ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARITETICA ACP-UE. 25 giugno 2003 ACP-UE 3587/B/03. sui diritti dei bambini e in particolare dei bambini soldato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARITETICA ACP-UE. 25 giugno 2003 ACP-UE 3587/B/03. sui diritti dei bambini e in particolare dei bambini soldato"

Transcript

1 Traduzione esterna ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARETICA ACP-UE 25 giugno 2003 ACP-UE 3587/B/03 RELAZIONE sui diritti dei bambini e in particolare dei bambini soldato Commissione per gli affari politici Relatori: Vitaliano Gemelli Ephraïm Kamuntu (Uganda) RR\ doc APP/3587/B

2 MOTIVAZIONE Seicento milioni di bambini nel mondo vivono in situazione di estrema povertà. Milioni di bambini muoiono ogni anno per malattie facilmente curabili (principalmente diarrea, morbillo, infezioni respiratorie, malaria e malnutrizione). Oltre i 2/3 dei bambini che muoiono ogni anno in Africa sono neonati, la copertura vaccinica per i bambini africani è diminuita dal milioni di bambini nel mondo sono sottoalimentati. Più di 10 milioni di bambini in Africa sono stati resi orfani dall'hiv/aids e rappresentano il 95% degli orfani a causa dell HIV/AIDS del mondo. Due milioni di bambine nel mondo rischiano ogni anno di subire mutilazioni genitali. Contrariamente ai bambini delle altre regioni del mondo la cui speranza di vita continua ad aumentare, i bambini dell Africa subsahariana hanno una speranza di vita inferiore a quella dei loro nonni. 125 milioni di bambini in età per frequentare la scuola elementare non sono scolarizzati, oltre 40 milioni di loro vivono nell Africa subsahariana e la maggior parte è costituita da ragazze. Altri 150 milioni di bambini lasciano la scuola elementare prima di avere imparato a leggere e scrivere e l analfabetismo interessa 860 milioni di persone nei paesi in via di sviluppo. Il tasso di scolarizzazione elementare in Africa subsahariana resta tra i più bassi di tutte le regioni del mondo. Il numero di bambini vittime di conflitti armati continua ad aumentare, il loro utilizzo si è generalizzato con lo sviluppo delle armi leggere, oggi bambini nel mondo sono impiegati come soldati dalle forze governative e dai gruppi di opposizione armati, in particolare in diversi paesi africani quali l Uganda settentrionale, la Liberia, la Repubblica democratica del Congo, il Burundi, la Costa d Avorio e la Somalia. Dal 1990, oltre 2 milioni di bambini sono stati uccisi e 6 milioni gravemente feriti nel corso di conflitti milioni di bambini dai 5 ai 14 anni lavorano, tra cui milioni in condizioni pericolose, disumane, inammissibili 2, bambini schiavi domestici, bambini impiegati in piantagioni o fabbriche, bambini venduti per riscattare un debito, spesso non dichiarati alla nascita, privati di qualsiasi contatto con la famiglia, non scolarizzati, condannati 3. Ogni anno tra e 2 milioni di donne e bambini sono oggetto di traffico internazionale transfrontaliero. 120 milioni di bambini vivono in strada, talvolta dall età di 3 o 4 anni, una vita terrificante di violenza, pericoli e derive che sono loro spesso fatali. Oltre la metà degli sfollati e rifugiati nel mondo ha meno di 18 anni e l 80% è rappresentato da donne e bambini. Moltissimi bambini sono separati dalla loro famiglia, privati del diritto all istruzione, espulsi dai paesi nei quali hanno cercato rifugio, rinchiusi in centri 4. I figli di 1 Nazioni Unite, Consiglio di sicurezza, Relazione del Segretario Generale sui bambini e i conflitti armati, 26 novembre Olara Otunnu, Dichiarazione presso il Consiglio di sicurezza dell ONU, Dibattito aperto sui bambini e i conflitti armati, 14 gennaio Human Rights Watch, Rapimento e reclutamento in Uganda settentrionale, marzo B, L azione del IPEC contro il lavoro minorile fatti salienti 2002; B, Perché una nuova convenzione dell OIL sul lavoro minorile? 3 Children s Rights: Una seconda opportunità, Save the Children Alliance Rete dell UE di esperti indipendenti in materia di diritti fondamentali, Relazione sulla situazione dei diritti APP/3587/B 2/6 RR\ doc

3 cittadini di paesi terzi nell Unione europea si vedono spesso negare qualsiasi diritto all istruzione perché gli Stati moltiplicano gli assilli amministrativi nei loro confronti 1, che siano richiedenti asilo, immigrati, apolidi o immigrati privi di documenti 2. La violenza familiare e istituzionale nei confronti dei bambini rimane diffusa e troppo spesso impunita. La pornografia rappresentante minori e lo sfruttamento sessuale 3 dei minori conoscono uno sviluppo inquietante a causa in particolare dello sviluppo delle nuove tecnologie di comunicazione e dell apertura delle frontiere europee 4. I. Il quadro giuridico 1. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo Si è dovuto attendere il 1989 affinché le norme giuridiche relative alla tutela dei minori fossero raggruppate in un unico strumento, la Convenzione sui diritti del fanciullo, approvata da tutta la comunità internazionale e che proclama senza ambiguità i diritti che ciascun bambino deve poter esercitare, indipendentemente dal luogo di nascita e dall identità dei genitori, nonché da qualsiasi considerazione relativa al sesso, alla religione o all estrazione sociale... Oggi, tutti i paesi del mondo tranne gli Stati Uniti hanno ratificato la Convenzione sui diritti del fanciullo e sono numerosi gli Stati partecipanti alla Convenzione che hanno ritirato le riserve iniziali. Nessuno strumento relativo ai diritti umani ha mai suscitato un tale sostegno in un lasso di tempo tanto breve. La Convenzione ha contribuito all elaborazione di altri strumenti internazionali relativi ai Diritti umani, tra cui due protocolli relativi il primo al coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati e l altro alla vendita, la prostituzione minorile e la pornografia rappresentante minori, nonché nuove norme in materia di adozione internazionale, lavoro minorile e giustizia minorile. A livello nazionale molte nuove costituzioni hanno previsto disposizioni che garantiscono esplicitamente i diritti dei bambini mentre le costituzioni esistenti sono state emendate in modo da menzionare espressamente i diritti dei bambini, in tutti i paesi sono state avviate riforme per allineare legislazioni e ordinamenti nazionali ai principi e alle disposizioni della Convenzione sui diritti del fanciullo. La Convenzione sui diritti del fanciullo fa obbligo agli Stati aderenti di promuovere e incoraggiare la cooperazione internazionale al fine di ottenere gradualmente la completa attuazione dei diritti del bambino e di sostenere i paesi cui fanno difetto le risorse e la capacità per ottemperare a tali obblighi 5. In tale ottica, occorre tenere conto in particolare delle necessità dei paesi in via di sviluppo. Quattro degli obiettivi di sviluppo del Millennio si riferiscono specificamente ai bambini, il fondamentali nell UE e nei suoi Stati membri nel 2002, marzo APP ACP-UE, risoluzione sul nuovo partenariato per lo sviluppo dell Africa, Brazzaville, 3 aprile Human Rights Watch, I diritti dei bambini, rapporto mondiale UNICEF, 2 congresso mondiale contro lo sfruttamento sessuale dei bambini a fini commerciali, Yokohama, dicembre Nazioni Unite, relazione annuale del Relatore speciale sulla vendita di bambini, la prostituzione minorile e la pornografia rappresentante minori, 11 aprile Articoli 4, 24 e 28 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo RR\ doc 3/6 APP/3587/B

4 che si è tradotto in un forte incentivo a favore dei bambini in termini di creazione di un quadro per una serie di politiche di sviluppo incentrate sui bambini 1. Con la dichiarazione e il piano d'azione «Un mondo a misura di bambino", approvati nel corso della Sessione speciale sull'infanzia dell'assemblea generale delle Nazioni Unite del maggio , 190 paesi hanno impegnato i propri governi su una serie di obiettivi specifici, vincolati a scadenze, in favore di bambini e giovani, ponendo particolarmente l'accento sulla promozione della salute, un'istruzione di qualità, la lotta contro lo sfruttamento, la violenza e l'hiv/aids I progressi regionali Importanti progressi sono stati compiuti anche sul piano regionale poiché nel 1990 l OUA ha approvato la Carta africana per i diritti e il benessere del fanciullo africano, primo strumento regionale di questo tipo, entrata in vigore nel L'Accordo di Cotonou fa specifico riferimento alla Convenzione sui diritti del fanciullo. L'Articolo 26 dichiara che la cooperazione nel quadro dell'accordo "sostiene politiche, misure e azioni intese a tutelare i diritti dei giovani e dei bambini e in special modo delle bambine". I bambini sono altresì menzionati specificamente all'articolo 11 relativo alle politiche di consolidamento della pace, di prevenzione e risoluzione dei conflitti, nonché all'articolo 70 sul commercio e le norme di lavoro. Nonostante queste evoluzioni positive, la ratifica degli strumenti internazionali di tutela dei minori e la loro attuazione sono ben lungi dall essere completate sia a livello degli Stati membri dell'ue che degli Stati ACP. 3. Progressi specifici per i bambini soldato Oggi, dall America all Africa, dall Europa al Medio Oriente all Asia, nessuna categoria di bambini si trova ad essere così tanto vulnerabile come i bambini coinvolti in conflitti armati. Circa ragazze e ragazzi di meno di 18 anni sono attualmente arruolati come bambini soldato nelle forze armate governative e nei gruppi armati di opposizione in più di 30 paesi nel mondo. I bambini vengono uccisi e mutilati, si ritrovano orfani e separati dalla propria famiglia, sfollati e traumatizzati, impossibilitati a frequentare la scuola, senza accesso alle cure sanitarie, vittime di rapimenti e abusi sessuali, mutilati da mine, sfruttati come bambini soldati, segnati da profondi traumi e ferite emotive. Nei contesti bellici e post-bellici i bambini sono ancor più oggetto di fenomeni gravi quali tratta, sfruttamento sessuale, mancanza di istruzione e di assistenza sanitaria. Negli anni 90, più di 2 milioni di bambini sono morti a causa di conflitti armati; più di 1 milione è rimasto orfano; più di 6 milioni sono stati gravemente feriti o resi permanentemente disabili; e oltre 10 milioni hanno riportato gravi traumi psicologici. Moltissimi minori, soprattutto ragazze, sono stati vittime di stupro e altre forme di violenza sessuale utilizzati come deliberato strumento di guerra. Oggi, più di 20 milioni di bambini sono sfollati a causa 1 UNICEF, gli Obiettivi di sviluppo del millennio Si tratta dei bambini - NY, Nazioni Unite, Assemblea generale, Piano di campagna per l attuazione della Dichiarazione del Millennio, 6 settembre 2001, A/S6/326 2 UNICEF, "Noi bambini: esame di fine decennio sul seguito dato al Vertice Mondiale per l infanzia", 2001 e aggiornamento 3 UNICEF, "Un anno dopo, i bambini attendono ancora che i leader politici si pronuncino, gli obiettivi concordati da tutte le nazioni nel maggio 2002 si realizzano lentamente, maggio APP/3587/B 4/6 RR\ doc

5 di guerre nel proprio paese o all estero e ogni mese circa 800 bambini vengono uccisi o rimangono mutilati dalle mine. I bambini vengono reclutati come carne da cannone e utilizzati per sminare i terreni. Anche la produzione e la facile reperibilità di armi leggere a basso costo hanno contribuito ad esacerbare il problema aumentando il numero di bambini che diventano bambini soldato. Anche un ragazzino di dieci anni può smontare e riassemblare queste armi leggere e di facile impiego. Progressi Grazie a importanti campagne internazionali condotte negli anni scorsi, sono state aggiunte nuove e fondamentali norme internazionali al quadro della tutela dei bambini vittime di guerra: Il Protocollo opzionale alla Convenzione dei diritti del fanciullo concernente il coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati, che fissa a 18 anni il limite di età per il reclutamento obbligatorio e la partecipazione diretta alle ostilità e richiede agli Stati aderenti di innalzare l età minima per il reclutamento volontario ad almeno 16 anni; Lo Statuto di Roma che istituisce il Tribunale penale internazionale e che definisce come crimini di guerra sia la coscrizione, l arruolamento e l utilizzo in ostilità di bambini di meno di 15 anni sia gli attacchi alle scuole e agli ospedali o gli atti gravi di violenza sessuale; La Convenzione dell OIL n. 182, entrata in vigore nel novembre 2000, che definisce l utilizzo dei bambini come soldati una delle peggiori forme di lavoro minorile e stabilisce a 18 anni l età minima per il reclutamento obbligatorio o coatto; La Carta Africana per i diritti e il benessere del fanciullo, il primo trattato regionale che stabilisce a 18 anni l età minima per tutte le forme di reclutamento e partecipazione ad ostilità, entrata in vigore nel novembre 1999; L inserimento della questione dei bambini vittime di conflitti armati nel programma del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Con una iniziativa storica, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha formalmente affermato che la protezione e la sicurezza dei bambini coinvolti in ostilità costituisce un tema inerente alla pace e alla sicurezza che come tale rientra quindi legittimamente nel proprio programma; ha definito misure specifiche e mirate nelle proprie risoluzioni; e ha ora stabilito la pratica di una revisione e un dibattito annuale sul tema. Inoltre, il Consiglio di sicurezza ha assunto una posizione significativa sulla questione dello sfruttamento dei bambini come soldati. Nella risoluzione 1379 (2001), il Consiglio ha richiesto al Segretario Generale di fornire un elenco per il proprio programma delle parti che reclutano o adoperano i bambini in situazioni di conflitto. Questo elenco è il primo del suo genere in quanto per la prima volta una relazione ufficiale ha designato e elencato nello specifico i responsabili degli abusi sui bambini in situazioni di conflitto. Richiedendo l approntamento dell elenco, il Consiglio di sicurezza ha mandato un messaggio politico forte a chi viola i diritti dei bambini nei conflitti armati affermando che i responsabili non possono agire rimanendo impuniti e che saranno chiamati a rispondere delle loro azioni. L impunità non deve mai prevalere. L impegno alla responsabilità e al rispetto delle norme giuridiche e di quelle sancite dallo Statuto di Roma che istituiscono il Tribunale penale internazionale riveste un significato storico per la tutela dei bambini vittime di conflitti armati. E inoltre necessario sottolineare le conseguenze sui bambini della proliferazione e del RR\ doc 5/6 APP/3587/B

6 traffico di armi leggere e artiglieria leggera. I bambini sono coinvolti direttamente in quanto partecipano ai conflitti come soldati. Le conseguenze negative delle armi leggere e dell artiglieria leggera sui bambini nella società bellica e post-bellica sono particolarmente gravi oggigiorno poiché la diffusione delle guerre civili e dei conflitti condotti da attori non statali, milizie e eserciti informali espone un numero crescente di bambini al rischio di partecipare, volontariamente o coattivamente, a tali forme non regolate di violenza. La Risoluzione 1460 (2003) del Consiglio di Sicurezza chiede agli Stati membri, conformemente al Programma di azione delle Nazioni Unite sulle armi leggere e l artiglieria leggera di prevenire, combattere e sradicare il traffico illecito di armi leggere e artiglieria leggera, di adottare azioni efficaci tramite anche la risoluzione dei conflitti e lo sviluppo e l attuazione di una legislazione nazionale, coerentemente con le responsabilità esistenti degli Stati ai sensi della legislazione internazionale in materia, per controllare il traffico illecito di armi leggere verso le parti coinvolte in conflitti armati che non rispettano pienamente le disposizioni della legislazione internazionale in materia relativamente ai diritti e alla protezione dei minori coinvolti in conflitti armati e chiede inoltre una valutazione delle violazioni dei diritti e degli abusi di cui sono vittima i bambini durante i conflitti armati, compreso nello sfruttamento e traffico illegale di risorse naturali e nel traffico illegale di armi leggere nelle zone in conflitto. II. La volontà politica La Dichiarazione politica dell'assemblea parlamentare paritetica ACP-UE sui diritti dei bambini La povertà rimane il maggiore ostacolo da superare affinché i diritti del fanciullo possano cominciare ad essere rispettati. Eppure, le risorse necessarie per rispondere alle esigenze essenziali dei bambini sono modeste 1. L'ostacolo principale non è la mancanza di risorse bensì l assenza di volontà politica per collocare i diritti dei bambini al centro delle priorità. La violenza e in particolare la violenza che subiscono i bambini direttamente o indirettamente coinvolti in conflitti armati costituisce una violazione estrema dei diritti dell infanzia. Operare per la costruzione della pace deve essere uno dei nostri obiettivi primari. Come Assemblea parlamentare paritetica, ci impegniamo a esercitare pressioni sui nostri governi, parlamenti e istanze internazionali di cui facciamo parte affinché i diritti dei bambini divengano finalmente la nostra priorità comune e in particolare la lotta contro la povertà e le diverse forme di violenza. 1 Il costo dell accesso universale ai servizi sanitari, di istruzione, approvvigionamento idrico e bonifica rappresenta soltanto ulteriori miliardi di dollari l anno secondo le stime della Banca mondiale e dell'onu. Ebbene, i paesi ACP hanno in genere stanziato una quota più rilevante del proprio budget alla difesa rispetto all'insegnamento di base o alle cure sanitarie primarie, i paesi europei hanno stanziato per la difesa risorse dieci volte superiori rispetto all ammontare degli aiuti statali allo sviluppo (fonti: Banca mondiale, OCSE, UNDP, UNICEF) APP/3587/B 6/6 RR\ doc

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un Diritti bambini L assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1959 ha stilato la Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo ampliata e integrata nel 1989 con la Dichiarazione dei Diritti del Bambino

Dettagli

Giornata dei diritti dei bambini

Giornata dei diritti dei bambini Giornata dei diritti dei bambini Il 20 novembre del 1989 è stata approvata dall Assemblea delle Nazioni Unite la Convezione dei Diritti dell Infanzia. In Italia, la convenzione è stata approvata nel 1991

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Un impegno totale per l infanzia. Preambolo Nel preambolo, vengono ricordati i principî fondamentali delle Nazioni Unite e le disposizioni

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE MC.DEC/7/14/Corr.1 1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Basilea 2014 ITALIAN Original: ENGLISH Secondo giorno della ventunesima Riunione Giornale MC(21)

Dettagli

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA APPELLO PER UN PIANO D AZIONE GLOBALE PER PROTEGGERE I BAMBINI DEL MONDO E PER FERMARE LA VIOLAZIONE DEI LORO DIRITTI Roma, Italia 3 novembre 2011 Ogni bambino è

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

di guerra e d Senza spettatori SIERRA LEONE

di guerra e d Senza spettatori SIERRA LEONE 26 Senza spettatori SIERRA LEONE La guerra in Sierra Leone DDal 1991 al 2001 la Sierra Leone ha vissuto 10 anni di una guerra fratricida scatenata dall interesse per le ricche miniere di diamanti presenti

Dettagli

Principali Carte, Convenzioni e Dichiarazioni in materia di diritti umani adottate a livello internazionale

Principali Carte, Convenzioni e Dichiarazioni in materia di diritti umani adottate a livello internazionale Principali Carte, Convenzioni e Dichiarazioni in materia di diritti umani adottate a livello internazionale 1 Principali Carte, Convenzioni e Dichiarazioni in materia di diritti umani adottate a livello

Dettagli

I bambini soldato: situazione e cause

I bambini soldato: situazione e cause I bambini soldato: situazione e cause Sono più di 300.000 i minori di 18 anni attualmente impegnati in conflitti nel mondo. Centinaia di migliaia hanno combattuto nell'ultimo decennio, alcuni negli eserciti

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/OPAC/ITA/1 Quarantaduesima sessione 15 maggio 2 giugno 2006 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE Analisi dei Rapporti presentati dall Italia ai sensi dell art. 8 del Protocollo

Dettagli

Il lavoro Minorile QUANTI SONO I BAMBINI CHE LAVORANO? Nel mondo i bambini (0 14 anni) sono più di due miliardi. L' 87% di essi vive nei Paesi del Sud del mondo Ma solo pochissimi di essi hanno un'infanzia

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Introduzione ai diritti umani. Scuole superiori

Introduzione ai diritti umani. Scuole superiori Introduzione ai diritti umani Scuole superiori Cosa sono i diritti umani? I diritti umani sono i diritti di ogni persona in quanto tale. Caratteristiche: Fondamentali Universali Inviolabili Indisponibili

Dettagli

L AZIONE DELL UNICEF Francesco GENTILE UNICEF Cosenza. Università della Calabria III Corso Multidisciplinare di Educazione ai Diritti 16 marzo 2010

L AZIONE DELL UNICEF Francesco GENTILE UNICEF Cosenza. Università della Calabria III Corso Multidisciplinare di Educazione ai Diritti 16 marzo 2010 BAMBINI E GUERRA: L AZIONE DELL UNICEF Francesco GENTILE UNICEF Cosenza Università della Calabria III Corso Multidisciplinare di Educazione ai Diritti 16 marzo 2010 CONVEZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA

Dettagli

All the invisible children. Appunti sulla Convenzione Internazionale sui diritti dell Infanzia e dell Adolescenza. Comitato Provinciale UNICEF di Roma

All the invisible children. Appunti sulla Convenzione Internazionale sui diritti dell Infanzia e dell Adolescenza. Comitato Provinciale UNICEF di Roma XIX Corso Universitario Multidisciplinare di Educazione allo Sviluppo Università La Sapienza di Roma All the invisible children Appunti sulla Convenzione Internazionale sui diritti dell Infanzia e dell

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

WORLDLESS CHILDREN LUCA CATALANO GONZAGA

WORLDLESS CHILDREN LUCA CATALANO GONZAGA WORLDLESS CHILDREN LUCA CATALANO GONZAGA PREMESSA Ad oltre 1 miliardo di bambini nel mondo viene negato il sano sviluppo sancito dalla Convenzione sui Diritti dell'infanzia del 1989 violando il diritto

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

Business and Human Rights: una introduzione. Sessione pilota del Corso di formazione di base

Business and Human Rights: una introduzione. Sessione pilota del Corso di formazione di base Business and Human Rights: una introduzione Sessione pilota del Corso di formazione di base Milano, 12 Novembre 2015 I Diritti Umani: una definizione Cosa sono i Diritti Umani? I Diritti Umani: una definizione

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Milano, giugno 2010 ActionAid ActionAid, organizzazione indipendente impegnata nella lotta

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Alla Conferenza hanno partecipato più di 110 persone tra tecnici e addetti ai lavori.

Alla Conferenza hanno partecipato più di 110 persone tra tecnici e addetti ai lavori. Conferenza internazionale contro la violenza sulle donne e sui minori "Famiglia moderna. Formazione culturale della non-violenza " Minsk, 14-15 aprile 2011 DOCUMENTO DI SINTESI I giorni 14-15 Aprile 2011

Dettagli

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm Convegno Cooperazione internazionale a sostegno dello sviluppo umano e sanitario nei Paesi con risorse limitate Siena, 28 novembre

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

Discorso del Ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna

Discorso del Ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna Discorso del Ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna Rivolgo a voi tutti un caloroso benvenuto, a nome del Governo italiano e mio personale. E per me un onore aprire ufficialmente i lavori di presentazione

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

UN MONDO A MISURA DI BAMBINE, BAMBINI, RAGAZZI, RAGAZZE. Guida per le ragazze e i ragazzi 13-17

UN MONDO A MISURA DI BAMBINE, BAMBINI, RAGAZZI, RAGAZZE. Guida per le ragazze e i ragazzi 13-17 UN MONDO A MISURA DI BAMBINE, BAMBINI, RAGAZZI, RAGAZZE Guida per le ragazze e i ragazzi 13-17 IL PIDIDA Per i Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza Il PIDIDA (Per I Diritti dell Infanzia e Dell Adolescenza)

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI ASSEMBLEA PARLAMENTARE DELL OSCE. Sessione Annuale di Vilnius, Lituania, (29 giugno 3 luglio 2009)

CAMERA DEI DEPUTATI ASSEMBLEA PARLAMENTARE DELL OSCE. Sessione Annuale di Vilnius, Lituania, (29 giugno 3 luglio 2009) Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI Doc. XII-quinquies N. 38 CAMERA DEI DEPUTATI ASSEMBLEA PARLAMENTARE DELL OSCE Sessione Annuale di Vilnius,

Dettagli

Verso una strategia europea sui diritti dei minori

Verso una strategia europea sui diritti dei minori Verso una strategia europea sui diritti dei minori Comunicazione della Commissione Europea (Luglio 2006) 1. OBIETTIVI La presente comunicazione propone di elaborare una strategia globale dell UE per promuovere

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

IV International Media Forum On the Protection of Nature

IV International Media Forum On the Protection of Nature IV International Media Forum On the Protection of Nature "Protection of Nature, Protection of Health" Roma, 4-7 Ottobre 2006 Carlotta Sami Direttrice dei Programmi, Save the Children Italia Chi siamo Save

Dettagli

Guida al sistema internazionale dei diritti umani

Guida al sistema internazionale dei diritti umani Guida al sistema internazionale dei diritti umani I. Gli strumenti giuridici fondamentali sui diritti umani Nel corso dei secoli, il tema dei diritti fondamentali della persona ha attraversato diverse

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARETICA ACP-UE Commissione per gli affari politici 31.7.2014 PROGETTO DI RELAZIONE sulla sfida della riconciliazione nazionale nei paesi in situazione di postconflitto e di post-crisi

Dettagli

Linee guida dell Unione Europea sui bambini e i conflitti armati *

Linee guida dell Unione Europea sui bambini e i conflitti armati * Linee guida dell Unione Europea sui bambini e i conflitti armati * * Adottate dal Consiglio dell Unione Europea «Affari generali e relazioni esterne» dell 8 dicembre 2003 (doc. 15309/05 + COR 1). Sottoposte

Dettagli

FIORI CHE RINASCONO Etiopia

FIORI CHE RINASCONO Etiopia FIORI CHE RINASCONO Etiopia Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

Bambini si nasce, grandi si diventa?

Bambini si nasce, grandi si diventa? Bambini si nasce, grandi si diventa? World Social Agenda 2011-2012 Nel 2000, 189 paesi membri dell'assemblea delle Nazioni Unite hanno sottoscritto la Dichiarazione del Millennio. Si sono impegnati a eliminare

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

Distr.: General 19 June 2008

Distr.: General 19 June 2008 United Nations S/RES/1820 (2008) Security Council Distr.: General 19 June 2008 Risoluzione del Consiglio di Sicurezza 1820 (2008) La risoluzione è stata adottata dal Consiglio di Sicurezza alla sua 5916esima

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza MIUR PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO DEL GARANTE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA DELLA REGIONE

Dettagli

Protocollo opzionale alla convenzione dei diritti del fanciullo concernente il coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati (1)

Protocollo opzionale alla convenzione dei diritti del fanciullo concernente il coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati (1) Protocollo opzionale alla convenzione dei diritti del fanciullo concernente il coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati (1) (traduzione non ufficiale) Gli Stati Parte al presente Protocollo, Preambolo

Dettagli

INIZIATIVE DGCS SUL TEMA DELLA LOTTA ALLO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE

INIZIATIVE DGCS SUL TEMA DELLA LOTTA ALLO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE INIZIATIVE DGCS SUL TEMA DELLA LOTTA ALLO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE Lo sfruttamento del lavoro minorile nelle sue peggiori forme Ancora oggi, secondo le stime ufficiali dell ILO sarebbero almeno

Dettagli

Le funzioni dell ONU

Le funzioni dell ONU Le funzioni dell ONU Allo scopo di tutelare la pace nel mondo, nel 1945 venne istituita l ONU (Organizzazione delle nazioni unite). Oltre che della tutela della pace, l ONU si occupa della salvaguardia

Dettagli

Iscrizione all elenco organizzazioni SaD

Iscrizione all elenco organizzazioni SaD Direzione Generale per il Terzo settore e le Formazioni sociali Sostegno a Distanza - SaD Iscrizione all elenco organizzazioni SaD MODELLI 1. Richiesta di adesione: - Modello n. 1- Richiesta di adesione

Dettagli

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA Signor Presidente, Signore e Signori, Cari colleghi, ringrazio innanzitutto il Governo del Brasile per l ospitalità che ha voluto riservare alle delegazioni

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

Smantellata con la II guerra mondiale

Smantellata con la II guerra mondiale Europa dopoguerra I organismo di cooperazione Devastata, sminuito il ruolo centrale del potere economico e politico Nasce a Ginevra, 10/01/1920 Inizialmente scarsi risultati politici Società delle Nazioni

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI INFANTILI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

40 miliardi di dollari. 150 paesi. Sconfiggere l estrema povertà nel mondo OBIETTIVO:

40 miliardi di dollari. 150 paesi. Sconfiggere l estrema povertà nel mondo OBIETTIVO: 40 miliardi di dollari 150 paesi OBIETTIVO: Sconfiggere l estrema povertà nel mondo Obiettivi TARGET: 1 Dimezzare la povertà assoluta e la fame nel mondo 2 Assicurare l istruzione elementare per tutti

Dettagli

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili"

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - Esclusi e invisibili Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili" Un'infanzia che non riceve aiuto: sono milioni i bambini invisibili Londra/Roma, 14 dicembre 2005 - Centinaia di milioni

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Diritti (e relative responsabilità) delle ragazze e dei ragazzi secondo la Convenzione ONU sui Diritti dei Minori

Diritti (e relative responsabilità) delle ragazze e dei ragazzi secondo la Convenzione ONU sui Diritti dei Minori per i diritti dell infanzia e dell adolescenza Coordinamento del Veneto Ufficio Protezione e Pubblica Tutela dei Minori Università di Padova Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della prevenzione e comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i rapporti internazionali UFFICIO III Strategia Globale per la salute

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Assemblea Generale delle Nazioni Unite, risoluzione 48/104 del 23 febbraio 1994. (Traduzione italiana a cura del Centro di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2581 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIULIETTI Iniziative e manifestazioni per la celebrazione del sessantesimo anniversario della

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 SCHEDA DATI UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 Trasformare il circolo vizioso in un circolo virtuoso ha benefici enormi: - Si

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

Cosa chiede ActionAid al governo italiano?

Cosa chiede ActionAid al governo italiano? Afghanistan e diritti delle donne: domande e risposte Cosa chiede ActionAid al governo italiano? La fase di transizione che prevede il progressivo ritiro delle truppe internazionali è cominciata nel 2011

Dettagli

La protezione dei bambini nei conflitti armati

La protezione dei bambini nei conflitti armati 10 dicembre 2007 Comitato Internazionale della Croce Rossa - intervista La protezione dei bambini nei conflitti armati Traduzione non ufficiale di Matteo Cavallo Il diritto internazionale umanitario prevede

Dettagli

Convenzione internazionale sui diritti dell infanzia e dell adolescenza il diritto di crescere

Convenzione internazionale sui diritti dell infanzia e dell adolescenza il diritto di crescere Convenzione internazionale sui diritti dell infanzia e dell adolescenza il diritto di crescere La Convenzione internazionale sui diritti dell infanzia e dell adolescenza è un Patto tra Stati approvato

Dettagli

Spese militari e aiuti allo sviluppo

Spese militari e aiuti allo sviluppo Spese militari e aiuti allo sviluppo La storia dell elefante nella stanza L elefante nella stanza è una espressione idiomatica inglese per indicare una verità evidente che viene ignorata o di cui si continua

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali?

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? Risoluzione 1971 (2014) Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? 1. L Assemblea parlamentare ha affrontato la situazione dei rifugiati siriani nella sua Risoluzione 1902

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

FILO DIRETTO CON IL PARLAMENTO EUROPEO 2008-2009 "Un giornale per l'europa" Pari opportunità. Isabel Recavarren Malpartida PhD

FILO DIRETTO CON IL PARLAMENTO EUROPEO 2008-2009 Un giornale per l'europa Pari opportunità. Isabel Recavarren Malpartida PhD FILO DIRETTO CON IL PARLAMENTO EUROPEO 2008-2009 "Un giornale per l'europa" Pari opportunità Isabel Recavarren Malpartida PhD Nel 1945, le Nazioni Unite dichiararono l impegno di lavorare per la parità

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio 1948. pag.

Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio 1948. pag. INDICE 1. NORME DI CARATTERE GENERALE Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio 1948. pag. 15 1.1. Normativa internazionale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARITETICA ACP-UE

ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARITETICA ACP-UE ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARETICA ACP-UE Commissione per gli affari sociali e l'ambiente 15.10.2009 AP/100.504/AA1-26 EMENDAMENTI 1-26 Progetto di relazione Corelatori: Manuel Jiménez (Repubblica Dominicana),

Dettagli

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 luglio 2007, in

Dettagli

Diritto all assistenza sanitaria Il caso particolare: la Nigeria

Diritto all assistenza sanitaria Il caso particolare: la Nigeria La Convenzione sui Diritti dell'infanzia è stata approvata dall Assemblea generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 ed è stata ratificata dall Italia con legge del 27 maggio 1991, n. 176. Sebbene

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

Protocollo facoltativo del 25 maggio 2000 alla Convenzione sui diritti del fanciullo relativo alla partecipazione di fanciulli a conflitti armati

Protocollo facoltativo del 25 maggio 2000 alla Convenzione sui diritti del fanciullo relativo alla partecipazione di fanciulli a conflitti armati Protocollo facoltativo del 25 maggio 2000 alla Convenzione sui diritti del fanciullo relativo alla partecipazione di fanciulli a conflitti armati RS 0.107.1; RU 2002 3579 I Campo di applicazione del protocollo

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE PARTE PRIMA EVOLUZIONE STORICA CAPITOLO I

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE PARTE PRIMA EVOLUZIONE STORICA CAPITOLO I INDICE-SOMMARIO ABBREVIAZIONI... pag. XV INTRODUZIONE 1. Premessa... pag. 1 2. Le caratteristiche distintive generali delle organizzazioni non governative...» 5 3. Le ONG nelle ricostruzioni della dottrina

Dettagli

Elezioni Europee 2014 MANIFESTO EDF: LE PRIORITÀ ASSOLUTE DEL MOVIMENTO DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

Elezioni Europee 2014 MANIFESTO EDF: LE PRIORITÀ ASSOLUTE DEL MOVIMENTO DELLE PERSONE CON DISABILITÀ Elezioni Europee 2014 MANIFESTO EDF: LE PRIORITÀ ASSOLUTE DEL MOVIMENTO DELLE PERSONE CON DISABILITÀ MANIFESTO PER LE ELEZIONI EUROPEE 2014 Nell Unione Europea le persone con disabilità sono 80 milioni

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale Corso di Laurea Magistrale LM59 Scienze della comunicazione pubblica e sociale Insegnamento: Cooperazione sanitaria internazionale Conoscenze e abilità da conseguire L evoluzione degli scenari economici

Dettagli

Si allegano per le delegazioni le conclusioni del Consiglio sul Sud Sudan, adottate dal Consiglio nella 3466ª sessione tenutasi il 23 maggio 2016.

Si allegano per le delegazioni le conclusioni del Consiglio sul Sud Sudan, adottate dal Consiglio nella 3466ª sessione tenutasi il 23 maggio 2016. Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 23 maggio 2016 (OR. en) 9110/16 RISULTATI DEI LAVORI Origine: in data: 23 maggio 2016 Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni n. doc. prec.:

Dettagli