ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini. Gli scostamenti dei costi diretti di produzione. Gli scostamenti dei costi diretti di produzione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini. Gli scostamenti dei costi diretti di produzione. Gli scostamenti dei costi diretti di produzione"

Transcript

1 SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Gli scostamenti dei costi diretti di produzione Lo scostamento del costo del venduto è scomponibile in tre componenti: Scostamento della manodopera diretta Scostamento dei materiali diretti Scostamento dei costi indiretti di produzione Il costo della manodopera diretta (MOD) è uguale a: Costo MOD = Veff x Tempo eff unitario di MOD x Costo orario eff di MOD Lo scostamento della manodopera diretta è scomponibile quindi in: scostamento di volume (quantità venduta), scostamento di efficienza (tempo necessario per produrre un unità produttiva) e scostamento di costo (costo orario della manodopera) costi diretti di produzione Copyright Sistemi di programmazione e controllo 2 Gli scostamenti dei costi diretti di produzione Il costo dei materiali diretti è uguale a: Costo materie dirette = Costo unitario materie x impiego unitario materie x volume di produzione Lo scostamento è scomponibile in tre scostamenti elementari: scostamento di volume (quantità venduta), scostamento di impiego (quantità delle materie dirette necessaria per produrre un unità produttiva) e scostamento di costo (costo materie dirette) Copyright Sistemi di programmazione e controllo 3

2 Schema scomposizione degli scostamenti dei costi diretti di produzione Costo del venduto Manodopera diretta Materiali diretti Costi indiretti di produzione Volume Efficienza Costo Volume Impiego Costo Copyright Sistemi di programmazione e controllo 4 Gli scostamenti della manodopera diretta Lo scostamento della manodopera diretta è la differenza tra il costo effettivo e il costo standard o di budget della manodopera diretta MOD = Costo budget di MOD Costo effettivo MOD Costo eff totale MOD = Tempo std unitario di MOD x Costo orario std di MOD x Veff Costo std totale MOD = Tempo std unitario di MOD x Costo orario std di MOD x Vbdg Se il costo effettivo è superiore al costo standard lo scostamento è sfavorevole perché influisce negativamente sul risultato economico, nel caso contrario lo scostamento è favorevole Lo scostamento della manodopera diretta è la somma di tre scostamenti elementari MOD complessivo = volume + efficienza + prezzo Copyright Sistemi di programmazione e controllo 5 Scostamento di volume della MOD Lo scostamento di volume è l effetto di un volume di vendita diverso rispetto al programmato, se il volume di vendita effettivo è superiore al volume di budget lo scostamento è sfavorevole, altrimenti lo scostamento è favorevole. Lo scostamento di volume è la differenza tra il costo di budget originale e il budget flessibile, il primo è basato sul volume di budget mentre il secondo sul volume effettivo di volume = Costo MOD di Budget Costo MOD di Budget flessibile Sostituendo: di volume = (tempo unitario std MOD x Costo orario std MOD x Vbdg) (tempo unitario std MOD x Costo orario std MOD x Veff) di volume = (Vbdg- Veff) x (tempo unitario std MOD x Costo orario std MOD) Copyright Sistemi di programmazione e controllo 6

3 Esempio scostamento di volume della MOD Consideriamo i dati relativi alla ALPHA spa 1 Volume di vendita/produzione di budget 80 3,00 4,50 7,50 2 Tempo standard per unità (in ore) 3 Costo orario standard 15,50 14,50 12,00 4 Volume di vendita / produzione effettivo Tempo effettivo per unità (in ore) 3,50 6,00 7,80 6 Costo orario effettivo 15,00 14,50 13,00 7 Budget (1*2*3) Budget flessibile (2*3*4) Scostamento di volume (7-8) -930(S) (S) 900(F) (S) Lo scostamento totale di volume è la somma degli scostamenti di tutti i prodotti, nel caso della ALPHA spa lo scostamento di volume della manodopera è sfavorevole, in particolare è sfavorevole per A1 e A2 ed è favorevole per A3 Infatti, il volume di vendita effettivo di A1 e A2 è superiore al volume di budget mentre quello di A3 è inferiore allo standard Copyright Sistemi di programmazione e controllo 7 Scostamento di efficienza della MOD Lo scostamento di efficienza deriva da un tempo effettivo unitario di produzione diverso dal tempo standard. Si configura come la differenza tra il costo della manodopera secondo budget flessibile e il costo effettivo a prezzo standard efficienza = costo budget flessibile costo effettivo a prezzo standard Sostituendo efficienza = (tempo unitario std di MOD x Costo orario std di MOD x Veff) ( tempo unitario effettivo di MOD x Costo orario std di MOD x Quantità Veff) efficienza = (tempo unitario std MOD - tempo unitario effettivo MOD) x (Costo orario std MOD x Veff) Lo scostamento è favorevole quando il tempo unitario effettivo è inferiore al tempo standard, significa una maggiore efficienza nell utilizzo della MOD Copyright Sistemi di programmazione e controllo 8 Esempio scostamento di efficienza della MOD Riprendiamo l esempio precedente 1 Volume di vendita/produzione di budget Tempo standard per unità (espresso in ore) 3,00 4,50 7,50 3 Costo orario standard 15,50 14,50 12,00 4 Volume di vendita / produzione effettivo Tempo effettivo per unità (espresso in ore) 3,50 6,00 7,80 6 Costo orario effettivo 15,00 14,50 13,00 7 Budget flessibile (2*3*4) Costo effettivo a prezzo standard (3*5*5) Scostamento di efficienza (7-8) -930(S) (S) -36(S) (S) lo scostamento di efficienza è sfavorevole perche il tempo effettivo di produzione di tutti i prodotti è superiore al tempo standard, quindi a parità di altre condizioni si sostengono costi maggiori rispetto al previsto Copyright Sistemi di programmazione e controllo 9

4 Scostamento di costo della MOD Lo scostamento di costo è la parte dello scostamento totale della manodopera diretta determinata da un costo orario diverso rispetto allo standard È la differenza tra il costo effettivo a prezzo standard e il costo effettivo di costo = costo effettivo a prezzo standard costo effettivo Sostituendo: di costo = (tempo unitario eff MOD x Costo orario std MOD x Veff) (tempo unitario eff MOD x Costo orario eff MOD x Veff) di costo = (Costo orario std di MOD - Costo orario eff di MOD) x (tempo unitario eff di MOD x Veff) Se il Costo orario std di MOD è superiore al costo effettivo lo scostamento è favorevole si sostengono meno costi rispetto al budget Copyright Sistemi di programmazione e controllo 10 Esempio scostamento di costo della MOD Considerando il nostro esempio precedente, la tabella riassume come viene calcolato lo scostamento di costo 1 Volume di vendita/produzione di budget Tempo standard per unità (espresso in ore) 3,00 4,50 7,50 3 Costo orario standard 15,50 14,50 12,00 4 Volume di vendita / produzione effettivo Tempo effettivo per unità (espresso in ore) 3,50 6,00 7,80 6 Costo orario effettivo 15,00 14,50 13,00 7 Costo effettivo a prezzo standard (5*4*3) Costo effettivo (4*5*6) Scostamento di costo (7-8) 210(F) - -78(S) 132 (F) Lo scostamento è favorevole per A1 in quanto il costo standard è superiore al costo effettivo, ed è sfavorevole per A3 perche il costo effettivo è superiore allo standard, mentre lo scostamento è nullo per A2 perche il costo standard è uguale al costo effettivo. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 11 Scostamenti della MOD: visione di insieme Lo scostamento della MOD è la somma di tre componenti: costo manodopera = di volume + di efficienza + di costo orario Descrizione A1 A2 A3 Totale Scostamento di costo 210(F) (S) 132(F) Scostamento di efficienza -930(S) (S) -36(S) (S) Scostamento di volume -930(S) (S) 900(F) (S) Scostamento manodopera (S) (S) 786(F) (S) È possibile apprezzare come, in assenza di un analisi più approfondita, lo scostamento complessivo ( ) non avrebbe dato al management le cause originarie (costo, efficienza o volumi), né come le diverse famiglie di prodotti hanno contribuito Copyright Sistemi di programmazione e controllo 12

5 Scostamento dei materiali diretti Il costo di materiali diretti è determinato da: Costo materie dirette = Costo unitario materie x impiego unitario materie x volume di di produzione Lo scostamento complessivo dei costi dei materiali diretti può essere scomposto in: scostamento di volume, scostamento di impiego e scostamento di costo (calcolo simile allo MOD) Costo materiali diretti = V + Tempo unitario di materiali + Costo unitario di materiali Lo scostamento totale è la differenza tra il costo standard e effettivo dei materiali diretti Costo materiali diretti = Costo budget di materiali Costo effettivo materiali Sostituendo Costo materiali diretti = (Vbdg x Tempo std unitario di materiali x Costo unitario std Copyrightdi materiali) (Veff x Sistemi Tempo di programmazione eff unitario di e controllo materiali x Costo unitario eff di 13 materiali) Scostamento di volume dei materiali diretti Lo scostamento di volume è la differenza tra il costo di budget ed il budget flessibile di volume = costo di budget costo di budget flessibile Sostituendo di volume = (Vbdg x quantità unitario std x Costo unitario std) (Veff x quantità unitaria std x Costo unitario std) di volume = (Vbdg - Veff) x (quantità unitaria std x Costo unitario std Se il volume effettivo è superiore al volume di budget lo scostamento è sfavorevole, nel caso contrario lo scostamento è favorevole Copyright Sistemi di programmazione e controllo 14 Esempio scostamento di volume dei materiali diretti Usando i dati del nostro esempio abbiamo: 1 Volume di vendita/produzione di budget Quantità standard per unità (in Kg) 10,00 15,00 18,00 3 Costo unitario standard (in al Kg) 2,50 1,80 2,80 4 Volume di vendita/produzione effettivo Quantità effettiva per unità (in Kg) 9,00 16,00 17,50 6 Costo unitario effettivo (in al Kg) 2,60 1,75 2,85 7 Budget originale (1*2*3) Budget flessibile (2*3*4) Scostamento di volume (7-8) -500(S) - 810(S) 504(F) (S) Lo scostamento di volume è sfavorevole per i prodotti che hanno avuto un aumento del volume di vendita (A1 e A2), è favorevole per A3 perché il volume di vendita è diminuito Copyright Sistemi di programmazione e controllo 15

6 Scostamento di impiego dei materiali diretti Lo scostamento di impiego è calcolato in maniera simile allo scostamento di efficienza relativo alla manodopera diretta, è la differenza tra budget flessibile e il consuntivo a costo standard di impiego = costo budget flessibile costo effettivo e prezzo standard Sostituendo: di impiego = (Veff x quantità unitaria std x Costo unitario std) (Veff x quantità unitaria eff x Costo unitario std) di impiego = (Quantità std unitaria - Quantità eff unitaria) x (Costo unitario std x Veff) Se la quantità unitaria effettiva è superiore allo standard lo scostamento è sfavorevole, altrimenti è favorevole. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 16 Esempio scostamento di impiego dei materiali diretti Lo scostamento complessivo di impiego nel nostro esempio è favorevole 1 Volume di vendita/produzione di budget Quantità standard per unità (in Kg) 10,00 15,00 18,00 3 Costo unitario standard ( al Kg)) 2,50 1,80 2,80 4 Volume di vendita / produzione effettivo Quantità effettiva per unità (in Kg) 9,00 16,00 17,50 6 Costo unitario effettivo ( al Kg) 2,60 1,75 2,85 7 Budget flessibile (2*3*4) Costo effettivo a prezzo standard (3*5*5) Scostamento di impiego (7-8) 300(F) -198(S) 14(F) 116(F) Lo scostamento favorevole deriva da uno scostamento favorevole di A1, A3 ed uno scostamento sfavorevole di A2. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 17 Scostamento di costo dei materiali diretti Lo scostamento di costo indica l effetto di un prezzo di acquisto dei materiali diretti diverso da quello previsto a budget. Lo scostamento di costo è uguale a: di costo = costo effettivo e prezzo standard - Costo effettivo Il costo dei materiali diretti a prezzo standard quantifica il costo secondo il costo standard dei materiali diretti, mentre il costo effettivo lo quantifica secondo il costo effettivo Sostituendo: di costo = (Veff x quantità eff unitaria x Costo std unitario) (Veff x quantità eff unitaria x Costo eff unitario) di costo = (Costo std unitario - Costo eff unitario) x (Quantità eff unitaria x Veff) È favorevole se il costo effettivo è inferiore al costo standard Copyright Sistemi di programmazione e controllo 18

7 Esempio scostamento di costo dei materiali diretti 1 Volume di vendita/produzione di budget Quantità standard per unità (in Kg) 10,00 15,00 18,00 3 Costo unitario standard ( al Kg)) 2,50 1,80 2,80 4 Volume di vendita / produzione effettivo Quantità effettivo per unità (in Kg) 9,00 16,00 17,50 6 Costo unitario effettivo ( al Kg) 2,60 1,75 2,85 7 Consuntivo costo standard (5*4*3) Costo effettivo (4*5*6) Scostamento di costo (7-8) - 108(S) 88 (F) - 9(S) -29 (S) Gli scostamenti di costo di A1 e di A3 sono sfavorevoli, lo scostamento di A2 è favorevole mentre lo scostamento complessivo è sfavorevole Copyright Sistemi di programmazione e controllo 19 Scostamenti dei materiali diretti: visione di insieme Lo scostamento dei materiali diretti è la somma di tre componenti: Costo materiali diretti = V + Tempo unitario di materiali + Costo unitario di materiali Descrizione A1 A2 A3 Totale Scostamento di costo -108 (S) 88(F) -9(S) -29 (S) Scostamento di impiego 300(F) -198(S) 14(F) 116(F) Scostamento di volume -500(S) - 810(S) 504(F) (S) Scostamento materiali diretti -308(S) -920(S) 509(F) -719(S) Riflessioni sugli scostamenti dei costi diretti Uno scostamento favorevole di utilizzo dei materiali diretti possa avere delle conseguenze gestionali negative e non desiderate (bassa qualità), infatti, uno scostamento favorevole potrebbe essersi verificato a scapito della qualità del prodotto finale Copyright Sistemi di programmazione e controllo 20 Costi indiretti di produzione I costi indiretti di produzione sono spesso caratterizzati sia da una quota variabile che da una quota fissa. La formula generale dei costi indiretti di produzione è la seguente: Costi indiretti di produzione = CFT + (CVU x V) CFT = costi fissi totali CVU = i costi unitari variabili V = quantità prodotta/venduta Per calcolare il costo pieno di produzione viene allocata una quota unitaria standard dei costi indiretti di produzione ai vari prodotti La quota da allocare è definita come Il coefficiente di allocazione, è uguale a: Coefficiente di allocazione (CA) = (CFT + CVU x V) / V Copyright Sistemi di programmazione e controllo 21

8 Coefficiente di allocazione Nel nostro esempio abbiamo: Descrizione Costi standard Costi fissi Costi variabili 11 Quantità di vendita 200 Costi indiretti totali Coefficiente di allocazione 51 Il coefficiente di allocazione è uguale a: CA = ( x 200) / 200 CA = 51 Il coefficiente di allocazione è quindi il costo indiretto medio di produzione relativo al volume standard Copyright Sistemi di programmazione e controllo 22 Scostamenti dei costi indiretti di produzione (1) Se il volume di vendita o i costi indiretti di produzione variano si verifica uno scostamento, si può distinguere due casi: Quando i costi allocati ai vari prodotti sono inferiori a quelli di budget si verifica un sotto-assorbimento dei costi indiretti di produzione. Quando i costi indiretti di produzione allocati sono superiori a quelli di budget si verifica un sovra-assorbimento dei costi indiretti di produzione Lo scostamento dei costi indiretti è quindi uguale a: Costi indiretti produzione = costi assorbiti (allocati) costi effettivi Copyright Sistemi di programmazione e controllo 23 Scostamenti dei costi indiretti di produzione (2) Lo scostamento complessivo è scomponibile in due scostamenti elementari: Scostamento di volume: quando il volume di vendita di budget è diverso dal volume di vendita effettivo, è dato dalla differenza tra i costi allocati o assorbiti e i costi di budget flessibile cioè i costi che avrebbe sostenuto l azienda se aumentasse solo il volume. di volume = costi assorbiti (allocati) costi budget flessibile Scostamento di spesa: quando i costi indiretti di budget sono diversi dai costi indiretti effettivi, è la differenza tra i costi del budget flessibile e i costi effettivi di spesa = costi budget flessibile - costi effettivi Copyright Sistemi di programmazione e controllo 24

9 Schema scostamenti dei costi indiretti di produzione Costo Costi assorbiti (CA) Costi indiretti budget flessibile (CBf) Spesa = CBf CE Costi effettivi CE Volume = CA-CBf Complessivo = CA - CE V eff Volumi produzione Copyright Sistemi di programmazione e controllo 25 Esempio scostamento di volume e di spesa Riprendiamo l esempio precedente, abbiamo i dati seguenti: N Descrizione valore 1 Costi assorbiti Costi indiretti budget flessibile Costi indiretti effettivi Scostamento di volume (1-2) (F) 5 Scostamento di spesa ( 2-3) 140 (F) 6 Scostamento totale dei costi indiretti (1-3) (F) Per calcolare i costi assorbiti si procede moltiplicando il coefficiente di allocazione per il volume di vendita effettivo, 240 nel caso ALPHA(240*51=12.240) I costi di budget flessibile si determinano utilizzando i volumi effettivi nella formula iniziale (CFT + CVu*V), ovvero ( *240) Copyright Sistemi di programmazione e controllo 26 Esempio scostamento di volume e di spesa Scostamento costi indiretti di produzione Costi indiretti produzione = costi assorbiti (allocati) costi effettivi Costi indiretti produzione = Costi indiretti produzione=1.740 (F) Scostamento di volume di volume = costi assorbiti (allocati) costi budget flessibile di volume = di volume = (F) Lo scostamento di spesa è la differenza tra i costi del budget flessibile e i costi effettivi di spesa = costi budget flessibile - costi effettivi di spesa = di spesa = 140 (F) Copyright Sistemi di programmazione e controllo 27

10 Scostamento dei costi amministrativi, commerciali e generali I costi generali e amministrativi sono dei costi fissi o discrezionali riferiti a tutte quelle funzioni (amministrazione, commerciale, marketing ) non direttamente coinvolte nel processo di trasformazione fisico-tecnica dei beni e servizi lo scostamento complessivo è determinato come differenza tra il valore di budget e quello effettivo. Lo scostamento non è scomponibile in scostamenti elementari Nel caso in cui i costi effettivi sono superiori ai costi di budget lo scostamento sarà sfavorevole. Descrizione Costo standard Costo effettivo Scostamento Amministrazione e bilancio (F) Gestione personale (S) Marketing (S) Totale (S) Copyright Sistemi di programmazione e controllo 28 Analisi complessiva degli scostamenti La tabella successiva riassume gli scostamenti della ALPHA spa Descrizione Budget Consuntivo Scostamento (F) A: Ricavi Scostamento di prezzo (S) Scostamento di volume (F) Scostamento di mix (S) B: Costo del venduto ( C + D + E) (S) C:Manodopera diretta (S) Scostamento di prezzo 132 (F) Scostamento di efficienza (S) Scostamento di volume (S) D: Materiali diretti (S) Scostamento di costo -29 (S) Scostamento di impiego 116(F) Scostamento di volume (S) E: Costi indiretti di produzione (F) Scostamento di volume (F) Scostamento di spesa 140 (F) F: Margine lordo (A-B) (F) G: Costi amministrativi, commerciali (S) e generali Risultato operativo (F-G) (F) Sistemi di programmazione controllo Copyright e 29 Riflessioni finali La responsabilità degli scostamenti può essere attribuita a varie aree: Commerciale: volume di vendita, quota di mercato, margine unitario produzione: impiego, efficienza Amministrativa: costi amministrativi Il segno algebrico (+/-) non presenta un giudizio di merito sulla prestazione dei responsabili. L analisi degli scostamenti può essere finalizzata sia al controllo economico (verificare il grado di economicità) e che al controllo esecutivo (valutare le perfomance ) È necessario porre particolari attenzioni ai limiti dell analisi (arbitrarietà di scomposizione, adozione budget flessibile o normale, natura quantitativo-monetaria del budget, qualità dei dati std, intervallo e frequenza dell analisi) Copyright Sistemi di programmazione e controllo 30

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI. Definizione e obiettivi. Cause degli scostamenti SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Prof.ssa Monia Castellini

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI. Definizione e obiettivi. Cause degli scostamenti SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Prof.ssa Monia Castellini SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Definizione e obiettivi L analisi degli scostamenti o analisi

Dettagli

perché si ha lo scostamento chi è il responsabile se e come si può intervenire Facoltà di Economia - Parma 1

perché si ha lo scostamento chi è il responsabile se e come si può intervenire Facoltà di Economia - Parma 1 L analisi delle varianze 12 Essa permette il CONFRONTO tra OBIETTIVI ( ()) e RISULTATI. Il fine è quello di individuare: perché si ha lo scostamento chi è il responsabile se e come si può intervenire 2

Dettagli

Sistemi di Controllo di Gestione

Sistemi di Controllo di Gestione Sistemi di Controllo di Gestione L analisi degli scostamenti dei costi di produzione SISTEMI DI CONTROLLO, 2^ edizione R. Anthony, D. Hawkins, D. Macrì, K. Merchant McGraw-Hill 1 L analisi delle varianze:

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI ANALISI E GESTIONE DEI COSTI Dott.ssa Francesca Mandanici IL REPORTING: L analisi degli scostamenti 17-20 DICEMBRE 2010 Gli scopi conoscitivi dell analisi degli scostamenti SCOPI TRADIZIONALI SCOPI EMERGENTI

Dettagli

ANALISI DELLE VARIANZE

ANALISI DELLE VARIANZE Roma, 6 maggio 2013 ANALISI DELLE VARIANZE Umberto Francese Università degli Studi di Roma Tre INDICE 1. DEFINIZIONI 2. VARIANZA dei MATERIALI DIRETTI (materie prime) 3. VARIANZA CONGIUNTA 4. VARIANZA

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo. Analisi degli scostamenti - ESERCITAZIONE

Corso di Programmazione e Controllo. Analisi degli scostamenti - ESERCITAZIONE Corso di Programmazione e Controllo Analisi degli scostamenti - ESERCITAZIONE ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI durante il periodo di gestione programmato in sede di budget si effettueranno delle verifiche sul

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti ESERCIZI SULL ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI SCG-L15 Pagina 0 di 16 ESERCIZIO 1 TESTO La società Baxter produce

Dettagli

Sistemi di Controllo di Gestione

Sistemi di Controllo di Gestione Sistemi di Controllo di Gestione L analisi degli scostamenti dei costi non di produzione SISTEMI DI CONTROLLO, 2^ edizione R. Anthony, D. Hawkins, D. Macrì, K. Merchant McGraw-Hill 1 Come interpretare

Dettagli

6.1. Lo schema di conto economico a direct costing

6.1. Lo schema di conto economico a direct costing 6.1. Lo schema di conto economico a direct costing Ricavi Costo del venduto variabile Rimanenze iniziali di prodotti finiti (+) Costo dei beni prodotti (+) Rimanenze finali di prodotti finiti (-) Costi

Dettagli

IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO

IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO PER POTER ATTRIBUIRE I COSTI A SINGOLE UNITA DI PRODOTTO E NECESSARIO STABILIRE RELAZIONI TRA I FATTORI E I PRODOTTI STESSI

Dettagli

Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione. Corso di Economia Aziendale Prof.

Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione. Corso di Economia Aziendale Prof. Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione Corso di Economia Aziendale Prof. Giuseppe D Onza Misurazioni e strumenti per il controllo dei processi di produzione

Dettagli

IL REPORTING Università di Macerata Dipartimento di Economia e Diritto

IL REPORTING Università di Macerata Dipartimento di Economia e Diritto IL REPORTING Università di Macerata Dipartimento di Economia e Diritto Francesca Bartolacci bartolacci@unimc.it 1 Il reporting: definizioni strumento di rappresentazione e comunicazione delle informazioni

Dettagli

Volume di produzione (kg) 15.000 12.000 Costo MP per kg di prodotto 8,00 12,00 Manodopera diretta totale 85.000 72.000

Volume di produzione (kg) 15.000 12.000 Costo MP per kg di prodotto 8,00 12,00 Manodopera diretta totale 85.000 72.000 Esercizio 1 La ST S.r.l. produce due tipi vassoi, A e B. I dati rilevati sono i seguenti: Volume di produzione (kg) 15.000 12.000 Costo MP per kg di prodotto 8,00 12,00 Manodopera diretta totale 85.000

Dettagli

UN SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

UN SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO INTRODURRE IN AZIENDA UN SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Idee e metodologie per la direzione d impresa A COSA SERVE UN SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE? IL CONTROLLO DI GESTIONE si propone di svolgere

Dettagli

COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE CLASSIFICAZIONE COSTI

COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE CLASSIFICAZIONE COSTI COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE INSIEME DEI COSTI DI UTILIZZAZIONE DEI FATTORI IMPIEGATI IN UN DATO PROCESSO PRODUTTIVO O PER ALLESTIRE UN DATO PRODOTTO Economia Aziendale Milena Serra Corso

Dettagli

CONTABILITA DEI COSTI

CONTABILITA DEI COSTI CONTABILITA DEI COSTI IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione strategica Definizione degli obiettivi e delle linee guida aziendali Controllo direzionale Definizione e perseguimento delle

Dettagli

FITNESS. Costi fissi di commercializzazione e vendita ( ) Ore MOD disponibili in un trimestre

FITNESS. Costi fissi di commercializzazione e vendita ( ) Ore MOD disponibili in un trimestre FITNESS Fitness S.p.A. è un azienda produttrice di abbigliamento per il fitness operante sul mercato europeo. Nel maggio del 2008, il controller stava raccogliendo le informazioni necessarie per elaborare

Dettagli

DIRECT E FULL COSTING

DIRECT E FULL COSTING DIRECT E FULL COSTING Esercizio 1 Un azienda produce due modelli di prodotti A e B. La contabilità analitica ha elaborato i seguenti dati economici unitari di produzione: A B Materiali diretti 10 14 Manodopera

Dettagli

Lezione 16. I costi standard. I costi standard. Analisi delle varianze

Lezione 16. I costi standard. I costi standard. Analisi delle varianze Lezione 16 I costi standard Criterio distintivo dei costi funzionale al loro impiego nel controllo di gestione: costi consuntivi o effettivi: misurano il valore delle risorse utilizzate ex-post, cioè dopo

Dettagli

Margine di contribuzione Criteri di allocazione. Costi diretti e indiretti Prodotto equivalente. - Facoltà di Ingegneria -

Margine di contribuzione Criteri di allocazione. Costi diretti e indiretti Prodotto equivalente. - Facoltà di Ingegneria - Margine di contribuzione Criteri di allocazione Costi diretti e indiretti Prodotto equivalente Petrolium SpA Petrolium SpA può raffinare ogni anno 500.000 tonnellate di greggio, producendo benzina. I costi

Dettagli

6.4.4 w La rilevazione del costo del venduto, dei margini e del reddito di competenza

6.4.4 w La rilevazione del costo del venduto, dei margini e del reddito di competenza 6.4.4 w La rilevazione del costo del venduto, dei margini e del reddito di competenza Una volta terminato, il prodotto è disponibile per la vendita. Nel sistema integrato a costi standard e varianze è

Dettagli

Costo diretto standard di fabbricazione

Costo diretto standard di fabbricazione Esercizio 5.1 Scheda dei costi standard Latte Prezzo acquisto: 1,00 /litro Trasporto (10%): 0,10 /litro 1,10 /litro Qs: (0,475/0,95): 0,50 litri/kg Farina Prezzo acquisto: 0,40 /kg Trasporto (20%): 0,08

Dettagli

Esercitazione Sul Budget

Esercitazione Sul Budget Esercitazione Sul Budget Traccia La Garofalo spa, produce e commercializza pasta. Il responsabile amministrativo, con l ausilio dei responsabili delle altre funzioni aziendali, si accinge all elaborazione

Dettagli

Sistema a costi standard Sistema a costi normalizzati Sistema a costi effettivi

Sistema a costi standard Sistema a costi normalizzati Sistema a costi effettivi 5.4 Il sistema di misurazione dei costi a valori normalizzati (normal costing system) Il sistema di misurazione dei costi a valori normalizzati è un sistema di valori ibrido, che presenta sia valori consuntivi

Dettagli

INDICE. Problemi presenti sul sito

INDICE. Problemi presenti sul sito I-XIV_Romane_Analisi 2-03-2005 11:03 Pagina V INDICE Problemi presenti sul sito Prefazione XI XIII Introduzione Natura e scopo dei sistemi contabili 1 La necessità di informazioni 1 Le informazioni operative

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 17-06-10 DOMANDA 1 Elencare le principali differenze tra la contabilità generale e la contabilità analitica ESERCIZIO 1 Tornilux srl è specializzata in torniti in lastra per il settore dell illuminazione

Dettagli

Il sistema di controllo. L analisi degli scostamenti (ricavi)

Il sistema di controllo. L analisi degli scostamenti (ricavi) Il sistema di controllo L analisi degli scostamenti (ricavi) SCOPO n Comprendere l andamento della gestione e cosa non ha funzionato rispetto a quanto preventivato n Correggere la gestione n Correggere

Dettagli

Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte. Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo

Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte. Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo Prof. Nicola Castellano nicola.castellano@unimc.it Riferimenti Bibliografici: Cinquini

Dettagli

Relazioni prezzi-volumi-risultati

Relazioni prezzi-volumi-risultati Relazioni prezzi-volumi-risultati 1 Variabili dipendenti Variabile indipendente Costi Volume di produzione e vendita Ricavi 2 1 L equazione del reddito RE = Reddito di esercizio Q = Quantità di produzione

Dettagli

Esercizio 6.1 Prospetto della produzione ottenuta, normal costing. 1. Calcolo dei costi indiretti di fabbricazione sovrassorbiti/sottoassorbiti

Esercizio 6.1 Prospetto della produzione ottenuta, normal costing. 1. Calcolo dei costi indiretti di fabbricazione sovrassorbiti/sottoassorbiti Esercizio 6.1 Prospetto della produzione ottenuta, normal costing 1. Calcolo dei costi indiretti di fabbricazione sovrassorbiti/sottoassorbiti assorbiti 10 000 ore macchina * 5/ora macchina 50 000 effettivi

Dettagli

Il diagramma del profitto e il punto di pareggio

Il diagramma del profitto e il punto di pareggio Il diagramma del profitto e il punto di pareggio Costi Ricavi Ricavi totali area di profitto 5.000 Costi totali CFT area di perdita Volume di pareggio Dati: Costi fissi = 2.000 Costo variabile u. = 120

Dettagli

LE DIVERSE TIPOLOGIE DI COSTO. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni

LE DIVERSE TIPOLOGIE DI COSTO. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni LE DIVERSE TIPOLOGIE DI COSTO Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni 1 ARGOMENTI TRATTATI COSTI FISSI COSTI VARIABILI COSTO TOTALE IL MARGINE DI CONTRIBUZIONE COSTO MEDIO COSTO MARGINALE

Dettagli

Il margine di contribuzione e le relazioni fra reddito e volume

Il margine di contribuzione e le relazioni fra reddito e volume Sistemi di Controllo di Gestione Il margine di contribuzione e le relazioni fra reddito e volume SISTEMI DI CONTROLLO, 2^ edizione R. Anthony, D. Hawkins, D. Macrì, K. Merchant UNIVERSITA DEGLI STUDI DI

Dettagli

ESERCIZI. MDC e BEP Margine di Sicurezza Leva Operativa. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni

ESERCIZI. MDC e BEP Margine di Sicurezza Leva Operativa. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni ESERCIZI MDC e BEP Margine di Sicurezza Leva Operativa Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni LE CLASSIFICAZIONI DI COSTO VARIABILITA RISPETTO AL LIVELLO DI ATTIVITA ATTRIBUZIONE ALL

Dettagli

Sistemi di Controllo di Gestione

Sistemi di Controllo di Gestione Sistemi di Controllo di Gestione Costi standard, Sistemi a costi variabili, Costi della qualità, Costi congiunti SISTEMI DI CONTROLLO, 2^ edizione R. Anthony, D. Hawkins, D. Macrì, K. Merchant McGraw-Hill

Dettagli

Facoltà di Economia - Parma 1

Facoltà di Economia - Parma 1 L analisi dei costi 3 IL ONETTO DI OSTO on il termine OSTO si vuole indicare il valore degli investimenti effettuati per l acquisto dei fattori produttivi impiegati per l ottenimento di un determinato

Dettagli

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Esercitazioni in preparazione all Esame di Stato ESERCITAZIONE 7 Sottosistema dei budget operativi e analisi degli scostamenti dei ricavi e dei costi diretti

Dettagli

CONTROLLO E CONTABILITA

CONTROLLO E CONTABILITA CONTROLLO E CONTABILITA DEI COSTI Agenda Classificazione dei costi Costi variabili e fissi -Modello costo volume profitto Costi diretti e indirietti -La contabilità per centri di costo Analisi degli scostamenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 14-01-10 DOMANDA 1 Descrivere il processo di elaborazione di un budget commerciale (logiche, attori, strumenti etc.) esemplificando attraverso i casi aziendali proposti durante il corso. ESERCIZIO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 12-07-11 DOMANDA 1 Definire ed illustrare graficamente il concetto di Break Even Point ESERCIZIO 1 Il direttore generale della società Salumificio Rossi srl, leader nel mercato europeo degli

Dettagli

Il sistema di budgeting

Il sistema di budgeting SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Il sistema di budgeting Prof.ssa Monia Castellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Obiettivi formativi Delineare il collocamento del budget all interno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 08-07-10 ESERCIZIO 1 La società Phone S.p.A. è un azienda in forte crescita che produce apparecchi telefonici in plastica per la telefonia fissa. L imprenditore vuole sapere se la redditività

Dettagli

il costo in contabilità generale

il costo in contabilità generale il costo in contabilità generale costi di acquisto di fattori produttivi e valori di diversa natura (tributi, permute, apporti, ammortamenti, ecc.) C.E. (-) valori classificati per origine costo calcolato

Dettagli

A A. Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI

A A. Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI A A Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI Torino, 26 febbraio 2009 1 percorso della lezione... Bea: le le simulazioni Costi fissi e variabili La BEA: il il contesto 2 IL CONTROLLO DI GESTIONE E : 3 E

Dettagli

Corso di Economia aziendale

Corso di Economia aziendale Corso di Economia aziendale Lezioni 35,36 e 38 La combinazione dei fattori produttivi 1 La combinazione dei fattori Insieme delle operazioni che riguardano: o la gestione MA ANCHE o la programmazione o

Dettagli

IL PRICING DI PRODOTTO. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna

IL PRICING DI PRODOTTO. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna IL PRICING DI PRODOTTO Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna LA DEFINIZIONE DEI PREZZI DI VENDITA La definizione dei prezzi di vendita costituisce una delle operazioni

Dettagli

I costi diretti ed indiretti. Dott.ssa Caterina Cavicchi Prof.ssa Emidia Vagnoni CDL Biotecnologie

I costi diretti ed indiretti. Dott.ssa Caterina Cavicchi Prof.ssa Emidia Vagnoni CDL Biotecnologie I costi diretti ed indiretti Dott.ssa Caterina Cavicchi Prof.ssa Emidia Vagnoni CDL Biotecnologie Scopo della classificazione (1) Questa classificazione ha lo scopo di suddividere i costi in base al grado

Dettagli

Metriche di marketing di natura economicofinanziaria

Metriche di marketing di natura economicofinanziaria Corso di Tecniche della Promozione A.A. 2016-2017 Metriche di marketing di natura economicofinanziaria Simona D Amico simona.damico@uniroma1.it 1 Indice Le metriche di marketing: una definizione La classificazione

Dettagli

La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale, nell Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing è strutturata in due parti.

La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale, nell Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing è strutturata in due parti. Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Esame di Stato anno scolastico 2015/2016 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda

Dettagli

TOTALE PORTA BIRO ASTUCCI PER OCCHIALI RICAVI DI VENDITA % % MATERIE PRIME DIRETTE % 20.

TOTALE PORTA BIRO ASTUCCI PER OCCHIALI RICAVI DI VENDITA % % MATERIE PRIME DIRETTE % 20. DOMANDA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria ESAME DEL 18-01-11 Parla degli strumenti in utilizzo nel modello di Beyond Budgeting, dando maggior enfasi allo strumento della Balanced

Dettagli

ESERCIZI CAPITOLO 1 X 66,66% (2/3) 70% DA IMPUTARE AL REPARTO IN FUNZIONE DI UNA PREDETERMINATA BASE

ESERCIZI CAPITOLO 1 X 66,66% (2/3) 70% DA IMPUTARE AL REPARTO IN FUNZIONE DI UNA PREDETERMINATA BASE ESERCIZI CAPITOLO 1 ESERCIZIO 1.1.- SOLUZIONE Scheda di costo totale di reparto Elementi di costo ISOLA CAMICIE ISOLA CRAVATTE COSTI DIRETTI di reparto (isola): - manodopera spazi macchinari - stipendio

Dettagli

ESERCIZIO N 2 Sulla base della programmazione quinquennale ( ) dell impresa DELTA S.p.A. sono disponibili i seguenti dati:

ESERCIZIO N 2 Sulla base della programmazione quinquennale ( ) dell impresa DELTA S.p.A. sono disponibili i seguenti dati: ESERCIZIO N 1 Nel corso del 2010, primo anno di vita dell impresa, la ASTRA S.p.A. acquista 600 unità di merci: 150 q. nel mese di marzo al prezzo unitario di 15 ( costo complessivo: 2.225); 200 q. nel

Dettagli

I PROCESSI DI PRODUZIONE La produzione è la realizzazione dei prodotti, tramite la combinazione dei fattori produttivi. Questa produzione è una

I PROCESSI DI PRODUZIONE La produzione è la realizzazione dei prodotti, tramite la combinazione dei fattori produttivi. Questa produzione è una I PROCESSI DI PRODUZIONE La produzione è la realizzazione dei prodotti, tramite la combinazione dei fattori produttivi. Questa produzione è una attività complessa nella quale convergono più profili di

Dettagli

CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI

CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI Prova di verifica CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT Indirizzo AFM; Articolazione SIA; Articolazione

Dettagli

ABC: determinazione dei costi in base alle attività

ABC: determinazione dei costi in base alle attività ABC: determinazione dei costi in base alle attività L ABCèunmodello,nonunsistema contabile Particolarmente adatto in situazioni produttive caratterizzate: da un alta incidenza dei costi generali di produzione

Dettagli

Programmazione e Controllo

Programmazione e Controllo Programmazione e Controllo A.A. 2013-2014 Dott.ssa Alessandra Stefanoni 2 Pianificazione La PIANIFICAZIONE è il processo mediante il quale l azienda determina gli obiettivi di medio lungo termine, stabilisce

Dettagli

Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1. 15 maggio 2015 Caterina Ferrone

Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1. 15 maggio 2015 Caterina Ferrone Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1 15 maggio 2015 Caterina Ferrone Esercizio N.1 Sistema a cos1 pieni e variabili La LOVITO Spa presenta i da1 di costo e di ricavo rela1vi al primo mese

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Paola Demartini Il calcolo del costo di prodotto e la contabilità per centri di costo Il costo unitario di prodotto Conoscere il COSTO UNITARIO DI PRODOTTO

Dettagli

CL Produzioni Animali

CL Produzioni Animali CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-14 Beak Even Point l analisi del punto di pareggio: introduzione - è una delle più significative applicazioni della contabilità analitica* - analisi dei costi-ricavi

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti METODOLOGIE DI CALCOLO DEI : IL FULL NG SCG-L06 Pagina 0 di 22 A) OBIETTIVI DELLA LEZIONE B) BIBLIOGRAFIA DI

Dettagli

Corso di Programmazione & Controllo Lez. 3. Docente: Alessandro Scaletti

Corso di Programmazione & Controllo Lez. 3. Docente: Alessandro Scaletti Corso di Programmazione & Controllo Lez. 3 Docente: Alessandro Scaletti Autonomia Responsabilità Controllabilità il responsabile deve tendere a controllare ed ottimizzare i ricavi che può direttamente

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Indice Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Introduzione Origini ed evoluzione del controllo direzionale nella letteratura italiana e

Dettagli

Comunicazione economico-finanziaria

Comunicazione economico-finanziaria Pagina 1 di 6 Comunicazione economico-finanziaria Bilanci aziendali Il bilancio d esercizio - Il sistema informativo di bilancio - La normativa sul bilancio Le componenti del bilancio civilistico: Stato

Dettagli

COSTI COMUNI E COSTI CONGIUNTI

COSTI COMUNI E COSTI CONGIUNTI I COSTI CONGIUNTI 1 COSTI COMUNI E COSTI CONGIUNTI I COSTI COMUNI RIGUARDANO FATTORI UTILIZZATI, NEL TEMPO E NELLO SPAZIO, PER DIVERSE PRODUZIONI. I COSTI CONGIUNTI RIGUARDANO PRODOTTI CHE CONDIVIDONO

Dettagli

Esercizio 1.1 Costi diretti e costi indiretti in rapporto ai differenti oggetti di calcolo dei costi: i reparti di produzione

Esercizio 1.1 Costi diretti e costi indiretti in rapporto ai differenti oggetti di calcolo dei costi: i reparti di produzione Esercizio 1.1 Costi diretti e costi indiretti in rapporto ai differenti oggetti di calcolo dei costi: i reparti di produzione ELEMENTI DI COSTO ISOLA CAMICIE ISOLA CRAVATTE COSTI DIRETTI di reparto (isola):

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti CASO MANIFATTURA CERAMICHE SCG-L10 Pagina 0 di 11 Ora vediamo cosa è capace di fare nel campo della contabilità

Dettagli

Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali. A cura di Laura Coggiola

Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali. A cura di Laura Coggiola Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali A cura di Laura Coggiola Il Direct Costing MARGINALITA REDDITIVITA RICAVI? PROFITTO COSTI CONTO ECONOMICO GESTIONALE AREA OPERATIVA O CARATTERISTICA

Dettagli

Budget. Budget di PERIODO. di INIZIATIVA MASTER BUDGET. Simulazioni economiche. Obiettivi generali del piano operativo. Obiettivi generali del budget

Budget. Budget di PERIODO. di INIZIATIVA MASTER BUDGET. Simulazioni economiche. Obiettivi generali del piano operativo. Obiettivi generali del budget Processo di misurazione finanziario e patrimoniale Fabbisogno di capitale fisso di capitale circolante Mezzi di copertura ITER DI COSTRUZIONE DEL BUDGET Piani d azione pluriennali vendite produzione funzioni

Dettagli

Individuare le risposte corrette per ciascun quesito (anche più di una)

Individuare le risposte corrette per ciascun quesito (anche più di una) F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE QUESITI DI AUTOVALUTAZIONE CAPITOLO IX Individuare le risposte corrette per ciascun quesito (anche più di una) 1. Si ha equilibrio economico quando: a. i ricavi sono uguali

Dettagli

I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing.

I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing. I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing. 1 La metodologia direct costing imputa ai prodotti i soli costi variabili ed esclude i costi fissi. Poiché i costi fissi non

Dettagli

Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico

Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico Esempio La società Alfa produce due tipi di prodotti denominati Red e Black. Le vendite previste per l anno n+1 sono di: 320.000 unità di Red

Dettagli

Marketing avanzato per i beni e i servizi. Prof. Nicola Cobelli

Marketing avanzato per i beni e i servizi. Prof. Nicola Cobelli Marketing avanzato per i beni e i servizi Prof. Nicola Cobelli Il PRICING (cap. 15) PREZZO Espressione monetaria del valore. Può essere definito come il rapporto che indica l ammontare della moneta necessaria

Dettagli

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA SOLUZIONI

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA SOLUZIONI CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA SOLUZIONI Esercizio 1: variabilità dei costi Costi fissi = 1.200 (assicurazione) + 320 (bollo) + 3.000 (ammortamento) = 4.520 Costi variabili unitari = 0,21 (carburante)

Dettagli

I costi di produzione

I costi di produzione 1 con tale espressione, si fa riferimento a quel processo teso a. quantificare, in termini monetari, le risorse necessarie per l implementazione del processo produttivo COSTI DI FATTORE esprimono quantità

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti L ATTRIBUZIONE DI RESPONSABILITÀ ECONOMICHE SCG-L07 Pagina 0 di 16 A) OBIETTIVI DELLA LEZIONE B) BIBLIOGRAFIA

Dettagli

CAPITOLO 9 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI COSTI NON DI PRODUZIONE

CAPITOLO 9 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI COSTI NON DI PRODUZIONE CAPITOLO 9 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI COSTI NON DI PRODUZIONE Approach (also see Approach for Chapter 8) The general message of the chapter is that differences between actual and budgeted amounts

Dettagli

Gestione Analitica dei Costi di impresa I anno LM. Management strategico dei costi di impresa II anno LM Opzionale

Gestione Analitica dei Costi di impresa I anno LM. Management strategico dei costi di impresa II anno LM Opzionale Gestione Analitica dei Costi di impresa I anno LM Management strategico dei costi di impresa II anno LM Opzionale Full Costring Richiami dei concetti di base 1-4 Prof.ssa Monia Castellini Configurazioni

Dettagli

La relazione tra il costo unitario di prodotto e il volume

La relazione tra il costo unitario di prodotto e il volume La relazione tra il costo unitario di prodotto e il volume 12-11 - 10-9 - 8-7 - 6-1 - cvu = 6 CFT = 400 unitario = totale/volume 10,00 = 1.000/100 8,00 = 1.600/200 7,00 = 2.800/400 6,40 = 6,20 = 6.400/1000

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte ottava I costi di produzione 1 Argomenti 1. I costi di acquisto dei fattori produttivi 2. I costi di produzione 3. Costi speciali e costi comuni

Dettagli

Esercitazione 14 Aprile 2016 (Viki Nellas)

Esercitazione 14 Aprile 2016 (Viki Nellas) Esercitazione Aprile 06 (Viki Nellas) Esercizio Considerate un impresa che utilizzi una tecnologia descritta dalla seguente funzione, ; i prezzi dei fattori lavoro e capitale sono pari rispettivamente

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ECONOMIA POLITICA (programma di MICROECONOMIA) seconda parte

ESERCITAZIONI DI ECONOMIA POLITICA (programma di MICROECONOMIA) seconda parte ESERCITAZIONI DI ECONOMIA POLITICA (programma di MICROECONOMIA) anno accademico 01 013 seconda parte Per domande, dubbi o chiarimenti scrivere a: gaetano.lisi@unicas.it 1 1. IMPORTANZA DEI COSTI (MEDI)

Dettagli

ripartizione dei costi e dei ricavi comunanza dei costi e dei ricavi

ripartizione dei costi e dei ricavi comunanza dei costi e dei ricavi ripartizione dei costi e dei ricavi nel tempo e nello spazio costi e ricavi di competenza di un periodo costi e ricavi riferiti: - ad aree produttive - a singoli prodotti - a processi produttivi comunanza

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Viterbo -!!Corso di Economia aziendale!!!!!a.a !

Università degli Studi della Tuscia Viterbo -!!Corso di Economia aziendale!!!!!a.a ! Agenda Inquadramento dell analisi negli strumenti di controllo direzionale Per partire (nozioni, classificazione dei costi per le decisioni, ) Finalità conoscitive e nozioni Modalità di classificazione

Dettagli

IL BUSINESS PLANNING L ANALISI DELLA FATTIBILITA ECONOMICO-FINANZIARIA. 1. Il calcolo del Break-even. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva

IL BUSINESS PLANNING L ANALISI DELLA FATTIBILITA ECONOMICO-FINANZIARIA. 1. Il calcolo del Break-even. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva L ANALISI DELLA FATTIBILITA ECONOMICO-FINANZIARIA 1. Il calcolo del Break-even L analisi della fattibilità economico-finanziaria A questo punto dovete avere tutti gli elementi necessari per poter verificare

Dettagli

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita.

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. Newsletter Phedro settembre 2006 Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. La logica tradizionale di calcolo del costo di prodotto. Il calcolo del costo del prodotto è nella prassi operativa uno dei

Dettagli

Pianificazione o programmazione

Pianificazione o programmazione 1 L azienda vive in una condizione di incertezza. Per ridurre gli effetti negativi che il verificarsi o il mancato verificarsi di certi eventi può provocare sulla gestione dell azienda, è necessario cercare

Dettagli

Tema di Economia Aziendale

Tema di Economia Aziendale Tema di Economia Aziendale Parte obbligatoria Indirizzi: ITAF, EA05 - AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Stralcio tratto dal report mensile, redatto dai responsabili delle funzioni aziendali al 31/01/2015

Dettagli

Introduzione La natura e lo scopo dei sistemi contabili 1

Introduzione La natura e lo scopo dei sistemi contabili 1 Indice Prefazione Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XIX XXI XXIII Introduzione La natura e lo scopo dei sistemi contabili 1 La necessità di informazioni 1 Le informazioni operative 3 Le informazioni

Dettagli

d) Per ogni unità venduta il monopolista perde la differenza tra prezzo (500) e costo medio (750). La perdita è quindi: ( ) * 250 =

d) Per ogni unità venduta il monopolista perde la differenza tra prezzo (500) e costo medio (750). La perdita è quindi: ( ) * 250 = ESERCIZIO 1 Un'impresa opera in regime di monolio naturale. I suoi costi medi (CM) sono pari a: CM = 1000 q mentre la funzione di domanda del mercato è: p = 2000-6 q Lo stato impone al monopolista di comportarsi

Dettagli

ESERCIZI - ECONOMIA PUBBLICA LZ 2016

ESERCIZI - ECONOMIA PUBBLICA LZ 2016 ESERCIZI - ECONOMIA PUBBLICA LZ 2016 Esercizio 1 (IVA) Si consideri la seguente situazione: - l'impresa A vende all'impresa B un bene intermedio, che ha prodotto utilizzando solo il fattore lavoro, al

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE CONTROLLARE GUIDARE LE AZIONI VERSO OBIETTIVI DEFINITI

IL CONTROLLO DI GESTIONE CONTROLLARE GUIDARE LE AZIONI VERSO OBIETTIVI DEFINITI IL CONTROLLO DI GESTIONE CONTROLLARE GUIDARE LE AZIONI VERSO OBIETTIVI DEFINITI PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE DECIDERE: DOVE SI VUOLE ANDARE (OBIETTIVI) CON QUALI MEZZI (RISORSE)

Dettagli

TEMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI

TEMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Tema in preparazione all esame di Stato PACCHETTO TURISTICO (PUNTO DI PAREGGIO E MARGINE DI CONTRIBUZIONE), CALCOLO DELLA TARIFFA CON IL FULL COSTING, SCELTA DEL PACCHETTO TURISTICO

Dettagli

BASI E STRATEGIE PER LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO (CAP. 14, 15) Unit 10 Slide Lezioni del 01/02/03 dicembre 2015

BASI E STRATEGIE PER LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO (CAP. 14, 15) Unit 10 Slide Lezioni del 01/02/03 dicembre 2015 COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 BASI E STRATEGIE PER LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO (CAP. 14, 15) Unit 10 Slide 10.2.1 Lezioni del 01/02/03 dicembre 2015 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI IL

Dettagli

MATERIALE ED ESERCIZI PER ASSOLUZIONE DEBITO FORMATIVO IN: ECONOMIA CLASSE: 2 INDIRIZZO: ACCONCIATURA DOCENTE: NICOLÒ RAICO

MATERIALE ED ESERCIZI PER ASSOLUZIONE DEBITO FORMATIVO IN: ECONOMIA CLASSE: 2 INDIRIZZO: ACCONCIATURA DOCENTE: NICOLÒ RAICO MATERIALE ED ESERCIZI PER ASSOLUZIONE DEBITO FORMATIVO IN: ECONOMIA CLASSE: 2 INDIRIZZO: ACCONCIATURA DOCENTE: NICOLÒ RAICO 1) Il Mercato - Domanda e Offerta La LEGGE DELLA DOMANDA (o curva di domanda)

Dettagli

13.9.2. Metodologia di controllo dei costi per centro di costo. 13.9.3. Un esempio di budget in un azienda di servizi alberghieri

13.9.2. Metodologia di controllo dei costi per centro di costo. 13.9.3. Un esempio di budget in un azienda di servizi alberghieri 1. L IMPRENDITORE E IL GOVERNO DELLA GESTIONE 1.1. L impresa e l ambiente in cui opera pag. 3 1.2. L impatto dei fattori esterni pag. 5 1.3. Il controllo dei fattori aziendali pag. 8 2. IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE

Dettagli

Corso di Economia e Gestione delle Imprese. Corso di Economia e Gestione delle Imprese

Corso di Economia e Gestione delle Imprese. Corso di Economia e Gestione delle Imprese Corso di Economia e Gestione delle Imprese I principi della gestione delle imprese I principi della gestione delle imprese La gestione dell impresa riguarda la scelta di che cosa essa deve fare (tipicamente:

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Parte 5 Activity based costing L Activity based costing guarda all azienda non per funzioni, ma per processi identifica i centri di costo

Dettagli

Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2

Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Analisi della Potenzialità Economico-Strutturale

Analisi della Potenzialità Economico-Strutturale Esercitazione Analisi della Potenzialità Economico-Strutturale ANALISI POTENZIALITA ECONOMICO- STRUTTURALE Obiettivi: Misurare la capacità dell impresa di ottenere un profitto data una certa composizione

Dettagli

ESERCITAZIONE IVA, IRES e IRAP Testo e soluzioni

ESERCITAZIONE IVA, IRES e IRAP Testo e soluzioni ESERCITAZIONE IVA, IRES e IRAP Testo e soluzioni Esercizio 1 Si consideri la seguente situazione: - l'impresa A vende all'impresa B un bene intermedio, che ha prodotto utilizzando solo il fattore lavoro,

Dettagli