IL DITO DI DIO (Lc 11,20) NELL ESEGESI MODERNA E PATRISTICA. L. D. Chrupcała

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DITO DI DIO (Lc 11,20) NELL ESEGESI MODERNA E PATRISTICA. L. D. Chrupcała"

Transcript

1 IL DITO DI DIO (Lc 11,20) NELL ESEGESI MODERNA E PATRISTICA L. D. Chrupcała L esegesi patristica presenta un valore inestimabile per la comprensione della Scrittura. E un dato di fatto assodato ormai da tempo e senza bisogno di ulteriori conferme. I risultati ai quali giunge la raffinata esegesi moderna accusata spesso (e qualche volta non senza fondamento) d aver perso il senso di un immediatezza esistenziale, sovente sono proprio quegli stessi risultati offerti dalla profonda intuizione dei Padri, benché ottenuti con un metodo diverso e con un acutezza davvero stupefacente. A questa constatazione si aggiunge poi un altro fattore. Benché armata di vari metodi, tuttavia l esegesi attuale si rivela talvolta insufficiente per fornire una risposta ai quesiti che scaturiscono dal testo sacro, forse perché tra l altro le esigenze del mezzo scientifico d interpretazione vengono anteposte allo stesso oggetto da comprendere. Più d una accusa, si tratta piuttosto di un semplice ma nello stesso tempo impegnativo richiamo ad attingere dalle ricchezze del passato, portatrici di un valido contributo per l intelligenza della Parola di Dio. Nelle pagine che seguono, cercheremo di fare nostra una di queste perle preziose. Un detto di Gesù tramandatoci nella redazione di Luca contiene un enigmatica espressione: Se io scaccio i demoni con il dito di Dio (ejn daktuvlw/ qeou'), di conseguenza è giunto a voi il regno di Dio (Lc 11,20). Il problema di questo passo sorge in seguito alla sua comparazione con il parallelo presente nel vangelo di Matteo. Qui infatti si legge: Ma se io scaccio i demoni per virtù dello Spirito di Dio (ejn pneuvmati qeou'), è certo giunto fra voi il regno di Dio (Mt 12,28). Indubbiamente, siamo di fronte ad una vera crux interpretum. Quale versione è originale ci si chiede e che cosa propriamente significa il dito di Dio, la locuzione di cui Luca si serve al posto del matteano Spirito di Dio? Nel presente contributo intendiamo rispondere a queste domande. Partendo, quindi, da Lc 11,20 si vorrà illustrare il tema biblico del dito di Dio, e ciò sia a livello esegetico, sia dal punto di vista patristico. I. Lc 11,20 nell interpretazione attuale Prima di sentire in proposito l opinione dei Padri, vediamo anzitutto i passi biblici contenenti il dito di Dio e in seguito il tentativo dell esegesi LA 44 (1994)

2 84 L. D. CHRUPCAŁA odierna di dare una soluzione alla questione del tenore primitivo di Lc 11,20//Mt 12,28. 1) Il dito di Dio nell AT L immagine del dito (in ebr. [B'x]ae) riferito a Dio ricorre nell AT quattro volte. Sebbene poco impiegata, è senz altro una maniera d esprimersi assai singolare 1. a) In due casi, dito diventa il mezzo con cui vengono scritte le tavole della legge. Nel primo testo il narratore sacro riferisce: Quando il Signore ebbe finito di parlare con Mosè sul monte Sinai, gli diede le due tavole della Testimonianza, tavole di pietra, scritte dal dito di Dio (Es 31,18) 2. b) Nel secondo testo, lo stesso fatto viene raccontato con le parole di Mosè: il Signore mi diede le due tavole di pietra, scritte dal dito di Dio, sulle quali stavano tutte le parole che il Signore vi aveva detto sul monte, in mezzo al fuoco, il giorno dell assemblea (Dt 9,10) 3. c) Una volta il dito (al plurale) appare nel contesto dell opera creatrice di Dio: il salmista canta che il cielo, la luna e le stelle sono opera delle dita di Dio: Se guardo il tuo cielo, opera delle tue dita, la luna e le stelle che tu hai fissate (Sal 8,4). Le creature invece verrà detto più oltre (v. 7) sono opera delle mani di Dio. La differenza del mezzo creativo usato dall autore biblico è da ascrivere probabilmente allo stupore e alla meraviglia ch egli prova di fronte alla bellezza del cielo e degli astri. Essi infatti, proprio in quanto opera delle dita di Dio, sono 1. Cf. H. Schlier, davktulo", TWNT II (1935) 21 (GLNT II, ), il quale presenta pure qualche raro esempio tratto dalla letteratura giudaica. Non viene qui contato Is 40,12 che costituisce un caso a parte; nelle versioni della LXX e della Vulgata di questo passo compare la traduzione tre dita, una metafora per indicare il potere infinito di Dio sul creato; cf. S. Bartina, Dito di Dio, EncB II (1969) Fausto di Riez (Ps. Pascasio Diacono), De Spiritu sancto I,7 (PL 62,16B) riferirà le tre dita del passo isaiano alle persone della Trinità; cf. Rabano Mauro, De Universo VI (PL 111,160B). Va osservato poi che la Vulgata anche altrove traduce la mano con dito : Gdc 18,19; Gb 21,5; 29,9; Prv 31, In Es 32,16, per certi versi un parallelo di Es 31,18, si legge invece: Le tavole erano opera di Dio, la scrittura era scrittura di Dio, scolpita sulle tavole. 3. A livello grammaticale, c è da chiedersi quale valore ha l espressione dal dito di Dio ; è un complemento d agente, come traduce la Bibbia della CEI, o di causa efficiente (o mezzo)? Es 31,18LXX: tw'/ daktuvlw/ tou' Qeou' e Dt 9,10LXX: ejn tw'/ daktuvlw/ tou' Qeou' rendono l ebraico µyhiola [B'x]a,B]. Si tratta quindi del secondo valore.

3 IL DITO DI DIO NELL ESEGESI MODERNA E PATRISTICA 85 più splendenti, delicati, e possiedono un meraviglioso tessuto e ornamento con cui ricoprono la volta celeste 4. d) L ultima ricorrenza del dito di Dio nell AT è il passo di Es 8,15; qui, al dito di Dio sono attribuiti i miracoli compiuti da Mosè: Allora i maghi dissero al faraone: E il dito di Dio!. Ma il cuore del faraone si ostinò e non diede ascolto, secondo quanto aveva predetto il Signore. 2) Es 8,15 e la tradizione giudaica Vogliamo soffermarci un attimo su quest ultimo passo, perché stando agli studiosi sembra che esso sia il più confacente per la comprensione del logion evangelico di Lc 11,20. Nel capitolo 8 del libro dell Esodo si racconta che dopo la piaga delle rane il Signore ne manda un altra a causa dell indurimento del faraone. Questa volta il prodigio delle zanzare compiuto da Mosè (ma il fratello Aronne ne è l esecutore materiale) crea un problema ai maghi egiziani, che non sono in grado di fare altrettanto con le loro magie. Essi allora, riconoscendo nell azione la potenza divina, dissero al faraone: Il dito di Dio è questo [Es 8,15LXX: davktulo" Qeou' ejstin tou'to / letteralmente: ciò è (un) dito di Dio ]. Nella tradizione giudaica il versetto di Es 8,15 è stato oggetto di varie riletture. Nel targum Neofiti 1 si legge: E i maghi dissero al faraone: Questo è il dito della potenza (che viene) dalla parte del Signore 5. Il midrash Esodo Rabba 10,7 recita: I maghi, appena si resero conto di non essere in grado di produrre zanzare, riconobbero che era Dio ad operare e non le arti magiche. Essi non hanno più preteso di confrontarsi con Mosè per produrre le piaghe. Anche nella comunità di Qumran si procede ad una rilettura della vicenda narrata nell Esodo, benché in una prospettiva diversa, ossia in 4. Così E. Panier, Les Psaumes traduits et commentés, in L. Pirot - A. Clamer (éd.), La Sainte Bible, V, Paris 1950, M. McNamara, Targum Neofiti 1: Exodus. Translated, with Introduction and Apparatus, and Notes (by R. Hayward) (The Aramaic Bible. The Targums 2), Edinburgh 1994, 35, rimanda nella nota a: Esodo Rabba 10,7; midrash Tanhuma Wa era 14; talmud babilonese Sanhedrin 95b. In quest ultimo testo si cerca di spiegare il mezzo con cui l angelo del Signore punì l esercito di Sennacherib (cf. Is 37,36). R. Eliezer disse: Egli li percosse con la sua mano, come è scritto: Israele vide la mano potente con la quale il Signore aveva agito contro l Egitto (Es 14,31). R. Joshua disse: Egli li percosse con il suo dito, come è scritto: Allora i maghi dissero al faraone: E il dito di Dio! (Es 8,15). Cf. anche Sanhedrin 67b.

4 86 L. D. CHRUPCAŁA chiave di una lotta dualistica tra il bene (principe delle luci) e il male (Belial). Nel Documento di Damasco V,18-19 leggiamo: Poiché anticamente sorsero Mosè e Aronne per mezzo del principe delle luci, ma Belial suscitò Jahaneh e suo fratello, nella sua astuzia, quando Israele fu salvato per la prima volta 6. Lo stesso fatto viene interpretato nel Libro dei Giubilei 48,8-11 nel modo seguente: E tutto ciò il Signore lo fece in favore degli Israeliti, in virtù dell alleanza che aveva stretto con Abramo, e per trar vendetta degli Egiziani che li avevano ridotti in schiavitù. Il principe Mastema era contro di te e voleva farti cadere in mano a faraone ed aiutò i maghi d Egitto, che poterono sì fare il male, ma inutilmente; e Dio li colpì 7. Nella tradizione giudaica, lo scontro di Mosè e Aronne con i maghi egiziani era visto quindi come una lotta tra Dio e il principe Mastema/Belial, una lotta vinta con il dito della potenza di YHWH. I maghi compresero di trovarsi davanti ad un opera di Dio e non di demoni. Non tutti i testi di queste interpretazioni erano già scritti nell epoca di Gesù, ma ciò non toglie la possibilità di un origine più antica. Quello che preme di sottolineare è il modo metaforico con cui viene indicata la forza e la potenza di Dio. Il dito, in quanto è il compimento della mano e il membro più perfetto di essa, può costituire una variante della mano (braccio/destra) di Dio 8. Sarà probabilmente per questo mo- 6. Tr. L. Moraldi, I manoscritti di Qumran (UTET), Torino 1974, 237. Vedi inoltre Testamenti dei XII Patriarchi: Giuseppe XX,2. I nomi dei due maghi egiziani, Iannes e Iambres, che si opposero a Mosè, sono stati accolti dalla tradizione cristiana; essi simboleggiano uomini falsi e ingannatori: Sull esempio di Iannes e di Iambres che si opposero a Mosè, anche costoro si oppongono alla verità: uomini dalla mente corrotta e riprovati in materia di fede (2Tm 3,8). Per i nomi e la leggenda dei due fratelli, cf. H.L. Strack - P. Billerbeck, Kommentar zum Neuen Testament aus Talmud und Midrasch, III: Die Briefe des Neuen Testaments und die Offenbarung Johannis, München 1926, Tr. P. Bonsirven, La Bibbia apocrifa, Milano 1974 rist., Così M. Lesêtre, Doigt, DB II (1899) 1462; R.G. Hamerton-Kelly, A Note on Matthew XII.28 par. Luke XI.20, NTS 11 ( ) 168; A. Niccacci, Sullo sfondo egiziano di Esodo 1-15, LA 36 (1986) Sarà proprio sulla base dell identificazione del dito di Dio con lo Spirito santo, che la patristica svilupperà a partire del II s. in poi una dottrina delle due mani di Dio; vedasi E. Testa, Le due mani di Dio, il Verbo e lo Spirito Santo, cause del progresso della immagine e somiglianza, in J. Saraiva Martins (a cura di), Credo in Spiritum Sanctum. Atti del Congresso Teologico Internazionale di Pneumatologia in occasione del 1600 anniversario del I Concilio di Costantinopoli e del 1550 anniversario del Concilio di Efeso, Roma marzo 1982 (Teologia e Filosofia 6), I, Città del Vaticano 1983, ; I. Grego, Le due mani di Dio nella storia della salvezza negli scritti di Ireneo di Lione, Asprenas 36 (1989)

5 IL DITO DI DIO NELL ESEGESI MODERNA E PATRISTICA 87 tivo che nella letteratura giudaica si cercherà di attribuire alle diverse dita di Dio le singole opere potenti compiute da lui nella storia 9. Possiamo dire pertanto che la mano e il dito significano entrambi simbolicamente la potenza che caratterizza le azioni divine 10. Non va dimenticato inoltre che il dito, partecipe dell attività e della forza esercitate dal braccio o dalla mano, si avvale tuttavia di una proprietà esclusiva: il pregio della sua agilità permette in effetti di utilizzarlo in quelle azioni, singolari e delicate, che richiedono un impegno particolare 11. Il dito infine anzitutto l indice serve per segnalare o indicare qualche cosa, anche metaforicamente. Il famoso affresco di Michelangelo della Cappella Sistina, che ha per tema la creazione dell uomo, dà l impressione 12 di tradurre in una geniale e armoniosa forma plastica l idea di cui stiamo parlando: la mano di Dio è in procinto di toccare col dito della sua potenza il primo uomo, trasmettendogli in tal modo la forza divina necessaria alla vita 13. L esegesi moderna del passo di Es 8,15 si inserisce, pur con qualche sfumatura in più, nella linea della tradizione giudaica. Contro l evidenza del testo masoretico (e la traduzione della Vulgata), B. Couroyer ha osservato 14 che nell AT il dito di Dio al singolare non viene mai impiegato per indicare la potenza. Quindi, attraverso un confronto di Es 8,15 con i testi egiziani, egli ipotizza che proprio da questi ultimi provenga la sentenza dei maghi: Dito di Elohim (è) questo (Es 8,15TM: awhi µyhiola 9. Per gli esempi vedi Strack - Billerbeck, Kommentar, III, ; I. Löw, Die Finger in der Litteratur und Folklore der Juden. Gedenkbuch für D. Kaufmann, Cf. F. Zorell, Lexicon Hebraicum et Aramaicum Veteris Testamenti, Roma 1960, Vedi al riguardo lo studio di E. Dhorme, L emploi métaphorique des noms de parties du corps en hébreu et en akkadien, RB 32 (1923) ; J.K. Hoffmeier, The Arm of God Versus the Arm of Pharaoh in the Exodus Narratives, Bib 67 (1986) : le descrizioni delle vittorie di YHWH-guerriero sul faraone si ispirano alle espressioni egiziane che simboleggiano il potere del sovrano. Per il NT vedi invece K. Grayston, The Significance of the Word Hand in the New Testament, in A. Descamps - A. De Halleux (sous la dir.), Mélanges Bibliques en hommage au R.P. Béda Rigaux, Gembloux 1970, Cf. A. Pedrini, I simboli dello Spirito Santo. Il valore dei simboli in una riflessione biblico-ascetica, Milano 1981, Lo notava già E. Käsemann, Lukas 11,14-28: Meditation, in Exegetische Versuche und Besinnungen, I, Göttingen , Sul significato del dito nel mondo greco-romano, giudaico e cristiano cf. K. Groß, Finger, in Th. Klauser (hrsg.), Reallexikon für Antike und Christentum, VII, Stuttgart 1969, Sul simbolo della mano di Dio nelle raffigurazioni artistiche del cristianesimo vedi la monografia di M. Kirigin, La mano divina nell iconografia cristiana (Studi di Antichità Cristiana 31), Città del Vaticano Le doigt de Dieu (Exode, VIII,15), RB 63 (1956)

6 88 L. D. CHRUPCAŁA [B'xa ). Mentre il vocabolo µyhiola andrebbe riportato senza artifici ad una divinità in senso generico, a un dio qualsiasi 15, e non a YHWH quindi; il dito invece si riferirebbe al bastone (awhi / questo ) usato da Aronne. La tradizione giudaica, avendo perso di vista il richiamo originale al bastone, interpretò la formula in modo astratto. Dito, identificato con bastone, venne a significare non una potenza magica qualunque, ma un onnipotenza divina, in quanto per operare il miracolo questa era indispensabile. Diversa è la posizione di A. Niccacci 16 che nega la comparazione del dito con il bastone di Aronne. Per lui, l espressione biblica il dito di Dio è questo significa semplicemente un opera divina e non umana. Lo stesso va detto per J.I Durham: benché veda interessante la teoria di Couroyer, ritiene tuttavia che the idea that the phrase finger of god (God) refers literally to the staff of Aron [ ] is only arbitrarily supported. But Couroyer may be correct in his suggestion that the Egyptian wizards are declaring to Pharaoh the presence in this miracle of divine power without confessing a belief in Yahweh, the God Moses and Aaron represent 17. 3) Il dito di Dio nel NT Il NT usa il termine davktulo": (a) nel senso proprio (Mc 7,33: Gesù mette le sue dita negli orecchi del sordomuto; Gv 8,6: di fronte agli accusatori dell adultera Gesù scrive per terra con il dito; Gv 20,25.27: il dito di Tommaso), (b) come locuzione proverbiale (Mt 23,4//Lc 11,46: i farisei non toccano i pesi nemmeno con un dito ; Lc 16,24: il ricco epulone desidera che Lazzaro vada ad intingere nell acqua la punta del dito, è un espressione per dire una piccola quantità) e (c) solo una volta esattamente nel caso di Lc 11,20 esso assume il valore di un antropomorfismo riferito a Dio. Trattandosi di un hapax del NT si può pensare che Gesù nella spiegazione del suo esorcismo si sia rifatto ad un testo esplicito dell AT, alludendo forse all interpretazione che esso aveva nell ambiente vitale del suo tempo. Secondo R.W. Wall 18, il logion lucano trova uno sfondo nell orizzonte deuteronomista. Un parallelo potrebbe costituire la sezione di Dt 9,1-10, La nota della Bible de Jérusalem a Es 8,15 propende per questa versione. 16. Sullo sfondo egiziano, J.I Durham, Exodus (World Biblical Commentary 3), Waco (Texas) 1987, 109; egli traduce Es 8,15(19): This is an act of a god (p. 106). Più esplicito ancora Zorell, Lexicon Hebraicum, 76: Dei digitus est = hoc fecit Deus. 18. The Finger of God. Deuteronomy 9.10 and Luke 11.20, NTS 33 (1987)

7 IL DITO DI DIO NELL ESEGESI MODERNA E PATRISTICA 89 Gesù, come Mosè, si rivolge ad un uditorio ostile intendendo evocare alla memoria dei presenti the recognition of a God who once revealed his salvation by writing on stone but who now reveals his salvation by his finger s new work, the exorcism of demons 19. L espressione davktulo" Qeou' si presenterebbe in questo contesto non come una designazione del potere di Dio oppure una descrizione della facilità con cui il messia riesce a sconfiggere il male, ma come un evento rivelatore comparabile all azione di Dio che scrive le sue promesse dell alleanza, compiute ora in coloro che vengono liberati dal potere demoniaco. Per quanto valida possa essere questa interpretazione, gli unici elementi a suo sostegno (e cioè l identificazione di Gesù come il profeta simile a Mosè e la frase-chiave ejn daktuvlw/ qeou') sono insufficienti per poterla collegare con lo sfondo deuteronomista e fondare proprio su questo la comprensione sia del dito di Dio che del contesto dell espressione lucana. Tra le ricorrenze del termine dito riferito a Dio che troviamo nell AT solo il passo di Es 8,15 sembra adattarsi maggiormente al detto lucano dal punto di vista letterario e contestuale. La vicenda raccontata in Es 8,15 trova infatti qualche punto d incontro con quella di Lc 11, Gli avversari di Gesù, pur constatando l efficacia del gesto miracoloso di Gesù, erano ostili a vedere in esso il segno dell opera di Dio. Il loro indurimento era simile a quello del faraone. Al contrario gli esorcisti che scacciano i demoni 21 sapranno riconoscere il vero significato dell azione di Gesù (v. 19). Questa era possibile soltanto perché egli agiva munito di una forza soprannaturale (v. 20). E noto che l AT fa continuo riferimento al concetto di forza o potenza allo scopo di presentare l opera liberatrice messa in atto da YHWH. L esodo 19. Wall, The Finger of God, Per le questioni letterarie inerenti a questa pericope rimando a R. Beauvery, Jésus et Béelzéboul (Lc 11,11-28), Assemblées du Seigneur 30 (1964) 26-36; A. George, Parole de Jésus sur ses miracles (Mt 11,5.21; 12,27.28 e par.), in J. Dupont (éd.), Jésus aux origines de la christologie (BEThL 40), Gembloux 1975, ; J. Schlosser, Le Règne de Dieu dans les dits de Jésus (ÉB), I, Paris 1980, ; R. Laufen, Die Doppelüberlieferungen der Logienquelle und des Markusevangeliums (BBB 54), Bonn 1980, ; R. Meynet, Qui donc est le plus fort? Analyse rhétorique de Mc 3,22-30; Mt 12,22-37; Luc 11,14-26, RB 90 (1983) ; G. Chico, Jesús y Beelzebul. La Presencia del Reino en un Cuadro Polémico (Mt 12,22-32; Mc 3,22-30; Lc 11,14-23; 12,10), Communio (Sevilla) 22 (1989) 41-52; H. Schürmann, QLk 11,14-36 kompositionsgeschichtlich befragt, in F. Van Segbroeck - C.M. Tuckett - G. Van Belle - J. Verhetden (edited by), The Four Gospels Festschrift Frans Neirynck (BEThL 100), I, Leuven 1992, ; M.E. Boring, The Synoptic Problem, Minor Agreements, and the Beelzebul Pericope, in Van Segbroeck, The Four Gospels, I, L allusione di Gesù all esistenza di questo genere di persone è ben confermata; cf. Lc 9,49; At 19,13-19; Flavio Giuseppe, Antiquitates Judaicae VII,2.

8 90 L. D. CHRUPCAŁA dall Egitto e il passaggio miracoloso del Mar Rosso si pongono fra gli eventi più rammentati fino a diventare il prototipo di ogni liberazione da qualsiasi situazione di miseria e di angoscia 22. L antichissimo canto di Mosè testimonia al riguardo: La tua destra, Signore, terribile per la potenza, la tua destra, Signore, annienta il nemico [ ] stendesti la destra, li inghiottì la terra ; i nemici del popolo per la potenza del tuo braccio restano immobili come pietre (Es 15, ; cf. inoltre 13,14; 32,11; Dt 7,19; 9,26.29; Is 51,9-10). La potenza di YHWH si rivela anche nella creazione: Ah, Signore Dio, tu hai fatto il cielo e la terra con grande potenza e con braccio forte; nulla ti è impossibile (Ger 32,17). E opera di Dio la conquista della terra promessa: Poiché non con la spada conquistarono la terra, né fu il loro braccio a salvarli; ma il tuo braccio e la tua destra [Sal 43(44),4]. La constatazione di questi eventi straordinari fa nascere negli ebrei la convinzione che nessuno fuori di Dio è capace di fare opere e prodigi come lui (cf. Dt 3,24), e quindi nessuno eccetto YHWH è in grado di portare la salvezza. Proclamare allora che Dio esercita nel mondo la sua potenza, vuol dire annunciare che da lui soltanto proviene la salvezza. Di fronte ai testi citati e soprattutto al libro dell Esodo con il quale Lc 11,20 si vede imparentato, potrebbe sorgere l idea che il versetto allo studio implichi un allusione esplicita ad un nuovo Mosè nonché ad un nuovo Esodo. Così ad es. leggiamo nella nota z) della TOB: Jésus est le nouveau Moïse qui chasse les démons par son propre pouvoir. Un senso piuttosto metaforico che non una reale conformità riconosce invece S. Sabugal 23. Secondo lui, Gesù agisce con lo stesso potere usato da Mosè per la realizzazione delle gesta salvifiche dell Esodo: gli esorcismi di Gesù inaugurano perciò il nuovo esodo messianico, liberando il nuovo Israele dalla tirannia imposta dal faraone diabolico. Pure A. Roosen, che rifiuta una semplice comparazione (in particolare fra i maghi egiziani e gli esorcisti ebrei), vede nondimeno una certa analogia, quanto alla qualità di oggetto dell attività svolta dal rappresentante di Dio (Mosè / Gesù). I maghi egiziani, constatando il carattere eccezionale dell opera di Mosè, concludono: Questo è il dito di Dio. Sullo sfondo di questa situazione, l attività di Gesù, per meritare la qualifica del dito di Dio, deve distinguersi da quella dei suoi concorrenti. Comme il s agit cependant d exorcismes dans les deux cas, on devra conclure qu une dif- 22. Vedi su questo P. Biard, La puissance de Dieu, Paris Reino y reinado de Dios en el mensaje de Jesús, Estudio Agustiniano 20 (1985) (qui 289).

9 IL DITO DI DIO NELL ESEGESI MODERNA E PATRISTICA 91 férentiation pourra se faire seulement dans la quantité, c est-à-dire dans l universalité de l action de Jésus 24. L allusione ad un nuovo Mosè o ad un nuovo Esodo, tra l altro molto significativa dal punto di vista teologico e non sconosciuta presso gli autori neotestamentari, si rivela in questo caso ingiustificata per la mancanza di motivi letterari sufficienti. Tuttavia, non può esserci alcun dubbio che il detto di Gesù si richiami all esorcismo come ad un esperienza dell attività escatologica di Dio 25. 4) Il dito di Dio o lo Spirito di Dio? Il detto di Lc 11,20 ha un parallelo in Mt 12,28. Quello che distingue i due passi è la diversa formulazione di una sola locuzione: secondo la versione lucana, Gesù scaccia i demoni ejn daktuvlw/ qeou'; in base invece al testo di Matteo, ciò avviene ejn pneuvmati qeou'. Quale formula bisogna ritenere originaria? Inoltre, al di là dell espressione letteraria, è lecito pensare che i due passi evangelici si riferiscono proprio a due realtà opposte? Numerosi sono gli autori che hanno cercato fin ora di risolvere la questione del logion primitivo 26. La maggioranza propende per la versione lucana, fondandosi sull antropomorfismo del dito di Dio e sull interesse che il terzo evangelista ha per lo Spirito santo. Una minoranza degli studiosi considera invece originale l espressione di Matteo, sostenendo che Luca abbia introdotto l immagine del dito di Dio in conformità con Es 8, Vediamo brevemente gli argomenti di queste due posizioni A. Roosen, Le Royaume de Dieu dans l œuvre de Luc (Pars diss. ad Lauream in Facultate S. Theologiae apud Pontificiam Universitatem S. Thomae de Urbe), Louvain 1969, Così N. Perrin, Rediscovering the Teaching of Jesus, London-Evanston 1967, Cf. tra gli altri Hamerton-Kelly, A Note on Matthew, ; A. George, Par le doigt de Dieu (Lc 11,20), in Études sur l œuvre de Luc (SB), Paris 1978, ; Schlosser, Le Règne de Dieu, I, ; J.-M. Van Cangh, Par l esprit de Dieu - par le doigt de Dieu MT 12,28 par. LC 11,20, in J. Delobel (edited by), LOGIA. Les paroles de Jésus The Sayings of Jesus. Mémorial Joseph Coppens (BEThL 59), Leuven 1982, La ricostituzione del testo originale ha interessato molti studiosi. Per una lista abbondante di sostenitori delle due posizioni rimando a George, Par le doigt de Dieu, 127 note 2 e Qualcuno ha tentato una terza via, proponendo come originale l espressione ejn ojnovmati qeou', ma ciò è infondato (vedi in R. Bultmann, Die Geschichte der synoptischen Tradition, Göttingen , 175 nota 2). Più verosimile, ma ugualmente difficile da comprovare, l ipotesi mediana

10 92 L. D. CHRUPCAŁA Luca si serve di antropomorfismi come cei;r kurivou (Lc 1,66; At 7,50 con la citazione di Is 66,2; 11,21; 13,11; cf. anche 4,28.30) e bracivwn di Dio (Lc 1,51 con la citazione di Sal 88,11; At 13,17 dove appaiono molte reminiscenze dell AT: Es 6,1.6; Dt 4,34; 5,15; 9,26.29). Queste immagini, oltre che testimoniare la cura con la quale Luca preserva le fonti antiche (ciò riguarda in primo luogo il vangelo) 29, evidenziano la predilezione dell evangelista per il linguaggio anticotestamentario; esse sono quindi una caratteristica del suo stile. Così si potrebbe spiegare l apparizione del dito di Dio in 11,20 come un cambiamento redazionale, sebbene la metafora sia unica in tutto il NT. E noto l interesse particolare del terzo evangelista per lo Spirito santo 30. Il numero delle presenze di pneu'ma solo nel vangelo supera le menzioni matteane (Lc: 36; Mt: 19). Se poi aggiungiamo il libro degli Atti (70 volte), ci rendiamo subito conto dell importanza che questo tema assume nell opera lucana. Sembra perciò inverosimile che Luca abbia potuto tralasciare pneu'ma se l avesse veramente trovato nella sua fonte. Contro questa evidenza si hanno però due passaggi nei quali la menzione dello Spirito che figurava nelle fonti è stata da Luca evitata. In Lc 20,42 Gesù introduce una citazione del Sal 110 con le parole: Davide stesso nel libro dei Salmi (ejn bivblw/ yalmw'n) dice. In questo luogo il testo parallelo di Mc 12,36 riporta ejn tw'/ pneuvmati tw'/ ajgivw/ e Mt 22,43 usa l espressione più breve ejn pneuvmati. La seconda omissione l abbiamo in Lc 21,15. Alla promessa di Gesù di dare ai discepoli lingua e sapienza i testi paralleli di Mt 10,20 e Mc 13,11 hanno la promessa dello Spirito che parlerà in essi. Luca però conosce lo stesso logion con la menzione dello Spirito (cf. 12,12) 31. di G. Strecker, Der Weg der Gerechtigkeit. Untersuchung zur Theologie des Matthäus (FRLANT 82), Göttingen 1962, 168: la differenza sarebbe dovuta non all attività redazionale degli evangelisti, ma all impiego di due versioni indipendenti della Q (su questo vedi più avanti). 29. E in linea con questo che C.K. Barrett, The Holy Spirit and the Gospel Tradition, London 1947 (rist. 1954), 63, considerava la versione lucana del detto di Gesù one of the few references to the Spirit (which) disappear from the earliest stratum of the Gospel tradition. 30. La bibliografia al riguardo è fiorente. Qui basti solo accennare a qualche studio: G.R. Beasley-Murray, Jesus and the Spirit, in Descamps - De Halleux, Mélanges bibliques, ; G. Haya-Prats, L Esprit force de l Eglise. Sa nature et son activité d après les Actes des Apôtres (LD 81), Paris 1974; A. George, L Esprit Saint dans l œuvre de Luc, RB 85 (1978) ; M.M.B. Turner, Jesus and the Spirit in Lucan Perspective, TynB 32 (1981) 3-42; M.-A. Chevallier, Luc et l Esprit Saint, RSR 56 (1982) A parte le suddette omissioni, occorre far cenno pure a Lc 11,13, il passo situato nell immediata vicinanza della scena di Beelzebul. Il confronto sinottico aiuta a scoprire che Luca, al posto delle ajgaqav (Mt 7,11) che il Padre darà ai richiedenti, mise la menzione dello pneu'ma a{gion (Lc 11,13). E un chiaro esempio d esplicitazione pneumatologica da parte del terzo evangelista, che potrebbe rassomigliare a quella matteana nei confronti di Lc 11,20.

11 IL DITO DI DIO NELL ESEGESI MODERNA E PATRISTICA 93 Questi due passaggi ci fanno vedere perciò che forse la predilezione lucana per la parola pneu'ma è stata enfatizzata fin troppo 32. Di conseguenza, fondare su questo fatto l originalità di Lc 11,20 non sembra del tutto pertinente. Se gli argomenti dei sostenitori della versione lucana non hanno un peso preponderante nella discussione, anche la risposta della parte opposta regge poco. E vero che l accostamento della figura di Mosè a quella di Gesù è presente nell opera lucana (Lc 9,28-36; 12,14; 24,19; At 3,12-26; 7,14-44), ma questo fatto può appartenere già alla tradizione e non necessariamente alla redazione 33, e ciò andrebbe proprio a favore dell originalità di Lc 11,20 (sempre però se è vero che nel caso di Lc 11,20 ci sia proprio questo accostamento). Gesù stesso ha potuto benissimo evocare l esempio di Es 8,15 nel contesto di indurimento dei farisei nei riguardi del suo agire. Raccogliendo i dati pro e contro non possiamo dire con certezza che l espressione ejn daktuvlw/ qeou' sia originaria, come del resto la mancanza di motivi sufficienti non autorizza ad ammettere il contrario 34. Se tuttavia la questione del testo primitivo crea problemi, non incide affatto sul significato dell espressione lucana considerarla originale oppure essere inclini a vedere in essa una modifica dell espressione origi- 32. Così si esprime Hamerton-Kelly, A Note on Matthew, 167: There is, however, the possibility that Luke s fondness for the world pneu'ma has been overemphasized. Vedi inoltre le osservazioni critiche J.E. Yates, The Spirit and the Kingdom, London 1963, 90-94; Luke s Pneumatology and Lk. 11,20, in F.L. Cross (edited by), Studia Evangelica. III: Papers presented to the Second International Congress on New Testament Studies (Oxford 1961), Part 1: The New Testament Scriptures (TU 87), Berlin 1964, Secondo lo Yates, la buona conoscenza del linguaggio biblico permise a Luca di ricorrere ad un immagine parallela. Il motivo di questo cambiamento linguistico andrebbe ricercato in una visione particolare della pneumatologia lucana. 33. F. Gils, Jésus prophète d après les évangiles synoptiques (Orientalia et Biblica Lovaniensia 2), Louvain 1957, 40, ritiene come primitiva l espressione matteana, la quale sarebbe stata abbandonata da Luca per creare un parallelismo tra Gesù e Mosè. Il tema del nuovo Mosè non è però come afferma Gils stesso alla p. 29 un invenzione di Luca, ma un riflesso di tutta la tradizione evangelica comune. Per una visione d insieme del tema di Gesù come nuovo Mosè negli scritti lucani e la relativa bibliografia cf. F. Bovon, L œuvre de Luc. Études d exégèse et de théologie (LD 130), Paris 1987, Segnalo inoltre R.F. O Toole, The Parallels Between Jesus and Moses, BibTheolBull 20 (1990) J. Coppens conclude il dilemma col dire: l exception de Lc XI,20 à une règle générale est peut-être favorable à l authenticité de la variante [ Le message de Jésus prophète messianique et serviteur de Dieu, in Coppens, Le Messianisme et sa relève prophétique. Les anticipations vétérotestamentaires. Leur accomplissement en Jésus (BEThL 38), Gembloux 1974, 235].

12 94 L. D. CHRUPCAŁA naria. Infatti, pur essendo diverse dal punto di vista letterario, le due espressioni hanno tuttavia una perfetta corrispondenza concettuale 35. Di conseguenza, come scrive E. Rasco 36, nada cambia en el sentido del dicho: en todo caso Lucas no separa rígidamente Jesús y el Espíritu. L eventuale cambiamento effettuato da Luca sarebbe dovuto a motivi di ordine teologico 37. E invece relativamente facile dimostrare la riformulazione della fonte ad opera di Matteo. La menzione dello Spirito in Mt 12,28 s accorda bene con il contesto. Un passo proprio a Matteo (la citazione di Is 42,1-4 con l accenno allo Spirito) precede la controversia su Beelzebul, che termina con il logion sulla bestemmia contro lo Spirito santo (Mt 12,32). Con l introduzione di pneu'ma laddove la fonte Q aveva davktulo" Matteo avrebbe potuto racchiudere in un punto il rapporto che univa la controversia sugli esorcismi con ciò che precede e segue Lo notava già Barrett, The Holy Spirit, 63: of course, it is true that there is no real difference of meaning between finger of God and Spirit of God: both are metaphors used to denote the mighty power of God. E altrettanto irenica l opinione di W.C. Van Unnik, Jesus the Christ, NTS 8 (1962) 115: Whatever version of this logion is original, it indicates in any case that the almighty power of God works through Jesus. Simile T. Lorenzmeier, Zum Logion Mt 12,28; Lk 11,20, in H.D. Betz - L. Schottroff (hrsg.), Neues Testament und christliche Existenz. Festschrift für Herbert Braun, Tübingen 1973, 291: Welche von beiden (Formulierungen) auch die ursprüngliche sein mag, inhaltlich besagen beide dasselbe: durch das Wirken Jesu tut sich die Macht Gottes kund ; cf. anche Käsemann, Lukas, La teología de Lucas: origen, desarrollo, orientaciones (AG 201), Roma 1976, 103 nota Così W. Kirchschläger: se tutta l attività di Gesù è sostenuta dallo Spirito, anche la presenza del regno si deve all azione di Gesù realizzata con lo Spirito; vero questo, ma non lo è di meno il fatto che negli scritti lucani una concreta opera salvifica di Gesù non è ricondotta direttamente allo Spirito. Dies ist kein Widerspruch, sondern vielmehr die Betonung einer besonderen Nuance [Jesu exorzistisches Wirken aus der Sicht des Lukas. Ein Beitrag zur lukanischen Redaktion (ÖBS 3), Klosterneuburg 1981, 234]. Con maggior enfasi, propende per un motivo teologico R.P. Menzies, Spirit and Power in Luke-Acts: A Response to Max Turner, JSNT 49 (1993) 17: By replacing pneuvmati qeou' with daktuvlw/ qeou' Luke eliminated a reference which attributed Jesus exorcisms to the agency of the Spirit. 38. M.A. Chevallier, Souffle de Dieu. Le Saint-Esprit dans le Nouveau Testament. I: Ancien Testament, Hellénisme et Judaïsme. La tradition synoptique. L œuvre de Luc (Le point théologique 26), Paris 1978, 156: Jésus, le Serviteur doté du souffle selon Is 42 (1 er élément), chasse les démons par la puissance du souffle (2 e élément), si bien qu en l accusant de les chasser par Béelzéboul, les pharisiens blasphèment contre le souffle (3 e élément). Cf. anche M. Trautmann, Zeichenhafte Handlungen Jesu. Ein Beitrag zur Frage nach dem geschichtlichen Jesus (FzB 37), Würzburg 1980, 262; L. Sabourin, L Évangile

13 IL DITO DI DIO NELL ESEGESI MODERNA E PATRISTICA 95 Infine, non si deve neppure scartare a priori l ipotesi di C.S. Rodd 39. Tenuto conto di una breve forma proverbiale del logion evangelico, si potrebbe supporre che ne esistessero due versioni parallele, divergenti in qualche piccola espressione ma identiche nella sostanza. Mentre Matteo attinse il suo detto dalla Q (dove poteva comunque essersi già verificato il cambiamento in Spirito di Dio, volto ad eliminare così un antropomorfismo e mettere in evidenza che il potere di Gesù sui demoni proveniva dal suo possesso dello Spirito), Luca viceversa trovò il detto con la menzione del dito di Dio in una fonte particolare e, consapevole della sua singolarità, lo accolse credendo si avvicinasse più da vicino al modo di parlare di Gesù. Se queste supposizioni sono in grado, tutt al più, di affermare l assenza in Q dell espressione dito di Dio, esse tuttavia non chiariscono, beninteso, la questione del logion originale di Gesù. II. Il dito di Dio nei Padri Seppure assente a livello puramente letterale, il ruolo dello Spirito sembra essere comunque fondamentale nell azione esorcistica di Gesù, di cui in Lc 11,20. Questa idea, che corrisponde alla visione lucana dello Spirito, non rappresenta tuttavia un acquisizione dell esegesi moderna, ma è stata percepita e largamente accolta già dai Padri della chiesa 40. de Luc. Introduction et commentaire, Roma 1987, 235. Per E. Schweizer, pneu'ma ktl., TWNT VI (1959) 395 (GLNT X, ): pneuvmati is wahrscheinlich Korrektur der Gemeinde, die die Wirkungen des Geistes in ihrer Mitte erfahren hat, für das ursprüngliche daktuvlw/ ; secondo G. Schneider, davktulo", EWNT I (1980) 659, l espressione matteana ist sekundär und stammt wohl von Matthäus. A P. Grelot, Chi sei tu, o Cristo?, Firenze , 154 nota 82, sembra poi che la locuzione di Matteo derivi da un adeguamento al linguaggio più abituale, in quanto piuttosto che l immagine vi si afferra l idea. Lo riteneva prima P. Gaechter, Das Matthäus Evangelium, Innsbruck-Wien-München 1963, 402: Geist Gottes ist demnach eine legitime, alt-urchristliche, theologische Umschreibung des ursprünglicheren, weil anthropomorphen Ausdrucks Finger Gottes in Lk 11,20. E in questo senso che F. Lambiasi, Lo Spirito Santo: mistero e presenza. Per una sintesi di pneumatologia (Corso di teologia sistematica 5), Bologna 1987, 52 nota 43, parla di una esplicitazione pneumatologica di Lc 11,20 in Mt 12, Spirit or Finger, ExpT 72 ( ) ; il Rodd difende la variante matteana. 40. Come rileva a buon diritto Rasco, La teología, 104: Esta profundidad de la expresión lucana la percibieron ya en la antigüedad algunos Padres ; egli cita Clemente di Alessandria, Atanasio, Agostino e inoltre Tommaso d Aquino.

14 96 L. D. CHRUPCAŁA Negli scritti patristici la voce dito ricorre spesso e viene impiegata dai Padri in diverse occasioni 41. Tuttavia, il nostro interesse è circoscritto unicamente a quelle testimonianze in cui il dito, quale attributo di Dio, si connette con la figura dello Spirito santo. Facendo una lettura dei testi, divisi secondo le varie tematiche, si cercherà di dare un fondamento all idea che vede nell espressione di Lc 11,20 l azione dello Spirito. 1) La prima testimonianza E difficile stabilire se spirito dell Epistola di Ps. Barnaba si riferisca proprio allo Spirito santo. Il testo in questione dice: Mosè stava digiunando sul monte Sinai quaranta giorni e quaranta notti, per ricevere l alleanza del Signore con il popolo. E Mosè ricevette dal Signore le due tavole scritte in spirito dal dito della mano del Signore (gegrammevna" tw'/ daktuvlw/ th'" ceiro;" kurivou ejn pneuvmati) 42. Molto simile suona un passo di Ireneo di Lione: E nel deserto Mosè riceve da Dio le leggi; le dieci sentenze su tavole di pietra, scritte col dito di Dio; e il dito di Dio è quello che è steso dal Padre allo Spirito santo 43. Secondo L.M. Froidevaux 44, Ireneo citerebbe qui proprio il testo di Barnaba 14,2. A giudizio di P. Prigent invece, si tratta al massimo di una lontana reminiscenza, ma pure ciò mancherebbe di fondamento perché nel versetto della Lettera di Barnaba non si ha l accostamento dito di Dio e Spirito santo, e inoltre l espressione in spirito è un immagine che serve ad attenuare la forza dell antropomorfismo Vedi la presentazione di Groß, Finger, Ps. Barnaba, Epistola catholica 14,2: PG 2,768A; testo in P. Prigent, L Épître de Barnabé. Introduction, traduction et notes (SCh 172), Paris 1971, 178; tr. F.S. Barcellona, Epistola di Barnaba, Torino 1975, Demonstratio apostolicae Praedicationis 26; tr. E. Bellini, Contro le eresie e gli altri scritti, Milano 1981, 499; esiste solo nella versione armena: PO 12, Démonstration de la Prédication Apostolique. Nouvelle traduction de l arménien avec introduction et notes (SCh 62), Paris 1959, 73-74; egli propone la seguente traduzione del passo di Ireneo: plavka" liqivna" gegrammevna" tw'/ daktuvlw/ tou' Qeou', kai; oj davktulo" Qeou' ejstin o{per ei lken ajpo; tou' Patro;" ejn tw'/ ÔAgivw/ Pneuvmati. 45. Cf. P. Prigent, L Épître de Barnabé I-XVI et ses sources (ÉB), Paris 1961, 62.

15 IL DITO DI DIO NELL ESEGESI MODERNA E PATRISTICA 97 2) Il dito come potenza di Dio Alcune delle prime interpretazioni patristiche del dito di Dio vedono in esso l azione di una forza soprannaturale. Così, Tertulliano definisce il dito di cui in Es 8,15 come la potenza del creatore: Presso il faraone, infatti, quegli avvelenatori, adoperati contro Mosè, chiamarono dito di Dio la potenza del creatore ( questo è il dito di Dio ), che significava qualcosa sia pur piccola, ma pur sempre potentissima. Poiché anche Cristo intende questo, Egli ricorda, non cancella le cose antiche (evidentemente, esse gli appartengono), e quindi definì la potenza di Dio dito di Dio, tale che doveva essere creduta appartenente a nessun altro Dio se non a Colui presso il quale essa era stata così chiamata. Quindi, si era avvicinato il regno di Colui la cui potenza era chiamata dito di Dio 46. Anche Clemente Alessandrino identifica il dito con la potenza divina. All inizio dell interpretazione allegorico-mistica del decalogo che rappresenta tra l altro un esempio di lettura della Scrittura in senso gnostico cristiano, egli fa un riferimento al testo di Es 31,18 con il seguente commento: Se le tavole scritte sono opera di Dio, si troverà che rivelano [conformità con la] creazione della natura. Con dito di Dio s intende infatti la potenza di Dio, per cui è compiuta la creazione del cielo e della terra, e di questi le [due] tavole s intenderanno simboli 47. Il più tardivo Cosma Indicopleuste non parla espressamente della potenza di Dio, ma il concetto rimane comunque trasparente. Presentando l opera di Mosè, il monaco sinaitico ritiene inconcepibile come uno possa nutrire ancora dei dubbi; ciò infatti sarebbe irragionevole per il semplice fatto di un gran numero di testimoni a favore di Mosè. Cosma quindi conclude: 46. Adversus Marcionem IV,26: PL 2,457AB; CSEL 47,3,512; tr. C. Moreschini (a cura di), Opere scelte di Quinto Settimio Florente Tertulliano (UTET), Torino 1974, Stromatum VI,16: PG 9,357C; tr. G. Pini, Stromati. Note di vera filosofia, Milano 1985, 751. Procopio di Gaza, Commentarius in Exodum 8,22, descrive il significato del dito di Dio in questo modo: ajnti; tou' th'/ qeou' ejnergeiva/ tau'ta givnetai, kai; oujk ajnqrwvpwn (PG 87,553A). Vedi anche Giovanni Crisostomo, In Matthaeum Homilia XLI,28, il quale, dopo aver citato i due passi paralleli di Matteo e Luca, commenta: megivsth" dunavmew" e[rgon ejsti; to; daivmona" ejkbavllein, ouj th'" tucouvsh" cavrito" (PG 57,447).

16 98 L. D. CHRUPCAŁA Davvero, esprimendo anch io la mia ardente convinzione, (direi) che, a meno che non si voglia diventare nemico di Dio, non è possibile contraddire a Mosè; infatti, si dovrà convenire, contriti, su queste parole: Il dito di Dio è su di lui (Es 8,15), e confessare la sconfitta, così come l hanno fatto indovini e maghi egiziani Jannes e Jambre a proposito di Mosè 48. E interessante rilevare ancora la voce di Ireneo di Lione, il quale connette il fatto raccontato nell Esodo all incarnazione del Figlio di Dio, la vera potenza di Dio che opera la salvezza del popolo: Perciò anche Mosè per indicare una figura di Cristo gettò il bastone a terra (Es 7,9-10), affinché, dopo essersi incarnato, condannasse e ingoiasse (Es 7,12) tutta la prevaricazione degli Egiziani che insorgeva contro l economia di Dio e gli stessi Egiziani attestassero che era il dito Dio (Es 8,15) ad operare la salvezza per il popolo, e non il figlio di Giuseppe 49. Del dito di Dio come potenza di Cristo parla anche Esichio Presbitero. Si legge in Lv 4,6 che nel caso del sacrificio espiatorio il sacerdote dovrà intingere il dito nel sangue del giovenco e fare con esso sette aspersioni dinanzi al Signore di fronte al velo del santuario. Esichio paragona quindi il santuario (il velo/la figura) e il santo dei santi con la persona di Cristo: la carne (il velo/la figura) e la potenza divina. Per questo motivo dice il dito di Dio viene chiamato la sua potenza 50, e in seguito cita i passi di Es 8,15; Sal 8,4 e Lc 11,20. Il dito quindi sta per significare la potenza della divinità del Signore; intinto nel sangue della passione, il dito ha mostrato che nella carne di Cristo agiva la potenza divina. 3) Il dito di Dio identificato con lo Spirito santo A prescindere però da queste poche eccezioni, nell esegesi dei Padri, sia greci che latini, il dito di Dio del testo lucano viene regolarmente identificato con lo Spirito santo. 48. Topographia Christiana III,56: PG 88,164B. Per testo e traduzione cf. W. Wolska- Conus, Topographie Chrétienne (SCh 141), I, Paris 1968, ]. 49. Adversus haereses III,21,8: testo in A. Rousseau - L. Doutreleau (éd.), Contre les hérésies. Livre III (SCh 211), II, Paris 1974, 422; tr. Bellini, Contro le eresie, Esichio Presbitero, Commentarius in Leviticum I (PG 93,822D).

17 IL DITO DI DIO NELL ESEGESI MODERNA E PATRISTICA 99 a) Lo Spirito nella creazione (Sal 8,4) La creazione scrive Ambrogio di Milano è l opera della grande potenza di Dio (Ger 32,17), del Padre e del Figlio, ma anche dello Spirito. Quando infatti cielo e terra venivano creati, lo Spirito vi alleggiava sopra. A proposito dello Spirito, poi, lo stesso David dice in un altro salmo: Manda il tuo Spirito e saranno creati (Sal 103,30); e ancora altrove: Vedo i tuoi cieli, opera delle tue dita (Sal 8,4). Certo Dio non creò il cielo e la terra con dita corporee, ma con la grazia dello Spirito settiforme, con quel dito di cui trovi scritto nel Vangelo: Se col dito di Dio io scaccio i demoni (Lc 11,20). Questo dito è altrove definito Spirito, come è scritto: Se nello Spirito di Dio scaccio i demoni (Mt 12,28). Se allora lo Spirito è il dito di Dio, visto che il Figlio ne è il braccio, lo Spirito, cooperando col Padre e col Figlio nell unità della loro azione, ha collaborato alla creazione del cielo e della terra. Il Figlio chiamò dito lo Spirito per indicare l unità della divinità attraverso la metafora dell unità delle membra del corpo 51. Ambrogio mette qui in rapporto i due testi paralleli di Luca e Matteo e da questo confronto trae la conclusione ermeneutica. Questo metodo di accostarsi al testo biblico, usato anche da altri Padri, potrebbe essere chiamato di tipo sostitutivo, perché funziona come un sistema algebrico, dove l incognita esegetica viene risolta mediante la sua sostituzione con un termine che altrove appare noto 52. E quanto mai curiosa l interpretazione di Giovanni Crisostomo il quale, commentando il passo del Sal 8,4 giunge alla conclusione che non è casuale l attribuzione della creazione dei cieli alle dita e non alla mano di Dio; ciò dimostra infatti che per la realizzazione delle grandi opere è sufficiente la più piccola potenza divina Ambrogio, De apologia (altera) prophetae David 12,63: PL 14,955CD; testo e tr. F. Lucioli, Opere esegetiche V (Opera omnia 5), Milano-Roma 1981, L.F. Pizzolato, La dottrina esegetica di sant Ambrogio (SPM 9), Milano 1978, 291; egli cita l esempio tratto dall Enarratio in Psalmum 43,66 (PL 14,1174D-1175A): Che cosa voglia dire qui (in Lc 11,20) dito, lo spiega la Scrittura stessa, che in un altro libro del vangelo dice: Che se nello Spirito di Dio io scaccio i demoni (Mt 12,28). Dunque il dito di Dio è lo spirito di Dio. Dio è spirito e nella sua natura non ha nulla di corporeo, ma è puro spirito. Dunque, cacciare i demoni nel dito di Dio equivale a cacciarli nello Spirito di Dio. Perciò anche Davide, uomo di Dio, esclama: Vedrò i cieli, opera delle tue dita (Sal 8,4). Cioè, i cieli sono opera del tuo Spirito, secondo anche quanto sta scritto: I cieli sono stati stabiliti dalla parola del Signore e ogni loro valore deriva dallo spirito della sua bocca (Sal 32,6) [testo e tr. L.F. Pizzolato, Opere esegetiche VII/II. Commento a dodici Salmi (Opera omnia 8), Milano-Roma 1980, ]. 53. Cf. Giovanni Crisostomo, Expositio in Psalmum 8 (PG 55,115).

18 100 L. D. CHRUPCAŁA b) Lo Spirito e il dono della legge (Es 31,18; Dt 9,10) Pure altri testi biblici che contengono la parola dito sono in grado d alimentare l interpretazione pneumatologica. E interessante a questo punto richiamare un testo di Gregorio di Nissa, in cui la vicenda delle tavole della legge consegnate da Dio a Mosè viene messa in relazione con l incarnazione di Gesù: Il vero legislatore di cui Mosè era figura riplasmò di sua iniziativa, con materiale preso dalla terra, la nostra natura, raffigurata nelle tavole di pietra. La carne, nella quale scese la divinità, non proviene da unione maritale, ma fu da lui stesso preparata, come facendo sopra di sé il lavoro del tagliapietre. Il dito di Dio vi incise poi le sue lettere. Lo Spirito santo infatti discese sulla Vergine e la virtù dell Altissimo la coprì con la sua ombra (Lc 1,35). Dopo questo evento la natura umana riebbe l antica infrangibile compattezza e ritornò immortale in virtù delle lettere che vi incise il dito di Dio, che è lo Spirito santo, secondo una espressione frequentemente usata dalla Scrittura [davktulo" de; pollach' para; th'" Grafh'" ojnomavzetai to; Pneu'ma to; a{gion]. E allora che avviene in Mosè la meravigliosa trasformazione che lo circonfuse di luce gloriosa e insostenibile da occhi mortali. A chi è pienamente istruito nei misteri della fede, non sfuggirà l esatta corrispondenza tra il senso letterale di questi fatti e la loro interpretazione in senso spirituale. Il Restauratore dell umana natura che giaceva spezzata (devi vedere indicato in queste parole colui che si è dato pensiero di rimediare alle nostre fratture), dopo averle ridato l antica bellezza, servendosi del dito di Dio, è diventato inaccessibile agli occhi degli indegni, poiché da lui emana tanta luce di gloria da abbagliare la vista 54. Agostino commenterà invece lo stesso fatto in senso allegorico, riferendosi alle Sacre Scritture: Leggiamo che è stata scritta dal dito di Dio la Legge data per mezzo di Mosè, suo santo servo (cf. Es 31,18; Dt 9,10); e molti in questo dito di Dio riconoscono lo Spirito santo. Per questa ragione se intendiamo giustamente come dita di Dio i ministri stessi ricolmi dello Spirito santo poiché è lo Spirito stesso che opera in essi, ed è per loro mezzo che è stata redatta a nostro vantaggio tutta la divina Scrittura altrettanto giustamente intenderemo che sono detti cieli, in questo passo, i libri dell uno e dell altro Testamento. Sta di fatto che i maghi del re Faraone, dopo essere stati vinti da Mosè, dissero di lui: questi è 54. De vita Moysis 2: PG 44,398B; testo in J. Danielou, La vie de Moïse (SCh 1 bis), Paris , ; tr. C. Brigatti, La vita di Mosè, Alba 1967, 175.

19 IL DITO DI DIO NELL ESEGESI MODERNA E PATRISTICA 101 il dito Dio (Es 8,15); sta inoltre scritto: il cielo sarà piegato come un libro (Is 34,4); anche se così è detto di questo cielo etereo, opportunamente tuttavia con questa similitudine si nominano i cieli per intendere allegoricamente i libri. Giacché vedrò dice i cieli, opera delle tue dita, cioè vedrò e comprenderò le Scritture, che tu hai scritte per mezzo dei tuoi ministri grazie all opera dello Spirito santo 55. Il motivo corrente di cui si serve il vescovo d Ippona per parlare del dito di Dio identificato con lo Spirito santo è quello pasquale. Come nell AT, cinquanta giorni dopo la Pasqua fu consegnata al popolo la legge scritta dal dito di Dio, così pure nel NT le leggi divine vengono scritte nei cuori dei credenti nel giorno della Pentecoste, il cinquantesimo dopo la Pasqua di Gesù. Ecco un testo in cui vengono messi in parallelo i fatti delle due Alleanze: Siccome siamo già in grado di conoscere in modo evidente, dietro confessione degli stessi maghi del faraone, in che modo lo Spirito di Dio sia stato chiamato nel Vangelo, vediamo ora quale nome abbia preso. Avendo i giudei detto, schernendo il Signore: Costui caccia i demoni in nome di Beelzebub, principe dei demoni (Mt 12,24), Gesù rispose: Se io caccio i demoni nello Spirito di Dio. L espressione viene così riportata da un altro Evangelista: Se io caccio i demoni nel dito di Dio (Lc 11,20). Ciò che il primo ha chiamato Spirito di Dio, l altro l ha chiamato dito di Dio. Perciò lo Spirito di Dio è il dito di Dio. Perciò la legge data ai giudei è stata scritta dal dito di Dio, la legge data sul monte Sinai nel cinquantesimo giorno dopo l uccisione dell agnello (cf. Es 31,18; Dt 9,10). Celebrata la Pasqua dal popolo giudaico si compiono cinquanta giorni dall uccisione dell agnello, e viene data la legge scritta dal dito di Dio. Si compiono cinquanta giorni dall uccisione di Cristo e viene lo Spirito santo, cioè il dito di Dio. Ringraziamo Dio che nella sua provvidenza ci nasconde il significato e nella sua bontà ce lo svela. Vedete ora che anche i maghi del faraone lo hanno confermato apertamente. Venendo meno alla terza prova dissero: Qui c è il dito di Dio (Es 8,15) Enarratio in Psalmum 8,4: PL 36, ; testo e tr. R. Minuti, Esposizioni sui salmi (NBA 25), I, Roma 1967, Sermones de Scripturis VIII,11,14: PL 38,74; testo e tr. P. Bellini, Discorsi I (1-50) sul Vecchio Testamento (NBA 29), Roma 1979, Lo stesso tema ritornerà in De civitate Dei XVI,43,1 (PL 41,522). Cf. anche Epistola 55,16,29 (PL 33, ); Sermo 156,13,14 (PL 38,857); De Trinitate II,15,26 (PL 42,862); De Spiritu et Littera 16,28; 21,36 (PL 44, ). Vedi inoltre Prospero di Aquitania, Liber contra Collatorem 10,2 (PL 51,240B)

20 102 L. D. CHRUPCAŁA Il motivo per cui la legge fu data da Dio tramite lo Spirito santo risiede nella natura eminentemente spirituale della legge. Ecco in proposito la spiegazione di Ambrogio di Milano: Con questo dito, come leggiamo, Dio scrisse tavole di pietra che Mosè ricevette (Es 31,18). Dio, infatti, non formò con un dito corporeo gli apici e le lettere di questi scritti, ma dette la legge mediante il suo Spirito. E per questo l Apostolo disse: La legge, infatti, è spirituale (Rm 7,14), legge che, di sicuro, è stata scritta non con l inchiostro, ma con lo Spirito del Dio vivo, non sulle tavole di pietra, ma sulle tavole di carne del cuore (2Cor 3,3). Se l epistola dell Apostolo è scritta con lo Spirito, che cosa ci impedisce di credere che anche la legge di Dio sia stata scritta non con l inchiostro, ma con lo Spirito di Dio, quella legge che certamente non macchia, ma illumina i segreti del nostro cuore e della nostra mente? 57. La legge scritta sulle tavole di pietra aveva un valore tipologico. Nonostante le tavole fossero frantumate da Mosè, ciò che fu scritto non venne mai cancellato. La scrittura incisa dal dito di Dio, vale a dire lo Spirito santo, rimane per sempre 58. c) Lo Spirito operatore di segni (Es 8,15) Fra tutti i passi biblici contenenti l espressione il dito di Dio è comunque lo scontro di Mosè con i maghi egiziani, raccontato in Es 8, quello che attira maggiormente l attenzione dei Padri. Atanasio d Alessandria, commentando a lungo il comportamento dei giudei nei confronti di Gesù e la loro bestemmia contro lo Spirito santo, che consisteva nel fatto d aver negato la divinità di Gesù attribu- 57. Ambrogio, De Spiritu Sancto III,3,13a: PL 16,812D-813A; testo e tr. C. Moreschini, Opere dogmatiche II. Lo Spirito Santo (Opera omnia 16), Milano-Roma 1979, Cf. anche Enarratio in Psalmum 43,65 (PL 14,1174CD-1175A); Cirillo di Alessandria, De adoratione in spiritu et veritate I,1,8 (PG 68,144CD). 58. Per altri testi sul dito di Dio identificato con lo Spirito santo che scriveva sulle tavole della legge si veda: Ireneo, Demonstratio 26 (PO 12, ); Ps. Atanasio di Alessandria, De Trinitate et Spiritu Sancto XII,21 (PG 26,1216BC); De titulis Psalmorum VIII,6 (PG 27,673C): Erga levgei tou;" oujranou;" tou' Pneuvmato" tou' ajgivou; Ps. Ambrogio, De Spiritu Sancto libellus I (PL 17,1098D); Eucherio di Lione, Formularum spiritalis intelligentiae 1 (PL 50,732B); Instructionum ad Salonium I,1 (PL 50,779B); Severiano di Gabala, De mundi creatione oratio V,3 (PG 56,475); Beda il Venerabile, De Tabernaculo et vasis eius I,6 (PL 91,409AB).

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Il Vangelo secondo Giovanni

Il Vangelo secondo Giovanni Corso biblico diocesano 1994 Il Vangelo secondo Giovanni Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio La festa della Dedicazione (10,22-42) Alla festa delle Capanne fa seguito la festa della Dedicazione

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Anche quest anno sarà Natale

Anche quest anno sarà Natale Anche quest anno sarà Natale I valori del messaggio cristiano, in un mondo abitato dall odio e dalla violenza, sono più che mai attuali e rispondono alle aspirazioni dell uomo di tutti i tempi. Per questo

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

La nuova nascita: il battesimo 3,1-21 Il tema preannunziato nella testimonianza del Battista (1,26.33) è ripreso in episodi che pongono in evidenza i

La nuova nascita: il battesimo 3,1-21 Il tema preannunziato nella testimonianza del Battista (1,26.33) è ripreso in episodi che pongono in evidenza i La nuova nascita: il battesimo 3,1-21 Il tema preannunziato nella testimonianza del Battista (1,26.33) è ripreso in episodi che pongono in evidenza i vari modi in cui Cristo ha rimpiazzato le istituzioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Studio biblico Il Nuovo Testamento Chiesa Evangelica Biblica - Ancona

Studio biblico Il Nuovo Testamento Chiesa Evangelica Biblica - Ancona Lezione 3 Il Libro di Matteo (Dove ci sono righe vuote, scrivi il versetto o la verità centrale del brano.) 1. I Quattro Vangeli Entrando nel Nuovo Testamento, ricorda che ci sono quattro Vangeli; Matteo.

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale

Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale Lo studente è tenuto a rispondere alle domande qui presentate, preparando un esposizione orale ordinata di circa 5 minuti per ciascuna

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Le Dottrine della Bibbia Il Signore Gesù Cristo

Le Dottrine della Bibbia Il Signore Gesù Cristo Le Dottrine della Bibbia Il Signore Gesù Cristo Il Figlio di Dio - Deità La coscienza che Cristo aveva di Sé A dodici anni disse ai genitori «Non sapevate che io dovevo trovarmi nella casa del Padre mio?»

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Le Dottrine della Bibbia - Dio

Le Dottrine della Bibbia - Dio Le Dottrine della Bibbia - Dio La natura della dottrina La parola «dottrina» significa letteralmente «insegnamento» o «istruzione» Le dottrine della Bibbia sono «le verità fondamentali della Bibbia ordinate

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Dettagli

Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense. Anno accademico 2008/2009

Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense. Anno accademico 2008/2009 Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense Anno accademico 2008/2009 Elaborato in occasione del corso di francescanesimo: L anima francescana.

Dettagli

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE Parrocchia Maria Ss. Assunta - LIBRO DELL APOCALISSE L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE (cc 4-11) 1 Schema di Ap. 1-16 1 16 1. Prologo (cap. 1): Introduzione: intento: rivelazione contenuto:

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

"BIBBIA, PAROLA DI DIO"

BIBBIA, PAROLA DI DIO PARROCCHIA REGINA PACIS Via Poli - S. Lucia TEL. 0574-460347 STUDIO DELLA BIBBIA Scheda N. 1 Margherita Bessi "BIBBIA, PAROLA DI DIO" (scheda introduttiva) Studiamo questa espressione nelle sue 2 parti:

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A.

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A. Il Figlio dell uomo Possiamo affermare legittimamente, realmente, che ogni uomo è signore della terra? Possiamo affermarlo pienamente di qualcuno? Dov è l uomo nel suo candore di bambino, nel suo stupore

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICA FONDAMENTALE La Rivelazione cristiana di Dio: - L idea di rivelazione nel Concilio Vaticano I e nel Concilio

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

Paternità e maternità di Dio. Dal Dio in cui crediamo, dipende la nostra esistenza

Paternità e maternità di Dio. Dal Dio in cui crediamo, dipende la nostra esistenza Incontri tematici Paternità e maternità di Dio Dal Dio in cui crediamo, dipende la nostra esistenza "Il Vangelo è una bomba: la speranza è che almeno qualche scheggia ci colpisca" I concetti di paternità

Dettagli

LETTERA CIRCOLARE Dicembre 1966

LETTERA CIRCOLARE Dicembre 1966 «Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno». (Ebrei 13:8) LETTERA CIRCOLARE Dicembre 1966 Saluto affettuosamente ciascuno di voi nel nome del Signore con la Parola in Ecclesiaste 3:14-15: «Ho compreso

Dettagli

SALÌ AL CIELO E SIEDE ALLA DESTRA DEL PADRE

SALÌ AL CIELO E SIEDE ALLA DESTRA DEL PADRE SALÌALCIELOESIEDEALLADESTRADELPADRE At1,1 11 Ebr9,24 28;10,19 23 Lc24,46 53 L Ascensione è il ritorno al Padre, dove Gesù, seduto alla sua destra comincia un esistenzanuovainpienezzadivitaedipotenza.cristo,primadivenirealmondo,era

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO 18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI Vergine Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo La spiritualità della Santa, centrata in Gesù presente nell Eucaristia, e la sua santità di vita, sono forte

Dettagli

INFANZIA E VITA PUBBLICA DI GESÙ

INFANZIA E VITA PUBBLICA DI GESÙ GIUSEPPE SUMMA 3 INFANZIA E VITA PUBBLICA DI GESÙ Esegesi e teologia 4 Proprietà letteraria riservata. I diritti di traduzione in qualsiasi forma, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento,

Dettagli

Tendenze nella società attuale

Tendenze nella società attuale 1. Introduzione Per molti anni sono stato cappellano del centro di accoglienza per bambini e giovani Theresienheim di Offenbach. Negli ultimi dieci anni la liturgia è stata organizzata sempre nel modo

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione 3) ANALISI DI UN TESTO BIBLICO Scegli uno tra i due testi biblici qui sotto proposti e completa la tabella 1. Lc 2,1-20 La nascita di Gesù Chi è l evangelista? In quale lingua ha redatto il vangelo? Per

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Che cosa chiedi alla Chiesa di Dio? Lettera pastorale per la Quaresima 2013 di Monsignor Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira

Che cosa chiedi alla Chiesa di Dio? Lettera pastorale per la Quaresima 2013 di Monsignor Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Che cosa chiedi alla Chiesa di Dio? Lettera pastorale per la Quaresima 2013 di Monsignor Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera è da leggere in tutte le celebrazioni liturgiche del 17 febbraio

Dettagli

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994).

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). Giovanni 1:18 Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). (1) Introduzione (2) Esegesi e analisi testo (3) Contributi di vari studiosi

Dettagli

Santi Basilio Magno e Gregorio Nazianzeno 1Gv 2,22-28 Sal 97 Gv 1,19-28: Dopo di me verrà uno che è prima di me.

Santi Basilio Magno e Gregorio Nazianzeno 1Gv 2,22-28 Sal 97 Gv 1,19-28: Dopo di me verrà uno che è prima di me. Sabato 2 Gennaio > (Memoria - Bianco) Santi Basilio Magno e Gregorio Nazianzeno 1Gv 2,22-28 Sal 97 Gv 1,19-28: Dopo di me verrà uno che è prima di me. Dentro al tempo liturgico di Natale la Chiesa ci propone

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Attacchi contemporanei al Nuovo Testamento e come rispondervi. Dr P.J. Williams Tyndale House, Cambridge www.tyndale.cam.ac.uk

Attacchi contemporanei al Nuovo Testamento e come rispondervi. Dr P.J. Williams Tyndale House, Cambridge www.tyndale.cam.ac.uk Attacchi contemporanei al Nuovo Testamento e come rispondervi Dr P.J. Williams Tyndale House, Cambridge www.tyndale.cam.ac.uk Sir Leigh Teabing Costantino commissionò e finanziò una nuova Bibbia, che

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Definizione delle due discendenze adamitiche (Cfr. Lorenzo Ventrudo, Genesi, opera in pubblicazione; stralcio)

Definizione delle due discendenze adamitiche (Cfr. Lorenzo Ventrudo, Genesi, opera in pubblicazione; stralcio) Definizione delle due discendenze adamitiche (Cfr. Lorenzo Ventrudo, Genesi, opera in pubblicazione; stralcio) Dopo quanto esposto, proponiamo la seguente definizione diversificata delle due discendenze

Dettagli

CINQUANTANOVESIMO INSEGNAMENTO LA MISSIONE NELLA NOSTRA SOCIETA MODERNA

CINQUANTANOVESIMO INSEGNAMENTO LA MISSIONE NELLA NOSTRA SOCIETA MODERNA 281 LA MISSIONE NELLA NOSTRA SOCIETA MODERNA 300. In attesa di qualcuno che porti il Vangelo Non é un di più interrogarci sulla focalizzazione del nostro apostolato: se il cammino che abbiamo seguito finora

Dettagli

IL TERZO GIORNO RISUSCITÒ DA MORTE

IL TERZO GIORNO RISUSCITÒ DA MORTE ILTERZOGIORNORISUSCITÒDAMORTE At2,22 32 1Cor15,1 26 Lc24,1 12 Risurrezione:originedellaComunità Dicendo:"Ilterzogiornorisuscitòdamorte",lafedecristianadichiaraqualè: ilsuofondamentoe lasuaorigine. La fede

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA

COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA ALAIN MATTHEEUWS Amarsi per donarsi Il sacramento del matrimonio Prefazione di JEAN-LOUIS BRUGUÈS Traduzione a cura di Paolo Caena, Revisione

Dettagli

La vita dell uomo come esistenza liturgica nella teologia di Salvatore Marsili

La vita dell uomo come esistenza liturgica nella teologia di Salvatore Marsili UNIVERSITÀ CATTOLICA PÉTER PÁZMÁNY FACOLTÀ DI TEOLOGIA La vita dell uomo come esistenza liturgica nella teologia di Salvatore Marsili Dissertatio ad Doctoratum Autore: Kulcsár Sándor Moderatore: Dr Kajtár

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM IV QUARESIMA 30 marzo 2014 ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Gv 9,1-41 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli