INTERFERENZE DELLE ALTRE LINGUE STRANIERE STUDIATE NELL'APPRENDIMENTO DELLO SPAGNOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERFERENZE DELLE ALTRE LINGUE STRANIERE STUDIATE NELL'APPRENDIMENTO DELLO SPAGNOLO"

Transcript

1 MARIA VITTORIA CALVI INTERFERENZE DELLE ALTRE LINGUE STRANIERE STUDIATE NELL'APPRENDIMENTO DELLO SPAGNOLO Tutti sono concordi nell'affermare che quando due o più sistemi linguistici si trovano in contatto, si manifesta nel parlante la tendenza a trasporre parole e costrutti da una lingua all'altra. Uriel Weinreich, nella sua fondamentale opera sul bilinguismo *, fece ampio uso del termine «interferenza», per indicare l'influsso negativo esercitato da una lingua sull'altra in situazioni di bilinguismo. E' comunque evidente che tali interferenze operano anche durante il processo di apprendimento di seconde lingue; l'apporto delle ricerche in campo psicologico 2, ci porta infatti alla conclusione che la conoscenza di una lingua condiziona ogni apprendimento successivo di una lingua straniera, che il discente confronterà inevitabilmente con la o le lingue già acquisite 3. Su questo postulato si basa l'analisi contrastiva iniziata da Robert Lado 4, il cui scopo è quello di confrontare due o più sistemi linguistici per prevedere le difficoltà che troverà il discente nell'apprendimento di una seconda lingua, e preparare materiali didattici atti a superarle. Tuttavia, le teorie psicologiche dell'apprendimento non sono ancora in grado di fornire una base sufficientemente obiettiva all'analisi contrastiva: quindi, se pure è possibile confrontare scientificamente due sistemi linguistici, è invece difficile far previsioni poiché nella pratica dell'insegnamento ci si trova di fronte a fattori d'esecuzione, mentre il confronto tra strutture deve prescindere dai comportamenti linguistici individuali 5. In ogni caso, si sa che l'interferenza si verifica; e poiché il discente è portato a trasferire nella nuova lingua le abitudini linguistiche acquisite in precedenza, si avrà un transfer posi-

2 tivo ogniqualvolta le strutture delle due lingue coincidono, e un transfer negativo o interferenza quando i due sistemi linguistici sono divergenti 8. Posto il problema in questi termini, la ben nota somiglianzà tra l'italiano e lo spagnolo dovrebbe facilitare notevolmente l'apprendimento, mentre in realtà non sempre è così. A volte, è proprio la somiglianzà a determinare l'interferenza; infatti, se i due sistemi divergono completamente, il transfer è nullo, anche se questo non significa che l'apprendimento sia agevolato 7. In ogni caso, se consideriamo il gran numero di regole che l'italiano e lo spagnolo condividono ai livelli intermedi (tra la struttura profonda e la struttura superficiale) 8, dovremmo giungere alla conclusione che le interferenze tra le due lingue, nella maggior parte dei casi, non sono gravi, non tali quindi da ostacolare la comunicazione. Nonostante i malintesi, infatti, sarà certamente più facile che un italiano e uno spagnolo possano comunicare tra di loro senza conoscere le rispettive lingue, di quanto non siano in grado di fare, ad esempio, un arabo e un tedesco. Ma seppure le interferenze gravi tra l'italiano e lo spagnolo sono abbastanza limitate, vi è un vasto campo di interferenze determinate dalle equivalenze formali a cui non fa riscontro una equivalenza a livelli più profondi 9, e l'esperienza didattica ci rivela che queste interferenze sono ben difficili da estirpare. Come si è detto, poco si sa sui meccanismi psicologici che sottendono l'apprendimento di una seconda lingua, e meno ancora su cosa avviene quando un individuo conosce più lingue. Certamente un'educazione multilingue può produrre una serie di effetti positivi, come ha osservato, ad esempio, Renzo Titone a proposito del bilinguismo; e soprattutto, oltre a una maggiore apertura mentale e a un arricchimento sul piano culturale, la formazione di «strategie linguistico-cognitive arricchite dal confronto tra due sistemi comunicativi» 10, che dovrebbe quindi facilitare l'apprendimento successivo. Tuttavia, questi effetti non sono risultati spontanei di un'educazione plurilingüe; e in ogni caso le conseguenze psicologiche del conoscere più lingue, sull'apprendimento di una nuova lingua, non sono del tutto chiare u. Molti sono i fattori da prendere in considerazione; oltre alle variabili che intervengono in ogni processo di apprendimento linguistico, bisogna 10

3 valutare se la nuova lingua viene studiata contemporaneamente alle altre o in fasi successive, quali metodi sono stati adottati nell'insegnamento delle altre lingue, che competenza è stata acquisita, ecc. Tuttavia, è chiaro che la conoscenza di una lingua straniera condiziona in qualche modo ogni successivo apprendimento e ne viene a sua volta condizionata: se, infatti, l'insegnamento di una lingua straniera non fa dimenticare allo studente la propria lingua nativa, può invece allontanargli dalla memoria alcuni elementi di altre lingue studiate precedentemente u. Il problema è complesso, ma benché manchino risposte scientifiche esaurienti, la conoscenza di altri codici linguistici è un fattore di cui bisogna in qualche modo tener conto nella pratica didattica. Questa situazione di base assume particolare importanza nell'insegnamento dello spagnolo; data la scarsa presenza di questa lingua nella scuola secondaria, infatti, è raro che un italiano si accinga a studiarla senza conoscere almeno l'inglese. Spesso lo studente approda allo spagnolo quando frequenta l'università, o in ogni caso dopo aver compiuto il dovere di studiare almeno una lingua «utile» (inglese, francese o tedesco). La scelta dello spagnolo rimane, quindi, svincolata da valutazioni utilitaristiche; questo dovrebbe favorire l'apprendimento; in base ai risultati della ricerca u, sembra infatti che una motivazione integrativa (cioè il desiderio di conoscere una nuova cultura e di avere contatti con i parlanti nativi) unita a un atteggiamento positivo nei confronti della comunità che parla la nuova lingua, possa facilitare l'apprendimento, mentre una motivazione strumentale (come ad esempio quella legata alla ricerca di un lavoro o alle esigenze del sistema scolastico) soprattutto se associata a una posizione etnocentrica o ad atteggiamenti ostili o indifferenti nei confronti del gruppo che parla la lingua, tenda a ostacolarlo ". Tuttavia, l'entusiasmo iniziale, motivato dalle affinità che lo studente riscontra fra la cultura spagnola e quella italiana, non basta per ottenere una competenza soddisfacente: come è purtroppo noto, lo spagnolo viene spesso trascurato di fronte a impegni di studi più pressanti, e un'applicazione piuttosto discontinua lascia ampio spazio alle interferenze sia della lingua madre che delle altre lingue straniere

4 Anche nei licei linguistici, lo spagnolo convive con altre lingue, in rapporti che variano da una scuola all'altra. Nel liceo linguistico dove ho condotto la presente ricerca, lo spagnolo si trova in una posizione «istituzionalmente» subordinata rispetto alle altre lingue: infatti, viene insegnato solo come materia opzionale. La scelta del liceo come sede della ricerca è stata determinata da considerazioni pratiche: trattandosi di una scuola secondaria, infatti, la situazione di base è più omogenea che altrove; ogni classe lavora con gli stessi insegnanti e ogni discente si trova di fronte a un'esposizione alle lingue della stessa intensità, la frequenza è obbligatoria per tutti e, sempre a livello di classe, la combinazione di lingue straniere studiate è la stessa (ad es. inglese - francese - spagnolo, inglese - tedesco - francese, ecc). Le dieci classi osservate, affrontavano tutte lo studio dello spagnolo dopo aver già acquisito le strutture fondamentali di altre due lingue (inglese e francese in sei casi, inglese e tedesco negli altri quattro), studiate nei primi due anni del liceo; a partire dal terzo anno, lo studio delle tre lingue veniva portato avanti contemporaneamente 16. Le osservazioni sono state effettuate nell'arco di due anni e portano prima di tutto a vedere nel francese la lingua che maggiormente condiziona l'apprendimento dello spagnolo, anche se l'influsso dell'inglese non è trascurabile; le interferenze del tedesco sono invece sporadiche. Del resto, è probabile che le interferenze tra diverse lingue straniere siano influenzate dall'affinità tra i sistemi più di quanto non lo siano le interferenze della lingua madre, punto di riferimento costante. La competenza di parlanti, infatti, porta più facilmente a riconoscere come appartenente o meno alla propria lingua un enunciato o una parola, mentre laddove manchi questa competenza di base, le affinità tra due sistemi stranieri creano continue interferenze ". I dati raccolti sono stati desunti da esercitazioni scritte, per le difficoltà di analizzare obiettivamente le esecuzioni orali 18. Tuttavia, dette esercitazioni scritte riflettevano spesso strutture appartenenti più alla lingua parlata che alla lingua scritta, in conformità con un orientamento didattico che tende a privile- 12

5 giare l'espressione orale, mentre la scrittura viene considerata come una strategia di fissazione o di verifica di strutture apprese oralmente w. Gli esempi citati provengono principalmente da esercizi di produzione attiva di enunciati (ad es. costruzione libera di frasi che incorporino un elemento lessicale dato e risposte a domande riferite a brani già letti e ripetuti oralmente); sono anche stati esaminati esercizi di traduzione dall'italiano, esercizi strutturali di diverso tipo e dettati. Ho comunque notato che nell'espressione orale gli errori dovuti a interferenza sono più o meno gli stessi dello scritto, ma anche più evidenti. Le interferenze sul piano esclusivamente fonetico, invece, si verificano solo nei primi stadi dell'apprendimento e sono facilmente eliminabili. Tra le principali interferenze del francese vi_è una_certa tendenza alla nasalizzazione (ad es. un jardín» /ce xards/)* e, in modo più persistente, lo spostamento di alcuni accenti: fácil»facil, difícil >dificjl, examen-»examen (cfr. l'italiano «facile - difficile - esame»). La conoscenza dell'inglese può invece portare a pronunciare aspirata la -h iniziale di alcune parole, ad es. /hermano/; il tedesco è invece responsabile di errori di lettura della -g davanti alle vocali -i, -e; ad es. /generai/ anziché /xeneral/. In ogni caso, le interferenze sul piano fonetico sono irrilevanti rispetto a quelle dell'italiano; si sa del resto che proprio nel campo della pronuncia è più difficile abbandonare le abitudini acquisite nell'infanzia ". Molto più persistenti, le interferenze sul piano dell'ortografia. Certamente, gli errori che avvengono solo a livello ortografico non ostacolano la comunicazione, ma benché si dia priorità alla competenza comunicativa, non si può dimenticare che l'obiettivo dell'insegnamento deve essere quello di favorire una acquisizione della lingua in ogni suo aspetto. Il caso di gran lunga più frequente e persistente di interferenza sia del francese che dell'inglese (rafforzato forse da riminiscenze del latino), è la sostituzione del grafema -e con il grafema -t nel gruppo -cion, sia in posizione finale che all'in- * Per ragioni tipografiche, il segno - sostituisce la tilde su: re e E. 13

6 terno della parola. La realizzazione dovuta all'interferenza dell'italiano, cioè -zion, è invece piuttosto rara (vedi tabella n. 1). Sia l'inglese che il francese sono inoltre responsabili (anche in questo caso uniti a ricordi del latino) della sostituzione del grafema -f con -ph. Si deve invece a un'errata comparazione stabilita con il suono aspirato della -h in inglese, la trascrizione della velare fricativa sorda /x/ con -h; il suono spagnolo equivale piuttosto alla realizzazione del fonema rappresentato in tedesco dalla grafia -eh in parole come «nach» ecc, ma non ho mai riscontrato interferenze di questo tipo. A volte il francese e a volte l'inglese spiegano la sostituzione di -i con -y; il caso di «pays» è diffusissimo e persistente (è piuttosto raro che uno studente di francese scriva «país» correttamente in spagnolo), gli altri esempi sono più saltuari. Inoltre, gli aggettivi di nazionalità e i mesi vengono spesso scritti con l'iniziale maiuscola come avviene in inglese, mentre non ho mai osservato interferenze del ben più diffuso impiego della maiuscola in tedesco. Esistono altri esempi sporadici di interferenze a livello ortografico; ma più importanti e insidiose, sono le interferenze sul piano morfosintattico e lessicale. Per quanto riguarda l'articolo partitivo, sono spesso osser- Pinterferenza del suffisso francese -es: «adultes, programes». In questo caso l'errore trae origine da una somiglianzà sul piano ortografico, ma non si tratta di un semplice errore di ortografia, in quanto la disortografia viene trasposta nella realizzazione orale /adultes/. Analogamente, si attua l'interferenza del francese nel campo degli articoli determinativi, più frequente al plurale, ad es. «les adultes» (cfr. il francese «les adultes»). Per quanto riguarda l'articolo partitivo, sono spesso osservabili interferenze dell'italiano (ad es. «Tengo de los amigos» - «Ho degli amici»). La conoscenza del francese aggrava il problema, data la maggior frequenza di uso del partitivo in francese, e l'equivalenza ortografica tra il francese «de la» e lo spagnolo. Al plurale si registra la trasposizione della forma «des» (pronunciata, naturalmente /des/) : «Quiero comprar des vasos», «Son des amigos», 14

7 Tipo di errore TABELLA N. 1 Ertoti ortografici dovuti a interferenza del francese o dell'inglese Francese Inglese Italiano -C»4: comunication condition situation colection réaction dictionario communication condition situation collection réaction dictionnaire communication condition situation collection réaction dictionary comunicazione condizione situazione collezione reazione dizionario photographia philosophía telóphono -i -> -y: pays, paysaje typo, typico symbolizar analyzar photographie philosophie télóphone pays, paysage type, typique symboliser analyser photograph philosophy telephone type, typical to symbolize to analyse fotografia filosofia telefono paese, paesaggio tipo, tipico simboleggiare analizzare -o > -au : autro -e»-qu: tipiquo Altri errori: ahier à l'extérior esperanca autre typique hier à l'extérieur (esistenza del grafema -e) altro tipico ieri y ' all'esterno t *

8 Molto frequenti, date le somiglianze formali, le interferenze del francese nel sistema dei possessivi; si confronti: «ma vida» e «ma vie», «mes amigos» e «mes amis», «tes amigos» e «tes amis», «nos clases» e «nos classes», «vos amigos» e «vos amis». Si deve invece all'inglese l'abuso dei possessivi, poco tollerato in spagnolo, come si osserva in frasi tipo «Ponte tu abrigo (cfr. l'inglese «Put on your coat» e l'italiano «Mettiti il cappotto»), «Se lavó sus manos» (cfr. l'inglese «He washed bis hands» e l'italiano «Si lavò le mani»). Sempre all'inglese, va attribuita la tendenza a collocare l'aggettivo davanti al sostantivo. Enunciati come «No me gustan las modernas ciudades», «Son las más bonitas cosas», rivelano un chiaro influsso dell'inglese. Nel caso del superlativo, è da notare un'altra interferenza del francese abbastanza frequente, cioè la ripetizione dell'articolo determinativo, ad es.: «Las novelas las más interesantes» (cfr. «Les romans les plus intéressants») o addirittura «Las casas las plus grandes». Nel sistema pronominale, le interferenze sia dell'inglese che del francese sono molte e particolarmente frequenti. Una delle più insidiose, dato che non comporta alterazioni sul piano formale facilmente individuabili, è l'abuso dei pronomi personali soggetto. E' forse uno dei casi in cui le interferenze dell'inglese e del francese (e forse anche del tedesco) sono più persistenti, poiché il reperimento in più di un sistema linguistico della stessa regola, induce a estenderla a ogni altra lingua straniera. Si può ipotizzare che in una prima fase di apprendimento, l'abuso del pronome soggetto sia dovuto a una errata strategia di studio (ripetizione delle coniugazioni verbali) e che in qualche modo serva come appoggio nella ricerca della voce verbale corretta, ma la frequenza di questo tipo di errore anche con verbi facili e già acquisiti, porta più facilmente ad attribuirlo a un fenomeno di interferenza. Del resto gli studenti stessi si meravigliano quando scoprono che in spagnolo non è obbligatorio esprimere il pronome soggetto. Esempi: «Él se ha casado porque él ha sido obligado»; «Él podría ir a buscarte, al fin y al cabo él no trabaja»; «Todo lo que tú quieres, tú puedes hacerlo»; «Yo no quiero que tú vengas porque tú estás cansada»; «Yo no he oído el ruido porque yo no 16

9 estaba en casa»; «Nosotros queremos que vosotros vengáis a la fiesta»; «De quién son estos apuntes? Ellos son de Luis»; «Si ellos estudian español, ellos podrán ir a España» 21. Il pronome «tú» viene a volte usato con valore impersonale, dando luogo a enunciati di chiara impronta inglese, ad es. «Desde aquí tú puedes ver la ciudad» (cfr. con l'inglese «You can see thè town from here»; e lo spagnolo «Desde aquí se ve la ciudad» con l'italiano «Da qui si vede la città»). Sempre in ambito pronominale, vi è un'altra interferenza piuttosto frequente, dovuta al francese: lo spostamento davanti all'infinito del pronome enclitico, come nei seguenti esempi: «Quiero os dir» (cfr. «Je veux vous dire»; it. «Voglio dirvi»; si osservi anche la deformazione dell'infinito); «Ella puede nos dar» (fr. «Elle peut nous donner»; it. «Essa può darci») ; «Tienes que la aprender» (fr. «Tu dois l'apprendre»; it. «Devi impararla»); «Quiero lo ver mañana» (fr. Je veux le voir demain»; it. «Voglio vederlo domani» o «Lo voglio vedere domani»). Ho anche registrato altri spostamenti dei pronomi, dovuti probabilmente all'influenza dell'inglese; ad es. «Nunca había visto a ti» (ing. «I had never seen you»; it. «Non ti avevo mai visto»); «Quiero que digas ello» (ing. «I want you to say it»; it. «Voglio che tu lo dica»); «Quieren a os» (ing. «They love you»; it. «Vi amano»); «Nuestros amigos mandan nos una carta cada semana» (ing. «Our friends send us a letter every week»; it. «I nostri amici ci mandano una lettera ogni settimana»). A volte il pronome «elio» viene usato come soggetto riferito alle cose, per interferenza dell'inglese «it»; ad es. «No me gusta este libro porque ello es aburrido» (cfr. l'inglese «I don't like this book because it is boring»). L'esistenza in spagnolo di un genere neutro, infatti, richiama l'uso del neutro che si fa in inglese, generando parecchia confusione. Sempre in campo pronominale, l'equivalenza formale tra il pronome francese «y» e la congiunzione spagnola «y» genera un altro tipo di errore, come si osserva nell'enunciato «Mis amigos y van» (fr. «Mes amis y vont»; it. «I miei amici ci vanno»). La negazione è un altro campo in cui si sviluppano inter- 17

10 ferenze dell'inglese e in parte anche del francese. La supposizione che anche in spagnolo «due negazioni affermino», si traduce spesso in domande esplicite e porta a produrre enunciati come «Nosotros no podemos hacer algo» (ing. «We cannot do anything»; fr. «Nous ne pouvons rien faire»; it. «Non possiamo fare niente»); «Nadie sabe algo» (ing. «Nobody knows anything»; fr. «Personne ne sait rien»; it. «Nessuno sa niente») ; «No hay persona alguna» (ing. «There is not anybody»; fr. «II n'y a personne»; it. «Non c'è nessuno»). Per quanto riguarda i verbi, poche sono le interferenze a livello dei morfemi inflessionali, di cui naturalmente può essere responsabile solo il francese; ad es. «De qué te preocupes?» (cfr. il francese «préoccupej» e l'italiano «preoccupi»); «Yo hablarais» (cfr. il fr. «Je parlerà» e l'it. «parlerei»); inoltre l'infinito «tener» viene spesso trasformato in «tenir» (fr. «tenir», it. «tenere») e analogamente i suoi composti, ad es. «mantenir». Vi è poi un caso molto frequente di interferenza del francese alla II e alla III persona singolare del presente del verbo «ser»: «Tu es, él est» (fr. «tu es, il est»). Anche il latino potrebbe essere responsabile di questa interferenza; gli studenti stessi a volte osservano analogie con il sistema verbale latino **. Sempre al presente del verbo «ser», si verifica a volte la sostituzione di «es» con «is», per influsso dell'inglese «he is». Un altro esempio di interferenza del francese riguarda invece il verbo «venir»; «Él viendra» (fr. «II viendra»). Più insidiose le interferenze del francese e dell'inglese nell'uso dei tempi verbali. Ad esempio, il valore funzionale dell'imperfetto indicativo in spagnolo e in italiano è analogo, quindi dovrebbe prodursi un transfer positivo; ho invece riscontrato tentennamenti e difficoltà, che attribuisco a un'interferenza dell'inglese, in cui come è noto l'imperfetto non esiste, anche se il sistema verbale prevede altre forme sostitutive. La frase «Por la mañana mi padre trabajaba y nosotros fuimos a la playa» (anziché «íbamos»), rivela incertezze di questo tipo. Si devono invece al francese interferenze nell'uso dei tempi del congiuntivo, come si osserva nella frase «Quería que vengas en coche» (fr. «Je voulais que tu viennes en voiture»); 18

11 in francese, infatti, l'uso del congiuntivo imperfetto è quasi del tutto scomparso. Si potrebbero certamente reperire altre interferenze dell'inglese e del francese nell'uso dei tempi e dei modi verbali, ma esse si sovrappongono a quelle dell'italiano ed è abbastanza difficile distinguerle; inoltre, sarebbe necessario esaminare classi a un livello di studio più avanzato. Anche nel campo delle preposizioni, si producono varie interferenze del francese; a parte trasposizioni di «sur», «avec» e «dans» nelle frasi spagnole, (il caso più frequente è quello di «sur»; ad es. «sur la mesa»), la preposizione «de» viene spesso inserita in frasi che la richiederebbero in francese: ad es. «Es muy difícil de llegar a tiempo» (fr. «II est très difficile 'arriver à l'heure»); «Es fácil de equivocarse» (fr. «II est facile de se tromper»). Inoltre, la conoscenza del francese può introdurre un ulteriore elemento di confusione nell'uso delle preposizioni di luogo, già ampiamente soggetto alle interferenze dell'italiano. Ad esempio, l'enunciato «A la montaña hará frío» (cfr. il fr. \< À la montagne» e l'it. «In montagna»), rivela un'interferenza del francese. Questa lingua interferisce anche nel già complesso problema dell'uso di «por» e «para»; infatti, viene spesso trasferita dal francese la preposizione «par», a causa di una palese analogia formale («par exemplo»). Per quanto riguarda gli avverbi, esiste un campo di molteplici e frequenti interferenze del francese. Spesso gli italofoni estendono ad «así» il valore funzionale di «tan», e commettono errori tipo «Estaba así cansado...»; inoltre, l'influsso dell'italiano è evidente in costruzioni come «Tenía así tantas maletas que tuve que coger un taxi» (cfr. l'it. «Avevo così tante valigie che dovetti prendere un taxi»). Su queste difficoltà, si innestano le interferenze del francese, motivate da analogie formali con «si» e «tant»; ad es. «Tenía si tan de maletas...», «Tenía tan de maletas...», «Tenía si maletas...», «Tenía si tan maletas...», «Era si tarde que se fue» (cfr. il fr. «J'avais tant de valises...», «II était si tard que...»). Alcune di queste realizzazioni rivelano incertezze anche nel fran- 19

12 cese o tentativi di trasposizione adattate al sistema dello spagnolo. Nel campo dei pronomi relativi, è da segnalare una frequentissima e persistente interferenza che opera soprattutto nel parlato: la trasposizione, dal francese, del pronome soggetto «qui». La forma /ki/ («chi») esiste anche in italiano, ma ha un differente valone funzionale. Frasi tipo «Hay muchos chicos qui vienen» (fr. «II y a beaucoup de garcons qui viennent»); it. «Ci sono molti ragazzi che vengono») e «Es una ciudad qui se encuentra en España» (fr. «C'est une ville qui se trouve en Espagne»; it. «E' una città che si trova in Spagna») rivelano una palese influenza del francese. Si tratta di un'abitudine acquisita nella pratica orale della lingua studiata in precedenza, facilmente adattabile al nuovo sistema data l'equivalenza formale tra il pronome spagnolo «que» e il francese «que». Vi sono altri casi di abitudini linguistiche trasposte da un sistema all'altro; ad esempio, la congiunzione francese «mais» viene spesso intercalata nel discorso senza che lo studente se ne accorga. Analogamente, vengono a volte inseriti nelle frasi spagnole «yes», «ja», «and», «unt», ma in questi casi il parlante avverte subito che gli intrusi non si adattano al sistema dello spagnolo e si autocorregge. Più frequente e difficile da eliminare, l'interferenza della congiunzione francese «et» nello scritto. In campo lessicale, le interferenze sono molte e frequenti; del resto, il lessico è il terreno in cui avvengono maggiori scambi interlinguistici, mediante i quali, alcuni termini stranieri e particolari usi idiomatici vengono incorporati nel sistema di una lingua così come sono o adattati ad esso 23. Le interferenze lessicali dell'inglese e del francese nel processo di apprendimento dello spagnolo, sono molte e di diverso tipo; alcune parole vengono deformate per influsso delle altre lingue ma rimangono riconoscibili; altre volte avvengono trasposizioni integrali di parole inglesi o francesi che non esistono nel lessico spagnolo; vi sono infine errori che riguardano le scelte lessicali. Il primo gruppo è il più numeroso; non si tratta di interferenze gravi poiché difficilmente ostacolano la comunicazione, ma piuttosto sgradevoli e persistenti. A volte le deformazioni 20

13 T -- ra -ywr. 7'*> v*t^j "?^ sono indotte da somiglianze fonetiche, a volte da analogie nello scritto. In ogni caso, l'interferenza avviene sia nello scritto che nel parlato (esempi: vedi tabella n. 2). In alcuni casi le parole vengono formate per analogia con altre spagnole; ad es. «prestije», «usaje», «valable», «capable», i cui suffissi «ije», «aje», «able» sono ammessi nel sistema dello spagnolo (cfr. «dije», «aterrizaje», «rentable»). Nel II gruppo, si osservi come le parole francesi trasposte vengano adattate al sistema dello spagnolo (ad es. sono abolite le doppie e al morfema francese -er della I coniugazione verbale viene sostituito il corrispondente spagnolo -ar). Sia nel I che nel II gruppo sono molto più numerose le inteiferenze del francese, a riprova del fatto che la somiglianzà formale genera facilmente confusione tra le lingue studiate. Nel campo delle scelte lessicali, è da segnalare in primo luogo un'interferenz i a cui raramente sfuggono gli studenti di spagnolo che conoscano l'inglese o il francese: l'uso di «paren tes» o «parientes» in luogo di «padres»; nelle classi osservate, sembra che il parlane sia francese che inglese contribuisca ad accentuare il fenomeno, data l'affinità tra le due lingue (cfr. il fr. «parents» e l'ing. «parents») da una parte e l'analogia formale con lo spagnolo «parientes». Un caso un po' diverso è quello della confusione fra «trabajar» e «viajar», indotta da un'interferenza tra il francese e l'inglese. Si confrontino i diversi sistemi: trabajar travailler to work lavorare viajar voyager to travel viaggiare A causa della somiglianzà formale fra «trabajar» e «travailler» da una parte e «to travel» dall'altra, il verbo spagnolo «trabajar» viene a volte usato nel senso di «viajar». Dipende esclusivamente dal francese, invece, la confusione tra «numero» e «nombre», che da luogo a enunciati come «Había un gran nombre de niños» (fr. «II y avait un gran nombre d'enfants»; it. «C'era un gran numero di bambini»); a causa della somiglianzà formale con il termine spagnolo «nombre», viene trasferita dal francese l'opposizione esistente tra «numero» e «nombre». Ho anche osservato la formazione di derivati come «nombroso» e «numbroso» (fr. «nombreux»). 21

14 TABELLA N. 2 Errori dovuti a interferenza del francese e dell'inglese in campo lessicale Tipo di errore Francese Inglese Italiano I) sieglo premierà peintora itrabaillar viella capable valable exemplo exercicio exercisio prestije usaje Englaterra Angleterra februero augusto adventura hier equa! examinación reflectar patte (latino pater/pacris) matre {latine mater/matris II) reusir sortir donar obliasse levarse developado tablo facto (latino factum) loco (latino locus) siècle première peinture ttavailler vieille capable valable exemple exereke prestige usage Angleterre hier gai réussir sortir donner s'oublier se lever dévelqppé example exercise England February August adventure equa] examination to reflect table secolo prima pittura lavorare vecchia capace valido esempio esercizio prestigio uso Inghilterra febbraio agosto avventura ieri uguale esame riflettere riuscire uscire dare dimenticare alzarsi sviluppato tavolo

15 Credo sia attribuibile all'influenza del francese anche la confusione tra «gustar» e «amar» o «querer». In questo caso, tra l'italiano e lo spagnolo esiste un parallelismo. Si confronti: me gusta viajar mi piace viaggiare te quiero ti amo Diverse sono le possibilità offerte dal francese: il verbo «aimer» copre spesso il campo semantico occupato in italiano da «piacere» e in spagnolo da «gustar». La confusione porta a formulare enunciati come: «Yo no quiero el campo». «Luis ama esquiar», «Quiero mucho hablar las lenguas» anziché «No me gusta el campo», «A Luis le gusta esquiar», «Me gusta mucho hablar las lenguas» M. Inoltre, in certi casi «gustar» viene costruito erroneamente per interferenza dell'inglese, come in «La ciudad que gustamos más» (cfr. l'ing. «The town that we like best» e l'it. «La città che ci piace di più»). Dipende sia dall'inglese che dal francese la confusione tra «jugar» e «tocar» nel senso di «suonare uno strumento». Anche qui una comparazione tra italiano e spagnolo non può spiegare errori come «Me gusta jugar el piano», mentre sia in francese che in inglese lo stesso verbo («jugar» e «to play») significa sia «giocare» che «suonare». Ancora all'inglese va attribuita la confusione tra «conocer» e «saber». Anche in questo caso, tra italiano e spagnolo vi è parallelismo (alla coppia conosoere-sapere corrisponde la coppia conocer-saber), mentre ih inglese l'area semantica occupata dai due verbi è rappresentata dallo stesso verbo «to know». L'interferenza produce enunciati come: «Yo no sé muy bien mi país», «Mis padres conocían que había ganado», anziché «Yo no conozco...» e «Mis padres sabían...» (cfr. l'italiano «Non conosco molto bene il mio paese» e «I miei genitori sapevano...»). In alcune occasioni, il francese e l'inglese influenzano scelte lessicali facoltative, come si può vedere ad esempio nella preferenza accordata a «confortable», «jamás», «presente», «nueva» rispetto a «comodo», «nunca», «regalo», «noticia» (cfr. «confortable», «jamáis», «présent», «nouvelle» o «news»). 23

16 Sembra che a volte lo studente italofono, resosi conto dell'affinità tra la sua lingua e lo spagnolo, cerchi nel suo repertorio di conoscenze linguistiche, parole che non sembrino un calco dell'italiano. Tuttavia, come si diceva, è difficile stabilire su base scientifica perché a volte il discente faccia riferimento alla lingua madre, altre volte a lingue diverse e altre volte ancora incorra in ipergeneralizzazioni; e le analogie formali o concettuali non sono sufficienti a spiegarlo. Vorrei concludere la lista di interferenze con un esempio abbastanza curioso, che ne assomma parecchie sia del francese che dell'inglese: «Dentro de dos mes est le día de mi cumpleaños; él est el quinto de July». Non c'è male! I dati raccolti, comunque, attendono ulteriori verifiche, ad esempio mediante l'impiego di test specificamente preparati; inoltre, mentre le classi di tedesco sono servite come «gruppi di controllo» per accertare le interferenze del francese, sarebbe necessario esaminare anche un gruppo di controllo per quanto riguarda le interferenze dell'inglese. Si dovrebbero poi raccogliere più dati sull'espressione parlata, cosa che mi è stato impossibile fare per problemi tecnici. Infine, sarebbe interessante accertare il rapporto tra competenza e interferenza; è stato osservato 25 che l'influsso della lingua nativa tende a diminuire man mano che lo studente si impratichisce della lingua di arrivo, ma quando si ha a che fare con due o tre lingue il problema diventa più complesso, poiché le variabili individuali sono tantissime. Bisogna tener presente, tra altri fattori, l'importanza gerarchica attribuita dal discente alle varie lingue che studia; ad esempio, ho osservato in una ragazza dotata, secondo il giudizio di tutti i professori, di «buone attitudini per le lingue» e molto amante del francese, la presenza di numerose e persistenti interferenze di questa lingua sia nell'espressione orale che in quella scritta, benché il suo rendimento globale in spagnolo fosse tra i migliori della classe. Senza dubbio, i dati raccolti sono insufficienti ma servono a dimostrare che interferenze di questo tipo esistono e sono operanti, come del resto avvertono gli studenti stessi, soprattutto se i diversi sistemi linguistici stranieri vengono studiati contemporaneamente. 24

17 La strategia da adottare per rimuovere le interferenze accertate, dipenderà poi dall'orientamento metodologico del docente. Ad ogni modo, poiché le variabili individuali hanno in questo terreno un'incidenza molto elevata, è impensabile inserire esercizi specifici in un programma didattico preparato a priori, in primo luogo perché non sempre tutti gli studenti hanno studiato e studiano le stesse lingue. La soluzione dovrà quindi essere cercata quando se ne presenti la necessità, senza dimenticare che le interferenze dell'italiano avranno un'importanza prioritaria. Comunque, se è vero che l'apprendimento di una seconda lingua richiede esercizi volti all'acquisizione di abitudini ma anche una buona dose di lavoro cosciente 26, l'esigenza di razionalizzare aumenterà quando le lingue in questione sono due, tre o quattro; e, tenuto conto del fattore età, in alcuni casi il confronto specifico tra le diverse strutture linguistiche potrà risultare positivo. Del resto, se le interferenze di altre lingue possono spiegare le incertezze dei discenti laddove un'analisi contrastiva tra l'italiano e lo spagnolo non prevede aree di difficoltà, può anche accadere il contrario; la conoscenza di altre lingue, infatti, può rivelarsi uno strumento utile nell'apprendimento di strutture che, non avendo riscontro nella lingua madre, costituiscono aree di difficoltà. Ad esempio, chi conosce il francese stabilisce spontaneamente un raffronto tra la costruzione di «acabar de» e quella parallela di «venir de», e apprende la struttura spagnola con una certa facilità "; si rende così superfluo insistere a lungo con gli esercizi. Questo ci permette di vedere tutto sommato in termini positivi l'apprendimento anche simultaneo di diverse lingue straniere; in ogni caso, bisognerà operare con cautela se si vuole che i risultati siano soddisfacenti e lo studente possa superare con successo quello stato di confusione in cui sente di trovarsi. 25

18 ^^^ NOTE 1 Languages in contaci, Linguistic Ckcle of New York, New York, Cfr. W. M. RIVERS, The Psycologist and thè Foreign Language Teacher, The University of Chicago Press, Chicago, R. J. Di PIETRO, Language Structures in Contrast, Newbury House, Rowley, 1971; trad. it. Lingue a confronto, Armando, Roma, 1977, p R. LADO, Ldnguistícs Across Cultures, University of Michigan Press, Ann Arbor, 1957; senza dubbio, l'idea di confrontare due sistemi linguistici a scopi didattici non è nuova; tuttavia, con l'opera di Lado sono iniziate le ricerche sistematiche in questo campo. 6 Di PIETRO, op. cit., p Per il concetto di transfer, si veda ad es. W. M. RIVERS, op. cit. pp ; e L. JAKOBOVITS, Foreign Languagte Learning, Newbury House, Rowley, In ogni caso, i modi in cui la somiglianzà e la differenziazione tra lingue sono causa d'interferenza, debbono ancora essere indagati; del resto, l'interferenza non è la sola causa di errori. Cfr. D. A. WILKINS, Linguistics in Language Teaching, Arnold, Loridon, 1972; trad. it. Linguistica e insegnamento delle lingue, Zanichelli, Bologna, 1973, pp Di PIETRO, op. cit., p Per il concetto di equivalenza cfr. L. F. BOUTON, The problem of equivalence in contrastive analysis, «I.R.A.L.» 2, 1976, pp R. TITONE, 'Educazione bilingue precoce e sviluppo cognitivo', in Avamposti della psicolinguistica applicata, a cura di R. Titone, Armando, Roma, 1981, p Di PIETRO, op. cit., p Di PIETRO, op. cit., p Per una rassegna della ricerca, cfr. MARC SPOELDERS, Fadteurs affectifs dans l'apprentìssage des langues étrangeres, «I.T.L.» (Review of Applied Linguistici, Leuven), nn , 1978; trad. it. in Avamposti detta psicolinguistica applicata, cit., pp M. SPOELDERS, op. cit., p Naturalmente, sarebbero necessarie ricerche motivazionali per confermare queste ipotesi e verificare il rapporto tra motivazione e interferenza. w La differenza tra prima e seconda lingua è minima; comunque, solo in due casi la prima lingua era il francese, negli altri l'inglese. 17 La questione rimane, comunque, aperta, data la mancanza di risposte scientifiche esaurienti; tuttavia, basta pensare a come un inglese che conosca un po' di italiano e un po' di spagnolo mescoli continuamente le due lingue, per rendersi conto di come possa verificarsi questo fenomeno. 18 Per le tecniche di analisi degli errori, si veda ad es. J. P. B. ALLEN e S. PIT CORDER, Techniques in Applied Linguistics, Oxford University Press, London, W. MOULTON, A Linguistic Guide to Language Learning, Modern Language Association of America, New York, 1966, p

19 M C r. D. A. WILKINS, op. cit., pp Sono anche possibili interferenze dell'italiano nell'uso dei pronomi soggetto (es. «Deseo que tú vengas» - it. «Desidero che tu venga») ma si tratta di un campo ben più limitato. 22 Le classi esaminate avevano studiato il latino fino al secondo anno di corso. E' curioso osservare come talvolta i ricordi di questa lingua portino lo studente a, per così dire, ripercorrere a ritroso il processo di evoluzione storica dello spagnolo (si veda, ad es. «patte», «maire», «facto»). 23 Ór. U. WEINREICH, op. cit., pp ; per un'analisi dei prestiti linguistici nello spagnolo attuale, cfr. E. LORENZO, El español de hoy, lengua en ebullición, Gredos, Madrid, M La scarsa frequenza di «amo sciate» rispetto a «mi piace sciare» rende improbabile l'ipotesi di un'interferenza dell'italiano. 25 A. SCIARONE, Contrastive Atudysis - Possibilities and LintUations, «I.R.A.L.», 8, 1970, p Di fronte al parziale fallimento delle pratiche audio-orali, questa opinione è ormai largamente accettata, anche per i contributi offerti dalla psicolinguistica; cfr. ad es. T. SLAMA-CAZACU, Introduzione dia psicolinguistica, Patron, Bologna, Possibili, ma di scarso rilievo, le interferenze tra «acabar» e il francese «venir». 27

20

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Ser / Estar. In spagnolo esistono due forme per tradurre essere, sono ser ed estar che vanno usate a seconda del contesto. PRETÉRITO PERFECTO

Ser / Estar. In spagnolo esistono due forme per tradurre essere, sono ser ed estar che vanno usate a seconda del contesto. PRETÉRITO PERFECTO Ser / Estar In spagnolo esistono due forme per tradurre ese, sono ed che vanno usate a seconda del contesto. Ser infinitivo: participio: sido gerundio: siendo PRESENTE IMPERFECTO PERFECTO INDEFINIDO FUTURO

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

L uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza

L uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza Quaderns d Italià 3, 1998 91-96 L uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza Ursula Bedogni Abstract The great variety in the usage of the comparatives in Italian often causes problems

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo 1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo costretti a dire no... chi vi sente capisce subito che per

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Il termine indessicalità indica l onnipresente dipendenza dal contesto degli enunciati di qualunque lingua naturale, e comprende fenomeni diversissimi come

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica Registrazione delle famiglie Come avviene la registrazione da parte delle famiglie La registrazione alle Iscrizioni on-line è necessaria per ottenere le credenziali di accesso al servizio. La registrazione

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA:

PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA: PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA: La glottodidattica è una scienza teorico pratica che ha come scopo la risoluzione dei problemi di insegnamento/apprendimento di una seconda lingua. (da

Dettagli

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-based learning (apprendimento basato su un problema) è un metodo di insegnamento in cui un problema costituisce il punto di inizio del processo

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Esami orali Trinity in inglese

Esami orali Trinity in inglese Esami orali Trinity in inglese (Graded Examinations in Spoken English - GESE) Syllabus 2010-2013 Questi titoli in inglese come lingua straniera si riferiscono ai livelli compresi tra A1 e C2 del Quadro

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

Note sul bilinguismo e problemi con esso correlati

Note sul bilinguismo e problemi con esso correlati MAGDALENA JIMÉNEZ NAHARRO Università di Viterbo Note sul bilinguismo e problemi con esso correlati Volendo affrontare in particolare il tema dell'interferenza tra lingue affini si è sentita l'esigenza

Dettagli

modalità di intervento nei DSA Formazione di base

modalità di intervento nei DSA Formazione di base modalità di intervento nei DSA Formazione di base Disturbi specifici dell apprendimento Disturbi negli automatismi: Dislessia, discalculia trattamento compensazione Disturbi nelle abilità controllate:

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it NEL BLU I NOSTRI SERVIZI: - Corsi aziendali - Traduzioni - Traduzioni con

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

Gli europei e le lingue: indagine speciale di Eurobarometro

Gli europei e le lingue: indagine speciale di Eurobarometro COMMISSIONE EUROPEA DG Istruzione e cultura Formazione professionale Politica linguistica Gli europei e le lingue: indagine speciale di Eurobarometro INDICE Introduzione...1 Conoscenze linguistiche degli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR Compréhension de l oral CONSIGNES Début de l épreuve : Appuyez sur la touche

Dettagli