Alberto Angela AMORE E SESSO NELL'ANTICA ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alberto Angela AMORE E SESSO NELL'ANTICA ROMA"

Transcript

1 Alberto Angela AMORE E SESSO NELL'ANTICA ROMA

2 A Venere e al suo mondo che ha acceso sogni, infiammato cuori e inebriato i sensi fin dagli inizi dei tempi Omnia vincit Amor. L'Amore vince su tutto. VIRGILIO

3 Introduzione Come amavano gli antichi romani? Cosa si dicevano un uomo e una donna guardandosi negli occhi? Si portavano rose rosse a un appuntamento? E come si amavano due innamorati romani sotto le lenzuola? Quante volte ce lo siamo chiesti A vedere le pitture e gli affreschi a Pompei o nei musei, la prima espressione che viene in mente è: "Ma allora erano proprio come noi!". Poi se guardiamo un film o una serie tv sull'antica Roma, oppure sentiamo le parole di una guida, cambiamo opinione: "Accidenti quanto erano perversi! " Dov'è la verità? Questo libro vuole scoprire proprio la verità sull'amore al tempo degli antichi romani. Vuole scoprire se effettivamente amavano liberamente come noi e quali erano le differenze. Vuole scoprire le regole del corteggiamento, i tabù a letto, le preferenze nell'ideale di bellezza fisica. Ma anche "come lo facevano" Ne emergerà, lo vedrete, un mondo sorprendente. Io stesso, pur scrivendo da anni libri sul mondo romano e realizzando reportage e programmi in tv sull'argomento, ne sono rimasto sorpreso. Ho quindi voluto scrivere un libro che mi sarebbe piaciuto trovare in libreria, e che non sono mai riuscito a trovare, un libro che parlasse dell'amore nell'antica Roma a 360 gradi. Sono davvero pochi i libri sull'argomento rispetto a quelli, per esempio, sulle legioni romane, su Pompei o sui vari imperatori. Molti dei libri sull'amore che troverete sono eccellenti. Questo libro non pretende di essere migliore. Ma ha una caratteristica che lo rende diverso: ha un approccio "investigativo", cioè non si concentra su un argomento o su un tema specifico, ma li analizza tutti. Ha come filo conduttore la nostra curiosità, e cerca di rispondere alle domande che ognuno di noi si pone sull'amore e il sesso al tempo dei romani: dal tipo di baci agli anticoncezionali, dalla lingerie delle matrone alle strategie degli uomini e delle donne per sedurre l'altro sesso e tenerlo stretto a sé, dai tradimenti ai portafortuna, dalle acrobatiche posizioni a letto agli afrodisiaci per migliorare le "performances", dalle scritte lasciate sui muri alle regole del matrimonio e del divorzio

4 Com'era possibile unire questi argomenti così diversi in un unico viaggio? Con uno stratagemma. Immaginate di ritornare indietro nel tempo e di trovarvi in una piazza di Roma. Davanti a voi ci sono delle persone che passeggiano in una tipica giornata della Roma del 115 d.c. Ebbene, ora immaginate di "bloccare" questa immagine come quando si ferma un film. Guardate bene queste persone: un nobile con sua moglie, una fanciulla e un ragazzo innamorati, un gladiatore che lancia uno sguardo a una giovane nobildonna, un altro ragazzo addossato a una colonna, un eunuco, un padre con il figlio, un ricco nobile con l'amante-ragazzo, una prostituta d'alto bordo, un'attrice, forse una prostituta ecc. Possono, proprio loro, raccontarci cosa significa amare nell'antica Roma? Un gruppo di una dozzina di persone, prese così, a caso in una piazza? La risposta è sì. In effetti, rimettendo questa scena "in moto" basterà seguirli nella loro giornata e ci faranno scoprire il mondo dell'amore e del sesso nell'antica Roma. Anzi, ci mostreranno il "loro" modo di vivere l'amore e il sesso. Ognuno di loro, insomma, sarà una pennellata a questo grande affresco che è l'amore. In effetti è l'amore il vero protagonista, non le persone che seguiremo. Ma come si può oggi scoprire i segreti amorosi di un'epoca così lontana? Da dove ci vengono dati e informazioni? In effetti, nessun bacio o nessuna dichiarazione d'amore ha lasciato una traccia in un sito archeologico Eppure le scritte, le statue, le scene erotiche sulle lucerne, gli affreschi, ci sono giunti spesso intatti, come a Pompei. Il viaggio che farete, quindi, è il frutto di un lungo lavoro su pubblicazioni, scoperte, ricerche, saggi e studi sul tema dell'amore ai tempi dell'antica Roma. E non solo: è anche e soprattutto il risultato di una rigorosa indagine presso biblioteche, istituti, università, colloqui con esperti nei vari settori, ai quali si aggiunge l'esperienza di anni di riprese e programmi tv girati direttamente sui siti archeologici e nei musei sparsi in Europa nel bacino del Mediterraneo. Molti contributi infine provengono dai romani stessi, che hanno "risposto" alle nostre domande e ci hanno "spiegato" le loro abitudini e il loro tempo, attraverso le loro stesse opere: Ovidio, Marziale, Giovenale, Catullo ecc. È un lavoro così completo grazie anche al contributo di Emilio Quinto, collega giornalista, e infaticabile investigatore in biblioteche e università,

5 curiosamente omonimo del famoso comandante dei pretoriani che più di 1800 anni fa pose fine al folle dominio dell'imperatore Commodo (il "cattivo" del film Il Gladiatore ). Molte volte entrerete nel mondo romano attraverso racconti "romanzati": per immergervi ancora di più nella mentalità degli antichi romani, ho cercato di usare la penna come una macchina da presa, per dare la sensazione al lettore e alla lettrice di essere davvero tra la gente dell'antica Roma, nelle strade, nei banchetti o nelle alcove. I gladiatori che vedrete combattere nel Colosseo sono gli stessi del primo libro (Una giornata nell'antica Roma), ma visti da un'altra angolazione, per spiegare una scena d'amore: l'idea è che una stessa scena possa portare a due racconti, contemporanei ma completamente diversi, ed essere il punto di contatto tra due mondi opposti come la morte e l'amore. Così, mentre nel primo libro eravate sugli spalti e assistevate al combattimento, qui seguirete una ricca donna che abbandona le gradinate gremite, si infila nei sotterranei bui per un incontro d'amore con il gladiatore che uscirà vincitore dallo scontro. Lo stile di questo libro, insomma, è misto. Unisce tre generi: il libro archeologico (per i contenuti), il libro divulgativo (per il genere) e il romanzo, per i "tuffi" nel mondo di allora. Idealmente quindi, dopo il primo libro, Una giornata nell'antica Roma e il secondo, Impero, viaggio nell'impero di Roma seguendo una moneta, questo rappresenta il terzo capitolo della serie, che esplora quello che, a tutti gli effetti, è L'Impero dei sensi dei romani (avrebbe dovuto essere questo, in seconda scelta, il titolo del libro) Quest'opera, infine, è stata scritta con particolare attenzione alle lettrici, anche nello stile, perché loro più di tutti conoscono bene le regole dell'amore, ne sono molto sensibili, e oggi, come duemila anni fa, sono proprio loro a far girare la straordinaria giostra dell'amore. Buona lettura, vale Alberto Angela Roma, 20 ottobre 2012 Prologo - L'Impero dei sensi Nella semioscurità i suoi occhi neri ci fissano. Sono profondi, intensi, e

6 il sorriso sereno aumenta la forza del suo invito. Avanziamo verso di lei. Nel buio della stanza gradualmente prendono forma altri dettagli del suo volto. I suoi occhi non si staccano da noi. La sua bellezza avvolge ogni nostro pensiero. Colpisce la carnosità delle sue labbra, la pelle morbida, i suoi zigomi alti e pronunciati, la corposità dei suoi capelli scuri, e il suo viso che sembra fatto unicamente di luce soffusa. Siamo vicinissimi, ormai il nostro respiro accarezza il suo volto. Il suo sguardo all'improvviso ha un sussulto, sembra spegnersi poi torna a fissarci con quella profonda sicurezza: cosa è successo? A provocare quel sussulto è stato un soffio del vento che ha scomposto la fiamma di un lume che le è accanto. Il vento ora continua a giocare con la fiamma, cambiando la luminosità dei suoi occhi. Ma lei non reagisce e come potrebbe? Non è una persona è il volto di Venere dipinto su un affresco. Nel buio sembrava reale. Il chiarore della lucerna ha creato quest'isola di luce nel buio, con Venere al centro della parete, l'unica in questa stanza immersa nel silenzio e nei profumi di una notte d'estate. Ci muoviamo di pochi passi. Ora siamo in un corridoio illuminato da alcuni, perfetti, raggi di luna. In fondo c'è una stanza. I respiri del vento abbracciano una sottilissima tenda in un ballo lento, sinuoso. È così sottile che riusciamo a intravedere quello che c'è oltre: due amanti abbracciati. Sono scolpiti dalla luce della luna che gioca con i loro corpi, mostrando ma non svelando. Esattamente come accade al mare di notte: solo la danza delle creste bianche vi rivela i movimenti dell'acqua. E il mare della passione che si muove oltre questa tenda è fatto di lente carezze, lunghi sorrisi, mani che affondano nei capelli, labbra che scorrono sulla pelle addolcita dai raggi di luna. E poi baci, gemiti uniti a respiri profondi che aumentano progressivamente d'intensità e sembrano salire come rampicanti invisibili sulle pareti affrescate. Ora è lei a prendere il sopravvento. Le sue esili dita accarezzano le ampie spalle del suo uomo i muscoli delle sue braccia e poi i suoi occhi fissano quelle grosse vene che sembrano scolpite sulle mani. È troppo, non resiste più: stringe quelle mani come si stringono le redini di un cavallo prima di partire al galoppo, sale su di lui e comincia una lunga corsa nella notte. La luna sembra aver capito e avvolge di luce blu quel corpo sensuale che si sposta con le movenze di una fiamma. Come un pittore, disegna nell'oscurità la donna con pochi tratti di luce: ecco il seno che ondeggia, il profilo dei fianchi su cui ora affondano come artigli le mani dell'uomo, e infine il volto, identico a quello della Venere

7 dell'affresco, che dischiude le labbra carnose, e gradualmente si rivolge alle stelle, ormai preda del fuoco interiore, che la divora tra gemiti e lamenti sempre più alti. Fino a quando gli occhi si chiudono e il volto si contrae in un intenso, lungo, piacevole sforzo d'amore animato da scosse che attraversano tutto il corpo I romani amavano quindi come noi? È una domanda che tutti si pongono, soprattutto guardando gli affreschi di Pompei o le statue nei musei. Per inciso, duemila anni fa la posizione "sopra" l'uomo che ha assunto questa donna aveva un nome preciso: mulier equitans, cioè la "donna a cavallo", e non a caso l'abbiamo descritta all'inizio del nostro racconto. Infatti se volete conoscere lo status e la considerazione di una donna in una società antica, molti esperti vi diranno che spesso basta guardare le posizioni sessuali dipinte su vasi o affreschi: mentre la donna greca, per esempio, è sempre in posizione "passiva", succuba dell'uomo, un oggetto in suo possesso, la donna romana è in posizioni che spesso suggeriscono una parità e (raramente) persino un "dominio" sull'uomo. Comunque sempre partecipante al gioco amoroso. Questo rapporto tra uomo e donna, che non ha precedenti in passato e che si ritrova solo nella nostra epoca e nella nostra società occidentale, è una delle sorprese del mondo romano. Con i suoi distinguo, beninteso, perché siamo sempre in una società antica, in cui l'uomo comanda. Ma ci fa capire quanto fosse "moderno" in molti casi il rapporto di coppia. Allora, i romani amavano come noi? La risposta la scopriremo in questo nostro viaggio nell'antica Roma. Immaginate di camminare per i suoi vicoli e di arrivare a una piccola piazzetta. Qui incontreremo uno dei personaggi che erano davanti a noi, nell'introduzione, più esattamente il ragazzo addossato alla colonna. È da qui che parte il nostro viaggio nell'amore. È una giornata qualsiasi nella capitale dell'impero, un martedì del 115 d.c. 1 - "Amore, dammi mille baci" Baciare alla romana Al centro della piccola piazza crescono due alberi, sembrano cercare la luce protendendo le loro braccia verdi verso quel lenzuolo di cielo azzurro che s'intravede sopra i grandi palazzi. Ma i rami arrivano solo a metà dell'altezza delle insulae, e a causa del vento hanno lasciato dei graffi a semicerchio sull'intonaco: come quelli di prigionieri in fondo a un pozzo.

8 Ma c'è qualcosa che attira la nostra attenzione, giù: è un'ombra creata da alcune chiome È un ragazzo. Passeggia nervosamente avanti e indietro senza mai uscire dall'isola di ombra. Poi si blocca. Fissa una coppia di donne che escono da un portone. Sono una ragazza e la sua grassa schiava, probabilmente la ex balia, vista la differenza di età. Come a volte accade, segue la bambina anche nell'adolescenza. Il ragazzo sgrana gli occhi quando la luce del sole investe la ragazza: i suoi capelli ricci e corvini brillano ai raggi. A far loro da corona c'è uno scialle azzurro (palla) che copre parzialmente il capo e scende morbidamente sulle spalle. I suoi occhi neri e profondi sono fissi a terra, quasi avesse paura di incrociare gli sguardi dei passanti. Poi gradualmente alza la testa, e come un arco che scocca la sua freccia colpisce il ragazzo con una lunga e intensa occhiata Il mondo si ferma: in questa piazza sembrano esserci solo i loro occhi. In quei pochi secondi le loro pupille si dilatano, il loro respiro diventa affannoso, il cuore aumenta i battiti preparando i loro corpi Poi all'improvviso tutto svanisce, la balia fa cenno che si deve andare e le due donne riprendono il cammino. Il ragazzo esce dall'ombra e le segue tra i pochi passanti. Ai lati scorrono botteghe di artigiani e di barbieri, ma sono invisibili ai suoi occhi I suoi occhi verdi, infatti, sono ancorati alle movenze acerbe ma già femminili della ragazza. Dopo qualche minuto le due donne entrano in un negozio. Il ragazzo arriva all'uscio, ingombro di ceste colme di datteri e fichi secchi, e s'infila dentro. Ma dalla semioscurità emerge la balia, che gli blocca la strada come un orso difende la sua tana. Per un lungo momento i loro sguardi si incrociano. Poi la donna si fa da parte e lascia passare il giovane che oltrepassa furtivamente la tenda che nasconde il retrobottega. Era tutto concordato. Il giovane appartiene a una ricchissima famiglia e ha pagato profumatamente la complicità della balia. Sa bene che se dovesse insorgere qualunque problema con la famiglia della ragazza, di rango inferiore, i soldi risolverebbero tutto, persino uno stupro; come dimostrano numerosi studi sulla legalità nel mondo romano, tra cui quelli del professor Jens- Uwe Krause della Ludwig-Maximilians-Universitàt di Monaco di Baviera. Ma qui c'è un amore vero tra i due, di quelli che ti segnano per la vita. E la balia, che ora sorveglia l'entrata del negozio chiacchierando assieme al proprietario, suo parente, ha organizzato l'incontro tra i due.

9 Che cosa succede oltre la tenda? I due ragazzi sono abbracciati. I loro volti sono a pochi centimetri e si bisbigliano frasi d'amore. È una scena normale, ci viene da pensare; quante volte nelle nostre giornate, andando al lavoro, a fare la spesa o tornando a casa abbiamo visto due innamorati così Già, ma qui siamo in età romana: come ci si comporta? E quali sono le parole che due innamorati si dicono in quest'epoca? Riadattando quelle scritte dagli antichi - come Catullo o Marziale - possiamo riascoltarle "Amore, dammi mille baci uno dopo l'altro " dice lui avvicinandosi sempre più al volto della ragazza. "Quanti?" sussurra lei sorridendo, mostrando le labbra carnose e socchiudendo gli occhi E lui: "Quanti? Amore, è come chiedere di contare le onde nell'oceano, le conchiglie sulle spiagge, le api che volano da un fiore all'altro, le voci che dicono ti amo in questo istante o le mani che accarezzano i corpi di chi si ama. Sappi, mia dolce Venere, che chi chiede pochi baci è quello che sa contarli E io con te voglio perderne il conto mentre mi perdo nei tuoi occhi". Le labbra si toccano, i loro occhi si chiudono, e comincia un lungo bacio. Già ma i romani si baciavano come noi? La risposta è sì. Proprio come facciamo noi. Con delle differenze: non tutti i baci erano uguali: loro ne distinguevano tre tipi diversi (che scopriremo tra breve). E poi, in pubblico, ci si doveva comportare secondo regole precise. Le coppie di giovani romani si baciavano in pubblico? Contrariamente a quanto si vede oggi, per le strade dell'antica Roma non avreste mai visto una coppia baciarsi. Era contrario alla morale. Baciarsi in pubblico infatti era malvisto, perché contrario alla pudicitia che doveva sempre avere una donna romana. Quindi non avreste mai visto una matrona baciare il proprio marito davanti a tutti (e neanche essere toccata da un uomo in pubblico). Né avreste visto farlo da una ragazza appartenente a una famiglia aristocratica. E dal momento che il comportamento della classe aristocratica era preso a esempio dai "nuovi ricchi", cioè da quelle famiglie di bassa estrazione che puntavano a elevarsi socialmente magari grazie a un recente arricchimento, è assai probabile che non lo facessero neppure le giovani

10 appartenenti a questo strato della società romana. Va bene, i ricchi non si baciavano in pubblico, ma gli altri? Neanche loro. Il bacio "passionale" per la strada tra due giovani fidanzati, per esempio, era giudicato scandaloso, contro la morale, un po' come accadeva in Italia negli anni Quaranta e Cinquanta del Novecento. In effetti, quanti baci avreste visto per le strade di Roma nel dopoguerra? Famose sono le foto in bianco e nero di quell'epoca, di una donna americana vestita in modo "moderno", che cammina in una strada italiana, circondata da occhi maschili che giudicano, scrutano, desiderano Insomma, in fondo l'"antica" morale romana è stata presente fino all'altro ieri anche da noi Ecco perché i due ragazzi che stiamo seguendo hanno scelto di baciarsi di nascosto in un retrobottega. Lo stesso comportamento composto dovevano avere gli schiavi. Diverso, ovviamente, era il caso delle prostitute, che distribuivano baci ai loro clienti per la strada per trascinarli nelle loro "alcove". In generale, quindi, nell'antica Roma mancavano tutti quei gesti passionali che abitualmente vediamo oggi nelle nostre piazze, ai tavolini dei bar, o sui muretti davanti alle scuole, come appunto i baci, le coccole tra fidanzati o gli abbracci intensi. Per la morale di allora, nei rapporti di coppia questi gesti passionali erano riservati all'intimità delle pareti domestiche. In effetti, se ci pensate, ci sono solo pochissime immagini (erotiche e no) di epoca romana che rappresentino una coppia intenta a baciarsi (forse la più bella è un mosaico di Piazza Armerina con due amanti che si baciano e lei, di schiena, che fa intravedere una generosa scollatura sul "lato B"). Nessuno insomma avrebbe mai potuto scattare una foto come quella famosa di Robert Doisneau che mostra due amanti che si baciano appassionatamente nell'indifferenza generale in una strada di Parigi davanti a un bistrot. Quanti tipi di bacio conoscevano i romani? Esattamente come noi, i romani conoscevano diverse categorie di baci, a seconda delle circostanze. Come sottolinea la professoressa Eva Cantarella, esisteva per esempio il bacio di saluto tra militari, quello di congedo, quello funebre, quello di riconciliazione, quello di felicitazione ecc. E poi, ovviamente, esistevano i baci d'amore. E c'è una sorpresa. Se da noi tra un uomo e una donna esiste fondamentalmente un solo bacio d'amore, i romani usavano tre nomi diversi per distinguerne le diverse

11 origini, caratteristiche e finalità. OSCULUM: è il bacio con le labbra chiuse, non passionale. Deriva da os, cioè "bocca", ed è un diminutivo, forse per far riferimento alla bocca che si stringeva per dare un bacio. È il termine più antico. Lo si usava per indicare i baci casti, da dare in presenza di altre persone, o nelle cerimonie. Era l'unico tipo di bacio consentito a una donna in pubblico e un "obbligo" per lei anche in casa: infatti ogni giorno una moglie era obbligata a baciare in questo modo il marito (e persino i parenti) in osservanza dello ius osculi (una regola ferrea che scopriremo tra breve). SAVIUM: è il bacio passionale vero e proprio, erotico, con l'uso della lingua, il bacio degli innamorati. Deriva da suavis (dolce, soave). Era il "bacio alla francese". Scrive a questo proposito Apuleio nelle Metamorfosi (o L'Asino d'oro), quando racconta del celebre mito di Eros e Psiche (Venere, madre di Eros, gelosa di Psiche, che era scappata dal palazzo di Eros perché spaventata, promette una ricompensa a colui che per primo la ritroverà): "[a titolo di ricompensa] riceverà da Venere in persona sette dolcissimi baci, più un altro ancor più delizioso, dato con il tocco carezzevole della sua lingua" ( ab ipsa Venere septem savia suavia et unum blandientis adpulsu linguae longe mellitum). Esistono anche i diminutivi (saviolum, per esempio), come Catullo rivela, riferendosi a un ragazzo che amava: "Ti ho rubato, mentre giocavi, dolcissimo Giovenzio, un bacetto [saviolum] più dolce della dolce ambrosia". E infine: BASIUM: da cui deriva la parola italiana "bacio". Questo termine nacque in un secondo momento (pochi decenni prima della nascita di Cristo) e andò ad affiancarsi e a sostituire progressivamente il termine samum. Inizialmente quindi indicava un bacio erotico, alla francese, ma in seguito, nel periodo tardo-imperiale, venne a designare il bacio affettuoso, quello che si dà alla propria moglie e ai propri figli. Curiosamente, l'unico dei tre termini a sopravvivere dopo l'epoca romana è stato proprio basium (bacio), e anche il verbo basiate (baciare), che i romani usavano per indicare indistintamente tutti i tipi di baci (erotici e no), proprio come noi. Una curiosità: sui muri di Pompei il termine basium viene storpiato e comunemente lo si legge con la "v", cioè vasium; così sicuramente la gente lo pronunciava quando parlava. Un'abitudine che è rimasta fino a oggi, duemila anni dopo. A Napoli, infatti, per chiedere un

12 bacio alla propria amata o al proprio amato si dice: Damme 'nu vase Baciare il marito sulla bocca? È obbligatorio per legge I romani avevano una curiosa abitudine. Il marito aveva per legge il "diritto al bacio" (ius osculi). Insomma, una moglie era obbligata per legge a baciare ogni giorno il marito sulla bocca. E non solo lui, ma anche tutti i parenti (suoi e quelli del marito) fino ai cugini di secondo grado quando li incontrava per la prima volta. Da dove deriva questa usanza così sconcertante per noi? Le sue origini affondano nella notte dei tempi, all'alba stessa di Roma, forse addirittura ai tempi di Romolo, e continuò a essere praticata a lungo anche in epoca imperiale. Lo scopo principale era semplice: controllare se la donna aveva bevuto! E perché lo si faceva? Si seguiva una legge antichissima che prevedeva il divieto assoluto per le donne di bere il vino, e che dava al marito il diritto di uccidere la moglie qualora avesse bevuto di nascosto del vino puro. Sappiamo che, sebbene già prima dell'impero questo divieto fosse caduto in disuso, continuava a essere messo in pratica. Di norma la punizione era il ripudio della consorte, ma sappiamo anche che non di rado il marito uccideva la moglie rinchiudendola in una stanza della casa (la stessa dove sarebbe stato punito un amante colto in flagrante) e lasciandola morire di fame. E lo storico Valerio Massimo, vissuto tra il I secolo a.c. e il I secolo d.c, ci informa che il cavaliere Egnazio Mecenio uccise addirittura a bastonate la moglie. Perché tanta cattiveria? Perché bere vino era equiparato a un adulterio. Il bacio insomma era l'etilometro della fedeltà. L'equazione è semplice. Bere infatti era l'anticamera dell'adulterio. Perché una donna, bevendo, perdeva il controllo e poteva facilmente commettere un tradimento o, più in generale, comportarsi in modo disdicevole: "La donna avida di vino chiude la porta alla virtù e la apre ai vizi" si diceva. Naturalmente ci voleva, come nel caso del doping nello sport moderno, la "controprova" delle analisi: e la fornivano i parenti del marito. Annusando, compivano il secondo test per avvalorare o meno l'accusa del marito. O per salvare l'onore della gens, qualora il marito non se ne fosse accorto. Ma lo ius osculi aveva un lato oscuro: il contagio con l'herpes (labialis). I continui baci giornalieri ne favorivano la diffusione. E così, per

13 contrastare una vera e propria "epidemia" di herpes, l'imperatore Tiberio arrivò a proibire lo ius osculi, in particolare durante le cerimonie pubbliche. Altri baci alla romana Mentre i due ragazzi continuano a scambiarsi baci ed effusioni oltre la tenda nel retrobottega, ritorniamo sui nostri passi, fino all'entrata del negozio, e ci appoggiamo con la spalla a uno dei suoi angoli, osservando la vita nella via (la balia è accanto a noi, e anche lei controlla la strada, con un occhio più preoccupato). Quali altri baci esistono nella quotidianità dell'antica Roma? Li vediamo a uno a uno davanti a noi, tra i passanti. Ecco un gruppo di giovani che si incontrano. La scena è identica a quella che si vede nelle nostre vie: i ragazzi si stringono le mani e si danno un bacio sulla guancia come segno d'amicizia e di saluto. Se il bacio passionale è scandaloso, quello "normale" tra amici (e tra amiche) è invece una consuetudine. Insomma, come in epoca moderna, anche ai tempi dell'antica Roma c'era l'abitudine di scambiarsi dei baci. Anzi, che dare baci alla gente che si incontrava per strada fosse comune è testimoniato anche da uno spiritoso epigramma di Marziale, poeta latino vissuto tra il I e il II secolo d.c: "O Postumo, tu dai baci ad alcuni, la destra ad altri. Mi dici: 'Quale delle due cose preferisci? Scegli!'. Preferisco la mano". I baci erano comuni non solo per le strade, ma anche in Senato, come gesto di riconciliazione. In un passo del Panegirico a Traiano, scritto proprio nell'epoca di cui narriamo, Plinio il Giovane descrive l'imperatore che in Senato si alza dal suo posto per andare a congratularsi con i suoi candidati alla carica di console. Traiano si congratula con loro, scrive Plinio, "baciandoli, come se fosse un privato cittadino". In genere lo scambio di baci rappresentava un modo implicito di riconoscere pari dignità alla persona che si salutava. In caso di sostanziali differenze di ceto - come quella tra schiavo e nobile - lo scambio non avveniva, e comunque mai pubblicamente. L'episodio di Traiano raccontato da Plinio, quindi, può essere letto in questa chiave: l'imperatore si era congratulato con i nuovi consoli "trattandoli da pari", appunto come privati cittadini, senza far pesare la superiorità sociale che la carica di imperatore gli conferiva. E se uno non contraccambiava? Non rispondere a questo bacio di saluto era visto come una mancanza di rispetto e un gesto d'inimicizia. A testimonianza di ciò si può citare un passo dell'opera De ira di Seneca (II,

14 24) nel quale il filosofo invita a stigmatizzare chi non ricambia il saluto con bacio ( ille osculo meo non adhaesit), ma allo stesso tempo raccomanda di non farsi prendere da una collera eccessiva per queste mancanze. Baciamo le mani Un ricco romano avanza a passi lenti e in modo solenne per la strada: ha la toga di un bianco candido avvolta attorno al suo corpo massiccio, con eleganti drappeggi che scendono fino ai sandali. Uno schiavo, davanti a lui, spintona chiunque si avvicini troppo, mentre alle sue spalle un codazzo di persone lo segue come dei cani affamati seguirebbero un vassoio con sopra un arrosto fumante. Il piccolo corteo avanza nella via con la stessa lenta solennità di una sposa che va all'altare. Stiamo assistendo a una vera dimostrazione di forza e di potere tipica della società romana. Il nobile, per via delle sue numerose proprietà (negozi e intere insulae, cioè quegli enormi caseggiati che costituiscono il tessuto edilizio di Roma), è considerato un uomo potente nel quartiere. Molti degli artigiani e dei clienti dei negozi lo riconoscono subito e lo salutano con rispetto. Più volte, alcuni riescono a "bucare" lo schermo protettivo creato dallo schiavo che apre la strada e a baciare la mano del dominus, che l'allunga ogni volta mostrando gli anelli d'oro e un volto indifferente, quasi annoiato. In realtà non si tratta di normali cittadini liberi - che considererebbero il gesto contrario alla mentalità romana, una vera umiliazione -, ma di schiavi e liberti. Anche in epoca romana quindi c'era l'usanza di "baciare le mani" ai potenti? La risposta è sì. È da allora che questo gesto si è diffuso nella società europea. Ma nell'epoca in cui ci troviamo non è ancora così presente. Molti studiosi ritengono che sia stato importato dai romani d'oriente sotto Nerone o Domiziano e che poi si sia diffuso nella seconda parte della storia di Roma, soprattutto in epoca tardoimperiale. Anche allora baciare la mano aveva un significato ben preciso: si trattava di un gesto di deferenza, di sottomissione. Per questo era compiuto per lo più da schiavi o liberti, ma non da cittadini liberi. Ed è assai probabile che ogni mattina, quando un potente dominus apriva la sua casa a una folla di postulanti e persone venute a chiedere favori - la cosiddetta salutatio matutina -, alcuni incontri, quelli dei più bisognosi, cominciassero forse proprio con un baciamano. Ma non sulla mano: sull'anello con sigillo che portava al dito.

15 A testimonianza del fatto che in epoca romana fosse considerato un gesto servile c'è un passo del già citato Panegirico a Traiano in cui Plinio il Giovane, elencando le virtù dell'imperatore, cita il fatto che Traiano non aveva l'abitudine di rispondere alle adulazioni della folla "tendendo la mano". Altra testimonianza dell'unicità di questo imperatore, poco ricordato ma forse il più "moderno" di tutti. Quello che portò l'impero alla sua massima estensione. Infine, in alcuni casi sappiamo anche di bambini che baciavano la mano al proprio padre. E questo è ancora presente in molti paesi attuali, dove un giovane uomo (non più un bambino, quindi), come forma di rispetto per il padre, comincia un incontro baciandogli la mano. Io stesso ho assistito, anni fa, in un paese del Nord Africa, al baciamano di un mio amico, laureato in medicina e di ritorno da un lungo viaggio, al padre che era seduto su dei cuscini nella sala principale della casa. Sebbene non si vedessero da qualche tempo, e tra loro ci fosse affetto, il genitore non si è alzato per abbracciare il figlio, ma gli ha solo teso le dita della mano fittamente inanellata, per un bacio proprio sugli anelli. Si trattava per altro di una persona affabile e gentile, ma le regole nei rapporti con i figli erano queste, e un simile distacco emotivo (che, ricordiamolo, da noi era la norma anche solo un paio di generazioni fa) era la prassi anche nel mondo romano. Il baciamano nella nostra società è diventato una rarità, e a parte quelli che molti rivolgono ai religiosi, è ormai solo un segno di educazione e classe. Alcuni dimenticano poi che lo schiocco, così gradito duemila anni fa, oggi invece è solo un segno di volgarità: quando un uomo bacia la mano a una donna, le sue labbra non dovrebbero mai toccare la mano, al massimo sfiorarla. Esistevano i succhiotti? La risposta è sì, e anche se non c'era un termine specifico per indicarli sappiamo dai testi antichi che erano molto comuni. Ecco un passo di Ovidio, il famoso poeta elegiaco del I secolo a.c. (Amores, I, Vili, 95-98): "Guardati dal rendere sicuro il tuo uomo di amarti senza rivali: non dura bene l'amore se ne togli le contese. Egli veda su tutto il letto tracce d'uomo, e i lividi sul collo impressi da morsi lascivi" (Ne securus amet nullo rivale caveto; /non bene, si tollat proelia, durat amor, lille viri videat toto vestigia ledo /factaque lascivis livida colla notis).

16 Questo consiglio di Ovidio alle donne oggi scatenerebbe in qualunque uomo un'ondata di gelosia tale da provocare quasi certamente un'amara rottura del rapporto! Ma fa capire a quali sottili strategie ricorressero le romane nel gioco dell'amore. Un tema sul quale ritorneremo, con tante sorprese. Un gesto che è arrivato fino a noi: baciare a distanza Tra i molti gesti che dall'antica Roma sono arrivati fino a noi c'è l'abitudine di mandare dei baci a distanza. Il gesto, molto comune in Italia, in Spagna e in genere nell'europa meridionale e in America latina, consiste nell'avvicinare le cinque dita della mano chiusa alle labbra, mimare un bacio e riaprire immediatamente la mano. I romani facevano la stessa cosa e la chiamavano lacere oscula o lacere basta, cioè letteralmente "lanciare baci". Ma da dove nasce questa usanza? Non l'hanno inventata i romani, anzi, in fondo è uno dei gesti più antichi della storia delle civiltà: i romani infatti lo ripresero dai greci, e un gesto simile esisteva già presso sumeri, assiri e babilonesi. Il fatto curioso è che il bacio a distanza proviene dall'ambito religioso. Nell'antichità, e anche presso i romani, spesso infatti era vietato baciare fisicamente l'effigie delle divinità, e per questa ragione durante le cerimonie religiose si inviavano "baci a distanza" alla statua della divinità, o alla sua rappresentazione simbolica. Si trattava però di un gesto leggermente diverso da quello attuale: non si utilizzava infatti tutta la mano, ma soltanto il pollice e l'indice. Per il resto il gesto era il medesimo di quello odierno. Secondo gli studiosi il "bacio a distanza" doveva essere, sia in Grecia sia a Roma, una delle forme abituali con cui si adoravano le divinità. Plinio il Vecchio, il famoso naturalista-ammiraglio morto durante l'eruzione del Vesuvio su Pompei nell'agosto del 79 d.c, nella sua Naturalis htstorta aggiunge un altro particolare: il bacio che si inviava alla divinità doveva essere fatto con la mano destra. E possiamo anche immaginare delle scene con questi baci leggendo i testi antichi, per esempio quelli di Minucio Felice, avvocato e scrittore di origini africane, vissuto a Roma nel II-III secolo d.c, che nella sua opera Octavius descrive il gesto di Cecilio, pagano, dinanzi alla statua di Serapide: "Cecilio, osservando l'immagine di Serapide, sollevò la mano alla bocca, come

17 costume della gente superstiziosa, e vi diede un bacio con le labbra". Non stupitevi del termine "superstizioso". Così i cristiani consideravano i pagani. Minucio Felice infatti era cristiano e l'opera Octavius è molto di parte: si basa sul dialogo fra tre personaggi: Ottavio, Minucio (entrambi convertiti al cristianesimo) e il pagano Cecilio, svoltosi a Ostia, che termina con la conversione di Cecilio al cristianesimo, convinto dalle tesi di Ottavio. Ma il bacio a distanza, prima pagano, diventò presto cristiano: più tardi infatti questo gesto venne fatto proprio anche dai cristiani, che mandavano "baci a distanza" all'effigie di Cristo in croce. Com'è facile immaginare, con il tempo il gesto uscì dai templi ed entrò nella vita quotidiana come segno di affetto ma anche di lode, gratitudine, e perfezione: un significato identico a quello di oggi. E salì anche sul palcoscenico. Se oggi vedete cantanti o calciatori - alla fine di un'esibizione o dopo un gol - mandare un bacio a distanza al pubblico, sappiate che già lo facevano i romani fin dal I secolo d.c. dopo gli spettacoli. Lo attesta Marziale in uno dei suoi epigrammi (Epigrammi, I, 3): " Dopo che avrai udito un clamoroso "bravo", e proprio mentre stai mandando i tuoi baci [basia iactas], sarai lanciato in cielo da un mantello fortemente scosso sotto di te". Ma non tutti lo facevano, perché, anche se molto frequente, lanciare baci al pubblico era considerato un gesto "villano", non degno di un aristocratico. Al punto che lo storico Tacito, vissuto tra il I e il II secolo d.c, criticò molto l'imperatore Otone, che aveva mandato baci al pubblico in occasione della cerimonia della sua ascesa al trono nel 69 d.c: si trattava ai suoi occhi di un gesto servile, non degno di un imperatore Si usciva a cena con la propria ragazza? Continuiamo il nostro viaggio nell'antica Roma alla ricerca dell'amore. Ora ci troviamo nuovamente per la strada in mezzo alla gente. Lasciamo i due ragazzi amoreggiare nel retrobottega. È uno dei cento sotterfugi che hanno escogitato. La morale romana, come abbiamo detto, non consente la libertà d'amore per la strada e quindi toglie alla nostra vista delle scene consuete nella quotidianità del nostro mondo: non scorgiamo coppie di ragazzi che si tengono per mano o che si danno baci abbracciati su una panchina. E non c'è, a maggior ragione, neanche l'abitudine di portare la propria ragazza fuori a cena

18 I romani non conoscevano gli inviti a cena galanti, magari come primo approccio dopo essersi conosciuti. E non è solo una questione di etica: non esistevano neanche dei ristorantini adatti a questo scopo. Un romano non avrebbe saputo indicarvi alcun locale romantico a lume di candela erano sconosciuti nell'antichità. C'erano solo bettole e osterie poco raccomandabili, con cameriere-prostitute, o vere e proprie prostitute che vi adescavano. Per non parlare dei clienti, che erano spesso ubriaconi, ladri, giocatori d'azzardo, conducenti di carri in cerca di sfoghi sessuali o risse Questi luoghi avevano la stessa atmosfera e la stessa "fauna" dei saloon dei film western. Portereste la vostra ragazza in un locale simile per una prima cena intima? Ovviamente no, anche perché per principio erano luoghi che non si addicevano a una ragazza "onesta". Gli innamorati si tenevano per mano o si facevano carezze? Insomma, la vita per una coppia di innamorati nell'antica Roma era assai più difficile rispetto a oggi. Non ci si poteva baciare in pubblico, non si poteva andare a cena fuori Ma almeno ci si poteva tenere per mano passeggiando per la strada e darsi qualche carezza? Assolutamente no. Esattamente come per i baci, qualsiasi genere di contatto, in pubblico, era considerato scandaloso e contrario alla morale, la pudicitia. Pensate che nemmeno le coppie sposate (quanto meno quelle dei ceti alti) potevano tenersi per mano in pubblico. Solo in casi eccezionali era possibile, come per esempio il matrimonio, che prevedeva il contatto tra le mani. Neppure nelle commedie ciò accadeva, a testimonianza di quanto il rapporto tra un uomo e una donna fosse improntato su una formalità oggi dimenticata nelle nostre società occidentali (ma ben presente ancora all'epoca dei nostri nonni). Uno dei rarissimi casi, nella letteratura latina, in cui una donna prende per mano un uomo è nell'anfitrione, una commedia di Plauto, in cui Alcmena prende suo marito per mano e gli dà un bacio: e comunque lo fa in privato, non in mezzo a una strada Naturalmente queste erano le regole generali della vita dei romani, non possiamo sapere se nell'arco di tanti secoli di civiltà proprio tutti le abbiano seguite, specialmente negli strati bassi della società, dove i costumi erano più elastici, rispetto alla rigidità delle famiglie nobili. Forse nelle vie dove viveva il popolino, come la Suburra, un fugace contatto tra i corpi (carezze, abbracci, al limite un bacio) poteva essere tollerato, ma va ricordato che per i romani le conseguenze del proprio comportamento non investivano solo il singolo ma colpivano l'onorabilità di tutta la famiglia. È

19 quindi logico pensare che tutti tendessero a comportarsi secondo le regole e la morale. Una legge contro lo stalking In effetti per le donne romane e soprattutto per quelle appartenenti alle classi alte, le matrone, e per le virgines (giovani donne non ancora sposate), i divieti erano severissimi. Sappiamo dallo storico Valerio Massimo che nessun uomo, in pubblico, poteva toccare con la propria mano una matrona, perché in questo modo avrebbe sporcato e "contaminato" la pudicitia della donna, in pratica la sua onorabilità sessuale. Questo divieto aveva ricadute sorprendenti e imbarazzanti. I magistrati, per esempio, avevano le mani legate: se una matrona non poteva essere toccata, come si sarebbe dovuto procedere nel caso di un suo arresto? Come ha chiarito la storica Danielle Gourevitch, la matrona non la ''passava liscia" ugualmente, perché veniva consegnata alla famiglia e doveva affrontare l'ira del padre o del marito per aver disonorato il nome della famiglia. Potete immaginare anche la difficoltà delle guardie doganali quando alle frontiere (ce n'erano in ogni provincia dell'impero, e in Italia attraverso tutto l'arco alpino) si presentava una matrona che essi sospettavano nascondesse sotto le vesti perle o merci preziose che non voleva dichiarare Perquisirla o costringerla con la forza a scendere dal carro sarebbe stato un vero sacrilegio per la mentalità romana. Ma a essere protetta non era soltanto l'integrità fisica della matrona. Lo era anche la sua integrità morale. Intorno al 200 a.c. venne promulgata una legge (Lex de adtemptata pudicitia) che tutelava l'onorabilità di una donna romana a 360 gradi. Sebbene non ci sia giunto il suo testo integrale, gli studiosi sono riusciti a ricostruire il suo contenuto da varie altre fonti. Proteggeva l'onorabilità sessuale di tre categorie di donne: quelle sposate (nuptae), le vedove (viduae) e le vergini (virgines), nonché i ragazzi non ancora adulti. Questa legge infatti puniva non solo chi toccava una donna (in maniera intenzionale o molesta), ma anche chi le indirizzava {appellare) termini offensivi o faceva proposte indecenti. Su questo aspetto il giurista Ulpiano (II-III secolo d.c.) era chiaro: per appellare (letteralmente "rivolgere la parola a qualcuno") si dovevano intendere non solo parolacce o termini volgari, ma anche parole "normali" usate per un semplice abbordaggio per la strada, che alla fine però avevano come scopo quello di spingere una matrona a un comportamento amorale. In altre parole era punito anche

20 l'uomo che la metteva in difficoltà facendo pressioni psicologiche o la pedinava per la strada. In questo senso la Lex de adtemptata pudicitia, che rimase in vigore per tutta l'epoca imperiale, ricorda le nostre contro lo stalking. Questa legge, insomma, colpiva soprattutto chi "ci provava" corteggiando una matrona e cercando in modo insistente di convincerla a fare sesso con lui: questo era considerato un reato In epoca romana, quindi, i "pappagalli" dovevano stare attenti: provare a "rimorchiare" una donna era ovviamente lecito, ma se si sceglieva la donna sbagliata (una matrona di alto rango) o il metodo sbagliato e la si corteggiava in modo volgare o insistente, si poteva essere perseguiti penalmente Era un crimine anche cercare di allontanare lo schiavo-guardia del corpo che era con lei in modo da avere campo libero e corteggiarla. Le pene erano pecuniarie e variavano a seconda della posizione sociale della donna. Più essa apparteneva a una famiglia altolocata, più il colpevole doveva sborsare una somma ingente come indennizzo. La Lex de adtemptata pudicitia si applicava in tutto l'impero e tutelava le cittadine romane libere di specchiata onestà. Erano escluse le donne di malaffare o quelle già condannate per adulterio, oltre alle schiave. Non possiamo sapere quanto fosse applicato nella realtà. E assai probabile che a intentare cause per questo reato fossero soprattutto le matrone appartenenti a famiglie facoltose, considerati i costi di un processo. Non sappiamo con certezza neanche come la legge fosse applicata nelle province, che spesso mantenevano legislazioni autonome accanto alla legge romana. E certo, però, che essa tutelava le matrone romane che risiedevano in provincia, per esempio quelle che seguivano i propri mariti negli incarichi amministrativi o militari. Forse anche per questo le donne per bene non uscivano mai sole per la strada, erano sempre "scortate" e protette dal comes, cioè uno schiavo o un familiare di fiducia di fiducia, sì, ma soprattutto del marito (!), che in questo modo controllava che non ci fossero scappatelle Per questo, una donna "perbene" che usciva senza un comes era vista molto male e rischiava di infangare l'onorabilità della sua famiglia: poteva infatti essere scambiata per una schiava o, peggio, una prostituta. La stessa etichetta le sarebbe stata incollata se si fosse lasciata andare a baci, carezze, effusioni

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Luigi De Simone POESIE

Luigi De Simone POESIE Poesie Luigi De Simone POESIE Culla la mia anima' Entra nel mio cuore e diffonditi,,,, trema il mio sangue e scalpita.. al desiderio di essere sfiorato,,, baciami e culla la mia anima,,,nutrila di piacere

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere VIAGGI NELLE STORIE Frammenti di cinema per narrare L incontro Percorso di italiano L2 per donne straniere Claudia Barlassina e Marilena Del Vecchio Aprile Maggio 2009 VIAGGI NELLE STORIE I PARTE GUARDA

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Borsa di studio/classe IV

Borsa di studio/classe IV 1 Borsa di studio/classe IV La storia va in fumetto Racconta la Storia di Clara dagli occhi grandi in un fumetto! 1. Riassumi la storia nelle scene che ti sembrano più importanti (per es. Clara che parla

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI 31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI Ciao e benvenuto, sono sicura che troverai questo piccolo ebook molto speciale e sai perché? Perché è dedicato alla persona più importante su questo pianeta.. quella persona

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum Giulia Piovano Un complotto in Julia Augusta Taurinorum I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 Formazione montuosa Sierra peruviana Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 In questo numero: Seconda domenica di maggio: Festa della Mamma Volontari in azione! Alcune poesie dedicate alla

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere Sedurla e soddisfarla Le regole del suo piacere Disegni realizzati da Denise Maltese. Vincenzo Emanuele Todaro SEDURLA E SODDISFARLA Le regole del suo piacere www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Vincenzo

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

GIORNATA DELLA MEMORIA. Per non dimenticare CINEMA A SCUOLA. Film di R. Benigni

GIORNATA DELLA MEMORIA. Per non dimenticare CINEMA A SCUOLA. Film di R. Benigni 27 gennaio 2013 GIORNATA DELLA MEMORIA Per non dimenticare CINEMA A SCUOLA Film di R. Benigni Attività di approfondimento svolte in VB - Scuola Primaria A. Schmid PRIMA DEL FILM : conversazione con la

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "ilquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Matilde Soana Supervisione di Sofia Macchiavelli

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008

Essere con - Essere per Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Bellissima la coincidenza odierna, qui al Suffragio, che celebra insieme la festa

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE Che strano sorriso vive per esserci e non per avere ragione in questa piazza chi confida e chi consola di colpo tacciono è giugno, in pieno sole, l abbraccio

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

ANNIVERSARIO IN ARRIVO?

ANNIVERSARIO IN ARRIVO? ANNIVERSARIO IN ARRIVO? Scopri chi può aiutarti a sorprenderla! 1 CON QUESTA GUIDA SCOPRIRAI: > Perché festeggiare un anniversario di nozze > Quali sono le coppie più felici > I momenti che ricorderai

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero.

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero. Prigionieri di ombre Quando il ragionare dei bambini diventa scrittura teatrale. Si tratta di rifare un cammino già fatto. Riprendere quanto già detto, e non soltanto nella forma scritta, bensì nelle espressioni,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli