Piano di Emergenza. Dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Emergenza. Dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca"

Transcript

1 Piano di Emergenza Dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Indirizzo Piazza della Scienza 3 I Milano MI C\o Dipartimento di Fisica G. Occhialini & Università degli Studi di Milano Bicocca Direttore dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Prof. Pullia Antonino Responsabile della Sicurezza Datore di lavoro dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Prof. Antonino Pullia Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione Sig. Galotta Giulio (P. Ind. ) Sostituisce Versione 001 del Aggiornamento Data Nuova Versione n Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 1

2 Premessa Tra l I.N.F.N. e l Università degli Studi di Milano Bicocca è stata stipulata una convenzione per istituire la Sezione I.N.F.N. di Milano Bicocca, la stessa prevede che i Datori di lavoro dei rispettivi Enti se riconoscono che l obiettivo comune di sicurezza possa essere più efficacemente raggiunto sulla base di azioni congiunte, gli stessi concordano le modalità intese a dare seguito comune a determinati adempimenti previsti dalla vigente normativa e/o dai rispettivi documenti di valutazione dei rischi. A tal fine il Direttore dell I.N.F.N. Prof. Pullia Antonino e il Direttore del Dipartimento di Fisica G. Occhialini Prof. Rapuano Federico, hanno concordato di utilizzare lo stesso piano di emergenza, le stesse procedure di emergenza, lo stesso personale incaricato delle misure di prevenzione incendi, evacuazione dei lavoratori, lo stesso personale incaricato delle misure di primo soccorso e gli stessi piani di evacuazione, attualmente in vigore presso l Università degli Studi di Milano Bicocca. Generalità Il Piano di emergenza Lo scopo del piano di emergenza Gli obiettivi Definizione di emergenza Emergenza Sistemi di gestione a disposizione dell emergenza Presupposti del piano di emergenza Obblighi di identificazione e valutazione aree a particolare rischio incendio/esplosione Identificazione delle persone esposte al rischi incendio Divieti specifici per rischio incendio Orario di lavoro ordinario Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 2

3 Sommario 1 Procedure 1.1 Procedura da adottare quando si scopre qualsiasi stato di emergenza 1.2 Procedura da adottare quando si scopre un principio di incendio 1.3 Procedura da adottare quando è in atto un emergenza che richiede l evacuazione immediata dello stabile 1.4 Procedura da adottare in caso di allarme 2 Piano di evacuazione 3 Assegnazione degli incarichi 3.1 Tutti devono seguire queste norme generali di comportamento in caso di emergenza 3.2 Il Docente 3.3 Il Responsabile dell attività didattica del laboratorio e delle attività lavorative in officina meccanica 3.4 Il Responsabile del Servizio: Direzione Personale - Amministrazione Calcolo e Reti Elettronica Officina Meccanica - Tecnico Generale Prevenzione Protezione. 3.5 Il Collaboratore Tecnico E.R. - il Collaboratore di Amministrazione l Assegnista il Dottorando - il Borsista l Autonomo e tutti i lavoratori equiparati 4 Situazioni di emergenza prevedibili 5 Norme specifiche e comportamenti da attuare 5.1 EVACUAZIONE 5.2 INCENDIO 5.3 BLACK-OUT 5.4 EMERGENZA PER INCIDENTE/INFORTUNIO 5.5 EMERGENZA DI SICUREZZA INTERNA 5.6 EMERGENZA GENERALE ESTERNA 5.7 EMERGENZA GENERICA:ALLAGAMENTO, TERREMOTO,PERDITE DI GAS 5.8 EMERGENZA AMBIENTALE:SVERSAMENTO,INQUINAMENTO. 6 Procedura di chiamata ai servizi di soccorso 7 Procedura di chiamata alla Protezione Civile, ai Carabinieri, al Centro Crisi Prefettura 8 Assegnazione degli incarichi al personale coinvolto in prima persona per la gestione dell emergenza (rif. Procedure dell Università degli Studi di Milano Bicocca). 8.1 Addetti alla Portineria 8.2 Il Responsabile dell Unità di Emergenza 8.3 Referenti Squadre D Emergenza per Edificio 8.4 Addetti all Emergenza 8.5 Addetti al Primo Soccorso 9. Fuori orario di lavoro ordinario 10 Regole per l evacuazione 11 Piani di evacuazione Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 3

4 Generalità Il Piano di emergenza Il piano di emergenza costituisce tutta la raccolta di tutte le istruzioni, delle procedure da seguire e dei comportamenti da tenere da parte del personale presente in Ateneo in caso di incidenti, con particolare riferimento ai casi di lotta all incendio e di evacuazione. Lo scopo del piano di emergenza Lo scopo del piano è ridurre le conseguenze di un incidente, mediante l uso razionale delle risorse umane e materiali disponibili. Gli obiettivi Gli obiettivi primari sono : 1- la salvaguardia della vita umana; 2- la protezione dei beni materiali; 3- la tutela dell ambiente. Ne derivano altri obiettivi che sono : - interrompere o limitare l escalation dell incidente; - attivare con tempestività i presidi antincendio; - limitare i danni alle persone e prevenirne ulteriori; - limitare i danni agli impianti e servizi; - soccorrere le persone coinvolte nell emergenza; - consentire una ordinata evacuazione; - il coordinamento con i servizi di emergenza esterni; - consentire il corretto flusso delle informazioni da e per il luogo dell incidente; - conservare la registrazione dei fatti e degli eventi; - isolare l area interessata. Definizione di emergenza EMERGENZA : Evento improvviso, talvolta difficilmente prevedibile, e tale da mettere in condizioni di pericolo reale o potenziale le persone o i beni materiali. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 4

5 Sistemi di gestione a disposizione dell emergenza 1) Sistema di monitoraggio sulle persone e sulle situazioni (Impianti di rivelazione e controllo ambienti installati, sistemi informatizzati di rilevazione presenze); 2) Sistemi di comunicazione: telefoni e centri di comunicazione delle portinerie, interfoni ai piani e in interrati; 3) Sistemi di segnalazione: Allarmi; 4) Sistema di intervento tecnico: procedure e strumenti cartografici e informatici per gli impianti, programmazione della messa in sicurezza degli impianti conseguente alla valutazione rischi in atto); 5) Sistema di intervento sanitario: squadre pronto Soccorso, telefoni Pronto Intervento; 6) Sistema di evacuazione: squadre Addetti e strutture, segnaletica, ecc.; 7) Sistema di informazione, formazione ed addestramento e esercitazioni (parzialmente attivato con corsi di formazione); Presupposti del piano di emergenza 1) INFORMAZIONE, FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO DI TUTTI GLI OPERATORI E MASSIMO COINVOLGIMENTO ANCHE DI TUTTE LE PERSONE NORMALMENTE PRESENTI IN ATENEO:STUDENTI, UTENTI, ECC. 2) ORGANIZZAZIONE INTEGRATA, ANCHE AI FINI DELLA SICUREZZA TRA LE VARIE LINEE, DIREZIONI E SERVIZI CON LA DIREZIONE DI ATENEO E L AREA DI MANAGEMENT(DIRIGENTI); 3) SISTEMA DI SUPERVISIONE SUGLI STRUMENTI DI GESTIONE DELL EMERGENZA; 4) PIANIFICAZIONE E CONTROLLI DELLA MANUTENZIONE; 5) DESIGNAZIONE DEI COMPITI DELLE FIGURE CHIAVE (UNITA PER EMERGENZE D ATENEO) CHE DOVRANNO REALIZZARE IL COORDINAMENTO OPERATIVO IN PERFETTA SINERGIA. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 5

6 Obblighi di identificazione e valutazione aree a particolare rischio incendio/esplosione Ogni Preside di Facoltà, Direttore di Dipartimento e Responsabile di Servizio o Area dovrà opportunamente segnalare e identificare con una comunicazione al Servizio di Prevenzione e Protezione le seguenti aree di lavoro: 1) LABORATORI DIDATTICI E DI RICERCA DOVE SI UTILIZZANO GAS INFIAMMABILI; 2) LABORATORI DIDATTICI E DI RICERCA DOVE SI UTILIZZANO SOSTANZE INFIAMMABILI (ETICHETTATURA F- F+); 3) LABORATORI IN INTERRATO PER PROBLEMI DI EVACUAZIONE E DI PRESENZA FUMO DA COMBUSTIONE; 4) LABORATORI DOVE SI UTILIZZANO RADIONUCLIDI PER EFFETTI DERIVANTI DALLA DISPERSIONE DEGLI STESSI; 5) AULE DOVE E IN ATTO UN AFFOLLAMENTO PARTICOLARE: ESAMI, CONVEGNI, SEMINARI; 6) AULE DOVE GLI ARREDI SONO PROBLEMATICI AI FINI DELL EVACUAZIONE: ES. BANCHI DA PIU PERSONE; 7) DEPOSITI DI SOSTANZE INFIAMMABILI E DI REAGENTI; 8) DEPOSITI DI GRANDI QUANTITA DI CARTA O IMBALLAGGI. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 6

7 Identificazione delle persone esposte a rischio incendio A) STUDENTI; B) PUBBLICO OCCASIONALE PER CONVEGNI E MEETING; C) PERSONE DIVERSAMENTE ABILI; D) PERSONE CHE FREQUENTANO I LABORATORI: VISITING PROFESSOR, TIROCINANTI, ECC. E) MANUTENTORI IN AREE INTERRATE ED ISOLATE; F) OPERATORI DI LABORATORI CHE FREQUENTANO I DEPOSITI DEI MATERIALI; G) PERSONALE DIPENDENTE/AFFERENTE DELL I.N.F.N. SEZ. DI MILANO BICOCCA; H)PERSONALE ASSOCIATO ALL INFN APPARTENENTE AD ALTRI ENTI O ISTITUTI. Divieti specifici per rischi incendio - E VIETATO EFFETTUARE OPERAZIONI DI TAGLIO, SALDATURA O ALTRO CON FIAMME LIBERE O COMUNQUE CON POSSIBILE PRESENZA DI SCINTILLE: per lavori specifici occorre chiedere autorizzazione al Servizio di Prevenzione e Protezione; - E VIETATO TENERE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO E NEI LABORATORI SOSTANZE INSTABILI E REATTIVE (PEROSSIDI ECC.) IN QUANTITA SUPERIORE A QUELLA DI USO GIORNALIERO; - E VIETATO UTILIZZARE GAS INFIAMMABILI (METANO, IDROGENO, OSSIGENO, ECC.) IN BOMBOLE PORTATILI: UTILIZZARE SEMPRE GAS DA RAMPA; - NEI CASI IN CUI IL GAS INFIAMMABILE SIA NECESSARIO E NON SIA FORNITO SU RAMPE DI APPROVVIGIONAMENTO SI DOVRA CHIEDERE PARERE PREVENTIVO SULLE MODALITA AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 7

8 ORARIO DI LAVORO ORDINARIO DEL DIPARTIMENTO DI FISICA G. OCCHIALINI SEDE DELL I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca E DELL EDIFICIO U9 SEDE DELL OFFICINA MECCANICA Gli edifici sono regolarmente aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 7:30 alle ore 20:30. Nelle giornate di sabato gli edifici resteranno chiusi, ad eccezione di quelli di seguito indicati: edificio U9 (Milano, Viale dell'innovazione n. 10) dalle ore 8:00 alle ore 14:30 In questi edifici potranno essere svolte e programmate tutte le attività didattiche. Durante l'orario di apertura del Dipartimento in caso di emergenza (incendio, infortunio, allagamento, la prima azione che tutto il personale deve mettere in atto è semplificata il più possibile ed identificata nel comporre il numero telefonico di emergenza di seguito indicato. Al numero di emergenza rispondono gli addetti alla Portineria. Per la Sede dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca rispondono gli addetti alla portineria del Dipartimento di Fisica G. Occhialini Edificio U2. Per l officina meccanica dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca rispondono gli addetti alla portineria dell Edificio U9. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 8

9 1 Procedure Le procedure sono la rappresentazione delle linee guida comportamentali ed operative che scandiscono i vari momenti dell emergenza. 1.1 Procedura da adottare quando si scopre qualsiasi stato di emergenza SITUAZIONI DI EMERGENZE Per segnalare una situazione di emergenza che si è creata e\o in atto e per segnalare una situazione di emergenza dovuta all innesco di allarme automatico dei sistemi di sicurezza, contattare la portineria dell edificio interessato. Per L Edificio U2 Sede dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca N. TELEFONICO INTERNO 2099 oppure Per l Edificio U9 Officina meccanica Via Roberto Cozzi 53 Milano N. TELEFONICO INTERNO 5699 Per L Edificio U1 N. TELEFONICO INTERNO 2699 oppure Procedura da adottare quando si scopre un principio di incendio Se si tratta di un principio di incendio valutare la situazione determinando se esiste la possibilità di estinguere immediatamente l incendio coni mezzi a portata di mano in base all informazione, alla formazione e all eventuale addestramento ricevuto. Non tentare di spegnere l incendio con i mezzi portatili se non si è sicuri di spegnere l incendio. Iniziare l opera di estinzione solo con la garanzia di avere una via di fuga alle proprie spalle e con l assistenza di altre persone. Se non si riesce a tenere sotto controllo l incendio in breve tempo, portarsi all esterno dell edificio avvisare gli addetti alla portineria dando le adeguate informazioni. Avvisare in ogni caso gli addetti alla portineria dell evento. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 9

10 1.3 Procedura da adottare quando è in atto un emergenza che richiede l evacuazione immediata dello stabile L emergenza sarà segnalata tramite il suono di una sirena. Le persone presenti nell area di lavoro/altro luogo, dovranno sospendere ogni attività, mettere in sicurezza le proprie attrezzature e recarsi nel luogo di raccolta più vicino. Nei luoghi comuni dell edificio U2-U1-U9, sono collocate delle planimetrie con la segnaletica delle vie di fuga e delle uscite di sicurezza,(piani di evacuazione). Arrivati sul luogo di raccolta, comunicare il proprio nominativo all addetto alla Gestione dell Emergenza o del Primo soccorso, il quale valuterà l opportunità di allontanamento dall edificio. Attendere sempre la comunicazione di fine emergenza dagli altoparlanti. Luoghi di raccolta: - per l edificio U1-U2-U3-U4 il punto di raccolta è Piazza della Scienza; - per l edificio U9 il punto di raccolta è nell area comune esterna all edificio via Segnanino. (Fonte R.S.P.P. Università degli Studi di Milano Bicocca). 1.4 Procedura da adottare in caso di allarme Mantenere la calma Attenersi a quanto indicato nel presente piano di emergenza e nelle norme di comportamento e norme da osservare Evitare di trasmettere il panico ad altre persone Prestare assistenza a chi si trova in difficoltà, se avete la garanzia di riuscire nell intento Allontanarsi immediatamente secondo le procedure indicate nel presente piano di emergenza Ascoltare le istruzioni eventualmente impartite attraverso la diffusione sonora e/o dagli addetti all emergenza Non rientrare nell edificio fino a quando non si ritorna alle condizioni di normalità 2 Piano di evacuazione Nel piano di evacuazione sono riportate le misure adottate e tutti i comportamenti da attuare in fase di emergenza per garantire la completa evacuazione dell edificio da parte di tutti i presenti. 3 Assegnazione degli incarichi 3.1 Tutti devono seguire queste norme generali di comportamento in caso di emergenza - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 10

11 - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI (FASCIA VERDE E FASCIA GIALLA); - ATTENERSI ALLE PROCEDURE QUI SOTTOELENCATE; - NON RIPRENDERE ASSOLUTAMENTE L ATTIVITA LAVORATIVA SENZA AUTORIZZAZIONE. 3.2 Il Docente - QUANDO VIENE AVVISATO DAGLI ADDETTI DI UN EMERGENZA IN CORSO E DELLA CONSEGUENTE EVACUAZIONE IN ATTO, SEGUE TUTTE LE ISTRUZIONI DATE DAGLI ADDETTI ALL EMERGENZA ; - SOVRINTENDE ALL EVACUAZIONE DEGLI STUDENTI E DI TUTTE LE PERSONE PRESENTI NELL AULA, USCENDO PER ULTIMO, VERIFICANDO CHE L AULA SIA VUOTA E CHIUDENDO NON A CHIAVE L AULA DIETRO DI SE. - NEL CASO SI TROVI NEL PROPRIO STUDIO PROCEDE ALL EVACUAZIONE, CHIUDENDO NON A CHIAVE LA PORTA DIETRO DI SE - SI RECA NEL PUNTO DI RACCOLTA PREVISTO 3.3 Il Responsabile dell attività didattica del laboratorio e/o Preposto / Il Responsabile del Servizio di Officina Meccanica e/o Preposto delle attività lavorative in officina meccanica IL RESPONSABILE DELL ATTIVITA DIDATTICA DEL LABORATORIO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO OFFICINA MECCANICA IL PREPOSTO - QUANDO VIENE AVVISATO DAGLI ADDETTI DI UN EMERGENZA IN CORSO E/O DELLA CONSEGUENTE EVACUAZIONE IN ATTO SEGUE TUTTE LE EVENTUALI ISTRUZIONI DATE DAGLI ADDETTI ALL EMERGENZA. - SOVRINTENDE LE OPERAZIONI DI EVACUAZIONE DEL PROPRIO LABORATORIO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA MESSA IN SICUREZZA DI ATTREZZATURE ACCESE E/O PERICOLOSE E ALLA CHIUSURA DI IMPIANTI DI GAS E INFIAMMABILI. - SI ACCERTA CHE TUTTE LE PERSONE ABBIANO LASCIATO IL LABORATORIO\L OFFICINA E CHIUDE NON A CHIAVE LA PORTA PRIMA DI RECARSI ANCH ESSO NEL LUOGO DI RACCOLTA. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 11

12 - VERIFICA COMUNQUE LE CONDIZIONI DEL LABORATORIO\OFFICINA MECCANICA IN ORDINE ALLE EMERGENZE COMUNICATE E COMUNICA EVENTUALI ANOMALIE E PROBLEMI ALL ADDETTO ALL EMERGENZA ED ANTINCENDIO O AL RESPONSABILE DELL EMERGENZA TRAMITE COMUNICAZIONE TELEFONICA. 3.4 Il Responsabile del Servizio: Direzione Personale - Amministrazione Calcolo e Reti Elettronica Officina Meccanica - Tecnico Generale Prevenzione Protezione. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO - QUANDO VIENE AVVISATO DAGLI ADDETTI DI UN EMERGENZA IN CORSO E DELLA CONSEGUENTE EVACUAZIONE IN ATTO, SEGUE TUTTE LE ISTRUZIONI DATE DAGLI ADDETTI ALL EMERGENZA; - SOVRINTENDE ALL EVACUAZIONE DI TUTTE LE PERSONE PRESENTI NELLA PROPRIA AREA DI LAVORO DEL RISPETTIVO UFFICIO USCENDO PER ULTIMO, VERIFICANDO CHE IL PROPRIO UFFICIO E/O I SERVIZI PERTINENTI SIANO VUOTI CHIUDENDO NON A CHIAVE LA PORTA DEGLI UFFICI E LA PORTA TAGLIAFUOCO DELL AREA COMUNE - NEL CASO SI TROVI NEL PROPRIO UFFICIO PROCEDE ALL EVACUAZIONE, CHIUDENDO NON A CHIAVE LA PORTA DIETRO DI SE E LA PORTA TAGLIAFUOCO DELL AREA COMUNE - SI RECA NEL PUNTO DI RACCOLTA PREVISTO 3.5 Il Collaboratore Tecnico E.R. - il Collaboratore di Amministrazione l Assegnista il Dottorando - il Borsista l Autonomo e tutti i lavoratori equiparati IL COLLABORATORE TECNICO E.R. E IL COLLABORATORE DI AMMIN.NE E IL LAVORATORI EQUIPARATO - QUANDO VIENE AVVISATO DAGLI ADDETTI DI UN EMERGENZA IN CORSO E DELLA CONSEGUENTE EVACUAZIONE IN ATTO, SEGUE TUTTE LE ISTRUZIONI DATE DAGLI ADDETTI ALL EMERGENZA; - PROCEDE ALL EVACUAZIONE CHIUDENDO NON A CHIAVE LA PORTA DEL LABORATORIO DOVE SI TROVA; - NEL CASO SI TROVI NEL PROPRIO UFFICIO PROCEDE ALL EVACUAZIONE, CHIUDENDO NON A CHIAVE LA PORTA DIETRO DI SE E LA EVENTUALE PORTA TAGLIAFUOCO DELL AREA COMUNE - SI RECA NEL PUNTO DI RACCOLTA PREVISTO. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 12

13 4 Situazioni di emergenza prevedibili EMERGENZA PER INCENDIO -1- ROSSO EMERGENZA PER BLACK-OUT (ASSENZA INTEMPESTIVA DI ALIMENTAZIONE ELETTRICA)-2- VIOLA EMERGENZA PER INCIDENTE/INFORTUNIO -3- GRIGIO EMERGENZA DI SICUREZZA-4- GIALLO EMERGENZA ESTERNA E GENERALE-5- FUCSIA EMERGENZA GENERICA-6 (terremoto, allagamento, ecc.)- ARANCIO EMERGENZA AMBIENTALE -7 (sversamento, inquinamento ambiente interno da gas o sostanze ecc.)- MARRONE Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 13

14 5 Norme specifiche e comportamenti da attuare 5.1 EVACUAZIONE Se si rendesse necessario abbandonare il luogo di lavoro. Se possibile, lasciate in sicurezza le attrezzature (chiudete rubinetti occasionalmente aperti, chiudete bombole che erogano gas sulle quali stavate lavorando, spegnete eventuali attrezzature elettriche in utilizzo, ecc.). Abbandonate la zona senza indugi e senza usare gli ascensori o i montacarichi. Aiutate lo sfollamento di eventuali altri colleghi presenti, salvaguardando prima di tutto Voi stessi. Una volta usciti segnalate ai soccorsi l eventuale presenza di altre persone all interno dell edificio. Nell'abbandonare i luoghi di lavoro non portatevi al seguito oggetti voluminosi, ingombranti o pesanti e non tornate indietro per nessun motivo. Lasciate accese le luci e chiudete la porta della stanza, ma non a chiave. Chiunque rimane intrappolato deve segnalare in ogni modo la sua posizione. Se rimanete intrappolati e l incendio è all esterno del locare cercate di sigillare la porta e le fessure con panni bagnati se possibile. Inoltre in presenza di fumo o fiamme è opportuno: - Coprirsi la bocca ed il naso con fazzoletti, possibilmente umidi, e, se necessario, camminare a carponi. - In presenza di calore proteggersi anche il capo con indumenti di lana o cotone, possibilmente bagnati, evitando i tessuti sintetici. - Non aprire eventuali porte calde, se necessario aprirle tenendosi dietro la porta e rimanendo pronti a richiuderle in caso di fiammata; - Guardare le planimetrie ed i disegni piano di evacuazione dei luoghi dove si lavora per verificare le uscite di emergenza vicine; - Avviarsi verso l uscita di emergenza più vicina seguendo le indicazioni fornite dagli Addetti all emergenza-evacuazione (Fascia verde e gialla); - Aiutate eventuali persone in difficoltà e potatori di handicap; - Raggiungere il luogo di raccolta esterno. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 14

15 5.2 INCENDIO - ALLONTANARSI AL PIU PRESTO DALLA ZONA DELL INCENDIO; - NON USARE ASCENSORI; - AVVISARE SEMPRE LA PORTINERIA SE NON VI E GIA ALLARME IN ATTO; - IN CASO DI FUMO CAMMINARE CARPONI, VICINO AL PAVIMENTO, CON UN FAZZOLETTO BAGNATO SULLA BOCCA E SUL NASO; - INTERVENIRE SOLO SE POSSIBILE E SENZA CORRERE ALCUN RISCHIO PER LA PROPRIA INCOLUMITA ; - SEGUIRE LE INDICAZIONI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (FASCIA GIACCA VERDE E GIALLA) E DEGLI OPERATORI ESTERNI EVENTUALI (VIGILI DEL FUOCO, POLIZIA, ECC.) - SPOSTARSI LUNGO I MURI SE LA VISIBILITA E SCARSA; - NON SALIRE MAI PIU IN ALTO! - IN CASO DI FUOCO ALL ESTERNO DEL LOCALE IN CUI CI SI TROVA: CHIUDERSI DENTRO, SIGILLARE OGNI FESSURA PER EVITARE L INGRESSO DI FUMO ED AVVISARE E SEGNALARE LA PROPRIA PRESENZA; - IN CASO DI PERSONA I CUI ABITI PRENDONO FUOCO: EVITARE CHE CORRA, STENDERLA A TERRA E SOFFOCARE LE FIAMME AVVOLGENDOLA CON COPERTA O ALTRI INDUMENTI NON SINTETICI. 5.3 BLACK-OUT - MUOVERSI LENTAMENTE, NON CORRERE ONDE EVITARE CADUTE; - SEGUIRE LE LUCI D EMERGENZA E PORTARSI VERSO LE ZONE DI RACCOLTA; - ATTENDERE ALLE ISTRUZIONI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA. 5.4 EMERGENZA PER INCIDENTE/INFORTUNIO - AVVISARE SEMPRE LE PORTINERIE DELL ACCADUTO; Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 15

16 - AVVISARE GLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO DELL EDIFICIO SE I DANNI ALLA/E PERSONA/E APPAIONO LIMITATI; - SE ENTRO POCHI MINUTI DALLA CHIAMATA NON INTERVIENE NESSUNO CHIAMARE IL PRONTO INTERVENTO ESTERNO (118); - SE POSSIBILE ASSISTERE LA/E PERSONA/E FINO ALL ARRIVO DEI SOCCORSI E/O DELL ADDETTO AL PRONTO SOCCORSO; - COLLABORARE CON GLI EVENTUALI OPERATORI ESTERNI DI PRONTO SOCCORSO. 5.5 EMERGENZA DI SICUREZZA INTERNA - SE SI NOTA LA PRESENZA DI QUALCOSA (BORSE, OGGETTI, ECC.) DI STRANO, ABBANDONATO E PARTICOLARMENTE ANOMALO RISPETTO ALLA SITUAZIONE ABITUALE SEGNALARE ALLE PORTINERIE IL FATTO; - NEL CASO DI SITUAZIONE DI PERICOLO PER MINACCE O PRESENZA DI PERSONA ARMATA E NON SOTTO CONTROLLO NON LASCIARE IL PROPRIO LUOGO DI LAVORO E NON ANDARE A CURIOSARE NELLE ZONE INTERESSATE; - SE SI E MINACCIATI MANTENERE IL CONTROLLO E NON INTERVENIRE DIRETTAMENTE NEI CONFRONTI DELLA PERSONA CHE MINACCIA; - ATTENERSI ALLE DISPOSIZIONI IMPARTITE DA POLIZIA, CARABINIERI E OPERATORI INTERNI (BANDA GIALLA-VERDE) 5.6 EMERGENZA GENERALE ESTERNA - PROCEDERE ALL EVACUAZIONE SEGUENDO LE ISTRUZIONI DEGLI ADDETTI (BANDA VERDE-GIALLA); - IN CASO DI NON-EVACUAZIONE PER EMERGENZA ESTERNA E PERICOLO ESTERNO NON ABBANDONARE IL PROPRIO POSTO DI LAVORO E NON AFFACCIARSI ALLE FINESTRE; - ATTENERSI ALLE DISPOSIZIONI DEGLI ADDETTI (BANDA VERDE-GIALLA) E DEGLI OPERATORI ESTERNI, POLIZIA, CARABINIERI. 5.7 EMERGENZA GENERICA:ALLAGAMENTO, TERREMOTO,PERDITE DI GAS Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 16

17 - IN CASO SI ALLAGAMENTO: SE POSSIBILE TOGLIERE TENSIONE AL LOCALE; - IN CASO DI ALLAGAMENTO:VERIFICARE SE VI SONO CAUSE VISIBILI, PERDITED ACQUA DA IMPIANTI O ALTRO; - IN CASO DI PERDITA DI GAS PERCEPIBILE: PROVVEDERE ALL IMMEDIATA CHIUSURA E INTERCETTAZIONE E CHIUSURA DELLE VALVOLE PRESENTI NELLE VICINANZE E CHIAMARE IMMEDIATAMENTE LA PORTINERIA PER SEGNALARE L INCONVENIENTE; - IN CASO DI PERDITA DI GAS PERCEPIBILE: SE NON E POSSIBILE METTERE IN SICUREZZA IL LOCALE CHIUDENDO LE VALVOLE APRIRE LE FINESTRE ED EVACUARE IMMEDIATAMENTE IL LOCALE, PROVVEDENDO COMUNQUE AD AVVISARE LA PORTINERIA; - IN CASO DI TERREMOTO:ALLE EVENTUALI PRIME SCOSSE TELLURICHE ANCHE DI LIEVE INTENSITA E NECESSARIO PORTARSI FUORI DALL EDIFICIO, ANCHE SENZA LA SEGNALAZIONE DA PARTE DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (FASCIA VERDE,GIALLA); - IN CASO DI TERREMOTO: UNA VOLTA FUORI DALLO STABILE, ALLONTANARSI DA QUESTO E DA ALTRI VICINI E PORTARSI IN AMPI PIAZZALI, LONTANO DA ALBERI AD ALTO FUSTO E LINEE ELETTRICHE; - IN CASO DI TERREMOTO: NEL CASO LE SCOSSE FOSSERO SUBITO VIOLENTE, TANTO DA NON PERMETTERE L EVACUAZIONE DELLO STABILE, NON SOSTARE AL CENTRO DEGLI AMBIENTI E RAGGRUPPARSI VICINO ALLE PARETI OD IN AREE D ANGOLO CON MAGGIORE RESISTENZA PRESUNTA O SOTTO TAVOLI. - IN TUTTI E DUE I CASI: SEGUIRE LE DISPOSIZIONI DEGLI ADDETTI (BANDA VERDE E GIALLA) ANCHE TRAMITE INTERFONO, E DEGLI OPERATORI ESTERNI QUALI I VIGILI DEL FUOCO, POLIZIA, CARABINIERI. 5.8 EMERGENZA AMBIENTALE:SVERSAMENTO,INQUINAMENTO. - IN CASO DI SVERSAMENTO ACCIDENTALE DI QUANTITA LIMITATE DI SOSTANZE PERICOLOSE NELLE AREE DI LAVORO SEGUIRE LE DISPOSIZIONI PRESENTI SULLE SCHEDE DI SICUREZZA DELLE SOSTANZE CHE DEVONO ESSERE SEMPRE A DISPOSIZIONE DI COLORO CHE OPERANO NEI LABORATORI; - UTILIZZARE SEMPRE I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE; Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 17

18 - NON METTERE MAI A RISCHIO LA PROPRIA INCOLUMITA ED EVENTUALMENTE CHIUDERE LE AREE CONTAMINATE, AVVISANDO IMMEDIATAMENTE GLI OPERATORI DELLE ZONE VICINE; - AVVISARE SEMPRE LE PORTINERIE DELL ACCADUTO; - RESTARE A DISPOSIZIONE DEL RESPONSABILE ALL EEMRGENZA-A PER EVENTUALI INFORMAZIONI INERENTI LA/E SOSTANZE COINVOLTE ED IL LORO USO E LA NECESSITA EVENTUALE DI EVACUAZIONE IN ZONE AMPIE; - EVACUARE ORDINATAMENTE LE ZONE SE INDICATO DAGLI ADDETTI (BANDA VERDE,GIALLA); - PRESTARE EVENTUALMENTE IL PRIMO SOCCORSO A PERSONE COLPITE DA MALORE E CHIAMARE GLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO DELLA ZONA; - COLLABORARE SE RICHIESTO CON GLI OPERATORI ESTERNI DI PRONTO INTERVENTO, VIGILI DEL FUOCO,ECC. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 18

19 6 Procedura di chiamata ai servizi di soccorso La richiesta di soccorso deve contenere almeno questi dati: - indirizzo dell Istituto e il numero di telefono da dove si sta chiamando; - il tipo di emergenza in corso; - persone coinvolte \ feriti; - reparto coinvolto; - stadio dell evento (in fase di sviluppo, stabilizzato ecc..); - altre indicazioni particolari (materiali coinvolti, necessità di fermare i mezzi a distanza ecc..); - indicazioni sul percorso 7 Procedura di chiamata alla Protezione Civile, ai Carabinieri, al Centro Crisi Prefettura Le segnalazioni ESTERNE (da Protezione Civile, Carabinieri, Centro Crisi Prefettura) previo accertamento della qualificazione di chi segnala devono essere comunicate al: Responsabile dell Unità per emergenze Coordinatore Responsabile Dr.ssa Caterina Giuliani (R.S.P.P. dell Università degli Studi di Milano Bicocca) n. cellulare che procederà a qualificare l emergenza e a comunicare ai componenti dell unità di crisi coinvolti. CHIUNQUE non riesca entro pochi minuti a comunicare l emergenza deve chiamare direttamente i soccorsi esterni. RICORDARSI DI COMPORRE LO ZERO 0 E POI IL NUMERO DEL RISPETTIVO SERVIZIO DESIDERATO Vigili del Fuoco PRONTO SOCCORSO CARABINIERI POLIZIA Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 19

20 8 Assegnazione degli incarichi al personale coinvolto in prima persona per la gestione dell emergenza (rif. Procedure dell Università degli Studi di Milano Bicocca). 8.1 Addetti alla Portineria Se vi è segnalazione: a) CHIEDONO INFORMAZIONI IN MERITO ALLA CHIAMATA: Cosa sta succedendo? Dove esattamente? Eventualmente nome e cognome della persona che segnala e sede di lavoro Eventuali problemi aggiuntivi rilevati Persone in pericolo In casi di segnalazioni di incendio chiede se sono stati avvisati i vigili del Fuoco b) Sempre: in caso di emergenza per incendio esteso telefonano direttamente ai Vigili del Fuoco Tel 115 Per qualsiasi emergenza: telefonano al Responsabile dell Unità per Emergenza n. int. tel In Assenza Coordinatore Responsabile n. int n.. Cell c) Effettuano le comunicazioni Conseguenti alle Disposizioni del Coordinatore Responsabile Dell Emergenze; d) Se non è scattato automaticamente in caso di incendio, provvede a far scattare l allarme antincendio e) Su segnalazione del Responsabile dell Emergenza comunicano via interfono la fine dell emergenza f) Registrano successivamente ora e oggetto della segnalazione nell apposito registro delle emergenze. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 20

21 8.2 Il Responsabile dell Unità di Emergenza Dopo aver qualificato e definita l Emergenza in base alla tipologia, gestisce la comunicazione secondo le seguenti modalità: 1: VERIFICA se necessario e se sono stati avvisati i vigili del fuoco ed in caso contrario procede direttamente a tale avviso, se l incendio coinvolge un area superiore ad 1 mq si superficie: a) Si reca nella zona dove sono i pannelli di controllo e verifica dove è scattato l eventuale allarme automatico antincendio da rivelatore; b) In caso di coinvolgimento di laboratori con utilizzo di radioisotopi o zone controllate per presenza di radiazioni telefona immediatamente all esperto qualificato di dipartimento; 2: AVVISA - In caso di evacuazione del piano interessato: Referente Squadre D Emergenza per Edificio che comunica agli Addetti delle Squadre del Piano con particolare riferimento anche alla verifica dell attivazione evacuazione disabili; - In caso di evacuazione dell Edificio interessato: Referente Squadre D Emergenza per Edificio che comunica agli Addetti delle Squadre del Piano con particolare riferimento anche alla verifica dell attivazione evacuazione disabili. - Referente Gestore Global System Edifici che comunica al proprio Addetto di Edificio per contattare il Responsabile dell Emergenza per interventi di chiusura, sezionamento, ecc.. - Referente Area RIS; - Referente Società Sicurezza: New Security e Cittadini dell Ordine: per vietare l ingresso all edificio interessato e per la gestione dei flussi di persone sui piani Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 21

22 8.3 Referenti Squadre D Emergenza per Edificio Quando vengono attivati i referenti per edificio: 1) Chiamano gli Addetti all Emergenza Ed Antincendio, o gli Addetti al Primo Soccorso 2) Procedono a segnalare la necessità di evacuazione, o di altro intervento attivando le operazioni nella propria zona 3) Indossano la Banda Gialla di riconoscimento e prendono la radio 4) Comunicano con il responsabile dell emergenza 5) Si recano nel punto di raccolta 6) Comunicano con il Responsabile dell Emergenza 7) Si recano presso l Unità di Emergenza 8) Collaborano con il personale dei Vigili del Fuoco e del Pronto Intervento se richiesto, soprattutoo in riferimento all accompagnamento e descrizione dei luoghi di propria competenza. Anche identificando le eventuali zone critiche (Depositi ecc..); 9) Devono segnalare alle portinerie le assenze programmate. Referente Squadre D Emergenza per Edificio: in attesa di nomine la mansione verrà svolta dal Dirigente, Dal Direttore di Dipartimento, Dal Responsabile Area Amministrativa- Servizio. 8.4 Addetti all Emergenza Quando vengono attivati gli addetti all Emergenza: 1) Indossano la banda VERDE e si attivano per evacuare il proprio ufficio, la propria zona di lavoro; 2) Avvisano i Docenti e i Responsabili di Laboratorio, delle Aule e dei laboratori presenti nella zona a loro assegnata dell evacuazione in atto; 3) Verificano che nelle vicinanze delle zone di particolare rischio non siano presenti persone; 4) Seguono l evacuazione della propria zona e, per chi ne ha il compito procedono alla evacuazione della propria zona e, per chi ne ha il compito procedono alla evacuazione dei non abili; 5) Si recano nel punto di raccolta e verificano la presenza del personale; 6) Collaborano con gli operatori esterni 7) Comunicano ai referenti per edificio quando si trovano nel luogo sicuro. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 22

23 Elenco telefonico degli addetti all emergenza OFFICINA MECCANICA Via Roberto Cozzi 53 Milano Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 23

24 8.5 Addetti al Primo Soccorso Quando vengono attivati gli addetti all Pronto Soccorso: 1) Indossano la banda VERDE e si attivano recandosi nei luoghi della segnalazione a loro pervenuta, sul piano o piani di loro competenza; 2) Segnalano ai referenti per edificio degli Addetti all Emergenza la necessità di attivare i servizi esterni di pronto intervento, se già non attivati; 3) Non mettono mai e per nessun motivo a rischio la propria salute ed incolumità fisica durante gli interventi; 4) Restano con la persona/e coinvolta/e fino all arrivo degli eventuali mezzi di soccorso per sostenerla; 5) Non fanno avvicinare le persone estranee all evento e curiosi; 6) Intervengono con cautela utilizzando i DPI; 7) Collaborano con il personale del pronto intervento nei casi in cui questo venga richiesto, con particolare riferimento all accompagnamento nei luoghi interessati dall incidente o dove sia/no la/le persona/e coinvolta/e. Elenco telefonico degli addetti al primo soccorso Gaigher Roberto Cel. : 349/ I.N.F.N. Sez. Milano Bicocca c/o Dip. Di Fisica G. Occhialini Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 24

25 9. Fuori orario di lavoro ordinario Durante l'orario di chiusura del Dipartimento di Fisica G. Occhialini e dell Edificio U9 la gestione dell'emergenza è affidata ai presenti che quindi dovranno essere opportunamente formati. La frequenza durante l orario di chiusura del Dipartimento è ammessa solo al personale autorizzato e formato ed informato per affrontare una emergenza. Se l emergenza non può essere affrontata personalmente senza compromettere l incolumità personale telefonare ai soccorritori esterni. Durante l orario di chiusura del Dipartimento chiunque rileva un fatto anomalo o pericoloso e non è assolutamente certo di potervi far fronte con successo deve: Dare l allarme telefonando, se necessario: VV.FF. 115 Pronto Soccorso 118 Sicurezza 113 Carabinieri 112 Ricordarsi di comporre lo ZERO 0 prima di comporre il numero del servizio interessato. Specificando esattamente: Il luogo esatto in cui si trova (Dipartimento di Fisica, Piazza della Scienza Milano) La natura dell emergenza La presenza di eventuali infortunati Le proprie generalità Dopo aver segnalato l emergenza è necessario uscire dall edificio. Una volta usciti è importante dirigersi verso l ingresso per attendere i soccorsi eventualmente chiamati e fornire loro le indicazioni richieste. Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 25

26 10 Regole per l evacuazione Se si rendesse necessario abbandonare il luogo di lavoro. Se possibile, lasciate in sicurezza le attrezzature (chiudete rubinetti occasionalmente aperti, chiudete bombole che erogano gas sulle quali stavate lavorando, spegnete eventuali attrezzature elettriche in utilizzo, ecc.). Abbandonate la zona senza indugi e senza usare gli ascensori o i montacarichi Aiutate lo sfollamento di eventuali altri colleghi presenti, salvaguardando prima di tutto Voi stessi. Una volta usciti segnalate ai soccorsi l eventuale presenza di altre persone all interno dell edificio Nell'abbandonare i luoghi di lavoro non portatevi al seguito oggetti voluminosi, ingombranti o pesanti e non tornate indietro per nessun motivo. Lasciate accese le luci e chiudete la porta della stanza, ma non a chiave. Chiunque rimane intrappolato deve segnalare in ogni modo la sua posizione. Se rimanete intrappolati e l incendio è all esterno del locare cercate di sigillare la porta e le fessure con panni bagnati. Inoltre in presenza di fumo o fiamme è opportuno: Coprirsi la bocca ed il naso con fazzoletti, possibilmente umidi, e, se necessario, camminare a carponi. In presenza di calore proteggersi anche il capo con indumenti di lana o cotone, possibilmente bagnati, evitando i tessuti sintetici. Non aprire eventuali porte calde, se necessario aprirle tenendosi dietro la porta e rimanendo pronti a richiuderle in caso di fiammata. 11 Allegati piani di evacuazione (con annessa legenda) della Sede I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca 11.1 Piano di evacuazione del 5 Piano 11.2 Piano di evacuazione degli Uffici Amministrativi-Direzione-Personale 4 piano 11.3 Piano di evacuazione 3 piano 11.4 Piano di evacuazione 2 piano Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 26

27 11.5 Piano di evacuazione 1 piano 11.6 Piano di evacuazione Piano Terra verso il luogo sicuro punto di ritrovo Piano di evacuazione Laboratorio Criostati livello Piano di evacuazione dell officina meccanica 11.8 Legenda 12 Norme di comportamento per tutti i presenti. Data: Il Direttore della Sezione I.N.F.N. di Milano Bicocca Prof. Pullia Antonino Piano di Emergenza dell I.N.F.N. Sez. di Milano Bicocca Versione n Pagina 27

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA IL RETTORE LA RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO 1 INTRODUZIONE Il piano di emergenza costituisce

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO Qualora si verichi un incidente tale da rendere necessario l abbandono cautelativo dell edificio (p. es.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE Scopo di queste note è fornire succinte e chiare indicazioni sul comportamento

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Corso di Formazione studenti 2013/2014. A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano

Corso di Formazione studenti 2013/2014. A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano Chi deve conoscere la sicurezza? Perché è importante essere informati? Personale Docente Personale A.T.A. Alunni Famiglie degli alunni Personale esterno Per non

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO 2. EMERGENZA SANITARIA 3. ALLAGAMENTO 4. TERREMOTO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE (per qualsiasi tipo di emergenza, come

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA

PROCEDURA DI EMERGENZA PROCEDURA DI EMERGENZA Premessa Il piano di emergenza ha lo scopo di consentire la gestione degli scenari incidentali ipotizzati pianificando una o più sequenze di azioni atte a ridurre le conseguenze

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara giugno 2014 Corpo E Polo Scientifico-Tecnologico di Via Saragat, 1 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE INDICAZIONI GENERALI relative all edificio L edificio si sviluppa su 4 piani di cui uno interrato; il

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE LOGO DELLA SOCIETA PARTE III ESEMPIO DI PROCEDURA PER PIANO DI ED EVACUAZIONE Ediz.: Rev. : del: Pagina: 1 di 13 N OME SOCIETÀ PIANO DI ED EVACUAZIONE Dispensa a cura del relatore PIANO DI ED EVACUAZIONE

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via P. TOGLIATTI N 1-01033 IVITA ASTELLANA (0761 513390 fax 0761

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

ORGANIGRAMMA SICUREZZA a.a. 2014/2015 sede Piazza Mazzini n. 2

ORGANIGRAMMA SICUREZZA a.a. 2014/2015 sede Piazza Mazzini n. 2 ORGANIGRAMMA SICUREZZA a.a. 2014/2015 sede Piazza Mazzini n. 2 INCARICO PERSONALE INCARICATO COMPITI e RESPONSABILITA Datore di lavoro Dirigente scolastico Prof.ssa Girardina Volpe Il Datore di lavoro,

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI Normalmente poco considerato nei cantieri. Tuttavia possono costituire fonte di innesco con conseguenze devastanti: - Uso fiamme libere per operazioni di impermeabilizzazioni

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

SCHEDA n. 7. Procedure di emergenza. 1. Premessa

SCHEDA n. 7. Procedure di emergenza. 1. Premessa SCHEDA n. 7 Procedure di emergenza 1. Premessa Come indicato nella specifica scheda, per ogni impianto sportivo deve essere elaborato a cura del Titolare un Piano di sicurezza. Occorre a tal fine valutare

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO

ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI NEL LICEO Si riportano, quale esempio e non esaustivi,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas)

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) ALLEGATO 4 NORME GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) DESTINATARIO: VISITATORI, PERSONALE

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

Un "piano di evacuazione" per la tua scuola

Un piano di evacuazione per la tua scuola ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA (PROVINCIA DI ASCOLI PICENO) Un "piano di evacuazione" per la tua scuola (dispensa per i lavoratori) Offida, lì 13/11/07 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. GIOVANNI ISOPI Istruzioni

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN LA SICUREZZA SUL LAVORO La sicurezza nei luoghi di lavoro è governata dal D.Lgs. 81/2008 chiamato anche Testo Unico per la Sicurezza. La scuola è un

Dettagli

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00 PROCEDURA, IN ECONOMIA, PER LA SOTTOSCRIZIONE DI ACCORDI QUADRO PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA ALLE ATTIVITÁ DI VIGILANZA DELL UFFICIO METROLOGIA LEGALE DELLA CCIAA DI VERONA Lotto 1: CIG

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

QUESTIONARIO SICUREZZA

QUESTIONARIO SICUREZZA QUESTIONARIO SICUREZZA 1. Quale figura del D.Lgs. 81/08 ha l obbligo di osservare le misure generali per la sicurezza e la salute dei lavoratori? A. Il Datore di Lavoro B. Il lavoratore C. Il Rappresentante

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Pagina: 1 di 12 PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA Compiti del Coordinatore dell emergenza (procedura PROC_1) Compiti dell addetto alla comunicazione (procedura PROC_2) Compiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA (Emanato con D.R. n. 1215 del 28 giugno 2007, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 69) Sommario

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE C 1 - Compiti della Squadra di Evacuazione per funzione SCHEDA 1 - COMPITI DEL COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di "inizio emergenza" il Coordinatore

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE I.P.A. Ingegneria per l Ambiente AULA 1 ½ dalle 9.00 13.00 o dalle 14.00 18.00 INTERA dalle 9.00 13.00 e dalle 14.00 18.00 SERALE dalle 18.00 alle 22.00 AULA 2 ½ dalle

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi e se succede? Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi Cos è la protezione civile???? Protezione civile = Protezione dei cittadini NOI!!!!! Il SISTEMA di protezione civile La Sala Operativa Regionale

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. Esistono due squadre per la gestione delle emergenze, una INFN ed una congiunta INFN/UNIFE.

PIANO DI EMERGENZA. Esistono due squadre per la gestione delle emergenze, una INFN ed una congiunta INFN/UNIFE. PIANO DI EMERGENZA PREMESSA Per emergenza si intende un evento improvviso, un fatto o una circostanza imprevista tali da mettere in situazione di pericolo reale o potenziale persone o cose rappresentano

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA M. Norme operative accesso ai laboratori

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA M. Norme operative accesso ai laboratori DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 09 PAGINA 1 di 2 PROCEDURA M Norme operative accesso ai laboratori Il presente allegato costituisce una

Dettagli

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI -

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI - Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI 1 STRUTTURA SEDE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI Piazza dei Cavalieri,

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998 CPI

D.M. 10 marzo 1998 CPI D.M. 10 marzo 1998 CPI La prevenzione incendi: Norme di riferimento Il D.lgs 81/08 prevede che, fermo restando quanto previsto dal D.lgs 139/2006, dovranno essere adottati uno o più decreti in cui siano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli

Liceo. via Del Lancillotto 4-41122 Modena Tel. 059 450298 - (Fax): 0593160078

Liceo. via Del Lancillotto 4-41122 Modena Tel. 059 450298 - (Fax): 0593160078 Liceo Carlo Sigonio" via Del Lancillotto 4-41122 Modena Tel. 059 450298 - (Fax): 0593160078 E-mail: info@sigonio.it Pagina web: http://www.sigonio.com Ai sensi dell accordo Stato Regioni del 21/12/2011

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli