Le organizzazioni nell epoca postindustriale*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le organizzazioni nell epoca postindustriale*"

Transcript

1 RISORSE UMANE Le organizzazioni nell epoca postindustriale* Il mercato delle imprese e le risorse umane. Prospettive e scenari 20 Romano Trabucchi Romano Trabucchi, dopo aver operato come dirigente in due grandi imprese dei settori terziario e comunicazione (con responsabilità nell area risorse umane), ha diretto la casa editrice Etas Libri. È stato partner fondatore di due aziende di consulenza (Micom e Isso) e consigliere di amministrazione della multinazionale della consulenza Watson Wyatt Isso. È stato docente di gestione del personale presso la scuola di direzione aziendale (Sda) dell Università Bocconi. È autore di pubblicazioni di management e, presso l editore Franco Angeli, dirige una collana di management. Collabora a periodici e riviste. È membro del comitato scientifico del Cfmt. losofia fordista e in quella tayloristica l azienda era concepita come una macchina, in cui chi vi lavorava (il dipendente) era una semplice componente dei suoi meccanismi, in una logica di norme rigidamente codificate, di procedure standardizzate e di processi lineari. L imprete e complesse reti economiche con la creazione di problemi organizzativi nuovi e di rapporti inediti fra le istituzioni e le persone. Sorgono filiere o costellazioni di imprese collegate da rapporti produttivi o di mercato, spesso senza accordi societari, ma con forme di joint venture. Si sviluppano reti in cui le diverse funzioni aziendali hanno localizzazioni differenti; in cui l esternalizzazione (outsourcing) delle attività non primarie consente all organizzazione di concentrarsi sull area strategica nella quale possiede le competenze distintive (core competency). L impresa vive in un contesto dinamico di interdipendenze globali, in strutture a rete flessibili e continuamente cangianti. La globalizzazione ha accentuato questi aspetti: il mercato delle imprese è diventato globale, la forza di lavoro multiculturale; mentre i clienti appartengono a paesi diversi, i luoghi di produzione si diffondono per l intero pianeta. Aziende di informatica della Silicon Valley producono software in India. Quello che si progetta a Los Angeles può essere prodotto nel sud-est asiatico, venduto nell Europa dell est, pagato in Irlanda e contabilizzato in In- * Questo testo è una parte della Prefazione al volume Complessità e gestione strategica delle risorse umane, edito da Franco Angeli. Il volume, appena uscito, è il primo di una nuova collana sui problemi che deve oggi affrontare il management delle risorse umane. Aziende di informatica della Silicon Valley producono software in India Linearità, cambiamento, turbolenza Il contesto in cui viviamo, caratterizzato da forte turbolenza, da accentuata competitività, da rapida transitorietà di soluzioni, pone ai manager sfide continue e sempre più impegnative. La complessità del mondo in cui operano le organizzazioni cresce continuamente. Cambiano le realtà organizzative, le strutture delle imprese, la concezione e la pratica dei rapporti gerarchici: si moltiplicano le ristrutturazioni, le alleanze strategiche, le fusioni, le incorporazioni e le compartecipazioni. Siamo nell epoca postindustriale, caratterizzata dalla decostruzione delle strutture organizzative, dall enfasi sull importanza dei codici espressivi e della dimensione culturale delle organizzazioni. Un epoca in cui i confini delle organizzazioni si fanno sempre più elastici e incerti. In cui la catena del valore dell impresa non è più lineare, ma dà origine a intricadia. Le Tlc rendono possibile questa estrema flessibilità spaziale, temporale e organizzativa. Il computer che collega istantaneamente tutti i punti del globo favorisce questa organizzazione e rafforza le interdipendenze tra tutti gli operatori locali. Nell era industriale si puntava sulla solidità: sul capitale fisico, materiale, sull importanza degli edifici, delle fabbriche, degli uffici, dei macchinari, delle materie prime. Si puntava su strutture gerarchico-piramidali. Sulla concentrazione territoriale delle risorse e del lavoro. Sul controllo centralizzato. Nella fi-

2 sa era qualcosa di monolitico, un modello autocentrato, che doveva tenere sotto controllo i numerosi fattori interni ed esterni che le interessavano. Anche il futuro era qualcosa da governare; si ipotizzava che anch esso fosse, in un certo senso, standardizzabile e linearizzabile, per cui la pianificazione poteva prefigurare e disegnare con relativo successo gli scenari futuri dell impresa. L approccio ai problemi era quello dello scientific management, alla cui base c era una concezione meccanicistica dell organizzazione che presupponeva l epistemologia ottocentesca della semplicità e della linearità e il determinismo della scienza fisica classica. E c era il modello fordista e taylorista del prodotto unico (la Ford nera) e della soluzione unica ai problemi (one best way). Una concezione che Zygmunt Bauman definirebbe della modernità solida. Oggi si punta sulla leggerezza. Sulla variabilità, sulla diversificazione. Oggi conta il capitale immateriale costituito dalle conoscenze, dalle informazioni, dalle competenze, dalle immagini, dai simboli, dai valori e dall estetica. Conta la velocità di azione e di reazione alle situazioni nuove e impreviste e ciò che è standardizzato non consente di affrontare efficacemente queste situazioni, perché in esso quasi tutto è prestabilito, preordinato, proceduralizzato. Contano, invece, le relazioni, la flessibilità, il rapporto aperto con l esterno. Conta il capitale umano: le sue competenze e la sua creatività. Oggi c è bisogno di grande agilità nei processi e di grande rapidità di decisione. L organizzazione postindustriale è caratterizzata dalla capacità flessibile di gestire un numero illimitato di relazioni, di processi e di comunicazioni. Ha bisogno di adottare soluzioni e approcci differenziati e non standardizzati. Oggi sono molte le vie per la soluzione dei problemi: non c è la one best way che presupponeva lo scientific management. L epistemologia della società postindustriale è quella della diversità, della discontinuità, della nonlinearità e della complessità. È l epistemologia legata alle teorie della complessità, delle catastrofi, alla geometria dei frattali. Basata sull informatica e il mondo digitale, sulla logica del networking, sulle telecomunicazioni, sulla biologia e l ingegneria genetica. La modernità si è fatta liquida, per adoperare ancora la terminologia di Bauman. Si potrebbe dire, riprendendo la metafora di Hayden White, che l impresa industriale era una sorta di corpo newtoniano, ben delimitato e chiuso nelle leggi della sua massa e della sua gravità. Mentre l impresa postindustriale e postmoderna è più assimilabile all amorfo mondo einsteiniano, fatto di onde luminose, di pura energia, in cui l informazione diventa la risorsa chiave. E l informazione non ha massa, non ha atomi (come direbbe lo scienziato statunitense Nicholas Negroponte) ed è interconnessione diffusa, capacità di creare significati e valore in molte maniere differenti. Per questo l organizzazione delle imprese e le sue strutture si vanno dissolvendo e propagando nello spazio e nel tempo: si decentrano, si globalizzano, diventano flessibili forme reticolari. Sono dunque tramontati il fordismo e il taylorismo come filosofia organizzativa. Con la nuova filosofia postfordista e posttayloristica l organizzazione acquista connotati completamente diversi da quelli dell organizzazione-macchina: niente piramide gerarchica, niente chiusura e autonomia monolitiche, niente modelli autocentrati, ma relazioni continue e potenzialmente illimitate con l ambiente, grande permeabilità ai cambiamenti e alle innovazioni. In sintesi, l impresa postindustriale è caratterizzata da quello che gli americani hanno chiamato l effetto Odd : outsourcing (esternalizzazione); delayering (appiattimento della piramide gerarchica); deconstruction (frammentazione della catena del valore). Un nuovo modello culturale Sono cambiati anche la concezione del futuro, il modo di prevederlo e di pianificarlo da parte delle organizzazioni. Ci si è resi conto che, in situazioni di turbolenza, il futuro è sempre meno contenuto nel passato ed è affidato a scenari che sono influenzati da molteplici forze spesso non prevedibili e non controllabili. Perciò, secondo il nuovo modello epistemologico, in situazioni di complessità le previsioni si limitano a indicare non evoluzioni uniche e lineari, ma mappe di evoluzioni possibili, spettri di possibilità, biforcazioni di sviluppi alternativi. Siamo fuori dalla visione della scienza classica; siamo al di là di ogni concezione meccanicistica e deterministica dei fenomeni. Le scienze della complessità ci dicono che la realtà è il risultato di una selezione complessa fra molte alternative, bivi e percorsi possibili, operata da numerose influenze contrastanti che agiscono contemporaneamente secondo numerosi registri e ritmi diversi. L evoluzione di un organizzazione non è perciò lineare, come presupponeva la vecchia pianificazione, ma soggetta a continue biforcazioni, a tortuosità e singolarità, a colli di bottiglia evolutivi. Il percorso di un organizzazione diventa incerto. Nella sua storia nuovi eventi (qualcosa che non può essere predetto deterministicamente) possono cambiare radicalmente il suo percorso. In questa concezione la categoria di evento è fondamentale. Il premio nobel per la chimica Ilya Prigogine, creatore della termodinamica dei processi irreversibili e formulatore della teoria delle strutture dissipative, esemplifica il concetto di evento ricordando la parabola dell unghia debole del cavallo di quell imperatore, la cui rottura provoca la perdita del ferro, che a sua volta blocca il cavaliere il cui mancato arrivo determina il crollo dell impero 1. L evento è dunque un fenomeno imprevedibile e irreversibile (la freccia del tempo non torna mai indietro) che può cambiare il corso della storia. Esso ha perciò un La più piccola azione può produrre effetti su larga scala. Un esempio: il black-out in Italia nel settembre 2003 ruolo creativo, in quanto porta a nuove situazioni e a nuove strutture. Il tempo è creazione, afferma Prigogine. E distingue fenomeni sostanzialmente stabili che derivano da comportamenti ripetitivi e altri che sono unici e creano forme di instabilità. È di fronte a questi momenti singolari, a questi eventi che non è possibile pre- 1 Prigogine I., Stengers I., La nuova alleanza, Longanesi, Milano,

3 22 RISORSE UMANE determinare quale direzione prenderà il cambiamento. Come la farfalla di Lorenz - nella metafora delle teorie del caos - il cui battito d ali in California crea un impercettibile turbolenza dell aria che può essere all origine di una tempesta nella Mongolia. In questi contesti, la più piccola azione può produrre effetti su larga scala. Notiamo tra parentesi che una variante recente e nostrana della metafora di Lorenz è stato il black-out verificatosi in Italia nel settembre Un vecchio abete, a 900 metri di altezza su un monte della Svizzera, colpito da un fulmine si piega e tocca i fili dell alta tensione: la conseguenza è che viene paralizzata una nazione di 7 milioni di abitanti, la vicina Italia, che rimane al buio per ore. Siamo dunque fuori dalla concezione classica deterministica, fuori dalla concezione semplice della causalità caratterizzata dalla linearità del rapporto causa-effetto (la causa viene prima dell effetto) e dalla proporzionalità fra causa ed effetto (cause piccole producono sempre effetti piccoli e cause grandi effetti grandi). Siamo nella causalità complessa, dove tutto incide su tutto e dove una relazione circolare lega tutti i fenomeni. Dove gli eventi si inseriscono in un mondo dominato da una crescente interconnettività dei sistemi. È il nostro mondo postindustriale e postmoderno. Nella termodinamica dei sistemi dinamici complessi viene meno il principio della fisica deterministica di Laplace in base al quale conoscendo il presente con infinita precisione è possibile conoscere il futuro. Dirà Werner Karl Heisenberg, il padre del principio di indeterminazione: Se conosciamo il presente, possiamo conoscere il futuro, non è la conclusione ad essere errata, è la premessa. I sistemi dinamici complessi sono, dunque, sistemi aperti e sono il risultato di un processo di auto-organizzazione che può presentarsi con molte modalità diverse. Ecco perché non è possibile determinare in anticipo quale direzione imboccherà il cambiamento. I punti di biforcazione di questi sistemi sono finestre sul possibile: sulle opportunità di organizzazione e di ordine come sulle minacce di disordine e di disintegrazione. Da questo punto di vista, auto-organizzazione significa che le organizzazioni sono assimilate a sistemi viventi aperti e che si auto-regolano in un continuo interscambio con l ambiente. Sistemi che apprendono con intelligenza dinamica e che sono capaci di elaborare e produrre informazioni, rispondere alle sfide che provengono dall ambiente e costruire nell interazione significati sempre nuovi. Passiamo così dalla metafora meccanicistica a quella organicistica: dall organizzazione-macchina all organizzazione-sistema vivente. Ma questa trasformazione ha una serie di implicazioni su tutte le funzioni dell organizzazione. Come ha notato Gareth Morgan: Stiamo uscendo dall età delle imprese organizzate per entrare in un età in cui la capacità di comprendere, facilitare e incoraggiare i processi di auto-organizzazione sarà una competenza fondamentale 2. Le implicazioni sulla concezione del management Le organizzazioni escono dunque dal mondo della certezza. Anche per l impresa è necessario un nuovo paradigma, ma l orizzonte teorico in cui viene considerata con i suoi problemi è ancora in buona parte quello deterministico o quasi-deterministico. Nella presentazione dell edizione italiana del libro di Ralph D. Stacey, Giuseppe Scifo ha notato che le discipline manageriali sono ancora concettualmente ferme a Laplace 3. Certamente manca la piena consapevolezza delle implicazioni del nuovo modello culturale nelle analisi e nella pratica manageriale. Nella realtà l ambiente turbolento porta al management delle organizzazioni una serie di problemi nuovi che richiedono soluzioni nuove e differenziate. Siamo passati da un paradigma di quasi-stabilità, in cui il cambiamento e le sue conseguenze erano relativamente prevedibili e controllabili, a un paradigma di forte instabilità, che Ervin Laszlo ha chiamato cambiamento discontinuo o cambiamento probabilistico non lineare 4. Ci rendiamo con- 2 Morgan G., Immaginizzazione. Un modo nuovo per agire nelle organizzazioni, Franco Angeli, Milano, 1996, pag Stacey R. D., Management e caos, a cura di Giuseppe Scifo, Guerini e Associati, Milano, 1996 Nell incertezza diventa determinante il ruolo dell osservatore, del soggetto che decide e interagisce con i diversi percorsi d azione to che la stabilità (sul presupposto della quale sono stati creati i modelli di organizzazione delle teorie classiche) è una sorta di caso-limite dell instabilità. Diventa perciò sempre più difficile prescrivere la condotta ottimale (la best practice) delle organizzazioni. L approccio più opportuno è un modello situazionale che suggerisca gli interventi a seconda dei contesti in cui si opera. Le situazioni sono specifiche, differenziate. Per questo autoappredimento e autorganizzazione sono le modalità per trovare soluzioni ai problemi delle organizzazioni. Ciò significa che nelle organizzazioni è oggi necessaria una nuova cultura che metta in grado i diversi operatori di agire in situazioni di incertezza, di gestire la complessità, i conflitti e di sviluppare creatività e innovazione. Come abbiamo accennato, le organizzazioni si sviluppano in condizioni di forte incertezza e secondo dinamiche e traiettorie che non sono prevedibili a priori. Per cui tutto ciò che aiuta il management dell organizzazione a rendere quell incertezza una fonte di opportunità piuttosto che una fonte di difficoltà e di minaccia può essere un ele- 4 Laszlo E., Laszlo C., Navigare nella turbolenza: la direzione di impresa del terzo tipo, Prefazione di Romano Trabucchi, Franco Angeli, Milano, 1994

4 P.R.S. Stampa srl Milano Via B. Quaranta 29 Tel Fax ORGANIZZAZIONE DI VENDITA PRS PRS P.R.S. STAMPA srl Milano - Via B. Quaranta 29 Tel Fax Presidente: Alfredo Bernardini de Pace Vicepresidente: Gaddo della Gherardesca Consigliere delegato: Lorenzo Usellini Direttore commerciale: Raffaele Renda Direttore vendite: Sergio Cariati Direttore marketing: Antonio Dalla Casa Concessionaria esclusiva per la pubblicità su PIEMONTE-VAL D AOSTA-LIGURIA OPENMEDIA - Via B. Bruno TORINO Tel Fax TRIVENETO Veneto Orientale e Friuli Venezia Giulia P.R.S. Stampa - Padova Via Lovarini, PADOVA Tel /2/3 - fax Provincie di Verona, Trento e Bolzano P.R.S. Stampa - Verona Via Cà di Cozzi 41/B VERONA Tel Fax Settore Arredamento: SONIA FANZAGO P.R.S. Stampa - Padova Via Lovarini, PADOVA Tel /2/3 - Fax Settore Edilizia: TULLIO CORRADINI P.za G. Marconi FALZÈ DI TREVIGNANO (TV) Tel Fax EMILIA P.R.S. Stampa - Bologna - Via Panigale BOLOGNA Tel fax TOSCANA-UMBRIA P.R.S. Stampa - Firenze Via Maso di Banco FIRENZE Tel fax Settore Edilizia: MARCO VENTUROLI Via Masaccio FIRENZE Tel Fax MARCHE-ABRUZZI-ROMAGNA DAILY MEDIA Viale R. Margherita P.P. PICENA (MC) Tel Fax LAZIO-MOLISE-SARDEGNA GEP - Via Veneto ROMA Tel Fax CAMPANIA-CALABRIA-PUGLIA-BASILICATA EURONETWORK PROGRAM - Centro Direzionale Isola F11 - Via G. Porzio NAPOLI Tel Fax SICILIA BIESSE IMMAGINE Via XII Gennaio PALERMO Tel Fax RISORSE UMANE mento importante per la sua sopravvivenza e il suo sviluppo. In altre parole, l incertezza può costituire la premessa dello stesso sviluppo dell organizzazione, perché nell incertezza diventa determinante il ruolo dell osservatore, del soggetto che decide e interagisce con i diversi percorsi di azione. Il nuovo tipo di cambiamento spezza dunque la monoliticità delle organizzazioni della società industriale, frantuma le loro modalità di operare e rende molto complessi e diversificati i loro problemi. Mette in crisi il tradizionale rapporto gerarchico, la tradizionale leadership, le modalità di gestire le risorse umane nelle organizzazioni. Schemi operativi che una volta erano ricorrenti oggi vanno continuamente ripensati per adattarli alle nuove situazioni e, soprattutto, sono ben poco generalizzabili. Ma è proprio in questa prospettiva che le risorse umane, con le loro conoscenze, competenze, capacità, motivazioni e creatività, diventano il vero elemento critico del successo. Si tratta di liberare e mobilitare quelle energie. Se l organizzazione è un sistema vivente che apprende e ciò le consente di re-inventare continuamente se stessa in funzione dei suoi rapporti con l ambiente in cui opera, le risorse umane sono la vera condizione della sua vitalità e della sua sopravvivenza. Il futuro non si prevede, ma si costruisce, si crea e questa creazione è opera degli uomini e delle donne che vivono e lavorano nell organizzazione. Essi soli, ai diversi livelli, possono gestire i continui cambiamenti e dare ad essi un significato condiviso, che faccia fronte all insopprimibile molteplicità dei punti di vista presenti e attivi nell organizzazione contemporanea. La nuova situazione richiede perciò flessibilità d azione. Ma anche modi nuovi di pensare e di immaginare. In altre parole, se non esistono regole universali, risposte univoche e prefabbricate alle domande e soluzioni tecniche valide per tutte le situazioni e in tutte le organizzazioni, gli operatori non devono abbracciare un rozzo e semplicistico pragmatismo basato su una concezione contingentistica del Giuseppe Varchetta ha approfondito questi aspetti della gestione delle risorse umane nella prospettiva della complessità. management, ma al contrario impegnare maggiormente la loro professionalità e, soprattutto, la loro responsabilità. Un modello di organizzazione costituito prevalentemente da norme e da procedure, come erano le vecchie organizzazioni, tende a de-responsabilizzare gli individui: nessuno vorrà assumersi il rischio di tentare strade nuove. Ma nella concezione dell organizzazione complessa come auto-organizzazione che vive in un contesto turbolento il rischio diviene una categoria fondamentale. Perché non attribuire ad esso anche una valenza etica? Perché non tradurlo in una responsabilità nuova, come capacità di garantire un nuovo tipo di sostenibilità interna ed esterna delle organizzazioni? Un esempio di nuove problematiche delle risorse umane Prendiamo in considerazione il lavoro nelle organizzazioni. Oggi è caratterizzato da nuove dinamiche sociali, professionali e psicologiche. Nella situazione di grande turbolenza e incertezza descritta cambiano le sue condizioni e la sua concezione. Non solo sono scomparsi i tradizionali mestieri che si svolgono per tutta la vita, ma il lavoro tende spesso - come afferma Bauman - a configurarsi come un operazione una tantum, l attività di un bricoleur, mirata a quanto è a portata di mano e a sua volta ispirata e limitata da quanto è a portata di mano, più il risultato di un occasione presa al volo che il prodotto di un processo pianificato e programmato 6. In realtà il lavoro viene sempre più flessibilizzato: viene spezzettato nelle sue dimensioni spaziale, temporale e contrattuale. Questo ha implicazioni sui problemi dell occupazione, sulle forme di lavoro e di rapporto contrattuale. Si realizza una molteplicità di rapporti e di contratti di lavoro. I nuovi lavori sono tanti e altrettanti i modelli contrattuali. E i giovani, destinatari dei nuovi contratti, sono stati definiti la nuova razza flessibile. Anche il tempo di lavoro è molto variabile. L orario pieno quotidiano e per giorni settimanali non è più la norma. Non c è più la fabbrica industriale con i 6 Bauman Z., Modernità liquida, Editori Laterza, Bari, 2002, pag. 19

5 Chi lavora può avere la propria sede in azienda, ma può lavorare anche a casa o lontano dalla sua sede tempi predeterminati di lavoro per tutti gli operatori e la necessità della loro concentrazione fisica. Anche questo aspetto, la fine della centralità della fabbrica nella società, è una metafora della fine della società industriale. Chi lavora può avere la propria sede in azienda, ma può lavorare anche a casa o lontano dalla sua sede. Prestazioni lavorative si svolgono spesso in un area senza confine tra interno ed esterno dell organizzazione. Anche per il lavoro viene a cadere la distinzione tra vicinanza e lontananza. Molti professionisti - notava Jeremy Rifkin in L era dell accesso - trascorrono più tempo nel cyberspazio che nello spazio geografico e si identificano più con il proprio indirizzo virtuale che con quello che definisce le loro coordinate geografiche 7. Ora, indipendentemente dalla consistenza quantitativa del fenomeno, il nomade digitale è la figura simbolica di come l era di internet cambi radicalmente le modalità di lavoro e di esecuzione e sovverta tante nostre inveterate abitudini. Cambia anche la cultura del lavoro. Si vanno perdendo i valori connessi con l etica del lavoro. Il lavoro smarrisce quella centralità che aveva nelle menti e nei cuori degli uomini della società industriale. E cambiano anche e si diversificano le motivazioni al lavoro e sul lavoro, i valori e le aspettative delle persone. Si sgretola l idea del posto di lavoro a vita; in futuro la vita lavorativa di una persona sarà la somma di tante esperienze eterogenee. Le persone saranno caratterizzate da una sorta di portfolio professionale, anziché dallo stesso lavoro svolto durante l intera vita o nella stessa organizzazione. La carriera sarà sempre più una strada che porta a più di una destinazione. Anche dalla carriera viene meno l idea di linearità. Tutto ciò modifica profondamente il contratto psicologico fra chi lavora e l organizzazione. Declinano i valori della fedeltà aziendale e dell anzianità, che hanno caratterizzato il lavoro nelle organizzazioni dei decenni scorsi. Perciò chi lavora non si aspetta più dalle imprese i livelli di sicurezza e di tutela che esse garantivano nel passato. Soprattutto a certi livelli professionali, si cerca di sostituire la tradizionale sicurezza del posto di lavoro (employment) con un buon grado di appetibilità sul mercato del lavoro (employability). Ci si rende sempre più conto che le conoscenze e le competenze costituiscono il vero capitale delle persone. E c è chi prevede che i mercati del lavoro per quadri, dirigenti e professional diventeranno mercati del capitale umano, una sorta di borsa elettronica del talento, analoga a quella dei capitali finanziari, dove verranno commercializzate le conoscenze e le competenze capaci di creare ricchezza 8. Questo significa che gli operatori aziendali, come qualunque professionista, devono assumersi la responsabilità e i rischi del loro sviluppo professionale. Devono imparare a gestire in proprio la loro professionalità, imparare a trarre profitto dall incertezza e a capire che rischio significa anche opportunità. Gestisci te stesso, dice Peter Drucker a questo proposito. E giustifica l invito con il fatto che i lavoratori tendono a sopravvivere alle organizzazioni (l aspettativa media di vita di un azienda di successo è limitata a 30 anni, mentre i lavoratori ne hanno almeno 40 di vita lavorativa) 9. Secondo Ulrich Beck, il sociologo della società globale del rischio, nel volgere di dieci anni non più di un europeo su due godrà di un occupazione regolare a tempo pieno. Oggi in Europa i contratti di lavoro durano in media sedici anni. Nella Silicon Valley un contratto di lavoro dura mediamente diciotto mesi. Aumenta la quota del lavoro autonomo rispetto a quello subordinato. È di fronte a questa nuova e complessa situazione che si trovano oggi le organizzazioni. Ad esse si pone, perciò, il nuovo problema di come fidelizzare i collaboratori. Esse dovranno ripensare la loro capacità di attrarre, sviluppare e trattenere i talenti, per disporre di persone motivate ed esperte. Creando un ambiente stimolante e gratificante e cercando, ad esempio, di offrire continue opportunità di formazione e specializzazione che gli interessati possano auto-gestire, fino a dar loro la possibilità di ipotizzare itinerari di carriera diversificati. Le intranet di molte aziende, soprattutto straniere, presentano in continuazione programmi e opportunità a questo scopo. Un altro nuovo problema per le organizzazioni sarà quello di gestire l eterogeneità della forza-lavoro, le differenze culturali delle persone che lavorano di provenienza da differenti aree geografiche, per le quali motivazione, sistema premiante e performance vanno differenziati. In molte multinazionali ci sono persone che lavorano in team dispersi geograficamente ed eterogenei dal punto di vista etnico e culturale. Sono solo accenni ad alcuni dei problemi che le nuove direzioni risorse umane devono affrontare. È certo che la loro soluzione varierà a seconda del tipo delle organizzazioni, dei business, dei processi, delle competenze. Tutto questo incide in modo decisivo sulla concezione delle risorse umane in azienda e sulla loro gestione. 7 Rifkin J., L era dell accesso, Mondadori, Milano, Davis S., Meyer C., Il futuro della ricchezza, Franco Angeli, Milano, Drucker P. F., Le sfide di management del XXI secolo, Franco Angeli, Milano,

MEDIA INNOVATION & CHANGE

MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA E DIGITAL COMMUNICATION Programma di sviluppo continuo dell innovazione MEDIA INNOVATION & CHANGE COMUNICAZIONE E CONFUSIONE COMUNICARE OGGI SIGNIFICA POTER SFRUTTARE OPPORTUNITÀ

Dettagli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli 1. Il contesto ambientale dell impresa Parlando di ambiente siamo soliti considerare un luogo

Dettagli

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione Lezione 6 La microstruttura organizzativa Il job design e la motivazione 1 Un modello di progettazione organizzativa d impresa Ambiente Cultura Obiettivi e strategia Macro Struttura 1. Formalizzazione

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

L'evoluzione orizzontale

L'evoluzione orizzontale L'evoluzione orizzontale Come gestire la Complessità Roma 23 febbraio 2013 Palazzo delle Esposizioni L e

Dettagli

Rassegna stampa a cura di

Rassegna stampa a cura di Rassegna stampa a cura di Programma Presenze stampa Press_comunicati stampa Recall_carta stampata Recall_web /portali di settore Social Network Spazio I Press i-pressnews.it Fotogallery Indice programma

Dettagli

Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione MANAGERIALE

Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione MANAGERIALE Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione MANAGERIALE MANAGERIALE Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione L evoluzione della specie: passare

Dettagli

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo Francesco Sardu 8 agosto 2003 indice 1. Apprendimento organizzativo, individuale e generativo 2. Le cinque discipline per

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione del personale

Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione del personale Convegno Nazionale CERGAS «25 anni di ricerca e formazione al servizio della salute dei cittadini» Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

Adotta Scienza e Arte nella tua classe

Adotta Scienza e Arte nella tua classe Adotta Scienza e Arte nella tua classe Un progetto didattico-divulgativo di successo Stefania Giansanti* Franco L. Fabbri, Lorenza Battistini, Beatrice Boccardi, Veronica Cavicchi, Cristiana Grandolfo,

Dettagli

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Le comunità di pratica: definizione La ricerca accademica definisce le comunità di pratica come un insieme di

Dettagli

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA DI MARKETING 1. Le origini 1920-1940 2. Lo sviluppo 1950-1965 3. La maturità 1965-1980 4. Il riorientamento

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

FINESTRE. Professione: MANAGER. Professione: MANAGER. Scenari, Metafore, Cura di sé

FINESTRE. Professione: MANAGER. Professione: MANAGER. Scenari, Metafore, Cura di sé Strettamente riservato Milano, 13 aprile 2012 Non c è vento a favore per chi non conosce il porto Professione: MANAGER Professione: MANAGER INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE

Dettagli

N.1292 UNI EN ISO 9001:2008. Sistema Qualità certificato per la Progettazione ed erogazione di interventi di formazione manageriale

N.1292 UNI EN ISO 9001:2008. Sistema Qualità certificato per la Progettazione ed erogazione di interventi di formazione manageriale Incrementare il valore delle persone per rendere più competitive le organizzazioni nel loro percorso di cambiamento verso il digital, contribuendo alla creazione di valore per gli stakeholders CHI SIAMO

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Comprendere le principali caratteristiche distintive dei gruppi di lavoro 2. Conoscere i fattori che incidono sul funzionamento dei gruppi di lavoro 3. Acquisire conoscenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

Dal marketing al societing: 10 tesi

Dal marketing al societing: 10 tesi Dal marketing al societing: 10 tesi Il marketing opera in una società che sta vivendo un momento di cambiamento di grande portata. Siamo di fronte a una transizione d epoca accelerata dalla pervasiva diffusione

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

Capitolo 2 : LA GESTIONE STRATEGICA NELLA REALTA

Capitolo 2 : LA GESTIONE STRATEGICA NELLA REALTA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Capitolo 2 : LA GESTIONE STRATEGICA NELLA REALTA GIORGIO BAIOCCHI

Dettagli

GESTIRE LA COMPLESSITÀ E L INCERTEZZA ALLA RICERCA DEL VALORE

GESTIRE LA COMPLESSITÀ E L INCERTEZZA ALLA RICERCA DEL VALORE GESTIRE LA COMPLESSITÀ E L INCERTEZZA ALLA RICERCA DEL VALORE IL CONTESTO Complesso, turbolento, volatile, incerto, imprevedibile, rischioso sono termini che definiscono l attuale contesto competitivo

Dettagli

GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI

GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI VERSIONE PROVVISORIA GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI ABSTRACT La gestione della conoscenza nelle organizzazioni diviene il fattore sempre più qualificante attraverso

Dettagli

Via Alberto Nota, 5-10122 Torino - Piazzale Biancamano, 8-20121 Milano - Via Roma, 4-33100 Udine

Via Alberto Nota, 5-10122 Torino - Piazzale Biancamano, 8-20121 Milano - Via Roma, 4-33100 Udine Via Alberto Nota, 5-10122 Torino - Piazzale Biancamano, 8-20121 Milano - Via Roma, 4-33100 Udine Tel. 011/5690291 - Fax 011/5690247 - N verde gratuito 800.300.368 info@knetproject.com - www.knetproject.com

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

INNOVAZIONE TECNOLOGICA ORGANIZZAZIONE

INNOVAZIONE TECNOLOGICA ORGANIZZAZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA ORGANIZZAZIONE La migliore forma organizzativa il test delle 7S della McKinsey Struttura Strategia Sistemi Sistema di valori Stile prevalente Skills Staff PROGETTO ORGANIZZATO PROGETTO

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

Starting Neo Dirigenti

Starting Neo Dirigenti Starting Neo Dirigenti In collaborazione con www.cfmt.it STARTING NEO DIRIGENTI La dirigenza: un ponte tra esperienza e futuro La dirigenza è un momento di svolta per la carriera manageriale, nel quale

Dettagli

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni COACHING CREATIVO la metodologia per liberare soluzioni La metodologia per liberare soluzioni Il Coaching Creativo è la metodologia che abbiamo elaborato in anni di ricerca e sviluppo per progettare e

Dettagli

COMPANY PROFILE. Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende.

COMPANY PROFILE. Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende. COMPANY PROFILE Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende. La storia del Gruppo Maggioli ha inizio un secolo fa e da allora procede, attraverso quattro

Dettagli

Temporary Management Strumento per l impresa, nuovo percorso per il manager

Temporary Management Strumento per l impresa, nuovo percorso per il manager Temporary Management Strumento per l impresa, nuovo percorso per il manager Maurizio Quarta Managing Partner Temporary Management & Capital Advisors National Coordinator - IIM Italian Chapter Congresso

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Move Your Future Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Progetto corso sperimentale indirizzo imprenditorialità L attuale situazione di mercato pone la

Dettagli

Posso scegliere di valorizzare i talenti delle persone, perché è con loro che voglio camminare verso nuovi traguardi.

Posso scegliere di valorizzare i talenti delle persone, perché è con loro che voglio camminare verso nuovi traguardi. Io posso... Posso scegliere di ridare slancio alla mia azienda, recuperando la capacità di sognare e di creare, per scoprire che ci sono ancora oceani blu nei quali prosperare. Posso scegliere di valorizzare

Dettagli

il contesto INNOVARE PER COMPETERE LE CHIAVI PER AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ www.cfmt.it

il contesto INNOVARE PER COMPETERE LE CHIAVI PER AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ www.cfmt.it il contesto www.cfmt.it Ormai abbiamo capito tutti che questa non è una crisi ma una transizione, sfidante ma al contempo fonte di opportunità. Bisogna però avere coraggio e determinazione. Occorre anticipare

Dettagli

Programma Master Domino 2012

Programma Master Domino 2012 Programma Master Domino 2012 MASTER DOMINO Il Master Domino, uno dei classici della formazione cooperativa Nazionale, è pensato per persone che hanno maturato una significativa esperienza gestionale o

Dettagli

Introduzione all organizzazione aziendale

Introduzione all organizzazione aziendale Introduzione all organizzazione aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA CORSO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE FEDERICO CANELLA Il corso: 00745 Organizzazione aziendale Lezioni Giovedi 15.30 18.45 Venerdì

Dettagli

Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita.

Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita. Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita. - 1 - 1 - PREMESSA a) La cultura della tecnica nel curricolo

Dettagli

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale Elsa Fornero Università di Torino e CeRP Giornata Dipartimentale del Dipartimento di Economia Università dell Insubria Varese, 15 giugno 2010 La

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

UNA OPPORTUNITA FORMATIVA UNICA UN CORPO DOCENTE UNICO

UNA OPPORTUNITA FORMATIVA UNICA UN CORPO DOCENTE UNICO UNA OPPORTUNITA FORMATIVA UNICA I corsi di formazione tradizionali affrontano il tema dell internazionalizzazione nell Est Asiatico seguendo approcci generalisti e senza alcuna specializzazione sui contesti

Dettagli

Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane

Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane Quadro di riferimento Le opzioni per le aziende per crescere e garantirsi continuità incrementano: si acquisiscono imprese o

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT (LA GESTIONE DELLE DIVERSITÁ DELLE PERSONE IN AZIENDA) L incremento dell eterogeneità all interno dei mercati del lavoro rappresenta una delle principali caratteristiche

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE KNOWLEDGE MANAGEMENT Seminario Tematico Università di Milano-Bicocca RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE Stefania Bandini Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

L impresa come sistema

L impresa come sistema Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa L impresa come sistema Definizione di sistema; Condizioni che fanno dell impresa un sistema; Condizioni di equilibrio del

Dettagli

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Empowerment di Giuseppe Burgio Insegnante e formatore; ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Tra le parole straniere ormai di uso corrente, empowerment è una delle

Dettagli

Le teorie organizzative. Dispense a cura del Prof Fabrizio Maimone, LUMSA_L18_2015-16

Le teorie organizzative. Dispense a cura del Prof Fabrizio Maimone, LUMSA_L18_2015-16 Le teorie organizzative Dispense a cura del Prof Fabrizio Maimone, LUMSA_L18_2015-16 Non c è nulla di più pratico di una buona teoria. Kurt Lewin Prof Fabrizio Maimone, LUMSA_L18 Le teorie organizzative

Dettagli

Argomenti. L influenza della cultura nei processi produttivi e di consumo

Argomenti. L influenza della cultura nei processi produttivi e di consumo CORSO DI SOCIOLOGIA DEL LAVORO ANNO ACCADEMICO 2004-20052005 LE VARIE VIE ALLA MODERNIZZAZIONE DEL LAVORO Prof. Bruno Angelini 1 Argomenti Obiettivi Le varie vie alla modernizzazione del lavoro Le correlazioni

Dettagli

l'approccio transdisciplinare

l'approccio transdisciplinare l'approccio transdisciplinare le potenzialità socio-economiche della rivalutazione ambientale l'epoca contemporanea la scienza della sostenibilità la complessità l'economia ecologica i gas la comunicazione

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

Omaggio a Russell D. Archibald (uno dei padri storici del Project Management)

Omaggio a Russell D. Archibald (uno dei padri storici del Project Management) Paolo Mazzoni 2013. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2013". Non sono ammesse

Dettagli

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica.

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. Cenni introduttivi L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. L ambiente internazionale è diventato globale, come un unico

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 5 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

INTERVENTO ELISABETTA DONATI PARI E DISPARI

INTERVENTO ELISABETTA DONATI PARI E DISPARI INTERVENTO ELISABETTA DONATI PARI E DISPARI Al momento attuale la nostra società, attraversata da profondi cambiamenti demografici, ci offre uno scenario particolare e completamente nuovo: cinque generazioni

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Management Consulting Boutiques e mercati globali

Management Consulting Boutiques e mercati globali Management Consulting Boutiques e mercati globali Antonella Negri Clementi * 1. Un modello distintivo Affiancare l azienda nel momento in cui si trova ad affrontare cambiamenti sostanziali di una o più

Dettagli

PEDAGOGIA E EDUCAZIONE

PEDAGOGIA E EDUCAZIONE LEZIONE INTERCULTURA E SAPERI SULL EDUCAZIONE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 PEDAGOGIA E EDUCAZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 MONDI

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Utopie e pratiche nella produzione 3. Il postfordismo

Utopie e pratiche nella produzione 3. Il postfordismo Utopie e pratiche nella produzione 3. Il postfordismo Premessa La letteratura sul postfordismo, soprattutto quella di fonte imprenditoriale, è assai ricca di neologismi dall apparenza scientifico-tecnica:

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

PROGETTARE LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE. Prof. Roberto Chiavaccini Facoltà Ingegneria Università di Pisa Economia e Organizzazione Aziendale

PROGETTARE LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE. Prof. Roberto Chiavaccini Facoltà Ingegneria Università di Pisa Economia e Organizzazione Aziendale PROGETTARE LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE Prof. Roberto Chiavaccini Facoltà Ingegneria Università di Pisa Economia e Organizzazione Aziendale 11 LA LEAN ORGANIZATION L'IMPLEMENTAZIONE DI UN ARCHITETTURA A

Dettagli

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta 4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta Definendo lo sviluppo come un concetto dinamico, implicante trasformazioni qualitative più che quantitative della società, allora lo studio del

Dettagli

Percorso Executive Leadership Situazionale e Riflessiva

Percorso Executive Leadership Situazionale e Riflessiva Percorso Executive Leadership Situazionale e Riflessiva Gestire e motivare i gruppi di lavoro INTERAMENTE FINANZIATO DA: Nell ambito delle opportunità formative messe a disposizione da Fondirigenti, La

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il I Mktg-L02 Marketing B2C vs Marketing B2B Business to Consumer (B2C): l acquirente

Dettagli

Supporto all avvio di progetti imprenditoriali. GAL media Valle d Aosta

Supporto all avvio di progetti imprenditoriali. GAL media Valle d Aosta Supporto all avvio di progetti imprenditoriali GAL media Valle d Aosta Questo manuale è parte del progetto LEADER Agir pour l innovation rurale Scopo del manuale Sostenere le neo imprese rurali o le imprese

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

A proposito di qualità del software didattico

A proposito di qualità del software didattico A proposito di qualità del software didattico Il software va visto nel contesto d uso e va valutato sulla base dell efficacia didattica e dell integrabilità del diversi percorsi educativi Michela Ott ITD-CNR,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING

CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING Modulo Modelli organizzativi e dinamiche di gruppo nelle organizzazioni complesse Rita Palidda Qualche dato.. Spesa pubblica per il sistema

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

Le ristrutturazioni aziendali

Le ristrutturazioni aziendali Le ristrutturazioni aziendali Come si conduce uno studio di caso Daniele Zaccaria daniele.zaccaria@unimib.it Le strategie di gestione dei processi di ristrutturazione tendono a mutare perché sta mutando

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio Dove nasce il problema della progettazione organizzativa Man mano che le organizzazioni crescono (p.e. numero

Dettagli

Operations Management GIA-L03

Operations Management GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Operations Management Operations Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

Quando parlava Eschine, gli Ateniesi dicevano: senti come parla bene. Quando parlava Demostene, gli Ateniesi dicevano: uniamoci contro Filippo.

Quando parlava Eschine, gli Ateniesi dicevano: senti come parla bene. Quando parlava Demostene, gli Ateniesi dicevano: uniamoci contro Filippo. Quando parlava Eschine, gli Ateniesi dicevano: senti come parla bene. Quando parlava Demostene, gli Ateniesi dicevano: uniamoci contro Filippo. Noi siamo della scuola di Demostene. La Società Un progetto

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli