Le vittime del conflitto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le vittime del conflitto"

Transcript

1 Emergenza Siria 27 agosto 2013 Aggiornamento n. 32 Quadro dell'emergenza Il conflitto in Siria rappresenta oggi una delle più gravi crisi al mondo: un milione di bambini sono stati costretti a fuggire dalla Siria come rifugiati, più di tre milioni sono in varie forme vittime del conflitto all interno dei confini nazionali. Ciò significa che la vita di oltre quattro milioni di bambini risulta distrutta dal conflitto, e che un intera generazione è a rischio. All interno della Siria, il crescere continuo delle violenze e la distruzione di servizi e beni di sussistenza essenziali mette sempre a più grave rischio la vita dei bambini che ne sono vittime. In Siria i bambini sono esposti a gravi violazioni dei diritti umani: uccisioni, mutilazioni, violenze sessuali, torture, detenzioni arbitrarie, reclutamento in gruppi armati, esposizione ai rischi derivanti da ordigni inesplosi. Ulteriormente preoccupanti sono le ultime notizie sul presunto utilizzo di armi chimiche alla periferia di Damasco. Nei paesi confinanti e limitrofi, il flusso crescente di profughi in fuga dalla guerra sta dando luogo ad un emergenza drammatica, con i bambini rifugiati vittime di traumi psicologici, esposti a rischio di sfruttamento sessuale, del lavoro minorile, di matrimoni precoci e al traffico di minori. Su un milione di bambini rifugiati hanno meno di 11 anni, hanno varcato i confini soli o separati dai loro familiari. Le Nazioni Unite esprimono profonda preoccupazione per le conseguenze sui civili: persone hanno perso la vita dal marzo 2011, con in media morti ogni mese a patire da luglio I bambini uccisi sono più di 7.000, di cui un terzo sotto i 10 anni di età. Nonostante le crescenti violenze, i pericoli legati alle condizioni di sicurezza e le difficoltà nel raggiungere le popolazioni colpite, l UNICEF sta potenziando la risposta umanitaria all interno della Siria, incluse Damasco, Homs, Tartous, raggiungendo centinaia di migliaia di bambini con assistenza e aiuti umanitari, anche nelle aree controllate dall opposizione. Per rispondere ai bisogni dei bambini vittime della grave crisi umanitaria in atto, l'unicef opera attraverso settori prioritari d intervento - sanità, nutrizione, acqua e igiene, istruzione, protezione dell'infanzia, fornitura di generi di primo soccorso sia in Siria sia nei paesi confinanti che accolgono i profughi in fuga dal conflitto. L arrivo del caldo estivo sta portando nuovi pericoli. Le temperature sono in aumento in una fase in cui l acqua è sempre più scarsa e le condizioni igienico-sanitarie peggiorano. In una crisi sanitaria pubblica proprio i bambini sono particolarmente vulnerabili: prioritario è dunque provvedere all acqua pulita e ad adeguati servizi igienico sanitari, nonché alle vaccinazioni per proteggere i bambini contro possibili malattie. Tra le altre priorità figurano il sostegno scolastico e la protezione contro violenze e abusi. La crisi umanitaria in Siria e l emergenza profughi nella regione A più di 2 anni dall inizio del conflitto, l acuirsi costante delle violenze ed un conseguente peggioramento delle possibilità di accedere a servizi sociali essenziali stanno esponendo in Siria più di 3,1 milioni di bambini a seri rischi di malattie e violenze, privandoli della possibilità di ricevere protezione ed istruzione. Un altro milione bambini sta cercando rifugio e assistenza nei paesi limitrofi, ridotti alla condizione di profughi in Libano, Giordania, Iraq, Turchia ed Egitto. In Siria, 6,8 milioni di persone risultano in vario modo colpite dal conflitto, con oltre 4,25 milioni sfollate all interno dei confini nazionali: i bambini colpiti dal conflitto sono , quelli sfollati In Siria Le vittime del conflitto bambini e minori colpiti in vario modo dal conflitto, su un totale di 6,8 milioni di persone colpite i bambini sfollati, su un totale di 4,25 milioni di persone sfollate Nella regione: 1 milione i bambini profughi colpiti dal conflitto, su un totale di oltre 1,9 milioni di rifugiati Piano di risposta UNICEF Gennaio dicembre 2013 In Siria Nella regione Bambini vaccinati dal morbillo Bambini in programmi di istruzione 10 milioni Persone con accesso ad acqua potabile Bambini con assistenza psicosociale

2 Nei paesi limitrofi, i profughi registrati dall'unhcr o in attesa di registrazione sono: in Libano in Turchia in Giordania in Iraq Se si considerano inoltre i profughi rifugiati in Egitto e Nord Africa, le persone in fuga dal conflitto sono oltre 1,9 milioni, di cui 1 milione sono bambini o adolescenti. Il numero dei rifugiati continua costantemente a crescere e tali cifre non comprendono migliaia di rifugiati siriani non registrati, gli iracheni e i palestinesi fuggiti dalla Siria e le famiglie presso cui sono accolti. Piano di risposta umanitaria per il 2013 Il 7 giugno, le Nazioni Unite hanno lanciato il nuovo Piano di risposta umanitaria alla crisi in Siria per il periodo gennaio dicembre 2013, che riprende il precedente il piano che copriva il periodo gennaio-giugno. L obiettivo è portare assistenza a 6,8 milioni di persone colpite dall emergenza, tra cui 4,25 milioni di persone sfollate all interno dei confini nazionali. Per la complessiva risposta all emergenza in Siria, le Nazioni Unite stimano necessari oltre 1,4 miliardi di dollari, di cui 110,46 milioni per i programmi di emergenza UNICEF nei settori prioritari di intervento. I fondi finora ricevuti dall UNICEF ammontano a 90,80 milioni di dollari. Lo stesso 7 giugno le Nazioni Unite hanno lanciato il nuovo Piano di riposta all'emergenza profughi su scala regionale, per rispondere alle conseguenze della crisi nei paesi confinanti o vicini. Il piano copre il periodo gennaio dicembre 2013, riprende il precedente piano regionale che copriva il periodo gennaio-giugno, e stima che il numero dei profughi colpiti dalla crisi possa raggiungere le 3,45 milioni di persone entro la fine del Il Piano di risposta all emergenza prevede di raggiungere i profughi rifugiati in Giordania, Libano, Iraq, Turchia ed Egitto. Il Piano vede preposto l UNHCR a guidare la risposta su scala regionale di oltre 100 tra agenzie e organizzazioni partner, tra cui l UNICEF. Per gli interventi necessari a portare assistenza a profughi e comunità di accoglienza nei paesi ospitanti, le Nazioni Unite prevedono necessari oltre 2,9 miliardi di dollari. I fondi necessari per i programmi di emergenza dell UNICEF nella regione nei vari settori prioritari d'intervento ammontano a 360,19 milioni di dollari. I fondi ricevuti finora sono pari 189,51 milioni di dollari. Complessivamente, un totale di 470,6 milioni di dollari risultano necessari per gli interventi di risposta dell UNICEF in Siria e nella regione: allo stato attuale il 40% del totale circa 190,3 milioni di dollari - risulta mancante. Grazie alla generosità dei donatori italiani, nel l'unicef Italia ha trasferito euro per l'emergenza in Siria e nei paesi confinanti, di cui oltre 1,1 milioni nei primi 8 mesi del Nel 2012, il Ministero degli Affari Esteri italiano ha deciso di devolvere euro dei fondi d emergenza della Cooperazione italiana per il piano di emergenza regionale dell'unicef, in particolare a sostegno dei bambini e adolescenti siriani rifugiati in Libano. I. Risposta alla crisi umanitaria in Siria Nonostante l'escalation di violenze a Damasco, Homs, Aleppo, Hama e nel resto della Siria, l'unicef continua a fornire aiuti e servizi essenziali a migliaia di bambini e donne vittime delle violenze. Le possibilità d intervento restano limitate dalle condizioni di sicurezza, dalle difficoltà di movimento e anche dalla mancanza di carburante. L'UNICEF cerca di raggiungere le popolazioni più a rischio con una programmazione a volte anche quotidiana della fornitura degli aiuti nei siti dove gli sfollati hanno trovato rifugio - in prevalenza scuole, edifici pubblici e moschee - sostenendo la Mezza Luna Rossa Siriana, oltre 40 Ong locali e internazionali, organizzazioni a base comunitaria, le controparti istituzionali. Oltre l Ufficio di Damasco, l UNICEF opera tramite uffici distaccati a Homs e Tartous, coordinandosi con i propri partner, effettuando missioni sul campo e sostenendo la distribuzione di scorte di aiuti a Damasco, Aleppo, Hama, Homs, Lattakia, Tartous ed altre aree duramente colpite dal conflitto. L UNICEF ha esteso il proprio supporto a 51 team medici mobili - rispetto agli 8 inizialmente sostenuti da settembre e la copertura geografica degli interventi di assistenza medica, passata da 6 a 14 governatorati. Nel mese di agosto, l UNICEF ha condotto una missione a Lattakia fornendo aiuti e assistenza agli sfollati in città; ha fornito aiuti salvavita sufficienti a oltre persone a Idleb mediante l invio di convogli umanitari; è stata in grado di inviare aiuti ad Homs, dove l accesso è ostacolato dai combattimenti, per oltre persone; ha avviato i preparativi per la campagna per il Ritorno all istruzione, diretta a formare i maestri e a distribuire aiuti scolastici ad un milione di bambini. Allo stato attuale, 6,8 milioni di persone risultano colpite dal conflitto, 4,25 milioni sfollate all interno dei confini nazionali: i bambini colpiti dal conflitto sono , quelli sfollati Popolazione assistita: in Siria l'unicef ha finora fornito accesso a servizi igienici a persone e a migliori condizioni igieniche a persone, acqua potabile a persone e sostanze di cloro per il trattamento idrico per 10 milioni di persone; bambini stanno ricevendo sostegno psicosociale e sono inseriti in programmi di istruzione informale e beneficiano di attività didattiche di sostegno psicosociale. Un totale di bambini sono stati finora vaccinati contro il morbillo e contro la polio con una campagna di vaccinazione di emergenza avviata a marzo Nel 2012, 1,5 milioni di bambini erano stati vaccinati contro la polio, 1,3 milioni contro il morbillo, 1,3 milioni avevano ricevuto vitamina A con la campagna di emergenza avviata a fine novembre e completata il 20 dicembre Da gennaio 2013, un totale bambini con meno di 1 anno hanno

3 ricevuto le vaccinazioni di routine. Dall inizio dell anno, tra donne e bambini hanno ricevuto medicine, kit sanitari e di pronto soccorso, assistenza medica. Un totale di bambini hanno ricevuto multi-micronutrienti, 774 bambini gravemente malnutriti hanno ricevuto alimenti terapeutici, alimentazione complementare. L'UNICEF ha fornito kit di alimenti e biscotti proteici per bambini e, dall inizio di maggio, ha distribuito generi di prima necessità per persone: tra gli aiuti distribuiti, alimenti terapeutici pronti per l uso, biscotti proteici, sali reidratanti; generatori elettrici, compresse e sostanze per la potabilizzazione dell acqua, kit di prodotti per l igiene familiare e infantile; materiali e cartelle scolastiche; vestiario e scarpe per bambini. A gennaio, più di persone erano state raggiunte con aiuti per l inverno. Acqua e igiene. Tra gli interventi chiave sostenuti dall UNICEF, la distribuzione di acqua potabile mediante autobotti, la clorazione delle fonti e scorte idriche, la riparazione e rimessa in funzione delle condotte e della rete idrica, l installazione e mantenimento della dei servizi igienico-sanitari, lo smaltimento dei rifiuti solidi e fognari. Ad oggi l'unicef ha fornito accesso ad acqua potabile e per consumo domestico a oltre 3 milioni di persone, attraverso la distribuzione con autobotti, il ripristino e manutenzione delle condotte idriche e la clorazione dell acqua, la riparazione di infrastrutture e/o fornitura di generatori idrici. A gennaio, l UNICEF ha avviato la fornitura di ipoclorito di sodio per il trattamento idrico, garantendo acqua potabile a 10 milioni di persone in 14 governatorati, con un totale di tonnellate distribuite. A metà luglio, attraverso un convoglio umanitario congiunto dell ONU, l UNICEF ha fornito ad Aleppo 5 gruppi elettrogeni e 8 cisterne idriche sufficienti a fornire acqua potabile ad oltre 1 milione di persone, ad agosto ad Homs nonostante combattimenti è stato possibile fornire acqua potabile, kit igienici e cisterne idriche per oltre persone. L UNICEF ha finora distribuito 17 generatori elettrici per la potabilizzazione dell acqua a beneficio di 2,1 milioni di persone, per prevenire l insorgere di malattie legate al consumo di acqua contaminata, e la recente riparazione di 3 generatori ad Homs ha dato accesso all acqua potabile a oltre 1 milione di persone. Circa persone hanno ricevuto sapone e prodotti per l igiene, persone hanno ricevuto accesso a servizi igienici di base e a messaggi e a educazione sanitaria per la promozione delle norme igieniche. Protezione dei bambini vulnerabili. Tra gli interventi chiave sostenuti dall UNICEF, l assistenza psicosociale attraverso spazi a misura di bambino, attività socio-ricreative e di life skills, il sostegno alle comunità locali e la loro formazione sul sostegno psicosociale, attività di educazione sui pericoli delle mine e di ordigni inesplosi. Nello specifico, l UNICEF sostiene la Mezza Luna Rossa siriana per le attività di 6 "spazi a misura di bambino, e di 2 unità mobili di sostegno psicosociale, a beneficio di circa bambini nell area di Damasco: a causa delle violenze, alcuni spazi a misura di bambino sono stati chiusi e sostituiti da unità mobili per il sostegno psicosociale. Ad Aleppo e dintorni, operano 22 unità mobili di supporto psicosociale sostenute dall UNICEF che hanno raggiunto e aiutato circa bambini. L UNICEF e i suoi partner stanno fornendo protezione, assistenza psicosociale e socio-ricreativa a bambini. Istruzione. Tra gli interventi chiave sostenuti dall UNICEF, il supporto ad attività di istruzione formale e informale, di corsi di recupero, di sostegno psicosociale a scuola, la formazione degli insegnanti, la fornitura materiali didattici e per l installazione di aule scolastiche. Allo stato attuale, un totale di scuole delle totali esistenti nel paese risultano danneggiate o distrutte, mentre edifici scolastici accolgono famiglie sfollate, con oltre 1,9 milioni di bambini che secondo gli ultimi dati del Ministero dell istruzione hanno visto pregiudicate le loro opportunità di istruzione nel e la metà non ha al momento accesso alla scuola. L'UNICEF ha avviato la riparazione di 106 scuole a Dera'a, nelle zone rurali di Damasco, Lattakia, ha fornito 174 scuole prefabbricate e materiali didattici per 81 scuole; un totale di bambini hanno ricevuto aiuti scolastici. L UNICEF sostiene 457 club scolastici per corsi di recupero nell area di Damasco, a Dera'a, Lattakia, e Tartus, con bambini inseriti in programmi di istruzione e che beneficiano di attività didattiche di sostegno psicosociale e attività socio-ricreative. Allo stato attuale l UNICEF ha avviato i preparativi per una campagna nazionale per il Ritorno all istruzione - in vista del nuovo anno scolastico, previsto per il 15 settembre: la campagna è diretta a formare i maestri e a distribuire aiuti scolastici (cartelle scolastiche, materiali didattici e per l insegnamento, kit di materiali socio-ricreativi) ad un milione di bambini, ma anche ad incoraggiare le autorità scolastiche, le comunità e le famiglie a iscrivere i bambini nei programmi di istruzione, siano essi di scuola ordinaria o svolte in centri di istruzione informale. Per le aree in cui risulti più difficile sostenere servizi di istruzione e attività scolastiche, l UNICEF sta sviluppando un programma alternativo per l apprendimento tra le mura domestiche per almeno bambini, per sostenere coloro che non possano recarsi a scuola con materiali e programmi didattici che permettano loro di studiare a casa. Sanità e nutrizione. Tra gli interventi chiave sostenuti dall UNICEF, le campagne di vaccinazione contro morbillo e polio, il sostegno a cliniche mobili, la fornitura di farmaci, attrezzature e scorte mediche, la fornitura di servizi e prodotti nutrizionali. A marzo 2013 è stata avviata una campagna di vaccinazione, con l obiettivo di vaccinare 2,5 milioni di bambini: bambini sono stati finora vaccinati contro il morbillo e contro la polio. Dall inizio dell anno, bambini hanno beneficiato dell insieme delle vaccinazioni di routine. Nel 2012, più di bambini erano stati raggiunti con vaccinazioni di routine; 1,5 milioni bambini erano stati vaccinati contro la polio, 1,3 milioni contro il morbillo, 1,3 milioni avevano ricevuto vitamina A con la campagna di emergenza avviata a fine novembre e completata il 20 dicembre Le vaccinazioni sono state effettuate in oltre centri sanitari e tramite 100 squadre mobili di vaccinatori, per raggiungere i bambini sfollati nei rifugi temporanei del paese. Per la campagna di fine 2012, l'unicef ha fornito 1,5 milioni di dosi vaccinali, scorte di siringhe e contenitori per lo smaltimento sicuro, apparecchi frigo per la catena del freddo, libretti per le vaccinazioni e materiali informativi sulla campagna di vaccinazione. Appelli tv, messaggi SMS e sessioni di educazione sanitaria hanno informato i genitori sull importanza della campagna. Nel 2013 l'obiettivo è fornire assistenza medica a donne in gravidanza e bambini sfollati accolti in scuole, moschee ed edifici pubblici delle aree colpite dal conflitto, tra cui Aleppo, Damasco, Dara'a, Hama e Homs.

4 Dall inizio dell anno, tra donne e bambini hanno ricevuto medicine, kit sanitari di emergenza e di pronto soccorso, assistenza medica da team medici mobili, servizi di consultorio e aiuti di base. Dal mese di febbraio, l UNICEF ha esteso il proprio supporto a 51 team medici mobili, contro gli 8 inizialmente sostenuti a partire dal mese settembre, con la copertura geografica degli interventi di assistenza medica passata da 6 a 14 governatorati. I team mobili effettuano visite mediche regolari e il controllo della crescita: dall inizio dell anno, bambini hanno ricevuto assistenza medica, multi-micronutrienti e vitamina A. Tra metà luglio e agosto, l UNICEF ha fornito scorte medico-sanitarie salvavita sufficienti per persone, tra cui 500 kit di primo soccorso fornite alla Mezza Luna Rossa Siriana, 370 kit di pronto soccorso, scorte per 3 ospedali di Homs, 500 fornelli per cucinare e alimenti terapeutici. Dall inizio della risposta all emergenza, più di bambini sono stati sottoposti a monitoraggio nutrizionale, 774 bambini gravemente malnutriti hanno ricevuto alimenti terapeutici, alimentazione complementare, multi-micronutrienti e l'unicef ha fornito kit di alimenti e biscotti proteici per bambini. II. Risposta alla crisi su scala regionale In collaborazione con l UNHCR, preposto a guidare la risposta all'emergenza profughi su scala regionale, gli interventi dell'unicef sono concentrati nei settori istruzione, protezione dell infanzia, acqua e igiene, sanità e nutrizione, con interventi analoghi a quelli sostenuti in Siria per i medesimi settori di intervento. Attenzione prioritaria è data all'inserimento dei bambini rifugiati nei sistemi scolastici dei paesi di accoglienza (tranne che in Turchia, per problemi di lingua), per offrire opportunità d istruzione formale e informale e assistenza psicosociale, e all assistenza per l'arrivo dell'inverno. Nella regione, il numero dei profughi ha superato le 1,9 milioni di persone 1 milione sono bambini adolescenti, di cui hanno meno di 11 anni con le stime del piano regionale che prevedono 3,45 milioni di rifugiati entro la fine del Popolazione assistita nella regione: dall inizio dell anno, l'unicef sta assistendo scolari con l inserimento in programmi scolastici e altri con corsi di recupero ed istruzione informale, distribuendo materiali didattici ed altri aiuti per sostenere il ritorno a scuola dei bambini. Più di bambini stanno beneficiando di supporto psicosociale e di attività socio-ricreative attraverso l'apertura di spazi a misura di bambino. In Iraq, Giordania e Libano, ogni giorno l'unicef sta fornendo acqua potabile e per uso domestico a persone, un totale di bambini sono stati vaccinati contro il morbillo. Interventi in Libano Oltre ai rifugiati siriani, più di profughi palestinesi sono giunti in Libano, in fuga dalle violenze in Siria. Acqua e igiene: dall inizio dell anno, l UNICEF ha continuato a fornire acqua potabile mediante autobotti, a beneficio di persone, nel nord del paese e nella valle della Bekaa. Per migliorare la disponibilità idrica, l'unicef ha distribuito buoni per l'acqua, a beneficio di quasi persone, in modo che le famiglie possano approvvigionarsene localmente, dipendendo sempre meno dalla distribuzione con autobotti. Ogni buono da diritto alla riscossione di litri d'acqua presso le compagnie idriche locali: le famiglie pagano l'acqua alle compagnie con i buoni, le compagnie li riscuotono poi in denaro. Inoltre, sono state distribuite cisterne idriche, 559 filtri per l acqua, kit per l igiene, taniche e 934 recipienti, compresse per la potabilizzazione dell'acqua. Nel 2013, l UNICEF ha fornito prodotti per l igiene per beneficiari e servizi igienici per Protezione dell infanzia: tensioni settarie continuano lungo le aree di confine, con scontri anche a Tripoli, e le condizioni di vita restano particolarmente difficili nel nord del Libano e nella Valle del Bekaa, dove la maggior parte dei profughi siriani sono rifugiati presso comunità di accoglienza povere e prostrate o in campi di fortuna. L'UNICEF sostiene 26 Spazi a misura di bambino di cui usufruiscono bambini e adolescenti e unità mobili che ne hanno finora raggiunto In totale, bambini hanno beneficato finora di sostegno psicosociale. L'UNICEF mira a estendere il sostegno psicosociale ai bambini palestinesi arrivati dalla Siria: circa rifugiati palestinesi sono giunti in Libano dalla Siria, la maggior parte dei quali accolti nei campi profughi palestinesi già esistenti; 2/3 sono donne e bambini. Inoltre, donne e ragazze vittime di violenze sessuali o domestiche hanno ricevuto assistenza psicosociale in 4 centri sostenuti dall UNICEF, che ha supportato a giugno campagne di sensibilizzazione attraverso 4 festival per le comunità locali. La distribuzione di vestiario prosegue e 400 kit di indumenti e prodotti per l igiene femminile sono stati distribuiti durante i festival di sensibilizzazione. Un totale di tra bambini e membri delle comunità locali hanno beneficiato di attività di informazione e sensibilizzazione sui pericoli di mine e ordigni inesplosi. Istruzione: obiettivo dell'unicef è inserire i bambini siriani nelle scuole pubbliche libanesi (soprattutto nella valle della Bekaa e nel Nord). Il Ministero dell istruzione libanese ha accettato l'inserimento dei bambini rifugiati nelle scuole pubbliche: finora circa bambini siriani sono stati inseriti nelle scuole pubbliche e hanno ricevuto materiali scolastici (cartelle e uniformi scolastiche, materiali didattici e di cancelleria) per facilitarne il ritorno a scuola. Circa bambini siriani e libanesi beneficiano di sostegno psicosociale durante le attività scolastiche e di corsi di recupero e di istruzione informale, 260 maestri sono stati formati a beneficio di bambini. L'UNICEF mira a raggiungere bambini e adolescenti con sostegno educativo e riparazioni scolastiche in 95 scuole, inclusi adeguati servizi igienico-sanitari, con bambini che ne hanno finora beneficiato. L'UNICEF sosterrà anche gli oltre bambini palestinesi, arrivati dalla Siria, fornendo kit scolastici, classi di recupero, attività socioricreative e sostegno psicosociale. Sanità e nutrizione: l UNICEF sostiene 16 team medici che finora hanno fornito assistenza gratuita a oltre rifugiati e ha formato operatori sanitari comunitari sulle cure fondamentali per l infanzia che, a loro volta, hanno formato genitori. A fine gennaio l UNICEF ha avviato una campagna di vaccinazione, con

5 bambini finora vaccinati contro il morbillo (di cui siriani), raggiunti con vitamina A, bambini vaccinati contro la polio. Un totale di dosi di vaccino antipolio e di contro il morbillo erano state fornite a novembre 2012; vaccini per l epatite B, per il vaccino trivalente per difteritepertosse-tetano, 130 tra contenitori e borse frigo e siringhe a dicembre, 16 sistemi per la catena del freddo a luglio L'UNICEF ha sostenuto il monitoraggio dello stato nutrizionale di 833 bambini, ha inviato medicine sufficienti per oltre persone e sta fornendo attrezzature antropometriche per 35 centri sanitari di base, ha sostenuto la formazione del personale medico su diagnosi e cura della malnutrizione acuta grave. Interventi in Giordania Aiuti di emergenza UNICEF tende per gli spazi a misura di bambino, kit scolastici, per l'acqua e l'igiene e altri aiuti di base sono stati inviati nel campo profughi di Za'atari, che allo stato attuale ospita circa profughi e che continua a riceverne a nuove ondate. Altri profughi si trovano nei centri di transito. Un nuovo campo profughi è in fase di allestimento nella località di Zarqa, il campo di Azraq, che dovrebbe accogliere circa rifugiati. Acqua e igiene: gli interventi per l apertura del campo di Azraq procedono costantemente, con la costruzione di punti igienico-sanitari (composti da gabinetto e doccia), la fornitura di cisterne settiche, lo scavo di fosse biologiche per l installazione di ulteriori cisterne, la realizzazione di un primo pozzo in grado di fornire acqua a persone, l installazione di condotte idriche e test sulla qualità dell acqua. Si prevede che per l aperura de campo, prevista a settembre, saranno in funzione servizi idrici e igienico sanitari per persone. L'UNICEF provvede alla fornitura d'acqua, di servizi igienico-sanitari, allo smaltimento dei rifiuti solidi e ad attività di educazione sanitaria nel campo di Za atari e nei centri di transito. Nel campo di Za atari l'unicef ha installato cisterne da litri, bagni mobili e punti igienico-sanitari - che comprendono latrine, docce e servizi idrici per il lavaggio delle mani - equipaggiati di tettoie e con sistemi a gas per riscaldare l'acqua: finora un totale di oltre latrine e docce sono stati installati e 700 punti idrici e igienico-sanitari risultano operativi. Per migliorare le condizioni igieniche, l'unicef sta distribuendo kit per l'acqua e l'igiene e 545 addetti alle pulizie reclutati nel campo sono quotidianamente al lavoro: ogni settimana vengono smaltiti circa metri cubi di acque di scarico e 720 tonnellate di rifiuti solidi. L UNICEF ha anche fornito 6 autobotti e veicoli per lo smaltimento di rifiuti nelle 4 aree di transito di Ramtha e sta sostenendo interventi per la fornitura d acqua per persone che vivono nel distretto. Circa 3,35 milioni di litri d'acqua al giorno sono forniti dall'unicef tramite l'installazione di condotte idriche e la distribuzione con autobotti. Grazie alle forniture UNICEF, profughi accolti nel campo di Za'atari, negli altri campi profughi di King Abdullah Park, Cyber City, EJC (Emirates Jordanian Camp) e nei centri di transito e nelle comunità di accoglienza beneficiano d accesso all'acqua potabile, di punti idrici per la pulizia delle mani e servizi igienici. Circa rifugiati hanno partecipato a sessioni di educazione sanitaria su conservazione dell acqua e norme igieniche, hanno accesso a servizi igienico-sanitari. Protezione dell infanzia: l UNICEF sostiene un totale di 35 spazi a misura di bambino, 5 centri per adolescenti, 9 aree per giochi e attività socio-ricreative nei campi di Za atari, King Abdullah Park e Cyber City, a beneficio ogni giorno di tra bambini e adolescenti. Nel complesso, l UNICEF sostiene 60 tra spazi a misura di bambini e di adolescente, 44 nei campi e 16 nelle comunità di accoglienza e sono attualmente in fase di allestimento altri centri per adolescenti per il campo di Azraq. Nel campi di Za atari, King Abdullah Park e Cyber City, bambini non accompagnati sono stati identificati e assistiti per il ricongiungimento familiare, più della metà ricongiunti alle famiglie. Il sostegno all Ong Un ponte per ha finora permesso di fornire sostegno psicosociale, attività di sensibilizzazione e socio ricreative a bambini attraverso 16 Spazi per la protezione di donne e bambini. Nelle 4 aree di transito di Ramtha, l'unicef ha aperto spazi a misura di bambino, fornito kit di aiuti e informazioni di base su salute, nutrizione e protezione dell'infanzia a più di 950 genitori siriani. Nelle comunità di accoglienza, dall inizio dell anno 500 bambini siriani hanno beneficiato di assistenza psicosociale e 277 famiglie di servizi di assistenza e protezione sociale. Nel complesso, bambini beneficiano di attività di assistenza psicosociale realizzate sia nei campi profughi sia nelle comunità di accoglienza. Istruzione: attualmente in corso è la campagna per il Ritorno a scuola, diretta a informare, sensibilizzare e assistere rifugiati e comunità di accoglienza sull iscrizione al nuovo anno scolastico, che ha inizio a settembre. Nel campo di Za atari, da novembre 2012 l UNICEF ha aperto un complesso scolastico - composto da 4 gruppi di classi scolastiche, aule per attività disciplinari, una cucina e un cortile per il gioco - in grado di rispondere alle necessità d oltre bambini in 2 turni. Il 24 marzo l UNICEF ha aperto una seconda scuola a Za atari, dove sono stati registrati scolari, con altri bambini siriani sostenuti nelle scuole pubbliche, ed una terza scuola risulta operativa da luglio. L'UNICEF collabora col Ministero dell Istruzione per assicurare ai bambini siriani l accesso gratuito. In totale, l'unicef sta fornendo opportunità d istruzione a oltre bambini, con le scuole di Za'atari, l inserimento nelle scuole pubbliche, e corsi di reinserimento scolastico per bambini e attività d istruzione informale e di recupero nelle comunità per altri L'UNICEF sostiene inoltre attività didattiche di assistenza psicosociale per bambini. Nel nuovo campo di Azraq sono in corso i lavori per l apertura di 2 complessi scolastici, prevista tra la metà e la fine di settembre. La riparazione di 50 scuole è stata completata e 18 aule prefabbricate sono state installate presso le scuole di Ramtha, per ampliarne le capacità ricettive, di cui stanno beneficando bambini. Sanità e nutrizione: nel campo di Za'atari l'unicef sta monitorando condizioni di salute e stato nutrizionale dei bambini profughi. Dall'11 settembre l UNICEF sostiene le vaccinazioni contro morbillo, polio e la somministrazione di vitamina A per i bambini del campo di Za'atari, negli altri campi profughi, presso i centri di transito e nelle comunità che ospitano rifugiati: dall inizio del 2013, bambini sono stati raggiunti con vaccinazioni contro il morbillo e con vaccini antipolio e con vitamina A. Nel 2012, bambini sono stati vaccinati contro

6 il morbillo e hanno ricevuto vitamina A, bambini sotto i 2 anni hanno ricevuto le vaccinazioni di routine. L'UNICEF sostiene il monitoraggio nutrizionale, provvede a fornire sali di reidratazione, latte terapeutico, biscotti proteici e acido folico; ha fornito servizi di consultorio nutrizionale per donne incinte, alimenti complementari per tra neonati e donne in allattamento, cure contro la diarrea acuta per 958 bambini sotto i 5 anni. Interventi in Iraq Acqua e igiene: dal 15 agosto oltre profughi sono entrati nel Kurdistan iracheno: l UNICEF ha provveduto a fornitura e prodotti per l igiene ai varchi di confine. Le oltre persone accolte nel campo profughi di Domiz, nel nord dell Iraq, hanno accesso ad acqua, servizi idrici e igienico-sanitari, ma il sovraffollamento del campo sta sottoponendo tali infrastrutture ad una forte pressione, con perdite delle acque reflue che pongono rischi per la salute nel campo. L UNICEF sta installando 10 cisterne idriche da litri ciascuna, per fornire acqua potabile a rifugiati, e mettendo a punto un sistema di smaltimento delle acque reflue per cui necessita 2,2 milioni di dollari, che permetterà di migliorare le condizioni igienico-sanitarie a beneficio di persone. Allo stato attuale, 42 litri di acqua potabile a persona sono forniti quotidianamente nel campo, e l UNICEF mira a raggiungere persone tramite il sostegno alle Ong partner. Per il nuovo campo di Dara Sharkan, ad Erbil, l UNICEF programma di installare metri di condutture idriche, 4 cisterne per l acqua da 80m³ e servizi igienico-sanitari familiari. I rifugiati nel campo di Al Qaim, nell ovest dell'iraq sono spostati nel nuovo campo di Al Obedy, che accoglie circa persone, dove l UNICEF sta trasferendo aiuti e infrastrutture: l'unicef ha fornito sapone e detergenti, kit per l'igiene familiare e per l'igiene infantile; latrine, docce, contenitori settici, punti idrici, cisterne da litri, lavandini, caldaie alimentate a energia solare. Nei campi profughi, l UNICEF ha finora fornito acqua potabile a persone; accesso a servizi igienici a persone, sapone ed altri prodotti per l igiene a circa persone, sostenuto attività di educazione sanitaria a beneficio finora di persone. Sanità e nutrizione: l'unicef sta trasferendo aiuti e infrastrutture nel nuovo campo di Al Obedy, in sostituzione del campo di Al Qaim. Un ambulatorio materno-infantile è sostenuto a Domiz, per garantire servizi sanitari di base, il monitoraggio della malnutrizione e le vaccinazioni dei bambini, e ora l UNICEF sta sostenendo l assistenza per rispondere al nuovo afflusso di profughi. Nell area di Domiz, a maggio è stata avviata una campagna di vaccinazione antipolio, con l obiettivo di raggiungere bambini. Nel nord ed ovest del paese, finora bambini sono stati vaccinati contro morbillo; contro la meningite; contro la polio, bambini sotto i 2 anni hanno ricevuto le vaccinazioni di routine e vitamina A. Un totale di donne e bambini hanno ricevuto assistenza nei centri sanitari, bambini sono stati monitorati per la malnutrizione, hanno ricevuto biscotti proteici, donne incinte sono state visitate e ricevuto integratori a base di ferro. L'UNICEF ha fornito contenitori termici per i vaccini, bilance per bambini, sali di reidratazione orale, latte terapeutico e 36 tonnellate di biscotti proteici. Ad inizio anno, oltre bambini hanno ricevuto indumenti invernali. Protezione dell infanzia: l UNICEF sta sostenendo l assistenza per rispondere al nuovo afflusso di profughi, ai varchi di frontiera ha individuato e fornito assistenza a 34 bambini non accompagnati. Nel campo di Domiz sono accolti bambini e adolescenti, dove l'unicef sostiene uno Spazio a misura di bambino che, operando in 2 turni, organizza giornalmente attività ricreative, di supporto psicosociale e d informazione sui rischi di mine a beneficio di bambini siriani. Sempre a Domiz, l UNICEF ha sostenuto la creazione di un Unità di Protezione sociale e legale per i bambini e le donne del campo, che interviene nei casi di abusi, violenze e lavoro minorile - indirizzando i bambini verso servizi adeguati - e monitora il benessere psicosociale dei bambini, le condizioni di bambini con disabilità, malattie croniche o speciali bisogni. I 2 Spazi a misura di bambino sostenuti nel campo profughi di Al Qaim sono stati trasferiti nel nuovo campo di Al Obedy. L'UNICEF monitora giornalmente gli arrivi di bambini e adolescenti, l'organizzazione delle attività socio-ricreative per bambini al giorno nei 2 Spazi a misura di bambino sostenuti, ha inviato materiali socio-ricreativi e per l'assistenza psicosociale sufficienti per bambini. Finora un totale di bambini ha avuto accesso nei 2 campi a servizi di sostegno psicosociale nel campo di Domiz e in quello di Al Qaim bambini soli sono assistiti per il ricongiungimento familiare. Istruzione: nel campo di Domiz e nel nord le scuole supportate stanno fornendo servizi idrici, igienico-sanitari e materiali didattici per oltre bambini. Una terza scuola ha iniziato le attività nel campo, a beneficio di bambini. L'UNICEF ha fornito 24 aule prefabbricate e avviato la distribuzione di kit scolastici per bambini. Le attività scolastiche previste per i mesi estivi hanno avuto inizio nel nuovo campo di Al Obedy, che sostituisce quello di Al Qaim, e dove l UNICEF sta trasferendo aiuti e infrastrutture: l'unicef aveva già fornito materiali scolastici per bambini, 15 aule prefabbricate, 2 tende scuola e 67 lavagne, ha sostenuto la riparazione di 8 scuole prima occupate dai profughi e inviato 15 aule prefabbricate dotate di servizi igienico-sanitari, la fornitura di libri di testo e di sostegno per gli esami iniziati a maggio. Finora, bambini hanno beneficiato nei 2 campi di sostegno scolastico, bambini beneficiano di attività didattiche di assistenza psicosociale. Interventi in Turchia In Turchia sono stati allestiti 20 campi di profughi, in ciascuno dei quali l UNICEF mira ad allestire almeno 2 spazi a misura di bambino, in aggiunta alle classi scolastiche. L UNICEF Turchia ha fornito aiuti distribuiti tramite la Mezzaluna Rossa, fornendo vestiario per l inverno a tra bambini e adolescenti. Protezione dell infanzia: forniti 100 kit per lo sviluppo della prima infanzia, 100 kit socio-ricreativi e 150 tende da utilizzare per allestire spazi a misura di bambino, tramite cui l UNICEF prevede di fornire assistenza a bambini e adolescenti, organizzando attività socio-ricreative, culturali e di supporto psicosociale. Formati 470 volontari come operatori sociali per le attività socio-ricreative nei campi, bambini hanno partecipato alle attività degli spazi a misura di bambini e bambini sono stati finora assistiti con sostegno psicosociale.

7 Istruzione: l UNICEF ha fornito 100 tende-scuola con materiali scolastici e ricreativi e altre 58 tende per altri usi, impiegate dalla Mezzaluna rossa nei campi profughi. L UNICEF sta sostenendo l installazione di 2 scuole prefabbricate. Oltre cartelle scolastiche e paia di scarpe sono state fornite per la distribuzione tramite la Mezza Luna Rossa turca nel quadro dell assistenza fornita dalla campagna per il Ritorno a scuola, diretta a sostenere in vari modi l iscrizione scolastica dei bambini. L UNICEF sta sostenendo circa bambini siriani iscritti nelle scuole dei campi profughi e corsi di formazione per oltre maestri di origine siriana, 3 scuole sono state rifornite con materiali e attrezzature. Acqua e igiene: l UNICEF attua interventi per dare accesso ad acqua potabile e servizi igienico-sanitari a oltre rifugiati. - cpp

Emergenza SIRIA. Aggiornamento n. 43. 4 giugno 2014. Le vittime del conflitto. In Siria (dati SHARP Dicembre 2013)

Emergenza SIRIA. Aggiornamento n. 43. 4 giugno 2014. Le vittime del conflitto. In Siria (dati SHARP Dicembre 2013) Emergenza SIRIA Aggiornamento n. 43 4 giugno 2014 I. QUADRO DELL EMERGENZA L'emergenza in Siria e nella regione A più di 3 anni dal suo inizio, il conflitto in Siria rappresenta una delle più gravi crisi

Dettagli

Emergenza Siria. Forniamo tende e beni di primo soccorso e cerchiamo soluzioni durevoli per i rifugiati siriani

Emergenza Siria. Forniamo tende e beni di primo soccorso e cerchiamo soluzioni durevoli per i rifugiati siriani Emergenza Siria Forniamo tende e beni di primo soccorso e cerchiamo soluzioni durevoli per i rifugiati siriani Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Anno di finanziamento e realizzazione

Dettagli

NEPAL. Emergenza Terremoto. Aggiornamento n. 2. 27 Aprile 2015. In evidenza

NEPAL. Emergenza Terremoto. Aggiornamento n. 2. 27 Aprile 2015. In evidenza Emergenza Terremoto NEPAL Aggiornamento n. 2 27 Aprile 2015 In evidenza L UNICEF programma di raggiungere 2,8 milioni di bambini, il 40% dei 7 milioni di abitanti dei 35 distretti colpiti L UNICEF Nepal

Dettagli

AFRICA Scuole per l'africa. Campagna Scuole per l'africa. Adottiamo un progetto SCUOLA REPORT DI PROGETTO RISULTATI CONSEGUITI

AFRICA Scuole per l'africa. Campagna Scuole per l'africa. Adottiamo un progetto SCUOLA REPORT DI PROGETTO RISULTATI CONSEGUITI Adottiamo un progetto SCUOLA AFRICA Scuole per l'africa UNICEF/NYHQ2007-1344/Pirozzi Campagna Scuole per l'africa REPORT DI PROGETTO RISULTATI CONSEGUITI Campagna Scuole per l'africa REPORT DI PROGETTO:

Dettagli

Anthony Lake Direttore Generale UNICEF

Anthony Lake Direttore Generale UNICEF 5 ANNI DI GUERRA IN SIRIA NESSUN LUOGO SICURO PER I BAMBINI La crisi in numeri L impatto di 5 ANNI DI GUERRA sui bambini siriani e la loro infanzia 5 ANNI: UN ETÀ CRUCIALE PER UN BAMBINO Per i 3,7 milioni

Dettagli

I. QUADRO DELL EMERGENZA

I. QUADRO DELL EMERGENZA Emergenza GAZA Aggiornamento n 2 9 agosto 2014 I. QUADRO DELL EMERGENZA L'emergenza nella Striscia di Gaza e nello Stato di Palestina Oltre 1.800 il bilancio dei morti palestinesi in un mese di combattimenti

Dettagli

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Emergenza Iraq Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Report finale Il progetto finanziato

Dettagli

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Emergenza Iraq Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Anno di finanziamento e realizzazione del progetto: 2014 Sintesi del progetto

Dettagli

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti NUMERI EMERGENZA IN IRAQ Aggiornato al 1 dicembre 2014 1,9 milioni sfollati interni 150mila rifugiati iracheni nei Paesi confinanti +530mila sfollati assistiti con rifugi e aiuti umanitari primari 8mila

Dettagli

Emergenza Costa d avorio Liberia. Il contesto

Emergenza Costa d avorio Liberia. Il contesto Emergenza Costa d avorio Liberia Il contesto La Costa d'avorio si trova sulla costa meridionale dell'africa occidentale e confina a nord con il Mali e il Burkina Faso, ad est con il Ghana e a ovest con

Dettagli

Emergenza EBOLA. Aggiornamento n. 4. 23 Aprile 2015 I. QUADRO DELL EMERGENZA IN AFRICA OCCIDENTALE

Emergenza EBOLA. Aggiornamento n. 4. 23 Aprile 2015 I. QUADRO DELL EMERGENZA IN AFRICA OCCIDENTALE Emergenza EBOLA Aggiornamento n. 4 23 Aprile 2015 I. QUADRO DELL EMERGENZA IN AFRICA OCCIDENTALE L epidemia di Ebola L epidemia di Ebola in Africa Occidentale - scoppiata all inizio del 2014 in Guinea

Dettagli

I. QUADRO DELL EMERGENZA

I. QUADRO DELL EMERGENZA Emergenza GAZA Aggiornamento n 9 29 ottobre 2014 I. QUADRO DELL EMERGENZA L'emergenza nella Striscia di Gaza nello Stato di Palestina e Il 26 ottobre ha segnato due mesi dall inizio del cessate il fuoco

Dettagli

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali?

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? Risoluzione 1971 (2014) Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? 1. L Assemblea parlamentare ha affrontato la situazione dei rifugiati siriani nella sua Risoluzione 1902

Dettagli

Emergenza EBOLA. Aggiornamento n. 2. 4 dicembre 2014 I. QUADRO DELL EMERGENZA IN AFRICA OCCIDENTALE

Emergenza EBOLA. Aggiornamento n. 2. 4 dicembre 2014 I. QUADRO DELL EMERGENZA IN AFRICA OCCIDENTALE Emergenza EBOLA Aggiornamento n. 2 4 dicembre 2014 I. QUADRO DELL EMERGENZA IN AFRICA OCCIDENTALE L epidemia di Ebola L epidemia di Ebola in Africa Occidentale è senza precedenti in termini di copertura

Dettagli

Emergenza Siria. Aggiornamento sulla situazione e le attività dell UNHCR per

Emergenza Siria. Aggiornamento sulla situazione e le attività dell UNHCR per Emergenza Siria. Aggiornamento sulla situazione e le attività dell UNHCR per Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati 24 Giugno 2013 1 La situazione attuale I disordini attuali sono cominciati

Dettagli

Sostegno alle famiglie di rifugiati siriani in Libano e Giordania

Sostegno alle famiglie di rifugiati siriani in Libano e Giordania Sostegno alle famiglie di rifugiati siriani in Libano e Giordania Fondazione AVSI www.avsi.org 20158 Milano Via Legnone 4 Tel. +39.02.67.49.881 - milano@avsi.org 47521 Cesena (FC) - Via Padre Vicinio da

Dettagli

1,372,000 Euro sono impiegati per le attività realizzate dalle ONG italiane e così suddivisi:

1,372,000 Euro sono impiegati per le attività realizzate dalle ONG italiane e così suddivisi: Programmi Emergenza 2014 2015 (AID 10387 e AID 10487) - 4.500.000,00 Euro totali Programma Emergenza 2014-2015- Aid 10387, 2.000.000,00 Euro In Corso Il programma Iniziativa di emergenza in favore della

Dettagli

Il conflitto in Siria ha tristemente festeggiato il suo 5 compleanno

Il conflitto in Siria ha tristemente festeggiato il suo 5 compleanno Il conflitto in Siria ha tristemente festeggiato il suo 5 compleanno L'attenzione dei media e dell'opinione pubblica è gradualmente diminuita in questi anni, quando invece le problematiche legate al conflitto

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE SEC( 2006 ) 829 DEFINITIVO BILANCIO GENERALE - ESERCIZIO 2006 SEZIONE III - COMMISSIONE TITOLI 23, 31 BRUXELLES, 28.06.2006 STORNO DI STANZIAMENTI N. DEC 27/2006 Aiuti

Dettagli

ASSISTENZA UMANITARIA

ASSISTENZA UMANITARIA Consiglio dell'unione europea ASSISTENZA UMANITARIA Salvare vite e alleviare le sofferenze umane Italian Cooperation/Annalisa Vandelli UN ESPRESSIONE DI SOLIDARIETÀ Fornendo assistenza umanitaria, l Unione

Dettagli

Quaderni di Armadilla scs Onlus. Siria : L emergenza umanitaria continua. (a cura di Vincenzo Pira e Marco Pasquini)

Quaderni di Armadilla scs Onlus. Siria : L emergenza umanitaria continua. (a cura di Vincenzo Pira e Marco Pasquini) Quaderni di Armadilla scs Onlus Siria : L emergenza umanitaria continua (a cura di Vincenzo Pira e Marco Pasquini) n. 6 giugno 2015 Introduzione Armadilla è una organizzazione non lucrativa di utilità

Dettagli

Adottiamo un progetto SALUTE. UNICEF Italia 2012/Falvo. Sopravvivenza e sviluppo della prima infanzia REPORT DI PROGETTO

Adottiamo un progetto SALUTE. UNICEF Italia 2012/Falvo. Sopravvivenza e sviluppo della prima infanzia REPORT DI PROGETTO Adottiamo un progetto SALUTE AFRICA Sopravvivenza e sviluppo della prima infanzia REPORT DI PROGETTO RISULTATI CONSEGUITI: 2012 SOPRAVVIVENZA E SVILUPPO DELLA PRIMA INFANZIA IN AFRICA CENTRALE E OCCIDENTALE

Dettagli

Nord Uganda. Tra emergenza e ricostruzione. Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum

Nord Uganda. Tra emergenza e ricostruzione. Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum Nord Uganda Tra emergenza e ricostruzione Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum 1 1. NORD UGANDA. IL CONTESTO DELL INTERVENTO. Ad un anno e mezzo dall avvio dei negoziati di pace tra il

Dettagli

Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017. Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016

Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017. Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016 Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017 Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016 Analisi SWOT della presenza di UPP in Iraq Punti di forza Presenza nel paese dal 1991

Dettagli

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Seminario organizzato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung e dalla Fondazione Italianieuropei Roma, venerdì 14 novembre ore

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

[ PROGETTI IN IRAQ 2012-2015 ] www.unponteper.it

[ PROGETTI IN IRAQ 2012-2015 ] www.unponteper.it PROGETTI IN IRAQ 2012-2015 2 Yalla Nila ab (Andiamo a giocare) Gennaio 2012 Settembre 2012 Dalla fine del 2011 Un ponte per ha lanciato uno specifico programma a tutela del mosaico di civiltà che compone

Dettagli

RAPPORTO DI MEDICI SENZA FRONTIERE. - Sintesi - Hati, sei mesi dopo il terremoto

RAPPORTO DI MEDICI SENZA FRONTIERE. - Sintesi - Hati, sei mesi dopo il terremoto RAPPORTO DI MEDICI SENZA FRONTIERE - Sintesi - Hati, sei mesi dopo il terremoto La risposta di MSF all emergenza: scelte, ostacoli, attività e finanziamenti Luglio 2010 A sei mesi dal terremoto che ha

Dettagli

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 SCHEDA DATI UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 Trasformare il circolo vizioso in un circolo virtuoso ha benefici enormi: - Si

Dettagli

Le vittime del conflitto

Le vittime del conflitto Emergenza Siria 11 settembre 2013 Aggiornamento n. 33 Quadro dell'emergenza Il conflitto in Siria rappresenta oggi una delle più gravi crisi umanitarie al mondo. Oltre due milioni di persone sono fuggite

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

Intervento umanitario dell UNICEF ( 28/05/2004) Fonte: www.unicef.it/notiziesl.htm

Intervento umanitario dell UNICEF ( 28/05/2004) Fonte: www.unicef.it/notiziesl.htm Intervento umanitario dell UNICEF ( 28/05/2004) Fonte: www.unicef.it/notiziesl.htm Quadro dell emergenza e sviluppi recenti QUADRO GENERALE La Sierra Leone emerge da una guerra civile protrattasi per circa

Dettagli

Tutte a scuola! Miglioramento dell accesso scolastico e della qualità educativa offerta alle giovani della regione di Oromia - Etiopia

Tutte a scuola! Miglioramento dell accesso scolastico e della qualità educativa offerta alle giovani della regione di Oromia - Etiopia Tutte a scuola! Miglioramento dell accesso scolastico e della qualità educativa offerta alle giovani della regione di Oromia - Etiopia Il progetto si sviluppa nella città di Meki, situata a 135 km da Addis

Dettagli

Shelterbox è un organizzazione umanitaria internazionale fondata nel 2000 dai Rotariani del Rotary Club di Cornovaglia con lo scopo di aiutare le

Shelterbox è un organizzazione umanitaria internazionale fondata nel 2000 dai Rotariani del Rotary Club di Cornovaglia con lo scopo di aiutare le Shelterbox è un organizzazione umanitaria internazionale fondata nel 2000 dai Rotariani del Rotary Club di Cornovaglia con lo scopo di aiutare le popolazioni colpite da disastri naturali oppure da conflitti

Dettagli

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare I bambini che sosteniamo a distanza hanno un punto comune: sono creature con un valore infinito che per qualche ragione contingente si trovano in balia

Dettagli

Quaderni di Armadilla scs Onlus. Libano : Paese dei cedri e dell accoglienza. (a cura di Vincenzo Pira e Marco Pasquini)

Quaderni di Armadilla scs Onlus. Libano : Paese dei cedri e dell accoglienza. (a cura di Vincenzo Pira e Marco Pasquini) Quaderni di Armadilla scs Onlus Libano : Paese dei cedri e dell accoglienza (a cura di Vincenzo Pira e Marco Pasquini) n. 7 luglio 2015 Introduzione Armadilla è una organizzazione non lucrativa di utilità

Dettagli

Il nostro intervento per migliorare la salute e la nutrizione delle mamme e dei bambini del Mozambico. per

Il nostro intervento per migliorare la salute e la nutrizione delle mamme e dei bambini del Mozambico. per Il nostro intervento per migliorare la salute e la nutrizione delle mamme e dei bambini del Mozambico per Overview sul nostro intervento in Mozambico In Mozambico, la maggior parte dei bambini vive in

Dettagli

L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme. Ma il valore non lo metto io, il valore ce l hai già.

L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme. Ma il valore non lo metto io, il valore ce l hai già. Campagna Tende 2012-2013 COSTRUENDO UN BENE PER TUTTI UGANDA Ultimazione della scuola secondaria Luigi Giussani a Kampala L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme.

Dettagli

UN APPELLO PER LA SIRIA E PER I PROFUGHI SFOLLATI IN TURCHIA

UN APPELLO PER LA SIRIA E PER I PROFUGHI SFOLLATI IN TURCHIA UN APPELLO PER LA SIRIA E PER I PROFUGHI SFOLLATI IN TURCHIA (26 Novembre 2012) Sono sempre più drammatiche le condizioni in cui vive la popolazione siriana, in patria e nei campi profughi allestiti nei

Dettagli

La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa»

La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa» La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa» Cosa fa il WFP Chi sono i beneficiari interviene nelle emergenze umanitarie le vittime di guerre e di disastri naturali promuove lo sviluppo

Dettagli

Focus Siria: i numeri dell emergenza

Focus Siria: i numeri dell emergenza Focus Siria: i numeri dell emergenza Overview* 3.984.393 RIFUGIATI numero totale individui registrati da UNHCR, è la popolazione di rifugiati più grande al mondo assistita delle Nazioni Unite 7,6 MILIONI

Dettagli

2012/156. Scheda Progetto AFRICA

2012/156. Scheda Progetto AFRICA Scheda Progetto AFRICA 2012/156 La situazione alimentare e sanitaria del comprensorio di Nedialpoun (divisa tra i comuni di Koudougou e Reo), grazie al piano di intervento effettuato negli anni dal centro

Dettagli

AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan. Rapporto Finale per:

AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan. Rapporto Finale per: AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan Rapporto Finale per: ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2040 GRUPPO MI 4 ANNO 2008/2009 Progetto Obiettivo del progetto Beneficiari diretti

Dettagli

FIORI CHE RINASCONO Etiopia

FIORI CHE RINASCONO Etiopia FIORI CHE RINASCONO Etiopia Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

L AZIONE DELL UNICEF Francesco GENTILE UNICEF Cosenza. Università della Calabria III Corso Multidisciplinare di Educazione ai Diritti 16 marzo 2010

L AZIONE DELL UNICEF Francesco GENTILE UNICEF Cosenza. Università della Calabria III Corso Multidisciplinare di Educazione ai Diritti 16 marzo 2010 BAMBINI E GUERRA: L AZIONE DELL UNICEF Francesco GENTILE UNICEF Cosenza Università della Calabria III Corso Multidisciplinare di Educazione ai Diritti 16 marzo 2010 CONVEZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA

Dettagli

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo IKEA Social Initiative è dalla parte dei bambini IKEA crede che la casa sia il luogo più importante del mondo e che i bambini siano le persone

Dettagli

L aiuto umanitario della Confederazione. salvare vite, alleviare la sofferenza

L aiuto umanitario della Confederazione. salvare vite, alleviare la sofferenza L aiuto umanitario della Confederazione salvare vite, alleviare la sofferenza Mandato «L aiuto umanitario deve contribuire, mediante misure preventive e di soccorso, a preservare la vita umana in pericolo

Dettagli

Nome della ONG o Ente: G.V. C. Gruppo Volontario Civile- Bologna, Italia

Nome della ONG o Ente: G.V. C. Gruppo Volontario Civile- Bologna, Italia Nome della ONG o Ente: G.V. C. Gruppo Volontario Civile- Bologna, Italia Titolo del progetto: Supporto ai servizi socio-educativi e alle comunita` nelle divisioni di Tirukovill e di Kalmunai nel distretto

Dettagli

CONGO, REPUBBLICA DEMOCRATICA

CONGO, REPUBBLICA DEMOCRATICA CONGO, REPUBBLICA DEMOCRATICA LA DIFFICILE CONDIZIONE DEI BAMBINI E DELLE DONNE Benché gli intensi conflitti armati verificatisi su vasta scala nella Repubblica Democratica del Congo si siano attenuati

Dettagli

Bambini si nasce, grandi si diventa?

Bambini si nasce, grandi si diventa? Bambini si nasce, grandi si diventa? World Social Agenda 2011-2012 Nel 2000, 189 paesi membri dell'assemblea delle Nazioni Unite hanno sottoscritto la Dichiarazione del Millennio. Si sono impegnati a eliminare

Dettagli

AREE D INTERVENTO DICHIARAZIONE SUL REGOLAMENTO

AREE D INTERVENTO DICHIARAZIONE SUL REGOLAMENTO ITALIANO (IT) AREE D INTERVENTO DICHIARAZIONE SUL REGOLAMENTO In riferimento alle dichiarazioni sulle politiche delle Aree d intervento, la Fondazione Rotary dichiara che: 1. Gli obiettivi della Fondazione

Dettagli

PROGETTO RAGAZZE MADRI DI GOMA Maison Margherita

PROGETTO RAGAZZE MADRI DI GOMA Maison Margherita PROGETTO RAGAZZE MADRI DI GOMA Maison Margherita 1. Introduzione 1.1. Titolo del progetto : Realizzazione di un Centro di accoglienza e di sostegno psico -sociale per ragazze vulnerabili(vittime di violenza

Dettagli

Il libretto salvavita: istruzioni per l uso

Il libretto salvavita: istruzioni per l uso Libretto salvavita Il libretto salvavita: istruzioni per l uso 1. leggi attentamente la descrizione dei vari interventi dell UNICEF; 2. rifletti sulla loro importanza per garantire il diritto alla vita

Dettagli

Aree d intervento Dichiarazione sullo Scopo e Obiettivi

Aree d intervento Dichiarazione sullo Scopo e Obiettivi Aprile 2012 Pagina 1 Exhibit A-13-d Aree d intervento Dichiarazione sullo Scopo e Obiettivi In riferimento alle dichiarazioni sulle politiche delle Aree d intervento, la Fondazione Rotary (FR) dichiara

Dettagli

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un Diritti bambini L assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1959 ha stilato la Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo ampliata e integrata nel 1989 con la Dichiarazione dei Diritti del Bambino

Dettagli

EMERGENZA SIRIA Il dramma umanitario

EMERGENZA SIRIA Il dramma umanitario PROGETTI EMERGENZA SIRIA Il dramma umanitario Portiamo aiuti nelle città di Damasco, Aleppo, Latakia e Knayeh WWW.PROTERRASANCTA.ORG Chi siamo Associazione pro Terra Sancta è l organizzazione non governativa

Dettagli

NESSUNO ESCLUSO CON WORLD FRIENDS PER PROTEGGERE I BAMBINI PIU DEBOLI DELLA BARACCOPOL

NESSUNO ESCLUSO CON WORLD FRIENDS PER PROTEGGERE I BAMBINI PIU DEBOLI DELLA BARACCOPOL NESSUNO ESCLUSO CON WORLD FRIENDS PER PROTEGGERE I BAMBINI PIU DEBOLI DELLA BARACCOPOL In questa prima fase la campagna NESSUNO ESCLUSO, intende sostenere il Progetto integrato di inclusione sociale per

Dettagli

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Segreteria di Stato della migrazione SEM Scheda informativa Data: 18.09.2015 Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione 1.1 Situazione in Siria

Dettagli

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI ONLUS. Il calore di una casa per ogni bambino

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI ONLUS. Il calore di una casa per ogni bambino SOS VILLAGGI DEI BAMBINI ONLUS Il calore di una casa per ogni bambino La nostra storia L Associazione SOS Villaggi dei Bambini fu fondata in Austria da Hermann Gmeiner nel 1949 al fine di aiutare i bambini

Dettagli

Fundatia Bucurestii Noi

Fundatia Bucurestii Noi RAPPORTO DI ATTIVITÀ Fundatia Bucurestii Noi Una casa, una famiglia, tanti progetti! 2 [RAPPORTO DI ATTIVITÀ - FUNDATIA BUCURESTII NOI] INDICE FUNDATIA BUCURESTII NOI:... 4 Chi siamo:... 4 Mission:...

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Progetto Pasqua in Siria

Progetto Pasqua in Siria Progetto Pasqua in Siria L idea Il progetto Pasqua in Siria nasce da un idea di Lorenzo Locati, professore di educazione fisica presso il Liceo Artistico di Monza che, rimasto umanamente colpito dal conflitto

Dettagli

FONDAZIONE PANGEA ONLUS

FONDAZIONE PANGEA ONLUS FONDAZIONE PANGEA ONLUS Le donne rappresentano il più vasto numero di persone soggette a discriminazioni, violenze, povertà e processi di impoverimento nel mondo, semplicemente perché appartenenti al genere

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli

PROGETTO IL SOGNO DI UNA CASA MISSIONI ESTIVE IN MESSICO

PROGETTO IL SOGNO DI UNA CASA MISSIONI ESTIVE IN MESSICO PROGETTO IL SOGNO DI UNA CASA MISSIONI ESTIVE IN MESSICO LE NOSTRE MISSIONI Le missioni sono progetti di sostegno integrale realizzate all estero in paesi che presentano situazioni di grande disagio e

Dettagli

CALL AFRICA KENYA OP. 218/051/2005/054/3536 E-mail: callafricakenya@gmail.com

CALL AFRICA KENYA OP. 218/051/2005/054/3536 E-mail: callafricakenya@gmail.com SPECIAL CHILDREN Baraccopoli di Soweto/Ghidurai Nairobi - Kenya 45 bambini di strada Di fronte alla piaga dei ragazzi di strada, nell intento di difendere i diritti dell infanzia e di dare a questi ragazzi

Dettagli

Stipendio per due maestre

Stipendio per due maestre PROGETTO DI SOSTEGNO DELLA SCUOLA MATERNA NELLA MISSIONE "LA TRINIDAD" LIMA - PERU' Stipendio per due maestre COMUNITÀ MISSIONARIA DI VILLAREGIA Via S. Zeno 7 25017 LONATO BS Tel 030 9133111 e-mail: posta.lo@cmv.it

Dettagli

Il progetto Praesidium

Il progetto Praesidium Il progetto Praesidium Marzo 2006 - Febbraio 2010 Strengthening of reception capacity in respect of migration flows reaching the island of Lampedusa Progetto inizialmente co/finanziato dalla Commissione

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma Anno 2015 CHI SIAMO - SOS Villaggi dei Bambini SOS Villaggi

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli

PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA. Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l.

PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA. Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l. PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l. Soggetti coinvolti nell implementazione del progetto: Soggetto attuatore del progetto di accoglienza

Dettagli

EMERGENZA FILIPPINE Intervento di emergenza a favore delle vittime del tifone Haiyan

EMERGENZA FILIPPINE Intervento di emergenza a favore delle vittime del tifone Haiyan EMERGENZA FILIPPINE Intervento di emergenza a favore delle vittime del tifone Haiyan SINTESI DELL INTERVENTO Emergenza Area dell intervento: TIFONE HAIYAN NELLE FILIPPINE Intervento di emergenza a favore

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI INFANTILI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

Bambini Con Disabilità: Dall'Esclusione All'Inclusione. Gli Interventi AIFO

Bambini Con Disabilità: Dall'Esclusione All'Inclusione. Gli Interventi AIFO Bambini Con Disabilità: Dall'Esclusione All'Inclusione Gli Interventi AIFO I bambini con disabilità: dall'esclusione all'inclusione Il nuovo rapporto annuale dell'unicef sullo stato dell'infanzia nel mondo

Dettagli

o.n.l.u.s. LA COMUNITÀ, L AMBIENTE, PER GLI ORFANI DI AIDS DELLO SWAZILAND Campagna di adozione a distanza di una comunità africana

o.n.l.u.s. LA COMUNITÀ, L AMBIENTE, PER GLI ORFANI DI AIDS DELLO SWAZILAND Campagna di adozione a distanza di una comunità africana o.n.l.u.s. UNA SCUOLA PER AMICA LA COMUNITÀ, L AMBIENTE, PER GLI ORFANI DI AIDS DELLO SWAZILAND Campagna di adozione a distanza di una comunità africana I Rapporto Semestrale di avanzamento del progetto

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

Una sola voce tanti interventi

Una sola voce tanti interventi ... Una sola voce tanti interventi AGIRE, Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze, ridefinisce il modo in cui gli italiani possono donare a favore delle popolazioni colpite da emergenze umanitarie

Dettagli

L associazione. Nata nel 1991 dall incontro tra uno studente di medicina italiano e il dott. Sujit Bramochary

L associazione. Nata nel 1991 dall incontro tra uno studente di medicina italiano e il dott. Sujit Bramochary L associazione Nata nel 1991 dall incontro tra uno studente di medicina italiano e il dott. Sujit Bramochary Dal 1993 si attiva in Italia un gruppo di studenti per sviluppare progetti di cooperazione a

Dettagli

Magneti Marelli e Cesvi per i bambini dell India Rapporto 2014/2015 sulle Case del Sorriso Cesvi in Tamil Nadu

Magneti Marelli e Cesvi per i bambini dell India Rapporto 2014/2015 sulle Case del Sorriso Cesvi in Tamil Nadu Magneti Marelli e Cesvi per i bambini dell India Rapporto 2014/2015 sulle Case del Sorriso Cesvi in Tamil Nadu Documento a cura di Cesvi indirizzato a Magneti Marelli (30 novembre 2014) L impegno di Cesvi

Dettagli

Libano: Sostegno ai minori palestinesi

Libano: Sostegno ai minori palestinesi Più di 500 le donne coinvolte finora e tanti bambini, impegnati nella realizzazione di burattini e nella messa in scena di storie inventate. Le donne raccontano della vita dura nei campi, dei bagni condivisi,

Dettagli

Rapporto Gennaio Giugno 2015 sulle Case del Sorriso Cesvi in Tamil Nadu

Rapporto Gennaio Giugno 2015 sulle Case del Sorriso Cesvi in Tamil Nadu Rapporto Gennaio Giugno 2015 sulle Case del Sorriso Cesvi in Tamil Nadu Componenti ed attività delle Case del Sorriso nel primo semestre del 2015 Cesvi ha supportato le due case di accoglienza per bambini

Dettagli

impegno è la risposta!

impegno è la risposta! Se l abbandono è una emergenza il mio impegno è la risposta! ESTATE 2014 campo di servizio e spiritualità A Iskenderun Alessandretta Diocesi di Anatolia La Turchia e il dramma di profughi siriani In Siria,

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Acqua: bene comune dell umanità

Acqua: bene comune dell umanità Acqua: bene comune dell umanità Carenza d acqua Quante persone colpisce? Nel mondo 1.680 milioni di persone non hanno accesso all acqua potabile. Con l attuale crescita dei modelli di consumo, nel 2.020

Dettagli

Considerazioni in materia di protezione internazionale riguardanti le persone che fuggono dalla Repubblica Araba Siriana, Aggiornamento II

Considerazioni in materia di protezione internazionale riguardanti le persone che fuggono dalla Repubblica Araba Siriana, Aggiornamento II 22 Ottobre 2013 Considerazioni in materia di protezione internazionale riguardanti le persone che fuggono dalla Repubblica Araba Siriana, Aggiornamento II 1. Questo documento sostituisce le Considerazioni

Dettagli

Comune di Romano d Ezzelino VIA G. GIARDINO, 105 ROMANO D EZZELINO (VI)

Comune di Romano d Ezzelino VIA G. GIARDINO, 105 ROMANO D EZZELINO (VI) L Asilo Nido Comunale Girotondo VIA G. GIARDINO, 105 ROMANO D EZZELINO (VI) 1 PREMESSA L allattamento al seno costituisce il miglior metodo alimentare per garantire una sana crescita ed un sano sviluppo

Dettagli

Aree d intervento del Rotary

Aree d intervento del Rotary Aree d intervento del Rotary Aree d intervento del Rotary Da oltre 00 anni i Rotariani di tutti i continenti, le culture e le professioni si uniscono per intervenire a favore delle comunità di tutto il

Dettagli

Rapporto Because we struggle to survive - Child Labour among Refugees of the Syrian Conflict Giornata Mondiale contro il lavoro minorile

Rapporto Because we struggle to survive - Child Labour among Refugees of the Syrian Conflict Giornata Mondiale contro il lavoro minorile Rapporto Because we struggle to survive - Child Labour among Refugees of the Syrian Conflict ("Ci sacrifichiamo per sopravvivere - Lavoro minorile tra i bambini vittime del conflitto siriano") pubblicato

Dettagli

PROGETTO DJAMBO. Il contesto

PROGETTO DJAMBO. Il contesto ATTIVITÀ 2008 1 Mani Unite, pur essendo una realtà giovane, è nata dall esperienza di solidarietà di persone che, da oltre vent anni, stanno contribuendo alla crescita di un paese, il Mozambico, oggi impegnato

Dettagli

Perché sprecare se...

Perché sprecare se... Perché sprecare se... Emergenza acqua Dal ciclo dell'acqua dipendono sia le condizioni climatiche e ambientali, sia i processi di fotosintesi e respirazione, che rendono possibile la vita sul nostro pianeta.

Dettagli

Giornata dei diritti dei bambini

Giornata dei diritti dei bambini Giornata dei diritti dei bambini Il 20 novembre del 1989 è stata approvata dall Assemblea delle Nazioni Unite la Convezione dei Diritti dell Infanzia. In Italia, la convenzione è stata approvata nel 1991

Dettagli

La protezione dei bambini nei conflitti armati

La protezione dei bambini nei conflitti armati 10 dicembre 2007 Comitato Internazionale della Croce Rossa - intervista La protezione dei bambini nei conflitti armati Traduzione non ufficiale di Matteo Cavallo Il diritto internazionale umanitario prevede

Dettagli

Telefono aiuto per le donne vittime di violenza Accoglienza in emergenza Pronta accoglienza per donne vittime di violenza e loro figli/e

Telefono aiuto per le donne vittime di violenza Accoglienza in emergenza Pronta accoglienza per donne vittime di violenza e loro figli/e AREA DI INTERVENTO Obiettivi strategici Titolo azione Telefono aiuto per le donne vittime di violenza Accoglienza in emergenza Pronta accoglienza per donne vittime di violenza e loro figli/e Specificare

Dettagli

Siccità nel Corno d Africa Aggiornamento 30 agosto 2011

Siccità nel Corno d Africa Aggiornamento 30 agosto 2011 Siccità nel Corno d Africa Aggiornamento 30 agosto 2011 La situazione attuale La scarsità e l irregolarità delle piogge dall autunno 2010 ad oggi ha provocato una delle peggiori siccità degli ultimi decenni

Dettagli

GESTIONE PROGETTO (in conformità modello MAE)

GESTIONE PROGETTO (in conformità modello MAE) GESTIONE PROGETTO (in conformità modello MAE) Codice: Titolo: Tipo: Durata: IFO2014MAPMOZ Fair Play: un itinerario di crescita, formazione e socializzazione per i bambini e bambine e adolescenti in un

Dettagli

BANDI EUROPEI I. FONDO EUROPEO PER I RIFUGIATI

BANDI EUROPEI I. FONDO EUROPEO PER I RIFUGIATI BANDI EUROPEI I. FONDO EUROPEO PER I RIFUGIATI Sostegno a progetti transnazionali riguardanti almeno una delle seguenti priorità e relativi obiettivi specifici. Priorità 1. Migliorare la qualità della

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della prevenzione e comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i rapporti internazionali UFFICIO III Strategia Globale per la salute

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI CARPI (MO) Via 3 Febbraio 1831, N 9 Tel. 059/682774 e Fax. 059/684575 e-mail: residenza.stella@stellacarpi.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli