ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA REGOLAMENTO C NORME PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AL PERSONALE DELL I.N.E.A.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA REGOLAMENTO C NORME PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AL PERSONALE DELL I.N.E.A."

Transcript

1 ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA REGOLAMENTO C NORME PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AL PERSONALE DELL I.N.E.A. (DPR n 509/79, art. 59, primo comma, punto 4, come modificato dal DPR n 171/91, art. 24, punto 5 e art. 51 del CC.NL. 7/10/96) (Modificato dalla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 20 del 17/07/08) ARTICOLO 1 L Istituto, ha la facoltà di concedere ai dipendenti dell INEA (di ruolo e a tempo determinato), in conseguenza di eventi documentati che comportino sensibile aggravio al bilancio familiare, come previsto dal successivo art. 3, l autorizzazione ad ottenere da un Istituto di credito un prestito garantito dall INEA. L INEA, per la concessione dei prestiti al personale, stipulerà apposito convenzione con Istituti di credito e/o finanziari di notoria solidità e disponibili a praticare le condizioni di miglior favore. L intervento dell Ente nella stipula della suddetta operazione bancaria sarà finalizzato ad integrare la differenza tra il saggio di interesse richiesto dall Istituto di credito ed il tasso legale nonché, come sopra accennato, a garantire la banca del buon esito dell operazione stessa. Il prestito non potrà essere concesso a quei dipendenti i quali, alla data di presentazione della domanda, risultino sottoposti a provvedimenti disciplinari che prevedano la sospensione dal servizio e dalla retribuzione. ARTICOLO 2 L importo annuale viene stabilito su base percentuale sulla somma complessiva dell l% relativo alle spese del personale iscritto nel Bilancio di previsione dell anno di riferimento. Le eventuali somme residue alla data del 10 novembre confluiranno nelle somme destinate al benessere del personale. Nel caso in cui la somma stanziata per i prestiti non fosse sufficiente a coprire le richieste del personale, si potrà attingere, in casi di particolare gravità, dal fondo destinato alle attività ricreative e cultuali fino ad un massimo di 3.000,00. ARTICOLO 3 Il prestito può essere concesso per i seguenti eventi: a. Malattia grave o intervento chirurgico grave del dipendente o di altro familiare a suo carico 1 non rimborsato da assistenza sanitaria pubblica o privata; b. Decesso del coniuge o di altro familiare a carico del dipendente; 1 Si intende familiare a carico del dipendente la persona che percepisce un reddito complessivo annuo non superiore a 2.840,51 e, che fa parte stabilmente del nucleo familiare del dipendente, purché non vi siano altri familiari tenuti per legge a provvedervi. (DPR n 917 del 22 dicembre 1986, Art.12 e successive modifiche - Testo unico delle imposte sui redditi).

2 c. Cure riabilitative e acquisto o riparazioni di protesi, apparecchi ortopedici, spese mediche del dipendente o di altro familiare a suo carico non rimborsate da assistenza sanitaria pubblica o privata; d. Crollo o grave lesione della casa di prima abitazione o della seconda casa, di proprietà o comproprietà del dipendente; e. Acquisto o costruzione di alloggio non di lusso, per uso di prima abitazione del dipendente e della propria famiglia; f. Riscatto alloggio non di lusso ad uso di prima abitazione del dipendente e della propria famiglia; g. Spese straordinarie connesse alla locazione di un appartamento ad uso di prima abitazione del dipendente; h. Spese connesse all esecuzione di lavori di ristrutturazione e manutenzione straordinaria dell appartamento ad uso di prima abitazione del dipendente e della propria famiglia; i. Furti, rapine o altri eventi similari che abbiano inciso sul bilancio familiare; j. Estinzione della cessione del quinto dello stipendio del dipendente; k. Estinzione dei mutui edilizi non agevolati per uso di prima abitazione del dipendente e della propria famiglia; l. Spese connesse al riscatto di laurea del dipendente ai fini previdenziali; m. Risarcimento di danni causati a terzi dal dipendente per cause non dipendenti da fatti di servizio; n. Spese scolastiche e universitarie; o. Acquisto mobili, autoveicoli, di proprietà del dipendente per comprovate e imprevedibili esigenze. Altri eventi che abbiano caratteristiche idonee per la concessione del prestito, saranno di volta in volta esaminati e valutati per analogia dalla commissione sulla base di quanto indicato precedentemente. ARTICOLO 4 L autorizzazione ad ottenere un prestito può essere concessa ai dipendenti di ruolo e a tempo determinato dell Istituto che abbiano almeno tre anni di anzianità di servizio, per un importo massimo, compatibile con le disponibilità di bilancio, pari a tredici mensilità di stipendio. L importo complessivo del prestito non potrà comunque eccedere quello dell indennità di anzianità maturata dal dipendente. L importo della rata mensile stabilita per la restituzione del prestito non può comunque eccedere l importo corrispondente al quinto dello stipendio mensile del dipendente, al netto delle ritenute di legge. Il prestito non può essere richiesto per un importo inferiore a 2.500,00. Il prestito non può eccedere la durata di tre anni. Qualora l evento per il quale si richiede il prestito si sia verificato in data anteriore alla data di presentazione della domanda, sarà preso in considerazione sono nel caso che l evento sia accaduto in un periodo non anteriore a 12 mesi dalla data richiesta dello stesso.

3 ARTICOLO 5 L autorizzazione all ottenimento dei prestiti viene disposta dall Istituto, su proposta di una Commissione composta dal Direttore Generale o da un suo delegato, con funzioni di Presidente, da due altri membri designati dalle organizzazioni sindacali rappresentative e scelti fra il personale di ruolo e il personale assunto a tempo determinato della Sede centrale, e da un membro supplente indicato dal Direttore. Qualora entro 10 giorni dalla richiesta di designazione dei due membri, le organizzazioni sindacali non avessero comunicato le suddette designazioni, il Direttore Generale con suo provvedimento nominerà i membri mancanti. La Commissione dura in carica 3 anni. (Detta Commissione si dovrà riunire almeno ogni tre mesi.) 2 Le istanze presentate, saranno prese in considerazione per il trimestre interessato a seconda della data risultante dal timbro apposto dall ufficio del protocollo INEA. Le domande potranno essere inoltrate anche per raccomandata con avviso di ricevimento: in tal caso farà fede il timbro postale. Le domande, redatte in carta semplice, utilizzando il modello allegato e indirizzate all INEA, devono contenere i seguenti dati: a. dati anagrafici del dipendente; b. unità di appartenenza, data di assunzione, livello e profilo del dipendente; c. entità della somma richiesta e motivo per cui viene richiesto il prestito; d. numero delle rate con le quali si intende restituire il prestito; e. autocertificazione dello stato di famiglia, dei redditi del dipendente e dei componenti del proprio nucleo familiare. La Commissione si riserva il diritto di richiedere, entro un anno dalla data di erogazione del prestito, idonea documentazione comprovante l evento e la spesa effettivamente sostenuta. Nel caso di coniugi o conviventi o di familiari conviventi, entrambi dipendenti dell INEA, la concessione del prestito per lo stesso evento può essere richiesta da uno solo. ARTICOLO 6 La Commissione prenderà in esame le richieste pervenute e stilerà una graduatoria degli aventi diritto alla concessione del prestito. Le graduatorie verranno formate sulla base dei seguenti punteggi: EVENTI a. Malattia grave o intervento chirurgico grave del dipendente o di altro familiare a suo carico non rimborsato da assistenza sanitaria pubblica o privata; b. Decesso del coniuge o di altro familiare a carico del dipendente; 200 c. Cure riabilitative e acquisto o riparazioni di protesi, apparecchi ortopedici, spese mediche del dipendente o di altro familiare a suo carico non rimborsate da assistenza sanitaria pubblica o privata; d. Crollo o grave lesione della casa di prima abitazione o della seconda casa, di proprietà o comproprietà del dipendente; e. Acquisto o costruzione di alloggio non di lusso, per uso di prima abitazione del dipendente e della propria famiglia; f. Riscatto alloggio non di lusso ad uso di prima abitazione del dipendente e della propria famiglia; 110 g. Spese straordinarie connesse alla locazione di un appartamento ad uso di prima abitazione del dipendente; PUNTI Periodo abrogato implicitamente dalla modifica degli artt. 5 e 6 del presente Regolamento autorizzata con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 20 del 17/07/08.

4 h. Spese connesse all esecuzione di lavori di ristrutturazione e manutenzione straordinaria dell appartamento ad uso di prima abitazione del dipendente e della propria famiglia; 80 i. Furti, rapine o altri eventi similari che abbiano inciso sul bilancio familiare; 20 j. Estinzione della cessione del quinto dello stipendio del dipendente; 40 k. Estinzione dei mutui edilizi non agevolati per uso di prima abitazione del dipendente e della propria famiglia; 60 l. Spese connesse al riscatto di laurea del dipendente ai fini previdenziali; 40 m. Risarcimento di danni causati a terzi dal dipendente per cause non dipendenti da fatti di servizio; 30 n. Spese scolastiche e universitarie; 50 o. Acquisto mobili, autoveicoli, di proprietà del dipendente per comprovate e imprevedibili esigenze. 20 REDDITO PRO-CAPITE PUNTI Fino a (La commissione si riunirà due volte l anno e formulerà la graduatoria alla fine di ogni semestre al fine di consentire la concessione dei prestiti con cadenza semestrale.) 3 Le domande che per motivi di disponibilità finanziaria non vengono prese in esame, sono rinviate al Bilancio successivo e avranno priorità su tutte quelle presentate successivamente. In questo caso, da parte del richiedente, è richiesta una conferma scritta dell interesse a ottenere il prestito. ARTICOLO 7 Il prestito è ammortizzato in rate mensili, costanti, posticipate e comprensive degli interessi, da trattenersi sulla retribuzione fino ad un massimo di un quinto dello stipendio mensile percepito dal dipendente al netto delle ritenute di legge, all atto di presentazione della domanda. ARTICOLO 8 Il dipendente ha facoltà di rimborsare il residuo del prestito in qualunque momento. 3 Periodo abrogato implicitamente dalla modifica degli artt. 5 e 6 del presente Regolamento autorizzata con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 20 del 17/07/08.

5 In caso di cessazione dal servizio per qualunque causa, l ammortamento del prestito contratto è interrotto e il residuo debito verrà trattenuto sull indennità di fine rapporto. A tal fine sono utilizzate, fino a concorrenza, le competenze spettanti al dipendente a titolo di indennità di anzianità. Il dipendente deve dichiarare espressamente di accettare quanto previsto dal precedente comma, autorizzando l Ente a effettuare apposite trattenute sulle competenze che gli spettano a titolo di indennità di anzianità. ARTICOLO 9 In caso di anticipata estinzione del prestito ai sensi del primo comma dell art. 8, la richiesta di un nuovo prestito potrà essere presa in considerazione soltanto dopo che siano trascorsi 60 giorni dall estinzione del prestito precedente. Roma, Il Presidente (Ing. Lino Carlo Rava)

6 ALLEGATO Alla Commissione Prestiti e Sussidi dell INEA Via Barberini, ROMA Richiesta di prestito I.N.E.A. (DPR n 509/79, art. 59, primo comma, punto 4, come modificato dal DPR n 171/91, art. 24, punto 5 e art. 51 del CC.NL. 7/10/96) Il/La sottoscritto/a.... nato/a dipendente INEA dal U.O..profilo....livello in servizio presso. Tel... residente in...provincia....cap.. rivolge all Istituto domanda, affinché gli/le venga concesso un prestito per il seguente motivo:..... ammontante a Euro....da restituire in n.rate mensili, al tasso previsto dall art. 1 del Regolamento per la concessione di prestiti e sussidi al personale dipendente INEA. Dichiarazione sostitutiva di certificazione (*) (ai sensi del DPR n 445/00) Il/La sottoscritto/a dichiara che il proprio reddito imponibile ammonta a Euro... annui e che il proprio nucleo familiare è così composto: Cognome Nome data di nascita parentela reddito (Data) (Firma) (*) In caso di dichiarazioni non veritiere, l Istituto può richiedere l immediata restituzione del prestito.

Allegalo Allegato alla deliberazione del CD. n. 5705/1997 doc. gen. n.1176-30 maggio 1997

Allegalo Allegato alla deliberazione del CD. n. 5705/1997 doc. gen. n.1176-30 maggio 1997 Allegalo Allegato alla deliberazione del CD. n. 5705/1997 doc. gen. n.1176-30 maggio 1997 Provvedimento per la concessione di prestiti ai dipendenti dell istituto Nazionale di Fisica Nucleare (art. 59

Dettagli

Modulo per la richiesta di prestito I.N.F.N.

Modulo per la richiesta di prestito I.N.F.N. Alla Direzione Affari Generali e Ordinamento dell I.N.F.N. Amministrazione Centrale Via Enrico Fermi, 40 00044 Frascati (RM) Modulo per la richiesta di prestito I.N.F.N. (ai sensi dell art. 59 del DPR

Dettagli

REGOLAMENTo PER L EROGAZIONE 1)1 PRESTITI - ART.59 DPR 16.10.1979 N.509 come modificati dall art.28 I)PR 346/83 e dall art.

REGOLAMENTo PER L EROGAZIONE 1)1 PRESTITI - ART.59 DPR 16.10.1979 N.509 come modificati dall art.28 I)PR 346/83 e dall art. REGOLAMENTo PER L EROGAZIONE 1)1 PRESTITI - ART.59 DPR 16.10.1979 N.509 come modificati dall art.28 I)PR 346/83 e dall art.24 DPR 171/91 ART. I 11 Direttore Generale è autorizzato a disporre in favore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI - ART.59 DPR 16.10.1979 N.509 come modificato dail art.28 DPR 346/83 e dail art.

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI - ART.59 DPR 16.10.1979 N.509 come modificato dail art.28 DPR 346/83 e dail art. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI - ART.59 DPR 16.10.1979 N.509 come modificato dail art.28 DPR 346/83 e dail art.24 DPR 171/91 ART. 1 Il Direttore Generale è autorizzato a disporre in favore dei

Dettagli

'NFN. 1?.11.08 020768 Frascati,... Ai Direftori delle Strutture dell'infn. Al Responsabile del Servizio di Presidenza. Loro Sedi

'NFN. 1?.11.08 020768 Frascati,... Ai Direftori delle Strutture dell'infn. Al Responsabile del Servizio di Presidenza. Loro Sedi t -) 'NFN L_/ astituto Nazionale difisica Nucleare AMMINISTRAZIONE CENTRALE DIREZIONE AFFARI GENERALI E ORDINAMENTO 1?.11.08 020768 Frascati,... Via E. Femi, 40-000,14 FRASCATI (Roma) ltalia Ai Direftori

Dettagli

ACCORDO IN MATERIA DI PRESTITI AI DIPENDENTI DI CUI ALL ART. 45 DEL CCNL 6/07/1995 E ALL ART. 27 DEL CCNL 14/02/2001

ACCORDO IN MATERIA DI PRESTITI AI DIPENDENTI DI CUI ALL ART. 45 DEL CCNL 6/07/1995 E ALL ART. 27 DEL CCNL 14/02/2001 ACCORDO IN MATERIA DI PRESTITI AI DIPENDENTI DI CUI ALL ART. 45 DEL CCNL 6/07/1995 E ALL ART. 27 DEL CCNL 14/02/2001 Sottoscritto il 25 Luglio 2013 a Roma 1 PER L INPS Il Presidente della delegazione trattante

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI PERSONALI INDIVIDUALI AI DIPENDENTI DELL ASI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI PERSONALI INDIVIDUALI AI DIPENDENTI DELL ASI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI PERSONALI INDIVIDUALI AI DIPENDENTI DELL ASI Si premette che in data 7 dicembre 2004 è stata stipulata tra l Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e la Banca Nazionale

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

Sì, i familiari superstiti sono equiparati in tutto e per tutto agli iscritti.

Sì, i familiari superstiti sono equiparati in tutto e per tutto agli iscritti. I MUTUI ENPAM DOMANDE E RISPOSTE 1. A chi può essere concesso il mutuo? A tutti gli iscritti che hanno almeno 3 anni consecutivi di anzianità d iscrizione e di contribuzione effettiva e sono in regola

Dettagli

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni:

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PONZANO VENETO E GLI ISTITUTI DI CREDITO RIGUARDANTE LE MODALITA RELATIVE ALLA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA.

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. Allegato alla Delibera di Consiglio

Dettagli

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO Tra: Sviluppo Lazio S.p.A. (di seguito Sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

Richiesta di anticipazione della posizione individuale cumulata nel Fondo.

Richiesta di anticipazione della posizione individuale cumulata nel Fondo. MODULO E2/A (Edilizia - Ristrutturazione) Modulo di richiesta di anticipazione Edilizia - Ristrutturazione Pagina 1 Spett.le Fondo Aggiuntivo Pensioni per il Personale del Banco di Sardegna. Via IV Novembre,

Dettagli

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007)

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) CONTO CORRENTE PERSONALE BANCA Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) Tasso creditore BCE 0,50 Norme generali: - è intestato al dipendente o al pensionato; - può essere cointestato

Dettagli

Servizi Sociali II Ambito Politiche di affiancamento e di supporto alle famiglie

Servizi Sociali II Ambito Politiche di affiancamento e di supporto alle famiglie Allegato A Città di Alghero Provincia di Sassari Servizi Sociali II Ambito Politiche di affiancamento e di supporto alle famiglie DOMANDA PER LA CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO INTEGRATIVO PER IL PAGAMENTO

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale in data 19/12/2001

Dettagli

FINALITA DELL INTERVENTO

FINALITA DELL INTERVENTO TESTO ALLEGATO AL D.P.R.S. N. 150 del 25.5.04 FINALITA DELL INTERVENTO Il contributo di cui all art. 3 della L.R. 10/2003 è volto all abbattimento parziale o totale degli interessi su prestiti quinquennali

Dettagli

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE ANTICIPAZIONI DI CUI ALL ART. 27 DELLO STATUTO DEL FOPEN 1. BENEFICIARI Come previsto dal D.Lgs 124/93 e successive modifiche hanno titolo a richiedere l anticipazione

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI PRESTITO PER ACQUISIZIONE ALLOGGIO Disciplina straordinaria

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI PRESTITO PER ACQUISIZIONE ALLOGGIO Disciplina straordinaria ARCA REGIONALE ABRUZZO DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI PRESTITO PER ACQUISIZIONE ALLOGGIO Disciplina straordinaria Il sottoscritto (cognome e nome del lavoratore) C.F. residente* a Prov. CAP in Via/Piazza

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia.

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte VI Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. Testo finale approvato dal C.I.G. Delibera n. 103 del 29.05.2014 e approvato dai MMVV con nota n. 36/0016601/MA004.A007

Dettagli

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione Allegato alla delibera n. del Comune di Solarolo Provincia di Ravenna Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione Art. 1 OGGETTO Al fine di agevolare i nuclei familiari ed

Dettagli

Richiesta di anticipazione della posizione individuale cumulata nel Fondo.

Richiesta di anticipazione della posizione individuale cumulata nel Fondo. MODULO S1/A (Spese Sanitarie) Modulo di richiesta di anticipazione Spese Sanitarie Pagina 1 Spett.le Fondo Aggiuntivo Pensioni per il Personale del Banco di Sardegna. Via IV Novembre, 27 07100 - Sassari

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B REGIONE PIEMONTE BU20 21/05/2015 Consiglio Regionale DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B Approvazione dei modelli della disciplina e della convezione

Dettagli

MODELLO DI RICHIESTA DI INTERVENTO ASSISTENZIALE. PERSOMIL III REPARTO - 11^ - DIVISIONE - ROMA (sostituisce la lettera di trasmissione)

MODELLO DI RICHIESTA DI INTERVENTO ASSISTENZIALE. PERSOMIL III REPARTO - 11^ - DIVISIONE - ROMA (sostituisce la lettera di trasmissione) Circolare n 313 in data 27/03/2001 Allegato A MODELLO DI RICHIESTA DI INTERVENTO ASSISTENZIALE A. SPAZIO RISERVATO AL COMANDO O ENTE CHE INOLTRA LA RICHIESTA A PERSOMIL III REPARTO - 11^ - DIVISIONE -

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI 1. Definizioni Prima casa ammessa a contributo. Si intende l abitazione che usufruisce delle agevolazioni

Dettagli

COMUNE DI PISA. DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI Ufficio Diritto allo Studio e Sociale U. O. Sociale Via del Carmine 12

COMUNE DI PISA. DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI Ufficio Diritto allo Studio e Sociale U. O. Sociale Via del Carmine 12 COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI Ufficio Diritto allo Studio e Sociale U. O. Sociale Via del Carmine 12 Tel: 050 910743/744 Fax: 050 910715 e-mail b.lewis@comune.pisa.it comune.pisa@postacert.toscana.it

Dettagli

BORSA DI STUDIO. 1) Il contributo

BORSA DI STUDIO. 1) Il contributo BORSA DI STUDIO 1) Il contributo Il contributo rappresenta un premio destinato agli studenti, appartenenti a nuclei famigliari con reddito ISEE non superiore ad Euro 20.300,00, con un buon profitto scolastico

Dettagli

FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE

FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI UN FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE 1 ART. 1 - OGGETTO L

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIONCAMERE. Art. 1 Oggetto del regolamento

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIONCAMERE. Art. 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIONCAMERE Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Ai sensi dell art.65 del Contratto collettivo per il personale non dirigente dell

Dettagli

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI - INTERNATIONAL SCHOOL FOR ADVANCED STUDIES

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI - INTERNATIONAL SCHOOL FOR ADVANCED STUDIES REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI A CARATTERE ASSISTENZIALE A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE, DELL ALLIEVO, DEL BORSISTA DI POST- DOTTORATO E DELL ASSEGNISTA DI RICERCA ART. 1 GENERALITA 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Norme di attuazione delle disposizioni di cui al titolo IV del regolamento del Fondo di Previdenza Generale (Approvate dal Consiglio

Dettagli

CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 20 BORSE DI STUDIO

CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 20 BORSE DI STUDIO Sede legale: C.so Italia, 55 - Sede amministrativa: via Morelli, 39 34170 GORIZIA Tel/fax 0481/536272 www.consunigo.it info@consunigo.it CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 20 BORSE DI STUDIO 1. Oggetto

Dettagli

DOMANDA DI CONCESSIONE DI UN PRESTITO (IPOTECA)

DOMANDA DI CONCESSIONE DI UN PRESTITO (IPOTECA) DOMANDA DI CONCESSIONE DI UN PRESTITO (IPOTECA) MOD. 13_12 Rev. 3 Il/la sottoscritto/a (Cognome) (nome) Nato/a a il Residente in Prov. Via N CAP Tel. / Cellulare / Pec E-mail Codice Fiscale Compilare la

Dettagli

Fondo Pensione Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori della Logistica SEZIONE I: NORME GENERALI

Fondo Pensione Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori della Logistica SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale

Dettagli

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI Allegato alla Nota Informativa ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I:

Dettagli

Disposizioni attuative e relativi criteri per l istruttoria da parte dei Comuni (L.R. n. 29/2012)

Disposizioni attuative e relativi criteri per l istruttoria da parte dei Comuni (L.R. n. 29/2012) giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1804 del 03 ottobre 2013 pag. 1/5 Disposizioni attuative e relativi criteri per l istruttoria da parte dei Comuni (L.R. n. 29/2012) Si espongono di

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 Allegato A Prot. n. 1645 Pratica n. 16761/2010 Tit. 08 Cat. 07 Cl. 01 BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 IL DIRIGENTE

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI FINANZIAMENTI PERSONALI AGEVOLATI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

REGOLE IN MATERIA DI FINANZIAMENTI PERSONALI AGEVOLATI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO REGOLE IN MATERIA DI FINANZIAMENTI PERSONALI AGEVOLATI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Gruppo Intesa Sanpaolo Società Italia Percorso: ARCO Regole Gestione

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO Art. 1 - Premessa Il Comune di Fusignano, pone in essere azioni finalizzate a favorire l incremento

Dettagli

LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO

LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO COMUNE DI ZEDDIANI Provincia di Oristano Via Roma, 103 - CAP 09070 AVVISO PUBBLICO LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO VISTE: la deliberazione

Dettagli

PRESTITI ACQUISIZIONE ALLOGGIO

PRESTITI ACQUISIZIONE ALLOGGIO Sportello ARCA SE/04 (indicare Sportello e regione di appartenenza) PRESTITI ACQUISIZIONE ALLOGGIO DOMANDA PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO Il/La sottoscritto/a Codice fiscale (Cognome) (Nome) residente

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia. Regolamento per l'applicazione dell'indicatore della situazione economica equivalente

COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia. Regolamento per l'applicazione dell'indicatore della situazione economica equivalente COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia Regolamento per l'applicazione dell'indicatore della situazione economica equivalente Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 14 del 16.2.2000 INDICE

Dettagli

MODALITA PER LA RICHIESTA DI ANTICIPAZIONI

MODALITA PER LA RICHIESTA DI ANTICIPAZIONI MODALITA PER LA RICHIESTA DI ANTICIPAZIONI L iscritto può conseguire anticipazioni sulla posizione individuale maturata, che il Fondo provvederà ad erogare ai sensi della normativa vigente e a quanto di

Dettagli

Provincia di Bologna Area Tecnica

Provincia di Bologna Area Tecnica Provincia di Bologna Area Tecnica Prot. 5147 OGGETTO: BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITÀ COMMERCIALI TURISTICHE ARTIGIANALI E DEI SERVIZI CON

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte I

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte I REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte I Erogazione di contributi per la durata massima di 10 (dieci) anni in conto interessi a fronte di mutui ipotecari e prestiti chirografari contratti dagli iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI 1. ANTICIPAZIONI 1.1. Come stabilito dal Dlgs 252/2005, l associato può conseguire un anticipazione sulla sua posizione: I. in qualsiasi momento, per un importo non superiore

Dettagli

A cura della Segreteria Provinciale S.A.P.P.e di Novara

A cura della Segreteria Provinciale S.A.P.P.e di Novara A cura della Segreteria Provinciale S.A.P.P.e di Novara 1 COS E IL MUTUO INPDAP Il mutuo inpdap è un mutuo ipotecario per l'acquisto della prima casa erogato dall' Istituto Nazionale per i Dipendenti dell'

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte III

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte III REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte III Erogazione di contributi della durata massima di 5 (cinque) anni in conto interessi a fronte di prestiti chirografari stipulati dagli iscritti all Testo finale

Dettagli

COMUNE DI CESANO BOSCONE

COMUNE DI CESANO BOSCONE CENTRO COSTRUZIONI CASE S.a.s. COMUNE DI CESANO BOSCONE BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN VENDITA A PREZZO CONVENZIONATO NUOVI INTERVENTI RESIDENZIALI PIANI ATTUATIVI VIA VESPUCCI/SALVO D ACQUISTO

Dettagli

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E ALLEGATO A Schema di Convenzione per la gestione del Fondo di rotazione per la realizzazione di programmi pluriennali di edilizia residenziale agevolata di cui all art. 82 della Lr n. 8/2002 e successive

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA.

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. Premessa Sul territorio del Distretto n.5 Sebino sono più di 180 i bambini che frequentano

Dettagli

People for Future Onlus Corso Mazzini,216 63100 Ascoli Piceno e-mail: peopleforfuture@libero.it

People for Future Onlus Corso Mazzini,216 63100 Ascoli Piceno e-mail: peopleforfuture@libero.it People for Future Onlus Corso Mazzini,216 63100 Ascoli Piceno e-mail: peopleforfuture@libero.it BANDO DI CONCORSO A.A. 2015/2016 People for future rende noto che è aperto, fino al 12 ottobre 2015, un concorso

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI NORME GENERALI Art.1 - Oggetto 1. Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale da parte

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI L aderente, utilizzando il facsimile di domanda unita al presente modulo (allegato n. 1), può richiedere l anticipazione sulla posizione previdenziale maturata nei seguenti

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. nato/a prov. residente a prov. in Via n. cod. fiscale C H I E D E

Il/La sottoscritto/a. nato/a prov. residente a prov. in Via n. cod. fiscale C H I E D E AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI ARCEVIA - SEDE - OGGETTO: FONDO SOCIALE PER IL SOSTEGNO ALLE LOCAZIONI PRIVATE ANNO 2015. Il/La sottoscritto/a nato/a prov. residente a prov. in Via n cod. fiscale C H I E

Dettagli

al Comune di San Martino Buon Albergo

al Comune di San Martino Buon Albergo al Comune di San Martino Buon Albergo OGG: ISTANZA PER LA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO MENSILE. l sottoscritt nat a il residente a San Martino Buon Albergo in Via n. tel. fa istanza per ottenere

Dettagli

MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE

MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE INVIARE A:Piazza Cola Di Rienzo 80A 00192Roma 1. DATI DELL ADERENTE Comune di nascita: Prov: ( ) Tel.: Indirizzo di residenza: CAP: e-mail: 2. RICHIESTA ANTICIPAZIONE Il

Dettagli

Comune di Cupra Marittima Provincia di Ascoli Piceno

Comune di Cupra Marittima Provincia di Ascoli Piceno BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI FINALIZZATI A SOSTENERE L'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE PRIVATA, AI SENSI DELL'ARTICOLO 11 DELLA LEGGE 9 DICEMBRE 1998. N. 431. ANNO

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO CHE COS È LA La Cessione del Quinto dello Stipendio è una particolare forma di prestito personale che viene rimborsata dal soggetto finanziato (Cliente) mediante la cessione pro solvendo alla Banca di

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO (D.R. n. 1638 del 15 novembre 2002) Articolo 1 Ambito

Dettagli

Devono essere privilegiate quelle persone che per situazioni contingenti non possono accedere ai prestiti bancari

Devono essere privilegiate quelle persone che per situazioni contingenti non possono accedere ai prestiti bancari PREMESSA Il Consorzio con deliberazione del Consiglio d Amministrazione n 24 del 18/7/2014 ha stipulato un convenzione con l Associazione S. Vincenzo di San Bernardo Via Beltramo 2 Rivoli per il progetto

Dettagli

PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI SULL ONORE

PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI SULL ONORE C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI SULL ONORE Approvato dall Assemblea Consortile con deliberazione n.

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

La Responsabile dell Area

La Responsabile dell Area BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI A SOSTEGNO DELL AFFITTO IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI CON LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA La Responsabile dell Area In applicazione

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al Fondo aziendale

Dettagli

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE. Sommario

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE. Sommario BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE Sommario DICHIARAZIONI DELL AZIENDA 2 N. 1 - Comodo di cassa 2 N. 2 - Interesse sul c/c intestato ai familiari dei dipendenti 2 N. 3 - Prestiti

Dettagli

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE Indetto ai sensi dell art. 11 della legge 9

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI L aderente, utilizzando il facsimile di domanda unita al presente modulo (allegato n. 1), può richiedere l anticipazione sulla posizione previdenziale maturata nei seguenti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Il giorno 8 luglio 2011, in Brescia Tra Il Banco di Brescia SPA

Il giorno 8 luglio 2011, in Brescia Tra Il Banco di Brescia SPA Il giorno 8 luglio 2011, in Brescia Tra Il Banco di Brescia SPA La Delegazione Sindacale Aziendale composta da: DIRCREDITO/FD FABI FIBA/CISL FISAC/CGIL SINFUB UILCA e Premesso che: con lettera del 16 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI NUOVI NUCLEI FAMILIARI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI NUOVI NUCLEI FAMILIARI. Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 4 40026 Imola Tel. 0542-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA

Dettagli

MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE

MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE (SPAZIO RISERVATO AL FONDO) 1. DATI DELL ADERENTE DATA DI RICEZIONE (PROTOCOLLO): Cognome: Nome: Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / Comune di nascita: Prov:

Dettagli

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 ARTICOLO 1 - FINALITÀ E TIPOLOGIA DELL INTERVENTO Nell ambito degli interventi e dei servizi rivolti alle persone con disabilità, il

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO SUI MUTUI CONTRATTI PER L ACQUISTO O IL RECUPERO EDILIZIO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

Dettagli

PRIORITA AI FINI DELL ASSEGNAZIONE

PRIORITA AI FINI DELL ASSEGNAZIONE AVVISO PUBBLICO Premesso che - La delibera della Giunta Comunale n. 32. del 09/10/2013 prevede l istituzione di un fondo per il prestito d onore sociale, anche al fine di contrastare fenomeni di usura,

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 AVVISO PUBBLICO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 IL RESPONSABILE DEL in attuazione della deliberazione della Giunta Regionale n.19/04 dell 08/05/2012 e delle linee guida

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 5

AMBITO TERRITORIALE N 5 COMUNE DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto CITTA' DI CRISPIANO Provincia di Taranto AMBITO TERRITORIALE N 5 AVVISO PUBBLICO PROGRAMMA LOCALE FAMIGLIE NUMEROSE Assegnazione di bonus in favore delle famiglie

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO SOCIALE 1 Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina la gestione del Fondo sociale e il funzionamento

Dettagli

Città di Roncade Provincia di Treviso

Città di Roncade Provincia di Treviso Città di Roncade Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

AVVERTENZA I dati relativi alle prestazioni sono soggetti ad aggiornamenti periodici

AVVERTENZA I dati relativi alle prestazioni sono soggetti ad aggiornamenti periodici Edizione 2012 AVVERTENZA I dati relativi alle prestazioni sono soggetti ad aggiornamenti periodici Prima di presentare domanda verificare le condizioni vigenti su www.inpdap.gov.it o presso gli Urp di

Dettagli

DI R I T T O A L L O S T U DI O

DI R I T T O A L L O S T U DI O AVVISO AL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO DEL COMPARTO SANITA DI R I T T O A L L O S T U DI O ANNO SOLARE 2014 In conformità a quanto previsto dall art. 22 del C.C.N.L. Comparto Sanità integrativo del

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V Erogazione di sussidi a fondo perduto per disagio economico a seguito di malattia, infortunio o decesso. Testo finale approvato C.I.G. Delibera n.56 del 16/12/2011

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO...

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E GLI ISTITUTI DI CREDITO CHE VI ADERIRANNO PER L ATTIVAZIONE DEL FONDO A FAVORE DEI LAVORATORI COINVOLTI IN PROCESSI DI CRISI AZIENDALE CONVENZIONE TRA

Dettagli

CRITERI PER EROGAZIONE DI SUSSIDI IN DENARO PER ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL OBBLIGO Anno Scolastico 2011/2012

CRITERI PER EROGAZIONE DI SUSSIDI IN DENARO PER ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL OBBLIGO Anno Scolastico 2011/2012 CRITERI PER EROGAZIONE DI SUSSIDI IN DENARO PER ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL OBBLIGO Anno Scolastico 2011/2012 OGGETTO: Assegnazione di sussidi a rimborso delle spese sostenute

Dettagli

Città di Albino. Provincia di Bergamo

Città di Albino. Provincia di Bergamo Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. (Legge 27 dic. 1997 n. 449 e d.lgs. 31

Dettagli

MUTUI PRIMA CASA E PRESTITI PERSONALI

MUTUI PRIMA CASA E PRESTITI PERSONALI MUTUI PRIMA CASA E PRESTITI PERSONALI A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO E DELLA FEDERAZIONE DELLE BCC DELL ABRUZZO E DEL MOLISE Articolo 1 IMPORTI MASSIMI CONCEDIBILI

Dettagli

Certificazione di quota cedibile

Certificazione di quota cedibile Certificazione di quota cedibile Protocollo Inps Gestione ex Inpdap Gestione ex Inpdap 02050116 Richiedente: Pensionato Inps Gestione ex Inpdap Motivazione: Prestito con cessione quote Dichiarazione del

Dettagli

Comune di San Lorenzo in Campo

Comune di San Lorenzo in Campo Comune di San Lorenzo in Campo BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO PER L ANNO 2015 LEGGE 431/1998 Art. 11 IL RESPONSABILE SERVIZI SOCIALI Rende noto VISTA la Legge 9 dicembre 1998 n. 431,

Dettagli

DOMANDA DI ACCESSO AL CREDITO SOCIALE

DOMANDA DI ACCESSO AL CREDITO SOCIALE ALLEGATO 1 DOMANDA DI ACCESSO AL CREDITO SOCIALE UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA FONDO SOCIALE EUROPEO Spazio riservato agli uffici Data ricezione della domanda Numero di protocollo

Dettagli

Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso. Art.1 Premesse

Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso. Art.1 Premesse Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso Art.1 Premesse L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3, comma 3, dello

Dettagli

Circolare INPDAP 13/2010. Nuovi regolamenti in materia creditizia (Stralcio)

Circolare INPDAP 13/2010. Nuovi regolamenti in materia creditizia (Stralcio) Circolare INPDAP 13/2010. Nuovi regolamenti in materia creditizia (Stralcio) PARTE I PICCOLI PRESTITI 1. Criteri per l erogazione. 1. Il piccolo prestito annuale consiste nell erogazione di una somma pari

Dettagli

RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09)

RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09) RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09) Il/la sottoscritto/a nato/a a prov. il tel. residente a Nova Milanese in via C.F. CHIEDE che gli/le venga

Dettagli

Il Dirigente Carlo Chiostri

Il Dirigente Carlo Chiostri 30.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 di certificazione del presente decreto che prevedano scadenze successive al 30/4/2014 che pertanto risultano confermate e per le quali si

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.)

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) In attuazione del II Piano di intervento servizi di cura per gli anziani del Piano di Azione e Coesione,

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Largo S.Giorgio 12

PROVINCIA DI PORDENONE Largo S.Giorgio 12 PROVINCIA DI PORDENONE Largo S.Giorgio 12 2 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI UNA TANTUM A SOSTEGNO DEGLI ONERI DERIVANTI DAI CONTRATTI DI MUTUO, ACCESI IN DATA ANTERIORE AL 26 FEBBRAIO 2009 E NON

Dettagli

CENTRO GERIATRICO GIOVANNI XXIII Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza I.P.A.B.

CENTRO GERIATRICO GIOVANNI XXIII Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza I.P.A.B. CENTRO GERIATRICO GIOVANNI XXIII Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza I.P.A.B. RICHIESTA DI AMMISSIONE IN STRUTTURA RESIDENZIALE PER ANZIANI DOMANDA ed AUTOCERTIFICAZIONE ( Artt. 46 e 47 del

Dettagli

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI AL SOSTEGNO DELLE SPESE ABITATIVE (AFFITTO/MUTUO) 1. FINALITA DELL INTERVENTO A fronte dell attuale congiuntura

Dettagli