escursioni nel pensiero del buddhismo antico Bhikkhu Anālayo Bhikkhu Anālayo dalla brama alla liberazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "escursioni nel pensiero del buddhismo antico Bhikkhu Anālayo Bhikkhu Anālayo dalla brama alla liberazione"

Transcript

1 Dalla brama alla liberazione è una selezione di studi su temi fondamentali al centro della riflessione esistenziale del buddhismo indiano antico, tra cui: la brama, la contemplazione della sensazione, la felicità, la liberazione. Questi brevi saggi, originariamente pubblicati nella Encyclopaedia of Buddhism (Sri Lanka), chiariscono il significato di questi argomenti sulla base dello studio testuale dei discorsi in lingua pali. dalla brama alla liberazione Bhikkhu Anālayo è nato in Germania nel 1962 e ha ricevuto l ordinazione monastica in Sri Lanka nel Nel 2000 ha completato una tesi di dottorato sul Satipaṭṭhāna-sutta all Università di Peradeniya, pubblicata in inglese da Windhorse (Satipaṭṭhāna, the direct path to realization, 2003) e tradotta in diverse lingue occidentali e orientali. Nel 2007 Bhikkhu Anālayo ha presentato uno studio comparato dei discorsi del Majjhima-nikāya con le versioni parallele preservate in cinese, sanscrito e tibetano come tesi di abilitazione alla libera docenza presso l Università di Marburgo. Attualmente è membro del Centro di studi buddhisti dell Università di Amburgo come libero docente, e lavora come ricercatore presso il Dharma Drum Buddhist College, a Taiwan. Oltre all attività accademica, Bhikkhu Anālayo insegna meditazione in Sri Lanka. ISBN Bhikkhu Anālayo dalla brama alla liberazione escursioni nel pensiero del buddhismo antico Bhikkhu Anālayo

2

3

4 dalla brama alla liberazione escursioni nel pensiero del buddhismo antico (1) Bhikkhu Anālayo

5 traduzione di Letizia Baglioni a cura di Giuliana Martini copertina di Laurent Dhaussy Anālayo 2010, ed. rivista 2012 Lulu Raleigh, NC USA ISBN Il contenuto di questo libro è offerto gratuitamente. Il prezzo della pubblicazione si riferisce ai soli costi di stampa e distribuzione. Una versione elettronica è scaricabile dal seguente indirizzo: 2/print/dalla_brama_alla_liberazione_ed_riv.pdf Titolo originale: From Craving to Liberation, Excursions into the Thought-world of the Pāli Discourses, New York, The Buddhist Association of the United States, Il materiale confluito in questo libro deriva dalle seguenti voci originariamente pubblicate nella Encyclopaedia of Buddhism, a cura di W.G. Weeraratne, Sri Lanka, Department of Buddhist Affairs: Rāga (vol. 7.3, 2005, pp ); Sukha (vol. 8.1, 2007, pp ); Taṇhā (vol. 8.2, 2008, pp ); Thīnamiddha (vol. 8.2, 2008, pp ); Uddhaccakukkucca (vol. 8.2, 2008, pp ); Upekkhā (vol. 8.2, 2008, pp ); Vedanā (vol. 8.3, 2009, pp ); Vedanānupassanā (vol. 8.3, 2009, pp ); Vibhavataṇhā (vol. 8.3, 2009, pp ); Vicikicchā (vol. 8.3, 2009, pp ); Vimokkha (vol. 8.3, 2009, pp ); Vimuttāyatana (vol. 8.3, 2009, pp ); Vimutti (vol. 8.3, 2009, pp ); Virāga (vol. 8.3, 2009, pp ); Vyāpāda (vol. 8.3, 2009, pp ); Ya thā bhūtañāṇadassana (vol. 8.3, 2009, pp ).

6 Introduzione vi 1 La brama ~ taṇhā Figure della brama Tipologia della brama Il sorgere della brama La cessazione della brama Il sentiero della libertà dalla brama 20 2 La passione ~ rāga La natura della passione L eliminazione della passione La passione e la dis-passione 32 3 La malevolenza ~ vyāpāda Le manifestazioni della malevolenza Il sorgere e le conseguenze della malevolenza Come vincere la malevolenza 50 4 L indolenza-e-torpore ~ thīnamiddha La natura di indolenza-e-torpore L eliminazione di indolenza-e-torpore 56 5 L irrequietezza-e-preoccupazione ~ uddhaccakukkucca 60 iii

7 5.1 L irrequietezza La preoccupazione L irrequietezza-e-preoccupazione 65 6 Il dubbio ~ vicikicchā La natura del dubbio Dubbio e investigazione 71 7 La sensazione ~ vedanā La natura delle sensazioni Le sensazioni fisiche e mentali Sensazioni e retribuzione karmica Sensazioni e opinioni 85 8 La contemplazione delle sensazioni ~ vedanānupassanā 8.1 L analisi delle sensazioni Sensazioni e reazioni mentali Il frutto della contemplazione delle sensazioni Sensazioni e impermanenza Il significato di dukkha 96 9 La felicità ~ sukha Tipologia della felicità La prospettiva etica sulla felicità La felicità e lo sviluppo della mente iv

8 10 L equanimità ~ upekkhā L equanimità verso l esperienza sensoriale L equanimità come dimora divina L equanimità come fattore di risveglio La conoscenza e visione secondo realtà ~ yathābhūtañāṇadassana Le implicazioni di yathābhūta Conoscenza e visione Il risveglio del Buddha Lo sviluppo di yathābhūtañāṇadassana La liberazione ~ vimutti Le otto emancipazioni La liberazione della mente Le occasioni per conseguire la liberazione Gli esseri liberati Il cammino della liberazione 164 Elenco delle abbreviazioni 171 Riferimenti bibliografici 172 Indice analitico 174 v

9

10 Introduzione I saggi riuniti in questo libro sono versioni modificate di voci originariamente comparse nella Encyclopaedia of Buddhism, pubblicata in Sri Lanka. Il significato di ogni termine viene illustrato con particolare riferimento ai discorsi antichi in lingua pali, utilizzando come materiale collaterale altre fonti, fra cui opere pali più tarde, versioni parallele dei discorsi conservate in cinese, o letteratura secondaria. La prima parte del libro tratta principalmente dei fattori o stati mentali ostacolanti che occorre superare; quella intermedia è dedicata alla coltivazione della visione profonda; la terza e ultima temi legati alla meta di tale coltivazione. La raccolta inizia perciò prendendo in esame fondamentali fattori mentali inquinanti come la brama e la passione, che occorre comprendere e superare. Poiché la passione è uno stato assai simile al desiderio sensuale, che è il primo della tradizionale serie dei cinque impedimenti, quest ultimo non viene trattato come tema a sè stante, ma dalla passione passo direttamente a trattare i successivi quattro impedimenti: ma levolenza, indolenza -e-torpore, irrequietezza-e- preoccupazione e dubbio. Secondo la formulazione classica dell origine dipendente, o paṭicca samu ppāda, la brama sorge in dipendenza dalla sensazione, che quindi va esplorata in quanto componente cruciale dell esperienza umana. Partendo da questo presupposto, la vii

11 seconda parte del libro prende in esame le sensazioni e le implicazioni della contemplazione delle sensazioni. Di qui procedo a una rassegna di termini come felicità e equanimità dall altro la trascendono, in quanto alludono a stati mentali che sono visti come il frutto di uno sviluppo ben riuscito della visione profonda, cui è dedicata la terza parte del libro. Gli altri temi trattati nell ultima parte sono la conoscenza e visione secondo realtà, obiettivo della pratica della visione profonda, e il concetto di liberazione nei discorsi pali, che include il perfezionamento della pratica sia nel dominio della meditazione di quiete sia in quello della visione profonda. Pur essendomi proposto di presentare il materiale secondo un ordine logico, i vari capitoli sono stati concepiti come contributi indipendenti il cui contenuto non presuppone quello dei precedenti, che perciò non vanno necessariamente letti in sequenza. Nel rivedere le originarie voci di enciclopedia ho cercato di adattare la trattazione a un pubblico non specialistico. Ho fatto quindi a meno delle note a piè di pagina e messo fra parentesi tonde i riferimenti testuali, per agevolare il lettore o la lettrice che desiderino tralasciare informazioni che potrebbero non essere di immediato interesse. La mia speranza è di poter offrire materiale utile a chi si accosta al buddhismo come sistema di sviluppo mentale, con una rilevanza pratica, senza sacrificare il rigore accademico. In conclusione, vorrei ringraziare tutti coloro che hanno letto e rivisto i singoli saggi in corso di stesura, il curatore della Encyclopaedia of Buddhism per aver concesso il diritto di ripubblicarli, e infine Bhikkhu Bodhi, per aver gettato le basi di tutto il mio lavoro con la sua gentile supervisione. La responsabilità di ogni eventuale errore resta, naturalmente, solo mia. viii

12 1 La brama ~ taṇhā Secondo l analisi esistenziale del buddhismo antico, la brama, o taṇhā, è alla radice della condizione samsarica in quanto cruciale fattore direttamente responsabile del sorgere di dukkha, come precisa la seconda nobile verità. Data l importanza che riveste in quanto causa primaria di prigionia, taṇhā figura in numerosi passi e contesti dei discorsi antichi, ed è argomento di una intera sezione del Dhammapada (Dhp ). In questo capitolo vorrei innanzitutto esaminare la natura di taṇhā sulla scorta di alcune similitudini tratte dai discorsi antichi che ne illustrano i diversi aspetti (1.1). Successivamente, passerò in rassegna i diversi tipi di brama, con particolare riferimento al concetto di brama di non-esistenza, vibhavataṇhā (1.2). Una volta chiarita la natura della brama, passerò a esaminare il suo sorgere (1.3), le implicazioni della sua cessazione (1.4), e infine i passi da compiere per affrancarsi da taṇhā (1.5). 1.1 Figure della brama La parola taṇhā significa letteralmente sete, connotazione rispecchiata dal termine pressoché sinonimo tasiṇā. Taṇhā, nel senso traslato di sete che esige la soddisfazione dei desideri, si manifesta come un senso di insufficienza o di man- 1

13 brama ~ taṇhā canza, ed è radicato nell insoddisfazione. I vari aspetti della brama sono riflessi in una serie di immagini e similitudini ricorrenti nei discorsi. Una di queste è l essere irretiti dalla brama, l incappare nella rete della brama. L immagine ricorre in un discorso dell Aṅguttara-nikāya che illustra centotto manifestazioni di taṇhā (AN II ). Il discorso inizia col distinguere diciotto forme di brama interna e diciotto forme di brama esterna. Le manifestazioni interne della brama sono rappresentazioni di vario tipo basate sull iniziale nozione io sono e che conducono a rappresentazioni quali: io sono questo, dovrei essere altrimenti?, magari fossi così, e così via. Le controparti esterne si generano quando questa stessa nozione di io sono si collega al mondo esterno, come ad esempio: in virtù di questo, io sono, e via dicendo. Sommando le due modalità, e riferendole al passato, al presente e al futuro, si ottengono centotto forme di prigionia, che il discorso dell Aṅguttaranikāya descrive come una condizione di irretimento nella brama, taṇhā-jālinā. Il rapporto qui istituito fra la rete della brama e il concetto di sé si ritrova nel Mahātaṇhāsaṅkhaya-sutta. In questo discorso si afferma che il monaco Sāti, ostinato sostenitore della opinione erronea secondo cui è sempre la medesima coscienza a trasmigrare nel saṃsāra, è intrappolato nella grande rete della brama, mahātaṇhā-jāla (MN I 271). Il rapporto fra la brama e le opinioni intelletiali in generale emerge da un discorso del Saṃyutta-nikāya secondo il quale le opinioni speculative circa il destino di un Tathāgata dopo la morte sono solo espressione di compiacimento nella brama (taṇhārāma), di un gusto e apprezzamento per la brama (taṇhā-rata, taṇhā-samudita) (SN IV 390). 2

14 brama ~ taṇhā L immagine della rete ricorre, in rapporto alla brama in generale, in un verso delle Theragāthā che paragona la condizione di chi ha distrutto la rete della brama, taṇhā-jāla, alla luna immacolata in un limpido cielo notturno (Th 306). Il Dhammapada si serve della stessa immagine per contrapporre all irretimento della brama la libertà del Buddha, che non è soggetto a confinamento ma gode di spazio illimitato, anantagocara (Dhp 180). La brama come qualcosa che lega, bandhana (SN I 8), cui allude la metafora della rete, ricorre anche in altre similitudini. Dominati dalla brama, tasiṇā, gli esseri girano a vuoto come conigli in trappola (Dhp 342). Avviluppati dal manto della brama, taṇhā-chadana-chāditā, sono prigionieri come pesci caduti nella rete (Ud 76). L idea del legame, o del legare, sottende anche una similitudine che paragona la brama a una sarta (taṇhā sibbanī). Questa particolare sarta cuce insieme il contatto, il suo sorgere e la sua cessazione; il passato, il futuro e il presente; il piacere, il dolore e il né-piacere-né-dolore; o, ancora, nome, forma e coscienza; gli organi di senso, gli oggetti sensoriali e la coscienza; la personalità, il suo sorgere e la sua cessazione (AN III , commentario su Sn 1042). Da qualunque punto di vista la si consideri, la sarta della brama è responsabile della continuità del divenire, bhava, e dunque della continuità di dukkha. Questa brama vischiosa, taṇhā visattikā (Dhp 335), è un giogo che avvince gli esseri all esistenza, taṇhā-yoga (It 50), e li induce ad addossarsi il fardello dei cinque aggregati, taṇhā vuccati bhārādānaṃ (SN III 26). Anzi, è essa stessa responsabile della comparsa e dell esistenza dell essere vivente, satta (SN III 190). Dopo morto, questi viene sospinto alla prossima rinascita per effetto della brama, taṇhupādāna, come una fiamma 3

15 brama ~ taṇhā è trasportata dal vento (SN IV 400). In altre parole, dal punto di vista del ciclo del saṃsāra, la brama è il vincolo per eccellenza, taṇhā-saṃyojana (It 8). Un altra serie di immagini si ispira alla crescita degli organismi naturali. Sono immagini che mettono in guardia dal pericolo cui si va incontro lasciando la brama al proprio corso naturale, consentendole perciò di irrobustirsi. Questo aspetto compare in un verso del Dhammapada che paragona la fertilità della tendenza latente alla brama, taṇhānusaya, a un albero che ricresce dopo essere stato tagliato. Analogamente, finché le radici resteranno intatte, la brama continuerà a ricrescere (Dhp 338). Ecco perché occorre estirparla alla radice (SN I 16). Il tema della crescita ricorre anche in un discorso dell Aṅguttara-nikāya, secondo cui la brama è l umidità, taṇhā sineho, che permette al seme della coscienza di germinare nel suolo del karma (AN I 223). La brama è simile a un rampicante, taṇhā-lata (Th 1094), che occorre recidere se ci si vuole liberare. Un verso del Dhammapada riprende la stessa immagine, affermando che, per i negligenti, la brama cresce come un rampicante, māluvā viya (Dhp 334). Di conseguenza, aggiunge, gli esseri passano da una vita all altra come scimmie che saltano di albero in albero per agguantare i frutti. La similitudine della scimmia che salta di ramo in ramo ci introduce all idea del cammino interminabile, idea che viene messa in evidenza da un altra serie di immagini che paragona la brama a un corso d acqua. Nessuna corrente regge il confronto con la brama, n' atthi taṇhāsamā nadī, ammonisce un verso del Dhammapada (Dhp 251). Un altro passo afferma che chi è in balia della brama è trasportato dalla corrente, taṇhādhipannā anusota-gāmino (AN II 6). Quindi, occorre estinguere la brama, come si drenerebbe un rapido corso d acqua (Sn 4

16 brama ~ taṇhā 3). Comprendere a fondo la brama permette di guadare la piena (Sn 1082), e l arahant, che ha eliminato la brama alla radice, è uno che ha attraversato la corrente, chinna-soto (SN IV 292). Una versione più dettagliata della similitudine della corrente ricorre in un discorso dell Itivuttaka (It ), dove si fa il caso di un uomo che si lascia portare da un piacevole corso d acqua. Dalla sponda, qualcuno lo avvisa che poco più in basso c è un tonfano turbolento dove allignano esseri pericolosi. Imbattendosi in quei pericoli, l uomo trasportato dalla corrente andrà incontro alla morte, o a sofferenze paragonabili alla morte. La metafora mette in luce l inaffidabilità della corrente della brama, ed è un severo monito a non soccombere alla sua fatale attrazione. Il mondo intero, infatti, è sospinto dalla brama, taṇhāya nīyati loko (SN I 39). L impotenza di chi è preda dalla brama è evidenziata da un altra similitudine, che paragona gli esseri sospinti dall influsso della brama di esistenza, taṇhā-gataṃ bhavesu, a pesci che si dibattono su un fondale prosciugato (Sn ). Il pericolo connaturato al soccombere alla brama da cui occorre stare in guardia diventa ancora più esplicito in un altra serie di immagini che paragona la brama a un dardo o a una freccia. Il mondo è trafitto da questo dardo, taṇhā-sallena otiṇṇo (SN I 40), brucia perennemente di desiderio. La stessa immagine si ritrova in parecchi versi del Theragāthā, in cui i monaci esprimono la ferma determinazione di astenersi dal cibo, di non lasciare la propria capanna (Th 223 e 313), o perfino di non sedersi più (Th 514), finché il dardo della brama non sia stato rimosso definitivamente. Il Sunakkhatta-sutta espande la similitudine del dardo (MN II 260), precisando che il dardo della brama è intinto nel veleno dell ignoranza, e ha penetrato la ferita delle sei basi sensoria- 5

17 brama ~ taṇhā li interne. Il chirurgo che estrae il dardo dalla ferita è il Tathāgata; per estrarlo occorrono lo specillo della presenza mentale e il bisturi del nobile discernimento. Il Buddha, in quanto buon medico che insegna la via della libertà dalla brama, riceve l epiteto di distruttore del dardo della brama, taṇhā-sallassa hantāra (SN I 192). Un im magine complementare, anch essa ispirata alla dimensione della malattia fisica, presenta la brama come la radice di un tumore, gaṇḍa-mūla (SN IV 83), che occorre rimuovere per riacquistare la salute mentale. Un discorso del Saṃyutta-nikāya suggerisce che, se anche un monaco vivesse ritirato da ogni contatto sociale, nella misura in cui permanesse in lui la brama non potrebbe affermare di dimorare in solitudine, perché avrebbe la brama come suo secondo, ossia come compagno (SN IV 36). Lo stesso discorso introduce così un altra metafora della brama: quella del secondo, del compagno inseparabile, taṇhā dutiyo puriso (Sn 740). L immagine mette in evidenza la profonda e pervasiva insoddisfazione generata dalla brama, una sensazione di mancanza così implicita nell esperienza abituale del mondo da essere quasi data per scontata. Difatti, spiega un altro passo, taṇhā può divenire oggetto di appropriazione come un sé, taṇhā attā 'ti (MN III 284). In altre parole, la brama ha radici così profonde nel vissuto soggettivo da essere divenuta parte del senso di identità dell individuo. Ecco perché superarla è tanto difficile: affrancarsi dalla brama richiede non solo di prendere coscienza del suo inevitabile correlato di insoddisfazione e frustrazione, ma implica anche la rinuncia a parte di ciò che viene vissuto come io e mio. Questo compagno inseparabile è molto forte e tende a imporsi come guida, tanto che ad avere la brama come secondo si rischia di diventarne i servi, taṇhā-dāsa. Il Raṭṭhapāla-sutta 6

18 brama ~ taṇhā (MN II 71) chiarisce le implicazioni di questa servitù. Il discorso prende spunto dallo sconcerto del re Koravya di fronte alla scelta del giovane e florido Raṭṭhapāla, rampollo della famiglia più facoltosa della città, il quale decide di lasciare beni e parenti per farsi monaco buddhista. Per spiegare i motivi della sua decisione, Raṭṭhapāla fa appello alla nozione di essere servo della brama, taṇhā-dāso. Richiesto dal re di esplicitare la metafora, Raṭṭhapāla domanda a sua volta cosa farebbe il re se venisse a sapere che fra i territori confinanti a oriente vi è un paese molto ricco e facile da conquistare. Il re risponde che, senza dubbio, vorrebbe conquistarlo. Raṭṭhapāla ripropone la domanda per le terre confinanti agli altri punti cardinali, incluse quelle oltremare. Invariabilmente, il re ammette che farebbe di tutto per conquistarle. In tal modo, Raṭṭhapāla gli dimostra l insaziabilità della sete di potere, una tipologia di brama opportunamente desunta dall esperienza di vita del re. Paradossalmente, la sete di potere trasforma il re in servo: il servo, perlappunto, della brama. Come si evince dall esempio del Raṭṭhapāla-sutta, la brama può non avere nulla a che fare con un reale bisogno; perfino il re, l uomo più influente del paese, non si contenterà del potere che ha ma sarà sempre pronto a fare di tutto per e- stenderlo. 1.2 Tipologia della brama La classica formula della seconda nobile verità distingue fra brama sensuale, kāma-taṇhā, brama di esistenza, bhava-taṇhā, e brama di non-esistenza, vibhava-taṇhā (p. es. SN V 421). Il primo tipo può manifestarsi in relazione a uno qualunque dei 7

19 brama ~ taṇhā sei sensi, assumendo pertanto sei modalità, in funzione dell oggetto sensoriale coinvolto. Si avranno dunque in questo caso sei taṇhā-kāyā: rūpa-taṇhā, sadda-taṇhā, gandha-taṇhā, rasa-taṇhā, phoṭṭhabba-taṇhā, e dhamma-taṇhā (p. es. DN III 244). La brama di esistenza può avere per oggetto modalità materiali o immateriali di esistenza, diversificandosi quindi in rūpa-taṇhā e arūpa-taṇhā; a queste il Saṅgīti-sutta aggiunge nirodha-taṇhā, o brama di cessazione (DN III 216). Il Saṅgīti-sutta, inoltre, elenca quattro tipi di brama peculiari alla vita monastica, cattāro taṇhuppādā, che hanno per oggetto, rispettivamente, la veste, il cibo, l alloggio e forme di esistenza (DN III 228). I primi tre tipi si ritrovano anche in un verso del Sutta-nipāta (Sn 339). Inoltre, vi è la brama diretta alle opinioni, diṭṭhi-taṇhā (AN II 12), ai cosiddetti quattro alimenti (SN II 101), agli averi (Dhp 355), o al possesso in generale, ādāna-taṇhā (Sn 1103). Dei tre tipi di brama menzionati nella seconda nobile verità, particolarmente interessante è la brama di non- e si stenza o non-divenire, vibhava. Per chiarirne le implicazioni, inizierò con l esaminare il termine vibhava, per poi passare al concetto di vibhava-taṇhā. Vibhava ricorre regolarmente nei discorsi antichi accanto a sinonimi come annichilazione, uccheda, e distruzione, vināsa. Una teoria che affermi la futura non-esistenza, vibhavadiṭṭhi, è un estremo, la cui controparte sono le teorie fondate sull eternalismo. I seguaci dell uno e dell altro punto di vista si fanno la guerra e, influenzati dalla brama e dall at taccamento, non possono arrivare alla liberazione (MN I 65). Aderendo a queste due prospettive, gli uomini mancano l obiettivo, o per difetto o per eccesso (It 43). Sostenere vibhava-diṭṭhi lo manca per eccesso, in quanto il disgusto per l esistenza porta a caldeggiare l idea della non-esistenza e a 8

20 brama ~ taṇhā considerare la cessazione del sé che si verifica alla morte come somma pace. Un esempio di annichilazionismo radicale è la posizione attribuita dal Sāmaññaphala-sutta ad Ajita Kesakambalī (DN I 55). Si tratta della teoria secondo cui un essere umano non è altro che la somma dei quattro elementi. Quando si muore, accade solo che il corpo viene portato al crematorio, le ossa si sbiancano e le offerte diventano cenere. Secondo questa dottrina, ipotizzare una qualche forma di sopravvivenza post mortem è parlare a vuoto, dato che, con la morte, tanto i saggi che gli stolti vengono annientati e cessano completamente di esistere. Come fa notare il Sandaka-sutta, partendo da queste premesse, dedicare la vita allo sviluppo spirituale è privo di senso (MN I 515). La condizione in cui versano gli annichilazionisti è dipinta a tinte forti dal Pañcattaya-sutta, che paragona la loro situazione a quella di un cane che è incatenato a un pilastro e non fa che girarci attorno (MN II 232). Il senso della metafora è che, per quanto motivato da disincanto nei confronti dell e sistenza personale, sakkāya, l anni chilazionismo non riesce ad andare oltre il concetto di identità intrinseca. Al contrario, i suoi fautori continuano a girare a vuoto, per così dire, attorno a quell esistenza personale che pure vorrebbero abbandonare. Per quanto tali brahmani e asceti possano proclamare, in vario modo, che vibhava è la via d uscita da bhava, non riu sciranno a emanciparsi dall esistenza (Ud 33). Solo smettendo di preoccuparsi di vibhava e di bhava si può trascendere il futuro divenire, vibhavañca bhavañca vippahāya... khīnapunabbhavo (Sn 514). Il radicale mutamento di prospettiva necessario per trascendere realmente il divenire si può meglio comprendere esaminando attentamente l aspirazione che secondo un di- 9

21 brama ~ taṇhā scorso del Saṃyutta-nikāya illustra il credo annichilazionista, o uccheda-diṭṭhi (SN III 99). L aspirazione è così formulata: che io non sia, che ciò non sia per me; io non sarò, ciò non sarà per me, no c' assaṃ, no ca me siyā, na bhavissāmi, na me bha vi ssati. Il discorso del Saṃyutta-nikāya mette in evidenza che tale aspirazione si radica nell ignoranza, ed è una espressione della brama. Un discorso dell Aṅguttara-nikāya, tuttavia, considera questa aspirazione come la migliore fra le opinioni eterodosse, aggaṃ bāhirakānaṃ diṭṭhigatānaṃ (AN V 63). Il motivo di tale valutazione relativamente favorevole potrebbe essere che una massima formulata pressapoco nello stesso modo circolava fra i seguaci buddhisti, con una piccola, ma decisiva, differenza. La versione modificata è concepita come segue: che ciò non sia, che ciò non sia per me; ciò non sarà, e non sarà per me, no c' assa, no ca me siyā, na bhavissati, na me bhavissati (MN II 24; SN III 55; AN IV, 70; Ud 78). La sostituzione della prima persona con la terza nella coniugazione verbale evidenzia il bisogno di andare oltre l idea del sé che è implicata dall approccio annichilazionista. Un discorso del Saṃyutta-nikāya spiega come un asp irazione così enunciata possa portare all eliminazione dei vincoli inferiori, e di qui alla liberazione finale. La persona comune spiritualmente incolta non si avvede che ciascuno dei cinque aggregati è impermanente, insoddisfacente e privo di un sé. Al contrario, il nobile discepolo comprende la natura dei cinque aggregati e di conseguenza formula l aspirazione: che ciò non sia, che ciò non sia per me; ciò non sarà, e non sarà per me. Praticando così, ci si può attendere la distruzione dei primi tre vincoli (SN III 57). Se tale aspirazione non suscita timore, e se ogni passione nei riguardi dei cinque aggregati è completamente superata, 10

22 brama ~ taṇhā la coscienza diventa senza supporto, apatiṭṭhita, e si raggiungerà la liberazione finale. L Āneñjasappāya-sutta osserva che bisogna evitare l attaccamento all equanimità che ne deriva, se si vuole che la pratica fondata su questa massima conduca alla liberazione finale (MN II 265). Secondo l Alagaddūpama-sutta, gli asceti e brahmani contemporanei del Buddha ritenevano che quest ultimo fosse un annichilazionista, poiché pensavano che asserisse l anni chilimento, la distruzione e la non-esistenza di un essere esistente, sato sattassa ucchedaṃ vināsaṃ vibhavaṃ paññāpeti (MN I 140). In risposta a tale interpretazione erronea del suo insegnamento, il Buddha puntualizzava che egli non insegnava altro che dukkha e la cessazione di dukkha. Il generale Sīha e il brahmano Verañja erano incorsi in questo genere di fraintendimento. In risposta all im putazione di annichilazionismo, il Buddha ammette scherzosamente che si poteva senz altro dire che egli insegnasse l estinzione, e precisamente l estinzione degli stati mentali non salutari, ossia la passione, la rabbia e l illusione (Vin I 235 = AN IV 182; Vin III 2 = AN IV 174). Non soltanto gli asceti e i brahmani, ma a volte anche i monaci buddhisti potevano fraintendere questo punto. Secondo un discorso del Saṃyutta-nikāya, il monaco Yamaka aveva affermato che gli arahant si estinguono dopo la morte (SN III 109). Così facendo, egli opta per una delle quattro soluzioni riguardo al destino ultimo di un risvegliato, secondo le quali un Tathāgata termine che in qualche caso designa un essere liberato in generale o esiste dopo la morte, o non esiste, o l una e l altra cosa, o nessuna delle due. Il Buddha si rifiutò costantemente di pronunciarsi per l una o l altra di tali posizioni (p. es. MN I 484). Il problema fondamentale insito in proposizioni del genere è lo stesso illustrato 11

23 brama ~ taṇhā dal Pañcattaya-sutta con la metafora del cane che gira a vuoto attorno al pilastro cui è legato, che in questo caso rappresenta la presunta esistenza di un sé sul quale si possano fare affermazioni. L asserzione erronea del monaco Yamaka viene ripresa e analizzata accuratamente da Sāriputta, con il risultato che Yamaka è costretto a concedere l impossibilità, in concreto e a rigor di logica, di reperire un Tathāgata perfino nell immediato, per non parlare di future esistenze o di nonesistenze dopo la morte (SN III 112). Ciò che accade alla morte di un risvegliato è espresso in e- strema sintesi dal novizio Adhimutta, che sta per essere ucciso da una banda di briganti. Senza mostrare alcuna paura della morte, comunica al capobanda che, dal suo punto di vista, non c è ragione di dolersi all idea di venire ucciso, dato che a divenire non esistenti saranno solo i saṅkhāra, saṅkhārā vibhavissanti, tattha kā paridevanā (Th 715). Una volta analizzato il termine vibhava, siamo a questo punto in condizioni di esaminare la brama di non-esistenza o non-divenire, vibhava-taṇhā. Un caso palese potrebbe essere quello degli impulsi suicidi, nel senso di brame di vario tipo che motivano una persona a porre forzatamente termine alla propria vita. Tuttavia, la menzione esplicita di vibhava-taṇhā nella succinta esposizione della seconda nobile verità sul sorgere di dukkha, accanto a pulsioni di base come la brama sensuale e la brama di esistenza, kāma-taṇhā e bhava-taṇhā, fanno pensare a implicazioni più vaste di un mero impulso suicida. A questo proposito è interessante che il Brahmajāla-sutta e- lenchi sette cause, vatthu, che sono all origine della prospettiva annichilazionista (DN I 34; cfr. anche Bodhi 1978). Si tratta di sette modi di concepire il sé e la sua cessazione. Il primo consiste nell identificare il sé con il corpo fisico, per 12

24 brama ~ taṇhā cui la morte del corpo coinciderebbe con l estinzione del sé. Secondo l assunto alla base della scelta suicida, ponendo termine alla propria vita, e provocando forzatamente la morte del corpo fisico, si porrebbe termine a tutti i problemi. Che all origine vi sia una esplicita credenza razionale, o semplicemente un concetto implicito della natura del sé, la motivazione dell impulso suicida è la ricerca di una soluzione per mezzo di una evasione dal corpo fisico. Nella sua analisi delle credenze di tipo annichilazionista, il Brahmajāla-sutta menziona anche la possibilità che il sé venga identificato con un corpo fisico divino alimentato da cibo grossolano, o con un corpo divino di natura mentale dotato di membra e facoltà sensoriali. Gli ultimi quattro motivi di una prospettiva annichilazionista elencati dal Brahmajālasutta chiamano in causa i quattro conseguimenti degli stati meditativi immateriali, ossia la sfera dello spazio infinito, della coscienza infinita, del nulla e della né-percezione-nénon-percezione. Al fine di individuare un significato più profondo e una più vasta rete di implicazioni del termine vibhava-taṇhā, gli ultimi quattro presupposti di prospettive annichilazioniste forniti dal Brahmajāla-sutta sono particolarmente interessanti. Se ne deduce che nell India antica la non-esistenza o il non-di venire potevano essere considerati obiettivi da raggiungere tramite la pratica meditativa, in particolare tramite la realizzazione di una delle sfere immateriali. Dato che l esperienza delle sfere immateriali richiede una dose considerevole di abilità e di esercizio, un credo annichilazionista fondato sul conseguimento o l esperienza di questi stati non potrebbe ragionevolmente sostenere che tutti gli esseri sono destinati all estinzione. Ossia, dal punto di vista dei suoi sostenitori, l estinzione non sarebbe toccata in sorte 13

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

escursioni nel pensiero del buddhismo antico Bhikkhu Anālayo Bhikkhu Anālayo dall attaccamento al vuoto

escursioni nel pensiero del buddhismo antico Bhikkhu Anālayo Bhikkhu Anālayo dall attaccamento al vuoto Dall attaccamento al vuoto è una selezione di studi su temi fondamentali al centro della riflessione esistenziale del buddhismo indiano antico, tra cui: l attaccamento, la retta visione, la visione profonda,

Dettagli

2: Si trova quel che si cerca

2: Si trova quel che si cerca 2: Si trova quel che si cerca Quel che si trova dipende soprattutto da ciò che si stava cercando! Nel campo della ricerca scientifica, dai tempi della rivoluzione quantistica dello scorso secolo, è un

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Cos è il Rifugio, perché Prendere Rifugio?

Cos è il Rifugio, perché Prendere Rifugio? Cos è il Rifugio, perché Prendere Rifugio? Ajahn Sucitto Prendere Rifugio è la frase che esprime l assunzione di un impegno nei riguardi del sentiero del Risveglio, così come originariamente insegnato

Dettagli

Una parola è già abbastanza

Una parola è già abbastanza Una parola è già abbastanza dal Venerabile Ajahn Chah Titolo originale inglese Even One Word Is Enough, pubblicato per la prima volta nel libro Everything Is Teaching Us. Il discorso è stato pronunciato

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Ho vivamente apprezzato la tua recente

Ho vivamente apprezzato la tua recente 35 Le illusioni e i desideri sono illuminazione Ho vivamente apprezzato la tua recente visita e la tua costante preoccupazione per le numerose persecuzioni che mi sono capitate. Poiché ho subìto queste

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

INSEGNAMENTI SULL'AMORE

INSEGNAMENTI SULL'AMORE INSEGNAMENTI SULL'AMORE DI THICH NHAT HANH - ED. NERIPOZZA, 2004 Recensione a cura di SIMONA BRANCHI Un libro che emoziona, le cui parole, profonde e piene di grazia, risuonano come poesia nell'animo del

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Le Quattro Nobili Verità. del Venerabile Ajahn Sumedho. Associazione Santacittarama, 1999. Tutti i diritti sono riservarti.

Le Quattro Nobili Verità. del Venerabile Ajahn Sumedho. Associazione Santacittarama, 1999. Tutti i diritti sono riservarti. Le Quattro Nobili Verità del Venerabile Ajahn Sumedho Sono più di trent'anni che Ajahn Sumedho rappresenta concretamente la via del Buddha. Da giovane si è laureato all'università Berkley in California,

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Passo N 1 dell argomento.!

Passo N 1 dell argomento.! Un diagramma Venn per aiutarvi a trarre le vostre proprie conclusioni Passo N 1 dell argomento. Nel diagramma Venn qui sotto, il cerchio contrassegnato denota l insieme di tutte le cose che in qualsiasi

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Introduzione Questo saggio si pone come finalità la discussione di una citazione

Dettagli

Domanda: Nel capitolo Espedienti

Domanda: Nel capitolo Espedienti 40 Il vero aspetto di tutti i fenomeni Domanda: Nel capitolo Espedienti del primo volume del Sutra del Loto si legge: «Il vero aspetto di tutti i fenomeni può essere compreso e condiviso solo tra Budda.

Dettagli

L IGNORANZA E GLI ALTRI DIFETTI MENTALI.

L IGNORANZA E GLI ALTRI DIFETTI MENTALI. L IGNORANZA E GLI ALTRI DIFETTI MENTALI. Come sappiamo, vi sono due livelli di verità, cioè due modi d essere dei fenomeni : a) la verità relativa è l aspetto convenzionale di un fenomeno, cioè come esso

Dettagli