IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011"

Transcript

1 IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011 Servizio Osservatorio Acque Interne agosto 2012

2 ARPAV Direttore Generale: Carlo Emanuele Pepe Direttore Area Tecnico-Scientifica: Paolo Rocca PROGETTO E REALIZZAZIONE Servizio Osservatorio Acque Interne: Italo Saccardo Autori: Paola Vazzoler e Lucio D Alberto con la collaborazione di Cinzia Boscolo e Paolo Zambotto MONITORAGGIO Aziende Unità Locali Socio Sanitarie della Regione Veneto ARPAV - Dipartimento Regionale Laboratori

3 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE Grazie al monitoraggio delle acque destinate al consumo umano gestito dalla Aziende ULSS con il supporto laboratoristico di ARPAV, è possibile produrre anche per l anno 2011 una fotografia della situazione per tutto il Veneto. In questo report si descrive il monitoraggio eseguito nel 2011, i risultati analitici ottenuti, nonchè l andamento temporale di alcuni elementi caratteristici di maggiore rilevanza. I dati elaborati in questo report sono quelli archiviati nel sistema SIRAV (Sistema Informativo Regionale per l Archiviazione delle Informazioni Ambientali) di ARPAV a cui accedono, sia per l implementazione sia per la consultazione, anche i Servizi Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) delle Aziende ULSS mediante l applicativo web SInAP (Sistema Informavo Acque Potabili). I dati si riferiscono soprattutto a campioni dell acqua distribuita dalla rete acquedottistica ma anche erogata da opere di captazione autonoma a rilevanza pubblica. Nel presente report i dati sono stati elaborati utilizzando: l aggregazione a scala comunale; l aggregazione a scala di Aziende ULSS; l aggregazione a scala di acquedotto. Sono stati anche confrontati i risultati analitici con i limiti di legge (D.Lgs 31/01 e sue modif.) per i soli parametri dove questi sono stati fissati. In tal modo si sono evidenziati il tipo e il numero di superamenti occorsi. 2

4 1. INTRODUZIONE 0,4 0,3 veneto 2011 % analisi conformi %_superamenti_microbiologici 99,3 %_superamenti_chimici Figura 1.1: Risultati microbiologici e chimici del 2011 che rispettano/non rispettano i limiti normativi. In estrema sintesi i numeri salienti del monitoraggio delle acque destinate al consumo umano del Veneto nel 2011 sono i seguenti: sono state monitorate 696 reti acquedottistiche e 248 captazioni autonome; sono stati visitati 3763 punti di controllo; sono stati raccolti 8120 campioni; sono state eseguite analisi; il 99,3 % dei risultati analitici ha rispettato i valori di parametro normativi. Per informazioni sulla normativa che disciplina i controlli, sulle competenze dei vari attori coinvolti e sui parametri analitici monitorati è possibile consultare il sito internet di ARPAV nelle pagine dedicate al tema acqua potabile. ambientali/acqua/acque interne/acque potabili 3

5 CAPITOLO 2 COSA SI INTENDE PER ACQUEDOTTI NELLA RETE ACQUE POTABILI DI SIRAV Durante il 2011 sono state migliorate le informazioni presenti in SIRAV riguardanti le reti di distribuzione. Partendo dalla localizzazione dei punti di monitoraggio eseguiti dalle Aziende ULSS, dalla conoscenza di ARPAV del territorio e infine dalla disponibilità di informazioni da parte degli enti gestori, è stato aggiornato il codice identificativo di ogni rete di distribuzione dell acqua potabile cioè di ogni acquedotto e ricostruita, perlopiù a scala sovra comunale, ogni rete di distribuzione. Ogni acquedotto è inteso come zona di approvvigionamento omogeneo cioè una zona geograficamente definita all interno della quale le acque destinate al consumo umano provengono da una o varie fonti e la loro qualità può essere considerata sostanzialmente uniforme (nota 1 - Tabella B1 - Allegato II - D.Lgs 31/01). Per ogni acquedotto si conoscono: le fonti di approvvigionamento; i controlli eseguiti; i comuni da esso serviti; il gestore che assicura la buona distribuzione dell acqua. In tutti i comuni del Veneto è attivo un servizio idrico integrato per l approvvigionamento e la distribuzione dell acqua potabile e per la raccolta e la depurazione delle acque reflue. Nel 2011 restano ancora esclusi i comuni di: Belfiore, Villa Bartolomea, Nogara e Palù in provincia di Verona per i quali i lavori di costruzione delle reti sono stati solo approvati. In questi comuni l approvvigionamento avviene ancora solo attraverso i pozzi privati: ad esempio a Belfiore (comune di 2800 abitanti) si approvvigiona con circa 900 pozzi privati e la rete in costruzione potrà comunque fornire acqua solo a 600 allacciamenti (fonte: AATO Veronese - luglio 2011). 4

6 2. Cosa si intende per acquedotti nella rete acque potabili di SIRAV Nella regione si possono sostanzialmente riconoscere due tipi di acquedotti: quelli con estensione minima (anche di solo un chilometro) o a servizio di meno di 5000 abitanti e quelli più estesi (reti di centinaia di chilometri) e a servizio di più di 5000 abitanti. I piccoli acquedotti tipicamente servono i territori montani e pedemontani e nel sistema informativo ne sono censiti più di 600. Di acquedotti che servono più di 5000 abitanti invece ne sono codificati 115 e sono elencati, in appendice, nella tabella A1. Secondo dati ISTAT risalenti al 2007, il totale della popolazione servita da questi grandi acquedotti era di abitanti su una popolazione veneta totale di persone. Nella figura 2.1 sono evidenziate le aree sovracomunali dove insistono le 30 reti di distribuzione a servizio di più di abitanti. Figura 2.1: Aree territoriali servite da grandi reti acquedottistiche a servizio di più di abitanti. 5

7 CAPITOLO 3 IL PIANO DEI CONTROLLI 2011 Il piano dei controlli è annualmente progettato e attuato, come ormai avviene dal , dai SIAN delle Aziende ULSS, seguendo i dettami del D.lgs 31/01 e sue modifiche (recepimento italiano della Direttiva 98/00/CE) e delle Linee Guida della Regione Veneto per il controllo delle acque destinate al consumo umano. 2 I principali punti di controllo sono: rubinetti dove l acqua è a disposizione del consumatore, rubinetti dedicati in punti rappresentativi dell acqua prelevata dalle opere di presa, rubinetti dedicati in punti a valle dei trattamenti di potabilizzazione effettuati, rubinetti dedicati in punti di consegna in tratti terminali di rete. Anche se, per tutelare la disponibilità di risorsa idrica idonea al consumo umano, la Regione del Veneto ha introdotto regole restrittive per la terebrazione di pozzi ad uso privato (Piano di Tutela delle acque 3, Aggiornamento 2011 del MOSAV 4 ), è ancora molto in uso l approvvigionamento autonomo soprattutto in comuni dove la rete acquedottistica è ancora poco sviluppata oppure nei territori dove facilmente si accede a falde ricche di acqua di buona qualità. In queste zone sono monitorati anche pozzi autonomi che approvvigionano edifici e strutture a rilevanza pubblica (scuole, ospedali, edifici per associazioni, ecc.). 1 In Italia alla fine del 2003, con l entrata in vigore del D.Lgs 31/01, viene riformato il controllo delle acque destinate al consumo umano sia nella pianificazione dei punti di controllo e nella frequenza con cui vengono visitati, sia nei parametri analitici da monitorare, sia infine nei valori di parametro a cui fare riferimento per stabilire la idoneità all uso. 2 Decreto del Dirigente della Regione Veneto n.15 del 09/02/2009 (Primo aggiornamento alla DGRV 4080/ Linee guida regionali per la sorveglianza ed il controllo delle acque destinate al consumo umano nella Regione del Veneto). 3 Deliberazione del Consiglio regionale n.107 del 5 novembre 2009 e DGR n.80 del 27 gennaio Modello strutturale degli acquedotti del Veneto - DGR n.1688 del 16 giugno

8 3. Il piano dei controlli 2011 Nelle zone montane dove non ci sono sorgenti o pozzi e dove non c e alcuna rete acquedottistica, l approvvigionamento avviene attraverso il trattamento delle acque piovane. Alcuni punti di controllo sono costituiti proprio da rubinetti di malghe dotate di questo tipo di approvvigionamento. Nel 2011, su un totale di 8477 punti di controllo attivi5 gli operatori SIAN hanno pianificato e attuato la visita di 3763 stazioni prelevando 8120 campioni. Nella figura 3.1 sono evidenziate le stazioni visitate una o piu volte nel corso dell anno Figura 3.1: Localizzazione delle stazioni e numero di controlli nel Nella rete acque potabili sono registrate 9264 stazioni. A 805 di queste e stata associata la fine validita cioe hanno perduto il loro valore di rappresentativita diventando non piu utilizzabili ai fini del monitoraggio 7

9 3. Il piano dei controlli 2011 Nella tabella 3.1 sono riportate per ogni provincia il numero di stazioni visitate. Inoltre è riportato il numero di campioni raccolti sia nelle stazioni rappresentative dell acqua a disposizione nei rubinetti lungo la rete acquedottistica sia nelle stazioni rappresentative dell acqua erogata da approvvigionamenti autonomi. Tabella 3.1: Numero di stazioni e numero di campioni in rete e in approvvigionamenti autonomi per provincia. Provincia n. staz. n. camp.in rete n. camp.in autonomi BELLUNO PADOVA ROVIGO TREVISO VENEZIA VERONA VICENZA La frequenza di campionamento può variare da una volta all anno a una volta ogni 15 giorni in base al volume di acqua distribuito (e quindi dal numero di abitanti serviti) dalla rete acquedottistica di cui è rappresentativa la stazione e dal numero di parametri che si vogliono analizzare. Frequenza e numero di parametri analizzati sono pianificati dai SIAN in attuazione del D. Lgs 31/01 - all II - tab 1b e del DDRV n.15 del 09/02/2009. In appendice, nella tabella A1, si confrontano per ogni rete acquedottistica la stima della popolazione servita, il volume d acqua medio giornaliero distribuito calcolato come indicato dal D.Lgs 31/01 e il numero dei campioni eseguiti nel

10 CAPITOLO 4 LE ANALISI ESEGUITE NEL 2011 I campioni prelevati nei punti di controllo vengono portati al laboratorio per l analisi dei pochi parametri previsti nel così detto controllo di routine 1 oppure per l analisi di un maggior numero di elementi, nel così detto controllo di verifica 2. Tabella 4.1: Numero di analisi effettate nel 2011 per provincia. Provincia Numero analisi BELLUNO PADOVA ROVIGO TREVISO VENEZIA VERONA VICENZA VENETO Il laboratorio, completata l analisi, esegue anche un confronto dei risultati con i limiti prescritti dal D.Lgs 31/01 3 evidenziando così ai SIAN competenti eventuali criticità. I risultati analitici e le criticità sono segnalati sia attraverso il SInAP sia con un rapporto di prova inviato con posta certificata. 1 Il controllo di routine mira a fornire ad intervalli regolari le informazioni sulla qualità organolettica e microbiologica nonché informazioni sull efficacia egli eventuali trattamenti (in particolare di disinfezione). 2 Il controllo di verifica mira a fornire le informazioni necessarie per accertare se tutti i valori di parametro contenuti nel D.Lgs 31/01 sono rispettati. 3 Nel D.Lgs 31/2001 non si parla di concentrazioni massime bensì di conformità ai VALORI DI PARAMETRO elencati nelle tabelle riportate nell Allegato 1 del decreto stesso 9

11 4. Le analisi eseguite nel 2011 Nel 2011 in Veneto sono stati riscontrati 1384 superamenti dei limiti della normativa, pari allo 0,7 % del totale delle analisi eseguite. Nella figura 4.1 si confronta, per gli anni , la percentuale dei superamenti nelle diverse province con l andamento della percentuale veneta totale. Figura 4.1: Distribuzione provinciale e veneta dei superamenti nel periodo Nel grafico si osserva che nel periodo la percentuale più alta di superamenti è sempre in provincia di Verona ma è necessario considerare che in questa provincia, per problemi in alcune falde acquifere oggetto di attingimento, i controlli sono stati particolarmente mirati e intensificati. Anche un solo superamento comporta l adozione di tempestive misure cautelative per la tutela del consumatore. La comunicazione immediata tra laboratori ARPAV, AULSS e gestori della rete idrica, è garanzia del mantenimento della qualità dell acqua erogata. In appendice la tabella A2 mostra, per ogni parametro analitico, il numero di analisi e di superamenti negli acquedotti più grandi e in quelli a servizio di meno di 5000 abitanti. 10

12 CAPITOLO 5 LE CARATTERISTICHE DELL ACQUA IN VENETO: ALCUNI PARAMETRI INDICATORI La qualità delle acque destinate al consumo umano secondo il D.Lgs. 31/01 è definita da valori di parametro, che si riferiscono a tre tipi di parametri: parametri indicatori (Parte C dell allegato 1 al decreto): hanno trascurabile rilievo tossicologico e il decreto, nello stabilire il valore di parametro, in caso di un superamento dello stesso, demanda alle Az.ULSS la valutazione igienico sanitaria della non conformità. parametri microbiologici e parametri chimici (Parte A e Parte B dell allegato 1 al decreto): essi possono comportare rischi potenziali per la salute dei consumatori e il decreto stabilisce valori più restrittivi e vincolanti; I parametri indicatori sono analiti che permettono di tracciare il carattere dell acqua che beviamo: sono gli stessi analiti che ritroviamo nelle etichette delle acque minerali in bottiglia. Residuo secco a 180 C o residuo fisso Per ottenere questo dato, viene analizzato il sedimento residuo lasciato da un litro di acqua fatta evaporare a 180 C. Se prendiamo in considerazione tutte le analisi di residuo fisso fatte in tutto il Veneto dal 2007 a tutto il 2011 (1244 analisi) si può ricavare un risultato medio di 206 mg/l. Quindi mediamente, le acque del Veneto sono leggermente mineralizzate cioè, usando la classificazione tipica delle acque minerali 1, sono oligominerali. Nella tabella 5.1 sono riportati i dati medi per provincia: 1 Il Decreto Legislativo 25 gennaio 1992, n. 105 stabilisce che un acqua minerale naturale è: minimamente mineralizzata, se il tenore dei sali minerali, calcolato come residuo fisso, non è superiore a 50 mg/l; oligominerale o leggermente mineralizzata, se il residuo fisso, non è superiore a 500 mg/l; ricca di sali minerali, se il residuo fisso, è superiore a 1500 mg/l 11

13 5. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri indicatori Tabella 5.1: Valori medi provinciali di residuo secco - mg/l a 180 C. BELLUNO 141 PADOVA 242 ROVIGO 302 TREVISO 253 VENEZIA 287 Durezza, calcio e magnesio La durezza dell acqua dipende principalmente dalla somma delle concentrazioni di ioni calcio e magnesio. L acqua è considerata dolce quando è caratterizzata da un valore inferiore a 5 gradi francesi ( F), mentre è considerata dura per valori superiori a 25. Mediamente in Veneto l acqua è abbastanza dura infatti il valore medio si attesta sui 22 F. Le medie nelle diverse province sono descritte nella figura 5.1 Figura 5.1: Valori medi provinciali di durezza. Calcio e magnesio hanno origine inorganica (dissoluzione di minerali). Sono sostanze utili alla salute e di valore nutrizionale. In appendice nella tabella A3 è riportata per ogni comune la media dei valori rilevati dal 2003 a tutto il I risultati del monitoraggio effettuato nel 2011 sono riportati nel successivo capitolo Risultati e Superamenti. Solfati Per quanto riguarda i solfati le concentrazioni più alte si riscontrano nelle acque dell area orientale della provincia di Venezia oltre che in alcune aree della provincia di Belluno. Nella mappa 5.2 si sono rappresentate le concentrazioni ad ogni singolo punto di campionamento, suddivise in classi di concentrazione (scala di colori) e per tipologia di stazione (acqua di captazione = cerchi; acqua di rete = triangoli). 12

14 5. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri indicatori Figura 5.2: Distribuzione delle concentrazioni di solfati nel Veneto. Per tale parametro e stato osservato un valore sopra il limite di legge rappresentato da un campione dell acqua di una fontanella in territorio Agordino alimentata da una sorgente in area con rocce gessifere. Concentrazioni importanti sono infatti presenti in alcune parti dell Agordino e del Cadore la cui origine e legata alla presenza di rocce contenenti solfati (gessi, anidriti, dolomie gessifere). Altri casi sparsi tra le provincie di Verona e Vicenza non sono facilmente riconducibili ad aspetti geopedologici. Le concentrazioni piu elevate presenti nella rete della parte orientale della provincia di Venezia sono da attribuire alle fonti di approvvigionamento sotterraneo localizzate poco piu a nord, in Friuli Venezia Giulia, dove le acque derivano principalmente dal bacino del Tagliamento 2. 2 fonte: ARPA-FVG, 2001: Rapporto sullo Stato dell ambiente, cap. 3.3 Sottosuolo e acque sotterranee 13

15 5. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri indicatori ph, conducibilità elettrica e intrusione salina Interessante è il parametro ph che, sebbene non abbia un impatto diretto sul consumatore, è uno dei parametri operativi più importanti per la qualità dell acqua. Il ph varia nei diversi approvvigionamenti a seconda della composizione dell acqua e dei materiali impiegati per i sistemi di distribuzione, ma la variazione è generalmente compresa fra 6,5 e 9,5. Valori estremi di ph possono derivare da contaminazioni accidentali, difetti di trattamento, carenza nella manutenzione delle tubature. Si tratta di eventi sporadici. In generale, più basso è il ph, più alta è la capacità di corrosione dell acqua. È necessario prestare un attenzione particolare al controllo del ph in tutti gli stadi del trattamento per assicurare una sufficiente chiarificazione e disinfezione dell acqua, per minimizzare la corrosione delle tubature e degli impianti, per garantire la costanza dell efficacia della disinfezione residua e per evitare alterazioni dell aspetto, odore e sapore dell acqua 3 La composizione dell acqua in Veneto porta a valori medi di ph compresi fra 7.5 e 8.0. La tabella 5.2 mostra i valori medi provinciali. Tabella 5.2: Valori medi provinciali di ph e conducibilità µs/cm a 20 C. Provincia ph Cond. BELLUNO PADOVA ROVIGO TREVISO VENEZIA VERONA VICENZA Anche la conducibilità, che costituisce la misura indiretta del contenuto salino dell acqua, è indicatore della sua aggressività cioè della sua capacità di solubilizzare i minerali di cui sono costituiti i materiali con cui l acqua è a contatto. I valori medi in Veneto sono compresi fra 200 e 450 µs/cm: i valori più bassi nelle acque della provincia di Belluno mentre i più alti nelle province di Rovigo e di Verona. I valori di ph e conducibilità nell acqua distribuita in provincia di Rovigo, non sono tuttavia direttamente riferibili alla composizione naturale alla captazione in quanto, prima della distribuzione, è oggetto di importanti trattamenti di potabilizzazione e disinfezione. Inoltre le acque attinte nella zona costiera di questa provincia, così come in altri territori costieri del Veneto, risentono dell intrusione salina, ovvero del flusso di acqua salata dal mare all acquifero. In queste acque si possono riscontrare valori più elevati di conducibilità accompagnati da alti livelli di sodio e cloruri. 3 fonte: Linee guida sulla qualità dell acqua destinata al consumo umano - Organizzazione Mondiale della Sanità

16 5. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri indicatori Un esempio è l acqua attinta dalla centrale acquedottistica di Occhiobello (RO) da pozzi prossimi al fiume Po. Nel 2011 nel mese di settembre nell acqua attinta da questi pozzi si sono rilevate le concentrazioni che si riportano di seguito nella tabella 5.3. Tabella 5.3: Valori riscontrati nei pozzi di attingimento ad Occhiobello a confronto con i valori medi provinciali di conducibilità µs/cm a 20 C, cloruri mg/l e sodio mg/l. COD PUNTO Cond Cl Na media 2011 provincia RO Fluoruri In aree ricche di minerali contenenti fluoro le acque possono arricchirsi in fluoruro. Il fluoro è un elemento essenziale per l uomo: è per esempio ormai risaputo che basse concentrazioni forniscono protezione contro la carie dentaria, specialmente nei bambini. Per l uomo la fonte più importante dell introito di Fluoro, pari all 80-85%, è il cibo mentre l acqua potabile contribuisce in parte minore (rif: Organizzazione Mondiale della Sanità ). In Veneto la concentrazione di fluoruri è molto bassa: in gran parte della regione la concentrazione è inferiore a 0.1 mg/l. Sono pochi i comuni dove viene bevuta acqua con livelli di fluoruri al di sopra dei limiti di quantificazione strumentale 4 e mai si superano i 0.3 mg/l (si consideri che il limite superiore è 1.5 mg/l). I dati medi comunali sono riportati nella tabella A4 in appendice. Ione ammonio Lo ione ammonio viene sempre incluso fra i parametri previsti sia dai controlli di tipo verifica sia da quelli di tipo routine. La sua presenza nell acqua potabile, di per se di scarsa rilevanza sanitaria, è considerata invece un indicatore di possibili inquinamenti batterici da reflui e liquami (fecali). Tuttavia in Veneto non è mai stata registrata la presenza di ione ammonio in relazione ad un inquinamento batterico. Alte concentrazioni di ione ammonio sono state registrate invece in acque dove è stata contemporaneamente rilevata la presenza di ferro, manganese e in alcuni casi di arsenico. Si tratta di acque attinte in zone a condizioni geopedologiche particolari dove la falda è alloggiata in terreni di natura torbosa. Si veda anche il capitolo 6 Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri chimici. 4 Il limite di quantificazione è la concentrazione minima che il laboratorio è in grado di misurare e che utilizza per esprimere la non presenza indicata nel presente rapporto con NQ 15

17 5. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri indicatori Figura 5.3: Andamento temporale della concentrazione dello ione ammonio (mg/l NH4). Nel grafico 5.3 si riporta l andamento temporale della concentrazione dello ione ammonio nell acqua attinta da un pozzo autonomo quale esempio di alta presenza di ammoniaca non dovuta ad apporti antropici. Alluminio L alluminio nell acqua si trova come conseguenza del rilascio dal suolo e dalle rocce oppure come conseguenza dei processi di coagulazione nella potabilizzazione dell acqua captata prima della sua distribuzione in rete. 5 In Veneto non vengono captate acque che naturalmente contengono alte concentrazioni di alluminio, invece è normalmente utilizzato dai gestori acquedottistici il trattamento di coagulazione con sali di alluminio. Se dopo il trattamento restano concentrazioni residue di alluminio queste possono depositarsi nelle tubature più prossime del sistema di distribuzione. Sbalzi di pressione o del flusso possono rimettere in circolo questi depositi alterando le qualità organolettiche dell acqua erogata a rubinetto. Per questo ARPAV controlla che non venga superato il limite massimo (200µg/l Al) non solo nei campioni di verifica ma, su indicazione dell Azienda ULSS che lo ritenga necessario, anche nei campioni di routine. Nel 2011 sono state eseguite 1282 analisi: il 44.9% dei dati è risultato inferiore al limite di quantificazione strumentale; il 52.6% dei dati è risultato inferiore a 100µg/l; 5 La coagulazione chimica si usa soprattutto per trattare le acque superficiali. La coagulazione è efficace per: rimuovere metalli pesanti e sostanze chimiche organiche a bassa solubilità (pesticidi organo-clorurati); rimuovere sostanze chimiche legate a materiale umico o assorbiti su materiale particolato. Per tutte le altre sostanze chimiche organiche, la coagulazione è in genere inefficace. (Fonte: Linee guida sulla qualità dell acqua destinata al consumo umano - Organizzazione Mondiale della Sanità ) 16

18 5. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri indicatori 28 analisi (il 2.2%) sono risultate superiori a 100µg/l; 4 analisi (0.3%) hanno superato il limite di 200µg/l. Un esempio di acqua che viene monitorata con frequenza maggiore è quella capatata da acqua superficiale e messa a disposizione della popolazione in provincia di Rovigo. La figura 5.4 che segue presenta l elaborazione dei dati di analisi di alluminio (µg/l Al) nei campioni effettuati presso impianti di trattamento di potabilizzazione in provincia di Rovigo. Figura 5.4: Dato medio annuo di alluminio in centrali di potabilizzazione in provincia di Rovigo. Acque piovane trattate In alcune zone montane l unica fonte idrica possibile è l acqua piovana. Essa viene raccolta e trattata in modo che al rubinetto rispetti quanto prescritto dal DLgs 31/01. In Veneto la raccolta di queste acque deve essere attuata con opere e impianti aventi i requisiti prescritti dalle Linee guida della Regione Veneto per il controllo delle acque destinate al consumo umano 6. Tipicamente si approvvigionano così alcune malghe montane che aprono stagionalmente e che utilizzano quest acqua sia per il consumo sia per l eventuale produzione di alimenti. I dati raccolti con i controlli effettuati dalle Az.ULSS territorialmente competenti, mostrano che sono acque a basso contenuto salino ma che il loro trattamento va particolarmente tenuto controllato per evitare la presenza dei parametri microbiologici, la concentrazione troppo alta di ammoniaca, l innalzamento eccessivo del ph e la alta concentrazione di disinfettante residuo. In appendice, nella tabella A5, sono raccolti i risultati analitici di questo particolare monitoraggio. 6 paragrafo dell allegato al Decreto del Dirigente Regionale n.15 del 09 febbraio

19 CAPITOLO 6 LE CARATTERISTICHE DELL ACQUA IN VENETO: ALCUNI PARAMETRI CHIMICI Come prescritto dal D.Lgs 31/01 i controlli di routine e di verifica attuati in tutti gli acquedotti assicurano il monitoraggio di un ampio numero di parametri microbiologici e di parametri indicatori ma specialmente di un ancor più ampio numero di parametri chimici. Fra i tanti parametri chimici ricercati sono pochi quelli effettivamente rintracciati: infatti è assai alto il numero di risultati analitici inferiori al limite di quantificazione strumentale. Nella figura 6.1 si può vedere che non si sono rilevate concentrazioni superiori al limite di quantificazione strumentale per: alcuni elementi inorganici (per esempio il cadmio, l antimonio o i cianuri), antiparassitari organoalogenati, pesticidi azotati, alcuni erbicidi, alcuni composti organo alogenati, composti organici aromatici come il benzene il toluene o gli xileni, fenoli IPA L elenco dei parametri che nell anno 2011 sono stati ricercati ma sono sempre risultati non quantificabili(nq) cioè il risultato analitico è inferiore al Limite di Quantificazione strumentale (LQ) è riportato in appendice nella tabella A6. 18

20 6. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri chimici Figura 6.1: Parametri analizzati ma mai risultati quantificabili. In questo capitolo si descrivono alcuni degli elementi chimici che nel 2011 sono risultati essere presenti in quantità almeno rilevabili dagli strumenti analitici dei laboratori ARPAV. Arsenico Esistono alcune limitate aree del Veneto dove nelle falde da cui è attinta acqua per il consumo umano è presente arsenico accompagnato da concentrazioni rilevanti di ammoniaca, ferro e manganese. L arsenico è un elemento chimico pericoloso per la salute umana se ingerito 1 ma è un contaminante inorganico naturale che deriva dalle rocce o dal suolo attraverso cui l acqua percola o su cui scorre. Nel corso degli anni il monitoraggio periodico sulle acque destinate al consumo umano ha permesso di raccogliere alcuni esempi di acque con arsenico, ione ammonio, ferro e manganese (vedi tabella 6.1). Per far fronte a queste criticità e salvaguardare la salute dei cittadini di queste aree dove era anche diffuso l approvvigionamento autonomo attraverso pozzi privati, sono state estese le reti acquedottistiche così da agevolare l uso di acqua di diversa provenienza e maggiormente monitorata. I controlli eseguiti nel 2011 hanno evidenziato la presenza di arsenico oltre il limite normativo di 10 µg/l solo in alcune captazioni autonome della provincia di Verona. A Belluno e a Venezia l arsenico è sempre inferiore la limite di quantificazione, a Padova, Rovigo e Treviso i dati non superano i 4 µg/l e a Vicenza si sono analizzati campioni con concentrazioni fino a 7 µg/l. Per approfondimenti si rimanda alle pagine del sito di ARPAV dove sono pubblicati i dati del monitoraggio della qualità delle acque sotterranee e i risultati del progetto MOSPAS il cui obiettivo è stato specificatamente lo studio del pa- 1 L arsenico può essere ingerito con cibi e bevande ma solo una minima parte di esso (l Arsenico inorganico) può dare intossicazione. I segni dell intossicazione cronica comprendono lesioni dermiche, neuropatia periferica, cancro della cute e malattie vascolari periferiche 19

21 6. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri chimici rametro arsenico nelle acque venete. Tabella 6.1: Alcuni punti di controllo con valori medi significativi di arsenico, ione ammonio, ferro e manganese Limiti D.Lgs 31/01 10 µg/l 0.5 mg/l 200µg/l 50 µg/l Stazione tipo As NH4 Fe Mn BOVOLONE Rete CALALZO Rete 8 NQ 57 CASALEONE Rete 3 NQ NQ 3 CASIER Grezza 1.2 NQ CASTAGNARO Grezza CEREA Grezza ERBE Rete NQ 28 GAZZO VERONESE Grezza ISOLA DELLA SCALA Grezza NQ 20 LAZISE Grezza NQ 25 LEGNAGO Rete NQ 140 NOGARA Grezza NOGAROLE ROCCA Rete 10 NQ NQ 11 NOVENTA VICENTINA Grezza OCCHIOBELLO Grezza PAESE Grezza 1.7 NQ PESCHIERA DEL GARDA Rete NQ 62 POIANA Rete ROVIGO Grezza SALIZZOLE Grezza SAN BONIFACIO Grezza NQ 100 SAN GIOVANNI ILARIONE Grezza 5 NQ NQ 8 SORGA Grezza TREVENZUOLO Rete NQ 3 TREVISO Grezza 2 NQ TREVISO Grezza TREVISO Grezza 3 34 VILLABARTOLOMEA Grezza

Acquedotto di Roé Volciano:

Acquedotto di Roé Volciano: Acquedotto di Roé Volciano: Sintesi dell infrastruttura; Descrizione del Piano di controllo interno; Documento Controlli chimici e microbiologici anno 2012. Pagina - 1 - di 6 1. Premessa La gestione del

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Cuggiono

L acqua potabile nel comune di Cuggiono L acqua potabile nel comune di Cuggiono Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Cuggiono, quale risulta dai controlli effettuati nel corso del

Dettagli

Acque minerali. Acque potabili

Acque minerali. Acque potabili Acque minerali La classe di appartenenza di un'acqua minerale, dipende dalla quantità residuale di sali in essa contenuti, definita residuo fisso, determinata facendo bollire a 180 un litro d'acqua sino

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

Acqua Minerale Naturale oligominerale fonte SAN BENEDETTO -naturale-

Acqua Minerale Naturale oligominerale fonte SAN BENEDETTO -naturale- Descrizione o modifica NOME COMMERCIALE ACQUA MINERALE NATURALE MARCHIO SAN BENEDETTO FORMATO TMC TERMINE MINIMO DI CONSERVAZIONE Naturale 2 Litri PET 18 Mesi 1.5 Litri PET 18 Mesi 1 Litri PET 18 Mesi

Dettagli

Chi beve l acqua che sgorga dal rubinetto di casa compie una cosa buona per l economia della propria famiglia e una per l ambiente.

Chi beve l acqua che sgorga dal rubinetto di casa compie una cosa buona per l economia della propria famiglia e una per l ambiente. GUIDA ALLA QUALITA DELL ACQUA POTABILE DEL COMUNE DI BAGNOLI IRPINO Chi beve l acqua che sgorga dal rubinetto di casa compie una cosa buona per l economia della propria famiglia e una per l ambiente. Bere

Dettagli

L ACQUA DEL RUBINETTO

L ACQUA DEL RUBINETTO L ACQUA DEL RUBINETTO Felino, 9 maggio 2013 Dott.ssa Nadia Fontani Comuni serviti da Iren Iren eroga il servizio idrico a 18 Comuni mediante 2 895 Km di rete acquedottistica Felino Centro Zona di Langhirano

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Cerro Maggiore

L acqua potabile nel comune di Cerro Maggiore L acqua potabile nel comune di Cerro Maggiore Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Cerro Maggiore, quale risulta dai controlli effettuati

Dettagli

Tariffario per analisi di acqua potabile (Stato 7.1.2016)

Tariffario per analisi di acqua potabile (Stato 7.1.2016) Dipartimento della sanità e della socialità LABORATORIO CANTONALE Tariffario per analisi di acqua potabile (Stato 7.1.2016) Prestazioni di servizio del laboratorio cantonale per analisi di acqua potabile.

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO Codice A) MANO D'OPERA F.1 A.1 Chimico, biologo (laureato iscritto all'ordine) F.2 Chimico, biologo ora 42,80 ( Euro/ora quarantavirgolazero) A.2 Tecnico

Dettagli

2) Descrizione del monitoraggio della qualità dell acqua

2) Descrizione del monitoraggio della qualità dell acqua Valutazione del rischio igienico associato al pericolo e individuazione dei limiti critici Il Piano di autocontrollo deve basarsi sull analisi e valutazione del rischio, applicando in ogni fase o processo

Dettagli

ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA

ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA Lunedì 1 dicembre 2014 due tecnici (Silvana Moretti e Paola Migliorati )del Laboratorio Sanità pubblica ASL di Bergamo specializzati nell analisi dell acqua, (in

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE. La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare. Mario Tomasoni. Brescia 16.12.

COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE. La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare. Mario Tomasoni. Brescia 16.12. COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare Mario Tomasoni Brescia 16.12.2013 IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NEL GRUPPO A2A Il Gruppo A2A gestisce

Dettagli

Qualità delle acque destinate al consumo umano distribuite dagli acquedotti pubblici del Veneto. Rapporto anno 2004

Qualità delle acque destinate al consumo umano distribuite dagli acquedotti pubblici del Veneto. Rapporto anno 2004 Qualità delle acque destinate al consumo umano distribuite dagli acquedotti pubblici del Veneto. Rapporto anno 2004 Osservatorio Acque Interne Dipartimento Provinciale di Padova Pagina 1 di 93 SOMMARIO

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

RISULTATI DI OLTRE 13.500 CONTROLLI EFFETTUATI DAL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

RISULTATI DI OLTRE 13.500 CONTROLLI EFFETTUATI DAL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Dipartimento di Sanità Pubblica Unità Operativa Igiene degli Alimenti e Nutrizione RISULTATI DI OLTRE 13.500 CONTROLLI EFFETTUATI DAL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE dell AZIENDA USL di BOLOGNA SULL

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Qualità dell'acqua nel tuo comune

Qualità dell'acqua nel tuo comune Qualità dell'acqua nel tuo comune Qui di seguito trovate il glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (ph) E' la misura della quantità di

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

Acque imbottigliate: minerali, di sorgente e potabili. Sviluppo delle problematiche relative alle diverse tipologie

Acque imbottigliate: minerali, di sorgente e potabili. Sviluppo delle problematiche relative alle diverse tipologie Francesco Mantelli - Dipartimento ARPAT di Firenze via Ponte alle Mosse, 211-50 144 Firenze f.mantelli@arpat.toscana.it Acque imbottigliate: minerali, di sorgente e potabili. Sviluppo delle problematiche

Dettagli

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA ph E CONDUCIBILITA Conducibilità elettrica La conducibilità di un acqua è in stretta relazione al suo contenuto

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne

I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne Filippo Mion RETI DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELLE ACQUE SAI predispone i piani di monitoraggio e raccoglie e valuta i risultati dei monitoraggi

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO CERNUSCO SUL NAVIGLIO "La situazione idrica nella nostra città" Pelosi M., Peterlongo G. CAP Gestione NORMATIVA VIGENTE ACQUE POTABILI Dal 25 dicembre 2003 é in vigore il D.Lgs. 31 del 2 febbraio 2001

Dettagli

Cap. 3 L acqua da bere nelle vallate d Alpone e Tramigna

Cap. 3 L acqua da bere nelle vallate d Alpone e Tramigna Acqua: l oro blu. pagina 36 Cap. 3 L acqua da bere nelle vallate d Alpone e Tramigna Acqua: l oro blu. pagina 37 Torrente Aldegà nella Valle di Roncà Premessa In questo capitolo ci occuperemo della qualità

Dettagli

ANALISI ACQUA POTABILE ACQUEDOTTO DI ERBA e ALBAVILLA

ANALISI ACQUA POTABILE ACQUEDOTTO DI ERBA e ALBAVILLA Pag. 1 di 8 ANALISI ACQUA POTABILE ACQUEDOTTO DI ERBA e ALBAVILLA Premessa: La città di ERBA, dal punto di vista idrico, è suddivisa in 4 zone: - zona 1 frazione di Carpesino, Arcellasco, Crevenna, Buccinigo:

Dettagli

La gestione del Servizio Idrico Integrato di Rimini e la qualità dell acqua potabile

La gestione del Servizio Idrico Integrato di Rimini e la qualità dell acqua potabile ECOMONDO 07 novembre 2008 venerdì La gestione del Servizio Idrico Integrato di Rimini e la qualità dell acqua potabile Ing. Pierpaolo Martinini Responsabile Reti Hera Rimini Srl Principali fonti del territorio

Dettagli

L acquache beviamo. Azienda USL di Modena Dipartimento di Sanità Pubblica

L acquache beviamo. Azienda USL di Modena Dipartimento di Sanità Pubblica L acqua che beviamo Azienda USL di Modena Dipartimento di Sanità Pubblica Hanno realizzato questo opuscolo: Armando Franceschelli Diana Altiero Simona Bonetti Sabrina Severi Servizio Igiene degli Alimenti

Dettagli

ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate

ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate L ORGANISMO ANIMALE NON SOPRAVVIVE ALLA PERDITA DEL 10% DI ACQUA Permette la vita, che può essere considerata

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITÀ Laboratorio Analisi

MANUALE GESTIONE QUALITÀ Laboratorio Analisi 1,1,1-Tricloroetano Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,1,2-Tricloroetano Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,1-Dicloroetilene Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,2,4-Triclorobenzene Acqua APHA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SANITA'

DIREZIONE GENERALE SANITA' 2275 13/03/2013 Identificativo Atto n. 180 DIREZIONE GENERALE ANITA' AGGIORNAMENTO DEL REGITRO DELLA REGIONE LOMBARDIA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO ANALII NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 5 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano, di piscina Conta di Legionella spp (compresa Legionella pneumophila) UNI EN ISO 11731-2: 2008 Acque destinate al

Dettagli

LE ANALISI SULL ACQUA

LE ANALISI SULL ACQUA LE ANALISI SULL ACQUA L'acqua e i suoi composti naturali Chimicamente l acqua è una molecola composta da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno. Durante il suo percorso attraverso il terreno e le rocce,

Dettagli

Il controllo della qualità delle acque destinate al consumo umano

Il controllo della qualità delle acque destinate al consumo umano Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria Il controllo della qualità delle acque destinate al consumo umano assessorato.valmaggia@regione.piemonte.it Il controllo delle acque acque destinate al

Dettagli

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI PARAMETRI CHIMICI E FISICI DI BASE

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI PARAMETRI CHIMICI E FISICI DI BASE INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI Di seguito vengono riportati i parametri chimico-fisici e microbiologici utilizzati da FEM2 Ambiente per valutare la qualità delle acque destinate al consumo umano. I valori

Dettagli

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO FOGNARIO DI DEPURAZIONE E DEGLI SCARICHI MAGGIO 2001. TITOLO I...4 FINALITA DEL REGOLAMENTO...4 ART.1 Oggetto del regolamento...4 ART. 2 Ambito

Dettagli

Mantova 1 luglio 2011 L acqua potabile Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Asl di Mantova

Mantova 1 luglio 2011 L acqua potabile Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Asl di Mantova Mantova 1 luglio 2011 L acqua potabile Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Asl di Mantova 1 luglio 2011 SIAN - Settore Acque Potabili 1 LA TERRA E L ACQUA La Terra è l unico pianeta del sistema

Dettagli

L Acqua. Sommario: Che cosa è l acqua ed il suo percorso Acqua da bere: l etichetta della bottiglia Il Problema inquinamento Risparmiare acqua

L Acqua. Sommario: Che cosa è l acqua ed il suo percorso Acqua da bere: l etichetta della bottiglia Il Problema inquinamento Risparmiare acqua L Acqua Sommario: Che cosa è l acqua ed il suo percorso Acqua da bere: l etichetta della bottiglia Il Problema inquinamento Risparmiare acqua Risorse idriche Approvvigionamento Fonti Il Ciclo dell acqua

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-2015-821 del 09/12/2015 Oggetto Direzione Tecnica. Presa d'atto

Dettagli

Apparecchi domestici ed esiti analitici, alcune esperienze

Apparecchi domestici ed esiti analitici, alcune esperienze Francesco Mantelli - Dipartimento ARPAT di Firenze f.mantelli@arpat.toscana.it Apparecchi domestici ed esiti analitici, alcune esperienze Corso Apparecchi domestici di trattamento dell acqua - Utilizzo

Dettagli

La qualità dell acqua distribuita dal civico acquedotto di Brescia

La qualità dell acqua distribuita dal civico acquedotto di Brescia La qualità dell acqua distribuita dal civico acquedotto di Brescia Conferenza stampa del 28 febbraio 2014 Mario Tomasoni I PUNTI DI MONITORAGGIO DELL ACQUA DISTRIBUITA Punti di controllo totali: 26 Circoscrizione

Dettagli

Le acque potabili di acquedotto Dipartimento ARPAT di Firenze Edificio C -1 Piano Via Ponte alle Mosse 211 22 novembre 2010 1

Le acque potabili di acquedotto Dipartimento ARPAT di Firenze Edificio C -1 Piano Via Ponte alle Mosse 211 22 novembre 2010 1 Francesco Mantelli - Dipartimento ARPAT di Firenze f.mantelli@arpat.toscana.it Acque potabili: normativa di riferimento, requisiti di qualità e impiego dei sistemi di trattamento Giornata informativa Le

Dettagli

DISCIPLINA DEI CONTROLLI

DISCIPLINA DEI CONTROLLI LINEA GUIDA PER LA STESURA DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO DA PARTE DEL GESTORE DEL SERVIZIO IDRICO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 2906 DEL 10 DICEMBRE 2004 Approvazione di direttive

Dettagli

CONVEGNO Acqua potabile e grandi città a confronto: emergenze idriche

CONVEGNO Acqua potabile e grandi città a confronto: emergenze idriche Dipartimento Prevenzione Medico S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione CONVEGNO Acqua potabile e grandi città a confronto: emergenze idriche Linee guida ed esperienze regionali: la Liguria 30 novembre 2011

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

Predisposizione di un modello di controllo delle acque potabili: modalità di lavoro ed analisi dei dati

Predisposizione di un modello di controllo delle acque potabili: modalità di lavoro ed analisi dei dati Predisposizione di un modello di controllo delle acque potabili: modalità di lavoro ed analisi dei dati Leonella Rossi Direzione Tecnica Arpa Emilia Romagna Claudio Bonifazzi Professore di Statistica e

Dettagli

Fitosanitari Ambiente Salute

Fitosanitari Ambiente Salute Fitosanitari Ambiente Salute Dati di vendita/esportazione dei prodotti fitosanitari nella Regione del Veneto Rapporto anno 212 1 - Dati di vendita ed esportazione dei prodotti fitosanitari nella regione

Dettagli

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano Decreto Legislativo n 31 del 2/02/2001 e ss.mm.ii. Decreto Dirigenziale

Dettagli

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO E al capitolato d'oneri ELENCO PREZZI LOTTO 1 Matrice Parametro

Dettagli

BREVE DESCRIZIONE DEL SIGNIFICATO DEI DIVERSI PARAMETRI PER L ANALISI DELL ACQUA POTABILE

BREVE DESCRIZIONE DEL SIGNIFICATO DEI DIVERSI PARAMETRI PER L ANALISI DELL ACQUA POTABILE BREVE DESCRIZIONE DEL SIGNIFICATO DEI DIVERSI PARAMETRI PER L ANALISI DELL ACQUA POTABILE In questa tabella troverai la descrizione dei singoli parametri di qualità dell acqua disponibili nel servizio

Dettagli

22 marzo 2013 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ACQUA DISTRIBUITA DALL ACQUEDOTTO DI CAMPOBASSO 2009 2010 2011 2012

22 marzo 2013 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ACQUA DISTRIBUITA DALL ACQUEDOTTO DI CAMPOBASSO 2009 2010 2011 2012 Il RAPPORTO SULLA QUALITÀ DELL ACQUA DISTRIBUITA DALL ACQUEDOTTO COMUNALE DI CAMPOBASSO è a cura di Giovanni TUCCI - Michaela ANTENUCCI - Giuseppe GRANIERO - Luca D AGNILLO (Idrosfera Srl Unipersonale

Dettagli

BERGAGNA SIMONE INDICE Generalità L acqua nel pianeta L acqua nell organismo Stati fisici dell acqua Il ciclo dell acqua Acqua potabile La carta europea dell acqua Come leggere l etichetta dell acqua Classificazione

Dettagli

L acqua di Genova: controlli di qualità e iniziative di ricerca. Franca Palumbo - Fabio Bonfiglioli Laboratori Iride Acqua Gas

L acqua di Genova: controlli di qualità e iniziative di ricerca. Franca Palumbo - Fabio Bonfiglioli Laboratori Iride Acqua Gas L acqua di Genova: controlli di qualità e iniziative di ricerca Franca Palumbo - Fabio Bonfiglioli Laboratori Iride Acqua Gas Introduzione Aspetti di gestione distribuzione risorse idriche Controlli di

Dettagli

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06.

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06. Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06 Acque sotterranee D.M. 471/99 D.Lgs. 152/06 Sostanze Valori limite (μ/l) Sostanze

Dettagli

L organizzazione e la gestione del servizio idrico integrato

L organizzazione e la gestione del servizio idrico integrato 1 Università degli Studi ROMA TRE anno accademico 2007-2008 L organizzazione e la gestione del servizio idrico integrato dott. ing. Giorgia Ronco www.ato2roma.it 2 L organizzazione e la gestione del servizio

Dettagli

Sede INPS di competenza. 3 Angiari 919 998 1917 Legnago 21 Legnago 37050 A292 23003 LEGNAGO

Sede INPS di competenza. 3 Angiari 919 998 1917 Legnago 21 Legnago 37050 A292 23003 LEGNAGO Sede INPS di competenza di 1 Affi 1073 1114 2187 Caprino Veronese 22 Bussolengo 37010 A061 23001 AFFI 2 Albaredo d'adige 2617 2627 5244 Legnago 20 Verona 37041 A137 23002 VERONA 3 Angiari 919 998 1917

Dettagli

CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura

CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura Regolamento del servizio di fognatura e depurazione TABELLE E SCHEMI TECNICI (Approvati con Delibera c.d.a. n. 30/7 del 14/01/2004) Aggiornamento

Dettagli

ACQUA POTABILE Questa figura illustra come venga resa potabile l acqua fornita alle case nelle città.

ACQUA POTABILE Questa figura illustra come venga resa potabile l acqua fornita alle case nelle città. (3) Filtro (4) Aggiunta di cloro (5) Analisi della qualità dell'acqua Laboratorio di Ricerca Educativa e Didattica COGNOME NOME CLASSE DATA VERIFICA DI ASSE SULL'ACQUA 1 Riserva d'acqua (Bacino idrico

Dettagli

valori, qualità, consigli Il corso della vita.

valori, qualità, consigli Il corso della vita. Utenze Servizio domestiche idrico acqua Acqua Hera valori, qualità, consigli Il corso della vita. L acqua è un valore che non va mai fuori corso il ciclo dell acqua Siamo la seconda società italiana nei

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

Elenco Prove e Servizi

Elenco Prove e Servizi Pagina 1 di 7 Elenco Prove e Servizi AGGIORNAMENTO 21.09.2014 Pagina 2 di 7 Parametri PER ALIMENTI Bacillus cereus UNI EN ISO 7932:2005 Bacillus spp UNI EN 15784:2009 Conta Campylobacter spp ISO 10272-1:2006

Dettagli

ACQUA. RUOLO: - assimilazione - disassimilazione. FUNZIONI: - solvente - veicolante - termoregolatrice - apporto di sali minerali

ACQUA. RUOLO: - assimilazione - disassimilazione. FUNZIONI: - solvente - veicolante - termoregolatrice - apporto di sali minerali ACQUA RUOLO: - assimilazione - disassimilazione FUNZIONI: - solvente - veicolante - termoregolatrice - apporto di sali minerali DISPONIBILITA ¾ del pianeta ricoperti da acqua < 3% dolce 0,6 % falde freatiche

Dettagli

Caratteristiche delle acque naturali

Caratteristiche delle acque naturali Caratteristiche delle acque naturali Acque meteoriche: contengono in soluzione i gas costituenti l atmosfera; non contengono generalmente sostanze solide ed organiche; risorsa quantitativamente marginale

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Direttore Dr. Iginio Pintor LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI Con il termine

Dettagli

Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a

Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a causa del bombardamento pubblicitario, che le acque

Dettagli

INDAGINE DEL GRUPPO DI LAVORO ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO

INDAGINE DEL GRUPPO DI LAVORO ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO INDAGINE DEL GRUPPO DI LAVORO ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO Sabrina Sorlini*, Francesca Gialdini*, Sandro Teruggi** * Università degli Studi di Brescia, Facoltà di Ingegneria, e-mail: sabrina.sorlini@ing.unibs.it,

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI RICHIESTA NULLA OSTA IGIENICO SANITARIO PER. Nuova autorizzazione sanitaria art.2 L. 283/62 e DPR 327/80 - per

SCHEDA TECNICA DI RICHIESTA NULLA OSTA IGIENICO SANITARIO PER. Nuova autorizzazione sanitaria art.2 L. 283/62 e DPR 327/80 - per REGIONE TOSCANA Dipartimento della Salute e Politiche di Solidarietà Servizio Sanitario Nazionale Regione Toscana AZIENDA U.S.L. N 2 Lucca AREA FUNZIONALE DELLA PREVENZIONE Ufficio Coordinamento Attività

Dettagli

QUALITA DELL ACQUA DELLE PISCINE. Stefano Pieroni Montecatini Terme 22 ottobre 2010

QUALITA DELL ACQUA DELLE PISCINE. Stefano Pieroni Montecatini Terme 22 ottobre 2010 QUALITA DELL ACQUA DELLE PISCINE Stefano Pieroni Montecatini Terme 22 ottobre 2010 Stefano Pieroni Montecatini Terme 22 ottobre 2010 QUALITA DELL ACQUA Fin dall antichità l uso ricreativo e terapeutico

Dettagli

ACQUA DI RUBINETTO. USO CRITICO DELL ACQUA Ambito Domestico

ACQUA DI RUBINETTO. USO CRITICO DELL ACQUA Ambito Domestico ACQUA DI RUBINETTO ACQUA MINERALE Ing. Marianna Garfì USO CRITICO DELL ACQUA Ambito Domestico Acqua Minerale CONFRONTO Acqua Potabile QUALITATIVO AMBIENTALE ECONOMICO ACQUE MINERALI Acque sotterranee di

Dettagli

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Introduzione In questo capitolo viene presentata la mortalità per malattie epatiche. Si è scelto di aggregare patologie classificate in diverse parti della

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua sotterranea, superficiale potabile, Acqua di scarico, percolato Idrocarburi totali come n-esano APAT CNR IRSA 5160B2 Man 29 2003 Acque di scarico

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

PROGETTO SOVRAGENDA 21

PROGETTO SOVRAGENDA 21 PROGETTO SOVRAGENDA 21 I DATI AMBIENTALI QUALI STRUMENTO DI CONOSCENZA DELTERRITORIO comune di Legambiente Circolo Udine associazione ambientale che è presente sul territorio udinese dal 1986 con innumerevoli

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

AUTORITA DI AMBITO N.2 BASSO VALDARNO. Allegato n. 4 TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORITA DI AMBITO N.2 BASSO VALDARNO. Allegato n. 4 TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI AUTRITA DI AMBIT N.2 BASS VALDARN Allegato n. 4 TARIFFA DI FGNATURA E DEPURAZINE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI TARIFFA DI FGNATURA E DEPURAZINE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI CALCL DELLA TARIFFA La

Dettagli

INDICE I.1 Localizzazione dei Bacini Idrogeologici... 4

INDICE I.1 Localizzazione dei Bacini Idrogeologici... 4 INDICE I.1 Localizzazione dei Bacini Idrogeologici... 4 I.1.1 Analisi dello stato qualitativo e indicatori... 5 I.1.2 Analisi dei dati... 7 I.2 Bacino Idrogeologico di Sibari... 8 I.2.1 Stato qualitativo...

Dettagli

L ACQUA DEL NOSTRO RUBINETTO Buona, sicura, da non sprecare.. 4 Novembre 2008

L ACQUA DEL NOSTRO RUBINETTO Buona, sicura, da non sprecare.. 4 Novembre 2008 L ACQUA DEL NOSTRO RUBINETTO Buona, sicura, da non sprecare.. 4 Novembre 2008 L acqua, come l aria che respiriamo, è indispensabile alla vita di ogni uomo e rappresenta quindi un bene prezioso, da proteggere

Dettagli

PROGETTO SOVRAGENDA 21

PROGETTO SOVRAGENDA 21 PROGETTO SOVRAGENDA 21 I DATI AMBIENTALI QUALI STRUMENTO DI CONOSCENZA DELTERRITORIO comune di Legambiente Circolo Udine associazione ambientale che è presente sul territorio udinese dal 1986 con innumerevoli

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

Direttive alle Aziende ULSS ed Ospedaliere e all IRCCS Istituto Oncologico Veneto per la predisposizione del Bilancio Preventivo Economico Annuale

Direttive alle Aziende ULSS ed Ospedaliere e all IRCCS Istituto Oncologico Veneto per la predisposizione del Bilancio Preventivo Economico Annuale Direttive alle Aziende ULSS ed Ospedaliere e all IRCCS Istituto Oncologico Veneto per la predisposizione del Bilancio Preventivo Economico Annuale 2013, ex art. 25 D.Lgs. 118/2011 e proroga dei termini

Dettagli

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Angelo ROBOTTO Direttore Generale ARPA Piemonte Ambiente Sano per una Alimentazione

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati. Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi

Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati. Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi Organizzazione della rete Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi Organizzazione della rete PRONTO SOCCORSO PUNTO DI PRIMO INTERVENTO

Dettagli

Elenco degli indirizzi e dei recapiti degli Archivi di Ente locale della provincia di Verona

Elenco degli indirizzi e dei recapiti degli Archivi di Ente locale della provincia di Verona Elenco degli indirizzi e dei recapiti degli Archivi di Ente locale della provincia di Verona ARCHIVIO DELLA PROVINCIA DI VERONA La documentazione antecedente al 1866 è stata depositata presso l Archivio

Dettagli

QUALITÀ DELL ACQUA POTABILE: INCHIESTA IN 35 CITTÀ. Acqua. pulita

QUALITÀ DELL ACQUA POTABILE: INCHIESTA IN 35 CITTÀ. Acqua. pulita QUALITÀ DELL ACQUA POTABILE: INCHIESTA IN 35 CITTÀ Acqua pulita A tre anni dall ultima inchiesta, entrata in vigore una nuova legge che pone limiti più severi, siamo tornati a verificare la qualità dell

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2012

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2012 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNA DEL BENACO ORIENTALE Comuni di: BRENTINO BELLUNO, BRENZONE, CAPRINO VERONESE, FERRARA DI MONTE BALDO, MALCESINE, SAN ZENO DI MONTAGNA MONTI LESSINI

Dettagli

Fitosanitari Ambiente Salute. Vendita di prodotti fitosanitari nella Regione Veneto

Fitosanitari Ambiente Salute. Vendita di prodotti fitosanitari nella Regione Veneto Fitosanitari Ambiente Salute Vendita di prodotti fitosanitari nella Regione Veneto Rapporto anno 2013 Direttore Generale Carlo Emanuele Pepe Direttore Tecnico Paolo Rocca Progetto e realizzazione Dipartimento

Dettagli

ACQUA MINERALE DAL RUBINETTO

ACQUA MINERALE DAL RUBINETTO Pagina 1 di 5 ACQUA MINERALE DAL RUBINETTO A Roma l'acqua del rubinetto di casa non solo è potabile ma risulta minerale, salutare, economica e pronta per essere bevuta. Dopo il convegno di Venezia dedicato

Dettagli

PARAMETRI MICROBIOLOGICI

PARAMETRI MICROBIOLOGICI PARAMETRI MICROBIOLOGICI METODICA Tipo di analisi Coliformi totali I batteri Coliformi sono un gruppo molto ampio di microrganismi, di cui fa parte anche Escherichia coli, derivanti sia da matrici fecali

Dettagli

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Maurizio Di Tonno Nucleo Operativo Bonifiche e Suolo Marco Fontana, Maria Radeschi Rischio industriale ed Igiene industriale Roma, 29 Gennaio 2015 Competenze

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLE MARCHE ARA LE ACQUE MINERALI. Dr. Ferdinando De Rosa. Macerata Feltria, 22 febbraio 2003

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLE MARCHE ARA LE ACQUE MINERALI. Dr. Ferdinando De Rosa. Macerata Feltria, 22 febbraio 2003 ARA LE ACQUE MINERALI Dr. Ferdinando De Rosa Macerata Feltria, 22 febbraio 2003 L acqua ricopre i 7/10 dell intera superficie terrestre. Il suo volume totale si aggira intorno a 1450 milioni di Km3 dei

Dettagli

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone.

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Nei Comuni di Storo e Bondone viene analizzata regolarmente l acqua degli acquedotti per assicurarsi che rispetti i limiti stabiliti dal Decreto

Dettagli

PROGETTO SOVRAGENDA 21

PROGETTO SOVRAGENDA 21 PROGETTO SOVRAGENDA 21 I DATI AMBIENTALI QUALI STRUMENTO DI CONOSCENZA DELTERRITORIO comune di CAMPOFORMIDO Legambiente circolo Udine Legambiente Circolo Udine associazione ambientale che è presente sul

Dettagli

L acqua. Quando tantissime molecole di acqua si fondono insieme possiamo vedere l'acqua e berla o usarla.

L acqua. Quando tantissime molecole di acqua si fondono insieme possiamo vedere l'acqua e berla o usarla. L acqua L'acqua è una sostanza molto importante, poiché forma la maggior parte dell'organismo umano. E' fatta di particelle molto piccole, gli ATOMI. Uno di questi atomi è chiamato IDROGENO (H) e l'altro

Dettagli

acqua Hera valori, qualità, consigli

acqua Hera valori, qualità, consigli Utenze Servizio domestiche idrico acqua Hera valori, qualità, consigli L acqua è un valore che non va mai fuori corso Siamo una delle maggiori società italiane nei servizi idrici. Negli ultimi 5 anni abbiamo

Dettagli

La rete di monitoraggio del Veneto

La rete di monitoraggio del Veneto La rete di monitoraggio del Veneto Flavio Trotti Elena Caldognetto ARPA VENETO Dipartimento Provinciale di Verona Giornata di studio: La radioattività nelle acque potabili ed il gemellaggio di ARPA Veneto

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

L Etichetta dell Acqua Minerale Naturale MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

L Etichetta dell Acqua Minerale Naturale MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L Etichetta dell Acqua Minerale Naturale 1 uno Come orientarsi nella scelta delle acque

Dettagli

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata.

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. L importanza dell acqua dolce Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. Il deficit mondiale di acqua L acqua è un bene indispensabile per la sopravvivenza

Dettagli