L enunciazione del principio di diritto nell interesse della legge ex art. 363 cpc (scritto già pubblicato in Riv. dir. proc. 2013, 32 ss.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L enunciazione del principio di diritto nell interesse della legge ex art. 363 cpc (scritto già pubblicato in Riv. dir. proc. 2013, 32 ss."

Transcript

1 MICHELE FORNACIARI L enunciazione del principio di diritto nell interesse della legge ex art. 363 cpc (scritto già pubblicato in Riv. dir. proc. 2013, 32 ss.) SOMMARIO: 1. Il nuovo testo dell art. 363 c.p.c. 2. La ratio della novella. 3. L ambito applicativo dell istituto. 4. Il presupposto (la questione di particolare importanza ) ed il contenuto della pronuncia (conformità o difformità rispetto alla decisione di merito). 5. L efficacia della pronuncia (vincolatività o meno per le sezioni semplici della decisione delle sezioni unite). 6. Le possibili ricadute concrete della pronuncia. 7. Conclusione: apprezzabilità della novella. 1. Il nuovo testo dell art. 363 c.p.c. Nell ambito dei ripetuti interventi sul giudizio di cassazione, operati dal legislatore negli ultimi anni, uno di più significativi è indubbiamente quello che, nel , ha inciso sull art. 363 c.p.c., trasformando il ricorso nell interesse della legge in principio di diritto nell interesse della legge e rivitalizzando così un istituto che fino ad allora non aveva mai avuto alcuna applicazione concreta. In effetti, dopo il 2006 le cose sono nettamente cambiate. Grazie in particolare alla possibilità della pronuncia semi-ufficiosa in caso di inammissibilità del ricorso, introdotta dalla riforma, la Cassazione ha infatti iniziato a fare un uso assai frequente, e non di rado disinvolto, dell istituto, che è dunque venuto assumendo un ruolo decisamente rilevante, sia quantitativamente, sia anche qualitativamente 2. 1 D. lgs. 2 febbraio 2006 n E ad esempio proprio ex art che Cass. sez. un. 23 dicembre 2008, n in Foro it. 2009, I, 731, con nota di PALMIERI A., Pubblici poteri, responsabilità e tutela innanzi al giudice amministrativo: ancora un passo verso la completa annessione al diritto comune dell illecito provvedimentale, ibidem 2721, con nota di PAGNI I., La responsabilità della pubblica amministrazione e l assetto dei rapporti tra tutela specifica e tutela risarcitoria dopo l intervento delle sezioni unite della Cassazione, Riv. dir. proc. 2009, 449, con nota di VERDE G., Ancora su pregiudizialità amministrativa e riparto di giurisdizione, Dir. proc. amm. 2009, 460, con nota di GRECO G., La Cassazione conferma il risarcimento autonomo dell interesse legittimo: progresso o regresso del sistema?, Foro amm. 2008, 2639, con nota di SATTA F., Quid novi dopo la sentenza n del 2008 delle Sezioni unite?, Nuova giur. civ. comm. 2009, I, 585, con nota di PASCIUCCO G., Il risarcimento del danno e la pregiudizialità amministrativa nelle parole della Cassazione, Corr. giur. 2009, 647, con note di DI MAJO A., Il risarcimento in via autonoma contro gli atti della p.a. e di PICOZZA E., La tutela giurisdizionale si dimensiona su quella sostanziale e non viceversa, Giuda al diritto 4/2009, 64, con nota di OBERDAN F., La parte può scegliere se fare ricorso alla tutela risarcitoria o alla demolitoria, Resp. civ. 2009, 1310, con nota di PATRITO P., Pregiudiziale amministrativa: il primo passo verso un concordato giurisprudenziale?, è nuovamente intervenuta sul tema, spinosissimo e controverso, della c.d. pregiudizialità amministrativa. Ed è ancora ex art , in un caso di estinzione per rinuncia al ricorso successiva alla fissazione dell adunanza in camera di consiglio, che Cass. sez. un. 6 settembre 2010 n , in Foro it. 2010, I, 3333, con osservazione di COSTANTINO G. e nota di SCARSELLI G., Circa il (supposto) potere della Cassazione di enunciare d ufficio il principio di diritto nell interesse della legge, Giur. it. 2010, 1991, ivi, 2011, 885, con nota di CARRATTA A., L art. 360 bis c.p.c. e la nomofilachia creativa dei giudici di cassazione, Giust. civ., 2011, I, 123, ivi, 403, con nota di TERRUSI F., Il filtro di accesso al giudizio di cassazione: la non soddisfacente risposta delle sezioni unite, Giusto proc. civ. 2010, 1131, con nota di LUISO F. P., La prima pronuncia della Cassazione sul c.d. filtro, Nuova giur. civ. comm. 2011, I, 167, con nota di CARNEVALE V., La Corte di Cassazione ridimensiona il filtro dell art. 360 bis cod. proc. civ., Guida al diritto 38/2010, 32, con nota di FINOCCHIARO G., La valutazione rispetto ai precedenti va compiuta al momento della decisione, ha fornito la lettura dell art. 360bis in chiave di manifesta infondatezza e non di inammissibilità. Più recentemente v. poi Cass. sez. un. 13 aprile 2012 n. 5873, sulla possibilità per il Consiglio di Stato di sollevare in appello conflitto di giurisdizione, a seguito di declinatoria del giudice ordinario e tempestiva riproposizione della domanda davanti al giudice amministrativo, a condizione che il rilievo d ufficio della questione di giurisdizione non sia ormai precluso; Cass. sez. un. 22 dicembre 28335, sulla non autonoma impugnabilità davanti al Consiglio Nazionale Forense dell atto di apertura del procedimento disciplinare; Cass. sez. un. 19 ottobre 2011 n (ord.), in Il Giudice di Pace 2/2012, 107, con nota di SCARPA A., Giudice di pace e cause relative a beni immobili, sulla competenza del

2 Procedendo con ordine, vediamo dunque innanzitutto in cosa consistono gli interventi operati dal legislatore. Le novità sono, invero, abbastanza consistenti, e possono, schematizzando, essere ricondotte a tre distinti profili: i casi nei quali l istituto può essere utilizzato; il procedimento da seguire; il provvedimento finale. Dal primo punto di vista, si è proceduto ad un duplice ampliamento, vuoi di carattere oggettivo, vuoi di carattere soggettivo. In precedenza, la pronuncia della Cassazione poteva infatti avere luogo unicamente su sollecitazione del Procuratore Generale presso la Corte ed unicamente allorché, pur essendo la materia suscettibile di ricorso ad opera delle parti, queste non lo avessero proposto oppure, propostolo, vi avessero rinunciato. Oggi, a seguito della riforma, intanto, per quanto concerne il ricorso del Procuratore Generale, si è sancito che questo può aver luogo, oltre che nei casi suddetti, anche quando il provvedimento, non altrimenti impugnabile, non sia ricorribile in Cassazione (ad opera delle parti) 3. Oltre a questo si è poi però anche introdotta la possibilità di una pronuncia che, come poc anzi anticipato, potremmo definire semi-ufficiosa. Ai sensi dell art , la Cassazione, allorché dichiara inammissibile il ricorso proposto da una parte, può infatti enunciare ugualmente il principio di diritto (senza effetto sul provvedimento impugnato: art ), qualora ritenga che la questione sottopostale sia di particolare importanza (la pronuncia è dunque, come si è detto, semi-ufficiosa perché il giudizio, all interno del quale è resa, è pur sempre frutto del ricorso, ancorché inammissibile, di una parte). Dal secondo punto di vista (con riferimento cioè al procedimento), è stato introdotto un nuovo art , nel quale per un verso si disciplinano, sia pure sommariamente, il contenuto e le modalità di presentazione della richiesta del Procuratore Generale, sancendo che questa deve contenere una sintetica esposizione del fatto e delle ragioni di diritto, e che deve essere rivolta al Primo Presidente della Corte 4 ; per altro verso si regolamenta, ancora più sommariamente, il procedimento, pre- Giudice di Pace (nei limiti della sua generale competenza per valore), in merito a pretese che abbiano la loro fonte in un rapporto, giuridico o di fatto, riguardante un bene immobile; Cass. 18 ottobre 2011 n (ord.), sull applicabilità dell art. 366 n. 6 alla sentenza prodotta nel giudizio di merito per dimostrare l esistenza di un giudicato esterno, laddove il motivo di ricorso per cassazione censuri la statuizione della sentenza impugnata relativamente all esistenza o all interpretazione del giudicato. 3 Secondo FRASCA R., La decisione in tema di competenza e giurisdizione, in Il nuovo giudizio di cassazione, a cura di IANNIRUBERTO G.-MORCAVALLO U., Milano 2007, 307, la riforma avrebbe per altro verso reso facoltativa la decisione della Cassazione su richiesta del Procuratore Generale. La tesi, che fa leva sull art , poggia però su un presupposto (quello secondo il quale la decisione ex art. 363 avverrebbe sempre a sezioni unite) che, come vedremo ( 4 testo e nota 10), non pare condivisibile. 4 Nel senso che l iniziativa del P. G., non configurandosi come un mezzo di impugnazione, e concretandosi dunque non in un ricorso ma in una mera richiesta, non deve essere notificata alle parti, le quali sono prive di legittimazione a partecipare al procedimento, v. Cass. sez. un. 1 giugno 2010 n , in Foro it. 2011, I, 1862, con nota di IANNIRUBERTO G., La domanda del procuratore generale della Cassazione per l enunciazione del principio di diritto: regole processuali, Giust. civ. 2011, I, 2652, Dir. giur. 2010, 612, con nota di IANNIRUBERTO G., La richiesta del Procuratore Generale della Cassazione nell interesse della legge. Nello stesso senso, in dottrina, CRISCUOLO A., I provvedimenti ricorribili. Il ricorso nell interesse della legge, in Il nuovo giudizio di cassazione, a cura di IANNIRUBERTO G.-MORCAVALLO U., cit., 171 s. e 174 (sia pure con qualche apertura in senso contrario); REALI G., in La riforma del giudizio di cassazione. Commentario al D. Lgs. 2 febbraio 2006, n. 40, capo I e alla L. 18 giugno 2009, n. 69, capo IV, a cura di CI- PRIANI F., Padova 2009, 177. Nel senso invece della necessità dell attivazione del contraddittorio, v. TISCINI R., Il giudizio di cassazione riformato, in Giusto proc. civ. 2007, 532 ss., poi, come Ricorso per cassazione nel diritto processuale civile, in Digesto priv., agg., II, 2007, 1149 ss. e in 3, e, quantomeno nei casi nei quali la pronuncia della Cassazione possa in qualche modo riflettersi sulla posizione delle parti (sul punto v. il 6), IANNIRUBERTO G., La domanda, cit., Nel senso dell opportunità della comunicazione del ricorso alle parti e della possibilità, per queste, di partecipare all udienza e/o di presentare memorie nei cinque giorni precedenti, ma senza che in capo ad esse possa configurarsi un vero e proprio diritto al contraddittorio, così come per l inapplicabilità dell art , v. BRIGU-

3 vedendosi la possibilità di assegnazione dell istanza alle Sezioni Unite, ove la questione rivesta particolare importanza. Dal terzo punto di vista (vale a dire quanto al provvedimento finale), si è inteso conferire maggiore peso e significato alla pronuncia, sostituendosi l intervento meramente demolitorio del vecchio testo (la cassazione nell interesse della legge), con uno a contenuto positivo (l enunciazione, sempre nell interesse della legge, del principio di diritto cui avrebbe dovuto attenersi il giudice del merito). Nessuna sostanziale novità apporta viceversa la mutata formulazione dell ultimo comma, che rappresenta esclusivamente l adeguamento alle modifiche dei commi precedenti: poiché in questi non si parla più, come appena detto, di cassazione della sentenza e poiché, si aggiunga pure, anticipando quanto si dirà fra breve, alla luce delle modifiche medesime non è detto che la sentenza della Cassazione si ponga necessariamente in conflitto con il provvedimento di merito non avrebbe avuto senso conservare il riferimento che ad essa (alla cassazione) era contenuto nel precedente testo. Tale riferimento è stato dunque sostituito da quello alla pronuncia della Corte. 2. La ratio della novella Detto delle modifiche e passando dunque al commento, per quanto concerne la ratio dell intervento, questa è chiarissima e del resto era esplicitamente enunciata nella legge delega, dove si parlava di introduzione di meccanismi idonei, modellati sull attuale articolo 363 del codice di procedura civile, a garantire l esercitabilità della funzione nomofilattica della Corte di cassazione, anche nei casi di non ricorribilità del provvedimento ai sensi dell articolo 111, settimo comma, della Costituzione 5 : in questione è il tentativo di accrescere e di rafforzare lo svolgimento dell opera di indirizzo della Cassazione, per un verso estendendolo anche a quei settori tipico ad esempio quello delle misure cautelari, e più in generale provvisorie e/o a cognizione sommaria in relazione ai quali, a cose normali, essa non può trovare luogo, per altro verso conferendo all intervento della Corte una maggiore autorità. Da qui, dunque, sia il duplice allargamento dei casi di utilizzabilità dell istituto (possibilità di ricorso del Procuratore Generale anche in relazione a provvedimenti non ricorribili; pronuncia ufficiosa in caso di ricorso inammissibile), sia la modifica nel contenuto della pronuncia (non più mera cassazione, ma enunciazione del principio di diritto), sia ancora la possibilità di investire della decisione le sezioni unite. Per converso, la conservata insensibilità del provvedimento di merito alla pronuncia della Cassazione risponde alla preoccupazione di evitare che le parti sommergano la Corte con un diluvio di istanze in materie non suscettibili di ricorso, né ordinario né straordinario, scommettendo sulla possibilità che la Corte medesima, pur dichiarando inammissibile l impugnazione, emetta ugualmente una decisione ai sensi dell art Pur non potendosi escludere in assoluto che tale decisione assuma, a seconda dei casi, un qualche rilievo 6, è infatti evidente che l espressa esclusione di effetti sul provvedimento di merito rappresenta comunque un notevole disincentivo a tali tentativi. 3. L ambito applicativo dell istituto Per quanto concerne l esegesi della norma, vi sono diversi aspetti che meritano attenzione. GLIO A., in Commentario alle riforme del processo civile, a cura di BRIGUGLIO A.-CAPPONI B., III, 1, Ricorso per cassazione, Padova 2009, 129 s. 5 Art. 3 3 lett. a), penultimo inciso, l. 14 maggio 2005 n Sul punto v. il 6.

4 Il primo, assai rapido, è quello per il quale, dovendo l intervento della Cassazione tradursi nell enunciazione di un principio di diritto, esso non può ovviamente concernere se non le ipotesi nelle quali, in generale, la decisione della Corte è idonea ad un siffatto esito; vale a dire, in sostanza, allorché in questione è un vizio rientrante in uno dei motivi di cui ai nn. 1-4 dell art Il secondo aspetto sul quale soffermarsi attiene sempre all ambito di applicazione dell istituto, ma da un altro punto di vista. Leggendo la norma, l impressione che si ricava è, sicuramente, quella per la quale con la novella si è voluto consentire l intervento della Corte anche in relazione alle decisioni non suscettibili di ricorso 7. In tal senso è infatti espressa l integrazione del primo comma, quanto al ricorso del Procuratore Generale (dove si parla appunto di provvedimento non ricorribile in Cassazione). Ed in tal senso deve senz altro intendersi, se non altro sul piano dell intenzione del legislatore, anche il più generico riferimento del terzo comma all inammissibilità del ricorso, quanto alla pronuncia d ufficio. A meglio riflettere, questo non esaurisce tuttavia la portata della riforma. L inammissibilità del ricorso, se pure ha senz altro la propria più significativa manifestazione nei casi di non ricorribilità in Cassazione, trova nondimeno luogo anche in altre ipotesi, e segnatamente in presenza di determinati difetti procedurali (si pensi in particolare alla difettosa formulazione del ricorso, in relazione ai requisiti richiesti dall art. 366). Alla luce della generica formulazione dell art , non vi sono dunque ragioni per le quali, laddove il difetto non sia tale da impedire di cogliere i termini della questione, la Cassazione non possa procedere all enunciazione d ufficio del principio di diritto anche in questo tipo di ipotesi. Più in generale deve anzi ritenersi che ciò debba essere ammesso in tutti i casi nei quali il processo si esaurisca in rito, quale che ne sia il motivo (banalmente, si pensi all estinzione per rinuncia 8 ; certo, in questi casi la norma contempla espressamente la possibilità della richiesta del Procuratore Generale; ma non pare ragionevole configurare tale richiesta quale conditio sine qua non, tale che, in sua assenza, la Corte non possa ugualmente enunciare il principio di diritto, ove ne ritenga la questione meritevole; di un siffatto rigore non si riesce infatti a cogliere quali potrebbero essere i motivi) 9. 7 Nel senso che questa era l intenzione del legislatore delegante, v. CAPONI R., osservazione a Cass. 28 dicembre 2007 n , in Foro it. 2008, I, Per l applicabilità dell istituto in questa ipotesi v. Cass. sez. un. 6 settembre 2010 n , cit., della quale si è già detto, anche a questo proposito, nella nota 2. 9 Per l applicabilità della norma in caso di improcedibilità v. Cass. 21 maggio 2007 n , in Giur. it. 2009, 932, con nota di IMPAGNATIELLO G., Principio di diritto nell interesse della legge e funzione nomofilattica della Cassazione. Per altro verso, la Cassazione ha poi ritenuto possibile l enunciazione del principio di diritto nell interesse della legge da un lato non solo in sede di ricorso ordinario ma anche nell ambito dei regolamenti, vuoi di giurisdizione (Cass. sez. un. 28 dicembre 2007 n , in Foro it. 2008, I, 766, con osservazioni di CHIAVACCI C., CAPONI R. e PALMIERI A., Giur. it. 2009, 931, con nota di G., Principio di diritto, cit., Giust. civ. 2008, I, 1437, con nota di GIOR- DANO R., La decisione della Suprema Corte sulla vicenda del comune di Serre: considerazioni su alcuni profili processuali, Guida al diritto 10/2008, 51, con nota di MICALI A., Negato il ricorso in Cassazione contro i provvedimenti d urgenza, Urbanistica e appalti 2008, 589, con nota di CAMERIERO L., Giurisdizione esclusiva e diritto alla salute, Il corriere del merito 2008, 387, con nota di MADDALENA M. L., Comportamenti amministrativi e lesione di diritti fondamentali) vuoi di competenza (Cass. sez. un. 12 maggio 2008 n , in Giur. it. 2009, 931, con nota di IMPAGNA- TIELLO G., Principio di diritto, cit., Corriere giur. 2008, 1221, con nota di DE PASCALIS C. G., Incompetenza per territorio derogabile: tempestività dell eccezione e impugnabilità della pronuncia, Il corriere del merito 2008, 926, con nota di TRAVAGLINO G., Eccezione di incompetenza per territorio e comparsa di risposta del convenuto), dall altro non solo nei casi di decisione in udienza, ma anche in quelli di decisione in camera di consiglio, e (ciò che pare francamente ovvio) con riferimento non alle sole ragioni che hanno condotto all inammissibilità, ma a tutte quelle sollevate (Cass. 20 maggio 2011 n , in Foro it. 2011, I, 2036 e in Giust. civ. 2011, I, 1682; contra, sul punto dell applicabilità dell istituto anche nell ambito del procedimento camerale, in precedenza, Cass. 31 dicembre 2009 n ; in dottrina, per la pronunciabilità del principio di diritto su tutte le questioni sollevate e non solo su quella che ha determinato

5 Ancora, un ulteriore settore, in relazione al quale si potrebbe pensare ad un estensione dell istituto, è quello dei motivi assorbiti. Laddove la Cassazione accolga il ricorso per un certo motivo, tale da rendere inutile, in relazione al concreto esito della causa, l esame di altri profili, ben può infatti darsi che l esame di questi rivesta tuttavia rilievo sul piano generale e giustifichi dunque l enunciazione in proposito, pur senza riflessi sul processo, del principio di diritto. Né d altro canto, in linea generale, sussistono, anche in questa ipotesi, peculiarità tali da precludere una siffatta operazione. Come sempre accade, allorché si tratta di valutare l assimilabilità o meno di due fattispecie, le differenze da prendere in considerazione sono infatti esclusivamente quelle rilevanti in relazione al problema in esame (in caso contrario, l assimilabilità sarebbe esclusa in partenza, posto che, se si tratta di due fattispecie diverse, una qualche differenza esiste per definizione). E certo, per quanto concerne il caso dei motivi assorbiti, le differenze che questo presenta rispetto a quello dell inammissibilità del ricorso, espressamente contemplata dalla norma, non sono rilevanti in rapporto all istituto, della cui applicazione si discute. La cosa non pare tuttavia fattibile per un altra ragione; e cioè perché, una volta che la Corte si soffermi su un certo motivo, ancorché il suo esame non sia a rigore necessario, data la presenza di un motivo assorbente, non ha senso che essa da un lato lo dichiari assorbito e dall altro, ex art. 363, enunci ugualmente, in relazione ad esso, il principio di diritto. A tal punto appare infatti, non solo più semplice e logico, ma anche più corretto, che anche su tale motivo essa pronunci senz altro, si tratti di una decisione nello stesso senso di quella sul motivo potenzialmente assorbente, si tratti viceversa di una decisione di segno contrario. 4. Il presupposto (la questione di particolare importanza ) ed il contenuto della pronuncia (conformità o difformità rispetto alla decisione di merito) Il terzo aspetto che è bene chiarire riguarda il significato dell utilizzo, nel 3 comma, con riferimento ai presupposti della pronuncia d ufficio in caso di ricorso inammissibile (e negli altri casi a questo assimilabili), della medesima espressione ( questione [ ] di particolare importanza ) utilizzata nel 2 comma con riferimento alla devoluzione della questione alle sezioni unite. Posta l inammissibilità, v. DE CRISTOFARO M., in Codice di procedura civile, 876 e IMPAGNATIELLO G., Principio di diritto, cit., 935 ed ivi ulteriori indicazioni sul punto). Per quanto concerne il ricorso del Procuratore Generale, la Cassazione ha invece adottato una lettura rigorosa, ritenendo che esso, seppure non impugnatorio, rappresenti pur sempre uno strumento per reagire ad una pronuncia contraria alla legge e non possa dunque prescindere dalla fattispecie concreta ed assumere carattere preventivo o addirittura esplorativo, sollecitando interpretazioni su questioni astratte o, in ogni caso, non pertinenti alla specifica vertenza [Cass. sez. un. 11 gennaio 2011 n. 404, in Giur. it. 2011, 2618, con nota di RONCO A., Ricorso per cassazione nell interesse della legge: tra il principio di diritto auspicato e il provvedimento censurato deve correre una relazione di pregiudizialità-dipendenza (e non basta un nesso di semplice occasionalità)], né mirare ad un affermazione di massima su ambiti estranei alle competenze della Cassazione (Cass. sez. un. 17 settembre 2010 n ). Per la praticabilità dell istituto anche laddove si tratti semplicemente di correggere la motivazione, il dispositivo risultando in sé corretto, v. CRISCUOLO A., I provvedimenti ricorribili, cit., 173 s. Contra (ma la tesi appare in effetti priva di giustificazione, non foss altro alla luce dell art , che testimonia della rilevanza conferita dal legislatore al percorso argomentativo delle decisioni) NAPPI A., Il sindacato di legittimità nei giudizi civili e penali di cassazione 2, Torino 2011, 336 s. Sul possibile intervento della Cassazione, ex art 363, anche in materie riservate alla giurisdizione amministrativa e contabile (e dunque di ricorso inammissibile in quanto fondato su motivi diversi dai c.d. limiti esterni della giurisdizione ), v. IMPAGNATIELLO G., Principio di diritto, cit. 937 s. In generale sull ambito applicativo dell istituto v. inoltre, anche per ulteriori indicazioni, BRIGUGLIO A., in Commentario, cit., 116 s.; DE CRISTOFARO M., in Codice di procedura civile commentato, diretto da CONSOLO C., II 4, Milano 2010, 876 s.; FRASCA R., La decisione, cit., 307 ss.; REALI G., in La riforma, cit., 178 ss.; TARUFFO M., Una riforma della Cassazione civile?, in Riv. trim. dir. proc. civ. 2006, 769.

6 l identità di espressione, si potrebbe infatti essere indotti a ritenere che il presupposto della decisione d ufficio coincida con quello della pronuncia a sezioni unite e che dunque, in sostanza, la decisione d ufficio debba sempre essere resa appunto a sezioni unite; o comunque un siffatto interrogativo è lecito ed è dunque bene fornirvi risposta. Questo essendo il problema, non pare peraltro dubbio che la risposta debba essere negativa 10. Ove il legislatore veramente avesse voluto sancire una disciplina di questo tipo è infatti ragionevole ritenere che lo avrebbe sancito espressamente. Avendo viceversa serbato, al riguardo, un assoluto silenzio, pretendere di giungere alla medesima conclusione sulla base della sola comunanza di espressione sembra dunque alquanto forzato; soprattutto considerando che in questione è un indicazione di carattere generico, che, come tale, mal si presta ad interpretazioni rigide, quale appunto quella in discorso. Il quarto aspetto da illustrare si riferisce al segno della pronuncia ed è invero assai rapido. A tale proposito si tratta infatti semplicemente di segnalare che, non essendo più in questione la cassazione nell interesse della legge, bensì, più ampiamente, come detto, l enunciazione, sempre nell interesse della legge, del principio di diritto, nulla impone che ciò avvenga solo nel caso in cui la Cassazione ritenga errata la decisione di merito e non anche, viceversa, quando la ritenga corretta; quando il principio di diritto si ponga cioè in linea, anziché in conflitto, con tale decisione. E vero, infatti, che l art parla di principio di diritto al quale il giudice di merito avrebbe dovuto attenersi, con ciò avendo evidentemente presente esclusivamente l ipotesi del contrasto. Ciò dipende però dal fatto che la norma è dettata con riferimento all iniziativa del Procuratore Generale, sul presupposto della sua contrarietà al provvedimento del giudice di merito. Al netto di tale prospettiva, non si vede dunque per quale ragione, quando ritiene corretto tale provvedimento, la Corte vuoi in caso di sollecitazione del Procuratore Generale, vuoi in caso di pronuncia d ufficio non potrebbe ugualmente apporre ad esso l avallo della propria autorità, laddove ritenga che la questione lo meriti. E tutto sommato non pare così astrusa neppure la possibilità di consentire allo stesso Procuratore Generale di sollecitare un siffatto intervento L efficacia della pronuncia (vincolatività o meno per le sezioni semplici della decisione delle sezioni unite) 10 In tal senso BRIGUGLIO A., in Commentario, cit., 118 s.; CRISCUOLO A., I provvedimenti ricorribili, cit., 170; NAPPI A., Il sindacato di legittimità, cit., 337 s,; REALI G., in La riforma, cit., 181 s. Contra LOMBARDINI I., La riforma del giudizio di cassazione alla luce del D. legisl. 40 del 2006, in Studium iuris 2006, 1241 e, implicitamente, FRASCA R., La decisione, cit., 307, laddove, sostenendo che, ex art 363 2, riferito alla decisione da parte delle sezioni unite, spetta al Primo Presidente decidere se [la richiesta del Procuratore Generale] merita una risposta (in proposito v. già la nota 3), presuppone evidentemente che la decisione della Corte sia per definizione a sezioni unite. Per la quantomeno tendenziale necessità, o comunque opportunità, di investire sempre le sezioni unite v. poi CARRATTA A., in Le recenti riforme del processo civile, commentario diretto da CHIARLONI S., I, Bologna 2007, 362; CAPONI R., Osservazione, cit., 767; CON- SOLO C., Il processo di primo grado e le impugnazioni delle sentenze dopo la legge n. 69 del 2009, Padova 2009, 485; DE CRISTOFARO M., in Codice di procedura civile, cit., 875; SASSANI B., Il nuovo giudizio di cassazione, in Riv. dir. proc. 2006, 231; TEDOLDI A., La nuova disciplina del procedimento di cassazione: esegesi e spunti, in Giur. it. 2006, Più in generale sugli orientamenti della Cassazione in merito al requisito in questione, nelle sue prime pronunce ex art. 363 riformato, v. IMPAGNATIELLO G., La Cassazione civile dopo la riforma: una nuova nomofilachia, in Giusto proc. civ. 2008,1036 s. e ID., Principio di diritto, cit., 935 s. 11 In tal senso BRIGUGLIO A., in Commentario, cit., 115 e 119, e, con riferimento al rigetto del ricorso del Procuratore Generale o alla pronuncia d ufficio, CAPONI R., osservazione, cit., 768; DE CRISTOFARO M., in Codice di procedura civile, cit., 877; REALI G., in La riforma, cit., 180; TARUFFO M., Una riforma, cit., 767. Per la possibilità di una pronuncia in linea con la decisione di merito solo in caso di ricorso inammissibile e non anche a seguito della richiesta del Procuratore Generale, CONSOLO C., Il processo di primo grado, cit., 485 s.

7 Il quinto aspetto sul quale occorre riflettere è quello, di notevole importanza, relativo all efficacia pronuncia. Per la precisione, posto che, in linea di massima, nei casi in questione la decisione della Cassazione rileva esclusivamente come precedente (ciò vale del resto anche per le sentenze ordinarie ; non è dunque neppure ipotizzabile che a quelle rese nell interesse della legge possano essere ricollegati effetti sotto alcun profilo più intensi), ciò che occorre chiedersi è se, laddove venga resa a sezioni unite, essa possieda o meno quell efficacia vincolante per le sezioni semplici che la riforma ha in generale introdotto (art ) 12. A tale riguardo, occorre innanzitutto chiarire la portata del problema, ed in proposito occorre distinguere. La decisione nell interesse della legge può infatti essere resa in due ordini di fattispecie: casi nei quali le parti non possono proporre ricorso in Cassazione; casi nei quali potrebbero farlo, ma o non lo hanno proposto, o vi hanno rinunciato, o il ricorso è altrimenti inammissibile (o, come si è visto, più in generale da rigettare in rito). Ebbene, nel secondo ordine di fattispecie nulla questio, nel senso che in queste ipotesi il problema si pone senz altro. Può infatti senz altro darsi che, successivamente alla decisione nell interesse della legge, la Corte venga nuovamente investita del problema in via ordinaria, nell ambito di una diversa causa. Nel primo ordine di fattispecie, viceversa, il problema in linea di massima non si pone: trattandosi di materia che non può arrivare in Cassazione (se non tramite il meccanismo di cui all art. 363), e posto che il vincolo in discorso riguarda solo le sezioni semplici e non anche i giudici di merito, a cose normali manca il presupposto perché esso possa prodursi. Questo vale però appunto, come si è appena detto, in linea di massima. Il fatto che la materia non possa arrivare in Cassazione tramite i canali ordinari non significa infatti che, una volta decisa, essa non possa più tornarci in assoluto. Nulla impedisce infatti che il Procuratore Generale, non condividendo il precedente, investa nuovamente la Corte della questione; né può evidentemente e- scludersi l eventualità di un nuovo ricorso, pur inammissibile, delle parti. In questi casi, il problema del vincolo per le sezioni semplici del precedente delle sezioni unite può dunque porsi, per quanto, com è evidente, sempre e comunque con riferimento a pronunce da rendere nell interesse della legge. Chiarito questo, e venendo dunque all interrogativo circa la sussistenza o meno del vincolo, non pare che vi siano motivi per ritenere che la decisione delle sezioni unite dovrebbe avere, ove resa nell interesse della legge, ed a cagione di questo, un efficacia ridotta. La norma non contiene infatti, in tal senso, alcuna indicazione; né, per altro verso, si riescono a cogliere, nella medesima direzione, argomenti di carattere generale. Non si vede dunque cosa osti a ritenere puramente e semplicemente applicabile anche in questo caso la norma relativa all efficacia della decisione delle sezioni unite, dato che, per altro verso, quest ultima non contiene a sua volta alcun indizio nel senso che essa si applicherebbe esclusivamente alle decisioni ordinarie e non anche a quelle qui in esame. Il discorso è insomma, detto in sintesi, il seguente: nell art. 363 si parla di decisione delle sezioni unite; l art sancisce che tale decisione vincola le sezioni semplici; molto semplicemente non si vede in nome di cosa la seconda norma dovrebbe ritenersi applicabile solo alle decisioni rese nell ambito dei ricorsi ordinari e non anche a quelle rese nell interesse della legge. D altro canto, se così non fosse, la possibilità, contemplata nell art. 363, di investire della questione le sezioni unite non solo perderebbe gran parte della propria ragion d essere, ma si porrebbe in netto contrasto con la ratio complessiva della riforma: in un contesto nel quale si cerca di rafforzare la funzione nomofilattica della Cassazione, e per far questo, in particolare, da un lato si sancisce, per la prima volta, un efficacia vincolante della pronuncia delle sezioni unite, dall altro si amplia sensibilmente la possibilità di emettere decisioni nell interesse della legge; in tale contesto, 12 Per la vincolatività v. REALI G., in La riforma, cit., 183.

8 si diceva, conservare alla pronuncia delle sezioni unite, nell ambito di queste ultime decisioni, un efficacia meramente persuasiva rappresenterebbe un vero e proprio controsenso. Non sembrano dunque poter sussistere dubbi circa il fatto che la risposta all interrogativo in discorso debba essere nel senso che, anche nell ambito delle decisioni nell interesse della legge, la pronuncia delle sezioni unite deve essere ritenuta vincolante per le sezioni semplici. 6. Le possibili ricadute concrete della pronuncia L ultimo aspetto da prendere in esame concerne l utilità, o, forse meglio, la spendibilità, della decisione della Cassazione. In proposito, non sembrerebbe, in verità, esserci nulla di particolare da dire. La materia è infatti espressamente regolata dall ultimo comma della norma, dove, come riferito, si sancisce chiaramente, in continuità con la disciplina previgente (la modifica rappresentando, come parimenti riferito, solo l adeguamento alle modifiche dei commi precedenti), che la pronuncia della Cassazione non ha effetto sul provvedimento del giudice di merito. Scontata tale inefficacia, e senza che in proposito si renda necessario operare particolari precisazioni, l interrogativo che può porsi è dunque semmai un altro; vale a dire quello se non vi sia qualche altro modo (riproposizione della domanda, istanza di revoca, ecc.), nel quale le parti possano comunque giovarsi della pronuncia della Cassazione. La risposta a tale interrogativo non può essere assolutamente univoca. Infatti, fermo restando che, quando in questione sono sentenze, o comunque provvedimenti suscettibili di giudicato (o di una qualche forma di consolidazione, tale da precludere il riesame del problema, salvo fatti nuovi), la pronuncia non può in alcun modo neppure contribuire a riaprire il discorso, in altri casi non può escludersi che questo possa viceversa accadere. In particolare, si pensi ai provvedimenti cautelari 13. In tale ambito, com è noto, per un verso il rigetto della domanda non preclude la sua riproposizione; per altro verso il provvedimento favorevole all attore è sempre soggetto a modifica o revoca. Ebbene, a seconda di ciò che si ritenga in merito alle condizioni necessarie per tale riproposizione o modifica/revoca, non è impossibile che le parti possano in qualche modo giovarsi della pronuncia della Cassazione. Nella misura nella quale si ritenga infatti che per riaprire il discorso non vi sia necessità di fatti nuovi, essendo sufficiente anche la prospettazione di nuovi argomenti giuridici, la riproposizione della domanda, o l istanza di modifica/revoca, ben potrebbe infatti essere supportata con la suddetta pronuncia 14. Beninteso: essa è e rimane priva di qualunque efficacia vincolante per il giudice del merito, che può dunque sicuramente discostarsene. Non per questo può tuttavia concludersi, pare di poter affermare, che essa risulti del tutto priva di rilevanza. Per un verso è infatti verosimile che il giudice, al pari di quanto vale in generale allorché dissenta dalla Cassazione, sia tenuto a motivare la sua diversa opinione. Per altro verso è poi se non altro ragionevole prospettare che, a fronte di una presa di posizione della Cassazione, la parte sia legittimata a riproporre la domanda, o a presentare istanza di modifica/revoca, anche senza bisogno di addurre nuovi argomenti giuridici, vale a dire semplicemente riproponendo quelli già spesi e facendo valere l avallo fornito loro dalla Corte; non pare in altri termini azzardato affermare che la pronuncia nell interesse della legge rappresenti di per sé, in un certo senso, un nuovo argomento giuridico, idoneo, in ipotesi, a riaprire il discorso Discorso analogo vale, com è evidente, anche con riferimento a quelli camerali. 14 In tal senso REALI G., in La riforma, cit., 184, ove anche ulteriori indicazioni. 15 Per la possibilità di ricorsi scientemente inammissibili, volti proprio a cercare di provocare una pronuncia in qualche modo utilizzabile, vuoi in materia cautelare, vuoi anche in altri possibili scenari, v. BRIGUGLIO A., in Commentario, cit.,

9 7. Conclusione: apprezzabilità della novella Ciò detto, ed esaurito con questo il commento della norma, per quanto concerne il giudizio in merito ad essa, esso non può che essere positivo. La modifica, nel rivitalizzare un istituto, come detto, in precedenza totalmente inutilizzato, ha infatti notevolmente accresciuto la possibilità di intervento della Corte, in particolare consentendole di svolgere il proprio ruolo nomofilattico anche con riferimento a materie, per le quali l accesso al giudizio di legittimità risulta altrimenti precluso. Né, si aggiunga, il conseguente aumento di lavoro, peraltro modesto, rappresenta un prezzo così alto da indurre a mutare il segno della valutazione. Esso è infatti ampiamente compensato dai vantaggi derivanti da dall ampliamento del raggio di azione della Cassazione. A questo proposito, mette anzi conto accennare, in chiusura, che, nel corso del dibattito che ha preceduto la promulgazione della riforma, era stata prospettata l introduzione di un sistema sul modello della saisine pour avis francese; tale cioè che l intervento della Cassazione, anziché a posteriori e per il futuro, avesse luogo in via preventiva, su iniziativa del giudice del merito, allorché questi ritenesse la questione meritevole di una decisione al massimo livello 16. Si tratta di una soluzione che, sul piano teorico, potrebbe in effetti apparire preferibile, per il fatto che conferisce all intervento della Cassazione un utilità più diretta ed immediata. In contrario, vi sono peraltro due rischi, niente affatto teorici e decisamente seri: da un lato quello di offrire al giudice del merito un comodo escamotage per evitare la fatica di studiare e di risolvere le questioni più complesse; dall altro quello di determinare un aumento di lavoro della Cassazione in questo caso effettivamente consistente. Si tratta nondimeno di rischi che potrebbe forse valere la pena correre. Quella in tale direzione non sarebbe infatti, com è ovvio, una scelta irrevocabile. Qualora dovesse riscontrarsi il concreto affermarsi di una prassi di questo genere, ben si potrebbe dunque intervenire di nuovo, variamente correggendo il tiro con i temperamenti del caso, o, al limite, eliminando tout court l istituto. Non avendo il legislatore ritenuto di percorrere questa via, tutto ciò rimane però, allo stato, meramente virtuale. Della prospettiva in questione e dei relativi, possibili, problemi è dunque sufficiente avere qui dato conto, senza necessità di dedicare loro un più specifico approfondimento. 120 ss. Più in generale sulla possibilità utilità della pronuncia ex art. 363, a seconda dei diversi contesti nei quali essa si inserisce, v. DE CRISTOFARO M., in Codice di procedura civile, cit., 879 e IMPAGNATIELLO G., Principio di diritto, cit., 936 s., ed ivi ulteriori indicazioni. 16 Per qualche maggiore informazione e per ulteriori indicazioni cfr. CARRATTA A., in Le recenti riforme, cit., 357 testo e note 4 s.; CRISCUOLO A., I provvedimenti ricorribili, cit., 172 s.; TEDOLDI A., La nuova, cit., 2012; TOMMASEO F., La riforma del ricorso per cassazione: quali i costi della nuova nomofilachia, in Giur. it. 2003, 827.

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 873 Nuove norme e vecchie questioni in materia di silenzio della Pubblica Amministrazione Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 16 maggio 1995 1.

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE Flavio Ficara (Estratto da Diritto e Processo formazione n. 4/2011 ) QUAESTIO IURIS Nella sentenza del 29 dicembre 2010, n.

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Ag g i o r na m e n t o n. 4 31 luglio 2012 L editore mette a disposizione sul sito nella sezione download i materiali e le schede di aggiornamento

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 : I DIRITTI DEI PASSEGGERI NELL ESPERIENZA ITALIANA SOMMARIO (I) Premessa... 1 (II) Il giudice competente per territorio...

Dettagli

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Premessa L art. 35, comma 26-quater, del d.l. n. 223 del 2006, conv. con modifiche dalla legge n. 248 del 2006, in vigore dal 4 luglio

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. 149 del 17.4.2009, dep. il 21.5.2009. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio dell Agenzia delle Entrate territorialmente

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Corte di cassazione Sezioni unite civili Sentenza 25 ottobre 2004, n. 20644 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto notificato il

Dettagli

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.)

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) - Dall 01.01.2012 è in vigore nel nostro ordinamento giuridico l Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. contro

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. contro N. 00510/2011REG.PROV.COLL. N. 06055/2008 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008

INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008 INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Franco BILE Presidente Giovanni Maria FLICK Giudice Francesco

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI

PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI La riforma del processo civile (Legge n. 69 del 18 giugno 2009, in S.O. n. 95/L alla G.U. del 19 giugno 2009 n. 140), entrata in vigore sabato 04 luglio 2009, ha modificato

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

*Pubblicato su Foro amm. CDS 2003, f. 6, 2099

*Pubblicato su Foro amm. CDS 2003, f. 6, 2099 *Pubblicato su Foro amm. CDS 2003, f. 6, 2099 La giurisdizione in tema di responsabilità aquiliana della P. A. per lesione di interessi legittimi e la c. d. pregiudiziale amministrativa. Considerazioni

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO. di Massimo Gentile

L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO. di Massimo Gentile L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO di Massimo Gentile I limiti al subappalto in favore dell impresa ausiliaria La novità di maggiore rilievo contenuta nel D.lgs. 26 gennaio 2007 n. 6 - meglio

Dettagli

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI I pareri di Assifero EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI Motivazioni del parere Accade che, benché l erogazione sia fatta a favore di un soggetto, per diverse ragioni, le fatture vengono

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO Commissione tributaria regionale Emilia Romagna, sez. XX, 19 agosto 2011, n. 75 FATTO E DIRITTO L Agenzia delle Entrate di Guastalla appella la sentenza n 55/01/08 con cui la Commissione Tributaria Provinciale

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Le nuove regole in materia di giurisdizione e competenza

Le nuove regole in materia di giurisdizione e competenza Le nuove regole in materia di giurisdizione e competenza Ampliamento della competenza del Giudice di Pace L art. 45, co. 1, della legge n. 69/09, oltre ad aumentare considerevolmente la competenza per

Dettagli

Indagini bancarie aperte a tutti.

Indagini bancarie aperte a tutti. Indagini bancarie aperte a tutti. Ok all uso della presunzione in generale sull attività di accertamento che, pertanto, valgono per la rettifica dei redditi di qualsiasi contribuente autonomo pensionato

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Roma, 13 ottobre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. Art. 27 del DPR 29 settembre 1973, n. 600 Imputazione soggettiva dei redditi (utili

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha pronunciato la presente (Sezione Seconda Quater) SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 3344

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

IL GUP. sulla riserva assunta all udienza del 12.1.2009 in ordine alle istanze di esclusione delle parti civili costituite proposte da:

IL GUP. sulla riserva assunta all udienza del 12.1.2009 in ordine alle istanze di esclusione delle parti civili costituite proposte da: IL GUP sulla riserva assunta all udienza del 12.1.2009 in ordine alle istanze di esclusione delle parti civili costituite proposte da: 1. difesa BELLEN, RANZINI, MAGURANO, BONI, GRATTAGLIANO, MARINELLI,

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Deliberazione n 007/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza del 14 gennaio 2009, composta da: Bruno PROTA Aldo CARLESCHI Luca FAZIO Daniela

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 Svolgimento del processo La Corte d appello di Trieste, con la sentenza indicata in epigrafe, ha confermato, riunendo i giudizi, le tre sentenze

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli