Aree naturali protette nel Friuli Venezia Giulia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aree naturali protette nel Friuli Venezia Giulia"

Transcript

1

2 Aree naturali protette nel Friuli Venezia Giulia Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna

3 Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna Servizio tutela ambienti naturali, fauna e Corpo forestale regionale Aree naturali protette nel Friuli Venezia Giulia. 1a edizione: a ristampa: a ristampa: 2005, edizione aggiornata. Coordinamento e testi: Franco Musi Collaborazioni: Valerio Bernardis, Andrea Cadamuro, Graziano Danelin, Dario Di Gallo, Daniele De Luca, Fabrizio Florit, Kajetan Kravos, Damijana Ota, Michela Prevarin, Stefano Santi, Glauco Vicario. Cartine: Elena Missio Foto: Archivio Parco Dolomiti Friulane: 58 in alto a dx. Archivio Parco Prealpi Giulie: 80 in alto Valerio Bernardis: 77 in basso a dx. Mauro Bertossi - LIPU: 109, 110 in alto, 111, 112, 113 in basso, 121, 125 tutte, 126 in alto, 128 in alto, 132 in basso, 133, 134 in alto, 135 a sin, 136. Carlo Blason: 132 in alto. Gianfranco Canderan: 30, 51 in basso, 78 in alto, 98 in basso, 100 in basso, 101 tutte, 158 in basso, 166 in alto. Massimo Cargnel, per concessione S.M.A. n.1604 del : 105, 115, 129. Andrea dall Asta: 77 in alto, 152 in alto, 235. Daniele De Luca: 48 in basso. Alessandro Di Daniel: 28, 53, 56 tutte, 60, 85, 87 tutte, 88, 89 tutte. Dario Di Gallo: 10, 15, 22, 23, 27 le due in alto, 33, 36, 37, 38, 39 tutte, 41 in alto, 42, 43 tutte, 44, 45 tutte, 46 tutte, 48 in alto e al centro, 54 in alto, 58 in basso, 59, 61, 64 tutte, 65 tutte, 66 in alto a dx e in basso, 67, 69 tutte, 70 in alto e in basso a sin, 71 tutte, 72 tutte, 73 in alto a sin, 80 in basso, 81 tutte, 82 in basso, 93 tutte, 94 in basso, 145, 146, 147, 155 in alto, 160 in alto, 161, 174 in alto a dx e in basso, 189, 191, 193, 195, 198, 200 a dx, 226, 231, 232. Mario Di Gallo: 14, 25, 27 in basso, 47 in alto, 51 in alto, 52 in alto 75, 76 in alto e al centro, 77 in basso a sin, 229. Luigino Felcher - LIPU: 113 in alto, 134 in basso, 135 a dx. Karlo Ferletič: 143. Lorenzo Fogale: 18, 122 in basso, 148 in alto, 149, 207, 215, 218, 222, 223, 224, 228. Fulvio Genero: 91, 98 in alto, 99, 100 in alto. Kajetan Kravos: 78 in basso a dx, 96, 120 in basso, 122 in alto, 123, 124 tutte, 127, 142, 181, 182 tutte. Luca Lapini: 233. Paolo Lenardon: 52 in basso, 119, 148 in basso, 154 tutte, 155 in basso, 156, 157 in basso, 158 in alto, 159, 178 in alto, 179. Giuliano Mainardis: 29, 73 in alto a dx e in basso a sin, 74 in alto, 79 tutte, 95 tutte, 200 a sin. Roberto Michielis: 58 in alto a sin. Franco Musi: 17, 40, 41 in basso, 66 in alto a sin, 70 in basso a dx, 73 in basso a dx, 76 in basso, 78 in basso a sin, 90 in basso, 97, 103, 108, 118, 120 in alto, 126 in basso, 131, 150 a sin, 176 a sin, 187, 210. Damijana Ota: 16, 94 in alto, 102, 127, 128 in basso, 150 a dx, 151, 152 in basso, 160 in basso, 163, 164 in basso a dx e a sin, 166 in basso, 168, 169 tutte, 170 tutte, 173 in basso, 174 in alto a sin, 175, 177, 180, 181, 204, 205, 211 tutte, 212, 217, 227, 233 in alto. Roberto Parodi: 234. Fabio Perco: 110 in basso, 173 in alto. Marco Pradella: 47 in basso, 54 in basso, 55, 57, 90 in alto a sin. Roberto Valenti: 19, 26, 49 tutte, 50 tutte, 74 in basso, 139, 140, 157 in alto, 164 in alto, 165 tutte, 167, 176 a dx, 178 in basso. Glauco Vicario: 106, 107, 114. Gianni Viel: 82 in alto. Stefano Zanini: 90 in alto a dx. Progetto grafico copertina: Direzione della Comunicazione Regione FVG Impaginazione e stampa: Arti Grafiche Friulane S.p.A. - Udine

4 INDICE Presentazione Introduzione pag. 7 I parchi naturali regionali Parco naturale delle Dolomiti Friulane » 33 Parco naturale delle Prealpi Giulie » 61 Le riserve naturali regionali Riserva naturale Forra del Torrente Cellina » 85 Riserva naturale del Lago di Cornino » 91 Riserve naturali Foci dello Stella e Valle Canal Novo » 103 Riserva naturale della Foce dell Isonzo » 115 Riserva naturale della Valle Cavanata » 129 Le riserve naturali del Carso » 137 Riserva naturale dei Laghi di Doberdò e Pietrarossa » 143 Riserva naturale delle Falesie di Duino » 153 Riserva naturale del Monte Lanaro » 161 Riserva naturale del Monte Orsario » 167 Riserva naturale della Val Rosandra » 171 Le aree di reperimento » 183 I biotopi naturali regionali » 213 Fonti legislative Legge 6 dicembre 1991, n.394 (estratto) » Legge regionale 30 settembre 1996, n.42 (estratto) » 244

5 4 PRESENTAZIONE Verso la fine degli anni 70 ha visto la luce, in Friuli Venezia Giulia, il Piano Urbanistico Regionale quale strumento di indirizzo e di coordinamento delle politiche territoriali. È il primo esempio in Italia di pianificazione generale (in scala regionale), che riunisce e coordina in un unico, ordinato e coerente disegno lo sviluppo dei caratteri paesistici locali e la valorizzazione delle risorse territoriali, ambientali, sociali ed economiche. Con l approvazione del Piano si inaugura, dunque, una convergenza importante sul binomio conservazione e sviluppo, legando la pianificazione ordinaria al riconoscimento istituzionale della componente ambientale e naturalistica del territorio. È così che il Friuli Venezia Giulia, pur rappresentando un territorio fortemente antropizzato, si qualifica anche per il suo elevato valore naturalistico, dato dalla varietà degli ambienti e della sua posizione biogegrafica. Nonostante siano trascoarsi 30 anni e sia cresciuta a livello europeo, nazionale e regionale l attenzione nei confronti delle tematiche ambientali, l intuizione del PURG di promuovere un rapporto corretto fra istituzioni e governo del territorio resta quanto mai attuale, così come attuale resta la individuazione dei luoghi da sottoporre a particolare tutela, prevedendo il diretto coinvolgimento delle Am ministrazioni locali nell attuazione dei conseguenti e specifici interventi. Una previsione, questa, dal non trascurabile valore aggiunto, che ha consentito alle stesse Comunità locali di diventare protagoniste attive delle scelte, anziché accettarle. L attualità di questa impostazione, volano per nuove sinergie fra realtà sociali e naturali, ha indotto l Amministrazione regionale alla ristampa del volume Aree naturali protette: parchi, riserve e biotopi del Friuli Venezia Giulia, auspicando che le conoscenze e le informazioni in esso raccolte possano favorire il perseguimento di uno sviluppo che, pur rispondendo alle necessità del presente, non comprometta la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie. Enzo Marsilio Assessore regionale alle risorse agricole, naturali, forestali e montagna

6 Grande è il senso di responsabilità in chi, quotidianamente, deve gestire un patrimonio naturalistico così particolare e ricco di valori di assoluta eccellenza come quello del nostro territorio regionale. A tutti i livelli, le donne e gli uomini impegnati nella Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna avvertono questo particolare incarico che deriva loro da una competenza d ufficio, che è anche passione personale, impegno etico. Poiché il nodo essenziale che tutti siamo chiamati ogni giorno a risolvere è quello determinante dello sviluppo sostenibile, dell intreccio necessario tra le ragioni dell economia, le ragioni della società e quelle dell habitat naturale, dove però è da queste ultime che ricaviamo l aria da respirare, il cibo da mangiare, i colori, i profumi e i sapori che allietano la nostra vita. Si rendeva quindi necessario ed utile ristampare questo prezioso vademecum, edito nel 1999 e ristampato nel 2001, rapidamente esaurito e da molti più volte ancora richiesto poiché, vorremmo dire, indispensabile a riassumere con rara incisività e chiarezza, grazie ai testi di Franco Musi ed al lavoro coordinato di molte persone appassionate ed esperte che qui tutte ringraziamo, le grandi qualità di un ambiente naturale davvero unico. Unico per il suo porsi come crocevia naturale all intersecarsi delle tre grandi aree socio-geografiche del continente europeo: l area illirico-balcanica, che ancora si legge nelle steppe della landa carsica, l area mediterranea, che ammanta con i lecci le scogliere calcaree, ed infine l area centro-europea, affidata alle robuste querce dalle grandi ombre. Unico per la sua capacità di compensare, in poche decine di chilometri, paesaggi e panorami così diversi e così significativi, ricchi di una biodiversità singolare e che molti ci invidiano, ma tale da impegnare chi ha il compito della conservazione della natura e del necessario progresso dell uomo in un duro ed incessante lavoro di sintesi e di proposta che qui viene riassunto ed esemplificato fino a giungere all attuale sistema di parchi, riserve e biotopi, sistema perfettibile sicuramente, ma comunque testimone di un impegno incessante e di un attenzione estrema alle ragioni del bene di tutti, uomini e no. Augusto Viola Direttore centrale 5

7 6 Informazioni: Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Servizio tutela ambienti naturali, fauna e Corpo forestale regionale Uffici di via di Toppo Udine tel fax Parco naturale regionale delle Dolomiti Friulane e Riserva naturale regionale della Forra del Cellina Ente Parco naturale delle Dolomiti friulane Via Vittorio Emanuele, 27, Cimolais (PN) tel fax Parco naturale regionale delle Prealpi Giulie Ente Parco naturale delle Prealpi Giulie, Piazza Tiglio, 3, Resia (UD) tel / fax Riserva naturale regionale del Lago di Cornino Comune referente: Forgaria nel Friuli, Piazza Tre Martiri, 4, Forgaria nel Friuli (UD) tel Centro visite tel./fax Riserve naturali regionali della Valle Canal Novo e delle Foci dello Stella Comune referente: Marano Lagunare tel Centro visite: Via delle Valli, Marano Lagunare (UD) tel fax Riserva naturale regionale della Foce dell Isonzo Comune referente: Staranzano, Piazza D. Alighieri, Staranzano (GO) tel Riserve naturali regionali della Valle Cavanata, dei Laghi di Doberdò e Pietrarossa, delle Falesie di Duino, del Monte Lanaro, del Monte Orsario e della Val Rosandra Organo gestore: Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna - Servizio tutela ambienti naturali, fauna e Corpo forestale regionale Uffici di via di Toppo, 40, UDINE tel fax

8 Introduzione

9

10 9 LA CONSERVAZIONE DELLA NATURA E LO SVILUPPO SOSTENIBILE L uomo e la natura: un rapporto ancora irrisolto con la continua illusione del primo di esercitare una posizione di dominio e controllo sulla seconda attraverso lo sviluppo delle tecnologie e della conoscenza dei meccanismi che regolano la vita sulla terra. In fin dei conti, millenni di esperienza dimostrano continuamente che la soluzione di un problema ne propone immediatamente molti altri fino ad allora sconosciuti. La natura, il mondo in cui viviamo è ben lontano dall essere compreso e meno ancora dominato. È per questo che il comportamento dell uomo moderno do - vrebbe essere improntato ad un grande rispetto e umiltà ed il tema della conoscenza e della cultura naturalistica dovrebbero avere un ruolo primario nei singoli e nelle società. Gli ultimi decenni del secolo scorso hanno visto nascere, crescere e diventare centrale il tema dell ambiente nelle politiche degli stati riguardanti l uso delle risorse naturali e territoriali. I principi sanciti dalla comunità internazionale sulla limitatezza delle risorse, la protezione e conservazione della diversità biologica, l integrazione degli aspetti economici e ambientali secondo modelli di sviluppo sostenibile per l ambiente hanno come fine ultimo quello di assicurare la più alta qualità di vita non solo alle popolazioni umane presenti ma anche alle future generazioni. Questi concetti sostengono anche gli atti formalmente sottoscritti da moltissimi governi nazionali, quali la Conferenza di Rio de Janeiro del 1992 su Ambiente e sviluppo o il trattato

11 10 introduzione Prato fiorito di Lavinal dell Orso. dell Unione Europea di Maastricht che, all art. 2, pone quale obiettivo dell Unione stessa una crescita sostenibile, non inflazionistica e che rispetti l ambiente. Eppure la politica economica prevalente è ancora dominata da principi diversi, che perseguono la standardizzazione dei beni prodotti e dunque non ritengono la varietà e la diversità un valore positivo: la standardizzazione rappresenta l esatta antitesi dei processi evolutivi biologici che, in tempi lunghissimi e come conseguenza di eventi casuali, hanno dato luogo a quella enorme quantità di variabili vegetali ed animali che oggi vengono sinteticamente definiti come biodiversità. È soprattutto in rapporto quindi ai modelli di sviluppo dominanti che si deve intendere lo sforzo culturale e sci - entifico che la politica di li vello locale, nazionale e planetario deve svolgere e dovrà rafforzare per raggiungere un soddisfacente equilibrio fra economia ed ecologia. La conservazione della natura intesa co me difesa ecologica dell ambiente assume allora altrettanta importanza rispetto all altro grande filone operativo di tutela delle risorse, rappresentato dalle norme, abbondantissime e dagli interventi, sofisticatissimi, messi in atto per la difesa tecnologica dell ambiente stesso. Le linee strategiche per la conservazione della natura sono tracciate nell Unione Europea dalla Direttiva Habitat n. 43 del 1992 relativa appunto alla conservazione degli habitat naturali, della flora e della fauna selvatica. Con questa Direttiva l Unione si propone di realizzare una Rete Ecologica Europea (EECONET) secondo un progetto denominato Natura 2000 che individua e tutela in forme diverse a secondo della loro importanza, aree, siti e zone di grande valenza naturalistica. In Italia dunque, come negli altri Stati membri dell Unione, si dovrà costituire una rete ecologica nazionale che risulterà dalla sommatoria delle azioni concretamente

12 l evoluzione normativa nel friuli venezia giulia 11 svolte sia a livello statale che regionale. Per la formazione della rete ecologica nazionale i parchi e le riserve assumono il ruolo di nodi interconnessi tra di loro e con altre aree di rilevante interesse naturalistico e da corridoi ecologici a cui si frappongono zone cuscinetto o di transizione in modo tale da costruire una vera e propria infrastruttura ambientale estesa all intero territorio. La rete ecologica nel rapporto uomo territorio può rappresentare, attraverso il contenimento della riduzione degli habitat e l individuazione delle capacità di carico compatibili con le caratteristiche dell ambiente circostante, un valido strumento per contrastare l erosione genetica e la semplificazione biologica, puntando invece a conciliare i bisogni umani con il più alto contenuto di biodiversità dell ambiente. Secondo le finalità caldeggiate dal trattato dell Unione Europea, perseguire il concetto di sostenibilità implica la ricerca di linee di sviluppo economico che rispettino l ambiente e operino per un assetto territoriale equilibrato, in modo tale che, nel percorrere il cammino della globalizzazione, si ricerchi il rispetto delle identità locali, in tutti i loro valori, naturali ed antropizzati. L evoluzione normativa nel Friuli Venezia Giulia La tutela della natura nella Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia presenta dal punto di vista storico molte analogie rispetto alle altre regioni italiane ed europee, con evidenti particolarità legate alla grande complessità territoriale in un area piuttosto limitata, densa di contenuti ambientali ma anche profondamente segnata da processi storico-sociali che hanno reso estremamente dinamico il rapporto tra la popolazione umana e l ambiente naturale. Anche in questa Regione la politica del territorio ha affrontato il tema della tutela ambientale come conseguenza di un certo modello di sviluppo del secondo dopoguerra che, seppure in modo certamente minore rispetto ai grandi poli industriali italiani, aveva evidenziato l esistenza di inevitabili conflitti fra i beni naturali e il loro uso a scopo economico. In questo senso sono significativi i problemi emersi negli anni dopo il 1960

13 12 introduzione a proposito delle trasformazioni fondiarie fortemente incidenti sull ambiente e tutte tese a favorire un agricoltura intensiva nell alta pianura dei magredi e nell intera fascia delle risorgive. Tutta la fascia costiera ha subito notevoli pressioni per gli insediamenti sia residenziali sia soprattutto turistici, mentre l intera Regione ha visto la propria rete infrastrutturale radicalmente trasformata con la conseguenza di una suddivisione del territorio in settori che sono ormai sempre più difficilmente comunicanti fra loro in senso biologico. A partire dal 1970 l intera Regione venne sottoposta ad un accurata analisi del proprio territorio al fine di produrre il Piano urbanistico regionale generale (PURG) che doveva divenire il punto di riferimento per la pianificazione di livello subordinato e cioè principalmente quella dei piani regolatori comunali. Una parte determinante degli studi relativi al PURG venne riservata alla componente ambientale e naturalistica del territorio regionale nel quale si riconobbe la presenza di una serie di grandi habitat fortemente caratterizzati ma anche strettamente connessi e interdipendenti, in modo tale da potersi configurare come un vero e proprio sistema meritevole di essere considerato determinante per un equilibrato rapporto fra uomo e natura, fra conservazione e sviluppo. Il PURG vide la luce nel 1976 ma la concomitanza con la tragedia del terremoto e la conseguente emergenza che necessitava d interventi straordinari ne ritardò l approvazione fino al 1978; esso fu comunque il primo esempio in Italia di pianificazione di scala vasta regionale, di valenza generale e non settoriale. La protezione della natura nel PURG si esplicitava attraverso l individuazione di una serie di territori da sottoporre a particolare tutela attraverso piani specifici che dovevano essere adottati tuttavia dalle singole amministrazioni comunali interessate e successivamente approvati dalla Regione. Le aree individuate costituivano un vero e proprio sistema in quanto gravitavano su tutti i principali ambienti naturali regionali e cioè quello dei rilievi alpini e prealpini, della pianura e dell arco costiero, dell altopiano carsico e infine di tutti i fiumi significativi che assumevano il ruolo di connettivo delle aree precedentemente citate.

14 l evoluzione normativa nel friuli venezia giulia 13 In questo modo il territorio soggetto a particolare tutela raggiungeva oltre il 30% della superficie regionale con ben 14 parchi naturali individuati e quasi i due terzi dei 219 Comuni della Regione coinvolti nella complessa operazione di pianificazione e successiva gestione. Proprio la gran complessità e delicatezza dei meccanismi prefigurati dal PURG fu determinante per lo slittamento di cinque anni del concreto avvio della sua attuazione attraverso l emanazione di un apposita legge regionale, la n. 11 del 1983 per l appunto, che nel quadro della più generale legis- I parchi e gli ambiti di tutela ambientale previsti dal Piano Urbanistico Regionale Generale del 1978 interessavano oltre il 30% del territorio regionale.

15 14 introduzione

16 l evoluzione normativa nel friuli venezia giulia 15 lazione urbanistica regionale, dettava le norme particolari per perseguire la politica prevista dalla pianificazione regionale in materia di tutela della natura e di sviluppo compatibile con le esigenze di tutela stessa. Una interessante osservazione che gli esperti del settore fecero all epoca dell emanazione della legge regionale n. 11/83 fu che con tale legge la Regione Friuli Venezia Giulia si distingueva nettamente da tutte le altre Regioni italiane e anche dagli altri modelli europei in tema di aree naturali protette, poiché anteponeva la fase di pianificazione a quella di istituzione dei parchi e delle riserve riservando anzi proprio all atto di formale adozione del Piano il momento istitutivo dell area protetta. Se da un lato questo modo procedurale proponeva senza indugi i problemi di strutturazione e gestione del patrimonio naturale e antropico facendo emergere immediatamente tutti i conflitti fra le varie componenti e soggetti coinvolti, da un altro lato ha generato una evidente posizione di soggetto debole per le aree protette previste dal PURG, di soggetti cioè provvisori, non definiti sul piano istituzionale e dunque non provvisti di propria autonoma capacità decisionale e soprattutto impossibilitati ad esprimere attraverso la concreta gestione del territorio, la validità del proprio modello di governo territoriale. Il Friuli Venezia Giulia è una Regione con il 43% del territorio montano: nell immagine il gruppo del Jôf Fuart nelle Alpi Giulie. NELLA PAGINA A FIANCO: Nel medio e basso corso i fiumi friulani sono caratterizzati da vasti alvei ghiaiosi. Il Tagliamento fra Bordano e Ragogna.

17 16 introduzione Il Carso attualmente conosce una progressiva e veloce rioccupazione delle specie forestali: la landa carsica è in forte riduzione. Di fronte a tale situazione la volontà e la convinzione dei singoli Comuni è stata determinante nel definire i limiti di pratica applicazione della legge regionale n. 11/83 con il risultato sostanziale di una totale frammentazione del disegno prefigurato dal piano generale regionale, realizzato solo in qualche luogo per parti significative (Prealpi Carniche, p.e.) ma, pur dopo diversi anni, con il sostanziale abbandono del primigenio e illuminato disegno di sistema regionale delle aree naturali protette immaginato e indicato dal PURG del Di fatto, ancora all inizio degli anni 90 erano lontani dalla istituzione i parchi della Carnia centrale, di oltre metà delle Alpi Giulie, di buona parte delle Prealpi Giulie e Carniche, di più della metà dei sette parchi fluviali, dell intero parco della Laguna e di quello del Carso. Ma, pur se con tutti i limiti e i condizionamenti posti dal difficile percorso immaginato dalla singolarità della legge regionale, diverse iniziative avevano preso avvio con indubbio successo e interessantissimi risultati; i problemi maggiori dovevano rivelarsi proprio sul terreno applicativo della pratica gestione. La legge regionale n. 11/83 infatti si rivelò uno strumento piuttosto insufficiente a dare indirizzi e stabilità istituzionale alle aree protette comunque avviate. In realtà infatti la legge denunciava carenze

18 l evoluzione normativa nel friuli venezia giulia 17 La fascia costiera, accanto ai grandi insediamenti per il turismo balneare e dei poli industriali, presenta ancora notevoli estensioni naturali. Nella foto la foce del fiume Stella allo sbocco nella Laguna di Marano. che erano la conseguenza di aver posto il problema della pianificazione piuttosto che quello dell istituzione e gestione come tema e preoccupazione centrale del legislatore, come risultato evidente della derivazione urbanistica della disciplina. L ur banistica si rivelò ben presto anche insufficiente ad affrontare temi e problemi di gestione del territorio extraurbano che sono appunto molto lontani dai modelli urbanistici conosciuti e già normati: si pensi ad esempio a temi come l agricoltura o la selvicoltura, l allevamento, la caccia, la tutela della flora e della fauna, l uso del tempo libero, la ricerca scientifica e la didattica naturalistica. In altre parole la quasi totalità delle attività di normale gestione nell ambito di un area naturale protetta e che sono i suoi principali scopi istitutivi sfuggono o sono estranei alla disciplina urbanistica. Tale convincimento è diventato evidente come conseguenza dell esperienza anche in campo nazionale tant è che la legge quadro statale n. 394 del 1991 è improntata sul principio di autonoma disciplina della materia naturalistica anche dopo importanti decisioni della Corte costituzionale che sancivano la diversità sostanziale dei principi della tutela della natura. che non potevano essere riassunti e contenuti completamente dagli strumenti urbanistici.

19 18 introduzione Il Lago di Doberdò è uno dei pochi esempi di acque superficiali nel territorio carsico italiano. In ambito regionale questi ragionamenti erano già ben presenti ed era ormai maturata la convinzione di un sostanziale aggiornamento della legge regionale n. 11/83 per risolvere i problemi ormai evidenti legati agli assetti istituzionali e gestionali delle aree protette. Già nel novembre 1991 con la legge regionale n. 53 venne stabilita una nuova e interessante normativa nei riguardi di uno dei settori più controversi e conflittuali: quello della gestione faunistica e della caccia nelle aree protette. Questa fu la prima ma anche ultima integrazione della legge n.11 del 1983 poiché pochi giorni dopo lo Stato emanò la legge quadro in materia di aree naturali protette e precisamente la legge 6 di cembre 1991, n Con que sto provvedimento lo Sta to italiano metteva fine ad un dibattito che durava da almeno trent anni e disponeva una strategia per la creazione di aree protette non solo di ca rattere nazionale ma anche di livello regionale dettando alcune norme che assumevano rango di riforma economico sociale e pertanto non derogabili nelle singole leggi regionali di recepimento. L obbligo di adeguamento per le Re - gioni venne prontamente rispettato dalla sola Regione Pie monte che aveva peraltro già una propria legislazione per i suoi parchi e riserve naturali aderente alla nuova disciplina statale. Tutte le altre Regioni che nei decenni precedenti avevano, come il Friuli Venezia Giulia, sperimentato autonome e talvolta originali soluzioni legislative al problema della tutela ecologica dell ambiente si trovarono in oggettive difficoltà tant è che ancora al 1998 solo 13 Regioni avevano prodotto nuove leggi considerate adeguate alla norma quadro statale. Per quanto riguarda l esperienza regionale del Friuli Venezia Giulia va ancora sottolineato il fatto che la legge statale è intervenuta nel momento in cui si stava concretizzando il massimo

20 l evoluzione normativa nel friuli venezia giulia 19 sforzo e i maggiori risultati per realizzare compiutamente il disegno indicato dal PURG del I maggiori nodi conflittuali erano ormai emersi e la quasi totalità dei Comuni erano stati coinvolti in un dibattito positivo sulla necessità e op - portunità di una tutela attiva delle proprie risorse naturali ed ambientali. Tutta la di - scussione era caratterizzata da una dialettica aperta e so - prattutto contraddistinta dal - la capacità di adeguamento alle singole situazioni locali. I Comuni stes si poi erano divenuti protagonisti decisivi non solo della fase pianificatoria ma anche della seppur limitata esperienza gestionale, so - prattutto nella forma della as - sociazione di Comuni permessa dalla nuova legge statale n. 142/90 in materia di autonomie locali. Fra i punti inderogabili posti dalla legge n. 394/91 si ricordano come particolarmente importanti l obbligo di istituzione delle singole aree protette con specifica legge, la partecipazione degli Enti locali alla formazione e gestione dei parchi e delle riserve, la predisposizione di specifici bilanci annuali di gestione, l adozione di misure di salvaguardia e di alcuni divieti per certe attività fra le quali la caccia. Il divieto di caccia quale presupposto preliminare all istituzione di qualsiasi area naturale protetta ai sensi della nuova legge quadro è stato senza dubbio il motivo di massima conflittualità fra le associazioni venatorie interessate e il legislatore regionale determinando in modo sostanziale i limiti La costa alta dell Alto Adriatico: le più rappresentative falesie sono tutelate oggi da una riserva naturale.

21 20 introduzione AREE PROTETTE: PARCHI NATURALI REGIONALI: 1. DOLOMITI FRIULANE ha PREALPI GIULIE ha RISERVE NATURALI REGIONALI: 3. FORRA DEL TORRENTE CELLINA ha LAGO DI CORNINO ha VALLE CANAL NOVO ha FOCI DELLO STELLA ha VALLE CAVANATA ha FOCE DELL ISONZO ha LAGHI DI DOBERDÒ E DI PIETRAROSSA ha FALESIE DI DUINO ha MONTE LANARO ha MONTE ORSARIO ha VAL ROSANDRA ha 746 TOTALE ha AREE DI REPERIMENTO a) Monte Auernig ha 536 b) Alpi Carniche ha c) Jof di Montasio e Jof Fuart ha d) Laghi di Fusine ha e) Monte Mia ha f) Monte Matajur ha 574 h) Foresta del Cansiglio ha i) Sorgive di Bars ha j) Fiume Livenza ha k) Magredi del Cellina ha 757 l) Risorgive del Vinchiaruzzo ha 239 m) Palude Moretto ha 113 n) Risorgive dello Stella ha o) Palude Selvote ha 58 p) Bosco Baredi ha 167 q) Bosco Coda di Manin ha 173 r) Valle Pantani ha 114 s) Isola di S. Andrea ha 852 t) Banco d Orio ha 720 u) Landa Carsica ha TOTALE ha

22 l evoluzione normativa nel friuli venezia giulia 21 Carta delle aree naturali protette nel Friuli Venezia Giulia. In verde i parchi e le riserve naturali regionali, in arancio le aree di reperimento e in rosso i biotopi naturali regionali. BIOTOPI 1. Magredi di S. Quirino ha Palude Cima Corso ha 7,5 3. Palude del Fiume Cavana ha Palude Fontana Abisso ha 9,7 5. Palude Fraghis ha 22,7 6. Paludi del Corno ha 50,8 7. Prati di Col San Floreano ha Risorgive di Flambro ha Risorgive di Virco ha Risorgive Zarnicco ha Torbiera Curiedi ha Torbiera di Casasola ha Torbiera di Lazzacco ha 15,8 14. Torbiera di Promollo ha 4,4 15. Torbiera di Sequals ha 9,6 16. Torbiera Schichizza ha 9,9 17. Prati umidi dei Quadris ha 21,5 18. Torbiera Groi ha 10,4 19. Torbiera di Borgo Pegoraro ha 28,4 20. Prati della Piana di Bertrando ha Laghetti delle Noghere ha 12,5 22. Risorgive di Schiavetti ha 63,9 23. Torbiera Selvote ha 59,8 24. Torbiera Cichinot ha 12,5 25. Prati del Lavia ha 56,4 26. Acqua caduta ha 15,8 27. Selvuccis e Prat dal Top ha 91,7 TOTALE ha 908,3 LEGENDA PARCHI E RISERVE AREE DI REPERIMENTO BIOTOPI

DOLOMITI FRIULANE. Trekking. 27-30 Agosto 2015

DOLOMITI FRIULANE. Trekking. 27-30 Agosto 2015 Trekking ANELLO DELLE DOLOMITI FRIULANE 27-30 Agosto 2015 Trekking ad anello in senso orario di 4 giorni all interno delle Dolomiti Friulane, tra guglie vertiginose e prati assolati. L itinerario attraversa

Dettagli

Lo stato dell arte delle misure di salvaguardia dei SIC della regione alpina e dei Piani di gestione di SIC e ZPS

Lo stato dell arte delle misure di salvaguardia dei SIC della regione alpina e dei Piani di gestione di SIC e ZPS Lo stato dell arte delle misure di salvaguardia dei SIC della regione alpina e dei Piani di gestione di SIC e ZPS Iacolettig Gabriele Venzone,, 7 ottobre 2011 Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Aree protette della Lombardia

Aree protette della Lombardia 16. Aree protette della lombardia La Lombardia è stata la prima regione in Italia a dotarsi di un sistema organico di aree protette. Già nel 1973, con la legge regionale n.58, venivano dettate le prime

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri )

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri ) Legge regionale 21 aprile 2008, n. 9 Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione del Parco

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

La Rete Ecologica del Veneto

La Rete Ecologica del Veneto La Rete Ecologica del Veneto Convegno Le reti ecologiche nella pianificazione territoriale: il contributo del progetto Life+TEN c/o aula grande - Fondazione Bruno Kessler (FBK) via S. Croce, 77 Trento

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

I suoi affluenti sono Valle del Muggioeu, Torrente Vaiadiga, Lambarin, Fosso delle Valli e Torrente Antiga.

I suoi affluenti sono Valle del Muggioeu, Torrente Vaiadiga, Lambarin, Fosso delle Valli e Torrente Antiga. A Est del territorio comunale scorre il torrente Bozzente, vincolato lungo tutto il tratto ricadente nella provincia di Varese (vedi figura sotto) mentre il tratto ricadente nella provincia di Milano è

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

TITOLO 3 VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E PAESAGGISTICHE Art. 3.1-3.2 - Unità di paesaggio

TITOLO 3 VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E PAESAGGISTICHE Art. 3.1-3.2 - Unità di paesaggio Art. 3.1-3.2 - Unità di paesaggio Unità di paesaggio (Art. 3.1-3.2) Indicazioni generali Le unità di paesaggio, al fine di garantire una gestione del territorio coerente con gli obiettivi di valorizzazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO GEOGRAFIA Ambito disciplinare GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Dettagli

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI Il grifone (Gyps fulvus) un tempo era presente in tutto il bacino del Mediterraneo e in vari settori delle Alpi e dell Europa centrale. Spostamenti

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Relazione al disegno di legge: ISTITUZIONE DEI PARCHI NATURALI REGIONALI DELL OASI DI TEPILORA, DELLEFORESTEDI GUTTURU MANNU E DEL MONTE ARCI presentato dall Assessore della Difesa dell Ambiente dr Antonio

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso.

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. DITTA: Minà Adalgisa PREMESSA La seguente relazione integrativa, si è resa necessaria per integrare la valutazione

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC INDICE DEL DOCUMENTO Percorso formativo Sezionale TAM e CSC pag. 2 Base Culturale Comune pag. 2 Moduli tecnici pag. 3 Percorso

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA È guida ambientale escursionistica chi, per professione, accompagna persone singole o gruppi di persone nella visita

Dettagli

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF Mauro Belardi, Dario Ottonello e Giorgio Baldizzone Convegno Internazionale La gestione di rete Natura 2000: esperienze a

Dettagli

Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali

Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali Il macro ambito coincide a Nord, per tutta la sua lunghezza, con l alto corso del Fiume Chienti dalla sorgente fino alla località Caccamo, in Comune di

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

Le proprietà collettive: una risorsa per la gestione del paesaggio montano

Le proprietà collettive: una risorsa per la gestione del paesaggio montano Piano paesaggistico regionale Il paesaggio montano Prato Carnico, 13 aprile 2015 Le proprietà collettive: una risorsa per la gestione del paesaggio montano Nadia Carestiato La proprietà collettiva Istituzione

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE

Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE Promosso da: Fondazione Dolomiti Dolomiten Dolomites Dolomitis Unesco Rete del patrimonio geologico (Provincia Autonoma

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

I parchi naturali. Fulco Pratesi DIFENSORI DELLA NATURA 384 PERCORSO INTERDISCIPLINARE: L AMBIENTE

I parchi naturali. Fulco Pratesi DIFENSORI DELLA NATURA 384 PERCORSO INTERDISCIPLINARE: L AMBIENTE DIFENSORI DELLA NATURA I parchi naturali Fulco Pratesi Notizie Un parco naturale è una zona di estensione variabile, ove si sul testo trovano riunite diverse caratteristiche naturali di elevata importanza,

Dettagli

EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE

EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE L analisi delle diverse indagini conoscitive effettuate e riportate dai diversi esperti nel Piano di Assetto

Dettagli

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 Area Protetta Provinciale GIARDINO BOTANICO MONTANO PRATORONDANINO Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 2 PRESENTAZIONE Il Giardino Botanico di Pratorondanino, ideato nel 1979

Dettagli

CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO

CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO Gli Agronomi nel VI Congresso Mondiale di Milano, ambientato in EXPO2015, Padiglione della Fattoria Globale del Futuro - Farm LAB, approvano la Carta Universale dell Agronomo

Dettagli

VERIFICA DI SIGNIFICATIVITA' SUI SITI DI RETE NATURA 2000

VERIFICA DI SIGNIFICATIVITA' SUI SITI DI RETE NATURA 2000 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI ZOPPOLA Pordenone 03/06/2014 OGGETTO: Variante N. 42 al P.R.G.C. per cambio di destinazione d uso da H3 a D2 Sottozona D2 *. VERIFICA

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

61 Ghiacciaio della Capra

61 Ghiacciaio della Capra IT4L01451010 61 Ghiacciaio della Capra Gruppo montuoso: Gran Paradiso, Alpi Graie, Alpi Occidentali Bacino idrografico: Lago Serrù, Orco, PO Comune: Ceresole Reale, Torino, Piemonte, Italia DOVE SI TROVA

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi 544 7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi La seconda sottocomponente analizzata per l analisi demografica concerne le dinamiche dei flussi, considerando come tali i

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

PROPOSTE DIDATTICHE E DI LABORATORIO PER L OASI DI GABBIANELLO

PROPOSTE DIDATTICHE E DI LABORATORIO PER L OASI DI GABBIANELLO ----------------------- ISCHETUS Società Cooperativa a r.l. Partita IVA 02263210482 Iscrizione Albo mutualità prevalente n A111841 Azienda con Sistema di Gestione per la Qualità certificato da Dasa-Rägister

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda Comune di Cassano d Adda Parco Adda Nord Comune di Pozzuolo Martesana Comune di Trezzo d Adda Comuni interessati dal progetto Inzago, Vaprio d Adda, Truccazzano Pozzo d Adda Busnago Grezzago Trezzano Rosa

Dettagli

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Milano, 14 luglio 2015 Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Elaborazione a cura di: Andrea Arcidiacono, Silvia Ronchi, Stefano Salata Il recente Rapporto sul consumo

Dettagli

Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour. Seminario di studi IRES AISRe. Sala Conferenze IRES Piemonte Via Nizza 18, Torino

Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour. Seminario di studi IRES AISRe. Sala Conferenze IRES Piemonte Via Nizza 18, Torino Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour L APPROCCIO INTEGRATO ALLA PIANIFICAZIONE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE AREE PROTETTE: IL CASO DEL PARCO NATURALE DELLE ALPI MARITTIME Angela

Dettagli

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali OGGETTO: PROPOSTA DI ISTITUZIONE DEL MONUMENTO NATURALE ''LAGHETTO IN LOC. SEMBLERA MONTEROTONDO SCALO'' AI SENSI DELL'ART. 6 DELLA LEGGE REGIONALE 6 OTTOBRE 1997 N. 29 E SS.MM.II. - APPROVAZIONE DELLA

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti

Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti Cos è la biodiversità? Il termine biodiversità è stato coniato nel 1988 dall'entomologo americano Edward

Dettagli

Il ruolo delle aree protette nel rilancio e nella valorizzazione del territorio appenninico

Il ruolo delle aree protette nel rilancio e nella valorizzazione del territorio appenninico Giornata Mondiale della Terra Il ruolo delle aree protette nel rilancio e nella valorizzazione del territorio appenninico Economie e identità locali, dinamiche demografiche e servizi ecosistemici nelle

Dettagli

Comune di BRUGNERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE V A R I AN T E 50. (Revisione dei vincoli e altro) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA

Comune di BRUGNERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE V A R I AN T E 50. (Revisione dei vincoli e altro) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA Comune di BRUGNERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Pianif. Terr. G. VELCICH V A R I AN T E 50 (Revisione dei vincoli e altro) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA SU SIC / ZPS 1 1. SIC/ZPS della

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10. Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata. Art. 2 (Finalità) PARTE PRIMA

LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10. Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata. Art. 2 (Finalità) PARTE PRIMA 8119 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10 Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL

Dettagli

Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi

Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi inquadramento territoriale Aggiornamento dei contenuti del decreto di vincolo DM 20 settembre 1974 Dichiarazione

Dettagli

In visita al Parco: il territorio organizzato. IC Petritoli Scuola Primaria di Monte Giberto Classe Quinta Ins. Clara Rossi 2à parte

In visita al Parco: il territorio organizzato. IC Petritoli Scuola Primaria di Monte Giberto Classe Quinta Ins. Clara Rossi 2à parte In visita al Parco: il territorio organizzato IC Petritoli Scuola Primaria di Monte Giberto Classe Quinta Ins. Clara Rossi 2à parte Obiettivo Promuovere lo studio e la conoscenza dei parchi regionali e

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra il Consorzio di gestione del Parco regionale delle Orobie Bergamasche, di seguito

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo

Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo Corso di Formazione 2010 per operatori regionali tutela ambiente montano Torino 19 giugno 2010 Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo Argomenti della presentazione

Dettagli

Proposta di legge 26918" Relazione

Proposta di legge 26918 Relazione Proposta di legge 26918" Relazione Con il presente progetto di legge la Regione Calabria stabilisce I'istituzione del Parco marino regionale Riviera dei Cedri. La presente proposta di legge rieritra in

Dettagli

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

Pronto intervento ambientale: le professionalità necessarie per gestire l inaspettatol AIG Europe Limited e Norton Rose Fulbright Ing. Claudia Ferrari Regione Emilia Romagna Direzione Generale Ambiente

Dettagli

3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI

3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI 3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI La tavola riassume le criticità più significative che interessano l intero territorio comunale di Valeggio sul Mincio alla luce dell analisi operata dal Documento Preliminare

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di puntare ad una diffusione della sostenibilità sul territorio.

Dettagli

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015.

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Oggetto: Adozione dell aggiornamento del Programma pluriennale 2011-2015 da sottoporre alla Giunta provinciale. La legge provinciale 23

Dettagli

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona.

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 22-12-2009 REGIONE PIEMONTE Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 51 del 24 dicembre 2009 ARTICOLO 1 (Istituzione)

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

I Contratti di Fiume in Piemonte

I Contratti di Fiume in Piemonte I Contratti di Fiume in Piemonte Elena Porro Direzione Ambiente Roma, 25 novembre 2014 I Contratti di Fiume in Piemonte : quale diffusione? FIUME Torrente Orba Torrente Sangone Torrente Belbo Torrente

Dettagli

Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000

Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000 Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Attività Area Natura 2000 e Osservatorio

Dettagli