Energia nel tempo. Unità didattica. L energia nel tempo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Energia nel tempo. Unità didattica. L energia nel tempo"

Transcript

1 Unità didattica L energia nel tempo 1

2 Energie nella storia La storia del lavoro dell uomo è caratterizzata da un continuo aumento del bisogno di energia. Solo trecento anni fa l'uomo consumava un decimo dell'energia di oggi. Allora si usavano solo fonti d'energia rinnovabile, oggi il problema dell esauribilità delle risorse è balzato in primo piano. Quali fonti d'energia si usavano in passato? Per quali scopi si usavano mulini a vento? Le prime fonti di energia Fino alla metà del XVIII secolo, la forza muscolare dell uomo e degli animali, l acqua dei fiumi, il vento e il legname, risorse tutte facilmente reperibili in natura, erano le sole fonti energetiche conosciute dall uomo. Vediamo ora di ripercorrere alcune tappe che hanno contrassegnato l evoluzione tecnologica nell uso di queste fonti di energia. La scoperta del fuoco, sorgente di luce e di calore, rende le biomasse (legna) una rivoluzionaria fonte energetica. Col fuoco ci si difende, ci si scalda, si cucina e si fa luce, trovando nuovi spazi per socializzare. Nel Neolitico, uno dei periodi in cui è stata suddivisa la Preistoria, gli uomini cominciarono a praticare l agricoltura e l allevamento (X VII millennio a.c.). Velocemente migliorano le tecniche di coltivazione e allevamento e l'uomo impara a usare il fuoco anche per fondere metalli (per forgiare strumenti sempre più perfezionati per i lavori agricoli) e produrre oggetti di terracotta. La principale fonte energetica resta però quella muscolare, soprattutto umana. Infatti, se il lavoro umano può fornire energia limitata, e molti animali sono più forti di noi (l'energia di trazione orizzontale di un cavallo equivale a quella di sette uomini), l'uomo sa organizzarsi in gruppi numerosi, cosa difficilmente realizzabile con gli animali. Così aumentò notevolmente la quantità di alimenti a disposizione delle prime società umane. L invenzione della ruota Liberato dal problema della ricerca continua del cibo, l uomo potè sviluppare una sua tecnologia. Così, per migliorare lo sfruttamento dell energia animale, inventò la ruota. Mentre prima era possibile spostare i pesi solo trascinandoli, quindi con grande sforzo, con la ruota, che permetteva di vincere la forza di attrito, divenne possibile spostare gli stesi pesi con una forza ben 67 volte minore. Successivamente, la ruota fu usata come ingranaggio per trasmettere 2

3 il movimento. Ciò permise di sfruttare altre risorse energetiche, oltre a quelle animali, come la forza dell acqua e quella del vento. Fino ad allora l uomo aveva sfruttato l acqua e il vento solo per muovere zattere o barche dotate di vela: con la ruota, invece, queste risorse energetiche poterono essere utilizzate per azionare le pompe necessarie all irrigazione dei campi e le macine dei mulini, con cui venivano trasformati i prodotti della terra. Le prime ruote erano piene, in legno. Le più antiche testimonianze della loro esistenza risalgono al a.c., in Mesopotamia. Perché comparissero le ruote a raggi, più leggere e resistenti, furono necessari ancora mille anni. Le macchine dell antichità: i mulini ad acqua I primi mulini idraulici, utilizzati per trasformare l energia dell acqua in movimento rotatorio, furono costruiti dai Greci; essi aveva la ruota posta in posizione orizzontale. In seguito, i Romani ne aumentarono il rendimento montando la ruota in posizione verticale. Nel corso dei secoli seguenti, attraverso continui miglioramenti, l impiego dei mulini venne esteso a molte attività artigianali. Dall XI secolo, infatti, i mulini misero in movimento torni, lame di seghe, pompe, mentre nel XVI secolo vennero impiegati per azionare i pestelli delle cartiere. Determinante, poi, fu il ruolo che i mulini ricoprirono nello sviluppo della siderurgia: negli altiforni, utilizzati per ottenere ghisa dai minerali di ferro, i mantici usati per produrre l aria necessaria ad attivare la combustione erano mossi da mulini. Sempre grazie alla loro forza, fu possibile aumentare la dimensione dei magli, grossi martelli a due teste, usati per la lavorazione del ferro. Macchine mosse da energia idraulica furono introdotte anche nell industria tessile, per la filatura e la tessitura, determinando un sensibile aumento della produzione. Il problema dell esauribilità delle risorse: dalla crisi del legno all ascesa del carbone. Oltre all acqua e al vento, l altra rilevante risorsa del passato fu il legname. Fin dall antichità il legname aveva sempre rappresentato un importante fonte di calore, immediatamente reperibile, e contemporaneamente una materia prima per la fabbricazione di oggetti e utensili. Nel XVII secolo lo sviluppo economico richiede quantità crescenti di legname per costruire edifici e navi, riscaldare e cucinare, far funzionare le fonderie. L intensificarsi dello sviluppo tecnologico, il disboscamento e lo sfruttamento delle foreste erano cresciuti a tal punto che il legname delle foreste dell'europa centrale e dell'inghilterra cominciò a scarseggiare. Le cause di questo fenomeno furono sostanzialmente due: le crescenti richieste di energia e di materiali da parte della crescente industria; l esigenza di fornire alimenti ad una popolazione in costante aumento, che portò a coltivare sempre nuove estensioni di terreno, un tempo ricoperte da foreste. Il prezzo del legno sui mercati ha un forte aumento: per la prima volta 3

4 l umanità si trovò così ad affrontare la prima grande crisi energetica, che stimolò a cercare nuove fonti di energia. A che cosa serviva la legna? In quali attività si usava carbone e vapore? Una nuova fonte di energia e una nuova macchina: il carbone e il motore a vapore Come risposta alla crisi energetica, si fece allora ricorso ad un combustibile diverso dal legname, ma ugualmente assai abbondante in natura: il carbon fossile. Si scavano nuove e grandi miniere e la quantità di carbone estratta aumenta rapidamente. Si passa in questo modo dall'impiego di fonti energetiche rinnovabili all'uso di una risorsa fossile non rinnovabile. Fu proprio la necessità di estrarre quantità sempre maggiori di questo prezioso minerale che portò alla realizzazione di macchine adatte a prosciugare le miniere, sempre più profonde e spesso invase dall acqua. A questo scopo un ingegnere minerario, l inglese Thomas Newcomen, realizzò, nel 1705, la pompa idraulica, funzionante a vapore, azionata proprio dalla combustione del carbone. Successivamente il motore a vapore, con i miglioramenti e le modifiche apportati, più di 60 anni dopo, da James Watt, trovò impiego in molte applicazioni. Oltre che in siderurgia, il suo utilizzo fu importantissimo nel settore dei trasporti, segnando l avvento del treno e delle ferrovie. Benché il rendimento iniziale di questo motore fosse molto basso, la potenza media di una macchina a vapore equivaleva a quella di circa 500 uomini. Le innovazioni introdotte dalla macchina a vapore provocarono molti e profondi cambiamenti, che coinvolsero tutti gli aspetti della vita dell uomo, segnando l inizio della Rivoluzione Industriale. Il carbone è la principale fonte d'energia utilizzata nel secolo XIX. Oggi dove viene utilizzata l'elettricità? Quali vantaggi e svantaggi ha il nucleare? 4

5 Il motore a scoppio e l era del petrolio Verso la fine del XIX secolo, grazie alle invenzioni della turbina idraulica e del motore elettrico, si inizia a produrre e a impiegare l'energia elettrica. L'elettricità è facilmente trasportabile a grandi distanze e viene applicata ovunque possibile. Nel 1882 entra in funzione la prima centrale termoelettrica a carbone. La messa a punto del motore a scoppio, a opera del tedesco Nikolhaus Otto, nel 1876, stimola le ricerche sui combustibili liquidi derivati dal petrolio greggio, e si inizia a estrarre questa fonte di energia già nota da tempo ma trascurata. Dunque dopo il carbone, con l invenzione del motore a scoppio, si cominciò a usare il petrolio, più facile da trasportare e dotato di un maggiore potere calorifico. I mezzi di trasporto, sempre più veloci, furono caratterizzati da un rendimento maggiore, il 18% nel caso degli autoveicoli, contro il 4% della locomotiva a vapore. Con il XIX secolo cambiò ancora la qualità dell energia a disposizione dell uomo: infatti l invenzione della dinamo rese possibile l utilizzo di una nuova forma di energia: l energia elettrica, prodotta da grandi centrali e trasportata nei luoghi di utilizzo mediante cavi. Sul finire del secolo scorso, inoltre, il petrolio si affermò come principale fonte di energia. Problemi e prospettive Avviciniamoci ora ai nostri giorni. Dalla metà del secolo scorso lo sviluppo delle tecnologie degli armamenti atomici apre la strada all'uso dell'energia nucleare. In un primo momento sembra una valida alternativa al petrolio. Tuttavia molti problemi restano aperti: la costruzione di una centrale nucleare ha costi elevati, soprattutto per garantire efficaci sistemi di sicurezza, e non esiste ancora un modo sicuro per smaltire le scorie radioattive. Lo sviluppo tecnologico e lo sfruttamento sempre crescente delle fonti energetiche hanno caratterizzato la seconda metà del XX secolo. A loro volta, i bisogni dell uomo sono cambiati e sono cresciuti vertiginosamente. Una serie di prodotti, sempre più sofisticati, sono diventati segno di benessere e di successo sociale. Dai trasporti all arredamento, dal vestiario alle abitudini alimentari, l industria, oggi, mette a disposizione una grande varietà di beni di consumo, ormai considerati indispensabili. Sono beni di consumo poco durevoli, che hanno bisogno di grandi quantità di energia per essere prodotti e richiedono ancora energia per essere smaltiti, quando, al termine della loro breve vita, diventano rifiuti. Così sviluppo tecnologico e consumismo, divorando grandi quantità di energia, hanno messo ancora una volta in primo piano il problema dell esauribilità delle risorse. Solo oggi, ormai nel XXI secolo, le società industriali si sono rese conto di aver vissuto nell illusione di una crescita economica senza fine, legata alla possibilità di avere sempre a disposizione energia a basso costo. A questo punto, solamente il risparmio e la razionalizzazione dei consumi potranno costituire un utile, anzi fondamentale, strumento per affrontare il problema energetico ed aprire la strada ad uno sviluppo equilibrato della nostra società. 5

6 Rispondi alle domande 1. Quali fonti energetiche utilizzò l uomo fino alla metà del XVIII secolo? 2. Che importanza ebbe l invenzione della ruota? 3. Quali conseguenze ebbe l uso del carbone come fonte energetica? 4. Quale forma di energia divenne utilizzabile con l invenzione della dinamo? La produzione di energia attraverso il tempo (da Thomas K. Derry e Trevor I. Williams, Storia della tecnologia. La tecnica e i suoi effetti economico sociali, Torino, 1977, vol. I, pp ) La forza umana e animale Prima che l uomo imparasse ad addomesticare gli animali e a utilizzarne la forza, l unica sua fonte d energia risiedeva nei suoi muscoli. Quando era necessaria una forza maggiore di quella che un individuo poteva fornire, si presentavano due alternative: riunire l energia di molti uomini per esercitare una forza su un solo oggetto o servirsi di congegni meccanici per trasformare una piccola forza agente per un lungo tratto in una grande forza operante per un piccolo tratto; si poteva anche ricorrere all uso di entrambi questi sistemi. Pur con qualche limitazione, il ricorso all unione delle forze individuali è stato applicato in ogni fase di sviluppo sociale: la caccia, l agricoltura, l irrigazione e l edilizia sono esempi di compiti che hanno richiesto un accurata organizzazione dell energia umana per il compimento d un lavoro in un tempo prestabilito. Per quel che concerne l edilizia, la costruzione delle piramidi dimostra che un innumerevole quantità di uomini poteva sostituire in modo soddisfacente la mancanza di macchinario; in un campo meno spettacoloso, l uso della corvée per la costruzione di strade non cessò in alcune parti d Europa prima della metà del diciannovesimo secolo d. C. Un istituzione particolarmente caratteristica del mondo antico era la schiavitù. Facilmente se ne esagera l importanza: gli schiavi di cui parlano la letteratura classica e le iscrizioni, lavoravano nella maggior parte in piccoli gruppi, svolgendo la stessa funzione economica degli uomini liberi. Inoltre, l impiego di gruppi di schiavi in vaste proprietà agricole, un tempo prevalente fra i Romani, cessò di esserlo appena diminuì il numero degli schiavi forniti dalle conquiste e aumentò di conseguenza il loro prezzo. Non ci fu tuttavia fino al 1795 una valutazione statistica del danno economico causato dal fatto che il terrore fosse l unico incentivo al lavoro: ma quell anno un indagine svolta sulle piantagioni dell India Occidentale appurò che uno schiavo rendeva al massimo la metà d un uomo libero. Nonostante ciò, vi furono almeno tre aspetti nei quali l impiego degli schiavi attenuò gli effetti della mancanza d energia. Anzitutto, fin dai tempi remoti degli antichi imperi, i prigionieri di guerra erano usati su larga scala dai re vincitori per l esecuzione di lavori pubblici, con i quali essi cercavano di dare prestigio al loro regno: quanto fosse grande la tentazione d usare questi schiavi di stato come mano d opera facilmente sfruttabile per la costruzione di strade, può forse essere giudicato dal fatto che, già in un èra di macchine, i prigionieri di guerra furono fatti lavorare fino all estremo limite delle loro possibilità nella costruzione di ferrovie, sia in Europa sia in Asia. In secondo luogo, la città di Roma, che durante il primo periodo dell impero annoverava forse schiavi, su una popolazione totale inferiore al milione, è un esempio notevole d una società in cui l impiego degli schiavi rendeva possibile il lusso sfarzoso nelle case dei ricchi e alcuni importanti servizi di pubblica utilità: per esempio, 660 schiavi mantenevano in funzione i 60 chilometri d acquedotti, che fornivano giornalmente una riserva d acqua di 175 litri per abitante. Infine gli schiavi venivano sfruttati nelle miniere; tale sfruttamento arricchì tanto il regno di Davide e di Salomone quanto lo stato democratico ateniese del quinto secolo, e si diffuse a ovest fino alla Spagna romana; con metodi che sfruttavano la mano d opera fino all esaurimento, si lavoravano i metalli dai quali dipendeva largamente il progresso tecnico. 6

7 Non vi sono particolari, ma Diodoro Siculo, ai tempi d Augusto, scrive che nelle miniere d argento spagnole i lavoratori più forti erano i più sfortunati, perché erano i più lenti a morire. La leva Fra i congegni meccanici ideati per aiutare la forza dell uomo, la leva è di gran lunga il più importante, e il suo principio sta alla base di quasi tutte le macchine. La sua origine è sconosciuta, e la sua legge non fu enunciata fino ai tempi d Archimede. Tuttavia, gli uomini primitivi scoprirono che si potevano rimuovere i corpi pesanti collocando sotto di essi un asta rigida poggiante su un fulcro fisso, situato relativamente vicino al corpo stesso, ed esercitando una pressione sull estremità libera dell asta. Archimede si rese perfettamente conto dell enorme forza che una leva può generare: Datemi un punto d appoggio e solleverò il mondo. Anche altri quattro congegni meccanici, che avevano relazione con la leva, furono molto sfruttati nell antichità, e perfettamente descritti nella Mechanica d Erone d Alessandria, scritta nel primo secolo d. C. Sono il cuneo, la vite, la puleggia multipla e la carrucola. Tutti si fondano sullo stesso principio della leva: una piccola forza che agisce a una grande distanza è trasformata in una grande forza che agisce su una piccola distanza. Detto in altro modo: maggiore è il lavoro che si deve compiere, più grande è la distanza richiesta. La moltiplicazione della forza che si ottiene con l impiego di gruppi di lavoratori è ripetutamente descritta e illustrata nelle opere dell antichità. L energia umana impiegata da sola è esemplificata da file di uomini che tirano corde per trascinare corpi pesanti, come gli enormi massi di pietra necessari alla costruzione di grandi palazzi e monumenti. Più spesso, però, la moltiplicazione della forza era ottenuta mediante congegni meccanici del tipo sopra descritto. Per esempio, nel remeggio delle galere l energia umana veniva aumentata per mezzo di leve: i remi. In Grecia la leva venne usata prima del 1600 a. C. per spremere il succo dell uva e delle olive. I frantoi di Pompei erano realizzati sul principio della vite. Il principio della carrucola, in cui una piccola energia applicata alla circonferenza esterna si trasforma in una grande energia in prossimità dell asse, trovò un applicazione pratica nel timpano. Spesso l effetto era ulteriormente aumentato da una serie di congegni, anche questi descritti da Erone, la cui utilità era però molto limitata, perché, a causa dei primitivi metodi di costruzione, gran parte dell energia andava perduta. In ogni modo, le limitazioni pratiche non distolsero gli inventori dal progettare ambiziosi sistemi di congegni. La molla Dai tempi più antichi la molla, della quale vi sono innumerevoli esempi in natura, è stata il più importante mezzo per accumulare energia e rilasciarla immediatamente nel momento necessario. La sua prima applicazione conosciuta e d immutata importanza per molti secoli fu l arco, usato per lanciare frecce durante la caccia e in battaglia. La prima inequivocabile rappresentazione dell arco risale al tardo periodo paleolitico e proviene dall Africa settentrionale. Nella sua forma più semplice l arco consiste in una striscia di materiale elastico, come legno o corno, che gradatamente si assottiglia dal centro verso gli estremi. Per le più elaborate forme d arco si usarono materiali diversi, incollati e legati insieme. Il piccolo arco turco era fatto in modo da poter essere usato per lanciare frecce stando a cavallo, e a questa caratteristica gli invasori asiatici dell Europa dovettero molti dei loro importanti successi militari del Medioevo. Si dice che la sua origine abbia di molto preceduto quella del famoso e mortale arco da guerra inglese che, realizzato solitamente in tasso, si ritiene abbia avuto origine nel Galles meridionale. [ ] La ruota idraulica Il primo mulino ad acqua di cui si abbia notizia, è il cosiddetto mulino greco o norvegese. Questo differiva dal tipo che ora ci è familiare, per l asse non orizzontale, ma verticale: nella parte più bassa dell asse vi era una serie di pale o palette, che erano immerse nella corrente 7

8 d acqua. Tale tipo di mulino venne usato principalmente per macinare il grano: l asse passava verso l alto, attraverso la macina inferiore, ed era fissato a quella superiore, che faceva girare. Mulini di questa specie richiedevano una corrente d acqua rapida e avevano certamente avuto origine nelle regioni collinose del Vicino Oriente; non si ha infatti notizia che siano stati usati in Egitto o in Mesopotamia, dove i fiumi scorrono per la maggior parte lentamente e sono soggetti a grandi rapide e cascate. Plinio attribuisce l origine dei mulini ad acqua per la macinazione del grano presumibilmente all Italia settentrionale; questi erano probabilmente del tipo scandinavo. Essi furono largamente usati in Europa durante il Medioevo e in alcune regioni fin quasi alla fine del diciannovesimo secolo; nelle isole Shetland, dove un tempo erano circa cinquecento, nel 1933 ne era rimasto un solo esemplare in funzione a Sandness. Tali mulini possono veramente essere considerati come i precursori della turbina idraulica, invenzione del diciannovesimo secolo, e sotto questo punto di vista si può dire che siano stati usati senza interruzione per ben più di tremila anni. I mulini scandinavi avevano generalmente piccole dimensioni ed erano piuttosto lenti; la macina infatti rotava alla stessa velocità della ruota. Essi erano adatti a macinare solamente piccole quantità di grano, e il loro uso doveva essere puramente locale. Un tipo di mulino idraulico con asse orizzontale e ruota verticale fu progettato nel primo secolo a. C. da Vitruvio. L ispirazione può essergli venuta dal congegno per sollevare l acqua conosciuto come ruota persiana o saqiya, che consisteva essenzialmente in recipienti per attingere l acqua disposti lungo la circonferenza d una ruota, fatta girare da forza umana o animale. Questa ruota era usata in Egitto nel secondo secolo a. C. e deve essere stata ben nota a Vitruvio, che ne descrisse una più efficiente modificazione conosciuta come ruota a tazze. La ruota idraulica vitruviana è essenzialmente una ruota a tazze che funziona in modo contrario. Progettata per la macinazione del grano, la ruota era collegata alla macina mobile per mezzo di ingranaggi lignei che, generalmente, davano una riduzione di giri di circa 5 : 1. I primitivi mulini di questo tipo furono azionati dall acqua che passava sotto : la parte inferiore della ruota, immersa nel corso d acqua, veniva fatta girare dalla forza della corrente. Più tardi si trovò che una ruota alimentata dall alto era più efficiente; infatti l acqua, cadendo sulla parte superiore della ruota, riempie alcune delle tazze poste lungo la circonferenza; il suo peso fa si che la ruota giri; in questo modo, le tazze riempite scaricano il loro contenuto, mentre quelle vuote sono sospinte sotto la sorgente idrica. Benché più efficienti, tali ruote richiedono generalmente un considerevole equipaggiamento sussidiario che fornisca il necessario rifornimento idrico. Comunemente s arginava il corso d acqua in modo da formare un bacino, dal quale un canale di scarico portava un flusso d acqua regolare alla ruota. Questo tipo di mulino fornì una sorgente d energia maggiore di quelle disponibili precedentemente, e non solo rivoluzionò la macinazione del grano, ma aprì la via alla meccanizzazione di molte altre operazioni industriali. E difficile calcolare la potenza di tali mulini; essa può, tuttavia, essere approssimativamente dedotta dalla loro produzione. Un mulino romano a Venafro, del tipo di quelli alimentati dal di sotto, con ruota del diametro di circa 2 metri, poteva macinare circa 180 chilogrammi di grano all ora. Questo lavoro corrisponde, nella moderna valutazione, a circa tre cavalli-vapore. In confronto, un mulino azionato da un asino o da due uomini poteva a malapena macinare 4,5 chilogrammi all ora. Dal quarto secolo d. C. nell Impero Romano furono installati mulini ad acqua di notevoli dimensioni. A Barbegal, vicino ad Arles, per esempio, verso il 310 d. C. venivano usate per la macinazione del grano sedici ruote alimentate per di sopra, che avevano un diametro alcune di circa 2,70 metri, altre di poco meno di un metro. Ciascuna di esse azionava, attraverso ingranaggi di legno, due macine: la capacità di macinazione complessiva era di 3 tonnellate all ora, sufficienti al fabbisogno di una popolazione di abitanti, e poiché la popolazione di Arles a quel tempo non superava i abitanti circa, è chiaro che questo mulino serviva una vasta zona. [ ] 8

9 Sebbene la macinazione del grano fornisse il maggior impulso allo sviluppo della ruota idraulica, questa fu largamente usata in Europa durante il Medioevo per una grande quantità di usi industriali; il Domesday Book, per esempio, menziona non meno di 5624 mulini ad acqua situati in Inghilterra, a sud del fiume Trent, la maggior parte dei quali di tipo vitruviano. L energia idraulica venne usata per azionare segherie, follatoi, frantoi di minerali, mulini a pestelli per la lavorazione dei metalli, mulini per alimentare i mantici delle fornaci e per una grande varietà di altri congegni, ed ebbe una grande importanza sulla distribuzione geografica dell industria. Provocò, per esempio, lo spostamento dei follatoi nelle aree rurali alla ricerca di corsi d acqua adatti e incoraggiò la formazione di più vasti gruppi di persone che si dedicavano all estrazione e alla lavorazione dei metalli. L imbrigliamento dell energia idraulica per molteplici usi diede anche impulso al miglioramento degli ingranaggi e dei macchinari in generale. L importanza delle ruote idrauliche per la società si riflette, in quasi tutti i paesi europei, in complesse leggi relative al controllo dei corsi d acqua; nel mondo musulmano il loro uso era strettamente limitato all irrigazione. La ruota idraulica conservò la sua immensa importanza industriale anche molto tempo dopo l invenzione della macchina a vapore, infatti, all inizio, l uso più comune cui fu adibita non fu quello d azionare direttamente macchinari, ma di pompare l acqua per provvedere una sorgente costante alla ruota idraulica. Dal sedicesimo al diciannovesimo secolo, fu la più importante fonte d energia per l Europa e per l America settentrionale: Londra, per, esempio, dal 1582 al 1822 pompò una riserva d acqua dal fiume mediante ruote idrauliche installate al Ponte di Londra. La rivoluzione industriale, ben lungi dal rendere antiquata la ruota ad acqua, portò a considerevoli miglioramenti dopo un lungo periodo di cambiamenti piuttosto modesti. I mulini a vento Come fonte d energia il mulino a vento non può dirsi antico quanto il mulino ad acqua. A parte una frase contenuta in un opera d Erone d Alessandria, di dubbia interpretazione, non vi è nessuna testimonianza che il mulino a vento sia stato conosciuto nel mondo antico. Come fonte d energia meccanica sembra abbia avuto origine in Persia nel settimo secolo d.c. e sia derivato dalle più antiche ruote delle preghiere, azionate dal vento, usate nell Asia centrale. Un altra congettura possibile, ma non dimostrata, è che il mulino a vento sia stato suggerito dalle vele delle navi. Durante il decimo secolo esso era largamente usato nella provincia persiana di Seistan per pompare acqua per irrigazione; nel corso del tredicesimo secolo e in seguito fu usato per la macinazione del frumento. È significativo che i mulini a vento persiani avessero l asse verticale, analogo a quello dei mulini ad acqua greci e norvegesi, che, come abbiamo notato, si crede siano originati del Vicino Oriente. Il primitivo mulino a vento persiano per la macinazione del grano era costituito da un edificio a due piani; nel piano superiore si trovavano le macine e in quello inferiore una ruota azionata da sei o dodici ali atte a prendere il vento, che facevano girare la macina sovrastante. Questa posizione delle macine sopra l asse motore è, si ricorderà, caratteristica del mulino ad acqua norvegese c costituisce un ulteriore prova della relazione esistente tra i due. In un primo stadio di sviluppo si introdussero sulle ali dei congegni per controllare la velocità di rotazione, affinché l eccessiva velocità non producesse troppo calore per attrito, il che avrebbe potuto danneggiare sia il grano sia le macine. Come il mulino a vento persiano sembra sia derivato dalla cosiddetta ruota ad acqua norvegese, così il tipo occidentale, con l asse orizzontale, può essere stato ispirato dalla ruota idraulica di Vitruvio, poiché sembra che i mulini a vénto di tipo occidentale e orientale siano state invenzioni indipendenti. [ ] La prima menzione d un mulino a vento di tipo occidentale si trova in un documento normanno, redatto verso il 1180; sembra che questi mulini siano stati comuni nelle regioni dell Europa settentrionale, dalla fine del tredicesimo secolo. 9

10 Fondamentalmente, il tipo occidentale è più efficiente poiché là forza del vento agisce senza interruzione sull intera superficie delle ali, mentre nel tipo persiano solo una parte di tale superficie è attiva a un dato momento. La costruzione era qualche volta molto elaborata, per ottenere la possibilità di girare le ali al vento. Per ottenere questo si usavano due metodi. Nel mulino a pilastro centrale - il tipo più antico - l intera struttura, che portava sia le ali sia il macchinario, era posta su un resistente pilastro verticale, intorno al quale poteva rotare. Durante il tardo quattordicesimo secolo, vennero installati mulini a torre, nei quali solo la parte la superiore del mulino, contenente le ali, era girevole; si risparmiava così un considerevole sforzo. La struttura dei mulini a torre poteva essere di pietra o di mattoni; s evitavano in tal modo i solidi rinforzi in legno del mulino a pilastro centrale e s offriva una maggior resistenza alla grande forza del vento sull intera struttura; si conoscono però anche mulini a torre di legno. L invenzione del mulino a pilastro cavo, avvenuta in Olanda nel 1430, rappresentò un notevole passo avanti. In esso, infatti, le dimensioni della struttura rotante sono ridotte e un albero motore, passando attraverso l interno del pilastro, aziona il macchinario che sta nella costruzione fissa sottostante. [ ] Per far rotare nel vento i mulini a pilastro, anche se ben bilanciati, era necessario un notevole impiego di energia. Per un lungo periodo essi vennero fatti ruotare manualmente, spingendo semplicemente l estremità di una lunga asta che scendeva dalla struttura girevole superiore verso il basso, quasi fino a terra. Questo lavoro era però molto faticoso, e furono pertanto introdotti presto congegni meccanici, il più antico dei quali fu l argano, prima semplice e successivamente con meccanismi verso la metà del diciottesimo secolo s usarono a questo scopo meccanismi di ferro che potevano essere sistemati su qualcuno dei sostegni infissi nel terreno intorno alla base del mulino a vento. Un importante passo avanti fu compiuto con il mulinello a ventaglio, brevettato da Edmund Lee nel 1745, consistente in una serie di pale, poste all estremità di un asta, che azionavano due ruote dentate. Le pale erano poste in modo che, quando il mulino era esposto al vento, questo non esercitava nessuna forza su di esse: quando però il vento mutava di direzione, le pale del mulinello a ventaglio giravano e azionavano le ruote dentate, orientando così automaticamente il mulino verso l esatta posizione. [ ] I primi mulini a vento furono usati per la macinazione del grano, ma dal quindicesimo secolo vennero impiegati prevalentemente per sollevare l acqua, specialmente nel distretto di Zaan in Olanda; in quel solo luogo, ve n erano settecento alla fine del diciassettesimo secolo e novecento prima dell avvento dell energia a vapore. Nei Paesi Bassi si giunse fino ad un massimo di ottomila mulini a vento, usati anche per azionare seghe meccaniche, per la prima volta in Olanda nel 1592, e per sollevare i materiali dalle miniere. Nonostante ciò, l introduzione dei mulini a vento come fonte generale d energia per l industria incontrò qualche difficoltà perché si diffuse la paura della disoccupazione, similmente a quanto era avvenuto al tempo dei Romani con la ruota idraulica: per esempio, nel 1768 nel Limehouse una segheria azionata dall energia eolica venne distrutta dalla folla. [ ] Le ruote idrauliche e i mulini a vento sono stati i soli importanti generatori di forza motrice dei tempi antichi. Test di verifica dell apprendimento: Quali sono gli strumenti conosciuti sin dall antichità per migliorare il lavoro dell uomo? Per che cosa era utilizzata l energia prodotta dai mulini ad acqua oltre che per la macina del grano? A che cosa erano destinati principalmente i mulini a vento in Olanda? 10

11 L uomo, l energia e le macchine Neolitico Invenzione dell arco e della freccia, sistema in cui l energia viene lentamente immagazzinata ed improvvisamente sprigionata. Dall arco deriva il trapano ad arco a.c. L uomo addomestica gli animali e sfrutta la loro forza muscolare per il lavoro. Nella terra dei Sumeri, alle slitte poste su rulli si sostituiscono carri dotati di ruote che girano liberamente. 400 a.c. La costruzione di grandi templi richiede l uso della puleggia e dell argano. Poi l uomo scopre la leva, utile per sollevare blocchi di pietra molto pesanti. 200 a.c. Archimede inventa la coppia ingranaggio-vite senza fine. 11

12 85 a.c. Invenzione della ruota idraulica. L acqua, fluendo lungo le pale, mette la ruota in movimento che, a sua volta, fa girare la pietra della macina cui è collegata, che trasforma il grano in farina. 600 d.c. L uomo inventa l aratro formato da una lama che penetra nel terreno (coltro), uno scorticatore che taglia l erba e da un versoio che gira le zolle d.c. L uomo comincia a sfruttare il vento e la corrente dei fiumi: l acqua, fluendo lungo le pale di una ruota, la mette in movimento. I mulini a vento e ad acqua diventano importanti poiché garantiscono l energia necessaria a macinare il grano e a pompare l acqua d.c. Entra in funzione il primo orologio meccanico, azionato dalla forza di attrazione verso il basso, esercitata dalla gravità su alcuni pesi. 12

13 1604 d.c. Galileo Galilei annuncia la legge sul moto dei corpi d.c. L uomo utilizza il carbon coke per la fusione del freddo. Guericke realizza un globo di zolfo che ruota su una asta azionata da una manovella. Esso può essere caricato e scaricato di energia statica all infinito d.c. Blaise Pascal inventa la macchina addizionatrice d.c. Denis Papin inventa la pentola a pressione, ermeticamente chiusa. 13

14 1705 d.c. Thomas Newcomen perfeziona la macchina a vapore di Savery, realizzando una macchina a vapore che permette l estrazione di acqua dalle miniere di carbone d.c. James Watt, ripara una macchina di Newcomen e la riprometta mantenendo il cilindro sempre caldo e facendo passare il vapore in una camera di condensazione separata, mantenuta fredda. Watt stabilisce la prima unità di misura per calcolare la potenza, da lui chiamata cavallovapore d.c. Bernoit Fourneyron inventa la turbina che, sviluppando una potenza di 6 cavalli-vapore, sostituisce la ruota idraulica usata fino dall antichità d.c. L uomo inventa la prima lampada elettrica ad arco utilizzata per la illuminazione stradale a Parigi. 14

15 1853 d.c. Barsanti e Matteucci inventano il primo motore a scoppio che utilizza una miscela detonante di aria e combustibile d.c. Nikolaus Otto realizza il motore a scoppio a quattro tempi d.c. Edison, brevettata la lampadina, mette a punto un impianto di generazione di corrente elettrica la cui quantità può variare in base alle esigenze di consumo d.c. Carl Benz realizza il primo veicolo con motore a scoppio, un triciclo alimentato con motore a ciclo Otto a gas con accensione elettrica. 15

16 1892 d.c. Rudolf Diesel brevetta il motore diesel in cui il carburante si incendia non con una scintilla, ma a causa della compressione d.c. Black e Decker inventano il moderno trapano portatile d.c. In Russia entra in funzione la prima centrale nucleare per la produzione di energia. Dal 1960 d.c. ad oggi Il primo robot industriale rivoluziona i processi produttivi delle industrie. Si accentua l automazione grazie all elettronica, alla bionica e alla cibernetica. 16

17 Dal 1960 d.c. ad oggi In Europa si sviluppano le centrali solari. L energia del sole viene sfruttata per la produzione di energia elettrica. Si sviluppano le centrali eoliche e mareomotrici, che sfruttano l energia del vento e delle maree. 17

18 I protagonisti del progresso tecnologico Enrico Fermi Rudolf Diesel Fonti di energia esauribili Petrolio, carbone, gas metano, fissione nucleare ENERGIA TERMICA Fonti di energia rinnovabili Fusione nucleare, vento, acqua di mari e fiumi, biomasse, calore della Terra, Sole ENERGIA MECCANICA ENERGIA TERMICA ENERGEIA RADIANTE ENERGIA ELETTRICA ENERGIA FOTOELETTRICA 18

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M COMUNE DI PICCOLI GESTI PER UN MONDO MIGLIORE La Città di Udine aderisce, con altri 14 enti pubblici europei, al progetto Cyber Display. Lo scopo è aumentare e migliorare la conoscenza nell uso delle risorse

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

di Fulvio Mora In Svizzera la legge sugli impianti elettrici, che disciplina l esecuzione degli impianti risale al 24 giugno1902.

di Fulvio Mora In Svizzera la legge sugli impianti elettrici, che disciplina l esecuzione degli impianti risale al 24 giugno1902. - DALL ELETTRICITÀ AL MAGNETISMO ALL ENERGIA ELETTRICA - CENNI STORICI - LA STORIA E I PERSONAGGI di Fulvio Mora DALL ELETTRICITÀ AL MAGNETISMO ALL ENERGIA ELETTRICA L elettricità non è né una scoperta

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA PER NOI Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA per NOI Capire l Energia p. 4 le Forme p. 8 un po di Storia p. 12 le Fonti p. 16 Nord - Sud p. 20 Misurare l Energia

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel.

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel. www.schiel.biz by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. Adios Ventilos! o Perché si sono estinte le valvole. Editore: Schiel

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Materiali metallici nel Medioevo

Materiali metallici nel Medioevo Materiali metallici nel Medioevo I materiali metallici utilizzati nel periodo in questione, sono soprattutto il rame, il bronzo ed il ferro. Il rame, impiegato soprattutto nella produzione di gioielli

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili.

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. I rifiuti: un problema di grande attualità. SCUOLA PRIMARIA VITTORIO VENETO DI CALCI [Calci aprile 2010] Lavoro svolto dalle Classi V A e

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c RSB0001 In quale/i dei disegni proposti l area tratteggiata é maggiore dell area lasciata invece bianca? a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. b) In nessuno dei due. c) Nel disegno contrassegnato

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE.

IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE. Storia della Navigazione sui Laghi Maggiore, Garda e Como IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE. La produzione di energia attraverso l'uso del vapore, fu

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CENNI STORICI Nell anno 1946, l ingegnere americano Ray Arden, un vero pioniere della progettazione dei micromotori ed indiscusso genio in materia, ideò e perfezionò

Dettagli