IL DOLORE NELL ANZIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DOLORE NELL ANZIANO"

Transcript

1 IL DOLORE NELL ANZIANO Caratteristiche, diagnosi e trattamento Manuel Ventura SC di Geriatria SS di Lungodegenza

2 PRESUPPOSTI Stephen W. Arkins

3 FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE La modulazione del dolore è a doppio senso : produzione di analgesia intensificazione del dolore (stress e depressione) Lo stress induce un meccanismo bifasico : iniziale innalzamento della soglia (Stress Induced Analgesia, SIA), seguito da abbassamento patologico. La depressione è legata in modo controverso al dolore (disturbi depressivi secondari al dolore o dolore come sintomo di depressione endogena?). Molti aspetti neurochimici sembrano accomunare dolore e depressione (componente serotoninergica del sistema monoaminergico). Nell anziano: fattori psico-sociali (stato di stress cronico) possono interagire con il processo di invecchiamento cerebrale che sembra alterare la funzione serotoninergica.

4 CLASSIFICAZIONE DEL DOLORE ACUTO: causa facilmente associabile, stato ansioso associato, attivazione del sistema simpatico. CRONICO: durata maggiore di 6 mesi, perdita della funzione biologica di adattamento, associato facilmente a depressione. NOCICETTIVO: proporzionato alla continua attivazione delle fibre nervose della sensibilità dolorifica (somatico o viscerale; buona risposta ad analgesici e trattamenti non farmacologici). NEUROGENO: dovuto a processo patologico organico interessante le vie nervose afferenti (utile l aggiunta l di adiuvanti, come anticonvulsivanti e tricliclici). PSICOGENO: intensità supposta responsabile. e invalidità sproporzionate alla causa somatica ESISTE UNA PRESBIALGIA?

5 INVECCHIAMENTO E DOLORE ACUTO MODELLI SPERIMENTALI Soglia del dolore: aumentata o non modificata Soglia comportamentale al dolore: aumentata o non modificata Soglia di tolleranza al dolore: diminuzione MANCANO STUDI LONGITUDINALI e RIPRODUCIBILI In realtà concomitano molteplici variabili (storia personale, contesto e natura dell esperienza, informazione). Alcune evidenze propendono per una presentazione dolorosa acuta atipica nell anziano (IMA silente; ulcera peptica; addome acuto). L effetto dell invecchiamento di per sé sulla percezione del dolore sarebbe da considerare nullo, anche se è del tutto giustificato e prudente tenere in considerazione la presentazione dolorosa atipica come manifestazione di malattia acuta nell anziano.

6 INVECCHIAMENTO E DOLORE CRONICO Numerosi studi evidenziano un aumento delle visite per dolore di non recente insorgenza. Le cause più frequenti di dolore nei giovani-adulti adulti (emicrania, cefalea, malattia ulcerosa, dolore addominale, dolore dorsale) diminuiscono no con l età,, mentre aumentano quelle associate a processi degenerativi muscolo olo- scheletrici, fratture ossee, sistema CV, Herpes zoster. Il dolore cronico e la disabilità conseguente sono fra le cause più importanti di scadente qualità di vita, ridotto benessere e depressione nell anziano. Per quanto riguarda il dolore neoplastico non sembrano emergere significative differenze per intensità e possibile presenza di dolore neuropatico o acuto incidentale nelle diverse fasce di età

7 INVECCHIAMENTO E DOLORE CRONICO Le sensazioni nocicettive acute provenienti da strutture profonde sono ridotte nel paziente anziano, ma nel contempo appare aumentata ata la frequenza del dolore cronico proveniente dalle stesse strutture re (Es: alta frequenza di infarto miocardico acuto silente ed aumento dell incidenza di angina da sforzo). Le differenze età-dipendenti nella percezione del dolore non sono probabilmente espressione di un danno recettoriale (come nella presbiacusia), o di un alterata accomodazione dello stimolo (presbiopia), ma sono conseguenza di un processo più complesso che coinvolge le vie nervose di trasmissione, le valutazioni e rappresentazioni cognitive, lo stato sociale e la storia stessa del dolore.

8 DEFICIT COGNITIVO E PERCEZIONE DEL DOLORE Rilevanti lacune in letteratura (nonostante deficit cognitivo e dolore cronico aumentino entrambi con l etl età) retaggi culturali difficoltà di valutazione oggettiva Farrel: 60% di 217 pazienti (MMSE medio 12.1) con dolore osteoarticolare e diagnosi certa di osteoartrite nel 70%. Marzinski: 43.3% dei ricoverati in un Centro Alzheimer con riferite o accertate condizioni potenzialmente algogene.

9 DEFICIT COGNITIVO E PERCEZIONE DEL DOLORE Non sussiste alcuna ragione per credere che con la demenza non si s manifestino condizioni dolorose e non si attivino le vie afferenti sensoriali. In realtà diminuisce la capacità espressiva sottostima! E indispensabile sostituire la modalità espressiva tradizionale con altre altrettanto significative: presenza di familiare attento alle minime manifestazioni possibili di dolore utilizzo di indicatori non verbali (espressione del viso, atteggiamenti motori, respirazione difficoltosa, irrequietezza)

10 DEFICIT COGNITIVO E PERCEZIONE DEL DOLORE Esistono comunque differenze percettive tra le diverse forme di demenza Alzheimer: minor componente affettiva-emotiva emotiva del dolore (coinvolgimento di amigdala ed ippocampo) uguale componente discriminativa-sensoriale sensoriale (aree somatico-sensitive sensitive corticali preservate) disturbi mnesici così gravi da impedire il ricordo del dolore Soggetti affetti da M. di Alzheimer con fratture di femore completamente indifferenti al dolore continuavano a camminare nonostante la frattura Fisher et al. Age Ageing 1997; 26: Demenze vascolari: la percezione dipende dalla localizzazione delle lesioni, potendo o essere aumentata per de- afferentazione di diverse regioni cerebrali. Benedetti et al. Pain 2004

11 PRINCIPALI CAUSE DI DOLORE NELL ANZIANO Malattie degenerative del tessuto articolare Artriti Osteoporosi con compressione/fratture Vasculopatie periferiche Diabete Tumori Immobilità Contratture Ulcere da pressione Amputazioni Sclerosi multipla

12 IMPATTO E CONSEGUENZE DEL DOLORE Disturbi del comportamento espressivo e motorio (delirium( delirium) Turbe del sonno Disturbi nei rapporti sociali e familiari Causa di ospedalizzazione Causa di polifarmacoterapia Depressione ed irritabilità Riduzione dei livelli di attività = perdita di dipendenza nelle attività quotidiane Riduzione della qualità di vita

13 ANZIANI E ANALGESIA Gli anziani costituiscono una categoria di pazienti ad alto rischio di sotto-trattamento analgesico. Idee comuni: La sensibilità e la percezione del dolore si riducono con l invecchiamento e con l età aumenta la soglia di tolleranza al sintomo. I soggetti con decadimento cognitivo e demenza percepiscono il dolore in misura minore rispetto ai cognitivamente integri. La terapia analgesica con oppiodi è gravata da effetti collaterali troppo frequenti e pericolosi. Troppe variabili farmacodinamiche e farmacocinetiche. Multiterapie.

14 ANZIANI E ANALGESIA Il dolore geriatrico è sottostimato e sottotrattato Bernabei R et al. JAMA 1998; 279: Landi F et al. Pain management in frail, community-living elderly patients. Arch Int Med 2001; 161: Studio su 3046 paziente con età maggiore di 65 anni in 12 programmi di cure domiciliari in Italia > 85 dolore 40% 49% 41% patologie terapia

15 Il Paziente anziano non racconta il proprio dolore Paura di essere sottoposto ad indagini diagnostiche Paura delle medicine Paura della causa del dolore Il medico è troppo impegnato Nulla può essere o sarà fatto (senso di fatalismo-rassegnazione età-relato) Livello socio-culturale culturale basso Disponibilità finanziarie (fascia C)

16 GESTIONE DEL DOLORE CRONICO Influenzata da 3 parametri: 1. Frequente età avanzata del paziente 2. Natura cronica del trattamento con possibili effetti collaterali connessi alla somministrazione long-term 3. Elevati rischi di interferenze con altri farmaci non sospendibili

17 Modificazioni fisiologiche nel soggetto anziano: Riduzione dell efficienza del fegato e del flusso ematico Riduzione della perfusione e della funzionalità renale Decremento della massa corporea e del volume d acqua Riduzione della concentrazione delle proteine plasmatiche Riduzione del numero dei recettori per i farmaci e minore attività dei farmaci ai siti recettoriali

18 FARMACI DEL DOLORE: ANALGESICI NON OPPIACEI Analgesici puri: paracetamolo tramadolo FANS: Altri: derivati dell acido acetilsalicilico derivati oxicamici derivati dell acido acetico derivati dell acido propionico fenamati altri antidepressivi triciclici anticonvulsivanti antidepressivi SSRI GABA-ergici NMDA-antagonisti

19 ANALGESICI PURI NELL ANZIANO Paracetamolo: proprietà analgesiche ed antipiretiche, non antiinfiammatorie. Picco di concentrazione plasmatica in ; ; emivita di 2 h. Metabolismo epatico Scelta prudente nell anziano per assenza di gastrolesività Tramadolo: Azione sui recettori degli oppioidi (dolore centrale) + inibitore e della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (dolore neuropatico) Azione entro 1 h dall assunzione assunzione per os; effetto per h (24 h) Effetti collaterali: nausea/vomito; confusione. La somministrazione di tramadolo in aggiunta ai FANS nel dolore di origine osteo- articolare permette una netta riduzione del dosaggio di questi ultimi u (70-80%), con notevoli vantaggi sulla gestione long-term.

20 FANS NELL ANZIANO Moltepicità di formulazioni che consentono svariate vie di somministrazione EFFETTI AVVERSI: Apparato gastro-intestinale: Sanguinamento, ulcerazioni, perforazioni, occlusioni. Il rischio in generale è dell 1%, ma aumenta al di sopra dei 65 anni. Utile profilassi per gastroprotezione (anziani, TAO, terapia corticosteroidea). Sistema nefrovascolare: Edemi, ipertensione ed IRA (anziani, ACE-inibitori, disfunzioni preesistenti). Negli anziani possono causare peggioramento di uno stato congestizio. Alterazioni dell emostasi: emostasi: Aumento del tempo di sanguinamento.

21 ANALGESICI OPPIACEI NELL ANZIANO CLASSIFICAZIONE: Deboli: Codeina (agonista parziale) Tramadolo Forti: Morfina (agonista puro) Fentanyl (agonista parziale) Destropropossifene (agonista parziale) Ossicodone (agonista parziale) Metadone (agonista puro) Un agonista parziale somministrato insieme ad un agonista puro può diminuirne gli effetti. Gli agonisti puri non dovrebbero mai essere sostituiti con agonisti parziali (possibile il contrario). Gli agonisti-antagonisti (Pentazocina) sono poco maneggevoli e non vengono più utilizzati.

22 ANALGESICI OPPIACEI NELL ANZIANO EFFETTI AVVERSI: Stipsi: Presente in oltre il 70% dei pazienti. Aggravata da: scarsa introduzione di liquidi, dieta povera di fibre, scarsa mobilità. Prevenzione: introduzione almeno 1 settimana prima di alimenti ricchi di fibre, adeguata idratazione, utilizzo eventuale di lattulosio. Possibile la sostituzione con altro analgesico oppiaceo, l impiego di diversa via di somministrazione o l utilizzo di Naloxone per via orale. Nausea e vomito: Nel 25-30% dei pazienti; causati dalla stimolazione della zona trigger chemorecettrice, dal ritardato svuotamento gastrico e dall aumentata eccitabilità vestibolare. Trattamento: antiemetici antidopaminergici (metoclopramide e levosulpiride); cambio dell oppiaceo o della via di somministrazione.

23 ANALGESICI OPPIACEI NELL ANZIANO EFFETTI AVVERSI: Xerostomia: Nel 50% dei pazienti. Prevenzione: adeguata igiene orale. Trattamento: prodotti sostitutivi della saliva; adeguata idratazione. ione. Attenzione alla co-somministrazione di anti-colinergici! Effetti endocrini: Più o meno rilevanti in correlazione all et età del paziente. Aumento della secrezione di prolattina e riduzione della produzione one di gonadotropine. Alterazione della secrezione dell ormone della crescita. Alterazione dell asse ipotalamo ipofisi surrene. Tolleranza: Ridotta durata dell analgesia, soprattutto nelle prime settimane di trattamento Prevenzione: rotazione delle molecole utilizzate o della via di somministrazione

24 ANALGESICI OPPIACEI NELL ANZIANO EFFETTI AVVERSI: Dipendenza fisica/psichica: Crisi d astinenza: d dolore, agitazione, diarrea, irritabilità. Depressione respiratoria: Rara, per rapido sviluppo di tolleranza fisica del centro del respiro. Attenzione alle condizioni preesistenti (BPCO, enfisema)! Antidoto: Naloxone. Sonnolenza e confusione: Più frequenti nei soggetti anziani, soprattutto nelle prime giornate e di trattamento. Se somministrati correttamente e titolati all effetto, gli effetti collaterali degli oppioidi sono minimi e prevenibili anche nei soggetti anziani Negli anziani il rischio di accumulo è maggiore (molto elevato con FG < 30 ml/min) consigliabile utilizzare dosi più basse ed evitare oppioidi a lunga emivita.

25 DOLORE E DEPRESSIONE Prima l uovo o la gallina? Dolore e depressione vanno trattati insieme (potenziamento reciproco) Sintomi fisici sono componenti nucleari della diagnosi di disturbo depressivo maggiore (DSM IV TR.). Più aumenta il numero dei sintomi somatici lamentati e la loro durata nel tempo, maggiore è la probabilità che derivino da una sintomatologia depressiva. (Kroenke et al.)

26 STUDIO CENTRO DI SALUTE MENTALE DI GENZANO (Roma) Hamilton Depression Scale per i 3 gruppi prima del trattamento Hamilton Depression Scale per i 3 gruppi dopo il trattamento 83 Pazienti 3 gruppi: 1. sostegno psicologico 2. S.S.R.I (sertralina, paroxetina, citalopram, escitalopram) 3. venlafaxina (noradrenergico + serotoninergico centrale) (14/10/2009)

27 ANTIDEPRESSIVI ED ANZIANO SSRI (Selective Serotonin Reuptake Inhibitors): antidepressivi di scelta efficaci quanto gli antidepressivi triciclici, minore tossicità Fluoxetina: lunga emivita di eliminazione Paroxetina: maggior effetto sedativo, azione anticolinergica, inibizione Cyt P-450 2D6 Sertralina : maggiormente attivante (diarrea). Le dosi di questi farmaci devono essere ridotte fino al 50%. Antidepressivi triciclici: sono efficaci quelli con i minori effetti collaterali sono da preferire negli anziani quelli con significativi effetti anticolinergici (amitriptilina, imipramina), antistaminici (doxepina) e antidopaminergici (amoxapina) sono da evitare. Nortriptilina e Desipramina: più affidabili, bassa potenza anticolinergica,tossicità cardiaca e neurologica Nortriptilina: minore azione di blocco a-adrenergico (ipotensivo).

28 ANTIDEPRESSIVI ED ANZIANO Trazodone: utile nei pazienti agitati, bassa potenza anticolinergica meno cardiotossico, priapismo. Bupropione: non cardiotossico, convulsioni. Mirtazapina, Nefazodone, Venlafaxina: riservati ai pazienti che non rispondono agli SSRI o che non li tollerano. Metilfenidato: può essere utile per il trattamento di pazienti anziani selezionati affetti da depressione che hanno avuto un ictus o che hanno una patologia di tipo medico. L'inizio dell'azione del farmaco è rapido.

29 ANTIDEPRESSIVI E DOLORE Gli antidepressivi triciclici sono trattamenti efficaci per il dolore e la depressione; gli SSRI sembrano fornire un beneficio minore. Duloxetina e Venlafaxina (SNRI): inibitori della ricaptazione della serotonina e della norepinefrina hanno mostrato in studi clinici di alleviare il dolore ed i sintomi depressivi si sono dimostrate utili nella neuropatia diabetica ed in alcune forme di dolore cronico Gli antidepressivi rimangono farmaci elettivi per la depressione ed i disturbi ansiosi, tuttavia il loro uso può essere esteso al dolore cronico, alla depressione associata a dolore fisico e al dolore fisico con o senza depressione. (Xagena_2007 )

30 IL DOLORE NEUROPATICO Causato da malattia o danno del sistema somatosensoriale: distribuzione metamerica dolore spontaneo caratteristiche particolari (parestesie, bruciore, punture) Cause più frequenti: neuropatia diabetica radiculopatie Vengono frequentemente prescritti FANS, nonostante i rischi potenziali e la scarsa efficacia In realtà richiede un differente approccio terapeutico rispetto al dolore nocicettivo: anticonvulsivanti antidepressivi

31 TRATTAMENTO DEL DOLORE NEUROPATICO Antidepressivi: Amitriptilina: inibizione della ricaptazione noradrenergica e serotoninergica attività analgesica ed elevazione dell umore effetti collaterali anticolinergici (tachicardia, ritenzione urinaria) Nortriptilina: efficacia analoga con minori effetti collaterali. SSRI: non hanno effetti analgesici diretti. Venlafaxina: effetti benefici. Antiepilettici: Carbamazepina (fenitoina, valproato): nevralgia del trigemino tossicità epatica, anemia aplastica Gabapentin (levetiracetam, lamotrigina, topiramato: minori effetti collaterali Notevole variabilità e soggettività d azione

32 TRATTAMENTO DEL DOLORE NEUROPATICO Oppiacei: A dosaggi molto elevati Devono essere usati in base al singolo caso ed interrotti se inefficaci o in caso di effetti collaterali non tollerati Terapie topiche: se aree di dolore molto localizzate (lidocaina, capsaicina) Fisioterapia: contro gli spasmi muscolari Tecniche neurolesive: solo per pazienti con aspettativa di vita < 12 mesi Tecniche di stimolazione: possono perdere efficacia nel tempo Psicoterapia

33 DOLORE E UDD Causato dai recettori delle strutture sottostanti l epidermide (meccanico e neuropatico) protezione della lesione cambi di postura Analgesici Con una medicazione avanzata si ottiene anche il controllo sulla sintomatologia dolorosa, in quanto pare prevenga la disidratazione ed il raffreddamento delle terminazioni nervose. La riduzione del dolore è un fattore favorente il processo di guarigione delle ferite poichè in presenza di un dolore elevato si manifesta il fenomeno dellla vasocostrizione che provoca una diminuzione delll'apporto di ossigeno e delle sostanze necessarie al processo riparativo nella zona interessata dalla lesione.

34 UTILIZZO COMUNE DEGLI ANALGESICI: il paracetamolo è il più usato, ma a basse dosi ed al bisogno i FANS sono prescritti a dosi elevate e continuativamente gli oppioidi sono utilizzati a basso dosaggio Won et Al., JAGS 2004

35 SCALA OMS E DOLORE CRONICO Step 1 Step 2 Step 3 Step 1 (dolore lieve): Paracetamolo e/o FANS Step 2 (dolore moderato): Oppioidi deboli +/- Paracetamolo Step 3 (dolore grave): Oppioidi forti

36 LINEE GUIDA AGS (2002) 1. Miglior analgesico per l individuo: inizialmente un solo farmaco individualizzazione del farmaco (dolore, intensità, stato di malattia, reazioni avverse). 2. Classi di farmaci dettate dalla scala OMS. 3. Più bassa dose efficace e schedula più semplice. 4. Oppioidi in caso di dolore da moderato a severo. 5. Via meno invasiva (via orale, rettale e transdermica); non via intramuscolare. In casi selezionati: EV, SC, PC. 6. Dosi ad orario + dosi ulteriori per controllare il dolore se necessarie. 7. Prevenzione degli effetti collaterali (rotazione degli oppioidi o della via di somministrazione). 8. Metodiche invasive solo per casi realmente resistenti.

37 Oppioidi e Gestione del Dolore Cronico Grave negli Anziani: documento di consenso di un Panel di esperti sui sei farmaci più utilizzati del terzo gradino OMS (2008) Preferibili preparazioni a lento rilascio (aiutano la compliance dei pazienti, v. sistemi transdermici). Nel dolore oncologico la Morfina è il farmaco più sperimentato; Fentanyl e Buprenorfina presentano profili di tollerabilità ed efficacia analogamente buoni. Nel dolore non oncologico buona efficacia, ma mancano studi specifici nell anziano. Nel dolore neuropatico sono necessarie dosi più elevate; l introduzionel precoce in terapia è preferibile. In caso di compromissione della funzionalità epatica e renale sono raccomandabili (ad eccezione della Buprenorfina) la riduzione delle dosi, un aumento o dell intervallo di somministrazione ed un attento monitoraggio della clearance creatininica. La Buprenorfina è l unico oppioide ad evidenziare un tetto nella depressione respiratoria. Esistono alcune indicazioni che alte dosi di oppioidi correlino con aumentati effetti immunosoppressivi (tranne la Buprenorfina). Ma anche il dolore causa immunosoppressione! Una titolazione lenta aiuta a ridurre l incidenza l dei tipici effetti avversi iniziali (nausea e vomito).

38 IN GENERALE Opportuno seguire la prescrizione di un farmaco alla volta. Consapevolezza dei possibili effetti additivi di una multiterapia. Dosi relativamente basse. Utile perseverare nei tentativi farmacologici per un adeguato periodo di tempo con dosi basse e lentamente incrementate. Intervallo sufficientemente lungo tra l introduzione l dei vari farmaci per consentire la valutazione degli effetti

39 TENS ALTRI TRATTAMENTI ANALGESICI ANESTESIA infiltrazione dei trigger points blocco dell innervazione simpatica periferica NEUROCHIRURGIA neuroablazione neurostimolazione neurofarmacologia TRATTAMENTO FISIATRICO PSICOTERAPIA MANOVRE (massaggi, posizionamenti, elevazione estremità ) IPNOSI

40 GRAZIE PER L ATTENZIONE!

EFFETTI DELL ETA SULLA PERCEZIONE DEL DOLORE. G.Ricci. Geriatric Emergency Medicine Verona, 16-17 maggio 2014

EFFETTI DELL ETA SULLA PERCEZIONE DEL DOLORE. G.Ricci. Geriatric Emergency Medicine Verona, 16-17 maggio 2014 EFFETTI DELL ETA SULLA PERCEZIONE DEL DOLORE G.Ricci Geriatric Emergency Medicine Verona, 16-17 maggio 2014 ...mugghia come bue, salta come cerbio, morde come lupo, abbaia come cane, rugghia come leone,

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli

LA TERAPIA DEL DOLORE. Dott. Angelo Campagna U.O ONCOLOGIA Ospedale Fatebenefratelli Benevento

LA TERAPIA DEL DOLORE. Dott. Angelo Campagna U.O ONCOLOGIA Ospedale Fatebenefratelli Benevento LA TERAPIA DEL DOLORE Dott. Angelo Campagna U.O ONCOLOGIA Ospedale Fatebenefratelli Benevento DEFINIZIONE DI DOLORE "Un'esperienza sensitiva ed emotiva spiacevole, associata ad un effettivo o potenziale

Dettagli

La terapia del dolore nel paziente affetto da neoplasia. www.fisiokinesiterapia.biz

La terapia del dolore nel paziente affetto da neoplasia. www.fisiokinesiterapia.biz La terapia del dolore nel paziente affetto da neoplasia www.fisiokinesiterapia.biz EPIDEMIOLOGIA L organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che almeno 4 milioni di persone soffrano di dolore da malattia

Dettagli

La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli. Fabrizio Cavalloro

La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli. Fabrizio Cavalloro La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli Fabrizio Cavalloro CHE COSA E IL DOLORE E CHE FUNZIONE HA? IL DOLORE Il dolore è una esperienza spiacevole, sensoriale ed emozionale,

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOFARMACOLOGIA

ELEMENTI DI PSICOFARMACOLOGIA ELEMENTI DI PSICOFARMACOLOGIA (2) Dott. Francesco Matarrese ANTIDEPRESSIVI TRICICLICI 1 Farmaci Antidepressivi AD Triciclici Amitriptilina (adepril, laroxil) Clomipramina (anafranil) Desipramina (nortimil)

Dettagli

Classificazione del dolore

Classificazione del dolore Dolore neuropatico Classificazione del dolore NOCICETTIVO NEUROPATICO (dovuto a danno/disfunzione del sistema somatosensoriale) MISTO quando i sintomi del dolore nocicettivo si sommano a quelli del dolore

Dettagli

PREMESSE PREMESSE DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - I DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - II

PREMESSE PREMESSE DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - I DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - II PREMESSE 1. La depressione (intesa nel senso clinico del termine) non va confusa con la tristezza normale (o demoralizzazione ) PREMESSE 2. In realtà non esiste la depressione (cioè, un unica condizione

Dettagli

DOLORE E DEMENZA: la valutazione Dr.ssa Francesca Frangipane Centro di Neurogenetica Lamezia Terme 29 ottobre 2013

DOLORE E DEMENZA: la valutazione Dr.ssa Francesca Frangipane Centro di Neurogenetica Lamezia Terme 29 ottobre 2013 INTESTAZIONE CORSO DOLORE E DEMENZA: la valutazione Dr.ssa Francesca Frangipane Centro di Neurogenetica Lamezia Terme 29 ottobre 2013 Number of clinical and experimental publications on pain in dementia,

Dettagli

Indice Autori. 1 Principi generali. Valutazione iniziale. Sintomi bersaglio. Uso di più farmaci. Scelta del farmaco. Sostituzione con farmaci generici

Indice Autori. 1 Principi generali. Valutazione iniziale. Sintomi bersaglio. Uso di più farmaci. Scelta del farmaco. Sostituzione con farmaci generici Indice Autori 1 Principi generali Valutazione iniziale Sintomi bersaglio Uso di più farmaci Scelta del farmaco Sostituzione con farmaci generici Enzimi del citocromo P450 Legame proteico Assorbimento ed

Dettagli

La Terapia del dolore

La Terapia del dolore La Terapia del dolore Corso di Introduzione alle Cure Palliative-1 St. Christophe, 10 giugno 2006 Dott. Lorenzo Pasquariello Resp. SSD Terapia del Dolore Azienda USL Valle d Aosta Dolore oncologico Dolore

Dettagli

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione resistente alla terapia farmacologica di Salvatore Di Salvo I dati della

Dettagli

CONOSCERE IL DOLORE NEUROPATICO (DI ORIGINE NEUROLOGICA)

CONOSCERE IL DOLORE NEUROPATICO (DI ORIGINE NEUROLOGICA) CONOSCERE IL DOLORE NEUROPATICO (DI ORIGINE NEUROLOGICA) CHE COS È Il dolore neuropatico insorge come diretta conseguenza di un danno o di una malattia che colpisce il sistema nervoso. Questo tipo di dolore

Dettagli

Indice SEZIONE I DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DEL DOLORE CRONICO

Indice SEZIONE I DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DEL DOLORE CRONICO Indice SEZIONE I DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DEL DOLORE CRONICO 1. Il problema del dolore cronico... 3 Introduzione al dolore cronico e persistente... 3 Prevalenza del dolore cronico... 4 Costi associati

Dettagli

Il dolore nel trattamento delle lesioni cutanee

Il dolore nel trattamento delle lesioni cutanee Il dolore nel trattamento delle lesioni cutanee Pavia 18 giugno 2008 Docente Dott. Dario Paladino inf. esperto in wound care Vice-Presidente AISLeC Che cosa è il dolore? 1 Dolore Il dolore è una sgradevole

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO Nella risposta di stress si verificano specifiche variazioni nel rilascio di neurotrasmettitori, neuromodulatori

Dettagli

Anestesia per il controllo del dolore: come usare gli oppioidi e non solo.. Dott. Maurizio Nocerino med.vet.

Anestesia per il controllo del dolore: come usare gli oppioidi e non solo.. Dott. Maurizio Nocerino med.vet. Anestesia per il controllo del dolore: come usare gli oppioidi e non solo.. Dott. Maurizio Nocerino med.vet. ANALGESICO IDEALE Elevata efficacia analgesica su tutte le componenti del dolore Rapido inizio

Dettagli

BDZ: uso clinico. Disturbi d ansia. Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia. Come miorilassanti ad azione centrale.

BDZ: uso clinico. Disturbi d ansia. Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia. Come miorilassanti ad azione centrale. In preanestesia Disturbi d ansia Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia BDZ: uso clinico Come miorilassanti ad azione centrale Due considerazioni relative alla farmacocinetica 1. Quando

Dettagli

del dolore cronico Furio Zucco

del dolore cronico Furio Zucco Basi del trattamento del dolore cronico Furio Zucco Dolore: meccanismi recettoriali e siti d azione Sistema limbico Talamo Corteccia somatosensoriale Sistema mediale Formazione reticolare Sistema laterale

Dettagli

VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO

VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO II CONGRESSO NAZIONALE AIIAO L infermiere in Oncologia tra management e pratica clinica: quale futuro? Napoli 24-25 maggio 2013 VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO N. Galtarossa D. Grosso L.

Dettagli

PARTE II LA FENOMENOLOGIA E LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE DEI DISTURBI SENILI DELL UMORE

PARTE II LA FENOMENOLOGIA E LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE DEI DISTURBI SENILI DELL UMORE Indice Collaboratori, XIII Introduzione, XVII PARTE I EPIDEMIOLOGIA E CARICO DELLA MALATTIA Epidemiologia dei disturbi depressivi nell età senile, Identificazione del caso, Prevalenza, incidenza e distribuzione,

Dettagli

è il termine tecnico con cui si designa un farmaco che attenua o elimina il dolore con gli analgesici si cura il sintomo ma non la causa del dolore

è il termine tecnico con cui si designa un farmaco che attenua o elimina il dolore con gli analgesici si cura il sintomo ma non la causa del dolore Analgesico è il termine tecnico con cui si designa un farmaco che attenua o elimina il dolore con gli analgesici si cura il sintomo ma non la causa del dolore Analgesico ideale EFFICACE LUNGA DURATA D

Dettagli

Vademecum per la gestione dei farmaci nei BPSD (disturbi comportamentali nella demenza)

Vademecum per la gestione dei farmaci nei BPSD (disturbi comportamentali nella demenza) Programma Aziendale Demenze Responsabile: dott. Andrea Fabbo Vademecum per la gestione dei farmaci nei BPSD (disturbi comportamentali nella demenza) A cura di Lucia Bergamini, Andrea Fabbo, Vanda Menon,

Dettagli

Una legge tutela il diritto dei cittadini

Una legge tutela il diritto dei cittadini Una legge tutela il diritto dei cittadini A non soffrire di dolore inutile A ricevere le migliori cure per il dolore Legge N. 38 del 15/03/2010 Legge N.38 del 15/03/2010 Articolo 7 (Obbligo di riportare

Dettagli

Il Dolore Oncologico. Dott. Alessandro Fabrizio Sciacca

Il Dolore Oncologico. Dott. Alessandro Fabrizio Sciacca Il Dolore Oncologico Dott. Alessandro Fabrizio Sciacca Il dolore neoplastico Il dolore neoplastico è una sorta di dolore globale con più componenti. fisiche, psichiche e affettive Il dolore è principalmente

Dettagli

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Affrontare il Dolore cronico in ambito clinico. Licia Serra Centro Sociale Oncologico ASS1 4 marzo 2010 Definizione di DOLORE Un esperienza

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Corso per farmacisti operanti nei punti di erogazione diretta delle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna AUSL Piacenza

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO

IL TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO IL TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO Dott. Carlo Gatti U.O. Oncologia - Ematologia 16 Ottobre 2012 Azienda ULSS n.14 CHIOGGIA (VE) via Madonna Marina, 500 30015 CHIOGGIA ( VE) www.asl14chioggia.veneto.it

Dettagli

Trasmissione serotoninergica

Trasmissione serotoninergica Trasmissione serotoninergica Effetti della serotonina (5-HT, 5-idrossitriptamina): Regolazione del tono della muscolatura liscia sistema cardiovascolare tratto gastrointestinale Aumento dell aggregazione

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche Ridotte funzionalità

Dettagli

FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU FREQUENTE USO TERAPEUTICO

FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU FREQUENTE USO TERAPEUTICO Seminario Stili di vita e idoneità al lavoro:uso di farmaci psicotropi Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Associazione Parmense dei Medici del Lavoro FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU

Dettagli

Il dolore cronico nel diabetico e l esperienza dell Ambulatorio di Terapia del Dolore di Luino Dott.ssa Sabrina Patanè

Il dolore cronico nel diabetico e l esperienza dell Ambulatorio di Terapia del Dolore di Luino Dott.ssa Sabrina Patanè Il dolore cronico nel diabetico e l esperienza dell Ambulatorio di Terapia del Dolore di Luino Dott.ssa Sabrina Patanè Anestesia e Rianimazione Ospedale di Luino Presidio del Verbano Epidemiologia 15-20%

Dettagli

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Este, sala Fumanelli, sabato 14 settembre 2013 PRINCIPI DI TERAPIA PSICHIATRICA NELL ANZIANO Dott. Lino Pasqui

Dettagli

Depressione. ieri, oggi e domani. GIAN LUIGI GESSA Settembre 2008

Depressione. ieri, oggi e domani. GIAN LUIGI GESSA Settembre 2008 Depressione ieri, oggi e domani GIAN LUIGI GESSA Settembre 2008 Antidepressivi - Classificazione Triciclici (TCA) e antidepressivi correlati (1, 2 o 4 anelli) Inibitori selettivi del reuptake

Dettagli

Gestione dell assuefazione

Gestione dell assuefazione Gestione dell assuefazione ROTAZIONE OPPIACEI Sostituzione di un oppiaceo con un altro Q U A N D O? Dolore controllato, ma gli effetti collaterali sono eccessivi e non controllabili. Analgesia inadeguata,

Dettagli

Anestetici locali. Blocco. Nocicettori Conduzione assonica. Rilascio mediatori spinali. Recettori postsinaptici. Canali Na + Recettori presinaptici

Anestetici locali. Blocco. Nocicettori Conduzione assonica. Rilascio mediatori spinali. Recettori postsinaptici. Canali Na + Recettori presinaptici Blocco Nocicettori Conduzione assonica Canali Na + Rilascio mediatori spinali Recettori presinaptici Oppioidi, alfa-2 Recettori postsinaptici Glutammato Neurochinine Anestetici locali Blocco canali Na

Dettagli

[Numero 19 - Articolo 1. Ottobre 2007] Trattamento ambulatoriale del dolore cronico nell anziano

[Numero 19 - Articolo 1. Ottobre 2007] Trattamento ambulatoriale del dolore cronico nell anziano [Numero 19 - Articolo 1. Ottobre 2007] Trattamento ambulatoriale del dolore cronico nell anziano Titolo originale: "Office Management of Chronic Pain in the Elderly" Rivista e Riferimenti di pubblicazione:

Dettagli

Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento

Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento Martedì Salute GAM 3 dicembre 2013 Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento Dott. Antonio Bruno Chirurgia i Vertebrale Clinica Cellini, Torino Resp. Dott J. Demangos OSTEOPOROSI Disordine scheletrico

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: IL DOLORE INUTILE Relatore: dott.ssa Roberta Perin inf. Rita Moretta Servizio Cure Palliative Ulss 2 Feltre Data : 21 maggio 2014 Sede: Aula Piccolotto

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti)

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti) 56 13. Alcol etilico - Proprietà farmacologiche, effetti collaterali, usi clinici. - Farmacocinetica. - Intossicazione acuta e cronica e loro trattamento. - Dipendenza e sindrome da astinenza, loro trattamento.

Dettagli

definire indagare trattare

definire indagare trattare definire indagare [ ] Perché questo bisogna ammetterlo, sai, quando hai questi dolori orribili [ ] il corpo pretende molto da te, pretende attenzione, non vuole che tu ti distragga da lui. Ma se per un

Dettagli

DISTURBI AFFETTIVI. Dr. Alessandro Bernardini

DISTURBI AFFETTIVI. Dr. Alessandro Bernardini HOME DISTURBI AFFETTIVI Dr. Alessandro Bernardini La caratteristica principale delle patologie emotive ed affettive è rappresentata dall'alterazione del tono dell'umore. La manifestazione più comune è

Dettagli

Sedativo-ipnotici. Impieghi clinici. ansia insonnia epilessia anestesia rilasciamento muscolatura striata

Sedativo-ipnotici. Impieghi clinici. ansia insonnia epilessia anestesia rilasciamento muscolatura striata Sedativo-ipnotici Impieghi clinici ansia insonnia epilessia anestesia rilasciamento muscolatura striata Benzodiazepine Clordiazepossido, alprazolam, clonazepam, diazepam, flurazepam, nitrazepam, triazolam

Dettagli

Il dolore il confine tra psiche e corpo

Il dolore il confine tra psiche e corpo Il dolore il confine tra psiche e corpo C. SOLARO Dipartimento Neurologia ASL3 genovese Genova Il dolore è una emozione opposta al piacere (Aristotele) Piacere e dolore non possono essere classificati

Dettagli

IMPIEGO CLINICO DEI SSRIs C. TONI

IMPIEGO CLINICO DEI SSRIs C. TONI IMPIEGO CLINICO DEI SSRIs C. TONI IMPIEGO CLINICO DEI SSRIs FDA ITALIA tina (1988) Depressione, DOC, Depressione, DOC, Bulimia Bulimia tina Depressione, DOC, Depressione, DOC, DP, FS DP, FS na Depressione,

Dettagli

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST Approccio psichiatrico nelle Demenze Depressione Behavioral and Psychological Symptoms of Dementia

Dettagli

PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE

PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE Secondo l Organizzazione mondiale della Sanità i disturbi del comportamento infantile nel mondo sono in aumento: 1 bambino su 5 soffre di psicopatologie,

Dettagli

LO STATO DELL ARTE DELLA TERAPIA DEL DOLORE IN ONCOLOGIA CERVICO-CEFALICA

LO STATO DELL ARTE DELLA TERAPIA DEL DOLORE IN ONCOLOGIA CERVICO-CEFALICA LE NUOVE FRONTIERE DELL ONCOLOGIA CERVICO-CEFALICA DAL TRATTAMENTO PERSONALIZZATO ALLA QUALITA DELLA VITA LO STATO DELL ARTE DELLA TERAPIA DEL DOLORE IN ONCOLOGIA CERVICO-CEFALICA U.O.A. Anestesia, Rianimazione

Dettagli

IL DOLORE IN AREA MEDICA

IL DOLORE IN AREA MEDICA Bologna, Bologna,26 26marzo marzo2014 2014 Dolore Promuovere Promuoverela laqualità qualitàdell assistenza dell assistenzanelle nelle strutture strutturesocio-sanitarie socio-sanitarieper peranziani anziani

Dettagli

La gestione del dolore cronico: QUALI NOVITÀ? SOGNO O REALTÀ nella pratica del MMG?

La gestione del dolore cronico: QUALI NOVITÀ? SOGNO O REALTÀ nella pratica del MMG? La gestione del dolore cronico: QUALI NOVITÀ? SOGNO O REALTÀ nella pratica del MMG? Giuseppe Fucito MMG LA SINAPSI E LA SCINTILLA DELLA VITA LA TERAPIA FARMACOLOGICA DEL DOLORE NEUROPATICO ATTUALMENTE,

Dettagli

U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE TERAPIA ANTALGICA OSPEDALE DI CHIOGGIA LA TERAPIA ANTALGICA INVASIVA NEL DOLORE ONCOLOGICO DOTT.

U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE TERAPIA ANTALGICA OSPEDALE DI CHIOGGIA LA TERAPIA ANTALGICA INVASIVA NEL DOLORE ONCOLOGICO DOTT. U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE TERAPIA ANTALGICA OSPEDALE DI CHIOGGIA LA TERAPIA ANTALGICA INVASIVA NEL DOLORE ONCOLOGICO DOTT. CINETTO ANDREA DOLORE NEL MALATO NEOPLASTICO 50 80 45 40 35 30 25 20 15 10 5

Dettagli

INTOSSICAZIONI Da ABUSO DI SOSTANZE NON TERAPEUTICHE e ALCOOL

INTOSSICAZIONI Da ABUSO DI SOSTANZE NON TERAPEUTICHE e ALCOOL INTOSSICAZIONI Da ABUSO DI SOSTANZE NON TERAPEUTICHE e ALCOOL aspetti generali, alterazioni e primo soccorso Inf.Bazzanella Alessandro e IC Ivano Floriani 2012 stato patologico provocato dall azione nociva

Dettagli

Gloria Belotti e Manuela Capoferri. Bergamo, 5 ottobre 2013

Gloria Belotti e Manuela Capoferri. Bergamo, 5 ottobre 2013 Gloria Belotti e Manuela Capoferri Bergamo, 5 ottobre 2013 L anziano riferisce poco il suo dolore per: un senso di fatalismo e rassegnazione, la sofferenza è una compagna fedele dell invecchiamento e nulla

Dettagli

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE OSPEDALE CIVILE DI CONEGLIANO AZIENDA U.L.S.S N.7 REGIONE DEL VENETO IL DOLORE

Dettagli

Indice. Prima parte FARMACOLOGIA. Neurochimica e neurofisiologia della nocicezione. Oppiacei. Farmaci antinfiammatori non steroidei

Indice. Prima parte FARMACOLOGIA. Neurochimica e neurofisiologia della nocicezione. Oppiacei. Farmaci antinfiammatori non steroidei Indice Prima parte FARMACOLOGIA 1 Neurochimica e neurofisiologia della nocicezione Introduzione................... 3 Concetti generali................ 4 Fisiologia e fisiopatologia del dolore e della nocicezione...........

Dettagli

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento.

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. I disturbi mentali dell anziano comprendono tutti i disturbi ritrovabili nei giovani adulti e ad essi

Dettagli

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa

Dettagli

Sommario. Prefazione alla Seconda Edizione Prefazione alla Prima Edizione Autori. ix xiii xvii. iii

Sommario. Prefazione alla Seconda Edizione Prefazione alla Prima Edizione Autori. ix xiii xvii. iii Prefazione alla Seconda Edizione Prefazione alla Prima Edizione Autori ix xiii xvii 1 Le basi biologiche: psiconeuroimmunologia e cancro Introduzione 2 La reazione allo stress 2 La risposta ormonale allo

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive. D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C

Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive. D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C NOCICETTIVO NEUROPATICO MISTO DOLORE NOCICETTIVO È solitamente ben localizzato, acuto

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

MODALITÀ D USO DEI FARMACI ANALGESICI SECONDO L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ

MODALITÀ D USO DEI FARMACI ANALGESICI SECONDO L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ MODALITÀ D USO DEI FARMACI ANALGESICI SECONDO L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ l protocollo terapeutico prevede l utilizzo di una scala farmacologica sequenziale a tre gradini costituita da quattro

Dettagli

La Depressione nel malato anziano

La Depressione nel malato anziano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN GERIATRIA La Depressione nel malato anziano Chiar.mo Prof. Ferdinando Pentimone Dott.ssa Michela Pazzaglia Firenze,

Dettagli

Proprietà delle fibre dolorifiche

Proprietà delle fibre dolorifiche IL DOLORE 1 Proprietà delle fibre dolorifiche La percezione del dolore è generata da terminazioni nervose libere che costituiscono la parte sensitiva dei nocicettori (recettori del dolore) Gli assoni che

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR IDROMORFONE

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR IDROMORFONE RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI CLORIDRATO ATC N02AA03 (JURNISTA ) Presentata da Componente Commissione Prontuario Terapeutico Regionale In data: novembre 2007 Per le seguenti motivazioni (sintesi):

Dettagli

DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI 10 novembre 2012 Aula Magna Palazzina Vigiola - Ospedale San Paolo, Savona

DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI 10 novembre 2012 Aula Magna Palazzina Vigiola - Ospedale San Paolo, Savona DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI 10 novembre 2012 Aula Magna Palazzina Vigiola - Ospedale San Paolo, Savona AREA FARMACEUTICA S.C. FARMACEUTICA TERRITORIALE Antidepressivi: la spesa farmaceutica M. BESSERO

Dettagli

TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE

TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI TOSSICODIPENDENZE Identificare e classificare i diversi tipi di DROGHE e SOSTANZE che provocano TOSSICODIPENDENZA Cosa significa DIPENDENZA,

Dettagli

ibromialgica La sindrome fibromialgica

ibromialgica La sindrome fibromialgica ibromialgica La sindrome fibromialgica La sindrome fibromialgica è una forma comune di dolore muscolo scheletrico diffuso e di affaticamento (astenia)1 che colpisce approssimativamente 1.5 2 milioni di

Dettagli

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

II dolore nel paziente con demenza: aspetti fisiopatologici. Dr ssa Michela Marcon CDC Neurologia Sabato 20 settembre 2014

II dolore nel paziente con demenza: aspetti fisiopatologici. Dr ssa Michela Marcon CDC Neurologia Sabato 20 settembre 2014 II dolore nel paziente con demenza: aspetti fisiopatologici Dr ssa Michela Marcon CDC Neurologia Sabato 20 settembre 2014 Secondo l International Association for the Study of Pain: Il dolore è un esperienza

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E L ALIMENTAZIONE LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI DANIELA LIVADIOTTI INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione delle funzioni

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Dolore fisico. www.slidetube.it

Dolore fisico. www.slidetube.it Dolore fisico Quante volte si presenta Localizzazione Caratteristiche (pulsante, lancinante, fastidioso ) Intensità (da 0 a 10, moderato o forte) Se gli orari sono stati rispettati Presenza di fattori

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

LA DEPRESSIONE UN FENOMENO SENZA CONFINI PRECISI

LA DEPRESSIONE UN FENOMENO SENZA CONFINI PRECISI LA DEPRESSIONE UN FENOMENO SENZA CONFINI PRECISI Fabrizio Asioli EPIDEMIOLOGIA RIGUARDA ~ IL 10-15% DELLA POPOLAZIONE ADULTA SPESSO (8-30%) MISTA AD ANSIA RIGUARDA ~ IL 50% DEI PAZIENTI CON DISTURBI PSICOLOGICI

Dettagli

Il dolore acuto e transitorio è localizzato e risulta chiaramente legato ad uno stimolo (meccanico, termico o chimico) di alta intensità

Il dolore acuto e transitorio è localizzato e risulta chiaramente legato ad uno stimolo (meccanico, termico o chimico) di alta intensità DOLORE NEUROPATICO FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI E TERAPIA 2008 Definizione Il dolore, esperienza spiacevole, sensitiva ed emozionale, associata con danno tissutale reale o potenziale oppure descritta nei termini

Dettagli

LA DEPRESSIONE. Fabrizio Asioli

LA DEPRESSIONE. Fabrizio Asioli LA DEPRESSIONE Fabrizio Asioli EPIDEMIOLOGIA RIGUARDA ~ IL 10-15% DELLA POPOLAZIONE ADULTA SPESSO (8-30%) MISTA AD ANSIA RIGUARDA ~ IL 50% DEI PAZIENTI CON DISTURBI PSICOLOGICI CHE FREQUENTANO L AMBULATORIO

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

Il dolore nell anziano BERGAMO, 5.10.2013 Il paziente con dolore e il Medico di Medicina Generale

Il dolore nell anziano BERGAMO, 5.10.2013 Il paziente con dolore e il Medico di Medicina Generale Il dolore nell anziano BERGAMO, 5.10.2013 Il paziente con dolore e il Medico di Medicina Generale Carla Laffranchi Claudio Bulla Medici di Assistenza Primaria - Asl Bergamo Il paziente con dolore e il

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Sindrome premestruale (spm)

Sindrome premestruale (spm) Sindrome premestruale (spm) Gli sbalzi ormonali degli estrogeni e del progesterone nel cervello di una giovane adolescente determinano delle variazioni settimanali nella sensibilità e reattività allo stress

Dettagli

IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE

IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE APPROCCIO AL DOLORE CRONICO BENIGNO IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE Luciano Bertolusso MMG - ASL CN2 Alba - Bra CHE COS E IL DOLORE (IASP) una sgradevole esperienza sensoriale ed emotiva associata

Dettagli

Il dolore neuropatico del paziente con diabete mellito: considerazioni sulla terapia

Il dolore neuropatico del paziente con diabete mellito: considerazioni sulla terapia Il dolore neuropatico del paziente con diabete mellito: considerazioni sulla terapia SOMMARIO Introduzione VII Efficacia di duloxetina e pregabalin nella terapia a breve termine della neuropatia diabetica

Dettagli

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10)

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Clordiazepossido / LIBRIUM 50 mg p.os ogni 6 ore il 1 giorno, poi 25 mg ogni 6 ore il 2 e 3 giorno Diazepam / VALIUM 10 mg p.os o i.v. ogni 6 ore

Dettagli

Paziente di 70 anni che sei mesi prima era stata interessata da una forma erpetica acuta in territorio toracico sin (T3,T4,T5) Fase eruttiva

Paziente di 70 anni che sei mesi prima era stata interessata da una forma erpetica acuta in territorio toracico sin (T3,T4,T5) Fase eruttiva Paziente di 70 anni che sei mesi prima era stata interessata da una forma erpetica acuta in territorio toracico sin (T3,T4,T5) Fase eruttiva caratterizzata da dolore molto intenso tipo bruciore, non responsivo

Dettagli

La fatica nelle malattie reumatiche: Il caso della Sindrome Fibromialgica

La fatica nelle malattie reumatiche: Il caso della Sindrome Fibromialgica La fatica nelle malattie reumatiche: Il caso della Sindrome Fibromialgica Valeria Campanella, MD Unità Operativa di Reumatologia Istituto Ortopedico Galeazzi, Milano La sindrome Fibromialgica: definizione

Dettagli

La depressione non va confusa con la tristezza normale (o demoralizzazione )

La depressione non va confusa con la tristezza normale (o demoralizzazione ) La depressione non va confusa con la tristezza normale (o demoralizzazione ) E comune il dolore che coglie l essere umano quando un avvenimento avverso colpisce la sua esistenza precaria, o quando la discrepanza

Dettagli

Palliative Info. Approccio antalgico farmacologico per i dolori neuropatici. Newsletter Nr 1, giuglio 2015

Palliative Info. Approccio antalgico farmacologico per i dolori neuropatici. Newsletter Nr 1, giuglio 2015 Newsletter Nr 1, giuglio 2015 Medicina palliativa Membro del gruppo di lavoro Dott. Klaus Bally (KB) Dott. Roland Kunz (RK) Dott. Vanni Manzocchi (VM) PD, Dott. Claudia Mazzocato (CM) Approccio antalgico

Dettagli

TERAPIA DEL DOLORE. Dr. Alessandro Bernardini

TERAPIA DEL DOLORE. Dr. Alessandro Bernardini HOME DOLORE TERAPIA DEL DOLORE Dr. Alessandro Bernardini IL DOLORE è una esperienza sensoriale ed emotiva sgradevole associata a danno tissutale effettivo o potenziale. Il dolore è multifattoriale. Singole

Dettagli

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI 1 CORSO FORMATIVO/INFORMATIVO MESORACA (KR) 24/ 28 MAGGIO ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI DOTT.SSA MARIANTONIA ALTIMARI DIRIGENTE RESPONSABILE CSM MESORACA ASPETTATIVA DI VITA Il miglioramento

Dettagli

Teofillina: meccanismo d azione 1

Teofillina: meccanismo d azione 1 Teofillinici Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo 1 Teofillina 3 HC N

Dettagli

Eleggibilità e randomizzazione

Eleggibilità e randomizzazione 1 Criteri di inclusione Diagnosi istologica o citologica di tumore solido in fase avanzata locale e/o metastatica... 2. Dolore medio giornaliero 4 misurato con NRS e riferito alle ultime 24 ore, attribuibile

Dettagli