IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011"

Transcript

1 IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011 Servizio Osservatorio Acque Interne agosto 2012

2 ARPAV Direttore Generale: Carlo Emanuele Pepe Direttore Area Tecnico-Scientifica: Paolo Rocca PROGETTO E REALIZZAZIONE Servizio Osservatorio Acque Interne: Italo Saccardo Autori: Paola Vazzoler e Lucio D Alberto con la collaborazione di Cinzia Boscolo e Paolo Zambotto MONITORAGGIO Aziende Unità Locali Socio Sanitarie della Regione Veneto ARPAV - Dipartimento Regionale Laboratori

3 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE Grazie al monitoraggio delle acque destinate al consumo umano gestito dalla Aziende ULSS con il supporto laboratoristico di ARPAV, è possibile produrre anche per l anno 2011 una fotografia della situazione per tutto il Veneto. In questo report si descrive il monitoraggio eseguito nel 2011, i risultati analitici ottenuti, nonchè l andamento temporale di alcuni elementi caratteristici di maggiore rilevanza. I dati elaborati in questo report sono quelli archiviati nel sistema SIRAV (Sistema Informativo Regionale per l Archiviazione delle Informazioni Ambientali) di ARPAV a cui accedono, sia per l implementazione sia per la consultazione, anche i Servizi Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) delle Aziende ULSS mediante l applicativo web SInAP (Sistema Informavo Acque Potabili). I dati si riferiscono soprattutto a campioni dell acqua distribuita dalla rete acquedottistica ma anche erogata da opere di captazione autonoma a rilevanza pubblica. Nel presente report i dati sono stati elaborati utilizzando: l aggregazione a scala comunale; l aggregazione a scala di Aziende ULSS; l aggregazione a scala di acquedotto. Sono stati anche confrontati i risultati analitici con i limiti di legge (D.Lgs 31/01 e sue modif.) per i soli parametri dove questi sono stati fissati. In tal modo si sono evidenziati il tipo e il numero di superamenti occorsi. 2

4 1. INTRODUZIONE 0,4 0,3 veneto 2011 % analisi conformi %_superamenti_microbiologici 99,3 %_superamenti_chimici Figura 1.1: Risultati microbiologici e chimici del 2011 che rispettano/non rispettano i limiti normativi. In estrema sintesi i numeri salienti del monitoraggio delle acque destinate al consumo umano del Veneto nel 2011 sono i seguenti: sono state monitorate 696 reti acquedottistiche e 248 captazioni autonome; sono stati visitati 3763 punti di controllo; sono stati raccolti 8120 campioni; sono state eseguite analisi; il 99,3 % dei risultati analitici ha rispettato i valori di parametro normativi. Per informazioni sulla normativa che disciplina i controlli, sulle competenze dei vari attori coinvolti e sui parametri analitici monitorati è possibile consultare il sito internet di ARPAV nelle pagine dedicate al tema acqua potabile. ambientali/acqua/acque interne/acque potabili 3

5 CAPITOLO 2 COSA SI INTENDE PER ACQUEDOTTI NELLA RETE ACQUE POTABILI DI SIRAV Durante il 2011 sono state migliorate le informazioni presenti in SIRAV riguardanti le reti di distribuzione. Partendo dalla localizzazione dei punti di monitoraggio eseguiti dalle Aziende ULSS, dalla conoscenza di ARPAV del territorio e infine dalla disponibilità di informazioni da parte degli enti gestori, è stato aggiornato il codice identificativo di ogni rete di distribuzione dell acqua potabile cioè di ogni acquedotto e ricostruita, perlopiù a scala sovra comunale, ogni rete di distribuzione. Ogni acquedotto è inteso come zona di approvvigionamento omogeneo cioè una zona geograficamente definita all interno della quale le acque destinate al consumo umano provengono da una o varie fonti e la loro qualità può essere considerata sostanzialmente uniforme (nota 1 - Tabella B1 - Allegato II - D.Lgs 31/01). Per ogni acquedotto si conoscono: le fonti di approvvigionamento; i controlli eseguiti; i comuni da esso serviti; il gestore che assicura la buona distribuzione dell acqua. In tutti i comuni del Veneto è attivo un servizio idrico integrato per l approvvigionamento e la distribuzione dell acqua potabile e per la raccolta e la depurazione delle acque reflue. Nel 2011 restano ancora esclusi i comuni di: Belfiore, Villa Bartolomea, Nogara e Palù in provincia di Verona per i quali i lavori di costruzione delle reti sono stati solo approvati. In questi comuni l approvvigionamento avviene ancora solo attraverso i pozzi privati: ad esempio a Belfiore (comune di 2800 abitanti) si approvvigiona con circa 900 pozzi privati e la rete in costruzione potrà comunque fornire acqua solo a 600 allacciamenti (fonte: AATO Veronese - luglio 2011). 4

6 2. Cosa si intende per acquedotti nella rete acque potabili di SIRAV Nella regione si possono sostanzialmente riconoscere due tipi di acquedotti: quelli con estensione minima (anche di solo un chilometro) o a servizio di meno di 5000 abitanti e quelli più estesi (reti di centinaia di chilometri) e a servizio di più di 5000 abitanti. I piccoli acquedotti tipicamente servono i territori montani e pedemontani e nel sistema informativo ne sono censiti più di 600. Di acquedotti che servono più di 5000 abitanti invece ne sono codificati 115 e sono elencati, in appendice, nella tabella A1. Secondo dati ISTAT risalenti al 2007, il totale della popolazione servita da questi grandi acquedotti era di abitanti su una popolazione veneta totale di persone. Nella figura 2.1 sono evidenziate le aree sovracomunali dove insistono le 30 reti di distribuzione a servizio di più di abitanti. Figura 2.1: Aree territoriali servite da grandi reti acquedottistiche a servizio di più di abitanti. 5

7 CAPITOLO 3 IL PIANO DEI CONTROLLI 2011 Il piano dei controlli è annualmente progettato e attuato, come ormai avviene dal , dai SIAN delle Aziende ULSS, seguendo i dettami del D.lgs 31/01 e sue modifiche (recepimento italiano della Direttiva 98/00/CE) e delle Linee Guida della Regione Veneto per il controllo delle acque destinate al consumo umano. 2 I principali punti di controllo sono: rubinetti dove l acqua è a disposizione del consumatore, rubinetti dedicati in punti rappresentativi dell acqua prelevata dalle opere di presa, rubinetti dedicati in punti a valle dei trattamenti di potabilizzazione effettuati, rubinetti dedicati in punti di consegna in tratti terminali di rete. Anche se, per tutelare la disponibilità di risorsa idrica idonea al consumo umano, la Regione del Veneto ha introdotto regole restrittive per la terebrazione di pozzi ad uso privato (Piano di Tutela delle acque 3, Aggiornamento 2011 del MOSAV 4 ), è ancora molto in uso l approvvigionamento autonomo soprattutto in comuni dove la rete acquedottistica è ancora poco sviluppata oppure nei territori dove facilmente si accede a falde ricche di acqua di buona qualità. In queste zone sono monitorati anche pozzi autonomi che approvvigionano edifici e strutture a rilevanza pubblica (scuole, ospedali, edifici per associazioni, ecc.). 1 In Italia alla fine del 2003, con l entrata in vigore del D.Lgs 31/01, viene riformato il controllo delle acque destinate al consumo umano sia nella pianificazione dei punti di controllo e nella frequenza con cui vengono visitati, sia nei parametri analitici da monitorare, sia infine nei valori di parametro a cui fare riferimento per stabilire la idoneità all uso. 2 Decreto del Dirigente della Regione Veneto n.15 del 09/02/2009 (Primo aggiornamento alla DGRV 4080/ Linee guida regionali per la sorveglianza ed il controllo delle acque destinate al consumo umano nella Regione del Veneto). 3 Deliberazione del Consiglio regionale n.107 del 5 novembre 2009 e DGR n.80 del 27 gennaio Modello strutturale degli acquedotti del Veneto - DGR n.1688 del 16 giugno

8 3. Il piano dei controlli 2011 Nelle zone montane dove non ci sono sorgenti o pozzi e dove non c e alcuna rete acquedottistica, l approvvigionamento avviene attraverso il trattamento delle acque piovane. Alcuni punti di controllo sono costituiti proprio da rubinetti di malghe dotate di questo tipo di approvvigionamento. Nel 2011, su un totale di 8477 punti di controllo attivi5 gli operatori SIAN hanno pianificato e attuato la visita di 3763 stazioni prelevando 8120 campioni. Nella figura 3.1 sono evidenziate le stazioni visitate una o piu volte nel corso dell anno Figura 3.1: Localizzazione delle stazioni e numero di controlli nel Nella rete acque potabili sono registrate 9264 stazioni. A 805 di queste e stata associata la fine validita cioe hanno perduto il loro valore di rappresentativita diventando non piu utilizzabili ai fini del monitoraggio 7

9 3. Il piano dei controlli 2011 Nella tabella 3.1 sono riportate per ogni provincia il numero di stazioni visitate. Inoltre è riportato il numero di campioni raccolti sia nelle stazioni rappresentative dell acqua a disposizione nei rubinetti lungo la rete acquedottistica sia nelle stazioni rappresentative dell acqua erogata da approvvigionamenti autonomi. Tabella 3.1: Numero di stazioni e numero di campioni in rete e in approvvigionamenti autonomi per provincia. Provincia n. staz. n. camp.in rete n. camp.in autonomi BELLUNO PADOVA ROVIGO TREVISO VENEZIA VERONA VICENZA La frequenza di campionamento può variare da una volta all anno a una volta ogni 15 giorni in base al volume di acqua distribuito (e quindi dal numero di abitanti serviti) dalla rete acquedottistica di cui è rappresentativa la stazione e dal numero di parametri che si vogliono analizzare. Frequenza e numero di parametri analizzati sono pianificati dai SIAN in attuazione del D. Lgs 31/01 - all II - tab 1b e del DDRV n.15 del 09/02/2009. In appendice, nella tabella A1, si confrontano per ogni rete acquedottistica la stima della popolazione servita, il volume d acqua medio giornaliero distribuito calcolato come indicato dal D.Lgs 31/01 e il numero dei campioni eseguiti nel

10 CAPITOLO 4 LE ANALISI ESEGUITE NEL 2011 I campioni prelevati nei punti di controllo vengono portati al laboratorio per l analisi dei pochi parametri previsti nel così detto controllo di routine 1 oppure per l analisi di un maggior numero di elementi, nel così detto controllo di verifica 2. Tabella 4.1: Numero di analisi effettate nel 2011 per provincia. Provincia Numero analisi BELLUNO PADOVA ROVIGO TREVISO VENEZIA VERONA VICENZA VENETO Il laboratorio, completata l analisi, esegue anche un confronto dei risultati con i limiti prescritti dal D.Lgs 31/01 3 evidenziando così ai SIAN competenti eventuali criticità. I risultati analitici e le criticità sono segnalati sia attraverso il SInAP sia con un rapporto di prova inviato con posta certificata. 1 Il controllo di routine mira a fornire ad intervalli regolari le informazioni sulla qualità organolettica e microbiologica nonché informazioni sull efficacia egli eventuali trattamenti (in particolare di disinfezione). 2 Il controllo di verifica mira a fornire le informazioni necessarie per accertare se tutti i valori di parametro contenuti nel D.Lgs 31/01 sono rispettati. 3 Nel D.Lgs 31/2001 non si parla di concentrazioni massime bensì di conformità ai VALORI DI PARAMETRO elencati nelle tabelle riportate nell Allegato 1 del decreto stesso 9

11 4. Le analisi eseguite nel 2011 Nel 2011 in Veneto sono stati riscontrati 1384 superamenti dei limiti della normativa, pari allo 0,7 % del totale delle analisi eseguite. Nella figura 4.1 si confronta, per gli anni , la percentuale dei superamenti nelle diverse province con l andamento della percentuale veneta totale. Figura 4.1: Distribuzione provinciale e veneta dei superamenti nel periodo Nel grafico si osserva che nel periodo la percentuale più alta di superamenti è sempre in provincia di Verona ma è necessario considerare che in questa provincia, per problemi in alcune falde acquifere oggetto di attingimento, i controlli sono stati particolarmente mirati e intensificati. Anche un solo superamento comporta l adozione di tempestive misure cautelative per la tutela del consumatore. La comunicazione immediata tra laboratori ARPAV, AULSS e gestori della rete idrica, è garanzia del mantenimento della qualità dell acqua erogata. In appendice la tabella A2 mostra, per ogni parametro analitico, il numero di analisi e di superamenti negli acquedotti più grandi e in quelli a servizio di meno di 5000 abitanti. 10

12 CAPITOLO 5 LE CARATTERISTICHE DELL ACQUA IN VENETO: ALCUNI PARAMETRI INDICATORI La qualità delle acque destinate al consumo umano secondo il D.Lgs. 31/01 è definita da valori di parametro, che si riferiscono a tre tipi di parametri: parametri indicatori (Parte C dell allegato 1 al decreto): hanno trascurabile rilievo tossicologico e il decreto, nello stabilire il valore di parametro, in caso di un superamento dello stesso, demanda alle Az.ULSS la valutazione igienico sanitaria della non conformità. parametri microbiologici e parametri chimici (Parte A e Parte B dell allegato 1 al decreto): essi possono comportare rischi potenziali per la salute dei consumatori e il decreto stabilisce valori più restrittivi e vincolanti; I parametri indicatori sono analiti che permettono di tracciare il carattere dell acqua che beviamo: sono gli stessi analiti che ritroviamo nelle etichette delle acque minerali in bottiglia. Residuo secco a 180 C o residuo fisso Per ottenere questo dato, viene analizzato il sedimento residuo lasciato da un litro di acqua fatta evaporare a 180 C. Se prendiamo in considerazione tutte le analisi di residuo fisso fatte in tutto il Veneto dal 2007 a tutto il 2011 (1244 analisi) si può ricavare un risultato medio di 206 mg/l. Quindi mediamente, le acque del Veneto sono leggermente mineralizzate cioè, usando la classificazione tipica delle acque minerali 1, sono oligominerali. Nella tabella 5.1 sono riportati i dati medi per provincia: 1 Il Decreto Legislativo 25 gennaio 1992, n. 105 stabilisce che un acqua minerale naturale è: minimamente mineralizzata, se il tenore dei sali minerali, calcolato come residuo fisso, non è superiore a 50 mg/l; oligominerale o leggermente mineralizzata, se il residuo fisso, non è superiore a 500 mg/l; ricca di sali minerali, se il residuo fisso, è superiore a 1500 mg/l 11

13 5. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri indicatori Tabella 5.1: Valori medi provinciali di residuo secco - mg/l a 180 C. BELLUNO 141 PADOVA 242 ROVIGO 302 TREVISO 253 VENEZIA 287 Durezza, calcio e magnesio La durezza dell acqua dipende principalmente dalla somma delle concentrazioni di ioni calcio e magnesio. L acqua è considerata dolce quando è caratterizzata da un valore inferiore a 5 gradi francesi ( F), mentre è considerata dura per valori superiori a 25. Mediamente in Veneto l acqua è abbastanza dura infatti il valore medio si attesta sui 22 F. Le medie nelle diverse province sono descritte nella figura 5.1 Figura 5.1: Valori medi provinciali di durezza. Calcio e magnesio hanno origine inorganica (dissoluzione di minerali). Sono sostanze utili alla salute e di valore nutrizionale. In appendice nella tabella A3 è riportata per ogni comune la media dei valori rilevati dal 2003 a tutto il I risultati del monitoraggio effettuato nel 2011 sono riportati nel successivo capitolo Risultati e Superamenti. Solfati Per quanto riguarda i solfati le concentrazioni più alte si riscontrano nelle acque dell area orientale della provincia di Venezia oltre che in alcune aree della provincia di Belluno. Nella mappa 5.2 si sono rappresentate le concentrazioni ad ogni singolo punto di campionamento, suddivise in classi di concentrazione (scala di colori) e per tipologia di stazione (acqua di captazione = cerchi; acqua di rete = triangoli). 12

14 5. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri indicatori Figura 5.2: Distribuzione delle concentrazioni di solfati nel Veneto. Per tale parametro e stato osservato un valore sopra il limite di legge rappresentato da un campione dell acqua di una fontanella in territorio Agordino alimentata da una sorgente in area con rocce gessifere. Concentrazioni importanti sono infatti presenti in alcune parti dell Agordino e del Cadore la cui origine e legata alla presenza di rocce contenenti solfati (gessi, anidriti, dolomie gessifere). Altri casi sparsi tra le provincie di Verona e Vicenza non sono facilmente riconducibili ad aspetti geopedologici. Le concentrazioni piu elevate presenti nella rete della parte orientale della provincia di Venezia sono da attribuire alle fonti di approvvigionamento sotterraneo localizzate poco piu a nord, in Friuli Venezia Giulia, dove le acque derivano principalmente dal bacino del Tagliamento 2. 2 fonte: ARPA-FVG, 2001: Rapporto sullo Stato dell ambiente, cap. 3.3 Sottosuolo e acque sotterranee 13

15 5. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri indicatori ph, conducibilità elettrica e intrusione salina Interessante è il parametro ph che, sebbene non abbia un impatto diretto sul consumatore, è uno dei parametri operativi più importanti per la qualità dell acqua. Il ph varia nei diversi approvvigionamenti a seconda della composizione dell acqua e dei materiali impiegati per i sistemi di distribuzione, ma la variazione è generalmente compresa fra 6,5 e 9,5. Valori estremi di ph possono derivare da contaminazioni accidentali, difetti di trattamento, carenza nella manutenzione delle tubature. Si tratta di eventi sporadici. In generale, più basso è il ph, più alta è la capacità di corrosione dell acqua. È necessario prestare un attenzione particolare al controllo del ph in tutti gli stadi del trattamento per assicurare una sufficiente chiarificazione e disinfezione dell acqua, per minimizzare la corrosione delle tubature e degli impianti, per garantire la costanza dell efficacia della disinfezione residua e per evitare alterazioni dell aspetto, odore e sapore dell acqua 3 La composizione dell acqua in Veneto porta a valori medi di ph compresi fra 7.5 e 8.0. La tabella 5.2 mostra i valori medi provinciali. Tabella 5.2: Valori medi provinciali di ph e conducibilità µs/cm a 20 C. Provincia ph Cond. BELLUNO PADOVA ROVIGO TREVISO VENEZIA VERONA VICENZA Anche la conducibilità, che costituisce la misura indiretta del contenuto salino dell acqua, è indicatore della sua aggressività cioè della sua capacità di solubilizzare i minerali di cui sono costituiti i materiali con cui l acqua è a contatto. I valori medi in Veneto sono compresi fra 200 e 450 µs/cm: i valori più bassi nelle acque della provincia di Belluno mentre i più alti nelle province di Rovigo e di Verona. I valori di ph e conducibilità nell acqua distribuita in provincia di Rovigo, non sono tuttavia direttamente riferibili alla composizione naturale alla captazione in quanto, prima della distribuzione, è oggetto di importanti trattamenti di potabilizzazione e disinfezione. Inoltre le acque attinte nella zona costiera di questa provincia, così come in altri territori costieri del Veneto, risentono dell intrusione salina, ovvero del flusso di acqua salata dal mare all acquifero. In queste acque si possono riscontrare valori più elevati di conducibilità accompagnati da alti livelli di sodio e cloruri. 3 fonte: Linee guida sulla qualità dell acqua destinata al consumo umano - Organizzazione Mondiale della Sanità

16 5. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri indicatori Un esempio è l acqua attinta dalla centrale acquedottistica di Occhiobello (RO) da pozzi prossimi al fiume Po. Nel 2011 nel mese di settembre nell acqua attinta da questi pozzi si sono rilevate le concentrazioni che si riportano di seguito nella tabella 5.3. Tabella 5.3: Valori riscontrati nei pozzi di attingimento ad Occhiobello a confronto con i valori medi provinciali di conducibilità µs/cm a 20 C, cloruri mg/l e sodio mg/l. COD PUNTO Cond Cl Na media 2011 provincia RO Fluoruri In aree ricche di minerali contenenti fluoro le acque possono arricchirsi in fluoruro. Il fluoro è un elemento essenziale per l uomo: è per esempio ormai risaputo che basse concentrazioni forniscono protezione contro la carie dentaria, specialmente nei bambini. Per l uomo la fonte più importante dell introito di Fluoro, pari all 80-85%, è il cibo mentre l acqua potabile contribuisce in parte minore (rif: Organizzazione Mondiale della Sanità ). In Veneto la concentrazione di fluoruri è molto bassa: in gran parte della regione la concentrazione è inferiore a 0.1 mg/l. Sono pochi i comuni dove viene bevuta acqua con livelli di fluoruri al di sopra dei limiti di quantificazione strumentale 4 e mai si superano i 0.3 mg/l (si consideri che il limite superiore è 1.5 mg/l). I dati medi comunali sono riportati nella tabella A4 in appendice. Ione ammonio Lo ione ammonio viene sempre incluso fra i parametri previsti sia dai controlli di tipo verifica sia da quelli di tipo routine. La sua presenza nell acqua potabile, di per se di scarsa rilevanza sanitaria, è considerata invece un indicatore di possibili inquinamenti batterici da reflui e liquami (fecali). Tuttavia in Veneto non è mai stata registrata la presenza di ione ammonio in relazione ad un inquinamento batterico. Alte concentrazioni di ione ammonio sono state registrate invece in acque dove è stata contemporaneamente rilevata la presenza di ferro, manganese e in alcuni casi di arsenico. Si tratta di acque attinte in zone a condizioni geopedologiche particolari dove la falda è alloggiata in terreni di natura torbosa. Si veda anche il capitolo 6 Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri chimici. 4 Il limite di quantificazione è la concentrazione minima che il laboratorio è in grado di misurare e che utilizza per esprimere la non presenza indicata nel presente rapporto con NQ 15

17 5. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri indicatori Figura 5.3: Andamento temporale della concentrazione dello ione ammonio (mg/l NH4). Nel grafico 5.3 si riporta l andamento temporale della concentrazione dello ione ammonio nell acqua attinta da un pozzo autonomo quale esempio di alta presenza di ammoniaca non dovuta ad apporti antropici. Alluminio L alluminio nell acqua si trova come conseguenza del rilascio dal suolo e dalle rocce oppure come conseguenza dei processi di coagulazione nella potabilizzazione dell acqua captata prima della sua distribuzione in rete. 5 In Veneto non vengono captate acque che naturalmente contengono alte concentrazioni di alluminio, invece è normalmente utilizzato dai gestori acquedottistici il trattamento di coagulazione con sali di alluminio. Se dopo il trattamento restano concentrazioni residue di alluminio queste possono depositarsi nelle tubature più prossime del sistema di distribuzione. Sbalzi di pressione o del flusso possono rimettere in circolo questi depositi alterando le qualità organolettiche dell acqua erogata a rubinetto. Per questo ARPAV controlla che non venga superato il limite massimo (200µg/l Al) non solo nei campioni di verifica ma, su indicazione dell Azienda ULSS che lo ritenga necessario, anche nei campioni di routine. Nel 2011 sono state eseguite 1282 analisi: il 44.9% dei dati è risultato inferiore al limite di quantificazione strumentale; il 52.6% dei dati è risultato inferiore a 100µg/l; 5 La coagulazione chimica si usa soprattutto per trattare le acque superficiali. La coagulazione è efficace per: rimuovere metalli pesanti e sostanze chimiche organiche a bassa solubilità (pesticidi organo-clorurati); rimuovere sostanze chimiche legate a materiale umico o assorbiti su materiale particolato. Per tutte le altre sostanze chimiche organiche, la coagulazione è in genere inefficace. (Fonte: Linee guida sulla qualità dell acqua destinata al consumo umano - Organizzazione Mondiale della Sanità ) 16

18 5. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri indicatori 28 analisi (il 2.2%) sono risultate superiori a 100µg/l; 4 analisi (0.3%) hanno superato il limite di 200µg/l. Un esempio di acqua che viene monitorata con frequenza maggiore è quella capatata da acqua superficiale e messa a disposizione della popolazione in provincia di Rovigo. La figura 5.4 che segue presenta l elaborazione dei dati di analisi di alluminio (µg/l Al) nei campioni effettuati presso impianti di trattamento di potabilizzazione in provincia di Rovigo. Figura 5.4: Dato medio annuo di alluminio in centrali di potabilizzazione in provincia di Rovigo. Acque piovane trattate In alcune zone montane l unica fonte idrica possibile è l acqua piovana. Essa viene raccolta e trattata in modo che al rubinetto rispetti quanto prescritto dal DLgs 31/01. In Veneto la raccolta di queste acque deve essere attuata con opere e impianti aventi i requisiti prescritti dalle Linee guida della Regione Veneto per il controllo delle acque destinate al consumo umano 6. Tipicamente si approvvigionano così alcune malghe montane che aprono stagionalmente e che utilizzano quest acqua sia per il consumo sia per l eventuale produzione di alimenti. I dati raccolti con i controlli effettuati dalle Az.ULSS territorialmente competenti, mostrano che sono acque a basso contenuto salino ma che il loro trattamento va particolarmente tenuto controllato per evitare la presenza dei parametri microbiologici, la concentrazione troppo alta di ammoniaca, l innalzamento eccessivo del ph e la alta concentrazione di disinfettante residuo. In appendice, nella tabella A5, sono raccolti i risultati analitici di questo particolare monitoraggio. 6 paragrafo dell allegato al Decreto del Dirigente Regionale n.15 del 09 febbraio

19 CAPITOLO 6 LE CARATTERISTICHE DELL ACQUA IN VENETO: ALCUNI PARAMETRI CHIMICI Come prescritto dal D.Lgs 31/01 i controlli di routine e di verifica attuati in tutti gli acquedotti assicurano il monitoraggio di un ampio numero di parametri microbiologici e di parametri indicatori ma specialmente di un ancor più ampio numero di parametri chimici. Fra i tanti parametri chimici ricercati sono pochi quelli effettivamente rintracciati: infatti è assai alto il numero di risultati analitici inferiori al limite di quantificazione strumentale. Nella figura 6.1 si può vedere che non si sono rilevate concentrazioni superiori al limite di quantificazione strumentale per: alcuni elementi inorganici (per esempio il cadmio, l antimonio o i cianuri), antiparassitari organoalogenati, pesticidi azotati, alcuni erbicidi, alcuni composti organo alogenati, composti organici aromatici come il benzene il toluene o gli xileni, fenoli IPA L elenco dei parametri che nell anno 2011 sono stati ricercati ma sono sempre risultati non quantificabili(nq) cioè il risultato analitico è inferiore al Limite di Quantificazione strumentale (LQ) è riportato in appendice nella tabella A6. 18

20 6. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri chimici Figura 6.1: Parametri analizzati ma mai risultati quantificabili. In questo capitolo si descrivono alcuni degli elementi chimici che nel 2011 sono risultati essere presenti in quantità almeno rilevabili dagli strumenti analitici dei laboratori ARPAV. Arsenico Esistono alcune limitate aree del Veneto dove nelle falde da cui è attinta acqua per il consumo umano è presente arsenico accompagnato da concentrazioni rilevanti di ammoniaca, ferro e manganese. L arsenico è un elemento chimico pericoloso per la salute umana se ingerito 1 ma è un contaminante inorganico naturale che deriva dalle rocce o dal suolo attraverso cui l acqua percola o su cui scorre. Nel corso degli anni il monitoraggio periodico sulle acque destinate al consumo umano ha permesso di raccogliere alcuni esempi di acque con arsenico, ione ammonio, ferro e manganese (vedi tabella 6.1). Per far fronte a queste criticità e salvaguardare la salute dei cittadini di queste aree dove era anche diffuso l approvvigionamento autonomo attraverso pozzi privati, sono state estese le reti acquedottistiche così da agevolare l uso di acqua di diversa provenienza e maggiormente monitorata. I controlli eseguiti nel 2011 hanno evidenziato la presenza di arsenico oltre il limite normativo di 10 µg/l solo in alcune captazioni autonome della provincia di Verona. A Belluno e a Venezia l arsenico è sempre inferiore la limite di quantificazione, a Padova, Rovigo e Treviso i dati non superano i 4 µg/l e a Vicenza si sono analizzati campioni con concentrazioni fino a 7 µg/l. Per approfondimenti si rimanda alle pagine del sito di ARPAV dove sono pubblicati i dati del monitoraggio della qualità delle acque sotterranee e i risultati del progetto MOSPAS il cui obiettivo è stato specificatamente lo studio del pa- 1 L arsenico può essere ingerito con cibi e bevande ma solo una minima parte di esso (l Arsenico inorganico) può dare intossicazione. I segni dell intossicazione cronica comprendono lesioni dermiche, neuropatia periferica, cancro della cute e malattie vascolari periferiche 19

21 6. Le caratteristiche dell acqua in Veneto: alcuni parametri chimici rametro arsenico nelle acque venete. Tabella 6.1: Alcuni punti di controllo con valori medi significativi di arsenico, ione ammonio, ferro e manganese Limiti D.Lgs 31/01 10 µg/l 0.5 mg/l 200µg/l 50 µg/l Stazione tipo As NH4 Fe Mn BOVOLONE Rete CALALZO Rete 8 NQ 57 CASALEONE Rete 3 NQ NQ 3 CASIER Grezza 1.2 NQ CASTAGNARO Grezza CEREA Grezza ERBE Rete NQ 28 GAZZO VERONESE Grezza ISOLA DELLA SCALA Grezza NQ 20 LAZISE Grezza NQ 25 LEGNAGO Rete NQ 140 NOGARA Grezza NOGAROLE ROCCA Rete 10 NQ NQ 11 NOVENTA VICENTINA Grezza OCCHIOBELLO Grezza PAESE Grezza 1.7 NQ PESCHIERA DEL GARDA Rete NQ 62 POIANA Rete ROVIGO Grezza SALIZZOLE Grezza SAN BONIFACIO Grezza NQ 100 SAN GIOVANNI ILARIONE Grezza 5 NQ NQ 8 SORGA Grezza TREVENZUOLO Rete NQ 3 TREVISO Grezza 2 NQ TREVISO Grezza TREVISO Grezza 3 34 VILLABARTOLOMEA Grezza

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Le acque destinate al consumo umano

Le acque destinate al consumo umano Le acque destinate al consumo umano Vincenzo Riganti Università di Pavia, Dipartimento di Chimica generale, Cattedra di Chimica merceologica (riganti@unipv.it) La normativa. La direttiva comunitaria 80/778/CEE

Dettagli

DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA?

DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA? DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA? MARZO 2007 TESTI ED ELABORAZIONE DATI: GIORGIA BUSINARO ELABORAZIONE GRAFICA: LISA CHERUBIN 2 Indice: Introduzione 3 Cap. I. La situazione mondiale

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma Presenza dell arsenico nei suoli agricoli e nelle acque sotterranee in Italia: importanza dei determinanti geogenici e antropici per la gestione del rischio per la salute umana Rosario Napoli Centro di

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 18/05/15 al 24/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 01/06/15 al 07/06/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 25/05/15 al 31/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SIN LAGUNA DI MARANO E GRADO 175 SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO La presenza di sostanze potenzialmente pericolose

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

pagina 1 di 24 Premessa

pagina 1 di 24 Premessa DIRETTIVA B NORME TECNICHE IN MATERIA DI UTILIZZO IN AGRICOLTURA DI FANGHI DI DEPURAZIONE E DI ALTRI FANGHI E RESIDUI NON TOSSICO E NOCIVI DI CUI SIA COMPROVATA L UTILITÀ AI FINI AGRONOMICI NORME TECNICHE

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Allegato 1 (1276) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Il presente allegato stabilisce i criteri per il monitoraggio e la classificazione dei corpi

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO

ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO Università di Padova Facoltà di Ingegneria TESI DI LAUREA ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO Laureanda: Valentina

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141)

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (1) (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) Titolo I FINALITÀ DELLA LEGGE E COMPITI DELLO STATO Art. 1. La presente legge ha

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE

L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE δ + δ + L OSSIGENO E IBRIDATO sp 3 CON DISTORSIONE DELL ANGOLO (α =105 ) DENSITA : la massima densità (1 g/ml) è a 3.98 C. PUNTO DI FUSIONE: alla pressione di 760

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 Allegato 1 Bacini viticoli omogenei veneti Elenco n descrizione 1 della pianura veneziana del Veneto orientale 2 della pianura

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 12 febbraio 2015, n. 31. Regolamento recante criteri sempli cati per la caratterizzazione, messa in

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

Verbale 2/14 Altri Comuni

Verbale 2/14 Altri Comuni Tavolo Tecnico Zonale Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera Verbale 2/14 Altri Comuni L'anno duemilaquattordici, il giorno 3 del mese di dicembre, alle ore 11.30 presso la sede della Provincia

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

Protocollo per la Definizione dei Valori di Fondo per le Sostanze Inorganiche nelle Acque Sotterranee

Protocollo per la Definizione dei Valori di Fondo per le Sostanze Inorganiche nelle Acque Sotterranee Servizio Interdipartimentale per le Emergenze Ambientali Settore Siti Contaminati * * * Protocollo per la Definizione dei Valori di Fondo per le Sostanze Inorganiche nelle Acque Sotterranee * * * Aprile

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque.

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque. Settori di intervento ed esigenze La disponibilità e la qualità delle acque sono riconosciute strategicamente come fattori primari e fondamentali per una politica di sviluppo sostenibile per il progresso

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli