Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15"

Transcript

1 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio, 2010 Ing. Marco Maglionico Via Corticella 25, Bologna C.F. MGLMRC68R24A944W P.IVA

2 INDICE 1. Introduzione Inquadramento idraulico dell area Parametri Idrologici di progetto Calcolo delle portate di origine meteorica Dimensionamento degli invasi per la laminazione delle portate Rete fognaria per la raccolta delle acque reflue... 22

3 1. Introduzione La relazione descrive il dimensionamento degli elementi destinati allo smaltimento delle acque meteoriche e reflue e dei manufatti necessari alla laminazione delle portate meteoriche al fine di rispettare l invarianza idraulica. L area è localizzata in prossimità di Via Loreta e Viale Superga a Fratta Terme ed è individuata nella Figura 1. N 100 m Figura 1 Immagine aerea della zona oggetto di intervento prima della realizzazione dell urbanizzazione. L intervento interessa una parte prevalente di area verde, che rimarrà tale e un area, attualmente destinata a parcheggio, che verrà ampliata, oltre alla realizzazione di diversi edifici residenziali, commerciali e ricettivi. L estensione complessiva dell intervento è pari a circa 3,3 ettari. Nel seguito della relazione vengono descritti i calcoli eseguiti per dimensionare i manufatti idraulici. Pag. 3/24

4 2. Inquadramento idraulico dell area Il recapito delle acque meteoriche è costituito dal Rio Salso che scorre in prossimità dell area stessa. Le acque reflue possono invece essere immesse in un sistema fognario esistente che, tramite un impianto di sollevamento riporta le acque all interno di un collettore fognario di tipo misto che scorre lungo via Loreta, HERA ha fornito alcune informazioni del sistema fognario esistente secondo il GIS in loro possesso e riportato nelle figure seguenti. In particolare la classificazione delle tubazioni adottata da HERA prevede linee di colore blu per la rete fognaria destinata alla raccolta delle acque meteoriche, di colore rosso per la rete fognaria nera (con linea tratteggiata nel caso di fognature in pressione) e di colore verde nel caso di reti fognarie miste. 1 2 Figura 2 Immagine dell area fornita da HERA che riporta lo schema della rete fognaria esistente (i punti rossi numerati indicano gli scarichi nel Rio Salso). 3 Complessivamente si hanno 3 punti di scarico nel Rio Salso che potrebbero essere sfruttati per l immissione delle acque meteoriche del comparto in progetto, previa laminazione delle portate stesse. Pag. 4/24

5 Impianto di sollevamento acque reflue Figura 3 Immagine fornita da HERA che riporta lo schema della rete fognaria esistente con evidenziato l impianto di sollevamento per le acque reflue. Figura 4 Immagine fornita da HERA che riporta lo schema della rete fognaria mista esistente in Via Loreta. Pag. 5/24

6 Le acque reflue lungo via Superga vengono inviate ad un impianto di sollevamento che, tramite un collettore in pressione, le invia alla fognatura mista lungo via Loreta (Figura 4). Per quanto riguarda le acque meteoriche raccolte lungo via Superga e nel parcheggio adiacente non è stato possibile individuare con esattezza il recapito delle acque meteoriche, ma si suppone che siano convogliate verso il recapito individuato con il numero 1 o meno probabilmente il numero 2 (Figura 2). I numerosi sopralluoghi, anche con i tecnici comunali non hanno al momento consentito di individuare con chiarezza la posizione del recapito. Si rimanda pertanto alle fasi successive della progettazione la risoluzione di tale aspetto. Anche rispetto al fatto che nella cartografia (Figura 2) i tratti di tubazione afferenti ai 3 scarichi siano indicati come rete fognaria mista non è stato possibile chiarirlo in quanto risulta un piano di risanamento degli scarichi per la separazione delle acque reflue. Qualora ciò non fosse stato completamente attuato, prima dell immissione degli scarichi dei sistemi di laminazione nel sistema fognario esistente si provvedere a posizione un sifone. Di fatto il sistema fognario in progetto non modifica il sistema di raccolta delle acque lungo via Superga, realizzato recentemente con caditoie in ghisa, ma semplicemente si amplia quello del parcheggio evitando con il nuovo sistema fognario di tagliare proprio via Superga. Pag. 6/24

7 3. Parametri Idrologici di progetto Per individuare le piogge di progetto è stata sviluppata una specifica ed approfondita analisi delle precipitazioni di forte intensità e breve durata, responsabili dei massimi deflussi, per l area del progetto e si è poi provveduto a definire la curva di possibilità pluviometrica. Lo studio della pluviometria è stato svolto facendo riferimento ai dati degli Annali Idrologici relativi alle precipitazioni registrate al pluviografo di Forlì. Complessivamente erano disponibili 39 anni di dati, discontinui dal 1951 al 1973 e dal 1990 al 2007, da cui si sono selezionati gli eventi di breve durata e forte intensità di durata 15, 20, 30, 45 minuti, e gli eventi di durata 1, 3, 6, 12 e 24 ore. Per l analisi delle altezze di pioggia si è adottata la legge per i valori estremi di Gumbel: P( h h) = e e α ( h u) La Curva di Possibilità Pluviometrica è stata ottenuta suddividendo i dati in due gruppi, quelli di durata fino all ora e quelli di durata da 1 ora a 24 ore. La curva di possibilità pluviometrica che si ottiene con tempo di ritorno 25 anni è la seguente: Per durate fino all ora: 0,613 h = 51,19 t (h in mm; t in ore) [1] Per durate superiori all ora: 0,247 h = 48,25 t (h in mm; t in ore) [2] Pag. 7/24

8 Piogge Forlì (TR 25 anni) Ln (Altezza di pioggia) - (mm) h = t h = t Ln (Tempo) - (ore) Figura 5 Rappresentazione della curva di possibilità pluviometrica di progetto. Pag. 8/24

9 4. Calcolo delle portate di origine meteorica Il sistema drenante prevede un insieme di tubazioni che seguono l andamento delle strade e veicolano le acque verso l invaso per la laminazione delle portate. La stima del valore della portata di progetto che sollecita, per assegnato tempo di ritorno, il sistema scolante e di conseguenza, il sistema di laminazione, viene effettuata mediante l'applicazione del metodo cinematico. L ipotesi adottata per il modello di calcolo è che il sistema idrologico sia lineare e invariante nel tempo ovvero che l idrogramma, per assegnata precipitazione, dipenda dalle caratteristiche del bacino supposte stazionarie e indipendenti dall evento considerato. Il metodo cinematico o della corrivazione è basato sulle seguenti ipotesi: gocce d acqua cadute contemporaneamente in punti diversi del bacino impiegano tempi diversi per giungere alla sezione di chiusura; il contributo di ogni singolo punto alla formazione della portata di bacino sia proporzionale all intensità di pioggia in quel punto; il tempo impiegato dalle gocce per raggiungere la sezione di chiusura sia caratteristico di ciascun punto ed invariante nel tempo. Il tempo di corrivazione caratteristico del bacino è il tempo necessario perché la goccia caduta nel punto idraulicamente più lontano raggiunga la sezione di chiusura. Per le reti urbane il tempo di corrivazione t c è dato dalla somma di due termini: t = t + t c t a t r a r rappresenta il tempo di accesso che la particella d acqua impiega per raggiungere il sistema di scolo delle acque; rappresenta il tempo di rete ed è quello impiegato dalla particella per raggiungere, dal punto in ingresso alla rete, la sezione di chiusura ed è il rapporto tra la distanza percorsa e la velocità impiegata per percorrerla. Il tempo di accesso è di incerta determinazione variando infatti con la pendenza dell area, con la natura della pavimentazione, con la tipologia dei drenaggi minori della rete; esso viene assunto di valore pari a 5 minuti. Il tempo di rete è dato dalla somma dei tempi di percorrenza di ogni singola tubazione seguendo il percorso più lungo ed ottenuto come rapporto tra la lunghezza percorsa e la velocità effettiva determinata iterativamente in funzione della portata e del grado di riempimento effettivo. La determinazione della pioggia netta avviene per depurazione della frazione lorda caduta sul terreno considerando che una parte di questa si perde per effetto di infiltrazione e detenzione superficiale. Il coefficiente di deflusso, pari al rapporto tra il volume defluito nella sezione di Pag. 9/24

10 chiusura e quello caduto sull intero bacino, è definito sulla base dei seguenti valori di riferimento: - coperture e superfici asfaltate ϕ = parcheggi semipermeabili ϕ = superfici a verde ϕ = 0.15 Pertanto con il metodo cinematico la portata massima al colmo alla sezione di chiusura del bacino vale: Q = ϕ A a n 1 t c dove: ϕ coefficiente di deflusso dell area; A superficie complessiva del bacino (m 2 ); a, n coefficienti della curva di possibilità pluviometrica; t c tempo di corrivazione del bacino (ore). Per la verifica delle sezioni idrauliche una volta determinata la portata di progetto, o udometrica, che le sollecita viene eseguita in condizioni di moto uniforme secondo l espressione di Gauckler-Strickler: Q = Ks Ω R 2 / 3 i dove: Q Ks portata che può transitare nel condotto a sezione piena (m 3 /s); coefficiente di scabrezza secondo Gauckler-Strickler (m 1/3 /s); Ω sezione idraulica del condotto (m 2 ); R raggio idraulico (m); i pendenza del condotto (m/m). La scabrezza K s è stata assunta, secondo il coefficiente di Gauckler-Strickler, pari a: K Scls = 70 m 1/3 /s K Spvc = 80 m 1/3 /s per tubazioni e canalette in calcestruzzo; per tubazioni in materiale plastico. Pag. 10/24

11 BOX ENEL strada privata strada privata Figura 6 Schema della rete fognaria per la raccolta delle acque meteoriche e sezioni principali di cui di seguito si riporta la verifica idraulica.

12 Nella Figura 6 si è rappresentata la struttura del sistema di drenaggio in progetto di cui di seguito si riporteranno le verifiche idrauliche nelle sezioni principali. Collettore riferito alla Sezione 1 La superficie complessivamente drenata fino alla Sez. 1 è pari a circa 0,395 ha, di cui circa 0,073 ha permeabili. Il coefficiente di afflusso medio complessivo risulta pari a 0,72. Il tempo critico del bacino si può stimare in circa 8,0 minuti, considerando una lunghezza massima di circa 180 metri con un tempo di accesso alla rete di drenaggio di 5 minuti. Con il metodo cinematico e Tempo di Ritorno pari a 25 anni, la portata massima in uscita è quindi la seguente: n 1 t c Q = ϕ A a = 0,088 m 3 /s Il collettore in corrispondenza della Sez. 1, che drena la portata calcolata, ha diametro di 400 mm in PVC, con pendenza dello 0,3%, in cui la portata a bocca piena che può transitarvi, in condizioni di moto uniforme, è data dalla seguente espressione: Q = Ks Ω R 2 / 3 i = 0,111 m 3 /s Il condotto adottato è quindi sufficiente a far transitare la portata di progetto e ciò avviene con un grado di riempimento pari a circa al 67%. Collettore riferito alla Sezione 2 La superficie complessivamente drenata fino alla Sez. 2 è pari a circa 0,172 ha, di cui circa 0,005 ha semipermeabili. Il coefficiente di afflusso medio complessivo risulta pari a 0,84. Pag. 12/24

13 Il tempo critico del bacino si può stimare in circa 6,2 minuti, considerando una lunghezza massima di circa 70 metri con un tempo di accesso alla rete di drenaggio di 5 minuti. Con il metodo cinematico e Tempo di Ritorno pari a 25 anni, la portata massima in uscita è quindi la seguente: n 1 t c Q = ϕ A a = 0,050 m 3 /s Il collettore in corrispondenza della Sez. 2, che drena la portata calcolata, ha diametro di 400 mm in PVC, con pendenza dello 0,2%, in cui la portata a bocca piena che può transitarvi, in condizioni di moto uniforme, è data dalla seguente espressione: Q = Ks Ω R 2 / 3 i = 0,091 m 3 /s Il condotto adottato è quindi sufficiente a far transitare la portata di progetto e ciò avviene con un grado di riempimento pari a circa al 53%. Collettore riferito alla Sezione 3 La superficie complessivamente drenata fino alla Sez. 3 è pari a circa 0,500 ha, di cui circa 0,026 ha semipermeabili e 0,084 ha permeabili. Il coefficiente di afflusso medio complessivo risulta pari a 0,72. Il tempo critico del bacino si può stimare in circa 8,3 minuti, considerando una lunghezza massima di circa 200 metri con un tempo di accesso alla rete di drenaggio di 5 minuti. Con il metodo cinematico e Tempo di Ritorno pari a 25 anni, la portata massima in uscita è quindi la seguente: n 1 t c Q = ϕ A a = 0,110 m 3 /s Il collettore in corrispondenza della Sez. 3, che drena la portata calcolata, ha diametro di 400 mm in PVC, con pendenza del 1%, in cui la portata a bocca piena che può transitarvi, in condizioni di moto uniforme, è data dalla seguente espressione: Pag. 13/24

14 Q = Ks Ω R 2 / 3 i = 0,202 m 3 /s Il condotto adottato è quindi sufficiente a far transitare la portata di progetto e ciò avviene con un grado di riempimento pari a circa al 54%. Collettore riferito alla Sezione 4 La superficie complessivamente drenata fino alla Sez. 4 è pari a circa 0,629 ha, di cui circa 0,232 ha semipermeabili. Il coefficiente di afflusso medio complessivo risulta pari a 0,78. Il tempo critico del bacino si può stimare in circa 7,7 minuti, considerando una lunghezza massima di circa 160 metri con un tempo di accesso alla rete di drenaggio di 5 minuti. Con il metodo cinematico e Tempo di Ritorno pari a 25 anni, la portata massima in uscita è quindi la seguente: n 1 t c Q = ϕ A a = 0,154 m 3 /s Il collettore in corrispondenza della Sez. 4, che drena la portata calcolata, ha diametro di 500 mm in PVC, con pendenza dello 0,5%, in cui la portata a bocca piena che può transitarvi, in condizioni di moto uniforme, è data dalla seguente espressione: Q = Ks Ω R 2 / 3 i = 0,249 m 3 /s Il condotto adottato è quindi sufficiente a far transitare la portata di progetto e ciò avviene con un grado di riempimento pari a circa al %. Collettore riferito alla Sezione 5 La superficie complessivamente drenata fino alla Sez. 5 è pari a circa 0,154 ha impermeabili. Il coefficiente di afflusso medio complessivo risulta pari a 0,85. Pag. 14/24

15 Il tempo critico del bacino si può stimare in circa 5,7 minuti, considerando una lunghezza massima di circa 40 metri con un tempo di accesso alla rete di drenaggio di 5 minuti. Con il metodo cinematico e Tempo di Ritorno pari a 25 anni, la portata massima in uscita è quindi la seguente: n 1 t c Q = ϕ A a = 0,047 m 3 /s Il collettore in corrispondenza della Sez. 5, che drena la portata calcolata, ha diametro di 315 mm in PVC, con pendenza dello 0,5%, in cui la portata a bocca piena che può transitarvi, in condizioni di moto uniforme, è data dalla seguente espressione: Q = Ks Ω R 2 / 3 i = 0,071 m 3 /s Il condotto adottato è quindi sufficiente a far transitare la portata di progetto e ciò avviene con un grado di riempimento pari a circa al 59%. Collettore riferito alla Sezione 6 La superficie complessivamente drenata fino alla Sez. 6 è pari a circa 0,075 ha, di cui circa 0,018 ha semipermeabili. Il coefficiente di afflusso medio complessivo risulta pari a 0,80. Il tempo critico del bacino si può stimare in circa 5,8 minuti, considerando una lunghezza massima di circa 50 metri con un tempo di accesso alla rete di drenaggio di 5 minuti. Con il metodo cinematico e Tempo di Ritorno pari a 25 anni, la portata massima in uscita è quindi la seguente: n 1 t c Q = ϕ A a = 0,021 m 3 /s Il collettore in corrispondenza della Sez. 6, che drena la portata calcolata, ha diametro di 250 mm in PVC, con pendenza del 2,0%, in cui la portata a bocca piena che può transitarvi, in condizioni di moto uniforme, è data dalla seguente espressione: Pag. 15/24

16 Q = Ks Ω R 2 / 3 i = 0,031 m 3 /s Il condotto adottato è quindi sufficiente a far transitare la portata di progetto e ciò avviene con un grado di riempimento pari a circa al 60%. Pag. 16/24

17 BOX ENEL Relazione idraulica 5. Dimensionamento degli invasi per la laminazione delle portate Sull area sede dell intervento urbanistico è stata prevista la laminazione delle portate di piena prima dell immissione nel recapito finale. In particolare le acque meteoriche vengono convogliate all interno del Rio Salso, che risulta essere affluente in destra del Fiume Ronco. La localizzazione degli invasi previsti è rappresentata nella figura seguente: C strada privata strada privata B A Figura 7 Schema della rete fognaria e della posizione degli invasi per la laminazione delle portate. Il dimensionamento dei volumi di invaso a servizio del comparto viene eseguito secondo la metodologia proposta da Moriggi e Zampaglione e ritrovabile nella letteratura scientifica nazionale, considerando sempre un tempo di ritorno pari a 25 anni. Tale metodo si basa sull individuazione del tempo critico della vasca: Qu t v = C ϕ n a S 1 n 1 1 Pag. 17/24

18 in cui: Q u = portata in uscita dall invaso. 0,165 n 1 m 0,1 C = + 0, 5 1 m + 0,01 30 Q dove m = Q colmo u da cui si ricava il volume delle vasche con l espressione: [ ] n W = ϕ a t S 0,95 ( 1 m) v Nel seguito si riportano i calcoli per il dimensionamento degli invasi. Dimensionamento della vasca di laminazione A Complessivamente la portata che entra nell invaso è pari a circa 133 l/s (Sezioni 1 e 2 della Figura 6). Tale quantità è calcolabile considerando che il tempo critico del bacino si può stimare in circa 8 minuti, considerando una lunghezza massima di circa 180 metri, con un tempo di accesso alla rete di drenaggio di 5 minuti. La superficie complessiva drenata del comparto è pari a circa 0,567 ettari. Il coefficiente di afflusso complessivo si può assumere pari a 0,76. Il valore calcolato costituisce la portata meteorica, con tempo di ritorno 25 anni, che complessivamente entra nel sistema di laminazione. In tale condizione difatti, con la pendenza minima dello 0,3% si può adottare una tubazione di diametro 500 mm per smaltire tale portata. La laminazione delle portate deve ridurre tale valore a 10 litri/s/ha, valore compatibile con la portata che esce da una area verde, ossia la portata che può essere smaltita non deve superare 5,7 l/s. Se si volesse rispettare tale limite si avrebbe il problema che la tubazione di uscita dovrebbe avere un diametro di 50 mm, con il rischio di occlusioni frequenti. Per evitare tale rischio la tubazione di uscita si assume di diametro 200 mm, strozzata per un breve tratto mediante una tubazione di diametro 110 mm, dimensione minima per evitare i rischi di ostruzione sopra ricordati. Il dimensionamento del volume di invaso, effettuato secondo la metodologia proposta da Moriggi e Zampaglione descritto in precedenza, conduce ai seguenti valori. Pag. 18/24

19 I risultati del calcolo secondo il metodo di Moriggi-Zampaglione portano a: m = 23,51 C = 1,28 tv = 2,7 ore In tal modo ne risulta un tempo critico dell invaso di 2,7 ore ed un volume dell invaso di 199 m 3. Volume che è usuale incrementarne il valore per tener conto delle ipotesi semplificative alla base del metodo di Zampaglione. In particolare incrementandolo del 15% se ne assume un valore pari a 229 m 3. Tale volume viene ottenuto attraverso uno scavo in terra a ridosso dell area urbanizzate come rappresentato negli elaborati progettuali. Il fondo dell invaso, in prossimità delle tubazioni in ingresso ed in uscita sarà rivestito con pietrame di idonea dimensione o materassi metallici tipo Reno e le pareti inclinate ed il fondo saranno opportunamente inerbite. L invaso dovrà essere ispezionato e mantenuto in efficienza rimuovendo eventuale materiale accumulato. Così come la tubazione di uscita, protetta da idonea griglia, dovrà essere regolarmente ispezionata e mantenuta in efficienza. Dimensionamento della vasca di laminazione B Complessivamente la portata che entra nell invaso è pari a circa 154 l/s (Sezione 4 della Figura 6). Tale quantità è calcolabile considerando che il tempo critico del bacino si può stimare in circa 7,7 minuti, considerando una lunghezza massima di circa 160 metri, con un tempo di accesso alla rete di drenaggio di 5 minuti. La superficie complessiva drenata del comparto è pari a circa 0,629 ettari. Il coefficiente di afflusso complessivo si può assumere pari a 0,78. Il valore calcolato costituisce la portata meteorica, con tempo di ritorno 25 anni, che complessivamente entra nel sistema di laminazione. In tale condizione difatti, con la pendenza minima dello 0,5% si può adottare una tubazione di diametro 500 mm per smaltire tale portata. La laminazione delle portate deve ridurre tale valore a 10 litri/s/ha, per la parte di territorio attualmente costituito da aree verdi, e pari a circa 100 litri/s/ha per la parte di territorio che attualmente è impermeabilizzato; la portata che può essere smaltita dall invaso non deve superare 26,2 l/s. In tal modo la tubazione di uscita risulta essere una tubazione di diametro 200 Pag. 19/24

20 mm, strozzata mediante una tubazione di diametro 110 mm, dimensione minima per evitare rischi di ostruzione della tubazione stessa. Il dimensionamento del volume di invaso, effettuato secondo la metodologia proposta da Moriggi e Zampaglione descritto in precedenza, conduce ai seguenti valori. I risultati del calcolo secondo il metodo di Moriggi-Zampaglione portano a: m = 5,87 C = 0,72 tv = 0,7 ore In tal modo ne risulta un tempo critico dell invaso di 0,7 ore ed un volume dell invaso di 112 m 3. Volume che è usuale incrementarne il valore per tener conto delle ipotesi semplificative alla base del metodo di Zampaglione. In particolare incrementandolo del 15% se ne assume un valore pari a 129 m 3. Tale volume viene ottenuto attraverso uno scavo in terra a ridosso del parcheggio come rappresentato negli elaborati progettuali. Il fondo dell invaso, in prossimità delle tubazioni in ingresso ed in uscita sarà rivestito con pietrame di idonea dimensione o materassi metallici tipo Reno e le pareti inclinate ed il fondo saranno opportunamente inerbita. L invaso dovrà essere ispezionato e mantenuto in efficienza rimuovendo eventuale materiale accumulato. Così come la tubazione di uscita, protetta da idonea griglia, dovrà essere regolarmente ispezionata e mantenuta in efficienza. Dimensionamento della vasca di laminazione C Complessivamente la portata che entra nell invaso è pari a circa 110 l/s (Sezione 3 della Figura 6). Tale quantità è calcolabile considerando che il tempo critico del bacino si può stimare in circa 8,3 minuti, considerando una lunghezza massima di circa 200 metri, con un tempo di accesso alla rete di drenaggio di 5 minuti. La superficie complessiva drenata del comparto è pari a circa 0,50 ettari. Il coefficiente di afflusso complessivo si può assumere pari a 0,72. Il valore calcolato costituisce la portata meteorica, con tempo di ritorno 25 anni, che complessivamente entra nel sistema di laminazione. In tale condizione difatti, con la pendenza Pag. 20/24

21 minima dello 0,5% si può adottare una tubazione di diametro 400 mm per smaltire tale portata. La laminazione delle portate deve ridurre tale valore a 10 litri/s/ha, ossia la portata che può essere smaltita dall invaso non deve superare 5,0 l/s. Il dimensionamento del volume di invaso, effettuato secondo la metodologia proposta da Moriggi e Zampaglione descritto in precedenza, conduce ai seguenti valori. I risultati del calcolo secondo il metodo di Moriggi-Zampaglione portano a: m = 22,05 C = 1,24 tv = 2,6 ore In tal modo ne risulta un tempo critico dell invaso di 2,6 ore ed un volume dell invaso di 164 m 3. Volume che è usuale incrementarne il valore per tener conto delle ipotesi semplificative alla base del metodo di Zampaglione. In particolare incrementandolo del 15% se ne assume un valore pari a 189 m 3. Tale volume viene ottenuto attraverso uno scavo in terra a ridosso del confine come rappresentato negli elaborati progettuali. Il fondo dell invaso, in prossimità delle tubazioni in ingresso ed in uscita sarà rivestito con pietrame di idonea dimensione o materassi metallici tipo Reno e le pareti inclinate ed il fondo saranno opportunamente inerbita. L invaso dovrà essere ispezionato e mantenuto in efficienza rimuovendo eventuale materiale accumulato. Così come la tubazione di uscita, protetta da idonea griglia, dovrà essere regolarmente ispezionata e mantenuta in efficienza. Tale fosso dovrà inoltre smaltire la portata che scende dal versante, come già accade nello stato attuale. Tale portata può essere stimata in circa 10 l/s/ha e considerando che la superficie del versante è pari a circa 0.7 ettaro, ne risulta che il fosso, oltre a laminare le portate, dovrà smaltire anche una portata pari a circa 7 l/s, che si va a sommare alla portata di circa 5 l/s descritta in precedenza. In tal modo la tubazione di uscita risulta essere una tubazione di diametro 200 mm, strozzata mediante una tubazione di diametro 110 mm, dimensione minima per evitare rischi di ostruzione della tubazione stessa. Pag. 21/24

22 6. Rete fognaria per la raccolta delle acque reflue La rete fognaria per la raccolta delle acque reflue ha la struttura principale indicata nella figura seguente. Complessivamente il sistema fognario in progetto si collega alla rete fognaria esistente in tre punti: i punti 1 e 2 che si immettono nel collettore fognario di tipo misto lungo Via Loreta (Figura 4); il punto 3 che recapita le acque nell impianto di sollevamento esistente (Figura 3). La rete progettata per la raccolta delle acque reflue verrà realizzata con tubazioni in PVC rigido, conformi norma UNI EN 1401 tipo SN 8 con giunto a bicchiere con anello in gomma con rinfianco in sabbia, e diametri di 200 mm, valore minimo per evitare ostruzioni dei collettori e non per ragioni di officiosità idraulica e pendenza minima dello 0,3%. La rete fognaria per le acque nere sarà sempre posata al di sotto della rete per la raccolta delle acque meteoriche. In uscita dai lotti privati, prima dell immissione nella rete fognaria in progetto, al confine di proprietà, si avrà sempre un sifone tipo Firenze a due tappi e una valvola antiriflusso. Per il calcolo delle portate reflue non si conoscono in dettaglio gli interni dei singoli edifici, ma si stimeranno gli abitanti equivalenti in funzione delle unità immobiliari e delle attività che è previsto si svolgano. I calcoli verranno comunque effettuati considerando una dotazione idrica di 250 litri/ab/giorno, con coefficiente di riduzione pari a 0,8, e un coefficiente di punta pari a 5. Lo scarico, identificato con il numero 1, è a servizio di un area non identificata in modo preciso, ma trattandosi una superficie di circa 1200 m 2, si ipotizzano, in modo cautelativo, 24 abitanti equivalenti, ottenendo così una portata di 0,28 l/s. Considerando un diametro minimo di 200 mm in PVC e pendenza dell 1% si ottiene un grado di riempimento del 7% e una velocità di 0,3 m/s. Per lo scarico identificato con il numero 2, esso è a servizio di un area residenziale in cui sono presenti 14 unità immobiliari. Considerando 3 abitanti equivalenti per unità immobiliare si ottiene un numero totale di 42 abitanti equivalenti. In tal modo la portata che si ottiene è pari a circa 0,49 l/s. Considerando un diametro minimo di 200 mm in PVC e pendenza dell 1% si ottiene un grado di riempimento del 11% e una velocità di 0,3 m/s. Pag. 22/24

23 BOX ENEL strada privata strada privata Figura 8 Schema della rete fognaria per la raccolta delle acque reflue e recapiti nel sistema fognario esistente

24 Per lo scarico identificato con il numero 3, esso è a servizio di un area residenziale in cui sono presenti 19 unità immobiliari, di cui si considerano 3 abitanti equivalenti per unità immobiliare ottenendo così un numero totale di abitanti equivalenti; si ha inoltre una unità ricettiva da 20 camere, di cui si considerano 20 abitanti equivalenti. Si ha poi un supermercato, un bar, un area commerciale con 5 negozi, un terziario con 7 uffici, e un punto di scarico per camper in prossimità del parcheggio non pavimentato. Per definire il numero di abitanti equivalenti per le attività sopra ricordate sarebbe necessario conoscere il numero di addetti, cosa che in questa fase progettuale non è possibile. Si assume pertanto una portata reflua pari a circa 4 l/s/ha, valore cautelativo rispetto ai valori presenti nella letteratura scientifica per le attività commerciali/industriali. In tal modo la portata complessiva, essendo la superficie pari a circa 0,2 ha, è pari a circa 0,8 l/s. A tale valore si somma il contributo degli abitanti equivalenti delle unità immobiliari e della struttura ricettiva ottenendo un valore totale immesso nel sistema fognario attraverso il punto 3 pari a circa 1,69 l/s. Considerando un diametro minimo di 200 mm in PVC e pendenza minimo dello 0,4% si ottiene un grado di riempimento del 21% e una velocità di 0,4 m/s. La portata del punto 3 viene recapitata in un impianto di sollevamento, di cui non sono note le caratteristiche delle pompe presenti, e successivamente immessa nel collettore fognario misto presente in via Loreta. Complessivamente la portata reflua di progetto, che dall urbanizzazione viene immessa nel sistema fognario esistente, attraverso i 3 punti di scarico, è pari a circa 2,5 l/s. Pag. 24/24

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 PROGETTO ESECUTIVO 1/9 1. PREMESSA La presente relazione descrive gli aspetti idraulici connessi con lo smaltimento

Dettagli

Cod.: S10011-SF-ID01-0 Data: 15/06/2010

Cod.: S10011-SF-ID01-0 Data: 15/06/2010 Cod.: S-SF-ID- Data: 5/6/2 INTRODUZIONE La relazione descrive gli interventi finalizzati allo smaltimento delle acque meteoriche del Terzo Lotto dell Asse Lungosavena. L area è localizzata tra il Comune

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA Il presente Piano Urbanistico Attuativo, si pone l obbiettivo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA REALIZZAZIONE DI UN IMMISSIONE DI ACQUE CHIARE NEL FOSSO DEI GUASTRI IN LOC. SANT'ANGELO DI CELLE COMMITTENTE: NOVATECNO S.r.l. INTEGRAZIONE DOCUMENTALE - Prot. N.

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 3 3. PROGETTO URBANISTICO... 4 4. STUDIO IDROLOGICO... 6 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6 4.2 Coefficiente di deflusso...7 4.2.1 Tempo

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

PIANO ATTUATIVO ATR10

PIANO ATTUATIVO ATR10 STUDIO DI INGEGNERIA CIVILE-IDRAULICA Dott. Ing. Michele Giorgio Via Stelvio, 2 24125 Bergamo Tel 035-402214 Fax 035-402214 P. IVA 02685550168 C.F.: GRG MHL 71D15 A794F e-mail: michele.giorgio@sfera.biz

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO Provincia di Bologna Proprietà Attuatore COOP. COSTRUZIONISoc.Coop. Via F. Zanardi, 372 40131 Bologna PIANO PARTICOLAREGGIATO PER L ATTUAZIONE DEL COMPARTO C2-13 in conformità all Accordo ex art. 18 L.R.

Dettagli

AL COMUNE DI CONSELICE

AL COMUNE DI CONSELICE AL COMUNE DI CONSELICE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO VIA MERLO, COMPARTI 39/A-39/B PROPRIETA': Cooperativa Ceramica d'imola S.c. Via Vittorio Veneto, 13 40026 Imola (Bo) R.E.A. BO 5545 - C.F. e Reg. Impr.

Dettagli

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2011/2012 ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA (Appunti tratti dalla lezione del 14/05/2012, non rivisti dal docente) 1 Esempio di dimensionamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche Premessa L ambito d intervento del P.P.I.P riguarda un area a destinazione residenziale (d ora in poi denominata bacino) di 3.440 m², così suddivisa: PLANIMETRIA

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM

PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM SOCIETA CHIMICA LARDERELLO S.p.A. Socio Unico (POMARANCE) DISCARICA BULERA PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM RETE DI REGIMAZIONE

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3 4.1 Fognatura nera... 3 4.2 Sistema di raccolta acque meteoriche aree pubbliche...

Dettagli

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI)

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) RELAZIONE IDROLOGICA E IDRAULICA DELLA RETE DI RACCOLTA DELLE ACQUE PIOVANE Settembre 2014 PROGETTISTA Dott. Ing. Leopoldo Cafaro Iscritto all Ordine degli Ingegneri

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Domanda di Verifica di Assoggettabilità alla VIA

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Comune di Castenaso Provincia di Bologna Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Indirizzo: Via dei Mille RELAZIONE IDRAULICA Federici Saverio

Dettagli

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi:

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi: 1 Premessa Il comparto rientra nell ambito degli accordi con i privati di cui all art. 18 della L.R. n. 20/2000 contrassegnato col n. 16 Lido di Classe Nord Sud, ed è soggetto a PUA generale. E costituito

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno SETTORE INTERVENTI SUL TERRITORIO E QUALITA URBANA U.O. PROGETTAZIONE e DIREZIONE LAVORI Oggetto: RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE AREA ARTIGIANALE LE MORELLINE

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA. Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto

RELAZIONE IDRAULICA. Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto RELAZIONE IDRAULICA Descrizione sommaria delle opere Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto realizzato con il lotto 1, e da qui indirizzate al collettore

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI C O R I N A LD O PROGETTO DEFINITIVO N. ELAB. TITOLO

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A)

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA INTERVENTI SU RETI

Dettagli

INVARIANZA IDRAULICA E RISPARMIO IDRICO Relazione tecnica

INVARIANZA IDRAULICA E RISPARMIO IDRICO Relazione tecnica ALLEGATO N. A 12 Oggetto: Proposta di Piano Urbanistico Attuativo SCHEDA A20 A03 PROPOSTA DI ACCORDO ART. 18 L.R. 2072000 FONDAZIONE FORNINO VALMORI ONLUS PER LA REALIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA SOCIO- ASSISTENZIALE

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE REALIZZAZIONE STRADA DI COLLEGAMENTO TRA VIA PIOVOLA E LO SVINCOLO "EMPOLI EST" DELLA S.G.C. FI-PI-LI PROGETTO DEFINITIVO COMMITTENTE COMUNE DI EMPOLI RELAZIONE IDROLOGICA

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato P.IVAc.F 02095600397 / +390544404262 +393393051205 RELAZIONE TECNICA La presente domanda di Permesso di Costruire ha per oggetto l esecuzione delle Opere di Urbanizzazione in attuazione del Piano Particolareggiato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

FOGNA BIANCA RELAZIONE DI CALCOLO I TRATTO PENDENZA 2 PER MILLE

FOGNA BIANCA RELAZIONE DI CALCOLO I TRATTO PENDENZA 2 PER MILLE FOGNA BIANCA RELAZIONE DI CALCOLO I TRATTO PENDENZA 2 PER MILLE La rete fognaria in oggetto è costituita da 5 picchetti e da 4 tratti. Legge di probabilità pluviometrica La legge di probabilità pluviometrica

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 INDICE 1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 3. RETE FOGNARIA PER ACQUE BIANCHE...4 3.1. Generalità...4 3.2. Pluviogramma di progetto...4 3.3. Dimensionamento della rete...5 4. RETE

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI.

QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI. QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI. DEVONO ESSERE UTILIZZATI COME BASE DI RIFERIMENTO PER L APPROFONDIMENTO

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

AIRIS INGEGNERIA PER L AMBIENTE. Piano Particolareggiato Comparto D2.32 COMUNE DI MINERBIO. Proprietà: INVER R.E. S.r.l. RELAZIONE IDRAULICA

AIRIS INGEGNERIA PER L AMBIENTE. Piano Particolareggiato Comparto D2.32 COMUNE DI MINERBIO. Proprietà: INVER R.E. S.r.l. RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA Piano Particolareggiato Comparto D2.32 Proprietà: INVER R.E. S.r.l. Progetto: No Gap Progetti S.r.l. Gruppo di lavoro Francesca RAMETTA (coordinamento) Valeriano

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 3.1 RETE DI ACQUE METEORICHE E LAMINAZIONE... 9 3.2 TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 11

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

COMPATIBILITA IDRAULICA E IDROGEOLOGICA

COMPATIBILITA IDRAULICA E IDROGEOLOGICA Comune di Noventa di Piave Provincia di Venezia Piano Urbanistico Attuativo PROGETTO NORMA n. 28 COMPATIBILITA IDRAULICA E IDROGEOLOGICA RELAZIONE TECNICA Committente Crico Carla Piazza Vittorio Emanuele,

Dettagli

Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi

Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi Comune di Concesio Provincia di Brescia Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi VERIFICHE DI COMPATIBILITÀ

Dettagli

COMUNE DI NOLE (Capofila)

COMUNE DI NOLE (Capofila) COMUNE DI NOLE (Capofila) Provincia di Torino INTEGRZIONE CONNESSIONE CICLOPEDONLE LUNGO L FSCI FLUVILE STUDIO IDROLOGICO IDRULICO TRTTO DI CUNETT STRDLE INTUBT IN COMUNE DI CIRIE FRZIONE VSTLL * * * *

Dettagli

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge)

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge) Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

IMPIANTO DI SMALTIMENTO ACQUE DI PIAZZALE

IMPIANTO DI SMALTIMENTO ACQUE DI PIAZZALE PREMESSA Il presente progetto prevede la realizzazione di un centro comunale di raccolta rifiuti differenziati. La struttura in oggetto sarà ubicata nel Comune di Lizzano nel lotto individuato nel N.C.E.U.

Dettagli

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE 1. VERIFICA DELLA RETE DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE NERE Il centro di cure palliative hospice di Spicchio è allocato all interno di un fabbricato già esistente nel complesso

Dettagli

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata CALCOLO IDRAULICO Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata d acqua prevista. Nello specifico il calcolo riguarda la progettazione della sezione della tubazione

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE 1. PREMESSA La presente verifica idraulica fa riferimento alla precedente verifica allegata al progetto preliminare approvato con Deliberazione del Giunta Municipale n. 113 del 19.09.2011, con la quale

Dettagli

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 RELAZIONE TECNICA 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE Nella definizione della nuove reti fognarie, si

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

PROGETTO. Contratti di quartiere II - CASCINA RASARIO

PROGETTO. Contratti di quartiere II - CASCINA RASARIO PROGETTO Contratti di quartiere II - CASCINA RASARIO RELAZIONE IDRAULICA FOGNATURE ACQUE NERE E BIANCHE PROGETTO REDATTO IN DATA ottobre 2013 RESPONSABILE PROCEDIMENTO : ING. MARCELLO MONFRINOLI PROGETTISTA

Dettagli

COMUNE DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IDRAULICO RETE PER LA RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE

COMUNE DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IDRAULICO RETE PER LA RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE COMUNE DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IDRAULICO RETE PER LA RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE CALCOLO DELLA PORTATA DELLE ACQUE METEORICHE Il calcolo per la verifica idraulica di seguito riportato

Dettagli

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura Allegato 2 Norme Tecniche 1 1. Allacciamenti 3 1.1. Modalità di esecuzione 3 2. Impianti

Dettagli

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale COMUNE DI DESENZANO D/G PROVINCIA DI BRESCIA COMMITTENTE SOCIETÀ AGRICOLA TREZZA Studio idraulico preliminare per lo smaltimento delle acque reflue del piano integrato- PII Grezze RELAZIONE TECNICA GIUSTIFICATIVA

Dettagli

RELAZIONE SMALTIMENTO ACQUE

RELAZIONE SMALTIMENTO ACQUE Parrocchia di San Nicolò a Trebbia *** Cooperativa Abitazione Santa Marta Proprietà Indivisa Società Cooperativa PIANO ATTUATIVO per Intervento di Nuova Costruzione sito in via Alicata, Rottofreno (PC)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA DEL COMPARTO Ce.2.4. 1. Premessa...

RELAZIONE TECNICA. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA DEL COMPARTO Ce.2.4. 1. Premessa... RELAZIONE TECNICA DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA DEL COMPARTO Ce.2.4 Sommario 1. Premessa... 2 2. Recupero acque meteoriche in aree private..2 3.

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO. IL PROGETTISTA Geom. Carluccio Bottero

PROGETTO DEFINITIVO. IL PROGETTISTA Geom. Carluccio Bottero SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO PARCO MULTIMEDIALE PER LA RICERCA DOCUMENTALE CONNESSA ALLA STORIA DEL VINO E DEL GUSTO CENTRO MULTIMEDIALE CALCOLI ESECUTIVI DELLA CONDOTTA

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

1 PREMESSA... 3 2 ANALISI IDROLOGICA... 3 2.1 ANALISI PLUVIOMETRICA METODO DELLA REGIONALIZZAZIONE... 3 2.2 CURVA DI PIOGGIA DI PROGETTO...

1 PREMESSA... 3 2 ANALISI IDROLOGICA... 3 2.1 ANALISI PLUVIOMETRICA METODO DELLA REGIONALIZZAZIONE... 3 2.2 CURVA DI PIOGGIA DI PROGETTO... INDICE 1 PREMESSA... 3 2 ANALISI IDROLOGICA... 3 2.1 ANALISI PLUVIOMETRICA METODO DELLA REGIONALIZZAZIONE... 3 2.2 CURVA DI PIOGGIA DI PROGETTO... 4 3 FOGNATURA BIANCA ESISTENTE... 6 4 FOGNATURA BIANCA

Dettagli

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE 1. Ambito di applicazione...2 2. Definizioni... 2 3. Progetto di nuove urbanizzazioni... 3 4. Prescrizioni tecniche da seguire

Dettagli

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino Autorità di bacino del fiume Tevere Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 INDICE 1 Premesse... 2 2 Inquadramento territoriale... 3 3 Il progetto delle opere... 5 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 3.2 Sistemazione dell area parcheggio commerciale...6 3.3 Interferenze e sistemazioni

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014

Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014 Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014 OPERE DI GESTIONE E CONTROLLO DEGLI SCARICHI: INTERVENTI LOCALIZZATI Carlo Ciaponi Dipartimento di Ingegneria Civile e

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO PROVINCIA DI RIMINI RELAZIONE SUL CALCOLO DELLA RETE DI FOGNA BIANCA E DELLA RETE DI FOGNA NERA OGGETTO: PIANO PARTICOLAREGGIATO di iniziativa PRIVATA COPARTO C2.4 -

Dettagli

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Profilo geologico Le tipologie di intervento previste consistono in :! Potenziamento delle

Dettagli

1 - Generalità. 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA

1 - Generalità. 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA INDICE 1 - Generalità 2 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali 2 3 Delimitazione delle aree scolanti 4 4. Stima delle portate 6 4.1 Modello di trasformazione afflussi-deflussi 10 5. Idrogrammi

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE COMUNE DI ROMA S.P.Q.R. DIPARTIMENTO IX III U.O. B50 MONTESTALLONARA LEGGE 18 APRILE 1962 n 167 PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE INDICE 1

Dettagli

COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI ZONA C2 del PRE: NUOVA URBANIZZAZIONE DI INTERESSE TURISTICO (Foglio n 8 particelle n.n. 4100, 264, 265) PROGETTO EDILIZIO UNITARIO (P.E.U.) OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO CERBONI GIUSEPPE - PULETTI CLOTILDE - GAUDENZI ALFREDO PROGETTO PIANO ATTUATIVO

Dettagli

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 2.1 Note introduttive sul territorio... 3 2.2 Sistemi drenanti già esistenti... 3 2.3 Bacini imbriferi principali e sottobacini...

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

Piano Strutturale Comunale

Piano Strutturale Comunale Piano Strutturale Comunale Sindaco: Maino Benatti Assessore Economia e Sviluppo Sostenibile: Roberto Ganzerli Segretario - Direttore Generale: Alessio Primavera C - SISTEMA TERRITORIALE Sostenibilità idraulica

Dettagli

Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere

Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere Le fognature nere vengono dimensionate per le massime portate di tempo asciutto che si prevede e si stima si verificheranno negli N anni di funzionamento

Dettagli