sanità Circolare n. 14 del 11 novembre 1997 LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLA MALARIA INTRODUZIONE La malaria è una malattia infettiva causata da protozoi del genere

Dettagli

Informazioni per i pazienti. Cosa dovete sapere sulla malaria

Informazioni per i pazienti. Cosa dovete sapere sulla malaria Informazioni per i pazienti Cosa dovete sapere sulla malaria In breve gli aspetti importanti sollevare questa pagina. Patienteninformation Informazioni per i pazienti Importante Poiché la malaria è una

Dettagli

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare Contro la la zanzara tigre tigre Speciale viaggi 4 facciamoci in in 4 Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare conosciamo meglio le malattie

Dettagli

Plasmodium spp. G Di Bonaventura, PhD Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Plasmodium spp. G Di Bonaventura, PhD Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara Plasmodium spp G Di Bonaventura, PhD Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara Phylum: Apicomplexa Classe: Sporozoea Presenza di un complesso apicale (attività lisosomiale di rhoptries e micronemi) e

Dettagli

Promemoria per i viaggiatori

Promemoria per i viaggiatori Promemoria per i viaggiatori Servizio di Medicina dei Viaggi dell INMP Promemoria per i viaggiatori INDICE I RISCHI DI INFEZIONE 2 LA MALARIA 6 FARMACI: LE INDICAZIONI DEL MEDICO 10 PROMEMORIA PER I VIAGGIATORI

Dettagli

Zika virus: domande a risposte

Zika virus: domande a risposte Zika virus: domande a risposte 1. LA MALATTIA Che cos è la malattia da Zika virus? Zika è una malattia causata dal virus Zika che appartiene alla famiglia dei Flaviviridae. Non è un nuovo virus. E stato

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0004776-19/02/2016-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA A UFFICIO V MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE UFFICIO III COORDINAMENTO USMAF -SASN

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali Ufficio III ex DGRUERI MALARIA Malaria Informativa n. 94 Dicembre

Dettagli

Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2013

Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2013 Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2013 STRUTTURE COMPETENTI Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Settore Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica REDAZIONE A CURA DI Dr. Filippo

Dettagli

PATOLOGIE TROPICALI E DEL GRANDE VIAGGIATORE

PATOLOGIE TROPICALI E DEL GRANDE VIAGGIATORE Roma 24 novembre 2009 PATOLOGIE TROPICALI E DEL GRANDE VIAGGIATORE Alessandro Bartoloni Dipartimento Area Critica Medico Chirurgica Università degli Studi di Firenze SOD Malattie Infettive e Tropicali

Dettagli

Salute. 1 di 1 22/07/11 16:15. (22 luglio 2011) RIPRODUZIONE RISERVATA

Salute. 1 di 1 22/07/11 16:15. (22 luglio 2011) RIPRODUZIONE RISERVATA Dieci consigli per viaggiare in salute - Repubblica.it http://www.repubblica.it/salute/interattivi/2011/07/22/news/di... Salute INTERATTIVO Dieci consigli per viaggiare in salute Vacanze in vista? Per

Dettagli

CORSO DI IGIENE IN CONTESTI CAMPALI LA PREVENZIONE FARMACOLOGICA PER GLI OPERATORI DELL EMERGENZA

CORSO DI IGIENE IN CONTESTI CAMPALI LA PREVENZIONE FARMACOLOGICA PER GLI OPERATORI DELL EMERGENZA CORSO DI IGIENE IN CONTESTI CAMPALI LA PREVENZIONE FARMACOLOGICA PER GLI OPERATORI DELL EMERGENZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE AZ.USL1 DI MASSA E CARRARA DR.SSA R. M. LUZZOLI DIRIGENTE MEDICO IGIENE

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI S.I.S.P. - U.O.S. Epidemiologia e Profilassi Malattie Infettive Dr.ssa Andreina Ercole La meningite batterica Evento raro, nei paesi industrializzati,

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2009

Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2009 Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2009 STRUTTURE COMPETENTI Direzione Prevenzione Servizio Sanità Pubblica e Screening REDAZIONE A CURA DI Dr. Francesca Pozza Dr. Cinzia Piovesan Dr. Francesca

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

Chemioprofilassi anti-malarica

Chemioprofilassi anti-malarica Chemioprofilassi anti-malarica Il ricorso alla chemioprofilassi antimalarica si pone allorché, in relazione ad una valutazione del rischio ambientale e occupazionale per le aree di presumibile impiego,

Dettagli

Teofillina: meccanismo d azione 1

Teofillina: meccanismo d azione 1 Teofillinici Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo 1 Teofillina 3 HC N

Dettagli

CIBI ACQUA NORME IGIENICHE E GENERALI:

CIBI ACQUA NORME IGIENICHE E GENERALI: NORME IGIENICHE E GENERALI: CIBI Non mangiare verdura, frutta, legumi crudi o che non possano essere sbucciati o cotti. Evitare uova crude o poco cotte, pesce crudo o allevato in zone paludose o in prossimità

Dettagli

LA MALARIA. Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino Università di Firenze

LA MALARIA. Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino Università di Firenze LA MALARIA Esther, 11 mesi nata in Italia da genitori nigeriani seguita presso l Unità di Malattie Infettive perché nata da madre HIV+: 2 PCR per HIV-RNA negative Western blot à quasi completamente negativizzata

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

MANUALE SANITARIO >> NORME PER I VOLONTARI INTERNAZIONALI

MANUALE SANITARIO >> NORME PER I VOLONTARI INTERNAZIONALI 2012 VOICA ONLUS MANUALE SANITARIO >> NORME PER I VOLONTARI INTERNAZIONALI Pag.: - 1 - VOLONTARIATO INTERNAZIONALE CANOSSIANO VOICA ONLUS Pag.: - 2 - MANUALE SANITARIO NORME PER I VOLONTARI INTERNAZIONALI

Dettagli

MVE:Gestione clinica e diagnostica differenziale

MVE:Gestione clinica e diagnostica differenziale MVE:Gestione clinica e diagnostica differenziale Nicola Petrosillo INMI L. Spallanzani La malattia da virus Ebola (MVE) è caratterizzata dall insorgere improvviso di febbre e malessere generale, accompagnata

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Conclusioni scientifiche

Conclusioni scientifiche Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della revoca o variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio e spiegazione dettagliata delle differenze rispetto alla raccomandazione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

VFR - Rischi sanitari legati ai viaggi

VFR - Rischi sanitari legati ai viaggi VFR - Rischi sanitari legati ai viaggi TORNI NEL TUO PAESE D'ORIGINE A TROVARE LA FAMIGLIA E GLI AMICI?...LEGGI CON ATTENZIONE QUESTA BROCHURE Progetto 5x1000 Progetto 5x1000: VFR - Rischi sanitari legati

Dettagli

PICCOLA FARMACIA PER LA VACANZA

PICCOLA FARMACIA PER LA VACANZA La vacanza è un periodo di relax e divertimento. Qualunque sia la destinazione scelta, esotica o tradizionale, il viaggio deve essere programmato bene anche dal punto di vista sanitario. Prima di partire,

Dettagli

RICHIESTA DI INSERIMENTO DI UN NUOVO FARMACO NEL PRONTUARIO TERAPEUTICO REGIONALE

RICHIESTA DI INSERIMENTO DI UN NUOVO FARMACO NEL PRONTUARIO TERAPEUTICO REGIONALE 1 FARMACO PROPOSTO: RICHIESTA DI INSERIMENTO DI UN NUOVO FARMACO NEL PRONTUARIO TERAPEUTICO REGIONALE Denominazione e principio attivo: Eurartesim (diidroartemisinina + piperachina tetrafosfato) Diidroartemisinina

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

Malattia da virus Zika

Malattia da virus Zika Malattia da virus Zika La zanzara Aedes che trasmette Zika virus trasmette anche Febbre Gialla Dengue e Chikungunia. AAS5 Friuli Occidentale Dipartimento di Prevenzione dr.ssa Oriana Feltrin Malattia

Dettagli

Rischi infettivi del lavoratore all estero

Rischi infettivi del lavoratore all estero IL MEDICO COMPETENTE TRA VECCHIE E NUOVE MALATTIE INFETTIVE AGGIORNAMENTI INDICAZIONI OPERATIVE LAVORO IN RETE BAGGIOVARA 17/11/2014 Rischi infettivi del lavoratore all estero AUSL MODENA Dr. Domenico

Dettagli

VIAGGIARE SICURI. Silvio Caligaris Responsabile SSVD di Malattie Infettive e Tropicali, Spedali Civili di Brescia

VIAGGIARE SICURI. Silvio Caligaris Responsabile SSVD di Malattie Infettive e Tropicali, Spedali Civili di Brescia VIAGGIARE SICURI Silvio Caligaris Responsabile SSVD di Malattie Infettive e Tropicali, Spedali Civili di Brescia Giorgia Sulis Pier Francesco Giorgetti Paola Rodari Paola Zanotti Medici Specializzandi,

Dettagli

Allegato III. Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo

Allegato III. Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo Allegato III Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo Nota: Queste modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

Ranitidina. Enrico Valletta UOC Pediatria Forlì. lunedì 31 maggio 2010

Ranitidina. Enrico Valletta UOC Pediatria Forlì. lunedì 31 maggio 2010 Ranitidina Enrico Valletta UOC Pediatria Forlì 1 Christian Albert Theodor Billroth (Bergen auf Rügen, 26 agosto 1829 Abbazia, 6 febbraio 1894) 2 3 4 5 Ranitidina Indicazioni Esofagite Iperacidità gastrica

Dettagli

Sabato 17 ottobre 2015 S. Beux, S. Monticone, G. Innocenzi, M. Zaffaroni, G. Bona

Sabato 17 ottobre 2015 S. Beux, S. Monticone, G. Innocenzi, M. Zaffaroni, G. Bona Sabato 17 ottobre 2015 S. Beux, S. Monticone, G. Innocenzi, M. Zaffaroni, G. Bona Clinica Pediatrica Università degli Studi di Novara A.O.U. Maggiore della Carità di Novara Nel Mondo: 130-150 milioni di

Dettagli

ALLERGIE. Dott Marco Binotti. AOU Maggiore della Carità di Novara SCDO Terapia Intensiva Neonatale

ALLERGIE. Dott Marco Binotti. AOU Maggiore della Carità di Novara SCDO Terapia Intensiva Neonatale ALLERGIE Dott Marco Binotti AOU Maggiore della Carità di Novara SCDO Terapia Intensiva Neonatale Un problema non nuovo. L allergia è nota fin dai tempi piu remoti; il primo caso di cui si ha conoscenza

Dettagli

LA PROFILASSI FARMACOLOGICA E VACCINALE

LA PROFILASSI FARMACOLOGICA E VACCINALE Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale Triennio 2008-2011 VIAGGI E SALUTE Reggio Emilia 16/12/2010 LA PROFILASSI FARMACOLOGICA E VACCINALE LA PROFILASSI FARMACOLOGICA E VACCINALE La chemioprofilassi

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

Corso di Chemioterapia

Corso di Chemioterapia Corso di Chemioterapia Università di Chieti-Pescara Facoltà di Farmacia Dipartimento di Farmacia Prof. Giustino Orlando ANNO ACCADEMICO 2012-13 Localizzazione patologie Parassiti Organismi che si accrescono

Dettagli

Corso di Chemioterapia

Corso di Chemioterapia Corso di Chemioterapia Università di Chieti-Pescara Facoltà di Farmacia Dipartimento di Farmacia Prof. Giustino Orlando ANNO ACCADEMICO 2012-13 Parassiti Organismi che si accrescono a spese di un altro

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UN AMBULATORIO DI MEDICINA DEI VIAGGIATORI

ORGANIZZAZIONE DI UN AMBULATORIO DI MEDICINA DEI VIAGGIATORI ORGANIZZAZIONE DI UN AMBULATORIO DI MEDICINA DEI VIAGGIATORI Trieste, 11 aprile 2013 Assistenti Sanitarie: Fabbro Daniela De Carlo Luisa STORIA DELL AMBULATORIO DEL VIAGGIATORE NELL ASS 6 FRIULI OCCIDENTALE

Dettagli

La valutazione dei rischi nei viaggi internazionali

La valutazione dei rischi nei viaggi internazionali Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale Triennio 2008-2011 VIAGGI E SALUTE Reggio Emilia 16/12/2010 La valutazione dei rischi nei viaggi internazionali nei viaggi internazionali Il Viaggio Trasferimento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROFILASSI ANTIMALARICA

LINEE GUIDA PER LA PROFILASSI ANTIMALARICA LINEE GUIDA PER LA PROFILASSI ANTIMALARICA Z. Bisoffi #, G. Napoletano, F. Castelli e R. Romi per la Società Italiana di Medicina dei Viaggi e delle Migrazioni (SIMVIM) e la Società Italiana di Medicina

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori NOVITà Indicazione pediatrica Guida per i genitori Che cos è la vaccinazione antiallergica? 3 n Rinocongiuntivite allergica: una condizione diffusa 3 n La vaccinazione antiallergica 4 Che cos è GRAZAX?

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Ampicillina e Sulbactam IBI 500 mg + 250 mg / 1,6 ml polvere e solvente per soluzione iniettabile Ampicillina/Sulbactam Leggere attentamente il foglio

Dettagli

OSM 6 COMBATTERE L HIV E L AIDS, LA MALARIA E ALTRE MALATTIE

OSM 6 COMBATTERE L HIV E L AIDS, LA MALARIA E ALTRE MALATTIE 6 COMBATTERE L HIV E L AIDS, LA MALARIA E ALTRE MALATTIE Traguardo : arrestare entro il 5 la diffusione del virus HIV e dell AIDS e cominciare a invertirne la diffusione Indicatore : il tasso di prevalenza

Dettagli

Dr. Vincenzo Nicosia QHSE/SAIPEM MED. Verona, 8 Giugno 2007. Saipem Group page 1

Dr. Vincenzo Nicosia QHSE/SAIPEM MED. Verona, 8 Giugno 2007. Saipem Group page 1 LA TUTELA DELLA SALUTE DEI LAVORATORI ALL ESTERO Dr. Vincenzo Nicosia QHSE/SAIPEM MED Verona, 8 Giugno 2007 Saipem Group page 1 QHSE/H Survey Sanitaria Valutazione dei rischi Rapporto Documento di valutazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti

Dettagli

Nascere oggi in Italia: luci e ombre

Nascere oggi in Italia: luci e ombre Nascere oggi in Italia: luci e ombre Mario De Curtis Convegno: I Gemelli in Età Pediatrica: Epigenetica, Epidemiologia e Clinica Roma, 4-5 Ottobre 2013 mario.decurtis@uniroma1.it Cambiamenti demografici

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

FILARIOSI E LEISHMANIOSI

FILARIOSI E LEISHMANIOSI FILARIOSI E LEISHMANIOSI A cura di: Dr.ssa Emanuela Valena Medico veterinario specializzato in clinica e patologia degli animali da affezione Se ne sente parlare spesso ma molti proprietari di cani ancora

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

5. Istruzione operativa. IOP 21 Gestione della chiamata per utenti a possibile contatto con virus Ebola Rev. 2 del 02.09.

5. Istruzione operativa. IOP 21 Gestione della chiamata per utenti a possibile contatto con virus Ebola Rev. 2 del 02.09. HEPA = High Efficiency Particulate Air MSA/B/I = Mezzo di Soccorso Avanzato/di Base/Intermedio MVE = Malattia da Virus Ebola SOREU = Sala Operativa Regionale Emergenza Urgenza UO = Unità Operativa 5. Istruzione

Dettagli

MONITORAGGIO DEGLI EVENTI AVVERSI IN PEDIATRIA: PROGETTO MEAP

MONITORAGGIO DEGLI EVENTI AVVERSI IN PEDIATRIA: PROGETTO MEAP Centro di Farmacovigilanza e Farmacoepidemiologia, Dpt Medicina Sperimentale, sez. Farmacologia L. Donatelli, Seconda Universitá di Napoli MONITORAGGIO DEGLI EVENTI AVVERSI IN PEDIATRIA: PROGETTO MEAP

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Tobramicina Ibi 100 mg/2 ml soluzione iniettabile Tobramicina Ibi 150 mg/2 ml soluzione iniettabile Tobramicina solfato Medicinale equivalente Legga

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITE B Il virus dell epatite B (Hbv) è un virus a Dna Resiste nell ambiente, ma è sensibile ai disinfettanti comuni (ipoclorito di sodio) EPATITE

Dettagli

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ;

Dettagli

CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI

CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI Farmaci contro i virus erpetici (analoghi nucleosidici = ANTIMETABOLITI) ACICLOVIR (herpes simplex e herpes zoster) VALACICLOVIR (profarmaco dell aciclovir) PENCICLOVIR (herpes

Dettagli

Ruolo e funzione dell infermiere

Ruolo e funzione dell infermiere Gestione clinica delle epatiti croniche virali Ruolo e funzione dell infermiere CPSI Stefania Osti U.O di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Azienda Universitaria Ospedaliera di Ferrara Ferrara

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Raffaella Michieli Venezia

Raffaella Michieli Venezia Le malattie infettive in gravidanza: quando è indicato il Taglio Cesareo? Raffaella Michieli Venezia Trasmissione verticale delle infezioni in gravidanza Contagio intrauterino ( infezioni congenite) Contagio

Dettagli

Febbre al rientro da Malindi, Kenya

Febbre al rientro da Malindi, Kenya Febbre al rientro da Malindi, Kenya Una giovane coppia di fidanzati (26 anni lui, 23 anni lei) sono rientrati da una settimana da un viaggio a Malindi, Kenya, durato quindici gg. Non hanno effettuato alcuna

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROFILASSI ANTIMALARICA. Viaggi e delle Migrazioni (SIMVIM) e la Società Italiana di Medicina Tropicale (SIMET)

LINEE GUIDA PER LA PROFILASSI ANTIMALARICA. Viaggi e delle Migrazioni (SIMVIM) e la Società Italiana di Medicina Tropicale (SIMET) Articolo pubblicato sulla Rivista Il Giornale Italiano di Medicina Tropicale Vol. 8 n.1-4, 2003 LINEE GUIDA PER LA PROFILASSI ANTIMALARICA Z. Bisoffi #, G. Napoletano, F. Castelli e R. Romi per la Società

Dettagli

25 settembre 2014. Segnalazione in home page

25 settembre 2014. Segnalazione in home page 25 settembre 2014 Segnalazione in home page Il progetto della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica Carenza di iodio nell alimentazione Ne soffre più di un italiano su dieci Al via

Dettagli

VACCINAZIONI INTERNAZIONALI

VACCINAZIONI INTERNAZIONALI VACCINAZIONI INTERNAZIONALI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene e Sanità Pubblica I viaggi internazionali possono rappresentare un rischio per la salute, a seconda delle caratteristiche del viaggiatore

Dettagli

Pronti e via: come viaggiare sicuri

Pronti e via: come viaggiare sicuri ASL Città di Milano Dipartimento di Prevenzione Pronti e via: come viaggiare sicuri Giugno 2002 Azienda Ospedaliera L. Sacco Istituto Malattie Infettive e Tropicali Università di Milano Presentazione Questo

Dettagli

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015. Introduzione. Dr. Marco Mela

Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015. Introduzione. Dr. Marco Mela Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015 Introduzione Dr. Marco Mela Obiettivo Sanità Pubblica Prevenzione primaria: Ridurre la frequenza di nuovi casi di malattia

Dettagli

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Meningite Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio L'obiettivo di questo opuscolo è di fornire informazioni semplici ai cittadini su alcune malattie infettive, su

Dettagli

IL MARCO POLO. Manuale sanitario del viaggiatore internazionale

IL MARCO POLO. Manuale sanitario del viaggiatore internazionale Alfa Wassermann News&Views supplemento al Numero 3 Marzo 2004 Trimestrale Spedizione in abbonamento postale 45% Articolo 2 Comma 20/b Legge 662/96 Poste Italiane D.R.T./D.C.B. BO Manuale sanitario del

Dettagli

Aspetti preventivi clinici e gestionali della malattia da virus Ebola. Definizione di contatto e sua gestione Toni Francesco

Aspetti preventivi clinici e gestionali della malattia da virus Ebola. Definizione di contatto e sua gestione Toni Francesco Aspetti preventivi clinici e gestionali della malattia da virus Ebola Definizione di contatto e sua gestione Toni Francesco 15 Novembre 2014 Migranti che arrivano con gli sbarchi via mare 1- La grande

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ANTIPROTOZOARIA TRATTAMENTO DELLA MALARIA

CHEMIOTERAPIA ANTIPROTOZOARIA TRATTAMENTO DELLA MALARIA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CHEMIOTERAPIA ANTIPROTOZOARIA TRATTAMENTO DELLA MALARIA Prof.ssa Maura Palmery EPIDEMIOLOGIA E LA PIU IMPORTANTE PARASSITOSI CON 500 MILIONI DI NUOVI CASI CLINICI L ANNO (90%

Dettagli

E almeno uno dei seguenti sintomi:

E almeno uno dei seguenti sintomi: In relazione al verificarsi di epidemie da Virus Ebola presso gli Stati Africani, la nostra Azienda Ospedaliera ritiene opportuno informare i cittadini sulle procedure operative messe in atto per la gestione

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1 DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITÀ MEDICINALE Calcio Carbonato + vitamina D3 ABC 1000 mg/880 U.I. granulato effervescente 2 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli