GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI"

Transcript

1 PROVINCIA DI COSENZA SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE E PRODUTTIVE SERVIZIO VALORIZZAZIONE RISORSE ENERGETICHE GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

2 SOMMARIO INTRODUZIONE... 4 SEZIONE I: NOTIZIE IN GENERALE... 6 NORMATIVA VIGENTE IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI... 6 OBIETTIVI DELLA LEGGE... 7 DEFINIZIONI... 8 Che cosa è un impianto termico... 8 Libretto di impianto o di centrale... 8 Responsabile dell impianto termico... 8 Terzo responsabile dell'esercizio e della manutenzione dell'impianto termico... 9 Controlli sugli impianti Manutenzione ordinaria dell'impianto termico Manutenzione straordinaria dell'impianto termico Ditta di manutenzione Rapporto di Controllo tecnico Bollino Verifiche e/o Ispezioni Tecnico verificatore: Ispettore Rapporto di Prova Classificazione degli apparecchi a gas Zone Climatiche I CONTROLLI DELLA PROVINCIA Controlli a campione Controlli d ufficio Addebito per ispezioni non effettuate L ispezione Esito dell ispezione IL CATASTO DEGLI IMPIANTI TERMICI ON LINE (CITOL) SEZIONE II: UTENTI OBBLIGHI DI LEGGE A CARICO DEI PROPRIETARI DI IMPIANTI TERMICI OBBLIGHI DEL CITTADINO DISMISSIONE E/O SOSTITUZIONE E/O VARIAZIONE TITOLARITA IMPIANTO TERMICO SANATORIA PER IMPIANTI TERMICI MAI DICHIARATI (regolarizzazione e messa a norma dell impianto termico) 23 SEZIONE III: INSTALLATORI OBBLIGHI DEGLI INSTALLATORI (INSTALLAZIONE DI NUOVE CALDAIE)... 25

3 SEZIONE IV: MANUTENTORI OBBLIGHI DEI MANUTENTORI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA PROVA DEI FUMI PERIODICITA CENTRALI TERMICHE ESEMPI SULLA PERIODICITA DEI CONTROLLI I MANUTENTORI ABILITATI Interventi di manutenzione ordinaria Prova di combustione Valori limite del rendimento di combustione PROCEDURA DI REGISTRAZIONE DEL MANUTENTORE INVIO RAPPORTI DI PROVA E RITIRO BOLLINI COSTO BOLLINI E LORO VALIDITA PER SAPERNE DI PIU ORARIO PER IL PUBBLICO INDIRIZZI UTILI... 39

4 INTRODUZIONE Gli impianti di riscaldamento rappresentano una delle maggiori fonti d inquinamento ambientale. Il loro cattivo funzionamento può comportare un notevole dispendio energetico ed economico. A questo proposito la normativa impone il controllo e la manutenzione degli impianti termici, con l obiettivo di contenere il consumo di energia, ridurre l inquinamento ambientale e aumentarne la sicurezza. Il cittadino utilizzatore d impianto termico deve provvedere tramite un manutentore di propria fiducia, ad effettuare il controllo sul rendimento della propria caldaia con la frequenza stabilita dalle leggi vigenti. Il manutentore ha il compito di trasmettere alla Provincia tramite procedura online il Rapporto di Controllo effettuato sulla caldaia compilando i modelli F e/o G. Su tutti i rapporti pervenuti alla Provincia, vi è l obbligo dello stesso Ente di effettuare verifiche a campione, gratuite per il cittadino, nella misura di almeno il 5 % annuo al fine di verificare che l operato del manutentore venga eseguito nel pieno rispetto della normativa vigente. Tali azioni di verifica che la Provincia svolge vanno dunque a tutelare e meglio garantire il cittadino utente di impianti termici. Per effettuare le verifiche, la Provincia si è dotata di un corpo di ispettori appositamente formati dall Enea che quotidianamente svolgono ispezioni su tutto il territorio provinciale. La Provincia ha competenza in materia di controllo sugli impianti termici di qualsiasi potenza presenti su tutto il territorio provinciale ad esclusione della città capoluogo, in quanto ha una popolazione residente superiore a abitanti. Si vuole evidenziare che con la procedura telematica di recente introduzione, fortemente voluta dal Presidente della Provincia On. G. Mario Oliverio, si è di fatto semplificato e snellito il compito sia dei cittadini che dei manutentori. Infatti adesso il cittadino ha il solo compito di rivolgersi al proprio manutentore di fiducia il quale provvede sia alla compilazione dei modelli F e/o G e sia alla trasmissione alla Provincia dei suddetti modelli previa applicazione del bollino che ritira direttamente negli uffici della Provincia.

5 Per il cittadino vengono pertanto eliminate le code agli uffici postali sia per pagare i bollettini inerenti gli oneri e sia per spedire raccomandate dirette alla Provincia per trasmettere i modelli F e/o G. Per i manutentori con la nuova procedura si è reso più agevole il proprio lavoro avendo standardizzato ed uniformato la procedura e velocizzato i tempi di trasmissione dei rapporti di prova. Con il rilascio da parte della Provincia di un Codice Impianto Termico per ogni impianto o centrale termica le possibilità di commettere errori nel caricare i dati da parte dei manutentori vengono del tutto eliminati. Inoltre con la nuova procedura telematica è possibile attribuire un protocollo sui modelli F e/o G pervenuti in provincia con conseguente tracciabilità degli stessi. Questa guida, rivolta sia agli utilizzatori degli impianti termici che ai manutentori degli stessi, contiene le notizie utili per una buona conduzione degli impianti termici e sulla loro gestione in condizioni di sicurezza, nonché sugli adempimenti da effettuarsi secondo le disposizioni di legge. Le notizie e le spiegazioni sono redatte in forma semplice e accessibile; in ogni caso ogni richiesta su eventuali chiarimenti può essere inoltrata al competente ufficio tramite e mail: o al numero verde: IL DIRIGENTE DEL SETTORE DOTT. ING. EUGENIO GAUDIO

6 SEZIONE I: NOTIZIE IN GENERALE NORMATIVA VIGENTE IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI Manutenzione, sicurezza, controllo e autodichiarazione degli impianti termici sono funzioni che vengono specificatamente regolate da precise disposizioni di Legge, qui di seguito elencate: Legge 30 aprile 1976 N. 373 Norme per il contenimento del consumo energetico per usi termici negli edifici. Legge 9 gennaio 1991 n.10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia, parti abrogate: art.4 commi 1, 2 e 4; art. 28, commi 3 e 4; art. 29; art. 30;art. 31, comma 2, art. 33, commi 1 e 2; art. 34, comma 3.;Sostituito Il comma 2 dell'art. 26. DPR 26 agosto 1993 n. 412 Regolamento recante norme per la progettazione,l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia, in attuazione dell'art. 4, comma 4, della legge 9 gennaio 1991, n. 10. parti abrogate: art. 5 commi 1,2,3 e 4; art. 7 comma 7; art. 8;art. 11 commi 4, 12, 15, 16, 18, 19, 20. DPR 21 dicembre 1999 n. 551 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione, installazione, esercizio e manutenzione degli impianti termici degli edifici. Direttiva 2002/91/CE del 16 dicembre 2002 rendimento energetico in edilizia Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia Decreto Legislativo 29 dicembre 2006, n.311 Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, recante attuazione della direttiva 2002/91/CE, relativa al rendimento energetico nell'edilizia. (GU n. 26 del Suppl. Ordinario n.26) Decreto Legislativo n. 115/2008 G.U Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa all efficienza degli usi finali dell energia e i servizi energetici. Decreto Del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59Regolamento di attuazione dell art.4 comma 1 lettere a) e b) del Dlgs. 192/2005 sul rendimento energetico in edilizia Decreto 26 giugno 2009 (G.U. n.158 del 10/07/2009) Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Delibera di Giunta Provinciale n 506 del 29 dicembre 2008 Delibera di Giunta Provinciale n 146 del 28 aprile

7 OBIETTIVI DELLA LEGGE I contenuti della Legge hanno lo scopo di disciplinare l'uso dell'energia (evitando gli sprechi), di salvaguardare la qualità dell'ambiente (controllando lo scarico dei fumi nell'atmosfera) ed anche di contribuire alla tutela della sicurezza degli impianti termici. Tali finalità si raggiungono verificando con cadenza periodica il funzionamento e lo stato di manutenzione degli impianti. Per tanto ogni impianto deve essere mantenuto in buono stato di esercizio, per garantire la sua sicurezza ed efficienza. In sostanza una buona manutenzione programmata dell impianto termico garantisce: minori consumi di combustibile (circa il 10% in meno); riduzione dell inquinamento ambientale (emissioni degli ossidi di carbonio e ossidi di azoto); più sicurezza per gli utenti. Tutto questo è indice di civiltà, pone il nostro Paese sullo stesso piano delle nazioni più progredite, inoltre risponde anche alla comune esigenza di risparmiare sui consumi e di vivere in maniera più sana e più sicura. 7

8 Che cosa è un impianto termico DEFINIZIONI L impianto termico è un impianto tecnologico destinato alla climatizzazione estiva ed invernale degli ambienti con o senza produzione di acqua calda per usi igienici e sanitari o alla sola produzione centralizzata di acqua calda per gli stessi usi, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolazione e di controllo. Sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento, mentre non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, radiatori individuali; tali apparecchi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare è maggiore o uguale a 15 kw. Gli impianti tecnologici idrico sanitari (scaldacqua unifamiliari), a partire dal 15/08/2009 (entrata in vigore della Legge n. 99/2009) non rientrano più tra gli impianti tecnologici assimilati ad impianti termici e pertanto non saranno soggetti al controllo da parte di questo Ente. Libretto di impianto o di centrale Per impianti inferiori a 35 kw vi è l obbligo del manutentore di compilare il Libretto di impianto. Per gli impianti superiori a 35 kw vi è l obbligo di compilare il Libretto di centrale. Su tali documenti vengono annotati il responsabile dell impianto, tutti i dati tecnici dell impianto, i rapporti di controllo e manutenzione e le ispezioni da parte dell ente locale. I libretti sono obbligatori ai sensi dell art.11 comma 9 DPR 412/93 e s.m.i. I libretti devono essere conservati presso l edificio in cui è collocato l impianto termico. Responsabile dell impianto termico Per responsabile dell impianto termico s intende, senza vincolo di solidarietà tra loro, il proprietario, l'occupante a qualsiasi titolo o l'amministratore (Enti, condomini, società, ecc.) dell'edificio ove è installato l'impianto termico soggetto a ispezione, o qualora vi sia apposito contratto, con il terzo responsabile, così come individuato dall art. 1 comma 1, lettera j, e dall art. 11, comma 2 del DPR 412/93 e dall Allegato A del D. Lgs. 192/05. Il responsabile dell impianto termico è la persona indicata come tale nel libretto di impianto o di centrale. Il responsabile di impianto termico può essere: 8

9 L occupante, è il soggetto che occupa l immobile e che beneficia dell impianto di riscaldamento e può coincidere con il proprietario. Nel caso di unità immobiliari dotate di impianti termici individuali la figura dell occupante subentra, per la durata dell occupazione, alla figura del proprietario. L occupante ha l onere di adempiere gli obblighi previsti dalla normativa e nelle connesse responsabilità limitatamente all esercizio, alla manutenzione dell impianto termico e alle verifiche periodiche che dovranno essere svolte mediante manutentori di propria fiducia. L amministratore, nel caso di edifici amministrati in condominio dotati di impianti centralizzati. il proprietario dell impianto, in tutti gli altri casi. Terzo responsabile dell'esercizio e della manutenzione dell'impianto termico Il manutentore nominato terzo responsabile è la persona fisica o giuridica che, essendo in possesso dei requisiti previsti dalle normative vigenti e comunque di idonea capacità tecnica, economica, organizzativa, è delegata dal proprietario o dall Amministratore ad assumere la responsabilità dell'esercizio, della manutenzione e dell'adozione delle misure necessarie al contenimento dei consumi energetici ed alla salvaguardia ambientale. Nel caso di impianti termici con potenza nominale al focolare superiore a 350 kw, il possesso dei requisiti richiesti al "terzo responsabile dell'esercizio e della manutenzione dell'impianto termico" è dimostrato mediante l'iscrizione ad albi nazionali tenuti dalla pubblica amministrazione e pertinenti per categoria quali, per esempio, l'albo nazionale dei costruttori categoria gestione e manutenzione degli impianti termici di ventilazione e condizionamento, oppure mediante l'iscrizione ad elenchi equivalenti dell'unione europea, oppure mediante certificazione del soggetto, ai sensi delle norme Uni En Iso 9.000, per l'attività di gestione e manutenzione degli impianti termici, da parte di un organismo accreditato e riconosciuto a livello italiano o europeo. In ogni caso il terzo responsabile o il responsabile tecnico preposto deve possedere conoscenze tecniche adeguate alla complessità dell'impianto o degli impianti a lui affidati. II terzo responsabile dell'esercizio e della manutenzione dell'impianto termico deve inoltre comunicare, entro sessanta giorni, dalla formalizzazione dell incarico, la propria nomina alla Provincia. Al medesimo ente il terzo responsabile deve comunicare immediatamente eventuali revoche o dimissioni dall'incarico, nonché eventuali variazioni sia di consistenza che di titolarità dell'impianto. 9

10 Controlli sugli impianti Sono le operazioni svolte da tecnici manutentori di caldaie qualificati ed abilitati ai sensi della ex legge 46/90, operanti sul mercato, al fine di appurare lo stato degli impianti e l'eventuale necessità di operazioni di manutenzione ordinaria o straordinaria. Manutenzione ordinaria dell'impianto termico Sono le operazioni previste nei libretti d'uso e manutenzione degli apparecchi e componenti che possono essere effettuate in luogo con strumenti ed attrezzature di corredo agli apparecchi e componenti stessi e che comportino l'impiego di attrezzature e di materiali di consumo d'uso corrente. Manutenzione straordinaria dell'impianto termico Sono gli interventi atti a ricondurre il funzionamento dell'impianto a quello previsto dal progetto e/o dalla normativa vigente mediante il ricorso, in tutto o in parte, a mezzi, attrezzature, strumentazioni, riparazioni, ricambi di parti, ripristini, revisione o sostituzione di apparecchi o componenti dell'impianto termico. Ditta di manutenzione La Ditta, abilitata ai sensi del DM 37/08 e della ex Legge 46/90 lettere c) e e), incaricata dall utente di svolgere le operazioni di controllo e di manutenzione dell impianto termico secondo quanto previsto dall Art. 7 comma 2 del D. Lgs 192/05; Rapporto di Controllo tecnico Il rapporto redatto dalla ditta di manutenzione, al termine delle operazioni di controllo e di manutenzione, conformemente ai modelli contenuti nel D. Lgs 192/05 Allegato F, per gli impianti termici di potenza nominale del focolare superiori o uguali a 35 kw, e Allegato G, per quelli di potenza nominale del focolare inferiori a 35 kw. La trasmissione alla Provincia dei modelli F e/o G dovrà essere eseguita esclusivamente con procedura telematica e pertanto vanno riportate nelle apposite caselle la serie e il numero identificativo del bollino che viene adoperato per la compilazione del rapporto di controllo su ogni generica caldaia. 10

11 Resta comunque a carico del manutentore l onere di trasmettere alla Provincia i modelli F e G anche in modo cartaceo.. Bollino Il bollino, è rilasciato dalla Provincia ai soli manutentori. Sono disponibili quattro tipi di bollini di importo e colore diverso a seconda la classe di potenza dell impianto. Ogni bollino è composto da tre parti separabili con la stessa serie e stesso numero identificativo, una verrà posta sulla copia del Rapporto di Controllo Tecnico che rimane all'utente, una su quella che rimane al manutentore ed una sulla copia da trasmettere alla Provincia. Questa procedura consentirà all utente un notevole risparmio in termini di tempo (code alla Posta ) e denaro (spese per il pagamento con bollettino postale). Il bollino è esente da IVA ai sensi dell art. 4 della Legge 633/1972 (attività di tipo pubblicistico istituzionale). Verifiche e/o Ispezioni Si intendono gli accertamenti ed i controlli sugli impianti termici e sulla documentazione a corredo dell impianto che vengono eseguiti dalla Provincia di Cosenza mediante gli ispettori/verificatori e mirati a verificare che gli impianti siano conformi alle norme vigenti e che rispettino le prescrizioni e gli obblighi stabiliti dagli Enti preposti ai controlli. Tecnico verificatore: Ispettore Il tecnico incaricato dalla Provincia di Cosenza per effettuare le verifiche sugli impianti termici. Rapporto di Prova Il verbale conclusivo redatto dal tecnico verificatore: Ispettore, incaricato dalla Provincia di Cosenza, al termine del sopralluogo effettuato al generico impianto. Il rapporto di prova deve contenere i risultati di tutte le misurazioni e le informazioni essenziali affinché il controllo possa essere ripetuto nelle medesime condizioni. Il rapporto di prova contiene le seguenti informazioni: i dati identificativi dell ispettore; 11

12 i dati identificativi dell impianto e del suo responsabile; i dati identificativi degli strumenti di misura; le stampe prodotte dagli apparecchi di misura; le informazioni supplementari che, a giudizio dell ispettore, abbiano una relazione con i contenuti tecnici del rapporto e i suoi possibili usi; data di esecuzione del controllo; firme leggibili dell ispettore e del responsabile dell impianto o della persona da lui delegata. Classificazione degli apparecchi a gas Gli apparecchi a gas sono suddivisi in tre categorie: A, B e C. tale suddivisione si basa sul metodo di prelievo dell aria necessaria ad alimentare la combustione (aria comburente) e sul metodo di scarico dei prodotti di combustione. Tipo_A Apparecchio non collegato a camino/canna fumaria o a dispositivo di scarico dei prodotti della combustioneaall esternoadelalocaleainacuial apparecchioaèainstallato. Ileprelievoodell ariaacomburenteaealoascaricoadeiaprodottiadiacombustione avvengono nel locale d installazione. Tipo_B Apparecchio collegato a camino/canna fumaria o a dispositivo di scarico dei prodotti della combustioneeall esternoodelolocaleeinncuial apparecchioaèainstallato. Il prelievo dell aria comburente avviene nel locale d installazione e lo scarico dei prodotti di combustione all esterno del locale stesso. Tipo_C Apparecchio il cui circuito di combustione (prelievo aria comburente, camera di combustione, scambiatore di calore e scarico prodotti di combustione) è a tenuta rispetto al locale in cui l apparecchio è installato. Ai fini degli adempimenti procedurali connessi alle fasi gestionali dei rapporti tecnici di controllo la Provincia di Cosenza ha ripartito gli impianti termici in quattro gruppi, in base alla potenza nominale al focolare: 12

13 C1 inferiore a 35 kw (ad esempio le caldaie autonome d appartamento) ; C2 uguale o superiore a 35 kw ed inferiori a 116 kw ; C3 uguale o superiore a 116 kw ed inferiori a 350 kw ; C4 Superiori a 350 kw ; Zone Climatiche Il territorio nazionale e suddiviso nelle seguenti sei zone climatiche in funzione dei Gradi Giorno della località indipendentemente dalla ubicazione geografica. Zona A: comuni con numero di gradi giorno non superiore a 600; Zona B: comuni con numero di gradi giorno maggiore di 600 e non superiore a 900; Zona C: comuni con numero di gradi giorno maggiore di 900 e non superiore a 1.400; Zona D: comuni con numero di gradi giorno maggiore di e non superiore a 2.100; Zona E: comuni con numero di gradi giorno maggiore di e non superiore a 3.000; Zona F: comuni con un numero di gradi giorno maggiore di Periodo annuale di esercizio degli impianti termici Zona Durata giornaliera di Limiti massimi di esercizio annuale climatica accensione A 6 ore 1 dicembre 15 marzo B 8 ore 1 dicembre 31 marzo C 10 ore 15 novembre 31 marzo D 12 ore 1 novembre 15 aprile E 14 ore 15 ottobre 15 aprile F Nessuna limitazione Nessuna limitazione ZONE CLIMATICHE DEI COMUNI COSENTINI 13

14 Zona Comuni climatica A = = = = = B Diamante, Praia a Mare, Scalea. C Acquappesa, Amantea, Amendolara, Belmonte Calabro, Belvedere Marittimo, Calopezzati, Cariati, Cassano Ionio, Cetraro, Cleto, Corigliano Calabro, (Cosenza), Crosia, Fiumefreddo Bruzio, Francavilla Marittima, Laino Borgo, Orsomarso, Paola, Papasidero, Rocca Imperiale, Roggiano Gravina, Roseto Capo Spulico, Rossano, S. Lucido, S. Nicola Arcella, Sangineto, S. Maria del Cedro, Tarsia, Tortora, Trebisacce, Villapiana. D Aiello Calabro, Aieta, Altilia, Altomonte, Bisignano, Bonifati, Buonvicino, Caloveto, Campana, Canna, Carolei, Carpanzano, Casole Bruzio, Castiglione Cosentino, Castrolibero, Castrovillari, Cerisano, Cervicati, Cerzeto, Civita, Cropalati, Fagnano Castello, Falconara Albanese, Firmo, Frascineto, Fuscaldo, Grisolia, Guardia Piemontese, Lago, Laino Castello, Lappano, Lattarico, Longobardi, Lungro, Luzzi, Maierà, Malvito, Mandatoriccio, Marano Marchesato, Marano Principato, Marzi, Mendicino, Mongrassano, Montalto Uffugo, Montegiordano, Mottafollone, Oriolo, Paludi, Pedace, Pedivigliano, Piane Crati, Pietrapaola, Rende, Rose, Rota Greca, S. Basile, S. Benedetto Ullano, S. Cosmo Albanese., S. Demetrio Corone, S. Fili, S. Giorgio Albanese, S. Lorenzo del Vallo, S. Marco Argentano, S. Martino di Finita, S. Pietro in Amantea, S. Pietro in Guarano, S. Sosti, S. Vincenzo la Costa, S. Agata d Esaro, S. Caterina Albanese, S. Domenica Talao, S. Sofia d Epiro, Saracena, Scala Coeli, Serra d Aiello, Spezzano Albanese, Terranova da Sibari, Terravecchia, Torano Castello, Trenta, Vaccarizzo Albanese, Verbicaro, Zumpano. E Acquaformosa, Acri, Albidona, Alessandria del Carretto, Aprigliano, Belsito, Bianchi, Bocchigliero, Castroregio, Celico, Cellara, Cerchiara di Calabria, Colosimi, Dipignano, Domanico, Figline Vegliaturo, Grimaldi, Longobucco, Malito, Mangone, Morano Calabro, Mormanno, Nocara, Panettieri, Parenti, Paterno Calabro, Pietrafitta, Plataci, Rogliano, Rovito, S. Donato di Ninea, S. Giovanni in Fiore, S. Lorenzo Bellizzi, S. Stefano di Rogliano, Scigliano, Serra Pedace, Spezzano della Sila, Spezzano Piccolo. F = = = = = 14

15 I CONTROLLI DELLA PROVINCIA La normativa prevede che La Provincia di Cosenza ha il compito di compiere controlli a campione su tutto il territorio provinciale ad eccezione del solo comune capoluogo, in quanto avente popolazione residente maggiore di abitanti, per accertare l effettivo stato di manutenzione e d esercizio degli impianti termici presenti sul proprio territorio. Il controllo svolto dalla Provincia, pertanto, non si sostituisce ai controlli tecnici effettuati dai manutentori e comunque non comporta interventi di manutenzione, che sono esclusivamente a carico dell occupante o proprietario oppure del terzo responsabile. Per l esecuzione dei suddetti controlli, la Provincia si avvale di uno staff di ispettori formati dall ENEA ed appositamente incaricati. Controlli a campione Sugli impianti termici di cui sono correttamente pervenuti per via telematica alla Provincia i rapporti di controllo e manutenzione (modelli F e/o G) con accluso gli estremi del bollino (serie e numero) o in alternativa gli estremi della ricevuta di versamento effettuata presso gli uffici postali, saranno effettuate annualmente ispezioni a campione su almeno il 5%, ai fini del riscontro della rispondenza alle norme di legge e della veridicità dei rapporti trasmessi. La scelta dei soggetti che vengono sottoposti a controllo è del tutto casuale ed eseguita con apposito programma informatico con priorità in ogni caso per gli impianti che presentino maggiore vetustà o per i quali si evidenziano punti di criticità. Le procedure operative sono finalizzate a favorire omogeneità d azione su tutto il territorio provinciale a garanzia del rispetto degli standard secondo principi generali di trasparenza. Tale controllo sarà gratuito per il cittadino utente di impianto termico. Le ispezioni sono effettuate previo avviso all utente, mediante comunicazione a mezzo lettera nella quale è indicata la data e l ora della visita, il nominativo dell ispettore ed il suo numero telefonico di cellulare. Qualora l utente non fosse disponibile, per motivi inderogabili, per l ispezione dell impianto (per la data e l ora prestabilite) dovrà contattare almeno tre giorni prima rispetto alla data 15

16 del sopralluogo direttamente sul cellulare l ispettore per fissare un nuovo appuntamento nell arco di 30 giorni rispetto alla data prestabilita. Controlli d ufficio Per tutti gli impianti termici di qualsiasi potenza per i quali non sia pervenuto per via telematica alla Provincia il Rapporto di Controllo (modello F e/o G) con accluso bollino o ricevuta di versamento secondo i termini e le modalità prescritte, sono soggetti ad ispezioni da parte degli ispettori della Provincia, con l addebito ai relativi utilizzatori degli oneri a costo pieno e l applicazione delle sanzioni previste dalle normative nazionali e dal Regolamento Provinciale. Addebito per ispezioni non effettuate L utente può chiedere una sola volta di rimandare l ispezione in altra data. Se tale richiesta, da effettuare con comunicazione telefonica direttamente all ispettore è effettuata entro il 3 giorno che precede il controllo, verrà accolta senza alcun onere per il richiedente, diversamente, salvo motivate e documentate giustificazioni, verrà addebitato al richiedente un onere pari al 50% del costo dell ispezione a copertura del costo del sopralluogo sostenuto dall Ente controllore e l ispezione verrà ripetuta previa nuova comunicazione a mezzo lettera A/R da parte della Provincia. In caso di secondo rifiuto o assenza da parte dell utente si procederà come di seguito riportato. L Ispettore comunicherà al Settore competente della Provincia l impossibilità a procedere alla verifica. Il Settore competente, entro trenta giorni dal ricevimento della predetta comunicazione, notificherà all utente, a mezzo posta mediante raccomandata A.R., atto di diffida all uso dell impianto termico. Copia dell atto di diffida sarà inviata alla Società erogatrice del gas, ai sensi e per gli effetti dell art. 16, comma 6 del Decreto Legislativo 23 maggio 2000, n. 164 e, per opportuna conoscenza, al Sindaco del comune di pertinenza. Nel caso di terzo rifiuto o assenza da parte dell utente e per impianti alimentati a gas di rete si procede alla richiesta della sospensione del contratto di fornitura del combustibile come previsto dal comma 6 dell Art.16 del D. Lgs 164/00. Inoltre, non avendo certezza della corretta manutenzione e conduzione dell impianto, sarà informata l autorità competente per la tutela della pubblica incolumità per i provvedimenti del caso. 16

17 Qualora l ispezione non abbia luogo a causa della dismissione dell impianto e ciò non sia stato precedentemente comunicato dall utente alla Provincia nel termine perentorio e nei modi previsti, sarà comunque addebitata al proprietario o occupante oppure amministratore dell unità immobiliare la somma pari al 50% del costo degli oneri pieni per la copertura dei costi di sopralluogo sostenuto dall Ente Provincia. La Provincia provvede alla riscossione coattiva delle somme dovute e non corrisposte, mediante iscrizione a ruolo dei relativi nominativi. La Provincia si riserva di controllare a campione gli impianti per i quali sono state effettuate dichiarazioni di avvenute dismissione. Le dichiarazioni false e mendaci, così come tutti i comportamenti non leciti, saranno denunciati alla Autorità Giudiziaria competente. L ispezione Il personale tecnico addetto alle ispezioni, ha responsabilità di incaricato di pubblico servizio. Questo, al momento della visita, si presenta munito di apposito tesserino di riconoscimento e di documento di identità. Il personale tecnico addetto alle ispezioni, ha responsabilità di incaricato di pubblico servizio. Durante il controllo dovrà essere disponibile la seguente documentazione: libretto d impianto (per impianti con potenza inferiore a 35 KW) o di centrale (per impianti con potenza uguale o superiore a 35 KW) aggiornati e completi di eventuali allegati; dichiarazione di conformità dell impianto ai sensi della Legge n 46/90; libretto d uso e manutenzione, rilasciato all installazione dell impianto; certificato di prevenzione incendi, rilasciato dai Vigili del Fuoco (solo per impianti con potenza superiore ai 116 KW). Il verificatore inizialmente accerterà: le generalità del responsabile dell esercizio e della manutenzione; che la conduzione e gestione dell impianto, comprese le operazioni di manutenzione, vengano eseguite secondo la normativa vigente; che il libretto di centrale o di impianto venga correttamente tenuto e sia compilato in ogni sua parte. 17

18 Verificherà quindi tutti i parametri tecnici previsti dalla normativa (rendimento della combustione, quantità di inquinanti nelle emissioni, ecc.) e, limitatamente alle parti visibili, verificherà lo stato delle parti deteriorabili dell impianto, lo stato della canna fumaria, l aerazione del locale, ecc. I risultati del controllo, nel caso di impianti con potenzialità maggiore o uguale a 35 KW, verranno trascritti negli appositi spazi sul libretto di centrale e verrà posto in calce timbro e firma del verificatore; nel caso di impianti con potenzialità minore di 35 KW verrà apposto sul libretto di impianto timbro e firma del verificatore a conferma dell avvenuto controllo. Esito dell ispezione Al termine dell accertamento, l ispettore redigerà un Rapporto tecnico di prova, secondo il modello fornito dall Ente, riportante tutti i dati rilevati, le eventuali anomalie, le osservazioni nonché le eventuali dichiarazioni del responsabile dell esercizio e manutenzione dell impianto. Il Rapporto sarà redatto in triplice copia controfirmato per presa visione dall utente (o dal suo delegato). La prima e la seconda copia saranno trattenute dall ispettore, la terza sarà rilasciata all utente che dovrà conservarla in allegato al libretto di centrale o di impianto. Delle due copie rimaste in possesso dell ispettore, lo stesso dovrà trasmettere mensilmente una copia agli uffici della Provincia. Qualora a seguito dell ispezione eseguita risulti che l impianto non è conforme a quanto previsto dal D.P.R. 412/93 e successive modificazioni ed integrazioni, quindi l ispezione risulta con esito negativo l utente in qualità di responsabile dell impianto termico sarà formalmente invitato al ripristino delle condizioni di legge entro i termini che verranno stabiliti mediante lettera raccomandata A/R da parte della Provincia. I termini di cui al precedente periodo sono stabiliti dalla Provincia in funzione della gravità dei difetti riscontrati. Entro e non oltre tale termine l utente invierà alla Provincia di Cosenza idonea documentazione e certificazione tecnica attestante l avvenuto adeguamento dell impianto alle condizioni previste dalla normativa vigente. In caso di mancata trasmissione della Dichiarazione Sostitutiva di cui sopra entro i termini stabiliti sarà applicata, la sanzione indicata nel Regolamento Provinciale. In presenza di situazioni di grave pericolosità, l ispettore potrà richiedere la disattivazione dell impianto da disporsi con apposito atto da parte della Provincia, si darà comunicazione all Azienda che 18

19 fornisce il combustibile per i provvedimenti di sua competenza (interruzione della fornitura del Gas ai sensi dell Art 17 comma 6 del D.lgs. 164/2000). IL CATASTO DEGLI IMPIANTI TERMICI ON LINE (CITOL) La Provincia di Cosenza ha predisposto un Catasto informatizzato di tutti gli impianti termici denominato CITOL (Catasto Impianti Termici On Line) esistenti sul suo territorio, ad esclusione della città capoluogo, costituito attraverso i rapporti di controllo tecnico redatti secondo i modelli F e G, attraverso le schede identificative degli impianti, dai verbali di ispezioni, dalle attività di censimento, dalle richieste di dismissione nonché dagli elenchi forniti dalle società distributrici di combustibile, richiesti dalla Provincia in base all art. 17 del DPR 551/99. Continuamente si provvede al suo aggiornamento chiedendo la collaborazione ai fornitori di combustibile ed agli Enti Pubblici quali Vigili del Fuoco, all ARPACAL, all ISPLESL, Uffici Tecnici Comunali. 19

20 SEZIONE II: UTENTI OBBLIGHI DI LEGGE A CARICO DEI PROPRIETARI DI IMPIANTI TERMICI I proprietari sono tenuti alle denunce di possesso e di esercizio dell impianto termico. Per gli impianti ad uso civile devono essere presentati al Comune idonei progetti per la concessione edilizia ed i certificati di conformità per il rilascio della conformità edilizia ai sensi della legge 46/90 (norme per la sicurezza degli impianti), della legge 10/91 (uso razionale dell energia) e del DPR 412/93 (regolamento attuativo). Per i generatori di calore alimentati da combustibile solido, liquido, gassoso o per impianti centrali di riscaldamento utilizzanti acqua calda aventi potenzialità globale dei focolai superiore a kcal/h (35 kw), prima che inizi la costruzione o la modifica dell impianto deve essere presentata una denuncia all'ispesl a cura dell installatore, il quale deve avvalersi della collaborazione di un Professionista asseverato, o da un termotecnico. In tale dichiarazione devono essere indicati i dati d identificazione dell'impianto e del luogo d installazione. Tale domanda deve essere inviata all'ispesl quando: a) si installa un nuovo impianto; b) si modificano i dispositivi di sicurezza e di protezione; c) si procede a sostituzione o modifica comportante aumento della potenzialità nominale o una variazione della pressione di targa. In tutti e tre i casi, insieme alla denuncia, l'installatore deve presentare il progetto e una relazione tecnica, completa di allegati, predisposti e firmati da un professionista abilitato. Denuncia, progetto e relativi allegati devono essere inviati all ISPESL competente per territorio con raccomandata con ricevuta di ritorno. In seguito, l'ispesl dovrebbe esaminare la pratica e comunicarne l'esito, provvedendo altresì alla omologazione dell'impianto. I Vigili del Fuoco rilasciano, in prima istanza, l attestato di avvenuto deposito del progetto ed emettono, successivamente, un parere relativo al progetto; successivamente a seguito di un sopralluogo con esito positivo, rilasciano il certificato di prevenzione incendi (CPI) per gli impianti con potenzialità superiore a 116 kw. Per gli impianti aventi potenzialità da 35 kw a 116 kw non è previsto il rilascio del CPI; questi devono in ogni caso rispettare le relative 20

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

agevolazioni 2.09.2014

agevolazioni 2.09.2014 Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO ELETTRICO, LE RINNOVABILI E L'EFFICIENZA ENERGETICA, IL NUCLEARE EX DIVISIONE IX ATTUAZIONE E GESTIONE DI PROGRAMMI DI INCENTIVAZIONE

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 Le scritte in verde sono le integrazioni o variazioni apportate dal DPR 551/99 al DPR 412/93 Le scritte in nero sono il testo del DPR 412/93 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

IL RETTORE. il decreto del 01 aprile 2014 n.608 con il quale è stato aggiornato lo statuto di ateneo; VISTO

IL RETTORE. il decreto del 01 aprile 2014 n.608 con il quale è stato aggiornato lo statuto di ateneo; VISTO Università della Calabria - Amministrazione Centrale D.R. n.1072 del 10/07/2015 IL RETTORE il decreto del 01 aprile 2014 n.608 con il quale è stato aggiornato lo statuto di ateneo; il decreto del 6 febbraio

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A.

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO TAVOLO TECNICO DI COORDINAMENTO delle Provincie della Regione Abruzzo (L.R. n. 28/2011, art. 2, comma 4) c/o Direzione Protezione Civile e Ambiente via Salaria Antica Est 27 67100 L Aquila fax 0862.364615

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE Dati del titolare Cognome Nome Codice fiscale Data

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli