LA PREVALENZA DI UNA POMPA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PREVALENZA DI UNA POMPA"

Transcript

1 LE POMPE Le pompe sono macchine idrauliche operatrici che, ricevendo energia meccanica da un qualsiasi motore, la trasmettono, nella misura consentita dal rendimento del gruppo pompa-motore, motore, al liquido che le attraversa. Le pompe sono impiegate per sollevare quantitativi d'acqua da un livello inferiore ad uno superiore, facendogli vincere un certo dislivello e conferendo all'acqua una spinta.

2 LA PREVALENZA DI UNA POMPA Consideriamo una pompa che sollevi l'acqua dal livello A al livello B. Per fare questo deve creare il vuoto nel tubo d'aspirazione, in modo tale che l'acqua vi salga spinta dalla pressione atmosferica, ed inviarla in pressione nel tubo di mandata. Schema di funzionamento di un impianto di sollevamento d'acqua a mezzo pompa e riferimenti per il calcolo della prevalenza. (1) tubo di aspirazione; (2) tubo di mandata altezza geodetica d'aspirazione Ha la differenza di livello tra il punto A e la pompa, altezza geodetica di mandata Hm la differenza di livello tra il punto B e la pompa, prevalenza geodetica H la differenza tra i livelli del liquido alla mandata e all'aspirazione (Figura 1).

3 PREVALENZA E PERDITA DI CARICO La prevalenza geodetica H, comunemente definita prevalenza,, corrisponde quindi alla somma delle altezze geodetiche d'aspirazione Ha e di mandata Hm. Con riferimento alla figura precedente se misuriamo i livelli dei punti A e B rispetto r ad un unico piano di riferimento la prevalenza H è data dalla differenza: H = H2 - H1 Si può determinare la prevalenza di una pompa misurando la differenza in metri esistente fra il livello dell'acqua d'aspirazione e quello di mandata: una pompa che aspira acqua da una vasca appoggiata al terreno, contenente un metro d'acqua e la solleva fino ad un serbatoio a 15 metri dal suolo ha una prevalenza H = 14 m. Nella vasca d'aspirazione ed in quella di mandata l'acqua è caratterizzata, oltre che da altezze diverse, anche diverse pressioni e velocità, per cui la pompa non le ha solo fornito un'energia potenziale sollevandola di un'altezza H2 - H1, ma le ha anche dato una pressione P2 - P1 ed una velocità (quindi un'energia cinetica) ) V2 - V1 corrispondenti alla differenza fra la pressione e la velocità finali ed iniziali. Nel passare attraverso le tubazioni e la pompa stessa l'acqua subisce dei rallentamenti e quindi delle perdite d'energia, definite perdite di carico, che si traducono in una minor prevalenza. Quando chiudiamo parzialmente il rubinetto della gomma ma con cui laviamo l'auto, l'acqua esce più lentamente e non arriva più dove arrivava prima: la chiusura del rubinetto ha aumentato le perdite di carico, cioè si è verificata icata una perdita d'energia a discapito della prevalenza totale.

4 CURVA CARATTERISTICA DELLA POMPA Prevalenza e portata seguono leggi di variazione diverse, essendo o la prima proporzionale al quadrato della velocità e la seconda direttamente proporzionale alla velocità. All'aumentare della portata corrisponde una diminuzione della prevalenza, e la reciproca variazione di queste grandezze viene rappresentata in una curva chiamata curva caratteristica. Curva caratteristica delle pompe. (2a) Curva teorica; (2b) Curva reale di una pompa centrifuga pluristadio per alte pressioni in funzione del numero di giri al minuto (n) Dalla curva caratteristica, costruita sperimentalmente per ogni tipo di pompa, si può desumere quale sarà la prevalenza fornita dalla pompa per ogni valore di portata erogata (figura a). Ne consegue che il valore di prevalenza di una pompa deve sempre essere riferito alla portata erogata. La curva caratteristica varia poi in funzione del numero di giri del motore, per cui in realtà ogni pompa è caratterizzata da una famiglia di curve caratteristiche, cioè da andamenti portate-prevalenze che variano in funzione del numero di giri (figura b).

5 PORTATA E POTENZA PORTATA DELLA POMPA La portata della pompa è il volume d'acqua, misurato in litri o metri cubi, mosso dalla pompa nell'unità di tempo (generalmente secondi o minuti). La portata si misura pertanto in litri al secondo (l/s),, litri al minuto (l/m), metri cubi all'ora (mc( mc/h), ecc La portata e la prevalenza sono i due elementi fondamentali che contraddistinguono le pompe. POTENZA DELLA POMPA La pompa, per sollevare una portata d'acqua Q fornendole una prevalenza totale Ht compie un lavoro di sollevamento che richiede una potenza P (misurata in kilowatt/ora), cioè un'energia, fornitale attraverso o un motore, definita dalla seguente espressione: P = 9,8 * Q * Ht La potenza così espressa è la potenza utile, cioè quella strettamente necessaria per sollevare la portata d'acqua Q all'altezza H. A causa delle inevitabili perdite d'energia la potenza utilizzata, cioè quella realmente necessaria per far funzionare la pompa, è maggiore e viene definita potenza assorbita. Il rapporto fra la potenza utile e quella assorbita è definito rendimento. Il rendimento è sempre inferiore all'unità perché in qualsiasi macchina m operatrice la potenza utile è sempre minore di quella assorbita.

6 CLASSIFICAZIONE DELLE POMPE Le condizioni operative in cui possono essere utilizzate le pompe e sono le più svariate, in relazione al tipo di fluido, alle pressioni e temperature di esercizio, alle caratteristiche idrauliche dell'impianto, ecc. Di conseguenza, diversi sono i tipi di pompe che vengono costruiti. In base al principio di funzionamento possiamo suddividere idere le pompe in tre categorie Le pompe si possono classificare in: CINETICHE VOLUMETRICHE SPECIALI

7 POMPE CINETICHE: Sono di impiego molto comune. Nelle pompe cinetiche, grazie all'azione di forze centrifughe, il liquido incrementa dapprima la sua energia cinetica che viene immediatamente trasformata in energia di pressione, da un opportuno sistema di riduzione della velocità. la portata erogata dipende dalla prevalenza

8 POMPE VOLUMETRICHE spostano quantità di liquido costanti per ogni ciclo di funzionamento. possono essere alternative o rotative. Per le pompe alternative si deve intendere per ciclo la corsa completa di un pistone, mentre per le rotative un giro completo dell'elemento propulsore. Caratteristica fondamentale per questo tipo di pompe è che la portata erogata non dipende dalla prevalenza, ma solo dal numero di cicli effettuati nell'unità di tempo

9 POMPE SPECIALI pompe speciali, tutte quelle pompe che non rientrano direttamente nelle categorie precedenti, che funzionano secondo principi di funzionamento particolari o che rispondono ad esigenze specifiche

10 SCELTA DELLA POMPA La scelta del tipo di pompa da installare è determinata da diversi fattori: la prevalenza da fornire e la portata di liquido da spostare; il tipo di liquido da pompare. (liquidi corrosivi, sospensioni, o liquidi di natura biologica, richiedono materiali adatti o particolari tipi di pompe; il tipo di energia disponibile, da cui dipende la scelta dell'organo motore da accoppiare alla pompa, motore elettrico, turbina a vapore o a gas.

11 POMPE CINETICHE: CENTRIFUGHE E A TURBINA Sono macchine idrauliche operatrici con le quali si ottiene il sollevamento dell'acqua per effetto della forza centrifuga. Una pompa centrifuga è composta essenzialmente da una parte rotante detta girante e da una parte fissa, o corpo di pompa, entro cui si muove l'acqua convogliata dalla forza centrifuga impressale dalla girante. L'acqua entra nel corpo di pompa attraverso il tubo di aspirazione e viene inviata, attraverso il movimento della girante, nel tubo di mandata. Il tubo di aspirazione è assiale rispetto alla girante, il tubo di mandata è radiale. La mandata può essere anche assiale, in questo caso si parla di pompe a turbina Le pompe centrifughe coprono ampi settori d'applicazione per la loro versatilità e per la possibilità di raggiungere forti prevalenze anche con portate elevate. Le pompe assiali possono spostare grandi quantità d'acqua, ma con prevalenze modeste.

12 POMPE CENTRIFUGHE: SCHEMA Il movimento della girante determina una depressione nel tubo di aspirazione e il liquido, spinto dalla pressione atmosferica, risale lungo il tubo e viene proiettata dalla girante sul corpo della pompa dal quale esce attraverso il tubo di mandata Le pompe centrifughe, a seconda della disposizione dell'albero di trasmissione che muove la girante, si distinguono in orizzontali e verticali.

13 POMPE CENTRIFUGHE: ORIZZONTALI E VERTICALI Le pompe centrifughe orizzontali sono accoppiate direttamente al gruppo motore, e a seconda che questo sia ad alimentazione elettrica o a benzina, si distinguono in elettropompe o motopompe. Sono pompe molto versatili, di dimensioni e peso contenuti. Volendo dare alte pressioni al liquido pompato si possono impiegare pompe a giranti multiple o pluristadio: il liquido, all'uscita della prima girante, entra in una seconda e così via fino ad imboccare il tubo di mandata. La prevalenza della pompa è data dalla somma delle prevalenze delle singole giranti. Il numero di giranti è in funzione della pressione che si vuole avere alla mandata. Il limite delle pompe centrifughe orizzontali è la profondità massima d'aspirazione. Poiché è la pressione atmosferica che spinge l'acqua nel tubo d'aspirazione, la profondità massima da cui è possibile aspirare l'acqua è quella corrispondente alla pressione atmosferica, cioè a 10,33 m. In realtà, a causa delle perdite di carico, non è possibile sollevare l'acqua da una profondità superiore a 6-7 m dall'asse della pompa. Le pompe centrifughe verticali ovviano a questo inconveniente in quanto tutto il gruppo pompa può essere calato nella vasca o pozzo da cui estrarre l'acqua, riducendo a zero l'altezza d'aspirazione. Il gruppo motore rimane in superficie, accoppiato attraverso un albero di trasmissione oppure, come avviene più comunemente oggi con le pompe sommergibili o sommerse, realizzando in un unico corpo gruppo pompa e gruppo motore, necessariamente di tipo elettrico e perfettamente impermeabile all'acqua

14 POMPE VOLUMETRICHE

15 Installazione e regolazione delle pompe centrifughe 1 L'installazione di una pompa centrifuga richiede alcuni semplici ma importanti accorgimenti. la pompa deve essere ben fissata al suolo, onde evitare vibrazioni che a lungo andare potrebbero causare danni. Nelle pompe più potenti il motore può essere separato dalla pompa. In questo caso si deve curare la perfetta coassialità tra i due alberi. La pompa, per funzionare, deve essere "adescata" ovvero deve essere ere riempita di liquido. Ciò avviene automaticamente per le installazioni sotto battente positivo, ma può richiedere un intervento esterno in caso di battente negativo. Sulla tubazione di mandata deve essere presente una valvola di ritegno, r per evitare, che il liquido torni indietro quando la pompa viene fermata. Valvole di intercettazione sono necessarie prima e dopo, per consentire, quando necessario, l'eventuale asportazione della pompa. Rispettando la simbologia UNICHIM, l'installazione sarà fatta secondo quanto illustrato sotto

16 Installazione e regolazione delle pompe centrifughe 2 Particolare cura richiede la manutenzione degli organi di tenuta,, che assicurano l'isolamento tra la parte rotante, a contatto con il liquido, e l'esterno. la tecnica più comune per la regolazione della portata consiste nell'agire su una valvola di regolazione posta sulla linea di mandata. Variando il grado di apertura della valvola di regolazione, si agisce a sulle perdite di carico e quindi sulla curva caratteristica dell'impianto. Un altro sistema è quello di riciclare una frazione di portata erogata e all'aspirazione, regolando il ricielo tramite una apposita valvola di regolazione(fig. 5,18b). Un'altra alternativa è quella di adoperare are un variatore del numero di giri, che consente un risparmio di energia.

17 RIEPILOGO POMPE CENTRIFUGHE sono di semplice costruzione e possono essere impiegati vari materiali; erogano una portata costante; possono lavorare ad alte velocità di rotazione, riducendo così le dimensioni richieste per una data capacità; possono trasportare liquidi contenenti solidi sospesi; per prevalenze elevate sono necessarie pompe multigirante presentano una efficienza massima solo in un limitato campo della curva caratteristica; possono lavorare senza danni anche con la valvola di mandata chiusa; non sono indicate per il trasporto di liquidi molto viscosi

18 POMPE SOMMERGIBILI Elettropompe sommergibili a giranti multiple (pluristadio). Le pompe sommergibili possono così essere calate sotto il livello dell'acqua, utilizzando il tubo stesso di mandata dell'acqua, ed evitare i problemi dell'altezza d'aspirazione. Questo tipo di pompa si presta per il prosciugamento di locali con livelli d'acqua profondi o con acque torbide, oppure per l'approvvigionamento idrico d'emergenza da pozzi. Essendo collocate molto spesso sotto il piano campagna devono fornire notevoli prevalenze, quindi adottare giranti multiple. Un altro inconveniente, nel caso d'impiego in emergenza, é costituito dal motore elettrico che può richiedere, in assenza d'alimentazione elettrica, l'impiego di un gruppo elettrogeno

19 POMPA CENTRIFUGA MULTISTADIO RITORNA

20 POMPA SOMMERGIBILE PER LIQUIDI CON SOSPENSIONI RITORNA

21 POMPE VOLUMETRICHE ALTERNATIVE 1 Le pompe alternative funzionano per mezzo di un pistone che si muove di moto alternativo, azionato da un motore elettrico o da un sistema a vapore. La trasformazione di un moto rotatorio, quello dell'albero del motore, in un moto alternativo, quello del pistone, viene realizzato con un dispositivo chiamato biellamanovella, comune ad altri sistemi meccanici. Quando la velocità si inverte si manifestano notevoli inerzie che comportano dissipazione di energia. Le pompe alternative più comuni sono le pompe a pistone, che possono essere suddivise, in base al tipo di pistone ed alla modalità di flusso, nei seguenti modelli: pompe simplex monocilindriche a semplice effetto e duplice effetto pompe duplex bicilindriche a semplice e duplice effetto pompe a pistone tuffante pompe a membrana (o a diaframma

22 POMPE VOLUMETRICHE ALTERNATIVE 2 POMPE VOLUMETRICHE ALTERNATIVE 2 La pompa simplex a semplice effetto è costituita da un cilindro fisso in cui si muove, con moto alternativo, un pistone munito di anelli di tenuta La camera del cilindro è collegata alle tubazioni di aspirazione e di mandata tramite valvole di ritegno che consentono il flusso solo nella direzione voluta. Il ciclo completo di funzionamento prevede due fasi: fase di aspirazione, in cui il pistone va dal punto morto superiore a quello inferiore, che consente, grazie al senso di flusso delle valvole di ritegno, l'ingresso del liquido dalla tubazione di aspirazione; fase di scarico, in cui il pistone inverte il moto spingendo il liquido nella tubazione di mandata

23 POMPE VOLUMETRICHE ALTERNATIVE 3 Nelle pompe simplex, la fase attiva è una sola come si vede dal digramma portata/tempo

24 POMPE VOLUMETRICHE ALTERNATIVE 4 Nella pompa a doppio effetto la camera è divisa dal pistone in due settori: quando uno è in aspirazione l'altro è in mandata. La portata erogata in funzione del tempo è mostrata a fianco.

25 POMPE VOLUMETRICHE: REGOLAZIONE PORTATA La regolazione di una pompa alternativa, e delle pompe volumetriche in generale, va fatta variando il numero dei cicli al secondo (e non agendo sulla valvola della mandata come nelle centrifughe) oppure riciclando il liquido tra mandata e aspirazione come nella figura a sotto

26 POMPA ALTERNATIVA A MEMBRANA Le pompe a diaframma, o a membrana, vengono impiegate nel trasporto di liquidi corrosivi, nel trasporto di sospensioni e in tutti quei casi in cui si vuole isolare il liquido dagli organi in movimento, come, ad esempio, nell'industria farmaceutica o delle fermentazioni. Sono costituite da un corpo pompa diviso in due settori: in uno agisce un pistone immerso in olio, mentre in un secondo settore, separato dal primo da una membrana in metallo, gomma o altro materiale plastico, si muove il liquido da trasportare. Il movimento del pistone viene trasmesso alla membrana che agisce, a sua volta, sul liquido da trasportare. Le valvole di ritegno sono costruite in materiale resistente al particolare liquido. Le pompe a membrana possono essere azionate da aria compressa. Ciò ne consente l'installazione anche in aree dove sarebbe pericoloso installare motori e cavi elettrici

27 POMPE ALTERNATIVE PARTICOLARI Le pompe a pistone si prestano bene per essere adoperato come dosatori di reattivi. La corsa del pistone viene regolata in modo da mandare il volume desiderato. per portate più grandi, possono essere preferite le pompe a membrana. In definitiva, le pompe alternative a pistone presentano una maggiore complessità rispetto alle pompe centrifughe. Esse sono preferite quando si devono vincere prevalenze molto elevate con portate relativamente piccole o per scopi specifici, come le pompe a membrana e le pompe dosatrici.

28 POMPE VOLUMETRICHE ROTATIVE Le pompe volumetriche rotative possono superare prevalenze inferiori rispetto a quelle alternative, ma possono erogare portate continue e di maggiore entità non avendo i problemi di inerzia tipici dei moti alternativi. Queste pompe come tutte le pompe volumetriche in generale, non possono essere regolate tramite una valvola sulla mandata e dovrebbero essere munite di valvole di sicurezza per proteggere la pompa da chiusure accidentali. le pompe rotative possono essere impiegate per liquidi molto viscosi ed erogano una portata regolare. Inoltre, sono prive di valvole e la tenuta è assicurata dalla minima tolleranza esistente tra gli organi rotanti e la carcassa.

29 POMPE ROTATIVE A INGRANAGGI Una delle più usate è la pompa ad ingranaggi. Essa è costituita da un corpo pompa all'interno del quale ruotano due ruote dentate (gli ingranaggi). Una ruota è azionata da un motore elettrico mentre l'altra è trascinata dalla prima. Nel loro moto rotatorio, le ruote spingono il liquido negli spazi che si creano tra l'incavo dei denti e il corpo della pompa. La tolleranza tra il bordo superiore dei denti e il corpo pompa deve essere minima per evitare perdite di liquido.

30 POMPE ROTATIVE A LOBI E A VITE Delle modifiche alla pompa a ingranaggi hanno portato alla pompa a lobi e alla pompa a vite Nella pompa a lobi gli ingranaggi sono stati sostituiti da ingranaggi naggi a ridotto numero di denti. La portata erogata non è continua, ma leggermente pulsante. Il livello di pulsazione diminuisce all'aumentare del numero dei denti. Questo tipo di pompa può trasportare efficacemente liquidi molto viscosi ma non liquidi contenenti materiali in sospensione. Un altra modificazione della pompa ad ingranaggi è la pompa a vite. In essa due viti senza fine, azionate da una terza vite collegata ad un motore, ruotano all'interno dello statore. Il liquido si inserisce negli spazi lasciati l liberi e procede, con un flusso parallelo all'asse delle viti, verso l'uscita. Sono o indicate per liquidi particolarmente viscosi.

31 POMPE ROTATIVE MOYNO Particolarmente indicate per trasportare fanghi o correnti molto cariche in solidi, ma anche liquidi corrosivi, sono le pompe Moyno; Queste sono costituite da un rotore a forma di elicoide, rotante all'interno di una camera cilindrica costruita in gomma o altro materiale elastomerico. Le pompe Moyno, come tutte le pompe rotative, erogano portate uniformi. La pressione di mandata dipende dalla lunghezza del rotore.

32 POMPE ROTATIVE A CAPSULISMI Altri tipi di pompe volumetriche rotative sono le pompe a capsulismi e ad alette. Le pompe a capsulismi sono costituite da un rotore munito di capsulismi, che per effetto della forza centrifuga ruotano accostandosi sempre alla carcassa della pompa. In questa maniera generano dei vani in cui si inserisce il liquido da trasportare, che viene spinto verso la mandata. Le pompe ad alette differiscono solo per la forma ed il movimento delle alette, te, che sotto l'azione della forza centrifuga si muovono in direzione radiale Ad alette A capsulismi

33 POMPE SPECIALI Con questa definizione si vuole raggruppare quei sistemi di sollevamento che funzionano secondo principi diversi da quelli precedenti. I più comuni tra questi sono: air lift o sollevamento idropneumatico; pompe peristaltiche; a viti di Archimede.

34 POMPE SPECIALI: AIR LIFT Le pompe air lift sono adoperate per il sollevamento di liquidi contenenti solidi in grandi quantità o di dimensioni relativamente te grandi. Esse sono costituite da una tubo immerso nel liquido da sollevare. e. Alla base del tubo è inserita una corrente di aria compressa Questo tipo di pompe è molto impiegato per il sollevamento di sabbie o fanghi negli impianti di depurazione

35 POMPE SPECIALI: POMPA PERISTALTICA La pompa peristaltica è costituita da un tubo flessibile, generalmente di silicone, sistemato a semicerchio su un apposito telaio. Il flusso è determinato da un rotore con due o tre pioli che ruota in maniera concentrica al telaio. I pioli, nel loro movimento, appiattiscono il tubo spostando in avanti il liquido in esso contenuto. Questa pompa è particolarmente indicata in alcune operazioni biotecnologiche,, in cui si deve assicurare la sterilità ed evitare il contatto con metalli tossici per i microrganismi

36 POMPE SPECIALI: VITE DI ARCHIMEDE La vite di Archimede è un sistema utilizzato per sollevare liquidi molto carichi in solidi, per pendenze relativamente modeste ma per portate anche rilevanti. E costituita da una vite senza fine che ruota, azionata da un motore, all'interno di un cassonetto in lamiera. La vite pesca, alla sua base in un pozzetto di raccolta che copre un certo numero di spire. La caratteristica principale è che la portata erogata è funzione del numero di spire coperte, per cui maggiore è l'afflusso di liquido nel pozzetto di raccolta, maggiore sarà il grado di copertura delle spire e, di conseguenza, maggiore sarà la portata erogata. Vengono impiegate negli impianti di depurazione delle acque reflue

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile 1 Pompe Le pompe, più propriamente chiamate macchine idrauliche operatrici, sono quei macchinari che, opportunamente azionati da motrici di diverso tipo, comunicano energia ad un fluido per sollevarlo

Dettagli

Uso: USO DELLE POMPE. di Segna Simone. CORSO per Volontari Operativi Rischio idrogeologico CCV-MI _2012_

Uso: USO DELLE POMPE. di Segna Simone. CORSO per Volontari Operativi Rischio idrogeologico CCV-MI _2012_ CORSO per Volontari Operativi Rischio idrogeologico CCV-MI _2012_ di Segna Simone Corso di formazione USO DELLE POMPE Relatore: Simone Segna OBIETTIVI 1. Fornire agli operatori indicazioni teoriche sul

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE)

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) PERDITE DI CARICO NEI TUBI Le tubature comunemente utilizzate in impiantistica sono a sezione circolare e costante, con conseguente velocità del liquido uniforme e

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE Pompe cinetiche centrifughe ed assiali Prof.ssa Silvia Recchia Classificazione delle pompe In base al diverso modo di operare la trasmissione di energia al liquido le pompe si suddividono in: POMPE CINETICHE

Dettagli

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione)

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) Si utilizzano le pompe, per il sollevamento dell acqua dai pozzi e per inviarla ai serbatoi o inviarla ad una rete di distribuzione e comunque per trasferire l acqua

Dettagli

UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA. Stefano Stoppa

UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA. Stefano Stoppa UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA Stefano Stoppa Definizione Le pompe sono componenti idrauliche che, ricevendo energia meccanica da un qualsiasi motore, la trasmettono al liquido che le attraversa.

Dettagli

Impianti di sollevamento

Impianti di sollevamento Idraulica Agraria. a.a. 2008-2009 Impianti di sollevamento Idraulica Agraria-prof. A. Capra 1 Impianto di sollevamento Nel campo gravitazionale, per effetto del dislivello piezometrico esistente tra due

Dettagli

Il trasporto dei liquidi

Il trasporto dei liquidi ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. MARCONI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI CLASSE 3ACH Il trasporto dei liquidi (PAG 159 DEL LIBRO DI TESTO) Prof. Roberto Riguzzi 1 INTRODUZIONE Il trasporto dei liquidi e

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante IDRAULICA LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante 2 LEGGE DI STEVIN Z = ALTEZZA GEODETICA ENERGIA POTENZIALE PER UNITA DI PESO p /

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

Lezioni di meccanica enologica Prof. Massimo Giubilei

Lezioni di meccanica enologica Prof. Massimo Giubilei Lezioni di meccanica enologica Prof. Massimo Giubilei LE POMPE Le pompe sono macchine idrauliche che trasformano l energia meccanica in energia cinetica o in pressione. Le pompe conferiscono al liquido

Dettagli

Generalità sulle elettropompe

Generalità sulle elettropompe Generalità sulle elettropompe 1) Introduzione Ne esistono diverse tipologie ma si possono inizialmente suddividere in turbopompe e pompe volumetriche. Le prime sono caratterizzate da un flusso continuo

Dettagli

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento.

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento. La scelta della pompa da inserire in un generico impianto di sollevamento (Figura 9-) che debba sollevare un assegnata portata non è univoca se a priori non sono assegnati anche il tipo e il diametro delle

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto Generalità e classificazione Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto MACCHINE PNEUMOFORE BASSE P applicano energia cinetica Elicoidali In base al moto dell aria Centrifughi

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Prima di analizzare i sistemi di compressione

Prima di analizzare i sistemi di compressione AO automazioneoggi appunti Un aria produttiva appunti L aria compressa è utilizzata in svariate applicazioni ma deve avere caratteristiche operative differenti a seconda della tipologia di impiego: ecco

Dettagli

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe

Dettagli

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Il parametro fondamentale per la valutazione di un compressore alternativo è l efficienza volumetrica: η v = (Portata volumetrica effettiva) / (Volume

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Macchine operatrici idrauliche

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Macchine operatrici idrauliche UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE Macchine operatrici idrauliche Prevalenza Si definisce prevalenza manometrica (H m ) di una pompa l'energia di pressione per unità di peso che

Dettagli

Principi d impiantistica e consigli tecnici per realizzare un impianto di micro irrigazione

Principi d impiantistica e consigli tecnici per realizzare un impianto di micro irrigazione Principi d impiantistica e consigli tecnici per realizzare un impianto di micro irrigazione Dott. Davide Canone Dipartimento di Scienze,Progetto e politiche del territorio Politecnico e Università di Torino

Dettagli

PROBLEMA 1. Soluzione

PROBLEMA 1. Soluzione PROBLEMA 1 Prendendo come riferimento la pressione atmosferica di 1013 mbar agente sulla superficie libera di un corso d acqua, risulta che la pressione idrostatica sott acqua raddoppia a una profondità

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate Impianti Materie Plastiche Modulo 2 Alimentazione Contenuti 1. Premessa

Dettagli

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Macchine Operatrici Nel presente modulo si vogliono fornire cenni circa le principali macchine operatrici impiegate negli impianti

Dettagli

DISPENSA DI PNEUMATICA

DISPENSA DI PNEUMATICA DISENS DI NEUMTIC 1 RESSIONE La pressione è una grandezza fisica derivata dal rapporto tra forza e superficie. L unità di misura internazionale della pressione è il ascal, anche se è più comodo utilizzare

Dettagli

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2):

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2): www.barigelli.com www.corimacentrifughe.com ESPOSIZIONE ANALITICA DEI VANTAGGI DELLA TRASMISSIONE IDRAULICA NEI DECANTER CORIMA GROUP 1. REGOLAZIONE EFFICIENTE E UTILIZZO DI BASSI REGIMI DIFFERENZIALI

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

TECNOLOGIE Strumenti per vivere meglio.

TECNOLOGIE Strumenti per vivere meglio. 1. Technologies TECNOLOGIE Strumenti per vivere meglio. È l invenzione che si traduce in atto, l intuizione che diventa applicazione, il particolare che si moltiplica. Con un altro sguardo, la tecnologia

Dettagli

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili M 3000, 50 Hz

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili M 3000, 50 Hz Catalogo prodotto Pompe sommergibili M 3000, 50 Hz Indice Introduzione...3 Caratteristiche costruttive...4 Identificazione prodotto...5 M 3068...6 M 3085...9 M 3102...12 M 3127...16 Selezione del modello

Dettagli

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza Classificazione Portata d acqua Salto lordo Potenza netta Piccola taglia < 10 m 3 /s < 50 m < 5 kw (pico centrali) < 100 kw

Dettagli

Le centrali idroelettriche

Le centrali idroelettriche Le centrali idroelettriche 1 Una centrale idroelettrica può definirsi una macchina in grado di trasformare l'energia potenziale dell'acqua, legata al fatto che l'acqua si trova ad un livello superiore

Dettagli

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 Modelli: standard, portatile, automatica 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 Modelli: standard, portatile, automatica 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI CAMPO DI IMPIEGO Portata max: 5 m 3 /h Prevalenza max: 50 mc.a. Pressione d esercizio max: 8 bar Altezza d aspirazione max: 8 m Temperatura fluido max: +35 C Temperatura ambiente max: +40 C DN Attacchi:

Dettagli

Pompe di circolazione

Pompe di circolazione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe di circolazione

Dettagli

Energia idroelettrica

Energia idroelettrica Energia idroelettrica L'energia idroelettrica è una fonte di energia alternativa e rinnovabile, che sfrutta la trasformazione dell'energia potenziale gravitazionale, posseduta da una certa massa d'acqua

Dettagli

Flygt serie D e serie 8000 con girante a vortice

Flygt serie D e serie 8000 con girante a vortice Flygt serie D e serie 8000 con girante a vortice 58 Passaggio libero elevato e grande affidabilità Le pompe D vengono impiegate prevalentemente per il pompaggio di liquidi carichi anche abrasivi o nel

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI ENERGETICA E MACCHINE Impianti di accumulo mediante pompaggio: caratteristiche generali e peculiarità funzionali Piero Pinamonti 1 Potenza efficiente degli

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

TESTO. Art. 2. Sono abrogati i decreti ministeriali 10 gennaio 1950 e 2 agosto 1956. ALLEGATO

TESTO. Art. 2. Sono abrogati i decreti ministeriali 10 gennaio 1950 e 2 agosto 1956. ALLEGATO Decreto del Presidente della Repubblica n 1208 del 05/09/1966 Modifiche alla vigente disciplina normativa in materia di apparecchi di alimentazione per generatori di vapore aventi potenzialità specifica

Dettagli

Regolazione delle Pompe Centrifughe. Dispense per il corso di Macchine e Sistemi Energetici Speciali

Regolazione delle Pompe Centrifughe. Dispense per il corso di Macchine e Sistemi Energetici Speciali Regolazione delle Pompe Centrifughe Dispense per il corso di Macchine e Sistemi Energetici Speciali Corso di Laurea in Scienze ed Ingegneria dei Materiali Aggiornamento al 19/09/2006 Ing Amoresano Amedeo

Dettagli

10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO

10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO 10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO Pompa Centrifuga mono stadio con corpo e girante in lega leggera Avviamento Manuale a strappo Questa pompa è progettata per un utilizzo dove viene

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

POMPE DI PROSCIUGAMENTO. Pompe Pneumatiche

POMPE DI PROSCIUGAMENTO. Pompe Pneumatiche POMPE DI PROSCIUGAMENTO Pompe Pneumatiche POMPATE IL VOSTRO BUSINESS Una pompa pneumatica è la scelta ideale quando non si può fallire. È facile da usare, sicura ed è in grado di affrontare praticamente

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

ACQUEDOTTICA ELETTROPOMPE

ACQUEDOTTICA ELETTROPOMPE , AUTOADESCANTI, LOWARA Per acque pulite. Portate e prevalenze di seguito indicate con aspirazione max. 8m da conteggiare nella prevalenza. Bocca di aspirazione assiale e bocca di mandata radiale all asse

Dettagli

Impianti di produzione e distribuzione di aria compressa

Impianti di produzione e distribuzione di aria compressa Impianti di distribuzione di aria compressa 1 Applicazioni dell aria compressa L impiego dell aria compressa negli stabilimenti è ormai generalizzato per il comando, la regolazione di utenze e come forza

Dettagli

MACCHINE Lezione 7 Impianti di pompaggio

MACCHINE Lezione 7 Impianti di pompaggio MACCHINE Lezione 7 Impianti di pompaggio Dr. Paradiso Berardo Laboratorio Fluidodinamicadelle delle Macchine Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Generalità Un impianto di pompaggio ha la funzione

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Il circuito combustibile del motore comprende in realtà tre circuiti, precisamente: Circuito imbarco e travaso che provvede: All imbarco da terra o da bettoline del combustibile e a smistarlo nelle casse

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Descrizione serie: Wilo-DrainLift XXL

Descrizione serie: Wilo-DrainLift XXL Descrizione serie: Wilo-DrainLift XXL Tipo Stazione di sollevamento per acque cariche con 2 pompe installate in luogo asciutto Impiego Stazione di sollevamento acque reflue per il drenaggio di edifici

Dettagli

La centrale idroelettrica di Roncovalgrande a Maccagno ( VA)

La centrale idroelettrica di Roncovalgrande a Maccagno ( VA) La centrale idroelettrica di Roncovalgrande a Maccagno ( VA) A cura della classe 3^ A Scuola secondaria di 1 grado di Castelveccana (coordinata dai docenti R. Cometti e A. Dumassi) a.s. 2013/2014 Centrale

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione Classificazione Turbine idrauliche 1/8 Una turbina è una macchina che estrae energia da un fluido in possesso di un carico idraulico sufficientemente elevato. Tale carico (o caduta) è generato dal dislivello

Dettagli

DISCIPLINARE ELEMENTI TECNICI

DISCIPLINARE ELEMENTI TECNICI LAVORI DI COSTRUZIONE DEL DEPURATORE COMUNALE PROGETTO DEFINITIVO DISCIPLINARE ELEMENTI TECNICI nell ambito del progetto definitivo per la realizzazione di impianto comunale per la depurazione delle acque

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE ACCADEMIA NAVALE 1 ANNO CORSO APPLICATIVO GENIO NAVALE CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE Lezione 09 Motori diesel lenti a due tempi A.A. 2011 /2012 Prof. Flavio Balsamo Nel motore a due tempi l intero

Dettagli

Gli impianti di sollevamento - la pompa

Gli impianti di sollevamento - la pompa Gli impianti di sollevamento la pompa L'impianto di sollevamento accoglie tutte le apparecchiature destinate a incrementare l'energia specifica della corrente. Il componente principale è la pompa per acqua

Dettagli

CILINDRI OLEODINAMICI

CILINDRI OLEODINAMICI CILINDRI OLEODINMICI I cilindri oleodinamici sono degli attuatori lineari che realizzando la conversione dell energia idraulica in energia meccanica producono una forza e lo spostamento lineare del carico.

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMITATO DI COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI LECCO POMPE

PROVINCIA DI LECCO COMITATO DI COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI LECCO POMPE PROVINCIA DI LECCO COMITATO DI COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI LECCO POMPE Per il sollevamento di notevoli quantità di acqua si usano le pompe.

Dettagli

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA)

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) PROGETTO ESECUTIVO Depurazione di Chiusi, Sarteano e Cetona Ampliamento impianto di depurazione e collettori fognari al servizio della località Querce al Pino DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Capitolo 17 - Argomenti vari

Capitolo 17 - Argomenti vari Appunti di Fisica Tecnica Capitolo 7 - Argomenti vari Ugelli e diffusori... Turbine... Parti principali... Turbine idrauliche (lettura)...3 Turbine a gas (lettura)...3 Turbine a vapore (lettura)...3 Impianti

Dettagli

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili READY, 50 Hz

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili READY, 50 Hz Catalogo prodotto Pompe sommergibili READY, 50 Hz Indice Introduzione...3 Caratteristiche costruttive...4 Identificazione prodotto...6 READY 4...7 READY 8...9 READY 16...11 READY 4...13 Selezione del modello

Dettagli

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori ITCG CATTANEO CON LICEO DALL AGLIO - via M. di Canossa - Castelnovo ne Monti (RE) SEZIONE I.T.I. Le Correnti Alternate Come vedremo è piuttosto semplice produrre tensioni, e di conseguenza correnti, che

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO

RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO PROGETTO GESTIONE ORDINARIA EDIFICI SCOLASTICI II Codice Edificio: 2008 RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO OGGETTO: L.S. BRUNO, TORINO - INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

POMPE SPECIALI PER INDUSTRIA POMPE DOSATRICI AD1 WWW.AGIPOMPE.COM 2015_05

POMPE SPECIALI PER INDUSTRIA POMPE DOSATRICI AD1 WWW.AGIPOMPE.COM 2015_05 POMPE DOSATRICI AD1 WWW.AGIPOMPE.COM 2015_05 POMPE DOSATRICI A MEMBRANA MA180 La elettropompa MA 180 è un modello di pompa volumetrica a membrana diretta. La membrana è mossa meccanicamente da un movimento

Dettagli

La portata teorica corrisponde esattamente al volume fluido spostato dal pistone per il numero delle pistonate nell unità di tempo.

La portata teorica corrisponde esattamente al volume fluido spostato dal pistone per il numero delle pistonate nell unità di tempo. ISTRUZIONI CARATTERISTICHE GENERALI DELLE POMPE DOSATRICI Le pompe dosatrici sono pompe a movimento alternativo. La portata viene determinata dal movimento alternativo del pistone, azionato da un eccentrico

Dettagli

I Motori Marini 1/2. Motore a Scoppio (2 o 4 tempi) Motori Diesel (2 o 4 tempi)

I Motori Marini 1/2. Motore a Scoppio (2 o 4 tempi) Motori Diesel (2 o 4 tempi) I Motori Marini 1/2 Classificazione Descrizione I motori marini non sono molto diversi da quelli delle auto, con lo stesso principio di cilindri entro cui scorre uno stantuffo, che tramite una biella collegata

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996

SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996 SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996 PREFAZIONE AL TEMA Nella parte sottostante è rappresentato lo schema circuitale dell impianto idraulico, dove, vengono raffigurate:

Dettagli

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 4 Versioni : standard, portatile, automatica e Hydromini 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 4 Versioni : standard, portatile, automatica e Hydromini 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI CAMPO DI IMPIEGO Portata fino a: 5 m 3 /h Prevalenza fino a: 50 mc.a. Pressione d esercizio: 6 bar Temperatura fluido max: + 35 C Temperatura ambiente max: + 40 C DN Attacchi: G1 Altezza d aspirazione

Dettagli

Macchinari ausiliari per il funzionamento di un condensatore

Macchinari ausiliari per il funzionamento di un condensatore Approfondimento Macchinari ausiliari per il funzionamento di un Riteniamo utile una breve analisi dei macchinari ausiliari necessari per il corretto funzionamento del, e delle loro principali caratteristiche

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO.

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO. TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO. Viene qui presentato il progetto generale dell impianto di trattamento del refluo liquido proveniente dall

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

Gruppi frigoriferi HF/TH/ZH

Gruppi frigoriferi HF/TH/ZH Gruppi frigoriferi HF/TH/ZH HF Generatore d'acqua refrigerata monoblocco E' un dispositivo refrigeratore d'acqua con condensatore ad acqua. La macchina è monoblocco e pronta a funzionare, una volta eseguiti

Dettagli

Riparazione e Manutenzione

Riparazione e Manutenzione Riparazione e Manutenzione Ampia selezione in una singola marca. Esclusivi design duraturi. Prestazioni rapide e affidabili. Descrizione Versioni Pagina Pompe prova impianti 2 9.2 Congelatubi 2 9.3 Pompe

Dettagli

www.freylit.com Sistema di riciclaggio per l'acqua di lavaggio per tutti gli impianti di lavaggio di autoveicoli

www.freylit.com Sistema di riciclaggio per l'acqua di lavaggio per tutti gli impianti di lavaggio di autoveicoli www.freylit.com Sistema di riciclaggio per l'acqua di lavaggio per tutti gli impianti di lavaggio di autoveicoli Il sistema di riciclaggio completo FREYLIT consiste dei seguenti componenti: 1. Bacino raccolta

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

NEWS 61. Moltiplicatore di pressione Serie

NEWS 61. Moltiplicatore di pressione Serie NEWS 61 Componenti per l'automazione pneumatica Moltiplicatore di pressione www.pneumaxspa.com Generalità In alcune applicazioni, la spinta generata da un attuatore pneumatico è insufficiente a compiere

Dettagli

Tensione trifase di serie: 3x400 V / 50 Hz Versione speciale a richiesta: 3x460 V / 60 Hz POMPE CENTRIFUGHE ELETTRONICHE

Tensione trifase di serie: 3x400 V / 50 Hz Versione speciale a richiesta: 3x460 V / 60 Hz POMPE CENTRIFUGHE ELETTRONICHE POMPE CENTRIUGE ELETTRONICE KVCE POMPE CENTRIUGE PLURISTADIO AD ASSE VERTICALE CON INVERTER MCE/P DATI TECNICI Campo di funzionamento: da 1 a 12 m 3 /h con prevalenza fino a 110 metri. Liquido pompato:

Dettagli

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE asdf I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA : UN PRIMO SGUARDO 31 March 2012 Introduzione Il seguente articolo vuole essere una prima introduzione a quelli che sono i motori alternativi a combustione

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

Esame sezione Brevetti 2003-2004 Prova Pratica di meccanica

Esame sezione Brevetti 2003-2004 Prova Pratica di meccanica Esame sezione Brevetti 2003-2004 Prova Pratica di meccanica OGGETVO: Brevettazione dl un perfezionamento riguardante I pressatori per mescolatori dl gomma Egregio dottore, Le invio una breve relazione

Dettagli

Parte 2. Manutenzione della motosega. Operazioni e tecniche

Parte 2. Manutenzione della motosega. Operazioni e tecniche Utilizzo in sicurezza e manutenzione delle motoseghe Parte 2 Manutenzione della motosega. Operazioni e tecniche Al termine di questo modulo sarai in grado di: descrivere la struttura e il funzionamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 8. Sistemi Termici Operatori. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 8. Sistemi Termici Operatori. Roberto Lensi Roberto Lensi 8. Sistemi Termici Operatori Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 8. Sistemi Termici Operatori Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2005-06 Roberto

Dettagli

Motori 4 tempi a ciclo Otto

Motori 4 tempi a ciclo Otto Motori 4 tempi a ciclo Otto 1. Premessa I motori automobilistici più comuni sono del tipo a combustione interna quattro tempi e appartengono a due grandi famiglie, a seconda del tipo di combustibile impiegato

Dettagli

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave è un sistema per dare pressione a un impianto idrico

Dettagli

pompe monoblocco con tenuta meccanica

pompe monoblocco con tenuta meccanica pompe monoblocco con tenuta meccanica centrifughe auto adescanti 1 - PRINCIPALI CARATTERISTICHE e sono, rispettivamente, una serie di pompe centrifughe e auto-adescanti, ad asse orizzontale, che offrono

Dettagli

Apparecchiature fluidodinamiche - 2

Apparecchiature fluidodinamiche - 2 Apparecchiature fluidodinamiche - 2 LEZIONI DI CONTROLLO E SICUREZZA DEI PROCESSI IN AMBITO FARMACEUTICO PROF. ING. MAURIZIA SEGGIANI maurizia.seggiani@unipi.it tel: 050 2217881 APPARECCHIATURE DINAMICHE

Dettagli