Donatella Fioretti Chiesa, società e vita religiosa nell Italia dell Ottocento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Donatella Fioretti Chiesa, società e vita religiosa nell Italia dell Ottocento"

Transcript

1 Donatella Fioretti Chiesa, società e vita religiosa nell Italia dell Ottocento Estratto da: Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia, XL-XLI , Macerata, eum, 2011, pp

2

3 Donatella Fioretti Chiesa, società e vita religiosa nell Italia dell Ottocento 1 1. Profondo restava nell Ottocento il segno lasciato nella memoria collettiva dalla rivoluzione francese, che, ponendosi come evento complesso, dalla portata epocale, aveva stimolato fin dal suo inizio riflessione e scritture miranti a decifrarne il significato profondo, diverso a seconda delle prospettive culturali e politiche degli osservatori 2. [Del]la famosa rivoluzione che, scoppiata sulla Senna, sconquassò il mondo [...] Iddio si servì piuttosto che dei diluvii di fuoco e di acque per ringiovanire la faccia d Europa. La religione cattolica dalla catastrofe che pretendeva ingojarla, emerse gloriosa così, che confusi i delirii del giansenismo, dispregiati i filosofi enciclopedisti e sbugiardate le loro profezie, vediamo ogni sociale progresso essere un ritorno al cattolicismo, un nuovo trionfo di lui 3. Queste parole, scritte nella prima metà degli anni Quaranta da Gaetano Baluffi, già primo Internunzio straordinario presso la repubblica della Nuova Granata e Delegato apostolico presso le altre repubbliche dell America centrale e meridionale ed allora vescovo di Camerino, riassumono efficacemente la percezione della rivoluzione francese diffusa tra i cattolici e in particolare nei gruppi di ispirazione millenaristica come castigo di Dio e insieme momento di avvio di una nuova era, secondo «la dialettica, costante nel mondo della profezia, tra catastrofe e rinnovamento, speranza e paura» 4. La rivoluzione, in effetti, aveva costituito un autentico trauma per la Chiesa e la società dei fede- 1 Rielaborazione della relazione presentata al convegno La Congregzione Silvestrina nei secoli XIX-XX, Fabriano 5-8 ottobre Bruno Bongiovanni, Luciano Guerci (a cura di), L albero della Rivoluzione. Le interpretazioni della Rivoluzione francese, Torino, Einaudi, Gaetano Baluffi, L America un tempo spagnuola riguardata sotto l aspetto religioso dall epoca del suo discuoprimento sino al 1843, Ancona , vol. I, pp. V-VI. Su questa opera mi si consenta di rinviare a Donatella Fioretti, La storia ecclesiastica dell America un tempo spagnuola di Gaetano Baluffi, in Alberto Filippi (a cura di), Ruggiero Romano l Italia, l Europa, l America. Studi e contributi in occasione della laurea honoris causa, Camerino, Università degli Studi di Camerino, 2000, pp Marina Caffiero, Profezia femminile e politica in età moderna. II Dalla rivoluzione all Ottocento, in Ead., Religione e modernità in Italia (secoli XVII-XIX), Pisa-Roma, Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali, 2000, p. 168.

4 282 donatella fioretti li, pur suscitando atteggiamenti e risposte differenziate in relazione ai diversi gruppi in cui si articolava il mondo cattolico e alle varie fasi che ne avevano scandito il corso, al progressivo slittamento verso posizioni lontane dall ispirazione liberale del Per quanto riguarda il rapporto fra la Rivoluzione e la Chiesa, che nell immediato non aveva dato luogo a particolari timori per le sorti della Chiesa stessa, il momento di svolta si pone nel Il 12 luglio di quell anno infatti era stata approvata la Costituzione civile del clero che comportava una profonda ristrutturazione della Chiesa con l attribuzione ai fedeli della scelta di parroci e vescovi la cui istituzione canonica veniva sottratta a Roma soggetti all obbligo del giuramento di fedeltà alla Costituzione. Come è noto, la Costituzione produsse una grave lacerazione delle coscienze e buona parte del clero rifiutò di giurare così che si determinò una spaccatura fra clero refrattario, attorno al quale si coagularono le resistenze popolari alla rivoluzione 6, e clero costituzionale: la spaccatura, che fu anche «uno scisma in seno allo Stato» 7, sotto il profilo religioso generò «incertezza, indifferenza, lassismo» contribuendo al processo di scristianizzazione 8. Il rifiuto del giuramento significava fedeltà a Roma, alla posizione assunta dal papa Pio VI, il quale con il breve Quod aliquantum (1791) condannò la Costituzione civile del clero: l irrigidirsi delle posizioni aprì la strada al progressivo consolidarsi di «una cultura rivoluzionaria anticattolica, tuttavia pervasa dello spirito d intolleranza proprio del cattolicesimo» 9 e di un atteggiamento di globale rifiuto della rivoluzione stessa in larga parte del mondo cattolico, atteggiamento sul quale si tornerà più avanti. Senza soffermarsi sulle fasi della politica ecclesiastica e religiosa rivoluzionaria e sul conflitto tra la S. Sede e la Francia 10, va però ricordato che fu 5 François Furet, Denis Richet, La Révolution française, Paris, Hachette, 1965; trad. it. La Rivoluzione francese, Roma-Bari, Laterza, 1974, cap. V; François Furet, Penser la Révolution française, Paris, Gallimard, 1978; trad. it. Critica della Rivoluzione francese, Roma-Bari, Laterza, Timothy Tackett, Religion, Revolution and Regional Culture in Eighteenth-Century France. The Ecclesiastical Oath of 1791, Princeton, Princeton University Press, 1985; Michel Vovelle, La découverte de la politique. Géopolitique de la révolution française, Paris, Éditions La Découverte, 1992; trad. it. La scoperta della politica. Geopolitica della Rivoluzione francese, Prefazione di Anna Maria Rao, Bari, Edipuglia, 1995, pp Furet-Richet, La Rivoluzione francese, cit., p. 148: «Non si trattò soltanto di uno scisma in seno alla Chiesa, bensì di uno scisma in seno allo Stato. Allo stato maggiore controrivoluzionario privo di truppe, la Rivoluzione fece dono della fanteria rappresentata dai preti refrattari e dal loro gregge». 8 Nicola Raponi, Riflessioni sul bicentenario, in Cultura e società nel Settecento, 4. Le ripercussioni della Rivoluzione Francese in Italia, in particolare nelle Marche, Atti del XIII Convegno del Centro di Studi Avellaniti, Fonte Avellana 1989, Urbino, Arti Grafiche Editoriali, 1990, p François Furet, Costituzione civile del clero, in François Furet, Mona Ozouf (a cura di), Dizionario critico della Rivoluzione francese, Milano, Bompiani, 1988, p Sul quale si rinvia all importante, documentatissimo volume di Luigi Fiorani, Domenico Rocciolo, Chiesa romana e Rivoluzione francese , Rome, École française de Rome, 2004; per l esame dei diversi filoni di pensiero presenti all interno della Chiesa nello stesso periodo, Gérard Pelletier, Rome et la Révolution française. La théologie et la politique du Saint-Siège devant la Révolution française ( ), Rome, École française de Rome, 2004.

5 chiesa, società e vita religiosa nell italia dell ottocento 283 Napoleone con il Concordato stipulato nel 1801 con la Santa Sede (ed entrato in vigore anche nei territori italiani annessi alla Francia) a porre fine ai continui e bruschi «cambiamenti avvenuti nello statuto giuridico e politico della religione, oltre che nella situazione della Chiesa francese [realizzando...] sotto l apparenza di un ritorno al passato e di una restaurazione religiosa, [...] un equilibrio politico ecclesiastico di nuovo tipo» 11. Il Concordato, infatti, da un lato attribuiva il potere di nomina dei vescovi, prima riservato ad un sovrano cattolico come il re di Francia, al Primo Console, autorità secolare e per di più di matrice rivoluzionaria, dall altro, definendo il cattolicesimo come religione «della grande maggioranza dei cittadini francesi», riconosceva implicitamente «l avvenuta distinzione tra la società dei fedeli e la società dei cittadini» 12. Per quanto riguarda la Penisola, essa era stata toccata in misura relativamente marginale dagli sconvolgimenti della Rivoluzione, che aveva raccolto adesioni anche in alcuni ambienti cattolici 13,e durante il triennio poi, la struttura ecclesiastica, già modificata in alcuni Stati dalla politica dei sovrani illuminati 14 e messa in discussione, all interno della Chiesa stessa, 11 Francesco Traniello, Idee e modelli di relazione tra Chiesa, Stato e società avanti il 1848, in Luciano Pazzaglia (a cura di), Chiesa e prospettive educative in Italia tra Restaurazione e Unificazione, Brescia, Editrice La Scuola, 1994, p Ibid., Sulla portata epocale della separazione, sancita dalla Rivoluzione, tra appartenenza religiosa e cittadinanza, René Rémond, Religion et société en Europe. Essai sur la sécularisation des sociétes européennes aux XIX e et XX e siècles ( ), Paris, Editions du Seuil, 1998; trad. it. La secolarizzazione. Religione e società nell Europa contemporanea, Roma-Bari, Laterza, 2003, particolarmente pp Sulle diversificate posizioni dei cattolici italiani di fronte alla rivoluzione, Daniele Menozzi, Presentazione, in Id. (a cura di), La Chiesa italiana e la Rivoluzione francese, Bologna, Edizioni Dehoniane, 1990, p. 9; Vittorio Emanuele Giuntella, Il cattolicesimo democratico nel triennio «giacobino», in Mario Rosa (a cura di), Cattolicesimo e Lumi nel Settecento italiano, Roma, Herder, 1981, pp ; Id., Le dolci catene. Testi della controrivoluzione cattolica in Italia, Roma, Istituto per la storia del Risorgimento italiano, 1988; Id., La religione amica della Democrazia. I cattolici democratici del Triennio rivoluzionario ( ), Roma, Studium, 1990; Stanislao da Campagnola, L esperienza giacobina degli anni 1796/1799 tra Vangelo e Apocalisse, in Lo Stato della Chiesa in epoca napoleonica, Atti del XIX Convegno del Centro di Studi Avellaniti, Fonte Avellana, agosto 1995, Urbania 1996, pp ; Samuele Giombi, Il cattolicesimo italiano di fronte alla Rivoluzione francese: il triennio rivoluzionario ( ), in «Studia Picena», LVII, 1992, pp ; Antonio Batelli, Il cattolicesimo democratico nel triennio in Italia, in «Ricerche storiche», XXIX, 1999, pp Per un quadro d insieme si vedano Franco Venturi, Settecento riformatore, II, La chiesa e la repubblica dentro i loro limiti , Torino, Einaudi, 1976; Dino Carpanetto, Giuseppe Ricuperati, L Italia del Settecento. Crisi trasformazioni lumi, Roma-Bari, Laterza, 1986; Daniele Menozzi, Tra riforma e restaurazione. Dalla crisi della società cristiana al mito della cristianità medievale ( ), in Storia d Italia, Annali, 9, La Chiesa e il potere politico dal Medioevo all età contemporanea, Torino, Einaudi, 1986, pp ; Mario Rosa, Politica ecclesiastica e riformismo religioso in Italia alla fine dell antico regime, in Daniele Menozzi (a cura di), La Chiesa italiana e la Rivoluzione francese, cit., 1990, pp (poi in Mario Rosa, Settecento religioso. Politica della Ragione e religione del cuore, Venezia, Marsilio 1999, pp ). Più specificamente su singole realtà statuali, Carlo Fantappiè, Riforme ecclesiastiche e resistenze sociali. La sperimentazione istituzionale nella diocesi di Prato alla fine dell antico regime, Bologna, 1986; Gaetano Greco, Le istituzioni della chiesa locale nella

6 284 donatella fioretti dagli intensi dibattiti su temi dottrinali e giurisdizionali nei quali si fece strada l idea di un Concilio generale per tracciare le linee della nuova organizzazione ecclesiastica 15 non era stata sottoposta ad un attacco eversivo di entità paragonabile a quello francese 16, data la cautela usata dai governi repubblicani, restii ad adottare provvedimenti radicali che avrebbero potuto corrodere ulteriormente il già fragile consenso delle masse popolari al nuovo regime 17. C è poi da considerare che le disposizioni contenute nelle costituzioni bolognese, cispadana, ligure e cisalpina, «o emanate in situazioni provvisorie, come quella della municipalità di Alba del 96 o della Repubblica bresciana nel 97 che approvò una serie di norme sulla secolarizzazione della proprietà ecclesiastica, sulla separazione del rito civile del matrimonio da quello religioso e sull elezione popolare di parroci e economi spirituali o di quella della Repubblica Lucchese del 99, non ebbero il tempo di incidere organicamente su stratificazioni secolari e su realtà radicate e comunque vischiose» 18. Va però rilevato che le carte costituzionali bolognese, cispadana e ligure, miranti a tutelare la religione cattolica, costituirono le basi della politica ecclesiastica Toscana lorenese fra tradizione e riforma, in La Toscana dei Lorena. Riforme, territorio, società, Atti del Convegno di Studi, Grosseto, novembre 1987, Firenze, Olschki, 1989, pp ; Lucia Sebastiani, La riorganizzazione delle parrocchie milanesi nel periodo giuseppino, in «Quaderni storici», XV, 1970, pp ; i saggi di Paola Vismara Chiappa, Bartolomeo Genero, Xenio Toscani, Marco Bernuzzi, Riccardo Bottoni, in Aldo De Maddalena, Ettore Rotelli, Gennaro Barbarisi (a cura di), Economia, istituzioni, cultura in Lombardia nell età di Maria Teresa, III: Istituzioni e società, Bologna, Il Mulino, 1982, pp , , ; Carlo Capra, Aspetti delle riforme ecclesiastiche nella Lombardia austriaca, in Paolo Corsini e Daniele Montanari (a cura di), Pietro Tamburini e il giansenismo lombardo, Atti del convegno internazionale in occasione del 250 della nascita (Brescia, maggio 1989), Brescia, Morcelliana, 1993, pp ; Mario Taccolini, Per il pubblico bene. La soppressione di monasteri e conventi nella Lombardia austriaca del secondo Settecento, Roma, Bulzoni, 2000; Maria Teresa Silvestrini, La politica della religione. Il governo ecclesiastico nello stato sabaudo del XVIII secolo, Firenze, Olschki, Mario Tosti, Una Costituzione per la Chiesa. La proposta di un Concilio ecumenico negli anni della Rivoluzione francese, Firenze, Nerbini, «A conti fatti il triennio rivoluzionario sovvertì molto meno che altrove la situazione istituzionale della Chiesa in Italia», ha osservato Roger Aubert, Tra rivoluzione e restaurazione, , vol. VIII.1 della Storia della Chiesa diretta da Hans Jedin, Milano, Jaca Book, 1977, p Sulla politica ecclesiastica delle repubbliche del Triennio si vedano Antonio De Stefano, Rivoluzione e religione nelle prime esperienze costituzionali italiane ( ), Milano, Giuffrè, 1954; Elsa Marantonio Sguerzo, La politica ecclesiastica della Repubblica ligure, Milano, Giuffrè, 1994; Claudio Tosi, Repubblica e religione. Studi recenti sul rapporto tra politica e religione nella prima Repubblica Cisalpina ( ), in «Rivista di Storia e Letteratura religiosa», XXXI, 1995, pp ; Vittorio De Marco, Aspetti della legislazione giacobina in materia ecclesiastica durante la Repubblica romana, in «Ricerche per la storia religiosa di Roma», 9, 1992, pp ; David Armando, La Chiesa, in David Armando, Massimo Cattaneo, Maria Pia Donato, Una rivoluzione difficile. La Repubblica romana del , Pisa-Roma, Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali, 2000, pp Sugli aspetti culturali e simbolici del rovesciamento del vecchio regime politico a Roma, Marina Caffiero, La Repubblica nella città del papa. Roma 1798, Roma, Donzelli, 2005, partic. pp Francesco Margiotta Broglio, Società civile e società religiosa, in L Italia nell età napoleonica, Atti del LVIII Congresso di Storia del Risorgimento Italiano (Milano, 2-5 ottobre 1996), Roma, Istituto per la storia del Risorgimento Italiano, 1997, p. 119.

7 chiesa, società e vita religiosa nell italia dell ottocento 285 napoleonica quale si espresse nel Concordato francese del 1801 e in quello italiano del La Costituzione della Repubblica Italiana proclamata a Lione nel 1802, che riconobbe la religione cattolica come religione di Stato, la legge organica del 26 gennaio 1802 per il clero italiano, l istituzione, il primo maggio 1802, del Ministero per il Culto affidato a Giovanni Bovara 19, il Concordato del 16 settembre 1803 fra la Repubblica italiana e la Santa Sede 20 fissarono principi e meccanismi normativi recepiti in seguito dalla legislazione ecclesiastica liberale dell Ottocento. Particolare importanza ebbe il modello concordatario elaborato nel 1801 e 1803, sia perché influenzò quelli «del secolo XIX, favorendo il processo di centralizzazione romana che, progressivamente, eliminerà antichi privilegi dei capitoli nelle nomine episcopali e, in genere, antiche autonomie delle chiese locali», sia perché segnò la rottura con la tradizione giurisdizionalista e con il diritto ecclesiastico dell Antico Regime e, al tempo stesso, «la nascita di un nuovo tipo di alleanza trono altare che farà dei vescovi una sorta di prefetti paralleli e del clero un corpo di pubblici funzionari stipendiati dallo Stato» 21. L intesa raggiunta fra il nuovo regime e la Santa Sede non escluse però continue frizioni e contrasti fra i due poteri. Il Concordato del 1803, infatti, fu pubblicato a Milano il 26 gennaio 1804, due giorni dopo che il Melzi 22, vicepresidente della Repubblica, aveva fatto redigere un decreto organico (pubblicato con la stessa data del Concordato) volto a far valere, nell interpretazione del Concordato stesso, la posizione giurisdizionalista del governo di Milano e la difesa dell autonomia e della laicità dello Stato di fronte alla Chiesa. A nulla valse nell immediato l ira della Santa Sede per il decreto organico, che fu abrogato nel 1805 dopo la trasformazione della Repubblica in Regno d Italia. Ma nonostante tale abrogazione l applicazione del Concordato fu tormentata, segnata da continui contrasti, il primo dei quali si verificò ben presto, alla metà del giugno 1805, per la pretesa dell imperatore di decidere unilateralmente delle questioni ecclesiastiche in Italia, contro quanto stabilito dallo stesso Concordato. L 8 giugno, infatti, fu pubblicato d autorità, senza previo accordo con il papa, lo Statuto del clero italiano che sopprimeva gli ordini 19 Lucia Sebastiani, Bovara Giovanni, in Dizionario biografico degli Italiani, vol. 13, Roma, Istituto dell Enciclopedia Italiana, 1971, pp ; Ivana Pederzani, Un ministro per il culto: Giovanni Bovara e la Chiesa in età napoleonica, Milano, Franco Angeli Daniele Arru, Il Concordato italiano del 1803, Milano, Giuffrè, Margiotta Broglio, Società civile e società religiosa, cit., pp. 119 e Sul quale si veda Carlo Capra, La carriera di un «uomo incomodo» (I carteggi Melzi d Eril), in «Nuova Rivista Storica», LII, 1968, pp ; Aldo Stella, Reminiscenze machiavelliane e realismo politico nel pensiero e nell azione difrancesco Melzi d Eril, in Gabriele De Rosa e Filiberto Agostini, Vita religiosa e cultura in Lombardia e nel Veneto nell età napoleonica, Roma-Bari, Laterza, 1990, pp ; Nicola Del Bianco, Francesco Mlezi d Eril: la grande occasione perduta. Gli albori dell indipendenza nell Italia napoleonica, Milano, Corbaccio, 2002, in particolare, per i rapporti con la Chiesa, pp

8 286 donatella fioretti religiosi non dediti ad attività ritenute socialmente utili e imponeva restrizioni al reclutamento del clero regolare 23. In un clima politico e militare sempre più teso, il rapporto tra Pio VII e Napoleone 24 si andò deteriorando fino all occupazione di quanto restava dello Stato pontificio nel gennaio 1808, all arresto dello stesso Pio VII il 6 luglio 1809, poco dopo che il pontefice aveva comminato la scomunica a quanti avevano preso parte all abbattimento del potere temporale della Chiesa, e all arresto e all espulsione degli ecclesiastici refrattari al giuramento 25. Le riforme varate in materia ecclesiastica durante la Repubblica Italiana e il Regno Italico furono nel complesso molto incisive, tali da trasformare profondamente le strutture della Chiesa e i suoi rapporti con le masse popolari e la società civile 26. Se l obiettivo di razionalizzare e semplificare le circoscrizioni diocesane sulla base del criterio, di natura politico amministrativa, di disegnare corpi territorialmente compatti ed omogenei, dai confini coincidenti con quelli delle circoscrizioni civili, non fu pienamente raggiunto, tuttavia furono soppresse le diocesi con poche parrocchie, chiusi o adibiti ad usi profani molti seminari, e i vescovadi furono sottoposti al controllo dello Stato, in virtù della produzione legislativa intensificatasi soprattutto dal Quanto alle parrocchie, esse furono oggetto di una vigorosa politica di riorganizzazione e di riduzione numerica in virtù del decreto napoleonico del 22 giugno 1805, che tuttavia non riguardò tutta la Penisola 27. A questo provvedimento si ag- 23 Carmelo Naselli, La soppressione napoleonica delle corporazioni religiose. Contributo alla storia religiosa del primo ottocento italiano , Roma, Pontificia Univ. Gregoriana, 1986, pp Bernard Plongeron, Les réactions d un pape aux liens: Pie VII face à Napoléon ( ), e Charles Profizii, La prigionia di Pio VII a Fontainebleau, in Giovanni Spinelli OSB (a cura di), Pio VII papa benedettino nel bicentenario della sua elezione, Atti del Congresso storico internazionale Cesena- Venezia, settembre 2000, Cesena, Badia di Santa Maria del Monte 2003, rispettivamente pp e Più in generale, su Pio VII si veda la recente rassegna di David Armando, Pio VII e il suo pontificato. Studi recenti e celebrazioni bicentenarie, in «Rivista di storia e letteratura religiosa», XXXIX, 2003, n. 1, pp Sull atteggiamento dei laici e del clero dello Stato pontificio di fronte alla questione del giuramento, Naselli, La soppressione napoleonica delle corporazioni religiose, cit., pp ; Claudio Canonici, Giuramenti, adesioni e ritrattazioni nel periodo napoleonico e nella restaurazione. Il caso della diocesi di Sutri, in «Rivista di storia della Chiesa in Italia», XL, 1986, 2, pp ; Adriano Spina, Nuovi documenti sulle deportazioni napoleoniche di ecclesiastici dello Stato della Chiesa ( ), in «Rivista di storia della Chiesa in Italia», XLIV, 1990, 1, pp ; Manlio Brunetti, La diocesi di Senigallia nell età napoleonica, in Lo Stato della Chiesa in epoca napoleonica, Atti del XIX Convegno del Centro di Studi Avellaniti, Fonte Avellana, agosto 1995, Urbania, 1996, pp Carlo Zaghi, L Italia di Napoleone, Torino, UTET, 1989, pp Il decreto, che riguardava la Lombardia, le Legazioni, l ex ducato di Modena e Reggio (aree allora comprese nel regno d Italia) e alcuni territori veneti annessi dopo la pace di Lunéville, fu poi esteso al Veneto, ma «non risulta fosse poi esteso alle Marche, dopo la loro annessione al regno d Italia, né ad altre province italiane inglobate nell impero francese»: Guido Verucci, Chiesa e società nell Italia della Restaurazione ( ), in La restaurazione in Italia. Strutture e ideologie, Atti del XLVII congresso di storia del Risorgimento italiano (Cosenza, settembre 1974), Roma, Istituto per

9 chiesa, società e vita religiosa nell italia dell ottocento 287 giunse la chiusura di singole chiese parrocchiali, sussidiarie, conventuali, monasteriali, oratoriali tanto che, rispetto alla fine del Settecento, i luoghi di culto risultarono dimezzati. Nel Mezzogiorno la legislazione statale sconvolse il tradizionale e peculiare assetto delle chiese ricettizie 28, attorno alle quali gravitavano forti interessi locali e familiari, diminuendo le rendite, abolendo i patronati, laicizzando il sistema assistenziale e caritativo. Nel giro di pochi anni venne così ridisegnato il quadro parrocchiale, che risultò profondamente mutato soprattutto nelle città dove al precedente modello plurinucleare venne sostituito un modello di «parrocchia mononucleare, incentrata in una sola chiesa parrocchiale retta in maniera esclusiva dal clero secolare con compiti insieme civili e spirituali» 29. In questa nuova situazione, contrassegnata anche dall istituzione della fabbriceria per il controllo e l amministrazione del patrimonio parrocchiale, i parroci, titolari di una congrua che garantisse loro uno status decoroso, assunsero la duplice veste di pastori di anime e di funzionari pubblici tenuti a sostenere le iniziative del governo anche nel campo sanitario (per esempio, la inoculazione del vaccino contro il vaiolo) ed educativo. Un altro elemento qualificante della politica ecclesiastica napoleonica fu la soppressione degli ordini monastici, il cui patrimonio fu incamerato dallo Stato e venduto a vantaggio dell erario. Dopo le soppressioni operate nel secolo precedente in alcune aree della Penisola prima dai sovrani riformatori e quindi dalle autorità repubblicane del Triennio , quelle attuate dal 1805 al la storia del Risorgimento italiano, 1976, pp , ora in Id., Cattolicesimo e laicismo nell Italia contemporanea, Milano, Franco Angeli, 2001, p. 93 (da cui si cita). Per il caso veneto si veda Rino Cona, Parrocchia urbana, riforma napoleonica e nuove fondazioni religiose a Verona, in De Rosa e Agostini (a cura di), Vita religiosa e cultura in Lombardia e nel Veneto nell età napoleonica, cit., pp ; Angelo Gambasin, Parrocchia veneta: evoluzione strutturale dalle riforme napoleoniche al neo-giuseppinismo asburgico, in La società religiosa nell età moderna, Atti del convegno di studi di storia sociale e religiosa, Capaccio-Paestum 1972, Napoli, Guida, 1973, pp ; Silvio Tramontin, La riduzione napoleonica delle parrocchie a Venezia: origine, attuazione, conseguenze, in «Ricerche di storia sociale e religiosa», n.s., 20/39, 1991, pp In esse «la cura d anime era collegiale, delegata dal corpo capitolare come avveniva a più alto livello per i capitoli delle cattedrali e delle chiese collegiate a un vicario curato, scelto all interno del capitolo stesso. Il capitolo amministrava in comune la massa dei beni e dava ricetto, cioè accoglienza, intorno ad un ristretto nucleo gerarchico, secondo norme ben definite, a tutti i chierici, dai tonsurati ai sacerdoti, che fossero nativi o originari del luogo». Il sistema delle ricettizie, autonomo dall autorità degli ordinari diocesani e integrato, nello stesso tempo, nel contesto della società meridionale, favoriva «la costituzione di un clero pletorico e poco o niente coinvolto nel ministero parrocchiale o nella cura delle anime [...] bloccando di fatto o consentendo con estrema difficoltà l opera pastorale dei vescovi secondo il modello tridentino»: Mario Rosa, Clero cattolico e società europea nell età moderna, Roma- Bari, Laterza, 2006, p. 73. Sul ruolo e l evoluzione della ricettizia in Basilicata si veda Antonio Lerra, Chiesa e società nel Mezzogiorno. Dalla ricettizia del sec. XVI alla liquidazione dell Asse ecclesiastico in Basilicata, Venosa, Osanna, Filiberto Agostini, La riforma statale della Chiesa nell Italia napoleonica, in Gabriele De Rosa Tullio Gregory André Vauchez (a cura di), Storia dell Italia religiosa, 3. L età contemporanea, Roma- Bari, Laterza, 1995, p. 15. Dello stesso Agostini si veda La riforma napoleonica della Chiesa nella Repubblica e nel Regno d Italia ( ), Vicenza, Neri Pozza, 1990, partic. pp

10 288 donatella fioretti 1810 finirono per erodere in modo irreparabile il già fitto tessuto di conventi, monasteri, abbazie che da secoli costituivano un elemento portante dell edificio della Chiesa 30. In particolare, il decreto del 25 aprile 1810 abolì le corporazioni religiose e stabilì una nuova disciplina vietando l uso dell abito talare, espellendo dal Regno le monache e i frati stranieri e obbligando gli italiani a rientrare nei dipartimenti di origine per mettersi a disposizione del vescovo. La circolare del 29 maggio dello stesso anno confermò poi la totale abolizione degli ordini religiosi e la conseguente riduzione di frati e monache allo stato secolare: così nel Regno d Italia, in quello di Napoli e altrove rimasero in vita soltanto le congregazioni prive di voti perpetui e dedite a scopi ritenuti socialmente utili, come l istruzione e l assistenza agli ammalati. I beni delle corporazioni religiose soppresse furono incamerati dal Monte Napoleone, che doveva provvedere a pagare le pensioni fissate ai religiosi, e successivamente immessi sul mercato, in quantità e con effetti diversi nelle varie regioni italiane, ma tali da costituire ovunque un momento importante del processo di redistribuzione del patrimonio fondiario. Un altra conseguenza importante di questi provvedimenti legislativi fu la riduzione dell influenza del clero regolare sulla vita civile e, insieme, la definitiva assunzione della parrocchia ad unico ed esclusivo centro di culto. Nello stesso tempo, l introduzione dei registri dello stato civile, tenuti fino ad allora dai parroci secondo l obbligo loro affidato dal Concilio di Trento, e del matrimonio come contratto privato risolubile, l avocazione allo Stato sia dell istruzione sia della gestione e del controllo dell assistenza e beneficenza, mentre sottraevano alla Chiesa funzioni di primo piano esercitate per secoli, facevano dello Stato il referente primario della popolazione in settori di cruciale importanza per la vita civile, un referente il cui ruolo era inoltre rafforzato dal processo di centralizzazione. 2. Nel complesso, un cambiamento epocale, come si è già osservato, soprattutto sotto il profilo istituzionale e dei rapporti fra Stato e Chiesa, dato che la Restaurazione non invertì le tendenze manifestatesi nel tornante fra la seconda metà del XVIII secolo e l inizio di quello successivo. All indomani del 1815, infatti, i sovrani italiani per lo più non intesero rinunciare del tutto alla politica giurisdizionalista e, pur nel quadro dei concordati stipulati con la Santa Sede destinati a stemperare le più accese rivendicazioni regaliste, 30 Naselli, La soppressione napoleonica delle corporazioni religiose, cit.; Ivo Biagianti, La soppressione dei conventi nell età napoleonica, in Ivan Tognarini (a cura di), La Toscana nell età rivoluzionaria e napoleonica, Napoli, ESI, 1985, pp ; Carlo Fantappiè, Soppressione e ripristino di monasteri benedettini in Toscana fra Sette e Ottocento, in Il monachesimo italiano dalle riforme illuministiche all unità nazionale ( ), Atti del II Convegno di studi storici sull Italia benedettina, Abbazia di Rodengo, 6-9 settembre 1989, Badia di S. Maria del Monte, Centro Storico Benedettino, 1992, pp

LA CONDIZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI IN ITALIA NELLE VICENDE POLITICO-GIURIDICHE DEL XIX SECOLO

LA CONDIZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI IN ITALIA NELLE VICENDE POLITICO-GIURIDICHE DEL XIX SECOLO LA CONDIZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI IN ITALIA NELLE VICENDE POLITICO-GIURIDICHE DEL XIX SECOLO INDICE INTRODUZIONE 01. Premessa... p. XVII 02. Finalità della ricerca e questioni metodologiche...» XX

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

Storia della Chiesa 3 Prof. Daniele Cottini

Storia della Chiesa 3 Prof. Daniele Cottini Storia della Chiesa 3 Prof. Daniele Cottini Finalità Scopo delle lezioni è fornire conoscenze contenutistiche di base, abilitando al tempo stesso i partecipanti all utilizzo appropriato di manuali e di

Dettagli

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO LA CHIESA NEL RINASCIMENTO SI PERCEPISCE L URGENTE NECESSITA DI UN RINNOVAMENTO DI TUTTA LA CHIESA IL LIVELLO DI DECADENZA AVEVA RAGGIUNTIO IL CAMPO RELIGIOSO, MORALE E CIVILE LA VITA MORALE DI ALCUNI

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO ECCLESIASTICO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO ECCLESIASTICO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO IX Presentazione... VII PARTE PRIMA DIRITTO ECCLESIASTICO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO Sezione I Il diritto ecclesiastico 1. Il concetto di diritto ecclesiastico... 5 2.

Dettagli

FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013

FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013 FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013 1797-1810: l assetto delle istituzioni religiose imolesi viene radicalmente modificato durante la dominazione francese

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

Bibliografia di Mons. Luigi Mistò 1

Bibliografia di Mons. Luigi Mistò 1 Bibliografia di Mons. Luigi Mistò 1 1982 Libertà religiosa e libertà della Chiesa. Il fondamento della relazione Chiesa - comunità politica nel quadro del dibattito postconciliare in Italia, Morcelliana,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE III L ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE DELLA CHIESA IN ITALIA PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ----------------------------------------------------------

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO

II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO PARTE PRIMA II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO 1. Classificazione Fonti di produzione del diritto ecclesiastico: fonti di provenienza unilaterale statale: norme che lo Stato emana direttamente e autonomamente

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

Sassari, 6 novembre Teatro Civico 16.00

Sassari, 6 novembre Teatro Civico 16.00 Sassari, 6 novembre Teatro Civico 16.00 Saluti delle autorità Gianfranco Ganau, Sindaco di Sassari Gian Giacomo Ortu, Rappresentante dei Dipartimenti di storia delle Università di Cagliari e di Sassari

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Guido Fubini (avvocato in Torino, già direttore della Rassegna Mensile di Israel) Sulla proposta di legge per la libertà religiosa * SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Premessa 3. E qui affrontiamo l epoca

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Lugano, 1.02.2011 Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Sandro Guzzi-Heeb, Università di Losanna Il passato non è morto e sepolto; in realtà non è nemmeno passato. William Faulkner 1.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

L IRC nella scuola italiana: coordinate di riferimento

L IRC nella scuola italiana: coordinate di riferimento UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CORSO BIENNALE DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN SCIENZE RELIGIOSE CON INDIRIZZO PEDAGOGICO-DIDATTICO CORSO DIDATTICA DELLA RELIGIONE CATTOLICA IN PROSPETTIVA INTERCULTURALE

Dettagli

La Riforma protestante

La Riforma protestante La Riforma protestante Alla fine del XV secolo la Chiesa attraversava una nuova crisi a causa delle corruzione e della decadenza dei costumi ecclesiastici. Gli studiosi umanisti avviarono uno studio critico

Dettagli

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015 2 Anno L uomo in Cristo DIOCESI DI MILANO Zona Pastorale IV Decanato di Bollate INTRODUZIONE La rivelazione cristiana, oltre a comunicarci il volto di

Dettagli

La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS

La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS CON CUI SI RIORDINA INTEGRALMENTE LA MATERIA RIGUARDANTE L ESERCIZIO DELLA FUNZIONE DEI PATRONI E DEGLI AVVOCATI

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE Cancelleria Arcivescovile Prot. 2082 Tit. 1 Fasc. 8 Anno 2005 C A R L O C A F F A R R A PER GRAZIA DI DIO E

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

SOSTENTAMENTO DEL CLERO CATTOLICO

SOSTENTAMENTO DEL CLERO CATTOLICO SOSTENTAMENTO DEL CLERO CATTOLICO PRIMA DEL 1984 Prodotti per la didattica Grafica A. Cimbalo - L. Piccini Testi F. Botti Corso di Diritto Ecclesiastico prof. Giovanni Cimbalo L. 29 maggio 1855 Regno di

Dettagli

l.demofonti@tiscali.it

l.demofonti@tiscali.it CURRICULUM VITAE Nome: Cognome: e.mail: Laura Demofonti l.demofonti@tiscali.it FORMAZIONE 2002: Diploma di dottore di ricerca in discipline storiche della Scuola Normale Superiore di Pisa (titolo della

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Cade quest anno il centenario della prima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, svoltasi a Pistoia dal 23

Dettagli

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento Bibliografia Piccola bibliografia di riferimento COSTA padre Eugenio CELEBRARE CANTANDO Manuale pratico per l animatore musicale nella liturgia Edizioni San Paolo (1994) Cinisello Balsamo (Milano) Chi

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

(1822) (1843) (1889) (1916)

(1822) (1843) (1889) (1916) Una chiamata per tutti La consapevolezza che il Vangelo è un dono da condividere con il mondo intero e che la missione riguarda tutti, nessuno escluso, è all origine delle Pontificie Opere Missionarie

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Storia della legislazione sui Beni Culturali

Storia della legislazione sui Beni Culturali Prof. Francesco Morante Storia della legislazione sui Beni Culturali Morante - Storia legislazione 1 Periodo preunitario Nelle epoche antiche non esisteva una legislazione che tutelava i beni culturali

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE

L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE Il Codice napoleonico (il Code) esercitò un influenza diretta sulla legislazione di molti Stati preunitari, ponendo le premesse della loro successiva integrazione

Dettagli

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Negli anni successivi al Congresso di Vienna le libertà di pensiero, parola e libera associazione erano state particolarmente limitate per mantenere

Dettagli

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI TSC: L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distinge la specificità di salvezza del Cristianesimo; identifica

Dettagli

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA Art 1 Il Dicastero è competente in quelle materie che sono di pertinenza della Sede Apostolica per la promozione della

Dettagli

La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa

La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa Ordinario di Diritto Canonico nella Università Cattolica di Milano e Direttore del Centro Studi sugli enti ecclesiastici e gli altri enti senza fini di lucro.

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

- È coordinatore dell Osservatorio giuridico-legislativo della Conferenza episcopale italiana;

- È coordinatore dell Osservatorio giuridico-legislativo della Conferenza episcopale italiana; VENERANDO MARANO CURRICULUM - È professore ordinario di Diritto ecclesiastico presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Foggia, dove è titolare degli insegnamenti di Diritto ecclesiastico,

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

obiettivi 1,2,3 sì obiettivi 4,5,6,7,8 una parte della classe

obiettivi 1,2,3 sì obiettivi 4,5,6,7,8 una parte della classe PQ 11.3 Ed. 3 del 1/9/2007 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ERASMO DA ROTTERDAM ATTIVITÀ DEL DOCENTE. SEZIONE C : RELAZIONE A CONSUNTIVO DOCENTE Andrea Inglese MATERIA Storia DESTINATARI 4 DSO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Giacomo Martina storico della Chiesa

Giacomo Martina storico della Chiesa Maria Lupi Giacomo Martina storico della Chiesa Nel presentare l ultima opera di padre Martina, Giovanni Miccoli sottolineava due caratteristiche del suo atteggiamento di studioso: «vi è da una parte l

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti STATUTO Art. 1 Natura La Caritas diocesana di Locri-Gerace è l organismo pastorale istituito dal Vescovo al fine dì promuovere latestimonianza della carità della comunità diocesana e delle comunità parrocchiali,

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS L ORGANISMO PASTORALE CARITAS Roma, novembre 2006 INDICE 1. Natura 2. Compiti 3. Destinatari 4. Progettualità 5. Ambiti di azione 1. NATURA della Caritas diocesana Roma, novembre 2006 UNA CARTA DI RIFERIMENTO

Dettagli

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA UNITÀ 1 Capitolo 1 L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA In questo capitolo vedremo: - la motivazione dell'irc nella scuola in genere - la motivazione dell'irc nella scuola cattolica

Dettagli

La critica: rivista di letteratura, storia e filosofia diretta da Benedetto Croce. Napoli, Direzione della "Critica", 1903-1944

La critica: rivista di letteratura, storia e filosofia diretta da Benedetto Croce. Napoli, Direzione della Critica, 1903-1944 BENEDETTO CROCE E I SUOI CONTEMPORANEI Percorso bibliografico nelle collezioni della Biblioteca del Senato I testi sono elencati in ordine cronologico crescente La critica: rivista di letteratura, storia

Dettagli

Dalle leggi Casati e Siccardi ai decreti Pepoli

Dalle leggi Casati e Siccardi ai decreti Pepoli Dalle leggi Casati e Siccardi ai decreti Pepoli MOTIVAZIONE E PERCORSO SEGUITO Il nostro lavoro parte dalla domanda sul rapporto che c è tra la nascita della nostra scuola e l unità d Italia. Le origini

Dettagli

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è un organismo di comunione che, come immagine della Chiesa, esprime e realizza la corresponsabilità dei fedeli ( presbiteri, diaconi,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita»

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» IL PELLEGRINAGGIO Il pellegrinaggio metafora della

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA. Istituzioni di Diritto pubblico LO STATUS COSTITUZIONALE DELL IMMIGRATO.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA. Istituzioni di Diritto pubblico LO STATUS COSTITUZIONALE DELL IMMIGRATO. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA Istituzioni di Diritto pubblico LO STATUS COSTITUZIONALE DELL IMMIGRATO. Dissertazione per il conseguimento della Laurea in Giurisprudenza

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Obiettivi formativi Verranno valutati: il comportamento, la partecipazione e l interesse, la responsabilità nei confronti dei

Dettagli

La società francese alla fine del '700

La società francese alla fine del '700 La società francese alla fine del '700 Primo stato: ecclesiastici Secondo stato: nobili 2% della popolazione possiedono vaste proprietà terriere e sono esonerati dalle tasse. Possono riscuotere tributi

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Provvedimenti emanati in materia di Culti

Provvedimenti emanati in materia di Culti Cod. ISTAT INT 00034 AREA: Popolazione e Società Settore di interesse: Famiglie e comportamenti sociali Provvedimenti emanati in materia di Culti Titolare: Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione.

Dettagli

Indice. Parte I. Profili sistematici

Indice. Parte I. Profili sistematici Indice Presentazione alla prima edizione [XV] Presentazione alla terza edizione [XVII] Capitolo 1 Elementi introduttivi di Giuseppe Casuscelli Parte I Profili sistematici 1. Il diritto ecclesiastico italiano:

Dettagli

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi Il Basso Medioevo A cura del prof. Marco Migliardi Introduzione Il drammatico scontro per il diritto di nomina dei vescovi (le investiture) che oppone Papato e Impero è in realtà solo un aspetto del più

Dettagli

La cappella di Santa Teresa di Le Case

La cappella di Santa Teresa di Le Case Elisa Maccioni La cappella di Santa Teresa di Le Case una collettività socio-religiosa in terra toscana (1871-2010) con prefazione di Amleto Spicciani Edizioni ETS www.edizioniets.com Copyright 2013 EDIZIONI

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

Riconoscimento e spendibilità dei titoli rilasciati dalle strutture ecclesiastiche accademiche di formazione *

Riconoscimento e spendibilità dei titoli rilasciati dalle strutture ecclesiastiche accademiche di formazione * Il cammino degli ISSR: verifiche e prospettive Roma, 9 marzo 2010 Riconoscimento e spendibilità dei titoli rilasciati dalle strutture ecclesiastiche accademiche di formazione * Mons. Mauro Rivella, Sottosegretario

Dettagli

Diocesi di Teramo-Atri

Diocesi di Teramo-Atri Diocesi di Teramo-Atri CALENDARIO PASTORALE anno 2015-2016 Settembre 2015 1 Ma 10.ma Giornata per la custodia del creato 2 Me 3 G Teramo, Sala Convegni Palazzo Vescovile ore 19: Sessione Straordinaria

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA MODULO n. 1 TITOLO: L ETA DELL ASSOLUTISMO ORE TOTALI: 12 PREREQUISITI MODULO Conoscere termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli