UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Divisione Personale Docente Ufficio Professori Ordinari e Associati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Divisione Personale Docente Ufficio Professori Ordinari e Associati"

Transcript

1 Decreto Rettorale n. 3/2007 OGGETTO: Regolamento d Ateneo sulle modalità di espletamento delle procedure per il reclutamento dei Ricercatori universitari nonché per i trasferimenti, la mobilità interna e il cambiamento di Settore Scientifico Disciplinare Prot. n. 203 Titolo I Classe 3 IL RETTORE VISTA la legge , n.168; VISTA la legge , n.341; VISTA la legge , n.210; VISTA la legge , n.370; VISTO il D.P.R , n.117; VISTO il D.M ; VISTO il Regolamento emanato con D.R. n.139 del ; VISTA la legge , n.230; VISTO il Decreto Legislativo ,n.164; CONSIDERATO che si è reso necessario apportare modifiche al Regolamento emanato con D.R. n.139 del in quanto l entrata in vigore di norme di legge e regolamentari hanno innovato la disciplina delle procedure di valutazione comparativa e dei trasferimenti; VISTE le delibere del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione di questo Ateneo rispettivamente in data e che hanno approvato il testo dell allegato Regolamento; VISTA la ministeriale prot.3632 del che comunica la sospensione dell attività di pubblicazione del Bollettino Ufficiale del MIUR invitando gli Atenei a disporre la pubblicazione dei Regolamenti di Ateneo nei siti informatici degli Atenei stessi; VISTA la nota ministeriale n.4229 del ; CONSIDERATO che occorre provvedere DECRETA E emanato il Regolamento sulle modalità di espletamento delle procedure per il reclutamento dei ricercatori universitari nonché per i trasferimenti, la mobilità interna ed il cambiamento di settore scientifico disciplinare. Il presente Regolamento sostituisce il Regolamento di cui al D.R. n.139 del

2 REGOLAMENTO SULLE MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DELLE PROCEDURE PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI UNIVERSITARI NONCHÉ PER I TRASFERIMENTI, LA MOBILITÀ INTERNA ED IL CAMBIAMENTO DI SETTORE SCIENTIFICO-DISCIPLINARE Il presente Regolamento sostituisce il Regolamento di cui al D.R. n. 139 del 3/7/2001. PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto Il presente regolamento disciplina il reclutamento, il trasferimento, la mobilità interna ed il cambiamento di settore scientifico-disciplinare dei Ricercatori di ruolo presso l Università degli Studi di Pavia. Art. 2. Destinazione e copertura dei posti di ruolo 1) La destinazione dei posti di ruolo ai settori scientifico-disciplinari e le modalità per la loro copertura sono deliberate, in rapporto ai propri programmi didattici e di ricerca e sulla base delle risorse disponibili, dai Consigli di Facoltà, sentiti i Consigli di Corso di Studio ed i Consigli di Dipartimento interessati. 2) Per la copertura di posti di ruolo di Ricercatore, ciascun Consiglio di Facoltà, sentito il Consiglio di Corso di Studio interessato, può: a) richiedere che vengano bandite procedure di valutazione comparativa, secondo le modalità indicate nella parte seconda del presente Regolamento; b) proporre il trasferimento, secondo le modalità indicate nella parte terza e quinta del presente Regolamento; c) proporre la mobilità interna, secondo le modalità indicate nella parte quarta e quinta del presente Regolamento. Art. 3. Deliberazioni e maggioranze. 1) Le deliberazioni sulla destinazione dei posti e sulla scelta della procedura sono assunte a maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto. 2) A parte le forme di pubblicità a ciascuno proprie, i bandi per la procedura di valutazione comparativa e gli avvisi di vacanza da coprire mediante trasferimento o mobilità sono affissi all'albo ufficiale dell'ateneo e diffusi anche per via telematica. 3) Le deliberazioni di cui al primo comma del presente articolo sono assunte nella composizione riservata ai professori ordinari, straordinari, associati ed ai rappresentanti dei ricercatori. 4) Le deliberazioni relative al trasferimento, alla mobilità interna ed al cambiamento di settore scientifico-disciplinare di cui alle parti 3^, 4^ e 5^ del presente regolamento, sono 2

3 assunte dai Consigli di Facoltà previo parere dei Dipartimenti di riferimento per gli specifici settori scientifico-disciplinari interessati espresso con le stesse maggioranze previste per i Consigli di Facoltà stessi. 5) Ai fini della determinazione del quorum strutturale e funzionale si tiene conto dei professori fuori ruolo soltanto se intervengono alla seduta. Art. 4. Responsabile del procedimento. Il bando per la procedura di valutazione comparativa e l avviso di vacanza da coprire mediante trasferimento o mobilità interna indicano il responsabile del procedimento ai sensi degli artt. 4, 5 e 6 della legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni. Art. 5. Domande e documentazione. La domanda di partecipazione alla procedura di reclutamento, trasferimento, mobilità interna o di cambiamento di settore scientifico-disciplinare è corredata da: a) curriculum dell'attività didattica e scientifica, nonché il curriculum dell'attività clinicoassistenziale per i settori scientifico-disciplinari per i quali è richiesto; b) elenco delle pubblicazioni; c) ogni titolo che il candidato ritenga rilevante ed elenco di tali titoli. Art. 6. Motivazione. 1) Le deliberazioni di effettuare ovvero non effettuare il trasferimento, la mobilità interna ed il cambiamento di settore scientifico-disciplinare sono motivate in particolare con riferimento alle esigenza didattiche e scientifiche della Facoltà. 2) Qualora vi siano più candidati, la scelta è effettuata mediante una valutazione comparativa del curriculum complessivo degli stessi. 3) In assenza di adeguata motivazione, il Rettore può chiedere al Consiglio di Facoltà un'integrazione della stessa. Art. 7. Decreto rettorale e decorrenza delle nomine. 1) La nomina, il trasferimento, la mobilità interna ed il cambiamento di settore scientificodisciplinare sono disposti con decreto rettorale impugnabile soltanto con ricorso giurisdizionale o con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica. 2) Le nomine in ruolo decorrono di norma dal primo giorno del mese successivo all approvazione degli atti della procedura di valutazione comparativa. I trasferimenti e la mobilità interna decorrono di norma dal 1 Novembre, ovvero da una data anteriore, in caso di attività didattiche da svolgere nella parte residua dell anno accademico. Nel caso in cui l interessato provenga dai ruoli di altre Università, l anticipo della decorrenza può essere disposto solo sulla base di un accordo tra le Università interessate, approvato dagli organi accademici competenti, previo nulla osta della Facoltà di provenienza. 3) Nel caso di mobilità da effettuarsi in corso d anno il passaggio ad altra Facoltà è consentito previo nulla osta della Facoltà di provenienza. 3

4 PARTE SECONDA RECLUTAMENTO Art. 8. Procedura di valutazione comparativa. 1) Su delibera dei Consigli di Facoltà, in presenza dei presupposti di cui al precedente art. 2, primo comma, la procedura di valutazione comparativa viene bandita con provvedimento del Rettore pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica - IV^ Serie Speciale - Concorsi ed Esami. 2) La delibera del Consiglio di Facoltà che chiede la procedura di valutazione comparativa specifica altresì: a) il settore scientifico-disciplinare relativo al posto oggetto del bando; b) i settori affini agli effetti del divieto di partecipazione a valutazioni comparative per posti del medesimo livello; c) l eventuale limitazione al numero di lavori scientifici che il candidato può sottoporre a valutazione. 3) Le domande di partecipazione alla valutazione comparativa devono essere spedite entro i 30 giorni decorrenti dal giorno successivo a quello della pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale. Scaduto tale termine il Consiglio di Facoltà designa un componente della Commissione giudicatrice. Art. 9. Bando della procedura di valutazione comparativa. Il bando per l'indizione della procedura di valutazione comparativa riporta in particolare: a) l indicazione della Facoltà che ha chiesto il bando e del contenuto della delibera di cui al precedente art. 8; b) i termini e le modalità di presentazione della domanda; c) i requisiti per l ammissione alla procedura per la copertura del posto; d) le prove previste; e) i termini, l indirizzo e le modalità di presentazione del plico contenente le pubblicazioni. Art. 10. Commissione giudicatrice. 1) Il Rettore assicura la pubblicità dei risultati delle elezioni dei componenti della commissione giudicatrice, mediante affissione all'albo ufficiale dell'ateneo e diffusione anche per via telematica. 2) Il Rettore nomina componenti della commissione giudicatrice il membro designato dalla Facoltà e gli eletti che hanno riportato il maggior numero di voti e procede alle eventuali integrazioni sulla scorta dei medesimi risultati. E fatto divieto ai nominati in una commissione giudicatrice di far parte di altre commissioni, per lo stesso settore scientifico-disciplinare e per la stessa qualifica, per un periodo di un anno decorrente dalla data del decreto di nomina. 3) La commissione giudicatrice consegna il verbale delle singole riunioni ed il verbale conclusivo della procedura di valutazione comparativa entro 6 mesi dalla data di pubblicazione del Decreto Rettorale di nomina. Il Rettore può prorogare, per una sola volta e per non più di quattro mesi, il termine per la conclusione della procedura per comprovati 4

5 ed eccezionali motivi segnalati dal presidente della commissione. Nel caso in cui i lavori non si siano conclusi entro la proroga, il Rettore, con provvedimento motivato, avvia la procedura per la sostituzione dei componenti cui sia imputabile il ritardo, stabilendo nel contempo un nuovo termine per la conclusione dei lavori. 4) Il Rettore trasmette gli atti della procedura di valutazione comparativa al CUN per il parere di legittimità sugli stessi. Il parere è reso entro novanta giorni dalla richiesta. Una volta espresso il parere o, comunque, decorso il termine dei novanta giorni, il Rettore approva o non approva gli atti, motivando l'eventuale difformità dal parere stesso. Il Rettore, successivamente, comunica ai candidati l'esito della procedura. Art. 11. Criteri di valutazione. 1) La commissione giudicatrice, nel valutare il curriculum, i titoli e le pubblicazioni scientifiche dei candidati, prende in considerazione i seguenti criteri: a) originalità ed innovatività della produzione scientifica e rigore metodologico; b) apporto individuale del candidato analiticamente determinato nei lavori in collaborazione c) congruenza della complessiva attività del candidato con il settore scientifico-disciplinare per il quale è bandita la procedura ovvero con tematiche interdisciplinari che le comprendano; d) rilevanza scientifica della collocazione editoriale delle pubblicazioni e loro diffusione all interno della comunità scientifica. e) continuità temporale della produzione scientifica anche in relazione alla evoluzione delle conoscenze nello specifico settore scientifico-disciplinare; f) rinomanza nel settore scientifico-disciplinare stabilita anche sulla base di inviti ufficiali a presentare relazioni sia su riviste che a Congressi internazionali; g) rilevanza dei premi e dei riconoscimenti conseguiti in relazione all attività scientifica. 2) Per i fini di cui al comma 1) la Commissione fa anche ricorso, ove possibile, a parametri riconosciuti in ambito scientifico internazionale. 3) Costituiscono, in ogni caso, titoli da valutare specificatamente nelle valutazioni comparative: a) l attività didattica svolta anche all estero b) i servizi prestati negli Atenei e negli Enti di ricerca italiani e stranieri; c) l attività di ricerca, comunque svolta, presso soggetti pubblici e privati italiani e stranieri; d) i titoli di dottore di ricerca e la fruizione di borse di studio finalizzate ad attività di ricerca. e) il servizio prestato nei periodi di distacco presso i soggetti di cui all art. 3, comma 2, del decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 297; f) l attività in campo clinico e, con riferimento alle scienze motorie, in campo teoricoaddestrativo, relativamente ai settori scientifico-disciplinari in cui sia richiesta tale specifica competenza; g) l attività di organizzazione, direzione e coordinamento di gruppi di ricerca; h) il coordinamento di iniziative in campo didattico e scientifico svolte in ambito nazionale ed internazionale. Costituiscono titoli preferenziali: a) il dottorato di ricerca; b) le attività svolte in qualità di assegnista e contrattista di cui alla Legge n.449/97, art. 51 comma 6 -; c) le attività svolte quale borsista post-dottorato di cui alle Legge n. 398/89; d) le attività svolte quale Ricercatore a tempo determinato di cui al comma 14 dell art. 1 della Legge n. 230/

6 Art. 12. Nomina dei vincitori. La nomina è disposta con Decreto Rettorale entro 120 giorni dall approvazione degli atti della procedura di valutazione comparativa PARTE TERZA TRASFERIMENTI Art. 13. Avviso di vacanza con copertura mediante trasferimento. 1) Su delibera dei Consigli di Facoltà, ai sensi del precedente art. 2, primo e secondo comma- lett. b), il Rettore emana specifici avvisi di vacanza dei posti da coprire mediante trasferimento di Ricercatore, distinti per settore scientifico-disciplinare. 2) Entro trenta giorni dalla pubblicazione dell'avviso di vacanza nella Gazzetta Ufficiale, i Ricercatori, che abbiano prestato servizio presso una sede universitaria (ivi compresa l Università di Pavia) per almeno tre anni, anche se in aspettativa ai sensi dell art. 12 e dell art. 13, primo comma, numeri da 1) a 9), del d.p.r. 11 luglio 1980, n.382, possono presentare domanda - accompagnata dai documenti previsti dall'art. 5 del presente Regolamento - in carta libera, direttamente o anche a mezzo fax o a mezzo posta, al Preside della Facoltà interessata che l assume a protocollo. A tal fine fa fede, per la spedizione postale, il timbro dell ufficio postale accettante. 3) La domanda di trasferimento può essere presentata dall interessato anche nel corso del terzo anno di permanenza nella sede universitaria di appartenenza. Art. 14. Procedura di trasferimento. 1) Il Consiglio di Facoltà, eventualmente previo colloquio con i candidati, entro 80 giorni dalla data di scadenza dell'avviso di vacanza, delibera in base a quanto previsto dall art. 6, 1 e 2 comma. Decorso tale termine senza che sia intervenuta alcuna delibera, la Facoltà può chiedere l emanazione di un nuovo avviso di vacanza per lo stesso settore scientifico disciplinare della medesima categoria soltanto dopo che siano trascorsi due anni dalla suddetta data. 2) Il trasferimento è disposto con Decreto Rettorale entro 120 giorni dalla data di scadenza dell'avviso di vacanza. PARTE QUARTA MOBILITA Art. 15. Avviso di vacanza con copertura mediante mobilità interna. 1) Su delibera del Consiglio di Facoltà, ai sensi del precedente art. 2, primo e secondo comma - lett. c), il Preside emana specifici avvisi di vacanza dei posti da coprire mediante mobilità interna, che vengono trasmessi al Rettore ed agli altri Presidi dell Università per la pubblicità. 6

7 2) L avviso indica il termine, non inferiore a 20 giorni dalla data di affissione all Albo di Ateneo, entro il quale devono essere presentate le domande - accompagnate dai documenti previsti dall'art. 5 del presente Regolamento - in carta libera, direttamente o anche a mezzo fax o a mezzo posta, al Preside della Facoltà richiedente che l assume a protocollo. A tal fine farà fede, per la spedizione postale, il timbro dell ufficio postale accettante. 3) Per la mobilità si prescinde dal triennio di effettivo servizio, salvo quello relativo al periodo di prova. 4) La domanda di mobilità può essere presentata dai Ricercatori in servizio presso l Università di Pavia anche nel corso del terzo anno del periodo di prova per la conferma in ruolo. Art. 16. Procedura di mobilità interna. 1) Il Consiglio di Facoltà, entro 80 giorni dalla data di scadenza dell'avviso di vacanza, eventualmente previo colloquio con il candidato, delibera in base a quanto previsto dall art. 6, 1 e 2 comma. Decorso tale termine senza che sia intervenuta alcuna delibera, la Facoltà può chiedere l emanazione di un nuovo avviso di vacanza per lo stesso settore scientifico disciplinare e per la medesima categoria soltanto dopo che siano trascorsi due anni dalla suddetta data. 2) La mobilità è disposta con Decreto Rettorale entro 120 giorni dalla data di scadenza dell'avviso di vacanza. Art. 17. Mobilità per passaggio del posto. Nell ipotesi in cui vi sia l accordo di due Facoltà sulla mobilità di uno o più Ricercatori confermati dello stesso settore scientifico-disciplinare con contestuale passaggio del posto e della relativa copertura finanziaria da una Facoltà all altra, la mobilità può avvenire su richiesta dell interessato. Acquisita la delibera delle due Facoltà ed il parere favorevole del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione, il Rettore dispone la mobilità. PARTE QUINTA CAMBIAMENTO DI SETTORE SCIENTIFICO-DISCIPLINARE Art. 18. Trasferimento e mobilità interna con cambiamento di settore scientifico-disciplinare. 1) I Ricercatori possono chiedere di coprire un posto mediante il trasferimento o la mobilità interna rispetto ad un settore scientifico-disciplinare diverso da quello di titolarità, qualora siano in possesso di una produzione scientifica adeguata nel settore scientificodisciplinare di destinazione.. 2) Il Consiglio di Facoltà procede secondo quanto disposto dagli artt. 14 o 16 del presente Regolamento. Il cambiamento di settore scientifico disciplinare è disposto con decreto rettorale entro 120 giorni dall acquisizione del parere del C.U.N., motivando l eventuale difformità. Art. 19. Cambiamento di settore scientifico-disciplinare all'interno della stessa Facoltà. 7

8 1) Indipendentemente dallo svolgimento di una procedura di trasferimento o di mobilità interna i Ricercatori possono chiedere il cambiamento di settore scientifico-disciplinare secondo quanto previsto dal precedente articolo. 2) In tal caso, la domanda di cambiamento di settore scientifico-disciplinare è presentata al Preside della Facoltà di appartenenza. La delibera del Consiglio di Facoltà è approvata a maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto e viene trasmessa al Rettore che con proprio decreto dispone il cambiamento di settore scientifico-disciplinare previo parere del C.U.N., motivando l eventuale difformità. PARTE SESTA DISPOSIZIONI FINALI Art. 20. Entrata in vigore - Rinvio. 1) Le disposizioni del presente Regolamento entrano in vigore a decorrere dal giorno successivo a quello di affissione all Albo rettorale dell Università degli Studi di Pavia e vengono pubblicate sul Bollettino Ufficiale del Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica. 2) Per gli aspetti non disciplinati dal presente Regolamento si fa rinvio alla normativa vigente in materia di accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni, alla Legge 3/7/1998, n. 210, alla Legge 19/10/1999, n. 370, al D.P.R. 23/3/2000, n. 117, al D.M. 4/10/2000 e alla Legge 4/11/2005, n Pavia, 3 Gennaio 2007 SP/AC IL RETTORE (Angiolino STELLA) f.to A. Stella 8

CAPO I PARTE GENERALE

CAPO I PARTE GENERALE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITÀ INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE 240/2010 (EMANATO CON D.R. N. 638/2012 DEL 5 DICEMBRE 2012 ED INTEGRATO CON D.R. N.202/2013

Dettagli

Il Rettore Decreto n Anno 2015 Prot. n

Il Rettore Decreto n Anno 2015 Prot. n Il Rettore Decreto n. 1682 Anno 2015 Prot. n. 176605 VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione nonché sperimentazione organizzativa

Dettagli

Regolamento relativo alla disciplina delle procedure di reclutamento e promozione dei Professori dell Università Commerciale Luigi Bocconi, ai sensi

Regolamento relativo alla disciplina delle procedure di reclutamento e promozione dei Professori dell Università Commerciale Luigi Bocconi, ai sensi Regolamento relativo alla disciplina delle procedure di reclutamento e promozione dei Professori dell Università Commerciale Luigi Bocconi, ai sensi della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, artt. 18 e 24

Dettagli

Articolo 1 (Finalità del regolamento) Articolo 2 (Richieste delle strutture) TITOLO 3 - DISCIPLINA TRANSITORIA Articolo 11 (Disciplina transitoria)

Articolo 1 (Finalità del regolamento) Articolo 2 (Richieste delle strutture) TITOLO 3 - DISCIPLINA TRANSITORIA Articolo 11 (Disciplina transitoria) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 (emanato con decreto rettorale 30 luglio 2014 n.

Dettagli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE DI CHIAMATA DEI PROFESSORI DI I E II FASCIA AI SENSI DEGLI ARTT.18 E 24 DELLA LEGGE 240/2010 Il presente Regolamento, emanato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. Ufficio Selezione ed Assunzione del Personale. Via Università 4, Modena IL RETTORE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. Ufficio Selezione ed Assunzione del Personale. Via Università 4, Modena IL RETTORE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Ufficio Selezione ed Assunzione del Personale Via Università 4, Modena AFFISSO ALL ALBO DI ATENEO IL 03/06/2014 Decreto Rep nr. 109/2014 Prot. Nr. 10236

Dettagli

18/07/2006. DECRETO RETTORALE del 26/09/2006 UFFICIO COMPETENTE Ufficio Personale Docente Data ultimo aggiornamento: 26 settembre 2006

18/07/2006. DECRETO RETTORALE del 26/09/2006 UFFICIO COMPETENTE Ufficio Personale Docente Data ultimo aggiornamento: 26 settembre 2006 REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITÀ INTERNA, AI SENSI DELL'ARTICOLO 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 6 APRILE 2006 N. 164 SENATO ACCADEMICO 12/07/2006 CONSIGLIO

Dettagli

VERBALE N. 1 SEDUTA PRELIMINARE

VERBALE N. 1 SEDUTA PRELIMINARE Prot. n. 1047 del 16/12/2016_class. VII/1 PROCEDURA SELETTIVA PER IL RECLUTAMENTO DI N. 1 RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO DI TIPOLOGIA A PER IL SETTORE CONCORSUALE 14/C3 - SETTORE SCIENTIFICO-DISCIPLINARE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL'ART. 18 DELLA L. 240/2010

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL'ART. 18 DELLA L. 240/2010 REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL'ART. 18 DELLA L. 240/2010 INDICE Art. 1 Finalità del regolamento...2 Art. 2 Programmazione e copertura finanziaria...2

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Divisione Personale Docente Ufficio Professori Ordinari e Associati

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Divisione Personale Docente Ufficio Professori Ordinari e Associati Decreto Rettorale n. 1/2007 OGGETTO: Regolamento d Ateneo sulle modalità di trasferimento, mobilità interna, cambiamento di Settore Scientifico Disciplinare e chiamata degli idonei per posti di Professore

Dettagli

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI FOGGIA

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI FOGGIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO RIGUARDANTE LE MODALITÁ DI ESPLETAMENTO DA PARTE DELL UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI FOGGIA DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE COMPARATIVA E LA NOMINA IN RUOLO DEI PROFESSORI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO ai sensi dell art. 18 e 24 della Legge del 30/12/2010 n. 240

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO ai sensi dell art. 18 e 24 della Legge del 30/12/2010 n. 240 REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO ai sensi dell art. 18 e 24 della Legge del 30/12/2010 n. 240 ART. 1 FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento, emanato in attuazione

Dettagli

UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO

UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO Allegato al verbale del Senato Accademico n. 31 del 07/04/2014 UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CHIAMATE DI DOCENTI IDONEI AI SENSI DELL ART. 18, DELLE CHIAMATE DI RICERCATORI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE AFFERENZE E DELLA MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE. Art. 1. Principi Generali. 1.1 Il presente Regolamento, nel rispetto delle norme di cui all art. 6, comma 9, della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL ART. 18 DELLA LEGGE 240/2010

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL ART. 18 DELLA LEGGE 240/2010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL ART. 18 Titolo I Ambito applicativo e modalità di attivazione della copertura di posti di ruolo

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. l emanazione, nel testo allegato, del Regolamento per la disciplina delle afferenze e della mobilità del personale docente.

IL RETTORE DECRETA. l emanazione, nel testo allegato, del Regolamento per la disciplina delle afferenze e della mobilità del personale docente. Università degli Studi di Roma LA SAPIENZA Amministrazione Centrale Decreto n. 2667/2013 prot. n. 0046577 del 29/07/2013 classif. I/3 Area Risorse Umane Ufficio Personale Docente e Collaborazioni Esterne

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI I E II FASCIA E PER LA MOBILITÀ DI PROFESSORI E RICERCATORI UNIVERSITARI Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

DIVISIONE RISORSE IL RETTORE

DIVISIONE RISORSE IL RETTORE DIVISIONE RISORSE Settore Risorse Umane Reclutamento e Concorsi Via Duomo, 6-13100 Vercelli Tel 0161/261535 Fax 0161/210718 E-mail: concorsi@unipmn.it; Decreto Rettorale Repertorio n. 460-20414 Prot. n.

Dettagli

c. per Commissione la Commissione incaricata di effettuare la valutazione delle candidature;

c. per Commissione la Commissione incaricata di effettuare la valutazione delle candidature; Regolamento relativo alla disciplina delle procedure di reclutamento dei ricercatori a tempo determinato dell' Università Carlo Cattaneo - LIUC, ai sensi della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, art. 24 Articolo

Dettagli

Art. 1 (Programmazione annuale)

Art. 1 (Programmazione annuale) Regolamento d Ateneo per il reclutamento dei professori universitari di ruolo e dei ricercatori UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI LECCE (approvato dal Senato Accademico con deliberazione n.148 in data 26/06/2000

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA AI SENSI DELL'ART. 18, COMMA 1, E DELL'ART. 24, COMMI 5 E 6, DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 TITOLO I. NORME GENERALI

Dettagli

VERBALE N. 1 SEDUTA PRELIMINARE

VERBALE N. 1 SEDUTA PRELIMINARE PROCEDURA VALUTATIVA PER LA COPERTURA, MEDIANTE CHIAMATA AI SENSI DELL ART. 18, COMMA 1, DELLA L. 240/2010, DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI I FASCIA, PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA POTENZA VERSIONE TELEMATICA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA POTENZA VERSIONE TELEMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA POTENZA Al Magnifico Rettore dell Università degli Studi della Basilicata SEDE VERSIONE TELEMATICA Oggetto: VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI FARMACIA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI FARMACIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI FARMACIA BANDO PER CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO IL PRESIDE Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Sassari, emanato con D.R. n. 60 del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE Servizio Personale Docente Settore II Allegato A

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE Servizio Personale Docente Settore II Allegato A 0 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE Servizio Personale Docente Settore II Allegato A REGOLAMENTO IN MATERIA DI RECLUTAMENTO A TEMPO DETERMINATO DI PERSONALE

Dettagli

RELAZIONE CONCLUSIVA. Prof. Giuseppe O. Armocida ordinario di Storia della Medicina presso l'università degli Studi dell Insubria

RELAZIONE CONCLUSIVA. Prof. Giuseppe O. Armocida ordinario di Storia della Medicina presso l'università degli Studi dell Insubria Valutazione comparativa per la copertura di n. 1 posto di ricercatore universitario per il settore scientifico disciplinare n. MED 02 (Storia della Medicina) presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'università

Dettagli

Parte Prima Disposizioni preliminari. Parte Seconda Reclutamento ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4. (Allegato al D.R. n. 691 del 2.06.

Parte Prima Disposizioni preliminari. Parte Seconda Reclutamento ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4. (Allegato al D.R. n. 691 del 2.06. Regolamento sulle modalità di espletamento delle procedure per il reclutamento dei Professori universitari di ruolo e dei Ricercatori, nonchè per i trasferimenti e la mobilità interna (Allegato al D.R.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA PROCEDURA PUBBLICA DI SELEZIONE FINALIZZATA AL RECLUTAMENTO DI UN RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO MEDICINA INTERNA

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO RELATIVO ALLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA Ultima modifica: D.R. n. 2009 del 22 luglio 2014 Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA PROCEDURA PUBBLICA DI SELEZIONE FINALIZZATA AL RECLUTAMENTO DI UN RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA, DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA

Dettagli

Regolamento per la chiamata dei professori di I e II fascia

Regolamento per la chiamata dei professori di I e II fascia Emanato con D.R. n. 616/2012 del 05/04/2012 Modificato con D.R. n. 859/2013 del 05/06/2013 Riformulato con D.R. n. 570/2014 del 01/07/2014 Modificato con D.R. n. 1489/2015 del 29/10/2015 Regolamento per

Dettagli

Norme per il reclutamento dei ricercatori e dei professori universitari di ruolo

Norme per il reclutamento dei ricercatori e dei professori universitari di ruolo Legge 3 luglio 1998, n. 210 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 155 del 6-7-1998 Norme per il reclutamento dei ricercatori e dei professori universitari di ruolo La Camera dei Deputati ed il Senato

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE ALLEGATO 1 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 ALLEGATO 2 66 67 08E09007 Vacanza di un posto di professore universitario di ruolo di seconda fascia da coprire mediante trasferimento presso la facoltà di

Dettagli

Titolo I - Ambito applicativo e modalità di attivazione della copertura di posti di ruolo

Titolo I - Ambito applicativo e modalità di attivazione della copertura di posti di ruolo Emanato con D.R. rep. 1825/2011 Modificato con D.R. rep. 1579/2014 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PROCEDIMENTO DI CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI I E DI II FASCIA (ai sensi dell art. 18 della legge 30 dicembre 2010, n. 240) Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento, emanato in attuazione

Dettagli

SEDUTA PRELIMINARE. Ciascun componente comunica di non avere relazioni di parentela ed affinità entro il 4 grado incluso con gli altri commissari.

SEDUTA PRELIMINARE. Ciascun componente comunica di non avere relazioni di parentela ed affinità entro il 4 grado incluso con gli altri commissari. VERBALI DEI LAVORI DELLA COMMISSIONE GIUDICATRICE DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE UNIVERSITARIO PRESSO LA FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA DELL'UNIVERSITA'

Dettagli

2. Il reclutamento dei professori di I e II fascia avviene secondo quattro distinte procedure:

2. Il reclutamento dei professori di I e II fascia avviene secondo quattro distinte procedure: Regolamento dell Università degli Studi Link Campus University per il reclutamento di professori di prima e seconda fascia ai sensi dell art. 18 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240 Titolo I Disposizioni

Dettagli

UNIVERSITÀ D p. Rep. n 9

UNIVERSITÀ D p. Rep. n 9 UNIVERSITÀ D p - a G L \ S ijj D 1 D i PADOVA Rep. n 9 -Prof- rro r. ir ^ 4 4 1 dei *1 /4 /Sol AnnoQMfe Tit. \fll CI. J Fase. 4 4 4 13 UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA Procedura valutativa 2016 PA242

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Viale Mancini, 5 07100 Sassari gbdore@uniss.it dip.pol.com.ing@pec.uniss.it Tel.:+39 079.228972 228971 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI www.uniss.it Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE DOCENTI PER IL DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO A CICLO UNICO DI RESTAURO

BANDO DI SELEZIONE DOCENTI PER IL DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO A CICLO UNICO DI RESTAURO Prot. 7370/14 BANDO DI SELEZIONE DOCENTI PER IL DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO A CICLO UNICO DI RESTAURO IL DIRETTORE Vista la Legge 21 dicembre 1999, n. 508 e successive modifiche e integrazioni

Dettagli

Verbale n. 1 (Riunione preliminare)

Verbale n. 1 (Riunione preliminare) Procedura di valutazione per un posto di ruolo di Seconda Fascia da ricoprire mediante chiamata, ai sensi dell articolo 24, comma 6, della Legge 30 dicembre 2010, numero 240 Facoltà di Giurisprudenza dell

Dettagli

D.R. n.1704 del 29/12/2015, - avviso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 5 4 a Serie Speciale - Concorsi ed Esami - del 19/01/2016.

D.R. n.1704 del 29/12/2015, - avviso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 5 4 a Serie Speciale - Concorsi ed Esami - del 19/01/2016. SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N.1 POSTO/I DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO DI TIPOLOGIA A) PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE, SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SECS-P/08

Dettagli

VERBALI DEI LAVORI DELLA COMMISSIONE GIUDICATRICE DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N

VERBALI DEI LAVORI DELLA COMMISSIONE GIUDICATRICE DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N VERBALI DEI LAVORI DELLA COMMISSIONE GIUDICATRICE DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE UNIVERSITARIO PRESSO LA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA PER IL SETTORE

Dettagli

Regolamento per l assunzione dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell art. 24 della legge n. 240 del 30 dicembre 2010. Art.

Regolamento per l assunzione dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell art. 24 della legge n. 240 del 30 dicembre 2010. Art. Regolamento per l assunzione dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell art. 24 della legge n. 240 del 30 dicembre 2010 Art. 1 (finalità) 1. L Università di Catania, nell ambito delle risorse disponibili

Dettagli

Scuola di Specializzazione in Sanità Animale, Allevamento e Produzioni Zootecniche IL DIRETTORE

Scuola di Specializzazione in Sanità Animale, Allevamento e Produzioni Zootecniche IL DIRETTORE Rep. n. 34-2008 Prot. n. 469 III/4 Ozzano dell Emilia, 08/10/2008 IL DIRETTORE VISTO VISTO VISTE VISTE il Decreto MURST del 21 maggio 1998 n. 242 Regolamento per la disciplina dei professori a contratto

Dettagli

Decreto Rettorale Repertorio n Prot. n del Tit. VII Cl. 1. PUBBLICATO IL: 27 settembre 2016

Decreto Rettorale Repertorio n Prot. n del Tit. VII Cl. 1. PUBBLICATO IL: 27 settembre 2016 DIVISIONE RISORSE SETTORE RISORSE UMANE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261535-587 Fax 0161 210718 concorsi@unipmn.it Decreto Rettorale Repertorio n. 663-2016 Prot. n. 15015 del 27.09.2016 Tit.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER Articolo 1 1. In attuazione di quanto previsto dall art. 3, comma 9 del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, nonché dall art. 7 del Regolamento

Dettagli

Articolo1 - Ambito di applicazione e principi

Articolo1 - Ambito di applicazione e principi Allegato B Regolamento per lo svolgimento delle prove selettive per la mobilità verticale del personale tecnico amministrativo per l anno 2005 Articolo1 - Ambito di applicazione e principi 1. Il presente

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio

POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio D.R. n 287 VISTO lo Statuto del Politecnico di Bari emanato con

Dettagli

VACANZA DI POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI PRIMA FASCIA DA COPRIRE MEDIANTE TRASFERIMENTO. IL RETTORE UPD DEC. 616

VACANZA DI POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI PRIMA FASCIA DA COPRIRE MEDIANTE TRASFERIMENTO. IL RETTORE UPD DEC. 616 VACANZA DI POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI PRIMA FASCIA DA COPRIRE MEDIANTE TRASFERIMENTO. IL RETTORE UPD DEC. 616 Visto la legge 3 luglio 1998 n. 210; Visto il regolamento recante la disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DI BORSE PER ATTIVITÀ DI STUDIO E/O RICERCA

REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DI BORSE PER ATTIVITÀ DI STUDIO E/O RICERCA REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DI BORSE PER ATTIVITÀ DI STUDIO E/O RICERCA Pag. 1 INDICE Pag. ARTICOLO 1 FINALITÀ... 3 ARTICOLO 2 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE... 3 ARTICOLO 3 PROCEDURE SELETTIVE... 3 ARTICOLO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Area Affari Istituzionali, Bilancio e Regolamentazione Ufficio Affari Generali IL RETTORE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Area Affari Istituzionali, Bilancio e Regolamentazione Ufficio Affari Generali IL RETTORE D.R. n. 1815 /2016 prot. n. 19017 del 01.08.2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Area Affari Istituzionali, Bilancio e Regolamentazione Ufficio Affari Generali IL RETTORE VISTA la Legge 30 dicembre 2010,

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 417 Prot. n. 7519 Data 02 febbraio 2016 Titolo I Classe 3 UOR SAGNI P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO/AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO/AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO/AMMINISTRATIVO Emanato con Decreto 5 ottobre 2002, n. 4392 Entrato in vigore il 29 ottobre 2002 SERVIZIO PERSONALE TECNICO

Dettagli

Facoltà di Psicologia IL PRESIDE. VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240, ed in particolare l articolo 23 Contratti per attività d insegnamento ;

Facoltà di Psicologia IL PRESIDE. VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240, ed in particolare l articolo 23 Contratti per attività d insegnamento ; Facoltà di Psicologia Decreto 36/2011 Prot. n. 1257 del 5 agosto 2011 IL PRESIDE VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240, ed in particolare l articolo 23 Contratti per attività d insegnamento ; VISTO il

Dettagli

D) pubblicazioni in originale o copia autenticata; E) elenco (firmato)delle pubblicazioni. Data, Firma...

D) pubblicazioni in originale o copia autenticata; E) elenco (firmato)delle pubblicazioni. Data, Firma... ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice) Al Magnifico Rettore dell'università degli Studi di Trieste Piazzale Europa, 1-34127 TRIESTE Il sottoscritto...nato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici pubblici e privati Classe di laurea L-14 DM 270/2004, art. 12 R.D.A. art. 5 RIDD

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Natura del rapporto di lavoro Art. 3 Tipologia

Dettagli

Il Direttore Generale della LUISS Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli

Il Direttore Generale della LUISS Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Bando per la formazione di liste per il conferimento di insegnamenti a contratto nei corsi di laurea, art. 23, della l. 30 dicembre 2010, n. 240 per il settore scientifico - disciplinare IUS/01 Diritto

Dettagli

I componenti della Commissione, presa visione dell'elenco nominativo dei candidati che hanno presentato domanda:

I componenti della Commissione, presa visione dell'elenco nominativo dei candidati che hanno presentato domanda: VERBALE DELLA PRIMA RIUNIONE DELLA COMMISSIONE GIUDICATRICE DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER IL RECLUTAMENTO DI UN PROFESSORE ORDINARIO DEL SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE BIO/10 DELLA FACOLTA

Dettagli

IL VICEPRESIDENTE EMANA. Il seguente bando di selezione per la copertura del tutorato di cui alle premesse per l a.a. 2016/17.

IL VICEPRESIDENTE EMANA. Il seguente bando di selezione per la copertura del tutorato di cui alle premesse per l a.a. 2016/17. IL VICEPRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Decreto Rettorale n 418/2011 Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato; VISTE le linee di indirizzo

Dettagli

Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e di seconda fascia (artt. 18 e 24 della legge 240/2010) Titolo I.

Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e di seconda fascia (artt. 18 e 24 della legge 240/2010) Titolo I. Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e di seconda fascia (artt. 18 e 24 della legge 240/2010) Titolo I. Norme generali Art. 1 Finalità e ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DELLE PROCEDURE SELETTIVE INTERNE PARTE PRIMA. Norme generali per lo svolgimento delle selezioni. Art.

REGOLAMENTO AZIENDALE DELLE PROCEDURE SELETTIVE INTERNE PARTE PRIMA. Norme generali per lo svolgimento delle selezioni. Art. REGOLAMENTO AZIENDALE DELLE PROCEDURE SELETTIVE INTERNE Il presente regolamento disciplina: PARTE PRIMA Norme generali per lo svolgimento delle selezioni Art. 1 Oggetto a) le procedure di selezione per

Dettagli

A V V I S O. Costituisce titolo preferenziale il possesso del titolo di dottore di ricerca.

A V V I S O. Costituisce titolo preferenziale il possesso del titolo di dottore di ricerca. A V V I S O Si rende noto che questo Dipartimento, per l'anno accademico 2015/2016, dovrà provvedere al conferimento degli incarichi d attività didattica integrativa, indicati nell allegato A che costituisce

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di FARMACIA A V V I S O

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di FARMACIA A V V I S O UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di FARMACIA A V V I S O Si rende noto che questo Dipartimento, per l anno accademico 2015/2016 per gli anni III e IV anno, dovrà provvedere al

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO REGOLAMENTO PER RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO (Emanato con D.R. n. 415 del 18 giugno 2010, pubblicato nel B.U. n. 87) (in vigore dal 1 ottobre 2010) Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

Settori Insegnamenti CFU MAT/05 Matematica 11

Settori Insegnamenti CFU MAT/05 Matematica 11 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO JONICO IN SISTEMI GIURIDICI ED ECONOMICI DEL MEDITERRANEO: SOCIETÀ, AMBIENTE, CULTURE A.A. 2014/2015 Prot. n. 844/2014 IV AVVISO DI VACANZA Vista la

Dettagli

Si procede quindi alla nomina del Presidente nella persona del Prof. Massimo Montanari e del Segretario Prof. Giuliana Albini

Si procede quindi alla nomina del Presidente nella persona del Prof. Massimo Montanari e del Segretario Prof. Giuliana Albini PROCEDURA SELETTIVA PUBBLICA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE UNIVERSITARIO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE STIPULA DI UN CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO DELLA DURATA DI TRE ANNI AI SENSI DELL

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Decreto n.1197 del 1 giugno 2006 Prot. n. 20038 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Verona emanato con D.R. n. 6435 del 7.10.1994, modificato con D.R. n. 11448 del 23.06.2000, con

Dettagli

- Prof. Rossana Marra (Università degli Studi di Roma Tor Vergata)

- Prof. Rossana Marra (Università degli Studi di Roma Tor Vergata) ALLEGATO 1) CRITERI DI MASSIMA Dopo ampia ed approfondita discussione la Commissione giudicatrice della procedura selettiva di chiamata a n. 1 posto di ricercatore a tempo determinato tipologia B, indetta

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI FARMACIA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI FARMACIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI FARMACIA BANDO PER CONFERIMENTO CONTRATTO DI INSEGNAMENTO A.A. 2011/2012 SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE: 07 Ottobre 2011. Il Preside Visto lo Statuto dell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI A V V I S O

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI A V V I S O UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI A V V I S O Codice Bando 2017-04 Si rende noto che questo Dipartimento, per l'anno accademico 2016 / 2017, dovrà provvedere

Dettagli

Bando relativo al finanziamento dei progetti di ricerca a valere sul Fondo per i Progetti di Ricerca di Ateneo. IL RETTORE

Bando relativo al finanziamento dei progetti di ricerca a valere sul Fondo per i Progetti di Ricerca di Ateneo. IL RETTORE Protocollo n. 2523-I/7 REP. A.U.A. N. 29-2014 Data 28/01/2014 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Responsabile Giovanni Lovallo Settore Ricerca Responsabile Pierluigi Centola Oggetto Bando relativo

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 190/16 del ) Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e seconda fascia

(Emanato con D.R. n. 190/16 del ) Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e seconda fascia Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e seconda fascia Art. 1 Oggetto e definizioni 1. Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto del codice etico e dei principi enunciati

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina D.R. n. 704 BANDO DI CONCORSO PER IL RECLUTAMENTO DEL DIRETTORE AMMINISTRATIVO Selezione pubblica per l incarico di Direttore Amministrativo IL RETTORE VISTO il Decreto

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Prot. n. 572 Classif. VII/12 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA VISTO l art. 7 co. 6 del D.Lgs 165/2001; VISTA la legge 133/2008; VISTO l art. 17 comma 30 della legge 102/2009; VISTA la deliberazione

Dettagli

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA IL PRESIDE

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA IL PRESIDE PROT. SP/ 1542/VII/4 del 16/06/2011 FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA IL PRESIDE IL PRESIDE VISTO il D.M. 8/7/2008 attuativo della Legge 230/05; VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240. Norme in materia di

Dettagli

VERBALE N. 1. Alle ore 15:00 del giorno 25 Febbraio si è riunita in via telematica la Commissione nominata con DD MIUR n. 102 del 21/01/2013

VERBALE N. 1. Alle ore 15:00 del giorno 25 Febbraio si è riunita in via telematica la Commissione nominata con DD MIUR n. 102 del 21/01/2013 PROCEDURA PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE SCIENTIFICA NAZIONALE ALLE FUNZIONI DI PROFESSORE DI PRIMA E SECONDA FASCIA Area Disciplinare 04 Settore concorsuale 04/A1 VERBALE N. 1 Alle ore 15:00 del

Dettagli

UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Di PADOVA Rep. n - Prot. del 0~ìr j Anno JLq CT" Ut. vj\\ CI. y{ Fase. ^ UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA Procedura selettiva 2017PA182 - Allegato n. 2 per la chiamata di n. 1 posto

Dettagli

Via Università, 100 PORTICI (NA) Italia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Dipartimento di Agraria A V V I S O

Via Università, 100 PORTICI (NA) Italia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Dipartimento di Agraria A V V I S O UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI AGRARIA ViaUniversità,100 PORTICI(NA)Italia Codiceidentificativobando:112015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Agraria

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE , N.

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE , N. Decreto n. 210.16 Prot. n. 7933 IL RETTORE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168 con particolare riferimento all art. 6 Autonomia delle università ; - Vista

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale Prot. AOODRSA.REG.UFF.n. 16347 Cagliari, 22 ottobre 2013 IL VICE DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto Legislativo 16 aprile 1994 n. 297, con il quale è stato approvato il testo unico delle disposizioni

Dettagli

RELAZIONE CONCLUSIVA. Prof. Carlo Marco Belfanti, ordinario di Storia economica presso l'università degli Studi di Brescia, Presidente

RELAZIONE CONCLUSIVA. Prof. Carlo Marco Belfanti, ordinario di Storia economica presso l'università degli Studi di Brescia, Presidente Valutazione comparativa per la copertura di n. 1 posto di ricercatore universitario per il settore scientifico disciplinare n. SECS-P/12 presso la Facoltà di Economia dell'università degli Studi di Brescia,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri SEGRETARIATO GENERALE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DI GESTIONE PROMOZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E STRUMENTALI APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA FINALE RELATIVA ALLA PROCEDURA DI MOBILITA, AI SENSI

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna NormAteneo - Sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna

Alma Mater Studiorum Università di Bologna NormAteneo - Sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna Alma Mater Studiorum Università di Bologna NormAteneo - Sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna Regolamento sulle modalità di espletamento delle procedure

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA

Università degli Studi della Basilicata DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO N. 1 CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA DI TUTORATO per il Corso di Laurea in Economia Aziendale. P.d.D. n. 11 del 03/02/2014 IL DIRETTORE

Dettagli

Prot. n. 246 Roma, 28 febbraio Il Capo Dipartimento

Prot. n. 246 Roma, 28 febbraio Il Capo Dipartimento Prot. n. 246 Roma, 28 febbraio 2007 Il Capo Dipartimento VISTA la legge 7 aprile 1990, n. 241; VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con particolare riferimento all'art. 456; VISTA la legge

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO VERBALE N. 1

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO VERBALE N. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Procedura Selettiva, per la copertura di n. 1 posto di Professore universitario di seconda fascia - Concorso n. 8 Priorità VI - S.C.10/H1-Lingua, Letteratura e Cultura

Dettagli

VERBALE N. 1 SEDUTA PRELIMINARE

VERBALE N. 1 SEDUTA PRELIMINARE PROCEDURA SELETTIVA DI CHIAMATA PER N. 1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO DI TIPOLOGIA B PER IL SETTORE CONCORSUALE 14/B2 - SETTORE SCIENTIFICO- DISCIPLINARE SPS/06 - PRESSO IL DIPARTIMENTO DI

Dettagli

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Università di Genova

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Università di Genova Prot. N. 265 del 24/02/2011 DECRETO DEL PRESIDE N. 15 15 OGGETTO: avviso per di selezione finalizzato alla stipula di un contratto di diritto privato per la copertura di insegnamenti ufficiali con soggetti

Dettagli

Regolamento per l attribuzione delle risorse una tantum di cui all art. 29, comma 19, della legge 240/2010. Art. 1 Oggetto. Art.

Regolamento per l attribuzione delle risorse una tantum di cui all art. 29, comma 19, della legge 240/2010. Art. 1 Oggetto. Art. Regolamento per l attribuzione delle risorse una tantum di cui all art. 29, comma 19, della legge 240/2010 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le modalità di attribuzione dell incentivo una

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA SENATO ACCADEMICO 22 novembre 2011, 19 marzo 2014, 17 febbraio 2016 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 29 novembre 2011, 27 marzo 2014, 24 febbraio 2016 D.R. D.R. 9 settembre 2013, n. 1019 prot. 20589 D.R. 2

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE E METODI DELL INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE E METODI DELL INGEGNERIA Struttura didattica: INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA AVVISO VISTA la legge 240/2010 e in particolare l art. 23; VISTO il Regolamento di Ateneo per il conferimento degli incarichi di docenza nei corsi

Dettagli

UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Di PADOVA Rep. n Xkh - Froi. n Boood del UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA Anno jtatk Tit. Vii CI. ^ Fase, ^ Procedura valutativa ai sensi dell art. 24, comma 6, Legge 30 dicembre

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA PROCEDURA VALUTATIVA PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA PROCEDURA VALUTATIVA PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA PROCEDURA VALUTATIVA PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO FASCIA DEGLI ASSOCIATI - D.R. N. 831/2016 PROT. N. 22781 DEL 16 GIUGNO 2016 Dipartimento:

Dettagli

Rep. n. 57/2016, Prot. 261 del 10/3/2016 Tit. V/1 Fasc. 2015 V/1.2.44

Rep. n. 57/2016, Prot. 261 del 10/3/2016 Tit. V/1 Fasc. 2015 V/1.2.44 Rep. n. 57/2016, Prot. 261 del 10/3/2016 Tit. V/1 Fasc. 2015 V/1.2.44 BANDO DI SELEZIONE PER TITOLI PER LA COPERTURA DI UN INCARICO DI TUTORATO PRESSO LA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI PER LA SCUOLA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche A V V I S O

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche A V V I S O UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche A V V I S O Si rende noto che questo Dipartimento, per l'anno accademico 2017/2018, dovrà provvedere al conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST LAUREAM. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST LAUREAM. Art. 1 Oggetto del Regolamento Allegato REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST LAUREAM Art. 1 Oggetto del Regolamento 1) Il presente regolamento definisce, nel rispetto del Codice Etico dell Ateneo, i requisiti, le

Dettagli