CULTURA E COINVOLGIMENTO. L IMPORTANZA DEI VALORI NELL AZIENDA DI OGGI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CULTURA E COINVOLGIMENTO. L IMPORTANZA DEI VALORI NELL AZIENDA DI OGGI"

Transcript

1 MISCELLANEA CULTURA E COINVOLGIMENTO. L IMPORTANZA DEI VALORI NELL AZIENDA DI OGGI ARIANNA DI VITTORIO 1. Introduzione Partendo dall affermazione di Tom Peters che «la velocità di cambiamento di tutti gli aspetti di interesse dell azienda oggi è tale che non permette più di razionalizzare le informazioni e la conseguente conoscenza dell ambiente» 1 e quindi l affanno a seguirne l evoluzione si manifesta in un progressivo disallineamento dei sistemi aziendali ed in incoerenze interne, che è necessario imparare a gestire, è possibile affermare che è fondamentale comprendere l ambiente interno non meno di quello esterno all azienda, per poi operare su di esso. È proprio nell ambiente interno che iniziano i cambiamenti, dal momento che i nuovi valori sono quelli che attualmente guidano l azienda introducendo il concetto di «carisma nel management». A tal proposito Jeanie Daniel Duck, vice presidente della Boston Consulting Group, ricorda che «le emozioni sono essenziali per il nuovo stile di management... le grandi organizzazioni comunicano più direttamente con i dipendenti attraverso i valori e questi, in definitiva, riguardano le convinzioni e i sentimenti» 2. Molte aziende hanno adottato questo nuovo stile, puntando sul concetto del movimento, sia interno all azienda (movimento fisico all interno degli uffici, avanzamenti di carriera) che all esterno (viaggi aziendali, convegni). A tal proposito il sociologo Edgar Morin afferma che «per capire dove stiamo andando bisogna stare nella folla» 3. Egli spiega l importanza del movimento, ma anche della flessibilità e del sapersi adattare, dal momento che viviamo nella cultura delle metacompetenze, cioè non dell imparare a fare, ma a come fare e a cosa serve ¹ Cfr. T. Peters, Prosperare sul caos, Milano, Sperling & Kupfer, 1996, pagg ² Cfr. J. D. Duck, L arte di gestire il cambiamento, in Harward Business Review, 1994, n. 4, pag. 38. ³ In Atti provvisori del convegno Cultura ed emozione in azienda (promosso da IRI Management, Roma, 13 giugno 1996), a cura di C. Bandiera, pag

2 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/97 ciò che facciamo. Oggi la società sta mutando in maniera globale, trasformandosi da «industriale» (centrata cioè sulla produzione in serie di beni materiali) a «post-industriale» (imperniata sulla produzione di beni immateriali: simboli, valori, informazione, estetica). I rapporti di forza tra impresa e società si sono capovolti: mentre nell era industriale l azienda costituiva il sistema più dinamico e più moderno, nell era post-industriale l azienda costituisce uno dei tanti sistemi che operano nella società, e non sempre il più moderno e dinamico. Lo schema rappresentativo di questi rapporti è ribaltato rispetto a quello precedente: ora è la società a elaborare i nuovi valori emergenti e l azienda, per essere all altezza dei tempi, deve saper cogliere e decodificare tempestivamente questi valori, adeguando ad essi tutti i beni e servizi che produce. Questa operazione è tanto più sofisticata quanto più i valori emergenti dalla società travalicano i bisogni primari e si riferiscono a desideri di natura più raffinata. Il nuovo rapporto tra impresa e società mette quest ultima in posizione egemonica e costringe l azienda a farsi marketing oriented. Ciò implica una trasformazione sostanziale dell organizzazione e della sua leadership, non più finalizzate all imposizione, alla ripetitività, al controllo, ma all ascolto, alla motivazione, alla creatività. Infatti, il gap tra le nuove esigenze e le vecchie regole organizzative si sconta in termini di demotivazione, dando vita a un circolo vizioso: più l azienda ha bisogno di creatività diffusa per rispondere con pronta flessibilità ai valori emergenti del sistema sociale, più deve disporre di personale motivato. La motivazione, in altre parole, deve tramutarsi da estrinseca, cioè fondata sulla fiducia nel management, in intrinseca, fondata sulla fiducia nelle proprie competenze professionali e sulle capacità di risolvere i problemi individuali; si tratta, quindi, di stimolare l organizational stewardship. 2. Leadership carismatica e «Management by vision & values» Il cambiamento sta diventando una condizione così diffusa ed accettata da spingere le imprese a richiedere ai collaboratori un impegno di coinvolgimento completo. Il corrispettivo del coinvolgimento è la crescita professionale come opportunità, crescita il cui conseguimento è tuttavia demandato alla responsabilità dell individuo e non più solo a quella del management. Chris Argyris, docente presso la Harvard Graduate School of Business and Education, affronta questo tema così vasto e complesso valutando l impiego di alcuni strumenti concreti di comunicazione che il management usa già da diversi anni, come le indagini di clima e sulla soddisfazione del personale, i focus group, il management-by-walking-around. In base alla sua osservazione non basta che il management individui i fattori di soddisfazione e 174

3 A. DI VITTORIO, CULTURA E COINVOLGIMENTO. L IMPORTANZA DEI VALORI NELL AZIENDA... di insoddisfazione dei dipendenti e lavori su ciascuno di essi. Per attivare quei processi di apprendimento necessari per rimuovere le cause reali che in passato possono aver generato insoddisfazione è necessario prima di tutto superare le forme di ragionamento difensivo diffuse sia tra i manager, sia tra gli operatori 4. Si tratta quindi di aprire riflessioni sulle ragioni che hanno creato insoddisfazione e di individuare delle modalità per superarle, lavorando su quelle cause per le quali manager e operatori evitano di assumere responsabilità personali. Qualche dubbio rimane sull efficacia e la reale possibilità di attivare tali processi su vasta scala, semplicemente stimolando le persone a riflettere sulle cause che hanno determinato quegli aspetti di soddisfazione e insoddisfazione che le indagini stesse evidenziano. E qualche dubbio rimane sul rischio che un approccio tutto sbilanciato sull importanza della fiducia intrinseca degli operatori non offra una via di fuga alla responsabilità del management, che rimane pur sempre il riferimento centrale di tutti i processi di sviluppo delle persone e dell organizzazione 5. A favore di una crescente attenzione dell azienda verso la creatività dei suoi dipendenti concorrono le trasformazioni tecnologiche della concorrenza internazionale. Il problema, a questo punto, è come incrementare il tasso di creatività nelle organizzazioni, tasso che dipende prevalentemente dal livello di motivazione dei lavoratori, che spesso sono bloccati psicologicamente per repressioni subite dall esterno, oltre che da una leadership priva di carisma. È necessario, inoltre, sottolineare che nessun tipo di leadership è valido per tutte le personalità, in tutte le culture e per tutte le tecnologie. A questo punto produrre creatività nelle organizzazioni consiste nel formare dei mix sapienti di persone fantasiose e concrete, nel creare un clima di reciproca tolleranza e stima, nel rendere questo clima incandescente grazie ad una leadership carismatica. Quest ultima deve mettere in discussione sia l assetto tradizionale dei poteri, sia i metodi tradizionali di gestione, deve rappresentare la curiosità intellettuale, la libertà di espressione e di azione 6. In definitiva, il passaggio dalle tecno-strutture burocratiche ad organizzazioni organiche implica un profondo cambiamento culturale. Il pre-requisito di tale operazione risiede nell elaborazione e definizione della visione, della missione e dei valori aziendali, ovvero le mète da perseguire per l allineamento delle azioni verso gli obiettivi superiori: tale approccio è definito management by vision and values. La visione è la forza che ⁴ Cfr. C. Argyris, Il dialogo in azienda migliora i risultati, in Harward Business Review, 1995, n. 2, pag. 16. ⁵ Ibidem, pag. 19. ⁶ Cfr. D. De Masi, Una guida carismatica per essere creativi, in L impresa, 1995, n. 3, pagg

4 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/97 ispira quotidianamente le persone. I valori si coniugano con la visione in quanto determinano, se condivisi, i comportamenti auspicati. Per ottenere il successo del management by vision and values, e favorire così la trasformazione, bisogna rispettare alcune fasi quali il concepimento della nuova visione e dei nuovi valori ed un adeguata trasmissione e diffusione dello strategic intent a tutta la struttura aziendale, favorendone successivamente la condivisione e l interiorizzazione. Solo con queste ultime due fasi si possono far scaturire da ogni individuo le energie necessarie per garantire il cambiamento culturale e organizzativo, dal momento che, se manca un allineamento, le persone si sentiranno libere di andare oltre i confini, creando effetti collaterali pericolosi per l organizzazione nel suo insieme. Il successo nel cambiamento culturale si basa sulla mobilitazione di elevati livelli di energia. Numerose ricerche hanno rivelato che, all interno di organizzazioni pubbliche e private, si riscontrano quattro prevalenti tipologie di livelli energetici: energia bassa negativa (persone che esprimono il minimo indispensabile per non essere licenziati; qui si posiziona la «dominante» nel settore pubblico); energia alta negativa (persone dotate di elevata energia, ma negativa); energia bassa positiva (persone contraddistinte da energia neutra); energia alta positiva (i champions). I champions sono dei personaggi pronti a dare sempre il meglio di sé, profondamente votati alla causa e responsabili del risultato globale. Essi sanno giocare in squadra con grande lealtà, sanno assumersi il rischio e, quindi, sanno prendere l iniziativa in ogni momento. Solo questi personaggi migliorano costantemente il loro livello di prestazione, avvicinandosi sempre più alla cosiddetta prestazione ideale. Pertanto, un cambiamento culturale non può avvenire con approcci di tipo push, ma attraverso un operazione di contagio e di coinvolgimento, identificata con pull. Questo risultato si ottiene superando la «massa critica» attraverso lo sviluppo di una forte leadership innovativa da parte dei capi dell organizzazione che devono guidare il cambiamento. Come il successo di un business si basa su quattro assi portanti (prezzo, qualità, servizio, velocità), così la leadership innovativa fa riferimento a quattro forze armonicamente equilibrate fra loro, quali visione, senso di realtà, etica e coraggio. Solo la leadership innovativa è capace di mobilitare in ogni individuo tutta l energia che può esprimere, che è strettamente correlata all iniziativa e ad un senso di responsabilità verso l organizzazione a cui appartiene. Come è noto, la natura umana oppone resistenza ad ogni cambiamento, e nel settore pubblico tali resistenze sono ai massimi livelli, dal momento che gli individui che operano in tali strutture si interrogano circa la loro convenienza. Occorre, pertanto, intro- 176

5 A. DI VITTORIO, CULTURA E COINVOLGIMENTO. L IMPORTANZA DEI VALORI NELL AZIENDA... durre una nuova filosofia e una nuova metodologia che aiutino a dare una risposta all interno delle organizzazioni e che facciano intuire che l accettazione del cambiamento offre notevoli opportunità di crescita. Dunque, due sono gli aspetti fondamentali alla base della realtà adhocratica (ovvero «fare le cose giuste nel modo giusto, distaccandosi da procedure imposte e strutture»): una forte espansione per il raggiungimento dei risultati, sia in termini quantitativi, che qualitativi; una piena corresponsabilizzazione di ogni persona all interno della struttura nel perseguimento di tali risultati e automisurazione delle prestazioni. Ci si può ispirare, a tal proposito, a quanto avviene in altri paesi europei, come l Inghilterra, dove esiste il value for money audit, che mette in stretta relazione la qualità delle prestazioni con il suo costo. Dunque, la strada dell innovazione percorre due corsie: la prima deve saper ispirare tutta la struttura con un processo top-down tramite la visione, la missione e i valori aziendali; la seconda effettua il percorso inverso, ovvero bottom-up, e corrisponde ad un nuovo senso di responsabilità, lealtà ed iniziativa da parte del personale. Nel volume L impresa guidata dai valori, Franco D Egidio 7 considera proprio la visione e i valori come «fonti energetiche» capaci di generare il cambiamento culturale. Il primo caso che egli prende in esame ha per protagonista Jack Welch, che ha rimesso in piedi la General Electric grazie ad un coerente paradigma: cambiare prima di esservi costretti, eliminare tutto ciò che non è indispensabile, dare potere alle persone a tutti i livelli (empowerment), costruire fiducia, definire dei valori guida ben comunicati e condivisi 8. In definitiva, egli rileva, si assiste al passaggio da modelli organizzativi meccanico-burocratici a modelli organici, ovvero organizzazioni snelle, caratterizzate da elevata reattività, dove le persone si muovono in modo adhocratico. In un organizzazione tecnocratica l attività strutturata elimina quella non strutturata, così come nelle organizzazioni burocratiche le regole, le procedure e le gerarchie hanno sempre la precedenza. Ne consegue che i problemi di fondo rimangono irrisolti, ogni tipo di opportunità viene persa e i tentativi di cambiamento muoiono sul nascere. L adhocrazia («fare le cose ad hoc»), invece, assicura la gestione del cambiamento in tempi rapidi ed in modo ottimale. La struttura burocratica, al contrario, non favorisce lo sviluppo dell individuo, offre scarse opportunità d iniziativa individuale e soprattutto richiede che i membri seguano scrupolosamente le regole e le procedure. Alcune strutture organizzative, appartenenti sia alla pubblica amministrazione che alle grandi imprese, sembrano pro- ⁷ Milano, Sperling & Kupfer, 1996 (2ª ediz.), pag. 7. ⁸ Ibidem, pag

6 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/97 gettate apposta per produrre nei loro dipendenti un impoverimento e un apatia intellettuale ed emotiva 9. È importante, inoltre, non confondere l identità con la rigidità aziendale. A riguardo, James Heskett, dell Università di Harward, in un suo recente saggio 10 prende in considerazione una serie di aziende con risultati al di sopra e al di sotto della media e, alla fine, conclude che le culture vincenti non sono tanto quelle «forti», quanto quelle «adattive». Il pericolo è l effetto freddezza: la cultura troppo piena di sé diventa autocelebrativa e così, proprio nel momento in cui l economia chiede forte reattività, cade in un eccesso di presunzione, si dimentica del cliente, smarrendo la sua vera identità. A riguardo, Mintzberg, docente alla Mc-Gill University di Toronto, fa prevalere la sua linea existential contro quella prescriptive 11. Quest ultima attribuisce il successo di un azienda alle sue capacità analitiche, affidando tutto il potere ai grafici e alle tabelle con le previsioni sull andamento dell economia e dei mercati, ed eliminando a priori le mosse statisticamente sbagliate, in seguito a studi sulle case histories delle grandi imprese internazionali. Così, si individua la strada da percorrere, ineluttabile perché chi ha vinto si era mosso nella stessa direzione. Al contrario, Mintzberg afferma che dietro alle storie di successo esistono «aziende morte», che all apparenza non avevano commesso alcun errore strategico. Quelle imprese in realtà avevano rinunciato alla propria anima, al proprio modo di essere, a cercare un carattere forte che le distinguesse. In una parola, un identità. «Guarda e studia te stessa», diventa allora la parola d ordine suggerita da Mintzberg, parola dura da accettare per le business schools, abituate ad usare metodologie standard. Se, infatti, ogni azienda è un unicum per la sua storia e per la sua composizione manageriale, deve essere tale anche il suo rapporto con il mercato. E l insegnamento di base diventa quello di valorizzare i propri punti di forza, di collegarli agli obiettivi scelti e di riconoscere le proprie competenze distintive. Quindi, il successo non è imitabile perché dipende dalla cultura di ogni azienda. La riscoperta della cosiddetta corporate identity è legata all immagine e al tipo di comunicazione usata dall azienda. Ma un azienda dal carattere forte non si ottiene certo realizzando un nuovo logo o una carta intestata più elegante. «La nuova sfida», sostiene Franco D Egidio, «si chiama Bbl, Beyond bottom line: oltre la linea di fondo, ⁹ Cfr. F. D Egidio, Voglio vincere la coppa dei campioni, in Terziaria, 1994, n. 6, pagg ¹⁰ Cfr. J. Heskett, Il profitto nel terziario viene dai dipendenti, in Harward Business Review, 1995, n. 1, pag. 24. ¹¹ Cfr. H. Mintzberg, The strategy process. Concept and contexts, Englewood Cliffs (New Jersey), Prentice Hall, 1992, pagg

7 A. DI VITTORIO, CULTURA E COINVOLGIMENTO. L IMPORTANZA DEI VALORI NELL AZIENDA... che è l ultima riga del bilancio che definisce profitti e perdite». Difatti, egli fa il verso addirittura alla famosa formula di Einstein che trasforma la massa in energia, cambiandola in E=MV 2. Per dare «E», cioè energia alle aziende, bisogna disporre di un «M», management, che gioca sulla doppia «V», ovvero la visione e i valori. «La visione», spiega D Egidio, «risponde alla domanda: cosa stiamo costruendo insieme?; i valori rispondono alla domanda: come facciamo le cose qui?» 12. È dunque necessario che il personale recuperi il significato profondo dell identità aziendale, appropriandosi della sua storia e del patrimonio di cultura elaborato lungo gli anni. 3. I nuovi valori postindustriali Dunque, il passaggio a una società postindustriale, centrata sulla produzione di servizi, informazioni, estetica e simboli, ha fatto sì che molte aziende si basassero su valori marcatamente postindustriali. Pertanto esse devono coltivare la crescita intellettuale dei loro collaboratori, rispettandone la soggettività, rimuovendo le barriere organizzative alla creatività, femminilizzandosi nella loro composizione di genere e nella loro filosofia esistenziale, adottando un etica di massimo rispetto per l utente e di reciproca affidabilità, perseguendo una qualità della vita che tenda alla felicità. A tal proposito Peter Druker, docente di management presso la Claremont Graduate School della California, affermava nel 1993 che «la nostra società è post-capitalista perché la conoscenza è diventata la risorsa, non una delle risorse su cui l azienda deve fare leva» 13. Le aziende (in particolar modo quelle di servizi) che, per loro natura, mettono in comunicazione ambienti, individui e collettività, hanno il dovere di alimentare questa rete di persone e di informazioni con i valori postindustriali della professionalità, dell affidabilità, della felicità, dell etica e dell estetica. Quest ultimo valore sta attualmente giocando un ruolo di primaria importanza nelle decisioni d acquisto poiché, quanto più la perfezione tecnologica rende omogenei i beni sotto il profilo della loro funzionalità pratica, tanto più essi si distinguono l uno dall altro solo grazie ai propri attributi estetici e formali. La moderna tecnologia non uccide in loro la gioia della formazione e la ricchezza della cultura, dell amicizia, della convivialità. Per agevolare questo fertile clima creativo, le aziende incoraggiano i loro collaboratori all apprendimento delle lingue, al rapporto non burocratico con il lavoro, alla tensione per il viaggio come metodo per accostarsi ad altre visioni del mondo. Quest ultimo viene visto come un incentive che ha anche lo scopo di ridurre quel distacco così netto tra il lavoro e la vita, tra la professione seria e responsabile e il tempo libero in ¹² Cfr. G. D Egidio, L impresa guidata dai valori, cit., pag. 64. ¹³ Cfr. P. Druker, La società post-capitalista, Milano, Sperling & Kupfer, 1993, pag

8 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/97 grado di procurare piacere e divertimento. L incentive diviene, così, lo strumento per raggiungere obiettivi aziendali più ambiziosi: affiatamento nel team, rigenerazione del livello motivazionale dei collaboratori, con conseguente aumento della grinta. L inserimento massiccio delle donne nel settore autonomo ha sviluppato un nuovo e valido stile di leadership, che rifiuta il tradizionale modello di management autoritario per incoraggiare e valorizzare gli individui. In tal modo si crea un clima che incrementa la produttività e i profitti. Si accettano, così, i suggerimenti dei collaboratori, con loro si organizzano riunioni settimanali per discutere di eventuali problemi o per prendere decisioni, si divide con loro il potere e le informazioni, valorizzando le loro capacità. Si tratta di «leadership trasformazionale o interattiva», rappresentata dal termine empowerment, inteso come attribuzione di poteri e responsabilizzazione. La struttura organizzativa in cui una donna riesce ad esprimere al meglio le sue capacità di leader è la struttura a maglie, in cui il leader si pone al centro in stretto collegamento con qualsiasi altro punto dell azienda. Questa indiscutibile capacità delle donne di sapersi relazionare con gli altri può diventare la loro arma vincente. Le donne incarnano meglio la nuova figura di manager comunicatore, che si sta diffondendo nella società postindustriale. Al contrario, il modello del comando e del controllo, tanto caro ai vertici delle grandi aziende, è destinato ad entrare in crisi. Il tutto con il contributo di una nuova struttura intermedia, che ricopre nei riguardi dei collaboratori un nuovo ruolo di «addestratore» più che di guida tradizionale. Il concetto di impresa come «bene di tutti» non viene più perseguito con approcci di tipo moralistico da «padre-padrone» ma, a conclusione del lungo processo di cambiamento descritto, con una nuova dimensione basata su un effettiva comunicazione interna, e cioè un informazione puntuale e trasparente sull andamento aziendale, e un utilizzo sempre più sistematico e diffuso dei contributi professionali «dal basso» 14. Inoltre, è fondamentale l importanza del team multifunzionale come struttura responsabile di un intero processo di creazione del valore e, conseguentemente, l importanza che il team stesso sviluppi un proprio sistema di valutazione della performance, basato sugli obiettivi strategici fissati dal top management e articolato su parametri che ne riflettano la rilevanza strategica per l azienda. È essenziale che la struttura del sistema di valutazione della prestazione rifletta i principali criteri operativi dell organizzazione che lo utilizza, altrimenti diverrà inefficace, inasprendo maggiormente i conflitti tra team multifunzionali e funzioni, conflitti che oggi affliggono molte orga- ¹⁴ Cfr. R. Frey, Volete riuscire? Coinvolgete i dipendenti, in Harward Business Review, 1994, n. 3, pagg

9 A. DI VITTORIO, CULTURA E COINVOLGIMENTO. L IMPORTANZA DEI VALORI NELL AZIENDA... nizzazioni. L obiettivo ideale di un sistema di valutazione è quello di aiutare i team a superare i due ostacoli principali alla loro efficacia: fare in modo che i componenti del team provenienti da diverse funzioni parlino un linguaggio comune e che le funzioni forniscano al team le conoscenze di cui esso ha bisogno. I sistemi di valutazione tradizionali non rispondono a tali esigenze, dal momento che ogni funzione relativamente indipendente informa il top management sulle attività della funzione stessa. Tali parametri di valutazione consentono di conoscere la posizione dell organizzazione rispetto agli obiettivi prefissati, ma non indicano come siano stati raggiunti, né cosa dovrebbe essere fatto in modo diverso. Inoltre, la maggior parte dei sistemi valutativi fornisce un resoconto di quanto avviene all interno di una funzione, ma non è in grado di fornire un quadro generale che comprenda più funzioni 15. Oltre al team multifunzionale, un altro strumento che stimola il nuovo coordinamento è rappresentato dai cosiddetti «ruoli professionali aperti». Essi implicano una trasformazione degli specialisti e dei capi tradizionali in figure di «professionisti d azienda», dotati di elevate competenze tecniche e scientifiche, ma anche di un ampia visione dei problemi dell impresa e delle sue unità. In sostanza, le pratiche manageriali per il cambiamento culturale incoraggiano e premiano i comportamenti con le seguenti caratteristiche: l apertura (l essere umili culturalmente), il pensiero sistemico (la capacità di vedere le connessioni tra i vari problemi ed eventi, ovvero il tutto invece delle sue parti; ciò significa elaborare relazioni strutturali corrispondenti a reti dinamiche), la creatività (intesa come flessibilità individuale), il senso dell efficacia (intesa come disponibilità ad assumersi dei rischi), ed infine l empatia (riuscire ad immedesimarsi nelle situazioni altrui allo scopo di allacciare relazioni umane e risolvere in maniera positiva problemi di comunicazione) 16. La gestione d impresa tradizionale, che ha portato alle criticità odierne, è frutto di una profonda miopia. Non si è saputo alloccare le risorse, gli investimenti, gli sforzi in linea con gli obiettivi ascrivibili alle tre dimensioni temporali. Esiste, dunque, la necessità di lavorare contemporaneamente su questi tre fronti: breve, medio e lungo periodo. Per riuscirci occorre attivare il cosiddetto paradigm shift, ovvero un cambiamento radicale nel modo di percepire, pensare, credere ed agire. L applicazione di tale «paradigma» implica un profondo cambiamento sia organizzativo che culturale (Figura 1). ¹⁵ Cfr. C. Meyer, Il successo del gruppo è questione di misure, ibidem, 1995, n. 1, pagg ¹⁶ Cfr. N. Marziliano, Cultura e cambiamento organizzativo, in Sviluppo & Organizzazione, 1996, n. 153, pagg

10 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/97 VALORI SEGNALI CAPACITÀ STRUTTURE SISTEMI Visione/Missione Standard Atteggiamenti Credo Comportamenti Comunicazione Immagine Competenze Risorse Organizzazione Meccanismi e processi (esempio: budgeting, piani retributivi) Fonte: F. D Egidio, L impresa del futuro: dal cambiamento alla trasformazione, in Management Trends, 1994, n. 2, pag. 5. Fig. 1 Modello di trasformazione aziendale in un ottica di cambiamento sia organizzativo che culturale Normalmente, nella gestione di un cambiamento si tende a concentrarsi sui sistemi e sulle strutture, introducendo un nuovo sistema premiante, un nuovo sistema informativo, un nuovo modello di controllo del budget. Si attuano interventi sulla struttura di downsizing eliminando livelli gerarchici, si abbattono le barriere tra le funzioni, creando divisioni o business units. In altre parole, si interviene solo sulle ultime due voci (strutture e sistemi) della tabella. Ma ciò non è sufficiente, poiché in questo modo le persone non vengono adeguatamente coinvolte, non mobilitando, così, l energia necessaria. Infatti, anche se si cerca di sviluppare la capacità (voce centrale), non si ottengono i risultati sperati, perché sono state ignorate le prime due voci della tabella (valori e segnali) che, se ben gestite, riescono a mobilitare l energia necessaria per la trasformazione. Infatti, in un èra così ricca di sfide non è più sufficiente né il miglioramento continuo, né il cambiamento incrementale. Bisogna riuscire ad attivare un vero e proprio processo di trasformazione. Per garantire il successo dell operazione è necessario creare un perfetto equilibrio, assumendo la voce centrale (capacità) come perno tra le prime due (valori e segnali, ovvero la parte soft) e le ultime due (strutture e sistemi, ovvero la parte hard). Bisogna sapientemente coniugare la parte soft, che può incidere profondamente sui comportamenti degli uomini, con la parte hard, che afferisce strettamente all organizzazione. Difatti, quando ci si focalizza solo sui sistemi e 182

11 A. DI VITTORIO, CULTURA E COINVOLGIMENTO. L IMPORTANZA DEI VALORI NELL AZIENDA... sulle strutture, come accade nella maggior parte dei casi, il fallimento dell operazione è garantito. D altra parte è necessaria un elevata coerenza comportamentale nelle prime due voci (valori e segnali), soprattutto da parte del vertice aziendale con il cosiddetto «dettato strategico» o strategic intent aziendale, riassumibile nell insieme di Visione/Missione, Ridefinizione del Business e Valori. Se il vertice dichiara che l azienda ha deciso di porre il cliente al primo posto, è vitale che i segnali siano in perfetta armonia e che, quindi, un azienda customer oriented non possa essere boss oriented. 4. I gap da colmare La capacità di definire e di trasmettere adeguatamente la visione e i valori aiuta a costruire una cultura dove ognuno è profondamente impegnato. Questo risultato si ottiene colmando tre gap. Il primo gap è tra la percezione del management e quella del cliente interno ed esterno. Ad esempio, se si chiede ad un capo qual è la situazione del clima aziendale o la qualità dei rapporti tra capi e collaboratori, egli fornirà un quadro sufficientemente positivo. Se poi si intervistano i collaboratori e le persone in prima linea, il profilo che ne scaturisce è decisamente diverso, poiché emergono elementi critici di cui il management non è affatto consapevole. La criticità e le lamentele vanno dalla non chiarezza degli obiettivi alla mancanza di delega, dalla non fiducia all assenza di riconoscimenti per un lavoro ben fatto. Analogo discorso per il cliente esterno. Il management potrebbe presumere che l organizzazione sia in grado di erogare una buona qualità del servizio; mentre il cliente percepisce il suo esatto contrario, perché c è assenza di rilevazioni sistematiche sul grado di soddisfazione dei clienti. Si tiene conto solo dei reclami ricevuti che, nella gran parte dei casi, vengono trattati in modo inadeguato e si bloccano lungo l organizzazione, non arrivando ai «piani alti». Il risultato è un consumatore deluso, dal momento che non ci si è preoccupati di trasformare le persone di contatto in esperti in grado di recuperare, attraverso la relazione, le situazioni più critiche. Gli esperti della qualità sanno bene che la percezione del cliente è influenzata enormemente da quella microsituazione (definita anche «momento della verità»), in cui il cliente viene a contatto con chi eroga il servizio e rappresenta l azienda nel suo insieme, configurando, al tempo stesso, l elemento di differenziazione. Ad esempio, tutte le compagnie aeree vendono voli da una destinazione all altra, sicuri, comodi e puntuali. Ma questo aspetto è un «given», poiché è una cosa che il cliente già si aspetta. Ciò che fa la differenza è la parte soft del servizio (detta anche «servizio periferico»), quella in grado di prestare la massima attenzione al cliente, di «deliziarlo». Non è un caso, ad esempio, che la Singapore Airline sia una delle compagnie aeree più profittevoli del mondo: non solo vende voli comodi, puntuali e sicuri, ma «coccola» il viaggiatore, ricoprendolo di mille attenzioni. 183

12 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/97 Il secondo gap è quello relativo al divario tra le prestazioni reali di un individuo (quelle che caratterizzano la quotidianità) e quelle ideali. Le ricerche nel campo della psicologia aziendale hanno verificato che ogni individuo ha una prestazione ideale a cui tendere, definita livello «IP» (ideal performance). L avvicinarsi al livello «IP» genera un senso di appagamento, di benessere, che consolida l autostima (self-esteem). Proprio per questo motivo il livello «IP» è specifico per ogni individuo. Il verificarsi della tensione che fa muovere verso il livello «IP» richiede la presenza di certe condizioni (spesso ignorate) che ne favoriscono l evento. Per tale motivo nella quotidianità la maggioranza delle persone esprime un livello di prestazioni basso, detto livello «AP» (actual performance), ovvero prestazione reale. Le persone sono scarsamente impegnate e non sono motivate, esprimendo, così, il minimo indispensabile. Tale atteggiamento è, però, autolesionista; da qui la necessità di creare le condizioni perché il livello «AP» possa avvicinarsi al livello «IP». La progressiva chiusura del gap libera l energia non espressa. Pertanto, per creare queste condizioni occorre attivare una leadership innovativa, pienamente consapevole dei fattori che favoriscono la mobilitazione del potenziale energetico inespresso. Il terzo gap è quello tra la visione che il vertice aziendale deve definire, trasmettere e far condividere, e la realtà corrente. Anche la chiusura di questo gap richiede lo sviluppo di un nuovo tipo di leadership, che non riguarda solo il vertice, ma tutto il management, e occorre possedere una Visione, una forza guida che aiuti le persone a spostarsi dal noto verso l ignoto con coraggio e determinazione. È importante anche ricordare che tutte le persone si avvicinano al lavoro ponendosi una serie di domande «universali», poiché derivano dalla natura stessa dell uomo. Infatti, se non si è consapevoli del ruolo che si gioca nell ottenimento dei risultati, non si può capire che cosa ci si aspetta da ogni attore del sistema azienda. Pertanto, da parte del vertice aziendale, è fondamentale definire la missione della società, la visione, i valori ad essa correlati e, conseguentemente, gli obiettivi strategici e le politiche per attuarli. Si attiva, così, un orientamento all employeeship, vale a dire agendo sul fattore umano si riescono a sviluppare individui che si sentono responsabili del risultato aziendale e carichi di iniziativa. In definitiva, una leadership capace di attivare una profonda trasformazione si fonda su cinque ambiti strategici: creare una visione ispiratrice, che aiuta il cambiamento e la sua diffusione; far dominare il processo comunicativo e la trasmissione d entusiasmo; infondere fiducia e ottenere credibilità attraverso una guida, per esempio; consentire agli altri di assumersi le responsabilità di decidere ed agire; promuovere lo sviluppo e la crescita personale, rafforzando l autostima 17. ¹⁷ Cfr. F. D Egidio, L impresa del futuro, cit., pagg

13 A. DI VITTORIO, CULTURA E COINVOLGIMENTO. L IMPORTANZA DEI VALORI NELL AZIENDA La cultura aziendale e il successo manageriale Dunque, la cultura è quella che insieme alla professionalità forma la personalità di un dirigente, che diventa tale se è riconosciuto come un capo e cioè se possiede le caratteristiche innovative sopra citate. Come l imprenditore dispone del capitale, così il «capitale» del dirigente è rappresentato dalla professionalità, che è possibile acquisire tramite la formazione manageriale, effettuando, cioè, un investimento su se stessi. Gli investimenti in formazione, in apprendimento e in conoscenza non sono mai stati tra gli obiettivi prioritari per le imprese orientate ai risultati. D altra parte le aziende sono prevalentemente valutate sui risultati gestionali, su dividendi distribuiti, sul patrimonio, che tra l altro non può contabilizzare il valore immateriale della conoscenza posseduta. Invece oggi le aziende, destabilizzate da una competitività sempre più dura, tra rapidi e continui mutamenti, si rendono conto della necessità di una diversa attenzione alle competenze e all apprendimento continuo. Il sociologo Michael Crozier, nel suo volume Le imprese in ascolto 18 afferma che «uno dei criteri moderni più importanti della direzione è il dirigere attraverso la cultura, perché chi lavora con noi, ci riconosce soltanto se i valori che noi riusciamo a trasmettere sono valori di cultura e riesce ad identificarsi in quei valori, meglio quando portano a dei risultati» 19. Questa considerazione può essere di insegnamento anche alle piccole aziende, che devono possedere una cultura non localistica, ma aperta, in quanto vocate all esportazione, all apertura verso i mercati, nonostante un legame che sembra essere forte con i parametri più prettamente localistici 20. Allora, la visione delle risorse umane si collega strettamente alla cultura dell organizzazione, in particolare attraverso il tentativo di articolare i valori di fondo, i punti di riferimento e di conseguenza il comportamento dei dipendenti. Riferisce Mills a proposito che «tutte le organizzazioni apprendono, ma alcune di esse non abbastanza rapidamente per riuscire a sopravvivere, pertanto la capacità di un azienda di aggiornarsi è più importante che mai» 21. I programmi di cambiamento della cultura spesso incorporano elementi che potrebbero far parte della visione delle risorse umane, come ad esempio recitano alcuni messaggi: il cliente la primo posto; lavorare come un team; sostenere l innovatore; onorare alti standard etici; qualità in ogni cosa ¹⁸ Milano, Etas Libri, ¹⁹ Cfr. M. Crozier, op. cit., pagg ²⁰ Cfr. F. Marchesi, Il ruolo del dirigente nell impresa moderna, in Atti provvisori del convegno Dirigere oggi. Il ruolo del dirigente d azienda nell impresa locale (promosso da FNDAI - Federazione Nazionale Dirigenti Aziende Industriali, Ancona, 28 maggio 1994), pag. 18. ²¹ In D. Q. Mills - B. Friesen, Organizzazioni orientate all apprendimento, Formez (collana «Problemi di gestione»), 1995, vol. XX, n. 2, pagg

14 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/97 Tipo di cultura Obiettivi Strategie Sistemi Difensiva Nicchia di mercato sicura e stabile Prospettica Sfruttamento di nuovi prodotti e opportunità di mercato Analizzatrice Nuovi tentativi per l attuale nicchia di business Specializzazione; produzione efficiente rispetto ai costi; integrazione verticale Crescita tramite lo sviluppo di nuovi prodotti e mercati; controllo del cambiamento ambientale; tecnologie multiple Crescita costante attraverso la penetrazione; uso di ricerche applicate; ruolo di inseguitori Centralizzati; controllo dettagliato; enfasi dell efficienza rispetto ai costi; pianificazione formale Enfasi sulla flessibilità; controllo decentralizzato; uso di misure ad hoc Coordinamento dei ruoli tra le funzioni; pianificazione massiccia Fonte: A. Williams - P. Dobson - M. Walters, Changing culture: new organizational approaches, London, IPM, 1990, pag. 31. Fig. 2 L influenza della cultura dell organizzazione che si fa, e così via 22. A tal proposito la Figura 2 ricorda l influenza che le diverse culture dell organizzazione hanno sugli obiettivi, sulle strategie e sui sistemi aziendali. Alla base di un processo imprenditoriale istituzionalizzato c è una cultura che tiene in gran conto la capacità dell individuo. Ciò implica per l alta direzione compiere alcuni passi verso un processo importante di cambiamento, poiché occorre pensare ad una struttura costruita verso l alto e non verso il basso («anatomia dell organizzazione»); all entusiasmo necessario per avere fiducia nell individuo («psicologia organizzativa»); ai flussi e ai rapporti che collegano tutte le parti dell organizzazione tra loro («fisiologia organizzativa»). Le organizzazioni orientate al cambiamento e al cliente devono inoltre perseguire tre obiettivi: «apprendere ad apprendere»; «motivare ad apprendere»; «apprendere a motivare». Tra le varie leve, dirette ed indirette, da gestire in termini sinergici per lo sviluppo più incisivo dell apprendimento, un posto di particolare rilievo svolge la ²² Cfr. S. Connock, Sviluppare nuove visioni adeguate al cambiamento, in Management & Informatica, 1993, n , pagg

15 A. DI VITTORIO, CULTURA E COINVOLGIMENTO. L IMPORTANZA DEI VALORI NELL AZIENDA... formazione intesa come «intervento sulla cultura professionale attraverso la metodologia dell apprendimento consapevole» 23. Pertanto, secondo il primo obiettivo, attraverso la formazione le persone dovranno mantenere flessibilità intellettuale ed acquisire la capacità di «apprendere ad apprendere», ovvero acquisire modelli, motivazioni e capacità per guidare anche autonomamente il continuo processo di aggiornamento e di sapere professionale. La progettazione e la gestione di nuovi sistemi di aggiornamento e di apprendimento continuo è la principale sicurezza che l azienda può offrire ai dipendenti per il loro futuro, in un ottica di un investimento a beneficio dello sviluppo dei singoli e della propria competitività. Il confronto sistematico con altre imprese, la ricerca-formazione, lo sviluppo di gruppi di creatività, l analisi di casi di successo ed insuccesso, devono arricchire e fare parte integrante dei nuovi processi formativi, capaci quindi di creare un nuovo sapere a supporto dell innovazione e del cambiamento. Pertanto, i nuovi capi dovranno favorire l immaginazione e proteggere le nuove idee che nascono nel proprio ambito; fornire i riferimenti e i campi di soluzione, rendendo trasparenti obiettivi e missioni; trasmettere valori e conoscenze, favorendo l apprendimento e la crescita professionale; mantenere il proprio sistema aperto verso altri enti, attenti a stimolare i processi orizzontali. Se saranno considerati i suddetti punti, sicuramente le imprese potranno disporre di una front-line interna capace di sviluppare un apprendimento diffuso e condiviso. Il secondo obiettivo, «motivare ad apprendere», denota come l obiettivo «apprendimento» si intreccia non solo con i temi dell efficienza e dell efficacia, ma anche con quello della motivazione. Il problema quindi non è solo quello di trasferire rapidamente ed efficacemente nuove conoscenze e competenze, ma motivare a dare continuità quantitativa e qualitativa all apprendimento e alle loro prestazioni. L ultimo obiettivo, «apprendere a motivare», evidenzia come i capi, per essere efficaci, devono essere disponibili a «reimparare» a dare direttive, ad agire in coerenza con una serie di valori espressi. Per fare ciò, occorre ricercare ed utilizzare nuovi spazi e nuove leve motivazionali, «reinterpretando», alla luce delle nuove modalità di funzionamento, le tradizionali leve (promozioni in verticale, incentivi retributivi, riconoscimenti di status formali) 24. La terza rivoluzione industriale è ormai incominciata, rompendo il legame tra la crescita della produzione e quella dell occupazione e ²³ Cfr. M. Bruscaglioni, La gestione dei processi nella formazione degli adulti, Milano, Franco Angeli, 1991, pagg ²⁴ Cfr. E. Auteri, Motivare ad apprendere nell impresa competitiva, in L Impresa, 1996, n. 5, pagg

16 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/97 facendo fallire il dogma keynesiano che identificava l antidoto nel rilancio degli investimenti. Al contrario, bisogna pensare alla progettazione di un nuovo modello di vita, in cui i simboli, i valori, le informazioni, assumano il ruolo principale, in cui la scienza e la cultura assicurino occasioni di crescita attraverso l arricchimento intellettuale e dove il lavoro alienato venga delegato alle macchine. In questo modo gli uomini saranno liberi di dedicarsi a forme di vita più consone a questa nuova realtà e al cosiddetto «ozio creativo». A tal proposito Tom Peters, già promotore della disorganizzazione creativa come arma vincente degli anni Novanta nel suo volume Liberation Management 25, afferma in un suo più recente lavoro, Tempi pazzi aziende pazze, che «l immaginazione è la fonte del valore d impresa: è un mondo insano e in un mondo insano le organizzazioni sane non hanno senso» 26. È necessario affrontare il futuro con decisione, creatività e sfida, non in maniera passiva, subendo i cambiamenti indotti dal futuro. Solo questa maniera permetterà all impresa di sopravvivere e di avere successo, accettando le sfide di questo grande cambiamento ed elaborando nuove Visioni. Assistiamo, dunque, ad un ritorno ai fondamenti e alle persone. I sistemi, i programmi e le strutture gestionali promossi negli ultimi 25 anni hanno contribuito all allontanamento dalle idee di fondo: ottenere una crescita e un valore netto sostenibili. Risultato: i fondamenti si sono persi in un caos di linguaggi incomprensibili che, seppure con le migliori intenzioni, ci hanno allontanato sempre più da un rendimento eccellente in qualunque settore. Ci siamo lasciati prendere a tal punto dalle tecniche che ci siamo dimenticati delle persone, le persone che realizzano il prodotto/servizio e quelle che lo consumano. Ma quali sono i nuovi fondamenti del successo manageriale? Due dei più importanti sono l orgoglio per la propria organizzazione e l entusiasmo per la propria attività. Voci che non si trovano nei 25 principali testi di management sottoposti ad un analisi in proposito 27. Non si trova molto su temi come «l ascolto senza preconcetti nei confronti del cliente, l imprenditorialità interna all azienda, la difesa e il sostegno dell innovazione, la fiducia, la leadership» 28. «Leadership» comunica, invece, l idea di liberare energia, costruire, crescere. Come afferma Warren Bennis, figura di primo piano nell attuale processo di ripensamento, «le organizzazioni americane han- ²⁵ Milano, Sperling & Kupfer, ²⁶ Milano, Sperling & Kupfer, 1996, pagg ²⁷ Come afferma Tom Peters in Alla ricerca dell eccellenza, Milano, Sperling & Kupfer, 1996 (7ª ediz.), pag. 10. ²⁸ Cfr. T. Peters - N. Austin, Una passione per l eccellenza. La vera leadership, Milano, Sperling & Kupfer Editori, 1986, pagg Il testo approfondisce i temi trattati in Alla ricerca dell eccellenza, di T. Peters e R. H. Waterman Jr., fornendo suggerimenti concreti sulla leadership. 188

17 A. DI VITTORIO, CULTURA E COINVOLGIMENTO. L IMPORTANZA DEI VALORI NELL AZIENDA... no sofferto di un eccesso di management e di una carenza di leadership» 29. Altra parola-chiave fondamentale nell attuale processo di cambiamento è «innovazione». Le grandi organizzazioni devono imparare a innovare se vogliono sopravvivere e, per alcune di queste, ciò significa reinventarsi, anche introducendo dei cambiamenti nei propri prodotti o servizi per tenersi al passo con l evoluzione dei mercati. A tal proposito, Peter Druker afferma che «generalmente si crede che l imprenditorialità consista nell avere una grande idea e che l innovazione sia una questione di tecnologia. Tuttavia, diverse aziende statunitensi danno l impressione di pensare che innovazione sia sinonimo di idea geniale invece che di ricerca sistematica, finalizzata e rigorosa. I giapponesi stanno organizzando l innovazione in questo senso, e così anche i coreani, grazie alla creazione di gruppi di lavoro ristretti incaricati di identificare e sviluppare nuove forme di attività con criteri innovativi» 30. In definitiva, l innovazione richiede l identificazione sistematica dei cambiamenti già avvenuti in un determinato settore, seguita dallo studio della loro capacità di costituire delle opportunità. Richiede inoltre qualcosa che le nostre imprese trovano molto difficile: mettere da parte il passato, invece di tentar di mantenerlo in vita Conclusioni Quanto si è cercato di delineare presenta il carattere di un processo circolare, che prende avvio dalla «cultura in senso generale o antropologico», le cui valenze economiche individuano i caratteri distintivi di una specifica e dominante «cultura aziendale», la quale configura l ambiente e il sistema di valori a cui si attengono gli organismi aziendali che vi operano. Questi ultimi, coerentemente ai cambiamenti culturali del «tessuto» o del «contesto» in cui sono inseriti, modificano il quadro degli «obiettivi gestionali» da perseguire, il cui grado di raggiungimento è apprezzato mediante l impiego di opportuni «strumenti di controllo». È proprio attraverso i risultati acquisiti con l uso di questi strumenti, che gli operatori aziendali accrescono il proprio bagaglio di conoscenze e, allorché le «personali esperienze» si gene- ²⁹ Cfr. W. Bennis, Leader, anatomia della leadership. Le quattro chiavi della leadership effettiva, Milano, Franco Angeli, 1993, pag. 13. ³⁰ In G. Gendron, Peter Druker: copiate i coreani, in Nuova Espansione, 11/1996, pagg ³¹ Recentemente ruolo e funzione dell innovazione sono stati sottoposti a riesame anche in chiave economica e storica. Cfr., ad esempio, Innovazione e sviluppo. Tecnologia e organizzazione fra teoria economica e ricerca storica, Atti del relativo convegno (Piacenza, 4-6 marzo 1993), a cura di A. Cova - G. Fumi, Bologna, Monduzzi, Inoltre, a cura di R. Giannetti, L innovazione tecnologica dalla rivoluzione industriale ad oggi. Temi, inventori e protagonisti dall ottocento al duemila, Firenze, Ponte alle Grazie,

18 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/97 ralizzano e si comunicano ad altri individui, viene modificato lo stato iniziale della cultura aziendale e quindi di quella antropologica 32. Ciò consente di evidenziare come un elemento o un momento del processo appena rappresentato agisca sull altro. Infatti, se la cultura antropologica caratterizza quella aziendale e, pertanto, l ambiente economico, in virtù della tipologia degli organismi aziendali e degli interessi che gravano sull operare delle imprese, così la configurazione dell ambiente economico condiziona gli obiettivi conoscitivi ed operativi che gli organismi aziendali si prefiggono di raggiungere. Ciò richiede un adeguamento degli strumenti utilizzati nell acquisizione delle informazioni per l assunzione delle decisioni e per il controllo delle risorse disponibili 33. Concludendo, esiste la condivisione di un nuovo «interesse», cioè di una nuova motivazione che sottende l esercizio dell attività produttiva. Del resto, risulta oggi profondamente modificata la struttura dello scenario socio-economico in cui le unità aziendali si trovano ad operare, poiché esso è caratterizzato da: un deciso processo di integrazione internazionale della nostra economia, con la conseguente definizione di una dimensione globale dei mercati dei fattori produttivi e dei prodotti fabbricati; dalla ricerca di parametri a carattere qualitativo, che integrino quelli di natura quantitativa di origine contabile, non solo per predisporre obiettivi aziendali e misurarne il grado di raggiungimento, ma anche per apprezzare le performance dei manager e dei responsabili di centro; dalla repentina modificazione della scala dei bisogni dei membri della comunità sociale, che vede la progressiva affermazione di bisogni connessi alla difesa delle risorse naturali e ad un correlato processo di sviluppo economico, che esalti l uomo come attore di ogni vicenda produttiva e di consumo. In conseguenza della sempre maggiore diffusione ed affermazione delle motivazioni culturali su elencate, prende consistenza un area d indagine denominata «ecologia aziendale», che tende a risolvere non solo i problemi inerenti la valutazione dell impatto ambientale di ogni iniziativa economica, ma anche a predisporre un «bilancio globale» da redigere al termine di ogni periodo amministrativo ad integrazione del tradizionale bilancio di esercizio. Inoltre, i modelli di equilibrio economico che sono stati elaborati nel tempo, sia a livello globale che aziendale, hanno costantemente supposto che le risorse ³² Il processo descritto nel testo, più che un andamento circolare, ne assume uno elicoidale, evidenziando così la non ripetitività del percorso ipotizzato, ma il raggiungimento continuo di postazioni collocate su livelli o piani sempre diversi e più elevati. ³³ Cfr. G. Catturi, Cultura aziendale e strumenti per il controllo della gestione: il caso Italia, Università di Siena, I Seminario di Storia della Ragioneria, 1996, lavoro ciclostilato non pubblicato, pagg

19 A. DI VITTORIO, CULTURA E COINVOLGIMENTO. L IMPORTANZA DEI VALORI NELL AZIENDA... naturali fossero disponibili in quantità illimitata e che esse, pur essendo indispensabili alla realizzazione dei processi tecnici di lavorazione, fossero liberamente disponibili; quei modelli, pertanto, escludevano che l esistenza dell ambiente naturale ponesse il benché minimo problema economico. L imperativo d impresa, pertanto, non è più quello di incrementare a dismisura i volumi prodotti, ma di fabbricare beni qualitativamente migliori senza danneggiare l ambiente. Il processo evolutivo di tipo socio-economico ormai avviato presenta anche un altra caratteristica relativa ai bisogni avvertiti dalla popolazione, che vede ai primi posti di quella scala bisogni per la soddisfazione dei quali occorre l apprestamento di servizi piuttosto che la fabbricazione di beni, aumentando così il numero delle imprese operanti nel settore terziario a scapito di quello manifatturiero. Emerge, altresì, la consapevolezza della perdita di significatività degli strumenti di controllo gestionale tradizionalmente adottati, che vertono su dati quantitativo-monetari e, pertanto, si ricercano nuovi strumenti tendenti alla misurazione delle performance non solo delle specifiche unità di produzione, ma anche dei singoli «centri di risultato» e dei loro responsabili. Per tale motivo il «sistema del reddito» continua a mantenere intatta la sua base teorica ma, al passaggio dall impresa sociale a quella globale, si afferma l obiettivo gestionale della «creazione del valore per la collettività» e il cambiamento culturale appare evidente. L impresa diventa organismo che guarda all ambiente in cui opera, vive per la collettività, sicché anche la modifica della struttura formale del Conto Economico, per giungere a determinare contabilmente il Valore Aggiunto Globale, non è fine a se stessa, ma consegue all adozione di quello che si può definire «sistema contabile del valore aggiunto» o «sistema dei valori». Spesso ci si interroga sulla dimensione etica dell operare economico, indipendentemente dall ordinamento giuridico istituzionale, partendo dal presupposto che qualunque funzione economica debba essere assunta per la migliore soddisfazione dei bisogni umani. A ciò tende non solo la funzione del consumo, prerogativa delle aziende di erogazione, ma anche quella della produzione, il cui esercizio da parte delle imprese soddisfa vecchie e nuove esigenze. Un simile obiettivo strategico può essere raggiunto solo attraverso l attivazione di un apprezzabile processo di creazione di valore e una sua equa distribuzione tra gli attori economico-sociali che ne hanno favorito e permesso la formazione: valore, quindi, non solo per l impresa, ma per tutta la collettività che ne deve godere. Si tratta di un cambiamento culturale di notevole portata. Il concetto di impresa sociale ormai non è più sufficiente ad interpretare l evoluzione socio-economica in atto ed occorre un nuovo concetto d impresa che si può definire «globale», il cui obiettivo strategico è raggiungibile solo rendendo massima la grandezza del «Valore Aggiunto Globale», il cui significato concettuale è ben più ampio di 191

20 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/97 quello industriale e certamente più rispondente ai caratteri culturali antropologici del momento. L organismo impresa, allora, si apre alla collettività, perché è quest ultima che mostra il prevalente interesse all operare economico. Non che si trascurino i processi interni di utilizzo dei fattori produttivi, ma questi devono essere impiegati efficientemente nell interesse anche dell intera collettività, che richiede efficace soddisfazione dei propri bisogni. In sostanza, si tratta di ricercare nuovi strumenti, ritenuti più efficaci in relazione al mutato scenario economico-aziendale, conseguente al modificarsi dei suoi presupposti culturali, e soprattutto di individuare parametri qualitativi e non più solo quantitativo-monetari per definire ed apprezzare obiettivi e risultati aziendali. 192

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

MBO - Management by objectives

MBO - Management by objectives DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it MBO - Management by objectives Una breve guida all introduzione in azienda

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI Corso di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa La LUM School of Management crede fermamente

Dettagli

azioni di rigenerazione sociale

azioni di rigenerazione sociale azioni di rigenerazione sociale I contenuti di questo libro possono essere condivisi rispettando la licenza Chi siamo Indice 3 Chi siamo 5 Cos è concretamente Change Community Model? 6 Quali sono gli ingredienti

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

CREATIVE. Newsletter Numero 04 HANDMADE THINKING. Contenuto:

CREATIVE. Newsletter Numero 04 HANDMADE THINKING. Contenuto: Newsletter Numero 04 Contenuto: È iniziata la fase di divulgazione finale Un frammento del nostro manuale L opinione degli esperti I Partner del Progetto È iniziata la fase di divulgazione finale Siamo

Dettagli

S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i

S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i P r o d o t t o d a A l b e r t o P a o l i n i G r o s s e t o P a r c h e g g i s r l V e n g o n o p

Dettagli

Intervista a un Temporary Manager - Seconda Parte -

Intervista a un Temporary Manager - Seconda Parte - Intervista a un Temporary Manager - Seconda Parte - di Valentina Gagliardo Facciamo seguito all articolo del mese scorso sul tema Temporary Manager. L intervista a Gian Andrea Oberegelsbacher prosegue

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

la crescita è la chiave

la crescita è la chiave AREA LEADERSHIP PROFESSIONALE IL COACHING Lo strumento di manutenzione dell uomo LeadershipLab Training Gubbio (Perugia) N.Verde 800.960.318 la crescita è la chiave MARCO MERANGOLA Tel 366 37.72.330 Fax

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

La Leadership. Salvatore Savarese

La Leadership. Salvatore Savarese La Leadership Salvatore Savarese 1 Introduzione Lavorare all interno di organizzazioni induce un evoluzione professionale ed umana in più direzioni: aumentano le competenze tecniche specifiche, si sviluppano

Dettagli

IL MANAGER PARTECIPATIVO

IL MANAGER PARTECIPATIVO IL MANAGER PARTECIPATIVO Prof. Mario Mazzoleni www.mariomazzoleni.com www.labser.it Forlì, 4 maggio 2007 Il manager IL MANAGEMENT La persona o il gruppo o l organo destinati a guidare e gestire l impresa

Dettagli

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento > Gruppo Q&O MCS consulting Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento Gli obiettivi per il Cliente Approccio metodologico www.qeoconsulting.com www.mcs-tv.com Chi siamo Con base a Reggio Emilia

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE. Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013

L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE. Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013 L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013 EUGENIO VANDA General Manager Un'organizzazione è un gruppo di persone formalmente unite per raggiungere uno o più obiettivi comuni che

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 10 Problematiche di gestione delle risorse umane nelle imprese internazionalizzate La gestione internazionale delle risorse umane L International

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING gno Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING COSA

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese?

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Torino, 14 aprile 2006 Indice Considerazioni iniziali...p.3 La non crescita...p.5 In concreto, cosa si può fare?...p.6 Considerazioni

Dettagli

INNOVARE PER PROGETTARE O PROGETTARE PER INNOVARE? La cultura e le competenze aziendali per un efficace progettazione

INNOVARE PER PROGETTARE O PROGETTARE PER INNOVARE? La cultura e le competenze aziendali per un efficace progettazione INNOVARE PER PROGETTARE O PROGETTARE PER INNOVARE? La cultura e le competenze aziendali per un efficace progettazione Roma, 21/04/2015 1 INNOVAZIONE PROGRAMMI UE CHE FINANZIANO L INNOVAZIONE Finanziamenti

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale Dott. Simone Cavestro La Sfida attuale In uno scenario in continua evoluzione, dove si sviluppano con velocità crescente Organizzazione Tecnologie

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli