Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Apparecchi di sollevamento - Ascensori"

Transcript

1 Apparecchi di sollevamento - Ascensori

2 APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento di un carico sospeso tramite gancio o altro organo di presa. Gli apparecchi di sollevamento possono essere classificati in: 1. gru a torre 2. autogrù 3. gru su autocarro 4. gru a cavalletto 5. gru a ponte scorrevole 6. gru a struttura limitata 7. gru a portale 8. argani e paranchi Sono inoltre assimilabili agli apparecchi di sollevamento: 9. le scale aeree 10. i ponti sviluppabili

3 APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Progettazione e costruzione Le macchine e gli apparecchi di sollevamento sono all origine di più del 10% degli infortuni sul lavoro. La progettazione delle macchine deve tener conto dei vincoli connessi alla sicurezza dei lavoratori vincoli che vengono imposti al fabbricante e al fornitore. Il responsabile dell impresa deve, essere certo che il materiale che acquista ed insta lla sia conforme alle norme vigenti. Le attrezzature di lavoro adibite al sollevamento di carichi installate stabilmente devono essere costruite in modo da assicurare la solidità e la stabilità durante l uso tenendo in considerazione innanzi tutto i carichi da sollevare e le sollecitazioni che agiscono sui punti di sospensione o di ancoraggio alle strutture.

4 APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Identificazione Ogni apparecchio di sollevamento deve essere fornito: di adeguata targa di immatricolazione; tale targa deve essere installata in posizione visibile e d eve indicare: il nome del costruttore, il luogo e l anno di costruzione e la portata massima ( DM 12/09/1959 Art. 10) Quando la portata massima varia col variare delle condizioni d uso del mezzo, quali inclinazi one e lunghezza dei bracci di leva delle gru a volata, lo spostamento dei contrappesi, gli appoggi supplementari e la variazione della velocità, l entità del carico ammissibile deve essere indicata con esplicito riferimento alle variazioni delle condizioni di uso, mediante apposita targa. e, ai sensi del DPR 459/96, delle seguenti indicazioni : nome del fabbricante e suo indirizzo; marcatura CE; designazione della serie o del tipo; eventualmente, numero di serie; anno di costruzione.

5 APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Collaudo Dal 21/09/1996 è entrata in vigore la Direttiva Macchine (D.P.R. 459 dei 1996). A partire da questa data chi acquista un Apparecchio di Sollevamento marcato CE è obbligato ad inviare, prima della messa in servizio, il modulo di denuncia alla sede I.S.P.E.S.L competen te per territorio, allegandovi fotocopia della dichiarazione CE di conformità. E inoltre tenuto a conservare, nel luogo di utilizzo dell Apparecchio di Sollevamento, la rimanente documentazio ne, e a renderla disponibile,in sede di verifica periodica, agli organi competenti. Gli Apparecchi di Sollevamento già in servizio al 21/09/1996 collaudati I.S.P.E.S.L. o ENPI, ai quali siano state apportate: variazioni nelle modalità di utilizzo non previste direttamente dal costruttore modifiche costruttive che non rientrano nella manutenzione ordinaria o straordinaria devono seguire la procedura odierna per la marcatura CE.

6 APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Controlli D.lgs 81/08 art 71 comma 8 Il datore di lavoro provvede affinché: le attrezzature di lavoro la cui sicurezza dipende dalle condizioni di installazione siano sottoposte a un controllo iniziale (dopo l'installazione e prima della messa in esercizio) e ad un controllo dopo ogni montaggio in un nuovo cantiere o in una nuova località di impianto. le attrezzature soggette a influssi che possono provocare deterioramenti suscettibili di dare origine a situazioni pericolose siano sottoposte: 1. a controlli periodici, secondo frequenze stabilite in base alle indicazioni fornite dai fabbricanti, ovvero dalle norme di buona tecnica, o in assenza di queste ultime, desumibili dai codici di buona prassi; 2. a controlli straordinari al fine di garantire il mantenimento di buone condizioni di sicurezza, ogni volta che intervengano eventi eccezionali che possano avere conseguenze pregiudizievoli per la sicurezza delle attrezzature di lavoro, quali riparazioni trasformazioni, incidenti, fenomeni naturali o periodi prolungati di inattività. I risultati dei controlli devono essere riportati per iscritto e, almeno quelli relativi agli ultimi tre anni, devono essere conservati e tenuti a disposizione degli organi di vigilanza.

7 APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Verifica periodica Qualora le attrezzature di lavoro di cui al comma 8 siano usate al di fuori della sede dell unità produttiva devono essere accompagnate da un documento attestante l esecuzione dell ultimo controllo con esito positivo. Con il D.lgs 81/2008 le verifiche periodiche degli apparecchi di sollevamento non sono più solamente annuali ma esse dipendono dall età dell apparecchio e dal settore di utilizzo dello stesso (vds allegato VII) Verifica straordinaria La verifica straordinaria è di competenza del Dipartimento I.S.P.E.S.L. territorialmente competente. Le ispezioni straordinarie vengono eseguite a seguito di variazioni sostanziali apportate all impianto La procedura da seguire è quella già indicata per i nuovi impianti.

8 APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Verifica trimestrale funi e catene Il proprietario dell impianto di sollevamento è obbligato ad effettuare la verifica trimestrale delle funi e delle catene. Allegato VI D.lgs 81/08 punto 3 Il risultato delle operazioni di controllo deve essere riportato nel libretto verbale verifiche, servendosi degli appositi spazi (Artt. 11 e 12 D. M. 12 settembre 1959). La verifica delle funi o delle catene viene eseguita secondo le seguenti modalità: pulizia di fune o catena, almeno nei tratti di maggiore usura; controllo visivo per individuare fili rotti, cricche; controllo di eventuale eccessiva usura con riduzione del diametro; controllo di eventuali danneggiamenti meccanici della fune. E opportuno procedere anche a controlli periodici di tutte le altre parti e componenti degli apparec chi di sollevamento che possono comportare rischi di incidenti, quali: fissaggio delle funi; condizioni del cavo di comando della pulsantiera; limitatori di carico e momento; dispositivi di fine corsa.

9 APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Apparecchi di sollevamento esclusi dalla normativa Gli apparecchi di sollevamento esclusi dagli obblighi sopra descritti sono: 1. le gru e gli altri apparecchi di sollevamento di portata inferiore 200 chilogrammi, 2.le gru e gli altri apparecchi di sollevamento azionati a mano, tranne scale aeree e ponti sviluppabili Riferimenti normativi D.LGS 9 Aprile 2008 n 81 DM 12 Settembre 1959 e successivo DM 9 Agosto 1960 sulle modalità di svolgimento delle verifiche Legge 833/78 sulle competenze di attribuzione delle verifiche periodiche alle ASL DM sul comando dei mezzi di sollevamento mediante onde elettromagnetiche DPR 459 del 24/07/1996Regolamento per lattuazione delle direttive 89/392/CEE, 91/368, 93/44 e 93/68 concernenti il ri avvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine

10 ASCENSORI Gli ascensori fanno parte della nostra vita quotidiana e tutti noi usiamo questi impianti senza a volte renderci conto che essi sono dei veri e propri mezzi di trasporto e che pertanto necessitano di particolare attenzione

11 definizioni Ascensore: un apparecchio a motore che collega piani definiti mediante una cabina che si sposta lungo guide rigide e la cui inclinazione sull orizzontale è superiore a 15, destinata a trasporto di persone, di persone e cose, o soltanto di cose se la cabina è accessibile, ossia se una persona può entrarvi senza difficoltà, e munita di comandi situati al suo interno o alla portata di una persona che si trova al suo interno. Montacarichi: un apparecchio a motore di portata non inferiore a 25 Kg che collega piani definiti mediante una cabina che si sposta lungo guide rigide e la cui inclinazione sull orizzontale è superiore a 15, destinata al trasporto di sole cose, inaccessibile alle persone, o se accessibile, non munita di comandi situati al suo interno o alla portata di una persona che si trova al suo interno

12 definizioni Installatore dell ascensore: il responsabile della progettazione, della fabbricazione, dell installazione e della commercializzazione dell ascensore, che appone la marcatura CE e redige la dichiarazione CE di conformità. Commercializzazione: la prima immissione sul mercato dell Unione Europea, a titolo oneroso o gratuito, di un ascensore o di un componente di sicurezza per la sua distribuzione o impiego.

13 definizioni Componenti di sicurezza: elencati nell allegato IV Dispositivi di bloccaggio delle porte di piano. Dispositivi paracadute Dispositivi di limitazione di velocità eccessiva. Ammortizzatori ad accumulazione di energia Ammortizzatori a dissipazione di energia. Dispositivi di sicurezza su martinetti dei circuiti idraulici di potenza quando sono utilizzati come dispositivi paracadute. Dispositivi elettrici di sicurezza con funzione di interruttori di sicurezza con componenti elettronici. Fabbricante dei componenti di sicurezza: il responsabile della progettazione e della fabbricazione dei componenti di sicurezza, che appone la marcatura CE e redige la dichiarazione CE di conformità

14 definizioni Messa in esercizio: la prime utilizzazione dell ascensore o del componente di sicurezza. Ascensori e montacarichi in servizio privato: gli ascensori e montacarichi installati in edifici pubblici o privati, a scopi ed usi privati, anche se accessibili al pubblico.

15 Evoluzione nel tempo delle regole e delle norme tecniche adottate ai fini della sicurezza nella costruzione degli ascensori in servizio privato

16 Prima degli anni 2000 Dagli anni 2000 Le soluzioni tecniche per la sicurezza sono imposte per legge = REGOLE TECNICHE Le soluzioni tecniche per la sicurezza non sono imperative, ma possono essere usate altre soluzioni purché di pari efficacia o migliorative = NORME TECNICHE

17 Fino ai primi ANNI 90 - REGOLE TECNICHE imposte dal DPR 1497/63 ascensori e montacarichi elettrici costruiti, dal 1963, secondo le regole tecniche imposte dal DPR 1497 /63 ascensori e montacarichi elettrici preesistenti al 1963, costruiti secondo le regole tecniche imposte dal Decreto Luogotenenziale 600/45, poi adeguati in alcune parti al DPR 1497/63 diffusione degli ascensori idraulici dagli anni 70 costruiti secondo le regole imposte dal DPR 1497/63 con l aggiunta del D.M. 1635/79 per le parti idrauliche

18 Negli ANNI 90 fino ai primi ANNI REGOLE TECNICHE UNI EN 81-1/2 ascensori elettrici - costruiti secondo le norme UNI EN 81-1, (imposte dal D.M. 587/87, allegato 1) ascensori idraulici - che si diffondono più degli elettrici, costruiti secondo le UNI EN 81-2, ( imposte come regole tecniche dal D.M. 268/1994) gli ascensori preesistenti sono adeguati, d obbligo, alle nuove regole tecniche, nelle parti e nei modi previsti dall allegato II del D.M. 587/87

19 Nota: negli ascensori, in caso di MODIFICA, si adotta il principio che le parti vanno modificate o sostituite in base alle regole tecniche più recenti, e quindi: dal 2004, le modiche vengono eseguite tenendo presenti le norme più recenti UNI EN 81-1/2 armonizzate

20 Dai primi ANNI epoca della Direttiva 95/16 recepita con DPR 162/99, capo I, e delle Norme Armonizzate UNI EN 81-1/2, intese come stato dell arte delle possibili soluzioni tecniche, ma non uniche, per soddisfare i requisiti essenziali di sicurezza. differenze tra il vecchio e il nuovo approccio direttiva 95/16/CE ( nuovo approccio) recepita con DPR 162/99, requisiti essenziali di sicurezza ( res), norme armonizzate UNI EN 81-1/2 edizione 1999 altre soluzioni tecniche con documento di analisi dei rischi che dimostri l equivalente capacità di soddisfare i res.

21 Come sono cambiate nel tempo le disposizioni amministrative per la messa in servizio e per l esercizio degli ascensori in servizio privato Procedure tecnico amministrative per : l installazione la messa in servizio il mantenimento in esercizio documentazione da conservare sull impianto

22 Fino ai primi ANNI 90 gli ascensori e i montacarichi, sono soggetti alla legge 1415/42 e relativo regolamento DPR 1767/51: ascensori divisi in categorie A, B, E montacarichi divisi in categoria C e categoria D

23 Fino ai primi ANNI 90 per la messa in servizio: - licenza d impianto e di esercizio dell ascensore e dei montacarichi; - collaudo di primo impianto dell ENPI e poi dell ISPESL. per la tenuta in esercizio: - verifiche periodiche annuali ( per gli ascensori) e straordinarie dell ENPI e poi delle ASL; - manutenzione con personale abilitato, obbligo del manutentore della verifica semestrale ( per gli ascensori) dei dispositivi di sicurezza.

24 Fino ai primi ANNI 90 documentazione e targhe presenti sull impianto - libretto d immatricolazione dell ascensore con collaudo di primo impianto dell ENPI e poi dell ISPESL; - schema idraulico / elettrico - verbali di verifica periodiche e straordinarie dell ENPI e poi ASL - annotazioni del manutentore sugli esiti dei controlli di propria competenza - targa d immatricolazione in cabina - cartello con nome e recapito del manutentore su porta accesso locale macchine e locale rinvii

25 Negli ANNI 90 fino ai primi ANNI 2000 come nel caso precedente ma con le seguenti variazioni introdotte dal D.M. 587/87 gli ascensori non vanno distinti in categorie ( il termine ascensore comprende le categorie A, B, C) resta la categoria D dei montacarichi introdotta la certificazione e la marcatura CEE per i seguenti componenti di sicurezza: - serrature porte di piano, paracadute, limitatore di velocità, ammortizzatori idraulici. Gli ultimi collaudi sono eseguiti anche da organismi notificati, installatori con sistema di garanzia della qualità o con perizia giurata di ingegnere iscritto all albo ( art 19 DPR 162/99)

26 Dai primi ANNI 2000 commercializzazione la commercializzazione degli ascensori nuovi è disciplinata dalla direttiva 95/16 recepita in Italia con il DPR 162/99 abolite le licenze di impianto e di esercizio: l installatore deve marcare CE l ascensore e rilasciare la dichiarazione CE di conformità con l intervento di un organismo notificato secondo la procedura seguita dall installatore; obbligo della certificazione del tipo per i componenti di sicurezza dell ascensore e della marcatura CE del singolo prodotto.

27 Dai primi ANNI 2000 messa in servizio e la tenuta in esercizio Per la messa in servizio e la tenuta in esercizio vige il DPR 162/99 capo II. che ha abolito la legge 1415/42 e il DPR 1767/51. Il proprietario deve comunicare la messa in servizio degli ascensori e montacarichi, entro 10 gg. dal rilascio della dichiarazione CE di conformità, al Comune, che deve rilasciare il numero di matricola ( art. 12 DPR 162/99) Alle verifiche periodiche e straordinarie provvedono, a mezzo tecnici forniti di laurea in ingegneria: ASL, ARPA, Ispettorato del Lavoro (stabilimenti industriali e aziende agricole) le Amministrazioni Statali con i propri ruoli di ingegneri,organismi Notificati, su richiesta del proprietario (art. 13 DPR162/99)

28 Dai primi ANNI 2000 messa in servizio e la tenuta in esercizio Le verifiche periodiche ogni 2 anni Le verifiche straordinarie per periodica negativa, per incidenti, per modifiche importanti ( art. 14 DPR 162/99) La manutenzione deve essere effettuata con personale abilitato Obbligo per il manutentore di effettuare la verifica semestrale dei dispositivi di sicurezza ( art 15 DPR 162/99)

29 Dai primi ANNI 2000 documentazioni e targhe presenti sull impianto dichiarazione CE di conformità dell ascensore rilasciata dall installatore, marcatura ce nella cabina dell ascensore, marcatura CE e dichiarazione di conformità dei componenti di sicurezza, comunicazione al Comune e matricola assegnata dal Comune stesso all impianto, targa in cabina con n. matricola assegnata, portata in Kg, numero massimo di persone, installatore e n. di fabbricazione, soggetto incaricato per le verifiche periodiche (art. 16 DPR 162/99 e p.to 15 en 81-1/2) libretto dell ascensore (art. 16 DPR 162/99) con le caratteristiche, che deve comprendere una parte tecnica ed una parte ( fascicolo) destinata a contenere i verbali dei controlli e delle visite, le modifiche importanti, la sostituzione funi o di altri componenti importanti, gli incidenti ( punto 16.3 EN 81- ½ e punto 6.2 allegato I del DPR 162/99, annotazione esito collaudo, data messa in servizio

30 Dai primi ANNI 2000 documentazioni e targhe presenti sull impianto disegno dell installazione schema elettrico idraulico manuale d istruzione dell ascensore per uso normale, manutenzione, controlli e prove (periodici e dopo modifiche importanti o incidenti) manuale di istruzione dei componenti di sicurezza, per effettuare correttamente e senza rischi, montaggio collegamenti, regolazioni, manutenzione ( punto 6.1 allegato I DPR 162/99) verbali di verifica periodica o straordinaria della ASL o dell Organismo Notificato annotazioni del manutentore sugli esiti dei controlli di propria competenza cartello con nome e recapito del manutentore su porta accesso locale macchina e locale rinvii

31 Quadro normativo riassuntivo ASCENSORE ELETTRICO DPR 1497/63 ASCENSORE ELETTRICO D.M. 587/87 UNI EN81.1 ASCENSORE ELETTRICO Direttiva 95/16/CE DPR 162/99 UNI EN 81.1Armonizzata Altre regole tecniche ASCENSORE OLEODINAMICO DPR 1497/63 D.M. 1635/79 ASCENSORE OLEODINAMICO DPR 268/94 UNI EN81.2 ASCENSORE OLEODINAMICO Direttiva 95/16/CE DPR 162/99 UNI EN 81.2Armonizzata Altre regole tecniche

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

FAQ. Le domande più frequenti... sugli ascensori

FAQ. Le domande più frequenti... sugli ascensori FAQ Le domande più frequenti... sugli ascensori 1. Cosa devono appurare le verifiche periodiche? Le verifiche periodiche sono dirette ad accertare se le parti dalle quali dipende la sicurezza di esercizio

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati Brescia 25 marzo 2015 I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8 Relatore: Libero Donati DEFINIZIONI Secondo la norma ISO 4306-1 un Apparecchio

Dettagli

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie SISTEMI DI PREVENZIONE E DI CONTROLLO NEL SETTORE RSA: UN PROGETTO INNOVATIVO IN PROVINCIA DI VARESE Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie Barza d Ispra, 18 maggio

Dettagli

Lo stato dell arte nel campo delle verifiche, controlli e manutenzione. L evoluzione della norme riguardanti gli apparecchi di sollevamento

Lo stato dell arte nel campo delle verifiche, controlli e manutenzione. L evoluzione della norme riguardanti gli apparecchi di sollevamento Lo stato dell arte nel campo delle verifiche, controlli e manutenzione degli apparecchi di sollevamento Castello di Susans Majano (UD) Mercoledì, 8 giugno 2011 L evoluzione della norme riguardanti gli

Dettagli

Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento

Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento PREMESSA Nei cantieri EXPO sono utilizzate attrezzature di lavoro per sollevamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO IN SICUREZZA DI ASCENSORI, MONTACARICHI E PIATTAFORME ELEVATRICI Emanato con D.R. Rep. n. 16022/2010 prot. n. 7682 del 26/05/2010. Entrato in vigore l'11/06/2010. Regolamento

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI PERIODICI E VERIFICHE 1

QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI PERIODICI E VERIFICHE 1 QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI PERIODICI E VERIFICHE 1 Tipologia Adempimento Frequenza Riferimento Antincendio antincendio (estintori, naspi e idranti): verifiche personale competente Antincendio antincendio

Dettagli

La vigilanza sulla sicurezza delle macchine

La vigilanza sulla sicurezza delle macchine Dipartimento Prevenzione ASL RM H Direttore prof. Agostino Messineo 1 WORKSHOP SICUREZZA MACCHINE DLgs 81/2008 e recepimento direttiva 2006/42/CE attraverso il DLgs 17/2010 Obblighi nella gestione e conduzione

Dettagli

Apparecchi di sollevamento. Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO

Apparecchi di sollevamento. Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO AGENZIAREGIONALEPERLAPROTEZIONEAMBIENTALE SERVIZIOPREVENZIONEERISCHIOTECNOLOGICO Apparecchidisollevamento LineeGuidapergliadempimentidiLegge acuradelladirezionetecnicoscientifica Direttoredott.EduardoPatroni

Dettagli

SIPAR S.r.l. Ferentino (FR)

SIPAR S.r.l. Ferentino (FR) SIPAR S.r.l. Ferentino (FR) Corso di aggiornamento per RSPP-modulo B ATTREZZATURE DI LAVORO ( Ing.. Ugo Romano) DEFINIZIONI Attrezzatura di lavoro: - qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto,

Dettagli

ASCENSORI E MONTACARICHI

ASCENSORI E MONTACARICHI ASCENSORI E MONTACARICHI Sistema di alimentazione: TT, TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500

Dettagli

Davide Lombardi - Ambiente Igiene Sicurezza S.r.l. Iscritto all Elenco degli Esperti verificatori di apparecchi di sollevamento della PAT

Davide Lombardi - Ambiente Igiene Sicurezza S.r.l. Iscritto all Elenco degli Esperti verificatori di apparecchi di sollevamento della PAT Davide Lombardi - Ambiente Igiene Sicurezza S.r.l. Iscritto all Elenco degli Esperti verificatori di apparecchi di sollevamento della PAT Le verifiche di attrezzature di sollevamento cose e persone in

Dettagli

ATTREZZATURE DI LAVORO

ATTREZZATURE DI LAVORO ATTREZZATURE DI LAVORO ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) Corso anno scolastico 2010-2011 OGGI PARLEREMO DI DEFINIZIONE DI: ATTREZZATURA DI

Dettagli

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Il Titolo III I requisiti di sicurezza delle

Dettagli

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto?

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto? La presente nota informativa si rivolge ai soggetti che hanno responsabilità in materia di sicurezza per le persone nell uso di attrezzature ed impianti (datori di lavoro, dirigenti, preposti, RSPP, ecc.)

Dettagli

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Dott.ing. Roberto Cianotti Presidente Commissione UNI Apparecchi di sollevamento Bologna - Ambiente

Dettagli

Gru ed apparecchi di sollevamento

Gru ed apparecchi di sollevamento Il Decreto Ministeriale 12/09/1959 è attualmente in vigore e stabilisce che alcune macchine tra cui: -le scale aeree ad inclinazione variabile -i ponti mobili sviluppabili su carro -i ponti sospesi muniti

Dettagli

E CONTROLLI IN EDILIZIA

E CONTROLLI IN EDILIZIA ARPA Piemonte Sezione impiantistica VERIFICHE E CONTROLLI IN EDILIZIA SS 03.04 Verifiche Impiantistiche IMPIANTO ELETTRICO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO IMPIANTO ELETTRICO Richiesta documentazione Denuncia

Dettagli

INGEGNERE LUIGI LORUSSO DIPARTIMENTO. INAIL ex ISPESL UDINE

INGEGNERE LUIGI LORUSSO DIPARTIMENTO. INAIL ex ISPESL UDINE INGEGNERE LUIGI LORUSSO DIPARTIMENTO INAIL ex ISPESL UDINE D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Titolo III Uso delle attrezzature di lavoro Le verifiche obbligatorie a carico degli enti di controllo Apparecchi di sollevamento

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art.

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. 87) CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO N 5 articoli (da art. 69

Dettagli

I rischi connessi a macchine e attrezzature da lavoro

I rischi connessi a macchine e attrezzature da lavoro Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà I rischi connessi a macchine e attrezzature da lavoro le macchine di cantiere 1 Il Piano di Sicurezza

Dettagli

SEMINARIO. Il Decreto 11.4.2011, il ruolo degli organi di controllo e i soggetti abilitati. Modalità organizzative della Regione Veneto

SEMINARIO. Il Decreto 11.4.2011, il ruolo degli organi di controllo e i soggetti abilitati. Modalità organizzative della Regione Veneto SEMINARIO VERIFICHE PERIODICHE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO E DELLE ATTREZZATURE PROSSIMA SCADENZA DEL 23.5.2012 Il Decreto 11.4.2011, il ruolo degli organi di controllo e i soggetti abilitati. Modalità

Dettagli

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org Regolamento per la verifica periodica di apparecchi di sollevamento di materiali (SC) e persone (SP) secondo D.lgs. 81/08 e decreto 11 Aprile 2011 dal titolo Disciplina delle modalità di effettuazione

Dettagli

I rischi connessi a macchine e attrezzature da lavoro: gli apparecchi di sollevamento e di trasporto

I rischi connessi a macchine e attrezzature da lavoro: gli apparecchi di sollevamento e di trasporto I rischi connessi a macchine e attrezzature da lavoro: gli apparecchi di sollevamento e di trasporto DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - 17 maggio 2006 DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - 17 maggio 2006

Dettagli

SICUREZZA. Le modalità operative per le verifiche periodiche sulle attrezzature elencate. Attrezzature: cosa cambia sulla verifica periodica?

SICUREZZA. Le modalità operative per le verifiche periodiche sulle attrezzature elencate. Attrezzature: cosa cambia sulla verifica periodica? l Sicurezza del lavoro. Dal MinLavoro i criteri per l abilitazione dei soggetti SICUREZZA Attrezzature: cosa cambia sulla verifica periodica? Le modalità operative per le verifiche periodiche sulle attrezzature

Dettagli

Adempimenti a cui il datore di lavoro deve ottemperare per la gestione delle attrezzature classificate come SC e SP nell allegato II del DM 11.04.

Adempimenti a cui il datore di lavoro deve ottemperare per la gestione delle attrezzature classificate come SC e SP nell allegato II del DM 11.04. Adempimenti a cui il datore di lavoro deve ottemperare per la gestione delle attrezzature classificate come SC e SP nell allegato II del DM 11.04.2011 Al fine di chiarire l iter necessario per regolarizzare

Dettagli

REGOLAMENTO ASCENSORI

REGOLAMENTO ASCENSORI Deliberazione della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 67 del 20/10/2005 CITTA di CANICATTI (Provincia di Agrigento) *** UFFICIO TECNICO III Direzione Gestione del Territorio

Dettagli

Apparecchi di sollevamento. Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Apparecchi di sollevamento. Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Apparecchi di sollevamento Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura della Direzione Tecnico Scientifica Direttore dott. Eduardo Patroni e per il Servizio

Dettagli

Seminario: Sicurezza delle PLE

Seminario: Sicurezza delle PLE Seminario: Sicurezza delle PLE Importanza della manutenzione e delle verifiche periodiche L'importanza della manutenzione P t t d M P t i h P TWG IPAF R Q lità Si CTE S A Presentato da: Mauro Potrich -

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO. Catania, 25 febbraio 2012

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO. Catania, 25 febbraio 2012 LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO Catania, 25 febbraio 2012 LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO NEL QUADRO DEL DECRETO N. 81/08 Ing. Mario ALVINO

Dettagli

Il panorama normativo: gli obblighi del datore di lavoro ai sensi dell art. 71 comma 8

Il panorama normativo: gli obblighi del datore di lavoro ai sensi dell art. 71 comma 8 Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14)

VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14) ON n. 1791 VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14) 99999 precedente verifica con esito negativo a seguito di incidente modifiche costruttive PRD n 0138B Membro degli

Dettagli

ISTRUZIONI PER GRU VICARIO

ISTRUZIONI PER GRU VICARIO Direzione - Gru 0322 846690 0322 846692 Rivendita attrezzatura 0322 868826 0322 860009 Officina riparazioni 0322 869118 O.M.V. Officine Meccaniche VICARIO S.p.A. omv @ vicariogru.com 28013 Gattico (No)

Dettagli

GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE

GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE Installazione e messa in esercizio GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE Un ascensore deve essere progettato ed installato conformemente alle disposizioni della Direttiva ascensori 95/16/CE e del DPR 162/99,

Dettagli

CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA

CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA Bologna, 12/05/2011 CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA VERIFICA ATTREZZATURE DI LAVORO La pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del D.M. 11/04/2011 fornisce ai Datori di Lavoro alcuni chiarimenti su

Dettagli

SICUREZZA GUIDA PRATICA SULLE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO

SICUREZZA GUIDA PRATICA SULLE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO SICUREZZA GUIDA PRATICA SULLE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO Il datore di lavoro deve provvedere affinché le attrezzature di lavoro la cui sicurezza dipende dalle condizioni di

Dettagli

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Lo scopo di questa nota, di tipo strettamente informativo, assolve all'esigenza propria dell'ente pubblico, di portare a conoscenza il Datore di Lavoro

Dettagli

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO Montacarichi da cantiere MC Ascensori da cantiere Acc Ascensore da cantiere Acp Piattaforme di lavoro autosollevanti su colonne

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Pagina 1 di 8 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, per la parziale attuazione

Dettagli

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali.

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali. Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali

Dettagli

Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro

Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro Gli obblighi previsti dal d.lgs. n.81/08 (e s.m.i.) e le previsioni del D.M. 11 aprile 2011 Ing. Davide Casaro Servizio Ambiente e Sicurezza Il d.lgs.

Dettagli

Modalità di effettuazione delle verifiche periodiche

Modalità di effettuazione delle verifiche periodiche DIPARTIMENTO TERRITORIALE DI TERNI - Ex ISPESL VERIFICHE PERIODICHE ATTREZZATURE Aspetti applicativi del D.M. 11.04.2011 Modalità di effettuazione delle verifiche periodiche Ing. Maria Nice TINI Terni,

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI VERIFICA ISPETTIVA SU ASCENSORI D.P.R. n. 162/99 INDICE

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI VERIFICA ISPETTIVA SU ASCENSORI D.P.R. n. 162/99 INDICE 12.09.2013 Rev.0.1 Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI 3. TERMINI E DEFINIZIONI 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO 6. OFFERTA, ORDINE E APERTURA COMMESSA 7. MODALITÀ

Dettagli

Libretto verifiche e controlli per

Libretto verifiche e controlli per Libretto verifiche e controlli per Gru a torre n fabbrica matricola ISPESL Eseguendo le verifiche e i controlli è necessario osservare quanto segue: - le norme di legge italiane e comunitarie, - le norme

Dettagli

Decreto Ministeriale 11.04.2011 DENUNCIA DI MESSA IN ESERCIZIO E VERIFICHE PERIODICHE PER GLI APPARECCHI INDICATI NELL ART 71 DEL D.L.

Decreto Ministeriale 11.04.2011 DENUNCIA DI MESSA IN ESERCIZIO E VERIFICHE PERIODICHE PER GLI APPARECCHI INDICATI NELL ART 71 DEL D.L. Decreto Ministeriale 11.04.2011 DENUNCIA DI MESSA IN ESERCIZIO E VERIFICHE PERIODICHE PER GLI APPARECCHI INDICATI NELL ART 71 DEL D.L.GS 81/08 1 Il decreto disciplina le modalità di effettuazione delle

Dettagli

NOTA INFORMATIVA CARRO RACCOGLIFRUTTA

NOTA INFORMATIVA CARRO RACCOGLIFRUTTA NOTA INFORMATIVA Con l entrata in vigore del D.L.gs 81/08 e sue e SMI sono cambiate le norme di riferimento e l organo di vigilanza sulla sicurezza di diverse macchine agricole. In particolare i carri

Dettagli

in G.U. n. 292 del 15-12-2.010 sommario Art. 1 Finalità DPR 214-10 Pag: 1

in G.U. n. 292 del 15-12-2.010 sommario Art. 1 Finalità DPR 214-10 Pag: 1 DPR 214-10 Pag: 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, per la parziale attuazione

Dettagli

ADEMPIMENTI E DOCUMENTAZIONE DA TENERE SUL LUOGO DI LAVORO

ADEMPIMENTI E DOCUMENTAZIONE DA TENERE SUL LUOGO DI LAVORO ADEMPIMENTI E DOCUMENTAZIONE DA TENERE SUL LUOGO DI LAVORO Per le attrezzature di lavoro elencate nell Allegato VII del D.L.gs 81/08 di cui all art. 71 c.11 Attrezzatura Documentazione Adempimenti Riferimento

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBLICA REGOLAMENTO RECANTE MODIFICHE AL D.P.R. 30 APRILE 1999, N. 162, IN PARZIALE

Dettagli

Codice Edizione Data RGA 02 03 01 Luglio 2013 emesso verificato Approvato Responsabile Qualità Bernardinello Mirko

Codice Edizione Data RGA 02 03 01 Luglio 2013 emesso verificato Approvato Responsabile Qualità Bernardinello Mirko GENESIA CERTIFICAZIONI Srl Organismo di Ispezione Notificato CE n 1792 abilitato dal Ministero dello Sviluppo Economico REGOLAMENTO ESECUZIONE ATTIVITA DI Codice Edizione Data RGA 02 03 01 Luglio 2013

Dettagli

MODULO 1 IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

MODULO 1 IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Corso di aggiornamento per RSPP / ASPP INDICAZIONI SULLE DISCIPLINE PER L UTILIZZAZIONE DI IMPIANTI, MACCHINE ED ATTREZZATURE DA LAVORO, SOTTOPOSTE ALL OBBLIGO DI VERIFICA PERIODICA MODULO 1 IMPIANTI DI

Dettagli

Decreto PresidentedDella Repubblica 24 Dicembre 1951, N. 1767

Decreto PresidentedDella Repubblica 24 Dicembre 1951, N. 1767 Decreto PresidentedDella Repubblica 24 Dicembre 1951, N. 1767 Approvazione del regolamento per l'esecuzione della legge 24 ottobre 1942, n. 1415, concernente l'impianto e l'esercizio di ascensori e di

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento Ing. Laura Tomassini ISPESL - Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

Dettagli

LO STATO DELL ARTE NEL CAMPO DELLE VERIFICHE, CONTROLLI E MANUTENZIONE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

LO STATO DELL ARTE NEL CAMPO DELLE VERIFICHE, CONTROLLI E MANUTENZIONE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO LO STATO DELL ARTE NEL CAMPO DELLE VERIFICHE, CONTROLLI E MANUTENZIONE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO GLI INTERVENTI MANUTENTIVI E LA SICUREZZA NEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO 1 D.lgs. 9 aprile 2008,

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

ALLEGATI. Verifica della conformità normativa

ALLEGATI. Verifica della conformità normativa 2 Verifica della conformità normativa 2.A. Verifica della conformità normativa Si riporta di seguito uno schema relativo ad alcuni dei principali adempimenti legati all applicazione del D.Lgs. 626/94 e

Dettagli

Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili

Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili Torino, 18 Marzo 2014 Gian Paolo Tondetta gianpaolo.tondetta@it.bureauveritas.com La Direttiva Macchine 2006/42/CE In accordo

Dettagli

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Lo scopo di questa informativa è quello di portare a conoscenza il Datore di Lavoro (DL) degli obblighi a suo carico, ai sensi del decreto legislativo

Dettagli

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO Ing. Angelo Romanelli, Direttore Dipartimento RCV Bergamo Data 12 settembre 2014 INTRODUZIONE IL COMMITTENTE Soggetto individuato

Dettagli

Verifica della conformità normativa 2

Verifica della conformità normativa 2 Verifica della conformità normativa 2 Per una corretta gestione della sicurezza è necessario predisporre (vedi allegato 2.A.) e archiviare l apposita documentazione. 2.1 Elenco documentazione Certificato

Dettagli

I MEZZI DI SOLLEVAMENTO DA CANTIERE PRINCIPALI ADEMPIMENTI PREVISTI DALLA NORMATIVA VIGENTE

I MEZZI DI SOLLEVAMENTO DA CANTIERE PRINCIPALI ADEMPIMENTI PREVISTI DALLA NORMATIVA VIGENTE AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILA N 1 Dipartimento di Prevenzione Medica U.O. Sicurezza ed Impiantistica Sezione Apparecchi di Sollevamento I MEZZI DI SOLLEVAMENTO DA CANTIERE PRINCIPALI

Dettagli

D.M. 9 dicembre 1987, n. 587.

D.M. 9 dicembre 1987, n. 587. D.M. 9 dicembre 1987, n. 587. Attuazione delle direttive n. 84/529/CEE e n. 86/312/CEE relative agli ascensori elettrici. Pubblicato nella Gazz.Uff. 25 marzo 1988, n. 71, S.O. IL MINISTRO PER IL COORDINAMENTO

Dettagli

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese -

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - (ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni) Il sottoscritto nato a ( ) il / / in qualità di Legale

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE Ing Lorenzo Peghin 1 LO SCOPO DELLE DIRETTIVE LO SCOPO DELLE DIRETTIVE CONSISTE NEL PERMETTERE LA LIBERA CIRCOLAZIONE IN EUROPA DIPRODOTTI CHE RISPETTINO

Dettagli

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO 18 maggio 2005 Asl 13 S.Pre.S.A.L. I.s.p.e.s.l. Biella Legislazione Da un punto di vista normativo per le macchine (apparecchi di sollevamento) si fa riferimento: alla legislazione

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE)

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE) NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE) Articolo 1 Campo di applicazione 1. La presente direttiva si applica ai seguenti prodotti: a) Macchine; b) Attrezzature intercambiabili; c) Componenti di sicurezza;

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI VERIFICA ISPETTIVA SU ASCENSORI D.P.R. n. 162/99 INDICE

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI VERIFICA ISPETTIVA SU ASCENSORI D.P.R. n. 162/99 INDICE 10.06.2013 Rev.0.0 Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI 3. TERMINI E DEFINIZIONI 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO 6. OFFERTA, ORDINE E APERTURA COMMESSA 7. MODALITÀ

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Allegato VII

D.Lgs. 81/08 Allegato VII Adempimenti di verifica degli apparecchi di sollevamento/idroestrattori già regolamentati con la precedente normativa SCHEDA 1a D.Lgs. 81/08 Allegato VII Scale aeree Piattaforme di lavoro elevabili (B)

Dettagli

Manuale per la gestione degli adempimenti e della documentazione sulla sicurezza nel cantiere edile

Manuale per la gestione degli adempimenti e della documentazione sulla sicurezza nel cantiere edile Manuale per la gestione degli adempimenti e della documentazione sulla sicurezza nel cantiere edile PREFAZIONE Il presente manuale, è da considerarsi quale quadro di sintesi e di riepilogo della principale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI Premessa Il presente documento contiene l elenco esemplificativo della documentazione aziendale, eventualmente

Dettagli

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra Soggetti obbligati Proprietari o affittuari di immobili soggetti alla legge n. 46/90: edifici adibiti ad uso civile e limitatamente agli impianti elettrici anche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

214/2010, in vigore dal 30/12/2010

214/2010, in vigore dal 30/12/2010 Nota alla lettura: nella seconda colonna sono riportati solo gli articoli modificati dal nuovo Regolamento. In via generale, in tale colonna sono riportate in grassetto le parole modificate e con sottolineato

Dettagli

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Più sicuri Via C. Perazzi, 54-28100 Novara Tel. 0321 467313 Fax 0321 491434 Mail: info@allegraimpianti.it www.allegraimpianti.it In ascensore con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Decreto 23

Dettagli

Verifiche su attrezzature di sollevamento. Dario Agalbato -- Direttore IGQ

Verifiche su attrezzature di sollevamento. Dario Agalbato -- Direttore IGQ Verifiche su attrezzature di sollevamento Dario Agalbato -- Direttore IGQ 1 Apparecchiature di sollevamento Apparecchi destinati ad effettuare cicli di sollevamento di carichi sospesi, tramite gancio o

Dettagli

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza (ex ISPESL)

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza (ex ISPESL) D.L. 78/2010, prevede l'attribuzione all'inail delle funzioni già svolte Dipartimento Tecnologie di Sicurezza (ex ISPESL) D.lgs 81/2008 Controlli e verifiche delle attrezzature di lavoro Carrelli semoventi

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale delle Relazioni Industriali e dei Rapporti di Lavoro già Direzione Generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Divisione VI A Direzioni

Dettagli

Convegno ASSOLOMBARDA. Atti dell intervento su: come gestire gli Ascensori, i Montacarichi e gli apparecchi di sollevamento presenti nelle aziende

Convegno ASSOLOMBARDA. Atti dell intervento su: come gestire gli Ascensori, i Montacarichi e gli apparecchi di sollevamento presenti nelle aziende ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento Territoriale di Milano Convegno ASSOLOMBARDA Atti dell intervento su: come gestire gli Ascensori, i Montacarichi e gli apparecchi

Dettagli

Dipartimento Territoriale di Prevenzione

Dipartimento Territoriale di Prevenzione Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento Territoriale di Prevenzione Prot. Oristano lì Oggetto: Progetto relativo alla verifica periodica degli Ascensori e Montacarichi ai sensi del Decreto del

Dettagli

1 di 6. Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Circ. 13 agosto 2012, n. 23/2012 (1).

1 di 6. Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Circ. 13 agosto 2012, n. 23/2012 (1). 1 di 6 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Circ. 13 agosto 2012, n. 23/2012 (1). D.M. 11 aprile 2011 concernente la "Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di

Dettagli

Le verifiche periodiche: obblighi e soggetti abilitati

Le verifiche periodiche: obblighi e soggetti abilitati SEMINARIO DI SVILUPPO PROFESSIONALE DEI FORMATORI IPAF 2016 Le verifiche periodiche: obblighi e soggetti abilitati Maurizio Quaranta - IPAF Jacopo Bolpagni - BUREAU VERITAS Bologna, 21 Gennaio 2016 Savoia

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011

Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011 Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011 Indicazioni procedurali ed operative Settore Ricerca, Sviluppo e Tutela nel Lavoro 1 Esercizio delle attrezzature

Dettagli

PROGRAMMA D ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE ALLA MANUTENZIONE DEGLI ASCENSORI E DEI MONTACARICHI PROVINCIA DI LECCO

PROGRAMMA D ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE ALLA MANUTENZIONE DEGLI ASCENSORI E DEI MONTACARICHI PROVINCIA DI LECCO PROGRAMMA D ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE ALLA MANUTENZIONE DEGLI ASCENSORI E DEI MONTACARICHI PROVINCIA DI LECCO 1. PREMESSA Il candidato deve dimostrare di avere conseguito per suo studio

Dettagli

ATTREZZATURE PER IL SOLLEVAMENTO (SC) COSE E PERSONE (SP)

ATTREZZATURE PER IL SOLLEVAMENTO (SC) COSE E PERSONE (SP) ATTREZZATURE PER IL SOLLEVAMENTO (SC) COSE E PERSONE (SP) Si classificano in : Gruppo SC - Apparecchi di sollevamento materiali non azionati a mano ed idroestrattori a forza centrifuga a) Apparecchi mobili

Dettagli

Direttive 95/16/CE 2006/42/CE rev. 06-09/12/13 pag. 1 di 25 Codifica documento

Direttive 95/16/CE 2006/42/CE rev. 06-09/12/13 pag. 1 di 25 Codifica documento Direttive 95/16/CE 2006/42/CE rev. 06-09/12/13 pag. 1 di 25 06 09/12/2013 7 emissione Per. Ind. Mattia Ing. Alberto G. Lipani Miraglia 05 12/08/2013 6 emissione Per. Ind. Mattia Ing Giuseppe Morello Ing.

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica

Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica (SSIA) Dipartimento di Sanità Pubblica Via Amendola, 2 42122 Reggio Emilia www.ausl.re.it Chi siamo Il SSIA (Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica)

Dettagli

Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci?

Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci? Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci? STUDIO TECNICO PROF. NERI s.r.l. Via Borghi Mamo N. 15-40137 Bologna - TEL. 051.441065 - FAX 051.443045 WWW.STUDIONERI.COM EMAIL:STUDIONERI@STUDIONERI.COM

Dettagli

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO Pag. 1 / 6 1 MODIFICHE 2 PREMESSA 3 DEFINIZIONI SOMMARIO 4 PRINCPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO 5 MESSA IN SERVIZIO E UTILIZZO 6 INDICAZIONI PER UN CORRETTO ACQUISTO 7 SICUREZZA E MARCATURA CE 8 PROTOTIPI

Dettagli

Le verifiche obbligatorie sulle attrezzature di lavoro.

Le verifiche obbligatorie sulle attrezzature di lavoro. Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Le verifiche obbligatorie sulle attrezzature di lavoro. Dott. Ing. Angelo Romanelli, Direttore Settore Ricerca, Certificazione e Verifiche Dipartimento Territoriale

Dettagli

IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1

IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1 Cap. XII IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1 12.2 OPERE COMPIUTE I prezzi comprendono fornitura dei materiali, trasporto in cantiere, prestazioni di tecnico specializzato montatore; gli accessori ed il fissaggio

Dettagli

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI CAPITOLO I Campo di applicazione - Commercializzazione e libera circolazione Art. 1-1. La

Dettagli

TABELLA CONFRONTO DPR 162/99 e DPR 214/2010

TABELLA CONFRONTO DPR 162/99 e DPR 214/2010 TABELLA CONFRONTO DPR 162/99 e DPR 214/2010 D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 Il DPR n. 214 del 5 ottobre 2010 note Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE sugli ascensori e di

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli