L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006"

Transcript

1

2 L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006 CRITERI DI ESPOSIZIONE DEI DATI L analisi che segue espone i dati dello spettacolo relativi alle manifestazioni avvenute nel primo semestre 2006 rilevati dai 600 Uffici territoriali della Siae 1. L aggregazione territoriale è stata condotta avendo riguardo alla competenza territoriale dell Ufficio Siae che ha rilevato l evento 2. Le tipologie di spettacolo esaminate sono state raggruppate in 7 MACROAGGREGATI: Atività cinematografica, Attività teatrale, Attività concertistica, Attività sportiva, Attività di ballo e concertini, Attrazioni dello spettacolo viaggiante, Mostre ed esposizioni. Tali macroaggregati sono la sintesi di 22 AGGREGATI, nei quali sono stati ricondotti i 47 GENERI MANIFESTAZIONE che la Siae ha elaborato per questa pubblicazione di medio termine. Al fine di chiarire i criteri di elaborazione adottati per le tipologie di spettacoli, si espongono nella TAVOLA 51 le linee di confluenza dei generi manifestazione in aggregati e macroaggregati. * * * I valori analizzati riguardano principalmente la spesa del pubblico rilevata nei diversi comparti dello spettacolo. Tale indicatore, che, nell ambito della rilevazione semestrale, sintetizza la spesa al botteghino degli spettatori, ossia le somme pagate per l acquisto dei 1 I dati dell attività di spettacolo del primo semestre 2006 sono quelli rilevati dagli Uffici Siae nei primi otto mesi dell anno, quindi fino al 31 agosto 2006 (lo stesso metodo è stato utilizzato nella elaborazione del 1 semestre 2005). Questo criterio permette di riepilogare anche i valori delle manifestazioni svolte nel primo semestre e comunicati alla Siae nei due mesi successivi. 2 I dati di medio termine sono stati elaborati facendo riferimento all Ufficio Siae che ha rilevato l evento di spettacolo, prescindendo dal luogo di effettivo svolgimento dell evento: con la pubblicazione di fine anno l aggregazione territoriale sarà elaborata in base al luogo che ha ospitato la manifestazione. Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 2

3 biglietti e degli abbonamenti, non è rilevante nelle manifestazioni per le quali non è previsto solitamente il rilascio di un titolo di ingresso. Inoltre, nella prossima pubblicazione annuale, tale valore verrà implementato con le somme comunque pagate dal pubblico per assistere alle manifestazioni (consumazioni al bar, prenotazione tavoli, servizio di guardaroba, prevendita biglietti, ecc), in tal modo sarà possibile quantificare gli importi che il pubblico decide di destinare alla fruizione di tutte le tipologie di spettacolo e, quindi, sarà possibile fornire un dato più completo. La spesa del pubblico è stata utilizzata per svolgere l analisi degli andamenti a livello nazionale e regionale. Gli altri parametri presi in considerazione nello studio sono: il volume dei corrispettivi che espone tutti gli introiti realizzati dagli organizzatori nell ambito delle manifestazioni come: spesa al botteghino, diritti di prevendita, consumazioni al bar, sponsorizzazioni, introiti pubblicitari e da riprese televisive, finanziamenti da Enti pubblici, ecc., il numero di eventi di spettacolo che rappresenta l offerta di spettacoli da parte degli organizzatori, le presenze, che sono date dalla somma del numero di biglietti rilasciati e del numero di abbonamenti. I valori rilevati sono esposti in MACROAGGREGATI ed AGGREGATI di GENERE MANIFESTAZIONE. Questo criterio facilita la lettura dei dati e permette una migliore sintesi delle informazioni raccolte 3. Prima di procedere all analisi dei dati, si vogliono fornire alcuni chiarimenti circa la terminologia riguardante alcuni aggregati di generi manifestazione. L Arte varia (aggregato B6) comprende diverse espressioni artistiche che, per la parzialità e limitatezza temporale con la quale si susseguono nell ambito di una manifestazione, non sono identificabili in uno specifico genere. I Concertini (aggregato E2) sintetizzano quelle attività di spettacolo che prevedono la fruizione dell esecuzione musicale come elemento aggiuntivo ad una prestazione principale: è il caso delle esecuzioni musicali nei piano-bar, dove la musica ha una funzione di intrattenimento, ma non costituisce - come nei concerti - elemento di unico richiamo per la clientela. Le attrazioni dello spettacolo viaggiante (macroaggregato F) includono tutte le strutture, stabili ed itineranti, dello spettacolo viaggiante, quali i parchi da divertimento e i luna-park. 3 Le modalità di aggregazione seguite per sintetizzare i generi di manifestazione sono esposti nella Tavola 51. Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 3

4 Le mostre ed esposizioni (aggregato G) comprendono le attività espositive temporanee aventi principalmente finalità commerciali: in tale aggregato non sono inclusi i musei propriamente detti. Per concludere, nell ultima parte sono riepilogati i dati di maggiore interesse rilevati nelle aree cittadine di Bologna, Firenze, Milano, Napoli, Roma e Torino: la TAVOLA 50 elenca gli Uffici Siae nei quali è stata condotta l elaborazione. Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 4

5 L ANALISI DEI DATI I dati semestrali esposti nelle Tavole che seguono sono da intendere come sicuri indicatori di tendenza dell attività di spettacolo: sotto l aspetto strettamente numerico saranno soggetti a revisione con la pubblicazione di fine anno nella quale, come si è detto, saranno utilizzati criteri più raffinati di elaborazione ed aggregazione dei dati. I valori analizzati riguardano: LA SPESA DEL PUBBLICO Complessivamente la spesa del pubblico è stata pari a milioni di euro (TAVOLA 1). Questo indicatore, nel suo complesso, fa registrare nel primo semestre un incremento del 6,50% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. L analisi per macroaggregati mostra in forte crescita l attività teatrale, +29,14% e le mostre ed esposizioni, +20,27%, il cinema, +14,38%; in controtendenza i concerti, -12,67% e il settore ballo e concertini, -11,73%. In valore assoluto la spesa del pubblico si è orientata maggiormente verso il cinema che raccoglie 326 milioni di euro; segue il ballo e concertini con 243 milioni di euro; il teatro, 174 milioni di euro; lo sport, 148 milioni di euro; i concerti, 75 milioni di euro; le mostre ed esposizioni, 59 milioni di euro; le attrazioni dello spettacolo viaggiante, 31 milioni di euro. L analisi per aggregato (TAVOLA 14) indica che tutte le componenti del teatro hanno segno positivo (il risultato di rilievo dell attività circense è legato sicuramente alla tournee italiana di un importante allestimento internazionale). La spesa del pubblico del settore dei concerti ha un andamento decisamente negativo con una sensibile flessione, in valore assoluto, dei concerti di musica leggera (-8 milioni di euro). Il dato, per la preoccupante consistenza del fenomeno, necessita di ulteriori conferme nei mesi successivi. Il settore dello sport deve l incremento complessivo quasi esclusivamente alla voce altri sport, aggregato nel quale è confluita la gran parte della spesa del pubblico rilevata durante le Olimpiadi invernali di Torino Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 5

6 Nel comparto del ballo e concertini, entrambe le componenti segnano un decremento rispetto allo stesso periodo dell anno precedente (ballo, -11,01%; concertini, -13,62%). Analizzando la spesa del pubblico per macroarea geografica (TAVOLA 16) si rileva che l incremento registrato a livello nazionale ha origine da una consistente crescita della spesa nel centro Italia (+9,97%) e nel nord Italia (+7,35%). La spesa del pubblico nell Italia meridionale è praticamente costante (-0,07%), mentre segna una flessione nelle Isole maggiori (-4,24%). Si rimanda all interesse del lettore l approfondimento dell indagine territoriale per macroaggregati: per fornire ulteriori strumenti di studio, sono state sviluppate le tabelle riepilogative dell andamento della spesa del pubblico nelle Regioni italiane (TAVV ). IL VOLUME DEI CORRISPETTIVI L indicatore ammonta complessivamente milioni di euro (TAV. 38). Il volume dei corrispettivi, ossia la grandezza che sintetizza il volume d affari generato dal mondo dello spettacolo, è in forte aumento rispetto al primo semestre 2005: +13,49% (si veda la TAVOLA 38). Il sensibile incremento, senz altro superiore a quello fatto registrare dalla spesa del pubblico, può far intuire un ritorno di interesse degli investitori nel settore dello spettacolo (principalmente attraverso le sponsorizzazioni, la commercializzazione dei diritti televisivi e le spese pubblicitarie); naturalmente tale tendenza dovrà trovare conferma nei dati annuali. LE PRESENZE Sono state rilevate complessivamente presenze (TAV. 40). Tale valore nel primo semestre 2006 ha fatto registrare un incremento del 8,67% rispetto al corrispondente periodo del Si deve senz altro rimarcare l incremento consistente nel settore del cinema con una crescita di otre 7 milioni di spettatori. Anche l attività teatrale fa registrare una crescita di 1,7 milioni di presenze. Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 6

7 Come già rilevato nell analisi della spesa del pubblico, anche per l indicatore delle presenze la forte crescita registrata nello sport è imputabile in gran parte all aggregato altri sport. NUMERO DI EVENTI Nel 1 semestre 2006 sono stati censiti eventi di spettacolo (TAV. 42). L indice registra, rispetto al 2005, una modesta crescita, +0,91%, dovuta quasi esclusivamente al settore del cinema che fa segnare un incremento di 28 mila eventi, pari a +4,67%. In proposito si vuole evidenziare che l attività cinematografica è il comparto che storicamente percepisce prima i segnali dell andamento congiunturale dello spettacolo: ove dovesse trovare ulteriore conferma, l incremento delle giornate di attività del cinema potrebbe preludere ad un generalizzato aumento di eventi anche negli altri settori dello spettacolo. Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 7

8 ANALISI DELLE PRINCIPALI AREE CITTADINE Sono stati, infine, elaborati alcuni studi sulle più importanti aree geografiche cittadine per verificare l andamento dell attività di spettacolo a livello locale. Anche in questo caso si è ritenuto opportuno, al fine di fornire elementi di valutazione adeguati, operare un raffronto tra il primo semestre 2006 con il corrispondente periodo del Questi dati di dettaglio, ancor più dei valori aggregati nazionali, devono essere interpretati con estrema cautela perché risentono in misura assai sensibile di manifestazioni spettacolistiche occasionali. A mero titolo di esempio, si rimanda ai dati rilevati nell area della città di Torino che nel primo semestre 2006 è stata fortemente sollecitata dall evento olimpico. Con tutte le cautele del caso, si possono comunque trarre alcuni utili spunti di riflessione dai dati associati alle aree cittadine. L area di Bologna (TAV. 44) mostra nel complesso un aumento rilevante delle presenze, +10,52% (dovuto principalmente agli incrementi nei settori del cinema, +15,36% e del teatro, +93,03%) a fronte di risultati complessivamente stazionari nella spesa del pubblico, +0,04% e nel numero di eventi, +0,54%. L area di Firenze (TAV. 45) registra l incremento della spesa del pubblico, +17,92% e delle presenze, +10,49%. Tra i vari comparti, oltre al cinema in decisa crescita, +9,75% di spesa del pubblico, si vuole sottolineare il buon andamento dell aggregato teatrale, +63,11% di spesa del pubblico e +54,35% di presenze, con ottimi incrementi anche in valore assoluto. Nell area di Milano (TAV. 46) sono in aumento la spesa del pubblico, +8,85% e le presenze, +27,48%. Anche in questo caso si sottolinea il buon risultato della spesa del pubblico nel settore cinema, +16,23% e nell aggregato teatrale, +45,96%. Molto contrastanti i valori del calcio, nel quale si rileva una flessione della spesa del pubblico, -14,91% a fronte di un incremento delle presenze, +56,63%. In questo caso si ritiene doveroso attendere la rilevazione di fine anno per esprimere un giudizio adeguato. Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 8

9 L area di Napoli (TAV. 47) mostra alcuni valori critici. L incremento della spesa del pubblico, +4,75%, si accompagna alla flessione delle presenze, -2,03% e alla flessione del numero di eventi, -1,84%. I settori che segnano gli incrementi più significativi di spesa del pubblico sono, in valore assoluto, la rivista e commedia musicale, 1,5 milioni di euro e il cinema,+0,9 milioni di euro. L area cittadina di Roma (TAV. 48) segna dati di incremento rilevanti: spesa del pubblico, +10,71%; presenze, +8,60%; eventi, +0,94%. Molto significativi sono gli incrementi della spesa del pubblico nel circo, con oltre 5 milioni di euro ed il relativo aumento di oltre 100 mila presenze. Si segnalano, inoltre, gli aumenti della spesa del pubblico nel cinema, +13,01% e nel teatro, +29,88%. L area di Torino (TAV. 49) registra un aumento di +53,90% della spesa del pubblico e di +17,74% delle presenze; in lieve flessione il numero di eventi, -2,95%. Come evidenziato in precedenza, nell aggregato altri sport, che vale oltre 21 milioni di euro, sono confluiti la gran parte dei valori registrati per gli eventi olimpici svolti in città; anche l aggregato dell arte varia ha subito un notevole incremento,+6.239,7% in seguito alla contabilizzazione di ulteriori proventi olimpici non legati a specifiche manifestazioni sportive. In conclusione si rileva che la spesa del pubblico maggiore è stata registrata nell area di Roma, con euro; segue l area di Milano, euro e l area di Torino, euro; seguono praticamente allo stesso livello l area di Napoli, euro e l area di Firenze, euro; chiude l elenco l area di Bologna con euro. Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 9

10 Tavola 1 La Spesa del pubblico per macroaggregati Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 10

11 Tavola 2 La composizione della Spesa del pubblico Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 11

12 Tavola 3 Raffronto primo semestre per macroaggregati Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 12

13 Tavola 4 Spesa del pubblico nel settore teatrale Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 13

14 Tavola 5 Composizione della Spesa del pubblico nel settore teatrale Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 14

15 Tavola 6 Spesa del pubblico nei concerti Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 15

16 Tavola 7 Composizione della Spesa del pubblico nei concerti Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 16

17 Tavola 8 Spesa del pubblico nello sport Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 17

18 Tavola 9 Composizione della Spesa del pubblico nello sport Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 18

19 Tavola 10 Spesa del pubblico nel settore ballo e concertini Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 19

20 Tavola 11 Composizione della Spesa del pubblico nel ballo e concertini Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 20

21 Tavola 12 Spesa del pubblico nelle attrazioni dello spettacolo viaggiante Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 21

22 Tavola 13 Composizione della Spesa del pubblico nelle attrazioni dello spettacolo viaggiante Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 22

23 Tavola 14 La Spesa del pubblico per aggregati Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 23

24 Tavola 15 Raffronto primo semestre per aggregati Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 24

25 Tavola 16 Spesa del pubblico per macroarea geografica Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 25

26 Tavola 17 Raffronto primo semestre per macroarea geografica Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 26

27 Tavola 18 Piemonte Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 27

28 Tavola 19 Val d Aosta Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 28

29 Tavola 20 Lombardia Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 29

30 Tavola 21 Liguria Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 30

31 Tavola 22 Trentino Alto Adige Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 31

32 Tavola 23 Veneto Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 32

33 Tavola 24 Friuli Venezia Giulia Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 33

34 Tavola 25 Emilia Romagna Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 34

35 Tavola 26 Toscana Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 35

36 Tavola 27 Marche Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 36

37 Tavola 28 Umbria Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 37

38 Tavola 29 Lazio Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 38

39 Tavola 30 Abruzzo Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 39

40 Tavola 31 Molise Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 40

41 Tavola 32 Campania Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 41

42 Tavola 33 Basilicata Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 42

43 Tavola 34 Puglia Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 43

44 Tavola 35 Calabria Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 44

45 Tavola 36 Sicilia Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 45

46 Tavola 37 Sardegna Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 46

47 CAPITOLO II VOLUME CORRISPETTIVI Tavola 38 Volume dei corrispettivi per aggregati Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 47

48 CAPITOLO II VOLUME CORRISPETTIVI Tavola 39 Raffronto primo semestre per aggregati Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 48

49 CAPITOLO III PRESENZE Tavola 40 Presenze per aggregati Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 49

50 CAPITOLO III PRESENZE Tavola 41 Raffronto primo semestre per macroaggregati Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 50

51 CAPITOLO IV EVENTI Tavola 42 Numero di eventi per aggregati Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 51

52 CAPITOLO IV EVENTI Tavola 43 Raffronto primo semestre per macroaggregati Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 52

53 CAPITOLO V AREE CITTADINE Tavola 44 Bologna Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 53

54 CAPITOLO V AREE CITTADINE Tavola 45 Firenze Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 54

55 CAPITOLO V AREE CITTADINE Tavola 46 Milano Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 55

56 CAPITOLO V AREE CITTADINE Tavola 47 Napoli Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 56

57 CAPITOLO V AREE CITTADINE Tavola 48 Roma Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 57

58 CAPITOLO V AREE CITTADINE Tavola 49 Torino Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 58

59 CAPITOLO V AREE CITTADINE Tavola 50 Composizione delle aree cittadine Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 59

60 APPENDICE Tavola 51 Composizione degli aggregati e macroaggregati Società Italiana Autori ed Editori Ufficio Statistica Pag. 60

61 Società Italiana degli Autori ed Editori Direzione Generale Ufficio Statistica Novembre 2006

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 I consumi culturali: La spesa delle famiglie italiane per la cultura e lo spettacolo rappresenta il 7% della loro

Dettagli

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE Rapporto Annuale Federculture 2013 - Roma e Lazio, dati e tendenze - La dotazione culturale e l offerta Il territorio del Lazio, con all interno

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

ROMA: NON C E ECONOMIA SENZA CULTURA. - dati e tendenze* -

ROMA: NON C E ECONOMIA SENZA CULTURA. - dati e tendenze* - ROMA: NON C E ECONOMIA SENZA CULTURA Proposte per un nuovo modello di città - dati e tendenze* - La dotazione culturale e l offerta L area della Capitale si distingue nel panorama nazionale, e non solo,

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Osservatorio Sport & Turismo

Osservatorio Sport & Turismo Osservatorio Sport & Turismo Il 18 Febbraio scorso si è tenuto a Palazzo Vecchio, all'interno del salone del 200, Firenze Sport Forum, organizzato dall'assessorato allo Sport del Comune di Firenze nell'ambito

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO Il presente studio fa parte delle pubblicazioni effettuate ogni anno, sin dal 1994, a cura della FRT - Federazione Radio Televisioni e SLC-CGIL,

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

Città a Confronto. Cultura e Sport. Dipartimento Programmazione - Settore Statistica

Città a Confronto. Cultura e Sport. Dipartimento Programmazione - Settore Statistica Cultura e Sport Spettacoli I dati raccolti dalla SIAE per il 2012 confermano la difficile situazione economica anche nell'ambito dello spettacolo. A livello nazionale sono quasi 12 milioni i biglietti

Dettagli

LA DIMENSIONE DELLO SPETTACOLO COREUTICO

LA DIMENSIONE DELLO SPETTACOLO COREUTICO 1 La danza in Italia: la produzione e la fruizione di balletti e concerti dal 2008 al 2010 La produzione e la fruizione dei balletti classici, moderni e dei concerti è classificata dalla S.I.A.E. (Società

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

SEFIT. La pianificazione cimiteriale: come e perché Daniele Fogli

SEFIT. La pianificazione cimiteriale: come e perché Daniele Fogli La pianificazione cimiteriale: come e perché Daniele Fogli L incidenza della cremazione in Italia Incidenza attuale e passata della cremazione in Italia In Italia la cremazione, nel corso del 2005, ha

Dettagli

Relazione illustrativa. al piano di rimodulazione estiva degli Uffici Postali ANNO 2014

Relazione illustrativa. al piano di rimodulazione estiva degli Uffici Postali ANNO 2014 Relazione illustrativa al piano di rimodulazione estiva degli Uffici Postali ANNO 2014 Roma, 30 aprile 2014 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL PIANO DI RIMODULAZIONE ESTIVA DEGLI UFFICI POSTALI ANNO 2014 Il piano

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI SETTORE MODA,, ABBIIGLIIAMENTO,, CALZATURE,, ACCESSORII,,PELLETTERIIE,, TESSIILE PER LA CASA ED ARTIICOLII SPORTIIVII Con laa l ccol llaaborraazzi ionee di:: Fashion REPORT INDICE Pag. 1. 2. 3. 4. CONSUMI

Dettagli

Corse e scommesse iippiiche nell mese dii Luglliio 201111

Corse e scommesse iippiiche nell mese dii Luglliio 201111 Corse e scommesse iippiiche nell mese dii Luglliio 21111 Il mese di Luglio ha visto in attività 3 ippodromi: 1 hanno ospitato corse al e 2 corse al. Le giornate disputate sono state in totale 18, rispettivamente

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo maggio 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia Commento

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO APRILE 2016

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO APRILE 2016 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO APRILE 2016 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo aprile 2016 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia Commento

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 giugno 2015 I trimestre 2015 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel primo trimestre del 2015, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in aumento sia per le regioni

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 201 II Trimestre 201 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 201, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in forte aumento per

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 2014 II Trimestre 2014 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 2014, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri risultano in aumento per

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI

OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI Febbraio 2013 METODOLOGIA Il campione è di 653 studi dentistici, proporzionalmente suddivisi per aree Nielsen. North West Piemonte, Val d Aosta, Lombardia,

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Siae Società Italiana degli Autori ed Editori Ufficio Statistica

Siae Società Italiana degli Autori ed Editori Ufficio Statistica Tavola 1 I dati elaborati dalla Siae hanno carattere censuario e non campionario: ossia i valori esposti sono la sintesi di tutte le informazioni raccolte sul territorio dai 650 uffici della SIAE. la rilevazione

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno - 2013 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

semestre del 2010 censita dai 650 Uffici territoriali della Siae.

semestre del 2010 censita dai 650 Uffici territoriali della Siae. INTRODUZIONE semestre del 2010 censita dai 650 Uffici territoriali della Siae. I risultati della rilevazione sono da considerare parziali, tenuto conto che alcuni valori relativi a manifestazioni svoltesi

Dettagli

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE E quanto rilevato dall Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di Banca per la Casa Milano, febbraio 2007 - Il novimestre 2006 conferma la

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

IL MOVIMENTO 5 STELLE ALLE COMUNALI 2012

IL MOVIMENTO 5 STELLE ALLE COMUNALI 2012 IL MOVIMENTO 5 STELLE ALLE COMUNALI 2012 15/05/2012 Obiettivo dello studio Quorum intende presentare un analisi introduttiva sul fenomeno politico del Movimento 5 Stelle Beppegrillo.it durante il primo

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014 La storia Lettera Presidente Renzi; 1650 Comuni segnalano oltre 3300 richieste. (insieme eterogeneo) Incarico a DIPE per inizio istruttoria sui finanziamenti del DL DPCM 28/10 su allentamento Patto di

Dettagli

Siae Società Italiana degli Autori ed Editori Ufficio Statistica

Siae Società Italiana degli Autori ed Editori Ufficio Statistica (*)in base al numero delle proiezioni. Conteggiando le giornate solari, il numero di spettacoli è pari a 1.114.189 Siae Società Italiana degli Autori ed Editori Ufficio Statistica Attività di spettacolo

Dettagli

Basilicata. Spesa del pubblico per Provincia 10.305.752 8.614.249

Basilicata. Spesa del pubblico per Provincia 10.305.752 8.614.249 Spesa del pubblico per Provincia 10.305.752 8.614.249 Basilicata 0 km 20 40 60 80 Siae - Ufficio Statistica 26 Le mappe dello spettacolo 2014 Provincia di Matera - Attività cinematografica 0 km 10 20 30

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

Statistica e Osservatori LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA. In Generale. Coordinamento editoriale:

Statistica e Osservatori LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA. In Generale. Coordinamento editoriale: Statistica e Osservatori NOTIZIESTATISTICHE Numero 7 - Novembre 2007 (Estratto dal Comunicato Stampa di Istat sulle Agrituristiche del 16 novembre 07) LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA L Istat

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana 17 marzo 2009 (dati al 2008) La disponibilità delle informazioni sui sistemi di pagamento a fine 2008, permette di aggiornare le analisi sull evoluzione in

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

ANALISI RICAMBI AUTO E MOTO 2008 2012

ANALISI RICAMBI AUTO E MOTO 2008 2012 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione UIBM ANALISI RICAMBI AUTO E MOTO AUTO E MOTO. RICAMBI E ACCESSORI

Dettagli

Docenti registrati Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873

Docenti registrati Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873 MIUR DATI DI RIEPILOGO Docenti registrati Numero Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873 N.B. Docenti in formazione associati dai tutor nelle classi virtuali n. 44734

Dettagli

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva Un panorama del mercato del leasing in Italia realizzato in collaborazione con LOCAT Leasing e redatto dall Ufficio Studi FIMAA Milano su elaborazioni Nomisma su dati Assilea. Il leasing immobiliare: nel

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE ABRUZZO L'ABRUZZO Via F. Filomusi Guelfi - 67100 -L'Aquila Tel. 0862446148-0862446142 Fax 0862446101-0862446145 E-mail: sr-abr@beniculturali.it E-mail certificata: mbac-sr-abr@mailcert.beniculturali.it

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 MERCATO DELLE EROGAZIONI ITALIA III trimestre 2013 Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 4.958,08 milioni

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 1 aprile 201 1. CAMPIONATI NAZIONALI - SPORT DI SQUADRA AMMISSIONE ALLE FINALI NAZIONALI E COMPOSIZIONE DELLE FASI INTERREGIONALI - Under 14, Allievi, Juniores, Top Junior,

Dettagli

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina N O T I Z I A R I O Supplemento al numero 13/2002 La macellazione in Italia nel 2001 a cura di Giuseppe Messina UNIONE IMPORTATORI ESPORTATORI INDUSTRIALI COMMISSIONARI GROSSISTI INGRASSATORI MACELLATORI

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli