Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey"

Transcript

1 Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey 28 Marzo 2007

2 Introduzione Teoria di Ramsey: sezione della matematica a metà tra la combinatoria e la teoria degli insiemi. La questione tipica è quella dell esistenza di sottoinsiemi monocromatici con certe proprietà, per ogni colorazione finita di strutture grandi. Problema Dimostrare che tra 6 persone ce ne sono sempre 3 che si conoscono a due a due, oppure 3 che non si conoscono a due a due.

3 Introduzione Teoria di Ramsey: sezione della matematica a metà tra la combinatoria e la teoria degli insiemi. La questione tipica è quella dell esistenza di sottoinsiemi monocromatici con certe proprietà, per ogni colorazione finita di strutture grandi. Problema Dimostrare che tra 6 persone ce ne sono sempre 3 che si conoscono a due a due, oppure 3 che non si conoscono a due a due.

4 Riformulazione: se coloriamo le coppie di un insieme di 6 elementi (le persone) con 2 colori (a seconda che si conoscano o meno), esiste sempre un sottoinsieme di 3 elementi omogeneo (cioè tale che tutte le sue coppie siano dello stesso colore). Caso particolare del Teorema (Ramsey finito) Per ogni k, r, m N esiste un naturale n, tale che: per ogni colorazione con r colori delle k-uple di elementi dell insieme I n = {1,..., n} esiste un sottoinsieme di I n di m elementi omogeneo (cioè tale che tutte le sue k-uple siano dello stesso colore). Esiste anche una versione infinita, in cui I n è sostituito da tutto N, e si trova un sottoinsieme infinito e omogeneo.

5 Riformulazione: se coloriamo le coppie di un insieme di 6 elementi (le persone) con 2 colori (a seconda che si conoscano o meno), esiste sempre un sottoinsieme di 3 elementi omogeneo (cioè tale che tutte le sue coppie siano dello stesso colore). Caso particolare del Teorema (Ramsey finito) Per ogni k, r, m N esiste un naturale n, tale che: per ogni colorazione con r colori delle k-uple di elementi dell insieme I n = {1,..., n} esiste un sottoinsieme di I n di m elementi omogeneo (cioè tale che tutte le sue k-uple siano dello stesso colore). Esiste anche una versione infinita, in cui I n è sostituito da tutto N, e si trova un sottoinsieme infinito e omogeneo.

6 Varianti si ottengono in diversi modi: ad esempio mescolando colorazioni e struttura algebrica di N. Teorema (Schur) Per ogni colorazione finita di N esiste una tripletta di Schur, cioè x, y, z N distinti, tutti dello stesso colore, e tali che x + y = z. In questa versione è una diretta conseguenza del teorema di Ramsey finito.

7 La seguente generalizzazione è molto meno ovvia: Teorema (di Hindman, o delle somme finite) Per ogni colorazione finita di N esiste un sottoinsieme infinito {x n } tale che l insieme delle sue somme finite FS({x n }) = { i F x i : F N finito} sia monocromatico. Dimostrato da Hindman con argomenti di combinatoria elementare, e successivamente da Galvin e Glazer con tecniche di topologia.

8 La seguente generalizzazione è molto meno ovvia: Teorema (di Hindman, o delle somme finite) Per ogni colorazione finita di N esiste un sottoinsieme infinito {x n } tale che l insieme delle sue somme finite FS({x n }) = { i F x i : F N finito} sia monocromatico. Dimostrato da Hindman con argomenti di combinatoria elementare, e successivamente da Galvin e Glazer con tecniche di topologia.

9 Usando gli stessi metodi si sono trovate dimostrazioni alternative di classici del campo, ad esempio del Teorema (van der Waerden) Per ogni colorazione finita di N esiste un colore che ammette progressioni aritmetiche monocromatiche (di tale colore) arbitrariamente lunghe.

10 Ultrafiltri Introduzione Ultrafiltri Topologia su βn Definizione Un filtro F su un insieme X è una collezione di sottoinsiemi F P(X ) che soddisfa: (a) X F, / F. (b) A F, B F A B F (chiuso per intersezione finita). (c) A F, A B B F (chiuso per passaggio a soprainsiemi).

11 Ultrafiltri Introduzione Ultrafiltri Topologia su βn Definizione Un filtro F su un insieme X è una collezione di sottoinsiemi F P(X ) che soddisfa: (a) X F, / F. (b) A F, B F A B F (chiuso per intersezione finita). (c) A F, A B B F (chiuso per passaggio a soprainsiemi).

12 Ultrafiltri Introduzione Ultrafiltri Topologia su βn Definizione Un filtro F su un insieme X è una collezione di sottoinsiemi F P(X ) che soddisfa: (a) X F, / F. (b) A F, B F A B F (chiuso per intersezione finita). (c) A F, A B B F (chiuso per passaggio a soprainsiemi).

13 Ultrafiltri Topologia su βn Una proprietà fondamentale dei filtri è la proprietà dell intersezione finita o FIP (finite intersection property). Definizione Una collezione di insiemi A ha la FIP se per ogni sottoinsieme finito F A si ha F. Ogni filtro è chiuso per intersezione finita e non contiene il vuoto tutti i filtri hanno la FIP.

14 Ultrafiltri Topologia su βn Una proprietà fondamentale dei filtri è la proprietà dell intersezione finita o FIP (finite intersection property). Definizione Una collezione di insiemi A ha la FIP se per ogni sottoinsieme finito F A si ha F. Ogni filtro è chiuso per intersezione finita e non contiene il vuoto tutti i filtri hanno la FIP.

15 Ultrafiltri Topologia su βn Proposizione F filtro su X. Le seguenti sono equivalenti: (i) F è un filtro massimale rispetto all inclusione. (ii) Per ogni A X si ha A F, oppure X A F. (iii) Ogni volta che n i=1 A i F esiste i tale che A i F. Un filtro che soddisfi queste tre proprietà viene detto ultrafiltro.

16 Ultrafiltri Topologia su βn Esempio Se x X l insieme e(x) = {A X : x A} è un ultrafiltro su X, detto ultrafiltro principale generato da x. Esempio Se X è infinito, Fr(X ) = {A X : X A finito} è un filtro su X, il filtro di Fréchet di X, o filtro dei sottoinsiemi cofiniti di X. Non è un ultrafiltro. Idea: gli elementi di un filtro sono insiemi che si considerano grandi.

17 Ultrafiltri Topologia su βn Applicando il lemma di Zorn si dimostra che ogni filtro si può estendere a un ultrafiltro: Proposizione F filtro su X, allora esiste un ultrafiltro U su X che estende F, cioè F U. In particolare se X è infinito esistono ultrafiltri non principali: basta prendere un ultrafiltro che estenda il filtro di Fréchet.

18 Ultrafiltri Topologia su βn Modo alternativo di vedere gli ultrafiltri: misure µ : P(X ) {0, 1} non degeneri e finitamente additive: Dato U ultrafiltro, si pone µ(a) = 1 se e solo se A U. Data la misura µ, si pone A U se e solo se µ(a) = 1. In questo senso gli ultrafiltri possono essere visti come collezioni di insiemi grandi, di misura 1.

19 Ultrafiltri Topologia su βn Modo alternativo di vedere gli ultrafiltri: misure µ : P(X ) {0, 1} non degeneri e finitamente additive: Dato U ultrafiltro, si pone µ(a) = 1 se e solo se A U. Data la misura µ, si pone A U se e solo se µ(a) = 1. In questo senso gli ultrafiltri possono essere visti come collezioni di insiemi grandi, di misura 1.

20 Ultrafiltri Topologia su βn Se A N, x N poniamo x + A = {y N : x + y A}. Definizione U su N è quasi invariante per traslazione se: per ogni A U si ha {x N : x + A U} U. (se vediamo l ultrafiltro come una misura, si traduce in per ogni insieme grande A, l insieme traslato x + A è µ-quasi ovunque grande )

21 Ultrafiltri Topologia su βn L esistenza di un tale ultrafiltro implica il teorema di Hindman. Proposizione Sia N = r i=1 C i una colorazione finita di N, e supponiamo che esista un ultrafiltro su N quasi invariante per traslazione. Allora esistono un sottoinsieme infinito {x n } e un indice j tali che FS({x n }) = { i F x i : F N finito} C j.

22 Ultrafiltri Topologia su βn Dimostrazione: U ultrafiltro quasi invariante per traslazione, j tale che C j U. Definiamo ricorsivamente: A 1 = C j x 1 A 1 {x N : x + A 1 U}. Supponiamo A n U e x n A n tale che x n + A n U. A n+1 = A n ( x n + A n ) x n+1 A n+1 {x N : x + A n+1 U} e diverso dagli x i precedenti. Le somme finite di {x n } stanno tutte in C j : ad esempio x 2 + x 3 + x 6 C j perché x 6 A 6 A 5 A 4 x 3 + A 3, dunque x 3 + x 6 A 3 x 2 + A 2, e infine x 2 + x 3 + x 6 A 2 A 1 = C j.

23 Ultrafiltri Topologia su βn Quest osservazione è dovuta a Fred Galvin. L esistenza di ultrafiltri quasi invarianti per traslazione fu poi confermata da una dimostrazione di Steven Glazer. Outline della dimostrazione: βn, l insieme degli ultrafiltri su N, ha una topologia naturale, con cui diventa uno spazio di Hausdorff compatto. Si può estendere la somma di N a un operazione su βn, che lo rende un semigruppo. Esplicitamente, la somma di due ultrafiltri è definita da A U + V {x N : x + A V} U Gli idempotenti di βn, cioè gli U tali che U + U = U, sono ultrafiltri quasi invarianti per traslazione.

24 Ultrafiltri Topologia su βn Quest osservazione è dovuta a Fred Galvin. L esistenza di ultrafiltri quasi invarianti per traslazione fu poi confermata da una dimostrazione di Steven Glazer. Outline della dimostrazione: βn, l insieme degli ultrafiltri su N, ha una topologia naturale, con cui diventa uno spazio di Hausdorff compatto. Si può estendere la somma di N a un operazione su βn, che lo rende un semigruppo. Esplicitamente, la somma di due ultrafiltri è definita da A U + V {x N : x + A V} U Gli idempotenti di βn, cioè gli U tali che U + U = U, sono ultrafiltri quasi invarianti per traslazione.

25 Ultrafiltri Topologia su βn Quest osservazione è dovuta a Fred Galvin. L esistenza di ultrafiltri quasi invarianti per traslazione fu poi confermata da una dimostrazione di Steven Glazer. Outline della dimostrazione: βn, l insieme degli ultrafiltri su N, ha una topologia naturale, con cui diventa uno spazio di Hausdorff compatto. Si può estendere la somma di N a un operazione su βn, che lo rende un semigruppo. Esplicitamente, la somma di due ultrafiltri è definita da A U + V {x N : x + A V} U Gli idempotenti di βn, cioè gli U tali che U + U = U, sono ultrafiltri quasi invarianti per traslazione.

26 Ultrafiltri Topologia su βn Con la topologia e la struttura di semigruppo citate βn è un semigruppo topologico destro di Hausdorff compatto. In un semigruppo topologico destro di Hausdorff compatto esistono idempotenti. Successivamente fu trovata una dimostrazione del teorema di van der Waerden che usa le stesse tecniche, e in più qualche risultato riguardante gli ideali sinistri minimali di βn.

27 Ultrafiltri Topologia su βn Con la topologia e la struttura di semigruppo citate βn è un semigruppo topologico destro di Hausdorff compatto. In un semigruppo topologico destro di Hausdorff compatto esistono idempotenti. Successivamente fu trovata una dimostrazione del teorema di van der Waerden che usa le stesse tecniche, e in più qualche risultato riguardante gli ideali sinistri minimali di βn.

28 Ultrafiltri Topologia su βn Con la topologia e la struttura di semigruppo citate βn è un semigruppo topologico destro di Hausdorff compatto. In un semigruppo topologico destro di Hausdorff compatto esistono idempotenti. Successivamente fu trovata una dimostrazione del teorema di van der Waerden che usa le stesse tecniche, e in più qualche risultato riguardante gli ideali sinistri minimali di βn.

29 Topologia su βn Introduzione Ultrafiltri Topologia su βn D ora in poi βn = {U : U ultrafiltro su N}. Definizione Se A N, poniamo A = {U βn : A U} βn. Quest associazione si comporta bene rispetto alle operazioni insiemistiche, cioè per ogni A, B N valgono: A B = A B. A B = A B. N A = βn A. N = βn.

30 Topologia su βn Introduzione Ultrafiltri Topologia su βn D ora in poi βn = {U : U ultrafiltro su N}. Definizione Se A N, poniamo A = {U βn : A U} βn. Quest associazione si comporta bene rispetto alle operazioni insiemistiche, cioè per ogni A, B N valgono: A B = A B. A B = A B. N A = βn A. N = βn.

31 Ultrafiltri Topologia su βn In particolare {A : A N} è una base degli aperti (e anche dei chiusi) di una topologia su βn. Alcune proprietà: βn è uno spazio topologico di Hausdorff compatto. e : N βn che associa a n N l ultrafiltro principale e(n) è un immersione e la sua immagine è aperta. cl βn e(a) = A. D ora in poi identifichiamo N con l insieme degli ultrafiltri principali e(n) βn.

32 Ultrafiltri Topologia su βn In particolare {A : A N} è una base degli aperti (e anche dei chiusi) di una topologia su βn. Alcune proprietà: βn è uno spazio topologico di Hausdorff compatto. e : N βn che associa a n N l ultrafiltro principale e(n) è un immersione e la sua immagine è aperta. cl βn e(a) = A. D ora in poi identifichiamo N con l insieme degli ultrafiltri principali e(n) βn.

33 Ultrafiltri Topologia su βn In particolare {A : A N} è una base degli aperti (e anche dei chiusi) di una topologia su βn. Alcune proprietà: βn è uno spazio topologico di Hausdorff compatto. e : N βn che associa a n N l ultrafiltro principale e(n) è un immersione e la sua immagine è aperta. cl βn e(a) = A. D ora in poi identifichiamo N con l insieme degli ultrafiltri principali e(n) βn.

34 Introduzione Ultrafiltri Topologia su βn βn è in effetti la compattificazione di Stone- Cech di N, cioè ha una proprietà universale tra gli spazi di Hausdorff compatti Y con una funzione (continua) f : N Y. Precisamente, se Y ed f sono come sopra esiste un unica funzione continua f : βn Y che estende f. N e βn f Y! f

35 Ultrafiltri Topologia su βn Dati U, V βn definiamo U + V P(N) mediante: A U + V {x N : x + A V} U. U + V è effettivamente un ultrafiltro e l operazione estende la somma di N.

36 Ultrafiltri Topologia su βn Dati U, V βn definiamo U + V P(N) mediante: A U + V {x N : x + A V} U. U + V è effettivamente un ultrafiltro e l operazione estende la somma di N.

37 Ultrafiltri Topologia su βn Definizione Un semigruppo (G, ) su cui è definita una topologia si dice topologico destro se per ogni g G l applicazione ρ g : G G data da ρ g (h) = h g (traslazione a destra) è continua. Proposizione (βn, +) è un semigruppo topologico destro. Inoltre per ogni n N l applicazione λ n (U) = n + U (traslazione a sinistra) è continua.

38 Ultrafiltri Topologia su βn Definizione Un semigruppo (G, ) su cui è definita una topologia si dice topologico destro se per ogni g G l applicazione ρ g : G G data da ρ g (h) = h g (traslazione a destra) è continua. Proposizione (βn, +) è un semigruppo topologico destro. Inoltre per ogni n N l applicazione λ n (U) = n + U (traslazione a sinistra) è continua.

39 Ultrafiltri Topologia su βn Il seguente teorema conclude la dimostrazione del teorema di Hindman: Teorema (Lemma di Ellis) Sia (G, ) un semigruppo topologico destro di Hausdorff compatto. Allora G contiene un idempotente, cioè un elemento g G tale che g g = g. Partendo da un semigruppo qualsiasi (= insieme dotato di un operazione binaria associativa) al posto di N, con la stessa dimostrazione si ricava un risultato leggermente più generale.

40 Ultrafiltri Topologia su βn Il seguente teorema conclude la dimostrazione del teorema di Hindman: Teorema (Lemma di Ellis) Sia (G, ) un semigruppo topologico destro di Hausdorff compatto. Allora G contiene un idempotente, cioè un elemento g G tale che g g = g. Partendo da un semigruppo qualsiasi (= insieme dotato di un operazione binaria associativa) al posto di N, con la stessa dimostrazione si ricava un risultato leggermente più generale.

41 Ultrafiltri Topologia su βn Dimostrazione: I = {A G : A compatto, A A A}, parzialmente ordinato per inclusione. I è non vuota e ogni catena discendente ha un minorante esiste un elemento minimale A (Zorn). Prendiamo g A e sia B = A g = {h g : h A}. B A, B I B = A. Sia ora C = {h A : h g = g}. C A, C I C = A. In particolare g C, dunque g g = g.

42 Fissiamo k N e una colorazione finita N = r i=1 C i, e mostriamo che esiste una progressione aritmetica di lunghezza k monocromatica. Dato che i colori sono in numero finito, questo implica il teorema di van der Waerden. Consideriamo nel seguito (βn) k = βn βn dotato della topologia prodotto e della struttura di gruppo prodotto (cioè la somma è definita per componenti).

43 Fissiamo k N e una colorazione finita N = r i=1 C i, e mostriamo che esiste una progressione aritmetica di lunghezza k monocromatica. Dato che i colori sono in numero finito, questo implica il teorema di van der Waerden. Consideriamo nel seguito (βn) k = βn βn dotato della topologia prodotto e della struttura di gruppo prodotto (cioè la somma è definita per componenti).

44 Supponiamo di avere un U βn tale che (U,..., U) I, dove I = cl (βn) k {(a, a+d, a+2d,..., a+(k 1)d) : a, d N} (βn) k. L esistenza di tale elemento implica la nostra tesi. Dimostrazione: Supponiamo (U,..., U) I, e sia j tale che C j U. Allora U C j = V, che è un aperto in βn. V V è un intorno aperto di (U,..., U), e quindi per definizione di chiusura esistono a, d N tali che (a, a + d, a + 2d,..., a + (k 1)d) V V. Allora {a, a + d, a + 2d,..., a + (k 1)d} V N = C j N = C j.

45 Supponiamo di avere un U βn tale che (U,..., U) I, dove I = cl (βn) k {(a, a+d, a+2d,..., a+(k 1)d) : a, d N} (βn) k. L esistenza di tale elemento implica la nostra tesi. Dimostrazione: Supponiamo (U,..., U) I, e sia j tale che C j U. Allora U C j = V, che è un aperto in βn. V V è un intorno aperto di (U,..., U), e quindi per definizione di chiusura esistono a, d N tali che (a, a + d, a + 2d,..., a + (k 1)d) V V. Allora {a, a + d, a + 2d,..., a + (k 1)d} V N = C j N = C j.

46 Il teorema di van der Waerden è quindi un corollario del seguente Teorema Esiste U βn tale che (U,..., U) I. la cui dimostrazione è un po tecnica, e utilizza sia il lemma di Ellis che alcuni risultati riguardanti gli ideali sinistri minimali di βn.

47 Generalizzazioni Introduzione Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Alcuni rafforzamenti del teorema di Hindman: Se x 1,..., x n sono tali che FS({x t } t=1,...,n ) C j, si hanno infinite scelte per x n+1 (ovvia conseguenza del teorema). Più forte: c è un insieme con densità asintotica superiore positiva in cui scegliere x n+1. Se N = r i=1 C i è una colorazione finita, esistono un indice j e due successioni {x n } e {y n } tali che le somme finite della prima e i prodotti finiti della seconda stanno tutti in C j.

48 Generalizzazioni Introduzione Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Alcuni rafforzamenti del teorema di Hindman: Se x 1,..., x n sono tali che FS({x t } t=1,...,n ) C j, si hanno infinite scelte per x n+1 (ovvia conseguenza del teorema). Più forte: c è un insieme con densità asintotica superiore positiva in cui scegliere x n+1. Se N = r i=1 C i è una colorazione finita, esistono un indice j e due successioni {x n } e {y n } tali che le somme finite della prima e i prodotti finiti della seconda stanno tutti in C j.

49 Generalizzazioni Introduzione Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Alcuni rafforzamenti del teorema di Hindman: Se x 1,..., x n sono tali che FS({x t } t=1,...,n ) C j, si hanno infinite scelte per x n+1 (ovvia conseguenza del teorema). Più forte: c è un insieme con densità asintotica superiore positiva in cui scegliere x n+1. Se N = r i=1 C i è una colorazione finita, esistono un indice j e due successioni {x n } e {y n } tali che le somme finite della prima e i prodotti finiti della seconda stanno tutti in C j.

50 Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti W k = insieme delle parole (cioè successioni finite) su un alfabeto di k lettere {a 1,..., a k }. Parola variabile v x = parola in cui compare almeno una volta una lettera x distinta dalle a i. v a i = parola in cui a ogni occorrenza di x si sostituisce a i. (esempio: v x = bxcxx è una parola variabile e v a = bacaa) Una generalizzazione del teorema di van der Waerden: Teorema (Hales-Jewett, 1963) Per ogni k, r N e per ogni colorazione finita W k = r i=1 C i esistono un indice j e una parola variabile v x tali che {v a i : i = 1,..., k} C j.

51 Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti W k = insieme delle parole (cioè successioni finite) su un alfabeto di k lettere {a 1,..., a k }. Parola variabile v x = parola in cui compare almeno una volta una lettera x distinta dalle a i. v a i = parola in cui a ogni occorrenza di x si sostituisce a i. (esempio: v x = bxcxx è una parola variabile e v a = bacaa) Una generalizzazione del teorema di van der Waerden: Teorema (Hales-Jewett, 1963) Per ogni k, r N e per ogni colorazione finita W k = r i=1 C i esistono un indice j e una parola variabile v x tali che {v a i : i = 1,..., k} C j.

52 Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Il teorema di van der Waerden è un caso particolare: dato k si prende come alfabeto {0, 1,..., k 1} e si identificano le parole con l espansione in base k dei naturali: x 0 x 1 x n n i=0 ki x i. Una colorazione di N ne induce una di W k, e il sottoinsieme monocromatico della forma {v a i : i = 1,..., k} fornito dal teorema di Hales-Jewett è proprio una progressione aritmetica di lunghezza k.

53 Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Una generalizzazione in una direzione diversa: Teorema (Szemeredi, 1975) Un sottoinsieme A N di densità asintotica superiore positiva contiene progressioni aritmetiche arbitrariamente lunghe. Congettura (Erdős-Turán): qualsiasi successione in N tale che la serie dei reciproci diverga contiene progressioni aritmetiche arbitrariamente lunghe.

54 Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Una generalizzazione in una direzione diversa: Teorema (Szemeredi, 1975) Un sottoinsieme A N di densità asintotica superiore positiva contiene progressioni aritmetiche arbitrariamente lunghe. Congettura (Erdős-Turán): qualsiasi successione in N tale che la serie dei reciproci diverga contiene progressioni aritmetiche arbitrariamente lunghe.

55 Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Un modo alternativo di leggere (generalizzazioni de) i due teoremi: Le proprietà dei sottoinsiemi di N di contenere le somme finite di un qualche sottoinsieme infinito (IP-set), e di contenere progressioni aritmetiche arbitrariamente lunghe (AP-rich) si conservano per partizione finita. Si dice anche che le classi dei sottoinsiemi che hanno tali proprietà sono partition-regular. L essere IP-set o AP-rich sono quindi due nozioni di grandezza di un insieme.

56 Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Un modo alternativo di leggere (generalizzazioni de) i due teoremi: Le proprietà dei sottoinsiemi di N di contenere le somme finite di un qualche sottoinsieme infinito (IP-set), e di contenere progressioni aritmetiche arbitrariamente lunghe (AP-rich) si conservano per partizione finita. Si dice anche che le classi dei sottoinsiemi che hanno tali proprietà sono partition-regular. L essere IP-set o AP-rich sono quindi due nozioni di grandezza di un insieme.

57 Serve l assioma di scelta? Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti La dimostrazione topologica del teorema di Hindman si appoggia in modo sostanziale all assioma di scelta, mentre quella combinatoria non lo richiede. L enunciato stesso del teorema sembra troppo semplice per richiedere AC per essere dimostrato. In effetti si può far seguire da un risultato di logica, il teorema di assolutezza di Shoenfield, che il teorema di Hindman è un teorema di ZF, e non solo di ZFC.

58 Serve l assioma di scelta? Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti La dimostrazione topologica del teorema di Hindman si appoggia in modo sostanziale all assioma di scelta, mentre quella combinatoria non lo richiede. L enunciato stesso del teorema sembra troppo semplice per richiedere AC per essere dimostrato. In effetti si può far seguire da un risultato di logica, il teorema di assolutezza di Shoenfield, che il teorema di Hindman è un teorema di ZF, e non solo di ZFC.

59 Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Il fatto che l enunciato sia semplice si traduce formalmente nel fatto che esso si possa codificare con una formula del tipo Π 1 2, cioè della forma ( X P(N))( Y P(N))φ(X, Y ), dove φ è una formula in cui compaiono solo quantificazioni al prim ordine, cioè su numeri naturali. È questo fatto che permette di applicare il teorema di Shoenfield, e concludere che la validità del teorema di Hindman non dipende dall assioma di scelta.

60 Alcuni risultati recenti Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Le tecniche viste vengono da un settore di ricerca molto attivo, che ha connessioni con la dinamica topologica (teoria ergodica di Ramsey) e con lo studio delle proprietà algebriche di semigruppi topologici. Alcuni esempi significativi di risultati del campo, oltre a quelli già citati, sono: Teorema di Furstenberg-Sarkozy, 1978: se A Z ha densità asintotica superiore positiva e P è un polinomio a coefficienti interi con P(0) = 0, allora l insieme delle differenze A A = {a 1 a 2 : a i A} contiene un qualche intero della forma P(m) con m > 0. Teorema di Green-Tao, 2004: la successione dei primi contiene progressioni aritmetiche arbitrariamente lunghe.

61 Alcuni risultati recenti Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Le tecniche viste vengono da un settore di ricerca molto attivo, che ha connessioni con la dinamica topologica (teoria ergodica di Ramsey) e con lo studio delle proprietà algebriche di semigruppi topologici. Alcuni esempi significativi di risultati del campo, oltre a quelli già citati, sono: Teorema di Furstenberg-Sarkozy, 1978: se A Z ha densità asintotica superiore positiva e P è un polinomio a coefficienti interi con P(0) = 0, allora l insieme delle differenze A A = {a 1 a 2 : a i A} contiene un qualche intero della forma P(m) con m > 0. Teorema di Green-Tao, 2004: la successione dei primi contiene progressioni aritmetiche arbitrariamente lunghe.

62 Alcuni risultati recenti Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Le tecniche viste vengono da un settore di ricerca molto attivo, che ha connessioni con la dinamica topologica (teoria ergodica di Ramsey) e con lo studio delle proprietà algebriche di semigruppi topologici. Alcuni esempi significativi di risultati del campo, oltre a quelli già citati, sono: Teorema di Furstenberg-Sarkozy, 1978: se A Z ha densità asintotica superiore positiva e P è un polinomio a coefficienti interi con P(0) = 0, allora l insieme delle differenze A A = {a 1 a 2 : a i A} contiene un qualche intero della forma P(m) con m > 0. Teorema di Green-Tao, 2004: la successione dei primi contiene progressioni aritmetiche arbitrariamente lunghe.

63 Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Teorema di Bergelson-Leibman, 1996: se A Z ha densità asintotica superiore positiva e P 1,..., P k sono polinomi a coefficienti interi con P i (0) = 0, allora A contiene infinite progressioni della forma x + P 1 (m),..., x + P k (m) con m > 0. Teorema di Tao-Ziegler, 2006: per l insieme dei primi vale la stessa proprietà, cioè: se P 1,..., P k sono polinomi a coefficienti interi con P i (0) = 0, allora esistono infinite progressioni della forma x + P 1 (m),..., x + P k (m) con m > 0, e con tutti i termini primi. (se prendiamo P i (m) = i m ritroviamo le progressioni aritmetiche)

64 Generalizzazioni Serve l assioma di scelta? Alcuni risultati recenti Teorema di Bergelson-Leibman, 1996: se A Z ha densità asintotica superiore positiva e P 1,..., P k sono polinomi a coefficienti interi con P i (0) = 0, allora A contiene infinite progressioni della forma x + P 1 (m),..., x + P k (m) con m > 0. Teorema di Tao-Ziegler, 2006: per l insieme dei primi vale la stessa proprietà, cioè: se P 1,..., P k sono polinomi a coefficienti interi con P i (0) = 0, allora esistono infinite progressioni della forma x + P 1 (m),..., x + P k (m) con m > 0, e con tutti i termini primi. (se prendiamo P i (m) = i m ritroviamo le progressioni aritmetiche)

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) [# Aii [10 pagine]] Algebre di Boole Un algebra di Boole è una struttura 1. Definizione e proprietá B =< B,,, ν, 0, 1 > in cui B è un insieme non

Dettagli

TOPOLOGIA ALBERTO SARACCO

TOPOLOGIA ALBERTO SARACCO TOPOLOGIA ALBERTO SARACCO Abstract. Le presenti note saranno il più fedeli possibile a quanto detto a lezione. I testi consigliati sono Jänich [1], Kosniowski [2] e Singer- Thorpe [3]. Un ottimo libro

Dettagli

OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE

OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE 1 Mimmo Arezzo OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE CONVERSAZIONE CON ALCUNI STUDENTI DI FISICA 19 DICEMBRE 2006 2 1 Preliminari Definizione 1.0.1 Un ordinamento parziale (o una relazione d ordine parziale)

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1 SPAZI METRICI Nel piano R 2 o nello spazio R 3 la distanza fra due punti è la lunghezza, o norma euclidea, del vettore differenza di questi due punti. Se p = (x, y, z) è un vettore in coordinate ortonormali,

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

MATEMATICA DEL DISCRETO elementi di teoria dei grafi. anno acc. 2009/2010

MATEMATICA DEL DISCRETO elementi di teoria dei grafi. anno acc. 2009/2010 elementi di teoria dei grafi anno acc. 2009/2010 Grafi semplici Un grafo semplice G è una coppia ordinata (V(G), L(G)), ove V(G) è un insieme finito e non vuoto di elementi detti vertici o nodi di G, mentre

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

TOPOLOGIE. Capitolo 2. 2.1 Spazi topologici

TOPOLOGIE. Capitolo 2. 2.1 Spazi topologici Capitolo 2 TOPOLOGIE Ogni spazio che si considera in gran parte della matematica e delle sue applicazioni è uno spazio topologico di qualche tipo: qui introduciamo in generale le nozioni di base della

Dettagli

Prodotto libero di gruppi

Prodotto libero di gruppi Prodotto libero di gruppi 24 aprile 2014 Siano (A 1, +) e (A 2, +) gruppi abeliani. Sul prodotto cartesiano A 1 A 2 definiamo l operazione (x 1, y 1 ) + (x 2, y 2 ) := (x 1 + x 2, y 1 + y 2 ). Provvisto

Dettagli

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro Lo Spettro primo di un anello Carmelo Antonio Finocchiaro 2 Indice 1 Lo spettro primo di un anello: introduzione 5 1.1 Le regole del gioco................................ 5 1.2 Prime definizioni e risultati

Dettagli

G. Pareschi ALGEBRE DI BOOLE. 1. Algebre di Boole

G. Pareschi ALGEBRE DI BOOLE. 1. Algebre di Boole G. Pareschi ALGEBRE DI BOOLE 1. Algebre di Boole Nel file precedente abbiamo incontrato la definizione di algebra di Boole come reticolo: un algebra di Boole e un reticolo limitato, complementato e distributivo.

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

Matematica Discreta. Gianfranco Niesi. Appunti per il corso di. C.S. in Informatica. Dipartimento di Matematica A.A. 2005-2006

Matematica Discreta. Gianfranco Niesi. Appunti per il corso di. C.S. in Informatica. Dipartimento di Matematica A.A. 2005-2006 Appunti per il corso di Matematica Discreta C.S. in Informatica UNIVERSITÀ DI GENOVA A.A. 2005-2006 Gianfranco Niesi Dipartimento di Matematica URL: http://www.dima.unige.it/ niesi 4 ottobre 2005 2 Indice

Dettagli

1 Giochi a due, con informazione perfetta e somma zero

1 Giochi a due, con informazione perfetta e somma zero 1 Giochi a due, con informazione perfetta e somma zero Nel gioco del Nim, se semplificato all estremo, ci sono due giocatori I, II e una pila di 6 pedine identiche In ogni turno di gioco I rimuove una

Dettagli

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello V. M. Abrusci 12 ottobre 2015 0.1 Problemi logici basilari sulle classi Le classi sono uno dei temi della logica. Esponiamo in questa

Dettagli

Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica

Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica Liceo Scientifico Statale P. Paleocapa, Rovigo XX Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica 19 marzo 2010 Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica Prof.

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Andrea Bobbio Anno Accademico 2000-2001 Algebra Booleana 2 Calcolatore come rete logica Il calcolatore può essere visto come una rete logica

Dettagli

MODULI INIETTIVI. Definizione: Un inclusione di A-moduli ι : M N si dice estensione essenziale di M se per ogni sottomodulo non nullo P N, P ι(m) 0.

MODULI INIETTIVI. Definizione: Un inclusione di A-moduli ι : M N si dice estensione essenziale di M se per ogni sottomodulo non nullo P N, P ι(m) 0. MODULI INIETTIVI Definizione: Un inclusione di A-moduli ι : M N si dice estensione essenziale di M se per ogni sottomodulo non nullo P N, P ι(m) 0. Esempio: Supponiamo che A sia un dominio e chiamiamo

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k Capitolo 4 Serie numeriche 4. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Data una successione di numeri reali si chiama serie ad essa relativa il simbolo u +... + u +... u, u 2,..., u,..., (4.) oppure

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA CORSO DI ALGEBRA, A.A. 2012-2013 Nel seguito D indicherà sempre un dominio d integrità cioè un anello commutativo con unità privo di divisori dello zero. Indicheremo con

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) Un insieme è una collezione di oggetti. Il concetto di insieme è un concetto primitivo. Deve esistere un criterio chiaro, preciso, non ambiguo, inequivocabile,

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Anelli a fattorizzazione unica. Domini ad ideali principali. Anelli Euclidei

Anelli a fattorizzazione unica. Domini ad ideali principali. Anelli Euclidei Capitolo 5: Anelli speciali: Introduzione: Gli anelli speciali sono anelli dotati di ulteriori proprietà molto forti che ne rendono agevole lo studio. Anelli euclidei Domini ad ideali principali Anelli

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica.

8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica. 8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica la nuova successione {s n } definita come s 1 = a 1, s 2 = a 1 + a 2, s 3

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali LOGICA E TEORIA DEGLI INSIEMI

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali LOGICA E TEORIA DEGLI INSIEMI UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali LOGICA E TEORIA DEGLI INSIEMI Prof. Marco Degiovanni Anno Accademico 2015/2016 Indice 1 La teoria degli insiemi

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Insiemi di livello e limiti in più variabili

Insiemi di livello e limiti in più variabili Insiemi di livello e iti in più variabili Insiemi di livello Si consideri una funzione f : A R, con A R n. Un modo per poter studiare il comportamento di una funzione in più variabili potrebbe essere quello

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Equazioni differenziali ordinarie Denis Nardin January 2, 2010 1 Equazioni differenziali In questa sezione considereremo le proprietà delle soluzioni del problema di Cauchy. Da adesso in poi (PC) indicherà

Dettagli

1.1. Spazi metrici completi

1.1. Spazi metrici completi SPAZI METRICI: COMPLETEZZA E COMPATTEZZA Note informali dalle lezioni 1.1. Spazi metrici completi La nozione di convergenza di successioni è centrale nello studio degli spazi metrici. In particolare è

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2)

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Algebra e Geometria Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Traccia delle lezioni che saranno svolte nell anno accademico 2012/13 I seguenti appunti

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013 Corso di laurea in Ingegneria Industriale Corso di Analisi Matematica I (A-E) (Prof. A.Villani) Elenco delle dimostrazioni che possono essere richieste

Dettagli

PRIMAVERA IN BICOCCA

PRIMAVERA IN BICOCCA PRIMAVERA IN BICOCCA 1. Numeri primi e fattorizzazione Una delle applicazioni più rilevanti della Teoria dei Numeri si ha nel campo della crittografia. In queste note vogliamo delineare, in particolare,

Dettagli

Spazi metrici e spazi topologici

Spazi metrici e spazi topologici Topologia 1 2007/2008 D. Dikranjan, UDINE Spazi metrici e spazi topologici D. Dikranjan L origine della topologia é dovuta a H. Poincaré, M. Fréchet e F. Hausdorff circa un secolo fa. Adesso questa disciplina

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Appunti di Complementi di Matematica. Jacobo Pejsachowicz (a cura di Nathan Quadrio)

Appunti di Complementi di Matematica. Jacobo Pejsachowicz (a cura di Nathan Quadrio) Appunti di Complementi di Matematica Jacobo Pejsachowicz (a cura di Nathan Quadrio) 1 Indice 1 Cenni della teoria degli insiemi 4 1.1 Classi ed insiemi........................... 4 1.2 Operazioni fra gli

Dettagli

x u v(p(x, fx) q(u, v)), e poi

x u v(p(x, fx) q(u, v)), e poi 0.1. Skolemizzazione. Ogni enunciato F (o insieme di enunciati Γ) è equisoddisfacibile ad un enunciato universale (o insieme di enunciati universali) in un linguaggio estensione del linguaggio di F (di

Dettagli

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S Relazioni binarie Una relazione binaria può essere rappresentata con un grafo o con una matrice di incidenza. Date due relazioni R, S A 1 A 2, la matrice di incidenza a seguito di varie operazioni si può

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. lunedí 17 settembre 2011 (1 ora) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero 052631578947368421,

Dettagli

1 Insiemi e terminologia

1 Insiemi e terminologia 1 Insiemi e terminologia Assumeremo come intuitiva la nozione di insieme e ne utilizzeremo il linguaggio come strumento per studiare collezioni di oggetti. Gli Insiemi sono generalmente indicati con le

Dettagli

Geometria Superiore. A.A. 2014/2015 CdL in Matematica Università degli Studi di Salerno. March 2, 2015

Geometria Superiore. A.A. 2014/2015 CdL in Matematica Università degli Studi di Salerno. March 2, 2015 Geometria Superiore A.A. 2014/2015 CdL in Matematica Università degli Studi di Salerno Luca Vitagliano March 2, 2015 Programma Prerequisiti. Spazi affini. Anelli commutativi con unità. Ideali. Anelli quoziente.

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

Variabili logiche e circuiti combinatori

Variabili logiche e circuiti combinatori Variabili logiche e circuiti combinatori Si definisce variabile logica binaria una variabile che può assumere solo due valori a cui si fa corrispondere, convenzionalmente, lo stato logico 0 e lo stato

Dettagli

Alcune note sulle serie di potenze 1

Alcune note sulle serie di potenze 1 Alcune note sulle serie di potenze Contents G. Falqui Preliminari 2 Serie di potenze 3 3 Rappresentazione di funzioni mediante serie di potenze 7 3. Esempi notevoli........................... 9 3.2 Formula

Dettagli

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico Competenza matematica n. BIENNIO, BIENNIO Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica BIENNIO BIENNIO Operare sui dati comprendendone

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi:

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi: Corso PAS Anno 2014 Matematica e didattica 3 Correzione esercizi 1. Definizione. Sia n un fissato intero maggiore di 1. Dati due interi a, b si dice che a è congruo a b modulo n, e si scrive a b (mod n),

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE pag. 131 Appendice: Nozioni base e varie G. Gerla APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE 1. Funzioni e relazioni di equivalenza Questi appunti sono rivolti a persone che abbiano già una conoscenza elementare della

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in

Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in Solitamente si fa riferimento ad intorni simmetrici =, + + Definizione: dato

Dettagli

Quozienti. Note per gli studenti del corso di Geometria IV, Milano 2009-2010 M.Dedò

Quozienti. Note per gli studenti del corso di Geometria IV, Milano 2009-2010 M.Dedò Quozienti Note per gli studenti del corso di Geometria IV, Milano 2009-2010 M.Dedò N.B. 1 Quanto segue NON va inteso come sostitutivo dei testi consigliati; piuttosto, si propone di fornire un filo conduttore

Dettagli

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE La sequenza costituisce un esempio di SUCCESSIONE. Ecco un altro esempio di successione: Una successione è dunque una sequenza infinita di numeri reali (ma potrebbe

Dettagli

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi October 26, 2008 1 Variabili aleatorie Per la definizione rigorosa di variabile aleatoria rimandiamo ai testi di probabilità; essa è non del tutto immediata

Dettagli

Equazioni alle differenze finite (cenni).

Equazioni alle differenze finite (cenni). AL 011. Equazioni alle differenze finite (cenni). Sia a n } n IN una successione di numeri reali. (Qui usiamo la convenzione IN = 0, 1,,...}). Diremo che è una successione ricorsiva o definita per ricorrenza

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

APPUNTI ED ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA. Margherita Roggero

APPUNTI ED ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA. Margherita Roggero APPUNTI ED ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA Margherita Roggero A.A. 2005/2006 M. Roggero - Appunti ed Esercizi di Matematica Discreta Introduzione Queste note contengono gli appunti del corso di Matematica

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 Appunti di Analisi Matematica Docente: Klaus Engel Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. / http://univaq.it/~engel ( = %7E) (Versione del 4 dicembre ) Note scritte in collaborazione

Dettagli

1. PRIME PROPRIETÀ 2

1. PRIME PROPRIETÀ 2 RELAZIONI 1. Prime proprietà Il significato comune del concetto di relazione è facilmente intuibile: due elementi sono in relazione se c è un legame tra loro descritto da una certa proprietà; ad esempio,

Dettagli

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. Universitá di Bologna

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. <sacerdot@cs.unibo.it> Universitá di Bologna Linguaggi 18: Semantica della logica del prim ordine Universitá di Bologna 11/04/2011 Outline Semantica della logica del prim ordine 1 Semantica della logica del prim ordine Semantica

Dettagli

Capitolo 7: Teoria generale della calcolabilitá

Capitolo 7: Teoria generale della calcolabilitá Capitolo 7: Teoria generale della calcolabilitá 1 Differenti nozioni di calcolabilitá (che seguono da differenti modelli di calcolo) portano a definire la stessa classe di funzioni. Le tecniche di simulazione

Dettagli

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10 12. Contenuto di Informazione Algoritmico (AIC) - 17/05/12 Vogliamo adesso introdurre una nozione di contenuto di informazione di una stringa infinita, prodotta da una sorgente di informazione, che non

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:...

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:... Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8 Cognome:................ Nome:................ Matricola:................ (Dare una dimostrazione esauriente di tutte le

Dettagli

3 CENNI DI TEORIA DELLA COMPLESSITA COMPUTAZIONALE. E. Amaldi Fondamenti di R.O. Politecnico di Milano 1

3 CENNI DI TEORIA DELLA COMPLESSITA COMPUTAZIONALE. E. Amaldi Fondamenti di R.O. Politecnico di Milano 1 3 CENNI DI TEORIA DELLA COMPLESSITA COMPUTAZIONALE E. Amaldi Fondamenti di R.O. Politecnico di Milano 1 Scopo: Stimare l onere computazionale per risolvere problemi di ottimizzazione e di altra natura

Dettagli

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche 1 Algebra Booleana e Variabili Logiche I fondamenti dell Algebra Booleana (o Algebra di Boole) furono delineati dal matematico George Boole, in un lavoro pubblicato

Dettagli

Lezione 1. Gli Insiemi. La nozione di insieme viene spesso utilizzata nella vita di tutti i giorni; si parla dell insieme:

Lezione 1. Gli Insiemi. La nozione di insieme viene spesso utilizzata nella vita di tutti i giorni; si parla dell insieme: Lezione 1 Gli Insiemi La nozione di insieme viene spesso utilizzata nella vita di tutti i giorni; si parla dell insieme: degli iscritti ad un corso di laurea delle stelle in cielo dei punti di un piano

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Teoria delle code. Sistemi stazionari: M/M/1 M/M/1/K M/M/S

Teoria delle code. Sistemi stazionari: M/M/1 M/M/1/K M/M/S Teoria delle code Sistemi stazionari: M/M/1 M/M/1/K M/M/S Fabio Giammarinaro 04/03/2008 Sommario INTRODUZIONE... 3 Formule generali di e... 3 Leggi di Little... 3 Cosa cerchiamo... 3 Legame tra N e le

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale PRIMO BIENNIO 1. Profilo generale L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione dei concetti e dei metodi elementari della disciplina

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli