Aree naturali protette nel Friuli Venezia Giulia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aree naturali protette nel Friuli Venezia Giulia"

Transcript

1

2 Aree naturali protette nel Friuli Venezia Giulia Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna

3 Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna Servizio tutela ambienti naturali, fauna e Corpo forestale regionale Aree naturali protette nel Friuli Venezia Giulia. 1a edizione: a ristampa: a ristampa: 2005, edizione aggiornata. Coordinamento e testi: Franco Musi Collaborazioni: Valerio Bernardis, Andrea Cadamuro, Graziano Danelin, Dario Di Gallo, Daniele De Luca, Fabrizio Florit, Kajetan Kravos, Damijana Ota, Michela Prevarin, Stefano Santi, Glauco Vicario. Cartine: Elena Missio Foto: Archivio Parco Dolomiti Friulane: 58 in alto a dx. Archivio Parco Prealpi Giulie: 80 in alto Valerio Bernardis: 77 in basso a dx. Mauro Bertossi - LIPU: 109, 110 in alto, 111, 112, 113 in basso, 121, 125 tutte, 126 in alto, 128 in alto, 132 in basso, 133, 134 in alto, 135 a sin, 136. Carlo Blason: 132 in alto. Gianfranco Canderan: 30, 51 in basso, 78 in alto, 98 in basso, 100 in basso, 101 tutte, 158 in basso, 166 in alto. Massimo Cargnel, per concessione S.M.A. n.1604 del : 105, 115, 129. Andrea dall Asta: 77 in alto, 152 in alto, 235. Daniele De Luca: 48 in basso. Alessandro Di Daniel: 28, 53, 56 tutte, 60, 85, 87 tutte, 88, 89 tutte. Dario Di Gallo: 10, 15, 22, 23, 27 le due in alto, 33, 36, 37, 38, 39 tutte, 41 in alto, 42, 43 tutte, 44, 45 tutte, 46 tutte, 48 in alto e al centro, 54 in alto, 58 in basso, 59, 61, 64 tutte, 65 tutte, 66 in alto a dx e in basso, 67, 69 tutte, 70 in alto e in basso a sin, 71 tutte, 72 tutte, 73 in alto a sin, 80 in basso, 81 tutte, 82 in basso, 93 tutte, 94 in basso, 145, 146, 147, 155 in alto, 160 in alto, 161, 174 in alto a dx e in basso, 189, 191, 193, 195, 198, 200 a dx, 226, 231, 232. Mario Di Gallo: 14, 25, 27 in basso, 47 in alto, 51 in alto, 52 in alto 75, 76 in alto e al centro, 77 in basso a sin, 229. Luigino Felcher - LIPU: 113 in alto, 134 in basso, 135 a dx. Karlo Ferletič: 143. Lorenzo Fogale: 18, 122 in basso, 148 in alto, 149, 207, 215, 218, 222, 223, 224, 228. Fulvio Genero: 91, 98 in alto, 99, 100 in alto. Kajetan Kravos: 78 in basso a dx, 96, 120 in basso, 122 in alto, 123, 124 tutte, 127, 142, 181, 182 tutte. Luca Lapini: 233. Paolo Lenardon: 52 in basso, 119, 148 in basso, 154 tutte, 155 in basso, 156, 157 in basso, 158 in alto, 159, 178 in alto, 179. Giuliano Mainardis: 29, 73 in alto a dx e in basso a sin, 74 in alto, 79 tutte, 95 tutte, 200 a sin. Roberto Michielis: 58 in alto a sin. Franco Musi: 17, 40, 41 in basso, 66 in alto a sin, 70 in basso a dx, 73 in basso a dx, 76 in basso, 78 in basso a sin, 90 in basso, 97, 103, 108, 118, 120 in alto, 126 in basso, 131, 150 a sin, 176 a sin, 187, 210. Damijana Ota: 16, 94 in alto, 102, 127, 128 in basso, 150 a dx, 151, 152 in basso, 160 in basso, 163, 164 in basso a dx e a sin, 166 in basso, 168, 169 tutte, 170 tutte, 173 in basso, 174 in alto a sin, 175, 177, 180, 181, 204, 205, 211 tutte, 212, 217, 227, 233 in alto. Roberto Parodi: 234. Fabio Perco: 110 in basso, 173 in alto. Marco Pradella: 47 in basso, 54 in basso, 55, 57, 90 in alto a sin. Roberto Valenti: 19, 26, 49 tutte, 50 tutte, 74 in basso, 139, 140, 157 in alto, 164 in alto, 165 tutte, 167, 176 a dx, 178 in basso. Glauco Vicario: 106, 107, 114. Gianni Viel: 82 in alto. Stefano Zanini: 90 in alto a dx. Progetto grafico copertina: Direzione della Comunicazione Regione FVG Impaginazione e stampa: Arti Grafiche Friulane S.p.A. - Udine

4 INDICE Presentazione Introduzione pag. 7 I parchi naturali regionali Parco naturale delle Dolomiti Friulane » 33 Parco naturale delle Prealpi Giulie » 61 Le riserve naturali regionali Riserva naturale Forra del Torrente Cellina » 85 Riserva naturale del Lago di Cornino » 91 Riserve naturali Foci dello Stella e Valle Canal Novo » 103 Riserva naturale della Foce dell Isonzo » 115 Riserva naturale della Valle Cavanata » 129 Le riserve naturali del Carso » 137 Riserva naturale dei Laghi di Doberdò e Pietrarossa » 143 Riserva naturale delle Falesie di Duino » 153 Riserva naturale del Monte Lanaro » 161 Riserva naturale del Monte Orsario » 167 Riserva naturale della Val Rosandra » 171 Le aree di reperimento » 183 I biotopi naturali regionali » 213 Fonti legislative Legge 6 dicembre 1991, n.394 (estratto) » Legge regionale 30 settembre 1996, n.42 (estratto) » 244

5 4 PRESENTAZIONE Verso la fine degli anni 70 ha visto la luce, in Friuli Venezia Giulia, il Piano Urbanistico Regionale quale strumento di indirizzo e di coordinamento delle politiche territoriali. È il primo esempio in Italia di pianificazione generale (in scala regionale), che riunisce e coordina in un unico, ordinato e coerente disegno lo sviluppo dei caratteri paesistici locali e la valorizzazione delle risorse territoriali, ambientali, sociali ed economiche. Con l approvazione del Piano si inaugura, dunque, una convergenza importante sul binomio conservazione e sviluppo, legando la pianificazione ordinaria al riconoscimento istituzionale della componente ambientale e naturalistica del territorio. È così che il Friuli Venezia Giulia, pur rappresentando un territorio fortemente antropizzato, si qualifica anche per il suo elevato valore naturalistico, dato dalla varietà degli ambienti e della sua posizione biogegrafica. Nonostante siano trascoarsi 30 anni e sia cresciuta a livello europeo, nazionale e regionale l attenzione nei confronti delle tematiche ambientali, l intuizione del PURG di promuovere un rapporto corretto fra istituzioni e governo del territorio resta quanto mai attuale, così come attuale resta la individuazione dei luoghi da sottoporre a particolare tutela, prevedendo il diretto coinvolgimento delle Am ministrazioni locali nell attuazione dei conseguenti e specifici interventi. Una previsione, questa, dal non trascurabile valore aggiunto, che ha consentito alle stesse Comunità locali di diventare protagoniste attive delle scelte, anziché accettarle. L attualità di questa impostazione, volano per nuove sinergie fra realtà sociali e naturali, ha indotto l Amministrazione regionale alla ristampa del volume Aree naturali protette: parchi, riserve e biotopi del Friuli Venezia Giulia, auspicando che le conoscenze e le informazioni in esso raccolte possano favorire il perseguimento di uno sviluppo che, pur rispondendo alle necessità del presente, non comprometta la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie. Enzo Marsilio Assessore regionale alle risorse agricole, naturali, forestali e montagna

6 Grande è il senso di responsabilità in chi, quotidianamente, deve gestire un patrimonio naturalistico così particolare e ricco di valori di assoluta eccellenza come quello del nostro territorio regionale. A tutti i livelli, le donne e gli uomini impegnati nella Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna avvertono questo particolare incarico che deriva loro da una competenza d ufficio, che è anche passione personale, impegno etico. Poiché il nodo essenziale che tutti siamo chiamati ogni giorno a risolvere è quello determinante dello sviluppo sostenibile, dell intreccio necessario tra le ragioni dell economia, le ragioni della società e quelle dell habitat naturale, dove però è da queste ultime che ricaviamo l aria da respirare, il cibo da mangiare, i colori, i profumi e i sapori che allietano la nostra vita. Si rendeva quindi necessario ed utile ristampare questo prezioso vademecum, edito nel 1999 e ristampato nel 2001, rapidamente esaurito e da molti più volte ancora richiesto poiché, vorremmo dire, indispensabile a riassumere con rara incisività e chiarezza, grazie ai testi di Franco Musi ed al lavoro coordinato di molte persone appassionate ed esperte che qui tutte ringraziamo, le grandi qualità di un ambiente naturale davvero unico. Unico per il suo porsi come crocevia naturale all intersecarsi delle tre grandi aree socio-geografiche del continente europeo: l area illirico-balcanica, che ancora si legge nelle steppe della landa carsica, l area mediterranea, che ammanta con i lecci le scogliere calcaree, ed infine l area centro-europea, affidata alle robuste querce dalle grandi ombre. Unico per la sua capacità di compensare, in poche decine di chilometri, paesaggi e panorami così diversi e così significativi, ricchi di una biodiversità singolare e che molti ci invidiano, ma tale da impegnare chi ha il compito della conservazione della natura e del necessario progresso dell uomo in un duro ed incessante lavoro di sintesi e di proposta che qui viene riassunto ed esemplificato fino a giungere all attuale sistema di parchi, riserve e biotopi, sistema perfettibile sicuramente, ma comunque testimone di un impegno incessante e di un attenzione estrema alle ragioni del bene di tutti, uomini e no. Augusto Viola Direttore centrale 5

7 6 Informazioni: Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Servizio tutela ambienti naturali, fauna e Corpo forestale regionale Uffici di via di Toppo Udine tel fax Parco naturale regionale delle Dolomiti Friulane e Riserva naturale regionale della Forra del Cellina Ente Parco naturale delle Dolomiti friulane Via Vittorio Emanuele, 27, Cimolais (PN) tel fax Parco naturale regionale delle Prealpi Giulie Ente Parco naturale delle Prealpi Giulie, Piazza Tiglio, 3, Resia (UD) tel / fax Riserva naturale regionale del Lago di Cornino Comune referente: Forgaria nel Friuli, Piazza Tre Martiri, 4, Forgaria nel Friuli (UD) tel Centro visite tel./fax Riserve naturali regionali della Valle Canal Novo e delle Foci dello Stella Comune referente: Marano Lagunare tel Centro visite: Via delle Valli, Marano Lagunare (UD) tel fax Riserva naturale regionale della Foce dell Isonzo Comune referente: Staranzano, Piazza D. Alighieri, Staranzano (GO) tel Riserve naturali regionali della Valle Cavanata, dei Laghi di Doberdò e Pietrarossa, delle Falesie di Duino, del Monte Lanaro, del Monte Orsario e della Val Rosandra Organo gestore: Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna - Servizio tutela ambienti naturali, fauna e Corpo forestale regionale Uffici di via di Toppo, 40, UDINE tel fax

8 Introduzione

9

10 9 LA CONSERVAZIONE DELLA NATURA E LO SVILUPPO SOSTENIBILE L uomo e la natura: un rapporto ancora irrisolto con la continua illusione del primo di esercitare una posizione di dominio e controllo sulla seconda attraverso lo sviluppo delle tecnologie e della conoscenza dei meccanismi che regolano la vita sulla terra. In fin dei conti, millenni di esperienza dimostrano continuamente che la soluzione di un problema ne propone immediatamente molti altri fino ad allora sconosciuti. La natura, il mondo in cui viviamo è ben lontano dall essere compreso e meno ancora dominato. È per questo che il comportamento dell uomo moderno do - vrebbe essere improntato ad un grande rispetto e umiltà ed il tema della conoscenza e della cultura naturalistica dovrebbero avere un ruolo primario nei singoli e nelle società. Gli ultimi decenni del secolo scorso hanno visto nascere, crescere e diventare centrale il tema dell ambiente nelle politiche degli stati riguardanti l uso delle risorse naturali e territoriali. I principi sanciti dalla comunità internazionale sulla limitatezza delle risorse, la protezione e conservazione della diversità biologica, l integrazione degli aspetti economici e ambientali secondo modelli di sviluppo sostenibile per l ambiente hanno come fine ultimo quello di assicurare la più alta qualità di vita non solo alle popolazioni umane presenti ma anche alle future generazioni. Questi concetti sostengono anche gli atti formalmente sottoscritti da moltissimi governi nazionali, quali la Conferenza di Rio de Janeiro del 1992 su Ambiente e sviluppo o il trattato

11 10 introduzione Prato fiorito di Lavinal dell Orso. dell Unione Europea di Maastricht che, all art. 2, pone quale obiettivo dell Unione stessa una crescita sostenibile, non inflazionistica e che rispetti l ambiente. Eppure la politica economica prevalente è ancora dominata da principi diversi, che perseguono la standardizzazione dei beni prodotti e dunque non ritengono la varietà e la diversità un valore positivo: la standardizzazione rappresenta l esatta antitesi dei processi evolutivi biologici che, in tempi lunghissimi e come conseguenza di eventi casuali, hanno dato luogo a quella enorme quantità di variabili vegetali ed animali che oggi vengono sinteticamente definiti come biodiversità. È soprattutto in rapporto quindi ai modelli di sviluppo dominanti che si deve intendere lo sforzo culturale e sci - entifico che la politica di li vello locale, nazionale e planetario deve svolgere e dovrà rafforzare per raggiungere un soddisfacente equilibrio fra economia ed ecologia. La conservazione della natura intesa co me difesa ecologica dell ambiente assume allora altrettanta importanza rispetto all altro grande filone operativo di tutela delle risorse, rappresentato dalle norme, abbondantissime e dagli interventi, sofisticatissimi, messi in atto per la difesa tecnologica dell ambiente stesso. Le linee strategiche per la conservazione della natura sono tracciate nell Unione Europea dalla Direttiva Habitat n. 43 del 1992 relativa appunto alla conservazione degli habitat naturali, della flora e della fauna selvatica. Con questa Direttiva l Unione si propone di realizzare una Rete Ecologica Europea (EECONET) secondo un progetto denominato Natura 2000 che individua e tutela in forme diverse a secondo della loro importanza, aree, siti e zone di grande valenza naturalistica. In Italia dunque, come negli altri Stati membri dell Unione, si dovrà costituire una rete ecologica nazionale che risulterà dalla sommatoria delle azioni concretamente

12 l evoluzione normativa nel friuli venezia giulia 11 svolte sia a livello statale che regionale. Per la formazione della rete ecologica nazionale i parchi e le riserve assumono il ruolo di nodi interconnessi tra di loro e con altre aree di rilevante interesse naturalistico e da corridoi ecologici a cui si frappongono zone cuscinetto o di transizione in modo tale da costruire una vera e propria infrastruttura ambientale estesa all intero territorio. La rete ecologica nel rapporto uomo territorio può rappresentare, attraverso il contenimento della riduzione degli habitat e l individuazione delle capacità di carico compatibili con le caratteristiche dell ambiente circostante, un valido strumento per contrastare l erosione genetica e la semplificazione biologica, puntando invece a conciliare i bisogni umani con il più alto contenuto di biodiversità dell ambiente. Secondo le finalità caldeggiate dal trattato dell Unione Europea, perseguire il concetto di sostenibilità implica la ricerca di linee di sviluppo economico che rispettino l ambiente e operino per un assetto territoriale equilibrato, in modo tale che, nel percorrere il cammino della globalizzazione, si ricerchi il rispetto delle identità locali, in tutti i loro valori, naturali ed antropizzati. L evoluzione normativa nel Friuli Venezia Giulia La tutela della natura nella Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia presenta dal punto di vista storico molte analogie rispetto alle altre regioni italiane ed europee, con evidenti particolarità legate alla grande complessità territoriale in un area piuttosto limitata, densa di contenuti ambientali ma anche profondamente segnata da processi storico-sociali che hanno reso estremamente dinamico il rapporto tra la popolazione umana e l ambiente naturale. Anche in questa Regione la politica del territorio ha affrontato il tema della tutela ambientale come conseguenza di un certo modello di sviluppo del secondo dopoguerra che, seppure in modo certamente minore rispetto ai grandi poli industriali italiani, aveva evidenziato l esistenza di inevitabili conflitti fra i beni naturali e il loro uso a scopo economico. In questo senso sono significativi i problemi emersi negli anni dopo il 1960

13 12 introduzione a proposito delle trasformazioni fondiarie fortemente incidenti sull ambiente e tutte tese a favorire un agricoltura intensiva nell alta pianura dei magredi e nell intera fascia delle risorgive. Tutta la fascia costiera ha subito notevoli pressioni per gli insediamenti sia residenziali sia soprattutto turistici, mentre l intera Regione ha visto la propria rete infrastrutturale radicalmente trasformata con la conseguenza di una suddivisione del territorio in settori che sono ormai sempre più difficilmente comunicanti fra loro in senso biologico. A partire dal 1970 l intera Regione venne sottoposta ad un accurata analisi del proprio territorio al fine di produrre il Piano urbanistico regionale generale (PURG) che doveva divenire il punto di riferimento per la pianificazione di livello subordinato e cioè principalmente quella dei piani regolatori comunali. Una parte determinante degli studi relativi al PURG venne riservata alla componente ambientale e naturalistica del territorio regionale nel quale si riconobbe la presenza di una serie di grandi habitat fortemente caratterizzati ma anche strettamente connessi e interdipendenti, in modo tale da potersi configurare come un vero e proprio sistema meritevole di essere considerato determinante per un equilibrato rapporto fra uomo e natura, fra conservazione e sviluppo. Il PURG vide la luce nel 1976 ma la concomitanza con la tragedia del terremoto e la conseguente emergenza che necessitava d interventi straordinari ne ritardò l approvazione fino al 1978; esso fu comunque il primo esempio in Italia di pianificazione di scala vasta regionale, di valenza generale e non settoriale. La protezione della natura nel PURG si esplicitava attraverso l individuazione di una serie di territori da sottoporre a particolare tutela attraverso piani specifici che dovevano essere adottati tuttavia dalle singole amministrazioni comunali interessate e successivamente approvati dalla Regione. Le aree individuate costituivano un vero e proprio sistema in quanto gravitavano su tutti i principali ambienti naturali regionali e cioè quello dei rilievi alpini e prealpini, della pianura e dell arco costiero, dell altopiano carsico e infine di tutti i fiumi significativi che assumevano il ruolo di connettivo delle aree precedentemente citate.

14 l evoluzione normativa nel friuli venezia giulia 13 In questo modo il territorio soggetto a particolare tutela raggiungeva oltre il 30% della superficie regionale con ben 14 parchi naturali individuati e quasi i due terzi dei 219 Comuni della Regione coinvolti nella complessa operazione di pianificazione e successiva gestione. Proprio la gran complessità e delicatezza dei meccanismi prefigurati dal PURG fu determinante per lo slittamento di cinque anni del concreto avvio della sua attuazione attraverso l emanazione di un apposita legge regionale, la n. 11 del 1983 per l appunto, che nel quadro della più generale legis- I parchi e gli ambiti di tutela ambientale previsti dal Piano Urbanistico Regionale Generale del 1978 interessavano oltre il 30% del territorio regionale.

15 14 introduzione

16 l evoluzione normativa nel friuli venezia giulia 15 lazione urbanistica regionale, dettava le norme particolari per perseguire la politica prevista dalla pianificazione regionale in materia di tutela della natura e di sviluppo compatibile con le esigenze di tutela stessa. Una interessante osservazione che gli esperti del settore fecero all epoca dell emanazione della legge regionale n. 11/83 fu che con tale legge la Regione Friuli Venezia Giulia si distingueva nettamente da tutte le altre Regioni italiane e anche dagli altri modelli europei in tema di aree naturali protette, poiché anteponeva la fase di pianificazione a quella di istituzione dei parchi e delle riserve riservando anzi proprio all atto di formale adozione del Piano il momento istitutivo dell area protetta. Se da un lato questo modo procedurale proponeva senza indugi i problemi di strutturazione e gestione del patrimonio naturale e antropico facendo emergere immediatamente tutti i conflitti fra le varie componenti e soggetti coinvolti, da un altro lato ha generato una evidente posizione di soggetto debole per le aree protette previste dal PURG, di soggetti cioè provvisori, non definiti sul piano istituzionale e dunque non provvisti di propria autonoma capacità decisionale e soprattutto impossibilitati ad esprimere attraverso la concreta gestione del territorio, la validità del proprio modello di governo territoriale. Il Friuli Venezia Giulia è una Regione con il 43% del territorio montano: nell immagine il gruppo del Jôf Fuart nelle Alpi Giulie. NELLA PAGINA A FIANCO: Nel medio e basso corso i fiumi friulani sono caratterizzati da vasti alvei ghiaiosi. Il Tagliamento fra Bordano e Ragogna.

17 16 introduzione Il Carso attualmente conosce una progressiva e veloce rioccupazione delle specie forestali: la landa carsica è in forte riduzione. Di fronte a tale situazione la volontà e la convinzione dei singoli Comuni è stata determinante nel definire i limiti di pratica applicazione della legge regionale n. 11/83 con il risultato sostanziale di una totale frammentazione del disegno prefigurato dal piano generale regionale, realizzato solo in qualche luogo per parti significative (Prealpi Carniche, p.e.) ma, pur dopo diversi anni, con il sostanziale abbandono del primigenio e illuminato disegno di sistema regionale delle aree naturali protette immaginato e indicato dal PURG del Di fatto, ancora all inizio degli anni 90 erano lontani dalla istituzione i parchi della Carnia centrale, di oltre metà delle Alpi Giulie, di buona parte delle Prealpi Giulie e Carniche, di più della metà dei sette parchi fluviali, dell intero parco della Laguna e di quello del Carso. Ma, pur se con tutti i limiti e i condizionamenti posti dal difficile percorso immaginato dalla singolarità della legge regionale, diverse iniziative avevano preso avvio con indubbio successo e interessantissimi risultati; i problemi maggiori dovevano rivelarsi proprio sul terreno applicativo della pratica gestione. La legge regionale n. 11/83 infatti si rivelò uno strumento piuttosto insufficiente a dare indirizzi e stabilità istituzionale alle aree protette comunque avviate. In realtà infatti la legge denunciava carenze

18 l evoluzione normativa nel friuli venezia giulia 17 La fascia costiera, accanto ai grandi insediamenti per il turismo balneare e dei poli industriali, presenta ancora notevoli estensioni naturali. Nella foto la foce del fiume Stella allo sbocco nella Laguna di Marano. che erano la conseguenza di aver posto il problema della pianificazione piuttosto che quello dell istituzione e gestione come tema e preoccupazione centrale del legislatore, come risultato evidente della derivazione urbanistica della disciplina. L ur banistica si rivelò ben presto anche insufficiente ad affrontare temi e problemi di gestione del territorio extraurbano che sono appunto molto lontani dai modelli urbanistici conosciuti e già normati: si pensi ad esempio a temi come l agricoltura o la selvicoltura, l allevamento, la caccia, la tutela della flora e della fauna, l uso del tempo libero, la ricerca scientifica e la didattica naturalistica. In altre parole la quasi totalità delle attività di normale gestione nell ambito di un area naturale protetta e che sono i suoi principali scopi istitutivi sfuggono o sono estranei alla disciplina urbanistica. Tale convincimento è diventato evidente come conseguenza dell esperienza anche in campo nazionale tant è che la legge quadro statale n. 394 del 1991 è improntata sul principio di autonoma disciplina della materia naturalistica anche dopo importanti decisioni della Corte costituzionale che sancivano la diversità sostanziale dei principi della tutela della natura. che non potevano essere riassunti e contenuti completamente dagli strumenti urbanistici.

19 18 introduzione Il Lago di Doberdò è uno dei pochi esempi di acque superficiali nel territorio carsico italiano. In ambito regionale questi ragionamenti erano già ben presenti ed era ormai maturata la convinzione di un sostanziale aggiornamento della legge regionale n. 11/83 per risolvere i problemi ormai evidenti legati agli assetti istituzionali e gestionali delle aree protette. Già nel novembre 1991 con la legge regionale n. 53 venne stabilita una nuova e interessante normativa nei riguardi di uno dei settori più controversi e conflittuali: quello della gestione faunistica e della caccia nelle aree protette. Questa fu la prima ma anche ultima integrazione della legge n.11 del 1983 poiché pochi giorni dopo lo Stato emanò la legge quadro in materia di aree naturali protette e precisamente la legge 6 di cembre 1991, n Con que sto provvedimento lo Sta to italiano metteva fine ad un dibattito che durava da almeno trent anni e disponeva una strategia per la creazione di aree protette non solo di ca rattere nazionale ma anche di livello regionale dettando alcune norme che assumevano rango di riforma economico sociale e pertanto non derogabili nelle singole leggi regionali di recepimento. L obbligo di adeguamento per le Re - gioni venne prontamente rispettato dalla sola Regione Pie monte che aveva peraltro già una propria legislazione per i suoi parchi e riserve naturali aderente alla nuova disciplina statale. Tutte le altre Regioni che nei decenni precedenti avevano, come il Friuli Venezia Giulia, sperimentato autonome e talvolta originali soluzioni legislative al problema della tutela ecologica dell ambiente si trovarono in oggettive difficoltà tant è che ancora al 1998 solo 13 Regioni avevano prodotto nuove leggi considerate adeguate alla norma quadro statale. Per quanto riguarda l esperienza regionale del Friuli Venezia Giulia va ancora sottolineato il fatto che la legge statale è intervenuta nel momento in cui si stava concretizzando il massimo

20 l evoluzione normativa nel friuli venezia giulia 19 sforzo e i maggiori risultati per realizzare compiutamente il disegno indicato dal PURG del I maggiori nodi conflittuali erano ormai emersi e la quasi totalità dei Comuni erano stati coinvolti in un dibattito positivo sulla necessità e op - portunità di una tutela attiva delle proprie risorse naturali ed ambientali. Tutta la di - scussione era caratterizzata da una dialettica aperta e so - prattutto contraddistinta dal - la capacità di adeguamento alle singole situazioni locali. I Comuni stes si poi erano divenuti protagonisti decisivi non solo della fase pianificatoria ma anche della seppur limitata esperienza gestionale, so - prattutto nella forma della as - sociazione di Comuni permessa dalla nuova legge statale n. 142/90 in materia di autonomie locali. Fra i punti inderogabili posti dalla legge n. 394/91 si ricordano come particolarmente importanti l obbligo di istituzione delle singole aree protette con specifica legge, la partecipazione degli Enti locali alla formazione e gestione dei parchi e delle riserve, la predisposizione di specifici bilanci annuali di gestione, l adozione di misure di salvaguardia e di alcuni divieti per certe attività fra le quali la caccia. Il divieto di caccia quale presupposto preliminare all istituzione di qualsiasi area naturale protetta ai sensi della nuova legge quadro è stato senza dubbio il motivo di massima conflittualità fra le associazioni venatorie interessate e il legislatore regionale determinando in modo sostanziale i limiti La costa alta dell Alto Adriatico: le più rappresentative falesie sono tutelate oggi da una riserva naturale.

21 20 introduzione AREE PROTETTE: PARCHI NATURALI REGIONALI: 1. DOLOMITI FRIULANE ha PREALPI GIULIE ha RISERVE NATURALI REGIONALI: 3. FORRA DEL TORRENTE CELLINA ha LAGO DI CORNINO ha VALLE CANAL NOVO ha FOCI DELLO STELLA ha VALLE CAVANATA ha FOCE DELL ISONZO ha LAGHI DI DOBERDÒ E DI PIETRAROSSA ha FALESIE DI DUINO ha MONTE LANARO ha MONTE ORSARIO ha VAL ROSANDRA ha 746 TOTALE ha AREE DI REPERIMENTO a) Monte Auernig ha 536 b) Alpi Carniche ha c) Jof di Montasio e Jof Fuart ha d) Laghi di Fusine ha e) Monte Mia ha f) Monte Matajur ha 574 h) Foresta del Cansiglio ha i) Sorgive di Bars ha j) Fiume Livenza ha k) Magredi del Cellina ha 757 l) Risorgive del Vinchiaruzzo ha 239 m) Palude Moretto ha 113 n) Risorgive dello Stella ha o) Palude Selvote ha 58 p) Bosco Baredi ha 167 q) Bosco Coda di Manin ha 173 r) Valle Pantani ha 114 s) Isola di S. Andrea ha 852 t) Banco d Orio ha 720 u) Landa Carsica ha TOTALE ha

22 l evoluzione normativa nel friuli venezia giulia 21 Carta delle aree naturali protette nel Friuli Venezia Giulia. In verde i parchi e le riserve naturali regionali, in arancio le aree di reperimento e in rosso i biotopi naturali regionali. BIOTOPI 1. Magredi di S. Quirino ha Palude Cima Corso ha 7,5 3. Palude del Fiume Cavana ha Palude Fontana Abisso ha 9,7 5. Palude Fraghis ha 22,7 6. Paludi del Corno ha 50,8 7. Prati di Col San Floreano ha Risorgive di Flambro ha Risorgive di Virco ha Risorgive Zarnicco ha Torbiera Curiedi ha Torbiera di Casasola ha Torbiera di Lazzacco ha 15,8 14. Torbiera di Promollo ha 4,4 15. Torbiera di Sequals ha 9,6 16. Torbiera Schichizza ha 9,9 17. Prati umidi dei Quadris ha 21,5 18. Torbiera Groi ha 10,4 19. Torbiera di Borgo Pegoraro ha 28,4 20. Prati della Piana di Bertrando ha Laghetti delle Noghere ha 12,5 22. Risorgive di Schiavetti ha 63,9 23. Torbiera Selvote ha 59,8 24. Torbiera Cichinot ha 12,5 25. Prati del Lavia ha 56,4 26. Acqua caduta ha 15,8 27. Selvuccis e Prat dal Top ha 91,7 TOTALE ha 908,3 LEGENDA PARCHI E RISERVE AREE DI REPERIMENTO BIOTOPI

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO 2 INDICE QUERCETI... 4 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SCIOLTI... 6 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SILICATICI... 8 ACERI-FRASSINETI

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Estratto: B) SUDDIVISIONE CLIMATICA DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA pag.2 C) VALORI MEDI pag. Livio Stefanuto OSMER Osservatorio Meteorologico Regionale ARPA Friuli-Venezia

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

La Strategia Nazionale per la Biodiversità

La Strategia Nazionale per la Biodiversità La Strategia Nazionale per la Biodiversità Sommario Premessa... 4 Il percorso della Strategia... 8 L attuazione della Strategia... 9 Durata, monitoraggio e valutazione dell attuazione della Strategia...

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Truoi dai Sclops (Sentiero delle Genziane)

Truoi dai Sclops (Sentiero delle Genziane) Truoi dai Sclops (Sentiero delle Genziane) Partenza..Parcheggio Davâras Arrivo.....Forni di Sopra Come arrivare. da BL ss51 fino a Lozzo di Cadore, quindi ss52 per il P. della Mauria; da UD A23 fino a

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Area sciistica Merano 2000 Malga di Verano Dal parcheggio nr. 5 di Avelengo si procede verso il municipio per poi prendere il sentiero 2/a che porta

Dettagli